Comune di Passignano sul Trasimeno. Redazione PRG ex LR 11/2005 RELAZIONE GEOLOGICA GEOLOGO. Dott. Geol. Luca Castellani.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Passignano sul Trasimeno. Redazione PRG ex LR 11/2005 RELAZIONE GEOLOGICA GEOLOGO. Dott. Geol. Luca Castellani."

Transcript

1 Comune di Passignano sul Trasimeno Redazione PRG ex LR 11/2005 GEOLOGO Dott. Geol. Luca Castellani.

2 Claudio Bellaveglia Sindaco Ermanno Rossi Assessore all'urbanistica Ing. Gianluca Pierini Responsabile Area Tecnica Responsabile del Procedimento RTP Consulenza generale Arch. Bruno Mario Broccolo Arch. Alessandra Guidotti Arch. Valerio Marino Arch. Roberta Albi Arch. Maria Rosaria Vitiello Studio Hyla Consulenza specialistica per la parte ambientale Dott. Cristiano Spilinga Dott.ssa Silvia Carletti Studio Sisti Consulenza specialistica per la parte agronomica Lithos Studio di Geologia Consulenza specialistica per la parte geologica Geol. Luca Castellani 2

3 1. PREMESSA Su incarico dell Amministrazione Comunale di Passignano sul Trasimeno è stato eseguito uno studio geologico, geomorfologico ed idrogeologico a supporto del Piano Regolatore Comunale Parte Strutturale. 2. GENERALITA 2.1. NORMATIVA DI RIFERIMENTO Il presente studio geologico è stato eseguito secondo la vigente normativa di riferimento nazionale, regionale e provinciale. In particolare si riportano di seguito i principali riferimenti normativi: D.G.R. 19 maggio 1982 n Criteri relativi al tipo, ampiezza di studio ed indagini di carattere geologico e geotecnico da effettuare sia per Ia formazione degli strumenti urbanistici generali che per quelli attuativi"; D.G.R. 18 giugno 1988 n "Direttive e criteri metodologici di carattere geologico-tecnico per le indagini da eseguire a corredo dei piani urbanistici di grado subordinato"; L.R. 10 aprile 1995 n. 28 "norme in materia di strumenti di pianificazione territoriale urbanistica"; L.R. 21 ottobre 1997 n. 31 "disciplina della pianificazione urbanistica comunale "; L.R. 24 marzo 2000 n. 27 "Piano Urbanistico Territoriale"; D.G.R. 18 giugno 2003 n. 852 "Approvazione classificazione sismica del territorio regionale dell Umbria"; L.R. 22 febbraio 2005 n. 11 "norme in materia di governo del territorio pianificazione urbanistica comunale"; Piano Stralcio di Assetto Idrogeologico Norme - Autorità di Bacino del Fiume Tevere Piano adottato con modifiche ed integrazioni dal Comitato Istituzionale con delibera n. 114 del 5 aprile 2006; D.G.R. 28 aprile 2008 n. 447 Piano di bacino del Fiume Tevere Stralcio per assetto idrogeologico - PAI- Disposizioni regionali per l'attuazione del Piano"; D.G.R. 8 marzo 2010 n. 377 "Criteri per l esecuzione degli studi di microzonazione sismica" METODOLOGIA D INDAGINE Lo studio geologico è stato condotto secondo le seguenti fasi schematiche: Consultazione della bibliografica testuale e cartografica; Rilevamento geologico-geomorfologico dell area; Rilevamento idrogeologico; 3

4 Redazione delle carte di sintesi allegate alla presente ELENCO PRINCIPALE BIBLIOGRAFIA Si sono reperite pubblicazioni eseguite da Enti Pubblici e studi territoriali tematici (geologia, geomorfologia, idrogeologia): CARTA GEOLOGICA D ITALIA FOGLIO 122 Perugia SCALA 1: ; CARTA GEOLOGICA D ITALIA FOGLIO 131 Passignano sul Trasimeno SCALA 1:50.000; PIANO URBANISTICO TERRITORIALE REGIONE DELL'UMBRIA; PTCP PROVINCIA DI PERUGIA; P.A.I. PIANO DI ASSETTI IDROGEOLOGICO AUTORITA DI BACINO DEL F. TEVERE; PROGETTO IFFI (INVENTARIO FENOMENI FRANOSI ITALIANI) - APAT-ISPRA; REGIONE UMBRIA CARTE DI PERICOLOSITA SISMICA, SEZIONI , , , , , ; Regione Umbria, Arpa Umbria, Gli acquiferi nel bacino del Lago Trasimeno, analisi delle caratteristiche idrogeologiche e idrogeochimiche per la valutazione dei rapporti con il corpo idrico lacustre e l identificazione di criticità ambientali; Massimiliano Barchi, La lunga storia del Lago Trasimeno: da golfo tirrenico a lago intramontano (atti del convegno Il Lago Trasimeno: un archivio dei cambiamenti geologici ed ambientali del Quaternario, Passignano 17 ottobre 2012) 2.4. INQUADRAMENTO TERRITORIALE Il comune di Passignano sul Trasimeno è posto nella porzione occidentale della Regione Umbria e confina con i Comuni di Tuoro sul Trasimeno, Lisciano Niccone, Umbertide, Magione. La cartografia interessata viene di seguito riassunta: CARTA IGM FOGLIO 122 Perugia TAV. 122 IV SE SCALA 1:25.000; CARTA IGM FOGLIO 122 Perugia TAV. 122 IV SO SCALA 1:25.000; CARTA TECNICA REGIONALE NUMERICA (CTRN) SCALA 1: SEZIONI: ; ; ; ; ;

5 2.5. MODALITA DI ESECUZIONE DEL RILIEVO GEOLOGICO, GEOMORFOLOGICO ED IDROGEOLOGICO La fase di reperimento e di studio dei dati bibliografici è stata seguita da rilevamento geologicogeomorfologico ed idrogeologico dell intero territorio comunale; si sono esaminati tutti i litotipi affioranti, l assetto giaciturale e stratigrafico, le instabilità gravitative. 1: Detto rilievo ha portato alla realizzazione delle carte geologiche e geomorfologiche alla scala Per poter determinare la vulnerabilità degli acquiferi nelle zone pedemontane e vallive, si sono utilizzati i dati del rilevamento geologico definendo insiemi litotecnici significativi per la determinazione della classe di permeabilità dei terreni. A questa prima fase è seguito un rilievo idrogeologico per la ricerca e la misura di pozzi e sorgenti accessibili: ciò ha permesso la misura della profondità della falda idrica e la relativa elaborazione grafica di sintesi. Lo scopo essenziale del rilievo di base geologico, geomorfologico e idrogeologico è la redazione delle carte derivate alla scala 1:10.000, indispensabili per una corretta valutazione ambientale - urbanistica del territorio. Tali carte sono: Carta dello zoning geologico-tecnico; Carte della pericolosità sismica locale. La carta dello zoning geologico-tecnico riassume tutte le valutazioni geologiche, geomorfologiche, idrogeologiche ed idrauliche, identificando in modo graficamente chiaro ed univoco il grado di pericolosità del territorio comunale. La carta della pericolosità sismica locale è invece la sintesi delle aree soggette ad amplificazione od instabilità dinamica locale. In sintesi di seguito si l elenco della cartografia allegata alla presente Relazione Geologica (in accordo alle raccomandazioni della DGR 377/2010): 1) carta geologica; 2) carta geomorfologica; 3) carta litotecnica; 4) carta idrogeologica e di vulnerabilità degli acquiferi e rischio idraulico; 5) carta della propensione al dissesto; 5

6 6) carta della pericolosità sismica (amplificazioni); 7)carta dello zoning geologico-tecnico. 3. CARTA GEOLOGICA Il territorio comunale (ed il bacino del Trasimeno in generale) è caratterizzato da due principali gruppi formazionali: terreni neogenici di facies fluvio-iacustre (attuali e pleistocenici), terreni emipelagici deii'unita FaIterona Trasimeno, appartenenti alla falda Toscana ("FaIda del Trasimeno", cfr. Lavecchia et alii, 1987). II bacino del Trasimeno è infatti tettonicamente caratterizzato dalla sovrapposizione della serie Toscana sulla serie Umbro Marchigiana. È possibile a sua volta caratterizzare l'unita Falterona-Trasimeno in due distinte entità formazionali: la Scaglia Toscana o "Unità o Insieme VaricoIore" (conosciute anche come Argille Varicolori, Scisti Policromi, Marne di Pieve Pelago, ecc.); le Arenarie del Trasimeno. 3.1 La scaglia Toscana (Eocene inf.- Cattiano inf.) Cattiano inf.). I terreni più antichi del territorio comunale sono rappresentati dalla Scaglia Toscana (Eocene inf.- La particolarità geologica di tale unità nel territorio di Passignano sul Trasimeno oltre che nella sua età risiede nel fatto di rappresentare l unica formazione a litotipi calcarei in un ambiente essenzialmente torbiditico (arenaceo). Tale unità, (Eocene inf.- Oligocene sup.), appartiene, come comunemente accettato in letteratura, alla Successone Toscana periferica interna e costituisce la base delle torbiditi toscane sovrascorse tettonicamente sulla successione Umbra. L età dei Varicolori diminuisce progressivamente spostandoci verso Est, indicando lo spostamento verso E del bacino di sedimentazione 6

7 La spiegazione del processo genetico dell unità è storicamente assai dibattuta. Lo scrivente abbraccia l ipotesi che la Scaglia Toscana o "Scisti Varicolori" sia stratigraficamente alla base del "Macigno" e che l'attuale assetto strutturale sia imposto da una tettonica compressiva, (sovrascorrimenti) e quindi di ripetizioni della successione stratigrafica (Pazzini P., 1959; Nocchi M.,1961). L'insieme Varicolore viene solitamente identificato in tre unità litostratigrafiche sovrapposte, distinguibili tra loro per le litologie legate alla batimetria del bacino di sedimentazione. STO 3 (Oligocene, Rupeliano-Chattiano). Marne grigie a stratificazione poco marcata alternate ad argilliti rosate o verdognole e a straterelli gradati di siltiti scure, di spessore compreso tra 2 e 15 cm. Lo spessore massimo del membro non supera gli 80 metri. Il passaggio stratigrafico con il sottostante membro delle calcareniti di Dudda è stato cartografato in coincidenza alla comparsa dei primi strati calcarenitici. STO 2 (Luteziano p.p.) Alternanza di argilliti da rosso-violacee a avana-verdognole mal stratificate a cui si alternano strati di spessore variabile di calcareniti e calciruditi. Gli intervalli ruditici costituiti prevalentemente da clasti calcarei e silicei scarsamente arrotondati e subordinatamente da clasti di natura ignea e metamorfica. Nella porzione inferiore dell'unità prevalgono gli starti calcarenitici mentre nella superiore prevalgono i livelli argillosi. Lo spessore complessivo non supera i 120 metri. Il passaggio all'unità sottostante è graduale. STO 1 (Eocene inferiore-medio, Ypresiano p.p.-luteziano p.p.) E costituito da una alternanza di strati calcareo-marnosi micritici o calcarenitici, di colore grigio con locali focature rosso-scuro o verde di solito gradati e con spessore variabile da 10 cm ad oltre 2 m, e di subordinate peliti marnose o argilliti di colore grigio. Rapporto calcare-calcarenite/pelite > 1. Frequenti liste e noduli di selce verde o nera. Spessore massimo di circa 130 m. Un altra distinzione litologica (Damiani A.V. & Pannuzi L., 1985) suddivide invece detta Unità nei seguenti tre membri. La sottounità più antica è l unità di Seano (Eocene inf.-eocene medio). Si tratta di litologie prevalentemente calcaree, in strati spessi circa 20-50cm, costituite da calcari marnosi (calcilutiti) di color grigio o rosato, con subordinate intercalazioni marnose grigio verdi fogliettatecon selce, in lenti e noduli di color grigio; gli spessori di questa unita dovrebbero di poco superare i 100 metri. L'unita intermedia, denominata Unità di Pierle (Eocene medio), stratigraficamente sovrastante a quella di Seano è costituita da calcari marnosi grigi a fiamme rossastre, ben stratificati, con intercalazioni di marne argillose rosse in piccole scaglie dovute a fratturazione e strati di calcareniti grigie. Gli affioramenti, 7

8 in relazione alla facile erodibilità del membro marnoso sono scarsi e discontinui per uno spessore massimo di circa 60 m. L' "Insieme VaricoIore" si chiude temporalmente con I Unità de I'Ansina (Eocene sup. Cattiano inf.), al di sopra della quale si ha passaggio stratigrafico con le Arenarie del Trasimeno. L Unità de l Ansina è caratterizzata da argilliti fogliettate (argilloscisti) color tabacco verde, o rossastro, con intercalazioni decimetriche di calcareniti e calcari marnosi grigi. Lo spessore massimo dell unita è di metri; il contenuto in fossili (foraminiferi) indica una profondità del bacino di deposizione compresa tra i 3500 ed i 4000 m. Nel territorio comunale l Unità varicolore è rinvenibile in strisciate allineate circa N-S nelle zone di San Donato, Trecine, Pian di Marte. 3.2 Arenarie del Trasimeno (Oligocene sup. - Miocene inf.) È la Formazione caratterizzante tutto il rilievo del territorio comunale, nota in letteratura con i nomi di "Macigno s.l., "Arenarie del Cervarola-Falterona", ecc., e stratigraficamente sovrastante all "Insieme Varicolore" con il quale mostra passaggio per alternanze. Si tratta di depositi torbiditici (silicoclastici), costituiti da potenti strati (spessi da cm fino a più di 3 m) di arenaria da fine a grossolana, cui si alternano straterelli di argille e marne siltose. II rapporto arenaria/marna, che in generale è maggiore di 1, in corrispondenza di strati amalgamati, dove le intercalazioni argillose sono rare, raggiunge spesso valori molto alti. La litologia formazionale varia nettamente in dipendenza delle diverse aree di affioramento e si può suddividere nei seguenti membri: MAC 3d (Aquitaniano Burdigaliano) Alternanza di torbiditi fini siltitico-marnose in strati sottili e di torbiditi più spesse (da 1 metro a vari metri) a base arenitica talora grossolana; geometria lentiforme dei corpi di torbiditi a grana più grossolana. Alto contenuto di silice anche in forma di liste e noduli. Alla base della formazione distinta la litofacies a selce. MAC 3a, b, c (Oligocene superiore-miocene inferiore, Cattiano-Aquitaniano). Sequenza di torbiditi silicoclastiche in strati sottili e medi per lo più pelitico-arenacei. Gli strati arenacei spessi sono relativamente rari e generalmente non organizzati in megasequenze. Presenza di argilliti nere e torbiditi carbonatiche con spessori da decimetrico a metrico (3b). Potenti depositi da slumping nella parte alta (3c). In prossimità del passaggio al sottostante Membro del Poggio Belvedere aumenta la 8

9 frequenza degli strati arenacei spessi e delle torbiditi calcarenitico-marnose (3a). Spessore massimo di circa 600 m. MAC 2 (Oligocene superiore-miocene inferiore (Cattiano-Aquitaniano). Alternanze di strati torbiditici quarzoso-feldspatici, in strati da spessi a molto spessi e di livelli metrici o decametrici a torbiditi sottili. Prevalenza di livelli con rapporto Arenarie/Peliti > 1 nella parte inferiore del membro e di livelli con A/P < 1 nella parte superiore. Presenza di megatorbiditi calcarenitico-marnose a varie altezze stratigrafiche. Passaggio graduale al Membro del Molin Nuovo. Passaggio alla Formazione della Scaglia Toscana attraverso un livello spesso circa 10 m di siltiti marnose color avana gradate in strati sottili. Spessore medio di circa 300 m. MAC 1 (Oligocene superiore, Cattiano). Arenarie torbiditiche quarzoso-feldspatiche in banchi spessi e molto spessi, frequentemente amalgamati, a grana per lo più grossolana, di colore grigio alla frattura fresca, giallo-ocraceo all alterazione. Intervalli pelitico-marnosi di debole spessore e torbiditi calcarenitico-marnose in strati sottili nella parte superiore del membro. Spessore massimo di circa 500 m, Ad Est dell'allineamento Volterrano-Plan di Marte, l'intera sequenza ha spessori di m, con una frazione pelitica sempre piuttosto abbondante ("Successione intermedia" di Damiani A.V., 1991). Ad Ovest di detto allineamento si può invece supporre spessori massimi superiori ai 1500 m. Nel territorio comunale l affioramento litologicamente più comune è caratterizzato da grovacche litiche a composizione quarzoso-feldspatica micacea, con impronte di fondo (groove casts, flute casts, ecc.); altre tipiche strutture torbiditiche si possono rinvenire talvolta al contatto tra il letto di uno strato arenaceo ed il tetto di un Iivello pelitico. Gli strati di arenaria appaiono ben compatti, di color grigio azzurro nelle parti non alterate, mentre nelle porzioni soggette al vento ed alle acque meteoriche, la compattezza diminuisce ed il litotipo assume una colorazione giaiio-ocra. Tutta la successione delle Arenarie del Trasimeno nel territorio comunale è riferibile aii OIigocene superiore e al massimo arriva al Miocene inferiore (Aquitaniano basale - Damiani A.V. et alii, 1991). La deposizione delle Arenarie del Trasimeno può essere spiegata dalla migrazione verso Est dell avanfossa oiigo miocenica appenninica. Nella zona studiata, il passaggio stratigrafico con la Scaglia Toscana si realizza con la sedimentazione di livelli siltitici e di sabbie fini; tale variazione di Iitologie pare identificare anche un'importante variazione dell ambiente genetico: da una situazione di scarpata sottomarina, si passa a condizioni di conoide interna, che in seguito evolveranno verso ambienti di frangia e di pianura sottomarina in ultimo. 9

10 3.3 Depositi fluvio-palustri "Villafranchiani" (Pleistocene inf.) subsidenza). Si tratta di depositi continentali del Pleistocene inf., nel Bacino della Val di Chiana (zona depressa in Questo bacino ebbe origine in seguito alla tettonica distensiva appenninica che, a partire dal Tortoniano superiore, iniziò a propagarsi dalla Toscana occidentale verso E. Si tratta di sedimenti sciolti caratterizzati dalla prevalenza della componente sabbioso limosa cui si intercalano lenti argillose e ghiaiose. Tali depositi fanno da transizione tra il sottostante substrato arenaceo e le sovrastanti alluvioni recenti delle zone circumlacuali. L analisi dei dati in possesso dello scrivente (prevalentemente derivate da attività professionale) consente di apprezzare una notevole eterogeneità dei depositi che riguarda sia la loro continuità laterale, sia il loro spessore. 3.4 Alluvioni attuali e recenti (Quaternario med.-sup.) Rappresentano la litologia caratterizzante la fascia circumlacuale (pianeggiante), formando una fascia ampia 1-2 Km. Al pari dei depositi precedenti, hanno geometria lenticolare e sono formati in prevalenza da limi sabbiosi e limi argillosi con alternanze (rare) di livelli ghiaiosi. La genesi è fluvio-palustre-lacustre (il Trasimeno nel quaternario aveva una superficie assai maggiore dell attuale). 3.5 Tettonica dell area La tettonica dell'appennino Tosco-Umbro Marchigiano, e partire dell'oligocene superiore fino al Pleistocene inferiore, si caratterizza sostanzialmente con la migrazione in senso Ovest-Est del sistema catena-avanfossa (avanzamento verso E del rifting Tirrenico). FASI COMPRESSIVE Nell Oligocene superiore si assiste al sollevamento delle Unità Sub-Liguri, dell Unità di Massa e delle Apuane. 10

11 Ad est di questi primi rilievi si determina una complessa serie di bacini sub-paralleli a sedimentazione torbiditica (bacini d avanfossa e "piggy back"). Nel Burdigaliano superiore il sollevamento interessa le aree interne il dominio Toscano con conseguente migrazione deii avanfossa verso E. In corrispondenza della nuova catena si forma un bacino "piggy back" in cui si sedimentano torbiditi silicoclastiche fini di provenienze alpina con intercalazioni carbonatiche provenienti da E: è il bacino di deposizione delle Arenarie del Trasimeno. Successivamente nel Langhiano il corrugamento interessa le aree esterne del dominio Toscano con caratteri di deposizione emipelagica (sedimentazione delle Marne di Vicchio che chiudono in alto il bacino delle Arenarie del Cervarola Trasimeno. verso I'esterno. Ad oriente si ha contemporaneamente la deposizione della Marnoso Arenacea che si estende Successivamente a partire dal Tortoniano si ha l accavallamento della Falda Toscana su quella Umbra e, di consequenza, il corrugamento delle Marnoso-Arenacea. FASI DISTENSIVE La tettonica distensiva inizia nella parte più interna del bacino Toscano alla fine del Tortoniano (e si protrae fino al Quaternario inoltrato) con la creazione di una serie di depressioni a sedimentazione lacustre e fluvio-iacustre con cancellazione della precedente struttura a pieghe e sovrascorrimenti. Tale fase distensiva genera grandi strutture distensive, i cosiddetti bacini villafranchiani, come quello della Val di Chiana e dell'alto Tevere, grosse depressioni in genere allungate e ribassate. Il graben (bacino ribassato) del Paglia-Tevere-Chiana appartenente alla famiglia dei precedenti bacini villafranchiani che si articola dal monte Amiata ai monti di Magione è il graben responsabile della genesi del Lago Trasimeno (Deffenu L. e Dragoni W., 1978). Fenomeno assai particolare è, nel Pliocene inferiore, la trasgressione marina che interesse la Toscana meridionale che determina l avanzamento della linea di costa fino ai Monti del Chianti Val Tiberina (Boccaletti M. et alii, 1986). Nella prime fese sedimentaria (Pliocene) si osserva una graduale subsidenza e così il graben viene colmato da depositi fini (argille) e argillo-sabbiosi, tipicamente di ambiente marino. 11

12 Si ha successivamente nel tardo Pliocene un esteso sollevamento che provoca una regressione marina: detto innalzamento è massimo nei bordi del bacino e minimo al centro ove pertanto continua la sedimentazione. Nel Pleistocene il ciclo sedimentario è di facies continentale salmastro-lacustre: in questo periodo si osservano bacini svincolati reciprocamente che interessano un area in generale sollevamento. A detto sollevamento può imputarsi il prosciugamento dei grandi laghi villafranchiani, compreso quello delle Val di Chiana dal quale derive l attuale Lago Trasimeno (Deffenu L. e Dragoni W., 1978). All interno della fossa Paglia-Tevere Chiana, il Trasimeno è in posizione asimmetrica, ossia appare avanzato verso Est. Ciò pare suggerire che il Trasimeno si sia impostato lungo un fascio di strutture distensive poste in posizione intermedia tra il graben del Chiana-Tevere e quello dell Alta Val Tiberine, strutture distensive troppo piccole per consentire la formazione di un vero e proprio graben. Il Trasimeno potrebbe quindi rappresentare una connessione tra il graben di Arezzo a Nord e quello del medio bacino tiberino a Sud (Evangelisti C., 2003). 4. CARTA GEOMORFOLOGICA L analisi geomorfologica del Comune dl Passignano sul Trasimeno si è articolata sia attraverso lo studio delle foto aeree sia attraverso il rilievo di campagna. La classificazione dei dissesti riportata nella cartografia ha tenuto conto anche degli studi seguenti: Carta inventario dei movimenti franosi della Regione Umbria; Cartografia inventario del PUT e del PTCP; Carta geomorfologica del PAI del Fiume Tevere; Carta Inventario del Progetto I.F.F.I. Il territorio comunale può essere distinto in due distinte unità geomorfologiche individuate sulla base delle litologie, dell azione tettonica e dei processi morfogenetici. Tali unità sono cartografabili in due fasce contigue con andamento meridiano. La prima unità geomorfologica è costituita dalle alluvioni attuali e recenti e da quelle antiche pleistoceniche. 12

13 Tale unità è rilevabile sulla piana circumlacuale e nella zona di raccordo tra la dorsale collinare e la piana suddetta. A Nord (monte) di tale unità è affiorante il bedrock arenaceo-marnoso. La morfologia già originariamente pianeggiante è stata condizionata dall intervento antropico che ne ha ulteriormente normalizzato il profilo, in particolare in corrispondenza delle alluvioni villafranchiane. Le quote medie sono comprese tra i 260 ed i 300 m circa con pendenze in genere irrisorie: è in questa unità che si concentra la gran parte degli insediamenti. All interno di questa unità i processi morfologici dominanti sono ovviamente legati all azione erosiva e di sedimentazione dei fossi e del Lago Trasimeno, mentre non sono presenti fenomeni di dissesto gravitativo in relazione alle modeste pendenze. La seconda unità geomorfologica è rappresentata dai rilievi dove affiora la Formazione delle Arenarie del Trasimeno. Il rilievo collinare si presenta con morfologie arrotondate e quote medie interne ai 600 m che raggiungono gli 800 m nella porzione più occidentale (Monte Castiglione) ed orientale (Colle Campana). Le pendenze sono in genere più elevate sul versante settentrionale, ma in ogni caso anche sul versante meridionale i versanti tendono ad essere piuttosto acclivi. In relazione alle condizioni morfologiche più sfavorevoli rispetto alla precedente, questa unità si presenta con scarse zone abitate ad eccezione della frazione di Castel Rigone. L aspetto morfologico attuale è stato ottenuto attraverso l azione di vari fattori quali clima, altitudine, latitudine, tettonica, ecc. I processi morfogenetici che agiscono sull unità collinare sono: l azione fluviale ed il dilavamento meteorico; l azione tettonica - strutturale; il processo gravitativo di versante (frane); l azione antropica. Il territorio comunale non presenta fossi aventi caratteristiche idrodinamiche importanti; il reticolo idrografico è in genere ad asse perpendicolare all andamento del rilievo con immissione finale sul Trasimeno. Da un punto di vista geologico il reticolo è impostato a monte sulla Formazione della Marnoso- Arenacea (e degli Scisti Policromi), sui depositi fluvio lacustri villafranchiani (nella zona a ridosso del rilievo) 13

14 ed infine sulle alluvioni recenti ed attuali in corrispondenza della piana circumlacuale (prima dell immissione sul Trasimeno). In relazione alla scarsa permeabilità del litotipo marnoso, la densità di drenaggio risulta piuttosto elevata con andamento dendritico nella zona di monte (di testata). I fossi nella zona di testata a volte vanno ad impostarsi su faglie (lineazioni tettoniche che interessano la Formazione del Macigno e anche quella degli Scisti Policromi). Le sezioni trasversali dei fossi sono prevalentemente a V nelle zone di testata (ove sono rilevabili fenomeni di erosione), mentre nei tratti medio-terminali le sezioni tendono ad allargarsi ed ad appiattirsi sul fondo. Gli effetti del dilavamento di versante (fenomeno tipico dei suoli marnoso-arenacei in virtù della modesta permeabilità primaria del litotipo) sono in genere modesti per l esistenza di una estesa copertura forestale; le zone non boscate tendono ad essere interessate da scoscendimenti superficiali legati al dilavamento (ad esempio a valle di Castel Rigone a cavallo della strada provinciale che porta a Magione). I dissesti legati a fenomeni gravitativi sono diffusi in quasi tutto il territorio (prevalentemente collinare), fatta eccezione per la prima unità geomorfologica, in virtù della modesta acclività. Va però detto che anche in corrispondenza dei depositi villafranchiani della prima unità si individuano conoidi detritiche ai piedi del versante che in alcuni casi presentano movimenti individuabili singolarmente; si può pertanto considerare priva di dissesti gravitativi solo l area pianeggiante circumlacuale. Nella cartografia di dettaglio si sono distinti i movimenti franosi individuabili singolarmente e quindi cartografabili dalle zone più ampie con propensione al dissesto legato in genere ad erosione superficiale. Come già detto oltre che al rilievo di dettaglio si è fatto riferimento alle cartografie del PUT/PTCP della Regione Umbria e Provincia di Perugia, del PAI - Autorità Bacino Fiume Tevere e del progetto I.F.F.I.. Seguendo le attuali consuetudini in uso nei principali lavori classificativi dei movimenti franosi, si sono suddivisi questi ultimi in quattro categorie sulla base dell evoluzione: 1) attivi, ossia con chiari indizi di movimenti in atto (dissesti su costruzioni, lesioni sul terreno ecc); 2) quiescenti, ossia al momento inattivi ma con possibilità di riattivarsi secondo il cinematismo che si era manifestato durante l ultimo movimento; 3) inattivi, ossia senza indizi di movimenti allo stato attuale o nel futuro (tra questi si sono inserite anche le frane bonificate); 14

15 Nel territorio comunale prevalgono i movimenti superficiali interessanti la coltre (soliflussi); si tratta di colate mobilizzate da infiltrazioni di acque meteoriche (sono tipici del versante meridionale del colle su cui sorge Castel Rigone). Qualora al di sotto della coltre prevalga il membro argillo-marnoso della Marnoso-arenacea il movimento di cui sopra può interessare anche la porzione superficiale del substrato litoide. Vanno segnalati anche casi di scivolamento su roccia: sono movimenti che interessano i litotipi arenacei con superfici di distacco facilmente individuabili; tali movimenti si originano anche nelle discontinuità stratigrafiche argilla-arenaria del bedrock. Piccoli crolli in roccia sono stati segnalati in passato sulla scarpata a monte della darsena comunale (attualmente già interessata da un efficace intervento di rinforzo corticale) e lungo alcune strade provinciali (Castel Rigone-Pian di Marte e San Vito-Castel Rigone). Un movimento su detrito ha interessato circa un decennio addietro la cava dismessa al piede di Monte Ruffiano: attualmente bonificato con un efficace sistema di drenaggio a monte e sul corpo, non ha mostrato alcun segno di riattivazione. Le zone con elevata propensione al dissesto sono aree a forte pendenza in zone collinari (talvolta anche boscate) nelle quali non si evidenziano movimenti singolarmente cartografabili, ma solo la presenza di fattori predisponenti a futuri dissesti (cattivo drenaggio delle acque meteoriche, elevate pendenze). Ad esempio alcune aree boscate del colle di Castel Rigone (attualmente non interessate da dissesti cartografabili) in virtù delle elevate pendenze, dello spessore elevato della coltre d alterazione al di sopra del bedrock e per la presenza di reticolo idrografico talvolta poco sviluppato e soggetto ad erosione, sono da classificarsi come aree con propensione al dissesto. L azione tettonica ha determinato il sollevamento delle aree attualmente rilevate, le dislocazioni tettoniche che le interessano (all interno delle quali spesso scorrono fossi come ad esempio sul versante meridionale e settentrionale di Monte Castiglione) e la formazione dell elemento peculiare del territorio comunale, il Lago Trasimeno. L azione antropica ha ovviamente interessato le aree pianeggiante in virtù delle pendenze ridotte e delle caratteristiche di fertilità dei suoli; nell area circumlacuale oltre agli insediamento sono concentrate le linee viarie, le concentrazioni industriali e le attività agricole. Sulla dorsale collinare ad eccezione di Castel Rigone non esistono insediamenti significativi, prevalgono le colture dell olivo e della vite (talvolta irrigate con laghetti collinari vista la profondità e l esiguità della falda idrica). 15

16 Va segnalata la presenza in località Trecine di una discarica dismessa e messa in sicurezza e della già citata cava non più in uso al piede di Monte Ruffiano. 5. CARTA LITOTECNICA È una carta derivata da quella geologica e rappresenta un valido strumento di sintesi che permette di evidenziare immediatamente il rapporto che esiste tra substrato roccioso e coperture di qualsiasi genere. Nel nostro caso, scorporato il substrato flyschioide (L2B3), le colluvioni (L5c), le frane (L5f) e i terreni di riporto (L5h), si è attribuita la classe L2B2 a tutti gli Argilloscisti Varicolori in quanto facenti parte del substrato roccioso e non distinguibili dal punto di vista dei rapporti litologici dei loro componenti principali data la loro natura caotica. La classe L5a è stata assegnata ai depositi alluvionali recenti caratterizzati dalla prevalenza di ghiaie a differenza di quelli terrazzati a componente prevalentemente sabbiosa (L5b). 6. CARTA DELLA PROPENSIONE AL DISSESTO La propensione al dissesto è di fondamentale importanza in quanto rappresenta in prima lettura la valutazione dell instabilità gravitativa di un territorio. Per la redazione della Carta della propensione al dissesto ci si è rifatti alla Carta Derivata della Propensione al Dissesto allegata al PUT della Regione Umbria (1982), che cartografava le aree potenzialmente instabili della Regione. La carta è stata elaborata suddividendo il territorio in quattro classi di rischio: Classe I - Aree ad alta - alta propensione al dissesto; Classe II - Aree a medio alta - media propensione al dissesto; Classe III - Aree a medio bassa - bassa propensione al dissesto, Classe IV - Aree a propensione al dissesto bassa o nulla. I criteri che portano alla realizzazione di questa carta ne determinano l utilità come primo strumento di valutazione dell instabilità di versante, ma al tempo stesso ne fanno uno strumento necessariamente approssimativo e quindi che necessita di successivi approfondimenti. 16

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 4 RISULTATI DELLA SECONDA CAMPAGNA DI INDAGINI (MAGGIO 2009).. 9 4.1 Accertamenti relativi al

Dettagli

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA Studio G E O E C O S Dott. Geol. G. MENZIO Programmazione Territoriale-Geotecnica-Idrogeologia Sede : Via Cavour 34 - SAMPEYRE (CN) Tel0175977186-Fax1782737211-Cel.3402572786-mail:geoecos@libero.it Indirizzo

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA 3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA L analisi di seguito riguarda l intero sviluppo del litorale che ricade nei confini del Comune di Rosignano

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO Autorità di Bacino Regionale della Campania Centrale PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO G R U P P O D I P R O G E T T O R.U.P. arch. Marina Scala ASPETTI GEOLOGICI geol. Federico Baistrocchi geol.

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA 2.0 Che cos è una Spiaggia Sergio G. Longhitano Dipartimento di Scienze

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Risultati e considerazioni

Risultati e considerazioni 6. RISULTATI E CONSIDERAZIONI L elaborazione e la validazione del modello di suscettibilità consentono di ottenere due risultati principali. In primo luogo, sono state identificate con precisione le aree

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO Giovedì 25 Novembre 2010 Ex Infermeria dell Abbazia di Fossanova, Priverno (LT) Indicatori geomorfologici per la caratterizzazione

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico T. Sanò e B. Quadrio Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico Roma, 3 dicembre 2010 Descrizione del fenomeno Impostazione del problema del calcolo dell amplificazione locale Codici

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

Disciplinare di produzione dell'olio extravergine di oliva "Umbria" a Denominazione di Origine Controllata

Disciplinare di produzione dell'olio extravergine di oliva Umbria a Denominazione di Origine Controllata Disciplinare di produzione dell'olio extravergine di oliva "Umbria" a Denominazione di Origine Controllata DM 6 agosto 1998 GURI n. 193 del 20 agosto 1998 (Iscrizione nel "Registro delle denominazioni

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog.

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. MASSA) Davide Damato, Michele Morelli, Luca Lanteri, Daniele Bormioli, Rocco

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

I sinkholes nelle altre regioni The sinkholes in the other regions

I sinkholes nelle altre regioni The sinkholes in the other regions Mem. Descr. Carta Geol. d It. LXXXV (2008), pp. 419-426, figg. 14 I sinkholes nelle altre regioni The sinkholes in the other regions NISIO S. (*) 1. - INTRODUZIONE I fenomeni di sinkhole nelle altre regioni

Dettagli

COMUNE DI MONTALCINO Provincia di Siena

COMUNE DI MONTALCINO Provincia di Siena Parisi e Associati studio di progettazione Giannelli, Parisi, Rondini Via S. Saloni n. 49 53024 Montalcino (SI) Tel /Fax +39 0577 849245 posta@studio-progetti.com P.I. C.F. 01308570520 COMUNE DI MONTALCINO

Dettagli

COMUNE DI SAMBUCA DI SICILIA Provincia Regionale di Agrigento

COMUNE DI SAMBUCA DI SICILIA Provincia Regionale di Agrigento COMUNE DI SAMBUCA DI SICILIA Provincia Regionale di Agrigento INDICE PREMESSA...pag. 1 INTRODUZIONE pag. 2 PREVISIONE E PREVENZIONE... pag. 3 STRUTTURA DEL PIANO pag. 4 A. PARTE GENERALE pag. 5 A.1 DATI

Dettagli

Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica

Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GEOLOGI 18 19 Ottobre 2011 STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA E APPLICAZIONI Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica Dott. Geol. Roberto De Ferrari Dip.Te.Ris.-

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni 1/58 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Corso di aggiornamento professionale Dott. Ing. Giulio Pandini IX Corso Università degli Studi di Bergamo - Facoltà di Ingegneria Dalmine 21 novembre

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi, non esaustiva, dell intero corso di Idrogeologia tenuto

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Guida Illustrata alle Risposte

Guida Illustrata alle Risposte IDRAIM sistema di valutazione IDRomorfologica, AnalisI e Monitoraggio dei corsi d'acqua Guida Illustrata alle Risposte Appendice al Manuale tecnico operativo per la valutazione ed il monitoraggio dello

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI)

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Interventi sulla rete idrografica e sui versanti Legge 18 Maggio 1989, n. 183, art. 17, comma 6 ter D.L. 180/98 e successive

Dettagli

1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA. 1.1 - L erosione dell acqua

1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA. 1.1 - L erosione dell acqua 1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA 1.1 - L erosione dell acqua Gocce d acqua precipitano urtando con violenza il suolo coperto da detriti (foglie, rami, steli d erba,... fig. 1.1). A qualche centimetro

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO Cosa si intende per giorno con neve al suolo? Se può essere relativamente semplice definirlo per un territorio pianeggiante ampio e distante da

Dettagli

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO Istruzioni per la compilazione delle schede versione 1.0 La definizione di CLE Si definisce come Condizione Limite per l

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria DIRETTIVA Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria 1 Indice Contenuti della direttiva p. 3 Aspetti generali del sistema di allertamento regionale per il rischio

Dettagli

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Documento elettronico sottoscritto mediante firma digitale e conservato nel sistema di

Dettagli

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino.

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino. Il bacino può essere inteso come volume di controllo che appoggia sulla superficie del suolo oppure sullo strato impermeabile sottostante agli acquiferi. I fenomeni di trasporto di acqua attraverso il

Dettagli

GTT S.p.A. GRUPPO TORINESE TRASPORTI METROPOLITANA AUTOMATICA DI TORINO LINEA 1 PROGETTO PRELIMINARE GEOLOGIA, IDROGEOLOGIA E GEOTECNICA

GTT S.p.A. GRUPPO TORINESE TRASPORTI METROPOLITANA AUTOMATICA DI TORINO LINEA 1 PROGETTO PRELIMINARE GEOLOGIA, IDROGEOLOGIA E GEOTECNICA GTT S.p.A. GRUPPO TORINESE TRASPORTI METROPOLITANA AUTOMATICA DI TORINO LINEA 1 TRATTA FUNZIONALE PROLUNGAMENTO OVEST PROGETTO PRELIMINARE GEOLOGIA, IDROGEOLOGIA E GEOTECNICA RELAZIONE TECNICA REV. REDAZIONE

Dettagli

REGIONE MOLISE ASSESSORATO ALL'EDILIZIA RESIDENZIALE SETTORE EDILIZIA RESIDENZIALE

REGIONE MOLISE ASSESSORATO ALL'EDILIZIA RESIDENZIALE SETTORE EDILIZIA RESIDENZIALE DIRETTIVA REGIONALE per l'applicazione della legge regionale 6 giugno 1996, n. 20, contenente le "Norme per lo snellimento delle procedure di cui alla legge 2 febbraio 1974 n.64 in attuazione dell'articolo

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

#$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) % //(*%(*" ))*))( *!* %*& ($,0$. *%

#$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) % //(*%(* ))*))( *!* %*& ($,0$. *% !" " //(*%(*" ))*))( *!* *(*/-*%(*2,&2 %*&!" #$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) %,%,-.%*" ($)&*$/% ')( ($,0$. *% ($,1% 2 ...4 #$%...4 &...5...6...7...8 Le aree estrattive provinciali... 8 Il contesto territoriale...

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA Corso di aggiornamento professionale Il D.M. Ambiente del 10 agosto 2012 n. 161: I piani di utilizzo delle terre e rocce da scavo 15 Febbraio - Cagliari 22 Febbraio

Dettagli

Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850

Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850 Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850 abitanti ed è in parte proprietà dell'enel. Larderello produce

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA Criteri di progettazione, realizzazione e gestione VASCHE DI PRIMA PIOGGIA e VASCHE DI LAMINAZIONE nell ambito dei sistemi fognari GETTO FINALE gno - 1d disegno - 5d disegno - 4d GETTO FINALE ASPIRAZIONE

Dettagli

DOTTORATO DI RICERCA

DOTTORATO DI RICERCA Università degli Studi di Cagliari DOTTORATO DI RICERCA Difesa e Conservazione del suolo, Vulnerabilità ambientale e Protezione Idrogeologica Ciclo XXII Settore/i scientifico disciplinari di afferenza

Dettagli

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis)

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis) Deliberazione Comitato per la tutela delle acque dall'inquinamento 04.02.1977 Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della legge 10 maggio 1976, n. 319,

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO Fabrizio Battista, Federica Gaiotti, Davide Mosetti, Gilberto Bragato, Diego Tomasi CRA-VIT CENTRO DI RICERCA

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011 0 INDICE RELAZIONE ILLUSTRATIVA RI 2 1) PRESENTAZIONE. 3 2) LO STRUMENTO URBANISTICO DEL COMUNE DI MATTIE.. 3 3) LE MOTIVAZIONI DELLA VARIANTE ATTUALE. 4 4) I REQUISITI FORMALI DEGLI ATTI Dl VARIANTE.

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE DOCUMENTO CONCLUSIVO DEL TAVOLO TECNICO STATO REGIONI INDIRIZZI OPERATIVI

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

PROGETTO CARG CASTELNOVO NE MONTI. NOTE ILLUSTRATIVE della CARTA GEOLOGICA D ITALIA alla scala 1:50.000. foglio 218

PROGETTO CARG CASTELNOVO NE MONTI. NOTE ILLUSTRATIVE della CARTA GEOLOGICA D ITALIA alla scala 1:50.000. foglio 218 NoteIllustrativeF218-24-03-04.qxd 24/03/04 17.15 Pagina 1 PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER I SERVIZI TECNICI NAZIONALI SERVIZIO GEOLOGICO D ITALIA NOTE ILLUSTRATIVE della CARTA GEOLOGICA

Dettagli

Rosario Napoli Centro di Ricerca per lo Studio delle relazioni tra pianta e suolo, CRA, Roma

Rosario Napoli Centro di Ricerca per lo Studio delle relazioni tra pianta e suolo, CRA, Roma Presenza dell arsenico nei suoli agricoli e nelle acque sotterranee in Italia: importanza dei determinanti geogenici e antropici per la gestione del rischio per la salute umana Rosario Napoli Centro di

Dettagli

Studio di suscettività d uso dei suoli

Studio di suscettività d uso dei suoli Studio di suscettività d uso dei suoli Schema idrico del Flumineddu per l alimentazione irrigua della Marmilla Studio di dettaglio sulle aree oggetto dell intervento Distretto irriguo della Bassa Marmilla

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE Deformazione delle rocce LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE pieghe (sinclinali e anticlinali) faglie dirette inverse trascorrenti associate in fosse tettoniche LA TETTONICA DELLE PLACCHE Struttura della Terra

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i.

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i. Inquadramento generale e obiettivi delle modifiche La Variante specifica art. 17 comma 7 definita nei suoi obiettivi generali come anticipatoria di alcuni contenuti della variante Strutturale Qualità è

Dettagli

Effetto di A.S.A.P. sul livello, qualità e vulnerabilità dell'acquifero. (Rev. 2c)

Effetto di A.S.A.P. sul livello, qualità e vulnerabilità dell'acquifero. (Rev. 2c) 1/43 LIFE06/ENV/IT/000255 A.S.A.P. Actions for Systemic Aquifer Protection The A.S.A.P. project is partially funded by the European Union LIFE Programme Effetto di A.S.A.P. sul livello, qualità e vulnerabilità

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga

Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga REPORT FINALE Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga Davide Damato Alessio Colombo Luca Lanteri Rocco Pispico Arpa Piemonte, DT Geologia e Dissesto geologia.dissesto@arpa.piemonte.it

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli