nova americana Real Cities rappresentazioni della città negli Stati Uniti e in Canada a cura di Andrea Carosso e Carmen Concilio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "nova americana Real Cities rappresentazioni della città negli Stati Uniti e in Canada a cura di Andrea Carosso e Carmen Concilio"

Transcript

1 nova americana Real Cities rappresentazioni della città negli Stati Uniti e in Canada a cura di Andrea Carosso e Carmen Concilio

2 nova americana

3

4 Real Cities : rappresentazioni della città negli Stati Uniti e in Canada a cura di Andrea Carosso e Carmen Concilio

5 Real Cities : rappresentazioni della città negli Stati Uniti e in Canada a cura di Andrea Carosso e Carmen Concilio Traduzione dei saggi della prima sezione a cura di: Erika Abalos, Chiara Arfinengo, Chiara Boero, Silvia Carosso, Manuela Fea, Valentina Novarino, Lia Peinetti, Ilaria Piacco, Livia Racca, Michela Vacca Arleri, Anna Vaccarini. Collana Nova Americana Comitato scientifico: Marco Bellingeri, Marcello Carmagnani, Maurizio Vaudagna Il volume è pubblicato con il contributo della fondazione CRT di Torino. Prima edizione maggio , OTTO editore Torino ISBN È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuato, compresa la fotocopia, anche ad uso interno o didattico, non autorizzato.

6 INDICE Prefazione 1 parte prima las vegas e la cultura americana contemporanea Andrea Carosso Città di frontiera, frontiera della città: Las Vegas nella cultura americana contemporanea 7 John Paul Russo Il Grand Tour di Las Vegas 15 Federico Luisetti Etnografia e poetica della complessità a Las Vegas 33 Joy Ramirez Il deserto del reale: Las Vegas e la (ri) produzione della città postmoderna 47 Robert Casillo Il sacro e il profano in Casinò di Martin Scorsese 59 parte seconda toronto e la cultura canadese contemporanea Carmen Concilio Toronto: una città senza confini, un centro lontano dal centro 87 Simona Bertacco Toronto: la città ideale tra postmodernismo e multiculturalismo 93

7 Franca Bernabei Toronto: le nuove sfide della città globale 111 Barbara Del Mercato La poesia tra comunità e istituzione: il caso di Toronto 135 Note sugli autori 159

8 prefazione Esiste oggi, nel continente nordamericano, una forma urbana distintiva che segnali la peculiarità dell esistenza in questo inizio di millennio? Esistono a fianco delle molteplici città irreali, immaginarie, digitali, utopie, distopie ed eterotopie urbane attraverso le quali la civiltà occidentale da secoli elabora l idea dell altro o di un altrove, città reali con cui fare i conti per comprendere le trasformazioni e i nuovi segnali provenienti dal continente nord-americano, da noi e dalla nostra cultura sempre troppo lontano e diverso. Real Cities Urban spaces and representations in Canada and the United States, è un esempio di fortunato incontro e di dialogo interdisciplinare fra studiosi ed esperti di cultural studies e di letteratura anglo-americana e canadese, avvenuto all Università di Torino, teso a fare il punto sulla questione della città nella cultura statunitense e canadese oggi. Il workshop si proponeva di capire se e come, al di là delle categorie dell irreale e dell immaginario che la letteratura ha sempre privilegiato nella rappresentazione del paesaggio urbano, quel paesaggio, oggi, si facesse a sua volta luogo privilegiato di rappresentazione, o meglio, della rappresentazione di un nuovo destino del luogo urbano. Gli interventi raccolti in questo volume perfezionano e ancor meglio definiscono i contenuti di quelle prime ipotesi, nel tentativo non tanto di guardare a come l arte abbia in passato rappresentato la città tema su cui esiste una letteratura vasta ed esaustiva ma su come oggi avvenga che le città si fanno rappresentazione, diventando il luogo privilegiato di messa in scena di nuovi sensi del nostro convivere quotidiano: spazi, modelli economici, contesti sociali, linguaggi. I luoghi scelti per esemplificare il modo in cui la città nord-americana oggi tende a farsi discorso sono due città alla frontiera avanzata del

9 prefazione cambiamento urbano, sebbene per ragioni e con modalità differenti e poco assimilabili: Las Vegas e Toronto. I saggi di questo volume aspirano a costituire un argomentazione articolata sulla tendenza dei luoghi urbani in questo inizio di millennio a proporsi, nella loro struttura urbanistica e nella loro articolazione sociale, come modello di ciò che la città del futuro dovrebbe rappresentare. La prima parte di questo lavoro è dedicata a Las Vegas, celebrato tempio dell effimero e del kitsch yankee, ma anche dinamicissima realtà urbana degli Stati Uniti. Città in rapida crescita (in un continente in cui la crescita urbana ha sostanzialmente abdicato allo sprawl della cosiddetta regionalizzazione ), nuova frontiera dell immaginario contemporaneo, Las Vegas ha scelto di rappresentarsi come autorappresentazione, casostudio vivente della trasformazione del concetto di luogo in quello che l antropologo Marc Augé ha definito il non luogo. Sin dalla sua fondazione, avvenuta esattamente 101 anni orsono, Las Vegas ha costituito nel continente americano il luogo altro per antonomasia. Da stazione di transito sulla linea della Union Pacific che collegava i due più importanti centri mormoni dell Ovest americano, Los Angeles e Salt Lake City (la ferrovia era originariamente denominata San Pedro, Los Angeles and Salt Lake Railroad ), Las Vegas ha nel corso di questo suo unico secolo di vita ridisegnato il proprio futuro in destinazione turistica globale, forte oggi di un economia tra le più fiorenti del paese, fondata sulla simulazione, sulla ridefinizione del reale in termini di eccesso. Gli interventi su Las Vegas tentano appunto di individuare e comprendere i termini di questo eccesso urbano, cercando di afferrare l inafferrabile confine che separa la razionalità della città moderna, ampiamente inscritta nella storia di Las Vegas, nel suo incrociare un vernacolo della simulazione che ne ridefinisce fortemente il destino. Le diverse prospettive offerte dalla filosofia ai film studies, dai cultural studies alle suggestioni del Grand Tour letterario sono chiavi di entrata con cui gli studiosi impegnati in questo lavoro hanno cercato di penetrare la complessità di fenomeni che sfuggono ai presupposti delle nostre categorie convenzionali tanto di moderno quanto di post-moderno.

10 prefazione La seconda parte del volume è dedicata a Toronto, città poco presente nell immaginario europeo, eppure ingombrante presenza accentratrice nel panorama urbano del Canada. Città aperta come il modello dello sprawl impone a flussi migratori, economici e mediatici, Toronto rappresenta il mondo ogni quartiere è per struttura urbanistica e sociale una fetta di mondo con una vocazione e un aura prettamente postmoderna. Da sempre Toronto si autorappresenta ed è rappresentata come il centro culturale e finanziario dell intero Canada, ma contende il primato di città letteraria con Montreal. Città senza frontiere apparenti, al crocevia tra cultura atlantica ed Europea, tra l estremo Nord e gli Stati Uniti, si caratterizza ora quale città di tradizione multiculturale. Toronto si proietta verso il futuro come un esperimento riuscito di laboratorio sociale. Gli azzardi architettonici la città sotterranea sempre illuminata a giorno dalle ampie vetrate che la collegano al livello stradale e ai principali edifici del downtown e la composita varietà etnica della sua popolazione la rendono un modello esemplare di luogo urbano nuovo. Città scenografica, che si estende sulla sponda nord del lago Ontario, Toronto diviene sempre più spesso scenario di film che la confondono con la tipica città nordamericana, occultandone le peculiarità e la vocazione eccentrica. I saggi su Toronto esplorano le contraddizioni di una città ancora apparentemente arroccata attorno al modello culturale e letterario angloceltico, ma ormai sempre più aperta e votata ad accogliere l altro: sia esso un nuovo modello sociale esempi di solidarietà comunitaria e di una microeconomia di scambio reciproco non necessariamente monetario nel condominio abitato da immigrati di svariati paesi sia esso un nuovo modello culturale esempi di microeditoria che invadono lo spazio urbano portando letteralmente la poesia sull asfalto delle strade. L incontro fruttuoso fra letteratura, antropologia, sociologia e sguardo postcoloniale ha contribuito negli studi qui presentati a ridefinire l immagine di Toronto come nuova frontiera di una integrazione possibile, reinterpretando l anima di questa città-globale verso cui l Europa comincia a volgere uno sguardo sempre più attento. Proprio questo sguardo, dall Europa verso il Nordamerica, capace di cogliere nuovi modelli urbani nella loro complessità e non più solo nella

11 prefazione loro diversità o totale alterità, è un invito ai lettori specializzati oppure semplicemente curiosi ad avvicinarsi a queste città reali attraverso varie prospettive teoriche, letterarie, cinematografiche ed esperienze individuali che restituiscono immagini vivide di Las Vegas e Toronto. Carmen Concilio e Andrea Carosso

12 PARTE PRIMA LAS VEGAS E LA CULTURA AMERICANA CONTEMPORANEA

13

14 Città di frontiera, frontiera della città: Las Vegas nella cultura americana contemporanea andrea carosso Università di Torino A Las Vegas il servizio licenze matrimoniali è aperto 24 ore su 24 ogni venerdì, sabato, domenica e nei giorni festivi. Per una licenza di matrimonio servono 35 dollari, un documento di identità e qualcuno del sesso opposto disposto a condividere l avventura, breve o lunga che sia. Quintessenza di pragmatismo americano, Las Vegas è orgogliosa di una burocrazia snella che trasforma un evento altrove di grande rilievo sociale in una semplice e rapida formalità. Trascorse poche decine di minuti negli uffici comunali, ci si trasferisce poi in una delle innumerevoli cappelle matrimoniali sparse per la città, che in un batter d occhio sanno allestire cerimonie di ogni tipo, da quelle più eccentriche a quelle più tradizionali, con tanto di bouquet, abiti da cerimonia (pronti per l affitto), trasporto in limousine, servizio fotografico e accompagnamento musicale. Per i più romantici non manca mai un sosia di Elvis Presley pronto ad intonare un opportuna Love me tender. Ogni anno a Las Vegas si celebrano circa 120 mila matrimoni (è il numero più alto al mondo, dicono le statistiche, dopo quello di Istanbul) e i matrimoni sono una componente importante di un economia in piena crescita, in una città tradizionalmente identificata come la mecca di trasgressione e vizio. È questa certamente l immagine che a lungo si è associata a questa città e ripresa da decine di film e romanzi, come ad esempio il melodramma della RKO Pictures intitolato Las Vegas Story (1952), storia di una cantante di casinò che sposa un giocatore di professione, per poi innamorarsi di un ufficiale di stanza in una vicina base militare nel deserto del Nevada. Il film ben riassume gli stereotipi di Las Vegas: ricchezza, avidità, violenza; amore appassionato, adulterio, gioco d azzardo. 1 Las Vegas Story, uscito nel momento di massima espansione della città subito dopo la seconda guerra mondiale, insisteva sul luogo comune della

15 andrea carosso città del peccato, metropoli nel deserto abbandonata da Dio, monito sulle conseguenze di quando il destino manifesto dell America viene sovvertito in un buco nero che ne inghiotte l intera teleologia. Nella sequenza iniziale, una voce fuori campo ne esalta vizi e virtù: Eccoci qui, nella Contea di Clark, nel Nevada. A parte chi vi abita, ben pochi altri ne hanno sentito parlare. [Appare sullo schermo una mappa di Las Vegas]. Ma appena si dice Las Vegas, la gente drizza le orecchie; i fortunati mettono mano alle tasche, da dove uscirà il denaro che inevitabilmente verrà perso sui tavoli da gioco, insieme alla moglie dell anno precedente. Ma non è giusto parlare di Las Vegas senza nominare la Contea di Clark, perché sono due cose che vanno mano nella mano. La Clark County a cui allude il narratore è la contea di cui Las Vegas è città principale, intitolata a William Clark, mitico proprietario della San Pedro, Los Angeles and Salt Lake, la società ferroviaria che agli albori del ventesimo secolo cambiò per sempre il destino di questa regione desertica. Prima di Clark, Las Vegas ( campi erbosi, così chiamata dagli esploratori spagnoli che ne apprezzavano l erba rigogliosa, l algaroba, le distese di pioppo nero e i non rari corsi d acqua) era anche nota come ragtown, la città dei pezzenti, con riferimento ai molti che lavoravano nelle numerose miniere di piombo circostanti. Las Vegas, a quel tempo, era anche una stazione di transito del cosiddetto Mormon Trail (la pista dei Mormoni) che collegava i due centri principali di questo gruppo religioso dell ovest americano: Salt Lake City nello Utah e San Bernardino in California. Per molti versi, la Las Vegas di William Clark era il perfetto caso-studio per la tesi della frontiera che Frederick Jackson Turner aveva enunciato nel 1893 e secondo la quale la storia dell America coincideva con la storia della colonizzazione del grande Ovest, una espansione legata alla esistenza di una zona di territorio libero, il suo costante arretramento e la contemporanea avanzata dello stanziamento americano. 2 La ferrovia trasformò radicalmente quello scenario. Las Vegas divenne punto intermedio e stazione di manutenzione della nuova linea ferroviaria e all avvio del servizio regolare nell aprile del 1905 la città si trovò improvvisamente fuori dalla frontiera e nuovo punto di snodo del nascente sistema di trasporto transcontinentale. Un mese dopo l avvio del servizio

16 città di frontiera, frontiera della città passeggeri, la società ferroviaria spianò un area desertica ad ovest della ferrovia e la mise in vendita nel corso di un asta passata alla storia, in cui speculatori arrivati (proprio grazie a quella ferrovia) da tutto il sudovest fecero mambassa di nuovi spazi di insediamento urbano ancora ipotetici ma già assai promettenti. Il 15 maggio 1905, giorno in cui si aprì la vendita all incanto, viene tradizionalmente riconosciuto come la data di nascita di Las Vegas. L atto costitutivo ufficiale della municipalità risale a pochi anni dopo, nel Da punto quasi inesistente lungo la frontiera in espansione a sosta obbligatoria per i viaggiatori che attraversavano il continente Nordamericano, la ferrovia trasformò Las Vegas in punto di passaggio nei lunghi viaggi verso altre destinazioni nord-americane. Pur non ancora una destinazione vera e propria, Las Vegas si era ritagliata un proprio destino, che consisteva appunto nella condizione transitoria della propria posizione geografica intermedia. L asta del cosiddetto Clark townsite del 1905 trasformò lo stanziamento antecedente sul lato opposto della ferrovia e noto come il McWilliams townsite in un istantanea città fantasma. Una foto scattata dall alto nel 1931, in direzione sud-ovest, ne mostra con chiarezza passato e futuro. Quella foto rivela anche quale aspetto avesse la città nell anno (il 1931, appunto, uno dei più severi tra gli anni della Depressione) in cui il gioco d azzardo venne legalizzato un evento epocale per l intera contea. Nel bel mezzo della crisi economica più grave della storia americana, la legalizzazione del gioco d azzardo trasformò Las Vegas in una boom-town di oltre 5000 residenti e distante solo poche miglia da uno dei più ambiziosi e spettacolari progetti ingegneristici che il mondo aveva sino a quel momento conosciuto: il cantiere della Hoover Dam, la colossale diga sul fiume Colorado, che l allora presidente Herbert Hoover aveva voluto per garantire a Los Angeles e a tutto il sud-ovest americano l approvvigionamento di energia necessario al loro sviluppo. Inaugurata nel 1935, la Hoover Dam aveva richiesto l utilizzo di tre milioni di metri cubi di cemento e 4 anni di lavoro da parte di un esercito di 5000 operai. La diga e il conseguente apporto di energia che da essa derivarono trasformarono 9

17 andrea carosso Las Vegas in centro urbano a servizio dell industria turistica che si era nel frattempo sviluppata. Proprio per capitalizzare su questa sempre maggiore popolazione in transito, a Las Vegas si costruì nel 1932 il primo albergo di lusso, l Apache, dotato di tutti i confort che la tecnologia del tempo concedeva: un ascensore e un frigorifero per la conservazione di cibi e bevande. Già nel nome e nell ispirazione l Apache rivelava una precoce tendenza alla tematizzazione del tempo libero e cioè a quella propensione tipicamente moderna a caricare l esperienza di toni ed elementi simbolici e che diventerà il tratto distintivo di questa città. L albergo infatti evocava la tradizione di frontiera di quel wild west che un decennio più tardi avrebbe trovato realizzazione su scala ben più ampia nel primo hotel-resort vero e proprio costruito in questa città, il Last Frontier, inaugurato nel 1942 con annessa una replica in dimensioni reali di un villaggio di frontiera. Il momento più spettacolare della tematizzazione di Las Vegas fu la costruzione del Flamingo Hotel nel 1946, finanziato da uno dei gangster storici di questa città, l ebreo newyorkese Bugsy Siegel, definito da Mario Puzo signore della guerra nel nulla sterminato di alcali e cactus. Siegel amava le donne vistose, i night club e il giardinaggio. Secondo un noto aneddoto locale ripreso nel recente romanzo di James McManus Positively Fifth Street, a trent anni dalla sua morte violenta le rose che Bugsy aveva piantato e che curava personalmente nel giardino del Flamingo fioriscono ogni anno più grandi e di un rosso più intenso, alimentate probabilmente dai cadaveri sepolti sotto quella terra di Filthy Frankie Giannattasio, Big Howie Dennis, and Mad Dog Neville, rivali di Bugsy nel controllo delle ricchezze sterminate di questa città. 3 Oltre che giardiniere, infatti, Siegel fu anche il primo imprenditore a comprendere il potenziale economico (legittimo e illegittimo) della città, intuendo come la posizione desertica di Las Vegas costituisse non uno svantaggio, bensì una risorsa critica (McManus, 42): i turisti, una volta mangiato e bevuto sino alla nausea, non avevano che due alternative, il sesso e il gioco, ben consapevoli del fatto che il sesso è bello, ma il poker dura di più. (McManus, 80) Secondo lo storico Eugene Mohering, il Flamingo di Siegel combinava l ambiente sofisticato di un casinò di Monte Carlo con il lusso esotico 10

18 città di frontiera, frontiera della città di un resort caraibico di Miami Beach e dunque affrancava Las Vegas dal piccolo orizzonte della retorica West, proiettandola in una prospettiva di immagini diversificate che ne avrebbero definito il futuro a venire. 4 Tale diversificazione si intensificò negli anni Cinquanta lungo la Highway 91, l arteria stradale a sud del downtown originario in direzione di Los Angeles, ora universalmente nota come The Strip. Nella più assoluta libertà rispetto a ogni vincolo urbanistico (la Strip non rientrava sotto la giurisdizione della città e quindi non era sottoposta ad alcun regolamento municipale) e in piena sintonia con la nuova etica dell automobile che si stava sviluppando proprio in quegli anni di suburbanizzazione in ogni angolo d America, la Strip sviluppò un vernacolo architettonico allo stesso tempo banale negli stilemi costruttivi ma stravagante nell invenzione di simboli roadside (ovvero, da ciglio stradale ) eretti per attirare clienti per i vari motel, casinò e gli altri stabilimenti turistici. In un libro del 1972 divenuto ormai un classico degli American Studies, Learning from Las Vegas, Robert Venturi e i suoi collaboratori studiano con intelligenza il fenomeno di quell architettura semiotica che fa di questa città non tanto una cattedrale del kitsch (come vorrebbero i suoi detrattori), ma al contrario una vera e propria scuola di postmodernità. La lista nera del 1959 che bandiva dalle case da gioco molte figure illustri del crimine organizzato vicenda splendidamente ricostruita da Martin Scorsese in Casinò e il contemporaneo varo di nuove leggi che regolavano il gioco d azzardo aprirono le porte alla modernizzazione della città che, attraverso gli investimenti istituzionali delle grandi corporation del gioco, si vide trasformata a partire dagli anni Sessanta in una vera e propria mecca dell immaginario. Vennero costruiti complessi alberghieri ispirati a temi esotici, lontani sia nel tempo che nello spazio: il Caesars Palace (che evocava le grandezze della Roma imperiale) nel 1965, lo Aladdin (ispirato alle Mille e una notte) nel 1966, il Circus Circus (aperto nel 1968 con annesso enorme chapiteau) e il Las Vegas Hilton ( il più grande complesso alberghiero del mondo ) nel La legalizzazione del gioco d azzardo in molti stati americani avviata negli anni Ottanta obbligò in tempi recenti la città ad abbandonare definitivamente l immagine di gioco, alcol e sesso a cui era stata da sempre 11

19 andrea carosso associata e ad abbracciare una grandeur di stile hollywoodiano che inaugurò una ulteriore rivoluzione negli stili architettonici, definitivamente consacrandola a capitale contemporanea della simulazione, una Disneyland moltiplicata all infinito in cui una cornucopia di temi ne celebra l immagine odierna di Frontiera del Capitalismo Americano e Capitale Moderna del Tempo Libero. Nella Las Vegas di oggi c è qualche cosa per tutti: vi è possibile il grand tour virtuale per usare la felice definizione di Giovanna Franci in cui Venezia e Parigi incontrano New York, la civiltà egizia incontra il mito di Re Artù, la sofisticazione europea (incarnata nel recente Bellagio) incontra l eccesso hollywoodiano (l MGM Grand). Ma è anche il luogo di ripetizione ed omogeneità infinite, uno skyline di alberghi-grattacielo costruiti in serie che se da un lato non la rende molto dissimile dall orizzonte urbano di una città postsocialista, dall altro ne esalta il principio disneyano dell efficienza, della circolazione infinita e del massimo profitto. La Las Vegas odierna non è una destinazione nel senso logocentrico del termine, non contiene panorami e spazi definiti e immutabili. Le prospettive falsate dei suoi spazi simulati producono versioni diverse dello stesso luogo a seconda di dove cade lo sguardo. Se René Magritte affermava in polemica con le leggi della rappresentazione che una pipa dipinta non è affatto una pipa, che cosa dire allora del Giardino di Babilonia (rappresentazione di un mito asiatico) costruito fuori dal Luxor (riferimento chiaramente nord-africano)? O del Ponte di Rialto che si affaccia su una autostrada ad otto corsie? Ma malgrado i sovvertimenti spaziali e temporali di questo pastiche postmoderno che è l essenza di Las Vegas, i turisti qui finiscono per sapervi ricostruire improbabili unità narrative, rinegoziando all infinito i termini del rapporto tra realtà e simulazione. 5 È impossibile tenere traccia delle enormi trasformazioni che la città subisce anno dopo anno. Con due milioni di abitanti previsti per la fine del 2005, Las Vegas è in continua trasformazione, aggiungendo e distruggendo (nel gergo locale, la demolizione pianificata del vecchio viene definita implosione ) ad una velocità che le guide turistiche risultano, al pari degli elenchi telefonici, inattendibili nel giro di pochi mesi. 6 Come in una trasmissione televisiva, in un film o in un sito della grande rete, a 12

20 città di frontiera, frontiera della città Las Vegas si aggiunge e si toglie (cioè la si sottopone a un costante lavoro di montaggio) secondo modalità che destabilizzano ogni concetto di spazio inteso come fissità. Se la città postmoderna è, per richiamare una nota definizione del filosofo Michel Foucault, una costellazione di siti, 7 analogo della nota scheda a circuiti stampati della metafora pynchoniana sullo sprawl losangelino, 8 allora Las Vegas è senza ombra di dubbio, di questa città postmoderna, la frontiera più estrema, testa di ponte avanzata di una più generale tendenza culturale della società americana 9 e laboratorio per la gestione dello spazio costruito per il resto del pianeta. Gli interventi contenuti in questa sezione del volume contribuiscono a mettere in prospettiva alcuni di questi problemi. note 1. Las Vegas Story è passato alla storia hollywoodiana anche perché fu la causa di una delle più violente battaglie legali della storia del cinema americano, provocata dal rifiuto del produttore, Howard Hughes, di riconoscere nei titoli di testa il nome dello sceneggiatore Paul Jarrico, al tempo nella lista nera hollywoodiana perché sospettato di simpatie comuniste. 2. Frederick Jackson Turner. The significance of the frontier in American history, in The Frontier in American History, New York, Holt, James McManus, Positively Fifth Street: murderers, cheetah s, and Binion s World Series of Poker, New York, Farrar Straus and Giroux, 2003, p Eugene P. Moehring, Resort city in the Sunbelt: Las Vegas, , Reno, University of Nevada Press, 1989, p. 49, corsivi miei. 5. Si vedano ad esempio le fotografie ricordo di Las Vegas pubblicate in molti siti personali di Internet, dove risulta generalizzato il tentativo in queste foto amatoriali di ricostruire la narrativa originaria di ogni singolo resort, esplicitamente evitando la cacofonia del pastiche che è la vera Las Vegas. 6. A proposito dell obsolescenza degli elenchi telefonici di Las Vegas, si veda Mark ottdiener, C.C. Collins, et al., Las Vegas: the social production of an all-american city, Malden, MA, Blackwell, Michel Foucault, Des espaces autres (1967), in Eterotopia. Luoghi e non-luoghi metropolitani, Milano, Mimesis, Thoma Pynchon, The Crying of Lot 49, Neil Postman, Amusing ourselves to death: public discourse in the age of show business, New York, Viking, 1985, p

21

22 Il Grand Tour di Las Vegas john paul russo Università di Miami, Florida Nella poesia di Mark Strand Always alcuni personaggi definiti campioni dell oblio siedono attorno al tavolo di una stanza spoglia illuminata soltanto da una lampadina. 1 Si dedicano intensamente a dimenticare sia la cultura sia la natura (se non la natura in sé, almeno quella permeata di umana immaginazione). A mano a mano che le cose vengono dimenticate, esse svaniscono anche dall universo. Scompaiono prima una casa e un uomo in un cortile, poi la luna, la Florida e San Francisco. Il mondo si svuota verso dopo verso: E un attimo dopo era scomparsa la Bulgaria, poi il Giappone. Questione di tempo e non rimarrà più nulla: Quando finirà? chiese uno di loro. È davvero difficile rincorrere il destino di ogni cosa conosciuta, disse un altro. Sì, aggiunse un terzo, e fino all ultima pietra; all immaginazione non resterà che fredda perfezione. Nel finale, uno di questi campioni dell oblio, al culmine del trionfo, guarda fuori dalla finestra e esclama: Non una nuvola, non un albero, roghi di promesse ovunque. La radicata convinzione americana che riecheggia in questi versi di Strand deriva da Emerson (e, in ultima analisi, dal pensiero puritano) passando per Whitman, Emily Dickinson, William James, e Wallace Stevens. Harold Bloom riassume con una formula quest ampia tradizione: Tutto ciò che si può infrangere va infranto. 2 Il mondo deve essere scisso in dati sensoriali irriducibili affinché l individuo lo possa re-immaginare, altrimenti si rimane prigionieri del passato e non si può essere padroni di sé stessi. È questa, secondo Bloom, la tradizione su cui si fondano la 15

23 john paul russo cultura e la letteratura americana, tradizione caratterizzata da un desiderio romantico di immediatezza e dall enfasi sul presente e sul futuro. Emerson, secondo cui l anima tende al progresso, diceva di essere alla ricerca di un rapporto nuovo con la natura; il presidente James K. Polk (pressappoco nello stesso periodo) asseriva che la storia dell America sta nel suo futuro. 3 All orientamento di Emerson si contrappone la tradizione filo-europea di Pound e di Eliot, che trae origine da Longfellow, Charles Eliot Norton, Henry Adams, Henry James e Santayana, tutti alla ricerca di immediatezza e polemici verso i pesanti sedimenti (tecnologici, burocratici, legali e culturali) ai quali si lega la definizione stessa di modernità. Su questo argomento William ed Henry James si trovavano in pieno accordo. Quali estremi rappresentanti della linea di pensiero emersoniana, i campioni dell oblio voltano le spalle a un mondo già immaginato, umanizzato ed esaurito. La loro forza propulsiva è l immaginazione che, nel suo impeto modernista di fredda e calcolata ricerca di perfezione, può cancellare o dis-immaginare, ma anche creare: produce il rogo che al tempo stesso annienta e promette, una promessa condizionata a sua volta dall annientamento. La poesia di Strand esprime un indipendenza ascetica dal passato, uno scrupoloso rifiuto dell allusione, come nella stanza spoglia illuminata da una semplice lampadina. Il titolo Always richiama la perpetua possibilità di rigenerarsi a partire da un ground zero ed evidenzia un positivo ottimismo americano ( promesse ovunque ) in un contesto che potrebbe altrimenti sembrare quello di una tragica scomparsa, la scomparsa di tanta storia e di tanta cultura. L espressione roghi di promesse è stranamente debole dal punto di vista poetico; forse Strand ha inteso affidare a questa locuzione un compito che va al di là della sua semplice formulazione. È una debolezza che mina la fiducia in un futuro utopico o indica, quanto meno, che il futuro è sempre soggetto alle stesse condizioni distruttive che lo producono. In questa breve poesia l atto del dimenticare viene per ben due volte definito arduo o difficile, sebbene i versi apparentemente non lo giustifichino: al contrario, dimenticare appare quasi tanto facile quanto restare inerti. È tardi, i campioni dell oblio sembrano annoiati, scomposti sulle loro sedie; uno di loro sbadiglia. Accadrà anche domani? Ho ascoltato Mark Strand recitare questa poesia: riusciva a far ridere il pubblico, se non 16

24 il grand tour di las vegas per la perdita del mondo, almeno per il modo in cui questa avveniva. È poi vero che le tradizioni, come si suol dire, sono dure a morire? Sembrerebbe al contrario che muoiano facilmente. Uno dei migliori esempi del nostro grande oblio culturale (un dimenticare astioso e aggressivo), con le inevitabili conseguenze che esso infligge alla psiche individuale, si sta verificando a Las Vegas, assurta negli ultimi vent anni a paradigma (architettonico, culturale, semiotico e così via) del modello urbano americano. Qui, in un unico luogo, il visitatore si può imbarcare in quello che Giovanna Franci definisce il Grand Tour virtuale dei mega hotel-casinò a tema: il Bellagio, il Venetian, il Tuscany, il Paris-Las Vegas, il Caesars Palace, il New York, New York, il Mandalay, il Treasure Island e via dicendo. Nel 1999, vi si sono recati 34 milioni di turisti (con un incremento del 10.5 per cento rispetto all anno precedente) e non soltanto per giocare d azzardo, ma per ammirare la fantasmagoria delle nuovissime costruzioni. 4 Nuovissime davvero, perché a Las Vegas l impermanenza è tangibile nel costante processo di abbattimento e ricostruzione dei grandi casinò, come nel Luxor Resort, ad esempio, la cui piramide alta trenta piani non durerà tremila, ma trent anni al massimo. Chi partecipa al Grand Tour virtuale vuole divertimento e storie da raccontare e forse la soddisfazione di aver assaporato ciò che gli era stato promesso dalla pubblicità. Il divertimento, dopo tutto, costituisce una delle più forti determinanti della società contemporanea, perché ad esso si lega il significato stesso del benessere personale. La triste verità è che, a fronte dello sforzo intellettuale richiesto, i più preferiscono fare un Grand Tour a Las Vegas piuttosto che in Europa. Molti dei casinò sono oggi legati ad un tema italiano, dunque appropriato ad un Grand Tour virtuale, in un momento in cui l Italia è diventata, nell immaginario della pubblicità, simbolo di lusso, stile, tempo libero, sessualità e globalizzazione. Appare dunque lecito domandarsi quale sia la reazione di quegli italiani che il Grand Tour Virtuale lo sperimentano in prima persona nel vedere miniaturizzati a Las Vegas città antiche e borghi arroccati: com è noto gli italiani amano il gioco, i varietà e lo spettacolo (e dopo tutto casinò è una parola italiana). Quali sono le loro impressioni quando passeggiano per il Caesars Palace (1966), il precursore degli ho- 17

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Scheda n.?? Traccia dell intervento di Mauro Magatti

Scheda n.?? Traccia dell intervento di Mauro Magatti Scheda n.?? I VOLTI DI UN TERRITORIO CHE CAMBIA Traccia dell intervento di Mauro Magatti 1 Voglio tenere l equivoco contenuto nel titolo, che mi sembra fecondo: si parla del volto del territorio che cambia

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Catturare una nuova realtà

Catturare una nuova realtà (Interviste "di LuNa" > di Nadia Andreini Strive - 2004 Catturare una nuova realtà L opera di Ansen Seale (www.ansenseale.com) di Nadia Andreini (www.nadia-andreini.com :: nadia@nadia-andreini.com) Da

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3 Indice Premessa... 2 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3 1.1. L esperienza vissuta... 3 1.2. Opinioni e percezioni dei guidatori italiani... 4 2. La guida

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli