INTRODUZIONE 7 Per avere informazioni sulla gestione della mia patologia e sul programma di Trapianto Polmonare a chi mi devo rivolgere?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INTRODUZIONE 7 Per avere informazioni sulla gestione della mia patologia e sul programma di Trapianto Polmonare a chi mi devo rivolgere?"

Transcript

1 Policlinico S.Orsola-Malpighi S.Orsola-Malpighi Policlinico Guida al Trapianto di Polmone Orientarsi Supplemento d informazione a Diario di Bordo - Reg. Tribunale di Bologna n del 31/12/97 n. 70

2 Questo opuscolo è stato realizzato con l intento di rispondere alle più comuni e frequenti domande dei pazienti e dei loro famigliari riguardanti il Trapianto Polmonare in età adulta, e per descrivere brevemente le modalità attraverso le quali questo importante intervento viene eseguito presso il Policlinico Universitario S. Orsola-Malpighi di Bologna. All interno si potranno trovare notizie utili riguardanti l équipe medico-chirurgica e infermieristica coinvolta, il modo di procedere, la preparazione al trapianto, la lista d attesa, il ricovero in rianimazione ed in reparto, alcune norme comportamentali, la dieta, ed altro ancora. Questo fascicolo, edito sotto forma di risposta alle domande più frequenti, non potrà ovviamente risolvere tutti i dubbi e le perplessità che verranno di volta chiarite dall equipe medico e chirurgica coinvolta nel programma di Trapianto Polmonare.

3 indice INTRODUZIONE 7 Per avere informazioni sulla gestione della mia patologia e sul programma di Trapianto Polmonare a chi mi devo rivolgere? 7 PRIMA DELL INSERIMENTO IN LISTA DI ATTESA 9 Come inizia il percorso verso il Trapianto di Polmone? 9 Al termine dello screening sono già in lista d attesa per trapianto di polmone? 10 Chi è autorizzato a dare informazioni? 10 LA LISTA DI ATTESA 11 Cosa devo fare dopo l inserimento in lista? 12 Devo aspettare il Polmone chiuso in casa? 12 Quanto tempo devo aspettare prima di fare il trapianto? 12 Si può fare il trapianto con la febbre? 12 Se sto male a chi mi devo rivolgere? 12 Se durante l attesa vengo ricoverato in ospedale, cosa devo fare? 13 Dopo il trapianto dovrò fare ancora tante visite in ospedale? 13 Dopo il trapianto potrò smettere di prendere tante medicine? 13

4 IL TRAPIANTO 15 Come avviene una donazione di polmone? 15 Come viene assegnato un organo? 15 Come verrò chiamato per il trapianto? 15 Come posso organizzare il viaggio a Bologna? 16 Cosa devo fare quando arriva la telefonata? 17 Cosa succede se rifiuto di sottopormi al trapianto quando mi arriva la telefonata? 18 Quando arrivo in ospedale dove devo andare? 18 Quanto dura l intervento? 19 Chi darà informazioni ai miei parenti mentre sono in sala operatoria? 19 Dove sarò trasferito dopo l intervento? 20 Quanto tempo si trascorre in Terapia Intensiva dopo l intervento? 20 LA DEGENZA IN REPARTO 21 Cosa succederà quando verrò trasferito dalla rianimazione al reparto di terapia semi-intensiva del reparto di cardiochirurgia? 21 Quando verrò trasferito dalla reparto di terapia semi-intensiva della cardiochirurgia al reparto di degenza ordinaria? 21 Quali regole di comportamento dovrò adottare mentre sono ricoverato? 22 Quanto tempo dovrò rimanere ricoverato prima di essere dimesso? 22 Posso ricevere visite durante il periodo di degenza? 23 Quando esco dalla mia camera come mi devo vestire? Devo sempre indossare il camice verde e la mascherina durante la mia degenza? 23 Mentre sono ricoverato chi mi somministrerà le medicine? Chi mi aiuterà nelle cure igieniche? 24

5 LA DIMISSIONI E IL RIENTRO A CASA 25 Dopo la dimissione posso andare direttamente a casa? 25 Per avere la copia della cartella clinica a chi devo rivolgermi? 25 Per avere le medicine che dovrò assumere, devo andare dal mio medico curante? 26 Il trapianto di polmone dà diritto ad una esenzione dal ticket per l esecuzione di esami? 26 Quale regole igieniche dovrò seguire nell ambito domestico: dovrò imbiancare la casa? 26 Il Medico Curante può modificare la dose dei farmaci? 27 Ho diritto all invalidità dopo il trapianto? 27 Ho diritto a rimborsi delle spese sostenute per venire a Bologna ai controlli? 28 Dovrò fare molti controlli dopo la dimissione e chi mi seguirà? 28 Se mi ammalo e non posso venire ai controlli come devo fare? 28 Per fare i prelievi di sangue devo essere a digiuno? 29 Potrò magiare di tutto o dovrò seguire una dieta ed accorgimenti igienici particolari? 29 Posso bere il vino o alcolici? 30 Potrò riprendere a fumare? 30 Esistono regole di igiene personale specifiche per il paziente trapiantato? 30 Posso tenere animali in casa? 31 Potrò frequentare subito luoghi affollati? 31 Come mi devo comportare in caso di necessità di vaccinazone? 32 Quando potrò iniziare a lavorare? 32 Attività fisica e sportiva sono controindicate? 32 Quando potrò riprendere regolari rapporti sessuali? 32 Può una donna affrontare una gravidanza senza rischi elevati per sé ed il nascituro? 33 Dopo il trapianto si può viaggiare? 33

6

7 Introduzione Presso il Policlinico S Orsola Malpighi è possibile ricevere informazioni riguardanti il Trapianto di Polmone nell ambito delle Unità Operative di Chirurgia Toracica, di Pneumologia e Terapia Intensiva Respiratoria (in particolare presso il Day-Hospital Pneumologico) presso il Pad n.5 del Policlinico S Orsola. Nel caso in cui la patologia di cui si è portatori fosse una qualsiasi forma di Ipertensione Polmonare ci si può rivolgere al Centro di Ipertensione Polmonare presso la U.O. di Cardiologia localizzato al Pad. n.21. Per prenotare una visita di valutazione o ricevere informazioni riguardanti il programma Trapianto di Polmone e l inserimento in lista di attesa si può fare riferimento ai seguenti numeri telefonici: 051/ (Fax 051/ ) Sig.ra Simonetta Padovani (Segreteria gestione lista d attesa) dalle 8.30 alle dei giorni feriali. 051/ (Fax 051/307022) Sig.ra Angela Vornetti (Segreteria Chirurgia Toracica) dalle alle dei giorni feriali. 051/ (Fax 051/ ) dott. Alberto Rocca (Day-Hospital Pneumologico) dalle 8.00 alle dei giorni feriali (lun-ven). 051/ / / (Reparto Chirurgia Toracica) nelle altre fasce orarie. 051/ / Dott. Aldo Guerrieri (U.O. Pneumologia e T.I. Respiratoria) dalle 8.00 alle dei giorni feriali. 7

8 051/ / (Centro Ipertensione Polmonare) dalle 8.30 alle dei giorni feriali. Recapiti (Segreteria Chirurgia Toracica). (dott. Andrea Dell Amore, U.O. Chirurgia Toracica). (dott Alberto Rocca, U.O Pneumologia). (Prof. Nazzareno Galiè, Centro Ipertensione Polmonare). Sito Web dove è possibile ottenere informazioni e recapiti: 8

9 PRIMA DELL INSERIMENTO IN LISTA D ATTESA Come inizia il percorso verso il Trapianto di Polmone? Al termine di una valutazione clinica e strumentale e dopo l ottimizzazione della terapia medica e riabilitativa respiratoria, il paziente può essere o avviato ad un programma di follow-up clinico della malattia di base o, in un certo numero di casi, ad un programma di Trapianto Polmonare. In tali pazienti vengono successivamente iniziati gli accertamenti indispensabili per valutare la possibilità o meno di essere inseriti in lista di attesa per trapianto Polmonare. Infatti, perché vi sia la possibilità di essere trapiantati, non solo deve sussistere una insufficienza respiratoria severa tale da non poter esser curata o gestita con la sola terapia medica, ma devono essere escluse patologie di altri organi che se misconosciute potrebbero compromettere sia l esito dell intervento sia lo sforzo sociale e organizzativo che esso comporta. Pertanto, su indicazione del personale medico coinvolto nel programma di Trapianto Polmonare, si inizieranno una serie di accertamenti ed esami finalizzati ad escludere la presenza di eventuali controindicazioni al trapianto. L insieme di tutti questi esami ed accertamenti, invasivi e non invasivi, viene definito screening pre-trapianto. Tali esami possono essere svolti in regime di day-hospital o se necessario anche durante ricovero ospedaliero ordinario. Inoltre, previo accordo fra il nostro Centro ed unità operative di altri ospedali, parte di tali accertamenti può essere eseguita anche in centri ospedalieri più facilmente raggiungibili per il paziente. 9

10 Al termine dello screening sono già in lista d attesa per trapianto di polmone? Lo scopo dello screening è quello di escludere ogni eventuale controindicazione al trapianto. Quindi la risposta alla nostra domanda è NO. Una volta concluso lo screening il caso clinico viene discusso collegialmente tra tutte le figure professionali dedicate e coinvolte nel programma trapianto, quali: chirurghi toracici, cardiologi, pneumologi, anestesisti, ecc e se necessario anche altri specialisti la cui opinione può essere decisiva per una decisione finale. Solo al termine di questa attenta valutazione viene definita l indicazione o meno al trapianto di polmone ed a quale tipo di trapianto: monopolmonare, bi-polmonare o cuore-polmone. Il personale medico ed infermieristico dedicato convocherà quindi il paziente e lo informerà della decisione presa. Nel caso in cui venga giudicata positivamente l indicazione al trapianto, al paziente verrà illustrato il modulo di consenso all inserimento in lista d attesa dove sono scritte tutte le informazioni necessarie; inoltre lo stesso personale è a disposizione per tutti i chiarimenti che siano richiesti. E molto importante che in questo momento vengano chiariti tutti i dubbi al paziente e ai suoi famigliari, che vengano date tutte le informazioni in maniera esaustiva; infatti al momento dell intervento chirurgico i tempi organizzativi molto ristretti renderanno limitate le possibilità di colloquio. Quindi il paziente verrà inserito in lista d attesa attivamente solo dopo aver firmato tale consenso. Chi è autorizzato a dare informazioni? Le informazioni personali sullo stato di salute del paziente in lista di attesa o trapiantato vengono date solo dal personale medico autorizzato nel rispetto delle vigenti leggi sulla privacy. Le altre informazioni di tipo organizzativo e/o procedurali possono essere date anche dal personale infermieristico. 10

11 LA LISTA DI ATTESA Cosa devo fare dopo l inserimento in lista? Dal momento in cui si firma il consenso all inserimento in lista è possibile essere convocati per il trapianto in ogni momento!! Pertanto è necessario lasciare dei recapiti telefonici dove si sia sempre reperibili e avere cura di munirsi di un telefono cellulare che abbia la batteria carica e di recarsi in luoghi con copertura di segnale. Inoltre ogni problematica che modifichi il proprio stato di salute (influenza, febbre, necessità di altri interventi o procedure mediche) devono essere comunicate al nostro centro trapianti chiamando i numeri telefonici di cui verrà fornito. Allo stesso modo andranno comunicati al centro trapianti eventuali spostamenti importanti (viaggio, visita a parenti in altre città, ecc) di cui il paziente possa necessitare per svariati motivi. È anche importante tenere sempre pronta una valigia contenente: Pigiami o camicie da notte puliti Pantofole Biancheria intima T-shirts ed eventualmente tuta e scarpe da ginnastica Rasoio elettrico o monouso puliti Spazzolino da denti e dentifricio, salviette, sapone e materiale da toilette mai usato. Durante il periodo di attesa in lista sono programmate visite pneumologiche e/o cardiologiche periodiche per valutare le condizioni cliniche del paziente. 11

12 Devo aspettare il Polmone chiuso in casa? No. Dovrà però essere sempre rintracciabile (cellulare). Qual ora il paziente voglia spostarsi per periodi lunghi (ferie, variazioni di domicilio, ecc) deve segnalarlo al nostro centro trapainti chiamando i numeri che gli verranno dati all inserimento in lista. Quanto tempo devo aspettare prima di fare il trapianto? Il tempo di attesa è variabile e non è possibile prevederlo. Il trapianto verrà effettuato solo quando si reperirà un donatore compatibile per gruppo sanguigno e corporatura con il ricevente. Si può fare il trapianto con la febbre? I casi vanno valutati paziente per paziente, è comunque auspicabile che in caso di febbre il paziente lo comunichi al centro trapianto. Se sto male a chi mi devo rivolgere? Se abita lontano da Bologna è auspicabile fare riferimento al pronto soccorso più vicino, comunicando comunque al medico che la prende in cura che lei è in lista d attesa presso questo centro e pregandolo di contattarci ai numeri di cui lei sarà in possesso. Se abita a Bologna, dopo aver consultato il suo medico di famiglia o il suo pneumologo/cardiologo di fiducia, si rivolga al nostro centro. In caso di problematiche urgenti è comunque sempre necessario contattare il 118 o rivolgersi al Pronto Soccorso più vicino. 12

13 Se durante l attesa vengo ricoverato in ospedale, cosa devo fare? Nel caso di ricovero in altre strutture, dovrà comunicarci la struttura e il numero telefonico dove può essere raggiunto/a telefonicamente. Il ricovero in ospedale è spesso il segnale di aggravamento del paziente ed è un motivo di priorità in caso di donazione compatibile, a parità di altre condizioni dei riceventi. Pertanto è nel suo interesse farci sapere di eventuali ricoveri. Dopo il trapianto dovrò fare ancora tante visite in ospedale? Durante il ricovero, ma anche dopo la dimissione, per escludere l eventuale presenza di rigetto od altri problemi è necessario effettuare visite mediche specialistiche, esami strumentali, esami ematici e fibrobroncoscopie con o senza biopsie polmonari. La biopsia polmonare è una procedura generalmente ben tollerata che si esegue durante fibro-broncoscopia in sedazione ed anestesia locale. Durante questa procedura si prelevano alcuni piccolissimi frammenti di tessuto polmonare che saranno successivamente analizzati al microscopio per confermare o smentire episodi di rigetto dell organo trapiantato. Non effettuare tali controlli o visite, come pure l inadeguata assunzione della terapia prescritta dai medici del centro trapianto, espone il paziente a maggior rischio di complicazioni ed episodi di rigetto. Dopo il trapianto potrò smettere di prendere tante medicine? Il buon risultato del trapianto è legato ai farmaci che prevengono il rigetto del polmone trapiantato. La terapia immunosoppressiva è quella che serve a controllare il rigetto dell organo. Per tale motivo questa terapia andrà assunta da parte del paziente in maniera regolare e per tutta la sua vita. Oltre alla terapia immunosoppressiva il paziente dovrà assumere altre medicine sia nel periodo post-operatorio sia a domicilio. Queste medicine serviranno a curare o prevenire altre problematiche di salute generale. In particolare, nei primi mesi dopo il 13

14 trapianto si devono assumere antibiotici ed altri farmaci per prevenire infezioni batteriche, virali e fungine che possono essere facilitate dalla terapia immunosoppressiva. Tutte le medicine assunte ed in particolare quelle immunosospressive possono avere degli effetti collaterali che comunque sono ben noti e riconoscibili. Molto spesso i medici utilizzano associazioni di più farmaci proprio per ridurre od eliminare tali effetti collaterali. Il trattamento immunosoppressivo è quindi molto personalizzato e pertanto lei non si dovrà stupire se verrà a conoscenza di soggetti trapiantati che fanno uso di una terapia diversa dalla propria. Il paziente che per una qualsiasi ragione non assume regolarmente la terapia prescritta dai medici del centro trapianto rischia il fallimento del trapianto stesso. Questo è il motivo per cui è di fondamentale importanza seguire scrupolosamente le prescrizioni ed eseguire regolarmente le visite di controllo consigliate dai medici. Fortunatamente il dosaggio delle medicine immunosoppressive può essere ridotto dopo i primi mesi dal trapianto, ma sempre sotto controllo medico. E opportuno non dimenticare nessuna dose dei farmaci prescritti a meno che non sia stato suggerito dai medici del centro trapianti. Se dovesse succedere di non assumere una dose della terapia immunosoppressiva o in caso di vomito o diarrea è opportuno contattare il centro trapianti per sapere cosa fare. 14

15 IL TRAPIANTO Come avviene una donazione di polmone? Il donatore è una persona deceduta per cause cerebrali (ictus, emorragia, trauma, ecc) nella quale però è ancora mantenuta la vitalità del cuore consentendo così la sopravvivenza anche degli altri organi come appunto i polmoni. Il prelievo degli organi viene eseguito in quell esiguo lasso di tempo prima che la morte cerebrale comprometta in maniera definitiva la funzione del cuore e quindi di tutti gli altri organi. Le donazioni vengono gestite dai centri regionali (CRT) e dai centri interregionali (NIT, AIRT, OCST) che fanno capo al ministero della salute. La segnalazione di una potenziale donazione viene fatta al centro regionale che ne valuta l idoneità generale al prelievo d organi; invece l idoneità dell organo da trapiantare è definita dal chirurgo che eseguirà il trapianto. Come viene assegnato un organo? Quando il centro regionale trapianti segnala un donatore idoneo, il chirurgo toracico dedicato e reperibile in quel momento valuta, sulla base di esami laboratoristici e strumentali, l idoneità dell organo del donatore. Accertata tale idoneità, si procede all individuazione del ricevente idoneo sulla base della compatibilità di gruppo sanguigno, delle caratteristiche somatiche (età, sesso, peso, altezza) e delle condizioni cliniche del ricevente. Come verrò chiamato per il trapianto? Il ricevente, una volta identificato, viene chiamato telefonicamente dal chirurgo ed invitato a presentarsi 15

16 presso il Reparto di Cardiochirurgia (II piano del padiglione 25). Questo sarà un momento molto delicato per il paziente il quale dovrà mantenere la calma anche con l aiuto dei famigliari che lo accompagneranno. Se il ricevente abita lontano ed il tempo di percorrenza dalla sua abitazione all Ospedale S. Orsola può essere superiore ai tempi richiesti per organizzare il trapianto il centro trapianti allerterà la Prefettura di riferimento del paziente ricevente la quale organizzerà il trasporto (con ambulanza od aereo a seconda delle distanze) fino all Ospedale di Bologna. I tempi a volte possono essere molto stretti: infatti le operazioni di prelievo d organo e di preparazione del ricevente all impianto devono essere organizzate al fine di limitare al massimo il tempo in cui i polmoni donati rimangono senza flusso sanguigno mantenuti però sotto protezione per mezzo di particolari soluzioni fredde (questo tempo si chiama tempo di ischemia). Pertanto può capitare che il ricevente venga preparato all intervento ed addormentato prima di avere la conferma definitiva che il trapianto possa essere eseguito sulla base della idoneità dei polmoni del donatore. E una evenienza rara ma può accadere. Come posso organizzare il viaggio a Bologna? Al momento della chiamata da parte del chirurgo sarà segnalato anche l orario entro il quale è necessario arrivare al Centro Trapianti. Se il tempo a disposizione è sufficiente il paziente, accompagnato dai famigliari, può raggiungere il nostro Ospedale con mezzi propri. In caso di necessità si può invece usufruire dell intervento della prefettura o del 118. E molto importante che in queste fasi organizzative il paziente tenga sempre acceso e a portata di mano il cellulare per facilitare eventuali aggiornamenti o variazioni del programma. Allo stesso scopo è importante che il paziente memorizzi sul cellulare il numero del chirurgo che l ha chiamato. 16

17 Cosa devo fare quando arriva la telefonata? Soprattutto non perdere la calma! Il chirurgo che chiama è disponibile per dare tutte le informazioni richieste. Tuttavia si ricorda che quel momento è molto complesso e concitato da un punto di vista organizzativo per cui è consigliabile ridurre la conversazione alle sole informazioni strettamente necessarie. Si consiglia inoltre di: Non bere ma soprattutto non mangiare, Non assumere Coumadin o Sintrom anche se prescritti in terapia (chiedere al chirurgo), Avere chiare le modalità di trasporto: eventualmente farsele ripetere o farle illustrare ad un famigliare da parte del chirurgo. Comunicare se ha o ha avuto nei giorni precedenti la febbre. Si raccomanda di portare la documentazione medica in possesso, in particolare esami recenti eseguiti dopo l ultima visita presso il centro trapianti. Vanno portati anche il tesserino sanitario, il codice fiscale un documento di identità e tutta la terapia in corso. I pazienti in terapia con farmaci in pompa infusionale (Flolan, ecc) devono portare con se una quantità sufficiente di farmaco da coprire almeno 48 ore di terapia. Per i pazienti in ossigeno terapia è sufficiente che portino una quantità di ossigeno tale da coprire la durata del viaggio fino a Bologna. Non vanno invece portati oggetti di valore! Tenete presente che, per i primi giorni dopo l intervento, il paziente sarà degente nel Reparto di Terapia intensiva Cardiochirugica, per cui non avrà necessità di nessun indumento o dispositivo di igiene personale. Se vi sarà possibile quindi, non portate la valigia o borse voluminose il giorno della chiamata, in quanto non vi è luogo dove poterle riporre. Per le ore di attesa prima di entrare in sala operatoria basterà un pigiama o una camicia da notte ed un paio di pantofole. Tutti gli oggetti preparati al momento dell ingresso in Reparto dovranno invece essere a disposizione il giorno in cui il paziente verrà dimesso dalla terapia intensiva e verrà trasferito in reparto. Eventuali altre informazioni verranno fornite dal personale infermieristico. 17

18 Cosa succede se rifiuto di sottopormi al trapianto quando mi arriva la telefonata? Quando si decide di intraprendere la strada che un giorno potrebbe portare ad essere sottoposto ad un trapianto, il primo passo è la motivazione. Bisogna essere coscienti dei rischi a cui si va incontro ma anche dei benefici che il trapianto può comportare. Questo è fondamentale in quanto il giorno in cui arriverà la telefonata, dove si comunica la presenza di una donazione compatibile, non c è tempo per riflettere o pensare se accettare oppure no. Infatti i tempi organizzativi sono molto stretti, e nel caso in cui il paziente decidesse di rifiutare, la stessa donazione potrebbe essere offerta ad un altra persona in lista di attesa. Ovviamente il paziente in lista può decidere in qualsiasi momento di non voler più sottoporsi al trapianto e quindi di essere escluso dalla lista d attesa. Questo volere al momento della chiamata deve essere espresso estemporaneamente all operatore che contatta il paziente. Se il paziente rifiuta la donazione non si viene automaticamente esclusi dalla lista di attesa, in quanto siamo ben coscienti dell ansia ed agitazione di quei momenti che possono giustificare un ripensamento. Ovviamente le situazioni vanno valutate caso per caso, ma generalmente dopo il primo rifiuto, al paziente verrà chiesto nei giorni o nelle settimane successive di recarsi presso il centro trapianto per avere un colloquio con i medici, così da chiarire se la sua decisione è definitiva o è stata frutto di un momento di paura o sconforto. Nel primo caso si procederà alla esclusione definitiva dalla lista di attesa, nel secondo si ripristinerà la medesima priorità in lista di attesa ma con riserva. Infatti nel caso in cui il paziente dovesse rifiutare per la seconda volta si procederà alla sua esclusione definitiva dalla lista di attesa. Quando arrivo in ospedale dove devo andare? Bisogna recarsi presso l Unità Operativa di Cardiochirurgia sita al II piano del Padiglione 25, avvertendo l operatore alla sbarra di ingresso del Policlinico S.Orsola che è stato convocato per essere sottoposto a trapianto di polmone. Effettuato il ricovero, il paziente verrà visitato e sottoposto ad una serie di prelievi del sangue, una radiografia del torace e la somministrazione di alcuni farmaci in preparazione all intervento. Quindi la 18

19 preparazione all intervento continua con una doccia e la depilazione. Durante l attesa le verrà chiesto di firmare il consenso all intervento chirurgico di trapianto, alla anestesia ed alla eventuale necessità di ricevere trasfusione di sangue o derivati del sangue. Il chirurgo quindi la terrà informata sui tempi che possono subire delle variazioni rispetto a quanto programmato. In attesa del trapianto attenderà in reparto con i famigliari fino alla discesa in sala operatoria. Quanto dura l intervento? La lunghezza dell attesa che percepiscono i famigliari non corrisponde alla durata dell intervento. Infatti tempi lunghi non sono necessariamente legati a complicanze ma ad altri aspetti come la complessità delle fasi preoperatorie a variazioni dei tempi di prelievo dell organo donato. In tutti i casi, appena sceso in sala operatoria il paziente sarà addormentato e quindi, mediante il posizionamento di cateteri e sonde, saranno monitorate tutte le funzioni vitale al fine di una corretta conduzione dell intervento. All arrivo dell organo donato in sala operatoria si procederà alla rimozione dei polmoni o del polmone malati o malato ed al trapianto polmonare. Durante il trapianto di polmone, soprattutto nel caso di trapianto di entrambi i polmoni, può essere necessario utilizzare la macchina cuore-polmone per sostituire artificialmente la funzione di entrambi questi organi durante la fase di impianto degli organi donati. Chi darà informazioni ai miei parenti mentre sono in sala operatoria? Quando il paziente verrà trasferito dal reparto alla sala operatoria per l intervento, i parenti sono pregati di sostare ed attendere presso la sala di attesa sita di fronte alla portineria del Padiglione 25. Anche se l attesa sarà lunga (molte ore) e l orario spesso notturno preghiamo i parenti di non spostarsi dalla portineria in quanto può essere possibile che siano convocati anche durante l intervento. Alla fine del trapianto il chirurgo che ha 19

20 eseguito l intervento darà loro tutte le informazioni relative all intervento e all esito dello stesso. E importante ricordare che il buon esito del trapianto non dipende solo dall intervento chirurgico, ma anche dalle ore e giornate successive del post-operatorio, in particolare di quelle passate in terapia intensiva. Nel post-operatorio infatti possono insorgere complicazioni o problematiche non presenti durante la fase chirurgica (neurologiche, renali, respiratorie, infettive ecc). Le informazioni al paziente riguardo l esito dell intervento saranno date al momento del risveglio dall anestesista durante gli orari di ricevimento della terapia intensiva cardiochirurgica. Dove sarò trasferito dopo l intervento? Dopo l intervento il ricovero avverrà nella terapia intensiva cardiochirurgica sita anch essa al II piano del Padiglione 25 a pochi metri dal reparto di Cardiochirurgia. Appena possibile si procederà al risveglio del paziente ad alla sua autonomizzazione dal respiratore meccanico. Altrettanto precoce sarà l intervento di un fisioterapista per facilitare la ripresa delle funzioni motorie e stimolare con ginnastica respiratoria la toilette bronchiale. Dopo trapianto polmonare è normale essere sottoposti giornalmente ad almeno una fibro-broncoscopia per rimuovere le secrezioni bronchiali e valutare il buon andamento della cicatrizzazione delle suture bronchiali. Una volta completato il risveglio e di fronte and una buona funzione cardio-respiratoria sarà possibile iniziare una leggera alimentazione. Quanto tempo si trascorre in Terapia Intensiva dopo l intervento? La permanenza media è di circa una settimana, tuttavia la durata dipende dalla qualità della ripresa funzionale degli organi trapiantati e di quelli vitali del paziente. Durante questo periodo le informazioni saranno date dai medici rianimatori di turno seguendo gli orari esposti fuori dalla terapia intensiva. 20

21 LA DEGENZA IN REPARTO Cosa succederà quando verrò trasferito dalla rianimazione al reparto di terapia semi-intensiva del reparto di cardiochirurgia? Quando sarà trasferito in semi-intensiva della cardiochirurgia sarà accolto in una stanza dedicata ai trapiantati con una bassa carica microbica per ridurre al minimo il rischio di infezioni. In questa stanza proseguirà una monitorizzazione 24 ore su 24 delle principali funzioni vitali mantenendo in sede alcuni dei cateteri posizionati in sala operatoria il giorno dell intervento. Durante tale degenza l impegno riabilitativo aumenterà e si inizieranno a muovere i primi passi fuori dal letto. L alimentazione riprenderà fino alla normalità. In questa fase devono essere limitati i contatti con le persone per ridurre il rischio infettivo. Gli infermieri ed i medici saranno sempre a disposizione 24 su 24 per ogni necessità. Mediamente la degenza in semi intensiva è di circa 7 giorni. Quando verrò trasferito dalla reparto di terapia semi-intensiva della cardiochirurgia al reparto di degenza ordinaria? Durante la degenza in semi-intensiva, gradualmente e in base alle condizioni cliniche il monitoraggio verrà alleggerito rimovendo in particolare quello di natura invasiva effettuato per mezzo di cateteri. Verranno anche rimossi, appena possibile, i drenaggi toracici che vengono posizionati in sala operatoria alla fine dell intervento. Quando il medico responsabile del trapianto valuterà che le condizioni cliniche del paziente non richiedono più uno stretto monitoraggio (semi-intensivo appunto) si procederà al trasferimento nel reparto di degenza ordinaria. I pazienti che erano affetti da ipertensione polmonare verranno trasferiti presso il reparto di degenza 21

22 Cardiologica (IV piano, Padiglione 21), mentre tutti gli altri pazienti verranno trasferiti presso il reparto di Chirurgia Toracica (III piano, Padiglione 5). In entrambi i casi la stanza che accoglierà i pazienti manterrà le caratteristiche strutturali di quella della semi-intensiva, cioè una bassa carica microbica per ridurre al minimo il rischio di infezioni. Durante questo periodo si continuerà il percorso riabilitativo e sarà cura del personale infermieristico rendere il trapiantato gradualmente autonomo nell assunzione dei farmaci in previsione della dimissione. Mediamente la degenza in reparto è di 15 giorni. Quali regole di comportamento dovrò adottare mentre sono ricoverato? Quando sarete accolti in reparto riceverete dal personale infermieristico un opuscolo informativo che illustra in dettaglio i comportamenti da adottare durante la degenza. In particolare verrà sottolineato come nei primi tempi dopo il trapianto, essendo sottoposti a terapia immunosoppressiva, si sia più suscettibili alle infezioni. Pertanto la persona che rimarrà con lei e il personale sanitario che entrerà nella sua stanza dovrà indossare calzari, cuffia, mascherina, camice e guanti monouso. Inoltre è fondamentale che tutti, compreso il paziente, si lavino le mani ogni qual volta vengano in contatto l uno con l altro od entrino ed escano dalla stanza di degenza. Sarà a discrezione del personale medico che la seguirà, in funzione dell andamento clinico e della durata della degenza, stabilire se e quando non sarà più necessario mantenere tali forme di comportamento. Quanto tempo dovrò rimanere ricoverato prima di essere dimesso? Il ricovero complessivo per un paziente sottoposto a trapianto di polmone con un decorso post-operatorio regolare prevede una durata variabile dalla 3 alle 6 settimane. In questo periodo di tempo il paziente viene tenuto monitorato e viene sottoposto a svariate indagini al fine di confermare l assenza di complicazioni che potrebbero compromettere il buon esito dell intervento. Quando il personale medico riterrà che le condizioni cliniche del paziente sono compatibili con la sua dimissione si procederà in tal senso. 22

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE. Policlinico Santa Maria alle Scotte. Il trapianto di rene. Percorso assistenziale, intervento e follow up

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE. Policlinico Santa Maria alle Scotte. Il trapianto di rene. Percorso assistenziale, intervento e follow up AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE Policlinico Santa Maria alle Scotte Il trapianto di rene Percorso assistenziale, intervento e follow up Come contattare il Centro trapianti di rene Il nostro Centro

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia ANESTESIA Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa fa l Anestesista Pag. 2 Visita Anestesiologica Pag. 2 Che cosa significa Consenso Informato Pag. 3 Esami preoperatori Pag. 4 Prescrizioni

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Gentili Pazienti, desideriamo fornirvi alcune informazioni utili per affrontare in modo

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org Lo scopo di questa scheda informativa è illustrare alle persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e ai loro amici e familiari il modo migliore per poter vivere una vita normale con

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it Progetto grafico Avenida Stampa Artestampa srl Diffusione 50.000 copie Dicembre 2003 www.policlinico.mo.it

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Breve manuale sulle cautele da adottare nel trattamento di dati personali.

Breve manuale sulle cautele da adottare nel trattamento di dati personali. ALLEGATO D Breve manuale sulle cautele da adottare nel trattamento di dati personali. Alle persone che entrano in contatto con medici e strutture sanitarie per cure, prestazioni mediche, acquisto di medicine,

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Direzione Generale della comunicazione e delle relazioni istituzionali Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 U.O. : BLOCCO OPERATORIO I.N.R.C.A. Studente Guida di Tirocinio:

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli