COMUNE DI SEGRATE TRASCRIZIONE CONSIGLIO COMUNALE DEL 14 NOVEMBRE 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI SEGRATE TRASCRIZIONE CONSIGLIO COMUNALE DEL 14 NOVEMBRE 2011"

Transcript

1 COMUNE DI SEGRATE TRASCRIZIONE CONSIGLIO COMUNALE DEL 14 NOVEMBRE 2011 N. ARGOMENTO OGGETTO PAG. 1 INTERROGAZIONE N. 29 DEL AD OGGETTO: CONTROLLO DEI TRACCIATI RADAR DELLE ROTTE AEREE VERSO SUD A FIRMA DEL CONSIGLIERE A. SERACINI INTERROGAZIONE N. 30 DEL AD OGGETTO: PROVVEDIMENTI NEI CONFRONTI DELL ACCRESCIUTA PRESENZA DI ZANZARE A FIRMA DEI CONSIGLIERI P. MICHELI E G. ROSA INTERROGAZIONE N. 31 DEL AD OGGETTO: NUOVE ROTATORIE SULLA CASSANESE TRA SEGRATE CENTRO E ROVAGNASCO- VILLAGGIO A FIRMA DEI CONSIGLIERI P. MICHELI E G. ROSA INTERROGAZIONE N. 32 DEL AD OGGETTO: AREA CANI IN VIA SAN ROCCO A FIRMA DEI CONSIGLIERI P. MICHELI E G. ROSA INTERROGAZIONE N. 33 DEL AD OGGETTO: PRESENZA DI MATERIALE PERICOLOSO NEI TERRENI IN VIA DI ACQUISIZIONE DA PARTE DEL COMUNE A FIRMA DEI CONSIGLIERI P. MICHELI E G. ROSA INTERROGAZIONE N. 34 DEL AD OGGETTO: IDROSCALO CENTER E NUOVA VIABILITA SPECIALE A FIRMA DEL CONSIGLIERE

2 V. ANCORA INTERROGAZIONE N. 35 DEL AD OGGETTO: VIABILITA VIA MORANDI A FIRMA DEL CONSIGLIERE A. BERARDINUCCI MOZIONE N. 11 DEL AD OGGETTO: ADESIONE ALL ASSOCIAZIONE TRA ENTI LOCALI AVVISO PUBBLICO A FIRMA DEL CONSIGLIERE L. RADAELLI E ALTRI MOZIONE N. 14 DEL AD OGGETTO: RICHIESTA AGGIORNAMENTO SULLE PROBLEMATICHE CONNESSE ALLA CONVENZIONE STIPULATA CON VEGAGEST E SUCCESSIVO ACCORDO STIPULATO IL A FIRMA DEL CONSIGLIERE V. ANCORA E ALTRI MOZIONE N. 15 DEL AD OGGETTO: PRESENZA PERSISTENTE DI NOMADI PRESSO I QUARTIERI DI REDECESIO E LAVANDERIE A FIRMA DEL CONSIGLIERE A. BERARDINUCCI MOZIONE N. 18 DEL AD OGGETTO: INDIVIDUAZIONE DEI CRITERI PER IL RINNOVO DELLA CONVENZIONE URBANISTICA RELATIVA ALL ATTUAZIONE DEL PII DENOMINATO CASCINA BOFFALORA A FIRMA DEL CONSIGLIERE P. MICHELI E ALTRI MOZIONE N. 19 DEL AD OGGETTO: BENI SEQUESTRATI ALLA MAFIA IN VIA S. PERTINI N. 30 A FIRMA DEL CONSIGLIERE BERARDINUCCI

3 COMUNE DI SEGRATE CONSIGLIO COMUNALE DEL 14 NOVEMBRE 2011 P. N. 1 O.d.G. INTERROGAZIONE N. 29 DEL AD OGGETTO: CONTROLLO DEI TRACCIATI RADAR DELLE ROTTE AEREE VERSO SUD A FIRMA DEL CONSIGLIERE A. SERACINI Consiglieri, per favore, prendere posto. Buonasera. È il 14 Novembre Sono le Chiedo al Segretario Generale di procedere all appello. Prego Segretario. SEGRETARIO Alessandrini Adriano: assente; Nardio Roberto: presente; Del Giudice Giuseppe: assente giustificato; Trebino Marco: assente giustificato; Riccardi Sirtori Giovanni: presente; Casella Francesco: presente; Lazzari Ezio: presente; Gasparini Claudio: presente; Casadio Daniele: presente; Borlone Paolo: presente; Gervasoni Vincenzo: presente; Seracini Alessandro: presente; Zardus Claudio: assente giustificato; Bottari Domenico: assente giustificato; Donati Andrea: presente; Viganò Roberto: presente; Zucconi Luciano: presente; Radaelli Liliana: presente; Ferrante Giuseppe: presente; Mongili Manuela: presente; Cattorini Pietro: presente; Carrieri Silvia: presente; Ancora Vito: presente; Micheli Paolo: presente; Rosa Gianfranco: presente; Ciapini Fabrizio: presente; Berardinucci Antonio: presente; Monti Paola: assente; Antona Angelo: presente; Terzi Giancarlo: presente; Mombelli Alberto: presente. Il Segretario mi dice che i presenti sono 25. Possiamo dare inizio a questa assemblea. Passiamo al primo punto all O.d.G. E l interrogazione n. 29 del 13 Ottobre 2011 ad oggetto: controllo dei tracciati radar delle rotte aeree verso 3

4 Sud, a firma del Consigliere Seracini. Consigliere Seracini, se vuole prenotarsi. Prego Consigliere. CONSIGLIERE SERACINI ALESSANDRO Grazie. Premesso che nella risposta all interrogazione, sempre per quanto riguarda l accorciamento della virata degli arerei in decollo verso Sud da Linate, quindi nella risposta che avevo avuto alla precedente interrogazione non erano stati prodotti documenti con le tracce radar lasciate dagli aeromobili in decollo da Linate e diretti a Sud, questo è avvenuto nonostante l interrogazione stessa fosse stata depositata da oltre un mese, quindi parliamo di un interrogazione fatta intorno al 10 di Settembre. Ho aggiunto che poiché risulta che le tracce radar vengono rilevate giornalmente senza soluzione di continuità, che nella risposta di cui sopra si legge che l Amministrazione ha richiesto a Sea le tracce radar, ma non si legge per quale periodo esse sono state richieste, che è evidente, ma mi premeva ugualmente precisarlo, che le tracce radar che interessano per appurare il pregresso rispetto delle rotte 2011 e che per essere leggibile ai fini della verifica le tracce radar in questione devono riguardare un intera giornata almeno. Premesso tutto questo, io avevo chiesto di conoscere se la nostra Amministrazione abbia richiesto a Sea le tracce radar per giornate intere relative al periodo antecedente all 8 Ottobre; quale sia il motivo per cui le tracce radar pregresse non erano disponibili alla data del 10 Ottobre; se alla data della consegna della risposta alla presente interrogazione, cioè oggi, l Amministrazione sia in possesso di riscontri radar antecedenti alla data dell 8 Ottobre 2011 e, in caso affermativo, quali ne siano le risultanze. Ho ricevuto una risposta che mi legge immagino il Segretario e poi dovrei dire due parole naturalmente. Grazie. Grazie Consigliere Seracini. Segretario Generale, prego, a lei la parola. 4

5 SEGRETARIO L Amministrazione Comunale ha richiesto i tracciati radar anche per il periodo anteriore all 8 Ottobre I tracciati sono disponibili, ma non in forma leggibile se non dagli addetti ai lavori. Stiamo aspettando che ci venga fornito il formato leggibile da cui si possano evincere i dati richiesti e fare le dovute considerazioni. Grazie Segretario Generale. Consigliere Seracini, prego. CONSIGLIERE SERACINI ALESSANDRO Grazie. Il commento è abbastanza breve. Evidentemente non sono soddisfatto. A tutto oggi ancora, Settembre, Ottobre, Novembre - due mesi e rotti - non sono ancora riuscito ad avere i tracciati radar che testimonino il fatto che gli aerei in buona parte o in parte accorciano la virata passando sopra San Felice. A questo punto rimango in attesa che vengano forniti questi tracciati radar. Preannuncio che una volta al mese ripresenterò l interrogazione, fino a quando, credo, finalmente avremo questi tracciati. Grazie. Grazie Consigliere Seracini. 5

6 COMUNE DI SEGRATE CONSIGLIO COMUNALE DEL 14 NOVEMBRE 2011 P. N. 2 O.d.G. INTERROGAZIONE N. 30 DEL AD OGGETTO: PROVVEDIMENTI NEI CONFRONTI DELL ACCRESCIUTA PRESENZA DI ZANZARE A FIRMA DEI CONSIGLIERI P. MICHELI E G. ROSA Passiamo al secondo punto all O.d.G. Interrogazione n. 30 del ad oggetto: provvedimenti nei confronti dell accresciuta presenza di zanzare, a firma dei Consiglieri Micheli e Rosa. Consigliere Micheli, se vuole. Prego. Un attimo solo. Prego Consigliere Micheli. CONSIGLIERE MICHELI PAOLO Grazie. Questa sera ci sono temi più importanti, altri più leggeri sicuramente. Certamente il tema, il problema delle zanzare non è di questo periodo. Siamo in Novembre, quindi è già passata la stagione. È anche vero che quest estate da parte di diversi cittadini, soprattutto del Villaggio ambrosiano, ci sono state delle lamentele in questo senso. Abbiamo detto, visto che dal problema ne siamo appena usciti, cerchiamo di vedere come è andata. Quel che è successo quest anno, vedere come si può correggere per portarsi avanti per l anno prossimo. L interrogazione riprende l ordinanza sindacale n. 7 del ad oggetto: misure di lotta per il contenimento di zanzare. Ho qua l ordinanza. In pratica c erano due o tre punti che secondo me sono più interessanti da ricordare. C è un punto in cui si diceva che il Comune di Segrate provvederà ad implementare l effettuazione diretta di trattamenti adulticidi. L ordinanza dava una serie di indicazioni per la popolazione. Ovviamente la lotta alle zanzare non la fa soltanto il Comune, ma la fa anche la popolazione. Diceva: i soggetti gestori responsabili o che comunque abbiano l effettiva disponibilità di aeree strutturate con sistema di raccolta acque meteoriche ecc. e poi ci sono una serie di evitare e procedere e così via. Alla fine c erano 6

7 delle sanzioni. La violazione della presente ordinanza comporta la sanzione amministrativa di 100 Euro. L interrogazione chiede questo. Considerato che a testimonianza di numerosi cittadini l estate appena trascorsa è stata caratterizzata da presenze di zanzare largamente superiore a quella degli anni precedenti, chiediamo all Assessore: quali sono stati concretamente gli interventi effettuati nel 2011 dall Amministrazione Comunale e se sono stati effettivamente implementati rispetto agli anni precedenti come è previsto nell ordinanza; in cosa consiste concretamente il sistema di monitoraggio e di sorveglianza dell infestazione da Zanzara tigre citato nell ordinanza e che risultati ha dato; quanti e quali sono stati concretamente gli interventi per verificare che i privati e le aziende abbiano effettivamente ottemperato a quanto previsto nell ordinanza e quante sono state le sanzioni erogate per le violazioni eventualmente accertate. La sostanza è questa: se noi facciamo l ordinanza, però poi non vengono fatte le multe, vuol dire che l ordinanza viene fatta, ma poi non ha senso. Se non si ritiene opportuno in futuro anticipare e rendere più incisive ed efficaci le misure di prevenzione, comprese quelle naturali e biologiche, e disinfestazione contro la zanzara e le malattie che può provocare nei cittadini. Grazie. Grazie Consigliere Micheli. Assessore Orrico, prego, a lei. ASSESSORE ORRICO FERDINANDO Buonasera. Prima di rispondere, di leggere la risposta che è piuttosto lunga e articolata, che leggerò molto lentamente in modo che si possa capire, volevo fare una premessa. Il Villaggio ambrosiano, come qualche altra zona di Segrate, purtroppo, e dico purtroppo, di pubblico ha ben poco. Sul Villaggio ambrosiano ci sarà il 10% di pubblico e il 90 % di privato. Questo presuppone una diversa soluzione che vedremo di trovare l anno prossimo e un dialogo diverso con gli abitanti di Redecesio piuttosto che, pardon del Villaggio ambrosiano piuttosto che di San Felice, piuttosto che di qualche altro posto, perché ci vorrà un intervento direi più cosciente e più 7

8 importante anche da parte dei cittadini privati, altrimenti il problema delle zanzare non si risolverà mai. Vedremo come fare e vedremo come venire incontro a questo discorso. Adesso vi leggo la risposta alle quattro domande con la speranza che le risposte siano esaurienti. Alla prima risposta dico che abbiamo un contratto, il nostro contratto del 26 Maggio 2010, della durata di 5 anni decorrenti dal 1 Marzo 2010 al 28 Febbraio E relativo all appalto del servizio di disinfestazione e derattizzazione che attualmente è in essere. Prevede la realizzazione di interventi generali di disinfestazione larvicida e adulticida da zanzare. Il primo tipo di trattamento, nella misura di 10 interventi l anno effettuati in tutto il territorio comunale, viene eseguito dal mese di Marzo al mese di Luglio presso fossi, canali, fontane e presso i circa tombini stradali del Comune e in tutti quei luoghi dove è più probabile il formarsi di ristagni d acqua in cui proliferano le larve di zanzare. Il successivo trattamento, quello adulticida nella misura di 10 interventi l anno, effettuato in tutto il territorio comunale anche questo, viene eseguito dal mese di Maggio ad Ottobre con cadenza quindicinale presso tutte le aree a verde pubblico che sono circa mq; inoltre, nell arco di un anno, vengono eseguiti nelle aree oggetto di manifestazioni patrocinate dall Amministrazione Comunale ben 60 interventi mirati. Ciò esposto, si riferisce che gli interventi sono stati implementati dal 2010, ai sensi del nuovo contratto di servizio, passando da 7 a 10 interventi generali all anno, sia larvicidi che adulticidi e da 30 a ben 60 interventi mirati all anno nelle aree oggetto di manifestazioni patrocinate dall Amministrazione Comunale. Questa è la risposta al primo punto. Secondo punto. Il sistema di monitoraggio e sorveglianza dell infestazione della Zanzara tigre è in capo all Istituto di Entomologia della Facoltà di Agraria dell Università Statale degli Studi di Milano che ha effettuato negli anni passati sopralluoghi e campionamenti anche nel territorio comunale di Segrate. Anche l Amministrazione Comunale nell anno 2004, tramite la propria impresa appaltatrice, ha effettuato un monitoraggio sulla distribuzione territoriale e concentrazione della Zanzara tigre utilizzando trappole attrattive ad anidride carbonica posizionate per periodi 8

9 di 15 giorni in ogni singola zona e poi spostate di volta in volta in altre postazioni. Tali trappole hanno portato alla cattura di tutte le specie presenti di zanzare. Le stesse sono state portate presso l Istituto di Entomologia. La Zanzara tigre è diffusa uniformemente, purtroppo, su tutto il territorio. È presente in numero rilevante parimenti alla distribuzione riscontrabile in tutta la Pianura padana. Il monitoraggio tramite la conta degli individui viene ancora effettuato dall impresa appaltatrice solo ai fini di testare l efficacia dei trattamenti effettuati. La risposta invece alla terza domanda è molto più breve. A seguito di segnalazione e/o richieste sono stati effettuati da parte del Comando di Polizia locale due sopralluoghi congiunti con la Sezione Ambiente Ecologia in Via Borrioli e in Residenza Cantone a Milano due. In tali occasioni sono state elevate due sanzioni per violazione dell ordinanza. Punto quattro, ultimo punto. La Zanzara tigre compare successivamente alle altre specie di zanzare da fine Maggio ai primi di Giugno, quando il clima è molto caldo e scompare ai primi freddi. I trattamenti adulticidi possono essere eseguiti solo a partire da fine Maggio nel rispetto delle Leggi nazionali e regionali a tutela degli apicoltori. I prodotti infatti non possono essere utilizzati durante il periodo di fioritura delle piante. È evidente che la proliferazione delle zanzare è fortemente vincolata alle condizioni meteo-climatiche. Infatti l acme viene raggiunto e si mantiene sino al perdurare delle condizioni di clima caldo/umido, come si è verificato purtroppo nel corso della scorsa stagione estiva che è stata caratterizzata dalla permanenza di alte temperature climatiche sino ai primi di Ottobre. Questo è uno dei motivi principali del fatto che le zanzare sono durate fino a tardi e ce ne sono state in quantità industriali, come si suol dire. Altro fattore influente e comportante la necessità di ripetere alcuni trattamenti, poiché gli interventi di disinfestazione sono soggetti alla variazione delle condizioni meteorologiche e ambientali, è dato dalla perdita di effetto del prodotto utilizzato, in quanto lo stesso subisce una riduzione qualora venga in parte dilavato dalla pioggia o dalla irrigazione automatica, quest ultima potenziata recentemente nelle aree verdi del territorio. 9

10 I prodotti utilizzati per entrambi i trattamenti sia i larvicidi che gli adulticidi sono biologici e naturali, a bassa tossicità per l uomo e per gli animali. Vengono infatti adoperati prodotti biologici a base di bacillus thuringiensis - se ho letto bene di diflubenzuron qualcosa del genere e prodotti naturali a base di piretro. Occorre tenere conto però che, affinché abbiano efficacia gli interventi predisposti sulle aree pubbliche, vengano adottati dai cittadini alcuni comportamenti individuali di tipo preventivo nella lotta delle zanzare, quello che dicevo all inizio. Pertanto l Amministrazione Comunale emette annualmente un ordinanza sindacale contenente le prescrizioni indispensabili per ridurre la loro proliferazione, con particolare riferimento alla prevenzione delle Zanzare tigre. Con l ordinanza diffusa e pubblicizzata mediante affissione in spazi pubblici, vengono rivolte alla cittadinanza e in particolare ai proprietari e ai conduttori di edifici, oltre che alle aziende soprattutto agricole e zootecniche, le regole da seguire per agire efficacemente nella lotta alle zanzare. Ad oggi l Amministrazione Comunale ha messo in atto tutte le politiche e tutti gli accorgimenti tecnici atti al contenimento della presenza di zanzare e di insetti infestanti, con particolare attenzione alla Zanzara tigre, causa di disagio alla popolazione nella stagione estiva, allineandosi alle direttive di sorveglianza sanitaria impartite dalla Regione Lombardia per l attuazione di un azione omogenea e uniforme su tutto il territorio regionale. Grazie. Grazie Assessore Orrico. Consigliere Micheli, se vuole. Prego Consigliere Micheli. CONSIGLIERE MICHELI PAOLO Grazie Assessore. Non ho molto da replicare, anche perché le risposte sono arrivate adesso. Faccio fatica a contribuire al dibattito. Da quello che ho capito mi sembra che le lamentele siano arrivate soprattutto, almeno a noi, dagli abitanti del Villaggio ambrosiano. La parte che mi è piaciuta di più della sua risposta è la prima, quando ci diceva che oltre ovviamente alle ammende che hanno la funzione di spingere i cittadini a cercare di fare anche nel loro 10

11 privato qualcosa per la disinfestazione, magari, chissà il Comune riuscirà a promuovere iniziative comuni per fare la disinfestazione anche nei giardini privati. Grazie Consigliere Micheli. 11

12 COMUNE DI SEGRATE CONSIGLIO COMUNALE DEL 14 NOVEMBRE 2011 P. N. 3 O.d.G. INTERROGAZIONE N. 31 DEL AD OGGETTO: NUOVE ROTATORIE SULLA CASSANESE TRA SEGRATE CENTRO E ROVAGNASCO-VILLAGGIO A FIRMA DEI CONSIGLIERI P. MICHELI E G. ROSA Passiamo al terzo punto all O.d.G. Interrogazione n. 31 del ad oggetto: nuove rotatorie sulla Cassanese tra Segrate centro e Rovagnasco villaggio a firma dei Consiglieri Micheli e Rosa. Consigliere Micheli, se si vuole prenotare, grazie. Prego Consigliere. CONSIGLIERE MICHELI PAOLO Ho chiesto gentilmente se fosse possibile avere una piantina della rotatoria, quella che riuscite a vedere qua. In pratica, adesso vi leggo l interrogazione, ma nella sostanza ci sono stati segnalati da parte dei cittadini diversi inconvenienti relativi a questa rotatoria, un po perché non è stata terminata, un po perché qualcuno ci racconta che è complicata per chi si muove, soprattutto quando incontrano i camion. Adesso ho preso il laser. Ad esempio in questo punto c è un semaforo. Ci dicono che è pericoloso. Ci raccontano che per le biciclette l attraversamento è estremamente pericoloso oppure questo passaggio pedonale che doveva essere previsto ancora non è stato realizzato. In buona sostanza ci viene detto - e devo dire che l ho sperimentato anch io perché mi è capitato di attraversare questa rotatoria in bicicletta per andare e venire da Segrate - che ancora questa rotatoria è abbastanza pericolosa. È anche un esperimento, mi sembra di aver visto. Noi settimana l altra abbiamo fatto un comunicato stampa spiritoso. Il senso del comunicato era che ci rendiamo conto che l esperimento della rotatoria a otto non è una cosa stra-sperimentata in Italia. È una cosa che si è visto da qualche parte, ma non è una cosa ancora totalmente affidabile. Il senso di questa interrogazione è: proviamo a chiedere ai nostri Vigili e alla nostra Polizia cosa ne 12

13 dicono, qual è stata la loro sensazione in questo periodo. Leggo l interrogazione, anzi, no, facciamo così. Vi leggo un altra cosa che è più interessante. Vi leggo una mail che è arrivata da un cittadino. La leggo, perché un po fa ridere, in realtà dice delle cose interessanti che possono servire al dibattito. Tenga presente il tempo. CONSIGLIERE MICHELI PAOLO Sì, faccio in fretta. Gilberto scrive: Delle due rotatorie scrive che mi ricordano i Pavesini, ma sono molto meno digeribili, quella che collega il Villaggio ambrosiano al centro di Segrate mi sembra non pazza, ma lui dice delinquenziale. Chi arriva da Milano sulla Cassanese si trova di fronte un qualcosa che non assomiglia lontanamente a una rotonda; soprattutto se il semaforo pedonale passa al verde dopo il passaggio di qualche pedone, non viene spontaneo dare la precedenza a chi per esempio proviene dal Villaggio o venendo da Pioltello vuole entrare in Segrate centro cioè in Via Gramsci. Il semaforo è troppo vicino alla rotonda, non si vedono i veicoli all interno della rotonda per via dei New Jersey e la sagoma della rotonda è decisamente rastremata tale da sembrare un proseguimento della Cassanese senza intoppi. Chi invece proviene da Via Conte Suardi, deve fare una rampa per potersi immettere nella rotonda con la Cassanese, ma anche qui il povero automobilista, oltre a dover manovrare in salita, non vede le autovetture provenienti da Milano che hanno ormai preso un andatura sostenuta per via dei New Jersey e della differenza di altezza delle strade. Per la stessa ragione gli automobilisti della Via Cassanese non vedono chi proviene dalla strada di destra, non prestando attenzione ad un eventuale situazione di pericolo, anche se esiste un segnale di dare la precedenza. A mio parere scrive Gilberto l altra rotatoria Pavesini cioè quella di Rovagnasco crea meno problemi, perché meglio sagomata. È più facile capire che si deve dare la precedenza alle auto che sono nella rotatoria, perché le dimensioni della rotatoria permettono meglio di visualizzare il traffico. 13

14 Potrà darsi che in futuro, quando le rotatorie saranno finite, i problemi diminuiranno, ma per ora stiamo molto attenti. Ha mandato questa lettera a noi, ma vedo anche all Urp del Comune di Segrate. È qualcosa che è arrivata anche a voi. Grazie Consigliere Micheli. Assessore Rebellato. Assessore Rebellato, risponde lei? Se si vuole prenotare. Prego Assessore. ASSESSORE REBELLATO MARTINO Ho sentito che non avete letto Direi di sì, anche se sono contento della lettera dei Pavesini, è molto bella. Un attimo solo. Prego Consigliere Micheli. CONSIGLIERE MICHELI PAOLO Chiedo al Sindaco e all Assessore Rebellato quale sia l attuale cronoprogramma dei lavori delle due rotatorie, quale sia l attuale valutazione da parte della locale Polizia della situazione di pericolosità delle due rotatorie e quali misure siano state eventualmente previste o adottate. Grazie Consigliere Micheli. Assessore Rebellato. Prego. ASSESSORE REBELLATO MARTINO Rispondo a quella che è l interrogazione. Le opere di riqualificazione della Cassanese rappresentano parte dello standard qualitativo del PII, Centro Parco lotto 1, approvato dal Consiglio Comunale con delibera 14/2008, del 5 Febbraio 2008, cioè quando la strada Cassanese era ancora di proprietà e di competenza provinciale. Il progetto esecutivo dell opera è stato autorizzato dalla Provincia in data 6 Maggio Come 14

15 è noto con l atto di trasferimento al Comune della strada provinciale 103 Cassanese avvenuta il 26 Novembre 2011, il Comune ha assunto l impegno di mantenere la strada di categoria D e per tanto di mantenerla con le caratteristiche previste dal progetto approvato dalla Provincia. Salvo ulteriori imprevisti tecnici, la rotonda di Via Roma, Monzese, dovrebbe essere ultimata il 31 Dicembre 2011, mentre la seconda entro Marzo 2012 congiuntamente al completamento delle piste ciclabili e la sistemazione del tratto della Cassanese coinvolto dal progetto. Per quanto riguarda la valutazione della Polizia, si espone quanto segue. Si è provveduto a far spostare il semaforo pedonale posizionato provvisoriamente a seguito dei lavori a ridosso della rotonda in una posizione più idonea che consentisse l allestimento tempestivo dei pedoni. I tempi di attraversamento sono stati mantenuti come erano precedentemente impostati, anzi si è provveduto ad aumentare di alcuni secondi il rosso del semaforo per le auto. Per quanto attiene all attraversamento dei ciclisti, questi, essendo velocipedi, considerati veicoli, devono adottare le stesse norme dei pedoni e condurre il velocipede a mano dove è possibile, attraversamento. Inoltre è in via di realizzazione la pista ciclabile di Via Papa Giovanni a Milano due ed è prossima la realizzazione del tratto di Via Di Vittorio e di Via Papa Giovanni. La difficoltà della circolazione segnalata è principalmente dovuta a problemi logistici, in quanto tutta l area di cantiere, peraltro ben segnalato, in cui il limite di velocità è stato ridotto a 30 km/h. Questi problemi si risolveranno a fine lavori, come già riscontrato nella rotonda Cassanese, Monzese, San Rocco, Roma. Per migliorare la visibilità, resa carente dalla presenza di New Jersey in cemento che delimitano tutto il perimetro della rotonda non terminata, è stato chiesto dal Comando della Polizia locale all impresa che segue i lavori di arretrare nell immissione della Cassanese sulla rotonda provenendo da Pioltello il manufatto in cemento e sostituendolo con quello in plastica che consente una migliore visibilità. Questa è la risposta che è stata fatta da parte del Sindaco. È ovvio ed evidente che, quando ci sono dei lavori, delle anomalie ci sono, delle problematiche ci sono. Ci 15

16 sono problematiche sia dal punto di vista tecnico e sia dal punto di vista progettuale. Il progetto è stato fatto dalla Provincia. Ci sono alcune pecche, ma sono pecche che possono essere tranquillamente rimediate soprattutto sulla lunghezza di quello che sarà la cantieristica. Ad esempio per una cattiva organizzazione non sapevamo che dove c era la rotonda all uscita del Villaggio, c era una tubazione del gas e c è una roggia che deve essere tombinata per poter fare ed eseguire una curva più ampia e meno pericolosa di quella che c è. Si è creato tutto questo problema, perché purtroppo il passaggio tra la Provincia e il Comune non è stato credo il massimo. Quando uno costruisce e fa un Tavolo di lavoro, le prime cose da fare sono i discorsi tecnici. Evidentemente la Provincia ha avuto delle problematiche o forse, non lo so, non è un problema che riguarda noi. Il problema che riguarda noi è che ci hanno causato questi disagi. Questa creazione di queste rotonde un po diverse da quello che dovevano essere e che comunque saranno rimesse subito in sicurezza. Soprattutto quando sarà finito il lavoro, sarà rispettato quello che il progetto dà e con la pericolosità che c è adesso, perché c è la cantieristica, ma in futuro alla finitura non ci saranno più. Grazie. Grazie Assessore Rebellato. Consigliere Micheli, vuole il diritto Si prenoti, Consigliere. Prego Consigliere Micheli. CONSIGLIERE MICHELI PAOLO Lei dice che è un progetto della Provincia. Qui c è scritto di Iniziative srl. Mi pare del Comune in realtà, non della Provincia. Io ho questo progetto, però non lo so. Lo paga il Comune Iniziative srl, probabilmente il committente è il Comune e non la Provincia. Registro soltanto questo. Comunque sia, al di là delle responsabilità, direi che poco importa, mi sembra che lei abbia centrato abbastanza il centro del problema della questione. I tempi della costruzione di questa rotatoria si sono dilatati eccessivamente. Per tutti noi che facciamo avanti e indietro tra il Villaggio e Segrate centro attualmente questa rotatoria è pericolosa. È pericolosa 16

17 per i ciclisti, è pericolosa per i motociclisti, è pericolosa per chi va in macchina, è pericolosa per chi attraversa. Il semaforino che c è adesso là è oggettivamente pericoloso. A me e ai miei parenti è capitato un paio di volte di inchiodare all ultimo perché non avevamo visto il semaforo. Non lo so. L avvertenza che interessa tutti è che questa cosa proceda il più in fretta possibile. Azionatevi come potete con gli strumenti che avete. Grazie Consigliere Micheli. 17

18 COMUNE DI SEGRATE CONSIGLIO COMUNALE DEL 14 NOVEMBRE 2011 P. N. 4 O.d.G. INTERROGAZIONE N. 32 DEL AD OGGETTO: AREA CANI IN VIA SAN ROCCO A FIRMA DEI CONSIGLIERI P. MICHELI E G. ROSA Passiamo al punto n. 4. Interrogazione n. 32 del ad oggetto: area cani in Via San Rocco, a firma dei Consiglieri Micheli e Rosa. Consigliere Micheli, vuole prenotarsi? Prego Consigliere Micheli. CONSIGLIERE MICHELI PAOLO Questa sera trattiamo davvero tutto, dai cani alle zanzare, dice la Radaelli. Si tratta di questo. Sappiamo che l Amministrazione ha realizzato negli ultimi anni un certo numero di cosiddette aree cani che consentono ai vari proprietari di far correre i cani. Che io sappia le aree cani sono molto apprezzate dai cittadini. Da diversi cittadini sono stati segnalati alcuni disagi relativi all area cani del Centro Parco, cioè quella di Via San Rocco. A noi è stato detto questo, poi sono andato a verificare ed effettivamente è così: manca l illuminazione e soprattutto d inverno, quando fa buio, cioè a quest ora quando i padroni tornando dal lavoro portano il cane, la zona è completamente al buio. Si lamentano le donne di questo in particolare. Dicono che devono portare il cane in quest area e non si sentono sicure. Mancano gli alberi e d estate nella zona l ombra è ridotta. Le poche zone d ombra che ci sono, sono lontane dall area cani. Siccome i proprietari devono tenere d occhio per mezzore intere i cani, rischiano un insolazione. Si lamentano del fatto che c è troppo sole. Sono stati piantati degli alberi, ma non sul perimetro del prato vicino all area cani e sono abbastanza lontani. Siccome il prato è grande, hanno qualche difficoltà. Inoltre dicono che servirebbe una fontana per fare bere i cani che purtroppo in questo momento per bere si impaludano nella roggia e si imbattono nelle nutrie, mi dicono, se non nelle pantegane. Infine i distributori dei sacchetti degli escrementi sarebbero utili. Ovviamente sono stati 18

19 gestiti come quelli che c erano in passato nelle altre aree cani ed è meglio lasciar perdere. In pratica, i sacchetti c erano per i primi due mesi. Poi non sono stati più ricaricati. Alla fine sono stati distrutti dai vandali. Velocemente questa interrogazione chiede quale sia in dettaglio la situazione delle varie aree cani del territorio comunale e se si ritenga possibile ed opportuno migliorare in particolare l utilizzo dell area cani del percorso di Segrate centro e Via San Rocco, relativamente a quello che ho raccontato prima. Grazie Consigliere Micheli. Assessore Rebellato, vuole prenotarsi? Prego Assessore Rebellato. ASSESSORE REBELLATO MARTINO Leggo. In merito all interrogazione per quanto in oggetto si riscontra quanto segue. In generale tutte le aree cani realizzate nel corso degli anni hanno un generale apprezzamento da parte della cittadinanza, visto il buon utilizzo da parte dell utenza. Le stesse vengono controllate in particolare l area cani ubicata all interno del Centro Parco di Via San Rocco, si procederà a breve all installazione di una fontanella per abbeverare i cani. I distributori di sacchetti sono stati rimossi ovunque in quanto oggetto di continuo vandalismo. In merito all illuminazione, si informa che nessuna delle aree cani ha un impianto dedicato, mentre usufruiscono tutti dell illuminazione generale dei parchi e dei giardini all interno dei quali trova una collocazione. Basta, grazie. Grazie Assessore Rebellato. Un attimo solo. Consigliere Micheli, prego, a lei la parola. CONSIGLIERE MICHELI PAOLO Velocemente. Non sono molto soddisfatto, soprattutto per la questione dell illuminazione. La questione dell illuminazione in quel parco è un problema. E un problema che va affrontato al di là dell area cani nello specifico. Lì bisogna trovare il 19

20 modo di illuminare un po di più quell area che attualmente è pericolosa per chi gira la sera. Grazie per la risposta. Grazie Consigliere Micheli. 20

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 010 Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio 1. Un corpo parte da fermo con accelerazione pari a

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 00 Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio. Un corpo parte da fermo con accelerazione

Dettagli

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9 La precedenza ed io Sommario Pagina Regole fondamentali 3 Prudenza con i pedoni 5 I mezzi di trasporto pubblici 7 La precedenza da destra 9 Segnali stradali 10 Segnali luminosi 12 Il traffico in senso

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione 20 novembre 2013 Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione PRINCIPALI INTERVENTI SU GOMMA PREVISTI NELLA REGIONE URBANA MILANESE La rete in gestione:

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Visione d insieme Una pista ciclabile su corsia riservata è uno spazio sulla strada riservato

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio?

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Carlo Cosmelli, Dipartimento di Fisica, Sapienza Università di Roma Abbiamo un problema, un grosso

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

INCROCI CON ROTATORIA

INCROCI CON ROTATORIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / INCROCI E ATTRAVERSAMENTI INCROCI CON ROTATORIA Visione d insieme Le rotatorie semplici a una sola corsia costituiscono il tipo di incrocio più sicuro

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO CEMENTO E SOLO CEMENTO Il futuro di Salò non può essere ancora di mattoni, di seconde case, di case vuote e di case invendute. La volumetria approvata (oltre 250 appartamenti) corrisponde a circa il 10%

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Con il patrocinio di energia UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Dopo un anno di monitoraggio climatico nella città di Perugia, effettuato grazie alla rete meteo installata

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione, costruzione e manutenzione strade del CNR

Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione, costruzione e manutenzione strade del CNR MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI SISTEMI DI REGOLAZIONE DEL TRAFFICO LINEE GUIDA Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione,

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta PREMESSA L itinerario lungo il corso del fiume Brenta è motivato dalla presenza di un area di notevole interesse ambientale che merita una sua specifica valorizzazione anche a livello di turismo minore

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 di Luca Navaglia Campionati Italiani dunque. Saprete già i risultati (Serena Ricciuti, Giuseppe Giannetto e Kodokan Alessandria). Per

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI Provincia di Salerno Area Tecnica Assetto ed Utilizzazione del Territorio CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI ART.1

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

COMUNE di F AE N Z A

COMUNE di F AE N Z A All. G COMUNE di F AE N Z A Settore Territorio ADOZIONE ATTO C.C. n. 73 del 10.02.2010 PUBBLICAZIONE BUR n. 54 del 31.03.2010 APPROVAZIONE ATTO C.C. n. 290 del 21/11/2011 PUBBLICAZIONE BUR n. del ATTI

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente

COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente OGGETTO: SERVIZIO DI DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONE IN TUTTO IL TERRITORIO COMUNALE, NELLE SCUOLE E EDIFICI PUBBLICI

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DI OLGIATE COMASCO DEL 12/05/2010

CONSIGLIO COMUNALE DI OLGIATE COMASCO DEL 12/05/2010 CONSIGLIO COMUNALE DI OLGIATE COMASCO DEL 12/05/2010 SINDACO BOVI ROBERTO: Buonasera. Innanzitutto mi fa piacere che finalmente abbiamo dei microfoni che mi auguro, senz altro, anzi sono certo che funzioneranno

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 -AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 Arcore 26/03/2015 REGOLAMENTO Art. 1 - ORGANIZZAZIONE Il GILERA CLUB ARCORE con sede in Arcore via N. Sauro 12 (mail : motoclubarcore@gmail.com) e il MOTO CLUB BIASSONO con

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2014-2015 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli