Zanzare. Trappola. 5 mosse. Manuale ufficiale Mosquito Magnet Italia per vincere la lotta alle zanzare, definitivamente.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Zanzare. Trappola. 5 mosse. Manuale ufficiale Mosquito Magnet Italia per vincere la lotta alle zanzare, definitivamente. www.mosquitomagnet."

Transcript

1 Zanzare Trappola in in 5 mosse. Manuale ufficiale Mosquito Magnet Italia per vincere la lotta alle zanzare, definitivamente

2 Zanzare in Trappola in 5 mosse. Manuale per difendersi dalle zanzare. A cura di BME, InnovatingLife, Mosquito Magnet Italia. In collaborazione con MosquitoWeb Sommario 1. Le zanzare 1.1 Un insetto pericoloso 1.2 Zanzare presenti in Italia 2. Malattie 2.1 Casi di malattie trasmesse in Italia 2.2 Animali domestici, filariosi, leishmaniosi, mixomatosi. 3. Diffondi la cultura antizanzare 4. Trappole per zanzare a simulazione di respiro umano Mosquito Magnet 4.1 Patriot 4.2 Independence 4.3 Executive 4.4 Mosquito Magnet a confronto 5. Trappole per zanzare fotocatalitiche 5.1 Bio Mosquito Trap 5.2 Black Hole Farm 5.3 Sky - F 5.4 Air Clean

3 Le zanzare 1. Conoscere il nemico. Sun Tzu, uno dei più grandi generali e strateghi di guerra scrisse: Conosci il nemico e te stesso.... Se vuoi vincere questa guerra devi imparare il più possibile sul tuo nemico. Non mi riferisco al nome scientifico delle zanzare o al ciclo di riproduzione. Parlo delle caratteristiche utili all eliminazione e ai punti deboli Un insetto pericoloso L'ISSG (Invasive Species Specialist Group) ha stilato una lista degli organismi più invasivi sulla base di diversi parametri. Le specie invasive sono state riconosciute a livello mondiale come una grave minaccia per le biodiversità, per l'agricoltura e per altri interessi umani. Non è stato facile identificare quale specie è peggiore di altre, le loro interazioni con gli ecosistemi sono molto complesse. Alcune specie possono avere invaso solo una regione limitata, ma hanno un'alta probabilità di diffondersi causando ulteriori danni. Altre possono essere già diffuse a livello globale causando un danno cumulativo ma meno visibile. Alla fine le specie sono state selezionate in base a due criteri: il loro forte impatto sulla diversità biologica e/o attività umane e i fattori che determinano il livello di infestazione biologica. Dopo la Acacia Mearnsii (pianta), la Achatina Fulica (mollusco) e il Tristis Acridotheres (uccello) viene la famigerata Zanzara Tigre. La Zanzara Tigre è associata alla trasmissione di molte malattie umane tra cui la Dengue, il Virus del Nilo occidentale e l'encefalite Giapponese. Segue a ruota un'altra zanzara, la Anopheles Quadrimaculatus, che è il principale vettore di Malaria nel Nord America. Ma non è finita qui, il sito scientifico Live Science ha stilato la classifica degli animali più letali al mondo. Stravince su tutti la zanzara che essendo vettore di malaria (e non solo) è causa di più di due milioni di morti all'anno. Per dovere di cronaca segnalo che seguono ben distanziati i seguenti animali: 2 Cobra Reale Indiano 3 Vespa Dei Mari 4 Squalo Bianco 5 Leone 6 Coccodrillo Marino 7 Elefante 8 Orso Polare 9 Bufalo 10 Rana Velenosa Sudamericana

4 1.2. Zanzare presenti in Italia Il territorio italiano si sviluppa su Kmq di superficie ed ospita circa 70 specie diverse di zanzare, tutte con caratteristiche ed abitudini diverse l una dall altra. Ogni estate la lotta contro questi insetti, spesso inizia con un approccio sbagliato in partenza. Con l affermazione della ormai onnipresente Zanzara Tigre, questo discorso acquista ancora più valore e va di pari passo con il crescente disagio creato da questi insetti ematofagi. Non è più sufficiente dire ho un problema di zanzare, è necessario indagare un po più a fondo per capire con quale specie di zanzara si ha a che fare e di conseguenza, individuare il metodo migliore per intervenire. Per far questo non serve essere entomologi bensì un po più di attenti agli orari in cui si viene punti e come le zanzare si presentano, informazioni apparentemente di poco conto ma fondamentali per avere una prima diagnosi del problema che spesso porta all identificazione della specie di zanzara presente nella zona. Per capire meglio tutte queste differenze è necessario fare un po di chiarezza sulle principali zanzare italiane. Ecco come si presentano le più fastidiose: Zanzara Comune (Culex pipiens): di colore marroncino chiaro, punge di sera e di mattina presto, è famosa per il suo ronzio nelle orecchie ed entra in casa. Molto diffusa in città perché si riproduce in piccoli ristagni d acqua (micro focolai) e si sposta poco. E la zanzara con cui abbiamo sempre convissuto. Zanzara Tigre (Aedes albopictus): nera a strisce bianche, è attiva di giorno in particolare nelle ore pomeridiane, vola poco e quando punge è molto insistente, causa facilmente reazioni cutanee allergiche. Ha colonizzato perfettamente l ambiente cittadino perché ha saputo sfruttare piccoli ristagni come tombini e sottovasi dove si sviluppa velocemente. Dato che vola molto poco (massimo 200m), a volte è possibile circoscrivere l area infestata. Con il suo sbarco in Italia, la sensibilità al problema delle zanzare è aumentata parecchio.

5 2 Malattie La zanzara è considerato l animale più letale al mondo, ogni anno questi insetti provocano milioni di morti in tutto il mondo. Esistono più di tremila specie di zanzara, ma le principali responsabili della diffusione di malattie umane sono tre. Le zanzare Anopheles e quelle del genere Aedes, cui appartiene la zanzara tigre. Quest ultima oltre ad essere la principale fonte di fastidio dei pomeriggi estivi può potenzialmente trasmettere più di 20 virus diversi. Se pensi che queste malattie siano circoscritte ai paesi tropicali ti sbagli. In Italia si verificano periodicamente casi di questo tipo. Solitamente verso la fine di Agosto i picchi di infestazione rendono più probabile la trasmissione dei virus. Inoltre l aumento dei flussi migratori di merci e persone e i cambiamenti climatici sono ulteriori elementi che giocano a nostro sfavore. Non a caso egli ultimi anni nel mondo, si sono imposte all attenzione Dengue e Chikungunya, entrambe malattie tipiche delle regioni subtropicali. Un infezione da Dengue, per la quale sono stati individuati 4 agenti patogeni, può avere un decorso mortale. La malattia ha imperversato anche in Asia e in Sudamerica e molti paesi sono impegnati in una strenua lotta contro questo tipo di epidemie. Negli USA la Dengue è la patologia infettiva importata più frequentemente dai tropici, tanto che le autorità sanitarie statunitensi nutrono il timore che essa possa propagarsi dal sud verso l America del Nord. Va ricordato, che un tempo la Dengue era presente anche nel bacino mediterraneo, importata dalle navi spagnole. Il vettore principale, a quei tempi, era rappresentato da Aedes aegypti, una specie di zanzara che fortunatamente, e contrariamente alla zanzara tigre, non riesce a stabilirsi da noi (almeno per ora). Una seconda malattia virale, che in questi ultimi anni sta destando preoccupazione è la Chikungunya, che in lingua Swahili significa persona che cammina curva. Nell isola francese La Réunion, nell Oceano Indiano, nel 2006 è scoppiata un epidemia di Chikungunya, che ha colpito almeno un terzo dei abitanti. Il virus provoca una malattia con sintomatologia febbrile e forti dolori articolari, ma generalmente è a decorso benigno. In Italia nell agosto del 2007, la copresenza del vettore, la zanzara tigre, e un virus importato, la Chikungunya, ha causato un epidemia che ha colpito oltre 200 persone nelle vicinanze di Ravenna.

6 2.1 Casi di Malattie trasmesse dalle zanzare in Italia. Quando si verifica la presenza del virus in un malato, questo può avere contratto la malattia in due modi. In un paese estero, quindi si tratta di persone ritornate da poco da un viaggio. In questo caso si parla di un caso importato. Oppure possono avere contratto la malattia senza avere mai lasciato il paese. In questo caso si parla di caso autoctono. I secondi sono molto più preoccupanti perchè vuole dire che la malattia è in grado di diffondersi sfruttando le zanzare e gli animali presenti sul territorio. Il processo di trasmissione della malattia attraverso le zanzare è complesso e non sempre avviene da uomo a uomo. Primavera-Estate 2007 Chikungunya Emilia Romagna Prov. Ravenna e Forlì/Cesena Circa 200 persone sono state infettate dal virus trasmesso dalla zanzara tigre. Le aree di provenienza delle persone colpite sono state: Castiglione di Cervia, Castiglione di Ravenna, Cesena e Cervia. Si pensa che il virus sia stato importato da un cittadino straniero proveniente dall'india. Arrivato in Italia, il 21 giugno ha manifestato i sintomi due giorni dopo il suo arrivo a Castiglione di Cervia. Il picco dell'epidemia si è manifestato la terza settimana di agosto. Dalla fine di agosto un intensa sorveglianza è stata istituita presso gli ospedali e gli enti sanitari locali. E' stata intrapresa una forte attività adulticida e di prevenzione in tutta l'area specialmente nelle vicinanze delle residenze delle persone colpite dalla malattia. La prevenzione e la lotta sono continuate nel 2008, dove non si sono verificati ulteriori casi ma solo falsi allarmi. Settembre2008 Dengue Bologna Rilevato a Monghidoro, nel bolognese, un caso importato di Dengue il cui virus è potenzialmente trasmissibile dalla zanzara tigre. La persona colpita è una donna di 23 anni di ritorno da un viaggio di piacere in Messico, dove ha contratto la malattia. Al ritorno in Italia ha presentato i tipici sintomi. Settembre/Ottobre 2008 West Nile Virus Romagna prov. di Ferrara, Veneto prov. di Rovigo Nel ferrarese e nel Polesine si sono verificati casi di West Nile che ha colpito i cavalli di alcune scuderie. Si tratta di una malattia infettiva trasmessa di solito dalle zanzare comuni (genere Culex). Il virus oltre agli animali può colpire anche l uomo; attualmente la malattia è diffusa in Africa (soprattutto in Egitto), in Medio Oriente, in India, in Europa e negli Stati Uniti (la prima epidemia è stata dichiarata nel 1999 nella città di New York). A Imola un'anziana signora la prima vittima italiana del virus West Nile. Si tratta di una meningite virale, trasmessa dalla puntura di una zanzara infetta, che finora aveva colpito solo volatili e cavalli. Uno studio recente di Eurosurveillance dice che i casi di virus West Nile in Italia sono in aumento. Le persone infettate sono passate da 9 nel 2008 a 16 nel 2009 (dati aggiornati a settembre 2009). Le regioni colpite sono state il Veneto, l'emilia Romagna e la Lombardia. Anno 2009 West Nile Virus Italia 6 casi riscontrati in Veneto. Le persone colpite hanno un età superiore ai 60 anni. Tutti i pazienti sono stati ricoverati, uno di questi è deceduto. 8 i casi registrati in Emilia Romagna, anche in questo caso l'età dei soggetti è superiore a 60 anni. Molti altri casi sono stati segnalati al laboratorio del (Crrem) a Bologna, successivamente risultati negativi ai test di laboratorio. In Lomabrdia sono stati confermati due casi di infezione relativi a persone residenti a Mantova. Si sono inoltre verificati, sia nel 2008 che nel 2009, molti casi di infezione tra i cavalli. Anno 2010 Dengue Italia Da Giugno a Settembre sono stati rilevati 11 casi segnalati da siti di news regionali o nazionali. In particolare i casi sono stati rilevati a Carpi (Modena), Parma, Pellegrino Parmense (Parma), Padova, Fidenza (Parma), La Spezia, Vicenza, Fidenza (Parma), Due casi a Bologna, Casalecchio di Reno (Bologna), Ravenna. La Regione Veneto ha segnalato un infezione confermata da virus West Nile, durante il mese di agosto. La circolazione del virus negli animali è stata identificata in due nuove aree Molise e Sicilia. Un caso di Chikungunya segnalato vicino a Bologna.

7 2.2 Animali domestici, Filariosi, Leishmaniosi, Mixomatosi. La filariosi e la leishmaniosi sono le principali malattie trasmesse agli animali domestici ed in particolare ai cani. La zanzara (anche tigre) e i pappataci sono i responsabili del contagio. I cani non sono le sole vittime delle zanzare, anche i conigli possono essere contagiati da una malattia incurabile, la Mixomatosi. La filariosi infetta il cane, il gatto e può infettare l'uomo. La malattia che fino ad alcuni anni fa era trasmessa solo dalla zanzara comune è stata portata in tutta italia dalla sempre più ampia diffusione della zanzara tigre. La sua possibile responsabilità nella trasmissione della malattia è stata verificata in laboratorio (Cancrini et al., 1992). La Leishmaniosi canina è una malattia parassitaria molto diffusa. La trasmissione del parassita avviene tramite la puntura di flebotomi comunemente conosciuti come pappataci. Questi insetti si infettano pungendo un animale malato e trasmettono poi la malattia ad un altro soggetto sano. Ci si è sempre preoccupati di questa malattia al momento di recarsi al mare dato che è particolarmente diffusa nelle zone costiere. Purtroppo vi sono state numerose segnalazione negli ultimi anni (focolai accertati in Veneto, Emilia Romagna e Piemonte ed altri probabili in Trentino e Lombardia) che fanno pensare che non esistano più zone da considerarsi completamente sicure. In Piemonte sono state accertate 3 differenti aree in cui la leishmaniosi canina è endemica (Torino, Ivrea, Casale). Non c'è un vaccino, l'unica arma è la prevenzione. La Mixomatosi è una malattia virale estremamente contagiosa che colpisce i conigli europei. Il contagio avviene per scambio di sangue infetto. Si conoscono svariati ceppi della malattia, in generale causano tutti lesioni cutanee, la morte del coniglio infetto solitamente avviene rapidamente. La malattia viene trasmessa da insetti quali zanzare, zecche, pulci e acari. In Italia, il principale vettore è la zanzara tigre. Non esistono cure, l'unica cosa realmente efficace e' la prevenzione mediante vaccinazione. Dato che la malattia è trasmissibile anche dalle zanzare è importante fare vaccinare anche i conigli che vivono in appartamento. In questi casi una normale prevenzione antizanzare è molto utile. Numerosi casi di Mixomatosi vengono rilevati periodicamente in molte regioni d'italia, solitamente verso la fine di agosto quando i picchi di infestazione delle zanzare tigre aumentano le possibilità di essere infettati. La mixomatosi è una malattia considerata "a carattere infettivo e diffusivo" quindi soggetta a denuncia, come da disposizioni del Regolamento di polizia veterinaria (d.p.r. 8 febbraio 1954,n. 320). Per legge i conigli malati di mixomatosi devono essere denunciati per essere soppressi.

8 3. Diffondi la cultura antizanzare per evitare che si approprino dei tuoi spazi. Per sconfiggere le zanzare nei contesti residenziali, dove i giardini di piccole dimensioni sono numerosi e adiacenti, la collaborazione di tutti è fondamentale. Le fondamenta della guerra alle zanzare sono la prevenzione tramite l'eliminazione dei luoghi di proliferazioni di questi insetti. In un giardino i più piccoli accumuli di acqua permettono soprattutto alla zanzara tigre di proliferare e riprodursi esponenzialmente già a cominciare dai primi caldi. Questo insetto infatti, originario delle giungle del sud-est asiatico, trova nelle piccole cavità piene d'acqua come noci di cocco e tronchi degli alberi, gli ambienti ideali di riproduzione. Ogni giardino ha i suoi pozzetti di irrigazione, qualche sottovaso, un innaffiatoio e probabilmente qualche accumulo di materiale di giardinaggio. Se si moltiplicano questi piccoli focolai per il numero di giardini presenti nei tipici contesti residenziali (villette a schiere, appartamenti con giardino) si capisce come sia facile per questi insetti trovare un luogo adatto dove deporre le uova. Per questo motivo tutti gli sforzi fatti nel proprio giardino rischiano di essere vani se a pochi metri non ci si preoccupa di contrastare il proliferare delle zanzare. Prima di tutto quindi diffondi la cultura antizanzara, spiega ai tuoi vicini di casa che qualche buona abitudine per potere ricominciare a godersi il giardino senza essere dissanguati da questi sgraditi ospiti estivi. Oltre che essere un obbligo di legge quasi sempre imposto da ordinanze comunali, evitare il proliferare delle zanzare è un segno di civiltà come fare la raccolta differenziata. Meno zanzare vuole dire meno disinfestazioni e quindi una maggiore tutela per l'ambiente.

9 4. Trappole per zanzare a simulazione di respiro umano Mosquito Magnet. Come funziona. E scientificamente dimostrato che che le zanzare e gli insetti attratti dal sangue, si dirigono verso gli esseri umani seguendo la traccia di anidride carbonica che questi producono con la respirazione. Mosquito Magnet simula il respiro umano convertendo cataliticamente il Gas Propano (GPL) in anidride carbonica. Le zanzare si avvicinano alla trappola per nutrirsi ma appena a tiro vengono irrimediabilmente aspirate e catturate nell apposita retina. quantità di CO2, calore, umidità, octenolo/lurex3, in modo da attrarre le zanzare e aspirarle in una rete, sfruttando il loro stesso istinto che le spinge a girare verso l alto man mano che si avvicinano all obiettivo. La soluzione per estirpare il problema alla radice. La trappola Mosquito Magnet interrompe il ciclo riproduttivo delle zanzare e ne riduce sensibilmente la popolazione attiva in 4 settimane. Tecnologia brevettata. Mosquito Magnet si basa sulla brevettata tecnologia Counterflow, una speciale geometria che emette una precisa Interruzione del ciclo riproduttivo. Le zanzare in cerca di un pasto di sangue sono solo le femmine fecondate che, grazie alle proteine ottenute dal sangue delle loro prede, saranno in grado di portare a termine lo sviluppo delle uova. Catturando queste zanzare è possibile interrompere il ciclo di vita di questi insetti nell intorno in cui si agisce. Le zanzare che si avvicinano in cerca di un pasto di sangue sono aspirate da una ventola e imprigionate fino alla loro morte.

10 4.1 Patriot Patriot ha in dotazione un cavo elettrico a 12 V che lo rende sicuro per bambini ed animali, consentendone comunque la collocazione nelle aree di riproduzione e posa delle zanzare. Le plastiche particolarmente resistenti e i metalli di qualità, utilizzati nella nautica, lo rendono idoneo a sopportare qualsiasi tipologia climatica. COPERTURA Grazie alla nuova elettronica applicata, Patriot è facile da installare e da usare, bastano 3 mosse. Accessori: Copri bombola, Octenolo/Lurex 3, Reti di ricambio. La trappola per zanzare Mosquito Magnet Patriot trova applicazione in proprietà che dispongono di un piccolo giardino. Piccolo, maneggevole è inolre apprezzabile per il prezzo estemamente contenuto. SPECIFICHE TECNICHE Dimensioni H 75 x L 35,3 x P 62,2 cm Peso 13,6 Kg Area copertura Dipende dalle condizioni di installazione Funzionamento Cattura continua di insetti che pungono Manutenzione Ricaricare la bombola GPL ogni 21 giorni Svuotare la retina quando è piena Livello acustico Silenzioso Essenza Octenolo - Lurex 3 Alimentazione Cavo elettrico di 15 mt con trasformatore 12/24 V con ganci d ancoraggio inclusi Bombola GPL-Propano 5/10 Kg non compresa

11 4.2 Independence Independence utilizza 4 batterie di tipo C. Grazie alla tecnologia cordless, può essere posizionato senza vincoli nel luogo più vicino a quello di riproduzione delle zanzare. La tecnologia brevettata Counter Flow permette al flusso d aria di espellere più attrattivo, migliorando il tasso di cattura fino a 10 volte. COPERTURA La rete maggiorata consente la cattura di un maggior numero di insetti. Base rinforzata. Accessori: Copri bombola, Octenolo/Lurex 3, Reti di ricambio SPECIFICHE TECNICHE La trappola per zanzare Mosquito Magnet Independence è progettata per i proprietari di case che hanno la necessità di proteggere aree di medie dimensioni. Dimensioni H 82,6 x L 46,6 x P 64,4 cm Peso 14,8 Kg Area copertura Dipende dalle condizioni di installazione Funzionamento Cattura continua di insetti che pungono Manutenzione Ricaricare la bombola GPL ogni 21 giorni Svuotare la retina quando è piena Livello acustico Silenzioso Essenza Octenolo - Lurex 3 Alimentazione 4 batterie di tipo C Bombola GPL-Propano 5/10 Kg non compresa

12 4.3 Executive Lo schermo LCD con lettura diagnostica facilitata consente di sapere quando la batteria è scarica, il GPL è esaurito o l ugello del gas è intasato. Oltre 30 giorni con la stessa bombola grazie alle 4 modalità di risparmio GPL. Segnala l esaurimento del GPL e della batteria. Grazie al sensore di temperatura, tarato a 10 C, la macchina si accende/spegne automaticamente quando la temperatura esterna è superiore/inferiore ai 10 C. Accessori: Copri bombola, Octenolo/Lurex 3, Reti di ricambio COPERTURA La tecnologia cordless Smart consente di posizionare la macchina senza il vincolo del cavo. La speciale batteria dura in carica l intera stagione. SPECIFICHE TECNICHE Dimensioni H 84,6 x L 46,6 x P 64,4 cm Peso 14,9 Kg Area copertura Dipende dalle condizioni di installazione Funzionamento Cattura continua di insetti che pungono Manutenzione Ricaricare la bombola GPL ogni 21 giorni Svuotare la retina quando è piena Livello acustico Silenzioso Essenza Octenolo - Lurex 3 Alimentazione Tecnologia Cordless Smart Batteria ricaricabile Bombola GPL-Propano 10 Kg non compresa

13 Mosquito Magnet a confronto: scegli il modello che risolve i tuoi problemi con le zanzare. Patriot Independence Executive Tecnologia Smart x Batteria ricaricabile x Funzionamento 4 pile tipo C x Cavo da 15 mt x Cordless x x Tecnologia brevettata CounterFlow x x x Convertitore catalitico brevettato x x x Area di copertura* mq 2 anni di garanzia x x x Supporto e assistenza a 360 gradi x x x 15 brevetti e 20 anni di ricerca x x x *In funzione delle condizioni di installazione.

14 5. Trappole per zanzare Fotocatalitiche. Respirando gli esseri umani o gli animali, producono CO2 (anidride carbonica) ed i loro corpi emanano costantemente calore e umidità. Le zanzare ed altri insetti mordaci possono rilevare il CO2, il calore e l umidità anche nella totale oscurità ed a grandi distanze (le femmine delle zanzare per alimentarsi possono rilevare la presenza di una persona fino ad una distanza di metri). Fotocatalisi. Questo tipo di trappole basano il loro funzionamento sul principio della fotocatalisi, una reazione di scomposizione generata quando il diossido di titanio (TiO2), usato come catalizzatore, viene a contatto con una fonte luminosa. La reazione produce anidride carbonica (CO2) che attrae le zanzare. Il TiO2 non si consuma nel processo e quindi non deve essere sostituito. H2O CO2 Inoltre, quando la luce fluorescente e la materia organica sulla superficie di TiO2 vengono a contatto, producono una reazione che purifica e sterilizza l aria dell ambiente in cui la trappola è installata. Le trappole fotocatalitiche sfruttano questa combinazione di fattori per attirare le zanzare ed intrappolarle: il calore, la CO2, i raggi prodotti da una speciale lampada UV ed il colore nero. Fonte Luminosa Luce Solare Diossido di Titanio Composti Organici

15 5.1 Bio Mosquito Trap Bio Mosquito Trap può essere installato senza pericoli sia in spazi aperti che in interni. Il suo funzionamento non emette fumi, odori, pesticidi, antiparassitari, repellenti o altre sostanze chimiche potenzialmente pericolose e la cattura degli insetti avviene senza rischi per gli esseri umani e l ambiente. Bio Mosquito Trap ha doppia efficacia in quanto agisce selettivamente sulle zanzare femmine (quelle che si nutrono di sangue): elimina le zanzare responsabili delle punture, bloccandone, nel contempo, il ciclo riproduttivo, impedendo la deposizione di uova e la schiusa di nuove zanzare. Utilizzo interno ed esterno Purifica l aria H2O Estetica gradevole Non utilizza insetticidi e sostanze nocive Facile pulizia e manutenzione Le zanzare attirate entrano nel Bio Mosquito Trap attraverso la finestra di cattura sulla parte superiore, e rimangono imprigionate senza scampo nella rete collocata nella parte inferiore. SPECIFICHE TECNICHE ALIMENTAZIONE POTENZA ASSORBITA PESO RAGGIO D AZIONE SUPERFICIE CIRCOLARE 220 V - 50 HZ 26 W 1,7 KG 5 MT 100 MQ

16 5.2 Black Hole Farm Black Hole Farm può essere installato senza pericoli sia in spazi aperti che in interni.ed è completamente innocuo per persone ed animali domestici.il suo funzionamento non emette fumi, odori, pesticidi, antiparassitari, repellenti o altre sostanze chimiche potenzialmente pericolose. Black Hole Farm sfrutta una efficacie e sperimentata combinazione di fattori per attirare le zanzare ed intrappolarle: il calore, la CO2, i raggi prodotti da una speciale lampada UV e il colore nero. Utilizzo interno ed esterno Alta capacità di cattura H2O Ideale per grandi spazi Non usa insetticidi e sostanze nocive Ideale per case di campagna, maneggi, stalle, canili, ristoranti, alberghi, piscine. SPECIFICHE TECNICHE ALIMENTAZIONE POTENZA ASSORBITA PESO RAGGIO D AZIONE SUPERFICIE CIRCOLARE 220 V - 50 HZ 26 W 2,5 KG 10 MT 300 MQ

17 5.3 Sky - F Trappola cattura zanzare, mosche ed altri insetti volanti. Ideale per saloni interni e piccoli balconi. Utilizzo interno - Alta capacità di cattura Funziona con carta adesiva - Ideale per grandi spazi ALIMENTAZIONE POTENZA ASSORBITA PESO RAGGIO D AZIONE SUPERFICIE CIRCOLARE 220 V - 50 HZ 48 W 1,5 KG 6 MT 100 MQ

18 5.4 Black Hole Air Clean Trappola cattura zanzare, mosche ed altri insetti volanti. Purifica l aria, rimuove odori, sostanze organiche, batteri e virus dall ambiente. Utilizzo interno Purifica l aria e rimuove gli odori Cattura gli insetti su carta adesiva Ecologica e silenziosa Non usa insetticidi ALIMENTAZIONE POTENZA ASSORBITA PESO RAGGIO D AZIONE SUPERFICIE CIRCOLARE 220 V - 50 HZ 22 W 1,5 KG 5,5 MT MQ

Proteggi i tuoi spazi.

Proteggi i tuoi spazi. Proteggi i tuoi spazi. L originale. Le zanzare Come funziona Con l arrivo dell estate torna il problema delle punture di zanzare e le vostre serate all aria aperta vengono compromesse da fastidiose punture.

Dettagli

Contro. Speciale viaggi. facciamoci in in. Tutto quello che i viaggiatori devono sapere per difendersi meglio dalle malattie trasmesse dalle zanzare

Contro. Speciale viaggi. facciamoci in in. Tutto quello che i viaggiatori devono sapere per difendersi meglio dalle malattie trasmesse dalle zanzare Contro la la zanzara tigre tigre Speciale viaggi 4 facciamoci in in 4 Tutto quello che i viaggiatori devono sapere per difendersi meglio dalle malattie trasmesse dalle zanzare conosciamo meglio le malattie

Dettagli

La zanzara tigre, conoscerla per difendersi meglio Origine

La zanzara tigre, conoscerla per difendersi meglio Origine La zanzara tigre, conoscerla per difendersi meglio dott.fulvio Zorzut Profilassi Malattie Infettive e Vaccinazioni Dipartimento di Prevenzione di Trieste Origine La zanzara tigre è stata importata nel

Dettagli

VADEMECUM SULLA ZANZARA TIGRE

VADEMECUM SULLA ZANZARA TIGRE SERVIZIO DISINFEZIONE, DISINFESTAZIONE, DERATTIZZAZIONE Sede Reggio Emilia 0522/297664 fax 0522/297675 e-mail: ddd.re@gruppoiren.it VADEMECUM SULLA ZANZARA TIGRE 1. COME SI RICONOSCE LA ZANZARA TIGRE?

Dettagli

Attività di monitoraggio e lotta. contro Aedes albopictus vettore di Chikungunya

Attività di monitoraggio e lotta. contro Aedes albopictus vettore di Chikungunya Attività di monitoraggio e lotta in Emilia-Romagna contro Aedes albopictus vettore di Chikungunya Descrizione epidemia di febbre da virus Chikungunya 07 L epidemia si è verificata nel corso dell estate

Dettagli

MISURE DI PREVENZIONE E CONTENIMENTO DELLA DIFFUSIONE DELLA ZANZARA TIGRE

MISURE DI PREVENZIONE E CONTENIMENTO DELLA DIFFUSIONE DELLA ZANZARA TIGRE DIREZIONE GENERALE SERVIZIO COMUNICAZIONE Viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.3838448 Fax 030.3838280 E-mail servizio.comunicazione@aslbrescia.it CONFERENZA STAMPA DEL 04/06/2010 MISURE

Dettagli

Contro. facciamoci in. la zanzara tigre. Tutto quello che dobbiamo sapere per evitare la diffusione della zanzara tigre e difenderci meglio

Contro. facciamoci in. la zanzara tigre. Tutto quello che dobbiamo sapere per evitare la diffusione della zanzara tigre e difenderci meglio Contro la zanzara tigre 4 Tutto quello che dobbiamo sapere per evitare la diffusione della zanzara tigre e difenderci meglio facciamoci in Nell estate del 2007 si è verificato nella nostra regione il primo

Dettagli

Artropodi = invertebrati con zampe articolate e corpo rivestito di chitina. Anche l astice è un artropode ma è di interesse sanitario?

Artropodi = invertebrati con zampe articolate e corpo rivestito di chitina. Anche l astice è un artropode ma è di interesse sanitario? Artropodi = invertebrati con zampe articolate e corpo rivestito di chitina. Anche l astice è un artropode ma è di interesse sanitario? NO Aracnidi e insetti = ARTROPODI ARACNIDI INSETTI DITTERI ZANZARE

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA' PUBBLICA Via Borgo Ruga, 30 32032 Feltre 0439-883835 / 883872 FAX: 0439/883832

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA' PUBBLICA Via Borgo Ruga, 30 32032 Feltre 0439-883835 / 883872 FAX: 0439/883832 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA' PUBBLICA Via Borgo Ruga, 30 32032 Feltre 0439-883835 / 883872 FAX: 0439/883832 INCONTRO CON LA CITTADINANZA Diffusione delle ZANZARE e ZECCHE nel nostro

Dettagli

Forti di una trentennale esperienza nel settore della disinfestazione e dell'igiene ambientale, da sempre attenti alle nuove proposte del mercato,

Forti di una trentennale esperienza nel settore della disinfestazione e dell'igiene ambientale, da sempre attenti alle nuove proposte del mercato, Forti di una trentennale esperienza nel settore della disinfestazione e dell'igiene ambientale, da sempre attenti alle nuove proposte del mercato, oggi più che mai migliorati anche dall'ausilio delle tecnologie

Dettagli

VADEMECUM SULLA. Culex pipiens o zanzara comune

VADEMECUM SULLA. Culex pipiens o zanzara comune VADEMECUM SULLA ZANZARA TIGRE Reggio Emilia srl COME SI RICONOSCE LA ZANZARA TIGRE? 1. Aspetto (Fig.1): stesse dimensioni della zanzara comune (pochi millimetri), si distingue per la colorazione nera del

Dettagli

IL PIACERE DI SENTIRLI PROTETTI

IL PIACERE DI SENTIRLI PROTETTI Contro pulci, zecche, zanzare e pappataci IL PIACERE DI SENTIRLI PROTETTI I più comuni parassiti TRASMETTERE Le malattie trasmesse da vettore Pulci, zecche, zanzare e anche pappataci sono un problema per

Dettagli

CARTA DELLA PREVENZIONE PIANO DI IGIENE URBANA

CARTA DELLA PREVENZIONE PIANO DI IGIENE URBANA COMUNE DI TERNI CARTA DELLA PREVENZIONE PIANO DI IGIENE URBANA la zanzara CONTRO LA ZANZARA TIGRE facciamoci in 4 Da alcuni anni l Italia è diventata, suo malgrado, uno dei paesi sotto l occhio dei riflettori

Dettagli

In sintesi, le attività di ricerca che si dovrebbero sviluppare possono essere così elencate:

In sintesi, le attività di ricerca che si dovrebbero sviluppare possono essere così elencate: RELAZIONE Premessa Zanzare e flebotomi rappresentano due importanti gruppi di insetti ematofagi appartenenti all'ordine dei Ditteri. Entrambi sono di estremo rilievo per la salute dell uomo, degli animali

Dettagli

Piano regionale dell Emilia-Romagna per la lotta alla zanzara tigre e la prevenzione della Chikungunya e della Dengue anno 2008

Piano regionale dell Emilia-Romagna per la lotta alla zanzara tigre e la prevenzione della Chikungunya e della Dengue anno 2008 Piano regionale dell Emilia-Romagna per la lotta alla zanzara tigre e la prevenzione della Chikungunya e della Dengue anno 2008 Dott.ssa Paola Angelini Servizio Sanità pubblica D.G. Sanità e Politiche

Dettagli

La Zanzara tigre in bergamasca. La comparsa di un alieno!

La Zanzara tigre in bergamasca. La comparsa di un alieno! La Zanzara tigre in bergamasca La comparsa di un alieno! Raffaello Maffi Dipartimento di Prevenzione Medico Direzione Servizio Igiene e Sanità Pubblica ASL di Bergamo LE ZANZARE sono insetti presenti in

Dettagli

FILARIOSI E LEISHMANIOSI

FILARIOSI E LEISHMANIOSI FILARIOSI E LEISHMANIOSI A cura di: Dr.ssa Emanuela Valena Medico veterinario specializzato in clinica e patologia degli animali da affezione Se ne sente parlare spesso ma molti proprietari di cani ancora

Dettagli

Chikungunya-Dengue. Sorveglianza umana: dati e prospettive. Andrea Mattivi Roberto Cagarelli. Bologna, 17 maggio 2013

Chikungunya-Dengue. Sorveglianza umana: dati e prospettive. Andrea Mattivi Roberto Cagarelli. Bologna, 17 maggio 2013 MALATTIE DA VETTORE IN EMILIA-ROMAGNA: PIANO DI SORVEGLIANZA E CONTROLLO 2013 Bologna, 17 maggio 2013 Chikungunya-Dengue Sorveglianza umana: dati e prospettive. Andrea Mattivi Roberto Cagarelli Servizio

Dettagli

Piano regionale dell Emilia-Romagna per la lotta alla zanzara tigre e la prevenzione della Chikungunya e della Dengue Anno 2009

Piano regionale dell Emilia-Romagna per la lotta alla zanzara tigre e la prevenzione della Chikungunya e della Dengue Anno 2009 Allegato 1 Piano regionale dell Emilia-Romagna per la lotta alla zanzara tigre e la prevenzione della Chikungunya e della Dengue Anno 2009 PREMESSA Come noto l epidemia di Chikungunya che nel 2007 ha interessato

Dettagli

Zoonosi e emergenze epidemiche: cosa cambia quando c è di mezzo un vettore

Zoonosi e emergenze epidemiche: cosa cambia quando c è di mezzo un vettore Zoonosi e emergenze epidemiche: cosa cambia quando c è di mezzo un vettore Stefano Marangon Gioia Capelli Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie Definizione di infezione (re)-emergente E un

Dettagli

Comunicati Stampa della Giunta Regionale

Comunicati Stampa della Giunta Regionale Comunicati Stampa della Giunta Regionale Virus Chikungunya: delegazione Ecdc-Oms in Regione (Bologna, 18 settembre 2007) L infezione da virus Chikungunya manifestatasi in Emilia-Romagna è un fatto rilevante

Dettagli

Romano d Ezzelino Conferenza del 10 AGOSTO 2012. Zanzare: uso e manutenzione

Romano d Ezzelino Conferenza del 10 AGOSTO 2012. Zanzare: uso e manutenzione Romano d Ezzelino Conferenza del 10 AGOSTO 2012 Zanzare: uso e manutenzione LE ZANZARE Sono insetti presenti in tutto il mondo con circa 3.500 specie. Appartengono alla famiglia dei Culicidi, ordine dei

Dettagli

COMUNE DI CREMONA SETTORE LAVORI PUBBLICI, MOBILITA URBANA E AMBIENTE

COMUNE DI CREMONA SETTORE LAVORI PUBBLICI, MOBILITA URBANA E AMBIENTE COMUNE DI CREMONA SETTORE LAVORI PUBBLICI, MOBILITA URBANA E AMBIENTE Prot. Gen. n. 37631/2015 ORDINANZA PER LA PREVENZIONE ED IL CONTROLLO DELLE MALATTIE TRASMESSE DA INSETTI VETTORI ED IN PARTICOLARE

Dettagli

La zanzara tigre (Aedes albopictus)

La zanzara tigre (Aedes albopictus) La zanzara tigre (Aedes albopictus) Introduzione In questo capitolo saranno descritte alcune caratteristiche della zanzara tigre al fine di capire meglio: perché la si cerca e combatte come riconoscerla

Dettagli

Protezione naturale Prevenzione contro pappataci (lesmania), zecche e pulci

Protezione naturale Prevenzione contro pappataci (lesmania), zecche e pulci Protezione naturale Prevenzione contro pappataci (lesmania), zecche e pulci PROTECTIVE CANE - GATTO Il rischio per gli animali domestici di essere infestati da parassiti è sempre presente. Il cane e il

Dettagli

LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE

LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE STRATEGIE E PIANI DI CONTROLLO ANNO 2014 Agg. 14 mar 2014 Sede Reggio Emilia Servizio Disinfezione, Disinfestazione, Derattizzazione Tel. 0522/297664 fax 0522/297675 E-mail : ddd.re@gruppoiren.it

Dettagli

La zanzara tigre. Conoscere e prevenire: Come riconoscerla La puntura La prevenzione

La zanzara tigre. Conoscere e prevenire: Come riconoscerla La puntura La prevenzione Dipartimento di prevenzione medica Servizio Igiene e Sanità Pubblica La zanzara tigre Conoscere e prevenire: Come riconoscerla La puntura La prevenzione Come riconoscerla Le zanzare sono insetti presenti

Dettagli

Dipartimento Sanità Pubblica - Cesena CALENDARIO 2015

Dipartimento Sanità Pubblica - Cesena CALENDARIO 2015 CALENDARIO 2015 gennaio 2015 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Mus musculus domesticus È un piccolo roditore conosciuto come topo domestico. Presente in

Dettagli

Quegli ospiti SGRA. Cosa fare per garantire il minor di rischio al nostro animale? Innanzi tutto precisiamo che esistono due tipi di parassitosi:

Quegli ospiti SGRA. Cosa fare per garantire il minor di rischio al nostro animale? Innanzi tutto precisiamo che esistono due tipi di parassitosi: Quegli ospiti SGRA Con la bella stagione molti proprietari non perdono l opportunità di uscire con il proprio cane. Ciò favorisce senz altro il benessere di entrambi ma può comportare degli inconvenienti.

Dettagli

Il Piano di sorveglianza nelle Marche. Relazione a cura di S.Gavaudan e A.Duranti; IZS Umbria e Marche.

Il Piano di sorveglianza nelle Marche. Relazione a cura di S.Gavaudan e A.Duranti; IZS Umbria e Marche. Piano di sorveglianza della West Nile disease Approfondimenti su un cluster di positività sierologica sui cavalli saggiati nelle attività di sorveglianza 2008; 1 semestre. Relazione a cura di S.Gavaudan

Dettagli

PROGETTO REGIONALE UNITARIO D'INFORMAZIONE E MONITORAGGIO DELLA DIFFUSIONE DEI VETTORI DI PATOLOGIE UMANE E ANIMALI VEICOLATE DA ZANZARE

PROGETTO REGIONALE UNITARIO D'INFORMAZIONE E MONITORAGGIO DELLA DIFFUSIONE DEI VETTORI DI PATOLOGIE UMANE E ANIMALI VEICOLATE DA ZANZARE PROGETTO REGIONALE UNITARIO D'INFORMAZIONE E MONITORAGGIO DELLA DIFFUSIONE DEI VETTORI DI PATOLOGIE UMANE E ANIMALI VEICOLATE DA ZANZARE Deliberazione della Giunta Regionale 10 maggio 2013, n. 3-5763 L.R.

Dettagli

Bollettino epidemiologico WND 15 gennaio 2015 n.16. West Nile Disease in Italia nel 2014

Bollettino epidemiologico WND 15 gennaio 2015 n.16. West Nile Disease in Italia nel 2014 Bollettino epidemiologico WND 5 gennaio 205 n.6 West Nile Disease in Italia nel 204 Sommario Introduzione 2 Situazione epidemiologica 3 Sorveglianza equidi 4 Sorveglianza uccelli di specie bersaglio 5

Dettagli

COMUNE DI VILLA D ADDA Provincia di Bergamo

COMUNE DI VILLA D ADDA Provincia di Bergamo Prot. n. 3244 Ordinanza n. 10/12 PROVVEDIMENTI PER LA PREVENZIONE ED IL CONTROLLO DELLE MALATTIE TRASMESSE DA INSETTI VETTORI ED IN PARTICOLARE DALLA ZANZARA TIGRE (AEDES ALBOPICTUS) IL SINDACO Vista la

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna *****

COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** SETTORE LAVORI PUBBLICI SERVIZIO AMBIENTE ORDINANZA SINDACALE n. 10 / 2015 OGGETTO: PROVVEDIMENTI PER LA PREVENZIONE ED IL CONTROLLO DELLE MALATTIE TRASMESSE

Dettagli

PROGETTO DI LOTTA ALLE ZANZARE AREA METROPOLITANA TORINESE - ANNO 2012 - COMUNE DI NONE

PROGETTO DI LOTTA ALLE ZANZARE AREA METROPOLITANA TORINESE - ANNO 2012 - COMUNE DI NONE PROGETTO DI LOTTA ALLE ZANZARE AREA METROPOLITANA TORINESE - ANNO 2012 - COMUNE DI NONE STATO AVANZAMENTO LAVORI FINE 2012 Il Tecnico di Campo Lencia Renzo Il Referente Tecnico Scientifico Andrea Mosca

Dettagli

Consiglio Regionale del Veneto - UPA - 20/10/2014-0019149 REGIONEDEL VENETO. ita regionale

Consiglio Regionale del Veneto - UPA - 20/10/2014-0019149 REGIONEDEL VENETO. ita regionale Consiglio Regionale del Veneto - UPA - 20/10/2014-0019149!3 Consiglio Regionale del Veneto I del 20/10/2014 Prot.: 0019149 Titolario 2.16.2 CRV _^ CRV spc-upa REGIONEDEL VENETO ita regionale Data 17 OTT

Dettagli

Presentazione dell opuscolo Viaggiare in Salute per i Viaggiatori Internazionali. Chiara Liera. S. Bonifacio, 11 novembre 2006

Presentazione dell opuscolo Viaggiare in Salute per i Viaggiatori Internazionali. Chiara Liera. S. Bonifacio, 11 novembre 2006 Presentazione dell opuscolo Viaggiare in Salute per i Viaggiatori Internazionali Chiara Liera Centro di Riferimento Regionale per i Viaggiatori Internazionali S. Bonifacio, 11 novembre 2006 Caratteristiche

Dettagli

La zanzara in palcoscenico

La zanzara in palcoscenico La zanzara in palcoscenico C. Venturelli, S. Mascali Zeo, J. da Costa Silva Figura 1 - Homepage del sito www.zanzaratigreonline.it La lotta agli insetti in grado di causare problemi all uomo prevede principalmente

Dettagli

COMUNE DI BARLASSINA (PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA) ORDINANZA N. 1/2014

COMUNE DI BARLASSINA (PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA) ORDINANZA N. 1/2014 IL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO data 19 marzo 2014 N. 2684 di protocollo ORDINANZA N. 1/2014 PROVVEDIMENTI PER LA PREVENZIONE ED IL CONTROLLO DELLE MALATTIE TRASMESSE DA INSETTI VETTORI ED IN PARTICOLARE

Dettagli

COMUNE DI CENTO PROVINCIA DI FERRARA. Ordinanza del Sindaco n. 128 del 02/07/2015

COMUNE DI CENTO PROVINCIA DI FERRARA. Ordinanza del Sindaco n. 128 del 02/07/2015 COMUNE DI CENTO PROVINCIA DI FERRARA Via Marcello Provenzali, 15-44042 Cento (FE) www.com une.cento.fe.it - comune.cento@cert.comune.cento.fe.it Originale Ordinanza del Sindaco n. 128 del 02/07/2015 Oggetto:

Dettagli

LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE: SENZA di te... E UNA battaglia PERSA!

LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE: SENZA di te... E UNA battaglia PERSA! LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE: SENZA di te... E UNA battaglia PERSA! Quella alla zanzara tigre è una lotta senza quartiere. Ma senza la tua collaborazione, è una battaglia persa in partenza. Con poche e semplici

Dettagli

Progetto CCM Sorveglianza della febbre Chikungunya e altre malattie trasmesse da artropodi

Progetto CCM Sorveglianza della febbre Chikungunya e altre malattie trasmesse da artropodi Progetto CCM Sorveglianza della febbre Chikungunya e altre malattie trasmesse da artropodi PREMESSA Qualunque sistema di sorveglianza sanitaria di patologie trasmissibili raccoglie ed elabora informazioni

Dettagli

AURORA ITALIA ANTI-INSETTI

AURORA ITALIA ANTI-INSETTI Mister MOSQUITO è un innovativo sistema automatizzato contro gli insetti. Permette la gestione programmata della disinfestazione o repellenza adulticida di zanzare tigre e insetti volanti nocivi, quali

Dettagli

ASL - Benevento. Bollettino Epidemiologico n. 90 Servizio Epidemiologia e Prevenzione 0824-308286-9 - FAX 0824-308 302 e-mail: sep@aslbenevento1.

ASL - Benevento. Bollettino Epidemiologico n. 90 Servizio Epidemiologia e Prevenzione 0824-308286-9 - FAX 0824-308 302 e-mail: sep@aslbenevento1. Dipartimento di Prevenzione E & P ASL - Benevento Bollettino Epidemiologico n. 90 Servizio Epidemiologia e Prevenzione 0824-308286-9 - FAX 0824-308 302 e-mail: sep@aslbenevento1.it La Chikungunya ovvero...

Dettagli

Chi è questo insetto? Piccola guida realizzata dai bambini per conoscere la zanzara tigre ed imparare come difenderci

Chi è questo insetto? Piccola guida realizzata dai bambini per conoscere la zanzara tigre ed imparare come difenderci Chi è questo insetto? Piccola guida realizzata dai bambini per conoscere la zanzara tigre ed imparare come difenderci Questo libretto di facile e rapida lettura è stato realizzato con l aiuto dei bambini

Dettagli

ORDINANZA N. 52 IL SINDACO

ORDINANZA N. 52 IL SINDACO COMUNE DI RUSSI PROVINCIA DI RAVENNA c.a.p. 48026 - P.zza Farini n. 1 Tel. 0544/587611 - Fax 0544/582126 P.IVA 00246880397 Prot. n. 4430 ORDINANZA N. 52 Oggetto: Provvedimenti per la prevenzione ed il

Dettagli

SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DELLE MALATTIE DA ARTROPODI VETTORI (il caso della leishmaniosi) Ezio Ferroglio

SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DELLE MALATTIE DA ARTROPODI VETTORI (il caso della leishmaniosi) Ezio Ferroglio Facoltà di Medicina Veterinaria Dipartimento di Produzioni Animali, Epidemiologia ed Ecologia Via L. DA Vinci, 44 10095 Grugliasco (TO) 011/6709002 ezio.ferroglio@unito.it SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DELLE

Dettagli

COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA Provincia di Venezia

COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA Provincia di Venezia PROT. N. 6567 San Stino di Livenza 09/05/2013 ORDINANZA N. 31/2013 OGGETTO: provvedimenti urgenti per la prevenzione ed il controllo delle malattie da insetti vettori ed in particolare dalle zanzare. IL

Dettagli

PIANO 2011 PER LA LOTTA CONTRO LA ZANZARA

PIANO 2011 PER LA LOTTA CONTRO LA ZANZARA Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni DATEC Ufficio federale dell'ambiente UFAM Dipartimento federale dell Interno Ufficio federale della sanità pubblica

Dettagli

COMUNE DI CASALECCHIO DI RENO Provincia di Bologna ****** AREA SERVIZI AL TERRITORIO Servizio Verde e Sostenibilità ambientale - Biodiversità

COMUNE DI CASALECCHIO DI RENO Provincia di Bologna ****** AREA SERVIZI AL TERRITORIO Servizio Verde e Sostenibilità ambientale - Biodiversità COMUNE DI CASALECCHIO DI RENO Provincia di Bologna ****** AREA SERVIZI AL TERRITORIO Servizio Verde e Sostenibilità ambientale - Biodiversità ORDINANZA N. 69 / 2015 OGGETTO: PROVVEDIMENTI PER LA PREVENZIONE

Dettagli

ORDINANZA n. 33/2009 IL SINDACO

ORDINANZA n. 33/2009 IL SINDACO COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA Via Cavalieri di Vittorio Veneto, 2 29010 Monticelli d Ongina (PC) Telefono: 0523-820441 Fax: 0523-827682 Codice Fiscale e Partita IVA: 00182220335 ORDINANZA n. 33/2009 Oggetto:

Dettagli

La malaria e il modello matematico di Ross e McDonald

La malaria e il modello matematico di Ross e McDonald La malaria e il modello matematico di Ross e McDonald La malaria e una malattia causata da un parassita, il plasmodio (un genere di sporozoi), che vive e si riproduce alternativamente nell uomo e in un

Dettagli

Assessorato Sanità Servizi alla Persona Politiche Famigliari Servizio Salute e Politiche Socio Sanitarie. PG. 37572/2015 Ferrara, 16/04/2015

Assessorato Sanità Servizi alla Persona Politiche Famigliari Servizio Salute e Politiche Socio Sanitarie. PG. 37572/2015 Ferrara, 16/04/2015 Assessorato Sanità Servizi alla Persona Politiche Famigliari Servizio Salute e Politiche Socio Sanitarie PG. 37572/2015 Ferrara, 16/04/2015 Oggetto: Provvedimenti per la prevenzione ed il controllo delle

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome Indirizzo Telefono Fax E-mail Luca Baldazzi Data di nascita 20/11/1967 Esperienza professionale Rese a favore di P.A. Il/La sottoscritta,

Dettagli

COMUNE DI BORGO TOSSIGNANO Provincia di Bologna

COMUNE DI BORGO TOSSIGNANO Provincia di Bologna COMUNE DI BORGO TOSSIGNANO Provincia di Bologna Piazza Unità d Italia n.7 cap 40021 Borgo Tossignano Tel.0542/91111 91212 Fax 0542/94066 E-mail: urp@borgotossignano.provincia.bologna.it ORDINANZA N. 33/2015

Dettagli

LE NOSTRE ZANZARE POSSONO ESSERE PERICOLOSE PER LA SALUTE UMANA?

LE NOSTRE ZANZARE POSSONO ESSERE PERICOLOSE PER LA SALUTE UMANA? LE NOSTRE ZANZARE POSSONO ESSERE PERICOLOSE PER LA SALUTE UMANA? QUALI SONO LE NOSTRE ZANZARE? ZANZARA COMUNE CULEX PIPIENS E MOLESTUS Culex pipiens È una zanzara di piccole dimensioni (6-8 mm di lunghezza),

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA Provincia di Reggio Emilia ORDINANZA N. 02 DEL 31/03/2012 IL SINDACO Vista la necessità di intervenire a tutela della salute e dell igiene pubblica per prevenire e controllare malattie infettive trasmissibili all uomo attraverso

Dettagli

Zanzare: come creare una trappola da una bottiglia di plastica

Zanzare: come creare una trappola da una bottiglia di plastica Zanzare: come creare una trappola da una bottiglia di plastica Caldo in arrivo, e non da solo. Compagne inseparabili della stagione estive sono le zanzare. Come evitare che questi 'simpatici' insetti possano

Dettagli

MICRONIZZATORE PER DISERBO CON CAMPANA MICRONIZZATORE ELETTRICO SENZA CAMPANA. Codice

MICRONIZZATORE PER DISERBO CON CAMPANA MICRONIZZATORE ELETTRICO SENZA CAMPANA. Codice MICRONIZZATORE ELETTRICO SENZA CAMPANA Il Micronizzatore elettrico senza campana è una macchina che consente l utilizzo di erbicidi puri, senza diluizione del prodotto in acqua per trattamenti in campo

Dettagli

ORDINANZA N. 77 DEL 30-04-2010 DEL SINDACO

ORDINANZA N. 77 DEL 30-04-2010 DEL SINDACO ORDINANZA N. 77 DEL 30-04-2010 DEL SINDACO Oggetto: PROVVEDIMENTI PER LA PREVENZIONE ED IL CONTROLLO DELLE MALATTIE TRASMESSE DA INSETTI VETTORI ED IN PARTICOLARE DALLA ZANZARA TIGRE Vista la necessità

Dettagli

GUIDA PASSO PASSO PER ELIMINARE LE ZANZARE DALLA CASA E DAL GIARDINO STEP 3 DISINFESTARE IL GIARDINO. Gli e-book di

GUIDA PASSO PASSO PER ELIMINARE LE ZANZARE DALLA CASA E DAL GIARDINO STEP 3 DISINFESTARE IL GIARDINO. Gli e-book di GUIDA PASSO PASSO PER ELIMINARE LE ZANZARE DALLA CASA E DAL GIARDINO STEP 3 DISINFESTARE IL GIARDINO Gli e-book di SOMMARIO ACQUA, OMBRA, CESPUGLI: COSA PUÓ CHIEDERE DI MEGLIO UNA ZANZARA? DI CHE TAGLIA

Dettagli

COMUNE DI BOBBIO Provincia di Piacenza

COMUNE DI BOBBIO Provincia di Piacenza COMUNE DI BOBBIO Provincia di Piacenza Ordinanza n. 0330 Bobbio lì, 20.09.2007 IL SINDACO VISTA la necessità di intervenire a tutela della salute e dell igiene pubblica per prevenire e controllare malattie

Dettagli

REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica

REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica La febbre catarrale degli ovini o bluetongue è una malattia virale delle pecore, che si diffonde attraverso la puntura di insetti. Minuscole

Dettagli

COMUNE DI NOVI DI MODENA PROVINCIA DI MODENA

COMUNE DI NOVI DI MODENA PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI NOVI DI MODENA PROVINCIA DI MODENA C.A.P. 41016 Piazza 1 Maggio, 26 Tel. 059/6789111 Fax 059/6789290 Novi di Modena, lì 13/04/2011 Ord. N. 4 Oggetto: provvedimenti per la prevenzione ed il controllo

Dettagli

ORDINANZA COMUNALE N. 111 DEL 04/06/2015 IL SINDACO

ORDINANZA COMUNALE N. 111 DEL 04/06/2015 IL SINDACO COMUNE DI ARCORE Provincia di Monza e Brianza SERVIZIO SVILUPPO TERRITORIO UFFICIO AMBIENTE ORDINANZA COMUNALE N. 111 DEL 04/06/2015 OGGETTO: PROVVEDIMENTI PER LA PREVENZIONE ED IL CONTROLLO DELLE MALATTIE

Dettagli

COMUNE DI RIO SALICETO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

COMUNE DI RIO SALICETO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA ORDINANZA n 36 DEL 31/03/2015 IL SINDACO Vista la necessità di intervenire a tutela della salute e dell igiene pubblica per prevenire e controllare malattie infettive trasmissibili all uomo attraverso

Dettagli

INTERAZIONI TRA POPOLAZIONI COMPETIZIONE COMPETIZIONE INTERSPECIFICA COMPETIZIONE INTERSPECIFICA 2

INTERAZIONI TRA POPOLAZIONI COMPETIZIONE COMPETIZIONE INTERSPECIFICA COMPETIZIONE INTERSPECIFICA 2 Tipo di interazione Specie 1 Specie 2 Natura dell interazione Commensalismo + 0 Popolazione 1, commensale, avvantaggiata, popolazione 2 non influenzata Protocooperazione + + Interazione favorevole ad entrambe

Dettagli

COMUNE DI TEZZE SUL BRENTA

COMUNE DI TEZZE SUL BRENTA Oggetto: provvedimenti per la prevenzione delle malattie trasmesse da insetti vettori ed in particolare dalla zanzara tigre (Aedes albopictus). ORDINANZA SINDACALE N 34 di registro IL SINDACO Vista la

Dettagli

Settore Governo del Territorio e Ambiente Servizio Ambiente ed Ecologia

Settore Governo del Territorio e Ambiente Servizio Ambiente ed Ecologia Settore Governo del Territorio e Ambiente Servizio Ambiente ed Ecologia Prot. n. 21271 Desio, lì 11/06/2010 Ord. n. 155 Oggetto: provvedimenti per la prevenzione ed il controllo delle malattie trasmesse

Dettagli

Provincia di Lecco. 23848 Oggiono Piazza Garibaldi, 14 ORDINANZA DEL SINDACO N. 129 DEL 17-06-2013

Provincia di Lecco. 23848 Oggiono Piazza Garibaldi, 14 ORDINANZA DEL SINDACO N. 129 DEL 17-06-2013 Comune di Oggiono Provincia di Lecco 23848 Oggiono Piazza Garibaldi, 14 ORDINANZA DEL SINDACO N. 129 DEL 17-06-2013 OGGETTO: ORDINANZA CONTINGIBILE E URGENTE PER IL CONTENIMENTO DELLE ZANZARE E, IN PARTICOLARE,

Dettagli

I PRODOTTI ADULTICIDI E LARVICIDI - CAMPAGNA 2011

I PRODOTTI ADULTICIDI E LARVICIDI - CAMPAGNA 2011 I PRODOTTI ADULTICIDI E LARVICIDI - CAMPAGNA 2011 PREMESSA La linea intrapresa, per la disinfestazione contro le zanzare, dal Comune di Milano, predilige la lotta larvicida, rispetto a quella adulticida,

Dettagli

Prot. n. 4096 Castelnuovo Rangone, 09.04.2013 Ord. n. 29

Prot. n. 4096 Castelnuovo Rangone, 09.04.2013 Ord. n. 29 Comune di Castelnuovo Rangone Provincia di Modena AREA TERRITORIO Servizio Ambiente Prot. n. 4096 Castelnuovo Rangone, 09.04.2013 Ord. n. 29 Oggetto: Provvedimenti per la prevenzione ed il controllo delle

Dettagli

UFFICIO SEGRETERIA ORDINANZA N. 19

UFFICIO SEGRETERIA ORDINANZA N. 19 COMUNE DI CASINA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA P.zza IV Novembre, 3-42034 CASINA (Reggio Emilia) Tel. 0522/604716 - Telefax 0522/609464 - P.IVA 00447820358 e-mail: comune.casina@m.box.reggionet.it UFFICIO

Dettagli

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti.

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Vaccinazioni Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Difterite Tetano Polio Encefalite da zecche Febbre gialla Febbre tifoide Epatite

Dettagli

LA FILARIOSI DEL CANE E DEL GATTO. Una malattia in costante aumento

LA FILARIOSI DEL CANE E DEL GATTO. Una malattia in costante aumento LA FILARIOSI DEL CANE E DEL GATTO Una malattia in costante aumento La filariosi cardiopolmonare del cane e del gatto è una grave malattia parassitaria trasmessa dalle zanzare, ampiamente conosciuta e diffusa

Dettagli

COMUNE DI COPPARO Provincia di Ferrara ****** SETTORE TECNICO OPERE PUBBLICHE E DEMANIO ORDINANZA SINDACALE N. 6 / 2015

COMUNE DI COPPARO Provincia di Ferrara ****** SETTORE TECNICO OPERE PUBBLICHE E DEMANIO ORDINANZA SINDACALE N. 6 / 2015 COMUNE DI COPPARO Provincia di Ferrara ****** SETTORE TECNICO OPERE PUBBLICHE E DEMANIO ORDINANZA SINDACALE N. 6 / 2015 OGGETTO: PROVVEDIMENTI PER LA PREVENZIONE ED IL CONTROLLO DELLE MALATTIE TRASMESSE

Dettagli

Gestione dei casi di pediculosi del capo CIRCOLARE PERMANENTE

Gestione dei casi di pediculosi del capo CIRCOLARE PERMANENTE Gestione dei casi di pediculosi del capo CIRCOLARE PERMANENTE Premessa La pediculosi è un infestazione del cuoio capelluto, causata da piccoli parassiti (lunghi 1-4 mm) che depongono uova chiamate lendini.

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

L' alano di Marina Salmoiraghi ed. De Vecchi. L'alano Storia, morfologia, allevamento, presentazione sul ring di Renai Della Rena Piero.

L' alano di Marina Salmoiraghi ed. De Vecchi. L'alano Storia, morfologia, allevamento, presentazione sul ring di Renai Della Rena Piero. ! $ " # % &' *, - L' alano di Marina Salmoiraghi ed. De Vecchi L'alano Storia, morfologia, allevamento, presentazione sul ring di Renai Della Rena Piero. Alano Amelia Murante Castel Negrino Gruppo Editoriale

Dettagli

CANI E GATTI: ARRIVA LA PRIMAVERA, ATTENZIONE AI PARASSITI CUTANEI. 1. Il problema degli ectoparassiti di cani e gatti

CANI E GATTI: ARRIVA LA PRIMAVERA, ATTENZIONE AI PARASSITI CUTANEI. 1. Il problema degli ectoparassiti di cani e gatti CANI E GATTI: ARRIVA LA PRIMAVERA, ATTENZIONE AI PARASSITI CUTANEI 1. Il problema degli ectoparassiti di cani e gatti L arrivo della bella stagione invoglia spesso chi ha scelto un cane per amico a trascorrere

Dettagli

Prot.7489 Scandiano, 02.04.2015

Prot.7489 Scandiano, 02.04.2015 III SETTORE USO ED ASSETTO DEL TERRITORIO Prot.7489 Scandiano, 02.04.2015 ORDINANZA N. 55 OGGETTO: PROVVEDIMENTI PER LA PREVENZIONE ED IL CONTROLLO DELLE MALATTIE TRASMESSE DA INSETTI VETTORI ED IN PARTICOLARE

Dettagli

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO Provincia di Piacenza COMUNE DI ZIANO PIACENTINO Provincia di Piacenza ORDINANZA N.06/2015 Oggetto: provvedimenti per la prevenzione ed il controllo delle malattie trasmesse da insetti vettori ed in particolare dalla zanzara

Dettagli

Sorveglianza West Nile Disease

Sorveglianza West Nile Disease Report 2013 Sorveglianza West Nile Disease Il presente report ha l obiettivo di fornire un aggiornamento dei risultati della sorveglianza integrata su WND nell anno 2013. La sorveglianza è condotta in

Dettagli

CHE COSA è SI TRASMETTE

CHE COSA è SI TRASMETTE L a l e i s h m a n i o s i CHE COSA è COME SI TRASMETTE COME ci SI protegge L a l e i s h m a n i o s i In tutti i Paesi dell Europa meridionale, Italia compresa, i flebotomi, conosciuti come pappataci,

Dettagli

COMUNE DI POGGIO RENATICO Provincia di Ferrara 3^ Area Gestione del Territorio Servizio Ambiente ORDINANZA N. 8/2010 IL SINDACO

COMUNE DI POGGIO RENATICO Provincia di Ferrara 3^ Area Gestione del Territorio Servizio Ambiente ORDINANZA N. 8/2010 IL SINDACO COMUNE DI POGGIO RENATICO Provincia di Ferrara 3^ Area Gestione del Territorio Servizio Ambiente Prot. n. 4069 ORDINANZA N. 8/2010 OGGETTO: provvedimenti per la prevenzione ed il controllo delle malattie

Dettagli

ORDINANZA N. 9 Del 29/04/2015

ORDINANZA N. 9 Del 29/04/2015 COMUNE DI MASSA LOMBARDA Area Affari Generali - Ufficio Segreteria Piazza Matteotti 16 Tel. 0545-985811 - Fax. 0545-82759 e-mail: segreteria@comune.massalombarda.ra.it Cod. Fisc. e P. IVA 00202100392 ID:

Dettagli

COMUNE DI VEZZANO SUL CROSTOLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

COMUNE DI VEZZANO SUL CROSTOLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA COMUNE DI VEZZANO SUL CROSTOLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA ORDINANZA N. 14 DEL 27/04/2011 PROT. N. 1891/2011 PROVVEDIMENTI PER IL CONTROLLO E LA PREVENZIONE DELLE MALATTIE TRASMESSE DA INSETTI VETTORI ED

Dettagli

Comune di Spoleto www.comune.spoleto.pg.it

Comune di Spoleto www.comune.spoleto.pg.it 1/6 Unità proponente: SLOS - Direzione Sviluppo Locale Sostenibile Oggetto: Provvedimenti urgenti per contrastare la diffusione di Aedes albopictus (zanzara tigre)_anno 2014 Responsabile del procedimento:

Dettagli

10 settembre 2012, n. 8

10 settembre 2012, n. 8 10 settembre 2012, n. 8 Introduzione Sorveglianza nelle specie avicole Situazione epidemiologica Sorveglianza entomologica Sorveglianza negli equidi Sorveglianza sulla mortalità negli uccelli selvatici

Dettagli

Aspetti Sanitari per la cura del cane e del gatto. 30 Gennaio 2010 IGIENE COME MEZZO DI CONTROLLO DELLE PARASSITOSI

Aspetti Sanitari per la cura del cane e del gatto. 30 Gennaio 2010 IGIENE COME MEZZO DI CONTROLLO DELLE PARASSITOSI Aspetti Sanitari per la cura del cane e del gatto 30 Gennaio 2010 IGIENE COME MEZZO DI CONTROLLO DELLE PARASSITOSI Roberta Galuppi DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA E PATOLOGIA ANIMALE UNIVERSITA

Dettagli

REPORT WEST NILE DISEASE (WND) Anno 2014. Aprile 2014

REPORT WEST NILE DISEASE (WND) Anno 2014. Aprile 2014 REPORT WEST NILE DISEASE (WND) Anno 2014 Aprile 2014 1 Sorveglianza West Nile Disease Anno 2014 Il presente report ha l obiettivo di fornire un aggiornamento dei risultati della sorveglianza integrata

Dettagli

LINEE GUIDA 2009 PER GLI INTERVENTI DI DISINFESTAZIONE CONTRO LA ZANZARA TIGRE (AEDES ALBOPICTUS) IN FRIULI VENEZIA GIULIA

LINEE GUIDA 2009 PER GLI INTERVENTI DI DISINFESTAZIONE CONTRO LA ZANZARA TIGRE (AEDES ALBOPICTUS) IN FRIULI VENEZIA GIULIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA E PROTEZIONE DELLE PIANTE Via delle Scienze, 208 33100 UDINE - ITALY sito web: http://web.uniud.it/zanzaratigre/ LINEE GUIDA 2009 PER GLI INTERVENTI

Dettagli

a p p u n t i d i s c i e n z a 5. WEST NILE DISEASE... una malattia esotica?

a p p u n t i d i s c i e n z a 5. WEST NILE DISEASE... una malattia esotica? a p p u n t i d i s c i e n z a 5. WEST NILE DISEASE... una malattia esotica? L IZSVe è un ente sanitario di diritto pubblico che svolge attività di prevenzione, di controllo e di ricerca nell ambito del

Dettagli

Lotta alla zanzara tigre a Ferrara. Massimo Tassinari m.o. sorveglianza epidemiologica veterinaria Area di Sanità Pubblica Veterinaria

Lotta alla zanzara tigre a Ferrara. Massimo Tassinari m.o. sorveglianza epidemiologica veterinaria Area di Sanità Pubblica Veterinaria Lotta alla zanzara tigre a Ferrara Massimo Tassinari m.o. sorveglianza epidemiologica veterinaria Area di Sanità Pubblica Veterinaria DPGRER n. 280 del 3 marzo 2008 2.4 Classificazione del territorio

Dettagli

PROVVEDIMENTI PER LA PREVENZIONE ED IL CONTROLLO DELLA ZANZARA TIGRE (AEDES ALBOPICTUS) PER IL PERIODO 1 GIUGNO - 31 OTTOBRE 2015

PROVVEDIMENTI PER LA PREVENZIONE ED IL CONTROLLO DELLA ZANZARA TIGRE (AEDES ALBOPICTUS) PER IL PERIODO 1 GIUGNO - 31 OTTOBRE 2015 Ufficio Ambiente ORDINANZA SINDACALE N. 30 DEL 22/05/2015 Prot. N. 12138/66 Pubblicata dal 25/5/2015 al 31/10/2015 OGGETTO: PROVVEDIMENTI PER LA PREVENZIONE ED IL CONTROLLO DELLA ZANZARA TIGRE (AEDES ALBOPICTUS)

Dettagli

ORDINANZA N. 2 DEL 31 marzo 2009 Albo Pretorio n. 455

ORDINANZA N. 2 DEL 31 marzo 2009 Albo Pretorio n. 455 COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza Tel 0523 780311 Fax 0523 781929 e-mail: comune.rottofreno@sintranet.it home page: www.comune.rottofreno.pc.it ORDINANZA N. 2 DEL 31 marzo 2009 Albo Pretorio n.

Dettagli

SERVIZIO SEGRETERIA - ORDINANZE UFFICIO TECNICO COMUNALE SERVIZIO URBANISTICA AMBIENTE ORDINANZA N. 02185 - DEL 23/03/2012 PROT.

SERVIZIO SEGRETERIA - ORDINANZE UFFICIO TECNICO COMUNALE SERVIZIO URBANISTICA AMBIENTE ORDINANZA N. 02185 - DEL 23/03/2012 PROT. COMUNE DI RIVERGARO PROVINCIA DI PIACENZA SERVIZIO SEGRETERIA - ORDINANZE UFFICIO TECNICO COMUNALE SERVIZIO URBANISTICA AMBIENTE ORDINANZA N. 02185 - DEL 23/03/2012 PROT. 1963 OGGETTO: PROVVEDIMENTI PER

Dettagli

Gli infestanti animali Un nuovo problema: Le cimici da letto

Gli infestanti animali Un nuovo problema: Le cimici da letto Gli infestanti animali Un nuovo problema: Le cimici da letto Intervento a cura di: Luigi Sansevero Milano, 22 Aprile 2015 Molti sono gli infestanti che invadono gli ambienti di vita e che comunemente conosciamo.

Dettagli

CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE PER ATTIVITA PARTIGIANA

CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE PER ATTIVITA PARTIGIANA MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE PER ATTIVITA PARTIGIANA SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE Ordinanza n. 252 Oggetto: provvedimenti per la prevenzione ed il controllo delle malattie trasmesse da insetti

Dettagli

DIREZIONE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE DIREZIONE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE

DIREZIONE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE DIREZIONE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE Comune di Siena DIREZIONE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE DIREZIONE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE ATTO DIRIGENZIALE 30/03/2009 SL N /791 OGGETTO: Provvedimenti per la prevenzione ed il controllo dell'aedes albopictus

Dettagli