La cultura assicurativa in Italia: il trasferimento del rischio e il modello distributivo. Milano, 18 Maggio 2011

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La cultura assicurativa in Italia: il trasferimento del rischio e il modello distributivo. Milano, 18 Maggio 2011"

Transcript

1 La cultura assicurativa in Italia: il trasferimento del rischio e il modello distributivo Milano, 18 Maggio 2011

2 Carol Z. Perez Console Generale degli Stati Uniti d America a Milano

3 Simone Crolla Consigliere Delegato, American Chamber of Commerce in Italy

4 Peter Geipel Amministratore Delegato e Direttore Generale, Pramerica Life S.p.A.

5 La cultura assicurativa in Italia: il trasferimento del rischio e il modello distributivo. L importanza dell educazione finanziaria e assicurativa Prof. Sergio Paci Università L. Bocconi Milano, 18 maggio 2011 Prof. Sergio Paci

6 Importanza dell educazione finanziaria e assicurativa Mutamento del quadro ambientale in molti paesi che accentua l opportunità di avere consapevolezza dei rischi a cui le persone e le imprese sono esposte e di adottare scelte informate e consapevoli per il desiderato livello di copertura dai rischi a cui sono esposte: Cambiamenti del contesto sociale familiare Evoluzione demografica e aumento aspettative di vita Riduzione del sostegno pubblico in periodi di carenza di risorse Accresciuta difficoltà e variabilità ambientale Ridotta stabilitàdelle forme di impiego piùtutelate e riduzione tendenziale di forme di solidarietà a livello aziendale Prof. Sergio Paci 1

7 Importanza dell educazione finanziaria e assicurativa Necessità di sviluppare financial education nei paesi a più alto reddito. Raccomandazioni e studi in sede OCSE a partire dal 2005 per l insieme dei prodotti finanziari e poi anche in modo specifico per i rischi assicurativi e pensionistici nel Emissione di raccomandazione ai paesi circa le migliori pratiche in merito. Sviluppo della ricerca, degli interventi e valutazione degli effetti in molti paesi, fra cui l Italia. Prof. Sergio Paci 2

8 Importanza dell educazione finanziaria e assicurativa L OCSE definisce l educazione finanziaria riferita al settore assicurativo come : Il processo attraverso il quale gli individui 1. Migliorano la comprensione dei rischi e dei prodotti assicurativi e Attraverso a) informazione b)istruzione c) supporto oggettivo Sviluppano competenze e fiducia per - diventare maggiormente consapevoli dei rischi e dei prodotti -comprendere a chi chiedere aiuto - adottare azioni efficaci per una adeguata copertura del loro profilo di esposizione ai rischi nel lungo periodo. Prof. Sergio Paci 3

9 Importanza dell educazione finanziaria e assicurativa Informazione. Si tratta di informazione specifica mirata agli obiettivi perseguiti di consapevolezza e scelte informate e anche se in parte sovrapposta, non eguale alle regole sulla trasparenza e simili finalizzate alla protezione giuridica dei consumatori. Queste regole sono focalizzate per riequilibrare la forza delle parti e proteggere i diritti dei consumatori. Le informazioni mirano invece a migliorare la conoscenza, la capacità la responsabilità delle persone, sono mirate a fronteggiare le asimmetrie di conoscenze a sfavore del consumatore. Quindi non tutela, ma informazione di qualità in grado di incoraggiare, e rafforzare la consapevolezza la conoscenza e le capacità. Per questo l informazione deve essere di qualità idonea: a) attendibile b) obiettiva c) intellegibile d) rilevante. Prof. Sergio Paci 4

10 Importanza dell educazione finanziaria e assicurativa Istruzione, per acquisire attraverso la formazione e la guida le competenze e capacitàper capire la loro esposizione ai rischi e la termini e concetti assicurativi Supporto (advice) obiettivo, circa i rischi rilevanti e le tematiche assicurative per fare il miglior uso delle informazioni e della istruzione che hanno ricevuto. Quindi 1. Sviluppare consapevolezza dei rischi, dei propri bisogni di protezione 2. Favorire scelte informate e consapevoli 3. Attraverso: l informazione finalizzata a questi obiettivi -La formazione e istruzione cioè trasferire conoscenze- il supporto obiettivo. Prof. Sergio Paci 5

11 Importanza dell educazione finanziaria e assicurativa Due aree importanti per il processo educativo: - Consapevolezza del rischio - scelta e processo decisionale Prof. Sergio Paci 6

12 Importanza dell educazione finanziaria e assicurativa Ruolo di molte istituzioni: Governo. Autoritàper la protezione dei consumatori e la stabilità del sistema assicurativo, istruzione pubblica, associazioni, imprese. Importanza di capire le variabili che impattano sulla percezione e che influenzano le decisioni, comprese le variabili personali e comportamentali. Importanza della percezione dei rischi in cui sono coinvolte le persone tipicamente malattie e durata della vita umana. Fra questi rischi opportunitàdi approfondire quelli relativi alla sfera più personale, riferiti alla sopravvivenza, morte, gravi malattie. Rilevanza di fattori particolari nella percezione e nelle scelte. Interesse generale e del settore assicurativo a conoscere meglioil comportamento dei propri potenziali clienti. Esempio : scelta fra capitale e rendita vitalizia, indispensabile per un corretto sviluppo del mercato delle rendite. Rilevanza per le coperture caso morte di variabili diverse dal sesso per prezzare le coperture dopo la recente sentenza della Corte di Giustizia. Prof. Sergio Paci 7

13 Importanza dell educazione finanziaria e assicurativa Importanza di comprendere le esposizioni più rilevanti Importanza di sviluppare supporto obiettivo e indipendente. Le forme di advisor indipendenti e il ruolo dei potenziali conflitti di interessi. Il pagamento del servizio attraverso commissioni o fees. Prof. Sergio Paci 8

14 La cultura assicurativa in Italia: il trasferimento del rischio e il modello distributivo Milano, 18 Maggio 2011

15 Il Concetto di Trasferimento del Rischio Milano, 18 Maggio 2011 Giampaolo Scarso, Amministratore Delegato Marsh Risk Consulting

16 1. Contesto di Riferimento Il Comportamento delle PMI Italiane 1 (1/2) Polizze Sottoscritte - Quota % Campione Imprese 100,00% 90,00% 86,00% Campione di ,00% 70,00% 60,00% 50,00% 61,50% 67,70% imprese, fino a 250 addetti, distribuite sul 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% 28,30% 30,10% 15,10% 6,50% 3,40% 22,60% 11,50% 13,80% territorio nazionale Focus sulla spesa Incendio e danni Rischi tecnologici Furto Merci trasportate Credito e cauzioni Polizze Sottoscritte - Quota % Campione Imprenditori Copertura expo/invest. estero Business interruption Responsabilità civile terzi e dipendenti Responsabilità civile prodotto Responsabilità civile inquinamento Polizze a vantaggio dei dipendenti assicurativa: 100,00% 90,00% Per attività d impresa Per la persona dell imprenditore 80,00% 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% 43,70% 22,40% 33,90% 23,00% 43,30% 1 Fonte: Indagine ANIA sulla domanda di assicurazione delle piccole imprese (2010) Vita: Rischio Morte Vita: Risparmio Vita: Previdenziale Sanitaria Infortuni 1

17 1. Contesto di Riferimento Il Comportamento delle PMI Italiane 1 (2/2) Approccio non strutturato alla gestione del rischio Ridotto numero di polizze sottoscritte (2 3 contratti in media) Concentrazione della spesa sui rami elementari Incendio Furto RCT/O Propensione alla attivazione delle coperture più evolute correlata alla dimensione (n addetti) Fattore esperienza (incidenti pregressi) come driver di acquisto Comportamento di acquisito simile anche per le coperture rivolte alla persona 2

18 1. Contesto di Riferimento L evoluzione del Rischio in un Contesto Economico Globale Business Trend Business sempre più globale Crescita del livello di delocalizzazione / terziarizzazione della produzione Dinamiche di Business più veloci ed imprevedibili: decisioni piùrapide cicli di vita dei prodotti e dei servizi più brevi Nuove tecnologie, nuovi concorrenti Maggior focus su brand e servizi Global crisische ha ulteriormente accelerato i mutamenti già in atto Risk Trend Aumento generale dell esposizione al rischio e presenza di rischi emergenti: cambiamenti climatici compliance corporate governance volatilità prezzi materie prime rischi geopolitici infortuni sul lavoro ambiente.. Incremento dei requisiti di autodisciplina, transparency e disclosurerichiesti alle aziende 3

19 2. Come Gestire il Rischio Le Possibili Soluzioni Risk Strategies Risk Avoidance Rischio troppo elevato rispetto al rendimento Risk Exploitation Rischio come fonte di vantaggio competitivo Risk Reduction Trasferimento del rischio non conveniente Risk Transfer Convenienza al trasferimento del rischio Risk Retention Ritenzione del rischio economicamente e finanziariamente giustificabile Strategia di controllo Strategia di sviluppo di un Strategia tesa a ridurre Strategia di rimozione Strategia di accettazione mediante l uscita da vantaggio competitivo la probabilitàe/o del rischio dal del rischio date le sue attivitàche possono basato sulle competenze l impatto del rischio ad portafoglio agendo su dimensioni accettabili di esporre l azienda, la in azienda di gestione dei un livello giudicato driver / attivitàe/o sugli severità e la probabilità business unito il rischi accettabile effetti; suo potenziale di progetto a una perdita (prevalentemente trasferimento ad altri accadimento dell evento eccessiva non attraverso soluzioni operatori economici avverso compensata dai organizzative e/o potenziali guadagni contrattuali) 4

20 3. Il Concetto di Trasferimento del Rischio Cosa, Come, Quando, Perchè Danni Diretti Incendio, guasto macchine, danni da eventi naturali, furto, atti vandalici Danni Indiretti RC Terzi e Prestatori d Opera RC Inquinamento Perdita di profitto da interruzione di attività conseguente a danno materiale e diretto Danni a terzi (cose e persone), infortuni sul lavoro, malattie professionali Inquinamento graduale, accidentale Ramo Danni -Esempi - Trasporti Danneggiamento, perdita o furto di merci trasportate Caso Vita, Caso Morte, Miste Garanzie complementari Keyman Previdenza complementare, offrono un reddito complementare alla pensione pubblica, garantiscono il pagamento di un capitale/rendita ad una certa data (se in vita) o alla morte ass.to Invalidità permanente, LTC (perdita autosufficienza), Dread Disease (malattia particolarmente grave), PermanentHealthInsurance(incapacitàdi percepire reddito) Rischi morte/ip delle figure chiave dell azienda; tutela il patrimonio aziendale Ramo Vita -Esempi - 5

21 3. Il Concetto di Trasferimento del Rischio Cosa, Come, Quando, Perchè Assicurare Riassicurare Risk Transfer Soluzioni assicurative Implementare soluzioni di Alternative Risk Transfer (es. SocietàCaptivedi Assicurazione o Riassicurazione) Implementare soluzioni di copertura finanziaria Trasferire contrattualmente Condividere mediante alleanze e JV Esternalizzare, terziarizzando,. 6

22 3. Il Concetto di Trasferimento del Rischio Cosa, Come, Quando, Perchè Rischi con idoneo profilo di rischio Rischi che residuano dopo aver attuato adeguate misure di prevenzione e protezione Non Attuabile Non Conveniente 7

23 3. Il Concetto di Trasferimento del Rischio Cosa, Come, Quando, Perchè Stabilizza il conto economico con un approccio di m/l periodo Protegge la posizione finanziaria Ottimizza i costi nel breve periodo Può agevolare l accesso al credito (in una fase di restrizione dell erogazione dello stesso) Innesta un meccanismo virtuoso di miglioramento continuo che porta nel tempo benefici misurabili 8

24 4. La Metodologia per la Determinazione del Rischio da Trasferire: Fasi Progettuali Definizione Modelli di Analisi e Valutazione dei Riferimento e Metriche di Mappatura dei Rischi Rischi Valutazione Ottimizzazione Soluzioni di Gestione, Controllo e Comunicazione Comprensione delle attivitàdi gestione del rischio in essere, Impianto dei Modelli dei processi, dei rischi e di valutazione sui quali saràbasato l assessmentdei rischi Identificazione dei rischi tramite intervista e/o survey tecnico ingegneristici, loro catalogazione e prioritizzazione Modelling statistico attuariale delle perdite storiche, Gap assessment rischi vs controlli e programma assicurativo in essere, Identificazione delle aree di intervento, Condivisione con i process owner Formalizzazione del Piano di intervento gestionale e di Ottimizzazione del programma di finanziamento e trasferimento, Attivitàdi monitoraggio e follow-up 9

25 4. La Metodologia per la Determinazione del Rischio da Trasferire: Mappatura e Quantificazione + - Rischio Inerente - - Rischio Residuo - 5,00 5,00 Severità Severità 4, ,00 5 Rischio Residuo 3, ,00 non accettabile 2, , ,00 1,00 0,00 0,00 0,50 1,00 1,50 2,00 2,50 3,00 3,50 4,00 4,50 5,00 Frequenza 0,00 0,00 0,50 1,00 1,50 2,00 2,50 3,00 3,50 4,00 4,50 5,00 Frequenza 10

26 4. La Metodologia per la Determinazione del Rischio da Trasferire: Gap Analysis Rischi/Coperture Assicurative 11

27 4. La Metodologia per la Determinazione del Rischio da Trasferire: Ottimizzazione del Costo Totale del Rischio Per valutare la convenienza economica delle proposte risultanti dall analisi è necessario effettuare anche valutazioni ti tipo quantitativo al fine di: Ottimizzare il rapporto ritenuto / trasferito secondo logiche di ottimizzazione finanziaria; Valutare le effettive condizioni proposte dal mercato assicurativo e il relativo pricing; Rivedere i modelli di ritenzione / trasferimento sulla base delle effettive condizioni proposte dagli assicuratori; La metodologia utilizzata si basa su considerazioni riguardanti l indicatore Costo Totale del Rischio (TCOR) il quale esprime il costo totale sostenuto dall azienda per finanziare l esposizione al rischio. Nella sua versione base si ha che: TOTAL COST OF RISK (TCOR) = sinistri ritenuti + premi assicurativi lordi Sinistri in Franchigia Costi Assicurativi Costo Totale del Rischio 90esimo Percentile 99esimo Liquidato Teorico Stima Premio 90esimo Percentile 99esimo Percentile Media Percentile Teorico Media Franchigia per Evento Entità Annua Lorda Sc. 15% Min Sc. 15% Min Total Cost of Risk Optimization Media 90esimo percentile 99esimo Percentile 12

28 4. La Metodologia per la Determinazione del Rischio da Trasferire: Monitoraggio, Reporting, Follow-Up Le attività di monitoraggio e reporting sono personalizzate rispetto all organizzazione oggetto di analisi. Alcune best practice sono comunque identificabili: Integrazione con i processi e il calendario di reporting dell Azienda; Allineamento con i cicli di budget per i quali l assessment costituisce un Input informativo (es. bilancio, piano di audit, remarketing programma assicurativo, etc.); Collegamento ai KPI mediante Key Risk Indicators; Previsione di meccanismi di early warning con conseguente escalation; L attività di follow-up avviene tipicamente con cadenza annuale attraverso una pianificazione delle tempistiche allineata alle esigenze di rinnovo dei programmi ed al calendario di reporting. 13

29 La cultura assicurativa in Italia: il trasferimento del rischio e il modello distributivo Milano, 18 Maggio 2011

30 I principali trend nella distribuzione assicurativa Milano, 18 Maggio 2011 Guido Meardi, Partner, McKinsey& Company, Inc. Italy CONFIDENTIAL AND PROPRIETARY Any use of this material without specific permission of McKinsey & Company is strictly prohibited

31 Negli ultimi 10 anni in Europa si è assistito ad una proliferazione dei canali distributivi STIME Alternativo MIL-CJY /CL Brokers Diretto Salariati GWP 1, 6 2 mercati europei principali, Miliardi Euro, E Banche Agenti Vita Danni 1 Mercato totale (Retail + Commercial) 2 Paesi: Germania, Francia, UK, Italia, Spagna, Olanda; Danni include assicurazione sanitaria FONTE: Statistiche Nazionali McKinsey & Company 1

32 MIL-CJY /CL C è stato un cambiamento nella distribuzione dei prodotti assicurativi Vita in Europa Life Broker/Consulenti Indipendenti Banche Agenti/Produttori diretti Dal dominio del canale agenti e produttori diretti al progresso della bancassicurazione 2008 FONTE: CEA. Statistiche nazionali McKinsey & Company 2

33 In Italia nel Vita, il canale bancassurance e i promotori finanziari hanno fortemente incrementato la raccolta premi 2009 e nel 2010 Premi lordi contabilizzati (lavoro diretto domestico) 1 Miliardi di euro CAGR Per cento MIL-CJY /CL Delta Per cento Agenti 2 Promotori Banche 3 72,8 22,6 5,5 44,7 69,0 22,2 5,7 41,1 60,6 20,0 5,2 35,4 53,1 19,3 5,3 28,5 79,5 19,8 13,0 46,7 69,0 14,9 10,6 43,5 2,2-3,3 24,2 1,1 49,7 2,8 142,4 4 64,0 Quota canale banche Per cento M ,4 59,5 58,4 53,7 58,8 63,0 1 Non include i premi di fondi pensione (pari a 1,5 miliardi di Euro nel 2009) e delle imprese U.E. 2 Include agenti, broker e gerenze 3 Include banche e uffici postali 4 Influenzato dalla vendita della polizza Freedomda parte di Mediolanum Vita (7,2 miliardi di Euro di premi contabilizzati nel 2009) 5 Novembre 2010 vs novembre Crescita Agenti +12% Promotori +34% Banche +29% FONTE: ISVAP McKinsey & Company 3

34 MIL-CJY /CL In Italia nel Danni, il canale dominante è quello agenziale ma altri canali hanno tassi di crescita piùelevati Premi lordi contabilizzati (lavoro diretto domestico) Miliardi di euro, per cento CAGR Per cento 100% = ,6 Agenti ,9 Brokers 2 Internet 3 Banche e Promotori 1 Comprende le gerenze Non comprende i premi raccolti da broker tramite le agenzie Dato stimato 4 Influenzato dall uscita di Zurich dal mercato italiano (domicilio in Irlanda dal 2010) M ,2 16,3 17,7 FONTE: ISVAP, ANIA McKinsey & Company 4

35 MIL-CJY /CL I broker e gli Independent Financial Advisor costituiscono un canale importante In tutta l Europa, per quanto ad oggi meno sviluppato in Italia 2009, % Consolidato ( 50) Quota di mercato IFAs/brokers Emergente (20-50) Nascente ( 20) Vita 30% di quota di di mercato europea 2009 in GPW 1 Danni 32% di quota di di mercato europea 2009 in GPW Gross premium written FONTE: McKinsey McKinsey & Company 5

36 La presenza della bancassurance danni in Europa si è diffusa ma rimangono significative differenze in termini di quote di mercato Danni % Market share 10% MIL-CJY /CL 5 9% 1 4% 0% N/A Praticamente assente nel 1990 in fase di sviluppo nel per diventare un concorrente nel ~10 1 Dati 2008 per France, UK, Spain, Portugal, Italy, Netherlandse Germany, per gli altri FONTE: CEA. Statistiche nazionali - McKinsey & Company 6

37 MIL-CJY /CL In Italia la Bancassurance Danni ha ancora una quota di mercato molto limitata ma negli ultimi 10 anni èaumentata ad un tasso annuale del 20,3% Milioni di EURO, per cento Bancassurance Danni 1 Premi lordi contabilizzati (lavoro diretto) ,3% H 2010 YoY crescita Per cento Market share Per cento 40,7 54,9 13,5 19,0 27,7-3,3 31,6 21,5 6, ,3 27,5 2 0,6 0,9 0,9 1,0 1,2 1,1 1,5 1,7 1,8 2,3 2,7 3,5 1 Include sportelli postali e promotori 2 Crescita 1H 2010 vs. 1h 2009 SOURCE: ISVAP McKinsey & Company 7

38 MIL-CJY /CL Ci sono otto operatori principali sul mercato diretto italiano, con due nuove entranti dal , premi lordi contabilizzati Milioni di euro ,8% p.a CAGR Per cento - - 6,2 4,1 0,8 2,4 7, , Quota di mercato Per cento Quota su Auto Per cento 2,5 3,8 2,7 4,3 2,7 4,3 2,8 4,6 2,8 3,0 4,7 4,9 Due nuovi entranti: Quixa e ConTe FONTE: ISVAP, ANIA McKinsey & Company 8

39 MIL-CJY /CL Anche gli schemi di affinity si stanno rapidamente affermando in Europa, con una crescita media dei premi negli ultimi 3 anni superiore al 10% Grande distribuzione / retailer Modello distributivo: Pubblicità visibile negli store per attrarre i clienti, con prodotti assicurativi diretti retail-branded; vendita nel negozio in punti dedicati (shop-in-shop) o alla cassa Prodotti: : prodotti assicurativi stand-alone sia vita sia danni (es., auto, casa, viaggi) e assicurazioni legate ai prodotti venduti (es., garanzia estesa) Concessionari Modello distributivo: offerta di prodotti assicurativi nei concessionari al momento della vendita del veicolo Prodotti: Auto (c.ca 80% dei premi sottoscritti dai concessionari) e altri prodotti legati all auto, quali ad esempio garanzia estesa, protezione dei pagamenti e GAP (guaranteed assets protection) Aziende, club e associazioni Modello distributivo : accordo quadro con aziende e associazioni, marketing attraverso l organizzazione e sottoscrizione tramite canale diretto o agenti/broker Prodotti: Qualunque tipo di prodotti, sia vita che danni Banche dirette Modello distributivo: Cross selling di prodotti assicurativi attraverso banche dirette, o attraverso referral all assicuratore o attraverso processi IT integrati tra assicuratore e banca Prodotti: Qualunque tipo di prodotti, sia vita che danni FONTE: McKinsey McKinsey & Company 9

40 MIL-CJY /CL Un certo numero di forze esterne incideranno sulla distribuzione in futuro Innovazione tecnologica Aumento utilizzo di Internet e mobile Le nuove tecnologie ampliano i canali fisici Piattaforme di aggregatori che selezionano il prodotto Cambio delle preferenze dei consumatori Futuro della distribuzione Cambiamenti regolamentari Proliferazione dei canali Commoditization prodotti Incremento sensitività al prezzo Riduzione della fedeltà del cliente Comportamenti di acquisto meno prevedibili Sviluppo macroeconomico e geografico Rallentamento economico che incide sulla crescita premi Invecchiamento della popolazione Aumento della domanda privata di servizi pubblici Qualità della consulenza e professionalità Trasparenza dei costi Indipendenza della consulenza FONTE: Rielaborazione di European Insurance Distribution 2015: Seizing the Opportunity, McKinsey McKinsey & Company 10

41 MIL-CJY /CL Il potenziale impatto delle possibile tendenze è modellato in tre diversi scenari estremi Scenario 2 Ritorno alla consulenza Tecnologia Sviluppo macro - economico Scenario 1 Svolta tecnologica Preferenze dei consumatori Regolamentazione Scenario 3 Irrigidimento della Regolamentazione McKinsey & Company 11

42 MIL-CJY /CL Quanto sono probabili questi scenari? Domanda Tecnologia Sviluppo macro - economico Scenario 2 Ritorno alla consulenza Quale èlo scenario piùprobabile. per il vita? per il danni? Svolta 1? tecnologica? Preferenze dei consumatori Scenario 1 Svolta tecnologica Regolamentazione Scenario 3 Irrigidimento della Regolamentazione 2 3 Ritorno alla consulenza Regolamentazione???? McKinsey & Company 12

43 MIL-CJY /CL Allegati McKinsey & Company 13

44 MIL-CJY /CL Diverse iniziative regolamentari della Commissione Europea sono focalizzate sul tema della consulenza finanziaria/assicurativa Implicazioni Principles for selling practices of PRIPs 1 Commission drafting Le tariffe dovranno diventare più trasparenti Maggiori requisiti di formazione per gli adviser Maggior pressione per limitare i conflitti di interesse UCITS key investor document (KID) 2011 Maggior competizione di prezzo per via di tariffe più facilmente comparabili Maggiori costi per fornire tutte le informazioni richieste IMD2 In discussion Maggior trasparenza su tariffe applicate e sulle commissioni Maggior competizione tra i diversi canali distributivi 1 Packaged retail investment products FONTE: European Commission; press search; McKinsey McKinsey & Company 14

45 La cultura assicurativa in Italia: il trasferimento del rischio e il modello distributivo Milano, 18 Maggio 2011

46 Tavola rotonda Partecipanti: Loris Besana, Accident& Health Manager, Chubb Insurance Company Enrigo Borgo, Direttore Mercato, Cassa di Risparmio di Asti Peter Geipel, Amministratore Delegato e Direttore Generale, Pramerica Life SpA Claudia Martinez, Servizio di Vigilanza Intermediari, ISVAP Guido Meardi, Partner, McKinsey& Company, Inc. Italy Sergio Paci, Professore Ordinario, Dipartimento di Finanza, Università Bocconi Giampaolo Scarso, Amministratore Delegato, Marsh Risk Consulting Moderatore: Riccardo Sabbatini, Il Sole 24 Ore

47 La cultura assicurativa in Italia: il trasferimento del rischio e il modello distributivo Milano, 18 Maggio 2011

Overview del mercato assicurativo in Italia

Overview del mercato assicurativo in Italia Overview del mercato assicurativo in Italia Premi lordi contabilizzati ( mld) CAGR = +3,1% 118,8 99,1 33,7 33,7 33,7 37,7 37,7 37,7 85,1 61,4 61,4 85,1 85,1 61,4 2007 2007 2007 2013 2013 2013 Vita Vita

Dettagli

BUSINESS RISK CONSULTING RISK. DISPUTES. STRATEGY.

BUSINESS RISK CONSULTING RISK. DISPUTES. STRATEGY. BUSINESS RISK CONSULTING RISK. DISPUTES. STRATEGY. BUSINESS RISK CONSULTING PROCESS OPTIMIZATION Mappatura as is dei processi, definizione dello stato to be, gap analysis, definizione ed implementazione

Dettagli

Global Assicurazioni Garanzia di successo per i Partner

Global Assicurazioni Garanzia di successo per i Partner Global Assicurazioni Garanzia di successo per i Partner Global Assicurazioni è la Prima Agenzia Assicurativa italiana. La Società agisce su mandato di 17 compagnie leader nazionali ed internazionali e

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli

I S V A P. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI

I S V A P. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI I S V A P Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo SERVIZIO STATISTICA 20 giugno 2003 317543 CIRCOLARE N. 508/S 4 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione

Dettagli

L Assicurazione italiana in cifre

L Assicurazione italiana in cifre L Assicurazione italiana in cifre Luglio 2010 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei

Dettagli

Le assicurazioni vita e danni

Le assicurazioni vita e danni Le assicurazioni vita e danni Luigi Di Falco Responsabile Servizio Vita e Welfare Le assicurazioni vita In un contesto di ricchezza delle famiglie italiane stabile, cresce la quota in assicurazioni vita

Dettagli

Le assicurazioni vita e danni

Le assicurazioni vita e danni Le assicurazioni vita e danni Presentazione del Rapporto annuale L ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 Roberto Manzato Direttore Centrale Vita, Danni e Servizi Le assicurazioni vita Capacità di risparmio

Dettagli

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2016

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2016 L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE Edizione 2016 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile ESSERE O APPARIRE Le assicurazioni nell immaginario giovanile Agenda_ INTRODUZIONE AL SETTORE ASSICURATIVO La Compagnia di Assicurazioni Il ciclo produttivo Chi gestisce tutto questo Le opportunità di

Dettagli

Costruire un nuovo modo di gestire l assicurazione. Consolidare il nostro modello attraverso una costante innovazione e il focus totale sul cliente

Costruire un nuovo modo di gestire l assicurazione. Consolidare il nostro modello attraverso una costante innovazione e il focus totale sul cliente BENVENUTI Semplificare la vita dei nostri clienti Costruire un nuovo modo di gestire l assicurazione Consolidare il nostro modello attraverso una costante innovazione e il focus totale sul cliente Il cliente

Dettagli

Il ruolo dell'industria. della previdenza

Il ruolo dell'industria. della previdenza Il ruolo dell'industria assicurativa nello sviluppo della previdenza La sfida del sistema previdenziale italiano: necessità di adeguare il regime pensionistico alle dinamiche sociali ed economiche in atto

Dettagli

l Assicurazione italiana in cifre luglio 2009

l Assicurazione italiana in cifre luglio 2009 l Assicurazione italiana in cifre luglio 29 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei

Dettagli

36-11-000101 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI. e, p.c.

36-11-000101 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI. e, p.c. SERVIZIO STUDI SEZIONE STUDI UFFICIO STATISTICA Roma 7 dicembre 2011 Prot. n. All.ti n. 4 36-11-000101 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI Alle Rappresentanze per l Italia delle imprese

Dettagli

DIRITTO E TECNICA DELLE ASSICURAZIONI

DIRITTO E TECNICA DELLE ASSICURAZIONI presentano: corso di Alta Formazione DIRITTO E TECNICA DELLE ASSICURAZIONI anche propedeutico all iscrizione al R.U.I. ed idoneo all assolvimento degli obblighi di aggiornamento di cui al Regolamento ISVAP

Dettagli

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei rischi: dall assicurazione auto

Dettagli

Specialista nei processi e nei servizi di intermediazione assi- curativa e previdenziale Pagina 1

Specialista nei processi e nei servizi di intermediazione assi- curativa e previdenziale Pagina 1 Specialista nei processi e nei servizi di intermediazione assicurativa e previdenziale Pagina 1 PARTNERS DEL PROGETTO per attività di docenza ed organizzazione stage la più antica mutua assicuratrice italiana,

Dettagli

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2014

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2014 L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE Edizione 2014 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per

Dettagli

I S V A P. 3 ottobre 2003. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI

I S V A P. 3 ottobre 2003. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI I S V A P Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo SERVIZIO STATISTICA 317566 4 3 ottobre 2003 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI Alle Rappresentanze

Dettagli

Dare credito al business rafforzando le partnership

Dare credito al business rafforzando le partnership Dare credito al business rafforzando le partnership Forum della Distribuzione Assicurativa Milano, 18 Novembre 2009 Roberto Ferrari Direttore Marketing e Partnership Compass Agenda > Compass > Scenari

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

ROAD SHOW 2008 Company Results

ROAD SHOW 2008 Company Results ROAD SHOW 2008 Company Results Milano, 24 marzo 2009 1 Relatori Luca Bronchi Direttore Generale Ugo Borgheresi Investor Relator 2 Agenda Company Highlights 31 Dicembre 2008 Linee Guida Piano Industriale

Dettagli

Metodi e Modelli per l Analisi Strategica per l A.A. 2013-2014

Metodi e Modelli per l Analisi Strategica per l A.A. 2013-2014 Metodi e Modelli per l Analisi Strategica per l A.A. 2013-2014 Caso 1: Progetto strategico: basic intelligence, visione e posizionamenti Caso 2: Progetto strategico: criticità, macro trend e obiettivi

Dettagli

Montepaschi Vita Annual F orum. Rome, October 12th - Grand Hotel Plaza, via del Corso, 126

Montepaschi Vita Annual F orum. Rome, October 12th - Grand Hotel Plaza, via del Corso, 126 Montepaschi Vita Annual F orum Rome, October 12th - Grand Hotel Plaza, via del Corso, 126 2007 I Paradigmi del Valore Assicurazioni e banche: complementarietà e competizione Come creare il massimo valore

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Premi lordi contabilizzati a tutto il quarto trimestre 2013 dalle Imprese di assicurazione nazionali e dalle Rappresentanze per l Italia delle

Dettagli

Il credito al consumo e il Broker di Riassicurazione

Il credito al consumo e il Broker di Riassicurazione Copyright 2007 Willis Limited all rights reserved. Il credito al consumo e il Broker di Riassicurazione Giulio Figarolo di Gropello Presidente Willis Re Southern Europe Credito alle famiglie 2007 Consumer

Dettagli

Il mercato assicurativo: i canali

Il mercato assicurativo: i canali Il mercato assicurativo: i canali distributivi Corso di Gestione dei Rischi e delle Assicurazioni Dott.ssa Lara Maini 12 marzo 2012 Obiettivi della distribuzione assicurativa Ricerca della clientela Attività

Dettagli

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Premi lordi contabilizzati al 1 trimestre 2013 dalle Imprese di assicurazione nazionali e dalle Rappresentanze per l Italia delle imprese

Dettagli

Osservatorio Solvency II Operational Transformation

Osservatorio Solvency II Operational Transformation Divisione Ricerche Claudio Dematté Osservatorio Solvency II Operational Transformation Risultati Tavolo Pianificazione Strategica e Risk Reporting Andrea Scribano 02.02.2015 Il contesto di riferimento

Dettagli

Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide

Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide FORUM BANCASSICURAZIONE 2015 Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide Umberto Guidoni Servizio Auto Agenda Focus sulla raccolta premi in Italia Il mercato

Dettagli

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei rischi: dall assicurazione auto

Dettagli

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana 6 Giugno 2012, Scuderie di Palazzo Altieri - Roma Siglata in occasione della Settimana Italiana dell Investimento Sostenibile

Dettagli

Scenari di mercato Come aprire una nuova fase di crescita

Scenari di mercato Come aprire una nuova fase di crescita TERZA CONVENTION NAZIONALE Il nuovo mercato assicurativo: quali innovazioni per rilanciare lo sviluppo Roma, 1 ottobre 2008 Scenari di mercato Come aprire una nuova fase di crescita Enea Dallaglio IAMA

Dettagli

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Premi lordi contabilizzati a tutto il terzo trimestre 2014 dalle Imprese di assicurazione nazionali e dalle Rappresentanze per l Italia delle

Dettagli

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014 Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 Osservatorio PMI 2014 -VI Edizione 1 Obiettivi Individuare le

Dettagli

Milliman Variable Annuity. Variable Annuity: una proposta innovativa per il mercato Italiano

Milliman Variable Annuity. Variable Annuity: una proposta innovativa per il mercato Italiano Variable Annuity Variable Annuity: una proposta innovativa per il mercato Italiano Variable Annuity: una proposta innovativa per il mercato italiano I prodotti Variable Annuity sono nati negli Stati Uniti

Dettagli

ASSI[B] UNDERwRITING MANAGING GENERAL AGENCY ITALIANA DI AIG EUROPE LIMITED

ASSI[B] UNDERwRITING MANAGING GENERAL AGENCY ITALIANA DI AIG EUROPE LIMITED Il Player innovativo e specializzato Underwriting Esplora per trovare sempre la via migliore ASSI[B] UNDERwRITING MANAGING GENERAL AGENCY ITALIANA DI AIG EUROPE LIMITED Assi[B] Underwriting nasce dalla

Dettagli

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO Roma, 28 giugno 2013 Luigi Tommasini Senior Partner Funds-of-Funds CONTENUTO Il Fondo Italiano di Investimento: fatti e

Dettagli

SIMULWARE. Datawarehouse e sistemi di BI Dati in qualità, decisioni rapide ed efficaci

SIMULWARE. Datawarehouse e sistemi di BI Dati in qualità, decisioni rapide ed efficaci SIMULWARE Datawarehouse e sistemi di BI Dati in qualità, decisioni rapide ed efficaci Introduzione Il mercato di riferimento per la Business Intelligence è estremamente eterogeneo: dalla piccola azienda

Dettagli

Indice. Parte 1 Assicurazioni 1. Capitolo 1 I rischi e il risk management 3. Capitolo 2 Richiami di matematica delle assicurazioni 19

Indice. Parte 1 Assicurazioni 1. Capitolo 1 I rischi e il risk management 3. Capitolo 2 Richiami di matematica delle assicurazioni 19 Indice Profilo degli Autori e dei collaboratori Prefazione Ringraziamenti dell editore In questo volume XI XIII XVII XIX Parte 1 Assicurazioni 1 Capitolo 1 I rischi e il risk management 3 1.1 Il rischio:

Dettagli

Osservatorio Solvency II

Osservatorio Solvency II Divisione Ricerche Claudio Dematté Osservatorio Solvency II Operational Transformation Risk & capital management Prof.ssa Simona Cosma 02.02.201 Agenda Il Framework di riferimento Obiettivi dell indagine

Dettagli

I RISCHI TRA INNOVAZIONE E TRADIZIONE. Prof. Claudio Cacciamani Università degli Studi di Parma Claudio.cacciamani@unipr.it

I RISCHI TRA INNOVAZIONE E TRADIZIONE. Prof. Claudio Cacciamani Università degli Studi di Parma Claudio.cacciamani@unipr.it I RISCHI TRA INNOVAZIONE E TRADIZIONE Prof. Claudio Cacciamani Università degli Studi di Parma Claudio.cacciamani@unipr.it 2 Incendio Catastrofe naturale Inquinamento RC Quali rischi nella realtà? puri

Dettagli

Piano di Impresa 2006 2009. Marzo 2006

Piano di Impresa 2006 2009. Marzo 2006 Piano di Impresa 2006 2009 Marzo 2006 Ferservizi: Portafoglio servizi e volumi gestiti Consuntivo 2005 Acquisti di Gruppo Volume transato Ristorazione 214 M 12,7 milioni di pasti Servizi Amministrativi

Dettagli

Raccolta in crescita, utile in picchiata

Raccolta in crescita, utile in picchiata Raccolta in crescita, utile in picchiata a cura di Fabio Bertozzi, Senior Consultant SCS Consulting Alfredo De Massis, Manager SCS Consulting e Professore Aggregato Università degli Studi di Bergamo Agevolate

Dettagli

Associazione Italiana Corporate & Investment Banking. Presentazione Ricerca. Il risk management nelle imprese italiane

Associazione Italiana Corporate & Investment Banking. Presentazione Ricerca. Il risk management nelle imprese italiane Associazione Italiana Corporate & Investment Banking 02.36531506 www.aicib.it aicib@unicatt.it Presentazione Ricerca Il risk management nelle imprese italiane AICIB Associazione Italiana Corporate & Investment

Dettagli

Presentazione Ktesios S.p.a.

Presentazione Ktesios S.p.a. Presentazione Ktesios S.p.a. Università di Roma Tor Vergata Workshop di presentazione dell attività dei Laboratori di ricerca Roma 31 gennaio 2008 Ing. Massimo Minnucci Amministratore Delegato Ktesios

Dettagli

Zurich Connect. Presentazione Partnership. Compagnia diretta di assicurazione. Maggio 2009

Zurich Connect. Presentazione Partnership. Compagnia diretta di assicurazione. Maggio 2009 Zurich Connect Compagnia diretta di assicurazione Presentazione Partnership Maggio 2009 Contenuti della presentazione Presentazione del Gruppo Zurich Financial Services e di Zurich Connect in Italia Illustrazione

Dettagli

INDAGINE SUI COSTI DELLE POLIZZE ABBINATE A FINANZIAMENTI (PPI PAYMENT PROTECTION INSURANCE) PRIMI RISULTATI

INDAGINE SUI COSTI DELLE POLIZZE ABBINATE A FINANZIAMENTI (PPI PAYMENT PROTECTION INSURANCE) PRIMI RISULTATI INDAGINE SUI COSTI DELLE POLIZZE ABBINATE A FINANZIAMENTI (PPI PAYMENT PROTECTION INSURANCE) PRIMI RISULTATI MAGGIO 2016 1 Indice 1. Introduzione e sintesi 2. La dimensione del mercato PPI 2.1. Numero

Dettagli

Management per Agenti Assicurativi

Management per Agenti Assicurativi Management per Agenti Assicurativi CINEAS PER UNA CULTURA DEL RISCHIO IRSA Istituto per la Ricerca e lo Sviluppo delle Assicurazioni Obiettivi Le agenzie di assicurazione devono affrontare oggi un livello

Dettagli

Nuove iniziative di tutela della clientela bancaria

Nuove iniziative di tutela della clientela bancaria Giovanni Carosio 13 dicembre 2007 Nuove iniziative di tutela della clientela bancaria 1. L educazione finanziaria 2. La soluzione delle controversie 1 L educazione finanziaria 1. Un bisogno crescente 2.

Dettagli

MODULO 1: CENNI SULL EVOLUZIONE DEL SETTORE ASSICURATIVO. Prima parte: Evoluzione storica e normativa delle assicurazioni

MODULO 1: CENNI SULL EVOLUZIONE DEL SETTORE ASSICURATIVO. Prima parte: Evoluzione storica e normativa delle assicurazioni MODULO 1: CENNI SULL EVOLUZIONE DEL SETTORE ASSICURATIVO Prima parte: Evoluzione storica e normativa delle assicurazioni Fonti del diritto delle Assicurazioni Il contratto e l impresa nelle fonti di produzione

Dettagli

Il ruolo del Compliance Manager. La domanda di assicurazione delle piccole e medie imprese in Italia

Il ruolo del Compliance Manager. La domanda di assicurazione delle piccole e medie imprese in Italia Il ruolo del Compliance Manager La domanda di assicurazione delle piccole e medie imprese in Italia 1 Indice I protagonisti Gli obiettivi Il campione considerato I contenuti dell indagine Alcune riflessioni

Dettagli

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE OFFERTA FORMATIVA Titolo: MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Padova, Roma e Bologna. Destinatari: Il Master si rivolge a laureati, preferibilmente in discipline economiche,

Dettagli

Audit. Tax. Consulting. Corporate Finance. Servizi di Accounting Advisory Soluzioni operative ed efficaci, su misura per i vostri bisogni

Audit. Tax. Consulting. Corporate Finance. Servizi di Accounting Advisory Soluzioni operative ed efficaci, su misura per i vostri bisogni Audit. Tax. Consulting. Corporate Finance. Servizi di Accounting Advisory Soluzioni operative ed efficaci, su misura per i vostri bisogni Supporto all area amministrazione, finanze e controllo Dovete risolvere

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE FONDO PENSIONE APERTO CARIGE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE I dati e le informazioni riportati sono aggiornati al 31 dicembre 2006. 1 di 8 La SGR è dotata di una funzione di Risk Management

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

REDDITIVITÀ NELLE ASSICURAZIONI Prof.ssa Rossella Locatelli Università degli Studi dell'insubria. Genova, 25 febbraio 2011

REDDITIVITÀ NELLE ASSICURAZIONI Prof.ssa Rossella Locatelli Università degli Studi dell'insubria. Genova, 25 febbraio 2011 1 REDDITIVITÀ NELLE ASSICURAZIONI Prof.ssa Rossella Locatelli Università degli Studi dell'insubria Genova, 25 febbraio 2011 AGENDA DELL INTERVENTO ALCUNE PREMESSE LE QUESTIONI SALIENTI REDDITIVITÀ DELLE

Dettagli

Soluzioni innovative per il credito al consumo. ABI Credito alle Famiglie 2008

Soluzioni innovative per il credito al consumo. ABI Credito alle Famiglie 2008 Soluzioni innovative per il credito al consumo ABI Credito alle Famiglie 2008 Palazzo Altieri - Roma, 9-10 giugno 2008 Il Gruppo Assurant Ratings (AIZ) Standard & Poor s A (Strong) A.M. Best Co. A (Excellent)

Dettagli

Nuove Misure per il Credito alle PMI

Nuove Misure per il Credito alle PMI Seminario 10 maggio 2012 Nuove Misure per il Credito alle PMI In collaborazione con: Confapi Padova Viale dell Industria, 23 Padova Tel. 049 80 72 273 Powered by info@confapi.padova.it www.confapi.padova.it

Dettagli

IL MODELLO DI LAVORO UNICABROKER INSURANCE SOLUTION

IL MODELLO DI LAVORO UNICABROKER INSURANCE SOLUTION IL MODELLO DI LAVORO Consulente e Indipendente Ci sono ottimi motivi per parlare delle vostre polizze con un Insurance Advisor Unicabroker Un Insurance Advisor Unicabroker permette di scegliere A differenza

Dettagli

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato,

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato, DALLE TARIFFE ALLA CRESCITA UN ASSICURATORE GLOBALE CHE COPRE I BISOGNI DEL CLIENTE ANCHE IN AMBITI COME LA SALUTE, L ABITAZIONE, LA SICUREZZA PATRIMONIALE. TRA RIGORE TECNICO, RICHIESTA DI FLESSIBILITÀ

Dettagli

CLAUDIO CACCIAMANI. Professore di Economia degli Intermediari finanziari UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA. Mediatori creditizi e mondo assicurativo

CLAUDIO CACCIAMANI. Professore di Economia degli Intermediari finanziari UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA. Mediatori creditizi e mondo assicurativo CLAUDIO CACCIAMANI Professore di Economia degli Intermediari finanziari UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Mediatori creditizi e mondo assicurativo Mediatori creditizi e mondo assicurativo Roma, 23 Settembre

Dettagli

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 Agenda Il contesto di mercato La centralità del Pricing Come sfruttare le potenzialità

Dettagli

Il contesto di riferimento. Le nuove sfide per la qualità. Le esigenze degli operatori. IAssicur 2008 Large Data Base

Il contesto di riferimento. Le nuove sfide per la qualità. Le esigenze degli operatori. IAssicur 2008 Large Data Base Diagramma Il contesto di riferimento Le nuove sfide per la qualità Le esigenze degli operatori IAssicur 2008 Large Data Base Conclusioni Società indipendente nata nel 1986 Leader nella fornitura di soluzioni

Dettagli

Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento

Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento Innovazione per la Pubblica Amministrazione Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento Fabio Monteduro CISPA-Università di Roma Tor Vergata fabio.monteduro@uniroma2.it

Dettagli

Le strategie delle banche retail nel mercato del credito al consumo. STEFANO COSMA Università di Modena e Reggio Emilia - CEFIN

Le strategie delle banche retail nel mercato del credito al consumo. STEFANO COSMA Università di Modena e Reggio Emilia - CEFIN Le strategie delle banche retail nel mercato del credito al consumo STEFANO COSMA Università di Modena e Reggio Emilia - CEFIN Agenda 1. Introduzione 2. Il credito al consumo: alcune riflessioni sull evoluzione

Dettagli

UNA NUOVA VIA INTERNAZIONALE Partnership industriale con Mapfre nel business auto agenziale. Verona, 18 dicembre 2006

UNA NUOVA VIA INTERNAZIONALE Partnership industriale con Mapfre nel business auto agenziale. Verona, 18 dicembre 2006 1 UNA NUOVA VIA INTERNAZIONALE Partnership industriale con Mapfre nel business auto agenziale Verona, 18 dicembre 2006 2 Agenda Il contesto strategico La joint-venture specializzata nel business auto Il

Dettagli

La serenità si ottiene con una vera consapevolezza delle proprie scelte.

La serenità si ottiene con una vera consapevolezza delle proprie scelte. La serenità si ottiene con una vera consapevolezza delle proprie scelte. Dott. Roberto D Addario Dott.ssa Ida Pagnottella Per arrivare alla meta, serve una mappa Se la vostra vita finanziaria sembra essere

Dettagli

Solvency II Operational Trasformation. Evidenze sull area Commerciale e Comunicazione 19 Gennaio 2012 1

Solvency II Operational Trasformation. Evidenze sull area Commerciale e Comunicazione 19 Gennaio 2012 1 Solvency II Operational Trasformation Evidenze sull area 19 Gennaio 2012 1 Agenda Modello di analisi adottato Modello dei processi standard area Impatti Solvency II sull area Modello di riferimento a tendere

Dettagli

Retail Store Audit. Milano, 21 novembre 2012

Retail Store Audit. Milano, 21 novembre 2012 . Milano, 21 novembre 2012 Agenda Presentazione risultati Survey Modalità operative e leading practices Tavola Rotonda Presentazione risultati Survey. - 2 - La Survey Obiettivo: La ricerca condotta da

Dettagli

L assicurazione auto come elemento strategico nello sviluppo della bancassicurazione danni

L assicurazione auto come elemento strategico nello sviluppo della bancassicurazione danni L assicurazione auto come elemento strategico nello sviluppo della bancassicurazione danni Forum Bancassicurazione 2015 Roma, 8 ottobre 2015 BNL ha iniziato a vendere prodotti «non vita» nel 2007; nel

Dettagli

RISK MANAGEMENT SURVEY Risultati della Survey condotta da ANDAF - Elaborazione a cura di Aon S.p.A.

RISK MANAGEMENT SURVEY Risultati della Survey condotta da ANDAF - Elaborazione a cura di Aon S.p.A. XXXVII Congresso Nazionale ANDAF, Napoli, 25-26 Ottobre 2013 RISK MANAGEMENT SURVEY Risultati della Survey condotta da ANDAF - Elaborazione a cura di Aon S.p.A. Aon Aon è il broker # 1 al mondo Dati e

Dettagli

Prodotti assicurativi innovativi a supporto del risk management Roma, 24 Novembre 2010

Prodotti assicurativi innovativi a supporto del risk management Roma, 24 Novembre 2010 Prodotti assicurativi innovativi a supporto del risk management Roma, 24 Novembre 2010 2010 Genworth Financial, Inc. All rights reserved. 0 Genworth Financial Gruppo Assicurativo indipendente e globale

Dettagli

Symantec / ZeroUno Executive lunch IT Security & Risk Management. Riccardo Zanchi - Partner NetConsulting

Symantec / ZeroUno Executive lunch IT Security & Risk Management. Riccardo Zanchi - Partner NetConsulting Symantec / ZeroUno Executive lunch IT Security & Risk Management Riccardo Zanchi - Partner NetConsulting 25 settembre 2008 Agenda Il contesto del mercato della security I principali risultati della survey

Dettagli

Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca

Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca Clément PERRIN / Daniela TAVERNA - Senior Project Manager Milano, 20 Aprile 2012 Con l acquisizione da parte di BNPP 6 anni

Dettagli

P o r me m t e ei e a/ci s a Link Ist s ituti t ona n l a Ad A vi v so s ry

P o r me m t e ei e a/ci s a Link Ist s ituti t ona n l a Ad A vi v so s ry Prometeia/CI spa: La confrontabilità dei bilanci è necessaria quanto l adozione di criteri contabili in grado di esprimere equilibrio tra resilienza nei momenti di crisi e trasparenza. Se non c è autoregolamentazione

Dettagli

GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa di ABIFormazione

GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa di ABIFormazione PERCORSO FORMATIVO Modulo 1 12-14 maggio 2014 Modulo 2 3-5 giugno 2014 PERCORSO DI APPROFONDIMENTO 12-13 giugno 2014 23-24 giugno 2014 GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa

Dettagli

ASSICURAZIONI E FONDI

ASSICURAZIONI E FONDI ASSICURAZIONI E FONDI PENSIONE A.A. 2015/2016 Prof. Alberto Dreassi adreassi@units.it DEAMS Università di Trieste ARGOMENTI Funzionamento dell assicurazione Tipologie di assicuratori e prodotti assicurativi

Dettagli

Innovazione e asset allocation comportamentale: la segmentazione del cliente private

Innovazione e asset allocation comportamentale: la segmentazione del cliente private Innovazione e asset allocation comportamentale: la segmentazione del cliente private L incrocio tra clusterizzazione e approccio di finanza comportamentale Il delegatore impegnato Informato di finanza

Dettagli

PRODOTTI ON-LINE POLIZZE AUTO: R.C.A.: Responsabilità civile auto A.R.D.: Incendio, furto e garanzie accessorie POLIZZE CAUZIONI/ CREDITO:

PRODOTTI ON-LINE POLIZZE AUTO: R.C.A.: Responsabilità civile auto A.R.D.: Incendio, furto e garanzie accessorie POLIZZE CAUZIONI/ CREDITO: CHI SIAMO La nostra società, operativa da oltre un decennio, svolge l'attività di consulenza ed intermediazione assicurativa riservando alla clientela particolare attenzione. La nostra struttura, composta

Dettagli

Tecnica bancaria programma II modulo

Tecnica bancaria programma II modulo Tecnica bancaria programma II modulo Università degli Studi di Trieste Facoltà di Economia e Commercio Deams Dipartimento di Economia Aziendale Matematica e Statistica Tecnica Bancaria 520EC Marco Galdiolo

Dettagli

Le nuove professioni nella Banca che cambia: Agenda dell intervento

Le nuove professioni nella Banca che cambia: Agenda dell intervento Le nuove professioni nella Banca che cambia: Agenda dell intervento L evoluzione del contesto e le forze trainanti Le nuove professioni nel settore bancario Le sfide per il settore A caccia di talenti

Dettagli

I dati significativi del mercato assicurativo italiano

I dati significativi del mercato assicurativo italiano I dati significativi del mercato assicurativo italiano Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 Sergio Desantis Attuariato, Statistiche e Analisi Banche Dati Milano, 9 luglio

Dettagli

MUTUOSULWEB: LA NUOVA LINEA DI BUSINESS DEL GRUPPO CONAFI Presentazione Milano, 28 giugno 2011

MUTUOSULWEB: LA NUOVA LINEA DI BUSINESS DEL GRUPPO CONAFI Presentazione Milano, 28 giugno 2011 MUTUOSULWEB: LA NUOVA LINEA DI BUSINESS DEL GRUPPO CONAFI Presentazione Milano, 28 giugno 2011 1 DISCLAIMER Il presente documento è stato preparato da Conafi Spa ( Conafi e, unitamente alle sue controllate,

Dettagli

LE SFIDE PER IL 2015

LE SFIDE PER IL 2015 MERCATO & COMPAGNIE LE SFIDE PER IL 2015 di LAURA SERVIDIO L ATTESA CRESCITA, PER IL PROSSIMO ANNO, SARÀ LENTA. MA PER IL SETTORE ASSICURATIVO NON MANCANO LE OPPORTUNITÀ. TRA QUESTE, L EVOLUZIONE DEL MODELLO

Dettagli

www.formazioneintermediari.com - info@formazioneintermediari.com Tel: 800.69.99.92 Indice Corso 30 ore

www.formazioneintermediari.com - info@formazioneintermediari.com Tel: 800.69.99.92 Indice Corso 30 ore Indice Corso 30 ore Modulo 1 - La disciplina delle imprese di assicurazione Le fonti normative del diritto delle assicurazioni Principi e struttura del Codice delle Assicurazioni Le condizioni di accesso

Dettagli

I dati significativi del mercato assicurativo italiano

I dati significativi del mercato assicurativo italiano I dati significativi del mercato assicurativo italiano Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE ITALIANA 2014-2015 Sergio Desantis Attuariato, Statistiche e Analisi Banche Dati Milano, 9 luglio

Dettagli

Unipol Assicurazioni:

Unipol Assicurazioni: per ogni impresa. Unipol Assicurazioni: un partner Fa 360. Scegliere la consulenza di un professionista UGF significa, non solo tutelare la propria attività per avere la serenità di dedicarsi solo al business,

Dettagli

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Prof. Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia fabio.musso@uniurb.it pagina 1 Fasi del processo di sviluppo della strategia di internazionalizzazione

Dettagli

Ringraziamenti Introduzione

Ringraziamenti Introduzione Indice Ringraziamenti Introduzione XIII XV Parteprima 1 IntroduzionealleNormeComunitarieinmateriad Impresa eintermediazioneassicurativa di Giuseppe Giudici 3 1.1 Introduzione alle Norme Comunitarie 3 1.2

Dettagli

Schede di approfondimento sulle nuove Società del Gruppo

Schede di approfondimento sulle nuove Società del Gruppo Schede di approfondimento sulle nuove Società del Gruppo Il profilo Fondiaria-Sai è una compagnia assicurativa specializzata nel settore Danni, con una posizione di rilievo nei rami Auto. È frutto della

Dettagli

Il risparmio degli italiani e l evoluzione dell offerta dei prodotti vita

Il risparmio degli italiani e l evoluzione dell offerta dei prodotti vita Il risparmio degli italiani e l evoluzione dell offerta dei prodotti vita Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE ITALIANA 2011-2012 Roberto Manzato Vita e Danni non Auto Milano, 16 luglio 2012

Dettagli

Il Management Consulting in Italia

Il Management Consulting in Italia Il Management Consulting in Italia Sesto Rapporto 2014/2015 Università di Roma Tor Vergata Giovanni Benedetto Corrado Cerruti Simone Borra Andrea Appolloni Stati Generali del Management Consulting Roma,

Dettagli

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT http://www.sinedi.com ARTICOLO 8 GENNAIO 2007 I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT In uno scenario caratterizzato da una crescente competitività internazionale si avverte sempre di più la necessità di una

Dettagli

Sistemi Informativi e Creazione di valore

Sistemi Informativi e Creazione di valore Sistemi Informativi e Creazione di valore ZXCZXCZX 21 ottobre 2009 Evento OPTA Contesto: Evoluzione delle problematiche From Giorni Locale/semplice Statici/semplici 3 5 anni Definiti Bassa/Manuale Produttività

Dettagli

La strategia finanziaria

La strategia finanziaria La strategia finanziaria Strategie di posizionamento (rivolte all esterno) AZIENDA strategia sociale CONTESTO SOCIALE posizionamento sociale Analisi degli input strategici esterni MERCATI FINANZIARI finanziatori

Dettagli

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana Fondo Minibond Fondo Zenit Minibond Fondo obbligazionario per investire nello sviluppo delle PMI italiane La finanza italiana al servizio dell economia italiana -Zenit SGR, i nostri valori INDIPENDENTI

Dettagli

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Milano, 10 07 2013 1. Che cosa è il Risk Appetite? 2. Il processo di Risk Appetite

Dettagli