La cultura assicurativa in Italia: il trasferimento del rischio e il modello distributivo. Milano, 18 Maggio 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La cultura assicurativa in Italia: il trasferimento del rischio e il modello distributivo. Milano, 18 Maggio 2011"

Transcript

1 La cultura assicurativa in Italia: il trasferimento del rischio e il modello distributivo Milano, 18 Maggio 2011

2 Carol Z. Perez Console Generale degli Stati Uniti d America a Milano

3 Simone Crolla Consigliere Delegato, American Chamber of Commerce in Italy

4 Peter Geipel Amministratore Delegato e Direttore Generale, Pramerica Life S.p.A.

5 La cultura assicurativa in Italia: il trasferimento del rischio e il modello distributivo. L importanza dell educazione finanziaria e assicurativa Prof. Sergio Paci Università L. Bocconi Milano, 18 maggio 2011 Prof. Sergio Paci

6 Importanza dell educazione finanziaria e assicurativa Mutamento del quadro ambientale in molti paesi che accentua l opportunità di avere consapevolezza dei rischi a cui le persone e le imprese sono esposte e di adottare scelte informate e consapevoli per il desiderato livello di copertura dai rischi a cui sono esposte: Cambiamenti del contesto sociale familiare Evoluzione demografica e aumento aspettative di vita Riduzione del sostegno pubblico in periodi di carenza di risorse Accresciuta difficoltà e variabilità ambientale Ridotta stabilitàdelle forme di impiego piùtutelate e riduzione tendenziale di forme di solidarietà a livello aziendale Prof. Sergio Paci 1

7 Importanza dell educazione finanziaria e assicurativa Necessità di sviluppare financial education nei paesi a più alto reddito. Raccomandazioni e studi in sede OCSE a partire dal 2005 per l insieme dei prodotti finanziari e poi anche in modo specifico per i rischi assicurativi e pensionistici nel Emissione di raccomandazione ai paesi circa le migliori pratiche in merito. Sviluppo della ricerca, degli interventi e valutazione degli effetti in molti paesi, fra cui l Italia. Prof. Sergio Paci 2

8 Importanza dell educazione finanziaria e assicurativa L OCSE definisce l educazione finanziaria riferita al settore assicurativo come : Il processo attraverso il quale gli individui 1. Migliorano la comprensione dei rischi e dei prodotti assicurativi e Attraverso a) informazione b)istruzione c) supporto oggettivo Sviluppano competenze e fiducia per - diventare maggiormente consapevoli dei rischi e dei prodotti -comprendere a chi chiedere aiuto - adottare azioni efficaci per una adeguata copertura del loro profilo di esposizione ai rischi nel lungo periodo. Prof. Sergio Paci 3

9 Importanza dell educazione finanziaria e assicurativa Informazione. Si tratta di informazione specifica mirata agli obiettivi perseguiti di consapevolezza e scelte informate e anche se in parte sovrapposta, non eguale alle regole sulla trasparenza e simili finalizzate alla protezione giuridica dei consumatori. Queste regole sono focalizzate per riequilibrare la forza delle parti e proteggere i diritti dei consumatori. Le informazioni mirano invece a migliorare la conoscenza, la capacità la responsabilità delle persone, sono mirate a fronteggiare le asimmetrie di conoscenze a sfavore del consumatore. Quindi non tutela, ma informazione di qualità in grado di incoraggiare, e rafforzare la consapevolezza la conoscenza e le capacità. Per questo l informazione deve essere di qualità idonea: a) attendibile b) obiettiva c) intellegibile d) rilevante. Prof. Sergio Paci 4

10 Importanza dell educazione finanziaria e assicurativa Istruzione, per acquisire attraverso la formazione e la guida le competenze e capacitàper capire la loro esposizione ai rischi e la termini e concetti assicurativi Supporto (advice) obiettivo, circa i rischi rilevanti e le tematiche assicurative per fare il miglior uso delle informazioni e della istruzione che hanno ricevuto. Quindi 1. Sviluppare consapevolezza dei rischi, dei propri bisogni di protezione 2. Favorire scelte informate e consapevoli 3. Attraverso: l informazione finalizzata a questi obiettivi -La formazione e istruzione cioè trasferire conoscenze- il supporto obiettivo. Prof. Sergio Paci 5

11 Importanza dell educazione finanziaria e assicurativa Due aree importanti per il processo educativo: - Consapevolezza del rischio - scelta e processo decisionale Prof. Sergio Paci 6

12 Importanza dell educazione finanziaria e assicurativa Ruolo di molte istituzioni: Governo. Autoritàper la protezione dei consumatori e la stabilità del sistema assicurativo, istruzione pubblica, associazioni, imprese. Importanza di capire le variabili che impattano sulla percezione e che influenzano le decisioni, comprese le variabili personali e comportamentali. Importanza della percezione dei rischi in cui sono coinvolte le persone tipicamente malattie e durata della vita umana. Fra questi rischi opportunitàdi approfondire quelli relativi alla sfera più personale, riferiti alla sopravvivenza, morte, gravi malattie. Rilevanza di fattori particolari nella percezione e nelle scelte. Interesse generale e del settore assicurativo a conoscere meglioil comportamento dei propri potenziali clienti. Esempio : scelta fra capitale e rendita vitalizia, indispensabile per un corretto sviluppo del mercato delle rendite. Rilevanza per le coperture caso morte di variabili diverse dal sesso per prezzare le coperture dopo la recente sentenza della Corte di Giustizia. Prof. Sergio Paci 7

13 Importanza dell educazione finanziaria e assicurativa Importanza di comprendere le esposizioni più rilevanti Importanza di sviluppare supporto obiettivo e indipendente. Le forme di advisor indipendenti e il ruolo dei potenziali conflitti di interessi. Il pagamento del servizio attraverso commissioni o fees. Prof. Sergio Paci 8

14 La cultura assicurativa in Italia: il trasferimento del rischio e il modello distributivo Milano, 18 Maggio 2011

15 Il Concetto di Trasferimento del Rischio Milano, 18 Maggio 2011 Giampaolo Scarso, Amministratore Delegato Marsh Risk Consulting

16 1. Contesto di Riferimento Il Comportamento delle PMI Italiane 1 (1/2) Polizze Sottoscritte - Quota % Campione Imprese 100,00% 90,00% 86,00% Campione di ,00% 70,00% 60,00% 50,00% 61,50% 67,70% imprese, fino a 250 addetti, distribuite sul 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% 28,30% 30,10% 15,10% 6,50% 3,40% 22,60% 11,50% 13,80% territorio nazionale Focus sulla spesa Incendio e danni Rischi tecnologici Furto Merci trasportate Credito e cauzioni Polizze Sottoscritte - Quota % Campione Imprenditori Copertura expo/invest. estero Business interruption Responsabilità civile terzi e dipendenti Responsabilità civile prodotto Responsabilità civile inquinamento Polizze a vantaggio dei dipendenti assicurativa: 100,00% 90,00% Per attività d impresa Per la persona dell imprenditore 80,00% 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% 43,70% 22,40% 33,90% 23,00% 43,30% 1 Fonte: Indagine ANIA sulla domanda di assicurazione delle piccole imprese (2010) Vita: Rischio Morte Vita: Risparmio Vita: Previdenziale Sanitaria Infortuni 1

17 1. Contesto di Riferimento Il Comportamento delle PMI Italiane 1 (2/2) Approccio non strutturato alla gestione del rischio Ridotto numero di polizze sottoscritte (2 3 contratti in media) Concentrazione della spesa sui rami elementari Incendio Furto RCT/O Propensione alla attivazione delle coperture più evolute correlata alla dimensione (n addetti) Fattore esperienza (incidenti pregressi) come driver di acquisto Comportamento di acquisito simile anche per le coperture rivolte alla persona 2

18 1. Contesto di Riferimento L evoluzione del Rischio in un Contesto Economico Globale Business Trend Business sempre più globale Crescita del livello di delocalizzazione / terziarizzazione della produzione Dinamiche di Business più veloci ed imprevedibili: decisioni piùrapide cicli di vita dei prodotti e dei servizi più brevi Nuove tecnologie, nuovi concorrenti Maggior focus su brand e servizi Global crisische ha ulteriormente accelerato i mutamenti già in atto Risk Trend Aumento generale dell esposizione al rischio e presenza di rischi emergenti: cambiamenti climatici compliance corporate governance volatilità prezzi materie prime rischi geopolitici infortuni sul lavoro ambiente.. Incremento dei requisiti di autodisciplina, transparency e disclosurerichiesti alle aziende 3

19 2. Come Gestire il Rischio Le Possibili Soluzioni Risk Strategies Risk Avoidance Rischio troppo elevato rispetto al rendimento Risk Exploitation Rischio come fonte di vantaggio competitivo Risk Reduction Trasferimento del rischio non conveniente Risk Transfer Convenienza al trasferimento del rischio Risk Retention Ritenzione del rischio economicamente e finanziariamente giustificabile Strategia di controllo Strategia di sviluppo di un Strategia tesa a ridurre Strategia di rimozione Strategia di accettazione mediante l uscita da vantaggio competitivo la probabilitàe/o del rischio dal del rischio date le sue attivitàche possono basato sulle competenze l impatto del rischio ad portafoglio agendo su dimensioni accettabili di esporre l azienda, la in azienda di gestione dei un livello giudicato driver / attivitàe/o sugli severità e la probabilità business unito il rischi accettabile effetti; suo potenziale di progetto a una perdita (prevalentemente trasferimento ad altri accadimento dell evento eccessiva non attraverso soluzioni operatori economici avverso compensata dai organizzative e/o potenziali guadagni contrattuali) 4

20 3. Il Concetto di Trasferimento del Rischio Cosa, Come, Quando, Perchè Danni Diretti Incendio, guasto macchine, danni da eventi naturali, furto, atti vandalici Danni Indiretti RC Terzi e Prestatori d Opera RC Inquinamento Perdita di profitto da interruzione di attività conseguente a danno materiale e diretto Danni a terzi (cose e persone), infortuni sul lavoro, malattie professionali Inquinamento graduale, accidentale Ramo Danni -Esempi - Trasporti Danneggiamento, perdita o furto di merci trasportate Caso Vita, Caso Morte, Miste Garanzie complementari Keyman Previdenza complementare, offrono un reddito complementare alla pensione pubblica, garantiscono il pagamento di un capitale/rendita ad una certa data (se in vita) o alla morte ass.to Invalidità permanente, LTC (perdita autosufficienza), Dread Disease (malattia particolarmente grave), PermanentHealthInsurance(incapacitàdi percepire reddito) Rischi morte/ip delle figure chiave dell azienda; tutela il patrimonio aziendale Ramo Vita -Esempi - 5

21 3. Il Concetto di Trasferimento del Rischio Cosa, Come, Quando, Perchè Assicurare Riassicurare Risk Transfer Soluzioni assicurative Implementare soluzioni di Alternative Risk Transfer (es. SocietàCaptivedi Assicurazione o Riassicurazione) Implementare soluzioni di copertura finanziaria Trasferire contrattualmente Condividere mediante alleanze e JV Esternalizzare, terziarizzando,. 6

22 3. Il Concetto di Trasferimento del Rischio Cosa, Come, Quando, Perchè Rischi con idoneo profilo di rischio Rischi che residuano dopo aver attuato adeguate misure di prevenzione e protezione Non Attuabile Non Conveniente 7

23 3. Il Concetto di Trasferimento del Rischio Cosa, Come, Quando, Perchè Stabilizza il conto economico con un approccio di m/l periodo Protegge la posizione finanziaria Ottimizza i costi nel breve periodo Può agevolare l accesso al credito (in una fase di restrizione dell erogazione dello stesso) Innesta un meccanismo virtuoso di miglioramento continuo che porta nel tempo benefici misurabili 8

24 4. La Metodologia per la Determinazione del Rischio da Trasferire: Fasi Progettuali Definizione Modelli di Analisi e Valutazione dei Riferimento e Metriche di Mappatura dei Rischi Rischi Valutazione Ottimizzazione Soluzioni di Gestione, Controllo e Comunicazione Comprensione delle attivitàdi gestione del rischio in essere, Impianto dei Modelli dei processi, dei rischi e di valutazione sui quali saràbasato l assessmentdei rischi Identificazione dei rischi tramite intervista e/o survey tecnico ingegneristici, loro catalogazione e prioritizzazione Modelling statistico attuariale delle perdite storiche, Gap assessment rischi vs controlli e programma assicurativo in essere, Identificazione delle aree di intervento, Condivisione con i process owner Formalizzazione del Piano di intervento gestionale e di Ottimizzazione del programma di finanziamento e trasferimento, Attivitàdi monitoraggio e follow-up 9

25 4. La Metodologia per la Determinazione del Rischio da Trasferire: Mappatura e Quantificazione + - Rischio Inerente - - Rischio Residuo - 5,00 5,00 Severità Severità 4, ,00 5 Rischio Residuo 3, ,00 non accettabile 2, , ,00 1,00 0,00 0,00 0,50 1,00 1,50 2,00 2,50 3,00 3,50 4,00 4,50 5,00 Frequenza 0,00 0,00 0,50 1,00 1,50 2,00 2,50 3,00 3,50 4,00 4,50 5,00 Frequenza 10

26 4. La Metodologia per la Determinazione del Rischio da Trasferire: Gap Analysis Rischi/Coperture Assicurative 11

27 4. La Metodologia per la Determinazione del Rischio da Trasferire: Ottimizzazione del Costo Totale del Rischio Per valutare la convenienza economica delle proposte risultanti dall analisi è necessario effettuare anche valutazioni ti tipo quantitativo al fine di: Ottimizzare il rapporto ritenuto / trasferito secondo logiche di ottimizzazione finanziaria; Valutare le effettive condizioni proposte dal mercato assicurativo e il relativo pricing; Rivedere i modelli di ritenzione / trasferimento sulla base delle effettive condizioni proposte dagli assicuratori; La metodologia utilizzata si basa su considerazioni riguardanti l indicatore Costo Totale del Rischio (TCOR) il quale esprime il costo totale sostenuto dall azienda per finanziare l esposizione al rischio. Nella sua versione base si ha che: TOTAL COST OF RISK (TCOR) = sinistri ritenuti + premi assicurativi lordi Sinistri in Franchigia Costi Assicurativi Costo Totale del Rischio 90esimo Percentile 99esimo Liquidato Teorico Stima Premio 90esimo Percentile 99esimo Percentile Media Percentile Teorico Media Franchigia per Evento Entità Annua Lorda Sc. 15% Min Sc. 15% Min Total Cost of Risk Optimization Media 90esimo percentile 99esimo Percentile 12

28 4. La Metodologia per la Determinazione del Rischio da Trasferire: Monitoraggio, Reporting, Follow-Up Le attività di monitoraggio e reporting sono personalizzate rispetto all organizzazione oggetto di analisi. Alcune best practice sono comunque identificabili: Integrazione con i processi e il calendario di reporting dell Azienda; Allineamento con i cicli di budget per i quali l assessment costituisce un Input informativo (es. bilancio, piano di audit, remarketing programma assicurativo, etc.); Collegamento ai KPI mediante Key Risk Indicators; Previsione di meccanismi di early warning con conseguente escalation; L attività di follow-up avviene tipicamente con cadenza annuale attraverso una pianificazione delle tempistiche allineata alle esigenze di rinnovo dei programmi ed al calendario di reporting. 13

29 La cultura assicurativa in Italia: il trasferimento del rischio e il modello distributivo Milano, 18 Maggio 2011

30 I principali trend nella distribuzione assicurativa Milano, 18 Maggio 2011 Guido Meardi, Partner, McKinsey& Company, Inc. Italy CONFIDENTIAL AND PROPRIETARY Any use of this material without specific permission of McKinsey & Company is strictly prohibited

31 Negli ultimi 10 anni in Europa si è assistito ad una proliferazione dei canali distributivi STIME Alternativo MIL-CJY /CL Brokers Diretto Salariati GWP 1, 6 2 mercati europei principali, Miliardi Euro, E Banche Agenti Vita Danni 1 Mercato totale (Retail + Commercial) 2 Paesi: Germania, Francia, UK, Italia, Spagna, Olanda; Danni include assicurazione sanitaria FONTE: Statistiche Nazionali McKinsey & Company 1

32 MIL-CJY /CL C è stato un cambiamento nella distribuzione dei prodotti assicurativi Vita in Europa Life Broker/Consulenti Indipendenti Banche Agenti/Produttori diretti Dal dominio del canale agenti e produttori diretti al progresso della bancassicurazione 2008 FONTE: CEA. Statistiche nazionali McKinsey & Company 2

33 In Italia nel Vita, il canale bancassurance e i promotori finanziari hanno fortemente incrementato la raccolta premi 2009 e nel 2010 Premi lordi contabilizzati (lavoro diretto domestico) 1 Miliardi di euro CAGR Per cento MIL-CJY /CL Delta Per cento Agenti 2 Promotori Banche 3 72,8 22,6 5,5 44,7 69,0 22,2 5,7 41,1 60,6 20,0 5,2 35,4 53,1 19,3 5,3 28,5 79,5 19,8 13,0 46,7 69,0 14,9 10,6 43,5 2,2-3,3 24,2 1,1 49,7 2,8 142,4 4 64,0 Quota canale banche Per cento M ,4 59,5 58,4 53,7 58,8 63,0 1 Non include i premi di fondi pensione (pari a 1,5 miliardi di Euro nel 2009) e delle imprese U.E. 2 Include agenti, broker e gerenze 3 Include banche e uffici postali 4 Influenzato dalla vendita della polizza Freedomda parte di Mediolanum Vita (7,2 miliardi di Euro di premi contabilizzati nel 2009) 5 Novembre 2010 vs novembre Crescita Agenti +12% Promotori +34% Banche +29% FONTE: ISVAP McKinsey & Company 3

34 MIL-CJY /CL In Italia nel Danni, il canale dominante è quello agenziale ma altri canali hanno tassi di crescita piùelevati Premi lordi contabilizzati (lavoro diretto domestico) Miliardi di euro, per cento CAGR Per cento 100% = ,6 Agenti ,9 Brokers 2 Internet 3 Banche e Promotori 1 Comprende le gerenze Non comprende i premi raccolti da broker tramite le agenzie Dato stimato 4 Influenzato dall uscita di Zurich dal mercato italiano (domicilio in Irlanda dal 2010) M ,2 16,3 17,7 FONTE: ISVAP, ANIA McKinsey & Company 4

35 MIL-CJY /CL I broker e gli Independent Financial Advisor costituiscono un canale importante In tutta l Europa, per quanto ad oggi meno sviluppato in Italia 2009, % Consolidato ( 50) Quota di mercato IFAs/brokers Emergente (20-50) Nascente ( 20) Vita 30% di quota di di mercato europea 2009 in GPW 1 Danni 32% di quota di di mercato europea 2009 in GPW Gross premium written FONTE: McKinsey McKinsey & Company 5

36 La presenza della bancassurance danni in Europa si è diffusa ma rimangono significative differenze in termini di quote di mercato Danni % Market share 10% MIL-CJY /CL 5 9% 1 4% 0% N/A Praticamente assente nel 1990 in fase di sviluppo nel per diventare un concorrente nel ~10 1 Dati 2008 per France, UK, Spain, Portugal, Italy, Netherlandse Germany, per gli altri FONTE: CEA. Statistiche nazionali - McKinsey & Company 6

37 MIL-CJY /CL In Italia la Bancassurance Danni ha ancora una quota di mercato molto limitata ma negli ultimi 10 anni èaumentata ad un tasso annuale del 20,3% Milioni di EURO, per cento Bancassurance Danni 1 Premi lordi contabilizzati (lavoro diretto) ,3% H 2010 YoY crescita Per cento Market share Per cento 40,7 54,9 13,5 19,0 27,7-3,3 31,6 21,5 6, ,3 27,5 2 0,6 0,9 0,9 1,0 1,2 1,1 1,5 1,7 1,8 2,3 2,7 3,5 1 Include sportelli postali e promotori 2 Crescita 1H 2010 vs. 1h 2009 SOURCE: ISVAP McKinsey & Company 7

38 MIL-CJY /CL Ci sono otto operatori principali sul mercato diretto italiano, con due nuove entranti dal , premi lordi contabilizzati Milioni di euro ,8% p.a CAGR Per cento - - 6,2 4,1 0,8 2,4 7, , Quota di mercato Per cento Quota su Auto Per cento 2,5 3,8 2,7 4,3 2,7 4,3 2,8 4,6 2,8 3,0 4,7 4,9 Due nuovi entranti: Quixa e ConTe FONTE: ISVAP, ANIA McKinsey & Company 8

39 MIL-CJY /CL Anche gli schemi di affinity si stanno rapidamente affermando in Europa, con una crescita media dei premi negli ultimi 3 anni superiore al 10% Grande distribuzione / retailer Modello distributivo: Pubblicità visibile negli store per attrarre i clienti, con prodotti assicurativi diretti retail-branded; vendita nel negozio in punti dedicati (shop-in-shop) o alla cassa Prodotti: : prodotti assicurativi stand-alone sia vita sia danni (es., auto, casa, viaggi) e assicurazioni legate ai prodotti venduti (es., garanzia estesa) Concessionari Modello distributivo: offerta di prodotti assicurativi nei concessionari al momento della vendita del veicolo Prodotti: Auto (c.ca 80% dei premi sottoscritti dai concessionari) e altri prodotti legati all auto, quali ad esempio garanzia estesa, protezione dei pagamenti e GAP (guaranteed assets protection) Aziende, club e associazioni Modello distributivo : accordo quadro con aziende e associazioni, marketing attraverso l organizzazione e sottoscrizione tramite canale diretto o agenti/broker Prodotti: Qualunque tipo di prodotti, sia vita che danni Banche dirette Modello distributivo: Cross selling di prodotti assicurativi attraverso banche dirette, o attraverso referral all assicuratore o attraverso processi IT integrati tra assicuratore e banca Prodotti: Qualunque tipo di prodotti, sia vita che danni FONTE: McKinsey McKinsey & Company 9

40 MIL-CJY /CL Un certo numero di forze esterne incideranno sulla distribuzione in futuro Innovazione tecnologica Aumento utilizzo di Internet e mobile Le nuove tecnologie ampliano i canali fisici Piattaforme di aggregatori che selezionano il prodotto Cambio delle preferenze dei consumatori Futuro della distribuzione Cambiamenti regolamentari Proliferazione dei canali Commoditization prodotti Incremento sensitività al prezzo Riduzione della fedeltà del cliente Comportamenti di acquisto meno prevedibili Sviluppo macroeconomico e geografico Rallentamento economico che incide sulla crescita premi Invecchiamento della popolazione Aumento della domanda privata di servizi pubblici Qualità della consulenza e professionalità Trasparenza dei costi Indipendenza della consulenza FONTE: Rielaborazione di European Insurance Distribution 2015: Seizing the Opportunity, McKinsey McKinsey & Company 10

41 MIL-CJY /CL Il potenziale impatto delle possibile tendenze è modellato in tre diversi scenari estremi Scenario 2 Ritorno alla consulenza Tecnologia Sviluppo macro - economico Scenario 1 Svolta tecnologica Preferenze dei consumatori Regolamentazione Scenario 3 Irrigidimento della Regolamentazione McKinsey & Company 11

42 MIL-CJY /CL Quanto sono probabili questi scenari? Domanda Tecnologia Sviluppo macro - economico Scenario 2 Ritorno alla consulenza Quale èlo scenario piùprobabile. per il vita? per il danni? Svolta 1? tecnologica? Preferenze dei consumatori Scenario 1 Svolta tecnologica Regolamentazione Scenario 3 Irrigidimento della Regolamentazione 2 3 Ritorno alla consulenza Regolamentazione???? McKinsey & Company 12

43 MIL-CJY /CL Allegati McKinsey & Company 13

44 MIL-CJY /CL Diverse iniziative regolamentari della Commissione Europea sono focalizzate sul tema della consulenza finanziaria/assicurativa Implicazioni Principles for selling practices of PRIPs 1 Commission drafting Le tariffe dovranno diventare più trasparenti Maggiori requisiti di formazione per gli adviser Maggior pressione per limitare i conflitti di interesse UCITS key investor document (KID) 2011 Maggior competizione di prezzo per via di tariffe più facilmente comparabili Maggiori costi per fornire tutte le informazioni richieste IMD2 In discussion Maggior trasparenza su tariffe applicate e sulle commissioni Maggior competizione tra i diversi canali distributivi 1 Packaged retail investment products FONTE: European Commission; press search; McKinsey McKinsey & Company 14

45 La cultura assicurativa in Italia: il trasferimento del rischio e il modello distributivo Milano, 18 Maggio 2011

46 Tavola rotonda Partecipanti: Loris Besana, Accident& Health Manager, Chubb Insurance Company Enrigo Borgo, Direttore Mercato, Cassa di Risparmio di Asti Peter Geipel, Amministratore Delegato e Direttore Generale, Pramerica Life SpA Claudia Martinez, Servizio di Vigilanza Intermediari, ISVAP Guido Meardi, Partner, McKinsey& Company, Inc. Italy Sergio Paci, Professore Ordinario, Dipartimento di Finanza, Università Bocconi Giampaolo Scarso, Amministratore Delegato, Marsh Risk Consulting Moderatore: Riccardo Sabbatini, Il Sole 24 Ore

47 La cultura assicurativa in Italia: il trasferimento del rischio e il modello distributivo Milano, 18 Maggio 2011

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 Nel 2014 la raccolta premi complessiva realizzata dalle imprese di assicurazione italiane e dalle rappresentanze in Italia di imprese extra europee continua il trend

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008.

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008. Offerta pubblica di sottoscrizione di CAPITALE SICURO prodotto finanziario di capitalizzazione (Codice Prodotto CF900) Il presente Prospetto Informativo completo si compone delle seguenti parti: Parte

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato)

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato) (Progetto Esemplificativo Standardizzato) Il presente progetto esemplificativo contiene una stima della pensione complementare predisposta per consentirti una valutazione sintetica e prospettica del programma

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Advisory Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 1 2 3 Il trend del risparmio gestito prima e dopo la crisi finanziaria

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com www.mgmbroker.com MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO Le Casse di MGM WELFARE nascono con l obiettivo di offrire le migliori prestazioni assicurative presenti sul mercato, insieme

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro.

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro. certified public accountants tax & financial advisors www.funaro.com certified public accountants tax & financial advisors CHI SIAMO Funaro & Co. è uno studio di Certified Public Accountants e Dottori

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE Il presente documento costituisce parte integrante della nota informativa della forma pensionistica individuale denominata Piano Individuale Pensionistico di tipo

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013 Roma, 26 giugno 2014 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta

Dettagli

Dai valore al tuo domani. fondo pensione

Dai valore al tuo domani. fondo pensione Dai valore al tuo domani fondo pensione fondo pensione E grande la soddisfazione per aver raggiunto l'obiettivo di realizzare il primo Fondo di Previdenza Complementare di categoria gestito da una Cassa

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli