VETTORI DI MALATTIE E MUTAMENTI CLIMATICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VETTORI DI MALATTIE E MUTAMENTI CLIMATICI"

Transcript

1 ATTI CONVEGNO VETTORI DI MALATTIE E MUTAMENTI CLIMATICI TORINO 5 OTTOBRE 2012

2 ATTI CONVEGNO VETTORI DI MALATTIE E MUTAMENTI CLIMATICI Torino 5 ottobre 2012 SALUTI DELLE AUTORITÀ On. Vito Bonsignore Europarlamentare, Vicepresidente del Gruppo PPE-DE Negli ultimi decenni il Parlamento europeo ha costantemente acquisito maggiori poteri, e ora agisce in qualità di colegislatore in quasi tutti i settori del diritto dell'unione. In questa fase dell'integrazione europea infatti un buon 80% della legislazione di riferimento è fatta dal Parlamento Europeo, mentre il resto viene gestito dalle istituzioni locali, Stati e Regioni. Tra le materie su cui il Parlamento legifera, ambiente e sanità sono sicuramente tra le principali. In questi settori si sono prese decisioni importanti, in particolare con due atti: - Decisione n. 2119/98/CE, con cui viene istruita nel 1998 una rete di sorveglianza e controllo delle malattie trasmesse; questa rete è lo strumento che il parlamento europeo utilizza per coordinare le attività di controllo - Regolamento n. 851/2004/CE, con cui nel 2004 viene istituita l agenzia Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie (ECDC) che opera, in stretto contatto, con i diversi organismi presenti nei 27 Paesi della Comunità Europea. Quest agenzia ha avviato un serio programma sulle malattie emergenti e trasmesse da vettori ed interviene con un programma capace di dare una risposta ai diversi problemi. Il programma si articola attraverso 3 reti: 1. Diagnostica di Malattie Virali e di Importazione 2. Rete degli specialisti di Medicina dei Viaggi e Malattie Tropicali 3. Rete costituita da esperti collocati nel territorio Il Parlamento ha anche legiferato in materia di immissione sul mercato e di utilizzazione di Biocidi che comprendono gli insetticidi e altri principi attivi utilizzati per la lotta ai vettori. La Direttiva Biocidi ha rafforzato i controlli su questi prodotti affinché non costituiscano un rischio per l uomo e per l ambiente. La burocrazia è tanta, ma l attenzione che la Commissione Europea che pone al tema della salute è alta lavorando sia a livello Europeo che sui singoli Stati membri. Da questo incontro ci si attende che ci sia maggiore attenzione per l utilizzo di prodotti con basso impatto ambientale, un attenzione delle strutture deputate alla prevenzione nonché dei singoli cittadini nelle azioni di prevenzione, quindi maggiore informazione nei confronti di tutti quelli che operano nel territorio. Dr. Gianfranco Corgiat Direttore settore prevenzione e veterinaria - Regione Piemonte L aver messo insieme diverse professionalità promette bene per il futuro e si spera di continuare ad operare anche in un momento di crisi economica come stiamo vivendo. Quando si parla di zanzare spesso si associa il fastidio che queste provocano e questo è esattamente ciò che avveniva fino a poco tempo fa anche in Piemonte. Da anni la discussione per l approvazione del bilancio per il progetto di lotta alle zanzare è tema di discussione tra l Assessorato dell Agricoltura e Sanità; finora i finanziamenti sono rimasti nei capitolati di spesa della Sanità. Questo perché il territorio Piemontese, dove ci sono più di ha di risaie, costituisce un notevole serbatoio di riproduzione delle zanzare e da un certo punto di vista non turbano l agricoltore che ha già fatto i conti con il fastidio che gli possono arrecare. In particolare, se consideriamo gli aspetti sanitari ci sono due componenti: l aspetto di disturbo e fastidio che questi insetti arrecano e l aspetto puramente di interesse sanitario per il ruolo che posso assumere nella trasmissione delle malattie. Atti convegno Vettori di Malattie e Mutamenti Climatici 1

3 Le spese che la Regione ha sostenuto per le campagne di lotta sono cambiate e state via via crescenti fino ad arrivare ai livelli di 7 milioni di euro sia per ridurre l impatto dell area risicola che per coinvolgere i Comuni nella lotta alle zanzare sotto l aspetto urbano. Da un punto di vista intuitivo, nel 2012 il piano di rientro attuato dal governo e la spending review poteranno a una riduzione per molte attività di interesse sanitario per cui rischiamo di perdere alcune parti importanti in un sistema di prevenzione futuro. Nel 2012 sono stati stanziati 7 milioni di euro per la lotta alle zanzare e poche decine di migliaia di euro per le altre spese di prevenzione; probabilmente, a partire dal 2013, questa proporzione sarà difficile da mantenere e cambierà al fine di ridistribuire la spesa tra gli investimenti in campo della prevenzione. Questo perché o crescono le risorse (ma è difficile da immaginare nella situazione di deficit del bilancio pubblico in cui ci troviamo), oppure le risorse saranno distribuite diversamente e sicuramente a favore della prevenzione. È chiaro che, se la spesa non è comprimibile e le risorse pubbliche sono limitate, si dovranno cercare forme diverse di compartecipazione, tenendo conto che permane l interesse della sanità nel Piemonte al fine di tutelare l area nel controllo delle malattie che in altre regioni hanno causato un costo maggiore della prevenzione (es. Chikugunya in Emilia Romagna). La tematica che si discuterà nel corso di questo convegno, è di sicuro interesse e deve essere considerata tenendo conto degli aspetti climatici e sanitari. Attualmente il problema rimane di chi se ne occupa; finora la lotta alle zanzare in ambito urbano è stata sostenuta al 50% dai Comuni, ma la crisi economica coinvolge anche i Comuni, e già nel corso di quest anno abbiamo avuto i primi segnali, in quanto molti Comuni non avevano le risorse del 50% per attuare la lotta. La compartecipazione sia tra amministrazioni pubbliche che locali e il soggetto attuatore di questi programmi non è detto che rimanga lo stesso, così come non è scontato che rimangano le stesse risorse e il rapporto di cofinanziamento tra Regione e Comuni. Infine, anche in agricoltura si è provato attraverso un piano di sviluppo rurale avviato negli scorsi anni, di promuovere misure per ridurre il problema delle zanzare, anche se non si sono avuti grandi risultati; probabilmente è possibile rivederlo e migliorarlo in modo da avere un maggior contributo alla lotta anche dal mondo agricolo. CAMBIAMENTI CLIMATICI E POSSIBILI SCENARI FUTURI Dr. Luca Mercalli Società Meteorologica Italiana Il 2012 è stato un anno che ha registrato, fatta eccezione per un ondata di freddo anomala di brevissima durata, temperature medie giornaliere al di sopra della media, rilevando una fortissima prevalenza di anomalie positive continue. L umidità gioca un ruolo importante nel ciclo vitale delle zanzare: durante il 2012 nelle zone del Piemonte e della Valle d Aosta, la situazione pluviometrica osservata si presenta al di sopra della media. Nell ultimo ventennio le temperature medie estive hanno registrato un trend in crescita tanto che, in Italia, dal 1973, si sono rilevate le tre estati più calde ( ). I dati del trimestre giugno-agosto dimostrano che il 2012 è stato il terzo caso più caldo dal 1880 sui continenti dell emisfero boreale. La perdita di superficie di banchisa polare (3,3 milioni di kmq) registrata in quest ultima annata conferma i dati sopra esposti: si stima che da almeno anni questa sia la minima estensione di ghiaccio mai verificatasi. In generale, dunque, il sistema climatico subisce un cambiamento di fase non rassicurante in quanto innesca una serie di feedback preoccupanti. Nell Oceano Artico, ad esempio, l effetto albedo innesca una catena per cui il ghiaccio bianco riflette circa l 80% dell energia solare, mentre le acque oceaniche, molto scure, ne intercettano circa il 70% alterando il bilancio energetico del pianeta. Quali possibili scenari futuri? La comunità scientifica francese ha osservato l andamento della temperatura terrestre dal 1850 fino ad oggi confermando che l aumento di concentrazione di CO 2 negli ultimi anni anni ha favorito il riscaldamento globale. L approccio per risolvere il problema è di tipo preventivo. Atti convegno Vettori di Malattie e Mutamenti Climatici 2

4 Lo scenario che si prospetta prevede un aumento soglia di 6 C in un arco temporale minore di 100 anni: un incremento che Homo sapiens non ha mai affrontato. Per questo motivo è necessario un adattamento i cui margini di manovra prevedono un arresto entro i prossimi decenni dell emissione di CO 2 e una stabilizzazione della temperatura di 3 C. Il Centro Euro Mediterraneo per i Cambiamenti Climatici prevede una possibile estate media mediterranea a fine del secolo (2070) con 5-6 C in più: scenario che implica un evoluzione della biosfera, un cambiamento della produzione agricola e della disponibilità idrica. DIFFUSIONE DEI VETTORI DI MALATTIE DI NUOVA INTRODUZIONE Dr.ssa Alessandra Pautasso IZSTO-Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d Aosta Gli artropodi di interesse veterinario si dividono in Aracnidi (Ragni, Scorpioni, Acari e Zecche) e Insetti (Pidocchi, Pulci e Cimici e Ditteri). Tra gli Aracnidi rivestono maggiore interesse le Zecche, mentre tra gli Insetti l ordine dei Ditteri (Zanzare, Flebotomi e Culicoides) è di sicuro il più importante. Le Zecche sono ectoparassiti ematofagi obbligati, il cui ciclo biologico si articola in 4 stadi di sviluppo (uovo, larva, ninfa, adulto), la durata del quale è variabile (mesi/anni). Per la femmina il pasto di sangue è indispensabile per l ovodeposizione. Con il progetto di ricerca Malattie trasmesse da zecche: sviluppo e applicazione di metodi epidemiologici e diagnostici, dal 2009, sia in Liguria sia in Piemonte sono stati monitorati 91 siti. Nel 2011 nella sola provincia di Imperia sono state raccolte Zecche da animali suddivise nei seguenti generi: Dermacentor (3%) Haemaphysalis (6,5%) Rhipicephalus (0,5%) Ixodes (90%) In Piemonte, sempre nello stanno anno, sono state raccolte 1671 zecche tramite dragging e 105 zecche da animali selvatici, tutte appartenenti al genere Ixodes. Le Zanzare sono ectoparassiti ematofagi obbligati, il ciclo biologico si articola in 4 stadi di sviluppo (uovo, larva, pupa, adulto) e per la femmina il pasto di sangue è indispensabile per l ovodeposizione. Possono creare problemi sia agli animali che all uomo attraverso la trasmissione di agenti patogeni (Flavivirus, Togavirus, Bunyavirus), reazioni cutanee e fastidio. Il monitoraggio effettuato in Piemonte, nel corso del 2011, con trappole a CO 2 ha evidenziato la presenza delle seguenti specie: Aedes vexans Aedes albopictus Aedes cinereus Culex theileri Anopheles plumbeus Culiseta subocrhea Aedes geniculatus Culiseta longiareolata Culiseta annulata Tra le specie monitorate in Liguria, sono da segnalare: Culex pipiens Aedes albopictus I Flebotomi sono ectoparassiti ematofagi e fitofagi, il cui ciclo biologico si articola in 4 stadi di sviluppo (uovo, larva, pupa, adulto) e per la femmina il pasto di sangue è indispensabile per l ovodeposizione. Possono creare problemi sia agli animali che all uomo attraverso la trasmissione di agenti patogeni Atti convegno Vettori di Malattie e Mutamenti Climatici 3

5 (Leishmania, Phlebovirus), prurito e reazioni cutanee. In Italia sono presenti, prevalentemente, 4 specie: Phebotomus perniciosus Phebotomus perfiliewi Phebotomus neglectus Phebotomus papatasi I Culicoides sono ectoparassiti ematofagi, il cui ciclo biologico si articola in 4 stadi di sviluppo (uovo, larva, pupa, adulto) e per la femmina il pasto di sangue è indispensabile per l ovodeposizione. Possono creare problemi sia agli animali che all uomo attraverso la trasmissione di agenti patogeni (Bluetongue, Schmallenberg). L Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d Aosta collabora nell abito piano di sorveglianza nazionale per la Bluetongue. In conclusione si vuole sottolineare l importanza di: Conoscenza delle specie di artropodi presenti sul nostro territorio (piani di sorveglianza/progetti di ricerca/piani di lotta al vettore) Collaborazioni tra enti con professionalità e competenze diverse Sorveglianza integrata sulle malattie trasmesse da vettori Futuri sviluppi e collaborazioni MALATTIE DI NUOVA INTRODUZIONE E IMPATTO SULLA SALUTE UMANA Dr. Guido Calleri Centro Medicina dei Viaggi - Ospedale Amedeo Savoia Torino Partiamo da un caso pratico. Il 13 agosto 2007 fu registrata la comparsa di una malattia febbrile in dozzine di pazienti da una ristretta area geografica (tra Ravenna e Forlì); nella maggioranza dei casi i sintomi si sono manifestati con dolori muscolari e articolari con eruzione cutanea diffusa. Si pensava fossero casi di febbri da Toscana virus e così gli entomologi furono incaricati della ricerca di flebotomi, ma non ne furono trovati. Campioni di sangue furono quindi inviati a Roma (ISS, INMI) per ulteriori accertamenti. Alla fase acuta della malattia (3-4 giorni) è seguita astenia prolungata e severa e si sono avuti 11 ricoveri, compreso un uomo di 83 anni con morbilità multiple croniche, che successivamente morì. Solo il 29 agosto, gli esami del laboratorio ISS di Roma confermarono un'infezione da virus Chikungunya in 21 casi tramite sierologia e 6 casi con PCR. Dal 4 luglio (caso zero) al 21 settembre 2007 sono stati segnalati 292 casi totali a cui aggiungere alcuni casi sporadici descritti nelle città di Ravenna, Cervia, Cesena (trasmissione locale, senza epidemia). Questo insegna come i cambiamenti in atto possano produrre scenari prima inimmaginabili. Effetti del cambiamento del clima sul salute (WHO) sono dovuti anche a fattori come: Siccità e inondazioni che compromettono la sicurezza alimentare: incrementi di malnutrizione Danni da eventi climatici estremi (tempeste e inondazioni) Ondate di calore aumentano la morbilità e la mortalità (anziani e patologie cardiovascolari e respiratorie) Scarsità/eccesso di acqua aumentano il peso delle malattie diarroiche (2^ causa di mortalità infantile) Varia la distribuzione geografica degli insetti vettori (Malaria e Dengue) In base a questi cambiamenti, le patologie legate all acqua e al cibo possono essere causate: Da carenza di acqua e conseguente carenza di igiene Da inondazioni con conseguente contaminazione delle falde Le patologie trasmesse da vettori sono legate alla sopravvivenza e all attività del vettore e alla sopravvivenza Atti convegno Vettori di Malattie e Mutamenti Climatici 4

6 dell incubazione del patogeno, spesso favorite dai cambiamenti climatici, quali il riscaldamento del clima. Malaria, Malattia di Chagas, Schistosomiasi, Dengue e Malattia di Lyme sono solo esempi delle malattie emergenti in queste condizioni. Oltre ad aumentare il rischio d'infezione recandosi nei paesi tropicali, negli ultimi anni sono in aumento i casi autoctoni di malattie da vettore. Oltre alla già ricordata epidemia di Chikungunya, si sono registrati casi Dengue in Francia e in Croazia nel Il rischio di allargamento dell'area di distribuzione di Dengue è concreto e correlato con gli scenari di global warming. Anche il suo principale vettore, Aedes aegypti, è in forte espansione, ad esempio in America latina, seguito dal virus e dai casi di Dengue, anche nella sua forma emorragica. Altra malattia in forte espansione è West Nile, non solo negli USA, ma anche in vari paesi del bacino del mediterraneo. In Italia si sono verificati i seguenti casi di WNV: 1998 solo casi equini 2008 anche 9 casi umani 2009 anche 17 casi umani 2010 anche 7 casi umani 2012 casi già segnalati ad inizio luglio Altra malattia soggetta all'influenza dei mutamenti climatici è la malaria. Ad esempio le epidemie in Punjab si quintuplicano durante il fenomeno noto come "El Nino". In Africa si sta spingendo a quote più elevate, mettendo a rischio gli altipiani. Sarebbe un errore ritenere i vettori troppo legati alla temperatura, basti ricordare che la malaria era diffusa anche in Scandinavia e in Inghilterra fino al 1900 ed in Russia fino al MALATTIE DI NUOVA INTRODUZIONE E IMPATTO SULLA SALUTE ANIMALE Prof. Luca Rossi Facoltà di Veterinaria - Università degli Studi di Torino Il global warming e le malattie degli animali sono correlati a diversi fattori: Densità degli ospiti Densità delle forme infettanti ambientali Densità dei vettori Distribuzione ospiti Distribuzione vettori Capacità vettoriale Questi effetti si avvertono maggiormente nelle aree fredde e temperato-fredde che quindi assumono un notevole interesse per il veterinario. Nella fauna selvatica, ci sono infatti validi esempi di malattie di nuova introduzione, emergenti o riemergenti) ragionevolmente collegabili al global warming. Due noti parassiti del bue muschiato, Teladorsagia boreoarcticus, parassita dell'abomaso e Umingmakstrongylus pallikuukensis, parassita polmonare, negli ultimi anni stanno assumendo connotati patologici a causa dell'innalzamento termico. Un altro nematode, Setaria tundra, una microfilaria che affligge le renne causando peritoniti nell'ultimo decennio si è diffuso sempre più a nord colpendo popolazioni che ne erano del tutto esenti. Il cambiamento climatico sta anche incrementando verso nord l'area di diffusione di molti animali. Ad esempio il capriolo sta risalendo la penisola scandinava portando con se le zecche ed il virus dell'encefalite da morso di zecca (TBE). Cosa analoga sta avvenendo anche sulle alpi, dove le zecche ed i relativi patogeni si stanno trovando a quote sempre più elevate: in Svizzera, ad esempio, si trova Ixodes ricinus anche a m. Questo ha portato le popolazioni di camoscio a contatto con patogeni e parassiti dei caprioli, come Babesia capreoli e Anaplasma phagocitophyla. Atti convegno Vettori di Malattie e Mutamenti Climatici 5

7 Tutti questi esempi riguardano i selvatici, ma cosa succede negli animali da reddito? E' recente la scoperta di un nuovo virus che causa aborti negli ovini, chiamato Schmallenberg virus, dalla località tedesca dove è stato isolato e che è trasmesso dai culicoidi. Ormai si è diffuso dall'inghilterra alla Svizzera, con alcuni focolai (8 finora) anche in Italia. Altro esempio è la diffusione del West Nile virus (WNV), trasmesso da zanzare nella popolazione aviaria, ma che può avere come ospite terminale anche il cavallo, causando una pericolosa malattia neurologica. In Italia ci sono stati oltre 200 casi a partire dal Il virus della febbre della Lingua Blu (BTF) o febbre catarrina ovina (FCO) sembra essersi invece diffusa in Italia ed altri paesi mediterranei per un altro fenomeno atmosferico: i venti provenienti dal nord Africa avrebbero trasportato vettori infetti (ditteri del genere Culicoides) al di qua del mare. A causa di questo fenomeno nel 2001 si sono registrati circa focolai dal 2001, con due milioni e mezzo di capi morti o abbattuti per tentare di fermare l'epidemia. Venendo agli animali da affezione, le malattie canine da vettore (CVBD) sono in aumento, sia quelle da zecche (Anaplamosi, Babesiosi, Ehrlichiosi, Lyme Borreliosi, Rickettsiosi, Hepatozoonosi, Hemoplasmosi, Encefalite da zecche) sia quelle da altri vettori, come la Bartonellosi canina (pulci), le Filariosi (zanzare), Thelaziosi oculare (drosofile) e, soprattutto, Leishmaniosi (flebotomi). Sul finire degli anni Ottanta, la Liguria era l unica regione del Nord Italia in cui erano presenti focolai di Leishmaniosi canina. Il primo focolaio noto fuori da questo areale è stato osservato in zona collinare presso Verona (1993) ed il secondo, sempre in zona collinare ma più antropizzata sulla collina di Torino (1997). Fino a 40 anni fa tanto in Piemonte, quanto in Veneto non era infatti nota la presenza di flebotomi vettori. L analisi retrospettiva Leishmap evidenzia 5 nuovi focolai descritti fra il 1998 e il I primi tre si trovano in zone collinari/basso appenniniche; il quarto in zona prealpina (Serra d Ivrea); il quinto in zona decisamente alpina, anche se a quota non elevata ( m, presso Aosta). Nel biennio di attività Leishmap vengono descritti sedici nuovi focolai. E vengono trovati anche i vettori. Inoltre vengono confermati i vecchi focolai. Sette ceppi da casi clinici autoctoni vengono tipizzati come ZMON1. L assenza (o quasi) di flebotomi in Pianura Padana potrebbe ricondursi al freddo umido e alle gelate, dannosi per le larve ibernanti. Alle quote giuste (aree collinari e prealpine) con l'introduzione di cani infetti e l'aumento di vettori la malattia è destinata a diffondersi a macchia d'olio. MALATTIE TRASMESSE DA CULICIDI IN ITALIA: DIFFUSIONE DEI VETTORI INDIGENI E POSSIBILE INTRODUZIONE DI SPECIE ALLOCTONE Dr. Roberto Romi Dipartimento di Malattie Infettive, Parassitarie e Immunomediate (M.I.P.I.) - Unità di Entomologia Medica Istituto Superiore di Sanità Le malattie trasmesse da insetti vettori non vanno considerate come comuni malattie infettive. Si possono infatti prevenire impedendo l ingresso, la stabilizzazione la diffusione e la riproduzione massiva del vettore mentre si combattono riducendo rapidamente e drasticamente la densità del vettore e interrompendo il contato vettore-uomo. Questo vale anche per le zanzare, le quali non si comportano come "siringhe volanti", ma la loro competenza vettoriale (predisposizione a infettarsi) e la loro capacità vettrice (grado di efficienza del vettore) sono determinate da fattori diversi che possono fare di una zanzara comune un vettore. I fattori intrinseci sono di natura genetica, cellulare, fisiologica e comportamentale, mentre i fattori estrinseci comprendono quelli ambientali, climatici e socio-economici. In Italia sono state segnalate 64 specie di Culicidi ed è considerato un paese a rischio di introduzione di nuovi insetti vettori e degli agenti patogeni che questi possono trasmettere. Tra le specie introdotte negli ultimi anni sono da segnalare: 1990 Aedes albopictus (ubiquitaria) 1996 Aedes atropalpus (eradicata) 2011 Aedes koreicus (segnalata a Belluno, Treviso, Vicenza) tra le malattie segnalate negli ultimi anni sono da ricordare: Atti convegno Vettori di Malattie e Mutamenti Climatici 6

8 1997 primo caso di malaria trasmesso da vettore indigeno dopo la sua eradicazione 2007 out break di Chikugunya con più di 250 casi encefaliti da West Nile virus con oltre 60 casi umani (in aumento) Attualmente in Italia ci sono 3 specie di interesse sanitario importanti (Aedes albopictus, Culex pipiens, Anopheles labranchiae) e 2 patologie endemiche o divenute tali (Dirofilariasi, WNF). Nel prossimo futuro possiamo aspettarci l introduzione di altri potenziali vettori alloctoni e introduzione di patogeni esotici (Chikungunya, Dengue, Dengue emorragica, Rift Valley Fever, Encefalite Giapponese ecc.) magari con il coinvolgimento di altre specie italiane non considerate vettrici. Cosa è cambiato dal punto di vista organizzativo: La perdita progressiva delle competenze in entomologia medica da parte delle strutture territoriali del Servizio Sanitario Nazionale, iniziata dopo l eradicazione della malaria negli anni 950 La ridotta capacità operativa di tutte le strutture pubbliche del SSN (ISS compreso) dovuta ad una politica sanitaria scriteriata e alla cronica carenza di finanziamenti ad hoc Lo scarso numero di programmi di sorveglianza passiva, l assenza di quelli di sorveglianza attiva e di un coordinamento a livello centrale (nazionale) L entomologia medica: materia universitaria trascurata A ciò occorre aggiungere la globalizzazione, nel nostro caso intesa come aumento degli scambi commerciali, e della velocità con cui questi avvengono, del turismo e dell immigrazione in assenza di una qualsiasi normativa che preveda l ispezione attiva o una qualsiasi forma di quarantena delle merci a rischio in entrata. Da considerare inoltre l allarme per il global warming con previsioni non rassicuranti per il periodo rispetto al trentennio Gli Artropodi sono organismi eterotermi la cui temperatura corporea dipende da quella ambientale; l aumento globale della temperatura media può accelerare sia i tempi di riproduzione dei vettori indigeni, sia favorire l introduzione di quelli alloctoni tropicali e dei patogeni che questi trasmettono. Tra i principali fattori concomitanti che possono favorire la comparsa o ricomparsa di una malattia trasmessa da artropodi vettori in Paesi Europei ricordiamo, accanto a quelli climatici, quelli umani (commercio, immigrazioni, guerre ecc.), quelli ambientali (agricoltura intensiva, in special modo la risicoltura, cattiva gestione del territorio ecc.), quelli biologici (introduzione ed adattamento di insetti e/o patogeni tropicali), quelli sociali, politici ed economici. Per quanto riguarda la malaria, nelle zone endemiche erano presenti vettori quali Anopheles superpictus (centro-sud e Sicilia), An. sacharovi (centro-nord e Sardegna) e An. labranchiae (centro-sud e isole). Diretta dal Prof. Missiroli, nel 1947 viene lanciata la campagna nazionale di eradicazione della malaria che porterà alla scomparsa dell endemia in pochi anni. Cosa c'è adesso? Anopheles superpictus e An. sacharovi non sono più state trovate, mentre An. labranchiae è ancora presente ed è anche stata trovata dove un tempo non c'era: poco a nord del 43 parallelo. Un recente studio ha rilevato che il potenziale malariologico dell'italia nel suo complesso resta molto basso, ma alcune aree del paese hanno un potenziale di recettività per la presenza del vettore (An. labranchiae), il quale è suscettibile a Plasmodium vivax, scarsamente a Plasmodium falciparum. La vulnerabilità (presenza sul territorio di serbatoi d infezione, cioè di malarici portatori di gametociti) è bassissima e quindi in conclusione è escluso il ritorno a qualunque forma di endemia, ma non si esclude la possibilità che si verifichino casi isolati di malaria da P. vivax in aree a rischio (Calabria e Toscana, seguite da Sardegna e Sicilia). Diverso è il discorso per le specie urbanizzate: Culex pipiens e Aedes albopictus. Sono fortemente radicate sul territorio, dove spesso condividono gli stessi focolai, ma con prevalenza stagionale diversa. In genere le 2 specie si allontanano poco dai focolai di sviluppo, occupando i siti più svariati, anche con acque con forte carica organica In Italia la distribuzione di Aedes albopictus, potenziale vettore di malattie tra cui Dengue e Chikugunya, è prevalentemente stratificata lungo le fasce costiere, nell interno fino a quote collinari al disotto dei 600 m slm, con rare punte oltre gli 800 m. Altre specie esotiche sono a rischio d'introduzione: Aedes aegypti, che è stata trovata più volte in passato (ultimo avvistamento a Brescia nel 1972) e Aedes japonicus, introdotta accidentalmente e radicatasi in Svizzera, Germania sud occidentale e Austria. Aedes aegypti è stata responsabile di epidemie di Atti convegno Vettori di Malattie e Mutamenti Climatici 7

9 Dengue/Dengue emorragica in Grecia nel (più di casi e decessi) e di Febbre Gialla in Spagna e in Italia (ultima a Livorno nel 1804, con 636 decessi). Le epidemie si estinguevano naturalmente ai primi freddi, non essendo la specie in grado di sopravvivere agli inverni di paesi con clima temperato. Non va dimenticata la potenzialità di altre specie autoctone di cui non conosciamo ancora il possibile ruolo vettore (Culex modestus, Aedes vexans, Ochlerotatus caspius). Tra le malattie di recente introduzione da segnalare il Virus del Nilo occidentale (WNV) con il primo focolaio del 1998; dopo 10 anni di assenza WNV ricompare con alcuni focolai d infezione a partire dalle regioni del nord-est: Emilia-Romagna, Veneto e Lombardia: primi casi umani (9), equini e uccelli stanziali; primi pool positivi di zanzare Stesse aree del nuovi foci in centro Italia; 16 casi umani Stesse aree del nuovi foci nel centro sud e Sicilia; 6 casi umani Primo coinvolgimento di Sardegna e Friuli V.G.; 14 Casi umani Stesse aree del Friuli e ancora Sardegna; boom di casi umani (22 al primo di ottobre) A partire dal 2002 viene attivato un piano nazionale di sorveglianza per WNV coordinato dal CESME di Teramo, che prevede la collaborazione dell ISS per la parte entomologica. Questa ha evidenziato in Culex pipiens il principale vettore anche per la presenza di forme ibride tra le varietà Culex pipiens pipiens, ornitofila e Culex pipiens molestus, antropofila, che può fare da ponte tra il serbatoio (uccelli) e l'uomo. SORVEGLIANZA SANITARIA IN PIEMONTE Dr. Roberto Raso Dr.ssa Donatella Tiberti SeREMI -Servizio Regionale Malattie Infettive - Regione Piemonte In Piemonte esiste un Sistema Informativo Malattie Infettive (SIMI) che raggruppa il Sistema di Notifica Obbligatorio (istituito dal Ministero della Salute nel 1990), che prevede la segnalazione da parte dei medici curanti di tutte le malattie infettive sospettate o diagnosticate al locale Servizio di Igiene e Sanità Pubblica della ASL e i Sistemi di Sorveglianza Speciali (internazionali, nazionali e regionali) dedicati a specifiche malattie infettive. Questi sistemi rispondono alla necessità di raccogliere ulteriori informazioni su specifiche malattie. Ad esempio nel 2011 al Sistema di notifica e Sorveglianze Speciali sono giunte segnalazioni riguardanti tre malattie da vettore (tutte da importazione): Malaria (77 casi), Leishmaniosi viscerale (7 casi) e Dengue (1 caso). Nel 2012 siamo già a 5 casi di Dengue. Sia i casi di Malaria che quelli di Dengue sono in aumento negli ultimi vent'anni a dimostrazione che i cambiamenti globali in corso si stanno ripercuotendo anche qui. In Piemonte è prevista: attuazione della sorveglianza speciale nazionale per Chikungunya, Dengue e forma neuroinvasiva di West Nile sorveglianza entomologica e sorveglianza veterinaria attività di controllo sui vettori in ambito risicolo e urbano I soggetti coinvolti sono: Centro di coordinamento (SeREMI-IPLA) per la sorveglianza e prevenzione dell'importazione e diffusione di Chikungunya, Dengue ed altre malattie da importazione trasmesse da vettore Clinici e laboratorio di riferimento Nodi SIMI e Servizi Veterinari dei Dipartimenti di Prevenzione delle ASL Istituto Zooprofilattico e laboratorio di riferimento IPLA Centri di Medicina dei Viaggi La sorveglianza dei casi di Chikungunya, Dengue ed altre malattie da importazione trasmesse da vettore prevede che il medico segnali i casi sospetti diagnosticati ai nodi SIMI (ASL), i quali informano SeREMI che a sua volta avvisa il Ministero della Salute e l'istituto Superiore di Sanità. Nel frattempo procedono le analisi di laboratorio che possono confermare o meno il caso. I nodi SIMI e SeREMI allertano IPLA, soggetto attuatore Atti convegno Vettori di Malattie e Mutamenti Climatici 8

10 dei piani di controllo sulle zanzare, che procede alla valutazione della presenza del vettore e decide se procedere ad attività di disinfestazione per cercare di contenere la diffusione della malattia. SeREMI, infine, nel caso si verifichino casi autoctoni, allerta il Centro Sangue per attivare i protocolli necessari ad evitare trasmissione via trasfusionale. Ogni soggetto opera a diverso livello ai fini di sorveglianza e prevenzione: La Medicina dei viaggi e la Sorveglianza speciale nazionale a livello dell'ospite umano La Sorveglianza veterinaria a livello dell'ospite animale, terminale o serbatoio La Sorveglianza entomologica a livello di vettore La lotta alle zanzare a livello di prevenzione sul contatto vettore - ospite Tra le criticità ancora in atto sono da segnalare: Rafforzamento del sospetto diagnostico (e della segnalazione ) Rafforzamento dell intervento di controllo del vettore in presenza di casi importati Rafforzamento del coinvolgimento delle amministrazioni pubbliche Coinvolgimento della popolazione nel controllo delle zanzare Miglioramento del coordinamento tra gli attori Piano di azione per la gestione di eventuali focolai autoctoni Rimangono inoltre ancora ostacoli da superare come la gestione della complessità, la percezione del problema e la cronica diminuzione delle risorse umane ed economiche a cui si somma il rischio di dannose scappatoie emergenziali dove non mancano esempi passati. IL PROGETTO LOTTA ALLE ZANZARE IN PIEMONTE DAL 1995 AD OGGI: ECCELLENZE E CRITICITÀ Dr. Andrea Mosca Referente Tecnico Scientifico Progetto di lotta alle zanzare Area Torinese La moderna lotta alle zanzare in Piemonte nasce da un reale bisogno di un territorio e dall impegno di uomini di buona volontà dotati di coraggio e lungimiranza. Un gruppo di cittadini e imprenditori capaci di credere in un progetto, un uomo politico capace di concretizzare un idea che sembrava folle ed alcuni giovani biologi capaci di mettersi completamente in gioco al servizio di questa idea sono stati infatti il germe che hanno portato in tempi record alla nascita di un modello per tutta Italia. Il territorio è il Monferrato, da anni costretto a subire le zanzare che si sviluppavano nelle circostanti risaie e nell estate del 1995 iniziano le prime attività di studio e politiche. Queste portano alla nascita della Legge Regionale 24 ottobre 1995, n. 75 Contributi agli enti locali per il finanziamento di interventi di lotta alle zanzare, votata da tutto il Consiglio Regionale. Questa Legge prevede la concessione di contributi pari al 50% delle spese sostenute da Enti locali per interventi di lotta biologica ed integrata contro le zanzare e definisce le linee guida tecniche e formali per la presentazione dei progetti. I compiti di indirizzo sono affidati al Settore Sanità Pubblica, che si dota di una struttura di riferimento esterna per la valutazione tecnico-scientifica sui progetti presentati: il Centro Agricoltura e Ambiente di Crevalcore (BO). Grazie alla LR 75/95, l anno successivo nascono i primi progetti di lotta alle zanzare, che in pochi anni coinvolgono un centinaio di comuni tra le province di Alessandria, Asti, Novara, Torino e Vercelli. I vari progetti sono gestiti autonomamente, spesso in maniera slegata e disomogenea. Inoltre, grossi ostacoli normativi, economici ed organizzativi impediscono d intervenire sul problema principale: le zanzare di risaia. Hanno dunque successo solo progetti lontani dalle aree risicole. Nel 2000 è di nuovo la politica a raccogliere le istanze, questa volta dei tecnici, necessarie per far fare il secondo passo alla lotta alle zanzare in Piemonte: l intervento in risaia, non più solo sperimentale. Grazie al forte impegno dell Assessore all Ambiente di Casale, Elena Sassone, dal sindaco di Casale, Paolo Mascarino, recentemente scomparso, e dall assessore regionale all agricoltura, Ugo Cavallera, la LR 75/95 viene quindi modificata. Atti convegno Vettori di Malattie e Mutamenti Climatici 9

11 La modifica prevede un sensibile aumento di contributo agli enti che intendono fare la lotta in risaia. Inoltre, Regione Piemonte e Città di Casale siglano due successivi Accordi di Programma triennali che si traducono in una programmazione più ampia delle attività. Anche le Province di Vercelli, Novara e Biella intraprendono iniziative simili. Si iniziano quindi a trattare migliaia di ettari di risaia anche se perdurano problemi e limiti che impediscono il consolidarsi dei primi incoraggianti risultati. Nel resto del Piemonte aumenta il numero di adesioni e progetti di lotta, ma la situazione è ancora più precaria, per la mancanza di piani pluriennali. Nel 2003 si approvano le nuove Istruzioni di applicazione della LR 75/95, che consentono trattamenti adulticidi mirati, ma in tutti i progetti si devono fare i conti con il Patto di Stabilità, che limitava la capacità di spesa degli Enti capofila. Nel 2007, per far fronte a questi problemi, su proposta dell assessore regionale all agricoltura, Mino Taricco, Regione Piemonte sigla un Accordo di Programma con le Province di Alessandria, Asti, Biella, Novara, Verbano-Cusio-Ossola e Vercelli. Nello stesso anno si riforma anche la LR 75/95 e s individua in Ipla SpA la nuova figura di Soggetto coordinatore con la nomina di un Comitato Tecnico Scientifico (CTS) di esperti per definire le linee guida della lotta e controllarne l applicazione. Ipla non ha competenze specifiche nel campo, ma ha grande esperienza di gestione di piani operativi. Pertanto acquisisce dagli enti locali, che non seguiranno più direttamente i progetti, il personale che ha maturato la maggior esperienza. Questi, con le Associazioni degli agricoltori e il CTS definiscono le linee guida per la lotta in risaia. Ipla inizia a gestire la maggior parte dei progetti locali, più una serie di progetti regionali unitari che nascono in successione. Il Progetto Regionale Unitario (PRU) di lotta alle zanzare in risaia, nato nel 2007, prevede l unione delle esperienze pregresse di 4 progetti maggiori e 2 minori, una riduzione progressiva dei Centri Operativi, il coinvolgimento nella lotta delle aziende risicole (oggi oltre 400) e l ottimizzazione degli interventi aerei con conseguente consolidamento dei risultati: le zanzare di risaia sono ridotte di circa un terzo nel Piemonte orientale e sono quasi scomparse nel resto della Regione. Il tutto con una riduzione dei costi operativi. Dal 2008 al 2011 viene inoltre istituito il progetto Regionale Unitario di monitoraggio alla zanzara tigre, che estende il monitoraggio fuori dalle aree di competenza dei progetti locali, permettendo la definizione di carte di diffusione della specie su base regionale attraverso la creazione di una banca dati on-line contenente tutti i dati di monitoraggio, segnalazioni dei cittadini e sopralluoghi dei tecnici. Si crea anche un sito informativo e un numero verde per i cittadini. Nel 2012, questo piano si trasforma in un progetto d'informazione e monitoraggio della diffusione dei vettori di patologie umane e animali veicolate da zanzare, estendendone le competenze alle altre specie culicidiche vettrici, in vista del probabile ingresso del WNV in Piemonte. Il Centro di coordinamento e sorveglianza delle malattie da importazione trasmesse da vettori, composto dal soggetto di coordinamento e dal SeREMI si attiva nel 2009 ed è stato decritto nell'intervento precedente. Anche a livello locale le cose cambiano negli ultimi anni: alcuni progetti scompaiono o si ridimensionano, altri nascono o si ampliano. In base al DGR , alcuni progetti sono stati raggruppati operativamente al fine di ottimizzare le risorse. In tutti i progetti la zanzara tigre è sempre più il target principale. Dopo 18 anni di applicazione della LR 75/95, si ripresentano criticità mai del tutto risolte: annualità dei progetti costanti incertezze ritardo degli stanziamenti ritardo dei trasferimenti di fondi Tutto ciò ha inevitabili ripercussioni su inizio dei lavori, pagamenti del personale e delle forniture, qualità dei servizi, investimenti tecnologici, calo delle motivazioni ecc. rendendo estremamente faticoso mandar avanti i progetti. A ciò si aggiungono criticità esterne di tipo biologico (introduzione di nuove specie, di nuovi patogeni ecc.), normativo (direttiva biocidi) ed economico (crisi finanziaria, debito pubblico insostenibile, riduzione dei budget di spesa ecc.). Oggi pertanto si rischia che i progetti scompaiano o vengano drasticamente ridimensionati, vanificando i risultati fin ora ottenuti e che l apparente risparmio generi costi molto maggiori in caso di epidemia. Ad esempio, per far fronte all epidemia di Chikungunya a la Reunion, dove non c era un piano attivo, il governo Atti convegno Vettori di Malattie e Mutamenti Climatici 10

12 francese spese 44 milioni di, pari a 56 ad abitante. La lotta alle zanzare in Piemonte oggi costa invece 1,7 ad abitante. Dal 1995 sono stati fatti enormi passi, raggiunti importanti obiettivi, maturate professionalità di primo ordine, creati contatti stabili tra le strutture, ottimizzando le risorse e spesso riducendo i costi. Per il futuro è dunque fondamentale non disperdere le conoscenze e indebolire le reti create in questo settore, quando emergono importanti esigenze di sanità pubblica ed è inoltre necessario sanare le criticità residue per far compiere un nuovo passo alla lotta alle zanzare in Piemonte. ESEMPI DI MODELLI ORGANIZZATIVI E GESTIONE DEI PROGETTI ALLA LOTTA ALLE ZANZARE NEL MONDO Dr. Peter DeChant PH - Forestry Business development Manager - Valent BioSciences Corporation La lotta integrata ed organizzata alle zanzare è un servizio fondamentale per la Sanità Pubblica. Un esempio è dato dall'epidemia di febbre da Virus del Nilo Occidentale (WNV) negli Stati Uniti. Il 2012 è stato un anno difficile per gli Stati Uniti, al 25 Settembre sono stati infatti segnalati casi con casi neuro-invasivi e 147 morti in tutto il Paese, anche se con distribuzione non omogenea. La presenza o l assenza della Lotta Integrata ed Organizzata Alle Zanzare nei diversi stati ha fatto una grande differenza. L'incidenza più alta della malattia si è infatti verificata negli Stati con pochi progetti di lotta integrata alle zanzare: l incidenza più alta si è avuta in alcuni stati nel Nord e nel Sud degli USA. Il 38% dei casi ha interessato lo stato del Texas: qui il 95% dei casi si è avuto nelle Contee con assenza di progetti di lotta alle zanzare. Stati con simili condizioni ambientali, ma con più lotta alle zanzare organizzata hanno avuto meno casi: California: 37 milioni di abitanti, 67 progetti e 144 casi Florida: 19 milioni di abitati, 30 progetti e 44 casi Texas: 25 milioni di abitanti, 14 progetti e casi Tra i progetti organizzati di lotta alle zanzare nel mondo, che si distinguono per efficienza e tipo di organizzazione si possono citare: Australia: con il sistema dei Councils Francia: con gli Entente Interdépartementale pour la Démoustication (EID) Germania: con la Kommunale Aktionsgemeinschaft zur Bekämpfung der Schnakenplage e.v. (KABS) Stati Uniti: con i Mosquito Abatement Districts (MAD) Un Council può includere una Città, una o più Contee. Il Council funziona come un ramo indipendente dal governo locale, ha un direttore e uno staff permanente. Molti di essi operano sulla costa, dove si concentrano le aree umide. In Francia i Dipartimenti possono associarsi e fondare un Ente Interdipartimentale per la lotta alle zanzare (EID). Ve ne sono 3: EID Méditerranée, EID Atlantique, EID Rhône-Alpes. Tutti hanno una struttura stabile con staff professionale di alto livello. Ad esempio EID del Rhône-Alpes è gestita da un Consiglio di Amministrazione composto da quattro consiglieri, uno per dipartimento, che è l'organo di governo dell'istituzione che applica le procedure finanziarie. Vi è poi un Direttore Generale, quattro servizi comuni (amministrazione con 6 impiegati, cartografia con 1 tecnico, laboratorio di comunicazione con 2 dipendenti, officina meccanica con 3 operai), un servizio di lotta in ambito rurale diviso in quattro centri operativi, uno per dipartimento (totale 28 tecnici), un servizio di lotta in ambito urbano (26 centri e 40 tecnici stagionali), un servizio di gestione delle aree umide per gli interventi di tipo fisico (3 tecnici permanenti e 2 stagionali) e uno per la gestione della riserva naturale della palude del Lavours (3 dipendenti). Utilizzano principalmente metodi di lotta larvicidi, sia per via aerea che da terra. In Germania, sulla Valle del Reno, opera il KABS che è un'associazione senza scopo di lucro basata sulla quota di iscrizione annuale dei Comuni, ognuno dei quali paga la stessa quota. Anche le regioni coinvolte contribuiscono con lo stesso importo fisso. La struttura è composta di un comitato amministrativo, con un Presidente e 2 Vice Presidenti, da tecnici regionali e locali e collaboratori stagionali. Annualmente di riunisce Atti convegno Vettori di Malattie e Mutamenti Climatici 11

13 l'assemblea generale dei soci per l'approvazione dei bilanci, mentre un comitato scientifico in collaborazione con le Università associate dà le linee guida. KABS interviene su aree di grandi dimensioni lungo l'asse fluviale del Reno, per 320 km, su di un'area totale di circa 600 km2, con un'area di controllo di ha e siti. Negli USA l esperienza ha una storia lunga (dal 1906) e di successo. La struttura e l organizzazione dei progetti sono la chiave di questo successo. Ogni parte del Paese doveva affrontare problemi diversi e ogni parte del Paese ha progettato diverse soluzioni. Molti progetti dei circa 650 presenti hanno avuto molto successo e hanno migliorato la qualità della vita dei cittadini. Di conseguenza, i progetti possono beneficiare di sostegno pubblico, di una forte base finanziaria (quasi permanente), di lavoratori dedicati e una forte posizione negoziale con i fornitori e appaltatori. Quasi tutti i progetti di successo hanno una struttura denominata "Mosquito Abatement District" (MAD). Speciali leggi statali permettono l esistenza dei MAD. Sono unità indipendenti dal governo e forniscono un meccanismo stabile per la gestione del progetto, il finanziamento e le operazioni di controllo. Sono finanziati da una base indipendente con contributi fiscali previsti dalla legge (di solito l'imposta fondiaria). Ciascuna unità è governata da un consiglio di amministrazione in rappresentanza delle province e delle città all'interno del distretto. Un buon esempio è quello del MAD delle Contee di Sacramento e Yolo, nato nel Esso opera con metodi di lotta integrata, constante monitoraggio e controllo in laboratorio, prevenzione attraverso istruzione e informazione pubblica. Valent BioSciences Corporation (VBC) ha contribuito al successo dei progetti alle lotta alle zanzare nel mondo attraverso il supporto nell utilizzo dei prodotti larvicidi a base di Bacillus thuringiensis var. israelensis (Bti). L equipe degli Esperti e Tecnici di VBC collabora con i progetti alle lotta alle zanzare nel mondo al fine di assicurarne il successo. Dal 2004 VBC ha fornito il supporto tecnico nel progetto di lotta alle zanzare in Piemonte attraverso lo sviluppo del metodo di applicazione aerea e ULV del Bti e alla scelta dell equipaggiamento per le nuove formulazioni. Il Piemonte ha bisogno di una lotta alle zanzare che può avere successo nel lungo periodo finalizzata a ridurre le malattie che le zanzare trasmettono: la lotta alle zanzare non è una cosa che si può fare in modo casuale e, per una lotta sostenibile, c è bisogno di una struttura che abbia la capacità di pianificare le cose per tempo. Atti convegno Vettori di Malattie e Mutamenti Climatici 12

14 Rigraziamenti: Patrocinanti: Regione Piemonte Dipartimento di Scienze Veterinarie - Università degli studi di Torino SEREMI AcfA - Associazione di cultura e formazione Ambientale Dr. Andrea Mosca Centro Uffici San Siro - Edificio C ala 3 - Via Caldera, Milano - Tel Fax

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Direzione Generale della comunicazione e delle relazioni istituzionali Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

- Riproduzione riservata - 1

- Riproduzione riservata - 1 Principali malattie parassitarie del cane; Le malattie parassitarie che maggiormente interessano e colpiscono il cane sono molte ed alcune di queste possono colpire e provocare conseguenze anche per l

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni VACCINAZIONI Le vaccinazioni da fare al proprio cane sono parecchie, alcune sono obbligatorie ed alcune facoltative e possono essere consigliate dal veterinario in casi specifici. Vediamo nel dettaglio

Dettagli

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE?

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? Elisa Angelini elisa.angelini@entecra.it C.R.A. Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) Foto P. Marcuzzo Foto G. Rama UN PO DI

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

DECRETO N. 20 del 09.07.2013

DECRETO N. 20 del 09.07.2013 L Assessore DECRETO N. 20 del 09.07.2013 Oggetto: Modifiche al Decreto attuativo del Piano straordinario di eradicazione della Peste Suina Africana. Anni 2012 e 2013. VISTO lo Statuto Speciale della Regione

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Con il patrocinio di energia UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Dopo un anno di monitoraggio climatico nella città di Perugia, effettuato grazie alla rete meteo installata

Dettagli

Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in

Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in Italia e patologia nell'uomo Trichinella Trichinella spp. vermi cilindrici (nematodi) Edoardo Pozio Laboratorio di

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

.2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.

.2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces. .2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 2Modifiche in atto. Gli impatti Il riscaldamento globale Evidenze

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO. che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato. pidocchio

PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO. che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato. pidocchio PEDICULOSI DEL CAPO PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato pidocchio IL PIDOCCHIO è importante sapere che Non è vettore di malattie

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO ifesa delle oreste Dryocosmus kuriphilus Yat su matsu Hymenoptera Cynipidae Cos è il Cinipide galligeno del castagno? L imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch

Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch 0844 448 448 Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch L eliminazione del morbillo un obiettivo internazionale

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE BLUE TONGUE INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PARTE 1 DATA DI COMPILAZIONE / / CODICE IDENTIFICATIVO DEL FOCOLAIO NOME E COGNOME DEL VETERINARIO (STAMPATELLO)

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO. Resoconto preliminare

CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO. Resoconto preliminare CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO ---------------------------- Resoconto preliminare L importanza di una rete di monitoraggio Al fine di avere idee precise sulla natura e sull entità degli spopolamenti

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Piano di profilassi della Regione Sardegna contro la blue tongue (Lingua Blu)

Piano di profilassi della Regione Sardegna contro la blue tongue (Lingua Blu) Piano di profilassi della Regione Sardegna contro la blue tongue (Lingua Blu) L Assessorato dell Igiene e Sanità ha predisposto un piano di profilassi che ha come obiettivo principale la prevenzione del

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Le prospettive del vivaismo viticolo europeo MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Elisa Angelini CRA VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) 1. Giallumi (Flavescenza dorata e Legno nero):

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api

La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api Dott Andrea Maroni Ponti Ufficio II Ministero della salute DGASAFV Malattie denunciabili

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli