Mettiamo fine a vandalismi e comportamenti incivili Qualche settimana fa ho annunciato l intenzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mettiamo fine a vandalismi e comportamenti incivili Qualche settimana fa ho annunciato l intenzione"

Transcript

1 n 19 progetto grafico: Qui Edizioni - stampa: Trevisostampa - Villorba Mettiamo fine a vandalismi e comportamenti incivili Qualche settimana fa ho annunciato l intenzione di intervenire con decisione per mettere fine ai ripetuti episodi di vandalismo ed a comportamenti irrispettosi della normale convivenza da parte di alcune persone, per la verità una minoranza, presenti sul territorio comunale. È una scelta dettata dalla volontà ed anche dalla necessità di imporre il rispetto dell ambiente, dei luoghi pubblici, del patrimonio collettivo e delle regole di convivenza civile. A Marcon da qualche tempo si ripetono episodi intollerabili: atti vandalici nell area circostante il Centro Culturale De Andrè e in altre piazze, schiamazzi notturni, rifiuti abbandonati su tutto il territorio, proprietari di cani che lasciano i loro animali liberi di lordare strade, piazze e parchi pubblici. L azione di prevenzione ed educazione portata avanti per molti anni non ha avuto gli effetti che tutti auspicavamo, dunque è arrivato il momento di passare alla repressione. >> Continua a pag. 6

2 mariosommariosommariosommario pag. 1 Mettiamo fine a vandalismi e comportamenti incivili pag. 3 Notizie da Marcon.. pag. 4 Gli amministratori comunali. pag. 7 Non c è allarme per l ordine e la sicurezza. pag. 8 Rifiuti e stupefacenti nella rete della Polizia Locale pag. 10 Rifiuti: cassonetti addio. pag. 12 Un servizio di qualità per innalzare la raccolta differenziata. pag. 14 Il conto consuntivo pag. 17 L attuazione delle opere pubbliche pag. 18 La pista ciclopedonale da via Guardi a viale San Marco. pag. 19 Lavori pubblici a San Liberale. pag. 21 Il risarcimento dei danni dell alluvione. pag. 22 Formazione e informazione contro gli infortuni sul lavoro. pag. 23 La 6^ Giornata della Sicurezza. pag. 24 Un estate di spettacoli ed eventi. pag. 26 Chiamalacittà: Marcon vista e progettata dagli alunni delle scuole. pag. 28 Cresce l attività nel settore urbanistico. pag. 29 Energia solidale: installare i pannelli fotovoltaici senza anticipare la spesa. pag. 30 Protezione Civile oltre i confini. pag. 31 Primi allievi all apiario didattico di Cave Cavalli. pag. 32 A San Liberale gli allocchi contrasteranno la proliferazione dei colombi. pag. 33 Lotta obbligatoria alla processionaria del pino. pag. 35 Nelle mense scolastiche l acqua del sindaco. pag. 36 I giovani protagonisti di eventi autogestiti. pag. 37 Potenziata l assistenza domiciliare e alle persone diversamente abili. pag. 38 Pari Opportunità nella famiglia e nel lavoro. pag. 39 La Comunità straniera di Marcon. pag. 40 Come ottenere l iscrizione all anagrafe italiana. pag. 42 Una stagione di successi nello sport. pag. 43 ICI 2008: Imposta Comunale sugli Immobili. Notizie da Marcon Avviate le disinfestazioni contro le zanzare A pagina 7 del Qui Marcon 18 è stato pubblicato il grafico degli importi dei trasferimenti procapite dallo Stato al Comune di Marcon. A causa di un refuso Sul territorio comunale di Marcon sono iniziati gli interventi previsti nell anno 2008 per la disinfestazione e il contenimento delle specie moleste ed in particolare delle zanzare. Nei giorni scorsi sono stati eseguiti 4 trattamenti antilarvali lungo le strade, mentre nel corso del mese di giugno saranno effettuati 5 trattamenti adulticidi nelle aree scolastiche, strade e parchi. Si tratta di trattamenti urgenti, per una spesa di circa 4 mila 400 euro, che il Comune ha ritenuto opportuno eseguire in attesa di completare le procedure amministrative relative alla gara d appalto per affidamento del servizio per il triennio 2008/2010. Dal mese di luglio gli interventi di disinfestazione proseguiranno sulla base del nuovo contratto di servizio. L Amministrazione comunale ricorda che la lotta alle zanzare può essere efficace soltante se i tutti i cittadini eseguono con regolarità interventi di disinfestazione delle proprietà private e adottano gli accorgimenti necessari ad evitare la proliferazione degli insetti. Errata corrige Mille volte inferiori i trasferimenti dello Stato sono stati indicati importi mille volte superiori rispetto a quelli reali, quello sottostante è il grafico con gli importi corretti dei trasferimenti. Graf. 2 - Importo dei trasferimenti pro-capite dallo Stato al Comune di Marcon (in euro) 3 Qui Edizioni - giugno 2008, periodicità: quadrimestrale proprietario/editore: S.E. Servizi Editoriali srl Indirizzo: Via Roma, Tricesimo (UD) Tel Fax Direttore responsabile: Silvano Bertossi - tiratura: copie Coordinamento redazionale: Ufficio stampa Comune di Marcon finito di stampare: giugno Registr. Trib. di Udine n. 9/2001 del Nessuna parte della pubblicazione è riproducibile senza il consenso dell editore Responsabile pubblicità: Bruno Andriolli cell

3 4 Gli amministratori comunali di Marcon Come contattare il Sindaco e gli assessori Guido Scroccaro Assessore Diritti e solidarietà sociale Politiche abitative. Riceve presso il centro civico, il venerdì pomeriggio previo appuntamento, da concordare telefonando al numero e.mail: Mauro Scroccaro Assessore Ambiente Protezione civile Progetti di cooperazione nazionale e internazionale con altri Enti ed Istituzioni. Riceve presso l ufficio tecnico di via Vittorio Veneto, il martedì dalle 9.00 alle ed altri giorni, previo appuntamento, da concordare telefonando al numero e.mail: Francesco Tarricone Assessore Servizi pubblici (Nettezza Urbana Trasporti) Polizia locale Coordinamento associazioni. Riceve presso la sede municipale, il lunedì, mercoledì e venerdì dalle alle 19.00, previo appuntamento, da concordare telefonando al numero e.mail: Pier Antonio Tomasi Sindaco Affari istituzionali, personale Riceve presso la sede municipale, previo appuntamento da concordare telefonando al numero Indirizzo e.mail: Alessandro Scattolin ViceSindaco Urbanistica (PAT. e P.I.) - Edilizia Privata e convenzionata S.I.T. (Sistema Informativo Territoriale) Commercio Attività Produttive (Artigianato, Industria, Agricoltura) Pubblici Esercizi Sportello Unico Catasto. Riceve presso la sede municipale e/o l ufficio tecnico, previo appuntamento da concordare telefonando al numero o e.mail: Fernanda De Lazzari Assessora Bilancio Tributi Informatica U.R.P. (Relazioni con il Pubblico) Pari Opportunità. Riceve presso il centro civico, previo appuntamento, da concordare telefonando al numero e.mail: Angelo Porcelluzzi Assessore Lavori Pubblici Patrimonio Manutenzione Verde Pubblico ed arredo urbano Viabilità. Riceve presso l'ufficio lavori pubblici di via Vittorio Veneto, il giovedì dalle alle 17.30, previo appuntamento, da concordare telefonando al numero e.mail: Gianpietro Puleo Assessore Pubblica Istruzione Servizi Scolastici Politiche Culturali Biblioteca Sport Riceve presso il centro civico di via della Cultura, il lunedì dalle 9.00 alle 12.00, previo appuntamento, da concordare telefonando al numero o e.mail:

4 6 >> segue dalla copertina Dalle forze dell ordine notizie rassicuranti sui fenomeni criminosi Per porre un limite ad una situazione difficile da tollerare ho disposto l intensificazione dell attività di tutela del patrimonio pubblico svolta dalla Polizia Locale, che ha già effettuato e continuerà ad effettuare servizi mirati all individuazione dei responsabili di alcuni comportamenti. Queste persone, quando individuate, saranno successivamente sanzionate in via amministrativa e perseguite a termini di legge nei casi più gravi. Stiamo anche valutando l opportunità di installare una rete di telecamere per attivare la videosorveglianza di alcune aree del territorio nelle quali con maggiore frequenza si verificano atti di vandalismo. Allo scopo di incrementare l azione di controllo del territorio è stato avviato anche il concorso per l assunzione di due nuovi agenti di Polizia Locale, che entreranno in servizio prima della fine dell estate. Lo stesso ragionamento vale per il codice della strada. Tutti noi vediamo gli automobilisti che sfrecciano lungo le strade residenziali, nonostante i limiti di velocità, le rotatorie, i dissuasori e quant altro. Anche su questo fronte bisogna passare alla repressione. Ma, sia ben chiaro, non lo facciamo per incassare soldi, bensì perché la multa e il taglio di punti dalla patente è l unico linguaggio compreso dalla grande maggioranza degli automobilisti. Sono in fase di ultimazione anche i lavori di costruzione della stazione dei carabinieri di Marcon, la cui apertura consentirà l ulteriore rafforzamento della presenza sul territorio marconese dei militari dell Arma, che già oggi svolgono una continua ed importante azione di presidio del territorio, ma dopo l attivazione della nuova caserma garantiranno una maggiore e costante presenza per la prevenzione e repressione dei reati. I controlli sul territorio sono stati intensificati da appena qualche settimana, ma devo riconoscere che è già stato registrato qualche piccolo segnale positivo. La Polizia Locale non ha contestato nessuna violazione all obbligo di raccogliere gli escrementi dei cani o altre violazioni alle norme sull igiene pubblica. Un ultima riflessione è però doverosa. Purtroppo devo constatare molto spesso, anzi quasi sempre, che il degrado delle zone urbane è provocato anche dalle stesse persone che le frequentano. Invece tutti dovrebbero impegnarsi per rispettare, preservare, tutelare il patrimonio pubblico e l arredo urbano, sia comportandosi correttamente, sia manifestando la propria disapprovazione verso chi si comporta in maniera incivile, che andrebbe anche segnalato alle forze dell ordine. Qualsiasi azione repressiva, sistema di videosorveglianza, pattugliamento del territorio, non sarà mai sufficiente a tutelare i beni pubblici se non ci sarà questa consapevolezza e partecipazione dei cittadini in prima persona alla difesa di ciò che appartiene all intera comunità. A questo proposito voglio ricordare l esempio delle due operazioni, una riguardante l abbandono dei rifiuti, l altra l uso delle sostanze stupefacenti effettuate nel mese di maggio dagli operatori del nostro Corpo di Polizia Locale e delle quali parliamo in questo giornale. In entrambi i casi l intervento degli agenti è scattato grazie alle tempestive segnalazioni di due cittadini. Pier Antonio Tomasi Sindaco di Marcon Non c è allarme per l ordine e la sicurezza I cittadini invitati a collaborare segnalando gli episodi criminosi o che possono creare situazioni di disagio o allarme sociale Dalle informazioni in possesso delle forze dell ordine a Marcon non c è un particolare allarme per l ordine e la sicurezza. Per le funzioni di pubblica sicurezza Marcon rientra nelle competenze della stazione dei Carabinieri di Favaro Veneto, che assicura il controllo e pattugliamento del territorio 24 ore su 24, con il supporto del nucleo radiomobile e degli altri reparti della compagnia di Mestre e del comando provinciale. Non bisogna però dimenticare la presenza, seppure meno frequente, della Polizia di Stato e della Guardia di Finanza. Un insieme di forze che garantiscono la tutela dei cittadini e sono in grado di fornire un quadro generale della situazione. Dall inizio del 2008 alla fine di maggio, a Marcon, sono stati denunciati 12 tra furti e tentativi di furto in abitazioni, un dato giudicato assolutamente fisiologico in rapporto alla densità abitativa, al quale si aggiungono pochissimi casi di furto nei negozi. È confortante anche il dato di una sola rapina in banca nell arco di 3 anni. La presenza molto frequente dei carabinieri e l installazione di un sistema di videosorveglianza, ha azzerato anche i furti nelle auto parcheggiate al Valecenter, piuttosto frequenti fino a qualche tempo fa. Nell ultimo periodo non sono stati denunciati nemmeno furti nei cantieri edili. Può sembrare solo un dato statistico, in realtà va interpretato come la prova che anche i ladri sono consapevoli che quello di Marcon è un territorio attentamente controllato. Dalle analisi delle forze dell ordine emerge che Marcon, nonostante la presenza di centri commerciali e luoghi di ritrovo, non è un area in cui vi sia un fenomeno conclamato di spaccio di sostanze stupefacenti ed è inesistente anche la prostituzione lungo le strade. Nell illustrare la situazione, le forze dell ordine precisano di non aver ricevuto denunce o segnalazioni per atti vandalici e schiamazzi, né di aver sorpreso, durante i frequenti pattugliamenti, persone intente a creare disturbo alla quiete pubblica o danneggiare proprietà pubbliche o private. Nessun problema o allarme sociale, infine, dalla comunità straniera residente a Marcon, costituita in grande maggioranza da famiglie perfettamente integrate nella realtà marconese o adulti singoli residenti in Italia legalmente e con un lavoro regolare. Gli operatori delle forze dell ordine sottolineano un aspetto che è anche un appello: il loro lavoro può essere ancora più efficace se i cittadini collaborano nel segnalare gli episodi criminosi o che possono comunque creare situazioni di disagio o allarme sociale. Troppo spesso, infatti, i delinquenti sono favoriti dall indifferenza dei cittadini. Se allertate tempestivamente le forze dell ordine possono riuscire a sorprendere i malfattori mentre stanno compiendo il reato oppure intercettarli durante la fuga, ma se nessuno lancia l allarme ed il fatto viene denunciato solo molte ore dopo, individuare i responsabili diventa molto più difficile. Va anche detto che spesso chi compie un reato è favorito proprio dall indifferenza, invece anche il solo fare un po di rumore o accendere una luce può essere sufficiente a far capire ai malintenzionati che qualcuno si è accorto o potrebbe accorgersi di loro e metterli in fuga. 7

5 8 Nel mese di maggio scongiurato uno scarico abusivo di rifiuti pericolosi e sequestrate 20 piantine di marijuana Rifiuti e stupefacenti nella rete della Polizia Locale Tarricone: «È la dimostrazione che il lavoro dei nostri agenti non è finalizzato solo alle contravvenzioni per divieto di sosta o eccesso di velocità» >> Il furgone usato per il trasporto e il tentativo di scarico dei rifiuti pericolosi «Le recenti operazioni in materia di rifiuti e sostanze stupefacenti dimostrano, ancora una volta, l elevata professionalità delle donne e degli uomini della Polizia Locale di Marcon e la loro capacità di rispondere con prontezza ed efficacia alle richieste d intervento dei cittadini, anche quando si tratta di operare su materie piuttosto inusuali per la Polizia Locale. È anche la riprova di un costante controllo del territorio, allo scopo di assicurare la tutela e sicurezza dei cittadini e dell ambiente più in generale.». Lo sottolinea l assessore alla Polizia Locale di Marcon, Francesco Tarricone, commentando i due interventi eseguiti nel mese di maggio dagli operatori del Corpo di Polizia Locale, che nel primo caso hanno scongiurato l ennesimo abbandono sul territorio di rifiuti tossici e pericolosi e nel secondo hanno stroncato sul nascere il tentativo di coltivare su un terreno agricolo alcune piante di marijuana. Il primo intervento è stato svolto venerdì 2 maggio e si è concluso con la denuncia di una persona, F.S. di Quarto d Altino, per trasporto di rifiuti pericolosi senza il prescritto formulario di identificazione, il sequestro penale degli stessi rifiuti e la confisca del furgone usato per il trasporto. L operazione è iniziata quando un automobilista ha segnalato ad una pattuglia impegnata nel controllo del territorio che all ingresso dell Ecocentro del Praello c era un furgone il cui conducente si apprestava a scaricare dei rifiuti. Arrivati sul posto gli agenti hanno appreso che a seguito della reazione di alcuni addetti all impianto di smaltimento il furgone si era allontanato. Poco dopo l automezzo è uscito dall area delle cave del Praello e, ignorando l alt intimato dagli agenti, si è diretto velocemente verso il territorio del Comune di Venezia, ma è stato bloccato dopo un breve inseguimento. Nel corso dei successivi controlli gli agenti hanno accertato che all interno del vano posteriore del furgone c erano numerose lastre di cemento-amianto (il cosiddetto Eternit), un ingente quantità di calcinacci e tubazioni provenienti dalla demolizione di impianti. Il tutto trasportato in assenza della documentazione identificativa prevista dalle norme sui rifiuti e la tutela dell ambiente. La Polizia Locale ha chiesto anche l intervenuto dei tecnici dell ARPAV (Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto) che hanno prelevato alcuni campioni dei materiali contenuti nel furgone, per stabilirne l esatta composizione e confermarne la natura tossico-nociva. Nel dubbio che il conducente avesse già scaricato una parte dei rifiuti, gli agenti hanno effettuato anche un sopralluogo alle cave del Praello, che però ha dato esito negativo. Il 27 maggio gli agenti della Polizia Locale hanno invece sequestrato 20 piantine di marijuana, rinvenute su un terreno agricolo, a poca distanza da un corso d acqua. Questa volta la segnalazione è arrivata da un agricoltore, che mentre innaffiava un campo di mais ha notato alcune decine di piantine >> Le piantine di marijuana sul campo e dopo il sequestro con caratteristiche del tutto diverse. Recatisi sul posto, difficilmente accessibile e poco visibile dalla strada, gli agenti hanno constatato che tra i filari di mais c erano anche una ventina di piante, alte alcune decine di centimetri, del tutto simili alla canapa indiana. Con la collaborazione dell agricoltore le piante sospette sono state estirpate e portate al Comando della Polizia Locale, dove sono state ulteriormente esaminate dagli esperti della Guardia di Finanza di Venezia, i quali hanno confermato che effettivamente si trattava di piante di cannabis. A quel punto gli agenti della Polizia Locale hanno sequestrato le piante, che saranno distrutte, e inviato alla Procura della Repubblica una notizia di reato a carico di ignoti. Sia l uomo che coltiva il terreno ed ha chiesto l intervento degli agenti, sia il proprietario dell area, sono infatti risultati del tutto estranei alla vicenda. Molto probabilmente le piante, che avevano dimensioni ancora ridotte, erano state interrate nel campo solo da pochi giorni, ad opera di qualcuno che evidentemente sperava di riuscire a recuperarle al termine della crescita. Un progetto fatto fallire dallo spirito d osservazione dell agricoltore e dalla tempestività degli agenti. «Ad entrambi i cittadini che hanno allertato gli agenti va il ringraziamento dell Amministrazione comunale per il senso civico dimostrato osserva l assessore alla Polizia Locale Nel caso dei rifiuti la tempestività della segnalazione e dell intervento degli agenti è stata fondamentale sia per individuare e sanzionare il responsabile, sia per scongiurare l ennesimo danno ambientale ed evitare che ricadessero sulla collettività le ingenti spese per il recupero dei materiali e la bonifica del luogo dell abbandono. Desidero ringraziare anche la Guardia di Finanza di Venezia, che nel caso del sequestro delle piante di marijuana ha risposto tempestivamente alla richiesta di collaborazione formulata dal comando della Polizia Locale. Da questi episodi possiamo trarre spunto per alcune riflessioni. Prima di tutto sono l evidente dimostrazione che il lavoro dei nostri agenti non è finalizzato solo alle contravvenzioni per divieto di sosta o eccesso di velocità, ma alla tutela dei cittadini e del territorio in tutti i suoi aspetti. Inoltre abbiamo visto quanto la collaborazione dei cittadini sia fondamentale per consentire ai nostri agenti ed alle forze dell ordine in generale, di tutelare le persone ed il territorio». «Voglio anche ricordare conclude Tarricone che tra la fine di giugno e l inizio di luglio si svolgerà il concorso per l assunzione di due nuovi agenti, i quali entreranno in servizio prima della la fine dell estate, consentendo di incrementare ulteriormente le attività di controllo del territorio». 9

6 10 Da ottobre su tutto il territorio comunale si passerà alla raccolta porta a porta spinta Rifiuti: cassonetti addio L avvio del nuovo metodo rinviato di alcuni mesi per poter svolgere una campagna capillare di informazione-formazione degli utenti Dal mese di ottobre sul territorio comunale di Marcon si passerà alla raccolta dei rifiuti con il metodo porta a porta spinto. Rispetto ai programmi originari, che prevedevano l avvio del nuovo servizio già dalla primavera, l Amministrazione comunale ha deciso un rinvio di alcuni mesi. Una scelta, concordata con Vesta- Veritas che gestisce il ciclo integrato dei rifiuti ed i servizi ambientali sul territorio di Marcon e De Vizia Transfer spa, la società che effettuerà la raccolta. Lo slittamento del porta a porta ha lo scopo di garantire che, già prima della scomparsa dei cassonetti stradali, ogni cittadino e ogni operatore economico avrà ricevuto tutte le informazioni, le istruzioni ed i contenitori necessari per poter conferire correttamente i rifiuti, così da poter rispettare le nuove regole sulla separazione dei diversi materiali ed il calendario del conferimento. Inoltre il rinvio di qualche mese permetterà di garantire una più efficace campagna informativa ed una più puntuale organizzazione del servizio (condomini, attività produttive, persone diversamente abili, ecc.). «Nel corso degli ultimi anni abbiamo cercato in tutti i modi di aumentare le percentuali di raccolta differenziata, pur continuando ad usare i cassonetti stradali spiega il sindaco, Pier Antonio Tomasi - Abbiamo organizzato campagne informative destinate alle famiglie, attività all interno delle scuole, eventi in collaborazione con le associazioni. È stato aperto l Ecocentro di via Praello, con ottimi risultati dal punto di vista dell utilizzo da parte dei cittadini, sia per le quantità smaltite, sia per l alto livello di differenziazione dei materiali da parte degli utenti. Tutte queste iniziative non hanno però consentito di raggiungere un livello significativo e soddisfacente nella separazione dei rifiuti. Nel 2007 la raccolta differenziata nel comune di Marcon ha raggiunto il 43 per cento, quindi al di sotto di quel 45 per cento che tutti i comuni italiani dovranno raggiungere entro il 31 dicembre 2008, come stabilito dalle Norme in materia ambientale del decreto legislativo n. 152 del 3 aprile È dunque molto concreto il rischio di subire la sanzione prevista dallo stesso decreto sulla tutela dell ambiente, cioè un addizionale del venti per cento sul tributo di conferimento dei rifiuti in discarica, che in pratica significa un aumento della T.I.A. (Tariffa Igiene Ambientale) pagata da tutte le famiglie e le aziende di Marcon. Inoltre assistiamo ogni giorno a comportamenti dissennati da parte dei cittadini, che intorno ai cassonetti abbandonano di tutto di più, obbligandoci a spendere circa 40 mila euro l anno per la pulizia e raccolta dei rifiuti abbandonati. A questo si aggiunge lo scarico nei nostri cassonetti dei rifiuti portati da cittadini residenti nei comuni limitrofi, il cui costo di raccolta e smaltimento ricade sulla comunità marconese». «Di fronte a questa situazione continua Tomasi il passaggio alla raccolta porta a porta spinta, già annunciata nel nostro programma amministrativo in materia di servizi e tutela ambientale, è una scelta non più rinviabile. L auspicio è di riuscire a migliorare in maniera consistente la raccolta differenziata dei rifiuti, raggiungendo almeno una percentuale tra il 65 e 70 per cento, che è la media dei comuni nei quali si pratica questo sistema di raccolta, senza trascurare obiettivi vicini all 80 per cento che sono oramai una consuetudine in località trevigiane a noi vicine. In questo modo anche Marcon contribuirà all affermazione di comportamenti e metodi diversi di gestione del ciclo dei rifiuti, attraverso l incremento del recupero, riciclo e riutilizzo dei materiali. All indiscutibile vantaggio ambientale e del decoro urbano, va aggiunto quello economico derivante dal fatto che la T.I.A. rimarrà sostanzialmente invariata». «È importante sottolineare che i cittadini non devono attendersi batoste economiche aggiunge l assessore all ambiente Mauro Scroccaro Nei prossimi anni prevediamo un adeguamento della T.I.A. pari all indice ISTAT di incremento dei prezzi al consumo, cioè l aumento fisiologico del costo del servizio. È vero che il sistema porta a porta comporta una maggiore spesa nella raccolta, ma è altrettanto vero che si evita l addizionale prevista dal decreto sull ambiente di cui ha parlato il sindaco e soprattutto si risparmia su alcuni costi attuali. Prima di tutto perché saranno ridotte sia la quantità di rifiuto secco indifferenziato da trasformare in CDR (Combustibile da rifiuto), sia quella dei residui da smaltire in discarica. Inoltre non sarà più necessario pagare la pulizia delle isole ecologiche, mentre la raccolta porta a porta dei cartoni delle attività produttive rientrerà nei costi generali del servizio. Infine i cittadini di Marcon non dovranno più pagare per i rifiuti portati da altri comuni». «Come osserva il Sindaco aggiunge Scroccaro abbiamo provato ad innalzare la percentuale di raccolta differenziata pur continuando ad usare i cassonetti stradali. Purtroppo, contrariamente a quanto avvenuto in altri comuni, non siamo riusciti ad ottenere i risultati sperati e quindi ricorriamo al porta a porta spinto. Dobbiamo però lavorare anche per ridurre la produzione di rifiuti. Con la collaborazione dei commercianti sono state avviate iniziative per ridurre gli imballaggi ed evitare l uso di quelli non riciclabili. Abbiamo iniziato dal latte e i detersivi alla spina, non mancano altre idee, come la promozione dell uso dell acqua di rubinetto, invece di quella minerale in bottiglia di plastica. L importante è continuare in questa direzione e tutti noi possiamo farlo ogni giorno, cercando di acquistare prodotti con imballaggio ridotti o riciclabili». «L Amministrazione comunale farà la sua parte per garantire, sin dal primo giorno, un servizio efficace ed efficiente, già nelle prossime settimane sarà avviata una campagna informativa per spiegare l organizzazione del nuovo servizio precisa l assessore ai servizi e alla polizia locale Francesco Tarricone Qualcuno potrà lamentarsi per questo passaggio così rapido al nuovo metodo di raccolta, ma dobbiamo farlo, perché non dobbiamo continuare a considerare il rifiuto un prodotto di scarto, ma un bene in gran parte recuperabile attraverso il riciclaggio e il porta a porta è un modo per raggiungere questo obiettivo. Il Comune, ma soprattutto l azienda che gestirà il servizio, saranno a disposizione dei cittadini e delle imprese per risolvere i problemi e le difficoltà, rispondere alle domande e dubbi che emergeranno sia prima che dopo l avvio del porta a porta. La mia speranza è che sin dalle prime settimane vi sia da parte dei cittadini la consapevolezza di tutelare l ambiente attraverso modi di agire diversi e la massima collaborazione nel rispettare le regole per la separazione dei rifiuti e le modalità di conferimento e che di conseguenza possano ridursi al minimo le azioni di controllo e repressione dei comportamenti scorretti da parte della polizia locale». 11

7 12 Come funzionerà la raccolta dei rifiuti porta a porta spinta Un servizio di qualità per innalzare la raccolta differenziata Previsti servizi dedicati per le persone diversamente abili e la raccolta di pannolini e pannoloni AMarcon il ciclo integrato dei rifiuti (raccolta e smaltimento), la gestione della T.I.A. (Tariffa Igiene Ambientale) ed altre attività (servizi cimiteriali, verde pubblico) sono affidati a Vesta-Veritas, società partecipata dallo stesso comune di Marcon. È pertanto tale società che, su incarico del Comune, ha elaborato il programma organizzativo e di gestione per il passaggio al sistema di raccolta dei rifiuti porta a porta spinta. «Il ciclo integrato dei rifiuti prodotti da cittadini e imprese di Marcon è gestito fin dal 1997 da Vesta Veritas precisa Angelo Pettenò, responsabile per Vesta- Veritas dell igiene urbana di terraferma - Le modalità di raccolta dei rifiuti sono però stabilite dai comuni ed in questo caso l azienda ha recepito la volontà del comune di Marcon di passare al porta a porta e bandito una gara per individuare il soggetto al quale affidare materialmente il servizio di raccolta dei rifiuti. È stato predisposto un capitolato d appalto molto corposo, perché volevamo un servizio in grado di rispondere nel modo migliore a tutte le esigenze del territorio servito, prevedendo per alcuni tipi di rifiuti una raccolta molto più frequente rispetto alla media, come ad esempio la raccolta dell umido due volte la settimana invece di una ed il ritiro settimanale, anziché quindicinale, del vetro-plastica-lattine». Proprio allo scopo di garantire la qualità del servizio Vesta-Veritas ha predisposto un bando di gara che prevedeva l aggiudicazione dell appalto, per il quinquennio 2008/2013, sulla base di due criteri: il prezzo del servizio e la valutazione tecnica sulla base di 5 parametri: il piano particolareggiato delle modalità di svolgimento del servizio; la quantità e tipologia degli automezzi e delle attrezzature utilizzate; il piano di informazione ed assistenza ai cittadini; i sistemi di verifica delle prestazioni; le proposte migliorative e integrative del servizio. Applicando i predetti criteri di valutazione (economico e tecnico) l appalto è stato aggiudicato alla società De Vizia transfer s.p.a, azienda di servizi fondata dall omonima famiglia alla fine degli anni sessanta e da una ventina d anni attiva anche nel settore ambientale. Sviluppatasi nel corso degli anni, attualmente la divisione ambiente di De Vizia transfer s.p.a gestisce i servizi di igiene urbana di centinaia di comuni italiani, per un numero complessivo di 3 milioni e mezzo di abitanti e negli ultimi anni ha maturato una forte esperienza nella raccolta con il sistema porta a porta, cioè la raccolta controllata di ogni genere di rifiuto. Nel nord-est la realtà più significativa nella quale opera De Vizia è il Consorzio Intercomunale di Bacino Treviso 3, comprendente le città di Castelfranco Veneto e Montebelluna ed il territorio circostante, per un totale di 25 comuni, con 220 mila abitanti, e un utenza di circa 70 mila famiglie e 10 mila attività economiche. Nel comprensorio del Bacino Treviso 3 nel 2006 è stata raggiunta una percentuale di raccolta differenziata del 66 per cento (dati Arpav). Il fiore all occhiello dell azienda sono invece i servizi d igiene urbana gestiti in prestigiose località turistiche, come la trevigiana Asolo e le sarde Porto Cervo e Porto Rotondo. Dal mese di giugno sul territorio di Marcon sarà svolta un intensa campagna per informare i cittadini sulle corrette modalità di separazione dei rifiuti e la consegna dei diversi contenitori agli addetti alla raccolta. La società De Vizia procederà anche al censimento di tutte le utenze condominiali e non domestiche, allo scopo di stabilire le modalità di svolgimento del servizio, la distribuzione dei contenitori (singoli o condominiali), il posizionamento dei contenitori. A tutte le famiglie ed attività economiche saranno consegnati a domicilio i contenitori per i diversi tipi di rifiuti, gli opuscoli informativi ed il calendario dei giorni di raccolta. È prevista, nel mese di settembre, l organizzazione di assemblee pubbliche in ogni frazione, per fornire ulteriori informazioni e l attivazione di punti informativi al mercato ed in altri luoghi del territorio. L azienda attiverà anche un numero verde per fornire risposte personalizzate alle Attenzione!!! Nelle prossime settimane gli incaricati della ditta De Vizia transfer spa contatteranno i cittadini di Marcon, per definire le modalità di conferimento dei rifiuti (condomini), consegnare i contenitori per la raccolta, recapitare il materiale informativo. Allo scopo di prevenire esigenze ed ai quesiti degli utenti. I dettagli sul nuovo servizio saranno resi noti in occasione della campagna informativa, le linee generali del nuovo servizio sono però già ben definite. Un giorno alla settimana saranno prelevati e svuotati i contenitori contenenti: il rifiuto secco residuo, il vetro/lattine, carta/cartone, plastica; mentre il rifiuto umido potrà essere conferito due volte alla settimana. Sono previsti servizi aggiuntivi per la raccolta dei pannolini e pannoloni, mentre alle persone diversamente abili o con difficoltà motorie sarà garantito, quattro volte per settimana ed in accordo con i servizi sociali del Comune, il prelievo e riposizionamento dei contenitori all interno della proprietà privata. Sarà attivato anche un servizio con Ecofurgone che sosterà in alcuni luoghi del territorio in giorni e luoghi prestabiliti, allo scopo di fornire agli utenti informazioni sul servizio e raccogliere piccoli rifiuti domestici speciali (pile e batterie esauste, oli esausti, farmaci scaduti, contenitori con residui di solventi, vernici, ecc.). Anche dopo l attivazione della raccolta dei rifiuti porta a porta saranno garantiti i servizi di raccolta a domicilio del verde e ramaglie e degli imballaggi in cartone delle attività economiche. Infine continueranno a funzionare l Ecocentro di via Praello ed il servizio di asporto a domicilio dei rifiuti voluminosi. L Amministrazione comunale, Vesta- Veritas e De Vizia hanno stabilito che non ci sarà nessun periodo con un doppio sistema di raccolta. Già dalla sera precedente l avvio del porta a porta dalle strade di Marcon scompariranno i cassonetti e le campane per la raccolta dei rifiuti. possibili tentativi di truffa, da parte di malintenzionati che dovessero spacciarsi per incaricati della società che effettuerà la raccolta porta a porta, si precisa che il personale dipendente della società De Vizia transfer : indossa divise e giubbini personalizzati con il nome della società e portano ben visibile un tesserino di riconoscimento con foto; non chiede il pagamento di somme di denaro; non ha la necessità di entrare negli alloggi privati. 13

8 14 Nonostante i tagli imposti dalla legge Finanziaria e dal Patto di stabilità, sono stati garantiti i servizi e le opere senza aumentare tasse e tariffe locali Il conto consuntivo 2007 Tomasi: «Ancora una volta è dimostrata la capacità dell Ente di attuare le scelte ed i programmi indicati dagli amministratori» TABELLA 2 RECUPERO DELL EVASIONE DI TRIBUTI COMUNALI DAL 2002 AL 2007 ANNO Evasione recuperata in euro , , , , , ,11 15 Nell esercizio finanziario 2007 il comune di Marcon, avvalendosi quasi esclusivamente di personale dipendente dall ente, ha proseguito l azione di recupero dell evasione, costituita quasi totalmente da I.C.I. (imposta comunale comunale di Marcon ha approvato il conto consuntivo per l anno L Amministrazione 2007, dal quale risulta un avanzo complessivo di amministrazione di ,35 euro, di cui ,45 dovranno essere impiegati per finanziare spese in conto capitale e ,01 potranno essere utilizzati a discrezione dell Amministrazione comunale, mentre i rimanenti ,89 euro dovranno essere accantonati. L utilizzo delle predette somme sarà deciso dalla giunta comunale nelle prossime settimane. «Ancora una volta le risorse disponibili sono state spese in modo efficace, riducendo ad una cifra irrisoria l avanzo di amministrazione e dando dimostrazione della capacità dell apparato burocratico di attuare le scelte ed i programmi indicati dagli amministratori, gestendo le somme a disposizione in modo oculato, senza sprechi e realizzando i servizi e le opere necessari ai cittadini commenta il sindaco Pier Antonio Tomasi - Tutto questo conferma l efficienza di un amministrazione pubblica che rispetta gli impegni assunti, dando piena attuazione alle previsioni del proprio bilancio, sia dal punto di vista economico che finanziario. I risultati del bilancio consuntivo 2007, uniti a quelli degli anni precedenti, dimostrano che Marcon è un comune con un bilancio sano, che permetterà a questa e alle future Amministrazioni di continuare TAB. 1 ENTRATE DEL COMUNE DI MARCON NELL ANNO 2007 sugli immobili). La maggior parte delle imposte pregresse e delle relative sanzioni sono state recuperate, attraverso un opera capillare di verifica svolta negli anni scorsi ed in particolare nel 2004 e 2005, conseguentemente negli ultimi anni i casi di evasione accertati si sono ridotti e sono diminuite anche le somme a fare scelte importanti per i propri cittadini. La speranza è che in futuro vengano attuati quei principi della Costituzione che riconoscono agli enti locali e quindi anche ai comuni, la possibilità di mantenere la propria autonomia finanziaria e poter continuare a fare scelte coerenti con i progetti amministrativi, al fine di raggiungere gli obiettivi di crescita e sviluppo della comunità. Questo significa conclude il Sindaco - che ai Comuni dev essere riconosciuta anche la necessaria autonomia nella determinazione delle imposte locali, che dovranno essere adeguate al fabbisogno di risorse economiche necessarie all attuazione delle scelte annunciate attraverso i programmi politici». ENTRATE ASSESTATO RENDICONTO 2007 DIFFERENZA SCOSTAM. Entrate tributarie , , ,78-2,11% Trasferimenti , , ,45 1,16% Entrate extratributarie , , ,50 1,15% Entrate da trasf. c/capitale , , ,43-24,43% Entrate da prestiti , , ,00-59,29% Entrate da servizi per conto terzi , , ,47-67,60% Avanzo di ammistraz. applicato , , ,26 Totale , , ,99-1,67 Recupero evasione fiscale incassate. Nonostante ciò, nel 2007 va registrato un incremento del recupero dell evasione di circa il 5 per cento rispetto al Tale dato conferma la volontà dell Amministrazione di perseguire un azione improntata all equità fiscale ed al principio del «Pagare tutti per pagare meno». TABELLA 3 - SPESE DEL COMUNE DI MARCON NELL ANNO 2007 SPESE ASSESTATO RENDICONTO 2007 DIFFERENZA SCOSTAM. Spese correnti , , ,29-2,75% Spese in conto capitale , , ,58-16,74% Rimborso di prestiti , , ,65-47,46% Spese per servizi per conto terzi , , ,47-67,60% Totale , , ,99-1,35 % TABELLA 4 - RIPARTIZIONE DELLA SPESA CORRENTE PER INTERVENTI INTERVENTO IMPORTO % Personale ,42 35,04 Acquisto di beni ,56 1,19 Prestazioni di servizi ,57 39,24 Utilizzo beni di terzi ,95 0,46 Trasferimenti ,76 15,01 Interessi passivi ,55 6,22 Imposte e tasse ,25 2,75 Oneri straordinari gestione ,06 0,08 Spese per investimenti (in conto capitale) Nell anno 2007 l Amministrazione comunale ha impegnato per spese in conto capitale la somma complessiva di euro, destinata sia alla realizzazione di nuove opere, sia al completamento di quelle già avviate, con l obiettivo di realizzare le strutture necessarie per migliorare i servizi offerti ai cittadini e garantire una corretta e costante manutenzione del patrimonio pubblico. Gli investimenti più onerosi (tra parentesi è indicata la spesa in euro) riguardano: Sistemazione idraulica di via Monte Grappa ( ); Acquisto magazzino per la protezione civile distrettuale ( ); Abbattimento barriere archi-

9 16 tettoniche in via Molino ( ); Ampliamento stadio comunale ( ); Attuazione del piano cimiteriale comunale ( ); Realizzazione pista ciclo pedonale da San Liberale a Gaggio (3 stralcio) ( ); Manutenzioni straordinaria strade - via TABELLA 5 SPESE IMPEGNATE IN CONTO CAPITALE DAL 2001 AL 2007 ANNO Spese impegnate TAB. 6 - LA COPERTURA DEI COSTI PER I SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE SERVIZIO PROVENTI COSTO COMPLESSIVO DIFFERENZA A CARICO % DI SPESA INCASSATI DEL SERVIZIO DEL COMUNE A CARICO DEL COMUNE Impianti sportivi , , ,11 69,62 Mensa scolastica , , ,37 33,78 Trasporto scolastico , , ,99 87,78 Totale , , ,47 50,07 Patto di stabilità Ceolin e via San Pio X ( ); Manutenzione straordinaria strade comunali ( ); Manutenzione straordinaria e adeguamenti patrimonio ( ); Sistemazione cimitero di Gaggio ( ); Nell anno finanziario 2007 il comune di Marcon ha rispettato, sia in termini di competenza economica sia di cassa, i limiti di spesa imposti dalla Legge Finanziaria per Come avviene oramai da molti anni, l Amministrazione comunale, anche nell anno finanziario 2007, ha confermando la scelta di non aggravare le spese a carico dei cittadini ed in particolare delle famiglie, per l utilizzo dei cosiddetti servizi a domanda individuale, cioè l uso degli impianti sportivi, della mensa scolastica e dello scuolabus. Le tariffe sono infatti rimaste Manutenzione straordinaria pista di atletica e pattinaggio ( ); Pista ciclo pedonale via Don Ballan (1 stralcio) ( ); Conferimento di capitale per ampliamento distretto sanitario ( ). Servizi a domanda individuale inalterate rispetto all anno precedente, oppure hanno subito modeste maggiorazioni per adeguarle all incremento del costo della vita. Conseguentemente nell anno 2007 il Comune ha contribuito al mantenimento dei servizi a domanda individuale, per una spesa di poco superiore a 372 mila euro, corrispondente a circa la metà del costo complessivo di tali servizi. l esercizio 2006, concernenti il Patto di Stabilità interno. L attuazione delle Opere Pubbliche 2007 Le tabelle sottostanti riportano lo stato di attuazione delle opere pubbliche previste dal piano approvato assieme al bilancio di previsione per l anno 2007 (vedi QuiMarcon 14, pag. 29 e 30) OPERE FINANZIATE NEL 2006 O ANNI PRECEDENTI, DA REALIZZARE NEL 2007 Descrizione dell intervento > Abbattimento barriere architettoniche, sistemazione stradale e arredo urbano piazza I Maggio, Gaggio (1 stralcio) > Sistemazione impianti sportivi S.Liberale (2 stralcio) > Pista ciclabile da Via dello Sport a sottopasso pedonale sull autostrada > Adeguamento a pubblico spettacolo palestra S.Liberale > Ristrutturazione stradale via Monte Grappa - 1 stralcio > Manutenzione straordinaria pista atletica e pattinaggio stadio Nereo Rocco > Adeguamento alla normativa antincendio scuola Malipiero > Interventi di adeguamento alla normativa antisismica del Centro Civico > Pista ciclo pedonale Via Trento Trieste/ Via Guardi > Illuminazione pubblica via Pialoi - Via Treviso > Manutenzione straordinaria strade 2007 > Ponte di via Zermanese sul fiume Zero Costo Aggiornamento maggio 2008 Lavori conclusi Progetto esecutivo approvato In corso procedura acquisitiva aree Progetto esecutivo approvato Lavori conclusi Progetto esecutivo in corso Progetto esecutivo approvato, avviata la gara d appalto Verifiche tecniche in corso Lavori affidati In corso affidamento progettazione Lavori conclusi Verifiche tecniche in corso OPERE DA REALIZZARE CON FINANZIAMENTI PREVISTI NEL BILANCIO 2007 Descrizione dell intervento > Abbattimento barriere archit. in via Fermi - sottopasso pedonale Gaggio > Abbattimento barriere architettoniche in via Molino, da via Ancillotto a Via Don Ballan (1 stralcio) > Acquisto giochi e attrezzature per aree verdi > Ampliamento Centro anziani > Ampliamento stadio comunale N.Rocco (2 stralcio) > Attuazione piano cimiteriale (quota 2007) > Costruzione pista ciclopedonale di via Don Ballan (1 Stralcio) > Costruzione pista ciclopedonale San Liberale Gaggio (3 Stralcio) > Interventi straordinari a tutela dell'ambiente > Manutenzione straordinaria a seguito di danni al Patrimonio Comunale > Manutenzione straordinaria impianti idrici, fossati e reti smaltimento acque (quota 2007) > Manutenzione straordinaria strade comunali (quota 2007) > Manutenzione straordinaria verde pubblico > Manutenzioni straordinarie e interventi su patrimonio comunale (quota 2007) > Realizzazione segnaletica stradale (quota 2007) > Sistemazioni ed arredo urbano a Gaggio e San Liberale > Sistemazioni stradali via Ceolin e via San Pio X Costo Aggiornamento maggio 2008 Progettazione in corso Progetto definitivo in corso di approvazione Installati i giochi In corso affidamento progettazione In corso affidamento progettazione In corso gara per affidamento lavori nuovi loculi Gaggio In corso affidamento progettazione Lavori conclusi, aiuole da sistemare nella stagione opportuna Interventi effettuati Interventi effettuati Interventi effettuati Utilizzati solo euro di cui circa euro impegnati per interventi manutentivi in corso In corso contratto con Veritas S.p.A. Utilizzati solo euro per interventi vari su impianti e im., anche a seguito eventi 26 settembre Interventi effettuati Approvato lo studio di fattibilità In corso convenzione con Sile Piave spa per effettuare interventi coordinati con le fognature in Via Pio X 17

10 18 Iniziati i lavori per creare un percorso sicuro tra la zona di Porta Ovest e il centro di Marcon La pista ciclopedonale da via Guardi a viale San Marco Nell ambito delle attività di manutenzione della viabilità comunale, è stato riassettato il percorso ciclopedonale affiancato a viale Don Sturzo, dal cimitero di Gaggio all incrocio con via Praello, del quale è stato rifatto completamente il manto di copertura in roccia macinata e pressata. Nel corso dei lavori sono state estirpate le >> Il tratto di fossato che sarà tombinato per fare posto alla pista ciclopedonale. >> Il percorso sterrato che attraversa l area verde diventerà una vera pista ciclopedonale. AMarcon è iniziata la realizzazione della pista ciclopedonale di viale Trento e Trieste, nel tratto compreso viale San Marco e via Guardi e lungo ques ultima via Guardi, sino all intersezione con via Alta. «L opera rientra nel programma dell Amministrazione comunale per lo sviluppo dei percorsi ciclopedonali precisa l assessore ai lavori pubblici Angelo Porcelluzzi Il nuovo percorso permetterà agli abitanti delle aree residenziali circostanti porta Ovest: via della Repubblica e via dello Scoutismo, la stessa via Guardi e via Dalla Chiesa, di raggiungere in sicurezza il centro di Marcon. Ovviamente sarà utile anche per raggiungere la caserma dei Carabinieri. Rendendo più facili e sicuri gli spostamenti a piedi e in bicicletta ci auguriamo si riduca l uso degli autoveicoli e quindi anche il traffico e l inquinamento». La costruzione dell opera è divisa in tre parti, ciascuna con caratteristiche costruttive diverse. Nel primo tratto di circa 135 metri, compreso tra la rotatoria con viale San Marco e l inizio dell area verde prospiciente la caserma dei carabinieri, è prevista la costruzione di una pista ciclabile larga mediamente 2 metri e mezzo, affiancata da un marciapiedi in masselli di calcestruzzo largo 1 metro e mezzo. Il percorso riservato a ciclisti e pedoni sarà realizzato utilizzando lo spazio esistente tra il margine di viale Trento e Trieste e le recinzioni delle proprietà private, costituito in parte da una banchina sterrata ed in parte dal fossato, che sarà tombinato. La pista ciclopedonale sarà separata dalla carreggiata stradale da aiuole spartitraffico. Il secondo tratto, di circa 95 metri, seguirà il percorso già esistente lungo il fossato che separa il viale Trento e Trieste dall area verde adiacente alla caserma dei carabinieri. L attuale tracciato in ghiaino sarà però sostituito da una vera e propria pista in conglomerato bituminoso, delimitata da cordonate in tufo, larga 4 metri, di cui 2 metri e mezzo per la pista ciclopedonale bidirezionale e 1 metro e mezzo di marciapiedi. Sistemato il percorso ciclopedonale di viale Don Sturzo >> Il tratto terminale di via Guardi verso via Alta sarà trasformato in pista ciclopedonale. Lungo il percorso è prevista la posa di panchine su apposite piazzole pavimentate e verso via Guardi la realizzazione di un area per il parcheggio delle biciclette. L ultimo tratto consisterà nella sistemazione della parte sud di via Guardi, dove sono previsti il prolungamento del marciapiedi esistente e l asfaltatura del tratto sterrato che si congiunge con via Alta, dove sarà mantenuto l uso promiscuo ciclopedonale, con il totale divieto di transito agli autoveicoli. La superficie della pista ciclabile sarà trattata con un manto colorato a base di resine. È prevista anche la realizzazione dell impianto di illuminazione pubblica nei tratti della pista ciclopedonale che attualmente ne sono sprovvisti e la posa della rete per la raccolta e smaltimento delle acque meteoriche. I lavori, aggiudicati all impresa Teston srl di Musestre di Roncade, saranno ultimati all inizio di settembre. Il costo complessivo dell intervento è di 170 mila euro, totalmente a carico del Comune. piante infestanti e migliorato lo smaltimento delle acque meteoriche, mediante la sistemazione delle pendenze e la posa di alcune nuove caditoie. «I lavori renderanno più agevole e sicuro il transito di tutti coloro che a piedi o in bicicletta percorrono quel tratto stradale per spostarsi tra Gaggio e San Liberale o raggiungere la stazione ferroviaria precisa l assessore ai lavori pubblici Angelo Porcelluzzi - Non abbiamo eseguito lavori radicali, come ad esempio un asfaltatura, perché entro l autunno sia il passaggio a livello che la stazione saranno chiusi a seguito dell apertura del nuovo cavalcaferrovia e della fermata di Porta Est». Durante l estate la straordinaria manutenzione della scuola Manin e l adeguamento per pubblico spettacolo della palestra Lavori pubblici a San Liberale In autunno i lavori di ampliamento degli spogliatoi dell impianto sportivo di via Zuccarello Ammonta a 625 mila euro la spesa sostenuta dal Comune per i lavori che stanno per essere eseguiti su alcune opere pubbliche di San Liberale: la scuola primaria Daniele Manin, l edificio dell adiacente palestra e gli impianti sportivi di via Zuccarello. Scuola Manin L intervento più costoso, di complessivi 300 mila euro, è quello relativo all edificio scolastico, dove sono previsti lavori di impermeabilizzazione del tetto, l adeguamento dei servizi igienici e l abbattimento delle barriere architettoniche. «La manutenzione, il miglioramento e l adeguamento del patrimonio pubblico è uno dei punti prioritari del programma dell Amministrazione comunale spiega l assessore ai lavori pubblici Angelo Porcelluzzi La costruzione della scuola di San Liberale risale a parecchi decenni fa, dunque è arrivato il momento di procedere ad una manutenzione straordinaria che offre anche l occasione per adeguare l edificio alle norme sull accessibilità delle persone diversamente abili. Nell ambito dei lavori sarà rivista la suddivisione degli spazi interni, soprattutto per adeguare le dimensioni delle aule alle nuove normative e renderle idonee ad ospitare un numero maggiore di alunni». Per quanto riguarda la copertura il progetto prevede la posa di uno strato di materiale termoisolante, la ripassatura del tetto in tegole, il risanamento del cornicione e la sostituzione delle grondaie e pluviali, eliminando così le infiltrazioni verificatesi nell ultimo periodo e migliorando la coibentazione. I bagni degli alunni, sia al piano terra che al primo piano, saranno rifatti totalmente: pavimenti, rivestimenti, sanitari e serramenti, compreso l adeguamento degli impianti. Al piano terra sarà realizzato un bagno accessibile alle persone diversamente abili. Per ovviare al problema delle ridotte dimensioni delle aule, il progetto prevede l allargamento di un aula al piano terra ed una al primo piano e la realizzazione di tre nuove aule al posto delle quattro esistenti sul fronte sud del primo piano. Nell ambito della riorganizzazione degli spazi >> La palestra di San Liberale (interno). >> La scuola Daniele Manin. interni sarà creata una porta di collegamento diretto tra il locale di servizio alla mensa e la sala mensa vera e propria, che avrà anche un uscita autonoma verso il cortile. Allo scopo di consentire l accesso al piano superiore delle persone con difficoltà motorie, all interno del portico d ingresso sarà costruito un vano per il contenimento di una piattaforma elevatrice. Infine nell ambito dei lavori saranno completati e sistemati i marciapiedi esterni. Palestra di San Liberale È invece di 175 mila euro la spesa necessaria per i lavori di adeguamento della palestra di San Liberale per l attività di pubblico spettacolo in genere, con prevalenza per manifestazioni di carattere sportivo. Il progetto prevede l esecuzione di tutte le opere civili, strutturali, di prevenzione incendi, eliminazione delle barriere architettoniche e adeguamento normativo degli impianti elettrici e speciali, necessarie per garantire l utilizzo della struttura per manifestazioni di pubblico spettacolo. All interno della palestra sarà installata una tribuna prefabbricata con una capienza di almeno 160 posti a sedere, accessibile attraverso un nuovo ingresso, separato, anche all esterno, da quello riservato agli atleti. La zona della palestra dedicata al pubblico sarà dotata anche di servizi igienici e di una ulteriore uscita d emergenza. I lavori comprendono anche le opere per consentire l accesso alle persone diversamente abili, un nuovo deposito attrezzi, la sistemazione dei percorsi esterni e la creazione di nuovi cancelli lungo le recinzioni, allo scopo di creare le vie di fuga da utilizzare in caso di emergenza. Impianti sportivi di via Zuccarello La giunta comunale ha approvato anche il progetto esecutivo per la realizzazione del secondo stralcio delle opere previste dal progetto d ampliamento dell impianto sportivo di via Zuccarello, per una spesa complessiva di circa 150 mila euro, totalmente a carico del Comune. «Questa decisione sottolinea Porcelluzzi risponde alla duplice esigenza di migliorare gli spazi sportivi e di aggregazione della frazione di San Liberale e più in generale di soddisfare la crescente domanda di luoghi ed impianti per la pratica delle attività sportive da parte delle società e più in generale dei nostri cittadini. In particolare è previsto l ampliamento dell edificio che ospita i servizi e l installazione dell impianto di illuminazione, che consentirà lo svolgimento delle attività anche nelle ore serali. Per il futuro abbiamo già ipotizzato anche la sistemazione della strada di accesso». Per quanto riguarda le opere edili, il progetto, elaborato dall ufficio tecnico comunale, prevede l ampliamento dell edificio esistente, in modo da ricavare gli spazi necessari ad ospitare un nuovo spogliatoio con le stesse caratteristiche di quelli esistenti, due bagni per il pubblico, uno dei quali attrezzato per le persone diversamente abili e un piccolo magazzino. Inoltre sarà installato l impianto per l illuminazione del campo di calcio e delle aree adiacenti. Nell ambito dei lavori sarà costruita una nuova recinzione lungo i confini a nord ed est dell area sportiva, sistemato l accesso da via Zuccarello e creato un nuovo ingresso da via Foscolo. L espletamento della gara d appalto ed il successivo avvio dei lavori sono previsti nel prossimo autunno. 19

11 Il risarcimento dei danni dell alluvione 21 Gli uffici comunali hanno sostanzialmente ultimato la quantificazione dei danni provocati dall alluvione del 26 settembre Conseguentemente l Amministrazione comunale sta per inviare, a tutte le persone che hanno presentato richiesta di risarcimento, una lettera nella quale è quantificato il danno riconosciuto, sulla base dei risultati dei sopralluoghi, delle disposizioni previste dalle norme in materia e delle indicazioni contenute nelle ordinanze del Commissario straordinario. L elenco delle persone ammesse al risarcimento sarà pubblicato anche all albo pretorio e sul sito Internet del Comune. Dopo il ricevimento della lettera gli interessati potranno inviare al Comune eventuali osservazioni. Appena ultimata tale procedura, che dovrà essere approvata dal Commissario straordinario, il Comune liquiderà a tutti gli aventi diritto un primo acconto, pari alla stessa percentuale di quanto anticipato al Comune dal Commissario. RIEPILOGO DEI DANNI DENUNCIATI DA CITTADINI PRIVATI E IMPRESE DI MARCON E DELLE VERIFICHE TECNICHE E DI STIMA ESEGUITE DAGLI UFFICI COMUNALI DESCRIZIONE CITTADINI PRIVATI ATTIVITÀ PRODUTTIVE numero domande di risarcimento Sopralluoghi tecnici effettuati Sopralluoghi tecnici da effettuare/registrare 0 1 Domande ammesse a contributo Domande non ammesse a contributo 31 2 Domande non ammesse a contributo per danni 12 0 a beni immobili o mobili registrati perché di importo inferiore a euro, ma ammesse per danni a beni mobili non registrati DANNI A BENI IMMOBILI Contributo richiesto , ,71 Contributo stimato spesa ammessa ,98 ** ,54 Contributo massimo da erogare (75 % del contr. stimato) ,74 ** ,54 DANNI A BENI MOBILI REGISTRATI Contributo richiesto , ,18 Contributo stimato spesa ammessa * ,23 ** ,76 Contributo massimo da erogare (50 % del contr. stimato) * ,12 ** 5.701,88 DANNI A IMPIANTI E ATTREZZATURE STRETTAMENTE NECESSARI ALL ATTIVITÀ Contributo richiesto ,24 Contributo stimato spesa ammessa ** ,24 Contributo massimo da erogare (50 % del contr. stimato) ** ,12 DANNI A BENI MOBILI NON REGISTRATI Contributo richiesto , ,00 Contributo stimato spesa ammessa ,30 ** 5.287,00 Contributo massimo da erogare ,95 ** 3.574,00 (come contr. stimato con massimo di euro) Importo totale richiesto , ,13 Importo contributo totale da erogare ,81 ** ,54 * importi considerati parziali perché per una pratica non è ancora stato definito il valore commerciale dei beni secondo le tabelle delle compagnie assicurative. ** importi considerati parziali in quanto deve ancora essere registrato l esito di 1 sopralluogo. (dati aggiornati al 5 giugno 2008)

12 22 Comune di Marcon e Provincia di Venezia promuoveranno la cultura della sicurezza nei luoghi di lavoro Formazione e informazione contro gli infortuni sul lavoro Previste anche iniziative per migliorare l attività di prevenzione sanitaria >> Un momento del consiglio comunale del 29 febbraio 2008, da sinistra il presidente del consiglio comunale Andrea Follini, il sindaco Pier Antonio Tomasi, l assessore Provinciale Giuseppe Scaboro. Un convegno sul nuovo testo unico sulla sicurezza sul lavoro, la stampa di un opuscolo informativo sulla prevenzione degli infortuni e visite mediche preventive. Sono le iniziative alle quali sta lavorando l Amministrazione comunale di Marcon per dare attuazione concreta agli impegni assunti in occasione del consiglio comunale del 29 febbraio scorso, dedicato ai temi del lavoro, sicurezza e occupazione nelle attività produttive di Marcon. Una seduta aperta, nel corso della quale sono intervenuti anche l assessore provinciale alle attività produttive, Giuseppe Scaboro, ed i rappresentanti di FIOM-CGIL Luca Trevisan, FIM-CISL Michele Zanocco e della RSU della FLAG. «Dopo quella prima iniziativa, nata a seguito del sequestro della FLAG, abbiamo avuto con i sindacati dei lavoratori e l associazione degli industriali alcuni incontri molto proficui, perché in tutti c è la consapevolezza che su questi temi bisogna assolutamente intervenire precisa il vicesindaco e assessore alle attività produttive Alessandro Scattolin Una prima decisione è l adesione del Comune al protocollo d intesa Azienda Sana, un progetto lanciato da Unindustria allo scopo di promuovere le tematiche relative alla sicurezza e alla salute negli ambienti di lavoro. Contemporaneamente prosegue la collaborazione con l assessorato provinciale alle attività produttive, per realizzare, subito dopo l estate, alcune iniziative specifiche sul nostro territorio. Tra gli aspetti positivi va registrato che per quanto riguarda le istituzioni, oltre a Comune e Provincia, c è già la disponibilità a collaborare da parte dello SPISAL (Servizio di prevenzione e sicurezza degli ambienti di lavoro dell Azienda Ulss 12) e dell INAIL (Istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro), mentre dal mondo del lavoro è arrivata l adesione di Cgil, Cisl e Uil e di Unindustria, ma siamo in contatto anche con le organizzazioni che rappresentano le altre categorie di imprenditori, ad iniziare da artigiani e commercianti». Tra le idee lanciate dal vicesindaco a nome dell Amministrazione comunale, c è quella di organizzare un convegno allo scopo di illustrare ai titolari e dipendenti delle piccole e medie imprese marconesi le modalità pratiche per adempiere agli obblighi ed alle norme previste dal nuovo testo unico sulla sicurezza nei luoghi di lavoro. Un incontro con un esperto per rispondere ai dubbi e risolvere le difficoltà applicative. «Stiamo pensando anche alla pubblicazione di un opuscolo rivolto ai lavoratori, compresi quelli stranieri e alle loro famiglie, per cercare di far riflettere tutti su questi temi aggiunge Scattolin Spesso sono gli stessi lavoratori a sottovalutare i rischi, allora diventa importante che anche le madri o le mogli richiamino l attenzione dei figli o mariti sull esigenza di rispettare alcune norme preventive. Non dobbiamo dimenticare che gli incidenti sul lavoro, specie quelli che comportano gravi invalidità o la morte, incidono pesantemente sulle vittime, ma anche sulle loro famiglie». Una terza iniziativa alla quale sta lavorando l Amministrazione comunale è l incremento delle attività di prevenzione sanitaria nei confronti dei lavoratori e all interno degli ambienti di lavoro. Spesso, infatti, le visite preventive sono carenti o del tutto inesistenti. Così come sovente, all interno di stabilimenti, laboratori e magazzini, vengono trascurate le norme sull igiene e la protezione da sostanze nocive. La 6 a Giornata della Sicurezza Centinaia di bambini hanno vissuto una giornata da pompiere grazie alla manifestazione promossa dal Comune di Marcon Oltre 300 bambini pompieri per un giorno, circa 200 adulti sottoposti alla misurazione della pressione arteriosa e del valore di glicemia, 190 votanti al concorso fra i disegni realizzati dai bambini delle scuole sul lavoro dell agente di polizia stradale Sono i numeri della 6^ Giornata della Sicurezza, svoltasi domenica 20 aprile a San Liberale, per iniziativa del Comune, in collaborazione con la parrocchia di San Liberale, l Istituto Comprensivo Malipiero, il Club 75 e l O.C.R.A.D. (Organismo Culturale Ricreativo Assistenza Dipendenti) della Regione Veneto e un gruppo di volontari guidati da Augusto Campello. «La partecipazione di quest anno dimostra che la Giornata sta diventando sempre di più un appuntamento accolto con grande interesse dai ragazzi delle scuole, che sono i principali protagonisti e destinatari dell iniziativa, dai loro genitori e più in generale da tutti i cittadini osserva Andrea Follini, presidente del consiglio comunale di Marcon e promotore dell iniziativa Un occasione per riflettere, seppure in modo informale e giocoso, sui temi della sicurezza che riguardano tutta la comunità. Un buon risultato ottenuto anche grazie alla disponibilità a mettersi insieme di molti enti diversi che operano nel settore della sicurezza e soccorso pubblico». La Giornata della Sicurezza è stata preceduta da numerosi incontri didattici nelle scuole. L ispettore capo Lorenzo Lo Conte e il vice sovrintendente Mirco Ferri della Polizia Stradale di Venezia hanno incontrato gli alunni delle classi 1^, 2^ e 3^ di tutte le scuole primarie di Marcon, ai quali hanno illustrato il lavoro svolto dalla Polizia di Stato ed in particolare dalla Polstrada, per garantire assistenza e sicurezza ai cittadini. Paolo Barsottini, sottufficiale del Corpo Forestale dello Stato, insieme ad alcuni colleghi, ha invece spiegato agli alunni delle classi quinte delle scuole primarie e seconde della secondaria di I grado l attività svolta dalla Forestale per la tutela della flora e fauna e più in generale per la difesa dell ambiente. Nel pomeriggio di sabato 19 aprile un folto pubblico ha invece seguito il Memorial Giada e Christian, torneo di calcio interforze per operatori della sicurezza, vinto dalla formazione della Guardia di Finanza, seguita, nell ordine, dalle compagini dell OCRAD e della Polstrada. Per ribadire lo spirito di solidarietà che caratterizza la manifestazione, i partecipanti al torneo, intitolato a due fidanzati periti in incidente stradale, si sono autotassati per raccogliere fondi da destinare ad un associazione di assistenza. Sempre sabato 19, a San Liberale, con l apporto organizzativo dell associazione orienteering Malipiero, si è svolta una prova a coppie formate da un genitore ed un ragazzo. Alla manifestazione hanno partecipato i Vigili del Fuoco permanenti del distaccamento di Mestre e quelli volontari di Mirano, il reparto a cavallo del Corpo Forestale dello Stato, il gruppo cinofilo dei Servizi Forestali della Regione Veneto, il Nucleo Artificieri di Venezia della Polizia di Stato, la Polizia Stradale di Venezia, la Polizia Locale di Marcon, il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico dell Alpago, Dolomiti Emergency, la Comunità Montana dell Alpago, La Federazione Italiana Amici della Bicicletta, l Associazione Nazionale Familiari Vittime della Strada, l UILDM, l AVIS di Marcon, gli Ecovolontari di Marcon, il gruppo dei nonni vigile di Marcon, la Croce Verde di Marcon, il Calcio Marcon ASD, l autoscuola 16 Valvole, i gruppi giovanili di Protezione Civile di Marcon, Bovec e Kranjska Gora. 23

13 24 Torna l appuntamento estivo in Piazza Donatori Un estate di spettacoli ed eventi Al MarcOn Festival meno serate, ma gruppi di grande successo quella 2008 sarà un estate densa di eventi ed «AMarcon appuntamenti culturali». Lo annuncia l assessore alla cultura, Gianpietro Puleo, presentando le numerose iniziative previste nei prossimi mesi. «Se consideriamo la programmazione curata dall Amministrazione comunale, in collaborazione con numerose associazioni e le sagre organizzate dalle parrocchie, praticamente possiamo dire che da metà giugno fino a settembre inoltrato non ci sarà un fine settimana senza qualche evento sottolinea l assessore alla cultura L apertura della stagione estiva sarà affidata, come da tradizione, alle notti in piazza, con 5 serate molto interessanti. Subito dopo inizierà il teatro d estate. È una novità, che però vuol essere la prosecuzione all aperto dell oramai consolidata rassegna teatrale invernale, che raccoglie molto consenso da parte del pubblico. Complessivamente sono 8 appuntamenti, in grado di soddisfare le diverse preferenze del pubblico: dal musical alla musica classica, dal balletto alla commedia brillante». Nell insieme di spettacoli non mancano le novità e gli appuntamenti da non perdere, MARCON FESTIVAL /20 luglio 2008, al Prato dei Popoli (via dello Sport) 17 luglio ELIO E LE STORIE TESE 18 luglio AMARI + MEG 19 luglio LINEA 77 + TEATRO DEGLI ORRORI 20 luglio Serata finale del «Suonica Live Contest» Il concorso per band emergenti promosso dal New Age Club tra i quali il concerto degli Accademici della Fenice, che eseguiranno celebri brani tratti da colonne sonore di film ed i più noti musical di Broadway. Un concerto arricchito dalla partecipazione della soprano Eva Eron. La rassegna darà spazio anche all associazionismo locale, offrendo alla nuova compagnia El Campielo, formata da un gruppo di appassionati marconesi, la possibilità di presentare una commedia in dialetto. «Va precisato aggiunge Puleo che ad eccezione del concerto degli Accademici della Fenice, tutti gli spettacoli che si svolgeranno in Piazza Donatori sono ad ingresso gratuito, questo perché vogliamo favorire la massima partecipazione e trasformare gli appuntamenti culturali in occasioni di aggregazione per tutti i nostri cittadini, dai giovani agli anziani ed anche per tutte le famiglie. L Amministrazione comunale investe molto in queste attività, per offrire momenti di svago a tutti i nostri cittadini che trascorrono l estate a Marcon, naturalmente speriamo che il nostro impegno sia ripagato da una forte partecipazione del pubblico». Nell ambito della programmazione estiva e delle attività della Biblioteca comunale, saranno proposte anche alcune iniziative dedicate alla lettura per l infanzia. «Naturalmente torna l appuntamento con il Marcon Festival, un evento oramai consolidato della nostra programmazione, che però quest anno avrà una veste rinnovata conclude Puleo Per conciliare le esigenze organizzative, soddisfare un pubblico il più ampio possibile e ridurre il disturbo alla residenza, abbiamo deciso, assieme agli organizzatori di Marcon Cultura, di ridurre la durata della manifestazione, aumentando però la qualità dei singoli spettacoli. Perciò l a serata d apertura sarà affidata ad Elio e le storie tese, conosciutissimo e amato sia dai giovanissimi che dai cinquantenni, proseguiremo con 2 serate di musica pop-tecnologica, per non perdere la connotazione Rock del Marcon Festival e infine chiuderemo con la finale del Suonica Live, concorso che ha offerto a molte band emergenti la possibilità di farsi conoscere dal grande pubblico». Nel panorama degli eventi estivi non vanno dimenticate le sagre organizzate dalla parrocchie: all inizio di luglio quella del Preziosissimo Sangue a Marcon, ad agosto la sagra di San Bartolomeo a Gaggio ed all inizio di settembre quella di San Liberale.

14 26 Concluso il progetto urbanistico al quale hanno lavorato gli alunni dell Istituto Comprensivo Malipiero CHIAMALACITTÀ: Marcon vista e progettata dagli alunni delle scuole Dalle risposte dei ragazzi i luoghi belli e brutti di Marcon e le proposte per cambiare Si è concluso nei giorni scorsi Chiamalacittà, il progetto promosso dall Amministrazione comunale, in collaborazione con gli architetti Alberto Miggiani e Paola Malgaretto, dell Istituto Nazionale di Bioarchitettura. L iniziativa fa parte delle attività di partecipazione relative alla realizzazione del PAT (Piano di Assetto Territoriale) ed ha lo scopo di far conoscere ai ragazzi il territorio in cui vivono, al fine di riconoscere le realtà positive e/o negative e formulare alcune proposte di cambiamento. Il progetto è iniziato nell anno scolastico 2006/2007 ed ha coinvolto la classe quarta (ora quinta) della scuola primaria Carducci di Gaggio e l allora classe 1^ D (ora 2^ D) della scuola secondaria di I grado Malipiero. Gli alunni della scuola primaria hanno svolto il proprio lavoro nell ambito della frazione di Gaggio ed in particolare con riferimento al percorso casa scuola ed al giardino della struttura scolastica. I ragazzi della scuola secondaria, essendo residenti a Marcon, Gaggio e San Liberale, hanno sviluppato l analisi e formulato le proposte con riferimento all intero Comune. >> Foto di gruppo degli alunni con il vicesindaco, gli insegnanti e gli architetti Malgaretto e Miggiani. >>Foto di gruppo degli alunni con sindaco, vicesindaco, l assessore alla cultura, gli insegnanti, e l architetto Miggiani. A conclusione del progetto gli alunni, accompagnati dagli architetti Miggiani e Malgaretto e dagli insegnanti, hanno incontrato gli amministratori comunali, ai quali hanno illustrato il lavoro svolto. Per analizzare la situazione di Marcon gli alunni della scuola secondaria hanno realizzato anche un questionario al quale hanno risposto tutti i ragazzi che frequentano l istituto Malipiero. L indagine ha promosso i parchi, indicati come luoghi più piacevoli della città dal 27 % degli intervistati, seguono i centri commerciali (14%) ed a pari merito cinema e oratorio (13 %), significativo il fatto che il 10 % abbia indicato la biblioteca. Alla domanda di indicare il luogo non piacevole ben il 38 % ha segnalato il sottopasso autostradale, soprattutto perché ritenuto un luogo sporco e dove si potrebbero fare incontri sgraditi. Tra i ragazzi un altro 17 % esprime un giudizio negativo sulle piazze ed il centro urbano. Per quanto riguarda i bisogni, oltre il 12 % degli intervistati chiede più strutture sportive, altre richieste significative riguardano la creazione di luoghi d incontro, la sicurezza, la pulizia del territorio urbano ed i negozi, in particolare di moda e oggetti per collezionismo e modellismo. Una parte molto interessante dell analisi è quella relativa alla mobilità, dalla quale emerge che la grande maggioranza dei ragazzi (60 %) giudica la bicicletta il mezzo più adatto per spostarsi, ma lamenta la pericolosità delle strade a causa del traffico. Proprio da questa considerazione nasce una delle principali proposte formulate dagli studenti: la creazione di percorsi ciclopedonali sicuri per collegare tra loro i principali luoghi di Marcon. «Terremo conto nel PAT di questa progettazione - ha assicurato il sindaco, Pier Antonio Tomasi, complimentandosi con i ragazzi della scuola Malipiero per la qualità del lavoro svolto Durante il prossimo anno scolastico faremo un incontro specifico con le scuole, per ricevere ulteriori informazioni e proposte». Gli alunni della scuola Carducci si sono divisi in 5 gruppi, ciascuno dei quali ha individuato un luogo o tema su cui lavorare: le aree di raccolta dei rifiuti, gli incroci e attraversamenti stradali, la segnaletica orizzontale e verticale, la piazza I maggio, il cortile della scuola. Per documentare il lavoro svolto i ragazzi hanno realizzato foto, mappe e disegni. Anche in questo caso tutto è iniziato da un questionario al quale hanno risposto gli alunni della scuola. Come luoghi piacevoli emergono, a grande maggioranza, i parchi, seguiti dalla chiesa con l oratorio e dalla scuola. A giudizio dei ragazzi i luoghi non piacevoli sono, nell ordine, la rotatoria stradale del Valecenter, i marciapiedi dissestati, la piazza di Gaggio ridotta ad un parcheggio, il parco a causa di alcune presenze sgradite. >> L orto realizzato sul retro della scuola Carducci >> Il plastico realizzato dagli alunni della Carducci per descrivere come vorrebbero l area circostante la scuola. >> Il Sindaco discute con i ragazzi i risultati della ricerca. >> Il plastico realizzato dagli alunni della Malipiero per descrivere come vorrebbero il centro di Marcon. Dai ragazzi della scuola Carducci arriva la richiesta di aree verdi, luoghi d incontro, strutture sportive, una maggiore sicurezza stradale. Non mancano risposte più specifiche, nate proprio dall attenta osservazione del territorio, come ad esempio l installazione della segnaletica per indicare dov è la scuola, la dipintura delle strisce pedonali con colori che risaltino sull asfalto scuro ed anche l installazione di un totem, una figura ben visibile, da posizionare nei luoghi pericolosi, per attirare l attenzione degli automobilisti e indurli a rallentare. Molta attenzione è stata dedicata alla sistemazione del giardino della scuola, dove propongono di cambiare posizione al portabiciclette e sostituirne la tettoia rotta, sistemare la pavimentazione sconnessa, aggiungere cestini porta rifiuti, panchine ed una fontana. Infine i ragazzi chiedono la realizzazione di un piccolo orto sul retro dell edificio scolastico, ma nel frattempo, per vedere se la cosa potrebbe funzionare, hanno già iniziato a coltivare qualche ortaggio e piccoli frutti. «Le vostre proposte sono molto interessanti e sicuramente le terremo presenti ha commentato il vicesindaco e assessore all urbanistica Alessandro Scattolin dopo aver visto i risultati della ricerca e le proposte di cambiamento Stiamo già lavorando per creare piste ciclabili su tutto il territorio ed anche per la piazza di Gaggio c è già un progetto, perché avete ragione nell osservare che non è bello vedere tutte quelle auto parcheggiate davanti alla chiesa». 27

15 28 Cresce l attività nel settore urbanistico Per effetto della forte crescita della popolazione e degli insediamenti residenziali e produttivi, negli ultimi anni l attività del settore comunale uso ed assetto del suolo è aumentata notevolmente. Nonostante la grande mole di lavoro che sono stati chiamati a svolgere gli uffici hanno comunque continuato a svolgere in modo efficace le delicate funzioni demandate al settore. «Più gli uffici sono in grado di rispondere tempestivamente agli operatori e singoli cittadini, più efficace è l effetto del lavoro degli uffici sulla crescita e lo sviluppo del territorio osserva il vicesindaco e assessore all urbanistica Alessandro Scattolin Conseguentemente l Amministrazione comunale si è impegnata ad investire per incrementare l organico degli uffici con personale qualificato in grado di svolgere le delicate funzioni del settore». ATTIVITÀ DEL SETTORE USO E ASSETTO DEL TERRITORIO * Pratiche totali del servizio urbanistica di cui delibere di Giunta comunale delibere di Consiglio comunale determinazioni del responsabile Pratiche totali del servizio edilizia privata di cui permessi di costruire denunce di inizio attività sedute di commissione edilizia Pratiche totali del servizio edilizia pubblica Pratiche totali del servizio ambiente e protezione civile di cui controlli sulla qualità dell aria sopralluoghi su segnalazione interventi di disinfestazione e derattizzazione rimozione rifiuti abbandonati su aree pubbliche * periodo gennaio - maggio Una proposta dello Sportello Energia, attivato dal comune di Marcon assieme alla Provincia di Venezia e Legambiente Energia solidale: installare i pannelli fotovoltaici senza anticipare la spesa Per 10 anni l utente invece della bolletta dell energia elettrica paga le rate di un prestito, dopo l energia arriva gratis dal sole. Si può aderire fino al 30 giugno Ha raggiunto risultati superiori ad ogni previsione lo Sportello Energia, attivato dal comune di Marcon, assieme a quelli di Ceggia, Portogruaro, San Stino di Livenza e Torre di Mosto, con il patrocinio della Provincia di Venezia e la collaborazione tecnica di Legambiente (v. Qui Marcon 18). L aspetto più interessante è che lo Sportello Energia, oltre ad aver fornito informazioni e suggerimenti a circa 150 utenti, ha permesso la costituzione di un Gruppo d acquisto tramite il quale i cittadini hanno l opportunità di installare un impianto solare (fotovoltaico o solare termico) senza anticipare nessuna somma, ma semplicemente versando ad una banca l importo che nei prossimi 10 anni pagherebbero per la bolletta dell energia elettrica. Questo perché, grazie al numero significativo di adesioni raccolte, lo Sportello Energia è riuscito a contrattare condizioni particolarmente favorevoli sia con le aziende installatrici, sia con la Banca di Credito Cooperativo di Marcon, che erogherà finanziamenti a tasso agevolato agli utenti che aderiranno al progetto. La spiegazione dei vantaggi derivanti dall adesione alla proposta di installazione di un impianto fotovoltaico aderendo alla convenzione dello Sportello Energia e del Gruppo d acquisto è molto semplice. Prendendo come esempio una famiglia di 4 persone residente in un alloggio di medie dimensioni, si hanno due dati iniziali: il costo complessivo dell impianto fotovoltaico di circa 15 mila euro ed una spesa annuale per l acquisto di energia elettrica (la bolletta) di circa 500 euro l anno. Dal momento dell installazione dell impianto l utente non pagherà più la bolletta dell energia elettrica al fornitore, ma verserà lo stesso importo alla banca che ha erogato il prestito agevolato, aggiungendo alla rata di rimborso del prestito il contributo pubblico del conto energia, pari a circa euro annui. Conseguentemente in totale l utente verserà ogni anno alla banca circa euro, che in 10 anni andranno ad ammortizzare il prestito contratto per pagare l impianto. Nei successivi 10/15 anni di funzionamento dei pannelli fotovoltaici l utente non pagherà alcun costo per l energia elettrica e nemmeno il rimborso del prestito, per cui avrà un risparmio netto di almeno 500 euro l anno, che molto probabilmente risulterà superiore in considerazione del fatto che il costo dell energia elettrica è in continuo aumento. Inoltre continuerà ad incassare l equivalente del conto energia, la cui durata è di 20 anni dal momento dell installazione. Per usufruire di questa opportunità il cittadino-utente dovrà aderire ad un contratto tipo che è stato elaborato con la collaborazione tecnica degli esperti di Legambiente, i quali hanno valutato le offerte economiche e le tecnologie proposte da 17 aziende, scegliendo quella ritenuta più conveniente nel rapporto qualità-prezzo. L impresa prescelta garantirà un servizio chiavi in mano, comprendente l installazione dell impianto con le relative garanzie, la manutenzione periodica, l assolvimento di tutte le procedure burocratiche, le pratiche per la sicurezza di cantiere e quelle per l erogazione del prestito agevolato. Nell ambito delle attività dello Sportello Energia è stato elaborato anche un contratto-tipo per l installazione, sempre a condizioni agevolate. di pannelli solari termici per la produzione di acqua calda. «I risultati confermano la bontà della scelta di sviluppare non solo percorsi informativi sull uso delle energie rinnovabili, ma anche proposte per l installazione, come dimostrano le condizioni estremamente vantaggiose ottenute dal Gruppo d acquisto. Ad un anno dall installazione degli impianti fotovoltaici alla scuola Don Milani e al parcheggio dello stadio, questa esperienza dimostra la volontà e l impegno dell Amministrazione a proseguire nell uso delle energie rinnovabili e che, grazie all aiuto offerto da iniziative come lo Sportello Energia, questa scelta è possibile anche da parte dei singoli cittadini. Non intendiamo fermarci qui, l esperienza è stata molto lusinghiera nelle risposte e nei risultati e intendiamo proseguire ogni forma di incentivazione delle energie pulite sia nel settore pubblico che in quello privato». Per aderire alle proposte formulate dallo Sportello Energia c è tempo fino al 30 giugno, contattando il numero telefonico , oppure scrivendo all indirizzo Le informazioni si possono reperire anche sul sito: 29

16 30 I Volontari del Gruppo Airone hanno partecipato al progetto di collaborazione fra Veneto, Friuli Venezia Giulia e Slovenia Protezione Civile oltre i confini Concluso il secondo corso di protezione civile scolastica dedicato agli alunni della scuola Malipiero La protezione Civile di Marcon è sempre più spesso protagonista di iniziative che superano i confini comunali. Sabato 12 aprile, al Centro Culturale De Andrè, si sono incontrati i 21 gruppi di protezione civile della provincia di Venezia, della regione Friuli Venezia Giulia e dei distretti sloveni di Bovec e Capodistria-Pirano che hanno partecipato al progetto Interreg Italia Slovenia PREV CADSES. All incontro hanno partecipato esperti del settore, tecnici ed amministratori locali delle regioni Veneto e Friuli Venezia Giulia, e delle province di Venezia, Pordenone e Udine, i quali hanno esaminato le possibili collaborazioni tra gruppi volontari di regioni e stati diversi nell affrontare un emergenza di protezione civile, con particolare riferimento al rischio idraulico. Il progetto di cooperazione internazionale PREV - CADSES, finanziato dall Unione Europea e nel quale l assessorato alla protezione civile della provincia di Venezia ha svolto il ruolo di capofila, si è posto l obiettivo di omogeneizzare i sistemi di protezione civile di Veneto, Friuli Venezia Giulia e Slovenia ed ha impegnato per 2 anni i gruppi locali di protezione civile, tra i quali l Airone di Marcon, in fitto calendario di riunioni organizzative, convegni, esercitazioni congiunte. Eventi nel corso dei quali volontari, pubblici amministratori e >> I partecipanti al convegno conclusivo del progetto Italia - Slovenia PREV - CADSES >> I ragazzi che hanno partecipato all esercitazione di protezione civile giovanile tecnici, si sono scambiati reciprocamente informazioni ed esperienze sull organizzazione delle strutture, le attrezzature, le modalità d intervento, la formazione dei volontari, il rapporto con la popolazione. Domenica 18 aprile, al Parco dello Zero, si è svolta un esercitazione di soccorso pubblico che ha impegnato il Gruppo di Protezione Civile Giovanile Airone di Marcon, i Gruppi Giovanili dei Vigili del Fuoco Volontari di Bovec e Kranjska Gora (Slovenia) e gli alunni delle classi terze A e B della scuola secondaria di I grado Malipiero, che durante l anno scolastico 2007/2008 hanno partecipato al corso di protezione civile scolastica. Per l intera mattinata gruppi misti di ragazzi italiani e sloveni hanno simulato alcuni classici interventi di protezione civile: il contenimento dell esondazione di un corso d acqua, l allestimento di una tendopoli, l uso delle manichette antincendio, la gestione delle comunicazioni radio in una situazione d emergenza. Al termine dell esercitazione agli alunni della scuola Malipiero è stato consegnato l attestato di partecipazione al corso. Nel pomeriggio, a San Liberale, nell ambito della Giornata della Sicurezza, i gruppi giovanili di Marcon e Bovec, hanno simulato l evacuazione, a seguito di un terremoto, della scuola Manin. Il corso di formazione rivolto agli alunni delle classi terze A e B della scuola Malipiero è stato gestito dai volontari dell Associazione Airone, con il duplice scopo di insegnare ai ragazzi come ci si deve comportare in una situazione d emergenza e illustrare quelli che sono i principi etici e solidaristici che animano i volontari di Protezione Civile, senza trascurare la speranza che i partecipanti al corso decidano di seguire l esempio dei loro coetanei che, dopo l analoga esperienza vissuta alcuni anni fa all interno della scuola, hanno deciso di entrare a far parte del Gruppo Giovanile di Protezione Civile Airone. I partecipanti al corso di apicoltura e gli alunni della scuola Don Milani hanno inaugurato la struttura creata dai soci dell APAT Primi allievi all apiario didattico di Cave Cavalli A Giovanni Pavan, decano degli apicoltori marconesi, un riconoscimento per una vita dedicata all apicoltura All apiario didattico di Cave Cavalli, di Gaggio, sono arrivati i primi allievi. Nel mese di maggio la stazione di apicoltura realizzata e gestita dai soci di Marcon dell APAT (Associazione degli Apicoltori delle province di Treviso, Belluno e Venezia) su un area concessa in uso gratuito dal Comune, ha ospitato due lezioni sul campo, alla prima delle quali hanno partecipato gli allievi del corso di apicoltura promosso dall assessorato all Ambiente del comune di Marcon, in collaborazione con l APAT e condotto dal tecnico apistico della stessa APAT Antonio Ceron. Al corso, aperto anche a persone semplicemente interessate a conoscere l affascinante mondo delle api, hanno partecipato 18 allievi, 7 dei quali praticavano già l apicoltura a livello amatoriale, mentre gli altri 11 erano neofiti, ma alcuni di loro hanno già deciso di procurarsi un arnia e intraprendere l allevamento delle api. La visita guidata si è conclusa con la consegna dei diplomi di partecipazione agli allievi, mentre i soci dell APAT hanno donato a Giovanni Pavan, decano degli apicoltori marconesi, una targa quale riconoscimento per una vita dedicata all apicoltura e ringraziamento, con affetto e simpatia, per l impegno nel promuovere l attività associativa e la disponibilità nel fornire preziosi consigli a tutti coloro che, nel corso degli anni, si sono avvicinati all apicoltura. «Il corso ha offerto un occasione per avvicinare alcuni cittadini ad un attività fortemente legata alla natura ha commentato l assessore all ambiente del comune di >> Da sinistra: l assessore Mauro Scroccaro, Giovanni Pavan e il presidente APAT Stefano Dal Colle. Marcon Mauro Scroccaro, intervenendo alla conclusione del corso Inoltre è un ulteriore tassello fra le diverse iniziative che abbiamo sviluppato e svilupperemo per valorizzare l area delle cave Cavalli, dove, anche grazie alla presenza della stazione di apicoltura, negli ultimi tempi non abbiamo più registrato abbandoni di rifiuti o altri gesti vandalici». «La cosa più bella di questo corso ha aggiunto Stefano Dal Colle, presidente APAT e vice presidente nazionale FAI (Federazione Italiana Apicoltori) è l adesione di un gruppo di giovani, che hanno voluto conoscere da vicino le api, la vita dell alveare ed i prodotti che si possono ottenere in modo assolutamente naturale. Spero sia di buon auspicio per diffondere la nostra attività». Dato il successo di questo primo corso, il Comune di Marcon e l APAT hanno già deciso di ripetere l iniziativa nel prossimo autunno. >> Foto di gruppo con l assessore Scroccaro per i partecipanti al corso di apicoltura e i soci APAT di Marcon. >> Gli alunni della scuola Don Milani ascoltano Antonio Ceron. A fine maggio l apiario didattico è stato invece visitato dagli alunni delle classi terze della scuola primaria Don Milani, i quali nelle settimane precedenti avevano partecipato ad alcune lezioni teoriche sulle api e l alveare, tenute da Antonio Ceron e altri soci APAT. Allo scopo di sviluppare ulteriormente le attività dell apiario, il Comune, tramite l APAT, offre ai cittadini di Marcon che vogliono dedicarsi all apicoltura amatoriale, ma non dispongono di un giardino, la possibilità di collocare alcune arnie nell area della stazione di apicoltura di Cave Cavalli. 31 Via S. Pellico, Marcon (Ve) Tel autorizzata

17 32 Presto un ordinanza vieterà di somministrare cibo ai colombi e obbligherà i proprietari di immobili a chiudere gli accessi ai luoghi di nidificazione A San Liberale gli allocchi contrasteranno la proliferazione dei colombi Si tratta di una farfalla le cui larve creano gravi danni alle piante e sono pericolose per l uomo a causa del rilascio di peli urticanti Lotta obbligatoria alla processionaria del pino 33 Scroccaro: «Va sottolineato che, nonostante una presenza significativa, non sono stati riscontrati problemi di carattere sanitario» Le disinfestazioni vanno effettuate alla fine dell estate e in inverno >> Colombi su un terreno agricolo >> Due esemplari di allocco accanto ad una cassetta nido (foto Stefano Bottazzo). Per contrastare la proliferazione incontrollata dei colombi nell area di San Liberale, l Amministrazione comunale di Marcon ha avviato un progetto che prevede, in collaborazione con i proprietari delle aziende agricole, l incremento degli uccelli predatori presenti nella zona. A tale scopo saranno liberati due giovani esemplari di allocco, che si aggiungeranno alle altre specie predatrici dei colombi già presenti, come lo sparviere, la poiana ed il gufo. Il progetto, presentato qualche settimana fa, prevede anche altre azioni ed è stato elaborato dopo un accurato lavoro di analisi dei problemi e censimento dei colombi, che ha portato all identificazione di una popolazione di circa 285 esemplari. «Va sottolineato precisa l assessore all ambiente, Mauro Scroccaro che, nonostante una presenza significativa di colombi, non sono stati riscontrati problemi di carattere sanitario. Tuttavia è opportuno intervenire perchè questi volatili, cibandosi di semi e granaglie creano danni alle attività agricole e problemi igienici per l imbrattamento da guano delle strutture nelle quali sostano o nidificano. L Amministrazione comunale di Marcon ha deciso di adottare metodi ecologici e non cruenti, perché l obiettivo non è di eliminare i colombi, ma soltanto di ridurne il numero ad un livello tale da non creare problemi agli abitanti e alle attività agricole della zona. Abbiamo perciò elaborato un insieme di azioni, tra le quali l impiego dei predatori naturali, che è un metodo ecologico tra i più accettati dall opinione pubblica e anche da alcune associazioni ambientaliste». «Ovviamente questo da solo non basta aggiunge Scroccaro Pertanto sarà predisposta a breve un ordinanza che stabilisce come devono comportarsi e cosa devono fare i cittadini per contribuire alla riuscita di questo intervento. Proprio perchè la collaborazione di chi vive e lavora a San Liberale è indispensabile, metteremo a disposizione di chi ne avesse bisogno, il consulente che ha collaborato alla predisposizione del progetto». L ordinanza vieterà la somministrazione o comunque di rendere disponibili per i colombi granaglie ed altri cibi ed obbligherà i proprietari di immobili ad intervenire per chiudere con rete tutti i varchi di accesso a quei luoghi, come ad esempio vecchi granai e sottotetti, che possono favorire la sosta e la nidificazione dei volatili. Con la collaborazione degli agricoltori e la consulenza di un esperto ambientale, saranno sviluppate anche scelte agronomiche in grado di incentivare l affermarsi di altre specie predatrici, oggi presenti solo sporadicamente o in periodi limitati dell anno. Per quanto riguarda gli allocchi, oltre alla liberazione dei due giovani esemplari forniti dal centro recupero rapaci di Padova della LIPU, saranno posizionate in zona numerose cassette nido appositamente realizzate, per consentire ai due volatili introdotti artificialmente e ad altri provenienti da altre zone, di colonizzare l area di San Liberale. Oltre a contribuire alla riduzione della presenza di colombi, l incremento delle specie predatrici comporta la riduzione di ratti, topi, arvicole e altri roditori di campagna, con benefici sia igienico-sanitari, sia alle produzioni agricole. Il comune di Marcon, in applicazione del decreto 30 ottobre 2007 del Ministero delle politiche agricole ha emanato un ordinanza che obbliga i proprietari di conifere (pino nero, pino silvestre, pino marittimo, pino d aleppo e piante simili) infestate dalla processionaria del pino ad eseguire adeguati interventi di disinfestazione. La Processionaria del pino è una farfalla con ciclo di vita annuale. A luglio gli insetti adulti sfarfallano dal terreno e depongono intorno agli aghi di pino le uova, dalle quali verso la metà o fine di agosto escono le larve, che si nutrono degli aghi di pino schelettrizzandoli. Con l avanzare dell autunno le larve formano il nido nel quale trascorrono l inverno. In primavera riprendono a nutrirsi e verso la fine di maggio scendono sul terreno e in fila indiana (comportamento da cui deriva il nome di processionaria) raggiungono un luogo nel quale interrarsi per formare la crisalide, che dopo un periodo di qualche mese si trasformerà nell insetto adulto, che uscirà dal terreno e sfarfallerà verso una pianta, dove deporrà le uova, dando inizio ad un nuovo ciclo. I segni più evidenti della presenza della processionaria su una pianta sono la perdita degli aghi e la presenza tra i rami dei nidi, costituiti da bozzoli setosi (vedi foto). A primavera inoltrata, osservando con attenzione i tronchi, tra l erba e a volte sulla pavimentazione stradale, è possibile vedere le processioni di larve. Oltre a danneggiare le piante, la processionaria è pericolosa per l uomo. Il contatto con i peli urticanti delle larve può provocare irritazioni cutanee, arrossamento degli occhi e reazioni allergiche o problemi più gravi se i peli penetrano nelle vie respiratorie e digestive. Pertanto è opportuno evitare di toccare sia i nidi, sia le larve ed eseguire gli interventi di disinfestazione proteggendosi adeguatamente o ricorrendo a personale qualificato. Gli interventi di disinfestazione vanno effettuati in due periodi dell anno. A fine estate (indicativamente nella seconda metà di settembre) quando le larve escono dalle uova, vanno effettuati uno o più trattamenti alla chioma con preparati microbiologici a base di Bacillus thuringiensis (varietà kurstaki) o con prodotti di sintesi (regolatori di crescita). Gli interventi vanno eseguiti nelle ore serali e in assenza di vento, avendo cura di bagnare la chioma in maniera uniforme. Il Bacillus thuringiensis è del tutto innocuo per l uomo, per i vertebrati e gli insetti utili in genere, però trattandosi di un prodotto biologico, ha una azione limitata nel tempo ed è facilmente dilavabile; perciò, in caso di forte infestazione o piogge nei giorni immediatamente successivi alla disinfestazione, è opportuno ripetere il trattamento. In inverno (indicativamente tra dicembre e l inizio di febbraio), quando i nidi sono ben visibili sulla chioma, si deve provvedere all asportazione dei nidi, mediante il taglio dei rami ai quali sono ancorati. In inverno l asportazione dei nidi è l unica forma di lotta attuabile, perché gli interventi con biocidi o prodotti di sintesi non avrebbero alcun effetto. L asportazione dei nidi va eseguita adottando adeguate misure protettive. Rami e nidi andranno successivamente bruciati. È assolutamente vietato smaltire le ramaglie infestate dai nidi o dalle larve di processionaria depositandole lungo le vie, per la successiva raccolta porta a porta da parte dell apposito servizio o conferendole all Ecocentro. Allo scopo di prevenire la proliferazione della processionaria del pino, gli agronomi consigliano di evitare la messa a dimora di conifere del genere Pinus (in particolare Pinus nigra) ad un altitudine inferiore ai 500 metri sul livello del mare. I.Ge.Co. snc - Impresa Costruzioni Generali di Marton Samuele & Alessandro OPERE CIVILI IN GENERE - COSTRUZIONI STRADALI - SCAVI FOGNATURE - URBANIZZAZIONI - LAVORI CHIAVI IN MANO Viale San Marco, 58 MARCON (Ve) - Tel Fax Cell

18 Sulle tavole di alunni e insegnanti le bottiglie di minerale sostituite da coloratissime caraffe di acqua dell acquedotto Nelle mense scolastiche l acqua del sindaco Una scelta motivata dalla volontà di perseguire obiettivi di rispetto ambientale tramite l eliminazione dei rifiuti 35 Da lunedì 5 maggio, dalle tavole delle mense scolastiche di Marcon sono scomparse le bottiglie in plastica di acqua minerale, sostituite da coloratissime caraffe riempite con acqua proveniente dall acquedotto, quella che sempre più spesso viene indicata come l acqua del Sindaco, per distinguerla da quelle ben più costose e meno ecologiche, prelevate da fonti ubicate nelle più disparate località italiane, imbottigliate in contenitori di plastica e che compiono viaggi più o meno lunghi a bordo dei camion prima di arrivare sulle nostre tavole. L innovazione, particolarmente importante dal punto di vista ambientale ed educativo, è stata decisa dall Amministrazione comunale, in accordo con il Consiglio d Istituto, la Commissione Comunale Mensa e Mo.Se., la società partecipata dal Comune che gestisce il servizio di refezione scolastica. «La scelta spiega l assessore alla pubblica istruzione, Gianpietro Puleo, in una lettera inviata a genitori, alunni e personale scolastico - è motivata dalla volontà di perseguire obiettivi di rispetto ambientale tramite l eliminazione dei rifiuti derivanti dal consumo di acqua in bottiglia di plastica e la riduzione dello spreco del bene-acqua, utilizzando soltanto quella di cui c è un effettivo fabbisogno degli utenti. A questo proposito ricordo che, attualmente, nelle mense scolastiche di Marcon vengono utilizzate, ogni settimana, dalle 700 alle 800 bottiglie di acqua da un litro e mezzo, per un consumo complessivo annuo di circa bottiglie. A questo si aggiunga che attualmente, per ragioni di sicurezza e igiene degli alimenti, le bottiglie aperte ma non utilizzate completamente e l acqua contenuta, vengono comunque eliminate come rifiuto. Altri vantaggi ambientali derivano dal non dover usare petrolio per produrre le bottiglie di plastica e dall eliminazione del traffico e inquinamento creati dai mezzi che trasportano le bottiglie d acqua». Per attuare concretamente la decisione di usare l acqua del Sindaco, la società Mo.Se. ha dotato tutte le mense scolastiche di Marcon di caraffe in materiale antiurto, per evitare il rischio di rotture accidentali e conseguenti ferimenti dei ragazzi. Il personale di Mo.Se. addetto allo scodellamento dei pasti adesso provvede anche al riempimento dei contenitori e alla somministrazione dell acqua durante i pasti. L uso dell acqua del rubinetto è stato approvato dalle dietologhe consulenti del Comune e della stessa Mo.Se., anche sulla base dei risultati d analisi trasmessi dall Azienda Servizi Pubblici Sile-Piave spa, che gestisce l acquedotto di Marcon. L uso dell acqua del Sindaco nelle mense scolastiche rientra fra le iniziative lanciate dal comune di Marcon allo scopo di ridurre la produzione di rifiuti e tutelare l ambiente. Proprio per dare un esempio concreto di come sia possibile fare a meno della minerale, già da alcuni mesi sui banchi del Consiglio comunale le bottigliette di plastica sono state sostituite da caraffe colme di acqua del rubinetto. Nel mese di luglio, invece, il comune di Marcon collaborerà alla distribuzione delle caraffe che Veritas offrirà in omaggio ai cittadini, allo scopo di incentivare il consumo di acqua potabile da bere.

19 36 È ripreso il Progetto giovani al quale partecipano alcuni gruppi informali del territorio I giovani protagonisti di eventi autogestiti >> Un murales realizzato alcuni anni fa nell ambito del Progetto giovani Confermando l impegno a favore del mondo giovanile, l Amministrazione comunale, ha rilanciato il Progetto giovani, coordinato dai servizi sociali del Comune e realizzato dagli operatori di strada della cooperativa Diogene che, soprattutto alla sera, incontrano le varie compagnie di giovani che si riuniscono in alcuni luoghi di aggregazione spontanea, come ad esempio le zone circostanti il Centro Culturale De Andrè, il Centro Civico e gli impianti sportivi di Gaggio. «Il Progetto si pone due obiettivi spiega l assessore ai diritti e solidarietà sociale Guido Scroccaro Il primo è di fare una fotografia del mondo giovanile e dei luoghi di aggregazione sparsi sul territorio di Marcon. Il secondo è di realizzare con i gruppi giovanili che lo desiderano alcuni micro progetti evento, sviluppando percorsi di cittadinanza attiva e partecipazione alla vita locale. Questa seconda parte del progetto è estremamente importante, perchè rendere il giovane protagonista e organizzatoregestore delle iniziative che si svolgono sul territorio è uno dei modi più efficaci per prevenire le situazioni di disagio». «Il Progetto è iniziato a gennaio e sta procedendo molto positivamente, dato che sono già stati stabiliti contatti diretti con alcune realtà informali giovanili continua Scroccaro Alcuni gruppi hanno proposto dei progetti da realizzare tra l estate e l autunno, con l obiettivo di dare spazio alla creatività giovanile e creare nuovi momenti e nuovi luoghi di aggregazione, elementi, questi ultimi, che spesso il mondo adulto non riesce a dare. Tra le diverse idee c è anche quella di organizzare un concerto musicale autogestito. L utilità del Progetto Giovani è confermata anche da altri fatti conclude l assessore ai diritti e solidarietà sociale - A Gaggio un gruppo ha contattato spontaneamente gli operatori di strada per chiedere di partecipare al Progetto, mentre si sta costituendo un nuovo gruppo di writers che avrà un proprio spazio, dato che quello attivo alcuni anni fa si è praticamente sciolto». Per il 2008 la spesa è stata innalzata all importo complessivo di 200 mila euro Potenziata l assistenza domiciliare e alle persone diversamente abili Una scelta dettata dalla volontà di continuare a migliorare la qualità della vita dei cittadini Il Consiglio comunale, su proposta della Giunta, ha approvato un integrazione di 30 mila euro della spesa destinata, nel 2008, all assistenza domiciliare e alle persone diversamente abili, elevandola alla somma complessiva di 200 mila euro. «Questo importo serve sia per coprire la parte non sanitaria dell assistenza domiciliare, della quale attualmente usufruiscono 32 persone disabili gravi, sia per garantire l accudienza a 7 minori che frequentano le scuole precisa l assessore ai diritti e solidarietà sociale Guido Scroccaro L incremento della spesa per questi servizi si è resa necessaria a seguito della decisione di potenziare e migliorare ulteriormente le prestazioni». «Lo sviluppo dell assistenza domiciliare e delle diverse attività di sostegno alle famiglie delle persone affette da gravi disabilità fa parte del nostro programma amministrativo e si pone come scelta alternativa rispetto al ricovero in strutture assistenziali continua Scroccaro - Il mantenere una persona malata Vuoi il mio posto? Prenditi il mio handicap «Vuoi il mio posto? Prenditi il mio handicap», è la frase apposta su una decina di cartelli segnaletici dei parcheggi del territorio comunale riservati alle persone diversamente abili. L installazione dei cartelli aggiuntivi è stata decisa dall Amministrazione comunale, allo scopo di invitare i cittadini ad avere un maggiore rispetto per le regole e soprattutto per i diritti delle persone diversamente abili. A >> Il Centro Civico, sede degli uffici dei servizi sociali. nella propria abitazione, pur fornendo tutta una serie di attività di supporto, comporta un notevole risparmio rispetto ai costi di un posto letto ospedaliero o in residenza sanitaria, ma soprattutto consente alla persona assistita di vivere meglio, nel proprio ambiente e circondata dalle persone care. Si tratta dunque di una scelta a nostro avviso irrinunciabile se vogliamo continuare a migliorare la qualità della vita dei nostri concittadini». L assistenza domiciliare integrata è un servizio erogato congiuntamente dall Azienda Ulss 12, che garantisce le prestazioni di natura strettamente sanitaria, cioè l assistenza medico-infermieristica e il Comune, che invece assicura le attività necessarie per consentire al paziente di mantenere un elevato livello di autonomia anche in condizioni di salute che ne limitano le capacità fisiche e motorie. Per quanto riguarda le scuole il Comune sostiene invece la spesa relativa al personale dedicato agli alunni che necessitano di forme specifiche di assistenza. Va ricordato che gli uffici comunali del settore servizi alla persona, che hanno sede al Centro Civico di via della Cultura, oltre a fornire numerose prestazioni dirette, offrono informazioni ed assistenza anche per l espletamento delle pratiche relative alla richiesta di prestazioni e contributi erogati da altri enti ed in particolare dalla Regione Veneto, quali, ad esempio, l assegno di cura - Alzheimer, il contributo badanti e quello per l assistenza a domicilio di anziani non autosufficienti. rotazione i 10 cartelli con la scritta «Vuoi il mio posto? Prenditi il mio handicap», saranno rimossi e collocati presso altri posti di sosta riservati alle persone diversamente abili. L effetto sorpresa, creato dalla periodica apparizione del cartello, dovrebbe infatti evitare che gli automobilisti si abituino all avvertimento e stimolare una maggiore attenzione e riflessione da parte di chi legge. Le contravvenzioni elevate dalla Polizia Locale per l indebita sosta nei posti riservati alle persone diversamente abili sono state 24 nel 2007 e 6 nei primi 2 mesi del

20 38 L assessora Fernanda De Lazzari illustra i progetti nel settore delle Pari Opportunità Pari Opportunità nella famiglia e nel lavoro Allo studio un progetto in collaborazione con l'istituto Malipiero per promuovere la conoscenza delle differenze di genere >> Un incontro organizzato da assessorato e commissione Pari Opportunità Sono rivolte soprattutto ai temi della famiglia e del lavoro le iniziative programmate per i prossimi mesi dall Assessorato alle Pari Opportunità e dalla commissione comunale Pari Opportunità, prevista dallo Statuto comunale quale organismo operativo attraverso il quale attuare i principi di uguaglianza e parità fra tutti i cittadini. La commissione ha il compito di formulare proposte finalizzate: a favorire una cultura di valorizzazione della differenza che, nel superamento di mentalità, atteggiamenti e modelli stereotipati, permetta la conoscenza di sè e dell altro, la formazione delle identità di genere, la relazione rispettosa tra i sessi, anche al fine di rimuovere e di prevenire le situazioni di disagio e di violenza; a promuovere azioni positive per le donne, al fine di rimuovere gli ostacoli che di fatto impediscono la realizzazione delle Pari Opportunità; a favorire iniziative di qualificazione e riqualificazione professionale della donna per agevolarne l inserimento nel mondo del lavoro; alla promozione e svolgimento di indagini e studi sulla situazione della donna e problemi relativi alla condizione femminile, diffusione dei relativi risultati e segnalazione delle situazioni di disparità. a porre in atto interventi per favorire ed agevolare l ingresso femminile nelle professioni e ai livelli nei quali tale presenza risulti carente; a riconoscere il valore del lavoro domestico e di cura e a promuovere una rete di servizi per tutti i componenti della famiglia, per il raggiungimento di un corretto equilibrio tra responsabilità nella famiglia, nel lavoro e nella società. «Le esperienze maturate negli anni scorsi e in questa prima parte del 2008 hanno dimostrato che a Marcon c è un forte bisogno di iniziative in due settori: il sostegno alla donna nell inserimento o reinserimento nel mondo del lavoro e interventi sui temi della famiglia spiega l assessora alle Pari Opportunità Fernanda De Lazzari Per quanto riguarda la prima questione abbiamo attivato alcuni progetti, attività formative, come ad esempio i corsi sull uso del computer e veri e propri servizi di consulenza. Il numero dei partecipanti ai corsi di autostima è stato così elevato che abbiamo dovuto organizzare due cicli di lezioni. Relativamente alla famiglia abbiamo riscontrato un forte interesse per i temi trattati nella serata dedicata al diritto di famiglia ed in particolare all affido congiunto dei figli di coniugi separati. Per l autunno stiamo pensando ad un incontro dedicato alla legge 194 del 1978, che tutti conoscono come la legge sull aborto, sulla quale c è molta confusione, se ne parla molto a favore oppure contro, ma spesso senza conoscerne davvero i contenuti, quindi crediamo sia opportuno un momento di informazione». Assessorato e commissione alle Pari Opportunità stanno lavorando anche all organizzazione di un iniziativa pubblica dedicata alla violenza sulle donne. Inoltre, sempre per iniziativa dell Assessorato e della Commissione è in fase di definizione un progetto da realizzare in collaborazione con l'istituto conprensivo Malipiero e rivolto ai ragazzi della scuola secondaria di I grado, con lo scopo di promuovere una azione di prevenzione del bullismo e dei comportamenti che tendono a far prevalere soltanto alcuni stereotipi di genere. Nell ambito delle iniziative per promuovere le Pari Opportunità è stato sottoscritto anche abbonamento al mensile di cultura e attualità Noi donne, che può essere consultato presso la biblioteca comunale. Tra il 2001 e il 2007 i cittadini originari di altri Stati sono aumentati del 370 %, con una netta prevalenza di cittadini dei Paesi europei La Comunità straniera di Marcon Le regole per l iscrizione all anagrafe italiana Negli ultimi 6 anni la comunità straniera residente a Marcon si è più che quadruplicata, passando dalle 125 persone del 31 dicembre 2001 alle 591 residenti alla stessa data del CITTADINI STRANIERI ISCRITTI ALL ANAGRAFE DEL COMUNE DI MARCON (AL 31/12/2007) Paese d origine M F T Romania Germania Polonia Francia Regno Unito Grecia Austria Ceca, Repubblica Danimarca Finlandia Ungheria TOTALE UNIONE EUROPEA Moldova Macedonia Albania Ucraina Montenegro Serbia Croazia Russia Turchia TOTALE ALTRI STATI EUROPEI Marocco Senegal Guinea Tunisia Nigeria Egitto Camerun Ghana Costa d Avorio Niger TOTALE AFRICA Brasile Colombia Cuba Argentina Costarica Dominicana, Rep Perù Ecuador Stati Uniti d'america TOTALE AMERICA Cina Giordania Iran Filippine India Iraq Giappone Sri Lanka Kazakistan Thailandia TOTALE ASIA TOTALE POPOLAZIONE STRANIERA Stranieri minorenni (nati dopo il 31/12/1989) Stranieri nati in Italia (tutte le età) Famiglie con almeno un componente straniero di cui con capofamiglia straniero 200 Le politiche dell integrazione svolte in questi anni dall Amministrazione comunale dimostrano chiaramente l impegno e l attenzione dedicati alla creazione delle condizioni per favorire l integrazione e l inserimento dei cittadini stranieri nella comunità marconese. Ne sono un esempio i corsi >> I giornali in lingua straniera disponibili alla biblioteca di Marcon. d italiano per stranieri, le attività informative ed i servizi attivati dal Comune, anche in collaborazione con altri enti pubblici, la presenza di molti minori stranieri nelle scuole di ogni ordine e grado del territorio. Particolarmente significativo è stato anche il coinvolgimento della comunità straniera in numerosi eventi e manifestazioni culturali, ad iniziare dal Mercatino di Natale e la Festa di primavera, senza dimenticare le pubblicazioni in lingua madre ed i corsi e dizionari disponibili alla Biblioteca comunale. Preme però sottolineare e far conoscere, attraverso la pubblicazione nelle pagine seguenti, le regole fissate dallo Stato per l iscrizione all anagrafe italiana e conseguentemente la permanenza in Italia di cittadini originari di altri Stati. SUDDIVISIONE DEI CITTADINI STRANIERI RESIDENTI A MARCON (IN%) LA BIBLIOTECA PER GLI STRANIERI Presso la Biblioteca di Marcon sono reperibili materiali per l apprendimento dell italiano seconda lingua, quali manuali, grammatiche e dizionari bilingui nelle lingue che maggiormente interessano i cittadini immigrati residenti a Marcon, comprese alcune pubblicazioni destinate ai ragazzi. Sono inoltre disponibili i giornali settimanali: The Guardian Weekly in lingua inglese e Gazeta Româneasca ˇ dedicato alle comunità romene residenti in Italia ed i mensili Africa Nouvelles, dedicato alle comunità francofone dell Africa Sub- Sahariana; Al Maghrebiya per i magrebini in Italia, in lingua araba; Gazeta Ukrainska, dedicato alle comunità ucraine residenti in Italia, in lingua ucraina e alfabeto cirillico; lo Shqiptari i italisë, dedicato alle comunità albanesi residenti in Italia, in lingua albanese. 39

PeR LAVORI. ESTATe 2008. COMUNE DI CURTAROLO Assessorato ai Lavori Pubblici

PeR LAVORI. ESTATe 2008. COMUNE DI CURTAROLO Assessorato ai Lavori Pubblici COMUNE DI CURTAROLO Assessorato ai Lavori Pubblici Poste Italiane Spa Tassa pagata Invii senza indirizzo AUT. DC/DCI/PD/7919/00/CS del 27-10-00 A tutte le Famiglie del Comune di Curtarolo ESTATe 2008 APeRTI

Dettagli

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 I conti del cittadino: come sono stati spesi i soldi di tutti Ecco le cifre del conto del bilancio 2005 LE ENTRATE ACCERTATE NEL 2005 SONO STATE PARI AD 43.962.251,42

Dettagli

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli IL SINDACO. Oggetto: Nuove disposizioni per il conferimento deirifiuti - Modifica sistema sanzionatone.

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli IL SINDACO. Oggetto: Nuove disposizioni per il conferimento deirifiuti - Modifica sistema sanzionatone. COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli Ordinanza sindacale jtt **$' f- 104Z IL SINDACO Oggetto: Nuove disposizioni per il conferimento deirifiuti - Modifica sistema sanzionatone. Premesso che con ordinanza

Dettagli

Antonio Marrazzo. Assessore al patrimonio, opere pubbliche e decoro urbano IL SINDACO E LA GIUNTA INCONTRANO I CITTADINI

Antonio Marrazzo. Assessore al patrimonio, opere pubbliche e decoro urbano IL SINDACO E LA GIUNTA INCONTRANO I CITTADINI Antonio Marrazzo Assessore al patrimonio, opere pubbliche e decoro urbano Attività dei diversi settori PROGETTI - N 101 - EDILIZIA SCOLASTICA tot 21.000.402,38 24% STRADE tot 12.155.500 23% ALLOGGI COMUNALI

Dettagli

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento La Relazione Geologica è allegata al presente progetto ed il suo contenuto ha approfondito le notizie generali di carattere geologico,

Dettagli

3.7 La Città per la sicurezza

3.7 La Città per la sicurezza 3.7 La Città per la sicurezza 3.7.1 Gli obiettivi di mandato «Vogliamo una città aperta perché libera e sicura, una città dove la sicurezza non sia rappresentata solo dal controllo del territorio esercitato

Dettagli

SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA. Corso di Laurea in Ingegneria per la Sicurezza dell'ambiente e del Lavoro

SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA. Corso di Laurea in Ingegneria per la Sicurezza dell'ambiente e del Lavoro SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA 1 Normativa di riferimento Legge nazionale di riferimento: Testo Unico in materia ambientale D.Lgs. 152/06 In Lombardia vige la L.R. 26/03 Disciplina dei servizi locali

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E DOTAZIONE L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni

Dettagli

PIANO FINANZIARIO T.A.R.I.

PIANO FINANZIARIO T.A.R.I. COMUNE DI MARANO DI VALPOLICELLA (Provincia di Verona) PIANO FINANZIARIO T.A.R.I. Allegato "B" alla CC. n. 13 del 27.07.2015 f.to Il Segretario Comunale ANNO 2015 1 1. PREMESSA Il presente documento riporta

Dettagli

PROGRAMMA N. 15: SICUREZZA

PROGRAMMA N. 15: SICUREZZA PROGRAMMA N. 15: SICUREZZA 195 196 15. SICUREZZA Progetto 15.1 Polizia Municipale Le attività della Polizia Municipale sono rivolte ad affermare e mantenere la legalità nella società civile, attraverso

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo Regolamento sulla gestione del centro comunale per la raccolta dei rifiuti urbani (CCR) Art. 183, comma 1, lettera c), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive

Dettagli

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE Ordinanza n. 755 del 12 novembre 2013 Oggetto: DIVIETO DI ABBANDONO RIFIUTI E MATERIALI IL SINDACO VISTO D.Lgs 03/04/06 n. 152 e s.m.i. Norme in materia ambientale ed in particolare: - l articolo 178 ove

Dettagli

Città di San Giorgio a Cremano REGOLAMENTO COMUNALE. Parchi e Giardini pubblici

Città di San Giorgio a Cremano REGOLAMENTO COMUNALE. Parchi e Giardini pubblici Città di San Giorgio a Cremano REGOLAMENTO COMUNALE Parchi e Giardini pubblici Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 49 del 9/07/2014 1 INDICE GENERALE REGOLAMENTO COMUNALE PARCHI E GIARDINI

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

RENDICONTO DI GESTIONE PARCO E VILLA REALE DI MONZA - ANNO 2006

RENDICONTO DI GESTIONE PARCO E VILLA REALE DI MONZA - ANNO 2006 RENDICONTO DI GESTIONE PARCO E VILLA REALE DI MONZA - ANNO 2006 ENTRATE CODICE RISORSA DESCRIZIONE RISORSA ACCERTATO 3010440 PROVENTI DIVERSI PARCO E VILLA REALE 6.015,00 3020520 FITTI REALI DI FONDI RUSTICI

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici. Terzo incontro di ascolto in Zona 6. Ex Fornace Naviglio Pavese, Alzaia Naviglio Pavese 16

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici. Terzo incontro di ascolto in Zona 6. Ex Fornace Naviglio Pavese, Alzaia Naviglio Pavese 16 Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Terzo incontro di ascolto in Zona 6 Ex Fornace Naviglio Pavese, Alzaia Naviglio Pavese 16 15 Settembre 2015 Il terzo incontro di ascolto con i cittadini della

Dettagli

SICUREZZA... riflessioni sul tema...

SICUREZZA... riflessioni sul tema... SICUREZZA... riflessioni sul tema... SICUREZZA VUOLE DIRE ANCHE... Si fa presto a parlare di sicurezza per il cittadino... la tematica della sicurezza riveste aspetti poliedrici della nostra vita; il Comune,

Dettagli

TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ MADDALENE

TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ MADDALENE TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ MADDALENE INDICAZIONI UTILI PER LA LETTURA DELLE SCHEDE La scheda è divisa in due parti. Nella prima parte sono elencati gli interventi realizzati nei quartieri interessati tra

Dettagli

Città di Bra Corpo Polizia Municipale

Città di Bra Corpo Polizia Municipale San Sebastiano 2013 Conferenza Stampa Attività Operativa POLIZIA MUNICIPALE Anno 2012 Bra, 17 gennaio 2013 . Controllo del territorio 1.315 servizi di pattugliamento diurno per un totale di 8.056 ore;

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni come

Dettagli

RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2010 DEL COMUNE DI VALERA FRATTA (LODI)

RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2010 DEL COMUNE DI VALERA FRATTA (LODI) COMUNE DI VALERA FRATTA PROVINCIA DI LODI P.zza Vittoria, 6 Tel. 0371.99000 Fax 0371.99348 c.a.p. 26859 E-mail: comunevalerafratta@virgilio.it RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2010 DEL COMUNE DI

Dettagli

PROPOSTE PER IL CONSIGLIO COMUNALE RAGAZZI

PROPOSTE PER IL CONSIGLIO COMUNALE RAGAZZI PROPOSTE PER IL CONSIGLIO COMUNALE RAGAZZI Anno Sc. 2006/ 07 Classe 4^ A Migliorare la scuola (giardino, fontana ) Ambiente a San Vito (verde, traffico, pulizia) Venire a scuola a piedi o in bicicletta

Dettagli

La Carta dei Servizi

La Carta dei Servizi La Carta dei Servizi - Allegato B - DETTAGLIO SULLE STRUTTURE E I SERVIZI FORNITI Le principali attività garantite da ACEA sono: la raccolta stradale per eco-punti; le raccolte domiciliari; il lavaggio

Dettagli

Provincia di Bergamo

Provincia di Bergamo COMUNE DI MORENGO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INDICE Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Compiti del Comune Art. 3 Compiti del gestore Art. 4 Compiti degli

Dettagli

TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ BERTESINA BERTESINELLA SETTECA STANGA

TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ BERTESINA BERTESINELLA SETTECA STANGA TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ BERTESINA BERTESINELLA SETTECA STANGA INDICAZIONI UTILI PER LA LETTURA DELLE SCHEDE La scheda è divisa in due parti. Nella prima parte sono elencati gli interventi realizzati

Dettagli

Carta dei servizi. Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana. Comune di Pradalunga. Comune di Ranica. Comune di Nembro

Carta dei servizi. Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana. Comune di Pradalunga. Comune di Ranica. Comune di Nembro Carta dei servizi Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana Comune di Nembro Comune di Ranica Comune di Pradalunga Comune di Alzano Lombardo che cos è la carta dei servizi La Carta dei Servizi

Dettagli

COMUNE DI NARNI REGOLAMENTO AREE ADIBITE A PARCHI, GIARDINI O VERDE PUBBLICO

COMUNE DI NARNI REGOLAMENTO AREE ADIBITE A PARCHI, GIARDINI O VERDE PUBBLICO All. A) COMUNE DI NARNI REGOLAMENTO AREE ADIBITE A PARCHI, GIARDINI O VERDE PUBBLICO TITOLO I NORMATIVA GENERALE Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina lo svolgimento dell attività all

Dettagli

TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ FERROVIERI SAN GIORGIO SANT AGOSTINO

TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ FERROVIERI SAN GIORGIO SANT AGOSTINO TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ FERROVIERI SAN GIORGIO SANT AGOSTINO INDICAZIONI UTILI PER LA LETTURA DELLE SCHEDE La scheda è divisa in due parti. Nella prima parte sono elencati gli interventi realizzati

Dettagli

Comune di Caronno Pertusella (VA) Piazza A. Moro 1 ORDINANZA

Comune di Caronno Pertusella (VA) Piazza A. Moro 1 ORDINANZA Comune di Caronno Pertusella (VA) Piazza A. Moro 1 ORDINANZA N. D ORDINE REGISTRO DELLE ORDINANZE 125 DATA EMISSIONE 21/11/2014 SETTORE SERVIZIO AFFARI ISTITUZIONALI ECOLOGIA OGGETTO DISPOSIZIONI IN MATERIA

Dettagli

LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NEL CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA

LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NEL CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA CONSORZIO INTERCOMUNALE AUTORITA DI BACINO TV 2 LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NEL CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA Giugno 2008 Il Consorzio Intercomunale Priula nasce nel 1987 per volontà di 5 Comuni

Dettagli

ANAGNINA-TOR VERGATA CORRIDOIO DEL TRASPORTO PUBBLICO. 17 settembre 2009. Inaugurazione

ANAGNINA-TOR VERGATA CORRIDOIO DEL TRASPORTO PUBBLICO. 17 settembre 2009. Inaugurazione ANAGNINA-TOR VERGATA CORRIDOIO DEL TRASPORTO PUBBLICO Inaugurazione 17 settembre 2009 Inizio lavori 28 gennaio 2008 Inaugurazione 17 settembre 2009 Importo contrattuale 10.800.000 Stazione appaltante:

Dettagli

Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia

Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia 1. Premessa Al fine di consentire una contabilizzazione uniforme della

Dettagli

COMUNE DI TORTOLI Provincia dell Ogliastra Ufficio del Sindaco

COMUNE DI TORTOLI Provincia dell Ogliastra Ufficio del Sindaco COMUNE DI TORTOLI Provincia dell Ogliastra Ufficio del Sindaco Ordinanza n. 46 del 27 Maggio 2013 Oggetto: Modalità di gestione e conferimento Rifiuti Solidi Urbani.- IL SINDACO (In qualità di Autorità

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto di. Zona 4. Il quartiere Molise-Calvairate ha fatto emergere la necessità di uno

Sintesi degli incontri di ascolto di. Zona 4. Il quartiere Molise-Calvairate ha fatto emergere la necessità di uno Sintesi degli incontri di ascolto di Zona 4 Molise Calvairate, Ortomercato Il quartiere Molise-Calvairate ha fatto emergere la necessità di uno spazio di aggregazione, di promozione culturale e di documentazione,

Dettagli

COMUNE DI MIRANDOLA (Provincia di Modena)

COMUNE DI MIRANDOLA (Provincia di Modena) Prot. 19079 6.10 del 17/11/2010 n. 18 del 17 novembre 2010 Oggetto: Raccolta differenziata dei rifiuti urbani e assimilati con modalità domiciliare nel centro storico e nell area urbana di Mirandola. IL

Dettagli

PIANO STRATEGICO PER LA RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI INDIFFERENZIATI E PER L INCREMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA

PIANO STRATEGICO PER LA RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI INDIFFERENZIATI E PER L INCREMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA PIANO STRATEGICO PER LA RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI INDIFFERENZIATI E PER L INCREMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA 1. Introduzione Nel corso degli ultimi decenni, l aumento generalizzato della

Dettagli

Tia. ontratto CITTA DI VENEZIA. Tia e nuovo contratto di servizio di Venezia (ANNO 2012)

Tia. ontratto CITTA DI VENEZIA. Tia e nuovo contratto di servizio di Venezia (ANNO 2012) Tia ontratto CITTA DI VENEZIA Tia e nuovo contratto di servizio di Venezia (ANNO 2012) La La produzione dei di rifiuti rifiuti dei TOT 179.229,47 36,27% differenziata 107.428,90 43,45% differenziata 56.042,74

Dettagli

TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ ARACELI SAN FRANCESCO SANT ANDREA

TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ ARACELI SAN FRANCESCO SANT ANDREA TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ ARACELI SAN FRANCESCO SANT ANDREA INDICAZIONI UTILI PER LA LETTURA DELLE SCHEDE La scheda è divisa in due parti. Nella prima parte sono elencati gli interventi realizzati nei

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI SCHEMA PROGRAMMA DEI LAVORI PUBBLICI E OPERE PUBBLICHE PIANO TRIENNALE 2006 2007 2008 ELENCO ANNUALE 2006

SETTORE LAVORI PUBBLICI SCHEMA PROGRAMMA DEI LAVORI PUBBLICI E OPERE PUBBLICHE PIANO TRIENNALE 2006 2007 2008 ELENCO ANNUALE 2006 Comune di Follonica SETTORE LAVORI PUBBLICI il Comune di follonica è certificato ISO 14.001/96 SCHEMA PROGRAMMA DEI LAVORI PUBBLICI E OPERE PUBBLICHE PIANO TRIENNALE 2006 2007 2008 ELENCO ANNUALE 2006

Dettagli

Primo Incontro di ascolto in Zona 2

Primo Incontro di ascolto in Zona 2 Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Primo Incontro di ascolto in Zona 2 Cascina Cattabrega,via Trasimeno 49 20 luglio 2015 All incontro hanno preso parte 36 persone. I partecipanti sono stati 25

Dettagli

COMUNE DI DECOLLATURA

COMUNE DI DECOLLATURA COMUNE DI DECOLLATURA ORDINANZA N.29 DELL 8.11.2010 ( PROVINCIA DI CATANZARO) Tel. 0968/61169 fax. 0968/61247 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO per le UTENZE DOMESTICHE RITENUTO necessario adottare apposito

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA ALLEGATO A alla Delibera del Consiglio Comunale n. 37 del 28/12/2015 COMUNE DI SCORRANO. (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Eguaglianza

Dettagli

Provincia di Milano, al via unità di crisi per casi di emergenza

Provincia di Milano, al via unità di crisi per casi di emergenza 27 novembre 2012, al via unità di crisi per casi di emergenza La ha approvato in giunta l istituzione dell Unità di crisi provinciale (Ucp), una sorta di coordinamento in grado di coordinare risorse umane

Dettagli

Comune di Portovenere

Comune di Portovenere Comune di Portovenere INTERVENTO DI MESSA IN SICUREZZA VIABILITA' PROVINCIALE SP-530 IN CORRISPONDENZA DEGLI ACCESSI AL BORGO DEL FEZZANO (PORTO VENERE), MEDIANTE LA REALIZZAZIONE DI ROTATORIA FUNZIONALE

Dettagli

RELAZIONE PREVISIONALE

RELAZIONE PREVISIONALE RELAZIONE PREVISIONALE RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2013-2015 SPESE INVESTIMENTO PER IL TRIENNIO ANNO 2013 1.2013 ACQUISTO ATTREZZATURE AD USO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA Si prevede l acquisto

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

Dal porta a porta alla tariffa puntuale nel Comune di Trento. Michelangelo Marchesi Assessore ad ambiente, mobilità e smart city del Comune di Trento

Dal porta a porta alla tariffa puntuale nel Comune di Trento. Michelangelo Marchesi Assessore ad ambiente, mobilità e smart city del Comune di Trento Dal porta a porta alla tariffa puntuale nel Comune di Trento Michelangelo Marchesi Assessore ad ambiente, mobilità e smart city del Comune di Trento Brescia, 30 aprile 2015 Legislazione italiana ed europea

Dettagli

COMUNE DI CAMPI BISENZIO PROVINCIA DI FIRENZE

COMUNE DI CAMPI BISENZIO PROVINCIA DI FIRENZE COMUNE DI CAMPI BISENZIO PROVINCIA DI FIRENZE PIANO INVESTIMENTI OPERE PUBBLICHE 2008-2009-2010 Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 20 del 27.3.2008 e successiva proposta di variazione della

Dettagli

COMUNE di PAGAZZANO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI COMUNALE

COMUNE di PAGAZZANO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI COMUNALE COMUNE di PAGAZZANO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI COMUNALE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento, adottato ai sensi del D.Lgs. 3 Aprile 2006 n 152 e successive

Dettagli

STATO DI ATTUAZIONE al 15 SETTEMBRE 2011 BILANCIO DI PREVISIONE INVESTIMENTI ANNO 2011

STATO DI ATTUAZIONE al 15 SETTEMBRE 2011 BILANCIO DI PREVISIONE INVESTIMENTI ANNO 2011 STATO DI ATTUAZIONE al 15 SETTEMBRE 2011 BILANCIO DI PREVISIONE INVESTIMENTI ANNO 2011 (Approvato dal Consiglio comunale con delibera n. 108 del 27 maggio 2011) Anno 2011 Protezione e valorizzazione dell

Dettagli

TOTALE 2010 STATO AVANZAMENTO ATTIVITA' E SEGNALAZIONI

TOTALE 2010 STATO AVANZAMENTO ATTIVITA' E SEGNALAZIONI Miglioramento del Parco di Via Magenta. Chiesto un tavolo con panca. Risposta Assessore ai Lavori Pubblici. Entro febbraio ottenuta la messa in opera. 1 Segnalazione di buche in numerose vie del Quartiere

Dettagli

COMUNE DI COMACCHIO. Provincia di Ferrara. Settore Territorio e Sviluppo Economico

COMUNE DI COMACCHIO. Provincia di Ferrara. Settore Territorio e Sviluppo Economico COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara Settore Territorio e Sviluppo Economico Allegato A STUDI DI FATTIBILITA - PROGRAMMA MANUTENZIONI INTERVENTI PIANO OPERE PUBBLICHE ANNO 2014 0. PREMESSE Il programma

Dettagli

Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE

Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE Art. n.1 Definizione e Campo di Applicazione. Le piazzole ecologiche o ecopiazzole sono aree attrezzate destinate

Dettagli

Il Bilancio di Previsione per il Cittadino

Il Bilancio di Previsione per il Cittadino Comune di Vicopisano Il Bilancio di Previsione per il Cittadino 2014 PREMESSA La riduzione ormai costante della contribuzione dello Stato nei confronti degli enti locali e l'avvio del cosiddetto "federalismo

Dettagli

BILANCIO PREVISIONE 2014 NUMERI TRA SERVIZI E PERSONE

BILANCIO PREVISIONE 2014 NUMERI TRA SERVIZI E PERSONE BILANCIO PREVISIONE 2014 NUMERI TRA SERVIZI E PERSONE Bressana Bottarone 15 luglio 2014 UN BILANCIO A META Il Bilancio 2014 è in realtà un bilancio a metà ovvero è un bilancio costruito per sei mesi sulla

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015 - PARTE ENTRATA

BILANCIO DI PREVISIONE 2015 - PARTE ENTRATA CAP codice voce econ Descrizione della tipologia di entrata da inserire nelle risorse ASSESTATO 2014 PREVISIONE 2015 0 0000000 Avanzo di amministrazione 50.200,00 50.000,00 Titolo 1 ENTRATE TRIBUTARIE

Dettagli

3. Il rapporto tra il Piano triennale delle opere pubbliche e il Piano dei servizi. 3.1. Qualche considerazione di carattere normativo e programmatico

3. Il rapporto tra il Piano triennale delle opere pubbliche e il Piano dei servizi. 3.1. Qualche considerazione di carattere normativo e programmatico 3. Il rapporto tra il Piano triennale delle opere pubbliche e il Piano dei servizi 3.1. Qualche considerazione di carattere normativo e programmatico La Lr. 12/2005 per il governo del territorio individua

Dettagli

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42)

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) Località: Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano

Dettagli

TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ VILLAGGIO DEL SOLE

TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ VILLAGGIO DEL SOLE TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ VILLAGGIO DEL SOLE INDICAZIONI UTILI PER LA LETTURA DELLE SCHEDE La scheda è divisa in due parti. Nella prima parte sono elencati gli interventi realizzati nei quartieri interessati

Dettagli

Comune di Vernate Provincia di Milano

Comune di Vernate Provincia di Milano Comune di Vernate Provincia di Milano SINTESI RISULTANZE FINALI RENDICONTO DELLA GESTIONE FINANZIARIA ANNO 2010 Con l approvazione del Rendiconto di gestione anno 2010 l Amministrazione Comunale vuole

Dettagli

Comitati di Quartiere e Periferie

Comitati di Quartiere e Periferie Comitati di Quartiere e Periferie ( Documento consegnato al presidente del Comitato Q6 il 14/02/2014 ). Lavori eseguiti: 1. Rotatoria di via Mantova; 2. Ripristino impianto di irrigazione di parco Asia;

Dettagli

vt.it integrazioni, DM

vt.it integrazioni, DM Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 01010 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www.comune.marta. vt.it Regolamento sulla gestione dell ecocentro comunale per la raccolta

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI COMUNE DI MOTTA VISCONTI PROVINCIA DI MILANO Piazza San Rocco 9/a 20186 MOTTA VISCONTI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI (PIATTAFORMA

Dettagli

ORGANI ISTITUZIONALI SERVIZI AMMINISTRATIVI. da finanziare 29.748. Amministrazione comunale Villa d'adda Proposta Bilancio di previsione 2009

ORGANI ISTITUZIONALI SERVIZI AMMINISTRATIVI. da finanziare 29.748. Amministrazione comunale Villa d'adda Proposta Bilancio di previsione 2009 ORGANI ISTITUZIONALI Indennità al sindaco, assessori e cons. comunali 28.000,00 Spese diverse per il consiglio e la giunta municipale 700,00 Polizza Amministratori 1.048,00 da finanziare 29.748 SERVIZI

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI. Nozioni

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI. Nozioni EcoCentro Lombardia Scheda Tecnica di Approfondimento Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI Nozioni Il Decreto legislativo n. 152/2006, Norme in materia

Dettagli

COMUNE DI MERLINO Provincia di Lodi

COMUNE DI MERLINO Provincia di Lodi REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI PRESSO LA PIAZZOLA ECOLOGICA COMUNALE Il presente regolamento determina i criteri per un ordinato e corretto utilizzo della piazzola ecologica

Dettagli

PROGETTO DI UN NUOVO PERCORSO CICLABILE E PEDONALE IN VIA VITTORIO VENETO A BOLZANO

PROGETTO DI UN NUOVO PERCORSO CICLABILE E PEDONALE IN VIA VITTORIO VENETO A BOLZANO RELAZIONE TECNICA PROGETTO DI UN NUOVO PERCORSO CICLABILE E PEDONALE IN VIA VITTORIO VENETO A BOLZANO A cura dell Ufficio Mobilità del Comune di Bolzano Ripartizione 5. Pianificazione e Sviluppo del 1.

Dettagli

BILANCIO 2015 CONSIGLIO COMUNALE 26 MARZO 2015. Relazione del Sindaco con delega al Bilancio dott. Davide Casati

BILANCIO 2015 CONSIGLIO COMUNALE 26 MARZO 2015. Relazione del Sindaco con delega al Bilancio dott. Davide Casati BILANCIO 2015 Comune di Scanzorosciate CONSIGLIO COMUNALE 26 MARZO 2015 Relazione del Sindaco con delega al Bilancio dott. Davide Casati IL TERRITORIO Superficie complessiva Kmq 11 Strade Km 70 Numero

Dettagli

RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI. Comune di PONTEBBA ANNO 2015

RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI. Comune di PONTEBBA ANNO 2015 RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI Comune di PONTEBBA ANNO 2015 Redatto ai sensi dell art. 8 del DPR 27/04/99 n. 158 in applicazione dell art.

Dettagli

Comune di Fano - Piano Triennale delle spese in c/capitale 2014-2016

Comune di Fano - Piano Triennale delle spese in c/capitale 2014-2016 01) Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 05) S e r v i z i o Gestione dei beni demaniali e patrimoniali 01) INTERVENTO Acquisizione di beni immobili 20105101 MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Dettagli

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE Assessorato Lavori Pubblici e Infrastrutture - Trasporto e Mobilità - Patrimonio - Sport e Benessere - Personale - Polizia Municipale - Onoranze Funebri FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO

Dettagli

COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE

COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE PROVINCIA DI VARESE POLIZIA LOCALE ORDINANZA N 103 Venegono Superiore, 20 novembre 2009 Oggetto: Disposizioni in materia di conferimento dei rifiuti. IL SINDACO Visto l art.

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PARTE I - ENTRATA

BILANCIO DI PREVISIONE PARTE I - ENTRATA PARTE I - ENTRATA avanzo di amministrazione di cui : Avanzo di amministrazione di cui : I TITOLO I ENTRATE TRIBUTARIE 24.852,2 0,00 24.852,2 0,00 24.852,2 0,00 24.852,2 0,00 0 Categoria ª - imposte imposta

Dettagli

CERTIFICATO DEL RENDICONTO AL BILANCIO 2013

CERTIFICATO DEL RENDICONTO AL BILANCIO 2013 CODICE ENTE 1 0 1 0 8 1 1 7 0 0 COMUNE OSASCO UNIONE DI COMUNI SIGLA PROV. TO CERTIFICATO DEL RENDICONTO AL BILANCIO 2013 Pag. 3 CODICE ENTE 1 0 1 0 8 1 1 7 0 0 COMUNE o UNIONE DI COMUNI DI OSASCO SIGLA

Dettagli

Comune di Ossona. 16 Progetti

Comune di Ossona. 16 Progetti Comune di Ossona 16 Progetti Scheda di progetto 1/16 Nuove aree verdi attrezzate Cittadini Risulta evidente in Ossona la scarsità di spazi verdi attrezzati di gioco dei bambini e di incontro di genitori.

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI

SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI GE.S.IDR.A. S.p.A. Gestione Servizi Idrici Ambientali Via Lazio sn 24055 Cologno al Serio (Bg) Tel. 035 4872331 - Fax 035 4819691 e-mail: protocollo@gesidra.it SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI

Dettagli

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani COMUNE DI SERMONETA Provincia di Latina Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani Approvato con deliberazione CC. n. 33 del 16/12/2013 Regolamento

Dettagli

Viabilità, mobilità ed opere pubbliche

Viabilità, mobilità ed opere pubbliche P a g e 1 Viabilità, mobilità ed opere pubbliche Lunedì 02 Febbraio 2016 Quartiere Libertà Centro Civico Libertà Ore 21:00 Relatore: Paolo Giuseppe Confalonieri Assessore mobilità e sicurezza INTRODUZIONE

Dettagli

MOBILITA. Più di ottanta le presenze, purtroppo nessun dialogo. n. 279 Anno 2013

MOBILITA. Più di ottanta le presenze, purtroppo nessun dialogo. n. 279 Anno 2013 n. 279 Anno 2013 MOBILITA Più di ottanta le presenze, purtroppo nessun dialogo Si è svolto Venerdì 13 Maggio l incontro sulla mobilità. Il Sindaco ha aperto i lavori seguito dagli interventi: di Franco

Dettagli

Per Pombia, Grazioli Sindaco PROGRAMMA AMMINISTRATIVO 2016-2021. attraverso accorgimenti tecnico-legali connessi all incasso delle somme previste, e

Per Pombia, Grazioli Sindaco PROGRAMMA AMMINISTRATIVO 2016-2021. attraverso accorgimenti tecnico-legali connessi all incasso delle somme previste, e PROGRAMMA AMMINISTRATIVO 2016-2021 Imposte e tributi: - riduzione addizionale IRPEF per il bilancio 2017: opereremo una prima riduzione dell addizionale IRPEF, portandola dallo 0,7 allo 0,65%. Questo sarà

Dettagli

Elaborato n 1 RELAZIONE TECNICA

Elaborato n 1 RELAZIONE TECNICA COMUNE DI TURRIACO PROVINCIA DI GORIZIA LAVORI DI SISTEMAZIONE VIABILITA PER REALIZZAZIONE DI UN PERCORSO CICLABILE - PEDONALE E SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE IN VIA AQUILEIA, VIA ROMA, VIA MEITNER,

Dettagli

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it Il piano generale di sviluppo 2010-2014 1 Cos è il piano generale di sviluppo Uno degli strumenti di programmazione e di rendicontazione finanziaria di mandato Citato (solamente citato) in due norme sull

Dettagli

COMUNE DI CASORATE PRIMO

COMUNE DI CASORATE PRIMO COMUNE DI CASORATE PRIMO Provincia di Pavia ************************************ PIATTAFORMA ECOLOGICA DI VIA MARCO BIAGI ************************************ REGOLAMENTO Approvato con Deliberazione di

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2014. Stampa per Codice di Bilancio

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2014. Stampa per Codice di Bilancio BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2014 Stampa per Codice di Bilancio R I S O R S A Accertamenti ult. eser. chiuso 999999 10 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE VINCOLATO 0.00.0000 999999 20 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA GENERALE DI VARIANTE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA GENERALE DI VARIANTE RELAZIONE ILLUSTRATIVA GENERALE DI VARIANTE INTRODUZIONE La presente relazione descrive gli interventi previsti nella Perizia di Variante n 2 nell ambito degli interventi del progetto ELIMINAZIONE DEI

Dettagli

TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ LAGHETTO

TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ LAGHETTO TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ LAGHETTO INDICAZIONI UTILI PER LA LETTURA DELLE SCHEDE La scheda è divisa in due parti. Nella prima parte sono elencati gli interventi realizzati nei quartieri interessati tra

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE URBANA NELLA CITTA DI BRA (RACCOLTA RIFIUTI E NETTEZZA URBANA) ALLEGATO 1 Modalità di espletamento dei servizi e Prezziario

SERVIZIO DI IGIENE URBANA NELLA CITTA DI BRA (RACCOLTA RIFIUTI E NETTEZZA URBANA) ALLEGATO 1 Modalità di espletamento dei servizi e Prezziario SERVIZIO DI IGIENE URBANA NELLA CITTA DI BRA (RACCOLTA RIFIUTI E NETTEZZA URBANA) ALLEGATO 1 Modalità di espletamento dei servizi e Prezziario SPECIFICA TECNICA SERVIZIO S1: Raccolta domiciliare e trasporto

Dettagli

La gestione finanziaria 1

La gestione finanziaria 1 CAPITOLO 6 BILANCIO COMUNE DI SERIATE ANNUARIO STATISTICO COMUNALE 2007 La gestione finanziaria 1 Le risultanze finali del conto di bilancio dell esercizio finanziario 2007 sono riportate nella Tavola

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 La politica non è nelle competizioni degli uomini; non è nei sonanti discorsi. È, o dovrebbe essere, nell interpretare l epoca in cui si vive (..).

Dettagli

COMUNE DI MONTALBANO JONICO CONTO DEL BILANCIO - Esercizio 2014 GESTIONE DELLE ENTRATE 16/04/2015 10:28 Pag. 1

COMUNE DI MONTALBANO JONICO CONTO DEL BILANCIO - Esercizio 2014 GESTIONE DELLE ENTRATE 16/04/2015 10:28 Pag. 1 GESTIONE DELLE ENTRATE 16/04/2015 10:28 Pag. 1 Residui conservati N. di Conto del tesoriere Determinazione dei Maggiori o e stanziamenti riferimento residui minori CODICE DESCRIZIONE definitivi allo Riscossioni

Dettagli

RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO CONSUNTIVO 2013 TARES PREVENTIVO 2014-2016 TARI CITTA DI ARESE

RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO CONSUNTIVO 2013 TARES PREVENTIVO 2014-2016 TARI CITTA DI ARESE RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO CONSUNTIVO 2013 TARES PREVENTIVO 2014-2016 TARI CITTA DI ARESE PIANO ECONOMICO FINANZIARIO TARES 2013 TARI 2014-2016 1 1. PREMESSA Il presente documento contiene la relazione

Dettagli

CITTÀ DI RAGUSA SETTORE VIII. www.comune.ragusa.it. ORDINANZA N. 275 R.O.S. del 06/02/2012. Oggetto: Regolamentazione servizio integrato dei rifiuti.

CITTÀ DI RAGUSA SETTORE VIII. www.comune.ragusa.it. ORDINANZA N. 275 R.O.S. del 06/02/2012. Oggetto: Regolamentazione servizio integrato dei rifiuti. CITTÀ DI RAGUSA www.comune.ragusa.it SETTORE VIII Ambiente, Energia, Protezione Civile Via Mario Spadola, 56 Pal. Ex Consorzio Agrario - Tel. 0932 676436 Fax 0932 676438 - E-mail giulio.lettica@comune.ragusa.gov.it

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE

BILANCIO DI PREVISIONE Comune di Cernusco Lombardone BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2015 al 19 maggio 2015 www.comune.cernuscolombardone.lc.it BILANCIO COME FUNZIONA Il bilancio di previsione del Comune risulta in pareggio: il

Dettagli

CURRICULUM VITAE E PROFESSIONALE

CURRICULUM VITAE E PROFESSIONALE CURRICULUM VITAE E PROFESSIONALE CURRICULUM VITAE: nato a San Martino di Lupari (PD) il 14 gennaio 1968; residente a Castelfranco Veneto (TV), borgo Treviso n 45/A; diplomato nel 1987 con maturità scientifica

Dettagli

COMUNE DI ORISTANO. Ordinanza Sindacale n. 49 del 04/07/2014

COMUNE DI ORISTANO. Ordinanza Sindacale n. 49 del 04/07/2014 Ordinanza Sindacale n. 49 del 04/07/2014 OGGETTO: INTEGRAZIONE DEL NUOVO SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DOMICILIARE PORTA A PORTA NEL TERRITORIO DELLA BORGATA MARINA DI TORREGRANDE - PERIODO 04/07/2014

Dettagli

COMUNE DI ONANO Provincia di Viterbo

COMUNE DI ONANO Provincia di Viterbo COMUNE DI ONANO Provincia di Viterbo REGOLAMENTO PER IL DECORO ESTETICO AMBIENTALE, L ARREDO URBANO, LA SICUREZZA. Approvato con delibera consiliare n. 4 del 11/05/2012 ARTICOLO 1. OGGETTO Il presente

Dettagli

A cura dell Ufficio del Controllo di Gestione

A cura dell Ufficio del Controllo di Gestione Giovani idee in. Porto Partecipo al Bilancio Com è strutturato il bilancio del Comune A cura dell Ufficio Che cos è il bilancio del Comune? Il bilancio è un insieme di documenti necessari per l organizzazione

Dettagli

ELENCO CAPITOLI USCITA

ELENCO CAPITOLI USCITA ELENCO CAPITOLI USCITA DESCRIZIONE 2010 2011 Indennità a Sindaco, Assessori e Consiglieri Indennità missione e rimborso spese per amministratori Rimborso datori di lavoro permessi amm.ri 18.400,00 18.400,00

Dettagli

Città di COLOGNO MONZESE. Area Torriani, l ipotesi di progetto per la riqualificazione dell area

Città di COLOGNO MONZESE. Area Torriani, l ipotesi di progetto per la riqualificazione dell area Area Torriani, l ipotesi di progetto per la riqualificazione dell area In questi mesi l Amministrazione ha presentato ai cittadini, nel corso di numerosi incontri pubblici, l ipotesi di riqualificazione

Dettagli

ALLEGATO ALLA BELIBERAZINE DEL CONSIGLIO COMUANLE N. 31 DEL 28/09/2014 PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI

ALLEGATO ALLA BELIBERAZINE DEL CONSIGLIO COMUANLE N. 31 DEL 28/09/2014 PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI ALLEGATO ALLA BELIBERAZINE DEL CONSIGLIO COMUANLE N. 31 DEL 28/09/2014 PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI A) Premessa Il presente piano finanziario, redatto in conformità a quanto

Dettagli