Rassegna del 26/08/2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna del 26/08/2015"

Transcript

1 Rassegna del 26/08/2015

2 INDICE RASSEGNA STAMPA Rassegna del 26/08/2015 SI PARLA DI NOI Gazzetta Mantova 26/08/15 P. 12 Il circuito dei viali Tris di cantieri tra dossi e gimcane 1 Gazzetta Mantova 26/08/15 P. 17 «Paese ripulito a tempo di record» 2 Provincia Di Cremona 26/08/15 P. 28 Rifiuti, anche a Rivarolo arriva il porta a porta 3 RIFIUTI Gazzetta Mantova 26/08/15 P. 25 Una discarica in via Ponte XXI Clara Rubini 4 La Voce Di Mantova 26/08/15 P. 13 Borgo Virgilio, parte questa mattina la disinfestazione dalle zanzare 5 POLITICA LOCALE Gazzetta Mantova 26/08/15 P. 11 Via libera a 2 nuovi dirigenti: presto il bando di assunzione 6 Gazzetta Mantova 26/08/15 P. 25 Fusione fra comuni oltre le barricate Giulio Geretti 7 COMPETITORS Resto Del Carlino Modena 26/08/15 P. 13 Via i rifiuti dalle ex scuole elementari Silvia Saracino 8 Gazzetta Di Modena 26/08/15 P. 23 L'amianto del terremoto finisce tutto a Mirandola Francesco Dondi 9 RIFIUTI: SCENARIO Italia Oggi 26/08/15 P. 12 Senza debiti, non può spendere Maicol Mercuriali 10 ENERGIA: SCENARIO Corriere Della Sera Milano 26/08/15 P. 11 Nuova centrale idroelettrica sull'adda Il boom (discusso) degli impianti «verdi» 11 Corriere Della Sera 26/08/15 P. 25 La macchina costruita (in segreto) per riprodurre il Sole sulla Terra Anna Meldolesi 12 Sole 24 Ore 26/08/15 P. 21 Asse Terna-Rte per rafforzare la cooperazione Celestina Dominelli 14 Indice Rassegna Stampa Pagina I

3 D circuito dei viali Tris di cantieri tra dossi e gimcane Dalla piscina allo stadio lavori per gas e teleriscaldamento Fino al 31 ottobre continui cambi di corsia e piede sul freno Imbuto, gimcana, dosso. È il circuito dei cantieri, con le vene aperte della strada e la grammatica dei cartelli a regolare l'andatura di automobilisti e centauri metropolitani. Una lunga teoria di frecce e operai stilizzati, curvi a spalare nel loro triangolo giallo. Così lungo i viali Montegrappa e Isonzo, uniti dalla cerniera dei lavori in corso. Fortuna che le due corsie - stesso senso di marcia - consentono di operare in parallelo senza dover chiudere e dirottare il traffico altrove. Altrimenti sai che avvitamento, già così la viabilità è a ostacoli. Lavori importanti, robusti quelli in corso lungo i viali Montegrappa e Isonzo, dove le vene della strada sono state aperte e divaricate per la posa del tubo del gas e l'estensione della rete del teleriscaldamento, come informa Tea sul suo sito. La chiusura del cantiere, che si allunga per circa due terzi del percorso totale, fino allo stadio, è stimata per il 31 ottobre. Altri due mesi d'imbuto e gimcana, quindi, con l'orizzonte dell'autunno sempre più vicino e l'ansia che la riapertura delle scuole metta il tappo ai viali. Code ai semafori e andatura a singhiozzo nelle ore di punta. Si vedrà, magari i lavori finiscono prima. Intanto, i disagi sono limitati e tollerabili nella città dal respiro ancora pigro, in quest'ultimo ritaglio d'agosto. S'imbocca viale Montegrappa scacciando il ricordo fastidioso dei lavori di viale Montello, dilatati dall'inciampo della bomba della seconda guerra mondiale. Acqua passata. Un freccia ordina di curvare nella corsia di destra, mentre il finestrino del guidatore incornicia il cantiere numero uno, che aggancia subito la curiosità. L'incisione nell'asfalto è profonda e sul ciglio della ferita riposa un escavatore. La strada torna quindi a moltiplicarsi per due, ma il sollievo dura pochi metri perché già davanti alla piscina Dugoni s'incontra il secondo cantiere, questa volta sulla corsia di destra. Ci si "butta" dolcemente a sinistra. Si passa oltre e due cartelli avvertono già dell'interruzione successiva (terza e ultima): l'omino stilizzato curvo sulla pala e il segnale di corsia chiusa. Dopo il semaforo all'incrocio con piazzale Vittorio Veneto, l'imbuto piega di nuovo a destra, mentre sulla sinistra sfila il cantiere più lungo dei tre. Frecce, new jersey bianchi e rossi, metri e metri di rete metallica, altre ruspe, il taglio nell'asfalto. La corsia si restringe come un corridoio, a destra la vista riposa sul verde dei giardini di Palazzo Te. Ma guai a distrarsi, perché in coda al cantiere ecco il "salto", un dislivello che obbliga a frenare e scalare la marcia. E l'ultimo ostacolo, poi viale Isonzo ritrova il suo corso, e il piede cerca l'acceleratore. (ig.cip) II olrcubu dcì eìa,ft,di w, 1 ru dosd e ginxane Si parla di noi Pagina 1

4 «raese npunto a tempo m record» Polemica sui rifiuti dopo la Fiera, la giunta replica alla minoranza L'area dei lago / CURTATbNE(Grazie) «Alle 12 di lunedì mattina Grazie era già stata completamente ripulita e non c'era alcun problema». L'amministrazione di Curtatone risponde alle accuse lanciate dal gruppo di opposizione in merito ai rifiuti che sarebbero rimasti in alcuni punti delle vie della frazione ad una settimana di distanza dalla fine della Fiera. «Prima abbiamo dovuto smontare tutto - spiegano il sindaco Carlo Bottani, l'assessore Luigi Gelati e l'ingegnere Giovanni Trombani- e poi c'è stata la pulizia generale ma senza particolari ritardi, perché l'intervento è stato concluso lunedì. La via indicata dalla minoranza, via 8 Marzo, tra l'altro non è nemmeno tra quelle coinvolte direttamente nella Fiera - aggiunge Gelati - i pochi rifiuti sono stati un caso isolato e quanto al frigo abbandonato segnalato da una cittadina, era stato rimosso già il giorno seguente la chiusura della manifestazione». Trombani ricorda infine che «l'amministrazione impone a Mantova Ambiente un monitoraggio, in quanto è consapevole dell'attenzione che i cittadini pongono alla pulizia». (ele.car.) Ne^_m e capanom m ti Si parla di noi Pagina 2

5 Rifiufi, anche a Rivarolo arriva il porta aporta RIVAROLOMANTOVANO-È arrivato anche per Rivarolo il momento della raccolta differenziata `porta a porta'. L'amministrazione comunale avvierà dal primo gennaio 2016 il servizio che nei paesi limitrofi da anni era in funzione. «Sono diversi mesi che in Municipio prepariamo questa novità», afferma il sindaco Massimiliano Galli. «Come amministrazione siamo soddisfatti di poter portare questo servizio anche a Rivarolo. All'inizio sicuramente ci sarà qualche cosa da aggiustare ma l'importante è iniziare. A scuola educavamo i bambini a dividere i rifiuti e poi a casa non lo potevano fare». L'attuazione del servizio sarà preceduta da una serie di operazioni d'informazione alla cittadinanza. «Le prime ad essere coinvolte saranno le utenze `non domestiche', che saranno contattate dal personale di Mantova Ambiente incaricato di rilevazioni statistiche», spiega il sindaco. «A settembre verranno ordinati i contenitori per la raccolta differenziata, ai primi di novembre ogni singola utenza, domestica e non domestica, riceverà una comunicazione ufficiale unitamente ad una tabella informativa dei contenitori in consegna. A fine novembre verranno infine consegnati i contenitori per la raccolta differenziata». Come ultimo saranno organizzati degli incontri pubblici, due a Rivarolo ed uno a Cividale, per spiegare le modalità del sistema di raccolta e nel mese di gennaio 2015, il lunedì mattina, un operatore sarà presente in Comune per ogni chiarimento. (p.c.) Si parla di noi Pagina 3

6 Una scarica in via Ponte XXI Leggendo il bottarispostatra la mia concittadina Piazza e Allegretti evinco che sono in previsione opere di riqualificazioned i alcune vie dei nostro Comune e la costruzione di un palazzetto dei lo sport: benissimo, me ne rallegro! lo risiedo da49 anni neliafrazione di Romanore invia Ponte XXI che è ormai una striscia di asfalto priva di segnaletica stradale orizzontale. Provvedo personalmente alla manutenzione dei cigli stradali in quanto l'erba e le sterpaglie impediscono lavisibilitàe immettersi nellavia è sempre rischioso. Via PonteXXI è la latrina dei Comune, basta percorrerla per attestarne il degrado e la sporcizia; vengono lasciati rifiuti di ogni genere: plastica, vetro, carta, carcasse di animali... Per lo schifo che mi genera questa visione in svariate occasioni ho provveduto personalmente a raccogliere e sacchi di immondizia. il lerciume spesso richiama gruppi di cani randagi obbligandomi a barricarmi in casa. La casa cantonale a ridosso del la ferrovia è una di scarica a cielo aperto; i guard a ridosso dei fosso sono lamiere accartocciate. Via PonteXXI ètotalmente priva di ogni forma di illuminazione. In paese è stata installata una serie infinita di lampioni anche dove esisteva già un'altra forma di illuminazione pubblica. Una decinadi questi faretti non potevano essere messi in via PonteXXI? Negli anni ho visto rifiorirevia Stazione, via San Cataldo. La mia via è così da quando sono nata e mi sorge il dubbio che, visto il valore storico raggiunto, sia ormai sottoposta ai vincoli dei Beni culturali e ambientai i. lo vengo ricordata e considerata dal Comune di Borgoforte, ora Borgo Virgilio, solo ed esclusivamente in occasione della riscossione di imposte, tasseetributi vari. Amministratori del Comune di Borgo Virgilio, prima di costruire un palazzetto dello sport non è forse più giusto e corretto dare a tutti i cittadini i servizi basilari? Clara Rubini Rifiuti Pagina 4

7 Borgo Virgilio, parte questa mattina la disinfestazione dalle zanzare BORGO VIRGILIO - Questa mattina la ditta Mantova Service srl eseguirà per conto del Comune di Borgo Virgilio un servizio di disinfestazione da zanzare e iphantria nelle area comunali a verde attrezzate elencate negli allegati all' avviso che è stato pubblicato sul sito istituzionale del Comune. In caso di condizioni meteo avverse gli interventi saranno rimandati a data da destinarsi. Il servizio sarà effettuato attraverso l'utilizzo di prodotti registrati ed autorizzati dal ministero della sanità e con l'impiego di personale specializzato. Due i tipi di interventi: uno contro le larve al fine di interrompere il ciclo di sviluppo delle future zanzare (si interviene trattando i possibili siti di riproduzione (tombini, pozzetti dell'acqua piovana, vasi); l'altro contro gli adulti, intervenendo direttamente sui luoghi di riposo (come siepi o cespugli) e ovunque siano presenti. (mavin) ; SanGiorgio:inarrivadail5nilOprolughi V1 oo,o o<wam e Moloredurenlelogiklnhid:grereS9e. arr' oadolsead i Rifiuti Pagina 5

8 Id o lo 1 nuovi* dirigenti: presto il bando dí assunzione Il Comune si appresta ad assumere altri due dirigenti. Ieri la giunta ha deciso di indire il bando per individuare i responsabili dei settori lavori pubblici e urbanistica, attualmente affidati ad interim, il primo al dirigente dei servizi sociali e il secondo al segretario generale. I due dirigenti verranno assunti cori contratto a tempo determinato per la durata del mandato del sindaco Palazzi e saranno esterni, provenienti o dal settore pubblico oppure da quello privato. Nei prossimi giorni verrà redatto materialmente il bando con i requisiti dei candidati e i termini per la presentazione delle domande. «I due nuovi dirigenti verranno assunti entro l'anno» assicura il primo cittadino. La procedura potrebbe essere anche più veloce. L'ultimo dirigente assunto, il responsabile del settore finanze, è arrivato in Comune il 1 agosto scorso, con bando emesso a metà luglio. Rumors darebbero per certo il ritorno di Carmine Mastromarino alla guida dei lavori pubblici mentre, per quanto riguarda l'urbanistica, la partita è apertissima. Attualmente i dirigenti in Comune sono sei (con i due nuovi saliranno, dunque, a otto): Alessandro Beltrami, Ernesto Ghidoni, Annamaria Sposiio, Irma Pagliari, Alberto Rosignoli, Paolo Perantoni, oltre al segretario Annibale Vares chi. \I, iiiluclnri: i.i iii(cn i neilcomane Politica locale Pagina 6

9 Fsiene fra c uni agre le barricate Sono un cittadino suzzarese e le scrivo in merito al la questione della fusione dei comuni della Bassa, dopo aver seguito con interesse, ma da profano, il dibat tito sviluppatosi fino a oggi. Mi pare, forse per un mio limite, che ancora una volta le opposizioni siano affette da un'impreci sata teoria del complotto, adducendo motivazioni che trovano una pronta smentita negli artico li susseguitisi sulle pagine di que sto quotidiano. Scelta calata dal l'alto? L'intervista al sindaco Ivan Onga ri del 9 agosto titola così: "Sulle fusioni decida lagente". Mi trovo d'accordo con l'ipotesi, sostenuta su queste pagine, della creazione di un comitato apol itico, che si preoccupi di sviscerare la questione della fusione in tutte la sue sfaccettature e nel modo più chiaro possibile alla cittadinanza, prima del referendum previsto per legge! Perdita d'identità del comune più piccolo? Mi sembra che si debbafare innanzitutto un po' d ordine: se si parla d'identità poli tica, ben venga un'amministrazione unica, più forte, meno numerosa (con conseguente rispar mio) a patto che rappresenti gli interessi di tutti i paesi partecipanti. In questo senso l'accusa d attaccamento alla poltrona si ritorcerebbe contro gli stessi accusatori, dato che la fusione implicherebbe lo scioglimento delle giunte comunali. Se vogliamo parlare invece di identità culturali, non vedo come un provvedimento di questo tipo possa alterare tradizioni secolari. Per quel che mi riguarda, nato a Suzzara e cresciuto a Sailetto (come noto diviso tra Suzzarae Motteggiana) non mi sono mai accorto di una sostanziale differenza da una sponda all'altra del fiume Zara. È sul piano economico tuttavia che si gioca la vera partita: la fusione dovrebbe portare in dote lo svincolo dal patto di stabilità per5 anni e maggiori trasferimenti +20% rispetto al 2010, cosa che invece le unioni, unica vera alternativa (peraltro già battuta con scarsi vantaggi) delle opposizioni, non farebbero. Credo che la fretta e l'insistenza con laquale la giunta di Suzzara spinge verso la fusione (con Motteggiana in primis) derivi dalla paura di perdere a breve tal e opportunità: lo Stato potrebbe infatti abolire i vantaggi della fusionee imporla per i territori sotto un certo numero di abitanti. Fusione quindi come tentativo da percorrere irrimediatamente, auspicato oltre che da diversi cittadini che già hanno scritto, anche dagli addetti ai lavori come l'ex dipendente dei comuni virgiliani, che ricordaatutti la cattiva sorte toccata all'esperimento unione tra i comuni di Motteggiana, Borgoforte e Virgilio. Non si capisce dunque il motivo per cui Motteggiana intende ritentare la carta del l'unione, questa volta con Pegognaga, smarcandosi da Suzzara, con la quale ha già diversi servizi in comune. Per concludere, ritengo che la fusione debba essere considerata come una delle poche cure alla penuria di risorse che ormai da anni affligge le amministrazioni locali. Masi sa, il cambiamento presuppone dei rischi, solo il tempo ci potrà dire se la medicina funziona. Giulio Geretti Politica locale Pagina 7

10 Dopo la denuncia dei residenti, il Comune sollecitato l'intervento di Ai di SILVIA SARACINO LA DENUNCIA dei residenti di San Marino sul degrado alla ex scuola materna, pubblicato ieri sulle nostre pagine, ha fatto centro. IERI il Comune ha infatti inviato ad Aimag la richiesta, in forma scritta, di sgomberare il cortile della ex scuola dall'ammasso di vecchi mobili e attrezzatura varia lasciato dalle associazioni che occupavano l'edificio prima del terremoto. E la situazione è quindi destinata a risolversi entro pochi giorni. «NON potevamo intervenire prima perchè si tratta di un edificio di proprietà del Comune» si affrettano a spiegare dalla multiutility. Nelle scorse ore i tecnici hanno iniziato a dividere i rifiuti per capire dove portarli: in discarica quelli irrecuperabili e nei centri di raccolta quelli che si possono riciciclare. A SOLLEVARE il caso sono stati i volontari del `gruppo dello sfalcio' che per conto dell'amministrazione comunale gestisconoin forma volontaria e gratuita - tutta la manutenzione del verde pubblico della frazione. I volontari avevano chiesto al Comune una sala nella ex scuola per gestire meglio la loro attività. L'EDIFICIO, una delle scuole presenti sul territorio risalenti al Ventennio fascista, da parecchi anni è stata trasformata in sede di associazioni di volontariato e culturali, ospitando, tra gli altri, anche i musulmani del centro isla- I rifiuti accatastati davanti all'edificio mico. LA scossa di terremoto del 29 maggio ha reso inagibile l'edificio che da quel momento è rimasto in stato di abbandono. Il Comune ha presentato il progetto di riparazione danni post sisma alla Regione la quale non ha ancora dato il via libera. LA ex scuola di San Marino, che tra l'altro è anche tutelata dalla Soprintendenza, resta dunque imbrigliata nella burocrazia come molti altri edifici pubblici che attendono l'approvazione del progetto e il relativo finanziamento. E nel frattempo avanza il degrado. ENTRO la fine dell'anno, spiegano nel dettaglio dagli uffici tecnici del Comune, dovrebbe arrivare il via libera e da gennaio potrebbero partire i lavori di ristrutturazione. AL termine dei lavori le associazioni dovrebbero rientrare ma il Comune dovrà acquistare nuovi arredi, perchè ovviamente quelli vecchi sono tutti finiti al macero. E questo comporterà una spesa maggiore, a carico di tutti i cittadini. Competitors Pagina 8

11 anto del terremoto sce tutto a doia Oltre ila tonnellate saranno conferite alla discarica privata di via Belvedere Rieco subentra alla ditta esclusa dalla white list. Ecco alcuni dei siti "conta inati" 1 MIRANDOLA Sarà la discarica di via Belvedere, di proprietà della Rieco, società di Claudio Reggiani, ad accogliere le oltre 5mila tonnellate di materiale contenente amianto del cratere sismico. L'accordo, ratificato dall'imprenditore e dal commissario delegato alla ricostruzione, Stefano Bonaccini, sarà valido fino al termine del 2015, salvo proroghe e prevedeva una base d'asta iniziale di 1,8 milioni (Iva esclusa). La Rieco si era classifica al secondo posto nella graduatoria, superata nell'offerta economicamente più vantaggiosa dalla toscana Programma Ambiente Apuan e. Il contratto è stato però rescisso dopo che la ditta venne raggiunta da un provvedimento antimafia. La Regione ha così chiuso l'accordo con la Rieco, che ora si prepara ad accogliere i materiali amiantati che da oltre tre anni stazionano sia nei cantieri domestici che in quelli industriali. Ma se l'accordo con Rieco, che detiene anche una quota di Aimag in qualità di socio correlato, è ormai sancito, non è ancora stato ufficializzato il vincitore del bando per il "Servizio di rimozione, trasporto e conferimento ad impianto di smaltimento di rifiuti speciali pericolosi contenenti amianto". Un lavoro da oltre 4 milioni di euro che ha portato a quantificare, sulla base di campagne di sopralluoghi dedicate, il quantitativo di rifiuto da rimuovere e trasportare: indicativamente circa 5145 tonnellate. Il materiale è suddiviso nelle seguenti tipologie: lastre intere, rotte e frammenti di lastre stoccate in zone separate dalle macerie (256 tonnellate); piccoli pezzi e manufatti stoccati in zone separate dalle macerie (240 tonnellate) suddivisi in 60 cisterne per acqua, 25 canne fumarie, 30 tubazioni, due casette per animali; cumulo macerie frammiste ad amianto (3877 tonnellate); copertura danneggiata (772 tonnellate). Ad esempio si opererà all'ex campo di concentramento di Fossoli dove sono state individuate, all'interno del cantiere diverse tubazioni e canne fumarie, ancora da In alto un'azienda agricola crollata e bidoni asan Felice A fianco la Bellentani di Massa smontare e da accatastare in una sola zona. Sono invece 5 gli interventi "in quota" previsti a Cavezzo mentre a Finale si lavorerà anche nella golena del canale Diversivo e alla Bellentani in cui è prevista la bonifica completa. A Mirandola, oltre a diverse strutture agricole (in totale sono 19), ci sarà un'importante azione anche sul capannone di Mortizzuolo di Roberto Menga, tra i più danneggiati e al centro di numerose rimostranze. Altri interventi sono preventivati a Novi (2), San Possidonio (2), Ravarino (1) e San Felice (2) tra cui una piccola azienda agricola nei pressi del cimitero di via Canalino. Sempre a San Felice, negli interventi a terra, si provvederà a smaltire bidoni e amianto tra via Marzanella a Rivara, cumuli in via Borgo e sacconi non lontano dalle vecchie scuole di Dogaro. Stessa strategia che sarà adottata anche a Mirandola mentre Finale attende il trasporto nella discarica della Rieco anche del cemento rimasto nel piazzale del centro sportivo e le conseguenze dell'abbattimento degli spogliatoi del campo Robinson. Ma un po' tutta la Bassa è costellata di piccole discariche a cielo aperto che andranno sanate non appena il nuovo servizio di smaltimento e trasporto andrà a regime. 'á)francescodondi IIPRODUZIONE RISERVATA cu--.offi ftiscrtmtuu%li-kdx Competitors Pagina 9

12 Sogliano al Ruhicouc e ricco grazie ai r fluti. Dei 4,5 mlra di avanzo, può irrrriegccrne solo 250mila curo Senza debiti, non può spendere comune ro a lo è penalizzato dalpatto i sta ilitác DI MAICOL MERCURIALI ogliano al Rubicone, piccolo comune sulle colline cesenati, nel cuore della Romagna, è famoso per tre cose: il celebre formaggio di fossa, le teglie di Montetiffi e i rifiuti. Non quelli che produce, ma quelli che smaltisce nel polo di Ginestreto: un impianto moderno, un modello per la gestione e la valorizzazione dell'immondizia. Qui vengono trattate- 350mila tonnellate di rifiuti all'anno, dai quali si recuperano materie prime (tra cui 15 mila tonnellate all'anno di compost per l'agricoltura) e si produce energia (dal biogas si ottengono 30 milioni di Kwh all'anno mentre gli impianti fotovoltaici hanno una potenzia di 7000 KW). La gestione è affidata alla Sogliano Ambiente Spa, società di cui il Comune detiene l'80% delle quote e grazie alla quale entrano nelle casse pubbliche cospicue somme di denaro. Quelle risorse che negli anni hanno permesso a Sogliano di alleggerire la pressione fiscale (le tasse sulle casa erano azzerate o ai minimi ben prima che il governo decidesse di togliere l'imu sulla prima casa e ancora oggi la Tasi non si paga), di spingere sul sociale, di investire sulla cultura e poi ancora sgravi per le imprese e 00/ s3h{i{i{i{i{i{i{i{ip//0//0//0//0//0//0//ls,s :, cnnnr n ^ '%// /D / QWntinrs Sabattiiii incentivi per le famiglie che decidevano di trasferirsi lì. Insomma, Sogliano al Rubicone, anche grazie all'intuizione di investire nei rifiuti, è diventato un modello di pubblica amministrazione. Nel dibattito sui Comuni virtuosi e spreconi, ospitato sulle pagine di ItaliaOggi, l'esperienza del municipio romagnolo è significativa. Anche perché non è più tutto così rosa e fiori, come spiega il sindaco Quintino Sabattini che, guidando una lista civica vicino al centrodestra, quattro anni fa ha centrato una storica vittoria elettorale, scalzando il Pd. «Al di là delle più nefaste previsioni la mannaia del patto di stabilità si è abbattuta anche sul nostro comune», è stato l'annuncio ferragostano del primo cittadino romagnolo. «E difficile da spiegare, praticamente impossibile da comprendere ma il risultato al momento attuale è esattamente questo. Il Comune di Sogliano Al Rubicone essendo virtuoso, senza debiti e senza mutui da pagare, risulta avere un avanzo di bilancio di ,5 euro», una somma notevole considerando che ci sono poco più di tremila residenti. «Fino a pochi giorni fa era stato richiesto uno svincolo di almeno euro per far fronte alle spese di investimento quali strade, opere pubbliche e quant'altro. La risposta è stata che possiamo spendere al momento soltanto euro, di tutti questi soldi che sono comunque nostri e rimangono in tal modo inutilizzati». E tra frane e incendi dolosi, il territorio comunale avrebbe bisogno di diversi interventi per una sua messa in sicurezza. Ma come si sente un sindaco che tiene la tassazione al minimo, il cui Comune riesce ad avere un avanzo milionario, ma che non può spendere queste risorse per i suoi cittadini? «Nessun commento, ma soltanto una doverosa informazione per rendere edotti i cittadini di quale strada stia seguendo questo nostro strano paese che si chiama Italia che, al di là di ogni credo politico, ha ormai inchiodato le piccole amministrazioni locali in una croce dalla quale sarà impossibile scendere per molti anni a venire. Se ne era parlato, ma la gravità di queste misure non era stata percepita appieno sul nostro territorio, adesso la situazione sta degenerando ed il timore fondato è che tutto il nostro tenore di vita ne venga coinvolto. L'amministrazione farà il possibile - conclude Sabattini - ma certe scelte obbligate costringono a scegliere fra cosa limitare e cosa mantenere della nostra programmazione». -C Riproduzione riservata Rifiuti: Scenario Pagina 10

13 Nuova centrale idroelettrica sull'adda Il boom (discusso) degli impianti «verdi» CREMONA Continua la corsa a nuove centrali idroelettriche lungo i fiumi che attraversano la campagna cremonese. Per lo più, mini impianti tecnologicamente all'avanguardia che sfruttano salti d'acqua di alcuni metri per produrre energia «verde». Come a Pizzighettone, dove il consiglio comunale ha approvato la convenzione con la Edison per la costruzione di una centrale interrata da 4,5 megawatt sull'adda, lungo la sponda opposta rispetto a quella già in funzione a Maleo. I lavori sono già cominciati e dovrebbero concludersi entro il «Sono previsti particolari accorgimenti per ridurre al minimo l'impatto ambientale», sottolinea l'assessore all'ecologia, Cristina Carminati. Non lontano, a Crotta d'adda, si era parlato dell'apertura di un'altra centrale, ma per ora il progetto è stato bloccato per le sue eccessive dimensioni. E grande, ma non così tanto, l'impianto di Isola Dovarese, sull'oglio, che sfrutta una cascata di quattro metri. Produce 6 milioni di kilowattora all'anno, che corrispondono al consumo medio di energia di famiglie e consentono di evitare l'emissione in atmosfera di tonnellate di anidride carbonica. E questo fa dire al sindaco Gianpaolo Gansi di I il «essere orgoglioso del vicino». L'energia AVolongo, invece, la costruzio- Gli impianti idroelettrici in Lombardia sono 488; assicurano circa 13 mila GWh di energia all'anno ne di una centrale si è appena conclusa ed è in corso il collaudo. In cambio dell'opera, il Comune ha ottenuto la riqualificazione di una vasta area. La realizzazione di questi impianti, però, è spesso accompagnata da polemiche e timori. Come quelli espressi dall'ambientalista Marco Pezzoni: La domanda «Sono progetti interessanti, di energia è di ma a patto che rispettino il pae- 66 mila GWh: il saggio e non pregiudichino la deficit è di circa questione fondamentale per 25 mila GWh l'agricoltura e non solo, cioè la nonostante le qualità e la quantità dell'acqua altre centrali dei fiumi». (G.B.) (Fonte : Terna) 2 RIPRODUZIONE RISERVATA Energia: Scenario Pagina 11

14 La macchina costruita (in segreto) per riprodurre il Sole sulla Terra Gli scienziati che inseguono il sogno dell'energia pulita e il ' itata. «Science»: è una svolta di Anna Meldolesi e i governi di mezzo mondo avessero la lampada di Aladino e un unico desiderio da esprimere, probabilmente sarebbe la fusione nucleare. L'energia così ottenuta unirebbe i vantaggi delle fonti rinnovabili con quelli del petrolio : sarebbe pulita, senza emissioni di anidride carbonica, disponibile giorno e notte, con il bello e il cattivo tempo. Per riuscirci bisognerebbe replicare sulla Terra ciò che accade nel Sole, ma i problemi tecnologici e ingegneristici sono imponenti. La comunità internazionale ha scommesso tutto o quasi sul gigantesco reattore ITER, finanziato da Europa, Cina, India, Giappone, Corea, Russia e Usa con 20 miliardi di dollari. I lavori per costruirlo sul suolo francese procedono, ma tra ritardi e costi che lievitano non entrerà in funzione prima del Il Golia della fusione dovrà vedersela con un grosso concorrente americano (National Ignition Facility) e anche con una piccola pattuglia di Davide. Company private, finanziate da capitali di ventura, che inseguono approcci alternativi. Prima fra tutte la misteriosa Tri Alpha Energy : nessun sito web, un quartiere generale di basso profilo a sud di Los Angeles, nessuna chance di entrarvi senza firmare un accordo di riservatezza. Ha 15o impiegati e un gruzzolo di 15o milioni di dollari raccolti da investitori come il cofondatore di Microsoft Paul Allen e la società russa Rusnano. La filosofia della Tri Alpha è stata a lungo improntata alla segretezza : poche pubblicazioni e molti brevetti, fino all'annuncio fatto in questi giorni al simposio organizzato per commemorare il fondatore Norman Rostoker, fisico dell'università della California a Irvine morto a Natale. La company ha dichiarato di aver costruito una macchina detta C-2U capace di mantenere stabile a io milioni di gradi Celsius una massa di combustibile da fusione e di essere pronta ad abbattere Il record. Cosa significa? Immaginate due cannoni puntati uno contro l'altro, ognuno lungo una decina di metri, pronti a sparare un anello di gas incandescente. I due anelli di plasma viaggiano a una velocità vicina a un milione di chilometri l'ora, fondendosi al centro in una massa a forma di sigaro. Con una serie di trucchi i ricercatori sono riusciti a stabilizzare questo fenomeno per 5 millisecondi e, volendo, avrebbero potuto andare oltre. Sembra un battito di ciglia ma è un balzo in avanti clamoroso se si pensa che per decenni ci si era fermati a 0,3 millisecondi (Science usa la parola svolta, «breakthrough»). Nessun contenitore può sopportare il calore di simili esperimenti, perciò il plasma deve essere confinato. ITER lo farà dotando di magneti il suo reattore a ciambella, il classico tokamak. La company californiana, invece, lavora con un dispositivo lineare e sfrutta per l'imbottigliamento il campo magnetico prodotto dal flusso del plasma. Il prossimo anno verrà messa alla prova una nuova macchina (C-2W), da cui la Tri Alpha si aspetta prestazioni ancora migliori. Un aumento di dieci volte della temperatura (a ioo milioni di gradi) basterebbe per innescare la fusione di un combustibile classico costituito da due isotopi dell'idrogeno (deuterio e trizio). L'obiettivo dichiarato però è raggiungere l'inferno di oltre 3 miliardi di gradi, per utilizzare un combustibile più facile da produrre e più docil e: un mix di protoni e boro che darebbe come prodotti finali tre particelle alfa, quelle che hanno ispirato il nome della compagnia. «In questo modo si eviterebbe il problema dei neutroni che danneggiano le pareti del reattore. Ma il sistema è molto più dispendioso dal punto di vista energetico», commenta il vicepresidente dell'istituto nazionale di Fisica nucleare Eugenio Nappi, che continua a preferire la fusione convenzionale. L'Infn è coinvolto nello studio dei materiali per il tokamak di ITER, e Nappi coordina anche un altro progetto antagonista, Ignitor. «Il consorzio internazionale dovrebbe prendere a modello il Cern», sostiene il fisico. Probabilmente abbiamo bisogno sia della velocità di Davide che della solidità di Golia. Solo così possiamo sperare di portare sulla Terra un pezzetto di RIPRODUZIONE RISERVATA Energia: Scenario Pagina 12

15 i i 'EGLI STATI UNITI Come funziona il reattore La società americana Tri Alpha Energy lavora, in segretezza, alla realizzazione di un dispositivo per produrre energia sfruttando la fusione nucleare. I laboratori si trovano in California h.ae cannoni agli estremi sparano ri anello dl plasma r:l<asc no Gli anelli si scontrano II plasma crea uri campo nella c mera centrale Magnetico : he lo mantiene dove generano una sospeso e concentrato massa a forma di sigaro Fasci di combustibile L Irierione di ulteriori fasci r comh.istih - mantiene alba la temperatura Cannone Cannone Anello di plasma Camera centrale Gíasrnoideaforma di sigaro Anello cfi plasma ann a una velocità a un ll ore di r ametri l'ora La macchina è capace dl mantenere stabile a 10 milioni di gradi Celsius la massa di combustibile cnmerea Dall'alto: Norman Rostoker, fisico e fondatore di Tri Alpha Energy (morto nel 2014 a 89 anni) e due dei finanziatori principali: Paul Allen, cofondatore di Microsoft, e l'imprenditore russo Anatoly Chubais Al lavoro Uno dei due estremi del reattore della società Tri Alpha Energy che serve perla fusione Energia: Scenario Pagina 13

16 Le due società siglano un Mou per lavorare insieme nella gestione delle reti elettriche se Terna- te per rafforzare la cooperazione Celestina Dominelli la relazione c'è ed è di lunga data. Visto che, proprio attraverso il confine francese e dai cugini d'oltralpe, è transitata buona parte dell'energia elettrica che la penisola ha importato negli anni passati. Senza contare che, tra Italia e Francia, sono già attive quattro interconnessioni e un'altra, la Piemonte-Savoia, è in costruzione e, una volta in esercizio, farà sì che l'asse con la Francia sialapiù importante frontiera elettricaper il nostro paese. Ora, però, Terna e la sua omologa transalpina, Rte (Réseau de transport d'électricité), hanno deciso di compiere un passo avanti formalizzando una collaborazione che servirà a entrambe per affrontare al meglio le sfide presenti e future del mercato elettrico europeo. Così ieri l'ad di Terna, Matteo Del Fante, e il numero uno di Rte, Dominique Maillard hanno siglato un memorandum of understanding con l'obiettivo di intensificare la cooperazione tecnica in diverse aree, nel solco di una proficua e storica collaborazione tra i due paesi e tra le due più grandi reti di trasmissione dell'energia elettrica nel Vecchio Continente (1o5mila chilometri per Rte, chilometri per Terna). Continua > Energia: Scenario Pagina 14

17 Sottoscritto un memorandum of understanding Terna e Rte si alleano per rafforzare la cooperazione nelle reti elettriche Celestina Dominelli sodalizio solido, insomma,potenziato da questoulteriore tassello. «Questo accordo - ha spiegato il numero uno di Terna Del Fante - è un ulteriore passo avanti nel rapporto di proficua collaborazione che da anni unisceterna e il suo omologo francese ben oltre la vicinanza geografica. L'importanza del memorandum risiede anche nel suo fondamentale respiro europeo, poiché riguarda tutte le principali tematiche su cui si giocherà il futuro del sistema elettrico continentale, dove le reti avranno un suolo sempre più centrale anche per la piena integrazione della produzione da fonti rinnovabili e per una maggiore indipendenza energetica a livello europeo». La cooperazione tra i gestori direte, gli ha fatto eco l'ad di Rte Maillard, «è cruciale per la buona integrazione dell'europa continentale così come dell'area del Mediterraneo. Firmando questo accordo, Rte e Terna riaffermano la volontà di collaborare con l'obiettivo comune di contribuire alla realizzazione di un sistema elettrico europeo affidabile, competitivo e in grado di guardare avanti». I fronti di collaborazione sono svariati, a cominciare dalle possibili alleanze nello sviluppo delle infrastrutture. Come detto, tra i due paesi esistono già sinergie molto strette e almomento i due gruppi sono impegnati nella realizzazione del nuovo cavo interrato che collegherà le stazioni elettriche dipiossasco e Grand'Ile. La nuova linea di i9o chilometri, all'avanguardia per soluzioni ingegneristiche, tecnologiche e ambientali usate e inserita da Bruxelles tra i progetti di interesse comune, consentirà di aumentare del 6o 0 la capacità d'importazione di elettricità in Italia dalla Francia. Terna e Rte, però, sono intenzionate a mettere in campo una strategia comune anche nello sviluppo di ulteriori progetti nel centro-sud dell'europa. Dove, peraltro, si ricorderà, nei mesi scorsi è stato avviato il progetto di "market coupling" (accoppiamento dei mercati) che ha consentito di "allineare" i mercati elettrici di tre delle cinque frontiere italiane (Francia, Austria e Slovenia) tramite la sincronizzazione delle rispettive Borse elettriche e il coordinamento dei gestori di rete (Tso). Ma l'asse tra i due gruppi potrebbe accendere un riflettore anche sull'area del Mediterraneo dove, come ha ricordato anche Del Fante in più occasioni, non mancano i possibili sp azi di manovra, apartire dal Focus sullo sviluppo delle infrastrutture nel Centro-sud Europa ma anche sullo scambio di dati e sulla formazione del personale *Per market couplin ("accoppiamento dei mercati") si definisce il meccanismo di coordinamento tra mercati elettrici organizzati in diversi Stati nazionali finalizzato alla gestione delle congestioni sulle reti di interconnessione (scambi transfrontalieri). Si pone come obiettivo la massimizzazione dell'utilizzo della capacità di interconnessione secondo criteri di economicità (garanzia che i flussi di energia siano diretti dai mercati con prezzi minori verso quelli con prezzi relativamente più elevati). progetto diuncollegamento elettrico con la Tunisia che potrebbe aumentare la capacità di importazione c on la frontiera Nord e fare della penisola un paese ditransito dell'energia elettrica. Naturalmente un occhio sarà puntato anche sull'evoluzione dei mercati elettriche suipossibili scenari futuri che, come nel gas, disegnano una sempre maggiore integrazione trale reti elettriche secondo la direzione tracciata dal Terzo pacchetto energia. Su questo fronte, Terna e Rte mirano a ritagliarsi un ruolo di leadermettendo a fattorcomune le esperienze acquisite a beneficio di tutti gli altri gestori di rete e rafforzando di fatto quella cooperazione che è già sancita, in sede europea, sia nell'entso-e (la rete che riunisce tutti i gestori del Vecchio Continente e di cui Del Fante è stato di recente nominato vicepresidente) sia nel Coreso, nato con l'obiettivo di aiutare in modo proattivo i Tso nel garantire la sicurezza e l'approvvigionamento a livello regionale europeo e che èpresieduto da Pier Francesco Zanuzzi, ad diterna Rete Italia. Tra i possibili versanti di collaborazione con quello che viene considerato un partner naturale, c'è poi ovviamente anche lo scambio di dati, nonché la possibilità di strutturare dei programmi di formazione di personale altamente specializzato per ottimizzare i processi dibusiness e la gestione delle situazioni di emergenza, come già accaduto in passato. Insomma, Terna e Rte hanno deciso di rafforzare ancor di più i rapporti già esistenti, anche per poter parlare con una sola voce a livello europeo, sia che si tratti dei piani promossi da Bruxelles in campo energetico sia che si tratti della definizione del futuro quadro regolatorio e di meccanismi di incentivazione adeguati peri gestori direte. kipr00 lido NE RISERVATA Energia: Scenario Pagina 15

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola E' italiana la casa ad alta efficienza energetica campione del mondo che si è aggiudicata il primo posto

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 31 Gennaio 2014 Spett.le Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico Direzione Mercati Unità Mercati Elettrici all'ingrosso Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 587/2013/R/eel

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014 AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager Novembre 2014 AZZEROCO 2 AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Montaggio su tetto piano

Montaggio su tetto piano Montaggio su tetto piano Avvertenze generali Con la crescente diffusione dei sistemi fotovoltaici, oltre a dimensioni elettriche, durata, tempi di garanzia ecc., anche i dettagli di montaggio assumono

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 20 marzo 2015 (OR. en) EUCO 11/15 CO EUR 1 CONCL 1 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Riunione del Consiglio

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio?

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Carlo Cosmelli, Dipartimento di Fisica, Sapienza Università di Roma Abbiamo un problema, un grosso

Dettagli

Quando entrano in gioco gli altri

Quando entrano in gioco gli altri Quando entrano in gioco gli altri di Francesco Silva, Professore ordinario di Economia, Università degli Studi di Milano-Bicocca e Presidente onorario AEEE-Italia 1) Per semplicità consideriamo un economia

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO L ITALIA È PIENA DI ZINGARI FALSO. In Italia rom, sinti e camminanti sono circa 170mila cioè lo 0,25% della popolazione complessiva, UNA DELLE PERCENTUALI PIÙ

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

48 Congresso SItI. Milano, 14-18 Ottobre 2015 Opportunita' d'intervento riservate agli Sponsors. www.siti2015.org

48 Congresso SItI. Milano, 14-18 Ottobre 2015 Opportunita' d'intervento riservate agli Sponsors. www.siti2015.org 48 Congresso Milano, 14-18 Ottobre 2015 Opportunita' d'intervento riservate agli Sponsors COMITATI Presidente del Congresso: Carlo Signorelli, Presidente Presidente Comitato organizzatore: Francesco Auxilia,

Dettagli

toscan i pri m i 'in Europa"

toscan i pri m i 'in Europa GG toscan i pri m i 'in Europa" IL sistema degli aeroporti toscani «è il nostro fiore all'occhiello», dice Martin Eurnekian ieri sulla pista di Peretola insieme al presidente di Corporacion America Italia,

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

ITER AUTORIZZATIVO per un GRANDE IMPIANTO FOTOVOLTAICO ISCRIVERSI AL REGISTRO GRANDI IMPIANTI (E RISULTARE ISCRITTI NELLA GRADUATORIA GSE)

ITER AUTORIZZATIVO per un GRANDE IMPIANTO FOTOVOLTAICO ISCRIVERSI AL REGISTRO GRANDI IMPIANTI (E RISULTARE ISCRITTI NELLA GRADUATORIA GSE) Per accedere al IV Conto Energia è necessario superare 4 step per i grandi impianti. Questo documento ha lo scopo di analizzare in dettaglio ognuna delle fasi, presentandovi il quadro generale e offrendovi

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO dopo il TERREMOTO IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO Assicurare la ricostruzione di case e imprese secondo tempi certi e procedure snelle, garantendo

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Solare Pannelli solari termici

Solare Pannelli solari termici Solare Pannelli solari termici Il Sole: fonte inesauribile... e gratuita Il sole, fonte energetica primaria e origine di tutti gli elementi naturali, fonte indiscussa dell energia pulita, libera, eterna,

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI AVVERTENZA SUGLI INVESTIMENTI AD ALTO RISCHIO: Il Trading sulle valute estere (Forex) ed i Contratti per Differenza (CFD) sono altamente speculativi, comportano un alto livello

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli