"Sulle tracce delle scuole Scomparse"

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""Sulle tracce delle scuole Scomparse""

Transcript

1

2 La presente pubblicazione è stata promossa dal Progetto "Sulle tracce delle scuole Scomparse" del 106 Circolo Didattico "E. Marchiafava" ed è a cura delle referenti Hilda Girardet e Maria Pia Cedrini. Progetto grafico di Angelo Brun Si ringraziano tutti coloro che hanno reso possibile il presente volume. In particolare un sentito ringraziamento va: - al Comune della Città di Fiumicino che ha contribuito economicamente alla pubblicazione, - al Museo Storico della Didattica della Università di Roma Tre per la consulenza e i materiali fotografici e documentari forniti, - al Club Motori d Altri Tempi, - a Luisa Scorletti Triboulet e a Pietro Vergnani per le testimonianze sulla scuola E. Marchiafava e M. Montessori. Le fotografie sono state messe a disposizione da: Museo Storico della Didattica della Università di Roma Tre, Maccarese S.p.a, Rete Bibliolab di Cantarana (Asti) e alle famiglie di Maccarese: Alberina Antonacci, Fiamma Bellotto, Agnese Bortolin, Luca Bravi, Laura Chierico, Franz Drudi, Elsa Ercolini, Rita Fenzato, Laura Finesso, Lorenzo Majnoni, Adriano Mancini, Angelo Mattiuzzi, Katia Mazzanti, Piero Panetta, Albertina Parotto, Antonella Quilli, Antonella Ravarotto, Ludovico Reposi, Iole Turato, Giovanni Zorzi. Foto di copertina: la prima scuola elementare del Villaggio San Giorgio di Maccarese. 2

3 Città di Fiumicino Presentazione Quando, nel Natale 2004, visitai la mostra "Sulle tracce delle Scuole scomparse" fu quasi istintivo suggerire la pubblicazione di quella ricerca. La forma "libro" permette ora infatti di far assurgere a quell'esposizione, cui continuo a plaudire, il carattere di documentazione permanente. Un "oggetto culturale" destinato così a passare di mano in mano, di generazione in generazione. Questa opera nasce con una finalità didattica che persegue un metodo adeguato ai tempi che viviamo: fa uso dell'iconografia, ma in una cornice storica, insegnando così a leggere la realtà per immagini. Una dimensione che rappresenta sempre un "punto di vista" e che, quindi, richiede una particolare consapevolezza sia nei più piccoli, sia negli adulti. "Sulle tracce delle Scuole scomparse" intraprende una strada interessante proprio in questa direzione ponendo il focus su qualcosa che è ormai invisibile ed eppure ha lasciato traccia di sé. Un libro che costituisce, inoltre, un'opportunità per estendere la memoria di ciascuno - arricchendola con porzioni di quella collettiva - tanto nel passato che nel futuro della nostra comunità. Una proiezione in grado di combinare - in una felice formulazione - il vissuto individuale, le fonti orali, le fonti scritte e quelle fotografiche. Il Sindaco Mario Canapini 3

4 4

5 Prefazione Il perché di un Progetto Il Progetto "Sulle tracce delle scuole scomparse" nasce dall'esigenza di guidare le bambine ed i bambini del nostro territorio alla conoscenza ed alla comprensione della realtà che li circonda, attraverso il recupero e la valorizzazione di un fecondo rapporto con il passato. E', infatti, nella ricerca del passato che si fonda la comprensione del presente, si aprono nuovi spazi di riflessione e si costruiscono percorsi attraverso i quali procedono di pari passo la dimensione culturale e la maturazione affettiva, contribuendo alla formazione dell'identità personale e culturale dei nostri alunni. La scuola primaria è infatti l'ambiente educativo di apprendimento nel quale ogni bambino deve trovare le occasioni per maturare progressivamente le proprie capacità di autonomia, di azione diretta, di relazioni umane, al fine di diventare protagonista della costruzione del proprio sapere ed " imparare ad imparare". L'obiettivo principale che la scuola si pone è pertanto quello di valorizzare l'esperienza dei bambini ed avviarli alla ricostruzione dell'immagine del passato muovendo dal presente, attraverso la ricerca storica e l'analisi delle fonti (fotografie, documenti, testimonianze), che vanno concretamente ricercate, lette e confrontate. E' questa la strategia didattica privilegiata di questo Progetto: porre particolare attenzione al vissuto dei bambini ed alle loro esperienze, al fine di suscitare in essi azione, coinvolgimento ed emozione, promuovendo la conoscenza del territorio in cui vivono e guidandoli al confronto ed allo scambio di valori e comportamenti diversi nel presente e nel passato. L'analisi delle tracce che il passato ha lasciato nei ricordi dei genitori, dei nonni e dei bisnonni richiama infatti nei bambini un universo di aspettative, emozioni, interessi, sensibilità, avviandoli alla conoscenza ed alla comprensione della storia del nostro territorio e costruendo nel contempo le abilità di cogliere le relazioni tra gli eventi nel tempo e nello spazio. In questo senso, lo studio del passato rappresenta un passaggio fondamentale nella formazione nei nostri alunni di una positiva immagine di sé, predisponendoli al confronto ed all'incontro con gli altri, allo scambio di esperienze e allo sviluppo delle competenze, valorizzando il presente e di conseguenza progettando il futuro. Ringraziamo in modo particolare il Sindaco del Comune di Fiumicino, Mario Canapini, per avere concretamente contribuito, insieme all'amministrazione Comunale, alla realizzazione del Progetto. Un sentito ringraziamento va inoltre a quanti hanno partecipato alla realizzazione di questo volume, ed in particolare alle insegnanti referenti Hilda Girardet e M.Pia Cedrini. Grazie al loro prezioso lavoro, la nostra Scuola ed il Comune di Fiumicino potranno concretamente divenire parte attiva nell'impegno comune di consolidare la memoria collettiva diffondendola presso le giovani generazioni, valorizzando i molteplici aspetti di un territorio ricco di risorse e di interesse storico, naturalistico, culturale e sociale. Il Dirigente Scolastico Celestina Nava 5

6 6

7 Introduzione Questo volume è nato dall'esigenza di rendere disponibili dei materiali fotografici e scritti capaci di motivare e sostenere la didattica della storia locale fin dalle prime classi elementari. Per questo stesso motivo, abbiamo scelto come tema quello delle scuole elementari a Maccarese, un tempo numerose e ora ridotte alla sola sede della E. Marchiafava. Un tema che è vicino all'esperienza infantile, facile da mettere a confronto nel tempo, quindi adatto agli interessi e alle capacità dei bambini della nostra scuola, e, al tempo stesso, un tema interessante e significativo per la storia del territorio. A differenza di altre "storie della scuola", che possono contare su una ricca documentazione scritta, la nostra indagine ha privilegiato la documentazione fotografica. Siamo infatti convinte che la possibilità di 'vedere' il passato abbia un impatto immediato su tutti e in particolare sui bambini, aiutandoli così nel loro primo approccio allo studio storico. Abbiamo però ritenuto di integrare il materiale fotografico con un breve testo introduttivo alla storia del territorio, in modo da fornire, soprattutto per i periodi più lontani, le conoscenze indispensabili per comprendere appieno il contesto storico sul cui sfondo collocare le singole fotografie. La parte centrale del volume è dedicata alla presentazione del materiale fotografico e, sostanzialmente, coincide con la Mostra "Sulle tracce delle Scuole Scomparse", inaugurata nei locali della Scuola E. Marchiafava nel Natale 2004 e che ha ottenuto vivi apprezzamenti da parte delle famiglie degli alunni, delle classi di scuola elementare e media che l'hanno visitata e da parte dell'amministrazione Comunale che ne ha proposto, sostenendola economicamente, la pubblicazione. Le fotografie sono suddivise in quattro sezioni: 1. Le Origini; 2. Il Villaggio San Giorgio; 3. Marchiafava e le altre; 4. I momenti, le persone, le cose. La prima sezione, "Le Origini", è dedicata al periodo che va dai primi del Novecento fino agli anni Venti. La storia che vi è raccontata è una storia che Maccarese ha vissuto in comune con larga parte dell'agro Romano, del quale faceva parte. La seconda sezione, "Il Villaggio San Giorgio" è centrata sulla bonifica integrale e sulla costruzione del Villaggio San Giorgio, accanto al Castello: è qui che è stata costruita la prima scuola elementare di Maccarese. La terza sezione, "Marchiafava e le altre" è dedicata alle scuole elementari che furono attive a Maccarese per circa un trentennio, dagli anni '50 agli anni '80 e che ora sono 'scomparse', e utilizzate come sedi di istituti di istruzione secondaria. L'ultima, "I momenti, le persone, le cose", è invece una sezione tematica, che non segue l'ordine cronologico e che illustra, attraverso fotografie scattate in epoche diverse, i diversi aspetti della vita della scuola, dai momenti della giornata ai suoi protagonisti, dai libri agli alfabetieri, dai quaderni alle pagelle utilizzate. 7

8 Il volume si chiude con alcuni suggerimenti per l'utilizzazione didattica del materiale documentario pubblicato. Come insegnanti, infatti, siamo consapevoli che se "vedere il passato" costituisce una risorsa è però necessario " insegnare a vedere", e quindi, per i bambini, imparare a "leggere" la fonte fotografica alla luce di conoscenze storiche adeguate. Prima di concludere vogliamo ringraziare tutti coloro che con la loro collaborazione hanno reso possibile la realizzazione di questo volume: in primo luogo le famiglie degli alunni che hanno fornito le fotografie e tutte le persone che con i loro ricordi e le loro testimonianze hanno contributo a chiarire e a definire eventi ed aneddoti particolari. Un sentito ringraziamento va alla dott.ssa Giovanni Alatri che collabora al Museo storico della Didattica dell'università di Roma Tre, e che ci ha aiutato a selezionare il materiale più rappresentativo per la sezione "Le Origini". Sulla base dei suoi documentatissimi e numerosi saggi, nei quali ha ricostruito la storia della scuola nell'agro Romano nei primi decenni del Novecento, abbiamo potuto dar conto della vicenda delle Scuole per i Contadini, presentata nelle pagine a seguire. Un ringraziamento del tutto speciale va, infine, a Giovanni Zorzi, esperto di storia locale e socio della Cooperativa Ricerca sul Territorio e dell'eco Museo del Litorale, che ha messo a nostra disposizione la sua profonda conoscenza della storia di Maccarese, e ha fornito una parte delle fotografie raccolte, soprattutto relativamente agli anni che hanno immediatamente preceduto e seguito la Bonifica. Le Referenti del Progetto "Sulle tracce delle Scuole Scomparse Hilda Girardet e Maria Pia Cedrini 8

9 Per una storia del territorio La storia della scuola nel territorio di Maccarese ha poco più di cento anni, appena un secolo. Eppure in un secolo questo territorio - come quello dell'agro Romano di cui fa parte - ha visto tanti e tali cambiamenti che non solo sono mutate le condizioni di vita dei suoi abitanti ma gli stessi suoi paesaggi originari sono diventati irriconoscibili. Una storia, quella della scuola, che si lega a quella delle possibilità stesse di sopravvivenza umana e che quindi si intreccia ai successi ottenuti nel campo della ricerca sulla malaria e alla realizzazione della bonifica. Una storia, ancora, scarna di documentazione scritta e fotografica e per ricostruire la quale è stato necessario includere fonti e testimonianze che, per i periodi più lontani, riguardano più in generale la storia della lotta contro l'analfabetismo e della scuola nell'agro Romano. Le origini I primi anni del Novecento - data di inizio della nostra indagine - sono stati decisivi per il territorio di Maccarese: i primi grandi successi nella lotta contro la malaria hanno infatti reso possibile avviare quel processo di colonizzazione che, con la bonifica degli anni '20, ha poi trasformato Maccarese nel luogo che tutti conosciamo. Prima di quella data e per i secoli precedenti Maccarese era un territorio del tutto ostile agli insediamenti umani, una zona paludosa e mefitica, infestata dalla malaria, e utilizzata soprattutto come zona di caccia, così come era avvenuto per i secoli precedenti. Vi risiedeva in pianta stabile un nucleo minimo di popolazione: quello strettamente necessario al funzionamento della Tenuta San Giorgio. I lavori stagionali erano affidati invece a compagnie di lavoratori: "i guitti". Spesso ogni compagnia era specializzata in una diversa attività e i suoi componenti di solito provenivano tutti dal medesimo paesino dell'interno (dall'abruzzo o dalle Marche, dall'umbria, dalla Campania e dal Lazio). Gli abitanti di Maccarese, all'inizio del 1900 variavano dalle 80 alle 400 persone, a seconda dei lavori stagionali che richiamavano minore o maggiore manodopera. Per ricostruire le condizioni di vita e di lavoro di queste popolazioni, una delle testimonianze dell'epoca più interessanti e commoventi, è quella di Antonio Dionisi, medico patologo che lavorò assieme a Ettore Marchiafava e ad Angelo Celli alla ricerca sulla malaria presso l'ospedale S. Spirito di Roma (foto a pag. 56). Nel 1899 la Società per gli Studi sulla malaria, diretta da Angelo Celli istituì nell'agro Romano due Stazioni Sanitarie sperimentali - una alla Cervelletta e l'altra a Maccarese - con il compito di monitorare l'andamento della malaria. Antonio Dionisi venne mandato a dirigere quella di Maccarese, dal marzo 1899 al febbraio 1900 e - oltre a somministrare le 9

10 necessarie dosi di chinino - effettuò osservazioni sistematiche, mese per mese, sulla popolazione residente e stagionale che soggiornava a Maccarese in quell'anno. Queste osservazioni furono raccolte nel volume intitolato "La malaria di Maccarese" e costituiscono un materiale prezioso per ricostruire le condizioni di vita e di lavoro a Maccarese. Veniamo così a sapere che le famiglie stabilmente residenti al Casale di Maccarese (ora chiamato Castello San Giorgio) erano quelle del Fattore e del Sottofattore, del Guardiacasale che, tra l'altro, aveva il compito di tenere in buone condizioni gli attrezzi agricoli, e del Guardiano. Vivevano al Casale anche il fornaio con moglie e tre figlie e il loro garzone, due fabbri, un muratore, un dispensiere che vendeva il vino ai bifolchi che "ne bevevano più di quanto dovessero", anche perché l'acqua era pericolosamente insidiosa. E ancora il massaro dei bufali e dei cavalli, il capoccia che reperiva e controllava i lavoratori stagionali e un soldato addetto alla stalla dove si allevavano cavalli per il governo. Al Procoio di Primavera, dove vivevano gli addetti alle bufale, dormivano 26 individui; al Procoio delle vacche, 15. Gli altri lavoranti dormivano in capannoni o in rifugi di fortuna. Nella pagina a fianco riportiamo, le descrizioni di Dionisi delle condizioni di vita del centinaio di mietitori, arrivato da Capranica e Mentana, l'8 e il 9 giugno del 1899, e alla pagina seguente di una compagnia di 'monelli' giunti ad ottobre dello stesso anno per occuparsi della semina e degli altri lavori dei campi. Per quanto riguarda le condizioni sanitarie della popolazione, alla fine di un anno di osservazioni, Dionisi riassumeva così la situazione: su 2480 individui osservati in totale, tra la scarsa popolazione stabile e quella stagionale più numerosa, 1576 persone, cioè il 63%, erano state danneggiate dalla malaria, chi perché l'aveva contratta durante il soggiorno a Maccarese, chi perché aveva avuto attacchi di febbri malariche nei mesi o negli anni precedenti. Commentando l'andamento delle febbri malariche e l'aumento delle febbri terzane e quartane nei mesi estivi, Dionisi scrive: "Ora se si pensa al pericolo che sovrasta minaccioso su ogni individuo, colto da infezione estivoautunnale, che può rapidamente diventare perniciosa, si rimane atterriti dinanzi all'abbandono, nel quale sono stati sempre lasciati i poveri agricoltori e che con molta probabilità, almeno a giudicare dai principii, continuerà ancora, per colpa di tutti." (pag ) Per sottolineare la pericolosità delle febbri estivoautunnali Dionisi ricorda che lui stesso aveva rischiato la vita, dopo essere stato punto da una zanzara catturata proprio a Maccarese. Era il 27 novembre del 1898 quando si verificò un incidente: un giovane studente tedesco fece maldestramente cadere una provetta nella quale erano rinchiuse 5 zanzare anofele. Immediatamente si aprì la caccia alle zanzare: 4 vennero catturate ma la quinta punse proprio Dionisi che, qualche tempo dopo fu assalito dalla forma più pericolosa di malaria e per alcuni giorni fu in pericolo di vita. 10

11 I Mietitori "In vicinanza dei campi da mietere fissavano un lenzuolo o una coperta su due bastoni, costituendo così un simulacro di tenda, e sulla nuda terra davano riposo alle stanche membra, dopo aver passato la giornata sotto i raggi cocenti del sole, arsi dalla sete e oppressi dagli incitamenti del caporale, che esigeva da essi tutti gli sforzi possibili. A Maccarese il fattore, giovane di cuore e intelligente, non permetteva che il bastone colpisse rudemente il dorso nudo dell'operaio, il quale, stanco, rallentava l'opera sua: ma dove la direzione del taglio era affidata ad uomini brutali, questo triste spettacolo non mancava! Come i buoi e i bufali aggiogati a una macchina agricola falciano e mietono, punti da un triste arnese affidato ai bifolchi, così lavorano gli uomini sotto la guida dei caporali a cavallo armati da un lungo randello che qualche volta si stende minaccioso su di loro e qualche volta li colpisce senza pietà. I mietitori sono compensati con lire 24 per 11 giorni di lavoro e ricevono anche pane, vino con acqua, un po' di grasso e di formaggio: il vitto dovrebbe valere una lira; però giunge ad essi assottigliato dalla rapacità dei caporali che talvolta, dopo la mietitura, tornano alle loro case, portando dei barili di vino e delle pizze di formaggio che hanno prudentemente risparmiato e che rivendono poi nell'inverno, agli stessi che avrebbero dovuto usufruirne". (A. Dionisi, La malaria di Maccarese. Dal marzo 1899 al febbraio Roma, Società Editrice Dante Alighieri, 1901, p. 22.) 11

12 I Monelli "Fanciulli, vecchi e adolescenti, giovani sposi, donne vicine a divenir madri erano pigiati nei malsani tuguri che sorgono nel casale della tenuta di Maccarese. Assoldati nella provincia di Caserta da un caporale che aveva ad essi fatto sognare la terra promessa, avevano subito perduta ogni illusione, quando il giorno dopo l'arrivo, svegliati alle 3 ant., avevano dovuto intraprendere, sotto la guida del bastone di uomini a cavallo, una lunga marcia per raggiungere i campi, ove dovevano lavorare. Se un pittore fissasse sulla tela le squadre che si muovono per i pantani nelle prime ore del mattino, stimolate dai minacciosi randelli degli uomini, addetti al servizio della tenuta, si crederebbe di vedere un quadro dei tristi tempi, nei quali la terra raccoglieva il sudore degli schiavi Erano tutti pagati della stessa mercede, 1 lira al giorno, ed eguale produzione si attendeva da essi, dimenticando la tenera età dei fanciulli, la povertà fisica delle donne, e gli acciacchi della vecchiaia. I capi delle aziende agricole sono meritevoli di elogio solo quando riescono a far guadagnare il 50% ai padroni; è perciò prova di inettitudine pretendere dall'uomo la giusta misura di lavoro, che può produrre; la meta da raggiungere esige che l'operaio si sforzi oltre ogni limite e dia il massimo contributo al guadagno (A. Dionisi, La malaria di Maccarese. Dal marzo 1899 al febbraio Roma, Società Editrice Dante Alighieri, 1901, p. 55.) 12

13 Gli alloggi dei Monelli In una casetta di pochi metri quadri abitavano in 19: di questi venivano per la prima volta a Maccarese: Alonso Antonino, di anni 8; Centracchio Domenico, di anni 15, Manzuocco Egidio di anni 12, Saviani Sabatino di anni 15 In un'altra casetta più angusta della precedente alloggiavano in 11 individui che facevano tutti la prima prova in campagna: Andreucci Rosa, di anni 32, maritata a Mancini Pompeo, di anni 56, sarto di professione, trasformato per bisogno in monello, Mancini Alessandro di anni 10 e Mancini Vincenzo di anni 13, figliuoli di Pompeo In una specie di stalla, molto più bassa di quella ove sono i cavalli del personale di sorveglianza pei lavoratori, erano ricoverati altri 19 miseri operai, costituendo uno strano miscuglio di donne, bambini e adulti Alla Moletta detta dei Tre Pini, in una casa sulla sponda dell'arrone erano ricoverati ed ammassati un gran numero di individui: erano ripartiti in tre camerette, due a piano terra e un'altra al primo piano. Il caporale aveva per sé e per la famiglia, composta da moglie e di un figlio, una stanzetta accanto a quest'ultima. (pp.56-57) (A. Dionisi, La malaria di Maccarese. Dal marzo 1899 al febbraio Roma, Società Editrice Dante Alighieri, 1901, p ) 13

14 La lotta contro la malaria In occasione della recente uscita di un volume sulla storia della malaria (Frank M. Snowden, The Conquest of Malaria: Italy ) è stato notato che la lotta contro la malaria ha rappresentato un successo tutto italiano: una vittoria che ha consentito di debellare un male che imperversava da secoli, rendendo praticamente impossibile la vita in vaste regioni del territorio nazionale. Una situazione che, come a volte accade in Italia, è stata rapidamente dimenticata, tanto che quando negli anni 60 (poco più di dieci anni dopo la sconfitta definitiva della malattia) Fausto Coppi tornò dall'africa presentando i sintomi tipici della malattia, la diagnosi fu formulata con un ritardo tale da essergli fatale. La malaria, nota fin dall'antichità, aveva imperversato per secoli rendendo insalubri vaste porzioni dell'italia (dal Delta del Po alla Maremma, dall'agro Romano e Pontino alla Sardegna e alle Puglie). Al momento dell'unità d'italia (1870) la malaria gravava come un macigno sui destini del Paese. Le prime statistiche registravano una media annua di 10, 11 mila morti. Negli anni successivi, la malaria è avvertita non solo come un poderoso ostacolo allo sviluppo ma anche come una vergogna nazionale, simbolizzata dall'immensa area paludosa alle porte di Roma. L'Italia era infatti costretta a fare i conti con un male che i ricercatori francesi o inglesi studiavano solo nelle loro colonie. All'origine della sconfitta della malaria ci fu proprio quella Scuola malariologica italiana di cui fecero parte Angelo Celli, Camillo Golgi, Ettore Marchiafava, G. Battista Grassi e i loro collaboratori, come Antonio Dionisi. E il primo passo venne dal riconoscimento del ruolo di incubazione e di diffusione svolto nella trasmissione della malattia dalla zanzara anofela, così chiamata proprio da Grassi. Questo successo inizialmente venne messo in discussione e solo quando fu possibile provare il ruolo della zanzara anofela venne riconosciuto pubblicamente. Nelle parole che seguono, Anna Fraentzel Celli - moglie del dottor Celli - chiarisce bene la situazione: "Celli e Marchiafava erano riusciti a trovare nel sangue dei malarici l'agente patogeno della malaria, i loro enormi sforzi non erano tuttavia stati compensati, la fama scientifica della ricerca era stata loro contestata ( ) Fino a che non si fosse conosciuto l'agente propagatore del morbo non c'era da pensare alla coltura intensiva nelle zone infestate dalla malaria e i contadini continuavano ad ammalarsi. Era dimostrato che le acque stagnanti e le terre paludose non avevano nulla a che fare con la trasmissione del morbo. Erano forse le zanzare a inocularlo?" (M.L.Heid, "Uomini che non scompaiono", Sansoni Editore, Firenze 1944, p.24) E come Anna Celli racconta nella pagina a fianco, fu una zanzara catturata proprio a Maccarese che permise di provare sperimentalmente il rapporto tra l'insorgere delle febbri malariche e la puntura della zanzara anofela. 14

15 Lo zanzarone di Maccarese "Poco prima delle 3 entravo per il mio servizio pomeridiano nelle grandi e oscure sale dell'ospedale di Santo Spirito quando dalla mia corsia San Carlo sentii venire voci, grida, rumori. Cosa poteva essere accaduto? L'eccitazione era generale: monache, infermieri, ammalati mi si precipitarono di corsa incontro gridando 'Sola ha i brividi di febbre!' E l'avvenimento era tale che avrebbe meritato un'eccitazione anche maggiore di quella. Eravamo al 1 novembre 1898, fuori batteva il sole, l'estate di San Martino Grassi, professore di anatomia comparata presso l'università, durante l'estate era andato in giro nelle diverse zone malariche e aveva chiesto agli abitanti che gli indicassero le zanzare più comuni del luogo. Fra queste ce n'era una piuttosto grande, con delle macchie sulle ali che, volando inavvertita, senza alcun ronzio, pungeva di nascosto lasciando grosse macchie sulla pelle. Fosse questo lo zanzarone che inocula la malaria? Gli esperimenti del Bignami, infatti, avevano portato a escludere la piccola zanzara grigia (Culex) che trasmette la malaria agli uccelli. Grassi fece quindi prendere a Maccarese, il luogo più malarico nei dintorni di Roma, alcuni di questi zanzaroni e indusse Bignami a farne pungere Sola. Sola, orgoglioso dell'onore fattogli, dal 27 settembre dormì nella stanza delle zanzare Sola continuava ad essere scosso dai brividi quasi fosse al Polo Nord ed il suo viso s'era fatto d'un colore tra il grigio e il giallo verdastro Il 3 novembre la temperatura salì a 40 gradi, ma nel sangue non si presentavano ancora i parassiti tanto ardentemente desiderati Un consulto di medici, convocati da Bignami, decise di attendere ancora ventiquattro ore Appena finite di sbrigare le faccende ordinarie del servizio ci precipitammo nel laboratorio. Bignami era già lì, seduto al microscopio e non parlò: in silenzio si alzò e ci invitò con un muto gesto della mano a guardare nel microscopio: scarsi parassiti giovani anulari, mobili, con l'aspetto caratteristico dei parassiti della febbri estivo-autunnali erano lì sotto i nostri occhi. Che spettacolo solenne! Dunque Sola aveva veramente la febbre malarica? Nel pomeriggio comparve finalmente il sudore, e i parassiti divennero innumerevoli. Giunti a questo punto il prof. Bignami ordinò di fargli delle iniezioni di chinino. L'esperimento era ormai finito Non ci fu scienziato italiano o straniero che venisse a Roma senza visitare Sola. Non si chiedeva più 'Hai visto il Papa?' ma solo 'Hai visto Sola?', come cosa più importante. Inoltre, anche il cacciatore di zanzare di Grassi si ammalò, avendo preso l'abitudine di farsi pungere dai 'zanzaroni' per poterli catturare più facilmente, e così anche nel suo caso, come il quello di Sola si dimostrò trattarsi di malaria estivo-autunnale. Nel nostro piccolo ambiente questi due avvenimenti rappresentarono un grande evento e profonda ne fu la risonanza in tutto il mondo. (M.L.Heid, "Uomini che non scompaiono", Sansoni Editore, Firenze 1945, pp ) 15

16 L'analfabetismo All'indomani dell'unificazione, la situazione dell'analfabetismo in Italia era drammaticamente arretrata: i dati ufficiali dichiarano che tra il 1861 e il 1871 gli analfabeti passano dal 78 al 73%. Ma la distribuzione degli analfabeti è ancora più preoccupante: gli alfabetizzati si concentrano nelle città e soprattutto in quelle del Nord d'italia. Nelle campagne del centro e del sud la popolazione è pressoché totalmente analfabeta. La situazione è particolarmente grave nei territori dell'ex Stato Pontificio. La scuola, al di fuori dei centri abitati più consistenti, è praticamente inesistente e questo malgrado la legge Casati, del 1859 (che quindi non si riferisce alle zone, come l'agro romano, ancora sotto il dominio dello Stato della Chiesa) affida ai Comuni la scuola elementare, rendendo unico, gratuito e obbligatorio per tutti il primo biennio. La legge Coppino del 1877 estende la gratuità del primo biennio elementare a tutto il territorio nazionale e porta a 9 anni l'obbligo scolastico. La povertà è però ritenuta impedimento legittimo alla frequenza. Tra il 1886 e il 1902 viene vietato il lavoro minorile prima ai minori di anni 9 e poi ai minori di anni 12: come abbiamo visto anche dalla testimonianza di A.Dionisi, molti bambini lavoravano ben prima di queste età. Se nel primo decennio del 1900, a livello nazionale, viene compiuto un grande sforzo per diffondere l'istruzione e gli analfabeti scendono dal 62% al 47% del 1911, la situazione resta praticamente invariata per quanto riguarda l'agro Romano. Qui, in primo piano continua ad essere combattuta la lotta contro la malaria. E anche la questione dell'istruzione, in un primo tempo, viene assunta come uno strumento della lotta antimalarica. Com'era possibile infatti convincere una popolazione che viveva in condizioni igieniche impossibili e che per ignoranza e pregiudizi non era in grado di seguire delle prescrizioni mediche, a rispettare con regolarità le indicazioni per una buona profilassi che includevano l'assunzione regolare del chinino? Inizialmente furono quindi queste motivazioni a spingere i coniugi Celli e alcuni pochi intellettuali a preoccuparsi dello stato di ignoranza in cui versava gran parte della popolazione contadina dell'agro Romano e ad impegnarsi per la loro alfabetizzazione. Fu proprio Anna Celli ad istituire per prima delle scuole domenicali per i contadini. I maestri erano dei volontari che raggiungevano a piedi e in bicicletta i contadini, che il lavoro dei campi costringeva a spostarsi da una zona all'altra. Le lezioni erano spesso tenute all'aperto, in capanne o ripari di fortuna (foto pag. 37). Qualche anno dopo, il maestro Alessandro Marcucci, diventato direttore delle Scuole per i Contadini dell'agro Romano, ideò un arredamento smontabile, poco ingombrante e facilmente trasportabile con i carri, per seguire la popolazione agricola nei suoi frequenti spostamenti. Nelle pagine seguenti, Marcucci descrive l'attrezzatura che consentiva di fare scuola anche in mezzo ad un campo (foto pp. 32,33 e 57) e sottolinea i vantaggi delle scuole itineranti rispetto a quelle istituite dai Comuni. 16

17 La scuola in un armadio "Fu ordinata la costruzione di 12 cattedre-armadio, anche queste di tipo speciale da noi disegnato, composte ciascuna da due solide casse da sovrapporre e facilmente trasportabili: in esse si contiene tutto ciò che serve alla scuola, il tavolo per il maestro, la lavagna, il pallottoliere, la custodia per i quaderni, il magazzino per il materiale scolastico e didattico, un armadio per la farmacia ed una biblioteca " La scuola ambulante Data la mancanza di una coscienza scolastica nelle nomadi popolazioni della Campagna, alle quali non si può tuttavia disconoscere il diritto alla scuola, data la mancanza di ogni vita civile nei luoghi di agglomerazione, data la insufficienza dei trasporti, ancorchè fosse possibile ottenere o costruire un locale per la scuola e per l'abitazione del maestro, non appare né opportuno né utile confinare un insegnante (secondo la legge, una donna) in mezzo ad un deserto. La scuola ambulante si dimostra per ora come la più rispondente alle condizioni dei luoghi e della nostra popolazione agricola; in quanto svolge la sua azione là dove il bisogno la chiama; in quanto è meno costosa (ogni nostra scuola, a corso completo, serale e festivo, frequentata in media da 40 alunni, non costerà più di lire, cioè in media 30 lire per alunno); in quanto il maestro vi è animato da zelo, da spirito di sacrificio e di emulazione e mantiene continuo il contatto coi maggiori centri. (Da "Le scuole serali e festive nell'agro romano. Istituite dalla Sezione Romana dell'unione Femminile Nazionale". Relazione del Direttore delle Scuole. Anno ). 17

18 La scuola ambulante deve essere serale Ma la scuola ambulante, che ricerca e segue le popolazioni agricole nel loro peregrinare di tenuta in tenuta nella nostra campagna, deve essere serale. ( ) Le scuole diurne che il Comune di Roma ha istituito in qualche centro, molte affidate a maestre, alcune ai parroci, sono poco frequentate, tenuto conto del numero degli analfabeti dimoranti nel luogo, e, perché spesso lontane dalle abitazioni dei contadini, si può dire che costituiscano, pur nella loro misera apparenza, pressoché un lusso, a vantaggio dei ricchi ferrovieri, i soli che possano mandare i figli alla scuola di giorno. I figli dei nostri contadini all'età di sei anni non sono ancora maturi per la scuola. Le bambine, per natura più serie dei maschi, fino ai dieci anni compiono alcune faccende domestiche in assenza della madre che lavora nei campi, così che in questa età le nostre contadinelle sono portatrici d'infanti, e alla domenica molte ne vediamo assise ai nostri banchi col fratellino in collo. Nella nostra campagna i bambini sono dunque maturi per la scuola verso gli otto anni; a quell'età essi sono divenuti già seri, più gravi, osservatori e ragionatori; a quell'età già lavorano e guadagnano. Per essi può dirsi che non esiste fanciullezza; lavorano alle opere più facili: cacciano le cornacchie e i passeri dai seminati, battendo una grossa scatola di latta, conducono e vigilano le bestie al pascolo, seguono i genitori in qualche viaggio, aiutandoli a portare i pesi; insomma han già una parte nel lavoro dei campi, per cui guadagnano pochi centesimi è vero, ma ai quali la povera famiglia non potrebbe rinunciare.per essi, che insieme agli adulti analfabeti, costituiscono la vera popolazione scolastica delle nostre campagne, la scuola diurna è inutile. (da Le scuole serali e festive nell'agro romano, istituite dalla Sezione Romana dell'unione Femminile Nazionale. Relazione del Direttore delle Scuole. Anno ) 18

19 I Protagonisti Del gruppo promotore delle Scuole per i contadini (foto a pag. 34) abbiamo già incontrato i coniugi Celli, Angelo e sua moglie Anna Fraentzel. Del Comitato delle Scuole per i Contadini entrò a far parte fin dai primi tempi anche la scrittrice Sibilla Aleramo, che coinvolse il letterato e poeta Giovanni Cena. Completarono il gruppo, nel 1907, il maestro Alessandro Marcucci, che assunse l'incarico di direttore delle Scuole per i Contadini e più tardi, nel 1930, il pittore Duilio Cambellotti. Grazie al loro volontariato, negli anni tra il 1906 e il 1926, vennero create numerose scuole serali e festive per i contadini dell'agro Romano e, più tardi, dell'agro Pontino. Questo gruppo svolse in pochi anni un compito enorme che contribuì ad avvicinare centinaia di contadini e di povera gente alla scuola, vicenda una battaglia contro l'ignoranza e l'oscurantismo che significava anche il riconoscimento a una dignità umana spesso negata. Di questo erano ben consapevoli i protagonisti di questa avventura, come testimoniano le parole di Anna Celli: "Educhiamo poi questi (i bambini) ed educandoli insegneremo loro che sono uomini anch'essi con diritti di uomini, e che non possono, non debbono lasciarsi trattare come bestie". ("Cenni sulla vita della contadina e dei Bambini nell'agro Romano", in Unione Femminile, anno I, n.10, ottobre 1901). Angelo Celli Era nato nel 1857 a Cagli, nelle Marche. Si era laureato in medicina all'università di Roma. Per un certo periodo lavorò al Laboratorio Batteriologico di Monaco, poi rientrò in Italia, a Palermo, dove aveva vinto il Concorso per la cattedra di Igiene. Poco dopo gli venne assegnata la Cattedra di Igiene sperimentale all'università di Roma. Si occupò di ricerca nel campo della tubercolosi, del colera, della rabbia e infine della malaria. Su sua iniziativa venne istituita la Società Italiana per gli studi sulla Malaria, con il compito di fornire i supporti necessari, anche economici, alla ricerca sulla malaria. Accanto alla sua attività di scienziato e di professore, svolse per sette legislature anche attività di parlamentare, promovendo ogni legge che potesse sostenere la campagna antimalarica e migliorare le condizioni delle donne, dei bambini e dei contadini dell'agro. In particolare fu promotore della legge che imponeva la distribuzione gratuita del chinino da parte dello Stato, "non come opera di beneficenza o carità, ma come doverosa misura di salute pubblica". La sua campagna antimalarica si caratterizzò per essere ad ampio raggio, prendendo in considerazione tutti gli aspetti, da quelli igienici a quelli culturali, ambientali e climatici. Si preoccupò di fornire per i bambini del chinino in cioccolatini e studiò con i suoi studenti il sistema migliore per distruggere le anofele nelle diverse fasi del loro sviluppo individuando nei fumi prodotti dalla combustione della polvere di Zanzolina il rimedio più efficace. 19

20 Nel 1899 sposò Anna Fraentzel, che sarà la sua fedele collaboratrice, impegnata attivamente con lui nella campagna antimalarica e che proseguirà l'attività del marito, dopo la morte prematura di lui, avvenuta nel 1914 a soli 57 anni. Anna Fraentzel Celli Quando Anna Fraentzel arrivò a Roma aveva poco più di venti anni, si era trasferita da poco da Berlino, dove era nata nel 1878, per fidanzarsi con Angelo Celli, molto più anziano di lei, e per proseguire i suoi studi infermieristici. Entrò così a far parte del gruppo di studenti di Marchiafava e Dionisi e insieme ad altri studenti passava le sue giornate all'ospedale Santo Spirito di Roma. Appena sposata, accompagnò il marito nelle sue esplorazioni nella campagna romana, dove scoprì le sconvolgenti condizioni di vita dei lavoratori delle campagne. Fin dal tempo dei suoi primi contatti, quando visitò le rare scuole rurali sparse nell'agro (due descrizioni sono riportate nella pagina a fianco), si rese conto che, accanto alle pessime condizioni igieniche, alla miseria e alla fame, anche l'ignoranza e i pregiudizi della popolazione costituivano un ostacolo per la lotta contro la malaria. Un primo esperimento di aprire delle scuole festive per le madri e i bambini dell'agro, condotto insieme alla Direttrice Scolastica Adele Meneghini, fallisce in parte anche per l'opposizione del parroco del luogo all'istruzione femminile. Fece parte fin dall'inizio del Comitato delle Scuole per i contadini, insieme al marito, a Sibilla Aleramo e a Giovanni Cena. Si impegnò senza risparmiarsi per portare ovunque possibile la scuola vicino ai contadini, per reperire locali e attrezzature, per trovare i maestri volontari, per raccogliere i fondi necessari a sostenere l'iniziativa. Con lo scoppio della I Guerra mondiale, lasciò la Presidenza del Comitato. Nello stesso anno restò vedova e, dopo un primo momento di disperazione, si impegnò nuovamente, questa volta occupandosi della formazione delle infermiere laiche. Nel 1920 ricevette l'incarico da parte della Croce Rossa di dirigere la profilassi antimalarica a Maccarese (che continuava ad essere una delle zone malariche peggiori dell'agro e dove dai tempi di Dionisi nulla sembrava cambiato. Anzi, nel periodo intermedio, erano sparite anche le reti metalliche poste a protezione delle finestre delle case dei lavoratori e dell'azienda). L'anno dopo, nel 1921, le venne affidato da parte del Comitato Romano per l'assistenza Antimalarica l'incarico di Ispettrice del personale ausiliario, e continuò questo impegno per i successivi quindici anni, seguendo le infermiere prima nella loro formazione, presso la Scuola di Malariologia di Nettuno, e poi nella loro attività di profilassatrici. Sibilla Aleramo Era nata ad Alessandria nel 1876, e con la famiglia si era trasferita a Civitanova Marche. Venne costretta a sposare un dipendente del padre, che aveva abusato di lei e da cui ebbe un figlio. Come racconta nel suo romanzo più famoso "Una Donna", il matrimonio fu un fallimento e, dopo aver chiesto invano al marito la separazione, abbandonò la famiglia, sperando di ottenere in seguito l'affidamento del figlio, cosa che invece non avvenne mai. 20

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

Premio rina gatti 2013-2014. per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare

Premio rina gatti 2013-2014. per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare Premio rina gatti 2013-2014 per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VOLUMNIO PONTE SAN GIOVANNI A SPASSO NEL TEMPO Il premio è dedicato alla memoria

Dettagli

C ERA UNA VOLTA LA SCUOLA ELEMENTARE. Classe 3^ Scuola Primaria Passatempo

C ERA UNA VOLTA LA SCUOLA ELEMENTARE. Classe 3^ Scuola Primaria Passatempo C ERA UNA VOLTA LA SCUOLA ELEMENTARE Classe 3^ Scuola Primaria Passatempo Il 16 ottobre siamo andati a visitare il museo itinerante o meglio il museo è venuto da noi!! Infatti era un pullman doppio parcheggiato

Dettagli

Promosso dall Amministrazione comunale di Lavagno. L ultima farfalla RENZO ZERBATO. L ultima farfalla. Con la collaborazione del prof.

Promosso dall Amministrazione comunale di Lavagno. L ultima farfalla RENZO ZERBATO. L ultima farfalla. Con la collaborazione del prof. Dopo il successo di Ierilaltro Promosso dall Amministrazione comunale di Lavagno Renzo Zerbato Torna con L ultima farfalla RENZO ZERBATO L ultima farfalla Con la collaborazione del prof. Giuseppe Corrà

Dettagli

storia del mutuo soccorso

storia del mutuo soccorso Gli interventi in ambito sanitario nella Stefano Maggi storia del mutuo soccorso Docente di Storia contemporanea Università di Siena Presidente Fondazione Cesare Pozzo per la mutualità Le mani intrecciate,

Dettagli

Classe 5^A. a.s. 2011-2012 Scuola Primaria Statale Neria Secchi (Bibbiano, Reggio Emilia)

Classe 5^A. a.s. 2011-2012 Scuola Primaria Statale Neria Secchi (Bibbiano, Reggio Emilia) Classe 5^A a.s. 2011-2012 Scuola Primaria Statale Neria Secchi (Bibbiano, Reggio Emilia) Autori: Bagni Heloà Cadeddu Federico Caramaschi Marco Carretti Elisa Cella Samuele Collaku Selmir De Luca Annapia

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone.

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone. La nuova adozione a distanza della Scuola Secondaria di Primo Grado di Merone. Riflessione sull Associazione S.O.S. INDIA CHIAMA L' India è un' enorme nazione, suddivisa in tante regioni (circa 22) ed

Dettagli

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano:

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano: Imparare a "guardare" le immagini, andando al di là delle impressioni estetiche, consente non solo di conoscere chi eravamo, ma anche di operare riflessioni e confronti con la vita attuale. Abitua inoltre

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Comunicazione. pubblicazioni@unicef.it www.unicef.it

Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Comunicazione. pubblicazioni@unicef.it www.unicef.it ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 pubblicazioni@unicef.it www.unicef.it Codice

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

UN ANNO DI MUSICA CON IL MAESTRO GIUSEPPE VERDI

UN ANNO DI MUSICA CON IL MAESTRO GIUSEPPE VERDI UN ANNO DI MUSICA CON IL MAESTRO GIUSEPPE VERDI PERCORSO INTERDISCIPLINARE DI MUSICA TECNOLOGIA IMMAGINE ITALIANO STORIA Classi 4 C e 5 B a.s. 2013 /2014 Il 10 ottobre 2013 noi alunni di tutta la Scuola

Dettagli

FONDAZIONE PANGEA ONLUS

FONDAZIONE PANGEA ONLUS FONDAZIONE PANGEA ONLUS Le donne rappresentano il più vasto numero di persone soggette a discriminazioni, violenze, povertà e processi di impoverimento nel mondo, semplicemente perché appartenenti al genere

Dettagli

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras Sostegno a Distanza Scuola San José Honduras COMUNICAZIONE GENERALE 2010 222 I.- INTRODUZIONE- Cari amici, con la presente comunicazione desideriamo raccontarvi le attività realizzate grazie al sostegno

Dettagli

Scuola dell Infanzia Ai caduti, Sozzago (NO) Programmazione didattica A.S. 2013-2014

Scuola dell Infanzia Ai caduti, Sozzago (NO) Programmazione didattica A.S. 2013-2014 Scuola dell Infanzia Ai caduti, Sozzago (NO) Programmazione didattica A.S. 2013-2014 PREMESSA Il progetto annuale è stato definito secondo il modello di programmazione per sfondo integratore. Il GIRO D

Dettagli

Il canale duale tedesco: forme organizzative e soggetti della progettazione

Il canale duale tedesco: forme organizzative e soggetti della progettazione Heinrich Lintze - Brema Altes Gymnasium Il canale duale tedesco: forme organizzative e soggetti della progettazione 1 la struttura della pubblica istruzione in Germania e gli ultimi sviluppi 1.1 cultura

Dettagli

L ESERCITO DEI BISCOTTI

L ESERCITO DEI BISCOTTI L ESERCITO DEI BISCOTTI Siamo gli alunni del Convitto Nazionale Paolo Diacono, un Istituzione Educativa dello Stato, presente a Cividale del Friuli dal 1876. L offerta formativa del Convitto comprende:

Dettagli

Classe IV materiali di lavoro Storia Medioevo I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE

Classe IV materiali di lavoro Storia Medioevo I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE Scheda 5 I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE La maggior parte degli abitanti del villaggio lavorava la terra. I contadini non avevano tutti gli stessi obblighi verso il signore, e si

Dettagli

DOCUMENTAZIONE PROGRAMMAZZIONE ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA PONTE DELLA VENTURINA A.S. 2014/2015

DOCUMENTAZIONE PROGRAMMAZZIONE ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA PONTE DELLA VENTURINA A.S. 2014/2015 . DOCUMENTAZIONE PROGRAMMAZZIONE ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA PONTE DELLA VENTURINA A.S. 2014/2015 MOTIVAZIONI La consapevolezza che nei bambini della scuola dell infanzia sia necessario diffondere la

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

Scuola Media Statale di Carmagnola

Scuola Media Statale di Carmagnola Scuola Media Statale di Carmagnola RICERCA DELLA CLASSE III F PROGETTO GHISA Anno scolastico 2005/06. Temi sviluppati: 1. L esperienza delle 150 ore nella Scuola Media di Carmagnola. 2. Ambiente di lavoro

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI LA STORIA DEI DIRITTI UMANI IL DOCUMENTO CHE SEGNA UNA TAPPA FONDAMENTALE NELL AFFERMAZIONE DEI DIRITTI UMANI È LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO SIGLATA NEL 1948. OGNI DIRITTO PROCLAMATO

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe.

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe. Laboratorio consigliato per la scuola primaria (II ciclo) Il grande mosaico dei diritti Hai diritto ad avere un istruzione/educazione. Art. 28 della CRC Hai diritto a essere protetto/a in caso di guerra

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO P.LE SAN FRANCESCO 3. Cod. Ministeriale GEMM867015

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO P.LE SAN FRANCESCO 3. Cod. Ministeriale GEMM867015 ISTITUTO COMPRENSIVO CHIAVARI 2 Anno Scolastico 2013/14 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO P.LE SAN FRANCESCO 3 Cod. Ministeriale GEMM867015 LINEE ESSENZIALI DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 FINALITÀ La nostra

Dettagli

I Cervi erano una numerosa famiglia di contadini-mezzadri originari della bassa reggiana. Oltre al padre Alcide e alla mamma Genoveffa Cocconi,

I Cervi erano una numerosa famiglia di contadini-mezzadri originari della bassa reggiana. Oltre al padre Alcide e alla mamma Genoveffa Cocconi, LA FAMIGLIA CERVI I Cervi erano una numerosa famiglia di contadini-mezzadri originari della bassa reggiana. Oltre al padre Alcide e alla mamma Genoveffa Cocconi, c'erano i sette figli maschi (Gelindo,

Dettagli

all improvviso nella vita la dialisi peritoneale

all improvviso nella vita la dialisi peritoneale all improvviso nella vita la dialisi peritoneale Ivo SaglIettI Un ringraziamento ai medici e infermieri del gruppo della dialisi peritoneale e a tutti i pazienti che con fiducia mi hanno aperto la loro

Dettagli

favola di Eleonora Eleonori

favola di Eleonora Eleonori LA LA STORIA STORIA DEL DEL PICCHIO PICCHIO FILIPPO FILIPPO favola di Eleonora Eleonori Questa è la storia del picchio Filippo e della sua famiglia composta di moglie e tre figlioletti: Rino, Pino e Mino.

Dettagli

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA?

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA? CAPITOLO XXX MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA VALLE, TROVARONO COMPAGNI CHE ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «TANTA GENTE ATTIRA I SOLDATI. POVERO ME!» BORBOTTAVA DON ABBONDIO. «NEI PERICOLI È MEGLIO

Dettagli

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una seria educazione cristiana ai figli. Agostino fu educato

Dettagli

Il programma di lavoro ad un anno dal suo insediamento

Il programma di lavoro ad un anno dal suo insediamento Il programma di lavoro ad un anno dal suo insediamento Roma, 14 febbraio 1952. Relazione dattiloscritta, con correzioni a mano di Elio Toaff, in cui il rabbino capo accetta l incarico e fa una stima degli

Dettagli

servizio civile volontario

servizio civile volontario c r i s t i n a Mi chiamo Cristina e ho svolto servizio presso una cooperativa SERVIZIO CIVILE NAZIONALE che ha sede a Ivrea, che mi ha selezionato per un progetto di supporto educativo ai minori per evitare

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

PROGETTO DI REALIZZAZIONE SCUOLA PRIMARIA BEATO GIOVANNI PAOLO II

PROGETTO DI REALIZZAZIONE SCUOLA PRIMARIA BEATO GIOVANNI PAOLO II DIOCESI DI ATAKPAME Comunità cristiana Beato Giovanni Paolo II PROGETTO DI REALIZZAZIONE SCUOLA PRIMARIA BEATO GIOVANNI PAOLO II Il Togo è uno dei paesi più suggestivi dell'africa Occidentale. Largo mediamente

Dettagli

Spese militari e aiuti allo sviluppo

Spese militari e aiuti allo sviluppo Spese militari e aiuti allo sviluppo La storia dell elefante nella stanza L elefante nella stanza è una espressione idiomatica inglese per indicare una verità evidente che viene ignorata o di cui si continua

Dettagli

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione,

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, INTRODUZIONE L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, ma quello che segue, che si spera sia anche divertente, dovrebbe essere anche più istruttivo. Però un paio di cose serie

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Fermiamo la STRAGE SILENZIOSA

Fermiamo la STRAGE SILENZIOSA Fermiamo la STRAGE SILENZIOSA 2 miliardi e 400 milioni di persone (il 40% della POPOLAZIONE Ogni anno la malaria colpisce da 300 a 500 milioni di persone ed è endemica in oltre 100 paesi. OGNI ANNO MUOIONO

Dettagli

Attualità e storia della mutualità. L esempio della SNMS Cesare Pozzo

Attualità e storia della mutualità. L esempio della SNMS Cesare Pozzo Attualità e storia della mutualità. L esempio della SNMS Cesare Pozzo Stefano Maggi Docente di Storia contemporanea Università di Siena Presidente Fondazione Cesare Pozzo per la mutualità Le mani intrecciate,

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale PROGETTO EDUCATIVO Scuola per l infanzia ASILO INFANTILE Suor Tarcisia PONCHIA Religiosa educatrice direttrice Presente nella scuola per 65 anni Scuola paritaria depubblicizzata Ente Morale con amministrazione

Dettagli

La scuola a 40 anni da Lettera a una professoressa dei ragazzi di Barbiana di Don Milani

La scuola a 40 anni da Lettera a una professoressa dei ragazzi di Barbiana di Don Milani La scuola a 40 anni da Lettera a una professoressa dei ragazzi di Barbiana di Don Milani Spunto per uno studio comparativo tra la scuola degli anni 60 e quella di oggi A cura dell OSP di Pisa 1 Premessa

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud Paolo DÊAmbrosio La finestra sul mare una storia del Sud Paolo D Ambrosio La finestra sul mare Proprietà letteraria riservata 2011 Paolo D Ambrosio Kion Editrice, Terni Prima edizione luglio 2011 ISBN

Dettagli

VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia

VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia Da oltre 40 anni la vita in Colombia è dominata dalla paura e dai conflitti. Migliaia di colombiani che vivono in zone remote o negli slum

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

PROGETTO MUSICA E BIBLIOTECA

PROGETTO MUSICA E BIBLIOTECA Scuola infanzia di PALATA PEPOLI PROGETTO MUSICA E BIBLIOTECA DI QUALCHE ANNO FA. Di W:A MOZART Il Flauto Magico Progetto musica e biblioteca Scuola dell Infanzia di Palata Pepoli Destinatari: Luogo: Durata:

Dettagli

Meraviglie. Mostra Alice nel Paese delle. Ilaria Bestetti 742199 Rossella Fiorella 741852 Anna Ravera 742638 Elisa Tinè 741451 Antonia Trotta 743585

Meraviglie. Mostra Alice nel Paese delle. Ilaria Bestetti 742199 Rossella Fiorella 741852 Anna Ravera 742638 Elisa Tinè 741451 Antonia Trotta 743585 Ilaria Bestetti 742199 Rossella Fiorella 741852 Anna Ravera 742638 Elisa Tinè 741451 Antonia Trotta 743585 Mostra Alice nel Paese delle Meraviglie Luogo: sala espositiva collocata all interno di un edificio

Dettagli

AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA

AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DON AGOSTINO ROSCELLI P:zza Paolo da Novi,11 16129 Genova ANNO SCOLASTICO 2014 2015 La scuola dell infanzia non è scuola dell obbligo,

Dettagli

Progetto . Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza.

Progetto <L Apprendista Cittadino >. Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza. Progetto . Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza. Le tematiche offerte, gli spunti di riflessione, gli argomenti trattati sono risultati interessanti

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

IL DADO AZIENDALE. La Nuova Rivoluzione per la Piccola Azienda. L importanza della Piccola Azienda. Il Dado dell Azienda, Una Nuova Strategia

IL DADO AZIENDALE. La Nuova Rivoluzione per la Piccola Azienda. L importanza della Piccola Azienda. Il Dado dell Azienda, Una Nuova Strategia IL DADO AZIENDALE La Nuova Rivoluzione per la Piccola Azienda Il lavoro è necessario ed importante. Può essere la via per esprimere la creatività, l intelligenza e la dignità di ogni persona, ma quando

Dettagli

seveso un laboratorio di idee a partire dal bosco delle querce proposta anno scolastico 2008-2009

seveso un laboratorio di idee a partire dal bosco delle querce proposta anno scolastico 2008-2009 seveso un laboratorio di idee a partire dal bosco delle querce proposta anno scolastico 2008-2009 Per l anno scolastico 2008-2009 il parco naturale Bosco delle Querce propone un percorso di educazione

Dettagli

LA BIOGRAFIA LINGUISTICA

LA BIOGRAFIA LINGUISTICA LA BIOGRAFIA LINGUISTICA Lavoro di gruppo: Casapollo, Frezza, Perrone e Rossi Classi coinvolte: 5 classi di scuola primaria e 5 classi di scuola secondaria di primo grado Docenti coinvolti: 3 della scuola

Dettagli

ZERUNO Quando la realtà si incontra con la fantasia.

ZERUNO Quando la realtà si incontra con la fantasia. ZERUNO Quando la realtà si incontra con la fantasia. Alunni: Samuele Bagnato; Irene Barilà; Greta Bellantone; Carmelo Calabrò; Gabriele Campo; Concetta Caratozzolo; Graziella Caratozzolo; Rosario Carmelo

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

COMITATO PER IL RECUPERO DELLA CHIESA DI SANT ANTIOCO

COMITATO PER IL RECUPERO DELLA CHIESA DI SANT ANTIOCO ASSOCIAZIONE PRO LOCO SANLURI ASSOCIAZIONE PRO LOCO VILLANOVAFORRU COMITATO PER IL RECUPERO DELLA CHIESA DI SANT ANTIOCO RESTAURO E RECUPERO DELLA CHIESA DI SANT ANTIOCO VALORIZZAZIONE AMBIENTALE DELL

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale «Alda Costa» Ferrara

Istituto Comprensivo Statale «Alda Costa» Ferrara Istituto Comprensivo Statale «Alda Costa» Ferrara 1 evento del progetto nazionale La scuola studia e racconta il terremoto Convegno Mirandola Giovedì 18 Aprile 2013 Istituto Comprensivo «Alda Costa» Ferrara

Dettagli

Ci sono gesti che sono semplici, che non

Ci sono gesti che sono semplici, che non famiglia oggi Donare, per salvare una vita di Giorgia Cozza Storia di Laura e della sua grave malattia. E di come la speranza possa di nuovo tornare, attraverso un donatore di midollo osseo che risiede

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

APPENDICE METODOLOGICA

APPENDICE METODOLOGICA APPENDICE METODOLOGICA Le indagini sul campo alla base del Rapporto su Torino di quest anno consistono in un ampia ricognizione e nell analisi di studi e ricerche prodotti di recente: sull area torinese,

Dettagli

Serena vive, scrive, comunica

Serena vive, scrive, comunica Serena vive, scrive, comunica Serena Negrisolo SERENA VIVE, SCRIVE, COMUNICA Poesie alla mia cara mamma a Marcella al mio papà Introduzione Sono Pino, il papà di Serena. Al termine del terzo anno di

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Le persone senza dimora

Le persone senza dimora Le persone senza dimora Linda Laura Sabbadini Direttore Dipartimento statistiche sociali e ambientali 9 Ottobre 2012 In maggioranza vivono al Nord Sono 47.648 le persone senza dimora che tra novembre e

Dettagli

LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI

LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI In un mondo che ha perso quasi ogni contatto con la natura, di essa è rimasta solo la magia. Abituati come siamo alla vita di città, ormai veder spuntare un germoglio

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni PIANO DI ETTURA Dai 9 anni Le arance di Michele Vichi De Marchi Illustrazioni di Vanna Vinci Grandi Storie Pagine: 208 Codice: 566-3270-5 Anno di pubblicazione: 2013 l autrice Vichi De Marchi è giornalista

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

Mariapia Veladiano PAROlE di SCuOlA

Mariapia Veladiano PAROlE di SCuOlA Mar iap ia Veladiano parole di scuola indice Albus Silente 9 Ogni parola 13 Da dove cominciare. Integrazione 19 Da dove cominciare. Armonia 21 Tante paure 27 Paura (ancora) 33 Dell identità 35 Nomi di

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV)

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) 1 1. LA NASCITA DELLA SCUOLA Durante la 1^ guerra mondiale Gino Toso figlio di Angelo Toso, aveva un cuore grande e generoso, per questo

Dettagli

Montfort Projects - Balaka (Malawi) 9 Febbraio 2010

Montfort Projects - Balaka (Malawi) 9 Febbraio 2010 Montfort Projects - Balaka (Malawi) 9 Febbraio 2010 Carissimi della comunità di San Luigi da Monfort in Monte Mario, un saluto riconoscente vi giunga dalla missione di Mpiri, la missione così vicina alla

Dettagli

SCOPRENDO MINERBIO CLASSE 4 D SCUOLA PRIMARIA MINERBIO

SCOPRENDO MINERBIO CLASSE 4 D SCUOLA PRIMARIA MINERBIO SCOPRENDO MINERBIO CLASSE 4 D SCUOLA PRIMARIA MINERBIO CASETTE RURALI Case rurali costruite nel 1936 in epoca fascista interno semplice composto da: bagno-cucina-camera da letto e un salottino (tutto di

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Il sistema scolastico italiano

Il sistema scolastico italiano Il sistema scolastico italiano Prof. Antonella Centomo Corso di formazione per mediatori culturali ULSS 5 La scuola nella Costituzione Art.9. La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca

Dettagli

CLASSI 1 A 1 B SCUOLA PRIMARIA di CAMPOMAGGIORE

CLASSI 1 A 1 B SCUOLA PRIMARIA di CAMPOMAGGIORE CLASSI 1 A 1 B SCUOLA PRIMARIA di CAMPOMAGGIORE Lucia è una piccola giraffa che viene rapita e portata via dal suo ambiente naturale e dalla sua famiglia. Nel periodo di convivenza forzata con la famiglia

Dettagli

Piera De Giorgi, insieme ad alcune riflessioni di due studenti del Canudo : Simone Ungaro e Tiziano D Ambrosio

Piera De Giorgi, insieme ad alcune riflessioni di due studenti del Canudo : Simone Ungaro e Tiziano D Ambrosio Al termine del progetto Comenius che ha portato a Gioia studenti e docenti provenienti dalla Turchia, si torna tutti alla solita routine, ma con tanti bei ricordi e nuovi amici. Di seguito un breve resoconto

Dettagli

I PROTAGONISTI DELL IMMIGRAZIONE. Indovinello: QUANDO GLI EMIGRANTI ERAVAMO NOI

I PROTAGONISTI DELL IMMIGRAZIONE. Indovinello: QUANDO GLI EMIGRANTI ERAVAMO NOI Comunità Leumann 2011/2012 I PROTAGONISTI DELL IMMIGRAZIONE Indovinello: Non sono molto alti e sono di carnagione scura. Hanno i capelli neri. Parlano tra loro usando dialetti incomprensibili, sono rumorosi

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Intervista iniziale Raccolta delle storie di vita Nome dell'apprendente Pablo sesso: m Data di nascita Paese di provenienza Brasile Nome dell'interprete

Dettagli

TERZA INDAGINE SULLE CONDIZIONI DI VITA E DI LAVORO DEGLI INSEGNANTI ITALIANI

TERZA INDAGINE SULLE CONDIZIONI DI VITA E DI LAVORO DEGLI INSEGNANTI ITALIANI TERZA INDAGINE SULLE CONDIZIONI DI VITA E DI LAVORO DEGLI INSEGNANTI ITALIANI APPROFONDIMENTO LOCALE TRENTINO Gentile Insegnante, grazie per aver accettato di compilare il questionario. Il questionario

Dettagli

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore ADM Associazione Didattica Museale Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore EST a Scuola: mission impossible? Suddivisione degli insegnanti in 3 gruppi. Ogni gruppo deve affrontare 3 problemi

Dettagli

Comenius project: C. H. A. N. G. E. : Common habits among the new generation of Europeans

Comenius project: C. H. A. N. G. E. : Common habits among the new generation of Europeans Comenius project: C. H. A. N. G. E. : Common habits among the new generation of Europeans Paesi partecipanti: ESTONIA ITALIA POLONIA SPAGNA SITO INTERNET: www.youthchange.eu Scuole partecipanti: ESTONIA:

Dettagli

Jeanine vive, e tu voltati

Jeanine vive, e tu voltati Data Jeanine vive, e tu voltati I diritti umani e soprattutto la loro violazione, devono stringere il mondo intero nella solidarietà. Ban Ki-moon 0 1 E tu voltati Indifferenza. Liliana Segre ne ha parlato

Dettagli