LINEE PROGRAMMATICHE DI MANDATO COMUNE DI PONTE SAN PIETRO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LINEE PROGRAMMATICHE DI MANDATO 2011-2016 COMUNE DI PONTE SAN PIETRO"

Transcript

1 LINEE PROGRAMMATICHE DI MANDATO COMUNE DI PONTE SAN PIETRO SICUREZZA E ORDINE PUBBLICO Attuazione dei cd. pacchetti sicurezza (applicazione decreti Maroni). Emissione di tutte le ordinanze necessarie per ripristinare la legalità in paese: ordine, pulizia, tranquillità e vivibilità Promuovere la firma di un protocollo di collaborazione tra Polizia Locale e Carabinieri per il controllo del territorio nelle ore diurne e notturne Lotta senza quartiere allo spaccio di stupefacenti in tutto il territorio comunale e soprattutto nelle zone sensibili quali per esempio Passerella, Via Petrarca, Isolotto, ecc.; retate coordinate, collaborazione tra le varie forze dell ordine e input costanti a queste ultime da parte dell amministrazione comunale (a seguito anche di segnalazioni di cittadini); educazione nelle scuole; opuscolo informativo alle famiglie Volontari a controllo dei parchi pubblici del paese, al fine di permettere la fruizione degli stessi a tutti e di prevenire episodi di vandalismo alle strutture Utilizzo di tutti gli strumenti legislativi a disposizione del sindaco per salvaguardare in modo incisivo la sicurezza dei cittadini sul territorio tramite: - utilizzo della Polizia Locale a pieno organico; possibilità di spostare un agente dagli uffici alla strada per una migliore gestione della turnazione e del presidio sul territorio - facilitazione del contatto tra cittadini, Polizia Locale e Amministrazione Comunale agevolando il cittadino nella segnalazione dei reati, delle denunce e delle situazioni di pericolo e degrado, tramite l istituzione di un Ufficio Sicurezza - aggiornamento parco automezzi e tecnologie presenti sulle auto della Polizia Locale - aumento del numero di telecamere presenti nelle zone critiche del paese (e verifica del funzionamento di quelle già installate), miglioramento dell illuminazione pubblica in queste aree - accordo con i privati che eventualmente si dotino a loro spese di sistemi di videosorveglianza nelle loro vie - sgomberi di abitazioni eventualmente occupate abusivamente - contrasto alla prostituzione in luoghi pubblici e negli edifici condominiali - redazione di un regolamento per i parchi e messa in sicurezza degli stessi - installazione di colonnine speed check Contrasto e controlli più assidui sull abbandono di veicoli Controllo accurato di tutte le richieste di licenze commerciali, per scongiurare l impianto sul proprio territorio di imprese paravento per attività illecite o veicoli del riciclaggio di denaro proveniente da attività criminose Contrasto al deturpamento di edifici e monumenti pubblici imbrattati Promozione e organizzazione di corsi di autodifesa personale Adesione al progetto in studio presso l Assessorato alla Sicurezza del Comune di Bergamo per la sicurezza dei pullman di linea nella città e nei paesi dell hinterland, Ponte San Pietro compreso, attraverso controlli saltuari della Polizia Locale, al fine di accertare la regolarità

2 dei documenti di viaggio e svolgere un ruolo di deterrenza aumentando il senso di sicurezza percepita Acquisto e addestramento di un cane antidroga per la Polizia Locale, coinvolgendo i comuni limitrofi interessati IMMIGRAZIONE Lotta alla clandestinità sul territorio con potenziati, costanti e continui controlli e identificazioni degli immigrati irregolari tramite la richiesta di esibizione di permesso di soggiorno, contratto di lavoro, contratto di locazione) e frequenti ispezioni in quegli appartamenti dove i cittadini segnalano strani movimenti diurni e notturni. Saranno controllati i contratti di locazione per verificare la presenza di irregolari e di locazioni abusive con denuncia dei proprietari di immobili conniventi Contrasto su tutto il territorio comunale al lavoro nero in generale ed in particolare a quello offerto a stranieri clandestini (esclusione per le imprese che vengono riconosciute colpevoli di tali reati dai concorsi per appalti e servizi comunali) Comunicazione ai cittadini dei reati nei quali si incorre dando ospitalità od alloggi ad immigrati illegali Emissione di ordinanza affinché siano identificati ed allontanati questuanti e venditori abusivi, presenti in area mercato e soprattutto negli spazi antistanti semafori per avvenuta violazione del codice della strada mediante intralcio al traffico Emissione di ordinanza ai sensi dell art. 54, comma 4, del decreto legislativo 18 agosto, n 267, per la tutela della sicurezza urbana e l incolumità pubblica in relazione al contrasto del commercio abusivo su aree pubbliche del territorio comunale, che vieta l'esercizio del commercio itinerante su particolari aree Emissione di ordinanza per vietare sosta a carovane di rom all interno dei confini comunali Regolamentazione più restrittiva e controllo dei phone center, applicando, come fatto in altri comuni, l articolo 7 della Legge Regionale n. 16 del sui parametri igienico-sanitari e sulla facoltà di circoscrivere a determinate aree la possibilità di realizzare e gestire i suddetti esercizi Accoglimento delle norme del decreto Maroni (pacchetto sicurezza legge 94/2009) e in particolare: - obbligo del rispetto per i servizi di trasferimenti di denaro della legge 94/2009 di acquisire e conservare per dieci anni copia del titolo di soggiorno dello straniero che effettua l operazione, nonché l obbligo di segnalare lo straniero all autorità di pubblica sicurezza in caso di mancata presentazione del titolo di soggiorno - cancellazione dello straniero dall anagrafe dopo sei mesi dalla scadenza del permesso di soggiorno (Legge 94/2009 art. 1, co. 28) - obbligo per i competenti uffici comunali di verificare le condizioni igienico sanitarie dell immobile a seguito della richiesta di iscrizione e variazione anagrafica - obbligo di dimostrare la disponibilità di un alloggio conforme ai requisiti igienico sanitari, nonché dotato di idoneità abitativa, accertati dai competenti ufficiali comunali, per lo straniero che richiede il ricongiungimento familiare Controlli serrati su ricongiungimenti familiari e dichiarazioni di ospitalità Giro di vite sui criteri di concessione della residenza a extracomunitari Definizione di requisiti per il rilascio della residenza nel comune ad extracomunitari quali:

3 - regolare permesso di soggiorno o carta di soggiorno - regolare contratto d affitto o di proprietà per l abitazione in cui si risiede - regolare contratto di lavoro Per l iscrizione anagrafica del cittadino dell Unione Europea avente un autonomo diritto di soggiorno e che decida di soggiornare (per un periodo di più di tre mesi) senza svolgere un attività lavorativa o di studio o di formazione professionale, egli dovrà produrre la documentazione che attesti la titolarità di una assicurazione sanitaria (o altro titolo comunque denominato) e dovrà dimostrare la disponibilità di risorse economiche sufficienti al soggiorno, per sé e per i propri familiari; sarà utilizzato a tal proposito il parametro dell importo dell assegno sociale, che varia a seconda del numero dei familiari conviventi, fatto salvo che nel calcolo del reddito complessivo andrà tenuto conto di eventuali ulteriori entrate da parte degli stessi familiari conviventi; tale disponibilità può essere dichiarata anche sottoforma di dichiarazione del richiedente, in questa circostanza tuttavia, preventivamente all iscrizione anagrafica, sarà compito degli uffici comunali preposti lo svolgimento di un adeguata attività di indagine e di verifica autonoma e indipendente in particolar modo in merito all individuazione della provenienza e alla liceità della fonte da cui derivano le risorse economiche In caso di celebrazione di matrimoni misti, controlli sulla regolarità del permesso di soggiorno da parte del cittadino extracomunitario coinvolto e controlli severi a norma di legge per evitare che si celebrino matrimoni di comodo Superamento del Tavolo sulle politiche relative all immigrazione Per contributi e sussidi prevedere: - introduzione dell obbligo di dimostrare di non avere alcuna proprietà nel paese di provenienza per la certificazione dello stato patrimoniale, necessaria per il calcolo dell Isee (una semplice autocertificazione non sarà più sufficiente) - verificare la necessità di un nuovo bando per la graduatoria di accesso alle case popolari COMMERCIO E ATTIVITÀ PRODUTTIVE Confronto e costruttiva collaborazione con i commercianti e l associazione Il Commercio per Ponte al fine di ricercare idee per rilanciare il commercio del paese Favorire l apertura di un negozio di generi di prima necessità a Locate (e, qualora si rivelasse necessario, anche al Villaggio) Ricercare sponsorizzazione per luminare natalizie nel centro storico Durante la Festa Patronale posticipare la chiusura dei parcheggi del centro storico dalle ore alle ore per favorire un maggiore afflusso nel corso della giornata Tutela degli esercizi commerciali di vicinato quali strumenti di mantenimento del tessuto sociale cittadino: Iniziative di degustazione di prodotti tipici di filiera corta (es. con Coldiretti) Tentare di valorizzare commercialmente anche il sabato con iniziative mensili per rivitalizzare il paese e il suo centro (senza ledere gli interessi degli esercenti già presenti) Valutare possibilità di dehors estivi in particolari vie del centro storico; occupazione suolo pubblico gratuita per servizi di ristorazione (e altro) con tavolini all aperto durante manifestazioni e ricorrenze tradizionali Svolgimento di concorsi in collaborazione con l associazione commercianti

4 Studiare la possibilità di organizzare a fine estate (ed eventualmente anche a fine inverno) il Fuori tutto : una sorta di outlet a cielo aperto per uno o più giorni, con la possibilità per i commercianti di svuotare i magazzini e portare le loro rimanenze di fine stagione in piazza e in strada a prezzi di stock Valutare le possibilità a norma di leggere per non rilasciare autorizzazioni per le attività commerciali alimentari (o laboratori artigianali) destinate alla vendita prevalentemente di prodotti etnici (es. kebab, ecc.) qualora siano presenti similari attività in un raggio da stabilire dal luogo di apertura richiesto (con tutela particolare dei centri storici); le insegne di tali esercizi dovranno essere in lingua italiana o bergamasca, oppure, se in lingua straniera, accostate alla lingua italiana; il soggetto che richiede l autorizzazione, oppure che l abbia già ottenuta, se di nazionalità straniera, dovrà essere a conoscenza della lingua italiana Impulso, quale comune capofila, per le iniziative del Distretto Torri e Ville dell Isola: - creare un pool ristretto formato dai commercianti più motivati, da esperti di marketing e di associazioni commerciali, dai sindaci o assessori delegati dei paesi membri e guidato dal sindaco del comune capofila (Ponte) - esso avrà il compito di elaborare proposte per il commercio nei paesi del Distretto e per creare una sorta di centro commerciale naturale formato dai negozi di vicinato - tra gli obiettivi da perseguire: innovare insegne (conservando quelle storiche) e locali degli esercizi commerciali; migliorare arredo urbano; creare parcheggi ben segnalati in cui poter lasciare l auto e arrivare nei centri storici a piedi - si punterà fortemente sulla comunicazione e sul marketing con tutti i mezzi a disposizione (tv locali, insegne lungo le strade, bacheche dei paesi, giornali, social networks, web con la creazione di un portale del Distretto, ecc.) - istituzione e distribuzione di una Carta Fedeltà, dotata di circolarità per gli esercizi che aderiranno all iniziativa - per il commerciante aderente, in cambio di una quota annuale (una piccola percentuale su ogni transazione ad esempio), in cambio potrebbe avere benefit quali, a mero titolo di esempio, logo, mascotte e tappetino del Distretto, volantini con le promozioni aggiornate dei negozi, newsletter, corsi di formazione, ecc. - saranno realizzate manifestazioni e iniziative ad hoc in collaborazione con le forze del territorio e sfruttando l evento, quando possibile, con un progetto di marketing ad ampio raggio (a mero titolo di esempio, unendo a concerti o spettacoli premi che possano consistere in sms sconto da poter spendere nei negozi nei giorni successivi) Riqualificare il mercato di Locate con banchetti di qualità e vario assortimento GESTIONE APPARATO COMUNALE E PERSONALE Costante aggiornamento dell informatizzazione degli uffici amministrativi e tecnici Studio della possibilità dell introduzione della tecnologia VoIP per le comunicazioni Razionalizzazione dei regolamenti comunali Criteri di meritocrazia nella gestione delle società partecipate Premi di risultato ai dipendenti comunali legati all efficienza e alla produttività propria, con verifica costante del raggiungimento degli obiettivi prefissati Disponibilità ad aggiornamenti dello Statuto in base alle sensibilità del nuovo consiglio comunale Massima trasparenza nei rapporti con la cittadinanza:

5 - potenziamento della comunicazione relativa all attività amministrativa - il dialogo e l ascolto prima di tutto, per un palazzo comunale più vicino alla cittadinanza e ai suoi reali bisogni - redazione periodica del Notiziario Comunale e distribuzione capillare dello stesso - riprese via internet o televisive del Consiglio Comunale - su temi specifici possibilità di avvalersi di questionari per sondare l opinione dei cittadini interessati - protocollo d intesa con le associazioni dei consumatori presenti nella nostra provincia per la redazione di una carta comunale dei diritti dei consumatori e degli utenti BILANCIO Proponiamo una gestione del bilancio basata su criteri di trasparenza e chiarezza al fine di rendere partecipi i cittadini e informarli circa l attuazione dei programmi Razionalizzazione dei costi, delle spese, delle consulenze e degli sprechi Perseguimento dell equità fiscale attraverso il recupero dell evasione fiscale; a tal fine sarà utile automatizzare gli uffici acquisendo idonei programmi informatici che consentano un controllo incrociato dei dati e una efficace azione di accertamento; sarà stipulato a riguardo un protocollo d intesa con l Inps e con l Agenzia delle Entrate (in base al quale al Comune spetterà una percentuale di quanto recuperato) Controlli rigorosi sulle certificazioni Isee presentate per ricevere contributi, agevolazioni o sussidi al fine di evitare abusi e sprechi di risorse Controlli sul pagamento tassa di occupazione suolo pubblico dei mercatari Attenta revisione dell albo dei beneficiari di provvidenze di natura economica Diversificare le entrate: vigilare con maggiore attenzione nell individuazione di forme di finanziamento alternative quali bandi e/o contributi europei, statali, regionali, provinciali, o provenienti da fondazioni bancarie, dal mondo produttivo e da altri enti Maggiore pubblicità alla possibilità di versare il 5x1000 al proprio Comune (con rendiconto delle attività finanziate) Applicare i decreti attuativi del federalismo demaniale, che per Ponte San Pietro riguarda la Galleria Parco delle Rimembranze e l ex-alveo torrente Quisa Applicare i decreti attuativi del federalismo municipale e impostare l azione amministrativa secondo il principio di sussidiarietà Valutare attentamente caso per caso l eventuale possibilità di adottare un imposta di scopo per finanziare le opere pubbliche di primaria importanza e non più rinviabili, fermo l obbligo di restituzione in caso di mancato inizio dell opera entro due anni dalla data prevista dal progetto esecutivo Redazione del bilancio sociale di fine mandato CULTURA Per la Biblioteca Comunale: - connessione internet wi-fi - sperimentazione apertura serale

6 - newsletter mensile culturale da inviare via mail a coloro che si iscriveranno al servizio, che elenchi le attività e le iniziative previste sia dalla biblioteca sia dal sistema bibliotecario e che indichi le novità librarie di recente acquisizione - dotazione della sala civica di Via Piave di videoproiettore per conferenze - ottimizzazione degli spazi destinati allo studio - ascolto degli utenti tramite questionari - organizzare la Settimana della Biblioteca : incontri, letture, animazione, ritiro libri usati, possibilità di scambiarsi libri, ecc. - proposta di formare un associazione legata alla biblioteca, nella quale far confluire i numerosi volontari che si trovano nella stessa e che organizzi eventi e manifestazioni culturali - revisione e rilancio di una Commissione a scopo culturale Eventi per artisti e artigiani di vecchi mestieri Valorizzazione delle risorse culturali presenti sul territorio, tramite il coinvolgimento di persone e gruppi di Ponte San Pietro, già impegnati nel settore Sfruttare maggiormente i teatri (o cinema) del territorio per eventi e manifestazioni Targhe sui nostri monumenti e censimento degli edifici storici, considerando la possibilità di organizzare visite, aperture, mostre Targhe per ricordare i luoghi (e le vittime) dei bombardamenti subiti dal paese durante la Seconda Guerra Mondiale ( ) Organizzazione di concorsi culturali (fotografia, poesia, pittura), coinvolgendo la popolazione e le scuole Sostegno al Corpo Bandistico comunale Sostegno alle associazioni culturali del territorio Promozione di iniziative culturali coinvolgenti quali la costituzione di gruppi di ritrovo a temi (es. circoli), concorsi ed altre proposte che possano venire dalla cittadinanza, oltre a iniziative di promozione della lettura tra i ragazzi delle scuole Diffusione dell identità storica di Ponte San Pietro tramite: - investimenti nell Archivio Storico e dell Immagine, incrementando il lavoro di digitalizzazione dei documenti - divulgazione del materiale dell Archivio Storico e dell Immagine in forma semplice e da mettere a disposizione dei cittadini - preparazione di una pubblicazione importante di carattere storico da inviare a tutta la cittadinanza - mostre su cartoline e lettere e vecchie foto di Ponte San Pietro Iniziative per la salvaguardia del patrimonio linguistico bergamasco: - toponomastica in bergamasco (e non, ove non rintracciabile) che identifichi angoli storici del paese (es. Stal Lonc, Moiana, Giurati, Fanfani, Stalèt, Merena, Palàss, Seré, Percantù, San Marco, Sottoriva, Càa di sass, ecc.) - corsi di lingua bergamasca - diffusione nelle scuole di materiale didattico per l apprendimento del bergamasco manifestazioni culturali legate alla tradizione bergamasca (incentivazione teatro dialettale)

7 SCUOLA Iniziative in collaborazione con l Istituto Comprensivo per politiche a sostegno delle scuole dell Infanzia, Primaria e Secondaria con programmi di investimento che aiutino la didattica e che migliorino le strutture esistenti. Proseguire e migliorare l esperienza del piedibus per il trasporto dei bambini a scuola Connessione internet nei plessi scolastici dell Istituto Comprensivo Mantenimento del servizio di trasporto pubblico Costante cura degli edifici scolastici e della loro manutenzione Vigilare sull applicazione del tetto massimo del 30% di alunni stranieri in classe Premi di studio da estendere anche ai laureati meritevoli Attenzione al servizio di mensa scolastica, con l intento di migliorarne la qualità Prevenire, non sottovalutare e, ove necessario, reprimere il fenomeno del bullismo Progetto sicurezza stradale nelle scuole in collaborazione con la Polizia Locale e la locale stazione dell Arma dei Carabinieri Incentivare la continuità degli alunni residenti a Ponte San Pietro all interno dell Istituto Comprensivo del paese combattendo la dispersione scolastica giovanile Attività di promozione e pubblicità presso gli imprenditori locali di quanto previsto dall art. 13 della Legge n. 40 del 2 aprile 2007, vale a dire la facoltà da parte delle aziende di versare direttamente alle scuole pubbliche del territorio, anziché al Fisco, il 2% del loro reddito imponibile, da destinare all innovazione tecnologica, all edilizia scolastica e all ampliamento dell offerta formativa POLITICHE SOCIALI La famiglia costituisce il perno di una comunità: investire sull istituzione familiare, e sulla famiglia naturale in modo preminente, significa investire sul futuro di tutti. Progetto «Un Ponte di solidarietà» a sostegno delle famiglie maggiormente colpite dalla crisi: - 5x1000 comunale da destinare in parte per il sostegno ai lavoratori rimasti privi di impiego - sostegno ai lavoratori disoccupati e alle persone che vivono situazioni di disagio lavorativo: acquisto di un numero da fissare di voucher orari detti buoni lavoro - sollecitazioni ai sindacati del territorio per corsi di riqualificazione professionale - studiare forme di prestiti d onore con istituti di credito per casi specifici di famiglie disagiate e prive di reti sociali di supporto Sostegno alle diverse forme associative del territorio con loro coinvolgimento in progetti di interesse sociale, aggregativo e ricreativo Collaborazione, attenzione e ascolto al prezioso mondo del volontariato Ascolto e collaborazione con le tre Parrocchie del territorio, per sostenere le loro attività a favore della comunità e della società civile Convenzione per l installazione di cassonetti dell Umanitaria Padana Onlus per il servizio di raccolta, trasporto e recupero di abiti, indumenti e scarpe usati Nuovo regolamento generale in materia di servizi sociali

8 Progetto «Ponte paese per crescere» (in collaborazione con l Assessorato alle Politiche Giovanili) per favorire la centralità della maternità e per la promozione e valorizzazione della famiglia, intesa come vincolo matrimoniale tra un uomo e una donna con figli: - potenziamento dei consultori, avvalendosi delle associazioni di volontariato - centralità del «quoziente familiare»: rimodulazione coefficienti Isee con criteri che tengano conto degli anni di residenza, della numerosità dei componenti della famiglia, della condizione dei figli a carico, della situazione lavorativa dei genitori e della presenza e tipologia di disabilità Politiche a tutela e aiuto dei minori: - massimo impegno nel sostegno e nell aiuto dei minori in difficoltà e in situazioni disagiate, promuovendo progetti di affido in famiglia e affidandosi anche alla collaborazione di personale professionale specializzato in ambito educativo - programmi di sensibilizzazione, informazione e prevenzione per contrastare i fenomeni di violenza, bullismo, devianza, emarginazione Per i soggetti più deboli della nostra comunità, le persone anziane e le persone diversamente abili, proponiamo i seguenti interventi: - maggiore attenzione e supporto alle famiglie per favorire il mantenimento delle persone anziane in famiglia, evitando altri interventi che spesso generano depressioni e peggioramenti di salute - studio per la realizzazione di una convenzione per un servizio di telesoccorso, in particolare per anziani, ammalati, bisognosi di assistenza o chi vive solo - accordi con enti e uffici che si impegnano a erogare i rispettivi servizi favorendo l accessibilità per gli anziani (percorsi senza barriere, sistemi di prenotazione con attese brevi e posti a sedere, moduli facili e leggibili, etichette chiare, ecc.) - incrementare le iniziative tese alla valorizzazione della persona anziana nel proprio contesto familiare, nel tessuto sociale, nella memoria storica della comunità - pubblicazione di una Guida ai servizi collettivi per le persone oltre i 70 anni - censimento delle barriere architettoniche ancora esistenti e loro abbattimento; particolare attenzione alla mobilità dei disabili Lotta assoluta contro qualsiasi forma di dipendenza da droghe: - incentrare le strategie di lotta alla tossicodipendenza su quattro livelli fondamentali: prevenzione, informazione sui rischi, cura e riabilitazione (focalizzando l attenzione sulle istituzioni scolastiche) - supporto alle famiglie ove sia presente un soggetto dipendente da sostanze stupefacenti - promuovere campagne di informazione basate su riferimenti culturali e sociali di rifiuto delle dipendenze in generale (farmaci, alcool, droghe classiche e nuove droghe ), orientate a diffondere tra i giovani comportamenti responsabili, autodeterminati e coscienti dei rischi connessi - favorire la possibilità di scelta di tutte le opzioni terapeutiche disponibili e contemporaneamente incoraggiare, tramite una corretta informazione, scelte consapevoli e responsabili volte al recupero globale della persona - favorire il coordinamento con le forze dell ordine in tutte le attività tese al contrasto dello spaccio e del riciclaggio del denaro derivante dal mercato illegale delle droghe

9 URBANISTICA E VIABILITÀ Piano parcheggi con preferenza, ove possibile e con il concorso di privati, a interventi multipiano Studiare la possibilità dell impiego di un bus/trenino navetta (a metano o elettrico) che colleghi i quartieri e le frazioni del paese durante eventi o spettacoli che attirano numerose persone, fissando le fermate, ove possibile, in prossimità di parcheggi (così da incentivare anche l arrivo da altri paesi), es. valutarne l impiego per Notte Bianca, manifestazioni in Piazza della Libertà, Cioccolandia, Capodanno, Festa Patronale, ecc. Massima attenzione alla mobilità pedonale e all abbattimento delle barriere architettoniche ancora esistenti Per quanto riguarda il Piano di Governo del Territorio (PGT) si prevede: - iniziale gestione del PGT approvato, con individuazione delle parti che meritano adeguamento o modifica ed eventuale successiva revisione ragionata del medesimo ai sensi degli articoli 7, 8, 9 e 10 della Legge Regionale 11 marzo 2005 n.12 seguendo tutte le procedure e le consultazioni previste - divieto a operazioni insediative di carattere residenziale, commerciale o produttivo nelle aree che meritano particolare tutela, quali l Isolotto e l area verde che circonda la Villa Mapelli - PGT a impatto zero: autorizzare il recupero dei volumi già esistenti anche se allo stato non destinati a residenza o altre funzioni e la riqualificazione, ove possibile, di aree abbandonate e/o dismesse; recupero e valorizzazione edifici dei centri storici; valorizzazione del patrimonio artistico e paesaggistico; tutela del verde e istituzione di corridoi ecologici - valorizzazione del trasporto ciclopedonale valutando l introduzione di un sistema di bike sharing nella zona della stazione - rivedere il progetto del Parco del Lesina e connettere idoneamente il futuro Parco del Quisa al quartiere di Briolo - area ex Legler: priorità assoluta affinché la maggior parte dell area rimanga industriale, vagliando la possibilità di giungere a un contratto di recupero produttivo in ottemperanza alle normative regionali - inserire il cd. diritto al sole : nelle nuove costruzioni si deve tenere conto di distanze sufficienti a garantire un corretto soleggiamento delle superfici esposte, evitando i troppo frequenti casi di finestre di abitazioni diverse poste a distanze troppo ravvicinate Interventi di riqualificazione dei centri storici del paese (incentivi o piani integrati per recupero edifici), finalizzati a rendere le nostre vie più belle e vivibili (piano del colore) Seguire l applicazione del protocollo d intesa Comune-Mazzucconi per il trasferimento dell attività Individuare zona per Area Feste Massima attenzione ai futuri progetti di riconversione dell area Vitali, in vista di un suo eventuale trasferimento Piano di salvaguardia dell Isolotto Isolotto Nostro, con tutti gli enti e le associazioni interessate, con l obiettivo di restituire alla gente di Ponte San Pietro (e non solo) il suo più grande polmone verde rimasto:

10 - no ai progetti edilizi nell area - cartelli di divieto di scarico rifiuti e controllo costante della pulizia del territorio, anche con il prezioso concorso di volontari e associazioni - controllo e monitoraggio inquinamento da piombo - adesione al Plis (Parco Locale di Interesse Sovracomunale) del Basso Brembo, con il fine ultimo di connettere l Isolotto idoneamente ai territori già inseriti nel Plis e premendo per un coinvolgimento nel Parco anche dei comuni di Curno e Treviolo - recupero e tutela sponde del fiume Brembo (attraverso gli appositi bandi regionali e/o europei e in collaborazione con gli enti preposti) - attivare contatti con il FAI - Fondo Ambiente Italiano - per sondare la disponibilità a collaborare alla tutela e al rilancio dell area attraverso progetti specifici da concordare e da finanziare - creazione del Parco Naturale dell Isolotto (con la richiesta della denominazione di Area Naturale Protetta) attraverso diverse aree con differenti destinazioni: 1) zona del paleoalveo del Brembo nella fascia demaniale a nord davanti a Via Mozart (parco pubblico quotidianamente vissuto dai cittadini con area giochi e picnic, attrezzature per bambini, famiglie, ecc.), 2) sponde del Quisa e del Brembo (percorso ciclopedonale - eventualmente messo in sicurezza con illuminazione e telecamere - Percorso Vita, sentieri didattici), 3) parco agricolo, con fattoria didattica (con il consenso degli interessati dell azienda agricola presente) per scuole, bambini, ecc., con la possibilità futura di dare vita anche ad un agriturismo - rifacimento della passerella tra Curno e Ponte sul torrente Quisa in collaborazione con il comune di Curno e studio della possibilità di erigere una nuova passerella in direzione sud al fine di un collegamento con il Plis esistente (in collaborazione con i comuni di Curno e Treviolo) - proporre il riconoscimento dei magredi dell Isolotto quale SIC (Sito di Importanza Comunitaria, es. a Pordenone) Studiare per particolari casi di incroci con semaforo l installazione dei sensori di monitoraggio del traffico per la regolamentazione differenziata dello scorrimento veicolare negli orari di punta Valutare l installazione di nuovi semafori contasecondi (Viale Italia e, se possibile, anche in Via San Clemente e Via Manzoni) Revisione e miglioramento della segnaletica orizzontale e verticale Creazione corsia preferenziale per le ambulanze in Via Forlanini (zona Policlinico), disincentivando la sosta selvaggia Studio della possibilità di creare in particolari aree del paese delle Zone 30, anche come soluzione per il superamento delle attuali ZTL, dei divieti di transito esistenti (con il coinvolgimento dei residenti e degli esercenti) e per ridurre inquinamento e pericolosità Revisione della viabilità tra via Sanzio e via Donatori degli Organi e Sangue per l immissione su via S. Clemente Revisione della viabilità in via Verdi e zona S. Anna Censimento di tutti gli appartamenti, uffici e immobili in generale presenti sul territorio lasciati sfitti e invenduti, al fine di valutare la reale necessità di nuove concessioni edilizie AMBIENTE ED ECOLOGIA Interventi per la tutela del paesaggio e del territorio quali:

Programma Amministrativo Alla gente di Ranica chiederemo sempre di partecipare e di esprimere le opinioni e le proposte di ciascuno sui vari problemi: sarà per noi il punto di partenza per risolverli.

Dettagli

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Programma Elettorale Elezioni Amministrative 25 Maggio 2014 1 Presentazione La lista civica OBIETTIVO COMUNE nasce dalla volontà di una numerosa squadra

Dettagli

g) il personale accompagnatore assume l obbligo di un attenta ed assidua vigilanza; ad esso fanno carico le responsabilità di cui all art.

g) il personale accompagnatore assume l obbligo di un attenta ed assidua vigilanza; ad esso fanno carico le responsabilità di cui all art. Istituto Comprensivo Rovereto Nord REGOLAMENTO VISITE GUIDATE, VIAGGI DI ISTRUZIONE E ATTIVITA DIDATTICHE E FORMATIVE SVOLTE IN AMBIENTE EXTRA-SCOLASTICO Art.1 Finalità e tipologia 1. Tutte le iniziative

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Sintesi risultati tavoli tematici e prossimi passi. Incontro plenario 14 giugno 2005

Sintesi risultati tavoli tematici e prossimi passi. Incontro plenario 14 giugno 2005 Sintesi risultati tavoli tematici e prossimi passi Incontro plenario 14 giugno 2005 Il percorso partecipativo di questo secondo ciclo del Forum di Agenda 21 locale è stato articolato in tre differenti

Dettagli

Comune di Ponte San Nicolò

Comune di Ponte San Nicolò Comune di Ponte San Nicolò SERVIZIO PUBBLICA ISTRUZIONE E SPORT Il Servizio è finalizzato a rendere effettivo il diritto allo studio, alla promozione e valorizzazione delle attività sportive, motorie e

Dettagli

Comune di Arluno. 21 Progetti

Comune di Arluno. 21 Progetti Comune di Arluno 21 Progetti Scheda di progetto 1/21 Tecnico settori urbanistica ed ecologia Piano regolatore generale con supervisione del PTCP e della VAS Tempi del progetto L intera comunità Il nuovo

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 INDICE CAPO I -

Dettagli

Partecipazione. Pianificazione. Responsabilità

Partecipazione. Pianificazione. Responsabilità Programma Elezioni Comunali Rimini 2011 Partecipazione Non ci sono politici di mestiere, i cittadini partecipano al governo della città Pianificazione Si condivide un progetto complessivo, si attua per

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria VINCENZO PIRO Dirigente Area Risorse Ambientali, Smart City e Innovazione Comune di Perugia PERUGIA SMART CITY: IDEE

Dettagli

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno PATTO PER LA SICUREZZA TRA LA PREFETTURA - UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO DI ASCOLI PICENO E IL COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO finalizzato alla realizzazione di iniziative per un governo complessivo

Dettagli

ALLEGATO 2 REQUISITI PER LE SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO

ALLEGATO 2 REQUISITI PER LE SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO ALLEGATO 2 REQUISITI PER LE SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO 1. Requisiti in capo al Responsabile ambientale 1.1 Generale REQUISITI OBBLIGATORI SI NO O1 O2 O3 O4 È stato nominato un responsabile ambientale

Dettagli

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011 L_ 1 `_ -F ' f. _ L/ 1 I BU 5 'Ez año Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 ELEZIONI DEL 15 E 16 MAGGIQ 2011 25 OTTOBRE 2011 ai. H/ úiscúíü"'7.7 i ÈL É' i ceurnonssrnn RIBOLDI SINDACO

Dettagli

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Poli coinvolti Polo industriale di Villorba Polo industriale di Conegliano Veneto - Vittorio Veneto collocati entrambi a nord del Comune

Dettagli

La pianificazione energetica Regioni e comunità a confronto L ESPERIENZA DEL COMUNE DI TAVAGNACCO(UD)

La pianificazione energetica Regioni e comunità a confronto L ESPERIENZA DEL COMUNE DI TAVAGNACCO(UD) La pianificazione energetica Regioni e comunità a confronto L ESPERIENZA DEL COMUNE DI TAVAGNACCO(UD) Udine, Palazzo della Regione 27 giugno 2014 La pianificazione energetica Regioni e comunità a confronto

Dettagli

31 marzo 2014 www.pluspomezia.it

31 marzo 2014 www.pluspomezia.it 31 marzo 2014 P.L.U.S. Piano Locale Urbano di Sviluppo POR FESR Lazio 2007-2013 OBIETTIVO Rigenerare il contesto sociale, ambientale ed economico dei centri urbani PROGRAMMA COFINANZIATO DAI FONDI STRUTTURALI

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 PUC3 COMUNE DI PARRANO Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 Interventi per la rivitalizzazione e rifunzionalizzazione delle aree urbane e dei centri storici Riqualificazione dell insediato storico

Dettagli

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno 1. Premessa ed obiettivi Nel mese di marzo 2007 con il Piano d Azione Una politica energetica per l Europa, l Unione

Dettagli

2.1.8 Legalità e sicurezza

2.1.8 Legalità e sicurezza 2.1.8 Legalità e sicurezza Legalità e sicurezza Le attività finalizzate a garantire la sicurezza urbana e la civile convivenza tra i cittadini sono svolte da: Corpo di Polizia Locale di Roma Capitale al

Dettagli

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 REGIONE LIGURIA TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 INTERVENTI DI PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE E MISURE

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani Consigliere provinciale MAURO MINNITI Via Perathoner, 10 39100 BOLZANO Tel. 0471-946209 www.minnitimauro.it info@minnitimauro.it DISEGNO DI LEGGE PROVINCIALE LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento

Dettagli

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O Q U E S T I O N A R I O C O N O S C I T I V O P A R T E C I P A Z I O N E

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro Regolamento per l istituzione e la tenuta dell Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 30

Dettagli

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale fe r ma t a S. R it a via ma ssaren ti Nella zona intorno a via Scandellara (tra via del Terrapieno, la ferrovia Sfm Veneta e la

Dettagli

La mappa delle esigenze del territorio

La mappa delle esigenze del territorio La mappa delle esigenze del territorio Settembre - Ottobre 2014 Luoghi di aggregazione Valorizzando strutture già esistenti, serve la creazione di nuovi luoghi di socializzazione e integrazione, per favorire

Dettagli

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Dimensione/dominio Funzioni Piano strategico Tema Descrizione Standard materiali di vita (reddito,consumi,ricchezz

Dettagli

CITTA DI SANTENA TERMINE PER LA CONCLUSIONE DEI PROCEDIMENTI SERVIZI AL CITTADINO E ALLE IMPRESE PROVINCIA DI TORINO ALLEGATO B SCHEDA RELATIVA AI DEI

CITTA DI SANTENA TERMINE PER LA CONCLUSIONE DEI PROCEDIMENTI SERVIZI AL CITTADINO E ALLE IMPRESE PROVINCIA DI TORINO ALLEGATO B SCHEDA RELATIVA AI DEI ALLEGATO B SCHEDA RELATIVA AI PER LA CONCLUSIONE DEI PROCEDIMENTI DEI SERVIZI AL CITTADINO E ALLE IMPRESE URP E TUTTE LE ALTRE UNITA ORGANIZZATIVE DEL COMUNE Visione atti e rilascio di copie atti e provvedimenti:

Dettagli

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE Proposta di azione sociale Breve descrizione dell Idea / Progetto /Proposta Il Centro Socio Culturale Il Palazzone nasce in una zona della città legata a doppio filo

Dettagli

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile 21 Ottobre 2015 Efficienza energetica degli edifici: il valore della casa, il valore dell ambiente con

Dettagli

SETTORE SOCIO CULTURALE

SETTORE SOCIO CULTURALE SETTORE SOCIO CULTURALE Attività a carattere sociale Rapporti con i soggetti gestori dei servizi socio-assistenziali, coordinati a livello sovraterritoriale e gestiti dalla Fondazione Territori Sociali

Dettagli

AlpCoRe ALPI COMPETITIVE E RESPONSABILI

AlpCoRe ALPI COMPETITIVE E RESPONSABILI AlpCoRe ALPI COMPETITIVE E RESPONSABILI CARTA D IDENTITÀ DELL AZIENDA Nome azienda * Partita IVA, codice identificativo* Indirizzo* Telefono e Fax* Referente aziendale* E-mail referente aziendale* Settore

Dettagli

Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014

Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014 Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014 Alle Aziende ed Enti Associati Loro Sedi FEDERCULTURE SERVIZIO LEGISLATIVO CIRCOLARE 3/14 Oggetto: Disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale,

Dettagli

promozione sociale Le associazioni di Requisiti per diventare associazione di promozione sociale.28 Il registro dell associazionismo...

promozione sociale Le associazioni di Requisiti per diventare associazione di promozione sociale.28 Il registro dell associazionismo... Le associazioni di promozione sociale ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE Requisiti per diventare associazione di promozione sociale.28 Il registro dell associazionismo...29 Procedura per l iscrizione...31

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Provincia Autonoma di Trento ILLUMINAZIONE PUBBLICA Normativa e tecnologia Legge Provinciale 3 ottobre 2007, n. 16 Risparmio energetico e inquinamento luminoso MEZZOCORONA, 25 febbraio 2011 INQUINAMENTO

Dettagli

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI LETTERA AI CITTADINI Cari concittadini, il presente lavoro è redatto per approfondire la conoscenza degli interventi previsti

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO (PROVINCIA DI MODENA)

COMUNE DI MARANO SUL PANARO (PROVINCIA DI MODENA) COMUNE DI MARANO SUL PANARO (PROVINCIA DI MODENA) REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DEI SINGOLI VOLONTARI CIVICI Il presente regolamento(composto da n. 10 articoli) è stato approvato dal

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PROGETTO.VERSO LA FAMIGLIA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PROGETTO.VERSO LA FAMIGLIA COMUNE DI CANAL SAN BOVO Provincia di Trento REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PROGETTO.VERSO LA FAMIGLIA ALLEGATO alla delibera consiliare n 13 dd. 11 luglio 2008 IL SEGRETARIO COMUNALE 1 TITOLO I GENERALITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO COMUNE DI COLOGNO AL SERIO Provincia di Bergamo Allegato alla deliberazione del C.C. N. 17 in data 03.04.2007 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO CAPO

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del

Dettagli

PROGRAMMA AMMINISTRATIVE 2014

PROGRAMMA AMMINISTRATIVE 2014 PROGRAMMA AMMINISTRATIVE 2014 TERRITORIO Potenziamento delle strutture sul territorio : Realizzazione di progetti ex novo e di ristrutturazione affiancati da richieste di assegnazione di fondi europei,

Dettagli

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI All. B10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE R.Gio/CPA AMBITO ZONALE ALTO AGRI CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI Art.1 Definizione Il centro di aggregazione giovanile

Dettagli

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro Standard materiali di vita/ Benessere economico Salute/ Salute attivita' in collaborazione con i Comuni nel settore economico, produttivo, commerciale e turistico Servizi sanitari, di igiene e profilassi

Dettagli

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio LA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE La Fondazione

Dettagli

Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO)

Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO) ELEZIONE DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE (Art. 71, comma 2, D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267) (Comuni sino a 15.000 abitanti) Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO) Votazioni del giorno 25/05/2014 P

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020

PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020 PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020 PUNTO (3) SANITA E SERVIZI SOCIALI 1 2 SANITA' E SERVIZI SOCIALI L indirizzo sociale, ovvero il cittadino al centro del progetto comunale, è un punto fondamentale

Dettagli

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it Il piano generale di sviluppo 2010-2014 1 Cos è il piano generale di sviluppo Uno degli strumenti di programmazione e di rendicontazione finanziaria di mandato Citato (solamente citato) in due norme sull

Dettagli

Obiettivo 1 Strategie Azioni

Obiettivo 1 Strategie Azioni Obiettivo 1 Strategie Azioni Innovare i processi e le metodologie d'informazione e di comunicazione mirata Studiare e implementare nuove procedure per la gestione amministrativa e delle risorse umane Avviare

Dettagli

Rossana Arioli Piazza Formenti, 3 20013 Magenta (MI) 02 9735205 ufficio.stampa@comunedimagenta.it www.comunedimagenta.it

Rossana Arioli Piazza Formenti, 3 20013 Magenta (MI) 02 9735205 ufficio.stampa@comunedimagenta.it www.comunedimagenta.it Categoria 3 85 Scheda del progetto Comune di Magenta Rossana Arioli Piazza Formenti, 3 20013 Magenta (MI) 02 9735205 ufficio.stampa@comunedimagenta.it www.comunedimagenta.it Progetto di rinnovamento sito

Dettagli

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità Legge Regionale 22 marzo 1990, n. 22 Interventi a sostegno dei diritti degli immigrati extracomunitari in Toscana. Bollettino Ufficiale n. 20, parte prima, del 31.03.1990 Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES -

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Smart City Comuni in classe A 1 Indice 1. Il Patto dei Sindaci 2. Il Piano di Azione per l Energia Sostenibile PAES 3. Il progetto

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA Principi Ispiratori e Obiettivi Gli interventi di mutualità e solidarietà rientrano nella missione della Cassa Rurale che, come realtà radicata sul territorio,

Dettagli

AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita. L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune

AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita. L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune Il Consorzio Ingauno Energia Pulita: scopi e principali attività Perché unirsi Diritti e doveri del Consorzio

Dettagli

PUC3 PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO (D.G.R. N. 281 DEL 03/04/2013, art.4) Avviso pubblico

PUC3 PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO (D.G.R. N. 281 DEL 03/04/2013, art.4) Avviso pubblico PUC3 PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO (D.G.R. N. 281 DEL 03/04/2013, art.4) 1. Generalità Avviso pubblico La regione dell Umbria, con DGR 7 aprile 2013, n. 281, ha approvato l avviso per la presentazione

Dettagli

BUONO A FAVORE DELLE FAMIGLIE NUMEROSE CON ALMENO 4 FIGLI DI CUI ALMENO N.1 FISCALMENTE A CARICO

BUONO A FAVORE DELLE FAMIGLIE NUMEROSE CON ALMENO 4 FIGLI DI CUI ALMENO N.1 FISCALMENTE A CARICO BUONO A FAVORE DELLE FAMIGLIE NUMEROSE CON ALMENO 4 FIGLI DI CUI ALMENO N.1 FISCALMENTE A CARICO (D.D.G. N. 6440 del 28/06/2010) 1) FINALITA Attraverso l erogazione del Buono Sociale Famiglie numerose,

Dettagli

Antonio Marrazzo. Assessore al patrimonio, opere pubbliche e decoro urbano IL SINDACO E LA GIUNTA INCONTRANO I CITTADINI

Antonio Marrazzo. Assessore al patrimonio, opere pubbliche e decoro urbano IL SINDACO E LA GIUNTA INCONTRANO I CITTADINI Antonio Marrazzo Assessore al patrimonio, opere pubbliche e decoro urbano Attività dei diversi settori PROGETTI - N 101 - EDILIZIA SCOLASTICA tot 21.000.402,38 24% STRADE tot 12.155.500 23% ALLOGGI COMUNALI

Dettagli

10. SEGRATE UN COMUNE PIU VICINO AL CITTADINO

10. SEGRATE UN COMUNE PIU VICINO AL CITTADINO 10. SEGRATE UN COMUNE PIU VICINO AL CITTADINO Ancora più efficienza della macchina comunale grazie alla costante estensione dei servizi ottenuta mediante l ottimizzazione dei costi e dei tempi. Il Comune

Dettagli

Domanda di partecipazione sezione Azioni di eccellenza dei PAES

Domanda di partecipazione sezione Azioni di eccellenza dei PAES Quarta edizione - 2015 Segreteria organizzativa: Tel. 075.8554321 / Fa 075.8520429 Alleanza per il Clima Italia onlus coordinamento@climatealliance.it / mail@pec.climatealliance.it Via G. Marconi, 8 06012

Dettagli

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza.

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. LEGGE REGIONALE 7 agosto 2007, n. 8 Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SARDEGNA N. 26 dell

Dettagli

Comune di Monteprandone. Regolamento per la concessione di sovvenzioni, contributi e vantaggi economici ad Enti, Associazioni ed Istituzioni

Comune di Monteprandone. Regolamento per la concessione di sovvenzioni, contributi e vantaggi economici ad Enti, Associazioni ed Istituzioni Comune di Monteprandone Regolamento per la concessione di sovvenzioni, contributi e vantaggi economici ad Enti, Associazioni ed Istituzioni Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 5 del 16.02.2013

Dettagli

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo:

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo: PREMESSA Gli eventi traumatici e l'instabilità amministrativa che hanno dolorosamente segnato gli ultimi quaranta anni della nostra città hanno disperso le già labili tracce della sua tradizione comunale

Dettagli

Contro la crisi accanto alle famiglie

Contro la crisi accanto alle famiglie Contro la crisi accanto alle famiglie Coesione sociale Servizi educativi Sicurezze Coesione sociale e sostegno alle persone in difficoltà Misure anticrisi e sostegno alle famiglie Protocollo d intesa fra

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA PROGRAMMA 2012 - ANNUALITA 2013

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA PROGRAMMA 2012 - ANNUALITA 2013 AVVISO PUBBLICO AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA PROGRAMMA 2012 - ANNUALITA 2013 IL RESPONSABILE DEL in attuazione della deliberazione della Giunta Regionale n.19/04 dell 08/05/2012 e delle linee guida

Dettagli

Immagina il tuo PAES(e) Elabora il nostro PAES

Immagina il tuo PAES(e) Elabora il nostro PAES Comune di Castello d Argile Immagina il tuo PAES(e) Elabora il nostro PAES FORUM PARTECIPATO ALL ELABORAZIONE DEL PAES Primo incontro sabato 1 febbraio Costituzione del Forum della popolazione e degli

Dettagli

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 33 DEL 26.07.2006 1 Comune di Centallo REGOLAMENTO PER

Dettagli

ficazione e valorizzazione

ficazione e valorizzazione RV GROUP RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE ficazione e valorizzazione RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE PROJECT MANAGEMENT IMPRESA DI COSTRUZIONE impianti di climatizzazione e idrosanitari CHI SIAMO CHI

Dettagli

Regolamento per la disciplina. del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario

Regolamento per la disciplina. del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA Provincia di Bergamo Regolamento per la disciplina del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario ART. 1 - SISTEMA PUBBLICITARIO E INFORMATIVO 1) Nel territorio comunale,

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE ATTIVITÀ COMMERCIALI

QUESTIONARIO PER LE ATTIVITÀ COMMERCIALI Comune di Empoli INDAGINE CONOSCITIVA FINALIZZATA ALLA COSTRUZIONE DI UN QUADRO DI CONOSCENZA DEL TERRITORIO PRELIMINARE ALLA REVISIONE DELLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA QUESTIONARIO PER LE ATTIVITÀ COMMERCIALI

Dettagli

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 I conti del cittadino: come sono stati spesi i soldi di tutti Ecco le cifre del conto del bilancio 2005 LE ENTRATE ACCERTATE NEL 2005 SONO STATE PARI AD 43.962.251,42

Dettagli

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso PROGETTO ORTO SOLIDALE Orto del Sorriso INDICAZIONI GENERALI DEL PROGETTO: Il progetto di Orto Solidale Orto del Sorriso nasce dal desiderio di riscattare il termine LAVORO dandogli una valenza positiva.

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E DOTAZIONE L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni

Dettagli

Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi

Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi PIANO DI ZONA I triennio Annualità: I ann. II ann. X III ann. Progetto di durata biennale AMBITO _COMUNE DI BARI PROV Ba AUSL BA/4

Dettagli

CORPO POLIZIA MUNICIPALE

CORPO POLIZIA MUNICIPALE C I T T À D I P R O V I N C I A D I C A R I N I P A L E R M O CORPO POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEL CONTRASSEGNO DI PARCHEGGIO PER INVALIDI E PER L ISTITUZIONE DEI PARCHEGGI

Dettagli

5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori

5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori 5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori Riferimenti normativi Articolo 20 lett. A) punto ii e Articolo 22 del Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 13 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n 65 del 29 novembre 2004 pubblicata

Dettagli

COMUNE DI NONE Provincia di Torino

COMUNE DI NONE Provincia di Torino COMUNE DI NONE Provincia di Torino REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA 1 INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368, e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 8 gennaio 2004, n. 3; VISTO il decreto legislativo 22 gennaio 2004,

Dettagli

Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato: Regolamento per l istituzione e la tenuta

Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato: Regolamento per l istituzione e la tenuta Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato: Regolamento per l istituzione e la tenuta Approvato con delibera C.C. n. 61 del 17.12.2004 Art. 1 - Finalità 1. Il presente regolamento disciplina la

Dettagli

PATTO PER IL RISPETTO DEL DECORO URBANO E LA TUTELA DELLA «URBAN STREET ART»

PATTO PER IL RISPETTO DEL DECORO URBANO E LA TUTELA DELLA «URBAN STREET ART» PATTO PER IL RISPETTO DEL DECORO URBANO E LA TUTELA DELLA «URBAN STREET ART» TRA ROMA CAPITALE, con sede in Roma, Via del Campidoglio 1, Codice fiscale 024387505886, nella persona del Sindaco, On.le Giovanni

Dettagli

A partire dal. Fermo o sostituzione dei veicoli vietati con veicoli euro 5. - A carico del privato - Campagna informativa, controlli

A partire dal. Fermo o sostituzione dei veicoli vietati con veicoli euro 5. - A carico del privato - Campagna informativa, controlli Catalogo dei provvedimenti mutuati dai piani approvati dal o in corso di approvazione distinti tra misure con efficacia nel breve/medio periodo e misure di lungo periodo Misure con efficacia nel breve

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E LA POSA DI IMPIANTI SOLARI E FOTOVOLTAICI (da 1 a 5 Kwp) (approvato con deliberazione c.c. numero 21 del 30.06.2011) Pagina 1 di 5

Dettagli

Elenco per priorità generale

Elenco per priorità generale Comune di Isola Delle Femmine Elenco per priorità generale Triennio di riferimento 2009-2011 Reti distribuzione energia elettrica e gas Interventi volti all'autoproduzione energetica per i seguenti edifici

Dettagli

Comune di Trevignano Romano

Comune di Trevignano Romano Comune di Trevignano Romano (Prov. di Roma) REGOLAMENTO IN MATERIA DI FUNZIONAMENTO E RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER SALE GIOCHI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 51 del 13.10.2009 INDICE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR)

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) PROTOCOLLO D INTESA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Associazione Volontari Italiani del Sangue (di seguito denominato AVIS) VISTI gli articoli 2-3-13-19-32

Dettagli

COMUNE DI. (Provincia di.)

COMUNE DI. (Provincia di.) COMUNE DI (Provincia di.) Deliberazione della Giunta Comunale N... del Oggetto : Adozione della politica di Green Public Procurement (Acquisti Verdi GPP) L' anno duemilaedodici, il giorno del mese, nella

Dettagli

Dott. Francesco Petitto Direttore Area Rete e Commerciale. 3 Dicembre 2013

Dott. Francesco Petitto Direttore Area Rete e Commerciale. 3 Dicembre 2013 Dott. Francesco Petitto Direttore Area Rete e Commerciale 3 Dicembre 2013 Premessa In un momento di grande difficoltà come quello che stiamo vivendo, pensare alla nostra città ed in particolare alle nostre

Dettagli

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Comunicato Stampa FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Ieri sera l incontro con i cittadini cormanesi per parlare di territorio e residenza Cormano,

Dettagli

ENERGIA E AMBIENTE UN OFFERTA COMPLETA DI PRODOTTI E SERVIZI INNOVATIVI

ENERGIA E AMBIENTE UN OFFERTA COMPLETA DI PRODOTTI E SERVIZI INNOVATIVI Energia e Ambiente UN OFFERTA COMPLETA DI PRODOTTI E SERVIZI INNOVATIVI uroshunt propone soluzioni avanzate nel campo della produzione di energia, del riscaldamento e del raffreddamento. uroshunt, in partnership

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DEGLI INVALIDI DEL LAVORO TRA L I.N.A.I.L. SEDE DI ROVIGO E LA PROVINCIA DI ROVIGO

PROTOCOLLO D INTESA PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DEGLI INVALIDI DEL LAVORO TRA L I.N.A.I.L. SEDE DI ROVIGO E LA PROVINCIA DI ROVIGO PROTOCOLLO D INTESA PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DEGLI INVALIDI DEL LAVORO TRA L I.N.A.I.L. SEDE DI ROVIGO E LA PROVINCIA DI ROVIGO L I.N.A.I.L. sede di ROVIGO nella persona della Dottoressa Patrizia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA IGIENICO-SANITARIA DEL SERVIZIO PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI 2 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2 ART.

REGOLAMENTO PER LA TUTELA IGIENICO-SANITARIA DEL SERVIZIO PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI 2 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2 ART. REGOLAMENTO PER LA TUTELA IGIENICO-SANITARIA DEL SERVIZIO PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI 2 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2 ART. 2 - TUTELA SANITARIA DEL PERSONALE ADDETTO AL SERVIZIO 2 ART. 3 - DISINFEZIONE

Dettagli

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * ---

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE (approvato con Delibera di

Dettagli

Presenta le tre proposte principali emerse al tuo tavolo, specifica le modalità e i tempi di realizzazione e dai un titolo ai progetti.

Presenta le tre proposte principali emerse al tuo tavolo, specifica le modalità e i tempi di realizzazione e dai un titolo ai progetti. TAVOLO MILANO È SICUREZZA Presenta le tre proposte principali emerse al tuo tavolo, specifica le modalità e i tempi di realizzazione e dai un titolo ai progetti. Sicurezza vuol dire bellezza, benessere,

Dettagli

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO Stradale. Procedura concorsuale per l'assegnazione di contributi finanziari ai Regione Campania Decreto Dirigenziale 54 del 25/03/2013 COMUNI AZIONI PER LA SICUREZZA STRADALE PREMESSA...3 SETTORE A...3

Dettagli

2015-2016 IL NUOVO PIANO DELLA SOSTA E DELLA MOBILITÀ IN CENTRO STORICO

2015-2016 IL NUOVO PIANO DELLA SOSTA E DELLA MOBILITÀ IN CENTRO STORICO 2015-2016 IL NUOVO PIANO IN CENTRO STORICO Una scelta, una nuova vivibilità Obiettivi maggiore vivibilità del centro storico, recuperare e riorganizzare gli spazi del centro, rigenerazione urbana e ampliamento

Dettagli

Gruppo di Lavoro. Le scelte urbanistiche TERZO INCONTRO. Sala Polifunzionale della Biblioteca del Comune di Nembro, 20-02-2008 SCHEDE PROGETTO

Gruppo di Lavoro. Le scelte urbanistiche TERZO INCONTRO. Sala Polifunzionale della Biblioteca del Comune di Nembro, 20-02-2008 SCHEDE PROGETTO Introduzione Gruppo di Lavoro Le scelte urbanistiche TERZO INCONTRO Sala Polifunzionale della Biblioteca del Comune di Nembro, 20-02-2008 SCHEDE PROGETTO Il terzo incontro, a cui erano presenti 12 partecipanti,

Dettagli