Consigli per la risoluzione dei problemi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Consigli per la risoluzione dei problemi"

Transcript

1 Cnsigli per la risluzine dei prblei Una parte fndaentale di gni crs di Fisica è la risluzine di prblei. Rislvere prblei spinge a raginare su idee e cncetti e a cprenderli egli attravers la lr applicazine. Gli esepi qui riprtati sn stati prpsti agli studenti di Fisica Generale I negli ultii anni ce prve scritte d esae. Essi illustran, in gni capitl, casi tipici di risluzine di prblei. Il sari all inizi di gni capitl ffre un breve quadr d insiee delle idee più iprtanti per la sluzine dei prblei di quel capitl. Benchè tale quadr sia lt utile ce preria, per una adeguata cprensine degli argenti si cnsiglia di utilizzare il test di Fisica Generale I cnsigliat dal dcente. Riguard alla sluzine dei prblei di Fisica, si cnsiglia quant segue: ) Leggere attentaente il test del prblea. ) Preparare un elenc cplet delle quantità date (nte) e di quelle cercate (incgnite) 3) Disegnare un schea un diagraa accurat della situazine. Nei prblei di dinaica, assicurarsi di aver disegnat tutte le frze che agiscn su un dat crp (diagraa di crp liber). 4) Dp aver decis quali cndizini e principi fisici utilizzare, esainare le relazini ateatiche che sn valide nelle cndizini date. Assicurarsi sepre che tali relazini sian applicabili al cas in esae. E lt iprtante sapere quali sn le liitazini di validità di gni relazine frula. 5) Mlte vlte le incgnite sebran trppe rispett al nuer di equazini. In tal cas è bene chiedersi, ad esepi: a) esistn altre relazini ateatiche ricavabili dalle cndizini del prblea? b) è pssibile cbinare alcune equazini per eliinare alcune incgnite? 6) E buna nra rislvere tutte le equazini algebricaente e sstituire i valri nuerici sltant alla fine. Cnviene anche antenere traccia delle unità di isura, pichè quest può servire ce cntrll. 7) Cntrllare se la sluzine trvata è diensinalente crretta. 8) Arrtndare il risultat finale all stess nuer di cifre significative che cpain nei dati del prblea. 9) Ricrdare che per iparare a rislvere bene i prblei è necessari rislverne tanti: la risluzine dei prblei spess richiede creatività, a qualche vlta si riuscirà a rislvere un prblea prendend spunt da un altr già rislt.

2 I - Cineatica del punt ateriale La cineatica degli ggetti puntifri descrive il t dei punti ateriali. La descrizine del t di gni punt ateriale deve sepre essere fatta in relazine ad un particlare sistea di riferient. La psizine di un ggett che si uve lung una retta è data dall equazine raria: Si definiscn la velcità istantanea: e l accelerazine istantanea: x x( t) x v li t t dx dt li v a t t dv dt d x dt Se un ggett si uve lung una retta cn accelerazine cstante (t unifreente accelerat) si ha: a cst e per integrazine, pnend v v e x x per l istante iniziale t t, si tterrà: v v at x x v t at v v ( x ) a x Gli ggetti che si uvn verticalente vicin alla superficie terrestre, sia che cadan che sian lanciati verticalente vers l alt vers il bass, si uvn (se si può trascurare l effett della resistenza dell aria) cn accelerazine cstante rivlta vers il bass. Questa accelerazine è dvuta alla gravità, ed è pari a circa g 9,8 /s. In generale, se r è il vettre psizine del punt ateriale, la velcità e l'accelerazine vettriale istantanea sn date da:

3 v dr e dt dv a. dt Le equazini cineatiche per il t pssn essere scritte per ciascuna delle cpnenti x, y e z, ssia: Riassuia qui i casi più seplici: r xxˆ yyˆ zzˆ v v xˆ v yˆ v zˆ x a a xˆ a yˆ a zˆ. x Il t dei priettili si può scprre, se si trascura la resistenza dell aria, in due ti separati: la cpnente rizzntale del t che ha velcità cstante e la cpnente verticale che ha accelerazine cstante e pari a g, ce per i crpi in caduta libera (fintant che il t si svlge in prssiità della superficie terrestre). Si ha un t circlare unifre quand una particella si uve lung una circnferenza di raggi r cn velcità cstante; la particella sarà allra sggetta ad un accelerazine radiale centripeta a R, diretta vers il centr del cerchi, di intensità: y y z z a R v r Se la velcità nn è cstante, vi sarà accelerazine sia centripeta sia tangenziale. Il t circlare può anche essere scritt in terini di variabili anglari. In quest cas l equazine raria sarà θ θ( t) cn θ angl isurat (in radianti) a partire da una data direzine di riferient. La velcità anglare è data da: e l accelerazine anglare da: dθ ω dt α La velcità e l accelerazine lineare di un punt che si uve lung una circnferenza di raggi r sn legate a ω e α da: dω dt v rω a T rα a R rω

4 dve a T e a R sn le cpnenti tangenziale e radiale dell accelerazine. La frequenza f è legata ad ω da ω π f e al perid T da T /f.

5 Prblea Il sistea, strat in figura, è cstituit da una assa appggiata su una guida rettilinea inclinata di un angl θ rispett all'rizzntale. Calclare l'accelerazine a cn la quale deve uversi la guida rizzntalente affinché la assa t cada verticalente cn accelerazine pari a g. [ θ 3 ; g 9.8 / s ] Suggerient: tenere cnt che g rizzntalente. è diretta sl verticalente, entre a t è diretta sl Sluzine: L'accelerazine della assa è g inerziale slidale cn la guida. rispett ad un sservatre inerziale, e a rispett ad un riferient nn a r g a θ L'accelerazine di gravità nel riferient slidale cn la guida è: g g a t Indicat cn a il dul dell'accelerazine della assa nel riferient slidale cn la guida vale: a g sinθ csθ a r La cpnente rizzntale di a deve equilibrare a, quindi: t a a cs θ t t ciè: gsinθ csθ g a t 5,7 / s tg θ rivlta all'indietr.

6 Sluzine alternativa: L accelerazine ttale deve essere g, quindi deve valere: g a a t scrivend quest equazine in cpnenti si ttiene facilente che: g a t 5,7 / s tg θ dve a t e g sn i duli delle accelerazini. Prblea Una palla è lanciata in avanti e vers l'alt da una quta h spra il sul cn velcità iniziale v. La palla ribalza elasticaente (invertend la cpnente rizzntale della velcità e antenend inalterata quella verticale) su un ur verticale pst alla distanza d dal lanciatre. A quale altezza h dal sul la palla clpisce il ur? A quale altezza h si trva la palla quand è di nuv sulla verticale del lanciatre (che riane fer)? Qual è la quta assia h ax raggiunta dalla palla? Quesit: h ax è la stessa che sarebbe raggiunta se nn ci fsse la parete verticale. Perché? [h ; d 4 ; v ( x y) / s ˆ ˆ ] h d Sluzine: a) La cpnente rizzntale della velcità v x è cstante, quindi la palla raggiunge il ur nel tep:

7 d t,4 s. v x In direzine verticale è l'accelerazine ad essere cstante: g -9,8 ŷ /s. Perciò: d d h h v g 5, y v x v x b) La palla trna sul lanciatre dp altri,4 s. La cpnente verticale del t è ancra unifreente accelerata cn velcità iniziale v y 6,8 /s, e quta iniziale h 5,. Perciò la nuva quta è h 6,9. c) La quta assia h ax viene raggiunta quand la cpnente verticale della velcità si annulla (ciò avviene dp il ribalz). Essa è perciò data da: h v y h 7,. g ax Rispsta al quesit: h ax è la stessa che sarebbe raggiunta se nn ci fsse la parete verticale, perché l urt cn tale parete nn altera la cpnente verticale del t. Prblea 3 Un vecchi cannne viene fatt sparare rizzntalente dalla cia di una ntagna e la velcità v della palla viene reglata in d tale da farle clpire un bersagli pst nella pianura sttstante sl al secnd ribalz. Nel ribalz la cpnente verticale della velcità v y si riduce di un fattre f e la cpnente rizzntale v x riane cstante. Qual è la velcità v di uscita della palla del cannne per pter clpire un bersagli distante d, se la ntagna sulla cui cia è situat il cannne è alta h? Qual è la velcità v di uscita della palla se si vule clpire il bersagli direttaente? [f,6; h k; d 9 k] h d

8 Suggerient: calclare la durata del t in verticale ed ricrdare che in tale tep viene percrsa rizzntalente la distanza d. Sluzine: a) La cpnente rizzntale del t si antiene cstanteente unifre, per cui basta calclare la durata del t verticale ed iprre che d v x t, ciè v x d/t. Il pri ipatt avviene dp il tep t : entre il secnd ipatt avviene cn un ritard t : h t s 4, s g t v g y s 7 s, dve v y è quella subit dp l'urt: v fgt 6 84,9 /s. y Quindi: d v x 89,3 /s. t t b) La cpnente verticale del t è unifreente accelerata cn accelerazine perciò il tep ipiegat dalla palla per raggiungere il sul è: g 9.8yˆ / s, t h g In quest tep la palla percrre rizzntalente la distanza d v x t 9 k, ciè: v d g d 63 /s. x t h

9 II - Dinaica del punt Le tre leggi del t di Newtn sn le leggi fndaentali per la descrizine del t stess. La pria legge di Newtn affera che, se la frza risultante su un crp puntifre è zer, allra ess resta in quiete si uve lung una linea retta cn velcità cstante (t rettiline unifre). La tendenza di un crp a resistere ad un cabiaent del su stat di t si chiaa inerzia. La assa è la isura dell inerzia di un crp. La secnda legge del t di Newtn affera che l accelerazine di un crp è direttaente prprzinale alla frza risultante che agisce su di ess e inversaente prprzinale alla sua assa. Stt fra di equazine: F a La frza risultante su un ggett indica il vettre sa di tutte le frze che agiscn su di ess. Nella sua frulazine più generale, la secnda legge di Newtn affera che la frza risultante agente su un crp di assa e velcità v è data da: dv dp F dt dt ve p v è la quantità di t del crp. Slitaente (a ci sn eccezini) un crp nn perde nè acquista assa durante il t, e quindi vale dv F a, ce spra. dt Se invece la assa del crp è variabile, si avrà: d F a v dt La terza legge del t di Newtn affera che se un pri crp esercita una frza su un secnd crp, allra il secnd crp esercita sepre sul pri una frza uguale in intensità e direzine, a di vers cntrari. La frza esercitata su un crp dalla superficie liscia su cui è appggiat agisce perpendiclarente alla cune superficie di cntatt e per quest si dice che è una frza nrale. E un tip di frza vinclare, perché liita la libertà di vient del crp e la sua intensità dipende dalle altre frze che agiscn su quel crp. Per rislvere i prblei in cui cpain frze su un più crpi è essenziale disegnare il diagraa di crp liber per gni singl crp, ettend in evidenza tutte le frze che agiscn su quel crp. Per gni crp la secnda legge di Newtn può essere applicata a ciascuna cpnente della frza risultante.

10 Alcune frze iprtanti sn: Frza pes. Il pes si riferisce alla frza di gravità che agisce su un dat crp e vale P g; vettrialente: P g Frza d attrit. Quand un crp è in vient su una superficie scabra, la frza dvuta all'attrit (radente) dinaic agisce nella direzine ppsta a quella del t. La sua intensità è data da: F µ F, relazine tra l intensità della frza d attrit, che agisce parallelaente alla superficie di ad d N cntatt e l intensità della frza nrale F N (spess indicata anche cn N) che agisce perpendiclarente alla superficie stessa. Nn è un equazine vettriale, piché le due frze sn perpendiclari l una all altra. µ è dett cefficiente di attrit dinaic e dipende dai ateriali cn d cui sn fatti i due ggetti. Per la frza d'attrit (radente) static, il su valre assi è dat da: F µ F cn µ cefficiente d attrit static. Quand un crp si as s N S uve cn velcità sufficienteente bassa attravers un fluid, subisce una frza d'attrit viscs diretta nel vers ppst a quell del t. La sua intensità è data da: βv. Frza elastica. Per tenere una lla cpressa tesa di una lunghezza x ltre quella di rips è necessaria una frza: F kx dve k è la cstante elastica della lla. Questa legge, nta ce legge di Hke, è valida per valri di x sufficienteente piccli. Frza centripeta. Una particella che ruta lung una circnferenza di raggi r cn velcità cstante v è sttpsta in gni ent ad una frza diretta vers il centr della traiettria. Essa vale: F v ω r; vettrialente F v ( ) r r r ω ω r F av Prblea Un u tira una slitta, inizialente fera, su cui siedn due babini, sul sul cpert di neve. La slitta viene tirata ediante una fune che fra un angl θ cn l'rizzntale (vedi figura). La assa ttale dei babini è M, entre quella della slitta è. Il cefficiente di attrit static è µ, entre il cefficiente di attrit dinaic è µ. d Si trvin la frza di attrit esercitata dal sul sulla slitta e l'accelerazine del sistea slitta-babini se la tensine T della fune ha l intensità: T N; T 4 N. S

11 Mantenend fiss l anglθ, deterinare il valre ini di T per sllevare ttalente la slitta. [ θ 4 ; M 45 kg; 5 kg; µ,; µ,5] S d Suggerient: disegnare il diagraa di crp liber del sistea slitta-babini, iprre la cndizine di equilibri per le cpnenti y delle frze e scrivere l equazine del t per le cpnenti x. θ Sluzine: F T N F (M) g as θ F F ad N T (M) g θ Diagrai di crp liber I) La frza nrale al sul è: F N ( M ) g Tsinθ 45,7 N. Quindi la frza di attrit static è: F as [( M ) g θ ] µ F µ Tsin 85, N, s N s entre la frza di attrit dinaic è: F ad [( M ) g θ ] µ F µ Tsin 63,9 N. d N d La cpnente rizzntale delle tensini è T x Tcsθ 76,6 N < F as, per cui l accelerazine è nulla. II) La frza nrale al sul è: F N ( M ) g Tsinθ 4 N. Quindi la frza di attrit static è:

12 F as [( M ) g θ ] µ F µ Tsin 8 N, entre la frza di attrit dinaic è: s N s F ad [( M ) g θ ] µ F µ Tsin 6 N. d N d La cpnente rizzntale delle tensine è T x Tcsθ 7, N > F as, quindi la slitta si uve cn accelerazine T csθ µ d a [( M ) g Tsinθ ] M,9 /s. Il valre di T per sllevare la slitta è quell che annulla F : N T ( M ) g 76,3 N. sinθ Prblea Due asse ed giaccin su un pian senza attrit e vengn spinte da una frza applicata dall'estern F, che si esercita sulla assa (ce in figura ). Si deterinin intensità e direzine di ciascuna delle frze di interazine tra ed. Suppnend che venga eliinata la frza F e che sulla assa agisca la frza applicata dall'estern F F (figura ), si deterinin intensità e direzine di ciascuna delle frze di interazine in quest'ulti cas. Si spieghi perché il dul delle frze di interazine è divers nei due casi. [F N; 4 kg ; kg; F N] Suggerient: si scriva l'equazine del t cnsiderand il punt ateriale di assa ( ). Si scrivan quindi le equazini di crp liber per ciascuna assa. F F Fig. Fig. Sluzine:

13 F F " N $ F g% F N F! g# F F & N g* ( ) F N F g' F Diagrai di crp liber a) L accelerazine di ed è: F /s a Ma allra la frza di interazine F esercitata da su vale a 4 N, entre per il principi di azine e reazine la frza di interazine F esercitata da su vale F - F 4 N b) L accelerazine vale ancra /s, a questa vlta su agisce anche la frza F - F. quindi ra è F a -8 N, ed F - F 8 N. c) In base alla secnda legge del t di Newtn la frza ttale agente su ciascuna delle due asse è la stessa (a en del vers) nei due casi esainati. Però una delle due asse è accelerata dalla sla frza di interazine, e nel secnd cas si tratta della assa aggire. E vvi che per prdurre la stessa accelerazine in una assa aggire, ccrre una frza aggire. Prblea 3 Una palla di assa è fissata ad una sbarra verticale per ezz di due funi prive di assa e lunghe. Le funi sn fissate alla sbarra a distanza d l'una dall'altra. Il sistea ruta attrn alla sbarra in d da frare un triangl equilater (vedi figura). La tensine della fune più alta è T. Deterinare: la tensine T della fune in bass; la risultante delle frze applicate alla palla nell'istante strat in figura; la velcità della palla. Studiare il prblea sia dal punt di vista di un sservatre inerziale, sia dal punt di vista di un sservatre slidale cn la palla. [,34 kg;,7 ; d,7 ; T 35, N] Suggerient: disegnare il diagraa di crp liber per il punt ateriale in ciascun dei riferienti utilizzati.

14 8 / / d 6 8 Sluzine: La differenza fra ciò che vede un sservatre inerziale rispett ad un nn inerziale slidale cn la palla è che entre quest ulti vede la palla fera antenuta in equilibri da una frza centrifuga F, c. f., l sservatre inerziale vede la palla in t circlare unifre, sttpsta ad un accelerazine centripeta. a) T 3 T b) g4 5 T T 6 g7 F c. f. Diagraa di crp liber a) nel riferient inerziale e b) nel riferient nn inerziale slidale cn la palla - a) Nel riferient nn inerziale, la tensine T bilancia la risultante di Ṫ, della frza centrifuga e della frza pes: v T T ˆ r g/ 3 3 dve si è tenut cnt che il triangl è equilater e che cs 3. La cpnente verticale dell equazine nn cntiene la frza centrifuga: T T g dve si è utilizzata la nta relazine cs 6,5. Si trva dunque il dul T 8,7 N. b) Nel riferient nn inerziale la rispsta è banale: zer. Nel riferient inerziale, invece, la risultante delle frze applicate alla palla è la frza centripeta:

15 : : : < v T T g 9 La cpnente rizzntale dell equazine vettriale di partenza, valida in entrabi i riferienti, è: ; 3 v ( T T ) ; 3 3 rˆ frnisce: 3 ( T T ) v 4 6,5 /s Prblea 4 Un blcc di assa pggia su un blcc di assa che è pst su un tavl priv di attrit (vedere figura). I cefficienti di attrit static e dinaic fra i due blcchi sn rispettivaente µ e S µ. d Quant vale la assia frza F che si può applicare senza che il blcc strisci su? Se il valre di F > è dppi di quell trvat nel precedente quesit, si trvin sia l'accelerazine assluta di ciascun blcc sia la frza di attrit agente su ciascun blcc.? Un sservatre inerziale vede il blcc uversi vers destra (direzine di F ) vers sinistra? [ kg; 4 kg; µ,3; µ,] S d Suggerient: disegnare il diagraa di crp liber per ciascun crp in cndizine di t di e iprre la cndizine di equilibri di rispett ad (t relativ). Sluzine:

16 F NA FG ad FB ( )g NE gd FC ad Diagrai di crp liber (in un riferient inerziale, cn in t rispett ad ) a) In un riferient inerziale, in assenza di attrit cn il tavl la assa si uve cn, quindi la frza di attrit static che agisce su deve essere pari a: F µ s g da cui: ( ) F µ s g 7,7 N b) Pst F 7,7x N 35,4 N, la assa scivla su esercitand su di essa la frza di attrit dinaic F gµ, per cui: ad d a F µ d g 7,9 /s dve a è l accelerazine della assa. La frza di attrit dinaic vale naturalente µ d g 3,9 N. Nel riferient slidale cn la assa, la assa subisce sia la frza di attrit dinaic, sia la frza fittizia - a. Quindi in tale riferient l accelerazine a r vale: a r µ g a -5,9 /s d entre in un riferient inerziale vale: a a r a /s c) Ce si evince dal punt b), entre nel riferient nn inerziale l accelerazine è diretta vers sinistra (nel vers negativ delle ascisse), in un riferient inerziale l accelerazine è psitiva, quindi diretta vers destra. Prblea 5

17 La curva spraelevata di un'autstrada è stata prgettata per una velcità v ax. Il raggi della curva è r. In una brutta girnata il traffic percrre l'autstrada alla velcità v. Quant vale l angl θ di spraelevazine? Quant deve essere il ini cefficiente d'attrit µ s che cnsente di superare la curva senza scivlare vers il bass? Usand tale cefficiente, cn quale velcità assia v ax è pssibile percrrere la curva senza scivlare vers l alt? [v ax 95 k/h;r ; v 5 k/h] Suggerient: utilizzare un sistea di riferient (nn inerziale) slidale cn l'autbile, scrivere l'equazine del t ed iprre la cndizine di equilibri. Diagraa di crp liber a) in un riferient nn inerziale e b) in un inerziale Sluzine: a) In un riferient inerziale la cpnente rizzntale della reazine vinclare N H frnisce la frza centripeta, entre la sua cpnente verticale equilibra la frza pes: Quindi: a) b) I K J N Fcf g g Nsin v θ r N csθ g N M L tgθ v rg ax,3

18 Cn quest angl, nel sistea di riferient slidale cn l autbile è sddisfatta la cndizine di equilibri della cpnente parallela alla strada delle frze in gic, in assenza di attrit: v r ax cs θ gsinθ tgθ v rg ax,3 b) Cn la piggia, a velcità v < v ax, la acchina tende a scivlare vers il bass, per cui la cndizine di equilibri diviene: gsin Quindi il cefficiente d attrit vale: v v ( θ ) cs( θ ) µ g cs( θ ) sin( θ ) r v gtg( θ ) µ r s, v g tg( θ ) r c) A velcità v ax > v ax, tende a prevalere la frza centrifuga, e la acchina tende a sbandare vers l alt. Quindi la cndizine di equilibri è: Per cui: v gsin s r s ax ax ( θ ) µ g cs( θ ) sin( θ ) cs( θ ) [ sin( θ ) µ s cs( θ )] [ cs( θ ) µ sin( θ )] r v r v ax gr 8,5 k/h Prblea 6 Un crp di assa M è pst su un pian inclinat di un angl θ cn l rizzntale ed è cnness ad una cppia di crpi di ugual assa traite una crda ideale, che passa per una puleggia senza attrit e di assa trascurabile, ce illustrat in figura. C è però attrit fra la assa M ed il pian inclinat. Calclare il valre della frza di attrit static necessaria a far rianere in quiete il sistea;

19 espriere in funzine di, M, θ il ini valre del cefficiente di attrit static fra M ed il pian inclinat, µ s, necessari affinchè il sistea rianga in cndizini statiche; calclare esplicitaente il valre ini di µ s quand M/ e θ 45. Quesit: Per quale valre dell angl θ il sistea (per < M/) resterebbe in cndizini statiche anche senza attrit? θ M Sluzine: F P a N N θ M T O Diagraa di crp liber per M a) Cndizine di equilibri: T T g Mgsinθ µ Mg csθ s pertant:

20 ( θ ) g ( θ ) µ Mg cs Mgsin s b) Cefficiente di attrit static: µ s tg M cs ( θ ) ( θ ) c) Se M/ e θ 45, µ s,4 Rispsta al quesit: La cndizine di equilibri in assenza di attrit è: da cui: T g T Mgsinθ θ arcsin M Si nti che per >M/ il sistea nn può essere in equilibri senza l attrit. Prblea 7 I crpi di assa, ed 3 sn cllegati ce in figura. Le carrucle e le funi sn ideali. Quali valri può assuere il cefficiente di attrit static µ s fra tavl e crp di assa affinchè nn si uva? Calclare l accelerazine dei due crpi ed 3 quand è sddisfatta la cndizine di cui al punt a). In assenza di attrit fra il tavl ed, calclare l accelerazine dei crpi, ed 3. [ kg; kg; 3 3 kg] Suggerient: scrivere l equazine di equilibri per e quella per il t di ed 3. 3

21 Sluzine: T V N F a gs U T Q T 3gR W T gx Diagrai di crp liber. a) e b) Cndizine di equilibri di : gµ s Le accelerazini di ed 3 hann sa nulla, per cui le equazini del t di ed 3 si pssn scrivere in terini della sla accelerazine a di 3 : T T T 3 g a 3 g ( a) ciè: T 3g 3a g T a dve l asse verticale del riferient è rientat vers l alt. L accelerazine di 3 vale: a 3 g 3 - /s (vers il bass). Tensine della fune che lega ed 3 : T ( g a) 3 g 3 3 3,5 N Cefficiente di attrit static: µ s T g c) In assenza di attrit, sian a, a e a 3 le accelerazini delle tre asse in un riferient inerziale. Vale allra:,5

22 \ a T 3 3 ( a a) ( a a ) T g T g 3 a a e a a 3 sn le accelerazini delle asse ed 3 nel riferient slidale cn la secnda carrucla, riferient in cui è valid il calcl precedente, nnchè la cndizine: ( ) a a a a 3 che in precedenza ci ha cnsentit di scrivere le equazini del t di ed 3 in terini della sla accelerazine di 3. Eliinand le tensini delle crde, si ttiene: Quindi, rislvend il sistea si trva: a a a3 a a g 3 a 3a 3 3 g a a a 3 43 g ( ) ( ) 4 ( 3 ) ( ) 4 ( ) a 4,7 /s, a -,7 /s, a 3-6,7 /s ( si uve in avanti, ed 3 vers il bass). Si nti che nel riferient nn inerziale slidale cn la carrucla bile (che scende), le accelerazini di ed 3 hann l stess dul ( /s ), a 3 scende ed sale. g g Prblea 8 Si ricrdi che se ay I è l accelerazine di un crp rispett ad un riferient inerziale, la sua accelerazine un riferient nn inerziale di accelerazine a[ t è data da: a \ NI ai a\ t. az NI rispett ad

23 Nel dispsitiv scheatizzat in figura, il crp A (di assa A ), pggiat su un pian rizzntale lisci, è cllegat da un fil inestensibile al crp B (di assa B ) ed è saldat all estreità di una lla di cstante elastica k. L altra estreità della lla è fissata ad un ganci slidale cn il pian e le asse del fil, della lla e della carrucla sn trascurabili rispett a quelle dei crpi A e B. Il crp B viene abbassat lung la verticale, rispett alla sua psizine di equilibri e lasciat liber di uversi. Calclare: di quant si è allungata la lla nella psizine di equilibri del sistea; l equazine del t del sistea frat dalle due asse; il perid delle scillazini cpiute dal sistea (sia di A che di B). [ A kg; B kg; k N/] Suggerient: si scrivan le equazini del t di A ed B, usand ad esepi la variabile x ce spstaent generic della assa B dalla sua psizine di equilibri. A B Sluzine: a N F _ e A ] g T` T b B^ g Diagraa di crp liber per A e B. a) dett x l allungaent della lla, la cndizine di equilibri è k x B g, da cui: B g x 9,8 c. k b) le equazini del t di ciascuna assa sn:

24 T Bg T( x) Ba( x) ( x) kx a( x) A vver T d x g T( x) B dt d x kx A dt B ( x) per cui l equazine glbale del sistea, in funzine dell allungaent della lla, è: d x k dt x B g A B la cui sluzine è un t arnic. Si nti che la variabile x descrive le scillazini sia di A che di B attrn alle rispettive psizini di equilibri. c) il perid dell scillatre è: A B T π,9 s k A B Prblea riepilgativ Un autbtte di assa a vut M trasprta una assa di acqua distillata lung tratt di autstrada pian e rettiline, senza vent. La velcità dell autbtte è inizialente v e la frza di attrit static agente sulle sue rute in direzine e vers della velcità è f s. Ad un tratt sul fnd del cassne si apre una piccla crepa attravers cui l acqua cade al sul, staccandsi dal cassne cn velcità relativa ad ess perpendiclare alla strada. La perdita è di k litri di acqua al inut. L autista del cain, ignar della perdita, tiene fer il piede sull acceleratre, per cui la frza di attrit static riane cstante. A quale velcità si trverà il cain dp un tep t dall inizi della perdita? [f s N; 3 kg; k, l/in; ρ (H O) kg/d 3 ; M 8 kg; v 7 k/h; t 5 ]

25 d c c d Sluzine: Fissia un riferient slidale cn la strada che abbia l asse x lung l autstrada nel vers della velcità dell autbtte, e l asse y verticale dirett vers l alt. Pria che si apra la crepa, si ha sepliceente una assa M che si uve a velcità cstante, sggetta lung l asse delle ascisse alle sle frze f s ed attrit viscs dell aria. Queste due frze devn vviaente bilanciarsi, per cui il cefficiente d attrit viscs β del cain nell aria è dat da: ciè: d ( M ) f s βv dt x f s β,5 kg/s v Quand si apre la crepa, l autbtte perde, in un intervall di tep infinitesi dt, la quantità di t v kdt e la assa kdt. In frula: ( kdt) v ( t dt) ( M ) v ( t) kdtv ( t) M Perciò la nuva velcità dell autbtte (al tep t dt) è: ( M kdt) v ( t) ( M kdt) v ( t dt) ciè la velcità riane inalterata, e l accelerazine è nulla, anche se il cain perde quantità di t. Il prblea può anche essere rislt utilizzand la fra generale della secnda legge della dinaica, valida per sistei a assa variabile: Fc a dve (t) è la assa dell autbtte al tep t dall inizi della perdita, e la frza ttale agente sull autbtte è: d dt v ( f s βv) x f a F ˆ e cn f a frza di reazine esercitata dall acqua sul cain.

26 Nel riferient slidale cn l autbtte, la frza di reazine è verticale, per cui nn influenza la cpnente rizzntale del t. Inltre, in tale riferient v, quindi: (anche a è nulla, a è sl la frza fittizia). La cndizine iniziale è v f s βv f s β, per cui inizialente a(). Ma v ( dt) v a( ) v f s βv( dt) f s βv v nn cabia, e a( dt) t resta unifre cn velcità v. a, ciè, vale a dire che a riane nulla. Quindi il

27 III - Lavr ed energia. Cnservazine dell energia. Il lavr W cpiut da una frza F variabile che agisce su un punt ateriale spstandl da un punt A ad un punt B lung una linea γ è dat da: B W F dl A,γ dve dl è l spstaent infinitesi lung il percrs della particella. L energia cinetica di una particella di assa che si uve cn velcità v è data da: Ec v Il terea dell energia cinetica affera che il lavr ttale cpiut su un punt ateriale dalla frza risultante per spstarl da un punt A ad un punt B è uguale alla variazine di energia cinetica del punt ateriale: W v B v A E c Il lavr fatt da una frza cnservativa su di una particella dipende sl dai due punti di partenza e di arriv e nn dal cain percrs dalla particella. Il lavr fatt da una frza cnservativa è recuperabile, csa che nn è vera per una frza nn cnservativa, ce l attrit. Assciat ad una frza cnservativa si intrduce il cncett di variazine di energia ptenziale. Stt l azine di una frza cnservativa F si definisce la variazine di energia ptenziale ce l ppst del valre del lavr cpiut dalla frza: E E E F dl p pb pa Sl le variazini dell E p sn significative dal punt di vista della fisica, per cui si può sstituire E p (x) cn E p (x) C, cn C cstante arbitraria, gni vlta che cnviene. Quand agiscn sl frze cnservative, l energia eccanica ttale E, definita ce la sa delle energie cinetica e ptenziale, si cnserva: E E E cstante. c p Se agiscn anche frze nn cnservative, entran in gic altri tipi di energia. Quand si includn tutte le fre d energia, l energia si cnserva sepre (legge di cnservazine dell energia). Esepi di frze cnservative per le quali si parla di energia ptenziale sn: frza pes e sua energia ptenziale. Quest ultia vale gy per una particella psta ad un altezza y al di spra di un riferient rizzntale scelt ad arbitri. B A

28 Frza elastica ( F kx );energia ptenziale elastica E p /kx per una lla cn cstante elastica k, allungata cpressa di una lunghezza x rispett alla psizine di rips. Frza gravitazinale (descritta dalla legge di gravitazine universale di Newtn).L energia ptenziale di una particella di assa dvuta alla frza gravitazinale esercitata su di essa dalla Terra è data da: E p ( r) M γ r dve M T è la assa della Terra ed r la distanza della particella dal centr della Terra (r>raggi della Terra). E p ( ) è il riferient di zer per E p. T Prblea Un punt ateriale di assa scende (partend da fer) lung la saga in figura, che è pprtunaente raccrdata nel punt B in d che la velcità del punt ateriale in B cabi in direzine a nn in dul. Il cefficiente di attrit dinaic tra punt ateriale e piani vale µ d. Sapend che la velcità nel tratt BC è cstante: Quant tep ipiega il punt ateriale per scendere da A a C? Quant vale il lavr cpiut dalla frza di attrit? Rislvere la parte b) sia usand la definizine di lavr, sia ricrdand che il lavr cpiut dalla frza di attrit è uguale alla variazine dell energia eccanica tra A e B. [AB BC l ; α 3 ; µ d 3 ; g 9,8 /s ;,5 kg] A α l B β l C Sluzine:

29 Innanzi tutt calclia β. Pichè la velcità nel tratt BC è cstante, la frza di attrit uguaglia la cpnente del pes parallela a BC: Da cui: µ gsinβ g cs β d tg β µ d a) L accelerazine della assa nel tratt da A a B è data da: Quindi il tep richiest da A a B è: ( α µ sinα) g a cs 5,8 /s. d l l t,8 s a ( csα µ d sin α)g entre in B la velcità è: v B at 4,6 /s. Il tep t ipiegat per percrrere BC è l/ v B,4 s, quindi il tep ttale t t è t t t t,s. b)il lavr cpiut dalla frza di attrit è: W µ d g( sin α sinβ )l 7,7 J Oppure, il lavr cpiut dalla frza di attrit si può ttenere dalla variazine dell energia eccanica: W E gl( csα cs β ) vb 7,7 J, gl è l energia ptenziale del punt A rispett al punt C. Si nti che nel tratt BC varia sl l energia ptenziale. dve ( cs α csβ ) Prblea Un cavall tira una slitta su una strada ripida, cperta di neve. La slitta ha una assa ed il cefficiente di attrit dinaic fra la slitta e la neve è µ d. Se il cavall tira parallelaente alla superficie della strada ed erga una ptenza P: quant vale la velcità (cstante) assia v ax cn cui il cavall riesce a tirare la slitta? Che frazine della ptenza del cavall viene spesa per cpiere lavr cntr la frza d attrit? Che frazine viene spesa per cpiere lavr cntr la frza di gravità? 3

1. CORRENTE CONTINUA

1. CORRENTE CONTINUA . ONT ONTNUA.. arica elettrica e crrente elettrica e e e e P N NP e e arica elementare carica dell elettrne,6 0-9 Massa dell elettrne m 9, 0 - Kg L atm è neutr. Le cariche che pssn essere spstate nei slidi

Dettagli

Per risolvere le equazioni alle differenze si può utilizzare il metodo della Z-trasformata.

Per risolvere le equazioni alle differenze si può utilizzare il metodo della Z-trasformata. 8.. STRUMENTI MATEMATICI 8. Equazini alle differenze. Sn legami statici che legan i valri attuali (all istante k) e passati (negli istanti k, k, ecc.) dell ingress e k e dell uscita u k : u k = f(e 0,

Dettagli

La retta è il luogo geometrico dei punti che soddisfano la seguente relazione

La retta è il luogo geometrico dei punti che soddisfano la seguente relazione RETTE Definizine intuitiva La retta linea retta è un dei tre enti gemetrici fndamentali della gemetria euclidea. Viene definita da Euclide nei sui Elementi cme un cncett primitiv. Un fil di ctne di spag

Dettagli

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II Università degli Studi di Lecce Facltà di Ingegneria Infrmatica N.O. A.A. /4 esina Esame di Elettrnica Analgica II Studentessa: Laura Crchia Dcente: Dtt. Marc Panare INDICE Presentazine del prgett del

Dettagli

Abstract: una versione sintetica della tua relazione. Il lavoro di ricerca e progettazione svolto prima di cominciare gli esperimenti.

Abstract: una versione sintetica della tua relazione. Il lavoro di ricerca e progettazione svolto prima di cominciare gli esperimenti. COME SCRIVERE LA RELAZIONE DEL PROGETTO La tua relazine finale deve includere le seguenti sezini: Titl Abstract: una versine sintetica della tua relazine. Indice. Dmanda, variabili e iptesi. Il lavr di

Dettagli

Misure elettriche circuiti a corrente continua

Misure elettriche circuiti a corrente continua Misure elettriche circuiti a corrente continua Legge di oh Dato un conduttore che connette i terinali di una sorgente di forza elettrootrice si osserva nel conduttore stesso un passaggio di corrente elettrica

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

CompitoTotale_21Feb_tutti_2011.nb 1

CompitoTotale_21Feb_tutti_2011.nb 1 CopitoTotale_2Feb_tutti_20.nb L Sia data una distribuzione di carica positiva, disposta su una seicirconferenza di raggio R con densità lineare di carica costante l. Deterinare : al l espressione del capo

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

Confronto fra valore del misurando e valore di riferimento (1 di 2)

Confronto fra valore del misurando e valore di riferimento (1 di 2) Confronto fra valore del isurando e valore di riferiento (1 di 2) Talvolta si deve espriere un parere sulla accettabilità o eno di una caratteristica fisica del isurando ediante il confronto fra il valore

Dettagli

Sistemi materiali e quantità di moto

Sistemi materiali e quantità di moto Capitolo 4 Sistemi materiali e quantità di moto 4.1 Impulso e quantità di moto 4.1.1 Forze impulsive Data la forza costante F agente su un punto materiale per un intervallo di tempo t, si dice impulso

Dettagli

Aggiornamento remoto della chiave hardware

Aggiornamento remoto della chiave hardware AMV S.r.l. Via San Lrenz, 106 34077 Rnchi dei Leginari (Grizia) Italy Ph. +39 0481.779.903 r.a. Fax +39 0481.777.125 E-mail: inf@amv.it www.amv.it Cap. Sc. 10.920,00 i.v. P.Iva: IT00382470318 C.F. e Iscriz.

Dettagli

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO 3) MECCANSM D RLASSAMENTO nuclei eccitati tendn a cedere l'energia acquisita ed a ritrnare nella "psizine" di equilibri. meccanismi del rilassament sn mlt cmplessi (sprattutt nei slidi) e pssn essere classificati

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE

I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE La direttiva Servizi mira a ffrire ai cnsumatri più scelta, più qualità e un access più facile ai servizi in tutt il territri dell UE PERCHÉ LE NUOVE NORME

Dettagli

Cos è il Master Essere HR Business Partner?

Cos è il Master Essere HR Business Partner? Cs è il Master Essere HR Business Partner? Un percrs che aiuta i prfessinisti HR ad andare ltre in termini di autrevlezza e fcalizzazine sul cliente e sui risultati. Quali biettivi permette di raggiungere?

Dettagli

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO Riepilg dcumentazine 1 2 Istanza di autrizzazine all scaric in crp idric

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

1. Microsoft Power Point: costruire una presentazione

1. Microsoft Power Point: costruire una presentazione Dtt. Pal Mnella Labratri di Infrmatica Specialistica per Lettere Mderne 2 semestre, A.A. 2009-2010 Dispensa n. 3: Presentazini Indice Dispensa n. 3: Presentazini...1 1. Micrsft Pwer Pint: cstruire una

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

La probabilità di avere non più di un maschio, significa la probabilità di averne 0 o 1: ( 0) P( 1)

La probabilità di avere non più di un maschio, significa la probabilità di averne 0 o 1: ( 0) P( 1) Esercizi sulle distribuzioni binoiale e poissoniana Esercizio n. Una coppia ha tre figli. Calcolare la probabilità che abbia non più di un aschio se la probabilità di avere un aschio od una feina è sepre

Dettagli

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi.

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi. LAVORO ED ENERGIA TORNA ALL'INDICE Quando una forza, applicata ad un corpo, è la causa di un suo spostamento, detta forza compie un lavoro sul corpo. In genere quando un corpo riceve lavoro, ce n è un

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto.

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto. Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. Indice 1 Quantità di moto. 1 1.1 Quantità di moto di una particella.............................. 1 1.2 Quantità

Dettagli

MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE)

MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE) MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE) "per la nzine di "industria" ai fini del trattament di cig ccrre fare riferiment alla legge 9 marz 1989 n. 88

Dettagli

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE ROTOLA

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE ROTOLA 0. IL OETO D IERZIA GIRO DELLA ORTE ER U CORO CHE ROTOLA ell approfondimento «Giro della morte per un corpo che scivola» si esamina il comportamento di un punto materiale che supera il giro della morte

Dettagli

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto.

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto. Esercizio 1 Una pietra viene lanciata con una velocità iniziale di 20.0 m/s contro una pigna all'altezza di 5.0 m rispetto al punto di lancio. Trascurando ogni resistenza, calcolare la velocità della pietra

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO Breve descrizione del problema trattato

RELAZIONE PROGETTO Breve descrizione del problema trattato RELAZIONE PROGETTO Irene Maria Girnacci Fndamenti di prgrammazine I ann laurea triennale Breve descrizine del prblema trattat Il prblema assegnat cnsiste nell svilupp di una agenda elettrnica, cmpsta da

Dettagli

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica Potenziale Elettrico Q V 4pe 0 R Q 4pe 0 r C R R R r r B q B r A A independenza dal cammino Superfici Equipotenziali Due modi per analizzare i problemi Con le forze o i campi (vettori) per determinare

Dettagli

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA 8. LA CONSERVAZIONE DELL ENERGIA MECCANICA IL LAVORO E L ENERGIA 4 GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA Il «giro della morte» è una delle parti più eccitanti di una corsa sulle montagne russe. Per

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER PRIVATI

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER PRIVATI Md. 1 - Privati D.P.G.R n in data Eventi eccezinali del/dal..al (gg/mese/ann). MODULO PER PRIVATI Cn il presente mdul pssn essere segnalate anche vci di dann nn ricmprese nella LR 4/97 Da cnsegnare al

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

Chi è il soggetto che procede ad erogare il servizio di scambio sul posto? Quali sono i vantaggi di aderire al regime di scambio sul posto?

Chi è il soggetto che procede ad erogare il servizio di scambio sul posto? Quali sono i vantaggi di aderire al regime di scambio sul posto? Mdalità di access alla cnvenzine (13) Csa si intende per servizi di scambi sul pst? L scambi sul pst [Deliberazine ARG/elt 74/08, Allegat A Test integrat dell scambi sul pst (TISP)], è un meccanism che

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI

SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI Una spina elettrica è un cnnettre elettric che può essere inserit in una presa di crrente cmplementare. Per mtivi di sicurezza, il lat cstantemente stt tensine è sempre

Dettagli

Impianti di Condizionamento: Impianti a tutt'aria e misti

Impianti di Condizionamento: Impianti a tutt'aria e misti Facoltà di Ingegneria - Polo di Rieti Corso di " Ipianti Tecnici per l'edilizia" Ipianti di Condizionaento: Ipianti a tutt'aria e isti Prof. Ing. Marco Roagna INTRODUZIONE Una volta noti i carichi sensibili

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

Dai numeri naturali ai numeri reali

Dai numeri naturali ai numeri reali .1 Introduzione Dai nueri naturali ai nueri reali In questa unità didattica vogliao riprendere rapidaente le nostre conoscenze sugli insiei nuerici (N, Z e Q), e successivaente apliarle a coprendere i

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Forza Exercise 1. Se un chilogrammo campione subisce un accelerazione di 2.00 m/s 2 nella direzione dell angolo formante

Dettagli

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE Consideriamo adesso un corpo esteso, formato da più punti, e che abbia un asse fisso, attorno a cui il corpo può ruotare. In questo caso l

Dettagli

Dati dai questionari. Report preliminare. Maggio 2015

Dati dai questionari. Report preliminare. Maggio 2015 Dati dai questinari Reprt preliminare Maggi 2015 Dati Scule Regine Abruzz 3,9% 16 Basilicata 0,5% 2 Calabria 2,4% 10 Campania 3,9% 16 Emilia Rmagna 4,6% 19 Friuli Venezia Giulia 3,4% 14 Lazi 4,1% 17 Liguria

Dettagli

TRASFORMAZIONI: DALL UVA AL VINO

TRASFORMAZIONI: DALL UVA AL VINO Scuola elementare istituto comprensivo Adro Classi seconde a.s. 2003 2004 TRASFRMAZINI: DALL UVA AL VIN BIETTIV: sservare, porre domande, fare ipotesi e verificarle. Riconoscere e descrivere fenomeni del

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

MACCHINE ELETTRICHE. Stefano Pastore. Macchine in Corrente Continua

MACCHINE ELETTRICHE. Stefano Pastore. Macchine in Corrente Continua MACCHINE ELETTRICHE Mahine in Corrente Continua Stefano Pastore Dipartiento di Ingegneria e Arhitettura Corso di Elettrotenia (IN 043) a.a. 2012-13 Statore Sistea induttore (Statore): anello in ghisa o

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Understanding VMware HA. Le meccaniche di ridondanza dei cluster VMware vsphere (v5.x)

Understanding VMware HA. Le meccaniche di ridondanza dei cluster VMware vsphere (v5.x) Understanding VMware HA Le meccaniche di ridndanza dei cluster VMware vsphere (v5.x) 1 «Chi sn?» Rcc Sicilia, IT Manager e Virtualizatin Architect. Attualmente sn respnsabile del team di Design di un System

Dettagli

Figura 4. Conclusione

Figura 4. Conclusione Forza di Coriolis La forza di Coriolis é una forza che si manifesta su un corpo all interno di un sistema di riferimento (SDR) rotante, quale la terra che ruota su se stessa, quando il corpo stesso si

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME 6. IL CONDNSATOR FNOMNI DI LTTROSTATICA MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO LTTRICO UNIFORM Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice

Dettagli

Silk Enterprise Content Management Collaboration, content, people, innovation.

Silk Enterprise Content Management Collaboration, content, people, innovation. Cllabratin, cntent, peple, innvatin. The Need fr an Enterprise Cntent Management System In un mercat knwledge riented, estremamente cmpetitiv e dinamic, le Imprese di success sn quelle che gestiscn in

Dettagli

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo.

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo. Lavoro ed energia 1. Forze conservative 2. Energia potenziale 3. Conservazione dell energia meccanica 4. Conservazione dell energia nel moto del pendolo 5. Esempio: energia potenziale gravitazionale 6.

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI Prof. Euro Sampaolesi IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE Le linee del magnete-terra escono dal Polo geomagnetico Nord ed entrano nel

Dettagli

Manuale Amministratore. Edizione Ottobre 2008

Manuale Amministratore. Edizione Ottobre 2008 Manuale Amministratre Edizine Ottbre 2008 Manuale Amministratre PaschiInTesreria - Ottbre 2008 INDICE 1. Intrduzine 3 2. Access Amministratre 4 3. Funzini Amministrative 6 3.1. Gestine Azienda 6 3.2. Gestine

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

1 Introduzione alla dinamica dei telai

1 Introduzione alla dinamica dei telai 1 Introduzione alla dinamica dei telai 1.1 Rigidezza di un telaio elementare Il telaio della figura 1.1 ha un piano solo e i telai che hanno un piano solo, sono chiamati, in questo testo, telai elementari.

Dettagli

Sconti e agevolazioni speciali in CONVENZIONE em.01 14

Sconti e agevolazioni speciali in CONVENZIONE em.01 14 Sigeim Energia srl Ftvltaic Veicli elettrici Batterie slari Scnti e agevlazini speciali in CONVENZIONE em.01 14 Negli ultimi 6 anni la Sigeim Energia si è dedicata alla prgettazine e installazine di impianti

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

rigenerazione urbana volti a promuovere la riqualificazione Pulsano, viale dei Micenei n.70. PREMESSA

rigenerazione urbana volti a promuovere la riqualificazione Pulsano, viale dei Micenei n.70. PREMESSA RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Prgett di un intervent sit in Pulsan, lc. La Fntana, viale dei Micenei n.70 inserit nei prgrammi integrati di rigenerazine urbana vlti a prmuvere la riqualificazine di città

Dettagli

r~~f~~. --r-~r-r ---- _[::=_~- r-l

r~~f~~. --r-~r-r ---- _[::=_~- r-l In tutti i problei si userà coe velocità del suono in aria il valore 340 /s (valido per una teperatura dell'aria di circa 18 C), salvo diversa indicazione. La propagazione ondosa La figura seguente ostra

Dettagli

Precorsi 2014. Fisica. parte 1

Precorsi 2014. Fisica. parte 1 Precorsi 2014 Fisica parte 1 Programma ministeriale per il test Grandezze fisiche Una grandezza fisica è una caratteristica misurabile di un entità fisica. Sono grandezze fisiche: velocità, energia di

Dettagli

Soci. Posteggio barche/canoa. Categoria Socio Tassa base Uso barche Uso natante Uso tutto. Socio attivo 150 350 550 800

Soci. Posteggio barche/canoa. Categoria Socio Tassa base Uso barche Uso natante Uso tutto. Socio attivo 150 350 550 800 TARIFFARIO 2015 Valid dal 01.02.2015 Sci Categria Sci Tassa base Us barche Us natante Us tutt Psteggi barche/cana Sci attiv 150 350 550 800 Sci attiv famiglia 160 400 600 800 Sci attiv Junir 50 *1) 100

Dettagli

VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808

VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808 VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808 L ann duemilaundici il girn 11 del mese di Aprile alle re 10:00, press la sede della

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

CONTENUTO INTRODUZIONE. Descrizione della piattaforma Servizio di ricezione di dati Servizio di trading Materiale di supporto.

CONTENUTO INTRODUZIONE. Descrizione della piattaforma Servizio di ricezione di dati Servizio di trading Materiale di supporto. CONTENUTO INTRODUZIONE Descrizine della piattafrma Servizi di ricezine di dati Servizi di trading Materiale di supprt INIZIARE A LAVORARE CON VISUAL CHART V Requisiti del sistema Cme ttenere i dati di

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN. Formatore Multimediale

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN. Formatore Multimediale UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN Frmatre Multimediale METODOLOGIA METACOGNITIVA DEI SISTEMI INTEGRATI PER LA GESTIONE DELL APPRENDIMENTO E DELLA

Dettagli

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Forze conservative Esercizio Una pallina di massa m = 00g viene lanciata tramite una molla di costante elastica = 0N/m come in figura. Ammesso che ogni attrito

Dettagli

Progettare l ambiente di apprendimento. Valorizzare l esperienza e le conoscenze degli alunni

Progettare l ambiente di apprendimento. Valorizzare l esperienza e le conoscenze degli alunni Rendiam prduttive le riunini Per prgettare un mdell di scula: un apprcci culturale e filsfic un elabrazine pedaggica una prgettazine didattica frti cnscenze disciplinari L autnmia è: respnsabilità innvazine

Dettagli

Nota metodologica Strategia di campionamento e livello di precisione dei risultati

Nota metodologica Strategia di campionamento e livello di precisione dei risultati Nota etodologica Strategia di capionaento e livello di precisione dei risultati 1. Obiettivi conoscitivi La popolaione di interesse dell indagine in oggetto, ossia l insiee delle unità statistiche intorno

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DATALOG ITALIA SRL LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE La Finanziaria 2008 ha stabilit che la fatturazine nei cnfrnti delle amministrazini dell stat debba avvenire esclusivamente

Dettagli

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE")

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC DERIVE) F U N Z I O N I E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE") I N D I C E Funzioni...pag. 2 Funzioni del tipo = Kx... 4 Funzioni crescenti e decrescenti...10

Dettagli

EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA?

EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA? Analysis N. 284, Aprile 2015 EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA? Stefan M. Trelli La tragedia avvenuta nel Canale di Sicilia, cn circa 700 persne che si teme abbian pers

Dettagli

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGICO ALLETTATO

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGICO ALLETTATO PREVENZIONE EL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGIO ALLETTATO 1. Intrduzine ed biettivi 3 2 Sinssi delle raccmandazini 4 3. Ictus cerebri ischemic acut 10 3.1 Prfilassi meccanica 10 3.2 Prfilassi

Dettagli

9. Urti e conservazione della quantità di moto.

9. Urti e conservazione della quantità di moto. 9. Urti e conservazione della quantità di moto. 1 Conservazione dell impulso m1 v1 v2 m2 Prima Consideriamo due punti materiali di massa m 1 e m 2 che si muovono in una dimensione. Supponiamo che i due

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Alto Apprendistato 2011-2013

Alto Apprendistato 2011-2013 Alt Apprendistat 2011-2013 Dcente: 2010 - CEFRIEL The present riginal dcument was prduced by CEFRIEL fr the benefit and

Dettagli

Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2014/2015. Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologie Quantitative

Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2014/2015. Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologie Quantitative Università degli Studi di Messina Ann Accademic 2014/2015 Dipartiment di Scienze Ecnmiche, Aziendali, Ambientali e Metdlgie Quantitative I MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN ECONOMIA BANCARIA E FINANZIARIA

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

PRINCIPIO DI INDUZIONE. k =. 2. k 2 n(n + 1)(2n + 1) 6

PRINCIPIO DI INDUZIONE. k =. 2. k 2 n(n + 1)(2n + 1) 6 PRINCIPIO DI INDUZIONE LORENZO BRASCO Esercizio. Diostrare che per ogni n si ha nn. 2 Esercizio 2. Diostrare che per ogni n si ha 2 2 nn 2n. Soluzione Procediao per induzione: la 2 è ovviaente vera per

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli