-The Figure 5- Ginnasio-Liceo Classico "C. Cavour" Anno scolastico Classe IV D Ricerca di Matematica di MASSASSO Giovanni e AMOROSO Simona

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "-The Figure 5- Ginnasio-Liceo Classico "C. Cavour" Anno scolastico 2000-2001 Classe IV D Ricerca di Matematica di MASSASSO Giovanni e AMOROSO Simona"

Transcript

1 -The Figure 5- Ginnasio-Liceo Classico "C. Cavour" Anno scolastico Classe IV D Ricerca di Matematica di MASSASSO Giovanni e AMOROSO Simona Indice: IL NUMERO 5 IL 5 IN MATEMATICA IL 5 IN NATURA IL 5 NELLA SCIENZA IL 5 IN INFORMATICA IL 5 IN FILOSOFIA

2 IL 5 IN GEOGRAFIA IL 5 IN RELIGIONE IL 5 IN ARCHITETTURA E SCULTURA IL 5 IN PITTURA IL 5 IN LETTERATURA IL 5 IN MUSICA IL 5 IN STORIA IL 5 IN GRAMMATICA IL 5 NELLA COMUNICAZIONE IL 5 NELLO SPORT E NEI GIOCHI IL 5 IN POLITICA IL 5 NELLO SPETTACOLO 5 CURIOSITÀ BIBLIOGRAFIA E SITI INTERNET REFERENZE FIGURE E FOTOGRAFIE Il numero 5 Uno dei numeri più importanti e particolari è il 5, che ha avuto la sua parte in quasi tutte le arti e le scienze dell'uomo. Anche in natura è presente: basti pensare alle dita della mano o ad una stella marina. Il 5 è stato interpretato da Leonardo da Vinci con il pentagramma, j, perfetta fusione fra microcosmo e macrocosmo, concreto e trascendentale. La stella a 5 punte, formata dall'incrocio delle diagonali del pentagono, fu definita in certe società mistiche la "stella fiammeggiante"che è il simbolo del rapporto armonioso consentito dalla sezione aurea. La cosiddetta sezione aurea di un segmento è definita dalla proporzione L : a = a : b (= 1,618) in cui il segmento intero (L) sta alla sezione aurea (a), come la stessa (a) sta alla parte rimanente (b). Questa proporzione è presente nella stella a 5 punte. Il rettangolo, avente i lati che rispettano la proporzione aurea, è detto rettangolo aureo ed esso si può originare tantissime volte nel cosiddetto Pentalfa. La lettera"g"che viene spesso posta al centro, si riferisce al Grande Geometra, cioè al Grande Architetto dell'universo, colui che regola tutto nel cosmo secondo la misura, il peso e il tempo. Questo simbolo era già

3 familiare agli antichi Indù, ed è tuttora patrimonio di questa religione. Già ai tempi di Pitagora (VI-V secolo) la stella a 5 punte godeva di una certa misteriosa considerazione. I Pitagorici la consideravano sacra perché, con la sua punta che svetta verso l'alto, indica come ogni opposizione o divisione (le due punte volte al basso) debba, nel tempo, essere condotta ad una superiore unità; un simbolo pertanto in grado di esprimere la piena armonia fisica e spirituale. Il Pentalfa era il segno di riconoscimento dei Pitagorici. La Stella a 5 punte, quale segno di potenza, rappresenta la luce. E' infatti la Stella che indica ed illumina il cammino dei Re Magi; ed è per questo motivo che noi la utilizziamo nel presepio, in cima all'albero di Natale e per adornare le strade nel periodo natalizio. Nel Medioevo, in Germania, questa particolarissima stella era detta Drudenfuss (piede di strega) e le si attribuivano misteriosi poteri diabolici. Soprattutto in ambito massonico il pentagono regolare e la stella a 5 punte sono frequentemente utilizzate. Ne è un esempio il simbolo classico della massoneria, ottenuto combinando insieme il compasso, la squadra e la "G" cui si è accennato. Il 5 in matematica Nell'antichità il numero 5 era raffigurato come una mano stilizzata dai Babilonesi e dai Romani -V-. Presso i Greci, con il sistema attico ( a.c.), era rappresentato con l'iniziale modificata della parola p??ta (cinque) -G-; dal 95 a.c. in poi si diffuse il sistema ionico, dove il 5 era raffigurato con la 5 lettera dell'alfabeto greco minuscolo - e-. Gli Egizi, invece, tracciavano 5 aste verticali - -, mentre i Maya, in America, disegnavano una linea orizzontale - -. Le proprietà aritmetiche del 5 non sono molte, ma alcune sono curiose: È un numero primo, ha infatti come divisori solo 1 e 5 (se stesso) È il 5 numero della serie di Fibonacci: 1, 1, 2, 3, 5, 8, Tutte le sue potenze (con esponente diverso da zero) finiscono con 5: 5¹=5, 5²=25, 5³=125 Il fattoriale di 5 è : 5!=120 In geometria ci sono ben 5 solidi regolari, detti solidi platonici: 1. il tetraedro 2. il cubo 3. l'ottaedro 4. il dodecaedro 5. l'icosaedro in particolare, il dodecaedro ha le facce pentagonali. Il pentagono è la figura piana regolare con 5 lati.

4 Se all'interno di un rettangolo aureo si disegna un quadrato con lato uguale al lato minore del rettangolo, il rettangolo differenza sarà anch'esso un rettangolo aureo. Ripetendo l'operazione per almeno cinque volte si ottiene un effetto visivo adeguato e si può tracciare, con il compasso, una linea curva detta SPIRALE AUREA. Il 5 in natura Il numero 5 gode di particolare importanza in natura, lo ritroviamo infatti in molti esseri viventi. 5 sono le dita delle mani e dei piedi dell'uomo, sempre 5 sono i sensi dei mammiferi: 1. udito 2. olfatto 3. vista 4. tatto 5. gusto Molte specie di stelle marine hanno 5 arti. Questi hanno la proprietà di rigenerarsi nel caso in cui siano danneggiati, ad esempio, da un attacco di un predatore, dove l'arto viene lasciato a quest'ultimo. Nei vegetali, il 5 è riscontrabile in molti elementi: le parti del fiore delle dicotiledoni -come petali, sepali e stami- sono spesso in numero 5 o suoi multipli: le viole hanno un particolare fiore a 5 petali (due posteriori, due laterali e uno anteriore) che varia dal blu-viola al giallo; il basilico ha dei piccoli fiori bianchi con 5 petali e 5 stami. Ci sono poi altri fiori a 5 petali: la rosa canina, la petunia, il gelsomino, il fiore d'arancio, il fiore del melo. La mela, se sezionata trasversalmente, presenta 5 logge ovariche, contenenti ciascuna due semi ovoidi. Anche le foglie di alcune piante hanno forma pentagonale, come la foglia della vite, del platano o dell'acero, tutte con 5 lobi di forma appuntita.

5 Foglia di vite Viola del pensiero Foglia di platano Rosa canina Sezione di mela Gli esseri viventi sono stati divisi in 5 regni: 1. animali 2. vegetali 3. funghi 4. monere 5. protisti. Nel regno animale, per i vertebrati, si riscontrano 5 classi: 1. mammiferi 2. uccelli 3. rettili 4. anfibi 5. pesci (divisi in ossei e cartilaginei) La spirale aurea, già citata a proposito della sezione aurea, è riprodotta in natura in molte specie di conchiglie, come la conchiglia del telescoptum(a sinistra) e quella del nautilus (a destra). Le droghe di origine naturale, tutte prodotte dal mondo vegetale, sono 5: i derivati della cannabis, la morfina dall'oppio, l'alcool dalla vite, la nicotina dal tabacco, la cocaina dalle foglie di coca. Pianta di cannabis

6 Il 5 nella scienza Dall'antichità, fino poi al XVIII secolo, 5 erano i pianeti conosciuti (Mercurio, Venere, Marte, Giove, Saturno), poiché gli unici che si vedono ad occhio nudo, e che secondo la concezione geocentrica dell'universo, proposta per la prima volta da Aristotele, giravano attorno alla Terra con la Luna, il Sole e la volta celeste. Per pianeti, si intendevano nell'antichità, le cosiddette "stelle erranti", che, come per gli altri astri, erano incastrate in enormi sfere di cristallo. Tutti i popoli antichi identificarono questi pianeti con delle divinità del proprio pantheon. Oggi noi usiamo ancora i nomi degli dei romani, derivati da quelli greci, per indicare questi corpi celesti e analogamente i tre pianeti, ma anche molti asteroidi, scoperti successivamente, hanno mantenuto nomi della mitologia classica. La costellazione di Cassiopea è una delle più note ed è inconfondibile per la sua luminosità e per l'asterisma a "W" che compongono le sue 5 stelle. Pur essendo attraversata dalla Via Lattea non è molto ricca di oggetti, gli ammassi aperti, come M52, M103, NGC 663, sono molto piccoli e quindi poco spettacolari. Cassiopea era, nella mitologia classica, la moglie di Cefeo re d'etiopia, e madre di Andromeda. Insuperbita per la meravigliosa bellezza della figlia, Cassiopea la vantò superiore in venustà e in grazia alle Nereidi, le quali ottennero da Poseidone che Andromeda fosse legata ad uno scoglio, ed esposta alla voracità d'un mostro marino. Da quest'ultimo la liberarò Perseo, che la sposò, ed ottenne da Giove che Cassiopea fosse collocata in una costellazione della Via Lattea. L'immagine che si ottiene dalla costellazione è di una figura seduta su un trono, vista di profilo. Ma il 5 è presente nella scienza anche visitando altre culture. Vediamo quindi le 5 fasi della medicina cinese. Tutte le medicine hanno delle basi filosofiche e dei modelli atti a spiegare i processi che coinvolgono salute e malattie. La medicina cinese, nel corso della migliaia di anni, ha sviluppato un certo numero di questi modelli per spiegare cause ed effetti del processo patologico. Uno degli esempi più recenti, il fondamento del salto filosofico essenziale della medicina, è la Teoria dei 5 Elementi o Fasi, che spiega l'equilibrio di corpo, mente e spirito e le loro relazioni tra ambiente interno ed esterno. Questo modello di salute e armonico equilibrio è il punto di partenza che ha permesso la comprensione dei meccanismi patologici ed il loro trattamento. Gli antichi cinesi credevano fermamente nell'equilibrio o armonia.

7 Armonizzare se stessi con l'ambiente, la natura, era ed è di estrema importanza. L'equilibrio permette al binomio corpo-mente di vivere serenamente con quanto lo circonda e di ridurre lo stress. I 5 Elementi sono LEGNO, FUOCO, TERRA, METALLO e ACQUA e descrivono un ordine ed un equilibrio che consentono ad una persona di comprendere come seguire il Dao o pervenire ad una perfetta salute. L'uomo, che secondo la filosofia orientale è il prodotto del Cielo e della Terra, si serve dei 5 Elementi nella sua vita. Inoltre questi elementi sono legati tra loro da diversi criteri. Infatti, ad esempio, ognuno di essi genera un altro (come mostra l'immagine a sinistra con frecce circolari colorate) attraverso vari mutamenti -il legno brucia e genera il fuoco, la cenere forma la terra, da cui si ricava il metallo, che fondendosi genera l'acqua, cibo per le piante e quindi il legno-. Inoltre ogni elemento domina su un altro, (frecce marroni)che quindi teme il primo -la terra limita le acque, le quali spengono il fuoco, che fonde il metallo; l'ascia di metallo taglia un albero (legno), le cui radici tengono la terra. La medicina cinese ha associato un organo umano ad ogni elemento, tenendo così conto dei legami degli elementi anche nel corpo umano. Il 5 in informatica Dopo l'invenzione del telaio di Neumann, la nascita e l'evoluzione rapida dei computer hanno caratterizzato tutto il XX secolo. Siamo già arrivati alla 5ª generazione di computer. Essa appartiene al futuro che è, sotto molti aspetti, già iniziato, con l'introduzione di macchine intelligenti in grado di comprendere il linguaggio grafico, visivo e parlato, di tradurre da una lingua all'altra, di risolvere i problemi più svariati congiuntamente allo sviluppo dell'intelligenza artificiale. Sono in fase di elaborazione diversi progetti nei settori della microelettronica e dell'intelligenza artificiale, come ad esempio, il progetto giapponese FGCS (Fifth Generation Computer System), i programmi americani finanziati dall'agenzia ARPA (Advanced Research Project Agency) e dalla NSF (National Science Foundation), il progetto europeo ESPRIT (European Strategic Programme for Research and development of Information Technology). I computers tradizionali hanno una memoria di elefante e sono velocissimi, ma non possiedono un'intelligenza paragonabile a quella dell'uomo. Le prime cose, che un essere intelligente deve risolvere per sopravvivere, sono la coordinazione del proprio corpo, la capacità di apprendere in fretta come reagire a nuove situazioni e la gestione di rapporti con gli esseri della propria e delle altre specie, tutti aspetti non facili da riprodurre in una macchina. Il robot CO6, che si trova nel laboratorio di intelligenza artificiale del Massachusetts Institute of Technology (MIT) è stato creato da Rodney Brooks e costruito nel Si tratta di un robot umanoide progettato per sviluppare intelligenza e comportamenti paragonabili a quelli di un bambino di due anni. CO6 impara a muoversi autonomamente grazie ad un corpo quasi simile a quello umano, che gli consente di esplorare ed interagire con l'ambiente che lo circonda, inoltre è dotato di testa girevole, mani prensili, una meccanica simile ai muscoli dell'uomo,

8 ma anche sensi elettronici (telecamere, microfoni, e sensori tattili). Inoltre, grazie ad accelerometri e giroscopi, CO6 riesce ad avere un elementare senso dell'equilibrio. Questo robot ha imparato a riconoscere le facce, capire se una persona lo guarda, accorgersi dei movimenti che avvengono attorno a sé, fare sì con la testa e seguire qualcuno con lo sguardo. Tali prestazioni, impossibili da programmare, sono rese possibili dall'inserimento nel cervello sintetico di CO6 di sistemi di apprendimento automatico, le reti neurali, le quali si basano su un modello matematico che simula in modo semplificato il funzionamento di una cellula cerebrale umana. Il robot Kismet è una testa di 3,6 chili, creata da Cynthia Breazeale, assistente di Rodney Brooks. Il robot manifesta le emozioni in essa provocate dall'ambiente circostante e dai suoi interlocutori, in quanto è munita di occhi (videocamere) che le consentono di riconoscere gesti ed espressioni, di microfoni (orecchie) che interpretano l'intonazione di voce e di sensori che rilevano l'intensità del battito cardiaco o il respiro degli interlocutori umani Nei laboratori ATR di Kyoto (Giappone), invece, il ricercatore Hugo De Garis sta cercando di costruire un cervello artificiale che un giorno sarà collegato alla testa di un gatto-robot, il Robokoneko. Tale cervello è formato da un'estesa rete di neuroni che sfrutta circuiti elettronici rivoluzionari perché le connessioni tra transitor possono essere cambiate in pochi nanosecondi. Ogni circuito può mutare fisicamente, plasmato dal programma, e trasformarsi in una serie di calcolatori specializzati. I circuiti sono chiamati FPGA ("Field Programmable Gate Array")". Il cervello artificiale che dovrebbe governare il Robokoneko è talmente complesso che nessun ingegnere sarebbe in grado di scrivere un programma capace di farlo funzionare. Così i ricercatori dell' ATR di Kyoto lasceranno che sia la macchina a decidere la propria architettura interna, imitando il processo della selezione naturale dei viventi. Il programma che descrive le connessioni di rete sarà, quindi, lasciato evolvere da solo fino a che emergerà la soluzione più efficace, la quale sarà oggetto di simulazione computerizzata, ed infine sarà costruito il Robokoneko vero e proprio. Anche in Europa, nei laboratori dell' EPFL in Svizzera e con il contributo del CNR di Roma, si lavora per sviluppare robots intelligenti. Piccoli robot di 6 cm, che posseggono un processore neurale, vengono lasciati evolvere senza alcun intervento esterno: in una notte essi imparano a spostarsi in un labirinto senza sbattere contro i muri, in una settimana riescono a trovare un caricabatterie, rifornirsi e spostare gli ostacoli con un microbraccio. I tentativi che si stanno facendo per realizzare l'intelligenza artificiale, prendendo come modello i neuroni del cervello, sono per molti aspetti simili a quelli fatti, nei secoli scorsi, per realizzare il volo artificiale ad imitazione degli uccelli. Alla fine dell'ottocento c'era chi pensava di brevettare una tuta da aviatore ricoperta di penne. Tale concetto di volo era così radicato che, ancora nel 1900, un articolo apparso su "English Mechanic" ribadiva : la vera macchina volante sarà a tutti gli effetti un uccello artificiale. Gli ideatori dei primi aeroplani non individuarono i princìpi dell'aerodinamica studiando l'anatomia degli uccelli. Gli stessi fratelli Wright non seppero mai veramente spiegare perché il loro Flyer

9 volasse. L'uomo non è riuscito a progettare una macchina capace di fermarsi su un ramo di un albero ma ha costruito aeromobili che possono superare la velocità del suono e volare a parecchie migliaia di metri di altezza. Allo stesso modo non sarà, forse, possibile realizzare un cervello artificiale identico a quello umano e tantomeno sarà utile duplicare l'unico essere intelligente esistente sulla terra. Se i nostri cervelli sono realmente dei calcolatori biologici, si tratta di calcolatori davvero eccezionali. Il 5 in filosofia Riguardo la concezione dell'universo presso gli antichi Greci, è già stato detto in parte precedentemente. Ma non sono stati nominati gli elementi che, secondo i filosofi greci, e per primo Empedocle, costituivano il mondo. Essi erano, in ordine di peso, TERRA, ACQUA, ARIA, FUOCO, e secondo Aristotele doveva esserci anche, non a caso, il 5 elemento: l'etere. Per capire com'è nata l'idea di quest'ultimo, dobbiamo innanzitutto distinguere tra il mondo celeste e il mondo sublunare. Mentre il primo rimaneva immutato nel tempo, poiché le costellazioni si presentavano sempre nello stesso modo, il mondo sublunare subiva dei cambiamenti; i pianeti, il Sole e la Luna, girando attorno alla Terra, cambiavano posizione, ma, come osservava il Aristotele, ciò non comportava alcuna forma di corruzione. Aristotele riprese l'idea di Platone del movimento circolare come immagine mobile dell'eternità e formulò la teoria del quinto elemento, che permetteva agli astri di girare. L'ETERE, appunto, doveva essere privo di peso, incomposto, ingenerato, eterno, inalterabile ed invisibile. Esisteva nelle sue forme più pure nelle regioni celesti, ma si decomponeva nelle regioni al di qua della Luna. Aristotele, inoltre, sosteneva l'esistenza di tre moti: il moto orizzontale della terra e dell'acqua, il moto verticale dell'aria e del fuoco e il moto circolare dell'etere. Egli asseriva ancora che tutto ciò che si muove deve essere messo in moto da qualcos'altro, e quindi, per sfuggire ad un regresso all'infinito, propose un primo motore. Il 5 in geografia

10 Nella descrizione del globo terrestre il 5 è presente praticamente quasi ovunque, tanto sulla crosta, tanto sull'atmosfera, tanto sulla struttura interna. ben 5 strati: La Terra è dotata di un'atmosfera(78%ossigeno, 21%azoto, 1%altro), che arriva ai 600 km dalla superficie e permette la presenza di vita sul pianeta, poiché oltre a procurare ossigeno protegge dalle radiazioni solari. Si divide in 1. la troposfera, dal greco τρεπο (io volgo), dove avvengono i fenomeni atmosferici 2. la stratosfera, sopra i 15 km, detta anche ozonosfera perché contiene l'ozono (O3), gas che distrugge i raggi ultravioletti del sole 3. la mesosfera, che si trova a metà 4. la termosfera, che va oltre i 560 km ed è caratterizzata dalla presenza di ioni 5. ultima è l'esosfera, che poi sfuma oltre i 600 km fino a scomparire nel vuoto cosmico Scendendo, giungiamo sulla crosta. Viene quindi spontaneo parlare di 5 continenti, sebbene esista anche il continente antartico e sebbene geograficamente Europa e Asia formino l'eurasia. Quindi bisogna parlare di "continenti popolati" e delle loro vicende storiche distinte, tornando così al numero 5: 1. Europa 2. Africa 3. America 4. Asia 5. Oceania Il collegamento ai 5 continenti è ripreso diverse volte in loghi di vario tipo: Il simbolo del Giubileo del 2000 con le 5 colombe I famosi 5 anelli delle Olimpiadi.

11 La Terra, formata da vari strati, è suddivisa in 5 parti: 1. la crosta o litosfera(da 50 a 5 km),solida, costituita di rocce e minerali -in greco????? (pietra)-, dove troviamo i continenti e gli oceani 2. il mantello superiore, ( km) fluido, diviso dalla crosta dalla discontinuità di Mohorovicic 3. il mantello inferiore, ( km) solido 4. il nucleo esterno, ( km) fluido, diviso dal mantello dalla discontinuità di Gutenberg 5. il nucleo interno, ( km) solido Ma non è finita qui, infatti parlando di zone climatiche, si ritrova il numero 5: 1. zona climatica fredda, compresa tra il polo nord e il circolo polare artico 2. zona climatica temperata, compresa tra il circolo polare artico e il tropico del Cancro 3. zona climatica calda compresa tra i due tropici e comprendente l'equatore 4. altra zona climatica temperata, compresa tra il tropico del Capricorno e il circolo polare antartico 5. altra zona climatica fredda, compresa tra il circolo polare antartico e il polo sud. Infine, il 5, oltre a dominare in geografia, domina anche in amore e le "5 Terre", nome dato a cinque paesini sulla riviera ligure (Monterosso, Vernazza, Corniglia, Manarola e Riomaggiore) sono la meta di poeti e romantici. Arrampicati sulle montagne che scendono a picco sul mare, le 5 Terre costituiscono un parco naturale. La vista sull'aspra costa rocciosa e sulle colline terrazzate coltivate a vigneto è incantevole. Monterosso con le sue antiche torri che dominano il paese e la sua splendida spiaggia è una nota meta per i turisti. Vernazza si affaccia su una delle insenature più spettacolari della costa. Da

12 Riomaggiore parte la splendida "Via dell'amore" che, scavata nella parete rocciosa, arriva fino a Manarola, antico borgo marinaro. Così vengono sinteticamente descritte le Cinque Terre dall'unesco, che nel 1997 ne ha riconosciuto universalmente il valore, insieme a Portovenere e alla isole, fregiandole del titolo di Patrimonio Mondiale dell'umanità, il prestigioso riconoscimento attribuito a solo 582 siti in tutto il mondo. "La regione costiera ligure nella zona delle 5 Terre costituisce un patrimonio di alto valore paesaggistico e culturale. La disposizione e la conformazione dei piccoli paesi e dei terrazzamenti sulle colline che li circondano, costruiti sormontando le difficoltà di ripidi e scoscesi terreni, racchiude chiaramente in se la storia e la cultura degli insediamenti di questa regione nel corso di un millennio". Il 5 in religione Le 5 grandi religioni nel mondo sono: 1. Ebraismo 2. Cristianesimo 3. Islamismo 4. Buddhismo 5. Induismo La grande varietà di credenze nel mondo è da intendersi come il culto dello stesso Dio. È nel nome dell'unico Dio che oggi verifichiamo quanto di comune abbiamo e quanto ancora un giorno potremo avere. Sri Ramakrishna, diceva: "Un lago ha diverse rive. Ad una gli indù con vasi attingono acqua e la chiamano jal, ad un'altra i mussulmani l'attingono con otri e la chiamano pani, ad una terza i cristiani la chiamano acqua. La sostanza è una con nomi differenti e perciò ognuno va ricercando la stessa sostanza, solo il clima, l'indole ed il colore creano differenze Lasciate che ogni uomo segua la sua via". Nella Bibbia 5 è il numero dei libri della prima parte, che è in comune ad Ebrei e Cristiani ed è chiamato Torah (leggi) dai primi e Pentateuco(Greco, penta, "cinque"; teuch, "rotolo, libro"). I 5 libri sono:

13 1. la Genesi, che narra dalla Creazione fino a Mosè 2. l'esodo, che parla appunto della fuga dall'egitto 3. i Numeri 4. il Levitico che raccolgono tutte le norme dell'alleanza 5. il Deuteronomio Il termine Pentateuco fu utilizzato dal teologo cristiano Origene per indicare ciò che gli ebrei del suo tempo chiamavano i "Cinque quinti della Torah" (insegnamento): la Torah è il più venerato dei testi sacri ebraici. L'espressione "I cinque libri di Mosè" per indicare il Pentateuco fu usata la prima volta nella Chiesa occidentale da san Gerolamo e dal teologo cristiano Tirannio Rufino. La paternità mosaica dell'opera non viene esplicitamente dichiarata nei libri, ma fu tacitamente accettata dall'ortodossia cristiana. Il Pentateuco comprende vari strati testuali, in particolare quello jahvista ( J che indica Dio come Jahve, il moderno Geova) e quella elohista (E che indica Dio come Elohim). Il sacerdote e riformatore ebreo Esdra, il cui lavoro è associato a un altro componente testuale del Pentateuco noto come "strato sacerdotale" (P), incentivò l'osservanza delle regole del Pentateuco. Il 5 assume più importanza in una delle religioni più diffuse: l'islam. Le cosiddette"5 colonne o pilastri dell'islam" sono infatti, le regole che ogni mussulmano ha il dovere di rispettare e mettere in pratica. 1. Confessare che c'è un solo Dio (Allah). 2. Pregare 5 volte al giorno in direzione di La Mecca 3. Osservare il Ramadan (un digiuno di 30 giorni) 4. Praticare l'elemosina per i poveri e per i bisognosi 5. Recarsi in pellegrinaggio, alla Mecca, almeno una volta nella vita. Naturalmente vi sono diverse altre regole che il credente mussulmano deve osservare. Egli deve fare tutto ciò per trovare il favore di Allah. Il monumento più tipico dell'arte buddista è lo stupa che certamente deriva dalle tombe a tumulo che si costruivano sopra i defunti in epoca prebuddhista. Gli stupa iniziali erano di forma molto semplice e quasi privi di decorazioni. In seguito, la loro costruzione assunse forti caratteri simbolici espressi nelle diverse parti che compongono uno stupa e che sono riferite a 5 elementi fondamentali. La base, quadrata, rappresenta la terra; la parte centrale a forma di cupola è l'acqua; la parte

14 piramidale indica il fuoco; la parte a forma di luna crescente è l'aria ed infine la parte terminale a forma di sole rappresenta lo spazio. Tuttavia con il passare del tempo e la diffusione del buddhismo in molti paesi asiatici, la forma dell'edificio cominciò a subire varie modifiche e soprattutto la parte piramidale si affusolò come in Birmania dove assunse la forma di una punta lunga. Anche la struttura stessa dell'edificio subì mutamenti che sono espressi in maniera significativa dal chedhj thailandese e dalla pagoda cinese. In origine si erigevano gli stupa per conservare reliquie del Buddha che godevano di una venerazione particolare, ma già dal tempo di Ashoka divenne abitudine costruire degli stupa votivi per la fondazione di un monastero, o per ricordare un luogo santo. L'edificio perse così parte della sua sacralità, riconquistata poi a Ceylon dove lo stupa fu riportato al centro del culto buddhista. Nella religione induista, il Karma è una forza invisibile che influenza l'anima e la obbliga ad una nascita nuova in una condizione umana o animale, determinata dalla qualità delle azioni passate. L'uomo che riesce a contemplare l'identità tra Brahman e Atman raggiunge la liberazione, la moska, la salvezza dal ciclo di reincarnazioni cui l'anima è costretta, dal Samsara. La teoria della migrazione delle anime è compresa all'interno della più complessa dottrina dei 5 fuochi, secondo la quale gli dei creano l'anima di ciascuno con 5 fuochi sacrificali. Quando l'individuo muore il suo cadavere viene bruciato, le sue ceneri sparse e attraverso il fuoco l'atman passa attraverso altri 5 fuochi sacrificali per reincarnarsi nuovamente in un altro essere umano. Attraverso le varie reincarnazioni l'atman si purifica al fine di poter tornare a far parte di quel principio divino da cui ha avuto origine e del quale dentro di sé ha il desiderio. Alla morte i defunti vanno nella luna, dove viene giudicato tutto ciò che hanno fatto in parole, azioni e pensieri durante la loro vita. E' dovere di ogni uomo accettare la vita presente, perché attraverso questa accettazione paga il suo debito e tende alla liberazione. Nella religione Maya il mondo terreno era concepito con 5 punti cardinali, a cui erano associati dei colori, riferiti al tipo di mais, pianta sacra ai Maya, che cresceva in quel settore della terra: il nord era di colore bianco, il sud era giallo, l'est era rosso, perché legato al sangue e alla nascita del sole, l'ovest era nero, perché legato alla morte del sole e all'arrivo della notte. La 5ª direzione era il centro, di colore verde, perché, tenendo insieme ed in equilibrio le altre quattro direzioni, dava fertilità. Inoltre, in ogni settore cresceva un albero sacro detto Ceiba, sul quale sedeva un'uccello divino. Il 5 in architettura e scultura La civiltà greca classica tentò di unificare tutte le arti e le scienze secondo rapporti armonici inerenti all'universo. Gli architetti e gli artisti greci facevano grande uso dei rettangoli aurei nelle loro opere. I Greci apprezzavano il rettangolo aureo per le sue proporzioni perfette e caratteri magici in quanto riproducibile geometricamente un'infinità di volte (illuminante esempio di questa proprietà del rapporto aureo è la stella a 5

15 punte che ebbe grande successo tra i Pitagorici). Questo principio matematico di bellezza, riflette appieno la genialità dello spirito greco che caratterizza gran parte delle opere scultoree del periodo classico. Questi rettangoli aurei erano usati per disegnare la pianta del pavimento e della facciata dei templi: ad esempio il Partenone, sull'acropoli di Atene. Il fine era sempre quello di conferire agli edifici l'idea di equilibrio e perfezione, di raggiungere l'armonia universale. Fidia fu l'artista chiamato da Pericle per costruire il Partenone, eretto con la sua collaborazione, da Ictino e Callicrate. L'edificio ancora conserva, nonostante le distruzioni e le spoliazioni, tutto il fascino che gli viene da una struttura equilibrata e proporzionata, in un miracoloso accordo di misure geometriche esatte e di un'ispirazione libera da regole fisse, viva, naturale. E' come se l'architettura si tramutasse in scultura per variare armoniosamente di effetti con il variare della luce. E ciò appunto è il messaggio e la conquista dello spirito Greco: armonia del vero e dell'ideale, di ciò che è momentaneo e di ciò che dura, del senso e dello spirito; le emozioni e i sentimenti vivono e mantengono il loro valore accanto al valore immortale della ragione e dell'idea. Il Partenone il più celebre monumento dell'architettura Ellenica contiene molti rettangoli aurei e le stesse proporzioni auree si riscontrano nelle statue in esso presenti. Esempio significativo sono le Korai dell'eritteo.il Partenone, oggi per la maggior parte in rovina, era un tempio dedicato alla dea Atena, protettrice della città, e fu costruito attorno al 440/430 a.c. La pianta del Partenone è un rettangolo con lati aventi rapporto 1:p5, ossia la lunghezza è radice di 5 volte la larghezza. Nell'architrave della facciata il rettangolo aureo è ripetuto più volte.

16 Nell'arco di Trionfo di Costantino a Roma l'altezza dell'arco divide l'altezza totale secondo la sezione aurea, mentre i due archi più piccoli giocano lo stesso ruolo nella distanza tra la base e il listello inferiore. La sezione aurea si riscontra non solo nell'architettura romana, ma anche in quella gotica; anche nel Rinascimento ritroviamo proporzioni auree nell'altezza (nella Certosa di Pavia per esempio). Esempi di questo genere non sono per altro limitati all'europa; compaiono soluzioni uguali anche nell'architettura del Medio Oriente, confermandoci che fatti culturali così distanti nello spazio e nel tempo si sono potuti verificare per l'esistenza di un principio naturale comune. Altri famosi monumenti furono in seguito progettati seguendo le proporzioni del rettangolo aureo. Basti pensare alla cattedrale di Notre Dame a Parigi e al palazzo di vetro dell'onu a New York.

17 Il disegno del portale di Castel del Monte, esempio di architettura gotica in Puglia, scaturisce dal pentagono stellato e dalla sua scomposizione secondo il numero d'oro, 1.618, le sue potenze e le sue radici.

18 Il 5 in pittura Nella pittura e nel disegno la sezione aurea presenta un notevole rilievo nella distribuzione degli elementi piani, senza che, chi vi fa ricorso, ne sia sempre cosciente. Nella rappresentazione di un panorama si ottiene un risultato migliore quando l'orizzonte suddivide l'altezza totale del quadro secondo la sezione aurea, come si vede nell'acquerello di Albrecht Dùrer "Camposanto di S.Jons presso Neurenberg". In realtà è dimostrato che la percezione umana mostra una naturale preferenza e predisposizione verso le proporzioni in accordo con la sezione aurea; gli artisti tenderebbero dunque, quasi inconsciamente, a disporrre gli elementi di una composizione in base a tali rapporti. Gli artisti e i matematici del Rinascimento tra cui Leonardo da Vinci, Piero della Francesca, Bernardino Luini e Sandro Botticelli rimasero molto affascinati dalla sezione aurea. Allora essa era conosciuta come divina proportione e veniva considerata quasi la chiave mistica dell'armonia nelle arti e nelle scienze. De divina proportione è anche il titolo del trattato redatto dal matematico rinascimentale Luca Pacioli e illustrato da sessanta disegni di Leonardo da Vinci ( ). In particolare Leonardo incorporò il rapporto aureo in tre dei suoi capolavori: La Gioconda, L'ultima cena e L'Uomo di Vitruvio. Nella Gioconda il rapporto aureo è stato individuato: nella disposizione del quadro nelle dimensioni del viso nell'area che va dal collo a sopra le mani in quella che va dalla scollatura dell'abito fino a sotto le mani

19 Ne L'Ultima cena, Gesù, il solo personaggio veramente divino, è dipinto con le proporzioni divine, ed è racchiuso in un rettangolo aureo. Ne L'Uomo, Leonardo studia le proporzioni della sezione aurea secondo i dettami del De architectura di Vitruvio che obbediscono ai rapporti del numero aureo. Leonardo stabilì che le proporzioni umane sono perfette quando l'ombelico divide l'uomo in modo aureo. Vitruvio nel De Architectura scrive: "Il centro del corpo umano è inoltre per natura l'ombelico; infatti, se si sdraia un uomo sul dorso, mani e piedi allargati, e si punta un compasso sul suo ombelico, si toccherà tangenzialmente, descrivendo un cerchio, l'estremità delle dita delle sue mani e dei suoi piedi".

20 La sezione aurea affascinò anche Botticelli ( ) che la rappresentò ne La Venere. Infatti misurando l'altezza da terra dell'ombelico e l'altezza complessiva il loro rapporto risulterà 0.618, così anche il rapporto tra la distanza tra il collo del femore e il ginocchio e la lunghezza dell'intera gamba o anche il rapporto tra il gomito e la punta del dito medio e la lunghezza del braccio. Lasciamo quindi le magiche proporzioni auree e vediamo ora un quadro che ha il 5 come protagonista. Si tratta di un celebre quadro del pittore statunitense Charles Demuth del XX secolo. Quest'opera, intitolata "Figure Five in Gold"( 1928) è inspirata da una poesia di William Carlos Williams, un amico di Demuth ed è un esempio di ritratto astratto, che consiste nel accumulare una serie di immagini associabili alla persona ritratta, in questo caso

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro Prof.Giuseppe Torchia Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro IL RINASCIMENTO IL CONTESTO STORICO LUCE

Dettagli

I Cristiani e gli Ebrei

I Cristiani e gli Ebrei I Cristiani e gli Ebrei La casa del Papa: Basilica di San Pietro e Musei Vaticani Le catene di San Pietro e la neve estiva nella Basilica di San Pietro in vincoli e nella Basilica di Santa Maria Maggiore

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

UN LIBRO PER DUE RELIGIONI

UN LIBRO PER DUE RELIGIONI UN LIBRO PER DUE RELIGIONI La Bibbia è un libro il cui contenuto è considerato sacro sia dalla religione ebraica sia dalla religione cristiana. Le prime comunità cristiane conoscevano come libro sacro

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO 1 1. I tre mondi dell alto medioevo I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO INTRODUZIONE. MEDIOEVO SIGNIFICA ETÀ DI MEZZO, CIOÈ IN MEZZO TRA L ETÀ ANTICA E L ETÀ MODERNA ( MEDIO = MEZZO; EVO = ETÀ). IL MEDIOEVO

Dettagli

BODRUM e EFESO. foto di Paola Battisti. di Patrizia Civeli

BODRUM e EFESO. foto di Paola Battisti. di Patrizia Civeli BODRUM e EFESO foto di Paola Battisti 18 di Patrizia Civeli mente aperta, un inalterabile serenità di spirito. Proprio come Erodoto, il primo vero reporter della storia, il primo che per scrivere le sue

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

Progressioni numeriche Successione di Fibonacci e sezione aurea

Progressioni numeriche Successione di Fibonacci e sezione aurea Progressioni numeriche Successione di Fibonacci e sezione aurea Progetto Matematica e Statistica - Progetto Lauree Scientifiche Loredana Caso 1 Successioni numeriche 2 Una successione numerica è una sequenza

Dettagli

ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre

ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre dietro gli oggetti, ne coglie la profondità. La luce, nella

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La religione dei Greci Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La nascita della civiltà greca Noi quest anno abbiamo studiato la nascita della Grecia, la vita quotidiana dei Greci,

Dettagli

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 LE FONTI DELLA CATECHESI RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI Al capitolo VI il Documento di Base indica 4 fonti per la catechesi: 1. la SACRA

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI Intorno al 1200 a.c. nuovi popoli arrivano in Grecia. Questi popoli partono dal Nord dell'asia e dal Nord dell'europa. Queste persone diventano i nuovi padroni del territorio.

Dettagli

Dopo Zancle fu la volta di Naxos (735 a. C.), per lungo tempo considerata la prima colonia greca

Dopo Zancle fu la volta di Naxos (735 a. C.), per lungo tempo considerata la prima colonia greca Itinerario della Sicilia Greca La Sicilia è culla di un antica storia che affonda le sue radici nei lontanissimi secoli Ante Christum, quando a dominare erano i greci, diffusori di una cultura fatta di

Dettagli

Museo del Risorgimento:

Museo del Risorgimento: Museo del Risorgimento: Il giorno 14 gennaio la classe 3C ha visitato il museo del Risorgimento. Il museo, prima di diventare tale,è stato la residenza di casa de Marchi, il quale una volta morto, ha donato

Dettagli

Alessandro Magno e la civiltà ellenistica, ovvero dalla Macedonia all Impero Universale

Alessandro Magno e la civiltà ellenistica, ovvero dalla Macedonia all Impero Universale 1 e la civiltà ellenistica, ovvero dalla Macedonia all Impero Universale Alla morte di Filippo II, avvenuta nel 336 a.c., salì sul trono della Macedonia il figlio Alessandro. Il giovane ventenne era colto

Dettagli

CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari

CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari La vita Le scoperte Le conseguenze delle sue teorie La vita Un ritratto di Darwin da giovane Charles Darwin nacque nel 1809 in Inghilterra da una famiglia colta e portata

Dettagli

Dante Alighieri, Oltre la sfera che più larga gira

Dante Alighieri, Oltre la sfera che più larga gira Dante Alighieri, Oltre la sfera che più larga gira Analisi della poesia Il testo e la parafrasi La prima strofa verso 1 Oltre la sfera che gira più larga Dante concepisce la Terra immobile al centro dell'universo.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI APPENDICE: INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZA CHIAVE EUROPEA RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE

Dettagli

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013 DIREZIONE DIDATTICA STATALE LEONARDO DA VINCI Via Virgilio, 1 Mestre (VE) Tel. 041/614863 Fax 041/5346917 Cod. Fisc. 82011580279 * * * * * PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI CIRCOLO L. DA VINCI

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

URANO E NETTUNO. I due pianeti glaciali del Sistema Solare. Ricerca Astronomia" 1

URANO E NETTUNO. I due pianeti glaciali del Sistema Solare. Ricerca Astronomia 1 URANO E NETTUNO I due pianeti glaciali del Sistema Solare Ricerca Astronomia" 1 Introduzione: Urano e Nettuno fanno parte dei pianeti recenti, ovvero quelli scoperti nel 19 secolo. Sono infatti stati i

Dettagli

DELL ARCHITETTURA GRECA

DELL ARCHITETTURA GRECA GLI ORDINI DELL ARCHITETTURA GRECA APPUNTI SCHIZZI E COMPOSIZIONI DI. Anno scolastico 2013/2014 Classe I media Arte e Immagine Prof.ssa Giuditta Niccoli 1 Gli stili o ordini dell architettura greca sono

Dettagli

Regole del gioco SENET

Regole del gioco SENET Regole del gioco SENET Senet è un gioco per due giocatori. Ogni giocatore cerca di sconfiggere l altro finendo il percorso con tutti i suoi pezzi come indicato nel disegno. Ogni giocatore ha 5 pezzi bianchi

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE La Macchina del Tempo Il progetto ideato e realizzato da L Asino d Oro Associazione Culturale per le scuole primarie, dal titolo La Macchina del Tempo, si propone come uno strumento

Dettagli

Un ragazzo è stimolato ad apprendere se coinvolto emotivamente.

Un ragazzo è stimolato ad apprendere se coinvolto emotivamente. LA SEZIONE AUREA La geometria ha due grandi tesori: uno è il Teorema di Pitagora; l altro la divisione di un segmento in rapporti estremo medio. Il primo possiamo paragonarlo a un metro d oro; il secondo

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Introduzione generale alla terza cantica del Paradiso

Introduzione generale alla terza cantica del Paradiso Introduzione generale alla terza cantica del Paradiso 3. I tempi del viaggio di Dante Dante vuole espressamente che al suo viaggio, un esperienza reale e concreta (come per es. nella Bibbia il passaggio

Dettagli

La sezione Aurea in Architettura e Arredamento

La sezione Aurea in Architettura e Arredamento La sezione Aurea in Architettura e Arredamento L'utilzzo del da parte dei grandi architetti La Sezione Aurea è nota fin dall'antichità, ma come asserisce Mario Livio, uno dei più importanti ricercatori

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Comunicare oralmente in modo adeguato. Leggere e comprendere parole, frasi e semplici brani. Produrre semplici testi scritti. Svolgere attività esplicite

Dettagli

CURRICOLO QUINQUENNALE SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO QUINQUENNALE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO QUINQUENNALE SCUOLA PRIMARIA Traguardi di sviluppo e obiettivi di apprendimento per la classe SECONDA desunti dalle Indicazioni per il Curricolo Disciplina OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Italiano

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

La chiesa primitiva e l Impero Romano

La chiesa primitiva e l Impero Romano La chiesa primitiva e l Impero Romano L Impero Romano La situazione dell Impero L Impero romano e l Ellenismo 323 a.c.-1 sec. d.c. Il Giudaismo tradizionale e quello ellenizzato. Impero Romano: circa 50

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO INSEGNANTI: CATERINA PIRROTTA ANTONELLA BORDONARO CLASSE I OBIETTIVI GENERALI Portare il bambino alla scoperta di se stesso in rapporto con gli altri. Far scoprire

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

Etiopia : Lalibela La Gerusalemme africana

Etiopia : Lalibela La Gerusalemme africana Nel lontano 1200, un re della dinastia etiope Zaguè, di nome Lalibela, decise di costruire nella sua città una copia dei monumenti esistenti a Gerusalemme. Ci mise tutto il suo impegno e la sua fede disponendoli

Dettagli

Poesie di Rolando Toro Araneda

Poesie di Rolando Toro Araneda Poesie di Rolando Toro Araneda Tratte da Lo imposible puede suceder Edicion Oasis Oaxaca, Mexico, 1995 TUTTI SIAMO UNO La forza che ci conduce È la stessa che accende il sole Che anima i mari E fa fiorire

Dettagli

Cari genitori e cari ragazzi, auguri da tutti i catechisti per un Santo Natale.

Cari genitori e cari ragazzi, auguri da tutti i catechisti per un Santo Natale. I PRESEPI DEL MONDO Non temete, ecco vi annunzio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi vi è nato nella città di Davide un salvatore, che è il Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

CONCETTI DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA

CONCETTI DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA CONCETTI DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA - LA PROGETTAZIONE ANTICA - a cura di Santori Silvio PROGETTARE Individuare la forma e la sostanza delle strutture materiali in cui l uomo può svolgere le proprie

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA Plesso CESARE BATTISTI ARNATE Plesso ALESSANDRO MANZONI MADONNA IN CAMPAGNA CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA CLASSE 4^ ITALIANO l allievo prende la parola negli scambi comunicativi dimostrando di aver colto l

Dettagli

SCIENZE. Il Sistema Solare. Introduzione. il testo: 2012/2013 La Semplificazione dei Testi Scolastici per gli Alunni Stranieri IPSIA A.

SCIENZE. Il Sistema Solare. Introduzione. il testo: 2012/2013 La Semplificazione dei Testi Scolastici per gli Alunni Stranieri IPSIA A. 01 Introduzione è formato dal Sole, da otto pianeti e da altre parti di materia (vedi figura 1). Figura1.. Tutte le parti del Sistema Solare si sono formate quasi 5 miliardi di anni fa. Esse si sono formate

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale.

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale. Cinque occasioni da non perdere 1 Il Museo 2 I Templi 3 L anfiteatro. Nazionale. Paestum Una città antica. 4 Il Comune di 5 Il Parco Nazionale del Cilento e Valle di Capaccio, una meraviglia ed una scoperta

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE IN BASE ALLE NUOVE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE IN BASE ALLE NUOVE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE IN BASE ALLE NUOVE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2015/2016 AREA SOVRADISCIPLINARE LINGUISTICO-ARTISTICO-ESPRESSIVA LINGUA ITALIANA Obiettivi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO: IRC

PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO: IRC INDIRIZZO: TUTTI GLI INDIRIZZI MODULI o UNITA DIDATTICHE: 1. LA RELIGIONE A SCUOLA (Introduzione all IRC) Riconoscere l universalità della esperienza religiosa come componente importante nella storia e

Dettagli

Europa ed Eurolandia

Europa ed Eurolandia Europa ed Eurolandia URO L'euro è la moneta unica europea che dal 1 gennaio 2002 sostituisce le monete nazionali di 12 Paesi dell'unione Europea. (Dell'Europa fanno parte anche Danimarca, Gran Bretagna

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO MAFFI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA Ins. Marina Striolo Marianna Chieppa Cinzia Di Folco ANNO SCOLASTICO 2015/2016 L IRC, come le altre discipline scolastiche della

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

Lo Zodiaco ed i suoi dintorni

Lo Zodiaco ed i suoi dintorni Lo Zodiaco ed i suoi dintorni A cura di Antonio Alfano INAF Osservatorio Astronomico di Palermo Associazione Specula Panormitana Cercheremo di capire insieme cosa è lo Zodiaco e quale significato ha assunto

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Sguardi sull invisibile

Sguardi sull invisibile CATERINA PICCINI DA PONTE Sguardi sull invisibile Icone e incisioni presentazione del Patriarca Emerito card. Marco Cè meditazioni sulle icone di Giorgio Maschio fotografie di Francesco Barasciutti Marcianum

Dettagli

TEORIE E TECNICHE COSTRUTTIVE NEL LORO SVILUPPO STORICO ARTE E SCIENZA DEL COSTRUIRE

TEORIE E TECNICHE COSTRUTTIVE NEL LORO SVILUPPO STORICO ARTE E SCIENZA DEL COSTRUIRE TEORIE E TECNICHE COSTRUTTIVE NEL LORO SVILUPPO STORICO ARTE E SCIENZA DEL COSTRUIRE Uscito dalle caverne l uomo iniziò a costruire. E probabile che da nomade usò le tende. Una volta divenuto stanziale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA. Campi di esperienza IL SE E L ALTRO ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA Traguardi per lo sviluppo delle Obiettivi

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

2.6 IL SUOLO RAPPRESENTATO: LA CARTOGRAFIA

2.6 IL SUOLO RAPPRESENTATO: LA CARTOGRAFIA 2.6 IL SUOLO RAPPRESENTATO: LA CARTOGRAFIA Si ringrazia per il sostegno DA DOVE VIENI? DOVE VAI? RAPPRESENTAZIONI DEL SUOLO Nel suo abitare il suolo l uomo ha una prima esigenza: definirne i confini e

Dettagli

Natale nei cieli di Mirò

Natale nei cieli di Mirò Natale nei cieli di Mirò Al corso #miramirò a seguito visita mostra di #miromantova abbiamo proposto un grande cielo natalizio con i segni e i simboli letti nelle Costellazioni di Miró. Le Costellazioni

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

1. Il mondo della religione

1. Il mondo della religione Attività di potenziamento e recupero 1. Il mondo della religione ATTIVITA DI POTENZIAMENTO Il mondo della religione (attività e verifiche) 1 Dopo aver studiato attentamente le diverse religioni, con un

Dettagli

Intervista rilasciata da Maeda Sensei in occasione della sua partecipazione a Torino Spiritualità (Settembre 2009).

Intervista rilasciata da Maeda Sensei in occasione della sua partecipazione a Torino Spiritualità (Settembre 2009). Intervista rilasciata da Maeda Sensei in occasione della sua partecipazione a Torino Spiritualità (Settembre 2009). Mi racconta, in sintesi, la sua storia? Sono nato nel 1956 a Kyoto. All età di dieci

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.Galilei www.istitutocomprensivosgt.it CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE : 5 anni SCUOLA INFANZIA Consapevolezza ed espressione culturale / imparare a imparare.

Dettagli

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE ARCO DI TITO SINAGOGA PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO PANTHEON STATUA DEL MOSE COLOSSEO S. GIOVANNI IN LATERANO PALAZZO DEL QUIRINALE STATUA DI

Dettagli

Il racconto per immagini

Il racconto per immagini Arte cretese Pittura vascolare: Aiace e Achille Altare di Pergamo L opera artistica pittorica o scultorea talvolta riproduce immagini che descrivono episodi tratti da storie fantastiche o da fatti realmente

Dettagli

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI ROBBIO - SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA A.S

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI ROBBIO - SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA A.S ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI ROBBIO - SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: ITALIANO partecipa a scambi linguistici con compagni ed insegnanti, attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Si esprime

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore, Padre e che fin dalle origini ha stabilito un'alleanza con l'uomo. Affinare capacità di osservazione dell ambiente circostante

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA PER LA SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA PER LA SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA PER LA SCUOLA PRIMARIA DI RELIGIONE CATTOLICA Tenuto conto dei traguardi per lo sviluppo delle competenze e degli obiettivi di apprendimento al termine

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità Un mondo di bellissimi colori: io e l'ambiente. Tanti bambini tutti colorati: io e gli altri. Un bambino dai colori speciali: io e la famiglia. Avvento e Natale. Io e Gesù, una giornata insieme a Gesù.

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico.

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico. Classe prima L alunno riflette su Dio Creatore e Padre e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive. Riconosce nella bellezza del mondo e della vita

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

GRECIA CLASSICA architettura

GRECIA CLASSICA architettura GRECIA CLASSICA architettura 1200-400 a.c. Grecia classica La Mesopotamia è stata la culla delle più antiche civiltà del Vicino Oriente mentre m la Grecia ha rappresentato la radice della civiltà occidentale

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

NIZZA. MUSEO NAZIONALE del MESSAGGIO BIBLICO di CHAGALL

NIZZA. MUSEO NAZIONALE del MESSAGGIO BIBLICO di CHAGALL NIZZA MUSEO NAZIONALE del MESSAGGIO BIBLICO di CHAGALL MARC CHAGALL Figlio di una modesta famiglia ebraica russa, Marc Chagall nasce a Vitebsk il 7 luglio 1887. Inizia subito a frequentare corsi di pittura

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO L alunno riflette su Dio Padre e si confronta con l esperienza religiosa. Cogliere nel proprio nome un mondo di potenzialità, dono di Dio Padre. Prendere coscienza

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano

I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano Corso di Astronomia I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano attorno alla Terra con orbite circolari.

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

Acqua e Arte (qualche riflessione)

Acqua e Arte (qualche riflessione) Acqua e Arte (qualche riflessione) L'acqua è l'elemento naturale intorno al quale ruota la vita di ogni essere vivente, ed è inoltre uno degli elementi interpretativi più forti nella letteratura, nell'architettura,

Dettagli

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia Isola di Ortigia Isola di Ortigia costituisce la parte più antica della città di Siracusa. Il suo nome deriva dal greco antico ortyx che significa quaglia. È il cuore della città, la prima ad essere abitata

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse

Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse Contiene tre tipi di letteratura: Apocalisse: «Rivelazione (αποκαλυψις) di Gesù Cristo, che Dio gli diede per mostrare ai suoi servi le cose che devono avvenire tra

Dettagli