Il Presidente ASF Mario Medda

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Presidente ASF Mario Medda"

Transcript

1 1

2 Da quando ASF - Azienda speciale Servizi farmaceutici e socio-sanitari del Comune di San Giuliano Milanese si è inserita nell ambito dei servizi appartenenti al ciclo sociosanitario integrato, tra i punti prioritari sono stati posti l attenzione e l impegno per un Welfare solidale e non compassionevole. Questo significa, certamente, attivare strumenti in grado di offrire risposte alle esigenze di tutti i cittadini ma, in particolare, dei soggetti deboli e delle categorie meno favorite. La prima basilare esigenza è quella di far conoscere quali sono i servizi erogati dall azienda sui quali ogni cittadino può contare, quali gli standard garantiti e quali gli impegni assunti in caso di disservizio. La Carta dei servizi rappresenta quindi un vero e proprio contratto stipulato con i cittadini di San Giuliano Milanese. E un progetto, lo voglio sottolineare, che nasce all insegna della trasparenza e della partecipazione per contribuire, per quanto nelle nostre capacità, a rendere San Giuliano Milanese una Città educativa ed una Comunità solidale. La Carta dei Servizi alla Persona di ASF rappresenta un operazione culturale di grande significato: è una cartina di tornasole della nostra capacità di collaborare con la comunità locale e di assicurarle un sistema integrato di servizi ed interventi di valenza sociale, in collaborazione anche con altri soggetti, a cominciare dai Servizi Sociali del Comune. L affermazione dei diritti della cittadinanza, lo si può constatare quotidianamente, procede a piccoli passi, non di rado è soggetta a impreviste fermate, e, in ogni caso richiede un opera paziente e costante. Sono convinto che la discussione ci arricchirà di contenuti e ci farà sentire persone sempre più aperte all accoglienza e alla solidarietà. Il Presidente ASF Mario Medda 2

3 LA STORIA DI ASF ASF, l Azienda speciale Servizi Farmaceutici e socio-sanitari del Comune di San Giuliano Milanese nasce nel 1996 dalla trasformazione dell Azienda Municipalizzata Farmacie Comunali in azienda speciale multi servizi. La precedente Azienda Farmacie era attiva sul territorio dal 1965 in seguito all istituzione della prima farmacia pubblica in Via San Remo da parte del Consiglio Comunale, su proposta del Sindaco Pietro Marchini (ottobre 1963). Nell ambito di un progressivo accorpamento di altri servizi pubblici, l azienda, a partire dal 1999 ha assunto la gestione della totalità dei servizi cimiteriali cittadini e nell aprile 2003 la gestione dei Servizi di Assistenza Domiciliare finalizzata alla riduzione o eliminazione delle disuguaglianze sociali a favore dei cittadini in condizione di disagio. Nel giugno del 2005 si è aggiunta la gestione degli asili comunali e della scuola d infanzia, i servizi di pre e post scuola e la gestione del Centro di Aggregazione Giovanile di Via Marzabotto. Ad integrazione e corollario dei propri servizi, ASF svolge attività divulgative a tema sanitario. Quello di ASF è stato fino ad oggi un esempio di concreta attuazione dell orientamento, manifestatosi negli ultimi anni 90 a livello nazionale, mirante a conferire alle Aziende di servizi farmaceutici, la gestione di nuovi settori appartenenti alla sfera socio-sanitaria o più precisamente al ciclo socio-sanitario integrato. La centralità di queste aziende rispetto ad una vocazione da sempre rivolta alle relazioni d aiuto ed ai servizi alla persona, ha consentito, in termini estremamente positivi, il loro innesto nell ambito di un ciclo comprendente anche la gestione di case di riposo per anziani, l assistenza domiciliare post-ospedaliera, gli sportelli per cure a domicilio, la refezione sanitaria ed i pasti domiciliari, esaltandone il ruolo e l orientamento in perfetta assonanza con le sopravvenute necessità dei comuni per quanto riguarda la gestione dei servizi socio-sanitari locali. In considerazione dell impegno fino ad oggi profuso dall azienda e dal suo personale, si può affermare che la mission di ASF, bene espressa dal motto il Valore del Benessere, l Efficienza dei Servizi contenuto nel logo aziendale, sia ormai stabilmente delineata; è una precisa scelta dell Amministrazione locale, fermamente intenzionata a garantire in prima persona la qualità delle prestazioni di assistenza domiciliare ed il diretto controllo sul servizio, far sì che ASF si configuri come erogatore privilegiato dei Servizi alla Persona sul territorio comunale. La Direzione Dott. Giuliano Masina 3

4 LA GUIDA AI SERVIZI CIMITERIALI Dal primo luglio 1999 la gestione dei Servizi Cimiteriali è stata affidata all ASF. La decisione di trasferire il Servizio dal Comune di San Giuliano Milanese all Azienda speciale Servizi Farmaceutici e socio-sanitari ha costituito la dimostrazione tangibile di una espressa volontà di migliorare la qualità dei servizi offerti al cittadino. Partendo da presupposti di funzionalità, trasparenza ed economicità, l ASF dopo un vasto processo di riorganizzazione e ristrutturazione del Servizio e delle aree Cimiteriali stesse, è costantemente impegnato al mantenimento dei livelli ottimali delle prestazioni erogate. La guida ai Servizi vuole essere un ulteriore strumento per semplificare e migliorare la fruizione dei Servizi in caso di necessità, per evitare che nelle ore più tristi, al comprensibile disorientamento si sommino difficoltà di altro genere ed è una delle iniziative per rendere l ASF sempre più attenta e sensibile alle esigenze dei cittadini INDICE CONSIGLI UTILI IN CASO DI EVENTO LUTTUOSO 4 SEPOLTURE NEI CIMITERI DEL COMUNE 5 FORME DI SEPOLTURA 6 SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE ELETTRICA VOTIVA 8 CIMITERI CITTADINI 8 ORARI DEI CIMITERI 8 SEDE E CONTATTI ASF 9 4

5 CONSIGLI UTILI IN CASO DI EVENTO LUTTUOSO In caso di evento luttuoso è necessario effettuare, nel più breve tempo possibile, una serie di operazioni. Se il decesso avviene in casa, occorre chiamare il medico, o la guardia medica, per l accertamento delle cause e la redazione di un apposito certificato. Personalmente o a mezzo di una Impresa di Onoranze funebri occorre: denunciare all ufficiale di Stato Civile del Comune, in via De Nicola 4, il decesso con i dati anagrafici del defunto entro 24 ore portando il certificato rilasciato dal medico curante o dalla Guardia medica; attendere l uscita del medico necroscopo dell ASL, attivato dagli uffici di Stato Civile, il quale procederà all accertamento della morte e stilerà un altra apposita certificazione necessaria per l ottenimento dell autorizzazione alla sepoltura. L intervento del medico necroscopo è a titolo oneroso a carico dei familiari e viene riscosso dall ASL. definire con gli uffici dell ASF, presso il cimitero del capoluogo, il giorno e l ora del funerale procedendo al disbrigo delle pratiche relative ai contratti di concessione nel caso di sepolture private (richiesta ex novo o verifica dei diritti d uso per concessioni già in essere). Se il decesso avviene in ospedale o in casa di cura, alle certificazioni e alla denuncia di morte provvederà l Amministrazione Ospedaliera. Nel caso di morte violenta, di morte improvvisa per strada o in luoghi pubblici oppure in caso di morte di persone che vivono sole e comunque di persone ignote, occorre avvertire, chiamando il 113, l Autorità Giudiziaria la quale, dopo gli accertamenti di legge, darà disposizioni per la rimozione della salma. Nel Comune di San Giuliano M.se, onoranze e trasporti funebri vengono effettuati dalle Imprese private operanti sul territorio in regime di concorrenza e libero mercato. Il trasporto dei defunti viene effettuato gratuitamente dall Amministrazione Pubblica solo per gli indigenti iscritti nella lista degli assistiti, a mezzo di una impresa privata in regime di convenzione. Nella scelta dell Impresa funebre, valutare con calma, sulla base delle esperienze dirette o indirette, il grado di competenza e la qualità dei servizi offerti e l adeguatezza dei prezzi richiesti. Il costo del funerale varia in relazione alla complessità del servizio richiesto, alla categoria del trasporto, alla tipologia degli accessori e all articolazione delle onoranze. 5

6 Se possibile delegare ad un familiare meno emotivamente coinvolto le procedure per lo svolgimento del funerale, predisponendo un elenco delle principali scelte in ordine al tipo di cassa, al necrologio, ai fiori ed agli addobbi ecc., stabilendo a priori il livello massimo di spesa per il funerale. Per trasporti funebri di feretri su lunghe distanze e per l estero, valutare soluzioni alternative come l uso dell aereo o la cremazione preventiva. I trasporti di cassette di resti o di urne cinerarie possono essere effettuati anche con l auto dei familiari. Fare richiesta del preventivo scritto di ogni prestazione relativa al funerale e successivamente della regolare fattura, conservando la stessa per le detrazioni previste in sede di dichiarazione dei redditi. Le spese funerarie, quelle che si riferiscono al funerale vero e proprio, quindi il costo della cassa, del carro funebre e dei documenti, possono essere detratte per un importo complessivo di euro 1.549,37. Tale importo può essere ripartito tra più persone, che ne hanno diritto, e quindi essere deducibile dalla dichiarazione dei redditi di ciascuno in proporzione anche se la fattura è stata intestata ad una sola persona. In tal caso è sufficiente che i partecipanti alla spesa sottoscrivano la quota a loro carico, sulla fattura originale che sarà allegata in fotocopia al modello 740. Sono ammesse in detrazione le spese funebri per la morte del coniuge, ascendenti e discendenti di primo grado ovvero generi, nuore, suoceri, fratelli e sorelle nonché affiliati. Non sono deducibili le spese relative alle concessioni di loculi ed aree cimiteriali per le pose e/o lavorazioni di marmi. SEPOLTURE NEI CIMITERI DEL COMUNE Nei tre cimiteri cittadini vengono accolte le salme di persone residenti, ovunque decedute, e di non residenti la cui morte è comunque avvenuta nel territorio del Comune oltre a quelle degli aventi diritto per le altre condizioni previste dal vigente Regolamento di Polizia Mortuaria. Si ricorda che la legge n. 26 del 28 febbraio 2001, ha modificato il regime di gratuità di alcune pratiche cimiteriali quali inumazione, esumazione ordinaria e cremazione che ora sono a carico dei familiari secondo le tariffe in vigore. 6

7 FORME DI SEPOLTURA Inumazione E la sepoltura nella terra in campo comune; la legge prevede che trascorsi almeno 10 anni, la salma possa essere esumata in funzione dei programmi di rotazione dei campi stessi stabiliti dall ASF in base alle necessità e alla tipologia del terreno. A seguito dell esumazione, i resti mortali, se completamente consunti, sono raccolti e destinati all ossario comune o ad ossario in concessione a seconda della volontà dei familiari; se non consunti possono essere ancora inumati per almeno 5 anni in campo comune o cremati a richiesta dei familiari. E possibile la collocazione di una lapide o di un monumento funebre, nei tempi e modi previsti dal Regolamento. Tumulazione E la deposizione del defunto in loculo individuale, in tomba o cappella privata. La tumulazione in loculo avviene sulla base di una concessione trentennale; i canoni di concessione dei loculi, che vengono assegnati in ordine progressivo e cronologico in presenza della salma ed in base alle disponibilità all atto della richiesta, variano a seconda della fila e sono comprensivi della lastra di marmo che non può essere sostituita ad evitare difformità di materiali o colori. Il coniuge superstite o il familiare di primo grado, se di età superiore ai 76 anni o con certificazione di invalidità superiore al 50% possono per espressa deroga del Regolamento scegliere il loculo o cinerario al momento della richiesta di assegnazione, è possibile per i residenti nel comune di San Giuliano Milanese richiedere l assegnazione ante mortem dei loculi in ultima fila (4^/5^). In ciascun loculo è consentita la tumulazione di una salma e di due cassette resti o di due urne cinerarie. Alla scadenza della concessione, si procede al rinnovo della concessione o all estumulazione dei resti che, se completamente consunti, sono raccolti e collocati in ossario comune o in ossario in concessione trentennale, a seconda della volontà dei familiari; se inconsunti devono essere inumati per 5 anni in campo comune. Per quanto riguarda le tumulazioni in tomba e cappella di famiglia, i nuovi contratti di concessione sono rispettivamente di durata sessantennale e novantanovennale, rinnovabili. 7

8 Alla morte del titolare della concessione, il subentro nell intestazione del contratto deve essere obbligatoriamente richiesto dagli eredi aventi diritto per successione ad evitare le sanzioni previste dal Regolamento. L ASF può concedere in concessione, qualora disponibili, lotti di terreno per la realizzazione di tombe e cappelle di famiglia. Attualmente, all interno del cimitero del capoluogo nella zona prospiciente la via Emilia, è disponibile per la concessione in uso privato, un lotto di cappelle gentilizie realizzate direttamente dall ASF capaci di 8 loculi e 10 ossari e nella parte storica del cimitero (che costeggia via Brigate Partigiane) sono disponibili tombe di famiglia da 3/6 posti salma con vestibolo. Cremazione E la trasformazione in ceneri della salma; è autorizzata dal Sindaco del Comune sulla base della volontà espressa in vita dal defunto. Nel cimitero del capoluogo sono previsti appositi manufatti per la conservazione delle urne cinerarie. Dalla prima alla quinta fila le nicchie cinerarie vengono assegnate in ordine progressivo in base alla data di richiesta mentre per quelle posizionate oltre la quinta fila, è possibile la concessione del/di cinerario/i a libera scelta del richiedente, in base alle disponibilità, anche ante mortem, per la futura tumulazione delle ceneri del concessionario, del coniuge ovvero del convivente more uxorio e dei discendenti di primo grado che abbiano optato per la cremazione. La Legge n. 130/2001 (Disposizioni in materia di cremazione e dispersione delle ceneri) nonché la Legge Regionale n. 22 del 18 novembre 2003 attuate con regolamento regionale n. 6 del 9 novembre 2004 e successiva modifica n. 1 del 6 febbraio 2007 consentono la dispersione delle ceneri in natura, in appositi spazi all interno dell area cimiteriale, la conservazione delle stesse con affido o l inserimento in cinerario comune. 8

9 SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE ELETTRICA VOTIVA L ASF gestisce il servizio di Illuminazione Elettrica Votiva sia per le sepolture in campo comune che in Loculo, Tomba o Cappella. Il servizio viene attivato solo se espressamente richiesto e prevede un costo una tantum per l allacciamento ed un canone annuale riscosso tramite bollettini inviati al domicilio del contraente. Modalità, tariffe e clausole relative al servizio sono contenute nel foglio Condizioni generali di abbonamento al servizio di Illuminazione Elettrica Votiva nei cimiteri di San Giuliano M.se disponibile presso gli uffici cimiteriali presso il cimitero capoluogo. CIMITERI CITTADINI Cimitero di San San giuliano Milanese Capoluogo - via Battaglia dei Giganti Cimitero di Sesto Ulteriano - via Volturno Cimitero di Civesio - via Clavese ORARI DEI CIMITERI L orario di apertura al pubblico dei cimiteri cittadini è stagionale e viene modificato in coincidenza con il cambio dell ora legale Inverno: Estate: I cimiteri di Sesto Ulteriano e Civesio sono aperti con orario continuato. L ingresso è consentito fino a 15 minuti prima dell orario di chiusura. I cimiteri sono chiusi tutti i martedì dalle ore 8.30 alle ore 12.00, il 1 gennaio, la domenica di Pasqua, il 1 maggio, il 15 agosto e il 25 dicembre. 9

10 SEDE E CONTATTI ASF Presidente Mario Medda Direttore Generale Giuliano Masina Direzione e Amministrazione ASF: Via San Remo, S. Giuliano Milanese (MI) Tel: Fax: Uffici Servizi Cimiteriali c/o cimitero Capoluogo Via B. dei Giganti S. Giuliano Milanese (MI) Tel: Fax: asfsangiuliano.it Orari di apertura al pubblico: Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Ultimo aggiornamento: dicembre

In caso di lutto in famiglia

In caso di lutto in famiglia Ingresso Cimitero Monumentale di Lecco In caso di lutto in famiglia Norme e indicazioni utili Servizi di Stato civile - Servizi cimiteriali Quando accade un evento luttuoso, ci troviamo spesso impreparati.

Dettagli

ORARI DI APERTURA AL PUBBLICO DELLE STRUTTURE CIMITERIALI

ORARI DI APERTURA AL PUBBLICO DELLE STRUTTURE CIMITERIALI CIMITERI Gli uffici amministrativi si trovano presso il Cimitero S. Michele, in Piazza dei Castellani. Orari di apertura al pubblico uffici amministrativi: Mattino: dal lunedì al venerdì: 08:00-11:30 Pomeriggio:

Dettagli

i servizi Cimiteriali IL FUnERARE E LA SEPOLTURA

i servizi Cimiteriali IL FUnERARE E LA SEPOLTURA i servizi Cimiteriali IL FUnERARE E LA SEPOLTURA AGEC gestisce i servizi Cimiteriali dal 1999, impegnandosi a garantire un servizio di qualità, nel rispetto del decoro e della riservatezza. Tutti i servizi

Dettagli

COMUNE DI PALERMO SETTORE RISORSE IMMOBILIARI SERVIZIO GESTIONE IMPIANTI CIMITERIALI

COMUNE DI PALERMO SETTORE RISORSE IMMOBILIARI SERVIZIO GESTIONE IMPIANTI CIMITERIALI COMUNE DI PALERMO SETTORE RISORSE IMMOBILIARI SERVIZIO GESTIONE IMPIANTI CIMITERIALI via Lincoln 144 0917403469 - FAX 0917403425 e-mail: impianticimiteriali@comune.palermo.it MANUALE DELLE PROCEDURE U.O.

Dettagli

I SERVIZI CIMITERIALI

I SERVIZI CIMITERIALI I SERVIZI CIMITERIALI Agec cura i servizi Cimiteriali dal 1999, impegnandosi a garantire un servizio di qualità, nel rispetto del decoro e della riservatezza. Tutti i servizi cimiteriali Agec sono certifi

Dettagli

IL SISTEMA CIMITERIALE DI CREMONA Informazioni sui servizi offerti

IL SISTEMA CIMITERIALE DI CREMONA Informazioni sui servizi offerti IL SISTEMA CIMITERIALE DI CREMONA Informazioni sui servizi offerti I CIMITERI Il Comune di Cremona gestisce i seguenti cimiteri: il Civico Cimitero di Cremona (foto 1) via Cimitero 1 - Cremona 1 il Cimitero

Dettagli

REGOLAMENTO DEI SERVIZI CIMITERIALI In vigore dal 01.01.2013 atto CC 45/2012

REGOLAMENTO DEI SERVIZI CIMITERIALI In vigore dal 01.01.2013 atto CC 45/2012 CF e PI 00259290518 http://wwwcivichianait REGOLAMENTO DEI SERVIZI CIMITERIALI In vigore dal 01012013 atto CC 45/2012 TITOLO I POLIZIA MORTUARIA - PRESCRIZIONI D'IGIENE SEPOLTURE E LAPIDI Art 1 Art 2 Art

Dettagli

Come fare la denuncia di morte decesso a casa decesso in ospedale o istituto privato Dove fare la denuncia di morte Morte avvenuta in casa

Come fare la denuncia di morte decesso a casa decesso in ospedale o istituto privato Dove fare la denuncia di morte Morte avvenuta in casa Come fare la denuncia di morte La denuncia di morte deve essere fatta da un familiare o da una persona incaricata, entro 24 ore, all'ufficio di Stato Civile. Le pubbliche assistenze e le agenzie di pompe

Dettagli

COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari Settore Lavori Pubblici e Tecnologico

COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari Settore Lavori Pubblici e Tecnologico COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari Settore Lavori Pubblici e Tecnologico OGGETTO: ISTRUTTORIA PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE CIMITERIALI. IL RESPONSABILE DEL SETTORE PREMESSO che: Le tariffe di

Dettagli

COMUNE DI LEGNAGO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI LOCULI O COLOMBARI E DI CELLE-OSSARIO NEI CIMITERI COMUNALI

COMUNE DI LEGNAGO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI LOCULI O COLOMBARI E DI CELLE-OSSARIO NEI CIMITERI COMUNALI COMUNE DI LEGNAGO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI LOCULI O COLOMBARI E DI CELLE-OSSARIO NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 133 del 15.12.2005 1 REGOLAMENTO PER

Dettagli

C O M U N E DI CREMENAGA PROVINCIA DI VARESE

C O M U N E DI CREMENAGA PROVINCIA DI VARESE 1 Disciplina generale per la concessione di aree e loculi cimiteriali C O M U N E DI CREMENAGA PROVINCIA DI VARESE DISCIPLINA GENERALE PER LA CONCESSIONE DI AREE E LOCULI CIMITERIALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE

Dettagli

COMUNE DI TRICASE TARIFFE DEI SERVIZI CIMITERIALI 2011

COMUNE DI TRICASE TARIFFE DEI SERVIZI CIMITERIALI 2011 COMUNE DI TRICASE TARIFFE DEI SERVIZI CIMITERIALI 2011 Seppellimento in terra di una salma e di un'urna cineraria Esumazione ordinaria e straordinaria Tumulazione in loculo Tumulazione di resti o ceneri

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI FUNERARI IN LOMBARDIA

GUIDA AI SERVIZI FUNERARI IN LOMBARDIA Libretto Servizi Funebri 21-03-2007 11:26 Pagina 1 1955 UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE LOMBARDO E PROVINCIALE DI MILANO GUIDA AI SERVIZI FUNERARI IN LOMBARDIA Programma generale di intervento

Dettagli

Comune di Caraglio Regolamento comunale di polizia mortuaria Il Presente regolamento di polizia mortuaria sostituisce integralmente il precedente

Comune di Caraglio Regolamento comunale di polizia mortuaria Il Presente regolamento di polizia mortuaria sostituisce integralmente il precedente Comune di Caraglio Regolamento comunale di polizia mortuaria Il Presente regolamento di polizia mortuaria sostituisce integralmente il precedente regolamento approvato con delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

Domanda redatta su apposito modulo, ricevuta di versamento del canone di concessione, 3 marche da bollo Procedimenti collegati Ultimo aggiornamento

Domanda redatta su apposito modulo, ricevuta di versamento del canone di concessione, 3 marche da bollo Procedimenti collegati Ultimo aggiornamento RILASCIO CONCESSIONI CIMITERIALI Descrizione sommaria del procedimento Procedimento diretto al rilascio della concessione trentennale per i loculi ed ossari del cimitero Normativa di riferimento Regolamento

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CIMITERIALI

CARTA DEI SERVIZI CIMITERIALI CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA Comune di Quinto di Treviso CARTA DEI SERVIZI CIMITERIALI La Carta dei servizi è lo strumento che permette agli utenti il controllo sull erogazione dei servizi anche in termini

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con deliberazione di C.C. n.10 del 29.02.2000 Modificato con deliberazione di C.C. n. 11 del 29.05.2012 Integrato e modificato con deliberazione di C.C. n. 9

Dettagli

SERVIZI CIMITERIALI. RETTE E TARIFFE Servizi Pubblici Locali affidati a Solaris s.r.l. Anno 2015 TARIFFE CONCESSIONI

SERVIZI CIMITERIALI. RETTE E TARIFFE Servizi Pubblici Locali affidati a Solaris s.r.l. Anno 2015 TARIFFE CONCESSIONI RETTE E TARIFFE Servizi Pubblici Locali affidati a Solaris s.r.l. Anno 2015 SERVIZI CIMITERIALI TARIFFE CONCESSIONI LOCULI TRENTENNALI (IVA 10% esclusa) 1 fila 1.435,45 2 fila 2.467,27 3 fila 2.180,91

Dettagli

COMUNE DI OFFLAGA ORIGINALE PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI OFFLAGA ORIGINALE PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI OFFLAGA ORIGINALE PROVINCIA DI BRESCIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 3 Del 25-02-2014 Oggetto: APPROVAZIONE SECONDA MODIFICA DEL REGOLAMENTO DEI SERVIZI FUNERARI, NECROSCOPICI,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO EDILIZIA SCOLASTICA, IMPIANTISTICA SPORTIVA, SERVIZI CIMITERIALI

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO EDILIZIA SCOLASTICA, IMPIANTISTICA SPORTIVA, SERVIZI CIMITERIALI CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO EDILIZIA SCOLASTICA, IMPIANTISTICA SPORTIVA, SERVIZI CIMITERIALI CDR 17 SERVIZIO EDILIZIA SCOLASTICA, IMPIANTISTICA SPORTIVA, SERVIZI CIMITERIALI Il settore gestisce le attività

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI. Art. 1 Oggetto e finalità

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI. Art. 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Art. 1 Oggetto e finalità 1. Il presente regolamento disciplina la cremazione, l affidamento, la conservazione

Dettagli

I SERVIZI FUNERARI. Uffi ci di Onoranze Funebri di Verona dalle alle Da lunedì a venerdì 8.30 17.00 Sabato 8.30 13.00 Domenica 9.00 12.

I SERVIZI FUNERARI. Uffi ci di Onoranze Funebri di Verona dalle alle Da lunedì a venerdì 8.30 17.00 Sabato 8.30 13.00 Domenica 9.00 12. I SERVIZI FUNERARI Tutti i servizi funerari Agec sono certifi cati ISO 9001. I servizi funerari sono costantemente monitorati attraverso indicatori di effi cacia e rilevazioni del grado di soddisfazione

Dettagli

Comune di Sinalunga (Prov. di Siena) REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERI

Comune di Sinalunga (Prov. di Siena) REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERI Comune di Sinalunga (Prov. di Siena) REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERI 1 S O M M A R I O Art. Descrizione Art. Descrizione 1 2 3 CAPO I NORME GENERALI Oggetto del Regolamento Norme applicabili alle concessioni

Dettagli

Comune di Prazzo Provincia di Cuneo. Regolamento comunale di polizia mortuaria

Comune di Prazzo Provincia di Cuneo. Regolamento comunale di polizia mortuaria Comune di Prazzo Provincia di Cuneo Regolamento comunale di polizia mortuaria Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 15 del 31/05/2012 1 Il presente Regolamento di polizia mortuaria sostituisce

Dettagli

Area Tecnica Lavori Pubblici tel. 0187 697138 fax 0187 699769 lavoripubblici@comune.santostefanodimagra.sp.it AVVISO AI CITTADINI

Area Tecnica Lavori Pubblici tel. 0187 697138 fax 0187 699769 lavoripubblici@comune.santostefanodimagra.sp.it AVVISO AI CITTADINI AVVISO AI CITTADINI OPERAZIONI CIMITERIALI DI ESUMAZIONE ORDINARIA PRESSO I CIMITERI COMUNALI DI SANTO STEFANO DI MAGRA NEL PERIODO MARZO - APRILE 2014 E DA OTTOBRE 2014 A APRILE 2015. Premesso che per

Dettagli

Le operazioni di esumazione

Le operazioni di esumazione Le operazioni di esumazione Nota informativa allegata a: MODALITÀ DI ESECUZIONE DELLE ESUMAZIONI Le operazioni di esumazione Nota informativa allegata a: MODALITÀ DI ESECUZIONE DELLE ESUMAZIONI 1 PERCHÉ

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE DI LOCULI E TOMBE NEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE DI LOCULI E TOMBE NEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE DI LOCULI E TOMBE NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con Delibera C.C. n 59 del 28/11/2008 modificato con Delibera C.C. n 45 del 11/09/2012 e modificato con Delibera C.C. n

Dettagli

CITTA DI STRESA Provincia del Verbano Cusio Ossola Servizi Demografici e Cimiteriali

CITTA DI STRESA Provincia del Verbano Cusio Ossola Servizi Demografici e Cimiteriali CITTA DI STRESA Provincia del Verbano Cusio Ossola Servizi Demografici e Cimiteriali SERVIZI CIMITERIALI - CONCESSIONE CIMITERIALE DI SEPOLTURA INDIVIDUALE I servizi cimiteriali si occupano di tutti gli

Dettagli

Allegato A alla delibera del c.c. n. 56 del 29/11/2012

Allegato A alla delibera del c.c. n. 56 del 29/11/2012 Allegato A alla delibera del c.c. n. 56 del 29/11/2012 INDICE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 2 DISPOSIZIONI GENERALI Art. 3 DURATA DELLE CONCESSIONI Art. 4 MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE Art. 5 DIRITTO

Dettagli

Delibera CC 68 del 30-09-1996 Modifica ed Integrazione di alcuni articoli del Regolamento di Polizia Mortuaria

Delibera CC 68 del 30-09-1996 Modifica ed Integrazione di alcuni articoli del Regolamento di Polizia Mortuaria Delibera CC 68 del 30-09-1996 Modifica ed Integrazione di alcuni articoli del Regolamento di Polizia Mortuaria CAPO IV TRASPORTO DEI CADAVERI ART. 24 1. Il trasporto di un cadavere, di resti mortali o

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE CONCESSIONI CIMITERIALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE CONCESSIONI CIMITERIALI REGOLAMENTO COMUNALE PER LE CONCESSIONI CIMITERIALI Approvato con deliberazione del C.C. n. 18 del 08.04.2014 INDICE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 2 DISPOSIZIONI GENERALI Art. 3 DURATA DELLE CONCESSIONI

Dettagli

TARIFFE SETTORE AFFARI GENERALI E SERVIZI ALLA PERSONA ANNO 2009

TARIFFE SETTORE AFFARI GENERALI E SERVIZI ALLA PERSONA ANNO 2009 TARIFFE SETTORE AFFARI GENERALI E SERVIZI ALLA PERSONA ANNO 2009 TARIFFARIO DELLE OPERAZIONI CIMITERIALI TARIFFA IN EURO Inumazioni meccaniche di salme non residenti 104,00 Inumazioni manuali di salme

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE CONCESSIONI CIMITERIALI

REGOLAMENTO PER LE CONCESSIONI CIMITERIALI COMUNE DI SAN PIETRO IN GUARANO (Prov. di COSENZA) IV SETTORE - SERVIZI CIMITERIALI Largo Municipio n 1 87047 San Pietro in Guarano (CS) Tel./Fax 0984.4725.24/44 E-mail: servizicimiteriali@comune.sanpietroinguarano.cs.it

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7

LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7 LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7 Disciplina della cremazione e altre disposizioni in materia cimiteriale (b.u. 1 luglio 2008, n. 27, suppl. n. 1) Art. 1 Oggetto e finalità 1. Questa legge, nel rispetto

Dettagli

GUIDA INFORMATIVA PER LE PRATICHE DI POLIZIA MORTUARIA

GUIDA INFORMATIVA PER LE PRATICHE DI POLIZIA MORTUARIA Comune di Budrio Settore Affari Generali Servizio Comunicazione e Certificazione GUIDA INFORMATIVA PER LE PRATICHE DI POLIZIA MORTUARIA Abbiamo predisposto questa guida nell intento di facilitare i contatti

Dettagli

"Norme in materia di attività e servizi necroscopici, funebri e cimiteriali".

Norme in materia di attività e servizi necroscopici, funebri e cimiteriali. LEGGE REGIONALE 18 novembre 2003, N. 22 "Norme in materia di attività e servizi necroscopici, funebri e cimiteriali". (BURL n. 47, 1º suppl. ord. del 21 Novembre 2003 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2003-11-18;22

Dettagli

COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone)

COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone) COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone) * * * * * REGOLAMENTO IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE E CONSERVAZIONE DELLE CENERI * * * * * ART. 1 AUTORIZZAZIONE ALLA CREMAZIONE DI CADAVERI, DI RESTI

Dettagli

Parere n. 69/2010 Norme da applicare per la cremazione. Legge di riferimento: D.P.R. n. 285/1990

Parere n. 69/2010 Norme da applicare per la cremazione. Legge di riferimento: D.P.R. n. 285/1990 Parere n. 69/2010 Norme da applicare per la cremazione. Legge di riferimento: D.P.R. n. 285/1990 Il sindaco del Comune di (omissis) segnala che nell ente che rappresenta occorre procedere ad estumulare

Dettagli

Carta dei servizi cimiteriali

Carta dei servizi cimiteriali Carta dei servizi cimiteriali Comune di Montecatini Terme Servizi Cimiteriali Anno: 2009 Carta pubblicata in Carta aggiornata al INDICE COS E LA CARTA DEI SERVIZI CIMITERIALI...3 NORME E PRINCIPI...3 PRINCIPI

Dettagli

COMUNE DI AIRASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI

COMUNE DI AIRASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI COMUNE DI AIRASCA Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 49 del 28/11/2008

Dettagli

Capitolo I. Definizione - gestione

Capitolo I. Definizione - gestione Capitolo I Definizione - gestione Art. 1 Definizione Il cimitero del Comune di Riva San Vitale sorge sul mappale 1766 RFD di proprietà comunale. E luogo destinato ad ospitare salme, ceneri o resti di salme

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CIMITERIALI CIMITERO DI OSNAGO

CARTA DEI SERVIZI CIMITERIALI CIMITERO DI OSNAGO CARTA DEI SERVIZI CIMITERIALI CIMITERO DI OSNAGO INDICE 1. Premessa 2. Principi fondamentali 3. Gli standard di qualità dei servizi 4. Impegni e programmi 5. I servizi erogati 6. Lampade Votive 7. Reclami

Dettagli

C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052

C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con deliberazione del

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI CITTA DI BORDIGHERA Provincia di Imperia R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con deliberazione

Dettagli

A voi tutti, cittadine e cittadini carissimi, i nostri saluti più cordiali e rispettosi

A voi tutti, cittadine e cittadini carissimi, i nostri saluti più cordiali e rispettosi Sono lieto di presentare ai cittadini di Udine la Carta della Qualità dei Servizi offerti dal Comune di Udine. Per ogni servizio specifico, la Carta della Qualità dei Servizi fissa le caratteristiche e

Dettagli

i servizi cimiteriali i Servizi cimiteriali PoStuMi e le AutorizzAzioni

i servizi cimiteriali i Servizi cimiteriali PoStuMi e le AutorizzAzioni i servizi cimiteriali i Servizi cimiteriali PoStuMi e le AutorizzAzioni AGEC gestisce i servizi Cimiteriali dal 1999, impegnandosi a garantire un servizio di qualità, nel rispetto del decoro e della riservatezza.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CIMITERIALI CIMITERO DI OSNAGO. Approvata con deliberazione di G.C. n. del

CARTA DEI SERVIZI CIMITERIALI CIMITERO DI OSNAGO. Approvata con deliberazione di G.C. n. del CARTA DEI SERVIZI CIMITERIALI CIMITERO DI OSNAGO Approvata con deliberazione di G.C. n. del 1 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. PRINCIPI FONDAMENTALI... 3 3. GLI STANDARD DI QUALITÀ DEI SERVIZI... 4 4. IMPEGNI

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, AFFIDAMENTO CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI. APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 49 DEL 30.10.2008 Art: 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento

Dettagli

TABELLA TARIFFE AREA DI SEGRETERIA E SERVIZI GENERALI ANNO 2015

TABELLA TARIFFE AREA DI SEGRETERIA E SERVIZI GENERALI ANNO 2015 TABELLA TARIFFE AREA DI SEGRETERIA E SERVIZI GENERALI ANNO 2015 TARIFFE DI CONCESSIONE AREE CIMITERIALI PER 99 ANNI 20.000 per i lotti doppi aventi dimensioni planimetriche pari a CIRCA mt. 3,70 x 4,40

Dettagli

38 CON DELIBERAZINE CONSILIARE N. 37/08.07.2009 SONO STATE APPROVATE LE SEGUENTI MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA, APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 100 IN DATA

Dettagli

COMUNE DI FAENZA TARIFFARIO ANNO 2015. P:\CIMITERI\Tariffe cimiteriali\2015\tariffe 2015 FAENZA aumento 0,1 no cremazione.xls

COMUNE DI FAENZA TARIFFARIO ANNO 2015. P:\CIMITERI\Tariffe cimiteriali\2015\tariffe 2015 FAENZA aumento 0,1 no cremazione.xls COMUNE DI FAENZA TARIFFARIO ANNO 2015 COPERTINA TARIFFE OPERAZIONI CIMITERIALI + IVA 22% OPERAZIONI CIMITERIALI TARIFFA 2014 TARIFFA 2015 Tumulazione di feretro in loculo comunale o in tomba di famiglia,

Dettagli

Comune di Arezzo. Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti

Comune di Arezzo. Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti Comune di Arezzo Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti (deliberazione CC n. del in vigore dal) NORME GENERALI

Dettagli

Circolare Sefit n. 4548 del 15.10.2001 INDAGINE STATISTICA DELL ANCI SUL SISTEMA TARIFFARIO FUNEBRE E CIMITERIALE

Circolare Sefit n. 4548 del 15.10.2001 INDAGINE STATISTICA DELL ANCI SUL SISTEMA TARIFFARIO FUNEBRE E CIMITERIALE Circolare Sefit n. 4548 del 15.10.2001 INDAGINE STATISTICA DELL ANCI SUL SISTEMA TARIFFARIO FUNEBRE E CIMITERIALE In All. 1 si riporta la nota dell ANCI, con la quale si è avviata una indagine statistica

Dettagli

COMUNE DI DIMARO PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI DIMARO PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI DIMARO PROVINCIA DI TRENTO MODIFICAZIONE ED AGGIORNAMENTO DEL REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA IN RELAZIONE ALLE ATTIVITA CIMITERIALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Comune di Cimego. Regolamento di polizia mortuaria e cimiteriale

Comune di Cimego. Regolamento di polizia mortuaria e cimiteriale Comune di Cimego Regolamento di polizia mortuaria e cimiteriale Sommario Capo I Disposizioni generali 3 Art. 1 Oggetto del regolamento 3 Art. 2 Proprietà e gestione del cimitero 3 Art. 3 Manutenzione del

Dettagli

ADEMPIMENTI IN CASO DI PERDITA DI UN CONGIUNTO

ADEMPIMENTI IN CASO DI PERDITA DI UN CONGIUNTO COMUNE DI VARENA PROVINCIA DI TRENTO ADEMPIMENTI IN CASO DI PERDITA DI UN CONGIUNTO L'Amministrazione Comunale, nell'intento di essere vicina a coloro che sono colpiti da eventi luttuosi e affiancarli

Dettagli

funerali ZAZIONE ORGANIZZAZIONE FUNEBRE funerali Cosa fare in caso di decesso Municipi appartenenza cimiteri Destinazione salma

funerali ZAZIONE ORGANIZZAZIONE FUNEBRE funerali Cosa fare in caso di decesso Municipi appartenenza cimiteri Destinazione salma ZAZIONE ORGANIZZAZIONE FUNEBRE Cosa fare in caso di decesso Destinazione salma Municipi appartenenza cimiteri Prospetto servizio riservato al personale militare e civile del Ministero della Difesa CATTOLICA

Dettagli

Tariffe relative ai servizi cimiteriali a domanda individuale.

Tariffe relative ai servizi cimiteriali a domanda individuale. Comune di Bracciano Tariffe relative ai servizi cimiteriali a domanda individuale. Tariffe relative ai diritti sui servizi a domanda individuale e sulle operazioni da effettuare nei cimiteri comunali;

Dettagli

OGGETTO: RIDETERMINAZIONE TARIFFE PER I SERVIZI CIMITERIALI CON DECORRENZA GENNAIO 2011.

OGGETTO: RIDETERMINAZIONE TARIFFE PER I SERVIZI CIMITERIALI CON DECORRENZA GENNAIO 2011. COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 220 OGGETTO: RIDETERMINAZIONE TARIFFE PER I SERVIZI CIMITERIALI CON DECORRENZA GENNAIO 2011. L anno duemiladieci addì due del mese di Dicembre alle

Dettagli

Regolamento del cimitero comunale

Regolamento del cimitero comunale Comune di Mendrisio Quartiere di Rancate Regolamento del cimitero comunale I. DISPOSIZIONI GENERALI Ubicazione, definizione Art. 1 Il cimitero di Rancate, di proprietà comunale, è situato sul mappale 414

Dettagli

In caso di morte di un parente o di una persona cara è necessario effettuare, prima della sepoltura, alcune operazioni.

In caso di morte di un parente o di una persona cara è necessario effettuare, prima della sepoltura, alcune operazioni. In caso di morte di un parente o di una persona cara è necessario effettuare, prima della sepoltura, alcune operazioni. Se il decesso avviene in casa, occorre: 1) chiamare il medico di medicina generale

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CIMITERIALI

CARTA DEI SERVIZI CIMITERIALI CARTA DEI SERVIZI CIMITERIALI La Carta dei servizi è lo strumento che permette agli utenti il controllo sull erogazione dei servizi anche in termini di qualità. Il riferimento normativo è costituito dalla

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione del

Dettagli

9^ - 10^ - 11^ - 12^ fila 88,00 8 Concessione ventennale ossari/cinerari doppi

9^ - 10^ - 11^ - 12^ fila 88,00 8 Concessione ventennale ossari/cinerari doppi ALLEGATO A TARIFFE CONCESSIONI CIMITERIALI 2012 1 Concessione quarantennale di loculo di 1.610,00 punta. Dal corrispettivo della concessione sono escluse le operazioni di apertura loculo, l inserimento

Dettagli

TARIFFARIO DEI SERVIZI CIMITERIALI. del Comune di Ravenna anno 2015

TARIFFARIO DEI SERVIZI CIMITERIALI. del Comune di Ravenna anno 2015 Comune di Ravenna AZIMUT SpA TARIFFARIO DEI SERVIZI CIMITERIALI del Comune di Ravenna anno 2015 2 3- ATTIVITA' CIMITERIALI Attività - inumazione salme indigenti _ - inumazione salme e/o resti mortali 227,02

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA approvato con deliberazione del Commissario Straordinario n.24 del 15.05.2002 - OMISSIS - Il capo IV viene sostituito interamente dal seguente: Capo IV Trasporti funebri

Dettagli

TARIFFARIO CIMITERIALE

TARIFFARIO CIMITERIALE TARIFFARIO CIMITERIALE SERVIZI CIMITERIALI a decorrere dall 1.10.2011 SERVIZI CIMITERIALI Tumulazione di feretro in loculo di testa (80 x 80) cm, ubicato in qualsiasi fila dalla 1^ alla 6^ TARIFFA (IVA

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI SEPOLTURE E CONCESSIONI CIMITERIALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI SEPOLTURE E CONCESSIONI CIMITERIALI COMUNE DI CHIANCIANO TERME PROVINCIA DI SIENA REGOLAMENTO IN MATERIA DI SEPOLTURE E CONCESSIONI CIMITERIALI COMUNE DI CHIANCIANO TERME PROVINCIA DI SIENA APPROVAZIONE Delibera Consiglio Comunale n. 70

Dettagli

COMUNE DI SANTO STEFANO DI MAGRA. Provincia della Spezia IL SINDACO

COMUNE DI SANTO STEFANO DI MAGRA. Provincia della Spezia IL SINDACO COMUNE DI SANTO STEFANO DI MAGRA Provincia della Spezia ORDINANZA N. 17 Data 17-02-2014 IL SINDACO VISTI gli artt. 82 e 85 del D.P.R. 285/1990 che attribuiscono al Sindaco i compiti di regolazione, in

Dettagli

La Redazione dell URP. URP MULTIENTE Cosa fare in caso di morte di un congiunto

La Redazione dell URP. URP MULTIENTE Cosa fare in caso di morte di un congiunto Cosa fare in caso di MORTE DI UN CONGIUNTO 4 quadern UADERNiuTIL TILi 2 Il quaderno fornisce indicazioni su come e dove fare la denuncia di morte e a chi rivolgersi per chiedere un supporto sulle pratiche

Dettagli

Regolamento Comunale per la concessione dei loculi, delle cellette ossario e cellette cinerarie nel cimitero del capoluogo

Regolamento Comunale per la concessione dei loculi, delle cellette ossario e cellette cinerarie nel cimitero del capoluogo COMUNE DI LIMONE PIEMONTE Provincia di Cuneo Regolamento Comunale per la concessione dei loculi, delle cellette ossario e cellette cinerarie nel cimitero del capoluogo Testo integrato con delibere del

Dettagli

COMUNE DI PADOVA CONCESSIONE MANUFATTI E AREE CIMITERIALI. approvato con delibera G.C. n. 642 del 21.12.2010. Servizi Cimiteriali

COMUNE DI PADOVA CONCESSIONE MANUFATTI E AREE CIMITERIALI. approvato con delibera G.C. n. 642 del 21.12.2010. Servizi Cimiteriali COMUNE DI PADOVA Servizi Cimiteriali approvato con delibera G.C. n. 642 del 21.12.2010 Tariffe anno 2011 Manufatti ed aree cimiteriali servizi cimiteriali ed illuminazione votiva cremazioni autorizzazioni

Dettagli

TABELLA MODIFICHE TARIFFE SERVIZI E CONCESSIONI CIMITERIALI ANNO 2015

TABELLA MODIFICHE TARIFFE SERVIZI E CONCESSIONI CIMITERIALI ANNO 2015 TABELLA MODIFICHE TARIFFE SERVIZI E CONCESSIONI CIMITERIALI ANNO 2015 TRASPORTO SALME / CADAVERI 2014 2015 Trasporto salme / cadaveri (vedi rilascio autorizzazione al trasporto) Accoglienza salme / cadaveri

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Art. 1 (Oggetto e finalità) 1. Il presente titolo disciplina la cremazione,

Dettagli

D I O S C O E D I F R E G G I O

D I O S C O E D I F R E G G I O R E G O L A M E N T O D E I C I M I T E R I C O M U N A L I D I O S C O E D I F R E G G I O MUNICIPIO DI OSCO 2 TITOLO I - ORGANIZZAZIONE Art. 1 Definizione, proprietà e amministrazione I cimiteri di Osco

Dettagli

COMUNE DI MONTE DI MALO

COMUNE DI MONTE DI MALO COMUNE DI MONTE DI MALO REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA INDICE Titolo I Norme generali... pag. 5 Art. 1 (Oggetto del Regolamento)... pag. 5 Art. 2 (Competenze)... pag. 5 Art. 3 (Servizi gratuiti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE. Oggetto e finalità

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE. Oggetto e finalità REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE Oggetto e finalità Il presente regolamento disciplina la cremazione, l affidamento, la conservazione e la dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione

Dettagli

proposta di legge n. 256

proposta di legge n. 256 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 256 a iniziativa dei Consiglieri Procaccini, Martoni presentata in data 16 settembre 2004 NORME IN MATERIA DI ATTIVITA E SERVIZI NECROSCOPICI FUNEBRI

Dettagli

COMUNE DI CUASSO AL MONTE REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA

COMUNE DI CUASSO AL MONTE REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA COMUNE DI CUASSO AL MONTE Provincia di Varese REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con delibera del Consiglio comunale n. in data 1 TITOLO I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI TARZO (TV) Approvato con deliberazione consiliare n. /2013.

COMUNE DI TARZO (TV) Approvato con deliberazione consiliare n. /2013. All. A del. C.C. n. /2013 COMUNE DI TARZO (TV) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DI DEFUNTI E/O RESTI MORTALI Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI SELVA DI CADORE REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

COMUNE DI SELVA DI CADORE REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA COMUNE DI SELVA DI CADORE REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n del INDICE Titolo 1 DISPOSIZIONI PRELIMINARI Art. 1 Ambito di applicazione e competenze.

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO IN RI O Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI SAN MARTINO IN RI O Provincia di Reggio Emilia COMUNE DI SAN MARTINO IN RI O Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con delibera consiliare n.19 del 10.3.92 - Modificato con delibere consiliari nn.44 del 28.6.93, 77 del

Dettagli

COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. CAPO I NORME GENERALI Art. 1 Oggetto e finalità. 1. Il presente

Dettagli

Trasporto della salma (prima dell accertamento di morte) in altro Comune nell ambito del territorio della Regione Lombardia.

Trasporto della salma (prima dell accertamento di morte) in altro Comune nell ambito del territorio della Regione Lombardia. Trasferimento salme e ceneri fuori dal Comune di Ceresara Trasporto della salma (prima dell accertamento di morte) in altro Comune nell ambito del territorio della Regione Lombardia. E possibile trasportare

Dettagli

PIANO REGOLATORE CIMITERIALE

PIANO REGOLATORE CIMITERIALE IL TECNICO ESTENSORE IL SINDACO IL SEGRETARIO COMUNALE IN ALLEGATO ALLA DELIBERA N DEL PIANO REGOLATORE CIMITERIALE Comune di GENIVOLTA Provincia di Cremona Allegato n. : B Titolo : 1 NORME TECNICHE DI

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI CIMITERIALI

GUIDA AI SERVIZI CIMITERIALI GUIDA AI SERVIZI CIMITERIALI COSA FARE IN CASO DI DECESSO IN CASA Se in decesso avviene in una casa, occorre chiamare il medico curante ed un impresa funebre di vostra fiducia. Il medico deve espletare

Dettagli

CITTÀ DI MORBEGNO Provincia di Sondrio

CITTÀ DI MORBEGNO Provincia di Sondrio CITTÀ DI MORBEGNO Provincia di Sondrio Deliberazione numero: 39 In data: 06/03/2014 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE VARIAZIONI ALLE TARIFFE CIMITERIALI L'anno duemilaquattordici

Dettagli

NUOVE TARIFFE SERVIZI CIMITERIALI

NUOVE TARIFFE SERVIZI CIMITERIALI Allegato E alla DGC n del CITTÀ DI GRUGLIASCO PROVINCIA DI TORINO NUOVE TARIFFE SERVIZI CIMITERIALI CONCESSIONI LOCULI 40 anni 30 anni 20 anni LOCULI NUOVI 1ª fila dal basso 3.370,00 2.737,00 2.448,00

Dettagli

Regolamento comunale relativo a: cremazione, affidamento,conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti

Regolamento comunale relativo a: cremazione, affidamento,conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti COMUNE DI CAMPOSANTO PROVINCIA DI MODENA via F. Baracca 11 41031 Camposanto (MO) tel.: 0535 80905 fax: 0535 80917 (Cod. Fisc.: 82000370369 P. IVA: 00697150365) e mail: attività.produttive@comune.camposanto.mo.it

Dettagli

30 ANNI NON RINNOVABILI 30 ANNI NON RINNOVABILI

30 ANNI NON RINNOVABILI 30 ANNI NON RINNOVABILI TABELLA: A DEFUNTI RESIDENTI (o precedentemente residenti da almeno DIECI anni nel Comune di Fivizzano che si siano trasferiti in altro comuneda neno di SEI mesi) O VIVENTI RESIDENTI. (DELIBERA N 5 DEL

Dettagli

TARIFFE SERVIZI CIMITERIALI:

TARIFFE SERVIZI CIMITERIALI: Si riporta il prospetto delle nuove tariffe approvate con Delibera di Giunta n 2010/G/00012 del 4 febbraio 2010 e Delibera di Consiglio 2010/C/00011 del 4 aprile 2010.: TARIFFE SERVIZI CIMITERIALI: Contributo

Dettagli

DEFINIZIONI PIANO REGOLATORE CIMITERIALE COMUNE DI CASTANO PRIMO

DEFINIZIONI PIANO REGOLATORE CIMITERIALE COMUNE DI CASTANO PRIMO DEFINIZIONI PIANO REGOLATORE CIMITERIALE COMUNE DI CASTANO PRIMO ALLEGATO O PROGETTO Piano Regolatore Cimiteriale Settembre 2012 COMMITTENTE: Comune di Castano Primo presso Villa Rusconi Corso Roma 20022

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione C.C. n. 47 del 27/11/2008

Dettagli

Comune di Castelnovo ne Monti

Comune di Castelnovo ne Monti Comune di Castelnovo ne Monti REGOLAMENTO IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE E CONSERVAZIONE DELLE CENERI (Delib. C.C. n. 91 del 30/11/2007) ART. 1 - AUTORIZZAZIONE ALLA CREMAZIONE DI CADAVERI, DI RESTI

Dettagli

CAPO I - Finalità, istituzioni ed operatori

CAPO I - Finalità, istituzioni ed operatori Legge regionale 4 marzo 2010, n. 18 (BUR n. 21/2010) NORME IN MATERIA FUNERARIA CAPO I - Finalità, istituzioni ed operatori Art. 1 - Finalità. 1. La presente legge disciplina gli aspetti relativi alla

Dettagli

COMUNE DI VALFLORIANA REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERIALE

COMUNE DI VALFLORIANA REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERIALE COMUNE DI VALFLORIANA PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERIALE Approvato con deliberazione consiliare nr. 20 dd. 22.09.2005, integrato con la deliberazione consiliare nr. 3 dd. 08.02.2010 e

Dettagli

REGOLAMENTO. Comune di Follonica. per la concessione dei sepolcri del Cimitero Comunale. Delibera del Consiglio Comunale n. 52 del 28 giugno 2005

REGOLAMENTO. Comune di Follonica. per la concessione dei sepolcri del Cimitero Comunale. Delibera del Consiglio Comunale n. 52 del 28 giugno 2005 Comune di Follonica per la concessione dei sepolcri del Cimitero Comunale Delibera del Consiglio Comunale n. 52 del 28 giugno 2005 REGOLAMENTO SOMMARIO SOMMARIO Articolo 1 Oggetto dell attività 1 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO per l affidamento familiare delle ceneri delle salme e dei resti mortali. Indice

REGOLAMENTO per l affidamento familiare delle ceneri delle salme e dei resti mortali. Indice REGOLAMENTO per l affidamento familiare delle ceneri delle salme e dei resti mortali Art. 1 Ambito di applicazione Indice Art. 2 La cremazione di salme e resti mortali e ossei Art. 3 La cremazione disposta

Dettagli

CONCESSIONI AREA CIMITERIALE

CONCESSIONI AREA CIMITERIALE TARIFFARIO SERVIZI CIMITERIALI ISTITUZIONALI delibera del C.d.A. di AGEC n 44 del 22/12/2007 delibera del C.d.A. di AGEC n 140 del 21/10/2008 delibera del C.d.A. di AGEC n 157 del 25/11/2008 delibera del

Dettagli

CITTÀ di GARDONE VAL TROMPIA (Provincia di Brescia) Cod. Fis. 00304530173 - Part. IVA 00553520982 SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA E AMMINISTRATIVI

CITTÀ di GARDONE VAL TROMPIA (Provincia di Brescia) Cod. Fis. 00304530173 - Part. IVA 00553520982 SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA E AMMINISTRATIVI 1 CITTÀ di GARDONE VAL TROMPIA (Provincia di Brescia) Cod. Fis. 00304530173 - Part. IVA 00553520982 SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA E AMMINISTRATIVI Via Mazzini 2 25063 Gardone V.T. tel. 0308911583 int. fax

Dettagli