rivista di informazione per l artigianato e la piccola e media impresa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "rivista di informazione per l artigianato e la piccola e media impresa"

Transcript

1 rivista di informazione per l artigianato e la piccola e media impresa Poste italiane S.P.A. - SPED. in abb. post. D.L. 353/2003 (conv. in l. 27/02/2004n.46), art.1, DCB BO - copia: 1,90 - n. 4/11 all interno l inserto CNA servizi Cedolare secca sugli affitti Accordo InfoCert e CNA

2

3 Editoriale Ravenna si appresta a vivere una nuova fase di governo del proprio territorio. Questo passaggio rappresenta un opportunità per aggiornare le priorità dello sviluppo, in una fase emblematica per l economia e la società, a livello locale, nazionale e internazionale. La CNA di Ravenna, in occasione della conclusione del percorso della Conferenza economica provinciale ha avviato un azione di confronto con la propria base associativa, al fine di condividere i risultati della Conferenza e, allo stesso tempo, per elaborare alcuni approfondimenti per lo sviluppo locale a Ravenna, da una prospettiva della piccola e media impresa. Ciò che deve contraddistinguere la sfida del governo locale dei prossimi anni è la ricerca di un percorso di sviluppo che faccia leva su tutte le risorse e capacità del territorio, per la creazione di reti di relazione e progetti a livello regionale, nazionale e globale. Progetto FutuRA, nel segno del cambiamento di Natalino Gigante Direttore della CNA provinciale di Ravenna 1 Editoriale La visione di uno sviluppo locale che si genera intercettando i flussi globali di capitale, talento ed opportunità è l immagine più appropriata per uscire da una visione localistica. La sfida è dunque come intercettare quei flussi, con che tipo di reti e con quale progettualità, nel rispetto dell identità della comunità locale e permettendo quella crescita e quello sviluppo che latita a livello di Paese. Il percorso è stato articolato sulla base di una metodologia partecipativa che si è incentrata nella costruzione di una agenda di priorità per le PMI locali in cui i risultati della Conferenza provinciale sono stati discussi soprattutto per le implicazioni verso il mondo delle piccole e medie imprese. Le aziende partecipanti hanno poi espresso due principali priorità di intervento: innovazione energetica, dove la sfida della cosiddetta green economy è riconosciuta come centrale per un riposizionamento dell economia locale e identità, cultura, ospitalità e welfare, elementi distintivi di un territorio che devono essere presi nel loro insieme per pensare a future strategie di sviluppo. Un territorio che sa cucire in un programma strategico unitario i temi della cultura, dell ospitalità e del welfare genera valore tangibile per le proprie imprese e cittadini e valore intangibile di riconoscibilità che permetterebbe di incrementare l opportunità di intercettare flussi globali. La CNA è consapevole che queste sfide si vincono al di fuori di particolarismi e steccati di esclusione tra gli attori locali ed è pronta a fare la sua parte per iniziare una nuova fase improntata all idea di integrazione, sostenibilità e sviluppo.

4

5 Sommario Economia & Persone 4. Studi di settore e redditometro 6. Tracciabilità nei contratti 7. Check-up aziendale Unioni. Alimentare 12. Settore alimentare Unioni. Produzione 22. Mercati esteri 23. AIPH alla Fiera di Hannover TEMPO D IMPRESA Rivista d informazione per l artigianato e la piccola e media impresa Direttore Natalino Gigante Direttore responsabile Antonia Gentili 3 Unioni. Servizi alla Comunità Comitato di redazione Andrea Alessi, Jader Dardi, Maurizio Gasperoni, Antonia Gentili, Natalino Gigante, Roberto Massari, Massimo Mazzavillani, Mario Petrosino, Massimo Saporetti, Daniela Toschi Sommario Luoghi. Ravenna 8. Concessioni demaniali 13. Assistenza agli autoveicoli Unioni. Costruzioni 14. Edilizia: accesso alla professione CNA Servizi 15. Cedolare secca sugli affitti Formazione 24. Studenti imprenditori Fatti d impresa 26. Pico Faenza Iscrizione al Tribunale di Ravenna n. 531 del Iscrizione al ROC n Direzione e Amministrazione CNA Comunica Srl Unipersonale Viale L.B. Alberti, Ravenna tel Fax Pubblicità: Adriano Baratoni - Luoghi. Faenza 9. Animazione territoriale Luoghi. Bassa Romagna 10. La Lugo del futuro Luoghi. Cervia 11. Cervia comunità solare 18. Accordo tra InfoCert e CNA L esperto risponde 20. Recupero dei crediti Unioni. Comunicazione & T.A. 21. Adobe, vantaggi per gli associati 27. Seeover, guardare oltre CNA Sociale 29. Protezione e cura della persona CNA per la Cultura 30. Pietro Guberti, un artista a tutto tondo 31. L uomo nero e la bicicletta blu CNA. News Progetto grafico Agenzia Image Ravenna Foto Fabrizio Zani e Archivio CNA Videoimpaginazione e fotolito Full Print Ravenna Stampa Full Print Ravenna In copertina Illustrazione di Francesco Bianchi - Informativa ai sensi del D.Lgs. 196/03 (Codice della Privacy) Ai sensi del D.Lgs 196/03 (Codice della Privacy), si informa che siamo venuti a conoscenza dei Suoi dati tramite pubblico registro. I dati verranno da noi utilizzati esclusivamente ai fini dell invio del mensile Tempo d Impresa. Il trattamento avverrà tramite strumenti cartacei ed informatici e sarà effettuato ai soli fini della spedizione. I dati non saranno diffusi. I Suoi diritti sono elencati nell art. 7 del predetto D.Lgs ed, in particolare, Le ricordiamo che può avere conferma, in modo intelligibile e gratuito, dell esistenza o meno dei Suoi dati presso di noi; di ottenere aggiornamento, rettifica o integrazione dei dati o loro blocco/cancellazione; di opporsi al trattamento per motivi legittimi. Il titolare del trattamento dei dati è CNA Comunica Srl Unipersonale - Viale L.B. Alberti, Ravenna.

6 Economia & Persone Studi di settore e redditometro Per un rinnovato rapporto fisco-impresa 4 di Sergio Silvestrini Segretario generale della CNA Economia & Persone Riportiamo una sintesi dell intervento del segretario generale della CNA, Sergio Silvestrini, in occasione del convegno Per un rinnovato rapporto fisco-impresa: studi di settore e redditometro tenutosi recentemente a Roma. Innanzitutto, una riflessione di ordine generale su quelli che, a mio avviso, sono i presupposti per rendere il rapporto tra il fisco e le imprese, un fattore di competitività per il futuro dello sviluppo del Paese Desta preoccupazione, infatti, l esperienza frequente, per non dire quotidiana, che tutti noi non possiamo non fare, di quanto, questa delicatissima combinazione si sia incrinata Dunque, perché il rapporto tra fisco e imprese, tra fisco e cittadini, nel nostro Paese, è così problematico e improntato alla sfiducia reciproca? Il sistema fiscale è diventato sempre più un corpo estraneo che si subisce ma non si capisce! In verità, come sappiamo tutti molto bene, l Italia presenta alti, direi insostenibili, livelli di pressione fiscale. Siamo, secondo l ultima stima Istat, al 43,2% (che diventa il 52% se si considera la quota di imponibile non dichiarato calcolata nel Pil). Il tax rate complessivo sulle imprese arriva al 68,6%. E, come se non bastasse, il Paese somma altrettanto alti livelli di evasione fiscale. Si calcola che si tratti di circa 120 miliardi di gettito in meno, 8 punti di Pil. L insieme forma un mix esplosivo fatto di sfiducia diffusa e generalizzata verso il sistema. Tra gruppi sociali. Tra territori E nelle condizioni di esasperata competizione tra imprese e tra sistemi produttivi che caratterizza la nostra epoca, diventa anche un grave handicap per lo sviluppo. Un handicap che va rimosso con coraggio e determinazione. Operando le necessarie rotture. I mutamenti, che si sono consolidati in questo primo decennio del nuovo secolo e quelli messi in moto dalla crisi finanziaria ed economica di fine 2008, sono molto profondi e stanno disegnando un futuro complesso di globalizzazione, che le imprese non possono affrontare a mani nude! Ritengo che il mutamento di prospettiva, a cui ci costringe la globalizzazione dell economia, ci offra la chance di uscire da quelle logiche e modalità organizzative, amministrative, procedurali che hanno accompagnato la nostra storia nazionale, e la nostra storia tributaria, in particolare. Logi- Sergio Silvestrini IL VOSTRO PARTNER PER LA LOGISTICA Sede Operativa e Amministrativa: Via Deruta, Faenza (RA) - Tel Magazzini: Via Madrara, Faenza Loc. Fossolo (RA) - Tel Via Deruta, Faenza (RA) - Tel

7 che che non sono mai state vincenti! Dunque, non ci resta che una scelta: ripensare il fisco e il suo rapporto con le imprese, ricollocandolo nell ambito della più generale riconsiderazione del ruolo cruciale, che nella vita economica e nelle scelte delle imprese giocano gli ambienti (amministrativo, fiscale, etc.) in cui esse si trovano ad operare. Ambienti che, se efficienti, possono offrire ai sistemi produttivi quegli atout che fanno la differenza. Ed è in questo orizzonte che dobbiamo chiederci: perché i cittadini (e le imprese) pagano le tasse? Quanto devono pagare? Come le devono pagare? A chi le devono pagare? Solamente interventi che in modo integrato vadano ad incidere vigorosamente sul fronte della spesa, rafforzando, nella comune coscienza civile, il nesso imposte pagate e servizi ottenuti possono gettare le basi per ricostruire il delicato equilibrio su cui si regge un sano rapporto fiscale tra imprese e fisco. Dobbiamo avere l audacia di intervenire con riforme strutturali! Nelle mutate condizioni della globalità per le imprese è divenuto veramente difficile competere senza un fisco che le pensi come luoghi in cui si produce, in cui si crea lavoro, in cui si crea ricchezza per il Paese. E non come luoghi in cui il primo e principale obiettivo sia quello di evadere il fisco! In questa prospettiva, sono importanti i tavoli di confronto, avviati presso il Ministero con le parti sociali, che hanno messo al centro del progetto lo snellimento delle procedure e lo sfoltimento della giungla di agevolazioni, deduzioni, detrazioni. Come è importante l azione sistematica dell Agenzia delle Entrate che ha accompagnato l obiettivo di acquisire gettito per l erario con scelte amministrative ispirate dai principi di ragionevolezza, equilibrio e trasparenza, tese ad alimentare nei contribuenti la cultura della fiducia e del rispetto per lo Stato. Ma non basta! Serve un piano chiaro e coerente di riforma del fisco che accompagni l attuazione del federalismo L introduzione del redditometro non va certo nella direzione di un fisco positivo che faccia sentire l impresa fedele come una risorsa per il Paese e che, allo stesso tempo, abbia tutti gli strumenti per isolare e punire, anche severamente, gli evasori che tolgono ossigeno alla parte sana dell economia. Il redditometro rischia, ancora una volta, di porre, a priori, l impresa sul banco degli imputati! Se c è una cosa che gli studi di settore ci hanno insegnato è proprio questa: l importanza e l efficacia della costruzione condivisa. Costruzione condivisa che non c è proprio, nel DNA del redditometro! Il fisco nel ventunesimo secolo non può essere un fisco che insegue i singoli evasori. Deve essere un fisco che crea le condizioni perché non si possa più evadere. Le imprese subiscono la concorrenza di chi evade quando arrivano sul mercato, non dopo! Lo Stato deve trovare modalità assolutamente nuove per rispondere al tema della fedeltà fiscale, dando sempre più spazio a strumenti che, come gli studi di settore, permettono all impresa di sapere prima qual è il livello di correttezza fiscale e lavorano per raggiungerlo. Siamo certi che il redditometro sia funzionale al raggiungimento di questo obiettivo? Quello che serve è un nuovo paradigma. Dobbiamo dunque avere tutti la forza di creare le condizioni per questo nuovo paradigma, uscendo dalla gabbia dell inerzia. Ricordando sempre che - come diceva un grande economista come Johnn Maynard Keynes - spesso, la difficoltà non sta nelle idee nuove, ma nell uscire dalle vecchie! 5 Economia & Persone

8 Economia & Persone Tracciabilità nei contratti Il flusso dei pagamenti negli appalti pubblici 6 di Veniero Bissi Consulente Appalti CNA Ravenna Economia & Persone L applicazione indiscriminata a tutti gli appalti e per qualsiasi importo delle disposizioni relative alla tracciabilità, mettono sullo stesso piano la grande opera pubblica e gli interventi di minimo importo dei piccoli Enti Locali. Il 7 settembre 2010 è entrata in vigore la Legge 136/2010 che ha stabilito la tracciabilità dei flussi finanziari relativi a contratti pubblici di lavori, servizi e forniture. La norma prevede i seguenti obblighi. Tutte le operazioni finanziarie relative ad una commessa pubblica devono essere effettuate sui conti correnti bancari o postali dedicati, tali da consentire la piena tracciabilità delle operazioni stesse. I conti correnti dedicati devono essere comunicati alla stazione appaltante entro sette giorni dal loro primo utilizzo o apertura. Non è necessario un conto corrente in via esclusiva ma possono essere utilizzati uno o più conti correnti già esistenti anche per più commesse. I pagamenti vanno effettuati con bonifici bancari o postali o altri strumenti idonei a consentire la tracciabilità delle operazioni e devono riportare il codice identificativo del contratto (CIG) e il codice unico di progetto (CUP). Nei casi relativi a pagamenti di stipendi e spese generali non è necessario indicare CIG e CUP e possono essere utilizzati strumenti di pagamento ulteriori che comunque garantiscano la tracciabilità. In tutti i rapporti contrattuali che l appaltatore o il subappaltatore attiva con i propri fornitori deve essere riportata la clausola della tracciabilità dei pagamenti. Per tutti gli appalti i cui contratti sono stati stipulati prima del 7 settembre 2010 e che al 17 giugno 2011 sono ancora in essere, l impresa deve attivarsi per comunicare alla stazione appaltante il conto o i conti correnti che vuole dedicare per i pagamenti. E inutile negare che questa Legge, pur condivisibile nella sua finalità di combattere mafie e infiltrazioni criminali, ha mostrato da subito diverse lacune di carattere applicativo, tanto che dallo scorso 7 settembre 2010, è stato emanato prima un Decreto Legge (n 187/2010, convertito nella Legge 217/2010), poi la stessa Autorità di Vigilanza sui Lavori Pubblici è dovuta intervenire con due determine di carattere interpretativo. Queste disposizioni in corso d opera non hanno comunque risolto un problema e cioè l applicazione indiscriminata a tutti gli appalti e per qualsiasi importo delle disposizioni relative alla tracciabilità, paragonando così la grande opera pubblica agli interventi di minimo importo dei piccoli Enti Locali. La tracciabilità sui lavori di piccolo importo sembra più un aggravio burocratico per le piccole imprese che un reale sistema per combattere le infiltrazioni criminali che molto probabilmente si annidano nelle grandi infrastrutture dove, viste le dimensioni, è più facile aggirare la legge.

9 Check-up aziendale Imprese, innovarsi per competere sul mercato di Daniela Toschi Responsabile Divisione Relazioni Industriali CNA Ravenna 7 CNA Industria offre alle imprese la possibilità di sperimentare e applicare un sistema innovativo per la valorizzazione delle competenze e dei processi di innovazione. Il progetto è frutto di una collaborazione tra Ecipar di Ravenna e il Dipartimento di Psicologia dell Università degli Studi di Firenze, attraverso il Laboratorio di Psicologia per la Ricerca sull Imprenditorialità, Innovazione e Integrazione diretto dal prof. Carlo Odoardi, che ha aderito in qualità di partner nell ambito specifico di ricerca, sviluppo e formazione delle competenze d innovazione a favore delle PMI afferenti alla CNA del territorio provinciale. Il laboratorio HRM per l innovazione offrirà a un gruppo di imprese la possibilità di sperimentare e applicare un sistema innovativo per la valorizzazione delle competenze e dei processi di innovazione. Ciascuna azienda avrà la possibilità di attivare un processo di analisi, valutazione, valorizzazione e sviluppo delle competenze di innovazione del proprio personale usufruendo di una serie di servizi e strumenti di supporto forniti in collaborazione con Ecipar di Ravenna. La partecipazione al laboratorio offre un check up aziendale e la restituzione di un report che darà evidenza del potenziale di innovazione in impresa, con l identificazione dei fattori antecedenti e inibitori l innovazione e saranno identificati possibili progetti di sviluppo; la partecipazione ad alcuni seminari/incontri di approfondimento su alcune tematiche specifiche; l organizzazione di un percorso formativo aziendale con l obiettivo di implementare i progetti di sviluppo organizzativo. La partecipazione al progetto consentirà, a ciascuna azienda, di effettuare una diagnosi del grado di intensità e completezza delle competenze di innovazione presenti o necessarie in azienda: possedute a livello individuale (dipendenti); possedute a livello di gruppo (team work); possedute a livello di organizzazione (management) rispetto ad un modello atteso di innovazione. Le metodologie adottate sono validate da un Comitato Tecnico Scientifico composto da ricercatori ed esperti appartenenti a prestigiose Università e Strutture di Ricerca e Sviluppo nazionali e internazionali: Haute Ecolè commerce-hec (Monreal, Canada), Università Libre de Bruxeles (Belgio), Università di Valencia (Spagna), Università di Montpellier (Francia), European Research group on Innovation Inechoes (Italia), Università di Firenze. Si tratta di una opportunità che la CNA mette a disposizione delle imprese nella logica di sostenere i processi di miglioramento continuo per rafforzare la competitività del sistema produttivo locale. Per informazioni: Alessandro Battaglia, responsabile CNA Industria, ra.cna.it e Monia Morandi, consulente Ecipar, Economia & Persone...in rete Il CIICAI vi invita a visitare il nuovo sito internet attivo dal 10 Marzo d ants ravenna C.I.I.C.A.I. Soc. Coop. Cons. Via Negrini, Ravenna Tel Fax

10 Luoghi. Ravenna Concessioni demaniali Quale futuro per gli operatori della spiaggia? 8 di Mario Petrosino Responsabile CNA comunale di Ravenna Luoghi. Ravenna Gli operatori balneari italiani stanno portando avanti unitariamente una battaglia contro un provvedimento che, se confermato, penalizzerà irreparabilmente un sistema imprenditoriale che ha costituito con la propria presenza un offerta economico-turistica di elevata qualità in campo nazionale e nel contesto di tutto il panorama europeo. Come CNA riteniamo doveroso portare a conoscenza anche dell opinione pubblica questa situazione di grande incertezza e preoccupazione che, solo apparentemente, è un problema circoscritto unicamente agli operatori balneari titolari di concessione demaniale marittima (220 solo nel comune di Ravenna, circa in Italia). La direttiva Bolkenstein ha inserito anche i servizi della spiaggia tra le categorie soggette ai suoi effetti. Se non si interverrà, questo porterà - alla fine del a mettere all asta tutte le concessioni esistenti, senza tenere conto del lavoro, degli investimenti in migliorie, dell avviamento che i bagnini hanno portato alle loro concessioni nel corso degli anni, disperdendo in questo modo un patrimonio che attrae milioni di turisti ogni anno nel nostro Paese. CNA Balneatori nazionale - durante la lunga trattativa - è intervenuta evidenziando la necessità di archiviare immediatamente la procedura di infrazione a suo tempo avviata dall Unione Europea, di approdare ad una legge quadro che contenga il riordino normativo in materia demaniale e una norma transitoria che vada oltre la scadenza delle attuali licenze demaniali fissata al Tre obiettivi che sono condivisi dalle forze politiche di entrambi gli schieramenti anche perché tutti concordano nel riconoscere la specificità della situazione delle spiagge italiane, che è diversa da quella degli altri Paesi europei. Nei giorni scorsi anche l ANCI (Associazione Nazionale Comuni d Italia) ha approvato all unanimità una risoluzione in cui chiede al Governo il proprio intervento urgente, teso a prevedere la proroga delle concessioni del demanio marittimo oltre il termine del 31 dicembre 2015 e a intraprendere iniziative nei confronti dell Unione Europea per escludere tali concessioni dalla disciplina della Direttiva Servizi. Una battaglia, insomma, che sembra mettere d accordo tutti e che si giocherà nei prossimi mesi. Ci auguriamo che anche i cittadini fruitori dei servizi balneari siano aggiornati su questa vertenza, che riguarda una filiera economica importantissima per la nostra città, per il nostro stesso sistema turistico e che ci permette di godere delle nostre belle spiagge.

11 Luoghi. Faenza Animazione territoriale Dalla CNA di Brisighella la proposta di un confronto per il rilancio dell economia di Jader Dardi Responsabile pluricomunale CNA Area Faentina 9 Il centro storico e il territorio di Brisighella rappresentano un valore per qualità ambientale, artistica si pensi alla bellezza del borgo medioevale - e gastronomica. Tutto questo è frutto di un lavoro di anni nella promozione e valorizzazione delle tipicità di questo luogo, ricco di eccellenze che fanno immediatamente riconoscere Brisighella rispetto ai territori confinanti, a partire dall olio che ne è diventato il simbolo. Si è riusciti a costruire una filiera nell allevamento di razze autoctone come la Mora Romagnola e stanno per concretizzarsi alcuni importanti interventi in questo settore, che contribuiranno a dare impulso ad una economia strettamente collegata alla valorizzazione delle tipicità del territorio a cui ha contribuito anche la costituzione del Parco Regionale della Vena dei Gessi Romagnoli. Abbiamo un territorio molto bello dal punto di vista paesaggistico, ricco di un saper fare antico che ha saputo portare fino a noi lavori che da altre parti sono stati abbandonati da tempo - sottolinea Mario Ghetti, presidente della CNA di Brisighella -. Dobbiamo però evidenziare come in questi anni si sia perduto il comparto manifatturiero, che nel nostro territorio vedeva molte attività artigiane impegnate nei settori del tessile e calzaturiero. Si tratta di settori in crisi in tutto il Paese che hanno subìto una forte delocalizzazione verso nazioni a bassissimo costo di mano d opera. Tutto questo ha profondamente segnato il territorio sul fronte occupazionale senza che siano sorte nuove attività capaci di rilanciare l economia. Nel corso di una recente riunione della Direzione CNA di Brisighella prosegue Ghetti partendo da queste considerazioni abbiamo proposto un confronto con l Amministrazione Comunale con l idea di promuovere un azione di animazione territoriale in grado di coinvolgere il tessuto imprenditoriale locale caratterizzato ancora dalla presenza di aziende artigiane e piccole imprese. Non è una impresa facile conclude Ghetti - e non esistono ricette già confezionate, ma secondo noi è necessario confrontarsi e riflettere per ricercare assieme idee e progetti economici che possano contribuire ad arricchire Brisighella con una nuova filiera economica compatibile sul piano ambientale e in grado di valorizzare il nostro saper fare. Su questi temi apprezziamo la disponibilità al confronto che il Sindaco ci ha espresso e che ci vedrà impegnati a sostenere un progetto che, nei prossimi mesi, ci auguriamo possa trovare la condivisione di altre imprese che con noi vorranno partecipare alla promozione del nostro territorio. Luoghi. Faenza Sede e showroom Montaletto di Cervia RA - Via Casette, 1 - tel fax Punto vendita Ravenna - arredo negozi - Via Canale Molinetto 13/a - tel pagamenti in 18 mesi a tasso ZERO

12 Luoghi. Bassa Romagna La Lugo del futuro A colloquio con Nicola Pasi, assessore all Urbanistica e all Ambiente 10 di Roberto Massari Responsabile pluricomunale CNA Bassa Romagna Luoghi. Basa Romagna Il Comune di Lugo ha attivato in questi mesi un processo di partecipazione e ascolto aperto alla città per elaborare con un masterplan il progetto per la Lugo del futuro, di cui ci eravamo già occupati sulle pagine del nostro giornale. Abbiamo voluto approfondire il tema, parlandone con l assessore Pasi. Come sarà la Lugo del futuro? Il masterplan ha deciso di concentrarsi su due luoghi specifici: il centro storico e il quartiere di Lugo Sud. Le idee che stanno emergendo in merito al centro storico riprendono alcuni obiettivi già condivisi come la valorizzazione dei luoghi centrali quale principale centro commerciale naturale della Bassa Romagna, rafforzarne la vivacità urbana come luogo di incontro e relazioni, implementare e differenziare i servizi, recuperarne e attualizzarne la vocazione residenziale. A suo parere sono emerse idee interessanti per il mondo delle imprese artigiane? Nicola Pasi Intanto mi preme sottolineare che alcune imprese artigiane sono state tra le protagoniste della fase di elaborazione delle idee, degli obiettivi e delle azioni conseguenti. Da Assessore all Urbanistica e all Ambiente ritengo, inoltre, che la qualificazione edilizia ed energetica di Lugo Sud e della città debba essere una sfida e allo stesso tempo un occasione da non perdere per un settore importante del mondo dell artigianato. Può anticiparci alcune riflessioni in merito? A Lugo Sud, come in diversi altri quartieri del nostro territorio, è presente un patrimonio edilizio di vecchia data e come tale particolarmente dispersivo dal punto di vista energetico. Una ristrutturazione edilizia o semplicemente interventi di manutenzione straordinaria possono consentire la riduzione dei consumi. La vera sfida sull energia non può essere confinata al solo dibattito su come deve essere prodotta - nucleare, combustibili fossili, fonti rinnovabili - ma deve far propria la sfida della riduzione degli sprechi. Per fare ciò, su quali risorse può contare oggi un comune come Lugo? Se la riqualificazione energetica, al limite, finisse per coinvolgere l intero patrimonio edilizio del quartiere potrebbe mobilitare oltre di euro di sole manutenzioni straordinarie. Mi pare che a Lugo ci possano essere i numeri per cogliere interesse e investimenti in merito da parte del mondo delle imprese e del sistema bancario. Stiamo lavorando su questo e auspico di poter incontrare un interesse concreto. Una delle sfide che dobbiamo affrontare assieme credo stia proprio nel definire le azioni giuste per tenere agganciate le piccole imprese alle grandi dinamiche e opportunità del nostro tempo. Quella del risparmio energetico è sicuramente una di queste. Sedar CNA Servizi Viale Randi, Ravenna Tel Fax

13 Luoghi. Cervia Cervia comunità solare Un progetto del Comune di Cervia per incentivare risparmio energetico e fonti rinnovabili di Nevio Salimbeni Assessore al Turismo del Comune di Cervia 11 La disponibilità di energia e la capacità di rispondere ai fabbisogni di una comunità, nonché i modi di produrre, approvvigionare e utilizzare energia, sono fattori che condizionano in maniera rilevante lo sviluppo del territorio. Il progressivo esaurimento dei combustibili fossili tradizionali e l aggravarsi delle conseguenze dovute ai cambiamenti climatici rende necessario il graduale passaggio da un economia basata sui combustibili fossili ad una con livelli di consumo energetico inferiori, con elevata efficienza e uso razionale di fonti rinnovabili. In questo quadro va inserito il progetto Cervia Comunità Solare, una idea di lavoro semplice e operativa che rappresenta un punto di partenza per una scelta di campo: Cervia, da sempre città certificata Emas e paladina del verde e della natura, vuole proseguire nella sua scelta di sostenibilità ambientale e vuole fare la sua parte per aiutare le imprese della green economy a operare positivamente sul territorio. La sfida è: informare correttamente i cittadini allo scopo di aiutare l impresa e sostenere così scelte sostenibili di sviluppo economico. Il progetto - contenuto anche nel mandato del sindaco Zoffoli - è partito qualche mese fa tramite un bando pubblico che ha affidato a una società specializzata l elaborazione di uno studio capace di predisporre un analisi conoscitiva sulla realtà energetica comunale, un passo indispensabile per arrivare all elaborazione di un vero e proprio Piano Energetico Comunale che segua i dettami generali dello stesso Piano Energetico Regionale. Sono stati poi organizzati alcuni workshop con i cittadini e con le imprese allo scopo di far conoscere al meglio gli aspetti legati al risparmio energetico, all efficientamento energetico degli edifici, alle detrazioni fiscali ottenibili con alcuni interventi, alle caratteristiche e modalità di installazione di impianti solari termici e fotovoltaici. In queste occasioni hanno sempre partecipato i rappresentanti delle imprese, i consorzi fidi e tutti i privati interessati. Infine, il Comune ha messo a disposizione un attività di consulenza on-line sulle stesse tematiche già citate; infatti, nel sito di Cervia (www.comunecervia.it) è stato approntato un link a cui i cittadini possono accedere per la formulazione di richieste e quesiti. Tali richieste, raggruppate per tematiche, sono sottoposte ai professionisti incaricati con il bando; questi ultimi hanno alcuni giorni per rispondere pubblicamente agli interroganti e cogliere così l occasione per fornire a tutti maggiori informazioni. Luoghi. Cervia Via Barbiani, 1 Ravenna dal 29 luglio al 5 agosto Mykonos quota speciale Millepiedi Viaggi 8 giorni / 7 notti pernottamento e prima colazione Hotel Ornos Beach Volo da Bologna 590,00 la quota si intende a persona esclusi: quota di iscrizione 50,00 quota assicurazione 31,00

14 Unioni. Alimentare Settore alimentare Di chi è la competenza delle sanzioni? 12 di Jimmy Valentini Responsabile provinciale CNA Alimentare Unioni. Alimentare Fino ad oggi, quando una nostra azienda - e questo per fortuna succede molto di rado - si vedeva recapitare una sanzione da parte dell AUSL o dei NAS per una qualsivoglia violazione delle normative igienico-sanitarie, il verbale recitava anche che eventuale ricorso poteva essere presentato al Sindaco entro 60 giorni. Così è stato fino al 2010, quando la Regione Emilia-Romagna ha modificato la Legge n.21 del Con una nota esplicativa del gennaio 2011, il Servizio Attività Consultiva Giuridica e Coordinamento dell Avvocatura Regionale scrive: Per le violazioni in materia sanitaria, nonché relative alla tutela e alla sicurezza del lavoro, anche connesse a funzioni attribuite agli Enti Locali, la competenza all applicazione delle sanzioni amministrative pecuniarie spetta all AUSL. Qualora le violazioni riguardanti la tutela e la sicurezza del lavoro siano contestate all AUSL, l autorità competente è la Regione. La nuova disciplina estende anche alle sanzioni in materia igienico-sanitaria la regola generale per cui l Ente competente all irrogazione della sanzione introita i proventi delle stesse e, di conseguenza, riconduce ad un unico soggetto (l AUSL) la competenza ad accertare le violazioni nelle materie su cui lo stesso esercita le funzioni di amministrazione attiva e a compiere tutte le attività conseguenti all accertamento fino ad introitare i relativi proventi. La modifica ha recepito le sollecitazione di alcuni Comuni volte a eliminare ogni deroga al principio di parallelismo tra esercizio della funzione amministrativa e competenza sanzionatoria accessoria e la discrasia tra chi irroga la sanzione e chi introita i relativi proventi. E ancora: sulla base del principio della separazione tra le funzioni di indirizzo politico e quelle di gestione amministrativa, le autorità competenti per lo svolgimento del procedimento sanzionatorio disciplinato nella presente legge sono individuate nell ambito degli uffici degli enti cui la stessa si applica. Da tale precisazione si deduce che in nessun caso un autorità politica (ad esempio, il Sindaco) può essere legittimata all irrogazione di una sanzione amministrativa. Ne consegue che in materia igienico-sanitaria e in materia di tutela e sicurezza del lavoro, la competenza all applicazione delle sanzioni amministrative pecuniarie spetta all AUSL, benché la funzione regolatrice e, dunque, la fattispecie soggetta a sanzione possa essere prevista in un atto locale, sia esso un regolamento oppure un ordinanza sindacale o dirigenziale.

15 Unioni. Servizi alla Comunità Assistenza agli autoveicoli Operativo anche in Italia il nuovo quadro normativo di Mariano Cantori Responsabile CNA Servizi alla Comunità dell Emilia Romagna 13 La Nuova BER (Block Exemption Regulation) - la legge europea che favorisce maggior concorrenza nel settore della manutenzione degli autoveicoli e che sostituisce il Regolamento Monti - è ora operativa anche in Italia. È un provvedimento molto importante, che ha visto la partecipazione attiva di CNA Servizi alla Comunità. Nel Regolamento BER hanno trovato soluzione alcune questioni che avevano impedito la piena realizzazione e quindi l efficacia del Regolamento Monti. Ci riferiamo al libero accesso alle informazioni tecniche per ogni autoveicolo e alla possibilità conseguente di installare i ricambi anche da parte delle officine indipendenti e di intervenire sui tagliandi di manutenzione in garanzia, sia legale che estesa, a condizione di rispettare tutte le linee guida stabilite dalla Casa Produttrice del veicolo. La norma autorizza l uso di due tipologie di ricambi, i Ricambi Originali prodotti dai fornitori ufficiali delle case costruttrici, e i Ricambi di Qualità Equivalente che possono essere costruiti da produttori indipendenti, ma secondo le specifiche tecniche fornite dal costruttore. Nel caso di un intervento di un autoriparatore indipendente durante il periodo di garanzia del veicolo, non decade la garanzia, a meno che il produttore non dimostri in maniera documentata che il danno è stato causato da un intervento scorretto o dall utilizzo di un ricambio non conforme chiarendo, a differenza di ciò che era stabilito nel Regolamento Monti, che è il costruttore a dover fornire l onere della prova. CNA Servizi alla Comunità ha realizzato un manuale che è distribuito alle imprese, perché riteniamo essenziale che i nostri imprenditori conoscano queste nuove regole per poter finalmente competere alla pari con le reti autorizzate. Non si tratta di contrapporre le Officine Indipendenti a quelle Autorizzate, la nostra Associazione le rappresenta in uguale misura, chi è autorizzato per un marchio è indipendente per le altre e, comunque, è interessato a un mercato con regole di concorrenza certe e chiare. La vera battaglia da vincere è quella della difesa della libertà di scelta dell automobilista, che deve poter liberamente rivolgersi al riparatore di fiducia che ha l obbligo di garantirgli un intervento di qualità pari a quello che troverebbe nella rete del produttore del veicolo. Il principio della libertà di scelta non può essere messo in discussione da pubblicità ingannevoli o da informazioni tendenziose, magari promosse da chi, in questo mercato, già gode di posizioni dominanti che il Regolamento BER vuole eliminare. Ora le norme ci sono, questo diritto esiste e deve essere diffuso e fatto rispettare. Questa è la priorità politica per CNA Servizi alla Comunità, perché è nostro dovere tutelare e rappresentare le imprese artigiane e le PMI che operano in questo importante settore. Unioni. Servizi alla Comunità Via dell Artigianato, FUSIGNANO (Ravenna) Tel Fax

16 Unioni. Costruzioni Edilizia: accesso alla professione Approvata all unanimità la proposta di Legge 14 di Roberto Belletti Responsabile provinciale CNA Costruzioni Unioni. Costruzioni L aula della Camera dei Deputati ha approvato la proposta di Legge sull accesso alla professione di costruttore edile che, come CNA, abbiamo sollecitato nel corso di questi ultimi anni. Una decisione praticamente unanime, sono stati ben 437 i voti a favore, su un provvedimento - come ha sottolineato il presidente nazionale di CNA Costruzioni, Rinaldo Incerpi - assolutamente necessario per un settore, quello delle costruzioni, così importante economicamente, ma anche così complesso e delicato per i notevoli rischi a cui è sottoposto sul piano della sicurezza del lavoro e dell aggressione da parte delle organizzazioni criminali soprattutto in certe aree del nostro Paese. Con questa proposta di Legge ci si propone una regolamentazione del settore attraverso meccanismi di qualificazione che tendano a scoraggiare le iniziative imprenditoriali estemporanee e che, nello stesso tempo, favoriscano lo sviluppo di imprese che dispongono dei requisiti professionali necessari. Tutto questo con l augurio che porti a un reale consolidamento del settore così come è avvenuto negli anni per una categoria molto vicina come l impiantistica. I requisiti minimi per potersi iscrivere alla Camera di Commercio riguarderanno sia il titolare/legale rappresentante che il responsabile tecnico. Il costruttore (e il responsabile tecnico, se persona diversa) dovrà avere innanzitutto una fedina penale immacolata, quindi nessuna misura di prevenzione antimafia, nessuna condanna definitiva, ecc.; inoltre, dovrà disporre di attrezzatura di proprietà, a noleggio o leasing per euro. Per poter svolgere il ruolo di responsabile tecnico o si è in possesso di una laurea tecnica oppure si dovrà seguire un corso a durata differenziata in base al titolo di studio che verterà su materie come: urbanistica, edilizia, bioedilizia, sicurezza, risparmio energetico e contrattualistica privata. Per il responsabile tecnico, oltre ai requisiti di onorabilità, vengono chieste garanzie anche sul piano tecnico ovvero dell attività già svolta. Non deve in particolare aver subìto condanne per smaltimento illecito di rifiuti, o per inquinamento del suolo o danneggiamento dell ambiente o violazioni in materia di ricerche archeologiche. Le violazioni in materia di sicurezza sono rilevanti solo se la condanna è stata superiore ai 2 anni. Il testo approvato dalla Camera va giudicato in modo più che soddisfacente e, quindi, ci si attende un esame rapido ed efficace da parte del Senato per arrivare così in tempi brevissimi a una Legge definiva molto importante per una categoria pesantemente colpita da una crisi che ancora non presenta concreti spiragli di luce.

17 servizi Sommario Cedolare secca sugli affitti Accordo InfoCert e CNA conveniente in considerazione della propria situazione complessiva. Il provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate, pubblicato sul sito dell Agenzia il 7 aprile 2011, indica le modalità di esercizio dell opzione per l applicazione del regime della cedolare, le modalità di versamento dell imposta e altre disposizioni attuative di quanto contenuto nel citato articolo 3 del D.Lgs. 23/ CNA Servizi Cedolare secca sugli affitti La nuova modalità di tassazione è opzionale di Luca Cantagalli Responsabile provinciale Imposte Dirette L articolo 3 del Decreto attuativo del Federalismo Municipale (D.Lgs. n. 23 del 14/3/2011, in vigore dal 7/4/2011) prevede l introduzione della cosiddetta cedolare secca sugli affitti che rappresenta una modalità alternativa di tassazione dei redditi conseguiti dalla locazione degli immobili ad uso abitativo e delle relative pertinenze. A decorrere dal 2011 pertanto, tali redditi potranno essere assoggettati alla nuova imposta sostitutiva dell IRPEF, delle relative addizionali, dell imposta di registro e di bollo sul contratto di locazione. La nuova modalità di tassazione è opzionale; il locatore dovrà quindi effettuare calcoli in simulazione per individuare la tassazione più Le caratteristiche della nuova disposizione La cedolare secca: - è applicabile a decorrere dal 2011 sia in riferimento ai contratti di locazione in corso al 1 gennaio 2011 sia in riferimento a quelli stipulati successivamente ed è utilizzabile anche per i contratti in corso al 1 gennaio 2011 che sono stati oggetto di scadenza o risoluzione volontaria prima del 7 aprile 2011 (tra le locazioni di alloggi sono da considerare anche quelle effettuate nei confronti dello stesso inquilino, per periodi non superiori a 30 giorni complessivi in un anno solare, per i quali non è obbligatoria la registrazione del contratto); - può essere adottata dalle persone fisiche proprietarie o titolari di diritti reali di godimento di unità abitative locate ad uso abitativo. Il nuovo regime non è utilizzabile per le locazioni di unità immobiliari ad uso abitativo effettuate nell esercizio di attività d impresa o di arti e professioni; - può essere applicata sui redditi derivanti da contratti di locazione di unità immobiliari locate ad uso abitativo e su quelli derivanti dalla locazione delle pertinenze solo se locate congiuntamente all abitazione. Possono essere assoggettati alla cedolare secca sia i redditi derivanti da contratti di locazione stipulati sulla base della disciplina dettata dal Codice Civile (contratti liberi) che quelli derivanti da contratti stipulati sulla base della disciplina concordata (ad esempio, quelli previsti dall art. 2 comma 3 della Legge 431/1998). L individuazione delle diverse tipologie contrattuali assume notevole rilevanza al fine di identificare l aliquota di cedolare secca applicabile. La cedolare secca è sostitutiva dell imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF), delle addizionali IRPEF, dovute sul reddito fondiario degli immobili affittati che sono oggetto della suddetta imposizione, delle imposte di registro e di bollo sul contratto di locazione (compresa l imposta di registro e di bollo che sarebbero dovute sulle risoluzioni e proroghe di detti contratti) ed è applicata sul 100% del canone di locazione annuo stabilito dalle parti risultante dal contratto con le aliquote: - del 21 % sui contratti a canone libero e concordato;

18 16 CNA Servizi - del 19% sui contratti a canone concordato se relativi ad alloggi e pertinenze situati nei comuni delle cosiddette aree metropolitane (ad esempio, il comune di Bologna e i comuni territorialmente confinanti a questo), nelle città capoluogo di provincia (ad esempio, Ravenna) e nei comuni ad alta tensione abitativa (quali, ad esempio, Faenza e Lugo). La cedolare secca rappresenta, di fatto, una imposizione sostitutiva che determina l esclusione dal reddito complessivo del contribuente dei redditi ad essa assoggettati. Attenzione! La cedolare secca non è sostitutiva delle imposte di bollo e di registro dovute in caso di cessione dei contratti di locazione. Tali redditi sono comunque da considerare per verificare la spettanza e per determinare l ammontare di deduzioni, detrazioni o benefici di qualsiasi titolo, anche di natura non tributaria, legati a requisiti di natura reddituale (il reddito soggetto alla cedolare, ad esempio, rileverà ai fini della determinazione dell ISEE del soggetto proprietario/usufruttuario dell immobile locato). L opzione per la nuova modalità di tassazione può essere esercitata dal locatore. Viene tuttavia previsto che, in caso di esercizio dell opzione, è sospesa - per un periodo corrispondente alla durata della stessa - la facoltà di chiedere l aggiornamento del canone, inclusa la variazione accertata dall ISTAT. Inoltre l opzione, per la cedolare secca, non avrà effetto se non verrà data preventiva comunicazione al conduttore, mediante lettera raccomandata, del fatto che il locatore rinuncia alla richiesta dell aggiornamento del canone a qualsiasi titolo. Per i redditi assoggettati a cedolare secca resta comunque l obbligo di presentare la dichiarazione dei redditi. Resterà obbligatoria la registrazione dei contratti di affitto (a meno che non si tratti di contratti di locazione di durata inferiore a 30 giorni). Non sarà invece più necessario presentare la comunicazione alla Pubblica Sicurezza, per la cessione dell immobile in quanto la registrazione del contratto di locazione assolve direttamente a tale obbligo. La cedolare secca dovrà essere versata entro il termine per il versamento delle imposte sul reddito delle persone fisiche (termine previsto al 16 giugno o 16 luglio di ogni anno, a partire dal 2012, per l anno 2011). Sono, però, previsti anche versamenti a titolo di acconto e, più precisamente, nelle misure dell 85% per l anno 2011 e del 95% dall anno 2012 (vedi Tabella Acconti a fianco). Per la liquidazione, l accertamento, la riscossione, i rimborsi, le sanzioni, gli interessi e il contenzioso relativi alla cedolare secca, si applicano le disposizioni previste per le imposte sui redditi. Trattandosi di regime opzionale, per l analisi di convenienza sulla modalità di tassazione dei redditi derivanti dalla locazione di unità immobiliari locate ad uso abitativo, non sarà sufficiente operare un puro confronto tra le aliquote d imposta applicabili ma occorrerà considerare un insieme di elementi e situazioni che sono strettamente legate alla specifica situazione del locatore. Pertanto, chi fosse interessato ad avere maggiori chiarimenti e volesse esaminare la propria posizione personale, è invitato o a prendere contatti con il proprio ufficio CNA di riferimento. Un nuovo servizio per gli associati CNA GESTIONE DELLE LOCAZIONI Vista l implementazione di un nuovo servizio per la gestione delle locazioni, tanto abitative che commerciali, da parte della Società Servizi di Cna, invitiamo gli associati a rivolgersi all Ufficio Giuridico e ai nostri Uffici territoriali, nel caso in cui desiderino maggiori informazioni.

19 17 CNA Servizi

20 Accordo tra InfoCert e CNA Legalmail, la posta elettronica certificata per le imprese di Mario Martino Ufficio Stampa CNA Nazionale 18 CNA Servizi InfoCert, il primo Ente Certificatore in Italia con quattro milioni di certificati di firma digitale, più di quattrocentomila caselle di Posta Elettronica Certificata e oltre duecento milioni di documenti conservati in modalità sostitutiva, e CNA, la Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa, hanno siglato un accordo finalizzato all offerta di una casella PEC Legalmail standard a tutti gli associati CNA. Agli associati CNA che sottoscriveranno entro il un contratto (la cui durata è di 24 mesi), sarà attivata la casella PEC Legalmail al canone di soli 12 mesi, cioè beneficeranno di un canone gratuito per il primo anno di attivazione. Grazie a questo accordo, gli associati CNA potranno mettersi in regola con le disposizioni di legge in materia, in modo semplice, rapido e conveniente. La casella Legalmail, perfettamente conforme alla normativa vigente, consente di inviare messaggi con ricevute di accettazione e consegna che forniscono la certificazione, opponibile a terzi, del momento di spedizione e recapito. Contestualmente Legalmail certifica il contenuto inviato poiché la ricevuta di consegna contiene l intero messaggio trasmesso. Il registro della corrispondenza viene conservato per 30 mesi. La casella Legalmail è accessibile via web attraverso canale sicuro, con possibilità di utilizzo dei più diffusi client di posta quali Outlook e Thunderbird. L uso dei filtri consente di gestire al meglio i messaggi che, peraltro, possono essere automaticamente inoltrati ad altre caselle. Da sempre, la CNA spiegano i vertici dell Associazione in una nota - è impegnata nello sviluppo del comparto artigianale e delle PMI, soprattutto attraverso la promozione di servizi innovativi e strumenti tecnologici qualificati che consentono ai propri associati di stare al passo con i tempi e di vincere le sfide del mercato. In questo senso, la CNA ha recentemente firmato un Protocollo di Intesa con il Ministro per la Pubblica Amministrazione e l Innovazione finalizzato a diffondere l uso della PEC presso le piccole e medie imprese. Così è stato del tutto naturale rivolgersi al primo Ente Certificatore in Italia, quale InfoCert, assicurando ai nostri associati il massimo livello di garanzia in termini di competenze, esperienza e affidabilità del prodotto offerto.

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca è una novità di quest anno. Osserviamola più da vicino e scopriamo in cosa consiste. Partiamo dal principio Le regole generali E per

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa

Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa Affitti in nero: convenienza ZERO Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa A cura del Comando Provinciale Guardia di Finanza Studia e vivi Roma Studia e vivi Roma è una guida di

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli