Rassegna del 26/08/2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna del 26/08/2015"

Transcript

1 Rassegna del 26/08/2015

2 INDICE RASSEGNA STAMPA Rassegna del 26/08/2015 SI PARLA DI NOI Gazzetta Mantova 26/08/15 P. 12 Il circuito dei viali Tris di cantieri tra dossi e gimcane 1 Gazzetta Mantova 26/08/15 P. 17 «Paese ripulito a tempo di record» 2 Provincia Di Cremona 26/08/15 P. 28 Rifiuti, anche a Rivarolo arriva il porta a porta 3 RIFIUTI Gazzetta Mantova 26/08/15 P. 25 Una discarica in via Ponte XXI Clara Rubini 4 La Voce Di Mantova 26/08/15 P. 13 Borgo Virgilio, parte questa mattina la disinfestazione dalle zanzare 5 POLITICA LOCALE Gazzetta Mantova 26/08/15 P. 11 Via libera a 2 nuovi dirigenti: presto il bando di assunzione 6 Gazzetta Mantova 26/08/15 P. 25 Fusione fra comuni oltre le barricate Giulio Geretti 7 COMPETITORS Resto Del Carlino Modena 26/08/15 P. 13 Via i rifiuti dalle ex scuole elementari Silvia Saracino 8 Gazzetta Di Modena 26/08/15 P. 23 L'amianto del terremoto finisce tutto a Mirandola Francesco Dondi 9 RIFIUTI: SCENARIO Italia Oggi 26/08/15 P. 12 Senza debiti, non può spendere Maicol Mercuriali 10 ENERGIA: SCENARIO Corriere Della Sera Milano 26/08/15 P. 11 Nuova centrale idroelettrica sull'adda Il boom (discusso) degli impianti «verdi» 11 Corriere Della Sera 26/08/15 P. 25 La macchina costruita (in segreto) per riprodurre il Sole sulla Terra Anna Meldolesi 12 Sole 24 Ore 26/08/15 P. 21 Asse Terna-Rte per rafforzare la cooperazione Celestina Dominelli 14 Indice Rassegna Stampa Pagina I

3 D circuito dei viali Tris di cantieri tra dossi e gimcane Dalla piscina allo stadio lavori per gas e teleriscaldamento Fino al 31 ottobre continui cambi di corsia e piede sul freno Imbuto, gimcana, dosso. È il circuito dei cantieri, con le vene aperte della strada e la grammatica dei cartelli a regolare l'andatura di automobilisti e centauri metropolitani. Una lunga teoria di frecce e operai stilizzati, curvi a spalare nel loro triangolo giallo. Così lungo i viali Montegrappa e Isonzo, uniti dalla cerniera dei lavori in corso. Fortuna che le due corsie - stesso senso di marcia - consentono di operare in parallelo senza dover chiudere e dirottare il traffico altrove. Altrimenti sai che avvitamento, già così la viabilità è a ostacoli. Lavori importanti, robusti quelli in corso lungo i viali Montegrappa e Isonzo, dove le vene della strada sono state aperte e divaricate per la posa del tubo del gas e l'estensione della rete del teleriscaldamento, come informa Tea sul suo sito. La chiusura del cantiere, che si allunga per circa due terzi del percorso totale, fino allo stadio, è stimata per il 31 ottobre. Altri due mesi d'imbuto e gimcana, quindi, con l'orizzonte dell'autunno sempre più vicino e l'ansia che la riapertura delle scuole metta il tappo ai viali. Code ai semafori e andatura a singhiozzo nelle ore di punta. Si vedrà, magari i lavori finiscono prima. Intanto, i disagi sono limitati e tollerabili nella città dal respiro ancora pigro, in quest'ultimo ritaglio d'agosto. S'imbocca viale Montegrappa scacciando il ricordo fastidioso dei lavori di viale Montello, dilatati dall'inciampo della bomba della seconda guerra mondiale. Acqua passata. Un freccia ordina di curvare nella corsia di destra, mentre il finestrino del guidatore incornicia il cantiere numero uno, che aggancia subito la curiosità. L'incisione nell'asfalto è profonda e sul ciglio della ferita riposa un escavatore. La strada torna quindi a moltiplicarsi per due, ma il sollievo dura pochi metri perché già davanti alla piscina Dugoni s'incontra il secondo cantiere, questa volta sulla corsia di destra. Ci si "butta" dolcemente a sinistra. Si passa oltre e due cartelli avvertono già dell'interruzione successiva (terza e ultima): l'omino stilizzato curvo sulla pala e il segnale di corsia chiusa. Dopo il semaforo all'incrocio con piazzale Vittorio Veneto, l'imbuto piega di nuovo a destra, mentre sulla sinistra sfila il cantiere più lungo dei tre. Frecce, new jersey bianchi e rossi, metri e metri di rete metallica, altre ruspe, il taglio nell'asfalto. La corsia si restringe come un corridoio, a destra la vista riposa sul verde dei giardini di Palazzo Te. Ma guai a distrarsi, perché in coda al cantiere ecco il "salto", un dislivello che obbliga a frenare e scalare la marcia. E l'ultimo ostacolo, poi viale Isonzo ritrova il suo corso, e il piede cerca l'acceleratore. (ig.cip) II olrcubu dcì eìa,ft,di w, 1 ru dosd e ginxane Si parla di noi Pagina 1

4 «raese npunto a tempo m record» Polemica sui rifiuti dopo la Fiera, la giunta replica alla minoranza L'area dei lago / CURTATbNE(Grazie) «Alle 12 di lunedì mattina Grazie era già stata completamente ripulita e non c'era alcun problema». L'amministrazione di Curtatone risponde alle accuse lanciate dal gruppo di opposizione in merito ai rifiuti che sarebbero rimasti in alcuni punti delle vie della frazione ad una settimana di distanza dalla fine della Fiera. «Prima abbiamo dovuto smontare tutto - spiegano il sindaco Carlo Bottani, l'assessore Luigi Gelati e l'ingegnere Giovanni Trombani- e poi c'è stata la pulizia generale ma senza particolari ritardi, perché l'intervento è stato concluso lunedì. La via indicata dalla minoranza, via 8 Marzo, tra l'altro non è nemmeno tra quelle coinvolte direttamente nella Fiera - aggiunge Gelati - i pochi rifiuti sono stati un caso isolato e quanto al frigo abbandonato segnalato da una cittadina, era stato rimosso già il giorno seguente la chiusura della manifestazione». Trombani ricorda infine che «l'amministrazione impone a Mantova Ambiente un monitoraggio, in quanto è consapevole dell'attenzione che i cittadini pongono alla pulizia». (ele.car.) Ne^_m e capanom m ti Si parla di noi Pagina 2

5 Rifiufi, anche a Rivarolo arriva il porta aporta RIVAROLOMANTOVANO-È arrivato anche per Rivarolo il momento della raccolta differenziata `porta a porta'. L'amministrazione comunale avvierà dal primo gennaio 2016 il servizio che nei paesi limitrofi da anni era in funzione. «Sono diversi mesi che in Municipio prepariamo questa novità», afferma il sindaco Massimiliano Galli. «Come amministrazione siamo soddisfatti di poter portare questo servizio anche a Rivarolo. All'inizio sicuramente ci sarà qualche cosa da aggiustare ma l'importante è iniziare. A scuola educavamo i bambini a dividere i rifiuti e poi a casa non lo potevano fare». L'attuazione del servizio sarà preceduta da una serie di operazioni d'informazione alla cittadinanza. «Le prime ad essere coinvolte saranno le utenze `non domestiche', che saranno contattate dal personale di Mantova Ambiente incaricato di rilevazioni statistiche», spiega il sindaco. «A settembre verranno ordinati i contenitori per la raccolta differenziata, ai primi di novembre ogni singola utenza, domestica e non domestica, riceverà una comunicazione ufficiale unitamente ad una tabella informativa dei contenitori in consegna. A fine novembre verranno infine consegnati i contenitori per la raccolta differenziata». Come ultimo saranno organizzati degli incontri pubblici, due a Rivarolo ed uno a Cividale, per spiegare le modalità del sistema di raccolta e nel mese di gennaio 2015, il lunedì mattina, un operatore sarà presente in Comune per ogni chiarimento. (p.c.) Si parla di noi Pagina 3

6 Una scarica in via Ponte XXI Leggendo il bottarispostatra la mia concittadina Piazza e Allegretti evinco che sono in previsione opere di riqualificazioned i alcune vie dei nostro Comune e la costruzione di un palazzetto dei lo sport: benissimo, me ne rallegro! lo risiedo da49 anni neliafrazione di Romanore invia Ponte XXI che è ormai una striscia di asfalto priva di segnaletica stradale orizzontale. Provvedo personalmente alla manutenzione dei cigli stradali in quanto l'erba e le sterpaglie impediscono lavisibilitàe immettersi nellavia è sempre rischioso. Via PonteXXI è la latrina dei Comune, basta percorrerla per attestarne il degrado e la sporcizia; vengono lasciati rifiuti di ogni genere: plastica, vetro, carta, carcasse di animali... Per lo schifo che mi genera questa visione in svariate occasioni ho provveduto personalmente a raccogliere e sacchi di immondizia. il lerciume spesso richiama gruppi di cani randagi obbligandomi a barricarmi in casa. La casa cantonale a ridosso del la ferrovia è una di scarica a cielo aperto; i guard a ridosso dei fosso sono lamiere accartocciate. Via PonteXXI ètotalmente priva di ogni forma di illuminazione. In paese è stata installata una serie infinita di lampioni anche dove esisteva già un'altra forma di illuminazione pubblica. Una decinadi questi faretti non potevano essere messi in via PonteXXI? Negli anni ho visto rifiorirevia Stazione, via San Cataldo. La mia via è così da quando sono nata e mi sorge il dubbio che, visto il valore storico raggiunto, sia ormai sottoposta ai vincoli dei Beni culturali e ambientai i. lo vengo ricordata e considerata dal Comune di Borgoforte, ora Borgo Virgilio, solo ed esclusivamente in occasione della riscossione di imposte, tasseetributi vari. Amministratori del Comune di Borgo Virgilio, prima di costruire un palazzetto dello sport non è forse più giusto e corretto dare a tutti i cittadini i servizi basilari? Clara Rubini Rifiuti Pagina 4

7 Borgo Virgilio, parte questa mattina la disinfestazione dalle zanzare BORGO VIRGILIO - Questa mattina la ditta Mantova Service srl eseguirà per conto del Comune di Borgo Virgilio un servizio di disinfestazione da zanzare e iphantria nelle area comunali a verde attrezzate elencate negli allegati all' avviso che è stato pubblicato sul sito istituzionale del Comune. In caso di condizioni meteo avverse gli interventi saranno rimandati a data da destinarsi. Il servizio sarà effettuato attraverso l'utilizzo di prodotti registrati ed autorizzati dal ministero della sanità e con l'impiego di personale specializzato. Due i tipi di interventi: uno contro le larve al fine di interrompere il ciclo di sviluppo delle future zanzare (si interviene trattando i possibili siti di riproduzione (tombini, pozzetti dell'acqua piovana, vasi); l'altro contro gli adulti, intervenendo direttamente sui luoghi di riposo (come siepi o cespugli) e ovunque siano presenti. (mavin) ; SanGiorgio:inarrivadail5nilOprolughi V1 oo,o o<wam e Moloredurenlelogiklnhid:grereS9e. arr' oadolsead i Rifiuti Pagina 5

8 Id o lo 1 nuovi* dirigenti: presto il bando dí assunzione Il Comune si appresta ad assumere altri due dirigenti. Ieri la giunta ha deciso di indire il bando per individuare i responsabili dei settori lavori pubblici e urbanistica, attualmente affidati ad interim, il primo al dirigente dei servizi sociali e il secondo al segretario generale. I due dirigenti verranno assunti cori contratto a tempo determinato per la durata del mandato del sindaco Palazzi e saranno esterni, provenienti o dal settore pubblico oppure da quello privato. Nei prossimi giorni verrà redatto materialmente il bando con i requisiti dei candidati e i termini per la presentazione delle domande. «I due nuovi dirigenti verranno assunti entro l'anno» assicura il primo cittadino. La procedura potrebbe essere anche più veloce. L'ultimo dirigente assunto, il responsabile del settore finanze, è arrivato in Comune il 1 agosto scorso, con bando emesso a metà luglio. Rumors darebbero per certo il ritorno di Carmine Mastromarino alla guida dei lavori pubblici mentre, per quanto riguarda l'urbanistica, la partita è apertissima. Attualmente i dirigenti in Comune sono sei (con i due nuovi saliranno, dunque, a otto): Alessandro Beltrami, Ernesto Ghidoni, Annamaria Sposiio, Irma Pagliari, Alberto Rosignoli, Paolo Perantoni, oltre al segretario Annibale Vares chi. \I, iiiluclnri: i.i iii(cn i neilcomane Politica locale Pagina 6

9 Fsiene fra c uni agre le barricate Sono un cittadino suzzarese e le scrivo in merito al la questione della fusione dei comuni della Bassa, dopo aver seguito con interesse, ma da profano, il dibat tito sviluppatosi fino a oggi. Mi pare, forse per un mio limite, che ancora una volta le opposizioni siano affette da un'impreci sata teoria del complotto, adducendo motivazioni che trovano una pronta smentita negli artico li susseguitisi sulle pagine di que sto quotidiano. Scelta calata dal l'alto? L'intervista al sindaco Ivan Onga ri del 9 agosto titola così: "Sulle fusioni decida lagente". Mi trovo d'accordo con l'ipotesi, sostenuta su queste pagine, della creazione di un comitato apol itico, che si preoccupi di sviscerare la questione della fusione in tutte la sue sfaccettature e nel modo più chiaro possibile alla cittadinanza, prima del referendum previsto per legge! Perdita d'identità del comune più piccolo? Mi sembra che si debbafare innanzitutto un po' d ordine: se si parla d'identità poli tica, ben venga un'amministrazione unica, più forte, meno numerosa (con conseguente rispar mio) a patto che rappresenti gli interessi di tutti i paesi partecipanti. In questo senso l'accusa d attaccamento alla poltrona si ritorcerebbe contro gli stessi accusatori, dato che la fusione implicherebbe lo scioglimento delle giunte comunali. Se vogliamo parlare invece di identità culturali, non vedo come un provvedimento di questo tipo possa alterare tradizioni secolari. Per quel che mi riguarda, nato a Suzzara e cresciuto a Sailetto (come noto diviso tra Suzzarae Motteggiana) non mi sono mai accorto di una sostanziale differenza da una sponda all'altra del fiume Zara. È sul piano economico tuttavia che si gioca la vera partita: la fusione dovrebbe portare in dote lo svincolo dal patto di stabilità per5 anni e maggiori trasferimenti +20% rispetto al 2010, cosa che invece le unioni, unica vera alternativa (peraltro già battuta con scarsi vantaggi) delle opposizioni, non farebbero. Credo che la fretta e l'insistenza con laquale la giunta di Suzzara spinge verso la fusione (con Motteggiana in primis) derivi dalla paura di perdere a breve tal e opportunità: lo Stato potrebbe infatti abolire i vantaggi della fusionee imporla per i territori sotto un certo numero di abitanti. Fusione quindi come tentativo da percorrere irrimediatamente, auspicato oltre che da diversi cittadini che già hanno scritto, anche dagli addetti ai lavori come l'ex dipendente dei comuni virgiliani, che ricordaatutti la cattiva sorte toccata all'esperimento unione tra i comuni di Motteggiana, Borgoforte e Virgilio. Non si capisce dunque il motivo per cui Motteggiana intende ritentare la carta del l'unione, questa volta con Pegognaga, smarcandosi da Suzzara, con la quale ha già diversi servizi in comune. Per concludere, ritengo che la fusione debba essere considerata come una delle poche cure alla penuria di risorse che ormai da anni affligge le amministrazioni locali. Masi sa, il cambiamento presuppone dei rischi, solo il tempo ci potrà dire se la medicina funziona. Giulio Geretti Politica locale Pagina 7

10 Dopo la denuncia dei residenti, il Comune sollecitato l'intervento di Ai di SILVIA SARACINO LA DENUNCIA dei residenti di San Marino sul degrado alla ex scuola materna, pubblicato ieri sulle nostre pagine, ha fatto centro. IERI il Comune ha infatti inviato ad Aimag la richiesta, in forma scritta, di sgomberare il cortile della ex scuola dall'ammasso di vecchi mobili e attrezzatura varia lasciato dalle associazioni che occupavano l'edificio prima del terremoto. E la situazione è quindi destinata a risolversi entro pochi giorni. «NON potevamo intervenire prima perchè si tratta di un edificio di proprietà del Comune» si affrettano a spiegare dalla multiutility. Nelle scorse ore i tecnici hanno iniziato a dividere i rifiuti per capire dove portarli: in discarica quelli irrecuperabili e nei centri di raccolta quelli che si possono riciciclare. A SOLLEVARE il caso sono stati i volontari del `gruppo dello sfalcio' che per conto dell'amministrazione comunale gestisconoin forma volontaria e gratuita - tutta la manutenzione del verde pubblico della frazione. I volontari avevano chiesto al Comune una sala nella ex scuola per gestire meglio la loro attività. L'EDIFICIO, una delle scuole presenti sul territorio risalenti al Ventennio fascista, da parecchi anni è stata trasformata in sede di associazioni di volontariato e culturali, ospitando, tra gli altri, anche i musulmani del centro isla- I rifiuti accatastati davanti all'edificio mico. LA scossa di terremoto del 29 maggio ha reso inagibile l'edificio che da quel momento è rimasto in stato di abbandono. Il Comune ha presentato il progetto di riparazione danni post sisma alla Regione la quale non ha ancora dato il via libera. LA ex scuola di San Marino, che tra l'altro è anche tutelata dalla Soprintendenza, resta dunque imbrigliata nella burocrazia come molti altri edifici pubblici che attendono l'approvazione del progetto e il relativo finanziamento. E nel frattempo avanza il degrado. ENTRO la fine dell'anno, spiegano nel dettaglio dagli uffici tecnici del Comune, dovrebbe arrivare il via libera e da gennaio potrebbero partire i lavori di ristrutturazione. AL termine dei lavori le associazioni dovrebbero rientrare ma il Comune dovrà acquistare nuovi arredi, perchè ovviamente quelli vecchi sono tutti finiti al macero. E questo comporterà una spesa maggiore, a carico di tutti i cittadini. Competitors Pagina 8

11 anto del terremoto sce tutto a doia Oltre ila tonnellate saranno conferite alla discarica privata di via Belvedere Rieco subentra alla ditta esclusa dalla white list. Ecco alcuni dei siti "conta inati" 1 MIRANDOLA Sarà la discarica di via Belvedere, di proprietà della Rieco, società di Claudio Reggiani, ad accogliere le oltre 5mila tonnellate di materiale contenente amianto del cratere sismico. L'accordo, ratificato dall'imprenditore e dal commissario delegato alla ricostruzione, Stefano Bonaccini, sarà valido fino al termine del 2015, salvo proroghe e prevedeva una base d'asta iniziale di 1,8 milioni (Iva esclusa). La Rieco si era classifica al secondo posto nella graduatoria, superata nell'offerta economicamente più vantaggiosa dalla toscana Programma Ambiente Apuan e. Il contratto è stato però rescisso dopo che la ditta venne raggiunta da un provvedimento antimafia. La Regione ha così chiuso l'accordo con la Rieco, che ora si prepara ad accogliere i materiali amiantati che da oltre tre anni stazionano sia nei cantieri domestici che in quelli industriali. Ma se l'accordo con Rieco, che detiene anche una quota di Aimag in qualità di socio correlato, è ormai sancito, non è ancora stato ufficializzato il vincitore del bando per il "Servizio di rimozione, trasporto e conferimento ad impianto di smaltimento di rifiuti speciali pericolosi contenenti amianto". Un lavoro da oltre 4 milioni di euro che ha portato a quantificare, sulla base di campagne di sopralluoghi dedicate, il quantitativo di rifiuto da rimuovere e trasportare: indicativamente circa 5145 tonnellate. Il materiale è suddiviso nelle seguenti tipologie: lastre intere, rotte e frammenti di lastre stoccate in zone separate dalle macerie (256 tonnellate); piccoli pezzi e manufatti stoccati in zone separate dalle macerie (240 tonnellate) suddivisi in 60 cisterne per acqua, 25 canne fumarie, 30 tubazioni, due casette per animali; cumulo macerie frammiste ad amianto (3877 tonnellate); copertura danneggiata (772 tonnellate). Ad esempio si opererà all'ex campo di concentramento di Fossoli dove sono state individuate, all'interno del cantiere diverse tubazioni e canne fumarie, ancora da In alto un'azienda agricola crollata e bidoni asan Felice A fianco la Bellentani di Massa smontare e da accatastare in una sola zona. Sono invece 5 gli interventi "in quota" previsti a Cavezzo mentre a Finale si lavorerà anche nella golena del canale Diversivo e alla Bellentani in cui è prevista la bonifica completa. A Mirandola, oltre a diverse strutture agricole (in totale sono 19), ci sarà un'importante azione anche sul capannone di Mortizzuolo di Roberto Menga, tra i più danneggiati e al centro di numerose rimostranze. Altri interventi sono preventivati a Novi (2), San Possidonio (2), Ravarino (1) e San Felice (2) tra cui una piccola azienda agricola nei pressi del cimitero di via Canalino. Sempre a San Felice, negli interventi a terra, si provvederà a smaltire bidoni e amianto tra via Marzanella a Rivara, cumuli in via Borgo e sacconi non lontano dalle vecchie scuole di Dogaro. Stessa strategia che sarà adottata anche a Mirandola mentre Finale attende il trasporto nella discarica della Rieco anche del cemento rimasto nel piazzale del centro sportivo e le conseguenze dell'abbattimento degli spogliatoi del campo Robinson. Ma un po' tutta la Bassa è costellata di piccole discariche a cielo aperto che andranno sanate non appena il nuovo servizio di smaltimento e trasporto andrà a regime. 'á)francescodondi IIPRODUZIONE RISERVATA cu--.offi ftiscrtmtuu%li-kdx Competitors Pagina 9

12 Sogliano al Ruhicouc e ricco grazie ai r fluti. Dei 4,5 mlra di avanzo, può irrrriegccrne solo 250mila curo Senza debiti, non può spendere comune ro a lo è penalizzato dalpatto i sta ilitác DI MAICOL MERCURIALI ogliano al Rubicone, piccolo comune sulle colline cesenati, nel cuore della Romagna, è famoso per tre cose: il celebre formaggio di fossa, le teglie di Montetiffi e i rifiuti. Non quelli che produce, ma quelli che smaltisce nel polo di Ginestreto: un impianto moderno, un modello per la gestione e la valorizzazione dell'immondizia. Qui vengono trattate- 350mila tonnellate di rifiuti all'anno, dai quali si recuperano materie prime (tra cui 15 mila tonnellate all'anno di compost per l'agricoltura) e si produce energia (dal biogas si ottengono 30 milioni di Kwh all'anno mentre gli impianti fotovoltaici hanno una potenzia di 7000 KW). La gestione è affidata alla Sogliano Ambiente Spa, società di cui il Comune detiene l'80% delle quote e grazie alla quale entrano nelle casse pubbliche cospicue somme di denaro. Quelle risorse che negli anni hanno permesso a Sogliano di alleggerire la pressione fiscale (le tasse sulle casa erano azzerate o ai minimi ben prima che il governo decidesse di togliere l'imu sulla prima casa e ancora oggi la Tasi non si paga), di spingere sul sociale, di investire sulla cultura e poi ancora sgravi per le imprese e 00/ s3h{i{i{i{i{i{i{i{ip//0//0//0//0//0//0//ls,s :, cnnnr n ^ '%// /D / QWntinrs Sabattiiii incentivi per le famiglie che decidevano di trasferirsi lì. Insomma, Sogliano al Rubicone, anche grazie all'intuizione di investire nei rifiuti, è diventato un modello di pubblica amministrazione. Nel dibattito sui Comuni virtuosi e spreconi, ospitato sulle pagine di ItaliaOggi, l'esperienza del municipio romagnolo è significativa. Anche perché non è più tutto così rosa e fiori, come spiega il sindaco Quintino Sabattini che, guidando una lista civica vicino al centrodestra, quattro anni fa ha centrato una storica vittoria elettorale, scalzando il Pd. «Al di là delle più nefaste previsioni la mannaia del patto di stabilità si è abbattuta anche sul nostro comune», è stato l'annuncio ferragostano del primo cittadino romagnolo. «E difficile da spiegare, praticamente impossibile da comprendere ma il risultato al momento attuale è esattamente questo. Il Comune di Sogliano Al Rubicone essendo virtuoso, senza debiti e senza mutui da pagare, risulta avere un avanzo di bilancio di ,5 euro», una somma notevole considerando che ci sono poco più di tremila residenti. «Fino a pochi giorni fa era stato richiesto uno svincolo di almeno euro per far fronte alle spese di investimento quali strade, opere pubbliche e quant'altro. La risposta è stata che possiamo spendere al momento soltanto euro, di tutti questi soldi che sono comunque nostri e rimangono in tal modo inutilizzati». E tra frane e incendi dolosi, il territorio comunale avrebbe bisogno di diversi interventi per una sua messa in sicurezza. Ma come si sente un sindaco che tiene la tassazione al minimo, il cui Comune riesce ad avere un avanzo milionario, ma che non può spendere queste risorse per i suoi cittadini? «Nessun commento, ma soltanto una doverosa informazione per rendere edotti i cittadini di quale strada stia seguendo questo nostro strano paese che si chiama Italia che, al di là di ogni credo politico, ha ormai inchiodato le piccole amministrazioni locali in una croce dalla quale sarà impossibile scendere per molti anni a venire. Se ne era parlato, ma la gravità di queste misure non era stata percepita appieno sul nostro territorio, adesso la situazione sta degenerando ed il timore fondato è che tutto il nostro tenore di vita ne venga coinvolto. L'amministrazione farà il possibile - conclude Sabattini - ma certe scelte obbligate costringono a scegliere fra cosa limitare e cosa mantenere della nostra programmazione». -C Riproduzione riservata Rifiuti: Scenario Pagina 10

13 Nuova centrale idroelettrica sull'adda Il boom (discusso) degli impianti «verdi» CREMONA Continua la corsa a nuove centrali idroelettriche lungo i fiumi che attraversano la campagna cremonese. Per lo più, mini impianti tecnologicamente all'avanguardia che sfruttano salti d'acqua di alcuni metri per produrre energia «verde». Come a Pizzighettone, dove il consiglio comunale ha approvato la convenzione con la Edison per la costruzione di una centrale interrata da 4,5 megawatt sull'adda, lungo la sponda opposta rispetto a quella già in funzione a Maleo. I lavori sono già cominciati e dovrebbero concludersi entro il «Sono previsti particolari accorgimenti per ridurre al minimo l'impatto ambientale», sottolinea l'assessore all'ecologia, Cristina Carminati. Non lontano, a Crotta d'adda, si era parlato dell'apertura di un'altra centrale, ma per ora il progetto è stato bloccato per le sue eccessive dimensioni. E grande, ma non così tanto, l'impianto di Isola Dovarese, sull'oglio, che sfrutta una cascata di quattro metri. Produce 6 milioni di kilowattora all'anno, che corrispondono al consumo medio di energia di famiglie e consentono di evitare l'emissione in atmosfera di tonnellate di anidride carbonica. E questo fa dire al sindaco Gianpaolo Gansi di I il «essere orgoglioso del vicino». L'energia AVolongo, invece, la costruzio- Gli impianti idroelettrici in Lombardia sono 488; assicurano circa 13 mila GWh di energia all'anno ne di una centrale si è appena conclusa ed è in corso il collaudo. In cambio dell'opera, il Comune ha ottenuto la riqualificazione di una vasta area. La realizzazione di questi impianti, però, è spesso accompagnata da polemiche e timori. Come quelli espressi dall'ambientalista Marco Pezzoni: La domanda «Sono progetti interessanti, di energia è di ma a patto che rispettino il pae- 66 mila GWh: il saggio e non pregiudichino la deficit è di circa questione fondamentale per 25 mila GWh l'agricoltura e non solo, cioè la nonostante le qualità e la quantità dell'acqua altre centrali dei fiumi». (G.B.) (Fonte : Terna) 2 RIPRODUZIONE RISERVATA Energia: Scenario Pagina 11

14 La macchina costruita (in segreto) per riprodurre il Sole sulla Terra Gli scienziati che inseguono il sogno dell'energia pulita e il ' itata. «Science»: è una svolta di Anna Meldolesi e i governi di mezzo mondo avessero la lampada di Aladino e un unico desiderio da esprimere, probabilmente sarebbe la fusione nucleare. L'energia così ottenuta unirebbe i vantaggi delle fonti rinnovabili con quelli del petrolio : sarebbe pulita, senza emissioni di anidride carbonica, disponibile giorno e notte, con il bello e il cattivo tempo. Per riuscirci bisognerebbe replicare sulla Terra ciò che accade nel Sole, ma i problemi tecnologici e ingegneristici sono imponenti. La comunità internazionale ha scommesso tutto o quasi sul gigantesco reattore ITER, finanziato da Europa, Cina, India, Giappone, Corea, Russia e Usa con 20 miliardi di dollari. I lavori per costruirlo sul suolo francese procedono, ma tra ritardi e costi che lievitano non entrerà in funzione prima del Il Golia della fusione dovrà vedersela con un grosso concorrente americano (National Ignition Facility) e anche con una piccola pattuglia di Davide. Company private, finanziate da capitali di ventura, che inseguono approcci alternativi. Prima fra tutte la misteriosa Tri Alpha Energy : nessun sito web, un quartiere generale di basso profilo a sud di Los Angeles, nessuna chance di entrarvi senza firmare un accordo di riservatezza. Ha 15o impiegati e un gruzzolo di 15o milioni di dollari raccolti da investitori come il cofondatore di Microsoft Paul Allen e la società russa Rusnano. La filosofia della Tri Alpha è stata a lungo improntata alla segretezza : poche pubblicazioni e molti brevetti, fino all'annuncio fatto in questi giorni al simposio organizzato per commemorare il fondatore Norman Rostoker, fisico dell'università della California a Irvine morto a Natale. La company ha dichiarato di aver costruito una macchina detta C-2U capace di mantenere stabile a io milioni di gradi Celsius una massa di combustibile da fusione e di essere pronta ad abbattere Il record. Cosa significa? Immaginate due cannoni puntati uno contro l'altro, ognuno lungo una decina di metri, pronti a sparare un anello di gas incandescente. I due anelli di plasma viaggiano a una velocità vicina a un milione di chilometri l'ora, fondendosi al centro in una massa a forma di sigaro. Con una serie di trucchi i ricercatori sono riusciti a stabilizzare questo fenomeno per 5 millisecondi e, volendo, avrebbero potuto andare oltre. Sembra un battito di ciglia ma è un balzo in avanti clamoroso se si pensa che per decenni ci si era fermati a 0,3 millisecondi (Science usa la parola svolta, «breakthrough»). Nessun contenitore può sopportare il calore di simili esperimenti, perciò il plasma deve essere confinato. ITER lo farà dotando di magneti il suo reattore a ciambella, il classico tokamak. La company californiana, invece, lavora con un dispositivo lineare e sfrutta per l'imbottigliamento il campo magnetico prodotto dal flusso del plasma. Il prossimo anno verrà messa alla prova una nuova macchina (C-2W), da cui la Tri Alpha si aspetta prestazioni ancora migliori. Un aumento di dieci volte della temperatura (a ioo milioni di gradi) basterebbe per innescare la fusione di un combustibile classico costituito da due isotopi dell'idrogeno (deuterio e trizio). L'obiettivo dichiarato però è raggiungere l'inferno di oltre 3 miliardi di gradi, per utilizzare un combustibile più facile da produrre e più docil e: un mix di protoni e boro che darebbe come prodotti finali tre particelle alfa, quelle che hanno ispirato il nome della compagnia. «In questo modo si eviterebbe il problema dei neutroni che danneggiano le pareti del reattore. Ma il sistema è molto più dispendioso dal punto di vista energetico», commenta il vicepresidente dell'istituto nazionale di Fisica nucleare Eugenio Nappi, che continua a preferire la fusione convenzionale. L'Infn è coinvolto nello studio dei materiali per il tokamak di ITER, e Nappi coordina anche un altro progetto antagonista, Ignitor. «Il consorzio internazionale dovrebbe prendere a modello il Cern», sostiene il fisico. Probabilmente abbiamo bisogno sia della velocità di Davide che della solidità di Golia. Solo così possiamo sperare di portare sulla Terra un pezzetto di RIPRODUZIONE RISERVATA Energia: Scenario Pagina 12

15 i i 'EGLI STATI UNITI Come funziona il reattore La società americana Tri Alpha Energy lavora, in segretezza, alla realizzazione di un dispositivo per produrre energia sfruttando la fusione nucleare. I laboratori si trovano in California h.ae cannoni agli estremi sparano ri anello dl plasma r:l<asc no Gli anelli si scontrano II plasma crea uri campo nella c mera centrale Magnetico : he lo mantiene dove generano una sospeso e concentrato massa a forma di sigaro Fasci di combustibile L Irierione di ulteriori fasci r comh.istih - mantiene alba la temperatura Cannone Cannone Anello di plasma Camera centrale Gíasrnoideaforma di sigaro Anello cfi plasma ann a una velocità a un ll ore di r ametri l'ora La macchina è capace dl mantenere stabile a 10 milioni di gradi Celsius la massa di combustibile cnmerea Dall'alto: Norman Rostoker, fisico e fondatore di Tri Alpha Energy (morto nel 2014 a 89 anni) e due dei finanziatori principali: Paul Allen, cofondatore di Microsoft, e l'imprenditore russo Anatoly Chubais Al lavoro Uno dei due estremi del reattore della società Tri Alpha Energy che serve perla fusione Energia: Scenario Pagina 13

16 Le due società siglano un Mou per lavorare insieme nella gestione delle reti elettriche se Terna- te per rafforzare la cooperazione Celestina Dominelli la relazione c'è ed è di lunga data. Visto che, proprio attraverso il confine francese e dai cugini d'oltralpe, è transitata buona parte dell'energia elettrica che la penisola ha importato negli anni passati. Senza contare che, tra Italia e Francia, sono già attive quattro interconnessioni e un'altra, la Piemonte-Savoia, è in costruzione e, una volta in esercizio, farà sì che l'asse con la Francia sialapiù importante frontiera elettricaper il nostro paese. Ora, però, Terna e la sua omologa transalpina, Rte (Réseau de transport d'électricité), hanno deciso di compiere un passo avanti formalizzando una collaborazione che servirà a entrambe per affrontare al meglio le sfide presenti e future del mercato elettrico europeo. Così ieri l'ad di Terna, Matteo Del Fante, e il numero uno di Rte, Dominique Maillard hanno siglato un memorandum of understanding con l'obiettivo di intensificare la cooperazione tecnica in diverse aree, nel solco di una proficua e storica collaborazione tra i due paesi e tra le due più grandi reti di trasmissione dell'energia elettrica nel Vecchio Continente (1o5mila chilometri per Rte, chilometri per Terna). Continua > Energia: Scenario Pagina 14

17 Sottoscritto un memorandum of understanding Terna e Rte si alleano per rafforzare la cooperazione nelle reti elettriche Celestina Dominelli sodalizio solido, insomma,potenziato da questoulteriore tassello. «Questo accordo - ha spiegato il numero uno di Terna Del Fante - è un ulteriore passo avanti nel rapporto di proficua collaborazione che da anni unisceterna e il suo omologo francese ben oltre la vicinanza geografica. L'importanza del memorandum risiede anche nel suo fondamentale respiro europeo, poiché riguarda tutte le principali tematiche su cui si giocherà il futuro del sistema elettrico continentale, dove le reti avranno un suolo sempre più centrale anche per la piena integrazione della produzione da fonti rinnovabili e per una maggiore indipendenza energetica a livello europeo». La cooperazione tra i gestori direte, gli ha fatto eco l'ad di Rte Maillard, «è cruciale per la buona integrazione dell'europa continentale così come dell'area del Mediterraneo. Firmando questo accordo, Rte e Terna riaffermano la volontà di collaborare con l'obiettivo comune di contribuire alla realizzazione di un sistema elettrico europeo affidabile, competitivo e in grado di guardare avanti». I fronti di collaborazione sono svariati, a cominciare dalle possibili alleanze nello sviluppo delle infrastrutture. Come detto, tra i due paesi esistono già sinergie molto strette e almomento i due gruppi sono impegnati nella realizzazione del nuovo cavo interrato che collegherà le stazioni elettriche dipiossasco e Grand'Ile. La nuova linea di i9o chilometri, all'avanguardia per soluzioni ingegneristiche, tecnologiche e ambientali usate e inserita da Bruxelles tra i progetti di interesse comune, consentirà di aumentare del 6o 0 la capacità d'importazione di elettricità in Italia dalla Francia. Terna e Rte, però, sono intenzionate a mettere in campo una strategia comune anche nello sviluppo di ulteriori progetti nel centro-sud dell'europa. Dove, peraltro, si ricorderà, nei mesi scorsi è stato avviato il progetto di "market coupling" (accoppiamento dei mercati) che ha consentito di "allineare" i mercati elettrici di tre delle cinque frontiere italiane (Francia, Austria e Slovenia) tramite la sincronizzazione delle rispettive Borse elettriche e il coordinamento dei gestori di rete (Tso). Ma l'asse tra i due gruppi potrebbe accendere un riflettore anche sull'area del Mediterraneo dove, come ha ricordato anche Del Fante in più occasioni, non mancano i possibili sp azi di manovra, apartire dal Focus sullo sviluppo delle infrastrutture nel Centro-sud Europa ma anche sullo scambio di dati e sulla formazione del personale *Per market couplin ("accoppiamento dei mercati") si definisce il meccanismo di coordinamento tra mercati elettrici organizzati in diversi Stati nazionali finalizzato alla gestione delle congestioni sulle reti di interconnessione (scambi transfrontalieri). Si pone come obiettivo la massimizzazione dell'utilizzo della capacità di interconnessione secondo criteri di economicità (garanzia che i flussi di energia siano diretti dai mercati con prezzi minori verso quelli con prezzi relativamente più elevati). progetto diuncollegamento elettrico con la Tunisia che potrebbe aumentare la capacità di importazione c on la frontiera Nord e fare della penisola un paese ditransito dell'energia elettrica. Naturalmente un occhio sarà puntato anche sull'evoluzione dei mercati elettriche suipossibili scenari futuri che, come nel gas, disegnano una sempre maggiore integrazione trale reti elettriche secondo la direzione tracciata dal Terzo pacchetto energia. Su questo fronte, Terna e Rte mirano a ritagliarsi un ruolo di leadermettendo a fattorcomune le esperienze acquisite a beneficio di tutti gli altri gestori di rete e rafforzando di fatto quella cooperazione che è già sancita, in sede europea, sia nell'entso-e (la rete che riunisce tutti i gestori del Vecchio Continente e di cui Del Fante è stato di recente nominato vicepresidente) sia nel Coreso, nato con l'obiettivo di aiutare in modo proattivo i Tso nel garantire la sicurezza e l'approvvigionamento a livello regionale europeo e che èpresieduto da Pier Francesco Zanuzzi, ad diterna Rete Italia. Tra i possibili versanti di collaborazione con quello che viene considerato un partner naturale, c'è poi ovviamente anche lo scambio di dati, nonché la possibilità di strutturare dei programmi di formazione di personale altamente specializzato per ottimizzare i processi dibusiness e la gestione delle situazioni di emergenza, come già accaduto in passato. Insomma, Terna e Rte hanno deciso di rafforzare ancor di più i rapporti già esistenti, anche per poter parlare con una sola voce a livello europeo, sia che si tratti dei piani promossi da Bruxelles in campo energetico sia che si tratti della definizione del futuro quadro regolatorio e di meccanismi di incentivazione adeguati peri gestori direte. kipr00 lido NE RISERVATA Energia: Scenario Pagina 15

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A TARANTO 14 settembre 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 16.45.

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A TARANTO 14 settembre 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 16.45. 1/6 MISSIONE A TARANTO 14 settembre 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 16.45. PRESIDENTE. Vi ringrazio della vostra presenza, voi sapete naturalmente, anche per l impegno

Dettagli

Nel complesso quindi possiamo considerare l Italia una nazione all avanguardia in termini di efficienza e di contenimento di emissioni e inquinamento

Nel complesso quindi possiamo considerare l Italia una nazione all avanguardia in termini di efficienza e di contenimento di emissioni e inquinamento Efficienza Energetica L'Italia è tradizionalmente uno dei Paesi dell area OCSE a più elevata efficienza energetica: il consumo finale di energia per abitante, pari a 2,4 tonnellate equivalenti di petrolio/capita

Dettagli

Una manovra di rigore ed equità.

Una manovra di rigore ed equità. Una manovra di rigore ed equità. Ispirata all'art. 3 della Costituzione: "È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona".

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA. Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE

GUIDA ALLA LETTURA. Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE GUIDA ALLA LETTURA Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE 1) Indicazioni generali 2) Spiegazione singole schede dalla n. 15 a seguire INDICAZIONI GENERALI

Dettagli

LA STRATEGIA DEL COLIBRÌ Di Giuliano Marrucci. GIULIANO MARRUCCI Qui bisogna dimostrare che è facile questa faccenda qua, eh?

LA STRATEGIA DEL COLIBRÌ Di Giuliano Marrucci. GIULIANO MARRUCCI Qui bisogna dimostrare che è facile questa faccenda qua, eh? LA STRATEGIA DEL COLIBRÌ Di Giuliano Marrucci Qui bisogna dimostrare che è facile questa faccenda qua, eh? Se lo faccio pure io.. Se ci riesci pure te siamo a cavallo! Giusta? Sì. Ci siamo? Guarda com'è

Dettagli

IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N.

IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n.24 del 2 Aprile 2014 Macerie miste ad amianto:

Dettagli

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 Contributi di licenziamento, nuova Aspi, «decantierizzazione». La macchina

Dettagli

Stazioni e binari: un mondo da scoprire

Stazioni e binari: un mondo da scoprire Stazioni e binari: un mondo da scoprire LE CASE E LE SCARPE DEI TRENI Nell Europa di oggi tutti possiamo viaggiare liberamente, e per questo i treni sono importantissimi. Ma dove andrebbero i treni senza

Dettagli

Sono 6.993 i Comuni rinnovabili italiani

Sono 6.993 i Comuni rinnovabili italiani Sono 6.993 i Comuni rinnovabili italiani Il rapporto racconta con numeri, tabelle, cartine il salto impressionante che si è verificato in Italia nel numero degli impianti installati. Attraverso nuovi impianti

Dettagli

LA VERITÀ SULLE BOLLETTE ELETTRICHE

LA VERITÀ SULLE BOLLETTE ELETTRICHE LA VERITÀ SULLE BOLLETTE ELETTRICHE 10 anni di aumenti per le famiglie italiane a causa della dipendenza dalle fonti fossili! Telegiornali e quotidiani lo hanno raccontato con grande enfasi negli ultimi

Dettagli

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Alcuni quesiti per chiarire dubbi interpretativi sulla formazione dei lavoratori prevista dal Testo Unico: cosa significa collaborare con gli

Dettagli

1 2 3 4 5 6 Che cosa abbiamo fatto a Castello d Argile per illuminarsi meglio con meno : ovverosia gli atti concreti del nostro impegno per la lotta ai cambiamenti climatici, come previsto dagli obiettivi

Dettagli

Scelte energetiche per il futuro del Paese - Milano, 22 novembre 2010. Intervento: "Risparmio energetico: un'utopia?"

Scelte energetiche per il futuro del Paese - Milano, 22 novembre 2010. Intervento: Risparmio energetico: un'utopia? Italia Nostra onlus Scelte energetiche per il futuro del Paese - Milano, 22 novembre 2010. Intervento: "Risparmio energetico: un'utopia?" di Giovanni Zenucchini Che cos'è una foto termica aerea? Presento

Dettagli

Intervista al dott.fabrizio Tortora Vicepresidente Aper 1. APER e il settore delle energie rinnovabili

Intervista al dott.fabrizio Tortora Vicepresidente Aper 1. APER e il settore delle energie rinnovabili Intervista al dott.fabrizio Tortora Vicepresidente Aper 1 APER e il settore delle energie rinnovabili L APER (Associazione Produttori Energia da Fonti Rinnovabili) è la prima associazione nazionale in

Dettagli

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Scopri come i grandi investitori hanno posto le basi per il loro successo. Tutto quello che devi assolutamente conoscere prima

Dettagli

Rinnovabili 2015. Energia felice. Roberto Meregalli 1

Rinnovabili 2015. Energia felice. Roberto Meregalli 1 Energia felice Roberto Meregalli 1 L Italia è uno dei paesi più avanzati in Europa e nel mondo in materia di energie rinnovabili. Ricordiamo che già lo scorso anno abbiamo raggiunto il target previsto

Dettagli

alla scoperta del binario 9¾

alla scoperta del binario 9¾ campania onlus 2013 Metropolitana di Salerno alla scoperta del binario 9¾ al binario invisibile il viaggio della metro pronta, inaugurata, ma mai entrata in funzione marzo 2013 Il viaggio immaginifico

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DELLA RISERVA NATURALE DI MONTE MARIO

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DELLA RISERVA NATURALE DI MONTE MARIO PRESENTATO DALL ON. FEDERICO GUIDI ALLA PRESENZA DEL SINDACO ALEMANNO E DEL COMMISSARIO DI ROMA NATURA LIVIO PROIETTI IL PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DELLA RISERVA NATURALE CON LA FINALITA DI ELIMINARE

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Cominciando dai dati, va subito detto che l Italia non è più il motore della crescita europea (come risultava essere fino a pochi anni fa), ma resta

Cominciando dai dati, va subito detto che l Italia non è più il motore della crescita europea (come risultava essere fino a pochi anni fa), ma resta Home > Le 19/06/2014 rinnovabili cercano la salvezza all estero I tagli hanno fatto chiudere in molti. Chi è rimasto cambia si sposta di segmento o punta all estero 19 giugno 2014 Luigi dell Olio Published

Dettagli

Gruppo consiliare Partito della Rifondazione Comunista di Scandicci. Interrogazione

Gruppo consiliare Partito della Rifondazione Comunista di Scandicci. Interrogazione Gruppo consiliare Partito della Rifondazione Comunista di Scandicci Interrogazione Oggetto: amianto negli edifici pubblici In relazione alla mia interrogazione sull amianto e alla sua risposta, dove mi

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

Come sta il comparto delle costruzioni oggi in Italia?

Come sta il comparto delle costruzioni oggi in Italia? Come sta il comparto delle costruzioni oggi in Italia? Quello che sta accadendo nel nostro comparto è drammatico: siamo di fronte a una vera e propria deindustrializzazione del settore, con un calo vertiginoso

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI. Nozioni

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI. Nozioni EcoCentro Lombardia Scheda Tecnica di Approfondimento Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI Nozioni Il Decreto legislativo n. 152/2006, Norme in materia

Dettagli

MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE»

MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE» RASSEGNA STAMPA MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE» A cura di Agenzia Comunicatio COMUNICATO STAMPA MAFIA CAPITALE: DALLE ACLI DI ROMA APPREZZAMENTO PER LA MANIFESTAZIONE DEL 3/9 "CONTRO LE MAFIE" AL TUSCOLANO

Dettagli

deterioramento compreso tra il 25% e il 30% del livello di rating. Moody s: 3. Il costo medio del capitale nel nucleare

deterioramento compreso tra il 25% e il 30% del livello di rating. Moody s: 3. Il costo medio del capitale nel nucleare 1. Premessa Una recente analisi dell agenzia di rating Moody s sulle implicazioni finanziarie dell investimento nucleare ci permette alcune riflessioni e confronti con la situazione italiana, dove Enel,

Dettagli

Fotovoltaico, amore mio! La storia di un Gruppo d'acquisto con più di 1.600 adesioni

Fotovoltaico, amore mio! La storia di un Gruppo d'acquisto con più di 1.600 adesioni Fotovoltaico, amore mio! La storia di un Gruppo d'acquisto con più di 1.600 adesioni Se ne parla da anni, e grazie al meccanismo d incentivazione chiamato Conto Energia (introdotto per la prima volta nel

Dettagli

cap. 73059 Provincia di Lecce

cap. 73059 Provincia di Lecce C o m u n e d i U g e n t o cap. 73059 Provincia di Lecce tel. (0833) 555091 - fax (0833) 556496 www.comune.ugento.le.it EROGAZIONE Dl RIMBORSI SPESE PER LA RIMOZIONE E LO SMALTIMENTO Dl MANUFATTI CONTENENTI

Dettagli

Aggiornato al 19/02/2008

Aggiornato al 19/02/2008 Aggiornato al 19/02/2008 PROCEDURA PER IL CONFERIMENTO PRESSO LE STAZIONI ECOLOGICHE ATTREZZATE (SEA) DI RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO IN MATRICE COMPATTA (CEMENTO-AMIANTO E VINIL-AMIANTO) DERIVANTI DA PICCOLE

Dettagli

AUDIZIONE DELLE COMMISSIONI RIUNITE X E XIII PACCHETTO UNIONE DELL ENERGIA INTERVENTO DELL ING. BRUNO LESCOEUR AMMINISTRATORE DELEGATO DI EDISON

AUDIZIONE DELLE COMMISSIONI RIUNITE X E XIII PACCHETTO UNIONE DELL ENERGIA INTERVENTO DELL ING. BRUNO LESCOEUR AMMINISTRATORE DELEGATO DI EDISON AUDIZIONE DELLE COMMISSIONI RIUNITE X E XIII PACCHETTO UNIONE DELL ENERGIA INTERVENTO DELL ING. BRUNO LESCOEUR AMMINISTRATORE DELEGATO DI EDISON Onorevole Presidente Mucchetti, Onorevole Presidente Marinello,

Dettagli

COMUNE DI TAURISANO Provincia di Lecce

COMUNE DI TAURISANO Provincia di Lecce COMUNE DI TAURISANO Provincia di Lecce EROGAZIONE Dl CONTRIBUTI ECONOMICI A FONDO PERDUTO PER LA RIMOZIONE E LO SMALTIMENTO Dl M.C.A. (MATERIALI CONTENENTI AMIANTO) PRESENTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

AI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE DI RHO. Anzitutto voglio ringraziarvi per il documento che avete redatto (che ho

AI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE DI RHO. Anzitutto voglio ringraziarvi per il documento che avete redatto (che ho AI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE DI RHO Anzitutto voglio ringraziarvi per il documento che avete redatto (che ho trovato molto interessante) e per aver organizzato un confronto tra i Candidati Sindaci indispensabile

Dettagli

MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010

MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010 MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010 Il cantoniere di Cisterna, Roberto Massocco, ci ha portato un bel bidone

Dettagli

IL MERCATO DELL AUTO OLTRE LA METÀ DEL GUADO

IL MERCATO DELL AUTO OLTRE LA METÀ DEL GUADO TAVOLA ROTONDA IL MERCATO DELL AUTO OLTRE LA METÀ DEL GUADO Palazzo Altieri - Sede di rappresentanza del Banco Popolare Traccia dell introduzione di Gian Primo Quagliano, Presidente Centro Studi Promotor

Dettagli

Circolo virtuoso Vediamo come:

Circolo virtuoso Vediamo come: Renzo Macelloni Circolo virtuoso Siamo partiti da un emergenza ambientale e attraverso il coinvolgimento della popolazione, abbiamo lavorato alla valorizzazione del territorio come risorsa paesaggistica

Dettagli

LA POLITICA ENERGETICA DELL UNIONE EUROPEA

LA POLITICA ENERGETICA DELL UNIONE EUROPEA LA POLITICA ENERGETICA DELL UNIONE EUROPEA Che ruolo ha l energia nel processo di integrazione europea? L energia è il motore dell Europa. Il benessere di persone, industrie ed economia dipende da un energia

Dettagli

STOP AI CENTRI COMMERCIALI LA GIUNTA REGIONALE APPROVA LA MORATORIA

STOP AI CENTRI COMMERCIALI LA GIUNTA REGIONALE APPROVA LA MORATORIA Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e sito web Regione Lombardia) STOP AI CENTRI COMMERCIALI LA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

RASSEGNA STAMPA CREDITO SPORTIVO Domenica, 13 settembre 2015

RASSEGNA STAMPA CREDITO SPORTIVO Domenica, 13 settembre 2015 RASSEGNA STAMPA CREDITO SPORTIVO Domenica, 13 settembre 2015 RASSEGNA STAMPA CREDITO SPORTIVO Domenica, 13 settembre 2015 13/09/2015 Gazzetta del Sud (ed. Catanzaro) Pagina 43 Dopo sedici anni di stop

Dettagli

LINEEVITASYSTEM SRL. Opere per edilizia civile industriale e agricola Chiavi in mano COPERTURE E SMALTIMENTO AMIANTO CAPPOTTI TERMICI

LINEEVITASYSTEM SRL. Opere per edilizia civile industriale e agricola Chiavi in mano COPERTURE E SMALTIMENTO AMIANTO CAPPOTTI TERMICI lineavita IMP rifo_layout 1 18/11/13 11:48 Pagina 1 LINEE VITA E SISTEMI ANTICADUTA COPERTURE E SMALTIMENTO AMIANTO CAPPOTTI TERMICI Opere per edilizia civile industriale e agricola Chiavi in mano LINEEVITASYSTEM

Dettagli

Federica Guidi. Spunti per l intervento di. Presentazione del World Energy Outlook ENI. Ministro dello Sviluppo Economico. World Energy Otlook 2014

Federica Guidi. Spunti per l intervento di. Presentazione del World Energy Outlook ENI. Ministro dello Sviluppo Economico. World Energy Otlook 2014 Spunti per l intervento di Federica Guidi Ministro dello Sviluppo Economico Presentazione del World Energy Outlook ENI 1 Vorrei innanzitutto salutare e ringraziare l Agenzia Internazionale per l Energia

Dettagli

COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR

COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR 1 COSA FARE IN CASO DI: FRANA ALLUVIONE TROMBA D ARIA TEMPORALE CON FULMINI TERREMOTO 2 SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO: 1. mantieni la calma; COSA FARE IN CASO

Dettagli

OGGETTO: INTERROGAZIONE PROT. 14821/2010 A FIRMA DEL CONSIGLIERE COMUNALE FORTUNATO MARCIANÒ, AVENTE AD OGGETTO; RISTRUTTURAZIONE CASA COMUNALE.

OGGETTO: INTERROGAZIONE PROT. 14821/2010 A FIRMA DEL CONSIGLIERE COMUNALE FORTUNATO MARCIANÒ, AVENTE AD OGGETTO; RISTRUTTURAZIONE CASA COMUNALE. Comune di Rometta Provincia di Messina DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE N.37 del 15/11/2010 OGGETTO: INTERROGAZIONE PROT. 14821/2010 A FIRMA DEL CONSIGLIERE COMUNALE FORTUNATO MARCIANÒ, AVENTE

Dettagli

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 11 15/06/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 5 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 9 DOSSIER CONFCOMMERCIO

Dettagli

I CAMBIAMENTI CLIMATICI E LO SVILUPPO DELLE ENERGIE RINNOVABILI

I CAMBIAMENTI CLIMATICI E LO SVILUPPO DELLE ENERGIE RINNOVABILI I CAMBIAMENTI CLIMATICI E LO SVILUPPO DELLE ENERGIE RINNOVABILI Ing. Manlio Palmarocchi STES SONO ANNI CHE STES, SULLA BASE DELLE INFORMAZIONI E DEI RISULTATI CHE ARRIVANO DALL ONU ATTRAVERSO L IPCC, UNO

Dettagli

CONVEGNO L ATTUAZIONE DEI PAES Adempimenti a carico dell Energy Manager Napoli 10 aprile 2015

CONVEGNO L ATTUAZIONE DEI PAES Adempimenti a carico dell Energy Manager Napoli 10 aprile 2015 DIPARTIMENTO DIPARTIMENTO DI DI SCIENZE SCIENZE E E TECNOLOGIE TECNOLOGIE AMBIENTALI AMBIENTALI DELLA DELLA SECONDA SECONDA UNIVERSITA UNIVERSITA DI DI NAPOLI NAPOLI ORDINE ORDINE DEGLI DEGLI INGEGNERI

Dettagli

Blogecologia.it. 18 maggio 2014. Il primo polo logistico del freddo alimentato da rinnovabili

Blogecologia.it. 18 maggio 2014. Il primo polo logistico del freddo alimentato da rinnovabili Blogecologia.it 18 maggio 2014 Il primo polo logistico del freddo alimentato da rinnovabili A poco meno di un anno dall annuncio, la Solis Spa realizza Solis GreenLog, il primo polo logistico del freddo

Dettagli

La gestione delle demolizioni e della rimozione delle macerie del dopo sisma: gli interventi realizzati dalla RER

La gestione delle demolizioni e della rimozione delle macerie del dopo sisma: gli interventi realizzati dalla RER La gestione delle demolizioni e della rimozione delle macerie del dopo sisma: gli interventi realizzati dalla RER Francesca Bellaera Andrea Zuppiroli Direzione Generale Ambiente e Difesa del Suolo e della

Dettagli

VERBALE DELL INCONTRO FORUM SCUOLA DEL 26 MAGGIO 2015

VERBALE DELL INCONTRO FORUM SCUOLA DEL 26 MAGGIO 2015 VERBALE DELL INCONTRO FORUM SCUOLA DEL 26 MAGGIO 2015 Il giorno 26 maggio 2015 alle ore 18.30, presso la Sede del Comune di Cavriago, si riunisce il Forum scuola,con il seguente ordine del giorno 1) aggiornamento

Dettagli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Allegato 1 PUNTO N. 6 all'o.d.g.: Progetto di Riqualificazione urbana Lidi di Comacchio in sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Scacchi Prestito obbligazionario "Comune di Comacchio

Dettagli

Ora voglio creare le prime due parti del motore. E per questo, ho trovato fimo, che nazivaetsya fimo classic. Ma una struttura così complessa è

Ora voglio creare le prime due parti del motore. E per questo, ho trovato fimo, che nazivaetsya fimo classic. Ma una struttura così complessa è Ciao caro amico. Questa versione è 3.0, e in essa troverete tutte le informazioni motore xxx affidabili. Io ho modificato la voce nella mia testa le persone cattive, e quando penso - che commentare i miei

Dettagli

ALTRE FONTI RINNOVABILI POTENZIALMENTE INTERESSANTI PER L AGRICOLTURA VENETA

ALTRE FONTI RINNOVABILI POTENZIALMENTE INTERESSANTI PER L AGRICOLTURA VENETA Capitolo 4 ALTRE FONTI RINNOVABILI POTENZIALMENTE INTERESSANTI PER L AGRICOLTURA VENETA 4.1 Premessa All agricoltura viene da tempo riconosciuto, grazie alla multifunzionalità, il ruolo di gestione del

Dettagli

Base Emission Inventory Comune di Sala Bolognese

Base Emission Inventory Comune di Sala Bolognese Dipartimento di Chimica Industriale «Toso Montanari» UNIVERSITA DI BOLOGNA Base Emission Inventory Comune di Sala Bolognese Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA

Dettagli

Esempio di Conto Energia

Esempio di Conto Energia Esempio di Conto Energia Esempio di Conto Energia fotovoltaico Ecco un esempio di Conto Energia per un impianto fotovoltaico da 3kw con Scambio sul Posto. Supponiamo di installare sul tetto della nostra

Dettagli

Illuminazione pubblica sotto controllo

Illuminazione pubblica sotto controllo realizzazioni 1 Un importante investimento in tecnologia Illuminazione pubblica sotto controllo L impianto di pubblica illuminazione del Comune di Casciago è stato oggetto di un importante opera di rinnovamento

Dettagli

Quanto mi conviene installare sul mio tetto un impianto fotovoltaico in CONTO ENERGIA?

Quanto mi conviene installare sul mio tetto un impianto fotovoltaico in CONTO ENERGIA? Quanto mi conviene installare sul mio tetto un impianto fotovoltaico in CONTO ENERGIA? Con gli incentivi Statali a cui puoi accedere OGGI STESSO, è estremamente conveniente e redditizio installare un impianto

Dettagli

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people Effetto serra e il Patto dei Sindaci L effetto serra Fenomeno naturale che intrappola il calore del sole nell atmosfera per via di alcuni gas. Riscalda la superficie del pianeta Terra rendendo possibile

Dettagli

AcegasAps e le sfide della Green Economy

AcegasAps e le sfide della Green Economy AcegasAps e le sfide della Green Economy Il programma INDICE Il Gruppo AcegasAps Spa L economia Green AcegasAps le attività AcegasAps l Efficienza energetica Il Gruppo Hera Il Gruppo AcegasAps La Capogruppo,

Dettagli

Emergenza credito anche per le libere professioni

Emergenza credito anche per le libere professioni Lunedì 18 marzo 2013 Emergenza credito anche per le libere professioni È allarmante il quadro economico delle professioni che è emerso nel corso del consiglio di amministrazione di Fidiprof Nord e di Fidiprof

Dettagli

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO Uno studio del GSE rivela che già nel 2010 l Italia sarebbe in grado di aumentare del settanta per cento il calore prodotto in cogenerazione

Dettagli

VALUTAZIONI. Paesi europei e cercare di capire le cause della variabilità di questa commodity in Europa. In questo articolo

VALUTAZIONI. Paesi europei e cercare di capire le cause della variabilità di questa commodity in Europa. In questo articolo Spazio a perto VALUTAZIONI Il costo dell energia elettrica per le imprese italiane: un analisi comparata a livello europeo I costi sostenuti dalle imprese italiane per l energia elettrica sono considerati

Dettagli

Obiettivo di Kyoto 2012

Obiettivo di Kyoto 2012 Un miliardo e seicentonovantadue milioni di euro in fumo: l autogol dell Italia su Kyoto L Italia continua a non definire una strategia per il rispetto del protocollo di Kyoto e paga dazio. L anno che

Dettagli

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze)

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) È un piacere per il Comune di Firenze ospitare questo bellissimo incontro ricco di contenuti. Ho partecipato anche ai lavori di stamani. È

Dettagli

PROPOSTE TRAIL-O 2009

PROPOSTE TRAIL-O 2009 PROPOSTE TRAIL-O 2009 Documento di proposte alla Commissione FISO TRAIL-O per la stagione 2009 Remo Madella Dicembre 2008 remo@remmaps.it tel: 340 8412252 //PREMESSA Lo scopo di questo documento è proporre

Dettagli

OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAL COMITATO MENGHI IN MERITO A COPERTURE DI CEMENTO/AMIANTO (ETERNIT) SU PROPRIETÀ COMUNALI.

OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAL COMITATO MENGHI IN MERITO A COPERTURE DI CEMENTO/AMIANTO (ETERNIT) SU PROPRIETÀ COMUNALI. PAG. 1 OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAL COMITATO MENGHI IN MERITO A COPERTURE DI CEMENTO/AMIANTO (ETERNIT) SU PROPRIETÀ COMUNALI. DISCUSSIONE PIERINI Comitato Menghi per la illustrazione Questa mozione

Dettagli

Che cosa succede se la tecnologia CCS viene ritardata?

Che cosa succede se la tecnologia CCS viene ritardata? Che cosa succede se la tecnologia CCS viene ritardata? Considerazioni tratte dal Rapporto IEA World Energy Outlook del 2011 di A. Federico e E. Pettinao, Coordinamento Osservatorio CCS Lo scenario IEA

Dettagli

Comune di Fano Località Rosciano REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO DELLA POTENZA DI 993.6 KWP COLLEGATO ALLA RETE ELETTRICA DI MEDIA TENSIONE

Comune di Fano Località Rosciano REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO DELLA POTENZA DI 993.6 KWP COLLEGATO ALLA RETE ELETTRICA DI MEDIA TENSIONE Sommario 1 PREMESSA 2 2 ANALISI DEGLI SCENARI 2 3 ANALISI DELLE OPERAZIONI 2 4 PREVISIONE DEI MEZZI DA UTILIZZARE 5 5 TEMPI 5 6 COSTI DELLO SMONTAGGIO 6 1 PREMESSA La presente relazione concerne il Piano

Dettagli

SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002

SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002 Scuola di cittadinanza attiva SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002 settembre 2002 1 PREMESSA Poiché il tema della sicurezza

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE N. 64 in data 28/09/2010 Proposta n. 65 Oggetto: ORDINE DEL GIORNO PRESENTATO DAL GRUPPO CAVRIAGO COMUNE RIGUARDO LA MODIFICA DEL REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI

Dettagli

ENPLUS L ENERGIA CHE VUOI

ENPLUS L ENERGIA CHE VUOI ENPLUS L ENERGIA CHE VUOI ENPLUS è una realtà aziendale italiana, con sistema di qualità certificato ISO 9001:2008, che opera nell impiantistica meccanica e termoelettrica industriale, realizza costruzioni

Dettagli

COMUNE DI SAN GIULIANO DI PUGLIA. La ricostruzione di San Giuliano di Puglia

COMUNE DI SAN GIULIANO DI PUGLIA. La ricostruzione di San Giuliano di Puglia La ricostruzione di San Giuliano di Puglia Cronologia avvenimenti 11.32 GIOVEDÌ 31 OTTOBRE 2002: un terremoto di 5,4 gradi della scala Richter fa tremare il Molise. La zona più colpita è San Giuliano di

Dettagli

RICARICANDO IL PIANETA

RICARICANDO IL PIANETA RICARICANDO IL PIANETA UN PENSIERO 100% GREEN La General Building - Energie rinnovabili nasce da un idea che risale al 2000 dell imprenditore Marco Maracci il quale, forte della sua lunga esperienza nel

Dettagli

COMUNE DI CANEGRATE PROVINCIA DI MILANO _

COMUNE DI CANEGRATE PROVINCIA DI MILANO _ COMUNE DI CANEGRATE PROVINCIA DI MILANO _ Sede: Via Manzoni, 1 - Tel. (0331) 463811 - Telefax (0331) 401535 - Cod. fisc. e part. IVA 00835500158 DETERMINAZIONE N. /LLPPA _ IMP. OGGETTO: IMPEGNO DI SPESA

Dettagli

Provincia di Mantova

Provincia di Mantova Page 1 of 5 Provincia di Mantova home / per enti e imprese / Mantovagricoltura n. 1 aprile maggio 2012 / La produzione di energia rinnovabile: un'opportunità o una minaccia per l'agricoltura? La produzione

Dettagli

Primo Incontro di ascolto in Zona 2

Primo Incontro di ascolto in Zona 2 Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Primo Incontro di ascolto in Zona 2 Cascina Cattabrega,via Trasimeno 49 20 luglio 2015 All incontro hanno preso parte 36 persone. I partecipanti sono stati 25

Dettagli

Forme di energia alternative

Forme di energia alternative Forme di energia alternative L energia, bene primario della nostra società, è utilizzata costantemente durante tutto l arco della giornata, da quando ci svegliamo la mattina fino a quando andiamo a dormire

Dettagli

Passeggiandoinbicicletta.it

Passeggiandoinbicicletta.it Passeggiandoinbicicletta.it Percorso ad anello da Mantova a San Benedetto Po, su pista ciclabile e lungo gli argini del Mincio e del Po. Partendo da Mantova, un ampio giro nella pianura Padana e sugli

Dettagli

Energy in our life. 6. Perché risparmiare energia? 1. Forme di energia:

Energy in our life. 6. Perché risparmiare energia? 1. Forme di energia: Energy in our life 1. Forme di energia: Energia meccanica; Energia nucleare; Energia elettrica; Energia chimica; Energia termica; 1. Consumi nel mondo; 2. Consumi in italia; 3. Consumi in Sicilia; 4. Energia

Dettagli

Sicurezza: Viaggiare in gruppo

Sicurezza: Viaggiare in gruppo Sicurezza: Viaggiare in gruppo Guidare in gruppo può anche essere una bella esperienza, ma per guidare in modo sicuro in un gruppo eterogeneo di moto e motociclisti sono importanti la preparazione e il

Dettagli

ENERGIE SENZA BUGIE. illustrazioni di Emilio Giannelli. a cura di APER - Associazione Produttori Energia da Fonti Rinnovabili

ENERGIE SENZA BUGIE. illustrazioni di Emilio Giannelli. a cura di APER - Associazione Produttori Energia da Fonti Rinnovabili ENERGIE SENZA BUGIE illustrazioni di Emilio Giannelli a cura di APER - Associazione Produttori Energia da Fonti Rinnovabili LO SAPEVI CHE RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI SULLE RINNOVABILI TI COSTERÀ SOLO UN

Dettagli

Perizia sintetica relativa all impianto termico centralizzato a servizio del condominio sito in Via

Perizia sintetica relativa all impianto termico centralizzato a servizio del condominio sito in Via Qui di seguito riportiamo una perizia svolta da CondominiSicuri su un condominio a Roma. In questa pagina viene illustrata la Perizia sintetica ; nelle successive la Perizia completa Oggetto: Perizia sintetica

Dettagli

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI.

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. www.assoelettrica.it INTRODUZIONE Vieni a scoprire l energia dove nasce ogni giorno. Illumina, nel cui ambito si svolge la terza edizione

Dettagli

TELERISCALDAMENTO AD AOSTA. I PRIMI PASSI DI UNA GRANDE RETE. INAUGURAZIONE DEL CANTIERE DELLA CENTRALE DI TELERISCALDAMENTO IN CITTÀ.

TELERISCALDAMENTO AD AOSTA. I PRIMI PASSI DI UNA GRANDE RETE. INAUGURAZIONE DEL CANTIERE DELLA CENTRALE DI TELERISCALDAMENTO IN CITTÀ. 27-09-2013 Comunicato stampa TELERISCALDAMENTO AD AOSTA. I PRIMI PASSI DI UNA GRANDE RETE. INAUGURAZIONE DEL CANTIERE DELLA CENTRALE DI TELERISCALDAMENTO IN CITTÀ. Per contatti e ulteriori informazioni:

Dettagli

PROVINCIA di ANCONA AGENDA 21 LOCALE - PROGETTO PETER PAN. PIANO DI AZIONE LOCALE verbale del III forum ATTIVITA E TERRITORIO

PROVINCIA di ANCONA AGENDA 21 LOCALE - PROGETTO PETER PAN. PIANO DI AZIONE LOCALE verbale del III forum ATTIVITA E TERRITORIO PROVINCIA di ANCONA AGENDA 21 LOCALE - PROGETTO PETER PAN PIANO DI AZIONE LOCALE verbale del III forum ATTIVITA E TERRITORIO Il giorno 12 maggio 2005 si è riunito per la terza volta il forum sugli Inquinamenti

Dettagli

ABITARE LEGGERO Partiamo dalle nostre esigenze e rileggiamo l ambientel

ABITARE LEGGERO Partiamo dalle nostre esigenze e rileggiamo l ambientel Condividere saperi. I corsi di base della Fondazione Serughetti La Porta ABITARE LEGGERO Partiamo dalle nostre esigenze e rileggiamo l ambientel Il linguaggio. La comunicazione che vogliamo sentirci raccontare

Dettagli

SISTEMI DI ACCUMULO Soluzioni per l autoconsumo Residential Energy Storage Systems (RESS)

SISTEMI DI ACCUMULO Soluzioni per l autoconsumo Residential Energy Storage Systems (RESS) SISTEMI DI ACCUMULO Soluzioni per l autoconsumo Residential Energy Storage Systems (RESS) Presentata da: Ing. Alan Sabia Cesena Venerdì 04 Aprile 2014 NUOVO SCENARIO FOTOVOLTAICO 6/7/13 - Fine Tariffe

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

PARLIAMO DI RIFIUTI MARTEDI 3 APRILE- LATINA

PARLIAMO DI RIFIUTI MARTEDI 3 APRILE- LATINA PARLIAMO DI RIFIUTI MARTEDI 3 APRILE- LATINA Che cos è un rifiuto? Qualcosa che non ci serve più e che buttiamo! Provate a pensare a questo: avete una vecchia felpa che a voi non piace più e che ormai

Dettagli

PERCORSO PARTECIPATIVO di SUPPORTO ALLA REALIZZAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI MEDICINA

PERCORSO PARTECIPATIVO di SUPPORTO ALLA REALIZZAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI MEDICINA PERCORSO PARTECIPATIVO di SUPPORTO ALLA REALIZZAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI MEDICINA -- RELAZIONE FINALE -- A cura di Leonardo Dovigo Marzo 2014 0 PERCORSO PARTECIPATIVO

Dettagli

LA PROTEZIONE CIVILE NELLA DIDATTICA

LA PROTEZIONE CIVILE NELLA DIDATTICA Dipartimento Tutela Ambientale e del Verde Protezione Civile Direzione Protezione Civile LA PROTEZIONE CIVILE NELLA DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 COS E LA PROTEZIONE CIVILE? Il termine protezione

Dettagli

I servizi finanziari nel futuro dell'unione Europea

I servizi finanziari nel futuro dell'unione Europea SPEECH/03/548 Romano Prodi Presidente della Commissione europea I servizi finanziari nel futuro dell'unione Europea Dopo l'allargamento: conferenza sui servizi finanziari nel mercato allargato dell'unione

Dettagli

Gestione del Mose. Un attenta sentinella proteggerà Venezia e la laguna dalle acque alte. Le acque alte del 2012. Se ci fosse stato il Mose...

Gestione del Mose. Un attenta sentinella proteggerà Venezia e la laguna dalle acque alte. Le acque alte del 2012. Se ci fosse stato il Mose... 17 Gestione del Mose. Un attenta sentinella proteggerà Venezia e la laguna dalle acque alte Le acque alte del 2012 Se ci fosse stato il Mose... Dopo un anno di pausa che aveva persino distratto dal problema,

Dettagli

La Nuova Prima Pagina. Fondazione, Confesercenti 'brucia' Confcommercio

La Nuova Prima Pagina. Fondazione, Confesercenti 'brucia' Confcommercio 24 settembre 2015 Pagina 1 La Nuova Prima Pagina Fondazione, 'brucia' Confcommercio Sconfitto Massimo Malpighi, sostenuto da Torreggiani. Muzzarelli: «Audizioni, valuterò con attenzione» Sarà Mauro Bastoni,

Dettagli

Seminario per i giornalisti 3 novembre 2005 Bonifica da amianto Christian Weber, Settore costruzione, Suva

Seminario per i giornalisti 3 novembre 2005 Bonifica da amianto Christian Weber, Settore costruzione, Suva Seminario per i giornalisti 3 novembre 2005 1. Quando va eseguita una bonifica? 2. Chi esegue la bonifica? 3. Come viene eseguita la bonifica? 4. Monitoraggio dei lavori 5. Esempio di una bonifica 6. Considerazioni

Dettagli

lenewsdienergiambiente

lenewsdienergiambiente lenewsdienergiambiente Agenzia di informazione quotidiana su Energia e Ambiente di Enza Plotino. Numero del 27 settembre 2010. P.Iva 06318681001, tel.3471541463 news.energiambiente@gmail.com eplotino@libero.it

Dettagli

COME OTTIMIZZARE LA RACCOLTA DI CARTA E CARTONE A MILANO E PROVINCIA

COME OTTIMIZZARE LA RACCOLTA DI CARTA E CARTONE A MILANO E PROVINCIA COME OTTIMIZZARE LA RACCOLTA DI CARTA E CARTONE A MILANO E PROVINCIA Danilo VISMARA Responsabile Marketing Milano, 7 OTTOBRE 2014 Il sistema milanese di gestione integrata dei rifiuti Amsa, azienda del

Dettagli

I quaderni di ED n.1. ed- energia pulita e dintorni. Il fotovoltaico in Emilia-Romagna I dati e le classifiche a giugno 2010

I quaderni di ED n.1. ed- energia pulita e dintorni. Il fotovoltaico in Emilia-Romagna I dati e le classifiche a giugno 2010 I quaderni di ED n.1 Il fotovoltaico in Emilia-Romagna I dati e le classifiche a giugno 2010 Chiuso in redazione il 20 luglio 2010 ed- energia pulita e dintorni direttore responsabile Giuseppe Musilli

Dettagli

RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE 2011 CONSIGLIO COMUNALE DEL 12/01/2011

RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE 2011 CONSIGLIO COMUNALE DEL 12/01/2011 RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE 2011 CONSIGLIO COMUNALE DEL 12/01/2011 L allarme che qualche mese fa avevamo lanciato sui tagli ai comuni oggi è diventato certezza, e non è stata cosa semplice, per

Dettagli

CONFRONTO TRA ELETTRODOTTO IN CAVO ED AEREO.

CONFRONTO TRA ELETTRODOTTO IN CAVO ED AEREO. CONFRONTO TRA ELETTRODOTTO IN CAVO ED AEREO. E luogo comune sostenere che un elettrodotto in cavo sia preferibile ad uno aereo: non è sempre vero. Parametro determinante a tal fine è la tensione nominale

Dettagli

Le strategie energetiche nelle aree urbane dell Emilia-Romagna per il 2020

Le strategie energetiche nelle aree urbane dell Emilia-Romagna per il 2020 Dipartimento di Chimica Industriale «Toso Montanari» UNIVERSITA DI BOLOGNA Le strategie energetiche nelle aree urbane dell Emilia-Romagna per il 2020 Leonardo Setti Università di Bologna CIRI ENERGIA&

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli