Corso di matematica classe quinta-anno Giunti scuola- Annarita Monaco 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1"

Transcript

1 Corso di matematica classe quinta-anno Giunti scuola- Annarita Monaco 1 352*(77$=,21(','$77,&$ 3UHVHQWD]LRQH: Consolidiamo la conoscenza dei numeri naturali, decimali e interi relativi, dei procedimenti di calcolo delle quattro operazioni e dei relativi problemi. Consolidiamo l acquisizione del linguaggio e dei metodi statistici, per affrontare e risolvere problemi tratti dalla realtà. Affrontiamo i criteri di divisibilità e i numeri primi. Avviamo la scomposizione in fattori primi di un numero. Riprendiamo e consolidiamo le misure di lunghezza, di capacità e di peso. Riprendiamo il lavoro sulle frazioni già affrontato negli anni scorsi, approfondendolo e associando ad esso la probabilità. Avviamo la conoscenza dei poligoni regolari, calcolandone aree e perimetri. Riprendiamo il lavoro sulle misure di valore, proponendo anche problemi sull euro e sulla compravendita, da risolvere anche con schemi ed espressioni. Riprendiamo il lavoro sulle quattro operazioni, proponendo anche algoritmi di altre epoche e culture. Proponiamo ai bambini di eseguire espressioni aritmetiche, insegnando le regole che ne caratterizzano l esecuzione. Introduciamo il cerchio e, in modo operativo e ragionato, acquisiamo significati e denominazione dei suoi diversi elementi. Costruiamo i concetti di circonferenza e cerchio; scopriamo operativamente come si calcola la misura della circonferenza e l area del cerchio. Affrontiamo problemi di geometria che mettano in gioco le nuove acquisizioni e quelle passate. Proponiamo ai bambini giochi matematici che li facciano sentire coinvolti e stimolati,oltre i soliti esercizi. Introduciamo il lavoro sulle potenze. Riprendiamo il lavoro sulla lettura e produzione di grafici statistici. Presentiamo ai bambini giornali e altri materiali presi dalla vita quotidiana, per renderli oggetto di analisi e di studio, anche in vista del lavoro più complesso che dovranno affrontare alla scuola secondaria di primo grado Realizziamo ed analizziamo figure solide, scoprendone le caratteristiche e imparando a calcolare l area della superficie laterale e totale. Acquisiamo familiarità anche con le misure di volume, costruiamo le formule per misurare il volume di alcuni solidi. Proponiamo problemi per il calcolo delle superfici e dei volumi, per preparare così anche il passaggio alla scuola secondaria di primo grado. Proponiamo, continuando il lavoro svolto nel corso dell anno, storie problema nelle quali siano presenti diversi argomenti matematici studiati dai bambini: sistemi di misura, percentuali, equivalenze, quattro operazioni, compravendita, euro. Sollecitiamo i bambini a diventare essi stessi autori, consapevoli delle loro conoscenze matematiche e responsabili nell individuare i contesti opportuni per la loro utilizzazione.

2 Corso di matematica classe quinta-anno Giunti scuola- Annarita Monaco 2 $OODILQHGHOODFODVVHTXLQWD / DOXQQRD L alunno/a: Opera tra numeri naturali e decimali: per iscritto, mentalmente, con strumenti di calcolo Risolve problemi, usando il ragionamento aritmetico e facendo uso di strategie diverse Descrive e classifica figure in base a caratteristiche geometriche Utilizza le trasformazioni geometriche per operare su figure Risolve problemi, usando il ragionamento e la modellizzazione geometrica Utilizza rappresentazioni di dati adeguate, in situazioni significative, per ricavare informazioni Costruisce ragionamenti e sostiene le proprie tesi Misura grandezze e rappresenta misure Risolve problemi a partire da dati di misura Affronta, elabora, risolve problemi sulle frazioni Utilizza diversi metodi per risolvere problemi.

3 Corso di matematica classe quinta-anno Giunti scuola- Annarita Monaco 3 8QLWj/DGLGDWWLFDGHLSULPLTXLQGLFLJLRUQL 8QLWj La didat t ica dei pr imi quindici gior ni Ripr endiamo il nost r o it iner ar io, sondando le conoscenze già possedut e e pr endendo at t o del lor o ult er ior e sviluppo, gr azie anche alle esper ienze ef f et t uat e nel cor so delle vacanze est ive. $ELOLWjHFRQRVFHQ]HGD YHULILFDUH Esegue le quat t r o oper azioni con numer i nat ur ali e decimali con padr onanza degli algor it mi I nvent a pr oblemi con le quat t r o oper azioni Calcola il per imet r o e l ar ea di t r iangoli e quadr ilat er i di cui sono dat e le misur e I ndividua dat i mancant i e cont r addit t or i in t est i di pr oblemi dat i &RQWHQXWL Operazioni e problemi Aree e perimetri di figure I dati nei problemi

4 Corso di matematica classe quinta-anno Giunti scuola- Annarita Monaco %5( 129(0%5( 2ELHWWLYLGLDSSUHQGLPHQWR &RQWHQXWL 2ELHWWLYLWUDVYHUVDOL 1XPHULH,QWURGX]LRQHDOSHQVLHUR UD]LRQDOH Legger e, scr iver e, conf r ont ar e numer i nat ur ali e decimali ed eseguir e le quat t r o oper azioni con sicur ezza -Compr ender e il signif icat o dei numer i r elat ivi e saper oper ar e con essi -Af f r ont ar e e r isolver e sit uazioni pr oblemat iche con le quat t r o oper azioni, ut ilizzando numer i nat ur ali, decimali e r elat ivi 'DWLHSUHYLVLRQL Rappr esent ar e dat i d ut ilizzar e r appr esent azioni per r icavar e inf or mazioni, f or mular e giudizi e pr ender e decisioni -Usar e le nozioni di media, mediana, moda e di f r equenza I gr andi numer i Numer i decimali I numer i r elat ivi Le quat t r o oper azioni con numer i nat ur ali e decimali Pr oblemi con le quat t r o oper azioni Come si impost a una r icer ca st at ist ica I l linguaggio dello st at ist ico Misur e di lunghezza e di capacit à. 6FLHQ]H Cost r uir e oper at ivament e i concet t i geomet r ici e f isici f ondament ali (in par t icolar e lunghezze, pesi, capacit à),qirupdwlfd Usar e pr ogr ammi didat t ici che per met t ano di r ealizzar e t abelle e gr af ici al comput er 0LVXUH Conoscer e le pr incipali unit à di misur a per lunghezza e capacit à e usar le per ef f et t uar e st ime e misur e

5 Corso di matematica classe quinta-anno Giunti scuola- Annarita Monaco 5 -Passar e da un unit à di misur a all alt r a nell ambit o delle lunghezze e delle capacit à 129(0%5( ',&(0%5( 1XPHULHUHOD]LRQL 2ELHWWLYLGLDSSUHQGLPHQWR &RQWHQXWL 2ELHWWLYLWUDVYHUVDOL Riconoscer e e cost r uir e r elazioni t r a numer i nat ur ali (numer i pr imi) 0LVXUHH,QWURGX]LRQHDOSHQVLHURUD]LRQDOH Conoscer e le pr incipali unit à di misur a di peso Risolver e pr oblemi con t ar a, peso net t o e peso lor do 1XPHULH,QWURGX]LRQHDOSHQVLHURUD]LRQDOH Compr ender e i signif icat i di f r azione -Risolver e pr oblemi con le f r azioni 'DWLHSUHYLVLRQL I n sit uazioni concr et e, r iconoscer e event i cer t i, possibili e impossibili -I n sit uazioni concr et e, r iconoscer e event i equipr obabili, più pr obabili, meno pr obabili La divisibilit à I numer i pr imi La scomposizione di un numer o in f at t or i pr imi Misur e di peso Peso net t o, lor do, t ar a Le f r azioni e i suoi signif icat i. Pr oblemi con le f r azioni I l calcolo della pr obabilit à 6FLHQ]H Cost r uir e oper at ivament e i concet t i geomet r ici e f isici f ondament ali (in par t icolar e lunghezze, pesi, capacit à)

6 Corso di matematica classe quinta-anno Giunti scuola- Annarita Monaco 6 2ELHWWLYLGLDSSUHQGLPHQWR &RQWHQXWL 2ELHWWLYLWUDVYHUVDOL ',&(0%5(*(11$,2 *HRPHWULD Riconoscer e signif icat ive pr opr iet à di alcuni poligoni r egolar i I ndividuar e r elazioni t r a ar ea e per imet r o Esplor ar e modelli di poligoni r egolar i Cost r uir e e disegnar e le pr incipali f igur e geomet r iche esplor at e Calcolar e ar ee e per imet r i dei poligoni r egolar i 0LVXUH Conoscer e ed ut ilizzar e le Ar ea e per imet r o in r elazione I poligoni r egolar i Per imet r i e ar ee di poligoni r egolar i Le misur e di t empo e pr oblemi r elat ivi 3URYHGLYHULILFDSHULOSULPR TXDGULPHVWUH $UWHHLPPDJLQH: Ut ilizzar e st r ument i e r egole per pr odur r e immagini gr af iche at t r aver so pr ocessi di manipolazione, t ecniche e mat er iali diver si t r a lor o &LWWDGLQDQ]DH FRVWLWX]LRQH At t ivar e at t eggiament i di ascolt o/ conoscenza

7 Corso di matematica classe quinta-anno Giunti scuola- Annarita Monaco 7 pr incipali unit à di misur a di t empo 0LVXUHH,QWURGX]LRQHDO SHQVLHURUD]LRQDOH: Risolver e pr oblemi con dat i di misur a di sé e di r elazione posit iva nei conf r ont i degli alt r i 2ELHWWLYLGLDSSUHQGLPHQWR &RQWHQXWL 2ELHWWLYLWUDVYHUVDOL 1XPHULHUHOD]LRQL 6WRULD *(11$,2 )(%%5$,2 Riconoscer e e descr iver e r egolar it à in sequenze numer iche Rappr esent ar e r elazioni e dat i Rappr esent ar e pr oblemi con t abelle e gr af ici che ne espr imono la st r ut t ur a Numer i in r elazione Le misur e di valor e Eur o e compr avendit a Pr oblemi ed espr essioni Oper azioni e pr oblemi Algor it mi par t icolar i di molt iplicazione e divisione Le pot enze Rit r ovar e nella st or ia della mat emat ica st r ument i e algor it mi da conf r ont ar e con quelli usat i nella st or ia 0LVXUHHLQWURGX]LRQHDO 'LVFXVVLRQHGHOOHSURYHGLYHULILFD SHQVLHURUD]LRQDOH GHOSULPRTXDGULPHVWUH Conoscer e le unit à di misur a

8 Corso di matematica classe quinta-anno Giunti scuola- Annarita Monaco 8 di valor e Risolver e pr oblemi sulla compr avendit a 1XPHULH,QWURGX]LRQHDO SHQVLHURUD]LRQDOH Eseguir e le quat t r o oper azioni con numer i nat ur ali e decimali con consapevolezza e padr onanza dell algor it mo Esplor ar e sit uazioni pr oblemat iche con le quat t r o oper azioni Eseguir e algor it mi di alt r e epoche e cult ur e Oper ar e con le pot enze

9 Corso di matematica classe quinta-anno Giunti scuola- Annarita Monaco 9 2ELHWWLYLGLDSSUHQGLPHQWR &RQWHQXWL 2ELHWWLYL WUDVYHUVDOL )(%%5$,20$5=2 *HRPHWULDH,QWURGX]LRQHDO SHQVLHURUD]LRQDOH Ripr odur r e una f igur a in base a una descr izione, usando st r ument i oppor t uni Descr iver e f igur e geomet r iche, ident if icando element i signif icat ivi Det er minar e la misur a della cir conf er enza di un cer chio Det er minar e la misur a dell ar ea di un cer chio Risolver e pr oblemi usando il r agionament o geomet r ico I l cer chio e i suoi element i La cir conf er enza e il cer chio Pr oblemi di geomet r ia Giochi mat emat ici Pot enze Gr af ici st at ist ici I sist emi di misur a: le lunghezze. Le misur e di t empo, i pesi $UWHHLPPDJLQH: Ut ilizzar e st r ument i e r egole per pr odur r e immagini gr af iche at t r aver so pr ocessi di manipolazione, t ecniche e mat er iali diver si t r a lor o 6FLHQ]H 1XPHULH,QWURGX]LRQHDOSHQVLHUR UD]LRQDOH Esplor ar e sit uazioni pr oblemat iche r elat ive alla soluzione di giochi, indovinelli, r ompicapo mat emat ici Cost r uir e oper at ivament e i concet t i geomet r ici e f isici f ondament ali (in par t icolar e lunghezze, pesi,

10 Corso di matematica classe quinta-anno Giunti scuola- Annarita Monaco 10 Acquisir e il concet t o di pot enza capacit a ) 'DWLHSUHYLVLRQL Rappr esent ar e i dat i con t abelle e gr af ici Osser var e e descr iver e un gr af ico 0LVXUH Conoscer e le pr incipali unit à di misur a (lunghezze, capacit à, int er valli t empor ali, masse/ pesi) e usar le per ef f et t uar e misur e e st ime

11 Corso di matematica classe quinta-anno Giunti scuola- Annarita Monaco 11 2ELHWWLYLGLDSSUHQGLPHQWR &RQWHQXWL 2ELHWWLYLWUDVYHUVDOL 0$5=2$35,/( *HRPHWULD Riconoscer e nel mondo cir cost ant e e nel disegno alcune delle pr incipali f igur e solide Pr oget t ar e e cost r uir e ogget t i Cost r uir e e disegnar e con st r ument i var i le pr incipali f igur e solide Calcolar e l ar ea delle super f ici lat er ale e t ot ale dei solidi Acquisir e il concet t o di volume Calcolar e il volume delle più semplici f igur e solide Figur e solide Super f icie lat er ale e t ot ale Pr oblemi e diver si met odi di r isoluzione (uso del met odo gr af ico) Pr oblemi con le f r azioni I l concet t o di volume I l volume di alcuni solidi $UWHHLPPDJLQH: Ut ilizzar e st r ument i e r egole per pr odur r e immagini gr af iche at t r aver so pr ocessi di manipolazione, t ecniche e mat er iali diver si t r a lor o,wdoldqr Pr odur r e t est i scr it t i per descr iver e in sint esi o espor r e ar goment i 1XPHUL Ef f et t uar e misur e di gr andezze, espr imendole

12 Corso di matematica classe quinta-anno Giunti scuola- Annarita Monaco 12 secondo unit à di misur a convenzionali,qwurgx]lrqhdoshqvlhur UD]LRQDOH Af f r ont ar e e r isolver e pr oblemi con le f r azioni

13 Corso di matematica classe quinta-anno Giunti scuola- Annarita Monaco 13 2ELHWWLYLGLDSSUHQGLPHQWR &RQWHQXWL 2ELHWWLYLWUDVYHUVDOL Conoscenze in gioco:,wdoldqr 1XPHUL0LVXUH $35,/(0$**,2,QWURGX]LRQHDOSHQVLHUR UD]LRQDOH Riconoscer e il car at t er e pr oblemat ico di un lavor o assegnat o, individuando l obiet t ivo da r aggiunger e Rappr esent ar e in modi diver si la sit uazione pr oblemat ica per cr ear e un ambient e di lavor o f avor evole I ndividuar e le r isor se necessar ie per r aggiunger e l obiet t ivo, selezionando i dat i f or nit i dal t est o, le inf or mazioni r icavabili dal cont est o e gli st r ument o Numer i nat ur ali e decimali Le quat t r o oper azioni I pr oblemi Le f r azioni I sist emi di misur a Relazioni al comput er per document azione e per la comunicazione Un lavor o per accoglier e i neo allievi di pr ima. 3URYHGLYHULILFDSHULO VHFRQGRTXDGULPHVWUe Relazionar e or alment e su ar goment i di st udio, esper ienze, at t ivit à Pr odur r e t est i scr it t i per descr iver e in sint esi o espor r e ar goment i $UWHHLPPDJLQH: Ut ilizzar e st r ument i e r egole per pr odur r e immagini gr af iche at t r aver so pr ocessi di manipolazione, t ecniche e mat er iali diver si t r a lor o

14 Corso di matematica classe quinta-anno Giunti scuola- Annarita Monaco 14 ut ili alla r isoluzione del pr oblema Pr est ar e at t enzione allo st r ument o r isolut ivo ed espor lo con chiar ezza, cponf r ont andolo con alt r i,qirupdwlfd Cr ear e delle pagine per sonali da inser ir e in un sit o Usar e la videoscr it t ur a per inser ir e immagini nei t est i, scr iver e r elazioni &LWWDGLQDQ]DHFRVWLWX]LRQH: Suddivider e incar ichi e svolger e compit i per lavor ar e insieme con un obiet t ivo comune I mpar ar e a conf r ont ar si con gli alt r i e i diver si da sé compr endendo le r agioni del lor o compor t ament o

15 Corso di matematica classe quinta-anno Giunti scuola- Annarita Monaco 15 /DGLGDWWLFDGHLSULPLTXLQGLFLJLRUQL $WWLYLWj2SHUD]LRQLHSUREOHPL Dist r ibuiamo agli alunni una f ot ocopia che cont iene sia oper azioni con i numer i nat ur ali che oper azioni con i numer i decimali. Chiediamo ai bambini di eseguir e le oper azioni e poi di invent ar e un pr oblema sulle addizioni con numer i nat ur ali e decimali, uno per le sot t r azioni, uno per le molt iplicazioni e un alt r o ancor a per le divisioni. Successivament e chiediamo ai bambini di invent ar e pr oblemi che cont engano più t ipi di oper azioni. Quest a pr ova mir a a ver if icar e se i bambini sono capaci di eseguir e con sicur ezza i calcoli delle quat t r o oper azioni e se hanno acquisit o t ut t i i pr incipali concet t i oper at ivi in modo cor r et t o. 2SHUD]LRQLFRQQXPHULQDWXUDOLHGHFLPDOL Esegui sul quader no le seguent i oper azioni: = = 2, , = 65,4+ 29,8 4,06+2,90= = = 34, , 890= 890, , 891= 234x 567= 2 345x 672= 128,40x35= 450,56x81= : 81= : 23= 41,30: 5,9= 560,67: 81

16 Corso di matematica classe quinta-anno Giunti scuola- Annarita Monaco 16 $WWLYLWj $UHHHSHULPHWUL Dist r ibuiamo ai bambini la scheda 2, che cont iene f igur e geomet r iche da lor o st udiat e lo scor so anno, con r elat ive misur e dei lat i. L obiet t ivo è quello di calcolar e sia il per imet r o che l ar ea delle f igur e dat e; ver if ichiamo dunque la padr onanza che i bambini hanno dei concet t i di per imet r o e di ar ea e la conoscenza delle r elat ive f or mule.

17 Corso di matematica classe quinta-anno Giunti scuola- Annarita Monaco 17 Attività 3: 'DWLPDQFDQWLHFRQWUDGGLWWRUL Proponiamo la scheda 3 che mira a verificare se i bambini sono in grado di leggere il testo di un problema con attenzione e di individuare i dati che mancano o che sono contraddittori. In un secondo momento chiediamo di risolvere i problemi posti e poi di inventarne di nuovi, con dati mancanti e contraddittori, da proporre al proprio compagno di banco, in un lavoro in coppia

18 Corso di matematica classe quinta-anno Giunti scuola- Annarita Monaco 18

$UW 5(*2/$0(172 (',/,=,2 ±,QWHUYHQWL GL ULVWUXWWXUD]LRQH XUEDQLVWLFD H QXRYD

$UW 5(*2/$0(172 (',/,=,2 ±,QWHUYHQWL GL ULVWUXWWXUD]LRQH XUEDQLVWLFD H QXRYD &2081(',&$625$7(6(03,21( 3URYLQFLDGL9DUHVH $UW5(*2/$0(172(',/,=,2±,QWHUYHQWLGLULVWUXWWXUD]LRQHHGLOL]LD La domanda di Permesso di Costruire dev essere corredata dai seguenti documenti in duplice copia:

Dettagli

Matematica classe quinta. Incontro del 15 ottobre 2010. Annarita Monaco. annarita.monaco@tin.it

Matematica classe quinta. Incontro del 15 ottobre 2010. Annarita Monaco. annarita.monaco@tin.it 1 Matematica classe quinta Incontro del 15 ottobre 2010 Annarita Monaco annarita.monaco@tin.it,qglfh,qwurgx]lrqh/dfodvvhtxlqwd«txdolfdudwwhulvwlfkh3ulpdsduwh,vlvwhplglqxphud]lrqh/hsursulhwjghoohrshud]lrql

Dettagli

Sem inario di studio organizzato dall AI MMF- Zona Nord. Castiglione delle Stiviere, 22 e 23 m aggio 2004

Sem inario di studio organizzato dall AI MMF- Zona Nord. Castiglione delle Stiviere, 22 e 23 m aggio 2004 Sem inario di studio organizzato dall AI MMF- Zona Nord 5LOHYD]LRQHHFRQIURQWRVXOOHSUDVVLGHJOL8IILFLJLXGL]LDULLQUHOD]LRQH DGDOFXQLQRGLFULWLFLGHOGLULWWRHGHOODSURFHGXUDFLYLOHPLQRULOH Castiglione delle Stiviere,

Dettagli

Punt o di par t enza : ORFDOLWj7RSSDGHO&DSUDUR. Punt o di ar r ivo : $EED]LDGL60LFKHOH. Lunghezza del per cor so : NPFLUFD

Punt o di par t enza : ORFDOLWj7RSSDGHO&DSUDUR. Punt o di ar r ivo : $EED]LDGL60LFKHOH. Lunghezza del per cor so : NPFLUFD 68//(3,67('(,%5,*$17, /,7,1(5$5,2ƒSHUFRUVR L it iner ar io descr it t o è uno dei t ant i possibili che at t r aver sano il 0RQWH 9XOWXUH, e r isult a par t icolar ment e int er essant e per ché consent

Dettagli

67$7872 3URYLQFLDGL0LODQR. (ar t. 6 del D.Lgs. 18.8.2000, n. 267) Appr ovat o con deliber azione di Consiglio comunale n. 64 del 30.11.

67$7872 3URYLQFLDGL0LODQR. (ar t. 6 del D.Lgs. 18.8.2000, n. 267) Appr ovat o con deliber azione di Consiglio comunale n. 64 del 30.11. 67$7872 '(/&2081(', &86$120,/$1,12 3URYLQFLDGL0LODQR (ar t. 6 del D.Lgs. 18.8.2000, n. 267) Appr ovat o con deliber azione di Consiglio comunale n. 64 del 30.11.1999 Modif icat o con deliber azioni di

Dettagli

I nit ial Public Of f ering")

I nit ial Public Of f ering) L' I PO (dall' inglese "I" I nit ial Public Of f ering") è l' of f ert a pubblica iniziale di sot t oscrizione e/ o di vendit a (OPS, OPV o OPVS) di t it oli di una societ à che per la prima volt a viene

Dettagli

Sportello Unico Immigrazione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE

Sportello Unico Immigrazione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE Sportello Unico Immigraione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE 38172&(175$/('(//$/(**(%266,),1,( &+(1(66812 675$1,(5262**,251,,1,7$/,$6(1=$815(*2/$5( &2175$772',/$9252('81$//2**,2$'(*8$72 '/JV1

Dettagli

Corriere tributario. Le Or igini. Come possono appar ir e i "Candlest icks"

Corriere tributario. Le Or igini. Come possono appar ir e i Candlest icks 1/8 Vi pr esent iamo un br eve lavor o int r odut t ivo alla conoscenza della t ecnica dei char t s con le candele giapponesi ed una veloce car r ellat a di f igur e e f or mazioni più comuni e signif

Dettagli

P.B.L.S. La Vener abile Ar ciconf r at er nit a. di Miser icor dia di SARTEANO

P.B.L.S. La Vener abile Ar ciconf r at er nit a. di Miser icor dia di SARTEANO La Vener abile Ar ciconf r at er nit a di Miser icor dia di SARTEANO a cur a del Coor dinament o delle Cent r ali Oper at ive della Regione Toscana pr opone il manuale di: P.B.L.S. 1 3%/6 Pediat r ic Basic

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

RAI FICTION: RAINVENTARAI IL NUOVO RACCONTO PER IL WEB INCONTRA L ARCHIVIO DELLE TECHE RAI

RAI FICTION: RAINVENTARAI IL NUOVO RACCONTO PER IL WEB INCONTRA L ARCHIVIO DELLE TECHE RAI RAI FICTION: RAINVENTARAI IL NUOVO RACCONTO PER IL WEB INCONTRA L ARCHIVIO DELLE TECHE RAI Le serie web incontrano l archivio delle Teche Rai attr aver so la cr eatività dei giovani talenti e le tecnologie

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Vincenzo Balzani. Ravenna, 25 set t embr e 2009

Vincenzo Balzani. Ravenna, 25 set t embr e 2009 Vincenzo Balzani Dipar t iment o di Chimica Giacomo Ciamician Facolt à di Scienze, Univer sit à di Bologna vincenzo.balzani@unibo.it Ravenna, 25 set t embr e 2009 Fot o scat t at a dalla sonda Cassini-

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks"

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: TIMSS 2007 Assessment Frameworks Capitolo Uno TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks" a cura di Anna Maria Caputo, Cristiano Zicchi Copyright 2005 IEA International Association for

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

3HFXOLDULWjSHGLDWULFKH QHOODGLIIXVLRQHGHOOH LQIH]LRQLRVSHGDOLHUH

3HFXOLDULWjSHGLDWULFKH QHOODGLIIXVLRQHGHOOH LQIH]LRQLRVSHGDOLHUH / DXGLW HLOFRQWUROORGHOULVFKLRLQIHWWLYR QHOOHVWUXWWXUHDVVLVWHQ]LDOL 25 NOVEMBRE 2005 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKH QHOODGLIIXVLRQHGHOOH LQIH]LRQLRVSHGDO Per legger e le not e r elat ive alle singole slide, cliccar

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI Prima di riuscire a scrivere un programma, abbiamo bisogno di conoscere un metodo risolutivo, cioè un metodo che a partire dai dati di ingresso fornisce i risultati attesi.

Dettagli

D icembre 08 M A GA Z IN E

D icembre 08 M A GA Z IN E D icembre 08 M A GA Z IN E L avventura nel sorprendente paese carioca ha inizio, con il suo verde ed il suo giallo e con mille altri colori che vanno dal bianco pallido della conquista e della ricchezza

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Fondamenti dell Informatica Ricorsione e Iterazione Simona Ronchi Della Rocca (dal testo: Kfoury, Moll and Arbib, cap.5.2)

Fondamenti dell Informatica Ricorsione e Iterazione Simona Ronchi Della Rocca (dal testo: Kfoury, Moll and Arbib, cap.5.2) Fondamenti dell Informatica Ricorsione e Iterazione Simona Ronchi Della Rocca (dal testo: Kfoury, Moll and Arbib, cap.5.2) Definiamo innanzitutto una relazione d ordine tra le funzioni. Siano φ e ψ funzioni

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano I NUMERI DECIMALI che cosa sono, come si rappresentano NUMERI NATURALI per contare bastano i numeri naturali N i numeri naturali cominciano con il numero uno e vanno avanti con la regola del +1 fino all

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Giovanna Mayer. Ordinamento dei numeri e retta numerica. Nucleo: Numeri

Giovanna Mayer. Ordinamento dei numeri e retta numerica. Nucleo: Numeri Giovanna Mayer Nucleo: Numeri Introduzione Tematica: Si propongono attività e giochi per sviluppare in modo più consapevole la capacità di confrontare frazioni, confrontare numeri decimali e successivamente

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese Introduzione Nell articolo vengono mostrate vari possibili legami tra la costante di Archimede (pi greco) e la sezione aurea (phi).

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39)

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE n.806 del 01/07/2014 REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n.806 del 01/07/2014 Proposta

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Facoltà di Scienze della Formazione Cdl Scienze della Formazione Primaria Indirizzo Scuola Primaria

Facoltà di Scienze della Formazione Cdl Scienze della Formazione Primaria Indirizzo Scuola Primaria Facoltà di Scienze della Formazione Cdl Scienze della Formazione Primaria Indirizzo Scuola Primaria Laurent Lafforgue: il calcolo mentale e quello in colonna devono essere introdotti molto presto su numeri

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE. Prerequisiti e sviluppi universitari G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R.

LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE. Prerequisiti e sviluppi universitari G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R. LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE Prerequisiti e sviluppi universitari a cura di G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R. ZAN Unione Matematica Italiana 2006 Ho continuato

Dettagli

6. Moto in due dimensioni

6. Moto in due dimensioni 6. Moto in due dimensioni 1 Vettori er descriere il moto in un piano, in analogia con quanto abbiamo fatto per il caso del moto in una dimensione, è utile usare una coppia di assi cartesiani, come illustrato

Dettagli

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Lo sviluppo delle abilità numeriche La psicologia genetica (Piaget 1896-1980)

Dettagli

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo La prova di matematica nelle indagini IEA

Dettagli

Introduzione del numero zero

Introduzione del numero zero Introduzione del numero zero E arrivato il momento di introdurre lo zero L'insegnante inizierà un discorso, sulla quantità degli oggetti in classe, formulando delle domande mirate al confronto dello zero

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Ricapitoliamo. Ricapitoliamo

Ricapitoliamo. Ricapitoliamo Ricapitoliamo Finora ci siamo concentrati sui processi computazionali e sul ruolo che giocano le procedure nella progettazione dei programmi In particolare, abbiamo visto: Come usare dati primitivi (numeri)

Dettagli

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE PARLARE E CONTARE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche nei bambini in età prescolare Dott.ssa Liana Belloni Dott.ssa Claudia

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

FIGURE GEOMETRICHE SIMILI

FIGURE GEOMETRICHE SIMILI FIGUE GEOMETICHE SIMILI Nel linguaggio comune si dice che due oggetti sono simili quando si «assomigliano». Così si dicono simili due cani della stessa razza, i fiori della stessa pianta, gli abiti dello

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

INDICE. Unità 0 LINGUAGGI MATEMATICI, 1. Unità 1 IL SISTEMA DI NUMERAZIONE DECIMALE, 49

INDICE. Unità 0 LINGUAGGI MATEMATICI, 1. Unità 1 IL SISTEMA DI NUMERAZIONE DECIMALE, 49 INDICE Unità 0 LINGUAGGI MATEMATICI, 1 Il libro prosegue nel CD Il linguaggio degli insiemi, 2 1 GLI INSIEMI E LA LORO RAPPRESENTAZIONE, 2 Gli insiemi, 2 Insieme vuoto, finito e infinito, 3 La rappresentazione

Dettagli

Le soluzioni dei quesiti sono in fondo alla prova

Le soluzioni dei quesiti sono in fondo alla prova SCUOLA MEDIA STATALE GIULIANO DA SANGALLO Via Giuliano da Sangallo,11-Corso Duca di Genova,135-00121 Roma Tel/fax 06/5691345-e.mail:scuola.sangallo@libero.it SELEZIONE INTERNA PER LA MARATONA DI MATEMATICA

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Frazioni e numeri razionali

Frazioni e numeri razionali Frazioni e numeri razionali I numeri naturali sono i primi numeri che hai incontrato, quando hai cominciato a contare con le dita. Ma vuoi eseguire tutte le sottrazioni. E allora hai bisogno dei numeri

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni VBA Il Visual Basic for Application Le funz ioni Le procedure Funz ioni µ E pos s ibile (e cons igliato) s comporre un problema i n sotto- problemi e combinar e poi assieme le s oluz i oni per ottenere

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

Accordo Stato Regioni 27 luglio 2011. Genova, 1 dicembre 2011

Accordo Stato Regioni 27 luglio 2011. Genova, 1 dicembre 2011 uadro normativo sistema IeFP Accordo Stato Regioni 27 luglio 2011 Genova, 1 dicembre 2011 Contenuti Repertorio Nazionale dell offerta di IFP Figure di differente livello articolabili in specifici profili

Dettagli

La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando

La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando SCUOLA.. A cura dell insegnante Liliana Del Papa e della prof.ssa Maria Pia Saitta classe 1 ª Care colleghe, questo quaderno nasce dal desiderio di condividere

Dettagli

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Algoritmi Algoritmi Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Il procedimento (chiamato algoritmo) è composto da passi elementari

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Equazione della Circonferenza - Grafico di una Circonferenza - Intersezione tra Circonferenza e Retta

Equazione della Circonferenza - Grafico di una Circonferenza - Intersezione tra Circonferenza e Retta Equazione della Circonferenza - Grafico di una Circonferenza - Intersezione tra Circonferenza e Retta Francesco Zumbo www.francescozumbo.it http://it.geocities.com/zumbof/ Questi appunti vogliono essere

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

LA TRASFORMATA DISCRETA DI FOURIER l.

LA TRASFORMATA DISCRETA DI FOURIER l. LA TRASFORMATA DISCRETA DI FOURIER l. t " : SULUPPO PER VIA GRAFICA n mpionamento del segnale analogico x(t) produce una sequenza xsgts) il cui spettro nel dominio della frequ enza è periodico, sicché

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Numero telefonico d emergenza GARIGLIO CLA UDIO s.r.l. +39(011) 785380 / +39(011) 785366

Numero telefonico d emergenza GARIGLIO CLA UDIO s.r.l. +39(011) 785380 / +39(011) 785366 Sezione 1. IDENTIFICA ZIONE DEL PRODOT TO E DELL A ZIENDA Codice del prodotto MEC-POL FO 500 S Nome del prodo tto Ossido di terra rara Nome del produ ttore: Numero telefonico d emergenza GARIGLIO CLA UDIO

Dettagli

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una NUMERI INTERI E NUMERI DECIMALI Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una cassetta sono contenuti 45 penne e che una lamiera misura 1,35 m. dl lunghezza,

Dettagli

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t.

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t. Il programma MATLAB In queste pagine si introduce in maniera molto breve il programma di simulazione MAT- LAB (una abbreviazione di MATrix LABoratory). Introduzione MATLAB è un programma interattivo di

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

E possibile costruire una mentalità matematica?

E possibile costruire una mentalità matematica? E possibile costruire una mentalità matematica? Prof. F. A. Costabile 1. Introduzione La matematica è più di una tecnica. Apprendere la matematica significa conquistare l attitudine ad un comportamento

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 8 LEGGE 3 luglio 2014, n. 99 Ratifica ed esecuzione dell'accordo fra il Governo della Repubblica italiana e il Governo degli Stati Uniti d'america sul rafforzamento della cooperazione nella

Dettagli

p o : E o = p e : E e da cui p o = p e * E o E e

p o : E o = p e : E e da cui p o = p e * E o E e "Il cambiamento è inevitabile, la crescita personale è una scelta" Bob Proctor (Fondatore e Presidente di Life Success Productions) STANDARDS INTERNAZIONALI DI VALUTAZIONE IL COST APPROACH Il Cost Approach

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI I numeri naturali I numeri interi I numeri razionali Teoria degli insiemi (cenni) ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 L insieme N dei numeri naturali 4 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90-91 69 92 93 94-95 96-97 98-99

73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90-91 69 92 93 94-95 96-97 98-99 Bravissimo/a! Sei arrivato/a alla fine della parte di italiano... Adesso perché non ripassi un po di matematica? A settembre sarai un bolide nelle operazioni, nel risolvere i problemi e in geometria! matematica

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo.

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Tutti i bambini che ne fanno richiesta v engono ammessi al Coro,

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

L infinito nell aritmetica. Edward Nelson Dipartimento di matematica Università di Princeton

L infinito nell aritmetica. Edward Nelson Dipartimento di matematica Università di Princeton L infinito nell aritmetica Edward Nelson Dipartimento di matematica Università di Princeton Poi lo condusse fuori e gli disse: . E soggiunse:

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli