cooperativa muratori cementisti ravenna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "cooperativa muratori cementisti ravenna"

Transcript

1 c. m. c. cooperativa muratori cementisti ravenna Cmc, Relazioni e Bilancio 2012

2

3

4 Cmc nel mondo Ieri Oggi Botswana Burkina Faso Colombia Costa d Avorio Egitto Eritrea Etiopia Filippine Francia Germania Iran Malesia Somalia Sudan Swaziland Taiwan Tanzania Zimbabwe Algeria Angola Belgio Bulgaria Cile Cina India Italia Laos Lesotho Malawi Mozambico Repubblica Ceca Singapore Sud Africa Tailandia Usa Zambia

5 Sedi Cmc Italia Sede Legale Ravenna via Trieste 76 tel fax Ufficio di Roma Roma via L. Bissolati 76 tel fax Ufficio di Milano Milano Torre Velasca 4 piano piazza Velasca 5 tel fax Estero Algeria Cmc Algeria Branch Cmc Ravenna Eurl Lotissement El Feth n.9 Sable Rouges, El Biar, Algeri tel fax Angola Cmc Sucursal de Angola Estrada de Benfica, Lar do Patriota ao km.1, Luanda tel fax Bulgaria Cmc di Ravenna Sofia Branch Arsenalski Blv. 5, Sofia tel fax Cina Cmc Asia, Shanghai Representative Office Rm 1109, Bld 1 No.106, Zhong Jiang Road Putuo District, Shanghai tel. +86/21/ fax +86/21/ Cmc China Branch Room 802, Moer Building A 60, Chuncheng Road Kunming city, Yunnan Province tel. +86/871/ fax +86/871/ Cmc Company Neiguanying Village - Dingxi County - Gansu Province tel. +86/932/ fax +86/932/ Francia Cmc di Ravenna France Sarl 15 Rue Taitbout, Parigi tel. +26/ fax +26/ India Cmc di Ravenna, India Representative Office Unit 608, 6th Floor, Andheri Kurla Road, Marol Andheri (E), Mumbai, , Maharashtra tel Laos Cmc Laos Branch House number 122, Unit 05, Saphanthongtai Village, Sisattanak district, Vientiane tel Lesotho Cmc-Botjheng Joint Venture Cmc Lesotho Branch Metolong Dam, Ha-Seeiso, Thaba-Bosiu, Maseru tel / / / Malawi Cmc Malawi Branch P.O. Box E720 Blantyre Mozambico Cmc Maputo Branch Cim Lda Cmc Africa Austral Lda Sulbrita Lda Avenida da Namaacha Km. 6, Matola tel fax Singapore Cmc di Ravenna Singapore Branch 11 A Tampines Avenue 1 Singapore tel fax Sud Africa Cmc Sud Africa Branch Side Investments (Pty) Ltd 17 Patrick Road, Jet Park, Boksburg1459, Johannesburg tel fax Dunrose Investments (Pty) Ltd Moreside Investments (Pty) Ltd Sidebar Manufacturing (Pty) Ltd 10 Winter Street, Industrial Area, P.P. Box 586, Barberton, 1300 r.s.a. tel fax Tailandia Cmc di Ravenna, Thailand Representative Office 209 K Tower (Tower A), 10th Floor Sukhumvit 21 Road (Asoke) Klongtoey Nuea, Watthana Bangkok tel Usa LM Heavy Civil Construction, Llc 100 Hancock Street, Suite 90, Quincy, Ma tel fax Zambia Cmc di Ravenna, Zambia Branch Cmc Bomar Joint Venture Plot 6702 Mwengele Street, Kabundi South, Chingola, Zambia tel

6 Sommario 5 Specializzazioni del Gruppo Cmc 5 Struttura del Gruppo Cmc 7 Organi sociali e Comitati 9 Principali dati del Gruppo Cmc Relazione sulla gestione Principali eventi del periodo Quadro di riferimento Risultati esercizio Situazione finanziaria Liquidità Patrimonio netto e prestito sociale Portafoglio Ordini Risorse umane Principali progetti in corso di realizzazione Attività diversificate Gestione del rischio Operazioni infragruppo Politiche Sociali Fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura dell esercizio Evoluzione prevedibile della gestione Conclusioni Bilancio consolidato Stato Patrimoniale e Conto Economico Nota Integrativa Allegati Relazione del Collegio Sindacale Relazione della Società di Revisione Bilancio d esercizio Stato Patrimoniale e Conto Economico Nota Integrativa Allegati Relazione del Collegio Sindacale Relazione della Società di Revisione 170 Focus Sociale 2012

7 Specializzazioni del Gruppo Cmc Il Gruppo Cmc opera nel settore dei grandi progetti infrastrutturali. Le sue specializzazioni sono le seguenti: Trasporti Strade, autostrade. Gallerie, ponti e viadotti. Ferrovie e metropolitane. Aeroporti. Opere idrauliche ed irrigue Dighe. Impianti idroelettrici. Gallerie. Acquedotti. Canali di irrigazione. Ecologia ed ambiente Impianti di depurazione e trattamento acque. Impianti di potabilizzazione. Fognature. Trattamento rifiuti tossici nocivi. Edilizia Edilizia civile e sociale (ospedali, case, scuole, edifici sportivi). Edilizia direzionale e terziaria (ipermercati, centri commerciali, edifici postali). Complessi turistici ed alberghieri. Opere industriali (centrali energetiche, silos). Restauri e recuperi. Opere portuali e marittime Difesa della costa, moli e banchine, dragaggi. Progetti di sviluppo integrato del territorio Struttura del Gruppo Cmc 5

8 6

9 Organi sociali e Comitati Consiglio di Amministrazione * Presidente Massimo Matteucci Vice Presidente Maurizio Fucchi Amministratore Delegato Dario Foschini Consiglieri Claudio Bandini Grazia Benazzi Marco Bulgarelli Marcello Cacucciolo Lorenzo Cottignoli Fausto Gatti Valerio Giuliani Fabio Monti Sergio Palazzo Sandra Trampetti Collegio sindacale * Presidente Gian Luca Bandini Sindaci effettivi Maurizio Rivalta Gian Marco Venturi Società di Revisione Deloitte & Touche Spa Organismo di vigilanza ex art. 6 D.Lgs. 231/2001 Presidente Gian Luca Bandini Membri Grazia Benazzi Riccardo Suprani Comitato Strategico Presidente Massimo Matteucci Amministratore Delegato Dario Foschini Direttore Generale Roberto Macrì * In carica fino all approvazione del bilancio al 31 dicembre In carica per il triennio

10 8

11 Principali dati del Gruppo Cmc Foto pag. 6-7 >Base militare Dal Molin Vicenza (Veneto) Riconversione di una parte dell aeroporto militare italiano Dal Molin a Vicenza. Foto pag > Nuova Aurelia Ss1 Savona (Liguria) Lavori relativi alla Ss1 Nuova Aurelia Viabilità di accesso all hub portuale di Savona. 9

12 10

13 11

14 12

15 13

16 1.0 Relazione sulla gestione 2012 Signori Soci, Signori Invitati, innanzitutto Vi ringraziamo per la partecipazione a questa Assemblea, convocata per l esame e l approvazione del bilancio d esercizio e del bilancio consolidato della Cooperativa Muratori & Cementisti Cmc di Ravenna per l esercizio Desideriamo rivolgere un saluto particolare ai rappresentanti delle Istituzioni e delle Organizzazioni economiche, sociali e politiche, la cui presenza in questa sede conferma la grande attenzione rivolta alle vicende della nostra Cooperativa. Cmc ricopre da sempre un ruolo di primaria importanza per la nostra comunità; ruolo che intendiamo rafforzare, nell interesse non solo del nostro sviluppo, ma anche di quello dell intero territorio. In considerazione della complessità dei progetti nei quali siamo impegnati in Italia ed all Estero, nonché dei tempi necessari per la redazione del Bilancio Consolidato (art. 40 del D.L. n.127 del 9 aprile 1991) l Assemblea, usufruendo della facoltà concessa dallo Statuto e dal Codice civile (art. 2364), ha luogo entro sei mesi dalla chiusura dell esercizio. Il bilancio consolidato dell intero Gruppo per l esercizio 2012 ha confermato sostanzialmente le attese con un valore della produzione di 908,6 milioni ed un utile al lordo delle imposte di 21,5 milioni, mentre gli stessi valori riferiti alla sola Cooperativa sono rispettivamente pari a 711,1 milioni e ad 18,9 milioni. Il portafoglio di circa 2,8 miliardi, un livello sostenibile di indebitamento ottimale e la continuità dei risultati positivi ci consentono di guardare al futuro con ragionevole ottimismo, anche considerando le iniziative promozionali in corso e l andamento generale dei contratti nei quali stiamo attualmente operando. 1.1 Principali eventi del periodo I principali eventi del 2012, sinteticamente, sono stati i seguenti: A livello consolidato di Gruppo, il volume della produzione si è attestato, come detto, a 908,6 milioni con una variazione positiva di 8,6 milioni rispetto al Il core business delle Costruzioni, al netto di rifatturazioni, capitalizzazioni e componenti straordinari, ha realizzato un valore della produzione di 759,4 milioni, facendo registrare un decremento sui valori del 2011 di circa 55,6 milioni, imputabile alle attività svolte in Italia per 21,3 (-5%) ed all estero per 34,3 (-8%). Il risultato operativo consolidato al lordo degli ammortamenti (Ebitda) passa da 97,0 milioni a 85,7 milioni. L utile ante imposte di 21,5 milioni ( 24,3 milioni nel 2011) conferma i risultati del comparto costruzioni ( 19,6 milioni contro 24,1 milioni del 2011) influenzando anche il risultato netto che si attesta ad 10,1 milioni ( 13,0 milioni nel 2011). Il cash flow di 54,9 milioni ha influito positivamente sull indebitamento, anche se risulta ancora un po appesantito dai lunghi tempi per la soluzione di alcune pendenze con i committenti sia in Italia che all Estero. Con acquisizioni per circa milioni, il portafoglio al 31 dicembre 2012 è di circa 2,8 miliardi ( 3,2 miliardi a fine 2011). Fra le principali aggiudicazioni del 2012 vanno menzionate: Italia in gennaio l Anas ha approvato la progettazione esecutiva e perizia degli espropri relativi ai lavori di ammodernamento ed adeguamento del 2 tratto stradale Agrigento-Caltanisetta A19 14

17 Ss 640 Porto Empedocle che ha comportato un incremento del contratto originario per un importo di circa 170 milioni di euro (quota Cmc 44%); il 13 febbraio, presso l Autorità Portuale di Piombino (LI) è stato firmato il contratto di appalto Prima fase di attuazione del P.R.P. del Porto di Piombino banchina nord darsena piccola e primo stralcio banchina sud darsena grande, bonifica dei sedimenti marini e messa in sicurezza della falda. L ammontare complessivo dell opera è di euro 22 milioni e la durata è di 13 mesi. I lavori verranno svolti in ATI tra Cmc, impresa capogruppo-mandataria con la quota del 51% e Sales Spa di Roma per il restante 49%; Cmc in qualità di capo-fila dell Associazione Temporanea di Imprese Cmc Eschilo 1 di Roma Arco Lavori di Ravenna si è aggiudicata tre lotti per la progettazione ed esecuzione di edifici scolastici temporanei (Est) in Emilia Romagna. Le scuole a Finale, Mirandola e Concordia sono state realizzate in tempi particolarmente brevi per permetterne l apertura entro l avvio dell anno scolastico L ammontare complessivo del lavoro è pari a euro 6,9 milioni (quota Cmc 45%); la trattativa privata tra Cmc, in qualità di capofila dell Associazione Temporanea di Imprese Cmc-Iter e l Associazione Culturale Fontana Nuova si è concretizzata con la firma del contratto per lavori di ristrutturazione edilizia del complesso immobiliare sito a Roma nel prestigioso quartiere Parioli. L edificio si sviluppa su 5 piani fuori terra, più una porzione di interrato per una superficie di mq e un volume di mc ed una volta terminato sarà utilizzato come residenza per studenti. L importo del contratto è di circa euro 8,5 milioni (quota Cmc 51%); la nostra Cooperativa si è aggiudicata, con comunicazione del 9 agosto da parte del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti OO.PP Lombardia e Liguria, la progettazione esecutiva e l esecuzione della Metrotranvia di Milano, tratta Parco Nord Seregno che costituisce il prolungamento della metrotranvia Nord di Milano Piazza Castello Parco Nord, di recente realizzazione (attivata l 8 dicembre 2003), attraverso i Comuni di Bresso, Cormano, Cusano Milanino, Paderno Dugnano, Nova Milanese, Desio e Seregno. L importo complessivo dei lavori è di 103 mio di euro; il Consiglio di Amministrazione di Azimut Spa, società pubblica ravennate operante nel settore dei servizi sul territorio, ha approvato la vendita del 40% del proprio capitale ad una società privata. La procedura di gara, è partita con un invito pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale e sui quotidiani, alle imprese a manifestare il proprio interesse. Su due manifestazioni di interesse pervenute è poi stata presentata un unica offerta da parte della cordata capeggiata da Cns - Consorzio Nazionale Servizi di Bologna e da Ciclat Bologna, che è risultante vincente. Oltre alla vendita del 40% delle azioni, al socio privato verranno affidati, per la durata di 15 anni, specifici compiti operativi relativi ai servizi cimiteriali nei comuni di Castel Bolognese, Cervia, Faenza e Ravenna, alla manutenzione del verde nel comune di Ravenna, ai trattamenti contro le zanzare tigre nei Comuni di Cervia e Ravenna e al servizio sosta nei comuni di Cervia e Ravenna. Il raggruppamento Cns- Ciclat ha individuato per l esecuzione di questi servizi Cmc, Ciclat ambiente Ravenna, Cooperativa San Vitale e Delta Ambiente. Nel mese di giugno la neo costituita società Antares Scrl, in cui Cmc partecipa con una quota del 28%, ha perfezionato l acquisto del 40% delle azioni Azimut. Antares Scrl, oltre ad assolvere i compiti operativi, ha nominato due rappresentanti nel Consiglio di Amministrazione di Azimut Spa (su 5 componenti), uno dei quali (espresso da Cmc) ha assunto il ruolo di amministratore delegato; la società consortile Antares, costituita da Cmc, Delta Ambiente, Ciclat e Cooperativa San Vitale, si è aggiudicata, da parte della società pubblico-privata Azimut, una concessione, della durata di 15 anni, per un ammontare presunto complessivo di circa 1,7 milioni di euro l anno, che 15

18 1.0 Relazione sulla gestione 2012 comprende, oltre alla gestione dei parcheggi, alla manutenzione del verde e alla disinfestazione contro le zanzare, anche la manutenzione dei servizi cimiteriali nei comuni di Ravenna, Faenza, Cervia e Castelbolognese e la realizzazione di nuove strutture cimiteriali la cui costruzione compete a Cmc. Per il 2012, due sono i cantieri in cui si sta lavorando. Il primo cantiere, è stato aperto nel cimitero di Ravenna all inizio di novembre e prevede la realizzazione di 42 edicole (per un totale di 210 loculi) in cemento armato con rifiniture a faccia vista. Questo lotto, per un ammontare di circa euro, dovrebbe terminare a fine marzo. Il secondo cantiere, cominciato sempre ad inizio novembre riguarda il cimitero di Santa Lucia (Faenza) dove si stanno realizzando 72 loculi per un ammontare di circa euro. Nel primo semestre del 2013 è, poi, previsto l avvio di nuovi cantieri per la realizzazione di circa nuovi loculi dei quali 600 nel cimitero di Ravenna e 600 in quello di Faenza; Estero la nostra controllata americana Lm Heavy Civil Construction di Boston ha acquisito nuovi lavori per complessivi 41 milioni di euro; nel mese di aprile, tramite la nostra sede secondaria in Sud Africa, abbiamo sottoscritto un contratto con il Ministery of Public Works and Trasport (Roads Directorate) del Lesotho per un valore di circa euro 35 milioni, relativo alla realizzazione di 67 km di strada tra Oxbow e Mapholaneng nella repubblica del Lesotho; Cmc ha acquisito un nuovo lavoro in Sud Africa relativo all ampliamento dell impianto di trattamento delle acque reflue di Sebokeng. Il progetto, situato a circa 50 km a sud di Johannesburg, prevede la demolizione dei serbatoi esistenti, i movimenti di terra di massa per terrazzamenti e le opere in calcestruzzo per il miglioramento dell impianto esistente. I lavori di demolizione comportano, tra l altro, la demolizione e la rimozione delle strutture in calcestruzzo obsolete, la demolizione di strutture edilizie. L importo complessivo del lavoro è di circa 30 milioni di euro; la nostra Cooperativa si è aggiudicata il contratto per la realizzazione del progetto denominato Contract For Primary and Secondary Development at shaft # 1 at Konkola Copper Mines Plc, Chililabombwe Site, relativo all esecuzione delle opere di scavo ed estrazione mineraria nell area di Chingola nel nord dello Zambia. Il contratto comprende anche le discenderie che si diramano dai tunnel di accesso e che permetteranno di raggiungere a vari livelli la struttura geologica che contiene il minerale di rame. Queste discenderie hanno dimensioni 4,20 per 4,20 m. La lunghezza totale delle gallerie da scavare è di circa 63 km e la durata del contratto è di 60 mesi. L importo complessivo dei lavori è di circa 130 milioni di euro; ai primi di novembre è stato firmato il contratto con la Aes Gener S.A. (controllata dalla Aes Corporation Usa) per la realizzazione delle opere civili e sotterranee nella valle dei fiumi Yeso e Volcan per la realizzazione della centrale idroelettrica Alto Maipo, situata 50 km sud-est della capitale cilena Santiago, nel distretto municipale di San José de Maipo, sulle Ande, vicino al confine argentino. L opera è stata affidata al consorzio Constructora Nuevo Maipo, composto dalla tedesca Hochtief Solutions e Cmc. L importo complessivo del lavoro è di circa euro 223 milioni (quota Cmc 30%). Sud-Africa, riabilitazione e ampliamento di circa 24 km della strada R61 sezione 6 tra Confinvaba e Ngcobo dal fiume Qumanco a ovest (km 44) a fine Ngcobo est (km 68). Durata lavori 30 mesi, importo previsto circa 18 milioni di euro. 16

19 l Assemblea dei Soci del 3 marzo 2012 ha approvato il Piano Triennale ; il Consiglio di Amministrazione riunitosi il 24 aprile ha ammesso 29 nuovi soci Cooperatori, il cui numero è passato, al netto delle dimissioni, dai 392 di fine 2011 a 403 di fine 2012; il personale fisso al fine 2012 si attesta a 483 unità, facendo registrare un decremento rispetto alle 510 unità di fine 2011, frutto della politica di contenimento e riduzione delle spese generali; nel corso del 2012 sono stati firmati nuovi contratti di finanziamento a medio termine per complessivi 46 milioni; si è tenuta il 5 luglio a Roma, alla presenza del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, l Assemblea dell Alleanza delle Cooperative Italiane, l organismo che raggruppa Legacoop, Confcooperative e Agci, per celebrare l Anno Internazionale delle Cooperative proclamato dall Onu; a Johannesburg (Sud Africa) sono terminati in agosto i lavori di costruzione di un incrocio stradale con relativo viadotto, riabilitazione e allungamento di 10 chilometri di strade da Gillooly s verso l aeroporto; a settembre sono proseguiti i lavori della Tangenziale est di Forlì, con inizio delle lavorazioni relative agli scatolari idraulici in c.a. e delle opere di realizzazione dei rilevati in terre stabilizzate a calce. Al fine di ottimizzare la produzione prima del periodo invernale, si è deciso di aprire più fronti lavorativi lungo l asse viario, sopperendo così all impossibilità di poter lavorare a ridosso della via Cervese a causa della presenza di scavi archeologici; in occasione dell avvio dei lavori della Tangenziale Est di Forlì è entrato in produzione il terzo impianto di betonaggio di Acr (società partecipata da Sic Spa al 50%) nel territorio romagnolo, che si aggiunge a quelli di Ravenna e di Santarcangelo e consente ad Acr di estendere la propria copertura produttiva in una vasta area del territorio romagnolo, a supporto delle esigenze dei cantieri dei propri soci e della clientela privata; in settembre il Ministro della Pubblica Istruzione Francesco Profumo, accompagnato dal sindaco Fernando Ferioli, ha fatto visita al cantiere di Finale Emilia, e in ottobre, come previsto dal contratto, sono state inaugurate a tempo di record nei comuni di Mirandola, Concordia e Finale Emilia le 3 nuove scuole costruite dall Associazione Temporanea di Imprese Cmc - Eschilo1 Arco Lavori, di cui Cmc è capo-gruppo; in ottobre si è assistito alla prima assoluta a Maputo, in occasione dei 20 anni dell accordo di pace, del film documentario Caminhos da paz (cammini della pace) del regista portoghese di origini mozambicane Sol de Carvalho, organizzata dal Ministero della Cultura Mozambicano. Il film ha avuto il patrocinio di Cmc insieme a vari altri organismi tra cui Unione europea, Onu, Ambasciata Americana, ed altre imprese mozambicane di primo piano; il settimanale del Sole 24 Ore, Edilizia e Territorio di ottobre, ha pubblicato la classifica completa delle prime 50 maggiori imprese di costruzioni italiane, redatta sulla base dei bilanci dell esercizio Come annunciato nelle anticipazioni di fine giugno, Cmc si colloca al quinto posto confermandosi la più grande cooperativa di costruzioni europea e quindi italiana; la Cooperativa ha aperto un nuovo Ufficio di Rappresentanza a Mumbai, nella Repubblica dell India. L Ufficio, che si aggiunge ai già esistenti Uffici di Rappresentanza a Bangkok (Tailandia) e Shangai (Repubblica Popolare Cinese), ha il compito di svolgere attività promozionale e commerciale nell area; per quanto riguarda la commessa Attraversamento stabile dello Stretto di Messina, la cui esecuzione è stata affidata al contraente generale eurolink Scpa, Spv partecipata da Cmc con una quota pari al 12%, si ricorda che, in data 2 novembre 2012, è stato emanato il Decreto Legge 17

20 1.0 Relazione sulla gestione 2012 n.187, avente ad oggetto Misure urgenti per la ridefinizione dei rapporti contrattuali con la Società Stretto di Messina Spa (committente dell opera) ed in materia di trasporto pubblico locale. A seguito dell emanazione di tale decreto e alla luce delle potenziali implicazioni sulla posizione contrattuale del Contraente Generale eurolink, la stessa ha ritenuto di inviare al committente, ai sensi delle vigenti previsioni contrattuali, comunicazione di recesso anche a tutela della posizione di tutti i partners, italiani e stranieri, presenti nella compagine. Ciò nondimeno, tenuto conto dell interesse preminente alla realizzazione dell opera, il Contraente ha altresì comunicato la disponibilità a rivedere la propria posizione qualora il Committente manifestasse concretamente la volontà di realizzare il progetto. Le trattative a tal fine intercorse tra le parti, nonostante gli sforzi profusi, non hanno avuto esito positivo. eurolink ha avviato varie azioni giudiziarie in sede nazionale e comunitaria, da un lato, eccependo la contrarietà alle norme costituzionali e comunitarie delle previsioni del predetto decreto, che pregiudicano i diritti legittimamente acquisiti da eurolink in forza delle disposizioni contrattuali; dall altro, chiedendo la condanna di Stretto di Messina al pagamento delle somme richieste, a vario titolo, dal Contraente Generale in ragione del venir meno del contratto per ragioni non dipendenti dalla propria volontà. Coerentemente con quanto descritto, inoltre, il portafoglio ordini alla fine dell esercizio 2012 è stato rettificato per riflettere l eliminazione del progetto qui descritto. Tenuto conto, infine, della complessità dei vari iter giudiziari avviati, i consulenti che assistono Cmc ed il contraente generale in tali ambiti li supportano nella valutazione ragionevolmente positiva circa l accoglimento delle azioni avviate e la recuperabilità dei relativi residui attivi iscritti in bilancio in relazione a tale progetto, non si può escludere che nel corso dei successivi periodi siano riscontrati eventi oggi non prevedibili e tali da richiedere l aggiornamento delle valutazioni attualmente effettuate; il Consiglio di Amministrazione di Cmc, nella seduta del 21 dicembre scorso, ha approvato la seconda revisione del proprio Modello Organizzativo, resasi necessaria a seguito di recenti novità normative che hanno introdotto nuove fattispecie di reato ed esteso la responsabilità amministrativa degli enti ai sensi del decreto legislativo 231/2001. Gli aggiornamenti riguardano in particolare l introduzione dei reati ambientali (ai sensi del decreto legislativo 121/2011) e del reato di impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno nel territorio dello Stato risulti irregolare (ai sensi del decreto legislativo 109/2012). In occasione dell adeguamento del Modello esistente per l integrazione dei nuovi reati, si è colta l opportunità per effettuare un aggiornamento generale dello stesso allo scopo di razionalizzare e migliorare tutti gli elementi del Modello. Dall introduzione dei reati ambientali è nata l esigenza di creare un chiaro collegamento e coordinamento delle politiche aziendali per la gestione delle tematiche ambientali con il Modello Organizzativo. È stata quindi decisa l adozione delle Linee guida per la gestione degli adempimenti in materia di Tutela Ambientale ai sensi del D. Lgs. 121/2011 che definiscono ruoli, responsabilità, modalità operative e principi comportamentali ai quali attenersi nella gestione degli adempimenti previsti in materia ambientale. Inoltre, per rendere più efficace e capillare l adozione e gestione del Modello nell ambito del Gruppo, si è deciso di emettere le Linee di indirizzo in materia di responsabilità amministrativa delle Società. Tali linee di indirizzo definiscono l implementazione di controlli preventivi per la tutela dell intero Gruppo, con azioni diverse in relazione al tipo di società considerata. 1.2 Quadro di riferimento Le attività del Gruppo nel settore delle costruzioni, in Italia ed all estero, sono naturalmente influenzate dalle dinamiche congiunturali di cui è opportuno cogliere le principali tendenze. Le previsioni che indicavano il 2012 come un anno poco brillante per l intera economia planetaria 18

21 sono state sostanzialmente confermate. L economia mondiale è cresciuta del 3,2% nel 2012 e, secondo le più recenti stime del Fondo monetario, che ad aprile ha rivisto al ribasso quelle di gennaio, non andrà oltre il 3,3% nel Per gli esperti del Fmi, il quadro di riferimento si conferma complesso distinto da un economia mondiale a tre velocità: in buona saluta i mercati emergenti, in ripresa gli Usa, in recessione l eurozona. La crisi dell area euro è nuovamente indicata come il fattore di maggior rischio. L eurozona accuserà un secondo anno negativo consecutivo, con un -0,3% nel 2013 dopo il -0,4% del 2012 e un inizio di ripresa, seppur modesto, è previsto solo nell ultima parte dell anno. Inevitabilmente più problematica la situazione italiana. Sempre secondo le più recenti stime del Fmi, l economia domestica, dopo il -2,4% del 2012, continuerà a contrarsi anche nel 2013, registrando un -1,5% con una leggera ripresa nella seconda parte dell anno: il segno positivo su base annua è rimandato al 2014 (+0,5%). Dall inizio della crisi il Pil italiano si è contratto del 7%. Le cause di questa dinamica sono note: le difficoltà per le imprese di accesso al credito e gli elevati costi di finanziamento; gli effetti depressivi delle manovre di risanamento dei conti pubblici; il rallentamento del commercio internazionale; il calo di fiducia sulla domanda interna. È opportuno sottolineare che per la Banca d Italia la riduzione della crescita è ripartibile in parti uguali tra il deterioramento dell economia globale e le misure di risanamento del bilancio. Pesanti e preoccupanti, anche per i potenziali riflessi sociali e politici, le ripercussioni di questi trend economici sull occupazione. A dicembre 2012, la disoccupazione dell eurozona è stata pari all 11,7%, 1 punto percentuale in più rispetto a 12 mesi prima. Sempre a dicembre, il tasso di disoccupazione giovanile era al 24% nell eurozona, anch esso in sensibile aumento rispetto al In Italia, la disoccupazione ha raggiunto a dicembre 2012 l 11,2% e si ritiene che nel 2013 crescerà ulteriormente fino a superare il 12%; la disoccupazione giovanile si colloca al 33,6%: sensibilmente superiore alla media europea. Pesanti i riflessi di questo trend sul Settore domestico delle Costruzioni che dall inizio della recessione ha perso, considerando l indotto, oltre 500mila posti di lavoro: grosso modo l equivalente di 70 stabilimenti come quello dell Ilva di Taranto. Nel solo 2012, la produzione è diminuita del 14% rispetto al 2011, le imprese perse sono state 100mila tra cui 12mila per fallimento. Almeno dal 2005, le scelte di politica economica penalizzano la spesa per investimenti pubblici che la crisi finanziaria del 2008 ha accentuato ed esteso a tutti i comparti, soprattutto a quello immobiliare. Da queste poche considerazioni emerge come il Settore delle costruzioni italiano stia rischiando una vera e propria destrutturazione. Non è dunque un caso che i fatturati delle grandi imprese di costruzioni nazionali siano sempre più sostenuti dalle attività realizzate all estero. Tra queste ultime rientra Cmc che se in questi anni ha retto, riuscendo ad aumentare i volumi e a salvaguardare la redditività, lo deve a un ragguardevole portafoglio ordini nazionale, ma soprattutto all articolazione internazionale. I volumi realizzati all estero hanno ormai superato il 50% delle attività del gruppo e garantiscono, in misura ancora più preponderante e decisiva, la redditività dell impresa. Una tendenza destinata ad accentuarsi nel prossimo triennio, perché se Italia e Ue arrancano tante altre economie continuano ad avere trend e prospettive di crescita di tutto rispetto e interessanti programmi di investimenti in infrastrutture. E questo conferma la centralità di una questione, introdotta sul finire del 2012 dal Fondo monetario internazionale e ripresa più di recente e in forme ancora più esplicite dal medesimo Fmi e altri Enti internazionali. E cioè che manovre di correzione dei conti pubblici molto sostenute, concentrate nel tempo e adottate simultaneamente in troppi paesi, invece di far tornare la fiducia e 19

22 1.0 Relazione sulla gestione 2012 stimolare consumi e investimenti, finiscono per danneggiare risanamento e ripresa. L appello ha valore generale ma vale in particolare per l europa e soprattutto per l Italia. Servirebbero politiche attive di sostegno alla crescita e all occupazione. È però evidente che l azione politica richiede innanzitutto un soggetto politico che la possa esercitare. Vale per l europa dove sarebbe necessario un progetto per la costruzione di un Centro istituzionale europeo in grado di contrastare definitivamente gli attacchi all euro, mettendo in sicurezza le economie e i sistemi sociali della Ue. E vale qui in Italia dove ci sarebbe bisogno di una stabilità politica e di una progettualità programmatica maggiori e di lungo respiro per dare risposte organiche ai problemi endemici dell economia e del lavoro, della crisi finanziaria e della restrizione del credito alle imprese e alle famiglie, del crollo dei consumi e dell aumento della povertà, della pubblica amministrazione e della giustizia, del fisco e del welfare. Se il Paese non saprà superare la logica della mera emergenza non sarà possibile alcun vero risanamento e nemmeno si potranno trovare le risorse per impostare una nuova fase di crescita economica e sociale più equilibrata ed equa. Considerazioni che, evidentemente, collidono con la situazione determinatasi in Italia a seguito dei risultati delle recenti elezioni politiche. In sede di stesura di queste note, si sono registrate, in rapida successione, la riconferma a Presidente della Repubblica di Giorgio Napolitano e il conferimento del mandato per la formazione del governo all On. Enrico Letta. La previsione è che la nuova compagine governativa, che inevitabilmente avrà ancora una volta i caratteri dell eccezionalità, possa contare sull appoggio di un ampio schieramento di forze politiche. Non si può che auspicare che tutto questo si compendi in un comportamento responsabile che consenta almeno di trovare, nell interesse dell intero Paese, alcune non più rinviabili risposte alle problematiche più urgenti, evitando il rischio di una nuova e immediata campagna elettorale che risulterebbe sicuramente devastante per la tenuta del tessuto sociale e democratico del Paese, per l intera economia nazionale e per il sistema industriale. Il mercato italiano Continua la caduta del mercato delle costruzioni in Italia. Gli appalti pubblici si riducono a causa dei forti vincoli sulla spesa pubblica e non sono più visti come una leva per riavviare lo sviluppo. Ha preso piede una opposizione generalizzata alle grandi opere, causando la sostanziale scomparsa degli appalti con la formula del General Contractor. Anche nel settore privato non si vedono segni di ripresa a causa della mancanza di fiducia da parte degli investitori e della scarsa disponibilità delle banche nella concessione dei mutui. Dobbiamo quindi affrontare anni molto duri. Le commesse acquisite nel danno una buona copertura dei volumi previsti nel triennio Ad esse si sono aggiunte le più recenti acquisizioni a Milano e Roma. D altra parte dobbiamo però tenere conto del rischio che i piani delle concessionarie a cui partecipiamo (Livorno - Civitavecchia e Tangenziale Esterna di Milano) possano subire rallentamenti a causa del calo del traffico e delle difficoltà nell ottenere i finanziamenti bancari. Ciò avrebbe impatto negativo sui relativi contratti di costruzione, con riflesso sui nostri volumi produttivi, e sui risultati economici. Anche il mercato immobiliare non dà alcun segno di ripresa. Abbiamo quindi ridotto il campo 20

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione 20 novembre 2013 Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione PRINCIPALI INTERVENTI SU GOMMA PREVISTI NELLA REGIONE URBANA MILANESE La rete in gestione:

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E CONSORZIO DI BONIFICA 11 MESSINA DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 OGGETTO Progetto per la razionalizzazione della canalizzazione irrigua Fascia Etnea -Valle Alcantara-, I stralcio esecutivo funzionale.

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 1388/2013 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 30 del mese di settembre dell' anno 2013 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori:

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario 1) Dati identificativi del denunciante: ACER Associazione dei Costruttori Edili di Roma e Provincia in persona del legale

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA Responsabile del procedimento arch. Sergio Manto SCR Piemonte S.p.A. Referenti del R.U.P. ing. Claudio Trincianti - arch. Massimo Morello Progettisti Sina S.p.A.

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 Oggetto: Aiuto di Stato N 540/2009 - Francia Proroga dell aiuto NN 155/2003 Realizzazione di un servizio sperimentale di autostrada ferroviaria e Aiuto

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Relazione al CIPE sull'attività svolta nel 2012 2007 dall'unità Tecnica Finanza di Progetto (UTFP) dall'unità Tecnica Finanza di Progetto (UTFP)

Relazione al CIPE sull'attività svolta nel 2012 2007 dall'unità Tecnica Finanza di Progetto (UTFP) dall'unità Tecnica Finanza di Progetto (UTFP) Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica Relazione al CIPE sull'attività svolta nel 2012 2007 dall'unità Tecnica Finanza di Progetto (UTFP) dall'unità Tecnica Finanza

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

(Atti legislativi) DIRETTIVE

(Atti legislativi) DIRETTIVE 28.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 94/1 I (Atti legislativi) DIRETTIVE DIRETTIVA 2014/23/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 sull aggiudicazione dei contratti

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASQUALE DE BELLIS Indirizzo Via Piave, nr. 20-60027 Osimo Stazione (AN) ITALIA Telefono 347 8228478 071 7819651 Fax E-mail pasquale.de.bellis@regione.marche.it

Dettagli