PROFESSIONE GEOMETRA 3/2013 NEWS ASSOCIAZIONE NAZIONALE DONNE GEOMETRA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROFESSIONE GEOMETRA 3/2013 NEWS ASSOCIAZIONE NAZIONALE DONNE GEOMETRA"

Transcript

1 PROFESSIONE GEOMETRA NEWS 3/2013 ASSOCIAZIONE NAZIONALE DONNE GEOMETRA

2 Indice VITA DI CATEGORIA PG CONGRESSO NAZIONALE DEI GEOMETRI VIA AL VOL, PIATTAFORMA PER LA VALORIZZAZIONE ONLINE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE FORMAZIONE PRFESSIONALE DEI GEOMETRI: SEMINARI A CUNE E A LECCO NEWS TECNICHE pg.5 IMMOBILI FANTASMA, IL 2 APRILE SCADE IL TERMINE PER LA REGOLARIZZAZIONE AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA SEMPLIFICATA, FRENO DEL CONSIGLIO DI STATO SISTRI: NUOVA PARTENZA IL 1 OTTOBRE 2013 SUVA E DISPOSITIVI DI PROTEZIONE ANTICADUTA: LE OTTO REGOLE VITALI PER CHI LAVORA IN QUOTA LINEE GUIDA ALLA SEGNALETICA DEI CANTIERI STRADALI ATTREZZATURO DI LAVORO: CHIARIMENTI SULLE EFFETTUAZIONE DELLE VERIFICHE PERIODICHE COME SAPERE SE ESISTE UN TESTAMENTO LASTRICO SOLARE DI PROPRIETÀ ESCLUSIVA, MANUTENZIONE, DANNI, RESPONSABILITÀ E RISARCIMENTO QUOTAZIONI IMMOBILIARI SECONDO SEMESTRE 2012 NEWS FISCALI PG.12 AGENZIA DELLE ENTRATE: L'IMU CANCELLA L'IRPEF SUI REDDITI FONDIARI DEGLI IMMOBILI NON LOCATI FISCO: PRONTA L'ANAGRAFE DEI CONTI CORRENTI SPESE FUNERARIE SOSTENUTE DA PIÙ PERSONE E DETRAZIONE FISCALE BONUS RISTRUTTURAZIONI AL 50% FINO A TUTTO GIUGNO RIVENDITA DELLA PRIMA CASA EREDITATA AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI, LA VERSIONE AGGIORNATA DELLA GUIDA ISTAT - INDICE PREZZI AL CONSUMO - FEBBRAIO 2013 Ambiente & energia PG.17 EDIFICI AD ENERGIA QUASI ZERO, LINEE GUIDA DA BRUXELLES FOTOVOLTAICO, OPERATIVO IL SISTEMA INFORMATICO PVCERT PER LE CERTIFICAZIONI DI MODULI E INVERTER ENTRO IL 2028 UN'EUROPA AMIANTO-ZERO 5 CONTO ENERGIA, SI APRE IL 2 REGISTRO PER GLI IMPIANTI SUPERIORI A 12 KW ENTRATE: DETRAZIONE IRPEF AL 50% ANCHE PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI FOTOVOLTAICO, ONLINE LA NUOVA VERSIONE DI ATLASOLE Sentenze PG.21 mostre & concorsi PG.31 MAISON LOISIR, IL SALONE 3D DELL ABITARE E DEL VIVERE BENE - Aosta, dal 24 al 28 aprile NATURAL DESIGN, ULTIMA TENDENZA DEL GREEN DESIGN INTERNAZIONALE Associazione Nazionale Donne Geometra Professione Geometra _INDICE 03/2013

3 EUROLUCE E SALONEUFFICIO dal 9 al 14 aprile a Fiera Milano, Rho NEWS di interesse PG.33 LA PRESENTAZIONE DEL RAPPORTO ONRE 2013, FINESTRA SUI COMUNI ITALIANI 1000 REGOLAMENTI EDILIZI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Curiosita dal web PG.34 In evidenza PG.39 EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA -QUANDO SI POSSONO VENDERE GLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA AGEVOLATA E CONVENZIONATA ASSOCIAZIONE NAZIONALE DONNE GEOMETRA Per la riproduzione delle notizie di questo Notiziario o pubblicate sul sito si impone l indicazione della Fonte : Tratto da PROFESSIONE GEOMETRA dell Associazione Nazionale Donne Geometra oppure Tratto dal Sito dell Associazione Nazionale Donne Geometra Associazione Nazionale Donne Geometra Professione Geometra _INDICE 03/2013

4 Gentili Lettori, le radici della festività pasquale rimandano ad antichi culti pagani legati al sopraggiungere della primavera e al risveglio della natura. I simboli pasquali sono l agnello, la colomba, la croce, la palma, l uovo.sono immagini antiche che non conoscono il tramonto. Tutti siamo affezionati a questo tempo che rappresenta anche il primo mettere il naso fuori di casa in caccia di posticini da visitare. Si alleggeriscono i nostri indumenti ed aumenta la voglia della luce del sole. Ci sentiamo tutti un po nuovi, anche meno malinconici ed irascibili, disposti a fare cose diverse e metterci in gioco..siamo un po elettrici e forse è proprio questo il momento di osare con qualche progetto perché potrebbe diventare vincente. Fa tendenza canticchiare Leopardi i sempre emozionanti versi del Primavera dintorno Brilla nell'aria, e per li campi esulta, Sì ch'a mirarla intenerisce il core. Odi greggi belar, muggire armenti; Gli altri augelli contenti, a gara insieme Accogliamo la vita, facciamo qualche passo positivo e godiamoci qualche giorno di riposo non conta dove o con chi.l importante è che sentiamo la pienezza del cuore! E per non rubarvi attimi di relax, vogliamo rendere conciso questo numero del Notiziario, ricordandovi però che il Congresso di Categoria ci attende dal 10 al 13 Aprile e, vista l importanza dei contenuti, dobbiamo esserci TUTTI al Palacongressi di Rimini magari iniziare questa primavera conoscendoci di persona, mettendo insieme i pensieri e le strategie per affrontare insieme le sfide di un mercato in continua evoluzione, che invita a cambiare abito e strategie operative per inserirci in quelle nicchie operative inesplorate, che grazie alla nostra formazione e all esperienza acquisita negli anni possiamo invadere con l incentivazione delle finanze personali e di questo tempo non è cosa marginale, ribadendo tra l altro il servizio alla collettività.che la Categoria dei Geometri ha sempre interpretato con autorevolezza. C è un opuscolo allegato a questo numero che è un condensato di notizie, informazioni, considerazioni sul Nuovo Regolamento Professionale, concepito sull analisi dei NUOVI fattori sociali, economici, storici, professionali, scolastici. Una bozza naturalmente da non considerare come un lavoro compiuto, essendo la piattaforma per promuovere integrazioni e/o modifiche verso la definizione dell effettivo REGOLAMENTO PROFESSIONALE, che sarà il risultato degli apporti che ciascuno di noi è chiamato a formulare. Sapete che la condivisione è impressa nel nostro stile..ebbene aprire la posta di prima mattina e trovare messaggi incoraggianti che ci danno gioia in mezzo al tanto fare è una ventata di freschezza che si trasforma in sana energia. Per ringraziarvi abbiamo pensato di pubblicarne uno che li rappresenta tutti. eccolo qua. Carissime Colleghe, è qualche anno che sono abbonato alla nostra (e dico nostra) rivista ed è ormai giunto il momento di farvi i complimenti...infatti, oltre agli apprezzatissimi contenuti tecnici (pur cercando di restare molto aggiornato non è la prima volta che conosco alcune novità dalla nostra rivista

5 prima che da altri siti più o meno istituzionali...) quello che mi colpisce è il taglio, a volte spiritoso ed a volte riflessivo dell'introduzione al notiziario e delle news varie, leggi ad esempio il toccante commento all'elezione di Papa Francesco. Carissime Colleghe, continuate così: è universalmente riconosciuto che siete più sensibili ed argute di noi maschiacci; non cercate di imitarci, non avete bisogno, la vostra indiscutibile forza è, infatti, nella vostra natura... Un cordiale abbraccio Marco de Vincentiis Cosa dire a questo punto?... Buona Pasqua a tutti Voi e alle Vostre famiglie.. Noi della Redazione Professione Geometra

6 VITA DI CATEGORIA 44^ CONGRESSO DEI GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI Dal 10 al 13 Aprile TUTTI i GEOMETRI sono chiamati a raccolta per confrontarsi sul Nuovo Regolamento che alla luce delle nuove esigenze di mercato li accompagnerà negli anni futuri e sarà la piattaforma della nascita del NUOVO GEOMETRA. Ciascuno è chiamato ad esserci, perché ognuno di noi è fondamentale per scrivere e tracciare la nuova strada. L'appuntamento è fissato a Rimini dal 10 al 13 Aprile p.v. e per iscriversi è necessario seguire la procedura CLICCANDO QUI. All interno del Congresso l Associazione Nazionale Donne Geometra organizza l Evento COSTRUIAMO UNA FUTURO SOSTENIBILE, GREEN ECONOMY TRA CONOSCENZA E INNOVAZIONE, che si terrà l 11 Aprile dalle ore 9,00 alla ore 10,30 presso la sala Dell Anfiteatro del Palacongressi si Rimini. LA GREEN ECONOMY la rivoluzione verde che cambia l uomo, il mondo, le professioni. Una sfida per l occupazione dei giovani, delle donne e degli uomini che si metteranno in gioco. Una sfida ma anche un destino per chi saprà coglierlo. E sempre più di vitale importanza analizzare e agire sull intero spettro delle attività umane, sull abitare, sul territorio, sui trasposti, sulle produzioni industriali e sui servizi, con l obiettivo di rendere sicura l esistenza dell uomo e della società nel suo complesso. La Green economy rappresenta non solo l opportunità per uno sviluppo sostenibile del nostro Paese, ma anche il volano per la ripartenza economica consentendo maggiore occupazione, sviluppo ed uno standard qualitativo più elevato per le 1

7 nostre vite. Lester Brown, autorità mondiale in materia, ad esempio ha definito la riconversione ecologica dell'economia come la più grande occasione di investimenti nella storia dell'umanità. Personalità del sistema produttivo, del sociale e dell'etica di risonanza nazionale e internazionale, si confronteranno in un dibattito sulla green economy come fattore di sviluppo per la crescita economica basata sulla conoscenza, l innovazione e nuovi sbocchi operativi legati alla salvaguardia dell ambiente. VI ASPETTIAMO NUMERSI!!! VIA AL VOL, PIATTAFORMA PER LA VALORIZZAZIONE ONLINE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE È stata avviata Vol - Valorizzazione online, una nuova attività di supporto agli Enti Pubblici nel processo di analisi e valorizzazione del patrimonio immobiliare, finalizzata ad acquisire risorse finanziarie da destinare alla crescita e allo sviluppo del territorio. Ne danno notizia con una circolare congiunta il Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati e la Cassa di Previdenza e Assistenza Geometri. La piattaforma operativa Vol è realizzata e operata dalla Cassa Depositi e prestiti in collaborazione con la Cassa Geometri e condivisa a livello istituzionale con Fondazione Patrimonio Comune dell Anci, per guidare e assistere gli Enti, in modalità interattiva, nelle 4 fasi del procedimento (censimento e verifica documentale tecnico/amministrativa, razionalizzazione degli spazi e gestione degli immobili, valutazione dei beni, valorizzazione). Attraverso la procedura Vol, l Ente potrà definire la destinazione d uso degli immobili; giungere alla risoluzione delle problematiche urbanistiche e di regolarizzazione amministrativa; pervenire ad una valutazione economica che crei valore effettivo sul patrimonio e indotto sul territorio. A livello di sistema la piattaforma Vol garantisce una procedura di valorizzazione univoca, basata sugli standard di mercato, che consentirà agli Enti di ottenere il passaporto immobiliare, ovvero la commerciabilità del patrimonio. Inoltre offre la possibilità per gli uffici tecnici degli enti locali, di interagire efficacemente con gli operatori del mercato immobiliare, compresa la rete di professionisti accreditati messi a disposizione dalla Cassa Geometri, in modo capillare e su scala nazionale. E' già stato avviato e durerà fino a maggio 2013 un Roadshow 2013 di Cassa Depositi e Prestiti all'interno del quale i team degli enti pubblici e dell'immobiliare illustreranno, in 8 tappe su tutto il territorio nazionale, la nuova procedura interattiva per la valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico insieme alle novità in materia di Dol - Domanda online, la piattaforma web per i finanziamenti agli Enti locali, che da settembre 2012 costituisce l'unico canale d'accesso ai finanziamenti ordinari concessi da Cdp. La formazione dei tecnici liberi professionisti in grado di supportare le Pubbliche amministrazioni per operazioni di censimento e valorizzazione è partita l 11 marzo scorso, con un corso su piattaforma e- learning sviluppato in collaborazione con Cassa Depositi e Prestiti, la Fondazione Patrimonio e l Anci. La formazione riguarda la normativa di riferimento, la standardizzazione delle procedure per l'espletamento degli incarichi, l'utilizzo dell'applicativo e la costruzione del 'Dossier del fabbricato'. Ai Comuni e alle altre Pa sarà messo a disposizione un elenco su base provinciale di tutti i geometri iscritti all'albo e alla Cassa e dei Periti 2

8 industriali che avranno completato la formazione, al quale potranno accedere per affidare le prestazioni che non saranno in grado di eseguire direttamente con le proprie strutture interne. PER SCARICARE LA CIRCOLARE CLICCA QUI FORMAZIONE PRFESSIONALE DEI GEOMETRI: SEMINARI A CUNE E A LECCO Si sono svolti presso il Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Cuneo i seminari congiunti della Sindrome dell'edificio Malato e l'espropriazione per Pubblica Utilità organizzati con l'associazione Nazionale "Donne Geometra" e l'aellpp, Associazione di Categoria del CNG. I geometri italiani si stanno formando sulla Sindrome dell edficio malato grazie all'organizzazione dell'associazione Nazionale "Donne Geometra", che ha messo a punto seminari per la divulgazione degli aspetti più importanti della Sindrome dell'edificio Malato, tenuti 15 Marzo 2013-Seminario organizzato dal Collegio dei Geometri della Provincia di Cune. Il direttamente dal dott. Presidente Pier Giuseppe Rinaudo con Il prof. dott. Nicola Fiotti Nicola Fiotti ricercatore di fama internazionale della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'università di Trieste, con un trascorso come "Assistant Professor" presso il dipartimento di Chirurgia, della University of Nebraska Medical Center, a Omaha - Stati Uniti. L'opera dei tecnici in fase di progettazione e ristrutturazione, dovrebbe contribuire a un rilevante aumento della produttività all'interno delle strutture, a un miglioramento della qualità di vita, alla riduzione dell'assenteismo lavorativo, alla diminuzione di patologie generate dall'edificio malato, ect. 15 Marzo 2013-Seminario organizzato dal L Organizzazione Collegio dei Geometri della Provincia di Cuneo. Mondiale della Sanità ha evidenziato che nelle società industriali, le persone trascorrono fino al 95% della loro esistenza in ambienti chiusi e si ammalano di "sindrome da edificio malato". Una sindrome, la Sick building syndrome (SBS), che comporta problemi respiratori, cardiocircolatori, epidermici e oftalmici, cancro al polmone, cefalee, emicranie, dermatiti, alterazioni dell'umore,del controllo della volontà, ecc. Conoscere è prevenire e molte patologie possono essere evitate in fase di progettazione o di ristrutturazione. I 23 Marzo 2013-Seminario organizzato dal Collegio dei Geometri della Provincia di Livorno. Il Presidente Liliana Brusadelli con Il prof. dott. Nicola Fiotti 3

9 geometri italiani stanno scendendo in campo per formarsi su un tema che cambierà il modo di pensare,ideare e concepire la casa. Il 23 marzo il Seminaro Sick Building Sindrome, si è tenuto a Lecco, Organizzato dal Collegio dei Geometri e Geometri Laureati provinciale, dove una platea attenta e stimolante è stata pronta ad accogliere le sfide della professione che cambia puntando sul sapere legato all'esperienza da mettere al servizio della collettività. Momenti di crescita che aprono nuovi orizzonti operativi. IL PROSSIMO SEMINARIO SULLA SINDROME DELLA CASA MALATA SI TERRA A LECCE IL 20 APRILE 2013 Per informazioni e iscrizione Tel PROFESSIONE GEOMETRA ISCRIVITI ALL ASSOCIAZIONE Per iscriversi all Associazione Nazionale Donne Geometra, e usufruire di tutti i servizi riservati ai soci (copie sentenze, servizio on-line, informazioni, allegati, approfondimenti, programmi, agevolazioni per corsi formazione,ecc), occorre Compilare in ogni sua parte la DOMANDA DI ISCRIZIONE (per scaricarla CLICCA QUI) ed effettuare il versamento della quota annuale di Euro 20,00 (per i Soci Ordinari), Euro 10,00 (per Tirocinanti e Studenti), Euro 150,00 (Collegi provinciali e Enti) -- Bonifico bancario sul C/C n dell Unicredito Banca di Roma, Agenzia 30037, Piazza Barberini n. 40 Roma - intestato all Associazione Nazionale Donne Geometra Codice Iban : IT 07 N IMPORTANTE: Indicare nel bonifico il NOME e COGNOME, e la causale NUOVA ISCRIZIONE ANNO Conto Corrente postale numero , intestato a: Consulta nazionale femminile donne geometra & c. - IMPORTANTE: Indicare nel bollettino postale la causale NUOVA ISCRIZIONE ANNO 2013 La domanda, la copia del bonifico o del bollettino postale dovranno essere inviate tramite posta elettronica a - oppure tramite fax al numero: 0174/ IMPORTANTE: L invio della domanda di iscrizione è condizione necessaria per l inserimento nell Albo Soci, pertanto non si potranno perfezionare le iscrizioni con il solo versamento della quota associativa Per ogni ulteriore informazione puoi contattare il Tesoriere al n

10 NEWS TECNICHE IMMOBILI FANTASMA, IL 2 APRILE SCADE IL TERMINE PER LA REGOLARIZZAZIONE Si avvicina la scadenza per la presentazione, da parte dei contribuenti, degli atti di aggiornamento catastale dei fabbricati fantasma ai quali l'agenzia del Territorio ha attribuito la rendita presunta. Ricordiamo che il 30 novembre scorso l'agenzia del Territorio ha pubblicato gli atti relativi alla seconda fase di attribuzione della rendita presunta agli immobili non dichiarati in catasto. Al comunicato dell'adt pubblicato il 30 novembre è stato allegato l elenco dei Comuni interessati dall attività di attribuzione della rendita presunta. Sul sito internet dell Agenzia è stato reso disponibile per la consultazione l elenco delle particelle di catasto terreni e le corrispondenti unità immobiliari urbane del catasto edilizio urbano, oggetto di attribuzione di rendita presunta per tutti i Comuni interessati. Il 2 aprile scade il termine per la regolarizzazione Nel comunicato è stabilito che Per le unità immobiliari alle quali è stata attribuita la rendita presunta, stante il disposto di cui all art. 11, comma 7, del decreto legge 2 marzo 2012, n. 16, i soggetti obbligati devono provvedere alla presentazione degli atti di aggiornamento catastale, con le modalità previste dall art. 1 del decreto del Ministro delle Finanze 19 aprile 1994, n. 701, entro 120 giorni dalla pubblicazione, nella Gazzetta Ufficiale, del presente Comunicato. Dato che il comunicato è stato pubblicato il 30 novembre 2012 sulla Gazzetta, il termine per la regolarizzazione scade dunque il 2 aprile prossimo, considerando che il 30 marzo è un sabato e i due giorni seguenti sono festivi. Sanzioni quadruplicate La mancata presentazione dell atto di aggiornamento entro il 2 aprile 2013 comporta l applicazione delle sanzioni amministrative previste all art. 2, comma 12, del decreto legislativo n. 23/2011. Si tratta di sanzioni quadruplicate il cui importo per il 75% viene devoluto ai Comuni nei quali gli immobili accertati sono ubicati. I termini per presentare i ricorsi 5

11 I termini per presentare eventuali ricorsi dinanzi alla Commissione Tributaria provinciale competente, contro gli atti di attribuzione della rendita presunta, iniziano a decorrere trascorsi 60 giorni dalla data di pubblicazione del comunicato sulla Gazzetta Ufficiale, e scadono anch'essi il 2 aprile prossimo. AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA SEMPLIFICATA, FRENO DEL CONSIGLIO DI STATO Un parere favorevole, ma con alcune osservazioni critiche, è stato espresso dal Consiglio di Stato in merito allo schema di regolamento (Dpr) recante modifica del D.P.R. 9 luglio 2010, n. 139, concernente procedimento semplificato di autorizzazione paesaggistica per gli interventi di lieve entità, a norma dell art. 146, comma 9, del decreto legislativo 22 gennaio 2001, n. 42. La bozza di questo nuovo regolamento, approvata il 22 dicembre scorso dal Consiglio dei Ministri in via preliminare, è finalizzata a chiarire e migliorare il precedente regolamento n. 139/2010 (che ha introdotto disposizioni per il rilascio semplificato dell'autorizzazione paesaggistica per 39 piccoli interventi nelle aree vincolate), eliminando alcuni aspetti che avevano dato luogo a problemi applicativi, precisando l ambito applicativo della semplificazione e dettagliando meglio le tipologie di interventi di lieve entità che godono della procedura semplificata per il rilascio dell autorizzazione paesaggistica. Frutto del lavoro di un gruppo di esperti composto da rappresentanti del Ministero, professori universitari, dirigenti pubblici e tecnici designati dalla Conferenza delle Regioni e dall Anci, il nuovo regolamento trova la sua base normativa nell'articolo 44 del Decreto Semplificazioni (Dl 9 febbraio 2012 n. 5), il quale ha stabilito che con un regolamento del Mibac d'intesa con la Conferenza unificata vengano precisate le ipotesi di interventi di lieve entità e operate ulteriori semplificazioni procedimentali rispetto a quanto disposto dal regolamento n. 139 del La struttura del regolamento Nel parere n dell'11 marzo scorso il Consiglio di Stato, prima di esprimere le sue osservazioni, illustra preliminarmente i principali contenuti del nuovo regolamento, che si compone di sei articoli e un allegato. L articolo 1 reca modifica all articolo 1 del D.P.R. n. 139 del Al comma 1 viene precisato che rientrano nel novero degli interventi di lieve entità, soggetti al regime dell autorizzazione semplificata le istanze di rinnovo di autorizzazioni paesaggistiche scadute da non più di centoventi giorni, relative a interventi in tutto o in parte non eseguiti, a condizione che il progetto risulti conforme in ogni sua parte a quanto in precedenza autorizzato ed alle specifiche prescrizioni di tutela eventualmente sopravvenute. Al comma 2 si prevede che potranno essere apportate specificazioni e rettificazioni all elenco di cui all allegato 1 con decreto del Ministro per i beni e le attività culturali, sentiti i Ministri dello Sviluppo economico, dell ambiente e della tutela del territorio e del mare e delle infrastrutture e dei trasporti, previa intesa con la Conferenza unificata, fondate su esigenze e motivazioni tecniche, nonché variazioni alla documentazione richiesta ai fini dell autorizzazione. 6

12 L articolo 2 sostituisce integralmente il corrispondente articolo del D.P.R. n. 139 del 2010 specificando, in particolare, in quattro commi, gli oneri documentali gravanti sul privato con asseverazione dei soli aspetti urbanistico-edilizi aventi rilievo paesaggistico, nonché i contenuti della documentazione con riguardo ad una serie di interventi ove concernenti immobili soggetti a tutela ai sensi dell articolo 136, comma 1, lettere a), b), c) del Codice, indicati nell allegato, riducendo al minimo le ipotesi di esclusione dalla procedura semplificata. L articolo 3 che modifica ed integra l articolo 4 del D.P.R. n. 139 del 2010 reca, in 10 commi, una serie di prescrizioni di carattere procedurale, sempre nel contesto di un alleggerimento dei relativi adempimenti a carico del privato. Prescrizioni di carattere procedurale sono contenute anche nell articolo 4, che modifica l articolo 5 del precitato D.P.R. n. 139 del L articolo 5 dispone la sostituzione dell allegato 1 al D.P.R. n. 139 del 2010 con il nuovo allegato, in cui sono elencate le categorie di interventi di lieve entità sottoposti a procedura autorizzatoria semplificata. Infine, l articolo 6 reca la clausola di invarianza finanziaria. I rilievi del Consiglio di Stato Il Consiglio di Stato anzitutto rileva un problema formale: mentre la norma primaria art. 44 del DL n. 5/2012 demanda in modo specifico ad un decreto del Presidente della Repubblica la definizione delle ipotesi di interventi di lieve entità e delle ulteriori semplificazioni procedimentali, l articolo 1, comma 2, dello schema di regolamento in oggetto rimette invece ad un mero decreto ministeriale l adozione di specificazioni e rettificazioni all elenco di cui al comma 1 fondate su esigenze e motivazioni tecniche nonché variazioni alla documentazione richiesta ai fini dell autorizzazione. Inoltre, Palazzo Spada ravvisa l'esigenza di una maggiore chiarezza espositiva su una norma dell'articolo 4 circa la competenza all'adozione del provvedimento di rigetto dell'istanza presentata dal privato. Infine, per quanto riguarda il nuovo Allegato in cui sono elencate le categorie di interventi di lieve entità sottoposti a procedura autorizzatoria semplificata, il Consiglio di Stato esprime delle perplessità su tre punti relativi all'installazione di insegne, alle tende da sole e alle occupazioni temporanee fino a 30 giorni. Per quanto riguarda le tende da sole, occorre specificare la definizione delle piccole dimensioni che giustificano l'esclusione dall'obbligo dell'autorizzazione paesaggistica. Quanto alle occupazioni temporanee fino a 30 giorni, per le quali viene esclusa la necessità dell'autorizzazione, il Consiglio di Stato critica la mancata previsione di strumenti di verifica della data di inizio delle occupazioni. Leggi anche: Autorizzazione paesaggistica semplificata, ok dei Comuni in Conferenza unificata SISTRI: NUOVA PARTENZA IL 1 OTTOBRE 2013 Dopo numerose false partenze, il Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti speciali e pericolosi, sarà attivato dal 1 ottobre 2013 per i produttori di rifiuti pericolosi con più di dieci dipendenti e per gli enti e le imprese che gestiscono rifiuti pericolosi, mentre per tutte le altre l avvio del sistema è fissato per il 3 marzo Lo ha stabilito un decreto del ministro dell Ambiente Corrado Clini. Il pagamento dei contributi di iscrizione al sistema resterà sospeso per tutto il Dal 30 aprile saranno avviate, per concludersi entro il 30 settembre, le procedure di verifica per l aggiornamento dei dati delle imprese per le quali il sistema partirà a ottobre. Dal 30 7

13 settembre al 28 febbraio 2014 sarà effettuata analoga verifica per tutte le altre imprese. Le imprese che trattano rifiuti non pericolosi potranno comunque utilizzare il Sistri, su base volontaria, dal 1 ottobre prossimo. Il sistema di tracciabilità dei rifiuti commenta Clini è un adempimento che discende dalle leggi nazionali e dalle direttive europee e rappresenta anche uno forte strumento di lotta alle ecomafie che sul traffico dei rifiuti costruiscono affari causando enormi danni al territorio e all ambiente. Il nuovo programma per l avvio del Sistri, superando le problematiche emerse in passato, confido possa rappresentare un presidio di legalità e trasparenza per tutta la filiera dei rifiuti. SUVA E DISPOSITIVI DI PROTEZIONE ANTICADUTA: LE OTTO REGOLE VITALI PER CHI LAVORA IN QUOTA Il rischio di caduta dall'alto è tra i rischi più letali per i lavoratori in un cantiere. Laddove non sia possibile predisporre sistemi di protezione collettiva, è necessario munirsi di appositi dispositivi anticaduta, fornendo una specifica formazione all'uso per il lavoratore. Il SUVA, ente previdenziale svizzero, promuove la sicurezza per chi opera in quota attraverso la pubblicazione di un vademecum contenente le otto regole d'oro da seguire. Il documento fornisce utili e pratici consigli per una corretta formazione che il datore di lavoro deve impartire ai propri dipendenti in materia di salute e sicurezza nei cantieri. PER SCARICARE IL VADEMECUM CLICCA QUI LINEE GUIDA ALLA SEGNALETICA DEI CANTIERI STRADALI Le operazioni di installazione, di disinstallazione e di manutenzione della segnaletica di cantiere stradale costituiscono attività lavorative che comportano un rischio elevato derivante dall'interferenza con il traffico veicolare. In particolare la posa, la rimozione dei coni, dei delineatori flessibili e il tracciamento della segnaletica orizzontale costituiscono fasi di lavoro particolarmente delicate per la sicurezza degli operatori. E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il Decreto Interministeriale 4 marzo 2013 che definisce i criteri generali di sicurezza relativi alle procedure di revisione, integrazione e apposizione della segnaletica stradale destinata alle attività lavorative che si svolgono in presenza di traffico veicolare. Il Decreto definisce i criteri di applicazione della segnaletica di cantiere che devono essere seguiti da gestori delle infrastrutture, delle imprese appaltatrici, esecutrici o affidatarie. Il Decreto individua i contenuti e la durata dei i corsi di formazione; inoltre prescrive: l'obbligo di utilizzare dispositivi di protezione individuale (indumenti ad alta visibilità) l'obbligo di segnalare i veicoli operativi con dispositivi supplementari a luce lampeggiante o pannelli luminosi o segnali a messaggio variabile la rispondenza della segnaletica alle caratteristiche di cui all'art. 3 del "Disciplinare tecnico relativo agli schemi segnaletici, differenziati per categoria di strada, da adottare per il segnalamento temporaneo" approvato con Decreto del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti del 10 luglio Il Ministero prevede inoltre una revisione o un aggiornamento di questa regolamentazione sulla base dei dati raccolti in ordine alle statistiche degli incidenti rilevati nei cantieri stradali. PER SCARICARE IL D.I. 4 MARZO 2013 CLICCA QUI PER SCARICARE IL D.M. 10 LUGLIO 2002 CON DISCIPLINARE TECNICO E SCHEMI CLICCA QUI 8

14 ATTREZZATURO DI LAVORO: CHIARIMENTI SULLE EFFETTUAZIONE DELLE VERIFICHE PERIODICHE Con la Circolare n. 9 del 05/03/2013 il Ministero del Lavoro ha fornito chiarimenti in merito all'applicazione del D.M. 11/04/2011 concernente la disciplina delle modalità di effettuazione delle verifiche periodiche delle attrezzature da lavoro di cui all'alleggato VII del D. Leg.vo 81/2008. Di seguiti una sintesi dei principali chiarimenti forniti. Verbali di verifica Su ogni verbale di verifica e su ogni scheda tecnica identificativa deve essere presente l'intestazione dell' ente o del soggetto abilitato che ha effettuato la verifica periodica (attraverso il logo, il timbro o un altro riferimento equivalente); non è richiesta la contemporanea presenza del logo del soggetto titolare della funzione e del soggetto abilitato. Affidamento diretto ad un soggetto abilitato Il datore di lavoro che, trascorsi 60 giorni o 30 giorni dalla richiesta - rispettivamente nel caso di prima verifica periodica o di verifica periodica successiva alla prima, decida di affidare la verifica periodica ad un soggetto abilitato deve comunicare, nel più breve tempo possibile, al soggetto titolare della funzione il nominativo del soggetto abilitato che effettui o abbia effettuato la verifica. Argani installati su aerogeneratori Gli argani installati sugli aerogeneratori utilizzati nei parchi eolici rientrano nel regime di verifica di cui all'art. 71, comma 11, del D. Leg.vo 81/2008, in quanto tali attrezzature di sollevamento non sono funzionali alla specifica destinazione operativa dell'aerogeneratore, ma sono dedicati esclusivamente ad operazioni di manutenzione degli stessi. Loader aeroportuali, attrezzature per la raccolta rifiuti, carrello elevatore a forche (Muletto) I loader aeroportuali - c.d. cargo loader - non sono configurabili come ponti mobili sviluppabili e dunque non rientrano tra le attrezzature di cui all'allegato VII del D. Leg.vo 81/2008. Non rientra nel regime delle verifiche periodiche di cui all'art. 71, comma 11, del D. Leg.vo n. 81/2008 un'attrezzatura per la raccolta rifiuti dotata di braccio articolato e dispositivo di aggancio rigido (tale da impedire ogni oscillazione del carico) per il prelievo di contenitori di superficie, poiché non si configura come un apparecchio di sollevamento ai sensi della norma UNI ISO «apparecchio a funzionamento discontinuo destinato a sollevare e movimentare, nello spazio, carichi sospesi mediante gancio o altri organi di presa». Il c.d. muletto non è assoggettato al regime delle verifiche periodiche previsto dall'art. 71, comma 11, del D. Leg.vo 81/2008 per gli apparecchi di sollevamento materiali con portata superiore a 200 kg, salvo il caso in cui sia munito di accessori di sollevamento (previsti dal fabbricante) o di attrezzature intercambiabili (installate nel rispetto delle specifiche disposizioni legislative e regolamentari di recepimento della direttiva macchine) che gli conferiscono la funzione di apparecchio di sollevamento ai sensi della citata UNI ISO Assoggettabilità IVA e tariffe Le attività di verifica periodica svolte ai sensi del D.M. 11/04/2011, sia dai soggetti titolari della funzione che dai soggetti abilitati, rientrano nel campo di applicazione dell'iva. Le tariffe per le attività di verifica periodica delle attrezzature di lavoro individuate dal D.M. 23/11/2012 si intendono omnicomprensive di tutte le spese, essendo escluse solo le imposte. Controlli di cui all'art. 71, comma 8 del D. Leg.vo 81/2008 ed indagini supplementari 9

15 Essendo incaricati di pubblico servizio, i verificatori dei soggetti abilitati che effettuano le verifiche periodiche di cui all'art. 71, comma 11 del D. Leg.vo 81/2008 non possono effettuare attività quali i controlli previsti dal comma 8 del medesimo art. 71 e le indagini supplementari. Data di decorrenza per l'effettuazione delle verifiche periodiche Fermo restando quanto previsto dal punto 1 della Circolare 11/2012, i termini temporali per lo svolgimento delle verifiche periodiche decorrono dalla data di richiesta e non da quella di effettuazione del pagamento delle tariffe. PER SCARICARE LA CIRCOLARE CLICCA QUI COME SAPERE SE ESISTE UN TESTAMENTO Sarebbe buona cosa se il soggetto che lascia un testamento pubblico oppure un testamento olografo a un notaio, conservasse a casa una nota o un appunto affinché i beneficiari delle disposizioni testamentarie siano messi a conoscenza dell esistenza del testamento e del luogo dove è conservato. In caso contrario si può consultare il Registro Generale dei Testamenti che ha sede presso l'ufficio Centrale degli Archivi Notarili di Roma. In pratica questo Registro consente di conoscere se una persona deceduta ha fatto testamento, in Italia o all'estero. Attraverso il Registro può essere chiesto, infatti, al competente organismo di uno Stato estero aderente alla Convenzione internazionale di Basilea, il rilascio di un certificato degli atti di ultima volontà iscritti in quell'organismo, relativi alla persona deceduta. Gli Stati che sino ad oggi hanno ratificato la Convenzione sono, oltre l'italia: Francia, Cipro, Turchia, Belgio, Paesi Bassi, Portogallo, Lussemburgo, Spagna, Estonia, Lituania, Ucraina. La richiesta deve essere inoltrata alla sede del Registro generale dei testamenti situata in Via Padre Semeria, Roma. Per ogni certificato rilasciato dal Registro è dovuto l'importo di 19,78 (tassa fissa 5,16; valori bollati 14,62) e per ogni certificato richiesto presso l'organismo competente di uno Stato estero è dovuto l'importo di 28,00. Se invece si vuole ricevere il certificato per corrispondenza in Italia, si devono sostenere anche le spese di spedizione.se non si vuole consultare il Registro Generale dei Testamenti, è possibile fare un'apposita richiesta, accompagnata da un estratto dell'atto di morte, al Consiglio Notarile distrettuale il quale provvederà a diramare la richiesta a tutti i notai del distretto. LASTRICO SOLARE DI PROPRIETÀ ESCLUSIVA, MANUTENZIONE, DANNI, RESPONSABILITÀ E RISARCIMENTO Si parla spesso del lastrico solare: sia esso attribuito in uso o in proprietà esclusiva, la situazione non cambia, anzi, secondo l ormai consolidato orientamento giurisprudenziale, è identica. Vediamo il perché. Prima, però, vale la pena chiarire un aspetto: se il lastrico solare è di proprietà ed uso condominiale, la manutenzione e più in generale tutte le spese (ivi comprese quelle dovute a titolo di risarcimento) gravano su tutti i condomini ai sensi del primo comma dell art c.c. Il caso di cui stiamo parlando è quello del lastrico che, ad esempio, è dato in uso o proprietà esclusiva al proprietario del piano attico o dell ultimo piano del edificio. E quest ultimo un aspetto che merita particolare attenzione: il lastrico solare, ai fini dell applicazione dell art c.c. (di cui andremo a parlare da qui a breve), non dev essere in proprietà o uso esclusivo di un solo condomino. 10

16 Si pensi, per fare un esempio calzante rispetto a quest ultima affermazione, a due unità immobiliari all ultimo piano che condividono l uso esclusivo del lastrico. E bene in tutti questi casi, si diceva, l articolo del codice civile di riferimento è il 1126 c.c. che recita: Quando l uso dei lastrici solari o di una parte di essi non è comune a tutti i condomini, quelli che ne hanno l uso esclusivo sono tenuti a contribuire per un terzo nella spesa delle riparazioni o ricostruzioni del lastrico; gli altri due terzi sono a carico di tutti i condomini dell edificio o della parte di questo a cui il lastrico solare serve, in proporzione del valore del piano o della porzione di piano di ciascuno. Sull art c.c. la giurisprudenza ha affermato che " il lastrico solare - anche se attribuito in uso esclusivo, o di proprietà esclusiva di uno dei condomini - svolge funzione di copertura del fabbricato e, perciò, l'obbligo di provvedere alla sua riparazione o ricostruzione, sempre che non derivi da fatto imputabile soltanto a detto condomino, grava su tutti, con ripartizione delle spese secondo i criteri di cui all'art cod. civ. Ne consegue che il condominio, quale custode ex art cod. civ. - in persona dell'amministratore, rappresentante di tutti i condomini tenuti ad effettuare la manutenzione, ivi compreso il proprietario del lastrico o colui che ne ha l'uso esclusivo - risponde dei danni che siano derivati al singolo condomino o a terzi per difetto di manutenzione del lastrico solare. A tal fine i criteri di ripartizione delle spese necessarie non incidono sulla legittimazione del condominio nella sua interezza e del suo amministratore, comunque tenuto a provvedere alla conservazione dei diritti inerenti alle parti comuni dell'edificio ai sensi dell'art cod. civ.") (Cass. 17 marzo 2003, n. 642). Primo elemento, lo si ribadisce: proprietà o uso esclusivo, ai fini della ripartizione delle spese, sono concetti equivalenti e le spese, ivi comprese quelle di manutenzione, vanno ripartite tra tutti i condomini essendo il condominio il custode di un bene che, sebbene sia in proprietà od uso esclusivo, ha funzione di copertura per l edificio. Secondo concetto: l art c.c. non è applicabile solamente se l intervento manutentivo è dovuto al fatto di uno specifico condomino. In tal caso anche i danni che dovessero derivare dall omessa manutenzione sarebbero da considerarsi a carico del condominio quale custode di quel bene. Il concetto, nella sostanza, ha trovato conferma in una recente sentenza della Corte di Cassazione (cfr. Cass. 14 febbraio 2013, n. 3658). QUOTAZIONI IMMOBILIARI SECONDO SEMESTRE 2012 sono state pubblicate dall Agenzia del Territorio le quotazioni immobiliari dell Osservatorio del Mercato Immobiliare riferite al 2 semestre 2012 in tutti i Comuni italiani. È possibile effettuare la consultazione delle quotazioni, oltre che con i tradizionali strumenti di ricerca alfanumerica, anche con il servizio di navigazione territoriale GEOPOI, il framework di visualizzazione cartografica sviluppato in collaborazione con il partner tecnologico Sogei.Le quotazioni medie delle abitazioni nelle 12 maggiori città per popolazione sono in calo nel secondo semestre del 2012rispetto al semestre precedente, con l unica eccezione del lieve aumento riscontrato a Verona. Le quotazioni medie più elevate nel secondo semestre 2012, oltre /m2, si registrano a Bologna, Roma e Firenze seguite a breve distanza da Milano. Nelle due grandi città siciliane, Palermo e Catania, le quotazioni delle abitazioni sono le più basse. PER APPROFONDIRE CLICCA QUI 11

17 NEWS FISCALI AGENZIA DELLE ENTRATE: L'IMU CANCELLA L'IRPEF SUI REDDITI FONDIARI DEGLI IMMOBILI NON LOCATI Dall'Agenzia delle Entrate arrivano dei chiarimenti sugli effetti dell applicazione dell Imu sull Irpef, per gli anni Con la circolare n. 5/E dell'11 marzo 2013 viene chiarito quali sono i redditi non più assoggettati a Irpef perché sostituiti dall'imu (il contribuente che possiede solo redditi sostituiti dall Imu non è tenuto a presentare la dichiarazione dei redditi) e viene precisato quale è il criterio da adottare in caso di beni locati per una sola parte del periodo d'imposta e quale trattamento si riserva all'abitazione principale. I redditi non sostituiti Fermo restando il principio secondo cui l Imposta municipale propria sostituisce, per la componente immobiliare, l Irpef e le addizionali dovute sui redditi fondiari relativi ai beni (sia fabbricati sia terreni) non locati, la circolare ricorda che per alcuni redditi, espressamente elencati dalle disposizioni che regolano l Imu, non si produce l effetto di sostituzione. Rientrano nell elenco, in particolare: il reddito agrario (art. 32 Tuir); i redditi di fabbricati relativi a beni locati diversi da quelli cui si applica la cedolare secca; i redditi derivanti dagli immobili che non producono reddito fondiario (art. 43 Tuir); i redditi degli immobili posseduti dai soggetti passivi Ires. Locazione dell'immobile per una parte del periodo d'imposta Nel caso in cui un immobile sia locato per una parte del periodo di imposta, l Imu sostituisce l Irpef e le addizionali dovute sul reddito fondiario relativo alla sola parte del periodo d imposta in cui l immobile non è locato. Per la parte del periodo di imposta in cui l immobile è locato, invece, il relativo reddito fondiario è soggetto a Irpef e alle addizionali calcolate con le regole ordinarie. Locazione di una parte dell'abitazione principale Il documento di prassi detta inoltre le regole da seguire in caso di locazione di una parte dell abitazione principale, in linea con le indicazioni già contenute nella circolare del Dipartimento delle Finanze n. 3 del Quest'ultima circolare ha dato il via libera all Imu in sostituzione dell Irpef e della cedolare secca anche se l immobile è parzialmente locato, a patto che, la rendita catastale rivalutata del 5% risulti maggiore del canone 12

18 annuo di locazione (abbattuto della riduzione spettante ovvero considerato nel suo intero ammontare in caso di cedolare secca). In vita, invece, sia Imu che Irpef o cedolare secca se il canone supera la rendita rivalutata. Immobili inagibili Per quanto riguarda gli immobili inagibili per i quali siano rispettate tutte le prescrizioni previste dalla legge (art. 13, comma 3, lett. b del Dl n. 201/2011), la circolare spiega che, in virtù del principio di sostituzione, è dovuta solo l Imu. Infatti, anche se in caso di inagibilità l Imu è dovuta - per via dell abbattimento al 50% della base imponibile - in misura ridotta, l immobile non può comunque essere considerato esente dall Imposta municipale e vale, quindi, l effetto di sostituzione dell Irpef. Soci e società semplici Per quanto concerne i partecipanti alle società semplici, secondo l'agenzia delle Entrate l Imu ha effetto sostitutivo soltanto per i soci che non detengono la partecipazione in regime d impresa. La quota esclusa dall imponibile è pari al reddito di partecipazione riferibile ai redditi fondiari sottoposti all imposta municipale propria, corrispondenti, cioè, al reddito dominicale dei terreni non affittati e al reddito dei fabbricati non locati, come certificato dal prospetto di ripartizione del reddito rilasciato dalla società. PER SCARICARE LA CIRCOLARE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE CLICCA QUI FISCO: PRONTA L'ANAGRAFE DEI CONTI CORRENTI E' ufficialmente pronta l'anagrafe dei conti correnti: il provvedimento, voluto dal decreto salva-italia (d.l.201/2001), è volto all'attuazione della norma intitolata "emersione di base imponibile" e mirata alla lotta contro l'evasione fiscale. Si delinea, in tal modo, in forma ulteriormente potenziata, il nuovo sistema di controllo sui movimenti e sui saldi dei conti correnti, nonché delle varie tipologie di strumenti finanziari. Entro il 31 ottobre di quest'anno, dovranno essere comunicati all'anagrafe tributaria i dati inerenti ai diversi tipi di rapporti attivi nel corso del 2011, mentre le stesse informazioni relative all'anno 2012 dovranno essere trasmesse entro il 31 marzo Per gli anni seguenti, la data entro cui inoltrare la comunicazione è stata fissata al 20 aprile. In osservanza della norma, gli intermediari finanziari (circa tredicimila, nel cui novero sono incluse banche, Poste Italiane, società di gestione del risparmio, imprese ed organismi di investimento, intermediari vari), saranno tenuti a comunicare tutti i dati identificativi del rapporto, così come i dati concernenti il saldo iniziale, alla data del 1 gennaio e il saldo finale, alla data del 31 dicembre dell'anno di riferimento (per i rapporti iniziati nel corso dell'anno, ovviamente, si dovrà considerare la data di apertura, mentre, per quelli conclusi prima della fine dell'anno, la contabilizzazione del saldo sarà effettuata con riferimento alla data di chiusura). Non solo: tra gli altri, verranno acquisiti anche i dati relativi a conti deposito titoli, operazioni extra-conto, buoni fruttiferi, certificati di deposito, gestioni patrimoniali, carte di credito/debito. Particolare attenzione dovrà essere posta sulle misure da adottare al fine di garantire la sicurezza di una così vasta quantità di informazioni strettamente personali. Restano ora da affrontare questioni interpretative ed informatiche, in attesa della pubblicazione del provvedimento. 13

19 SPESE FUNERARIE SOSTENUTE DA PIÙ PERSONE E DETRAZIONE FISCALE La detrazione Irpef delle spese funebri spetta su un importo non superiore a 1.549,37 euro in relazione a ciascun decesso, a prescindere dal numero delle persone che sostengono l onere. Il limite massimo complessivo su cui calcolare l agevolazione, pertanto, non cambia anche se la spesa è sostenuta da più soggetti. La detrazione può essere suddivisa tra le diverse persone che l hanno sostenuta, anche se il documento contabile (ricevuta o fattura) è intestato ad una sola di esse. A tale scopo, sul documento va annotata una dichiarazione di ripartizione della spesa sottoscritta dallo stesso intestatario del documento (circolare ministeriale n. 26/1979). BONUS RISTRUTTURAZIONI AL 50% FINO A TUTTO GIUGNO Il Dl n. 83/2012 ha stabilito che, per le spese documentate sostenute dal 26 giugno 2012 (data di entrata in vigore dello stesso decreto) e fino al 30 giugno 2013, relative agli interventi di recupero del patrimonio edilizio, la detrazione riconosciuta dall articolo 16-bis del Tuir spetta nella misura del 50% (anziché l ordinario 36%), fino a un ammontare complessivo non superiore a 96mila euro per unità immobiliare, vale a dire il doppio del limite previsto a regime. La norma, pertanto, attribuisce il maggior beneficio in riferimento al momento di sostenimento della spesa. RIVENDITA DELLA PRIMA CASA EREDITATA Nell ipotesi in cui uno solo dei coeredi sia in possesso dei requisiti necessari per la fruizione delle agevolazioni prima casa: a) se l immobile agevolato è rivenduto prima che siano trascorsi cinque anni da un erede diverso da quello che aveva prestato le dichiarazioni, non c è decadenza dall agevolazione, neppure in capo a chi effettua la vendita infraquinquennale; b) se invece la rivendita prima dei cinque anni è effettuata dal beneficiario dichiarante, se quest ultimo non acquista entro un anno una nuova abitazione principale, tutti gli eredi perdono il beneficio, mentre il recupero dell imposta e le sanzioni si applicano solo in capo al dichiarante (risoluzione n. 33/2011). 14

20 AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI, LA VERSIONE AGGIORNATA DELLA GUIDA E stata pubblicata dall Agenzia delle Entrate, la versione aggiornata a marzo 2013 della Guida alle agevolazioni fiscali per i disabili. La pubblicazione presenta il quadro attuale dei numerosi benefici fiscali che i contribuenti portatori di disabilità possono usufruire e spiega, utilizzando un linguaggio semplice, regole e modalità da seguire per richiedere le agevolazioni. Questa nuova edizione tiene conto delle ultime disposizioni normative - in particolare, la legge di stabilità per il e dei più recenti documenti di prassi amministrativa. Tra le principali novità segnalate dalla guida: l aumento delle detrazioni Irpef riconosciute ai contribuenti con figli a carico, l agevolazione dell Iva ridotta al 4% per l acquisto di veicoli in leasing, l esenzione dalla tassa annuale sulle imbarcazioni dei disabili con determinate patologie, le semplificazioni introdotte dal decreto legge n. 5/2012 riguardo alle certificazioni delle persone con disabilità. Nuove detrazioni Irpef La legge di stabilità per il 2013 (legge 228/2012) ha elevato l importo delle detrazioni di base spettanti per i figli a carico. Dal 1 gennaio di quest anno, per ogni figlio portatore di handicap si ha diritto alle seguenti detrazioni: euro, se il figlio ha un età inferiore a tre anni (fino al 2012 la detrazione era pari a euro) euro, se il figlio ha un età pari o superiore a tre anni (era euro, fino al periodo d imposta 2012). La guida spiega, inoltre, come ripartire la detrazione tra i genitori e indica il procedimento da seguire - con la formula per il calcolo - per determinare la detrazione Irpef effettiva. Le agevolazioni per il settore auto Ampio spazio della pubblicazione è dedicata alle agevolazioni previste per i mezzi di locomozione utilizzati, in via esclusiva o prevalente, dal portatore di handicap (autovetture, motoveicoli, motocarrozzette e altri veicoli): la detrazione per l acquisto e la riparazione del mezzo, l Iva ridotta al 4%, l esenzione dal bollo auto e dall imposta di trascrizione sui passaggi di proprietà. In questo settore la principale novità è forse rappresentata dalla possibilità per la persona disabile di usufruire dell aliquota Iva agevolata anche quando l acquisto del veicolo avviene attraverso un contratto di leasing. Su questo argomento l Agenzia delle Entrate ha fornito importanti precisazioni, indicando le istruzioni che società di leasing e acquirenti devono osservare per l applicazione dell aliquota ridotta al 4% (risoluzione 66/E del 20 giugno 2012). In particolare, è stato affermato che il beneficio può essere richiesto solo nell ipotesi in cui il contratto di leasing sia di tipo traslativo, che contenga, quindi, una particolare clausola contrattuale che preveda, a fine locazione, il trasferimento della proprietà del veicolo locato al soggetto utilizzatore. Solo in questo caso la società di leasing è autorizzata ad applicare l aliquota agevolata sia sul prezzo di riscatto del veicolo sia sui canoni di locazione finanziaria. Gli altri benefici fiscali Nel terzo capitolo della pubblicazione sono spiegate, in dettaglio, le regole, le modalità da seguire e la documentazione necessaria per richiedere le altre agevolazioni. Tra queste: la detrazione Irpef per le spese sostenute per gli addetti all assistenza, nei casi di non autosufficienza nel compimento degli atti della vita quotidiana la detrazione del 36% (del 50% fino al 30 giugno 2013) per i lavori di abbattimento delle barriere architettoniche 15

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti Premessa L IMU comporta un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell ICI) gran parte del quale va a beneficio

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca è una novità di quest anno. Osserviamola più da vicino e scopriamo in cosa consiste. Partiamo dal principio Le regole generali E per

Dettagli

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 maggio 2014 Alle Direzioni regionali e provinciali Agli Uffici dell Agenzia delle entrate OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

Notiziario mensile N E W S

Notiziario mensile N E W S LA LETTRE FISCALE Notiziario mensile CIRCOLARE INFORMATIVA Aprile 2013 N E W S MORATORIA ABI Prorogato al 30 giugno 2013 il termine per la presentazione delle istanze Con un comunicato stampa l Associazione

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA Gli aggiornamenti più recenti proroga al 31/12/2015 della maggior detrazione Irpef per l eliminazione delle barriere architettoniche agevolazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa

Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa Affitti in nero: convenienza ZERO Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa A cura del Comando Provinciale Guardia di Finanza Studia e vivi Roma Studia e vivi Roma è una guida di

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA l agenzia inf orma aggiornamento dicembre 2013 GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA INDICE 1. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI... 2 2. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO... 4 Chi ne

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA Gli aggiornamenti più recenti agevolazioni prima casa e utilizzo del credito d imposta detrazione interessi passivi sui mutui per l acquisto dell abitazione principale acquisto di fabbricati ristrutturati

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI MARZO 2013 aggiornamento

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI MARZO 2013 aggiornamento l agenzia aggiornamento in f orma MARZO 2013 GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI INDICE I. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI 2 II. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 4 1. Chi ne ha diritto 4 2. Per

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio N. 165 del 6 Novembre 2013 News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi POS obbligatorio per esercenti di attività di vendita di prodotti e servizi, anche professionali (Articolo 15 commi

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI Che cos'è la TASI VADEMECUM TASI E' il tributo dovuto per la copertura dei servizi indivisibili. Il presupposto E' il possesso o la detenzione a qualsiasi

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli