COMUNE DI SEGRATE TRASCRIZIONE CONSIGLIO COMUNALE DEL 14 NOVEMBRE 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI SEGRATE TRASCRIZIONE CONSIGLIO COMUNALE DEL 14 NOVEMBRE 2011"

Transcript

1 COMUNE DI SEGRATE TRASCRIZIONE CONSIGLIO COMUNALE DEL 14 NOVEMBRE 2011 N. ARGOMENTO OGGETTO PAG. 1 INTERROGAZIONE N. 29 DEL AD OGGETTO: CONTROLLO DEI TRACCIATI RADAR DELLE ROTTE AEREE VERSO SUD A FIRMA DEL CONSIGLIERE A. SERACINI INTERROGAZIONE N. 30 DEL AD OGGETTO: PROVVEDIMENTI NEI CONFRONTI DELL ACCRESCIUTA PRESENZA DI ZANZARE A FIRMA DEI CONSIGLIERI P. MICHELI E G. ROSA INTERROGAZIONE N. 31 DEL AD OGGETTO: NUOVE ROTATORIE SULLA CASSANESE TRA SEGRATE CENTRO E ROVAGNASCO- VILLAGGIO A FIRMA DEI CONSIGLIERI P. MICHELI E G. ROSA INTERROGAZIONE N. 32 DEL AD OGGETTO: AREA CANI IN VIA SAN ROCCO A FIRMA DEI CONSIGLIERI P. MICHELI E G. ROSA INTERROGAZIONE N. 33 DEL AD OGGETTO: PRESENZA DI MATERIALE PERICOLOSO NEI TERRENI IN VIA DI ACQUISIZIONE DA PARTE DEL COMUNE A FIRMA DEI CONSIGLIERI P. MICHELI E G. ROSA INTERROGAZIONE N. 34 DEL AD OGGETTO: IDROSCALO CENTER E NUOVA VIABILITA SPECIALE A FIRMA DEL CONSIGLIERE

2 V. ANCORA INTERROGAZIONE N. 35 DEL AD OGGETTO: VIABILITA VIA MORANDI A FIRMA DEL CONSIGLIERE A. BERARDINUCCI MOZIONE N. 11 DEL AD OGGETTO: ADESIONE ALL ASSOCIAZIONE TRA ENTI LOCALI AVVISO PUBBLICO A FIRMA DEL CONSIGLIERE L. RADAELLI E ALTRI MOZIONE N. 14 DEL AD OGGETTO: RICHIESTA AGGIORNAMENTO SULLE PROBLEMATICHE CONNESSE ALLA CONVENZIONE STIPULATA CON VEGAGEST E SUCCESSIVO ACCORDO STIPULATO IL A FIRMA DEL CONSIGLIERE V. ANCORA E ALTRI MOZIONE N. 15 DEL AD OGGETTO: PRESENZA PERSISTENTE DI NOMADI PRESSO I QUARTIERI DI REDECESIO E LAVANDERIE A FIRMA DEL CONSIGLIERE A. BERARDINUCCI MOZIONE N. 18 DEL AD OGGETTO: INDIVIDUAZIONE DEI CRITERI PER IL RINNOVO DELLA CONVENZIONE URBANISTICA RELATIVA ALL ATTUAZIONE DEL PII DENOMINATO CASCINA BOFFALORA A FIRMA DEL CONSIGLIERE P. MICHELI E ALTRI MOZIONE N. 19 DEL AD OGGETTO: BENI SEQUESTRATI ALLA MAFIA IN VIA S. PERTINI N. 30 A FIRMA DEL CONSIGLIERE BERARDINUCCI

3 COMUNE DI SEGRATE CONSIGLIO COMUNALE DEL 14 NOVEMBRE 2011 P. N. 1 O.d.G. INTERROGAZIONE N. 29 DEL AD OGGETTO: CONTROLLO DEI TRACCIATI RADAR DELLE ROTTE AEREE VERSO SUD A FIRMA DEL CONSIGLIERE A. SERACINI Consiglieri, per favore, prendere posto. Buonasera. È il 14 Novembre Sono le Chiedo al Segretario Generale di procedere all appello. Prego Segretario. SEGRETARIO Alessandrini Adriano: assente; Nardio Roberto: presente; Del Giudice Giuseppe: assente giustificato; Trebino Marco: assente giustificato; Riccardi Sirtori Giovanni: presente; Casella Francesco: presente; Lazzari Ezio: presente; Gasparini Claudio: presente; Casadio Daniele: presente; Borlone Paolo: presente; Gervasoni Vincenzo: presente; Seracini Alessandro: presente; Zardus Claudio: assente giustificato; Bottari Domenico: assente giustificato; Donati Andrea: presente; Viganò Roberto: presente; Zucconi Luciano: presente; Radaelli Liliana: presente; Ferrante Giuseppe: presente; Mongili Manuela: presente; Cattorini Pietro: presente; Carrieri Silvia: presente; Ancora Vito: presente; Micheli Paolo: presente; Rosa Gianfranco: presente; Ciapini Fabrizio: presente; Berardinucci Antonio: presente; Monti Paola: assente; Antona Angelo: presente; Terzi Giancarlo: presente; Mombelli Alberto: presente. Il Segretario mi dice che i presenti sono 25. Possiamo dare inizio a questa assemblea. Passiamo al primo punto all O.d.G. E l interrogazione n. 29 del 13 Ottobre 2011 ad oggetto: controllo dei tracciati radar delle rotte aeree verso 3

4 Sud, a firma del Consigliere Seracini. Consigliere Seracini, se vuole prenotarsi. Prego Consigliere. CONSIGLIERE SERACINI ALESSANDRO Grazie. Premesso che nella risposta all interrogazione, sempre per quanto riguarda l accorciamento della virata degli arerei in decollo verso Sud da Linate, quindi nella risposta che avevo avuto alla precedente interrogazione non erano stati prodotti documenti con le tracce radar lasciate dagli aeromobili in decollo da Linate e diretti a Sud, questo è avvenuto nonostante l interrogazione stessa fosse stata depositata da oltre un mese, quindi parliamo di un interrogazione fatta intorno al 10 di Settembre. Ho aggiunto che poiché risulta che le tracce radar vengono rilevate giornalmente senza soluzione di continuità, che nella risposta di cui sopra si legge che l Amministrazione ha richiesto a Sea le tracce radar, ma non si legge per quale periodo esse sono state richieste, che è evidente, ma mi premeva ugualmente precisarlo, che le tracce radar che interessano per appurare il pregresso rispetto delle rotte 2011 e che per essere leggibile ai fini della verifica le tracce radar in questione devono riguardare un intera giornata almeno. Premesso tutto questo, io avevo chiesto di conoscere se la nostra Amministrazione abbia richiesto a Sea le tracce radar per giornate intere relative al periodo antecedente all 8 Ottobre; quale sia il motivo per cui le tracce radar pregresse non erano disponibili alla data del 10 Ottobre; se alla data della consegna della risposta alla presente interrogazione, cioè oggi, l Amministrazione sia in possesso di riscontri radar antecedenti alla data dell 8 Ottobre 2011 e, in caso affermativo, quali ne siano le risultanze. Ho ricevuto una risposta che mi legge immagino il Segretario e poi dovrei dire due parole naturalmente. Grazie. Grazie Consigliere Seracini. Segretario Generale, prego, a lei la parola. 4

5 SEGRETARIO L Amministrazione Comunale ha richiesto i tracciati radar anche per il periodo anteriore all 8 Ottobre I tracciati sono disponibili, ma non in forma leggibile se non dagli addetti ai lavori. Stiamo aspettando che ci venga fornito il formato leggibile da cui si possano evincere i dati richiesti e fare le dovute considerazioni. Grazie Segretario Generale. Consigliere Seracini, prego. CONSIGLIERE SERACINI ALESSANDRO Grazie. Il commento è abbastanza breve. Evidentemente non sono soddisfatto. A tutto oggi ancora, Settembre, Ottobre, Novembre - due mesi e rotti - non sono ancora riuscito ad avere i tracciati radar che testimonino il fatto che gli aerei in buona parte o in parte accorciano la virata passando sopra San Felice. A questo punto rimango in attesa che vengano forniti questi tracciati radar. Preannuncio che una volta al mese ripresenterò l interrogazione, fino a quando, credo, finalmente avremo questi tracciati. Grazie. Grazie Consigliere Seracini. 5

6 COMUNE DI SEGRATE CONSIGLIO COMUNALE DEL 14 NOVEMBRE 2011 P. N. 2 O.d.G. INTERROGAZIONE N. 30 DEL AD OGGETTO: PROVVEDIMENTI NEI CONFRONTI DELL ACCRESCIUTA PRESENZA DI ZANZARE A FIRMA DEI CONSIGLIERI P. MICHELI E G. ROSA Passiamo al secondo punto all O.d.G. Interrogazione n. 30 del ad oggetto: provvedimenti nei confronti dell accresciuta presenza di zanzare, a firma dei Consiglieri Micheli e Rosa. Consigliere Micheli, se vuole. Prego. Un attimo solo. Prego Consigliere Micheli. CONSIGLIERE MICHELI PAOLO Grazie. Questa sera ci sono temi più importanti, altri più leggeri sicuramente. Certamente il tema, il problema delle zanzare non è di questo periodo. Siamo in Novembre, quindi è già passata la stagione. È anche vero che quest estate da parte di diversi cittadini, soprattutto del Villaggio ambrosiano, ci sono state delle lamentele in questo senso. Abbiamo detto, visto che dal problema ne siamo appena usciti, cerchiamo di vedere come è andata. Quel che è successo quest anno, vedere come si può correggere per portarsi avanti per l anno prossimo. L interrogazione riprende l ordinanza sindacale n. 7 del ad oggetto: misure di lotta per il contenimento di zanzare. Ho qua l ordinanza. In pratica c erano due o tre punti che secondo me sono più interessanti da ricordare. C è un punto in cui si diceva che il Comune di Segrate provvederà ad implementare l effettuazione diretta di trattamenti adulticidi. L ordinanza dava una serie di indicazioni per la popolazione. Ovviamente la lotta alle zanzare non la fa soltanto il Comune, ma la fa anche la popolazione. Diceva: i soggetti gestori responsabili o che comunque abbiano l effettiva disponibilità di aeree strutturate con sistema di raccolta acque meteoriche ecc. e poi ci sono una serie di evitare e procedere e così via. Alla fine c erano 6

7 delle sanzioni. La violazione della presente ordinanza comporta la sanzione amministrativa di 100 Euro. L interrogazione chiede questo. Considerato che a testimonianza di numerosi cittadini l estate appena trascorsa è stata caratterizzata da presenze di zanzare largamente superiore a quella degli anni precedenti, chiediamo all Assessore: quali sono stati concretamente gli interventi effettuati nel 2011 dall Amministrazione Comunale e se sono stati effettivamente implementati rispetto agli anni precedenti come è previsto nell ordinanza; in cosa consiste concretamente il sistema di monitoraggio e di sorveglianza dell infestazione da Zanzara tigre citato nell ordinanza e che risultati ha dato; quanti e quali sono stati concretamente gli interventi per verificare che i privati e le aziende abbiano effettivamente ottemperato a quanto previsto nell ordinanza e quante sono state le sanzioni erogate per le violazioni eventualmente accertate. La sostanza è questa: se noi facciamo l ordinanza, però poi non vengono fatte le multe, vuol dire che l ordinanza viene fatta, ma poi non ha senso. Se non si ritiene opportuno in futuro anticipare e rendere più incisive ed efficaci le misure di prevenzione, comprese quelle naturali e biologiche, e disinfestazione contro la zanzara e le malattie che può provocare nei cittadini. Grazie. Grazie Consigliere Micheli. Assessore Orrico, prego, a lei. ASSESSORE ORRICO FERDINANDO Buonasera. Prima di rispondere, di leggere la risposta che è piuttosto lunga e articolata, che leggerò molto lentamente in modo che si possa capire, volevo fare una premessa. Il Villaggio ambrosiano, come qualche altra zona di Segrate, purtroppo, e dico purtroppo, di pubblico ha ben poco. Sul Villaggio ambrosiano ci sarà il 10% di pubblico e il 90 % di privato. Questo presuppone una diversa soluzione che vedremo di trovare l anno prossimo e un dialogo diverso con gli abitanti di Redecesio piuttosto che, pardon del Villaggio ambrosiano piuttosto che di San Felice, piuttosto che di qualche altro posto, perché ci vorrà un intervento direi più cosciente e più 7

8 importante anche da parte dei cittadini privati, altrimenti il problema delle zanzare non si risolverà mai. Vedremo come fare e vedremo come venire incontro a questo discorso. Adesso vi leggo la risposta alle quattro domande con la speranza che le risposte siano esaurienti. Alla prima risposta dico che abbiamo un contratto, il nostro contratto del 26 Maggio 2010, della durata di 5 anni decorrenti dal 1 Marzo 2010 al 28 Febbraio E relativo all appalto del servizio di disinfestazione e derattizzazione che attualmente è in essere. Prevede la realizzazione di interventi generali di disinfestazione larvicida e adulticida da zanzare. Il primo tipo di trattamento, nella misura di 10 interventi l anno effettuati in tutto il territorio comunale, viene eseguito dal mese di Marzo al mese di Luglio presso fossi, canali, fontane e presso i circa tombini stradali del Comune e in tutti quei luoghi dove è più probabile il formarsi di ristagni d acqua in cui proliferano le larve di zanzare. Il successivo trattamento, quello adulticida nella misura di 10 interventi l anno, effettuato in tutto il territorio comunale anche questo, viene eseguito dal mese di Maggio ad Ottobre con cadenza quindicinale presso tutte le aree a verde pubblico che sono circa mq; inoltre, nell arco di un anno, vengono eseguiti nelle aree oggetto di manifestazioni patrocinate dall Amministrazione Comunale ben 60 interventi mirati. Ciò esposto, si riferisce che gli interventi sono stati implementati dal 2010, ai sensi del nuovo contratto di servizio, passando da 7 a 10 interventi generali all anno, sia larvicidi che adulticidi e da 30 a ben 60 interventi mirati all anno nelle aree oggetto di manifestazioni patrocinate dall Amministrazione Comunale. Questa è la risposta al primo punto. Secondo punto. Il sistema di monitoraggio e sorveglianza dell infestazione della Zanzara tigre è in capo all Istituto di Entomologia della Facoltà di Agraria dell Università Statale degli Studi di Milano che ha effettuato negli anni passati sopralluoghi e campionamenti anche nel territorio comunale di Segrate. Anche l Amministrazione Comunale nell anno 2004, tramite la propria impresa appaltatrice, ha effettuato un monitoraggio sulla distribuzione territoriale e concentrazione della Zanzara tigre utilizzando trappole attrattive ad anidride carbonica posizionate per periodi 8

9 di 15 giorni in ogni singola zona e poi spostate di volta in volta in altre postazioni. Tali trappole hanno portato alla cattura di tutte le specie presenti di zanzare. Le stesse sono state portate presso l Istituto di Entomologia. La Zanzara tigre è diffusa uniformemente, purtroppo, su tutto il territorio. È presente in numero rilevante parimenti alla distribuzione riscontrabile in tutta la Pianura padana. Il monitoraggio tramite la conta degli individui viene ancora effettuato dall impresa appaltatrice solo ai fini di testare l efficacia dei trattamenti effettuati. La risposta invece alla terza domanda è molto più breve. A seguito di segnalazione e/o richieste sono stati effettuati da parte del Comando di Polizia locale due sopralluoghi congiunti con la Sezione Ambiente Ecologia in Via Borrioli e in Residenza Cantone a Milano due. In tali occasioni sono state elevate due sanzioni per violazione dell ordinanza. Punto quattro, ultimo punto. La Zanzara tigre compare successivamente alle altre specie di zanzare da fine Maggio ai primi di Giugno, quando il clima è molto caldo e scompare ai primi freddi. I trattamenti adulticidi possono essere eseguiti solo a partire da fine Maggio nel rispetto delle Leggi nazionali e regionali a tutela degli apicoltori. I prodotti infatti non possono essere utilizzati durante il periodo di fioritura delle piante. È evidente che la proliferazione delle zanzare è fortemente vincolata alle condizioni meteo-climatiche. Infatti l acme viene raggiunto e si mantiene sino al perdurare delle condizioni di clima caldo/umido, come si è verificato purtroppo nel corso della scorsa stagione estiva che è stata caratterizzata dalla permanenza di alte temperature climatiche sino ai primi di Ottobre. Questo è uno dei motivi principali del fatto che le zanzare sono durate fino a tardi e ce ne sono state in quantità industriali, come si suol dire. Altro fattore influente e comportante la necessità di ripetere alcuni trattamenti, poiché gli interventi di disinfestazione sono soggetti alla variazione delle condizioni meteorologiche e ambientali, è dato dalla perdita di effetto del prodotto utilizzato, in quanto lo stesso subisce una riduzione qualora venga in parte dilavato dalla pioggia o dalla irrigazione automatica, quest ultima potenziata recentemente nelle aree verdi del territorio. 9

10 I prodotti utilizzati per entrambi i trattamenti sia i larvicidi che gli adulticidi sono biologici e naturali, a bassa tossicità per l uomo e per gli animali. Vengono infatti adoperati prodotti biologici a base di bacillus thuringiensis - se ho letto bene di diflubenzuron qualcosa del genere e prodotti naturali a base di piretro. Occorre tenere conto però che, affinché abbiano efficacia gli interventi predisposti sulle aree pubbliche, vengano adottati dai cittadini alcuni comportamenti individuali di tipo preventivo nella lotta delle zanzare, quello che dicevo all inizio. Pertanto l Amministrazione Comunale emette annualmente un ordinanza sindacale contenente le prescrizioni indispensabili per ridurre la loro proliferazione, con particolare riferimento alla prevenzione delle Zanzare tigre. Con l ordinanza diffusa e pubblicizzata mediante affissione in spazi pubblici, vengono rivolte alla cittadinanza e in particolare ai proprietari e ai conduttori di edifici, oltre che alle aziende soprattutto agricole e zootecniche, le regole da seguire per agire efficacemente nella lotta alle zanzare. Ad oggi l Amministrazione Comunale ha messo in atto tutte le politiche e tutti gli accorgimenti tecnici atti al contenimento della presenza di zanzare e di insetti infestanti, con particolare attenzione alla Zanzara tigre, causa di disagio alla popolazione nella stagione estiva, allineandosi alle direttive di sorveglianza sanitaria impartite dalla Regione Lombardia per l attuazione di un azione omogenea e uniforme su tutto il territorio regionale. Grazie. Grazie Assessore Orrico. Consigliere Micheli, se vuole. Prego Consigliere Micheli. CONSIGLIERE MICHELI PAOLO Grazie Assessore. Non ho molto da replicare, anche perché le risposte sono arrivate adesso. Faccio fatica a contribuire al dibattito. Da quello che ho capito mi sembra che le lamentele siano arrivate soprattutto, almeno a noi, dagli abitanti del Villaggio ambrosiano. La parte che mi è piaciuta di più della sua risposta è la prima, quando ci diceva che oltre ovviamente alle ammende che hanno la funzione di spingere i cittadini a cercare di fare anche nel loro 10

11 privato qualcosa per la disinfestazione, magari, chissà il Comune riuscirà a promuovere iniziative comuni per fare la disinfestazione anche nei giardini privati. Grazie Consigliere Micheli. 11

12 COMUNE DI SEGRATE CONSIGLIO COMUNALE DEL 14 NOVEMBRE 2011 P. N. 3 O.d.G. INTERROGAZIONE N. 31 DEL AD OGGETTO: NUOVE ROTATORIE SULLA CASSANESE TRA SEGRATE CENTRO E ROVAGNASCO-VILLAGGIO A FIRMA DEI CONSIGLIERI P. MICHELI E G. ROSA Passiamo al terzo punto all O.d.G. Interrogazione n. 31 del ad oggetto: nuove rotatorie sulla Cassanese tra Segrate centro e Rovagnasco villaggio a firma dei Consiglieri Micheli e Rosa. Consigliere Micheli, se si vuole prenotare, grazie. Prego Consigliere. CONSIGLIERE MICHELI PAOLO Ho chiesto gentilmente se fosse possibile avere una piantina della rotatoria, quella che riuscite a vedere qua. In pratica, adesso vi leggo l interrogazione, ma nella sostanza ci sono stati segnalati da parte dei cittadini diversi inconvenienti relativi a questa rotatoria, un po perché non è stata terminata, un po perché qualcuno ci racconta che è complicata per chi si muove, soprattutto quando incontrano i camion. Adesso ho preso il laser. Ad esempio in questo punto c è un semaforo. Ci dicono che è pericoloso. Ci raccontano che per le biciclette l attraversamento è estremamente pericoloso oppure questo passaggio pedonale che doveva essere previsto ancora non è stato realizzato. In buona sostanza ci viene detto - e devo dire che l ho sperimentato anch io perché mi è capitato di attraversare questa rotatoria in bicicletta per andare e venire da Segrate - che ancora questa rotatoria è abbastanza pericolosa. È anche un esperimento, mi sembra di aver visto. Noi settimana l altra abbiamo fatto un comunicato stampa spiritoso. Il senso del comunicato era che ci rendiamo conto che l esperimento della rotatoria a otto non è una cosa stra-sperimentata in Italia. È una cosa che si è visto da qualche parte, ma non è una cosa ancora totalmente affidabile. Il senso di questa interrogazione è: proviamo a chiedere ai nostri Vigili e alla nostra Polizia cosa ne 12

13 dicono, qual è stata la loro sensazione in questo periodo. Leggo l interrogazione, anzi, no, facciamo così. Vi leggo un altra cosa che è più interessante. Vi leggo una mail che è arrivata da un cittadino. La leggo, perché un po fa ridere, in realtà dice delle cose interessanti che possono servire al dibattito. Tenga presente il tempo. CONSIGLIERE MICHELI PAOLO Sì, faccio in fretta. Gilberto scrive: Delle due rotatorie scrive che mi ricordano i Pavesini, ma sono molto meno digeribili, quella che collega il Villaggio ambrosiano al centro di Segrate mi sembra non pazza, ma lui dice delinquenziale. Chi arriva da Milano sulla Cassanese si trova di fronte un qualcosa che non assomiglia lontanamente a una rotonda; soprattutto se il semaforo pedonale passa al verde dopo il passaggio di qualche pedone, non viene spontaneo dare la precedenza a chi per esempio proviene dal Villaggio o venendo da Pioltello vuole entrare in Segrate centro cioè in Via Gramsci. Il semaforo è troppo vicino alla rotonda, non si vedono i veicoli all interno della rotonda per via dei New Jersey e la sagoma della rotonda è decisamente rastremata tale da sembrare un proseguimento della Cassanese senza intoppi. Chi invece proviene da Via Conte Suardi, deve fare una rampa per potersi immettere nella rotonda con la Cassanese, ma anche qui il povero automobilista, oltre a dover manovrare in salita, non vede le autovetture provenienti da Milano che hanno ormai preso un andatura sostenuta per via dei New Jersey e della differenza di altezza delle strade. Per la stessa ragione gli automobilisti della Via Cassanese non vedono chi proviene dalla strada di destra, non prestando attenzione ad un eventuale situazione di pericolo, anche se esiste un segnale di dare la precedenza. A mio parere scrive Gilberto l altra rotatoria Pavesini cioè quella di Rovagnasco crea meno problemi, perché meglio sagomata. È più facile capire che si deve dare la precedenza alle auto che sono nella rotatoria, perché le dimensioni della rotatoria permettono meglio di visualizzare il traffico. 13

14 Potrà darsi che in futuro, quando le rotatorie saranno finite, i problemi diminuiranno, ma per ora stiamo molto attenti. Ha mandato questa lettera a noi, ma vedo anche all Urp del Comune di Segrate. È qualcosa che è arrivata anche a voi. Grazie Consigliere Micheli. Assessore Rebellato. Assessore Rebellato, risponde lei? Se si vuole prenotare. Prego Assessore. ASSESSORE REBELLATO MARTINO Ho sentito che non avete letto Direi di sì, anche se sono contento della lettera dei Pavesini, è molto bella. Un attimo solo. Prego Consigliere Micheli. CONSIGLIERE MICHELI PAOLO Chiedo al Sindaco e all Assessore Rebellato quale sia l attuale cronoprogramma dei lavori delle due rotatorie, quale sia l attuale valutazione da parte della locale Polizia della situazione di pericolosità delle due rotatorie e quali misure siano state eventualmente previste o adottate. Grazie Consigliere Micheli. Assessore Rebellato. Prego. ASSESSORE REBELLATO MARTINO Rispondo a quella che è l interrogazione. Le opere di riqualificazione della Cassanese rappresentano parte dello standard qualitativo del PII, Centro Parco lotto 1, approvato dal Consiglio Comunale con delibera 14/2008, del 5 Febbraio 2008, cioè quando la strada Cassanese era ancora di proprietà e di competenza provinciale. Il progetto esecutivo dell opera è stato autorizzato dalla Provincia in data 6 Maggio Come 14

15 è noto con l atto di trasferimento al Comune della strada provinciale 103 Cassanese avvenuta il 26 Novembre 2011, il Comune ha assunto l impegno di mantenere la strada di categoria D e per tanto di mantenerla con le caratteristiche previste dal progetto approvato dalla Provincia. Salvo ulteriori imprevisti tecnici, la rotonda di Via Roma, Monzese, dovrebbe essere ultimata il 31 Dicembre 2011, mentre la seconda entro Marzo 2012 congiuntamente al completamento delle piste ciclabili e la sistemazione del tratto della Cassanese coinvolto dal progetto. Per quanto riguarda la valutazione della Polizia, si espone quanto segue. Si è provveduto a far spostare il semaforo pedonale posizionato provvisoriamente a seguito dei lavori a ridosso della rotonda in una posizione più idonea che consentisse l allestimento tempestivo dei pedoni. I tempi di attraversamento sono stati mantenuti come erano precedentemente impostati, anzi si è provveduto ad aumentare di alcuni secondi il rosso del semaforo per le auto. Per quanto attiene all attraversamento dei ciclisti, questi, essendo velocipedi, considerati veicoli, devono adottare le stesse norme dei pedoni e condurre il velocipede a mano dove è possibile, attraversamento. Inoltre è in via di realizzazione la pista ciclabile di Via Papa Giovanni a Milano due ed è prossima la realizzazione del tratto di Via Di Vittorio e di Via Papa Giovanni. La difficoltà della circolazione segnalata è principalmente dovuta a problemi logistici, in quanto tutta l area di cantiere, peraltro ben segnalato, in cui il limite di velocità è stato ridotto a 30 km/h. Questi problemi si risolveranno a fine lavori, come già riscontrato nella rotonda Cassanese, Monzese, San Rocco, Roma. Per migliorare la visibilità, resa carente dalla presenza di New Jersey in cemento che delimitano tutto il perimetro della rotonda non terminata, è stato chiesto dal Comando della Polizia locale all impresa che segue i lavori di arretrare nell immissione della Cassanese sulla rotonda provenendo da Pioltello il manufatto in cemento e sostituendolo con quello in plastica che consente una migliore visibilità. Questa è la risposta che è stata fatta da parte del Sindaco. È ovvio ed evidente che, quando ci sono dei lavori, delle anomalie ci sono, delle problematiche ci sono. Ci 15

16 sono problematiche sia dal punto di vista tecnico e sia dal punto di vista progettuale. Il progetto è stato fatto dalla Provincia. Ci sono alcune pecche, ma sono pecche che possono essere tranquillamente rimediate soprattutto sulla lunghezza di quello che sarà la cantieristica. Ad esempio per una cattiva organizzazione non sapevamo che dove c era la rotonda all uscita del Villaggio, c era una tubazione del gas e c è una roggia che deve essere tombinata per poter fare ed eseguire una curva più ampia e meno pericolosa di quella che c è. Si è creato tutto questo problema, perché purtroppo il passaggio tra la Provincia e il Comune non è stato credo il massimo. Quando uno costruisce e fa un Tavolo di lavoro, le prime cose da fare sono i discorsi tecnici. Evidentemente la Provincia ha avuto delle problematiche o forse, non lo so, non è un problema che riguarda noi. Il problema che riguarda noi è che ci hanno causato questi disagi. Questa creazione di queste rotonde un po diverse da quello che dovevano essere e che comunque saranno rimesse subito in sicurezza. Soprattutto quando sarà finito il lavoro, sarà rispettato quello che il progetto dà e con la pericolosità che c è adesso, perché c è la cantieristica, ma in futuro alla finitura non ci saranno più. Grazie. Grazie Assessore Rebellato. Consigliere Micheli, vuole il diritto Si prenoti, Consigliere. Prego Consigliere Micheli. CONSIGLIERE MICHELI PAOLO Lei dice che è un progetto della Provincia. Qui c è scritto di Iniziative srl. Mi pare del Comune in realtà, non della Provincia. Io ho questo progetto, però non lo so. Lo paga il Comune Iniziative srl, probabilmente il committente è il Comune e non la Provincia. Registro soltanto questo. Comunque sia, al di là delle responsabilità, direi che poco importa, mi sembra che lei abbia centrato abbastanza il centro del problema della questione. I tempi della costruzione di questa rotatoria si sono dilatati eccessivamente. Per tutti noi che facciamo avanti e indietro tra il Villaggio e Segrate centro attualmente questa rotatoria è pericolosa. È pericolosa 16

17 per i ciclisti, è pericolosa per i motociclisti, è pericolosa per chi va in macchina, è pericolosa per chi attraversa. Il semaforino che c è adesso là è oggettivamente pericoloso. A me e ai miei parenti è capitato un paio di volte di inchiodare all ultimo perché non avevamo visto il semaforo. Non lo so. L avvertenza che interessa tutti è che questa cosa proceda il più in fretta possibile. Azionatevi come potete con gli strumenti che avete. Grazie Consigliere Micheli. 17

18 COMUNE DI SEGRATE CONSIGLIO COMUNALE DEL 14 NOVEMBRE 2011 P. N. 4 O.d.G. INTERROGAZIONE N. 32 DEL AD OGGETTO: AREA CANI IN VIA SAN ROCCO A FIRMA DEI CONSIGLIERI P. MICHELI E G. ROSA Passiamo al punto n. 4. Interrogazione n. 32 del ad oggetto: area cani in Via San Rocco, a firma dei Consiglieri Micheli e Rosa. Consigliere Micheli, vuole prenotarsi? Prego Consigliere Micheli. CONSIGLIERE MICHELI PAOLO Questa sera trattiamo davvero tutto, dai cani alle zanzare, dice la Radaelli. Si tratta di questo. Sappiamo che l Amministrazione ha realizzato negli ultimi anni un certo numero di cosiddette aree cani che consentono ai vari proprietari di far correre i cani. Che io sappia le aree cani sono molto apprezzate dai cittadini. Da diversi cittadini sono stati segnalati alcuni disagi relativi all area cani del Centro Parco, cioè quella di Via San Rocco. A noi è stato detto questo, poi sono andato a verificare ed effettivamente è così: manca l illuminazione e soprattutto d inverno, quando fa buio, cioè a quest ora quando i padroni tornando dal lavoro portano il cane, la zona è completamente al buio. Si lamentano le donne di questo in particolare. Dicono che devono portare il cane in quest area e non si sentono sicure. Mancano gli alberi e d estate nella zona l ombra è ridotta. Le poche zone d ombra che ci sono, sono lontane dall area cani. Siccome i proprietari devono tenere d occhio per mezzore intere i cani, rischiano un insolazione. Si lamentano del fatto che c è troppo sole. Sono stati piantati degli alberi, ma non sul perimetro del prato vicino all area cani e sono abbastanza lontani. Siccome il prato è grande, hanno qualche difficoltà. Inoltre dicono che servirebbe una fontana per fare bere i cani che purtroppo in questo momento per bere si impaludano nella roggia e si imbattono nelle nutrie, mi dicono, se non nelle pantegane. Infine i distributori dei sacchetti degli escrementi sarebbero utili. Ovviamente sono stati 18

19 gestiti come quelli che c erano in passato nelle altre aree cani ed è meglio lasciar perdere. In pratica, i sacchetti c erano per i primi due mesi. Poi non sono stati più ricaricati. Alla fine sono stati distrutti dai vandali. Velocemente questa interrogazione chiede quale sia in dettaglio la situazione delle varie aree cani del territorio comunale e se si ritenga possibile ed opportuno migliorare in particolare l utilizzo dell area cani del percorso di Segrate centro e Via San Rocco, relativamente a quello che ho raccontato prima. Grazie Consigliere Micheli. Assessore Rebellato, vuole prenotarsi? Prego Assessore Rebellato. ASSESSORE REBELLATO MARTINO Leggo. In merito all interrogazione per quanto in oggetto si riscontra quanto segue. In generale tutte le aree cani realizzate nel corso degli anni hanno un generale apprezzamento da parte della cittadinanza, visto il buon utilizzo da parte dell utenza. Le stesse vengono controllate in particolare l area cani ubicata all interno del Centro Parco di Via San Rocco, si procederà a breve all installazione di una fontanella per abbeverare i cani. I distributori di sacchetti sono stati rimossi ovunque in quanto oggetto di continuo vandalismo. In merito all illuminazione, si informa che nessuna delle aree cani ha un impianto dedicato, mentre usufruiscono tutti dell illuminazione generale dei parchi e dei giardini all interno dei quali trova una collocazione. Basta, grazie. Grazie Assessore Rebellato. Un attimo solo. Consigliere Micheli, prego, a lei la parola. CONSIGLIERE MICHELI PAOLO Velocemente. Non sono molto soddisfatto, soprattutto per la questione dell illuminazione. La questione dell illuminazione in quel parco è un problema. E un problema che va affrontato al di là dell area cani nello specifico. Lì bisogna trovare il 19

20 modo di illuminare un po di più quell area che attualmente è pericolosa per chi gira la sera. Grazie per la risposta. Grazie Consigliere Micheli. 20

Oggetto: Provvedimenti per la prevenzione e il controllo della infestazione da ditteri culicidi nel territorio comunale.

Oggetto: Provvedimenti per la prevenzione e il controllo della infestazione da ditteri culicidi nel territorio comunale. Provincia di Milano Via Viquarterio, n. 1 20090 Pieve Emanuele - Cod. Fisc. 80104290152 P. IVA 04239310156 Ufficio Ecologia - Tel.: 0290788357; Fax: 0290788355; sito: www.comune.pieveemanuele.m.it; e -mail:

Dettagli

Ordinanza sindacale anno 2011

Ordinanza sindacale anno 2011 SCHEMA D INDIRIZZO PER LA PRESENTAZIONE DEL PIANO DI INTERVENTO DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONE anno 2011 DATI GENERALI Nome del Comune. Referente Comunale - Responsabile Uff. Ambiente o suo delegato

Dettagli

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE.

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PUNTO N. 6 DEL 27/06/2011 OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PRESIDENTE: Prima di passare al punto successivo, volevo dire che probabilmente per quanto

Dettagli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Allegato 1 PUNTO N. 6 all'o.d.g.: Progetto di Riqualificazione urbana Lidi di Comacchio in sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Scacchi Prestito obbligazionario "Comune di Comacchio

Dettagli

Sono presenti i ragazzi della Scuola Primaria, della Scuola Secondaria di 1 grado e del Collegio S. Antonio di Busnago.

Sono presenti i ragazzi della Scuola Primaria, della Scuola Secondaria di 1 grado e del Collegio S. Antonio di Busnago. 31 gennaio 2009 Consiglio comunale ragazzi Verbale Consiglio Comunale dei di sabato 31 gennaio 2009 La riunione si apre alle ore 11.05 con il seguente Ordine del Giorno: 1. Elezione del Sindaco 2. Varie

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma. La nostra città mi piace molto, ma negli ultimi

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

Oggetto: Provvedimento per la prevenzione ed il controllo dell infestazione da Aedes Albopictus (zanzara tigre) nel territorio comunale Anno 2010.

Oggetto: Provvedimento per la prevenzione ed il controllo dell infestazione da Aedes Albopictus (zanzara tigre) nel territorio comunale Anno 2010. Comune di VILLASANTA SETTORE LAVORI PUBBLICI Ufficio Ecologia Piazza Martiri della Libertà, 7 20058 VILLASANTA Telefono 03923754222 Fax 0392050231 e-mail: tecnico@comune.villasanta.mi.it ORDINANZA N. 61/2010

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano GABRIELLA tanti master,

Dettagli

MACARIOPOLI POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario

MACARIOPOLI POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario MACARIOPOLI O POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario La Terra sembra essere divisa in due parti Una di queste

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A TARANTO 14 settembre 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 16.45.

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A TARANTO 14 settembre 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 16.45. 1/6 MISSIONE A TARANTO 14 settembre 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 16.45. PRESIDENTE. Vi ringrazio della vostra presenza, voi sapete naturalmente, anche per l impegno

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Zanzare: come creare una trappola da una bottiglia di plastica

Zanzare: come creare una trappola da una bottiglia di plastica Zanzare: come creare una trappola da una bottiglia di plastica Caldo in arrivo, e non da solo. Compagne inseparabili della stagione estive sono le zanzare. Come evitare che questi 'simpatici' insetti possano

Dettagli

Strade extraurbane e interramento Rho Monza pag. 31. Riqualificazione delle metrotranvie (Milano Seregno e Milano. Limbiate) pag.

Strade extraurbane e interramento Rho Monza pag. 31. Riqualificazione delle metrotranvie (Milano Seregno e Milano. Limbiate) pag. Una visione di città, per essere completa, non può tralasciare tutto ciò che riguarda il tema dei trasporti. Gli spostamenti, infatti, sono alla base della moderna vita sociale e di relazione, ci spostiamo

Dettagli

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio:

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio: allegato 1) PUNTO N. 3 all O.d.G.: Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina meccanica. Cedo la parola al Sindaco. MARCO FABBRI Sindaco: Sì, grazie

Dettagli

COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA Provincia di Venezia

COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA Provincia di Venezia PROT. N. 6567 San Stino di Livenza 09/05/2013 ORDINANZA N. 31/2013 OGGETTO: provvedimenti urgenti per la prevenzione ed il controllo delle malattie da insetti vettori ed in particolare dalle zanzare. IL

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

COMUNE DI BOBBIO Provincia di Piacenza

COMUNE DI BOBBIO Provincia di Piacenza COMUNE DI BOBBIO Provincia di Piacenza Ordinanza n. 0330 Bobbio lì, 20.09.2007 IL SINDACO VISTA la necessità di intervenire a tutela della salute e dell igiene pubblica per prevenire e controllare malattie

Dettagli

MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010

MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010 MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010 Il cantoniere di Cisterna, Roberto Massocco, ci ha portato un bel bidone

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

PROGRAMMA 03 TERRITORIO E QUALITA URBANA

PROGRAMMA 03 TERRITORIO E QUALITA URBANA PROGRAMMA 03 TERRITORIO E QUALITA URBANA DEMANIO E PATRIMONIO Responsabile: sotto il profilo gestionale Aldini Laura Sotto il profilo di indirizzo amministrativo politico Rebellato Martino Breve descrizione

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

Tavolo: VERDE URBANO

Tavolo: VERDE URBANO Contributi dai cittadini Tavolo: VERDE URBANO 24 0 5 Più verde in città a) Preservare e Aumentare il Verde comune in città. b) Se un albero va tagliato per qualunque motivo automaticamente se ne pianta

Dettagli

Primo Incontro di ascolto in Zona 2

Primo Incontro di ascolto in Zona 2 Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Primo Incontro di ascolto in Zona 2 Cascina Cattabrega,via Trasimeno 49 20 luglio 2015 All incontro hanno preso parte 36 persone. I partecipanti sono stati 25

Dettagli

COMUNE DI CREMONA SETTORE LAVORI PUBBLICI, MOBILITA URBANA E AMBIENTE

COMUNE DI CREMONA SETTORE LAVORI PUBBLICI, MOBILITA URBANA E AMBIENTE COMUNE DI CREMONA SETTORE LAVORI PUBBLICI, MOBILITA URBANA E AMBIENTE Prot. Gen. n. 37631/2015 ORDINANZA PER LA PREVENZIONE ED IL CONTROLLO DELLE MALATTIE TRASMESSE DA INSETTI VETTORI ED IN PARTICOLARE

Dettagli

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Alcuni quesiti per chiarire dubbi interpretativi sulla formazione dei lavoratori prevista dal Testo Unico: cosa significa collaborare con gli

Dettagli

VERBALE N. 94 del 22.12.2014

VERBALE N. 94 del 22.12.2014 VERBALE N. 94 del 22.12.2014 . Prego Assessore Mauro Scroccaro. Ancora grazie. Anche questo

Dettagli

(Durante la discussione esce dall aula il consigliere Amati; sono presenti n. 35 consiglieri).

(Durante la discussione esce dall aula il consigliere Amati; sono presenti n. 35 consiglieri). Il Presidente propone la trattazione dell ordine del giorno n. 53 avente per oggetto: Approvazione del progetto comportante variante agli strumenti urbanistici, relativo alla riqualificazione e potenziamento

Dettagli

AREA SASSI. Sistemazione dell area ubicata in strada Mongreno di fronte al civico 79. Sistemazione generale di Strada Comunale di Sassi.

AREA SASSI. Sistemazione dell area ubicata in strada Mongreno di fronte al civico 79. Sistemazione generale di Strada Comunale di Sassi. AREA SASSI Strada Mongreno limitazione della velocità dei veicoli Strada Mongreno nel suo percorso all interno dell abitato di Sassi insistono una scuola materna e una elementare, è una via particolarmente

Dettagli

CITTA' DI LEGNAGO. AMBIENTE, SIC. PROTEZIONE CIVILE, ESPROPRI 3 SETTORE Via XX Settembre 29-37045 Legnago (Verona) ORDINANZA SINDACALE IL SINDACO

CITTA' DI LEGNAGO. AMBIENTE, SIC. PROTEZIONE CIVILE, ESPROPRI 3 SETTORE Via XX Settembre 29-37045 Legnago (Verona) ORDINANZA SINDACALE IL SINDACO CITTA' DI LEGNAGO AMBIENTE, SIC. PROTEZIONE CIVILE, ESPROPRI 3 SETTORE Via XX Settembre 29-37045 Legnago (Verona) Reg. Ord. n.107 del 23/03/2015 prot. n. 9309 ORDINANZA SINDACALE OGGETTO: CONTENIMENTO

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COPIA WEB Deliberazione N. 8 In data 27.02.2014 Prot. N. 4234 OGGETTO: COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Sessione ordinaria

Dettagli

PROGETTO DI LOTTA ALLE ZANZARE AREA METROPOLITANA TORINESE - ANNO 2012 - COMUNE DI NONE

PROGETTO DI LOTTA ALLE ZANZARE AREA METROPOLITANA TORINESE - ANNO 2012 - COMUNE DI NONE PROGETTO DI LOTTA ALLE ZANZARE AREA METROPOLITANA TORINESE - ANNO 2012 - COMUNE DI NONE STATO AVANZAMENTO LAVORI FINE 2012 Il Tecnico di Campo Lencia Renzo Il Referente Tecnico Scientifico Andrea Mosca

Dettagli

In viaggio da Brescia a Milano sulla Brebemi Il tracciato

In viaggio da Brescia a Milano sulla Brebemi Il tracciato In viaggio da Brescia a Milano sulla Brebemi Il tracciato Il Collegamento Autostradale Brescia - Bergamo - Milano (in breve Brebemi) consentirà viaggi veloci e sicuri su un sistema viabile integrato nel

Dettagli

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Laurea Magistrale in Architettura e innovazione Sviluppo Urbano Sostenibile AA 2013-14 Prof. Maria Rosa Vittadini mariaros@iuav.it Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Piani urbani

Dettagli

Il Metodo GOPP: Goal Oriented Project Planning 1

Il Metodo GOPP: Goal Oriented Project Planning 1 Il Metodo GOPP: Goal Oriented Project Planning 1 La progettazione partecipata nel PROCESSO CASCINA PARTECIPA! Che cosa si intende per progettazione? Quando progettiamo, tentiamo di modificare in meglio

Dettagli

MoVimento 5 Stelle Castelfranco Emilia INTERPELLANZA

MoVimento 5 Stelle Castelfranco Emilia INTERPELLANZA Al Sindaco Stefano Reggianini Al Presidente del Consiglio Comunale Renzo Vincenzo Alla Giunta Comunale All Assessore competente Castelfranco Emilia, 08/05/2015 INTERPELLANZA Oggetto Disagio frazione di

Dettagli

COMITATO CITTADINO Colline e Valli di Pietralata CARTA DELLE PRIORITA 2010 ALLEGATI

COMITATO CITTADINO Colline e Valli di Pietralata CARTA DELLE PRIORITA 2010 ALLEGATI COMITATO CITTADINO Colline e Valli di Pietralata CARTA DELLE PRIORITA 2010 ALLEGATI 1. PARCO DI COLLINA LANCIANI. 2. REALIZZAZIONE PARCO PERTINI, DELLA LUDOTECA E DEL CENTRO ANZIANI 3. NUOVA VIABILITÀ

Dettagli

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail. Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

Regione Molise -58- Resoconti Consiliari

Regione Molise -58- Resoconti Consiliari Regione Molise -58- Resoconti Consiliari RISPOSTA ALL INTERROGAZIONE CON RISPOSTA ORALE E SCRITTA, A FIRMA DEI CONSIGLIERI FEDERICO E MANZO, PER AVERE INFORMAZIONI CIRCA LO STATO DEI LAVORI PREDISPOSTI

Dettagli

ANAGNINA-TOR VERGATA CORRIDOIO DEL TRASPORTO PUBBLICO. 17 settembre 2009. Inaugurazione

ANAGNINA-TOR VERGATA CORRIDOIO DEL TRASPORTO PUBBLICO. 17 settembre 2009. Inaugurazione ANAGNINA-TOR VERGATA CORRIDOIO DEL TRASPORTO PUBBLICO Inaugurazione 17 settembre 2009 Inizio lavori 28 gennaio 2008 Inaugurazione 17 settembre 2009 Importo contrattuale 10.800.000 Stazione appaltante:

Dettagli

Breve corso di educazione stradale per i ragazzi

Breve corso di educazione stradale per i ragazzi Breve corso di educazione stradale per i ragazzi L importanza delle regole Perché esistono le regole? Perché se non esistessero regnerebbe il caos totale. Le regole sono necessarie perché senza esse nulla

Dettagli

CICLOPISTA DELL ARNO: DA FIRENZE (Ponte all Indiano) ALLE SIGNE

CICLOPISTA DELL ARNO: DA FIRENZE (Ponte all Indiano) ALLE SIGNE CICLOPISTA DELL ARNO: DA FIRENZE (Ponte all Indiano) ALLE SIGNE Resoconto di un sopralluogo sull anello Firenze (ponte all Indiano), Scandicci, Lastra a Signa, Signa, San Donnino, Firenze(ponte all Indiano)

Dettagli

QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA

QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA Scuola Classe Età Sesso. 1. Dove abiti? 2. Come sei venuto oggi a scuola? A piedi In bicicletta In autobus (urbano) In automobile In autobus (extraurbano) Altro.

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA Provincia di Reggio Emilia ORDINANZA N. 02 DEL 31/03/2012 IL SINDACO Vista la necessità di intervenire a tutela della salute e dell igiene pubblica per prevenire e controllare malattie infettive trasmissibili all uomo attraverso

Dettagli

Comune di Inveruno Provincia di Milano

Comune di Inveruno Provincia di Milano Comune di Inveruno Provincia di Milano ORDINANZA N 6 PROT. N. 2634 Inveruno, 01 Marzo 2010 OGGETTO: PROVVEDIMENTI PER LA PREVENZIONE E IL CONTROLLO DELL'INFESTAZIONE DA AEDES ALBOPICTUS (ZANZARA TIGRE)

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DELL 11.07.2013 Interventi dei Sigg.ri Consiglieri. Approvazione verbali seduta precedente

CONSIGLIO COMUNALE DELL 11.07.2013 Interventi dei Sigg.ri Consiglieri. Approvazione verbali seduta precedente CONSIGLIO COMUNALE DELL 11.07.2013 Interventi dei Sigg.ri Consiglieri Approvazione verbali seduta precedente Buonasera a tutti i cittadini presenti, al signor Sindaco, al segretario Emanuele dott. Mirabile,

Dettagli

E L AUTO A EMISSIONI ZERO (O QUASI)

E L AUTO A EMISSIONI ZERO (O QUASI) GLI ITALIANI, LA MOBILITA E L AUTO A EMISSIONI ZERO (O QUASI) Le aree metropolitane Per la prima volta, la ricerca si concentra anche sulle grandi aree metropolitane, oltre che sull intera popolazione

Dettagli

La circolazione delle biciclette in doppio senso di marcia

La circolazione delle biciclette in doppio senso di marcia La circolazione delle biciclette in doppio senso di marcia PREMESSA Il tema della mobilità sostenibile è divenuto ormai oggetto quotidiano di confronto e di impegno istituzionale. Il Nuovo Codice della

Dettagli

IL CESIO-137 A BRESCIA (1)

IL CESIO-137 A BRESCIA (1) IL CESIO-137 A BRESCIA (1) L «EX CAVA PICCINELLI» DI VIA CERCA Nei pressi dell'"ex cava Piccinelli" di via Cerca Alle porte di Brescia, nei pressi dello stabilimento Alfa Acciai, c è un terreno pieno zeppo

Dettagli

Standard di sicurezza e nuove frontiere tecnologiche per l energia nucleare

Standard di sicurezza e nuove frontiere tecnologiche per l energia nucleare ANTONIO COSTATO, Vicepresidente per l energia e il mercato di Confindustria. Signor presidente, sono qui non per fare una presentazione, ma per fare delle considerazioni di carattere generale e politico,

Dettagli

COMUNE DI VILLA D ADDA Provincia di Bergamo

COMUNE DI VILLA D ADDA Provincia di Bergamo Prot. n. 3244 Ordinanza n. 10/12 PROVVEDIMENTI PER LA PREVENZIONE ED IL CONTROLLO DELLE MALATTIE TRASMESSE DA INSETTI VETTORI ED IN PARTICOLARE DALLA ZANZARA TIGRE (AEDES ALBOPICTUS) IL SINDACO Vista la

Dettagli

Rivoluzione. elettrica INCHIESTA. Semplicità costruttiva

Rivoluzione. elettrica INCHIESTA. Semplicità costruttiva Rivoluzione elettrica Semplicità costruttiva Veicoli ibridi plug-in con motore elettrico e termico in parallelo, veicoli extended range, con un picco- MARCO ZAMBELLI nell automotive La tecnologia è pronta,

Dettagli

B.4 ANALISI DI SICUREZZA DI UNA STRADA ESISTENTE IN

B.4 ANALISI DI SICUREZZA DI UNA STRADA ESISTENTE IN B.4 ANALISI DI SICUREZZA DI UNA STRADA ESISTENTE IN AMBITO EXTRAURBANO B.4.1 INTRODUZIONE 1. Questo rapporto descrive un analisi di sicurezza di fase 5 condotta su una strada in esercizio (SS xx Km 78-90).

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

E quindi un emorragia di cervelli

E quindi un emorragia di cervelli Intervistato: Angelo Colaiacovo, Sindaco di Aliano Soggetto: prospettive per i giovani, Parco Letterario Carlo Levi, vivibilità di Aliano Luogo e data dell intervista: Aliano, agosto 2007 Audio file: Colaiacovo_2

Dettagli

PIANO DI LOTTIZZAZIONE

PIANO DI LOTTIZZAZIONE Settore Urbanistica ed Edilizia Privata Comune di Cittadella Servizio Urbanistica Relazione tecnico descrittiva PIANO DI LOTTIZZAZIONE già denominato Brotto Ianeselli Spazio riservato all Ufficio Protocollo

Dettagli

BILANCIO PARTECIPATIVO: ECCO I RISULTATI Gettonati soprattutto parchi e piste ciclabili

BILANCIO PARTECIPATIVO: ECCO I RISULTATI Gettonati soprattutto parchi e piste ciclabili BILANCIO PARTECIPATIVO: ECCO I RISULTATI Gettonati soprattutto parchi e piste ciclabili Si è chiusa lo scorso 30 settembre la prima fase del bilancio partecipativo. Nelle righe che seguono diamo conto

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

REPORT. dei gruppi di discussione. per il bilancio partecipativo sul verde pubblico e la manutenzione. Venerdi 25 maggio 2012.

REPORT. dei gruppi di discussione. per il bilancio partecipativo sul verde pubblico e la manutenzione. Venerdi 25 maggio 2012. REPORT dei gruppi di discussione per il bilancio partecipativo sul verde pubblico e la manutenzione Venerdi 25 maggio 2012 Sede dell ex CircoscrizioneFiorentina Arezzo INTRODUZIONE All incontro del 25

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

progetto obiettivo resp codice obiettivo gestionale indicatori e target

progetto obiettivo resp codice obiettivo gestionale indicatori e target progetto obiettivo resp codice obiettivo gestionale indicatori e target miglioramento della sicurezza 2.01.01 rotatoria XXV Aprile: approvazione progetto esecutivo entro il 30/4/2015, avvio dei lavori

Dettagli

(Durante la discussione escono dall aula i consiglieri Cappuccio, Girola, Maggioni; sono presenti n. 30 consiglieri).

(Durante la discussione escono dall aula i consiglieri Cappuccio, Girola, Maggioni; sono presenti n. 30 consiglieri). Il Presidente propone la trattazione congiunta dell interrogazione in oggetto con l interpellanza urgente n. 8 presentata dal consigliere comunale Simone Paganoni avente per oggetto: gestione del sito

Dettagli

ASSICURAZIONI AUTO ON-LINE

ASSICURAZIONI AUTO ON-LINE ASSICURAZIONI AUTO ON-LINE Controllare su: http://www.6sicuro.it/ fa un preventivo multiplo (diverse assicurazioni). Le assicurazioni on line hanno dietro le grandi compagnie.io ho avuto Genial Lloyd (RAS),

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. L anno Duemilaquindici addì 28 del mese di Maggio alle ore 18:49, nella Sala delle adunanze.

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. L anno Duemilaquindici addì 28 del mese di Maggio alle ore 18:49, nella Sala delle adunanze. Città di SEGRATE Provincia di Milano GC / 65 / 2015 28-05-2015 Oggetto: Adozione del Programma Integrato di Intervento (PII) Milano 4 you in modifica al vigente PII Cascina Boffalora di cui alla convenzione

Dettagli

OGGETTO: PROVVEDIMENTI PER LA PREVENZIONE E IL CONTROLLO DELL'INFESTAZIONE DA AEDES ALBOPTICUS (ZANZARA TIGRE) NEL TERRITORIO COMUNALE - ANNO 2014

OGGETTO: PROVVEDIMENTI PER LA PREVENZIONE E IL CONTROLLO DELL'INFESTAZIONE DA AEDES ALBOPTICUS (ZANZARA TIGRE) NEL TERRITORIO COMUNALE - ANNO 2014 Prot. n. 2014/0001403 Tit. 10 Cl. 1 Fasc. 2-2014 OGGETTO: PROVVEDIMENTI PER LA PREVENZIONE E IL CONTROLLO DELL'INFESTAZIONE DA AEDES ALBOPTICUS (ZANZARA TIGRE) NEL TERRITORIO COMUNALE - ANNO 2014 IL SINDACO

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici. Terzo incontro di ascolto in Zona 2. Casa delle Associazioni, via Miramare 9.

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici. Terzo incontro di ascolto in Zona 2. Casa delle Associazioni, via Miramare 9. Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Terzo incontro di ascolto in Zona 2 Casa delle Associazioni, via Miramare 9 16 Settembre 2015 Il terzo incontro di ascolto con i cittadini della zona 2 ha avuto

Dettagli

Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica

Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica guardano cosa c è dentro al bidone poi prendono le bottiglie

Dettagli

A SCUOLA DA SOLI. Progetto di educazione alla mobilità sostenibile I risultati del questionario

A SCUOLA DA SOLI. Progetto di educazione alla mobilità sostenibile I risultati del questionario A SCUOLA DA SOLI Progetto di educazione alla mobilità sostenibile I risultati del questionario Il questionario A Scuola Da Soli è stato distribuito durante l'anno scolastico 2003/2004 agli studenti di

Dettagli

ORDINANZA N. 77 DEL 30-04-2010 DEL SINDACO

ORDINANZA N. 77 DEL 30-04-2010 DEL SINDACO ORDINANZA N. 77 DEL 30-04-2010 DEL SINDACO Oggetto: PROVVEDIMENTI PER LA PREVENZIONE ED IL CONTROLLO DELLE MALATTIE TRASMESSE DA INSETTI VETTORI ED IN PARTICOLARE DALLA ZANZARA TIGRE Vista la necessità

Dettagli

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 Oggetto: Quarto Punto all OdG: Modifica Elenco Annuale LL.PP. Anno 2013 e Piano Triennale OO.PP. 2013-2015. PRESIDENTE: Quarto Punto all OdG: Modifica

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P. RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale

Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale A. PARTE DESCRITTIVA Si richiede la conferma / aggiornamento dei dati riportati nelle analoghe caselle della scheda di

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

N. 10/2013 Seduta del 20.11.2013

N. 10/2013 Seduta del 20.11.2013 VERBALE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10/2013 Seduta del 20.11.2013 L anno 2013 addì 20 del mese di novembre alle ore 20.10 nella Residenza Municipale, previa convocazione con avvisi scritti, tempestivamente

Dettagli

PeR LAVORI. ESTATe 2008. COMUNE DI CURTAROLO Assessorato ai Lavori Pubblici

PeR LAVORI. ESTATe 2008. COMUNE DI CURTAROLO Assessorato ai Lavori Pubblici COMUNE DI CURTAROLO Assessorato ai Lavori Pubblici Poste Italiane Spa Tassa pagata Invii senza indirizzo AUT. DC/DCI/PD/7919/00/CS del 27-10-00 A tutte le Famiglie del Comune di Curtarolo ESTATe 2008 APeRTI

Dettagli

Relazione sull attività dell Associazione per l anno 2009 e programmi per il 2010

Relazione sull attività dell Associazione per l anno 2009 e programmi per il 2010 Relazione sull attività dell Associazione per l anno 2009 e programmi per il 2010 PARTE PRIMA: LE INIZIATIVE E LE REALIZZAZIONI DEL 2009 Nel corso del 2009 hanno aderito o rinnovato l iscrizione 78 soci

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 11.20.

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 11.20. 1/5 MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 11.20. PRESIDENTE. Buongiorno. Innanzitutto la ringraziamo e ci scusiamo del ritardo, ma stiamo finendo

Dettagli

Città di Minerbio Provincia di Bologna

Città di Minerbio Provincia di Bologna Città di Minerbio Provincia di Bologna Prot. n 9065 ORDINANZA SINDACALE PER LA PREVENZIONE DELLE MALATTIE TRASMESSE DA INSETTI VETTORI ED IN PARTICOLARE DALLA ZANZARA TIGRE IL SINDACO VISTA la necessità

Dettagli

UFFICIO SEGRETERIA ORDINANZA N. 19

UFFICIO SEGRETERIA ORDINANZA N. 19 COMUNE DI CASINA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA P.zza IV Novembre, 3-42034 CASINA (Reggio Emilia) Tel. 0522/604716 - Telefax 0522/609464 - P.IVA 00447820358 e-mail: comune.casina@m.box.reggionet.it UFFICIO

Dettagli

VERBALE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 MARZO 2015

VERBALE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 MARZO 2015 Allegato B) VERBALE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 MARZO 2015 INTERROGAZIONE PRESENTATA DAL GRUPPO CONSILIARE "TERNO BENE COMUNE" IN ORDINE AL CIMITERO, ACQUA NELLE TOMBE E LAVORI ALLE CAPPELLE. Passiamo

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

COMUNE DI MONZA PIANO ATTUATIVO. AREA SISTEMA RESIDENZIALE Via della Birona_via Perosi

COMUNE DI MONZA PIANO ATTUATIVO. AREA SISTEMA RESIDENZIALE Via della Birona_via Perosi COMUNE DI MONZA PIANO ATTUATIVO AREA SISTEMA RESIDENZIALE Via della Birona_via Perosi Allegato F Relazione Tecnica Novembre 2014_Gennaio 2015_Luglio 2015 Pietro Giulio Malvezzi Architetto Paola Cambiaghi

Dettagli

COMUNE DI TREVISO Settore Polizia Locale COMUNICAZIONE DI GIUNTA

COMUNE DI TREVISO Settore Polizia Locale COMUNICAZIONE DI GIUNTA COMUNE DI TREVISO Settore Polizia Locale COMUNICAZIONE DI GIUNTA OGGETTO: Proposta di riqualificazione di Piazza S.Maria dei Battuti. Treviso, 17.06.2015 Visto quanto previsto dal Programma integrato di

Dettagli

Prot. n. 4129 Ordinanza n. 1107 del 30.04.2010

Prot. n. 4129 Ordinanza n. 1107 del 30.04.2010 COMUNE DI GOSSOLENGO Provincia di Piacenza Piazza Roma n 16 C.A.P. 29020 C.F. 00198670333 CENTRALINO Tel. (0523) 770711 Fax (0523) 779291 - comune.gossolengo@sintranet.it Prot. n. 4129 Ordinanza n. 1107

Dettagli

COMUNE DI MARANELLO Provincia di Modena

COMUNE DI MARANELLO Provincia di Modena COMUNE DI MARANELLO Provincia di Modena Prot. n. ORDINANZA N. 5050 / 2010 OGGETTO : PROVVEDIMENTI PER LA PREVENZIONE ED IL CONTROLLO DELLE MALATTIE TRASMESSE DA INSETTI VETTORI ED IN PARTICOLARE DALLA

Dettagli

Prot. n. 4096 Castelnuovo Rangone, 09.04.2013 Ord. n. 29

Prot. n. 4096 Castelnuovo Rangone, 09.04.2013 Ord. n. 29 Comune di Castelnuovo Rangone Provincia di Modena AREA TERRITORIO Servizio Ambiente Prot. n. 4096 Castelnuovo Rangone, 09.04.2013 Ord. n. 29 Oggetto: Provvedimenti per la prevenzione ed il controllo delle

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

Ponte Foce del Saline. Variante P. Definitivo Montesilvano 3 Marzo 2013

Ponte Foce del Saline. Variante P. Definitivo Montesilvano 3 Marzo 2013 www.webstrade.it Ponte Foce del Saline. Variante P. Definitivo Montesilvano 3 Marzo 2013 PROPOSTA DI VARIANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO DEL PONTE FOCE DEL SALINE, IN RELAZIONE ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PP1

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA Area Infrastrutture Civili Servizio Pianifi cazione Mobilità NORME E CONSIGLI PER I CICLISTI

COMUNE DI RAVENNA Area Infrastrutture Civili Servizio Pianifi cazione Mobilità NORME E CONSIGLI PER I CICLISTI COMUNE DI RAVENNA Area Infrastrutture Civili Servizio Pianifi cazione Mobilità NORME E CONSIGLI PER I CICLISTI MARZO 2012 La situazione attuale del traffico cittadino, risultato del predominio dei mezzi

Dettagli

Presidente: Lo possiamo dare per letto, si? Grazie Sindaco. Ha chiesto di intervenire il Consigliere Di Gregorio. Prego Consigliere.

Presidente: Lo possiamo dare per letto, si? Grazie Sindaco. Ha chiesto di intervenire il Consigliere Di Gregorio. Prego Consigliere. OGGETTO: Pratica Edilizia 09/2010 - Adozione ai sensi dell art. 16 della L.R. n. 20/2011 del Piano Urbanistico Esecutivo della maglia AL/2, localizzata tra Via Piave, Via De Gemmis e Via Po Presidente:

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PARCO URBANO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PARCO URBANO COMUNE DI GANGI Provincia di Palermo ***** CAP 90024 Via Salita Municipio, 2 tel. 0921644076 fax 0921644447 P. Iva 00475910824 - www.comune.gangi.pa.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PARCO URBANO

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SEDUTA DEL 25 MAGGIO 2015 R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A

PROVINCIA DI BERGAMO SEDUTA DEL 25 MAGGIO 2015 R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A PROVINCIA DI BERGAMO C O N S I G L I O P R O V I N C I A L E R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A CONSIGLIO PROVINCIALE RESOCONTO L'anno DUEMILAQUINDICI, il giorno 25 del mese di MAGGIO alle ore 9:00,

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

- Considerato inoltre che la presenza di erba alta e sterpaglie favorisce l annidamento degli adulti;

- Considerato inoltre che la presenza di erba alta e sterpaglie favorisce l annidamento degli adulti; Protocollo N.:18277 ORDINANZA N : 18 Ente: Comune di San Michele al Tagliamento Ufficio: Ecologia - Ambiente Comune di San Michele al Tagliamento Provvedimenti per la disinfestazione ed il contenimento

Dettagli

alla scoperta del binario 9¾

alla scoperta del binario 9¾ campania onlus 2013 Metropolitana di Salerno alla scoperta del binario 9¾ al binario invisibile il viaggio della metro pronta, inaugurata, ma mai entrata in funzione marzo 2013 Il viaggio immaginifico

Dettagli

PROVVEDIMENTI PER LA PREVENZIONE ED IL CONTROLLO DELLA ZANZARA TIGRE (AEDES ALBOPICTUS) PER IL PERIODO 1 GIUGNO - 31 OTTOBRE 2015

PROVVEDIMENTI PER LA PREVENZIONE ED IL CONTROLLO DELLA ZANZARA TIGRE (AEDES ALBOPICTUS) PER IL PERIODO 1 GIUGNO - 31 OTTOBRE 2015 Ufficio Ambiente ORDINANZA SINDACALE N. 30 DEL 22/05/2015 Prot. N. 12138/66 Pubblicata dal 25/5/2015 al 31/10/2015 OGGETTO: PROVVEDIMENTI PER LA PREVENZIONE ED IL CONTROLLO DELLA ZANZARA TIGRE (AEDES ALBOPICTUS)

Dettagli

Trento, 9 novembre 2006. DISCUSSIONE DELLA PROPOSTA DI MOZIONE n. 327. BOMBARDA (Verdi e Democratici per l Ulivo): Grazie, signor

Trento, 9 novembre 2006. DISCUSSIONE DELLA PROPOSTA DI MOZIONE n. 327. BOMBARDA (Verdi e Democratici per l Ulivo): Grazie, signor Trento, 9 novembre 2006 DISCUSSIONE DELLA PROPOSTA DI MOZIONE n. 327 BOMBARDA (Verdi e Democratici per l Ulivo): Grazie, signor Presidente. Io sono stato più parco nei consumi di tempo e quindi mi ritrovo

Dettagli