Giornalino Scolastico dell Istituto Comprensivo G. Pascoli - Tramonti (SA)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giornalino Scolastico dell Istituto Comprensivo G. Pascoli - Tramonti (SA)"

Transcript

1 anno 16 n. 31 dicembre 2011 Giornalino Scolastico dell Istituto Comprensivo G. Pascoli - Tramonti (SA) Cari Bambini e cari Ragazzi, cari Docenti e cari Genitori, scrivere ad un destinatario definendolo caro è una prassi consolidata che rientra nell impianto formalistico amichevole proprio della corrispondenza, ma oggi, che sono al mio terzo Natale a Tramonti, mi piace fermarmi a riflettere proprio su quel cari con cui ho iniziato, e condividere con tutti voi le mie considerazioni. Sono grata al giornalino scolastico e a chi ne cura la redazione, che mi costringe a meditare sul piccolo grande universo di persone e di situazioni intorno e dentro di me e che, da un bel po di tempo, mi sta accompagnando lungo il percorso della mia vita professionale arricchendomi anche sul piano personale. Caro, si sa, è tutto ciò che di più prezioso una persona possiede, ma diventa caro soprattutto ciò che si impara a conoscere, nelle più sottili sfaccettature e recondite pieghe dell anima. Mi sono diventati cari i bambini che coccolo molto volentieri ogni mattina e i ragazzi a cui ogni tanto non faccio mancare la classica ramanzina ; cari sono i miei docenti per la cura e la devozione che manifestano quotidianamente nel proprio lavoro; cari mi sono i genitori, le loro apprensioni, il loro impegno, i loro moti di orgoglio nel seguire i processi di crescita dei figli. Caro mi è l Ufficio con le persone che vi lavorano e condividono con me umori e fatiche quotidiane, momenti in cui sembra non esserci nemmeno il tempo di respirare... E cara, infine, mi è questa scuola, i suoi spazi, le sue dotazioni e il verde che la cinge in un armonica definizione, autentico vivaio di relazioni umane, fucina di piccoli ingegni e fervide attività. Caro mi è tutto ciò che finora è stato raggiunto e prodotto: il cambio di organizzazione didattica della secondaria di 1 ; i monitoraggi frequenti sulle dinamiche della valutazione che hanno condotto gradualmente a una valutazione oggettiva basata su indicatori studiati e condivisi in un ottica di continuità verticale ed orizzontale; alla cultura della sicurezza che ha messo radici con la formazione interna del personale e degli alunni e con un operatività organizzata e gestita da personale con competenze certificate; alla sinergia con il Comune di Tramonti che ha condotto alla condivisione di intenti e di interventi con il risultato insperato dell approvazione finanziaria del PON edilizia scolastica per circa euro, grazie al quale nel 2013 inizieranno i lavori di rifacimento degli edifici scolastici; ai percorsi delle scuole in rete della costiera amalfitana che hanno raggiunto il top con la sottoscrizione del Protocollo di Intesa e del piano di dimensionamento della rete scolastica tra tutti gli Istituti Comprensivi e i Comuni della Costiera. Potrei andare molto oltre ma mi fermo qui Per voi Cari, insieme all augurio di un gioioso Natale, auspico la stessa opportunità che mi è stata concessa, ovvero di poter elaborare una serena riflessione su ciò che vi è più caro e di saper cogliere più spesso le occasioni di rinascita e di ripensamento che la vita quotidianamente ci offre. Il Dirigente Scolastico Prof.ssa Luisa Patrizia Milo

2 News Scuola.i PON.. non sono qualcosa di marginale o di aggiuntivo, cioè di non essenziale - Si deve operare perché i PON integrino il POF, trasformino il tradizionale profilo culturale ed operativo della didattica, intrecciando curricolo e attività dei progetti. Il vecchio e il nuovo non debbono semplicemente convivere l uno accanto all altro, ma debbono lavorare sinergicamente per esaltare le rispettive potenzialità..( Dalla nota M.I.U.R.) Carissimi genitori, anche quest anno abbiamo indirizzato tempo ed energie per l elaborazione di una offerta formativa (POF) varia ed articolata in modo da soddisfare adeguatamente i bisogni e gli interessi degli alunni, delle famiglie e del territorio. Abbiamo strutturato un piano di flessibilità organizzativa e didattica, così come previsto dalla normativa vigente per la quale la flessibilità è un criterio fondamentale, legato all autonomia scolastica, che consente di gestire in modo elastico l organizzazione interna di tempi, spazi, risorse. Il nostro piano di flessibilità include anche i PON perché è nostra intenzione operare in modo tale che tutti gli alunni dalla III classi della scuola primaria alle III Classi della scuola secondatria di 1 possano usufruire delle opportunità offerte dai Piani integrati, opportunità che non si esauriscono nella durata temporale dell attività PON ma accompagnano il percorso scolastico dell alunno arricchendo il suo curricolo di competenze certificate, valide a livello nazionale ed europeo. Secondo il piano di flessibilità elaborato le attività del PON si svolgeranno in orario pomeridiano a cadenza bisettimanale ed extracurriculare, includendo qualche giornata del sabato. Entro gennaio 2012 concluderemo le attività dei PON Campania. Le ore impiegate per i PON nella scuola primaria saranno le ore relative all Educazione musicale e all Educazione motoria, mentre nella scuola secondaria di 1 saranno distribuite tra alcune discipline. Tutte le ore curriculari impiegate per i PON saranno recuperate, secondo il piano di flessibilità, durante l anno scolastico per percorsi didattici specifici e nel mese di giugno in occasione della preparazione e realizzazione delle manifestazioni di fine anno. Alle classi non coinvolte nei PON sarà data la facoltà di partecipare a Progetti interni ed esterni alla scuola ( Leggere che Passione - Scrittura Creativa - Giornalino Scolastico - Figlino borgo da favola ecc.). Di seguito la tabella dei progetti PON e delle classi associate. MODULO ORE CLASSE Il colore delle emozioni 30 h 3A primaria Percorsi animati 50 h 3B primaria La chimica degli alimenti 30 h 4A primaria Matematica in gioco 30 h 4B primaria Le ali per crescere 30 h 5A primaria Le parole per comunicare 50 h 5B primaria Tutti in scena 30 h 1A secondaria 1 grado La scuola di Jonathan 50 h 1B secondaria 1 grado Certo, incerto, impossibile 30 h 3A secondaria 1 grado Il Dirigente Scolastico 2 I.C. G. Pascoli Tramonti (SA) -

3 Concorso Possono partecipare tutti gli abitanti del comune di Tramonti. Trova la soluzione al Rebus e consegnala, corredata di nome, cognome e classe, all insegnante Salsano entro il 15/01/2012. Tra coloro che avranno dato la risposta esatta, verrà sorteggiata una flash pen drive. Redazione: docenti e alunni dei tre ordini di scuole

4 News Scuola L autovalutazione delle singole istituzioni scolastiche permette di comporre una rappresentazione della scuola e del suo operato che, in quanto fondata sulla rilevazione di dati obiettivi, non coincide o coincide solo parzialmente con la percezione di chi opera al suo interno. Notare l eventuale divario tra gli obiettivi prefigurati e la realtà effettiva delle cose costituisce per il corpo docente una prima forma di valutazione. Sebbene si tratti di un autovalutazione ancora autoreferenziale (sono gli stessi elementi che erogano il servizio a valutarlo) essa, se condotta con metodo, offre la possibilità al di stabilire cosa effettivamente funziona e, quindi, il margine per miglioramenti e perfezionamenti. L autoanalisi, inoltre, consente di indagare anche quali valutazioni esprimono sul servizio i suoi referenti esterni. Queste ultime, infatti, mettono a disposizione il necessario punto di vista esterno che, integrato agli elementi rilevati dall analisi interna della scuola e agli elementi rilevati dal Servizio Nazionale di Valutazione, conduce ad una valutazione più attendibile. Naturalmente in un ottica di autovalutazione il più possibile obiettiva i contributi esterni non possono e non devono essere percepiti nella logica della sanzione o della rivalsa, ma in quella della corresponsabilità, della collaborazione, dell intesa tra coloro che hanno stipulato un «Contratto formativo». La valutazione dell efficacia e dell efficienza dell operato della scuola, condotta a partire dai risultati dell autoanalisi, consente di giungere ad una descrizione dei punti di forza della scuola, ossia degli elementi che ne sostengono la qualità, e dei suoi punti di debolezza, ossia di quei fattori che ne limitano la qualità o non le consentono di produrla. Tutto ciò consente di focalizzare gli elementi più idonei al miglioramento dell offerta formativa, al cambiamento in meglio della qualità dei servizi. Nel nostro Istituto, già da diversi anni, vengono somministrate agli alunni, due volte l anno, prove strutturate del tipo INVALSI per Italiano, Matematica, Lingue. I dati ottenuti sono poi tabulati e confrontati per valutazione sinottica con i voti delle schede di valutazione, gli esiti delle verifiche PON, i dati restituiti dall INVALSI. La comparazione e l interpretazione dei dati, complessa e articolata, fornisce un quadro multifattoriale e quindi più oggettivo per la valutazione del singolo alunno e nello stesso tempo del sistema di Valutazione dell Istituto. Quest anno, a differenza degli scorsi anni, le prove, pur conservando la struttura del modello INVALSI, saranno somministrate, per alcune classi, attraverso l ausilio del supporto informatico. Ciò consentirà di raggiungere due obiettivi fondamentali: correggere in tempo reale le prove e contenere il consumo di carta per le fotocopie, inoltre consentirà agli alunni di far esperienza con test di verifica secondo modalità internazionali approvate da organismi ufficiali come OCSE-PISA. 4 I.C. G. Pascoli Tramonti (SA) -

5 LA MAIANA Classe 1A Tra gli anni '30 e '40 a Tramonti si raccontava la leggenda delle Maiane. Di giorno erano persone normali, di notte mettevano un olio magico sul corpo per trasformarsi in streghe. Volavano nude da un albero all' altro per raggiungere il luogo dove si riunivano o le case di coloro che, durante il giorno, si erano comportati male con loro, per gettare su di essi il malocchio. Si dice che soltanto chi aveva ricevuto il battesimo senza che il prete avesse pronunciato tutte le parole del rito battesimale, poteva vederle. Le persone nate a gennaio non erano colpite dal malocchio gettato dalle Maiane. Si poteva cercare di evitare il malocchio utilizzando questi rimedi: - lanciare un'ascia in modo da conficcarla nel tronco dell'albero dove loro si appollaiavano, in questo modo il malocchio si bloccava; - avere davanti casa una pianta detta pianta delle sabine, fatta di foglie minuscole e sottili, o un sacco di carbonelle. Le Maiane erano costrette a contare le foglie o i carboni, ad uno ad uno, così il tempo passava e giungeva l'alba, momento in cui dovevano ritornare a casa. Il loro canto era: 'Ncoppa all'acqua e 'ncopp 'o viento, ncopp 'e nuce e 'o maletiempo. (Sopra l'acqua e sopra il vento, sopra le noci e il maltempo ). Questa leggenda io non la conoscevo ma la mia mamma sì. Gliela raccontava sempre la mia nonna che le chiamava anche fattucchiere. Quando la mia nonna raccontava questa leggenda, la mia mamma si spaventava molto. La storia ha colpito anche me, ma mi è piaciuto molto ascoltarla. GIOVANNI IL MONARCA C'era una volta un vecchio povero e solo. Si chiamava Giovanni il Monarca. Tutte le mattine andava sulle Chiancolelle per raccogliere la legna. Un giorno fu sorpreso da una tempesta di neve e vento. Pregò il Signore e ritornò il sereno. Il vecchio iniziò a legare le fascine. Ma si spezzò la corda e batté la testa su un sasso. Allora gridò :<<Diavolo! Legale tu!>>. All'improvviso comparve il demonio. Giovanni invocò il Signore e il diavolo sprofondò in una grande voragine di fuoco. Il Monarca mentre ritornava a casa diceva: Gesù, Giuseppe, Sant'Anna e Maria, squaglia il diavolo e vince Iddio!>>. 5

6 Classe 1A Primaria Giulio coniglio è in riva al mare. Soffia una leggera brezza, il mare palpita e sussurra. Un'onda avanza. Che paura! Giulio coniglio si ritrae. Sorride Peppe, il vecchio pescatore. «Suvvia, non temere.. vieni con me.» In un battibaleno, Giulio coniglio balza nella barchetta bianca e blu. Naviga, naviga, nel fresco odore del mare e si ritrova al largo. Il mare è vasto e infinito. Peppe il pescatore cala le reti e aspetta... 6 I.C. G. Pascoli Tramonti (SA) -

7 Classe 1A Primaria «Il mare è nostro amico!» esclama Peppe, il pescatore. All improvviso si ode nell aria un suono tremolante, come un sibilo qualcosa balza fuori dall acqua: un enorme cavalluccio marino? un delfino? un pesce volante?! Giulio coniglio cade in acqua. «Aiuto, affogo!» La sua vita è in pericolo! Subito lo soccorre Alicante, il pesce volante. E lo conduce su un isola felice. 7

8 Scuola dell Infanzia di Pietre I bambini hanno voluto rappresentare la loro realtà quotidiana, ciò che il Natale rappresenta per la comunità e per le loro famiglie. Hanno raccolto esperienze e vissuti, disegnato alberi di Natale e abeti decorati, illustrato dolci tipici della tradizione: zeppole profumate di zucchero e cannella, struffoli ricoperti di miele, canditi e confettini colorati, panettoni con tanta uvetta e cascate di zucchero a velo. Sotto la guida delle insegnati, hanno intonato dolci canti e recitato filastrocche, da recitare in famiglia. Dalle pagine del nostro giornalino, vogliamo, tutti insieme, augurare un SANTO E BUON NATALE a tutti voi! 8 I.C. G. Pascoli Tramonti (SA) -

9 Scuola dell Infanzia di Gete La Scuola dell infanzia alla Tematica Verticale Leggende e Tradizioni ha preso in considerazione la favola di Cappuccetto Rosso, in quanto è il personaggio più consono a questa età. Questa favola è il filo conduttore del nostro iter didattico e il personaggio è stato calato nella stagione dell autunno Cappuccetto in Autunno che raccoglie l uva, va nel bosco e raccoglie funghi e castagne e non fiori. 9

10 Classe 1B Primaria Il signore del paese la domenica mattina andava a caccia e quando tornava andava a Messa. Una domenica mattina, il signore del paese si attardò. La gente del paese era impaziente di attendere, allora il prete iniziò a celebrare la messa. Il palazzo del signore era vicino alla chiesa e dalle finestre si vedeva l interno. Quella mattina, quando il signore tornò, vide il prete sull altare che stava celebrando la Messa, si arrabbiò molto e, accecato dall ira, prese il fucile e lo uccise. Il prete morì sull altare e da quel giorno non fu celebrata più la Messa. Vicino alla chiesa sconsacrata fu costruita una nuova chiesa, dove tutt ora si celebra la messa. La chiesa sconsacrata è diventata una sala e viene usata come centro ricreativo del paese. 10 I.C. G. Pascoli Tramonti (SA) -

11 Classe 2A Primaria LE CASTAGNE Se vai al castagneto trovi tantissime castagne, ma ricordati che i ricci non si possono toccare, perché pungono. Se andiamo a raccoglierle, andiamo a casa, le cuciniamo, le mangiamo e le finiamo. Le castagne sono buonissime. A chi non piacciono? Io le farei provare! Tu non vai mai al castagneto a Tramonti? Un giorno una castagna cadde giù velocissima sopra la testa di un uomo. L uomo girò la testa pensando fosse un sasso e guardò per terra e disse: Forse me l hanno fatto per scherzo, poi vide un grande albero sopra di lui tutto pieno di ricci. Adesso ho capito forse era la castagna! C era un uomo dietro all albero: Sei stato tu a far cadere la castagna dall albero? No disse l uomo Forse è caduta da sola!. I due fecero amicizia e da quel giorno andarono insieme a raccogliere le castagne nei boschi. 11

12 News Scuola Il programma comunitario Frutta nelle scuole, introdotto dal regolamento (CE) n.1234/2007 del Consiglio del 22 ottobre 2007, è finalizzato ad aumentare il consumo di frutta e verdura da parte dei bambini e ad attuare iniziative che supportino più corrette abitudini alimentari e una nutrizione maggiormente equilibrata, nella fase in cui si formano le loro abitudini alimentari. L'insegnante Teresa Baldi, referente all'educazione alla salute per l'anno scolastico 2011/2012, segue diverse iniziative che coinvolgono i bambini della Scuola Primaria. Lo scorso 16 Novembre, i volontari del C.E.N.C.I.T (Centro contro i tumori) di Napoli, hanno presenziato all'interno della scuola per lo svolgimento dell'iniziativa di "Informazione e solidarietà" al fine del sostenimento dell'attività del Centro. Per il C.E.N.C.I.T la prevenzione è l'unico mezzo per sconfiggere tutte le malattie, perciò durante le loro iniziative di informazione e solidarietà divulgano l'importanza della prevenzione. Per diffondere tra gli alunni i principi di una sana alimentazione che sono alla base del vivere sani, la scuola ha aderito al programma "frutta nelle scuole" ed in data 30 novembre è iniziata la regolare fornitura di frutta (due volte a settimana) che viene fatta consumare ai bambini durante la ricreazione. Essa preceduta da un'abbondante prima colazione, fatta al risveglio, dovrebbe sostituire il panino, le merendine, le patatine ecc., che di solito si consumano nei dieci minuti di ricreazione. Inoltre, Martedì 29 Nov. è iniziato il corso di formazione e aggiornamento degli insegnanti referenti del programma "Crescere Felix", che prevede un incontro dei genitori degli alunni delle classi 3 e 4 della scuola primaria, con gli operatori ASL responsabili del progetto ed altre iniziative che si svolgeranno nel corso dell'anno scolastico. 12 I.C. G. Pascoli Tramonti (SA) -

13 Attualità E di nuovo luce, giochi di colore, atmosfera di Natale, si riaccende il Parco Incantato di Tramonti (Località Corsano) giovedì 15 Dicembre alle ore L iniziativa promossa dalla Cooperativa Sociale GEA, che da ormai un decennio gestisce il Centro Diurno Socio- Polifunzionale per Disabili Girasole, con la compartecipazione di alcuni Comuni della Costiera Amalfitana, ha dato vita e luce ad uno spazio del Comune di Tramonti, abbellendolo con luminarie natalizie, create con materiale di riciclo, impegnando operatori e ragazzi del centro nell assemblaggio di ciascun pezzo ornamentale. E da sottolineare il valido contributo degli alunni dell Istituto Comprensivo G. Pascoli di Tramonti, che hanno supportato concretamente le attività di realizzazione e di allestimento delle luminarie, raggiungendo il duplice obiettivo di integrazione sociale e di sensibilizzazione al riutilizzo creativo di materiali quali bottiglie di plastica, tappi, lattine, carta. Una nuova occasione per poter esprimere, in prossimità delle festività, gli auguri di Natale cogliendo appieno il significato di un momento particolarmente significativo e solidale per l intera comunità. Classe 3A Primaria C era una volta una maiana che era sposata da pochi giorni. Questa maiana usciva tutte le notti e si riuniva sempre con altre maiane. Il marito della maiana, di notte, dormiva sempre e non sentiva che sua moglie usciva. Durante la notte, la maiana si alzava, spostava un grosso armadio e da là usciva una boccetta contenente una pozione magica sulla quale c era scritto: acqua per fare volare solo le persone. La maiana la beveva e si metteva in piedi sulla finestra e volava via. Il vicino di casa, che si era accorto che succedevano cose strane, conoscendo le abitudini della donna, uscì nel mezzo della notte, prese una corda e la legò alla pianta sulla quale era appollaiata. Lei non potendo volare dalla pianta, pregò il signore di sciogliere la corda e di lasciarla andare via. Il vicino sciolse la corda e la lasciò andare via, con la promessa di non uscire più di casa per fare malefici, ma di diventare una brava moglie e donna. 13

14 Classe 3A Primaria In un ridente paese tra i monti, c erano tanto tempo fa tante streghe che facevano dispetti alle persone. Così, gli abitanti del posto un giorno decisero di farle allontanare, ma non ci riuscirono. Queste dopo due giorni decisero di rapire tutti i bambini che c erano a quel tempo. Ad un tratto arrivarono in loro aiuto le sorelle maiane che cercarono di ammazzare tutte le streghe, ma non ci riuscirono e così le streghe fecero la pozione per fare morire le maiane. Intanto apparvero gli spiriti buoni che facevano gli scherzi e si divertivano un sacco a fare dispetti e, ne fecero talmente tanti che sia le streghe che le maiane abbandonarono per sempre quel luogo. Da quel giorno gli abitanti di quel bel paese, vissero giorni sereni. LA MAIANA Nella frazione di Pucara, c era una donna che era una maiana e suo marito se ne accorse una sera quando andando a letto e svegliandosi durante la notte non vide la moglie accanto a sé. Andò a cercarla in cucina, ma non la vide ed allora, la notte seguente cercò di restare sveglio e quando la moglie si alzò, il marito la seguì e vide che si spogliava e si spargeva addosso un liquido uguale all olio, poi saliva sulla finestra e volava. La notte seguente il marito riempì la bottiglia con dell olio normale. La sera dopo, la moglie si sparse l olio e salì al piano superiore per buttarsi giù, ma questa volta morì. La gente capì che quella signora era una maiana. Da quel momento la gente quando vedeva una maiana, lanciava un ascia, così si conficcava nel tronco di un albero e lei si bloccava e la maledizione non avrebbe funzionato, oppure mettevano davanti alla porta una pianta particolare, oppure cose piccole e strette, così si mettevano a contare, facevano tardi e arrivando l alba dovevano rientrare e non riuscivano a fare malefici. Questa è una leggenda che si perde nella notte dei tempi. 14 I.C. G. Pascoli Tramonti (SA) -

15 O MUNACIELLO Classe 3B Primaria Nella mia frazione, Gete, nella zona dove abito, che è Bolvito, si racconta che in una vecchia cisterna c era un munaciello che non essendo stato un buon cristiano in vita, quando morì, la sua anima rimase intrappolata in questa cisterna. Lui, per rimediare ai suoi peccati, ogni sera faceva trovare qualche moneta ad un ragazzo che passava di lì per tornare a casa, ma a patto che non raccontasse mai a nessuno quel segreto. Quando i genitori si accorsero di quelle monete, ovviamente vollero sapere dove le prendeva e, dopo averlo forzato, il ragazzo spiegò tutto. I genitori andarono lì, il munaciello prima li spaventò, poi sparì per sempre e con lui le monete d oro. IL CAVALIERE FANTASMA C era un ragazzo che abitava a Polvica e aveva la fidanzata a Cesarano. Una sera stava andando come tutte le sere dalla fidanzata e nel tornare a casa si fece mezzanotte. Il ragazzo si fece coraggio e si avviò per strada a piedi, ma ad un certo punto sentì come se dietro di lui ci fosse qualcuno che lo seguiva. Si nascose dietro una siepe, si affacciò e vide un cavallo cavalcato da un fantasma come si fosse un vero e proprio cavaliere. Il ragazzo guardando bene si accorse che quel cavaliere era un ragazzo morto prima, il cui corpo on era mai stato ritrovato. La leggenda racconta che tutti quelli che non vengono sepolti con rito religioso diventano fantasmi. A Tramonti, a quei tempi, le anime vaganti erano molte; la leggenda narra che nel 50 il Papa fece una benedizione a tutte le anime, così riposarono in pace. 15

16 Classi 2A/B Primaria Martedì 22 novembre 2011, noi bambini delle seconde della Scuola Primaria siamo andati al Teatro Augusteo di Salerno per assistere ad una rappresentazione teatrale nell ambito della rassegna Primi applausi, voluta e pensata proprio per noi piccoli spettatori. Abbiamo scoperto atmosfere create da splendide musiche e conosciuto stravaganti personaggi, protagonisti di questa versione rivisitata della fiaba classica, dei fratelli Grimm. Una coinvolgente narrazione ci ha guidato attraverso la storia di Rosaspina, la Bella Addormentata nel Bosco. La bella principessina colpita, a sua insaputa, da una maledizione in tenera età. Appena compiuti quindici anni, sarà costretta a fare esattamente quello che il destino ha già scritto per lei:...toccherà, pungendosi, la spina di una rosa e cascherà in un sonno profondo che durerà cent anni, fin quando un principe valoroso, sconfiggerà la strega e bacerà la bella Rosaspina spezzando così la maledizione.... Non sono mancati gli elementi principali della favola originale: una strega cattiva con tanto di formule magiche, un principe avventuroso che combatte con grande coraggio contro le forze del male per salvare la bella Rosaspina e infine, la madrina del reame, la Fatina Buona che mitiga l incantesimo della Strega Malefica. Una tra le fiabe più amate dai bambini che, riproposta in veste di commedia, unisce diversi linguaggi scenici quali, teatro di figura, d attore e danza scenica il tutto al fine di uno spettacolo completo, emozionante, originale e divertente. 16 I.C. G. Pascoli Tramonti (SA) -

17 Classe 2B Primaria Martedì scorso alcune classi, compresa la mia, sono andate a fare una piccola gita a Salerno. Per prima cosa siamo andati al Teatro a vedere la rappresentazione della fiaba di Rosaspina, la fiaba è stata recitata da attori e marionette. Lo spettacolo è stato molto divertente, soprattutto quando una rana si è poggiata sul piede della regina e lei, spaventata, si è messa a saltare. Poi siamo andati a fare una passeggiata per le vie di Salerno, la città era già addobbata per le feste natalizie con luci sparse qua e là. Passeggiando siamo arrivati al Duomo di S. Matteo, la chiesa principale di Salerno, che purtroppo non abbiamo potuto visitare. Ci siamo fermati nel cortile che ha una forma quadrangolare ed è circondata da tante colonne che formano un porticato. Al centro dell atrio c era una vasca antica e sotto il porticato alcuni sarcofagi. La porta principale è di bronzo e ai due lati c è un leone e una leonessa che allatta, che, come racconta la leggenda, difendevano il duomo dai saccheggi dei pirati. Dopo il duomo siamo andati a visitare i presepi ed ho imparato quali statuine non devono mancare nel presepe. Poi abbiamo raggiunto la postazione del pullman e siamo tornati a scuola. Per me questa giornata è stata bellissima e spero di trascorrerne altre come questa. 17

18 Tradizione Classe 5B Primaria In occasione della rappresentazione teatrale Rosaspina al teatro Augusteo di Salerno, ci siamo recati anche a visitare le botteghe dei presepi napoletani. La guida che ci ha accompagnato per le vie del centro storico, tutto abbobbato a festa e pieno di luci per l Avvento, ci ha spiegato come si allestisce un presepe e ci ha detto che nella tradizione tutte le figure erano poste sul cosiddetto scoglio, una struttura di base in sughero, sulla quale venivano organizzate le diverse scene della rappresentazione della natività. Ci è stato spiegato, inoltre, che nel presepe non deve mancare mai la figura di un pastore che, sdraiato in disparte, se la dorme tranquillamente. Questo pastore si chiama Benino, detto il dormiglione. Lo sapete perché il dormiglione se la dorme e sembra non accorgersi della nascita di Gesù? Perché egli è un pastore che si è recato di corsa presso i casolari sparsi sulle montagne a diffondere la lieta notizia. Proprio per questo Benino è stanco e dorme anche lui, però, ha partecipato a modo suo alla nascita di Gesù Bambino e anche lui insieme agli angeli sembra annunciare a tutti: Gloria a Dio nell alto dei cieli e pace in terra agli uomini di buona volontà!. Classe 1A Secondaria 1 Grado Io sono Francesca e frequento il corso PON. La mia classe frequenta il corso di teatro. La nostra tutor p la professoressa D Argenio, cioè di musica, e poi c è l esperta Adriana Follieri, con il suo collaboratore Davide. In questo corso ci si diverte, recitiamo, cantiamo, si parla in italiano, ma qualche volta recitiamo anche in napoletano. In questi giorni stiamo parlando della guerra di Troia, soprattutto dei personaggi. Adriana è molto brava, ci sta insegnando ad essere dei veri attori ; la professoressa D Argenio, l ultima volta che ci siamo visti, ha recitato insieme a noi. Interpretava la maestra di Epica e noi facevamo gli alunni che avevano dimenticato tutto, perfino il nostro nome. Allora la prof. Si è arrabbiata, mentre noi ci passavamo un frutto che rappresentava il frutto della dimenticanza. Questo corso mi piace tanto. E stupendo!!! 18 I.C. G. Pascoli Tramonti (SA) -

19 Classe 1B Secondaria 1 Grado Noi ragazzi della I sez. B scuola sec. di I grado stiamo frequentando il PON dal titolo LA SCUOLA DI JONATHAN. La nostra esperta è Elisa Bove, da quasi tutti noi conosciuta perché oltre ad essere di Tramonti è una maestra di danza che insegna in una scuola a Tramonti. La nostra tutor invece è la prof.ssa Concetta Lambiase, nostra insegnante di Educazione Fisica; all inizio quasi tutti eravamo perplessi perché pensavamo che dovevamo cimentarci in danze e balletti...invece abbiamo scoperto che Stiamo esplorando il nostro territorio e la nostra storia, Come? Innanzitutto abbiamo iniziato dalla cosa più semplice cioè come giocavano i nostri nonni e prima ancora: beh! abbiamo scoperto che era molto difficile rispetto ad oggi che ci sono tanti giochi elettronici e multimediali, pieni di colori e funzioni; infatti, abbiamo costruito dei palloni fatti con stracci e giornali, abbiamo costruito e lanciato aereoplanini di carta, abbiamo giocato con la corda a saltare, abbiamo fatto una gara a tiro della fune, abbiamo giocato alla settimana, al lancio delle biglie ci siamo divertiti tantissimo e non ce l aspettavamo. Poiché stiamo anche studiando l origine del nostro corteo storico, abbiamo incontrato il Prof. Domenico Tafani che ci ha spiegato l origine delle nostre frazioni. Poi abbiamo iniziato ad esplorare il nostro territorio con una gita vera e propria intorno tutta Tramonti; infatti un sabato, a bordo del nostro scuolabus giallo guidato da Salvatore, e armati di macchine fotografiche, abbiamo visitato Figlino, Paterno, Gete e la sua cappella rupestre, la Torre Orsini e le mura che circondano il cimitero. Era uno splendido sabato di sole e tutte le foglie dai mille colori autunnali hanno fatto una bella cornice alle nostre foto. Poi siamo andati anche a Salerno ma il resto delle cose interessanti del nostro PON saranno le cose che faremo più in là e ve le raccontiamo nella prossima uscita del nostro giornalino ciao a tutti da noi e anche da Jonathan!!! 19

20 Classi 2A/B Primaria Tanto, ma tanto tempo fa, mi chiamavo Nicola e vivevo a Patara, in Turchia. Fin da bambino mi piaceva vedere le persone contente. La mia grande passione era fare regali, soprattutto a chi aveva tanti bei desideri. Ero nato in una famiglia molto ricca, ma presto rimasi orfano e regalai ai poveri tutto quello che avevo. Decisi poi di andare in convento e più tardi divenni vescovo della città di Mira. Per tutta la vita mi dedicai al mio hobby preferito: aiutare le persone ad essere felici. Mi piaceva, per esempio, andare sulla spiaggia quando il mare era in tempesta, perché avevo scoperto di avere il particolare potere di calmare le burrasche. Così, se qualche barca dei pescatori era rimasta al largo, in preda alle onde, stendevo le mani verso il mare, che subito tornava calmo. Com erano felici quei pescatori, quando scendevano sani e salvi dai loro pescherecci! Nicola, Nicola! gridavano abbracciandomi e baciandomi. Tu sei un Santo! poi, per ringraziarmi, volevano farmi dei regali e io protestavo perché ero già tanto contento di vederli contenti. Ma loro insistevano. Allora, per non offenderli, accettavo le cose che mi portavano: frutta, verdura fresca, olio, vino, polli, conigli, capretti e regalavo tutto di nuovo a chi aveva fame. Quando morii mi trovai dinanzi alla grande e maestosa porta del Paradiso, che sta sotto un portico di nuvole candide come la neve. Vidi un campanello con dentro una primula azzurra e, d istinto, ci soffiai sopra. Un suono dolcissimo si diffuse nell aria, la porta s aprì e comparve un angelo che mi condusse in volo sulle grandi ali davanti a Gesù. Salve Nicola mi disse Gesù sorridendo. Benvenuto in Paradiso! Abbiamo pronta per te una sorpresa davvero speciale. Poiché in vita fosti tanto generoso e buono ti abbiamo eletto all unanimità Babbo Natale. Babbo Natale? chiesi incredulo Ma io? Proprio io? D ora in avanti abiterai in un palazzo di cristallo, ghiaccio e neve, tra il cielo e la terra, non lontano dal Polo Nord. Lì, ti occuperai del lavoro degli gnomi, degli elfi e delle fate, che fabbricano i regali per i bambini di tutto il mondo. 20 I.C. G. Pascoli Tramonti (SA) -

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

Il 28 novembre 2015, noi classe 1^B, come tutti gli alunni del nostro Istituto, abbiamo aperto la nostra scuola al territorio. L esperienza è stata

Il 28 novembre 2015, noi classe 1^B, come tutti gli alunni del nostro Istituto, abbiamo aperto la nostra scuola al territorio. L esperienza è stata Il 28 novembre 2015, noi classe 1^B, come tutti gli alunni del nostro Istituto, abbiamo aperto la nostra scuola al territorio. L esperienza è stata molto positiva perché ci ha permesso di far conoscere

Dettagli

SPETTACOLO DI NATALE 2014

SPETTACOLO DI NATALE 2014 Sabato 20 Dicembre 2014 SPETTACOLO DI NATALE 2014 TUTTO IL MONDO FESTEGGIA IL NATALE Carissime famiglie, mamme, papà, fratelli, sorelle, nonni, zii Benvenuti a tutti! Eccoci anche quest anno alle porte

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

CONTIAMO MOLTO AUGURA TANTISSIMI AUGURI DI BUON NATALE ANCHE A TUTTI VOI ^_^

CONTIAMO MOLTO AUGURA TANTISSIMI AUGURI DI BUON NATALE ANCHE A TUTTI VOI ^_^ FRASI DI NATALE - BELLE FRASI DI AUGURI DI NATALE Scegli le migliori Frasi di Natale per fare tanti Auguri di Buon Natale Prepara il tuo sorriso migliore, a Natale tutti vogliono essere felici. Regala

Dettagli

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù Poesia della mia prima elementare Sebbene faccio la classe prima Non mi è difficile parlare in rima, teco l augurio che il cuor mi detta

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

PRESENTAZIONE INDICE

PRESENTAZIONE INDICE PRESENTAZIONE Quest anno noi ragazzi di prima C, con l aiuto dell insegnante di Lettere, abbiamo deciso di comporre alcune brevi poesie per creare un atmosfera natalizia dolce e festosa. Oltre a rallegrarvi

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

DI TUTTI I COLORI Dicembre 2015

DI TUTTI I COLORI Dicembre 2015 Anno scolastico 2015/2016 anno II DI TUTTI I COLORI Dicembre 2015 Siamo finalmente ritornati, non ci credevate più eh!!!, Invece ci siamo. Siamo pronti per ricominciare, per raccontarvi i primi giorni

Dettagli

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA ANNO SCOLASTICO 2011/ 12 UNA GIORNATA A BRERA Venerdì 17 febbraio sono andato con la mia classe e la IV E a Brera. Quando siamo arrivati le guide ci hanno diviso

Dettagli

NOTIZIE DALL INTERNO

NOTIZIE DALL INTERNO Istituto Comprensivo Cantù2 Scuola Primaria di Fecchio Anno 7. Numero 3 Giugno 2012 SCUOLA IN...FORMA Pag. 2 NOTIZIE DALL INTERNO (CURIOSANDO NELLA SCUOLA) A CURA DI ALICE, TABATA, MATTEO CAMESASCA (QUINTA)

Dettagli

LA VOCE DEGLI ANTA. Autunno

LA VOCE DEGLI ANTA. Autunno È lieta di presentarvi LA VOCE DEGLI ANTA Numero 10, Ottobre 2015 Autunno La terra si veste del giallo delle foglie in autunno. Il vento raccoglie i sussurri dei trepidi uccelli e gioca coi rami avvizziti

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Aldo Moro Scuola dell Infanzia Collodi Corbetta Anno Scolastico 2012-2013

Istituto Comprensivo Statale Aldo Moro Scuola dell Infanzia Collodi Corbetta Anno Scolastico 2012-2013 alla Istituto Comprensivo Statale Aldo Moro Scuola dell Infanzia Collodi Corbetta Anno Scolastico 2012-2013 IL CALENDARIO DELL AVVENTO Collaborando con la Città dei Bambini, ogni sezione ha preparato su

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Gli orari e i servizi

Gli orari e i servizi INfanzia IN fiore Le Scuole dell infanzia di Attraverso esperienze reali impariamo le norme e i comportamenti da adottare in caso di pericolo I progetti Gli esperti Sportello psicologico una psicologa

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Progetto di educazione alimentare

Progetto di educazione alimentare Progetto di educazione alimentare PREMESSA Il Progetto Alimentazione, pur rientrando nel campo dell Educazione alla Salute, non vuole essere semplicemente inteso come educazione igienico sanitaria, finalizzata

Dettagli

Bù! di e con Claudio Milani

Bù! di e con Claudio Milani Bù! di e con Claudio Milani Testo n Francesca Marchegiano e Claudio Milani Scenografie n Elisabetta Viganò, Paolo Luppino, Armando e Piera Milani Musiche n Debora Chiantella e Andrea Bernasconi Produzione

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

IL GIORNALINO BIMESTRALE - ANNO 1 2 NUMERO. Niscemi- Sez. M

IL GIORNALINO BIMESTRALE - ANNO 1 2 NUMERO. Niscemi- Sez. M IL GIORNALINO BIMESTRALE - ANNO 1 2 NUMERO Ultime notizie dalla Scuola dell Infanzia San Giuseppe - Niscemi- Sez. M Sfogliando le sue pagine potrete cogliere gli aspetti più significativi di alcune esperienze

Dettagli

SCUOLA INFANZIA RINASCITA

SCUOLA INFANZIA RINASCITA SCUOLA INFANZIA RINASCITA ******************** PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE MANGIARE E' UN GIOCO NON E' MAI TROPPO PRESTO PER IMPARARE A MANGIARE BENE PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE E' importante,

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013 UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO Il Natale è una festività molto

Dettagli

NOI BAMBINI in cammino verso i DIRITTI

NOI BAMBINI in cammino verso i DIRITTI NOI BAMBINI in cammino verso i DIRITTI I bisogni dei bambini e delle bambine sono stati chiamati DIRITTI. Un diritto stabilisce quello che ci è permesso fare e quello che deve fare chi si occupa di noi

Dettagli

Guida didattica all unità 4 La città in festa

Guida didattica all unità 4 La città in festa Destinazione Italiano Livello 2 Guida didattica all unità 4 La città in festa 1. Proposta di articolazione dell unità 1. Come attività propedeutica, l insegnante svolge un attività di anticipazione, che

Dettagli

Istituto Maria Consolatrice

Istituto Maria Consolatrice ISTITUTO PARITARIO MARIA CONSOLATRICE Via Melchiorre Gioia, 51 20 124 MILANO Tel. 02/66.98.16.48 - Fax 02/66.98.43.64 - Cod.Fiscale: 01798650154 e-mail:direzioneprimaria@ismc.it sito internet: www.consolatricemilano.it

Dettagli

natale Gnomi al lavoro!

natale Gnomi al lavoro! natale Gnomi al lavoro! La fabbrica di Babbo Natale è un posto davvero speciale, ci sono gnomi specializzati molto ben organizzati che preparano giochi e dolcetti per riempire tutti i pacchetti: dipingono

Dettagli

La scatola dei pensieri sparsi

La scatola dei pensieri sparsi La scatola dei pensieri sparsi In tutte le classi prime di scuola secondaria e, dunque, non solo in quella sperimentale, e stata proposta la creazione de La scatola dei pensieri sparsi(strumento anonimo).

Dettagli

IL NATALE DEI BAMBINI

IL NATALE DEI BAMBINI IL NATALE DEI BAMBINI Recita (Classe I) E ACCADUTO UN FATTO STRANO Narratore1 MARCO: Babbo Natale vive in un paese lontano, al POLO NORD. Insieme ai suoi folletti, costruisce i giochi che porta ai bimbi

Dettagli

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO E. TOTI - Scuola statale dell Infanzia di Musile di Piave - A.S..2008-09 VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA Siete invitati alla nostra festa che si

Dettagli

Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare SI I, II, III Nessuna: adatto come scritto PERSONAGGI

Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare SI I, II, III Nessuna: adatto come scritto PERSONAGGI TITOLO UN FIORE + UNA FARFALLA = PACE Argomento Fiaba sulla pace Il testo è adatto alle seguenti classi: Scuola Adatto Classi di riferimento Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE PRIMAVERA VIAGGIO CON ALLEGRIA NEL MONDO PIU BELLO CHE CI SIA!

PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE PRIMAVERA VIAGGIO CON ALLEGRIA NEL MONDO PIU BELLO CHE CI SIA! Scuola dell Infanzia Paritaria Colombani Navarra Via Verdi, 7 44020 Ostellato (Fe) Aiutami a fare da solo Maria Montessori PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE PRIMAVERA VIAGGIO CON ALLEGRIA NEL MONDO PIU BELLO

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

"UN NATALE MAGICO" Farsa in Musica per Bambini di Oreste De Santis

UN NATALE MAGICO Farsa in Musica per Bambini di Oreste De Santis "UN NATALE MAGICO" Farsa in Musica per Bambini di Oreste De Santis *** Attenzione è possibile acquistare il cd musicale ( 20 ) con le canzoni con voce e le basi musicali direttamente dall autore scrivi

Dettagli

Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica.

Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica. Comune di Brentonico Provincia autonoma di Trento Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica. Collaborazione Istituto comprensivo Scuola primaria Brentonico

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/14

ANNO SCOLASTICO 2013/14 ANNO SCOLASTICO 2013/14 LA LETTERA AL SINDACO L INVITO DEL SINDACO Palermo, 6 Novembre 2013 Caro Sindaco, siamo gli alunni della classe 4^ C della scuola Francesco Orestano che si trova a Brancaccio, in

Dettagli

SCUOLA A. MANZONI CLASSE 3A. MAHAM JANJUA e DOUGLAS SILVA. presentano (RIELABORAZIONE DI UN LIBRO)

SCUOLA A. MANZONI CLASSE 3A. MAHAM JANJUA e DOUGLAS SILVA. presentano (RIELABORAZIONE DI UN LIBRO) SCUOLA A. MANZONI CLASSE 3A MAHAM JANJUA e DOUGLAS SILVA presentano (RIELABORAZIONE DI UN LIBRO) ATTIVITA ALTERNATIVA ALL INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA CON LA COLLABORAZIONE DELL INSEGNANTE VANIA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SEZIONI A B C BIMBI VERDI

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SEZIONI A B C BIMBI VERDI PROGRAMMAZIONE ANNUALE SEZIONI A B C BIMBI VERDI Anno scolastico 2012/2013 I collegamenti con le Indicazioni Nazionali e il Piano dell'offerta Formativa La programmazione dell anno scolastico 2012/2013

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA Edizione Nr. 5 uscita del 13 febbraio 2015 All interno trovi Curiosità Racconti personali Tante fotografie Le nostre attività Informazioni ed eventi E tanto altro Via

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI Maggio-Giugno Le campane nel campanile suonano a festa. E risorto Gesù E Pasqua senti come suonano allegre! ascoltiamole Queste suonano forte! Maestra perchè

Dettagli

NEL MAGICO MONDO DI OZ.

NEL MAGICO MONDO DI OZ. NEL MAGICO MONDO DI OZ. Periodo: SETTEMBRE OTTOBRE. IN VIAGGIO CON DOROTHY: LE SCARPETTE MAGICHE UNA STORIA PER COMINCIARE SEGUI IL SENTIERO DORATO DOCUMENTO LE SCARPETTE MAGICHE Sorpresa in salone troviamo

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C Il percorso didattico dedicato agli alberi è iniziato il 19 11 2010, all'interno del progetto Ambiente dedicato

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

(a partire dal 15 Dicembre, ogni sera un racconto...)

(a partire dal 15 Dicembre, ogni sera un racconto...) La Casa di Natale Per raccontare il vero Natale ai bambini (a partire dal 15 Dicembre, ogni sera un racconto...) www.cantogesu.it La Casa di Natale Per raccontare il vero Natale ai bambini (a partire dal

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Lo sai mamma che... Il giornalino della Scuola dell Infanzia di Ponte nelle Alpi gestito dai genitori con la collaborazione delle insegnanti.

Lo sai mamma che... Il giornalino della Scuola dell Infanzia di Ponte nelle Alpi gestito dai genitori con la collaborazione delle insegnanti. Pronti per colorare? Lo sai mamma che... Il giornalino della Scuola dell Infanzia di Ponte nelle Alpi gestito dai genitori con la collaborazione delle insegnanti. Ringraziamo tutte le maestre e le mamme

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ALTINO

SCUOLA PRIMARIA ALTINO SCUOLA PRIMARIA ALTINO PROGETTO CONTINUITA : MANGIA SANO E VAI LONTANO Incontro con i bambini di 5 anni delle scuole dell infanzia di Altino Durante gli incontri di continuità con la Scuola dell Infanzia

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

Biancarosa e Il Paese dei Colori

Biancarosa e Il Paese dei Colori Biancarosa e Il Paese dei Colori Scuole elementari Marluna Teatro propone alla Vs. attenzione il suo nuovo spettacolo teatrale per bambini e ragazzi, BIANCAROSA E IL PAESE DEI COLORI. Lo spettacolo affronta,

Dettagli

LABORATORIO CARTOON. Scuola primaria di Venzone classe Terza Anno scol. 2012-13

LABORATORIO CARTOON. Scuola primaria di Venzone classe Terza Anno scol. 2012-13 LABORATORIO CARTOON La classe terza della scuola Primaria di Venzone, quest anno ha partecipato al Progetto di Circolo con il suo laboratorio intitolato: Laboratorio Cartoon. Tale progetto, proposto dal

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CURSI Scuola Primaria Bagnolo del Salento A.s. 2009-2010

ISTITUTO COMPRENSIVO CURSI Scuola Primaria Bagnolo del Salento A.s. 2009-2010 ISTITUTO COMPRENSIVO CURSI Scuola Primaria Bagnolo del Salento A.s. 2009-2010 2010 RELAZIONE FINALE Il progetto Scuola fiorita, realizzato nella Scuola Primaria di Bagnolo del Salento nel secondo quadrimestre

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

Circolo Didattico Agrate Brianza Anno scolastico 2008-2009

Circolo Didattico Agrate Brianza Anno scolastico 2008-2009 Circolo Didattico Agrate Brianza Anno scolastico 2008-2009 Progetto realizzato in collaborazione tra: Sezione Azzurri scuola dell Infanzia Via Garibaldi Classe 1B scuola Primaria Omate Classe 1C scuola

Dettagli

I piccoli poeti della 5^ A Scuola Primaria

I piccoli poeti della 5^ A Scuola Primaria I piccoli poeti della 5^ A Scuola Primaria ins. Antonietta Scarcella Il Natale. Ogni anno arriva il Natale E noi bambini felici siamo. Tutti contenti per i doni che riceviamo, Anche gli adulti sono contenti,

Dettagli

Scuola dell Infanzia

Scuola dell Infanzia ISTITUTO PARITARIO MARIA CONSOLATRICE Via Melchiorre Gioia, 51 20 124 MILANO Tel. 02/66.98.16.48 - Fax 02/66.98.43.64 - Cod.Fiscale: 01798650154 e-mail:primaria@consolatricemilano.it sito internet: www.consolatricemilano.it

Dettagli

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo.

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Pensieri.. In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Simone Per me non è giusto che alcune persone non abbiano il pane e il cibo che ci spettano di diritto. E pensare che molte

Dettagli

ANNO I n. 3-Dicembre A.S. 2010-2011. Si desti l umanità intera a lodare. l Emmanuel Dio con noi disceso dal cielo a donarci la Salvezza!

ANNO I n. 3-Dicembre A.S. 2010-2011. Si desti l umanità intera a lodare. l Emmanuel Dio con noi disceso dal cielo a donarci la Salvezza! A.S. 2010-2011 ANNO I n. 3-Dicembre Si desti l umanità intera a lodare l Emmanuel Dio con noi disceso dal cielo a donarci la Salvezza! Il 15 dicembre la classe II I si è recata al Teatro Curci di Barletta

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

I 5 SENSI DELLE STAGIONI

I 5 SENSI DELLE STAGIONI PROGETTO DIDATTICO SCUOLA DELL INFANZIA E. RAVASCO Via Lodi, 220 Genova I 5 SENSI DELLE STAGIONI VIAGGIO ATTRAVERSO LE STAGIONI: VISTE, SENTITE, ODORATE, TOCCATE, GUSTATE Il progetto si pone come obiettivo

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CARPI NORD SCUOLA PRIMARIA SALTINI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE 2ª B ANNO

ISTITUTO COMPRENSIVO CARPI NORD SCUOLA PRIMARIA SALTINI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE 2ª B ANNO ISTITUTO COMPRENSIVO CARPI NORD SCUOLA PRIMARIA SALTINI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE 2ª B DI UN ANNO A tutti gli alunni Abbiamo imparato l alfabeto, infatti abbiamo i serpenti dell alfabeto sull armadio.

Dettagli

II Circolo didattico Castelvetrano

II Circolo didattico Castelvetrano Progetto continuità Scuola dell infanzia Scuola primaria Anno Scolastico 2011/2012 Passo dopo passo II Circolo didattico Castelvetrano È molto importante curare nella scuola il passaggio tra ordini diversi,

Dettagli

LEGGENDA DELLA SIRENA

LEGGENDA DELLA SIRENA LA LEGGENDA DELLA SIRENA Anche questa seconda leggenda massarosese è stata tratta dalla raccolta Paure e spaure di P. Fantozzi e anche su questa lettura i ragazzi hanno lavorato benché in maniera differente:

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ ТЕСТ ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК ЗА VII КЛАС I. PROVA DI COMPRENSIONE DI TESTI ORALI Testo 1

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE:

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: La frase la maestra scrive sulla lavagna Chiara una foto ai bambini fa Una torta prepara la mamma al cioccolato Giocano con la corda i ragazzi

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA CASSIA KM 18,700 ROMA GIORNALINO QUI SCUOLA AMALDI N.0 - FEBBRAIO 2012 EDITO DALLE CLASSI: I E-F, II E-F, III E-F, IV F, V

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA CASSIA KM 18,700 ROMA GIORNALINO QUI SCUOLA AMALDI N.0 - FEBBRAIO 2012 EDITO DALLE CLASSI: I E-F, II E-F, III E-F, IV F, V ISTITUTO COMPRENSIVO VIA CASSIA KM 18,700 ROMA GIORNALINO QUI SCUOLA AMALDI N.0 - FEBBRAIO 2012 EDITO DALLE CLASSI: I E-F, II E-F, III E-F, IV F, V E-F, SCUOLA PRIMARIA e SEZ A-B-C SCUOLA MATERNA Settembre

Dettagli

Tu scendi come la neve per stare con noi e portarci in Cielo!

Tu scendi come la neve per stare con noi e portarci in Cielo! Oh che meraviglia... Tu scendi come la neve per stare con noi e portarci in Cielo! Inserto N. 4 2009 Carissimi bambini, ogni anno vi divertite un mondo a fare il vostro presepe e non vedete l ora di aggiungere

Dettagli

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì!

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Limerik di Ettore (nipotino grande) 9 PREFAZIONE È stata un emozione

Dettagli