"DALLA COMMEDIA DELL'ARTE AL TEATRO DIALETTALE, QUALE FUTURO PER IL TEATRO"

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""DALLA COMMEDIA DELL'ARTE AL TEATRO DIALETTALE, QUALE FUTURO PER IL TEATRO""

Transcript

1 Atti del convegno nazionale "DALLA COMMEDIA DELL'ARTE AL TEATRO DIALETTALE, QUALE FUTURO PER IL TEATRO" Agugliano, 1 agosto 2010 Organizzazione Associazione LA GUGLIA Agugliano (Ancona)

2 Giovanni Plutino Coordinatore convegno Sono contento di essere qui questa sera vorrei cominciare con un ringraziamento particolare a voi tutti perchè mi avete dato l occasione di assistere durante queste due settimane a dei lavori, a degli spettacoli molto validi artisticamente e questo mi ha fatto molto piacere. E stata un ottima occasione anche per imparare, infatti spesso e volentieri si acquistano capacità andando a vedere quello che fanno gli altri. Questa esperienza mi è servita ed è stata interessante e quindi vi ringrazio. Il tema di questa sera riguarda il teatro dell arte: commedia dell arte, commedia all improvviso e l influenza che ha oggi all interno della nostra società. Tutti noi sappiamo come inizia il teatro: commedia dell arte commedia all improvviso, per questo mi sono portato dietro un articolo di Luigi Pirandello che ha scritto il 31 gennaio del 1909, tratto dalla rivista popolare e di politica: Lettere e scienze sociali. Tra le altre cose scrive: l arte se vuole essere arte ha bisogno innanzitutto della sua libertà, costringere un autore drammatico a tener presente il lato della creazione della qualità rappresentativa e degli esecutori è pressappoco come costringere un poeta a comporre un sonetto a rime obbligate. Non lo scrittore deve adattarsi alla qualità dell esecutore ma questi a quelli dello scrittore. O meglio, nell opera cui deve dar vita sulla scena, se l attore non sa o non può, vuol dire che è un cattivo attore o è un attore troppo unilaterale. Da questa lettura vorrei trarre lo spunto per argomentare una proposta di dialogo: nella nostra quotidianità riceviamo sempre più spesso cibi materiali e immateriali, vedi l informazione, lo spettacolo tramite la tv. Sono già stati rimaneggiati ovvero triturati, ruminati, adattati per essere dati in pasto ad un pubblico sempre e solo quantificato in termini di ascolto o share. Vorrei proporre questa domanda: Oggi l arte teatrale ha la necessaria libertà? E poi, il pubblico e lo spettatore è conscio della differenza tra un pasto preconfezionato, fruibile in tv ed una performance teatrale dove la prima deve essere sempre quella buona? Penso che queste siano le domande alle quali dovremmo rispondere. In che maniera va o potrebbe andare il teatro oggi? Ciro Cirillo Io penso che gli attori che come noi fanno teatro con amore e non sono come quelli che lo fanno per mestiere, abbiano il dovere di essere veri, di essere liberi di fare ciò che più li interessi e li motivi. Noi siamo fortunati, perché il non dover fare cassetta ci rende liberi di scegliere i testi, di quantificarli, di rimaneggiarli a nostro uso, con la nostra testa per dire quello che vogliamo dire. Oggi il pubblico della televisione sa benissimo che il testo teatrale è tutta un altra cosa e se è abituato alla televisione non viene a teatro. Io penso che questo sia uno dei motivi della crisi che il teatro sta attraversando adesso; troppa televisione, troppa roba triturata e rimaneggiata! Però abbiamo ancora fortunatamente gli affezionati cioè quelli che vengono a teatro a vedere veramente e a provare delle emozioni che certamente la televisione non può dare. Giovanni Plutino Coordinatore convegno Il fatto di avere degli affezionati può bastarci? 2

3 Ciro Cirillo Certamente no però il nostro compito è fare in modo che questi affezionati siano sempre di più. Noi che facciamo teatro amatoriale, non abbiamo tanta forza anche se dalle statistiche risulta che lavoriamo con grossi incassi per la Siae e per gli autori. Penso che il nostro obiettivo sia coinvolgere ed interessare quanta più gente possibile a questa arte antica ed emozionante che è il teatro. Giovanni Plutino Coordinatore convegno Bisogna considerare anche che i nostri spazi teatrali si stanno riducendo, vuoi per i tagli fatti in linea orizzontale da parte dell amministrazione centrale, vuoi forse, per scarsa cultura da parte di qualche politico. Gli spazi si riducono e, addirittura nella legge sul teatro, viene ignorato dai finanziamenti quello amatoriale. Nostro compito, secondo me, è ritagliarci uno spazio maggiore all interno delle amministrazione per il fatto che noi produciamo, e che ne dicano, cultura. Non soltanto due orette di svago, ma produciamo cultura, perché, e voi lo sapete meglio di me, quando uno prende in mano un copione, sta lavorando su un opera e non sta lavorando sul niente. Riportare in scena un opera di un autore che magari, come è successo di vedere qui nelle Marche, fino a qualche tempo fa non era mai stata presa in considerazione, puntare su una bellissima opera, è un lavoro meritorio di crescita culturale. E importante questo perché la cultura ha bisogno del teatro e viceversa. Però farlo capire è difficile perché i vari assessori preferiscono probabilmente più tette e culi che una opera o una commedia. Ciro Cirillo Certamente il teatro e la cultura non portano voti agli assessori e agli uomini delle istituzioni che hanno bisogno di visibilità e di voti. Per loro è molto più facile organizzare una serata con un cantante famoso, mettersi in mostra e spendere ,00 euro in una sera, piuttosto che dare 2.000,00 euro ad una compagnia amatoriale per produrre uno spettacolo sicuramente di gran lunga più interessante. Purtroppo penso che questa discussione fra noi sia scontata perché noi siamo tutti amatoriali; produciamo cultura e ci sentiamo investiti di questa responsabilità: riportare cultura in quei posti dove il teatro ufficiale sicuramente non arriverebbe mai, come in un paese come Agugliano. Qui sicuramente non arriverà mai un Salemme, giusto per fare qualche nome, e quindi la nostra funzione è di portare il teatro in posti dove il teatro non arriva e soprattutto di creare attorno a noi un humus di partecipazione. E vero che i nostri gruppi sono formati da 15/20 persone, però girano attorno a noi un altrettanto numero di ragazzi, di anziani interessati che partecipano in qualche altro modo, e noi ci sentiamo investiti di questa cosa, non dico di responsabilità perché nemmeno quella è, però questo nostro impegno, quindi questa conversazione dovrebbe avere al centro qualche personaggio istituzionale, qualche assessore, qualche sindaco per far capire il problema. Adriana Bramucci Componente la Giuria Tecnica del Festival Nazionale del Teatro Dialettale 2010 Abbiamo qui l Assessore Berardi del comune di Agugliano. Michele Pandini Compagnia di Lizzana - Rovereto Io sono d accordissimo con quello che si è detto, però spesso mi faccio una domanda : Ma se non riusciamo a riempire i teatri, sarebbe opportuno farci, noi, un esamino di coscienza? 3

4 Parlo della realtà trentina, non ne conosco altre, perché a mio avviso e stiamo parlando del teatro dialettale ed amatoriale, spesso non riusciamo ad avvicinarci al mondo che abbiamo intorno adesso. La commedia ha avuto la sua evoluzione quindi bisogna trovare il giusto metodo, non si può andare sul palco a far vedere Probabilmente sono cambiati i ritmi di vita. L abitudine al guardare adesso non è più quella di un tempo; si è, purtroppo, più rivolta verso la televisione, dove i ritmi e tempi sono diversi. La gente oltre ad ascoltare tende anche a guardare, quindi bisogna riuscire nel teatro a coinvolgere lo spettatore: questo secondo me è il nostro compito: avvicinarsi un pò di più alle persone, perché è bello crearsi una nicchia di spettatori, però purtroppo questa nicchia ha, un età un pò avanzata ed ho il timore che fra qualche tempo questa nicchia non ci sarà più. Quindi un esamino di coscienza da parte nostra come compagnie amatoriali deve essere fatto. (Pandini rivolgendosi ai rappresentanti del teatro napoletano) Non è la vostra realtà perché a livello di contenuti, di spettacoli avete la fortuna di avere De Filippo, Scarpetta, quindi i testi ci sono, ma altre regioni non hanno questi autori, non ci sono dei contenuti che possono sopravvivere, parlo per il Trentino. In Trentino la maggior parte degli autori parla del parroco del paese che non c è più, del maresciallo e di tutte quelle figure che non esistono più; e l uso del dialetto è quasi maltrattato perchè non si parla quasi più, soprattutto i giovani, quindi ci stiamo allontanando e bisogna riuscire a trovare il giusto metodo. Per concludere dico che è giustissimo quello che diciamo però dobbiamo aprirci e trovare il giusto metodo. Quello che diceva il sig. Plutino citando Pirandello, cioè che il regista deve sfruttare le capacità dell attore e trovarci l abilità, e l attore deve adattarsi al regista. Quindi secondo me il discorso è uguale fra compagnia e pubblico, dobbiamo ingoiare tutti qualcosina e riuscire ad avvicinarci. Non vorrei che fossimo in un periodo di selezione alla Darwin, voglio dire, perché poi c è chi sopravvive e chi no. Ciro Cirillo Fra i nostri compiti c è anche quello di mantenere, valorizzare e portare ai ragazzi le nostre tradizioni anche se siamo in un epoca di globalizzazione, e il nostro compito come compagnie amatoriali è portare e mantenere il dialetto. Purtroppo nel mondo amatoriale bisogna fare delle selezioni. La parola amatoriale, che è bellissima e significa amore, comprende però purtroppo compagnie che si giudicano compagnie ma che non lo sono, magari fanno quel mezzo spettacolo all anno davanti agli amici, parenti, e poi compagnie come, lo dico orgogliosamente, le nostre che hanno la capacità di confrontarsi in altre regioni in altri luoghi, che hanno voglia di crescere, che hanno voglia di studiare, di sperimentare e di fare quello che hai detto tu: regista, regia, attore: creare armonia per produrre spettacoli armoniosi. C è anche questa contraddizione: il teatro amatoriale è un mondo vastissimo dove, secondo me, molti tendono a far cassetta e a voler fare solo ridere con spettacoli di basso profilo, con parolacce, per tentare di vendere qualche biglietto in più. Poche hanno il coraggio di andare oltre. Michele Pandini Compagnia di Lizzana - Rovereto Non ritengo che il dialetto sia morto, assolutamente no, ne sono l esempio tutta quella serie di spettacoli della memoria, il ricordo delle guerre, l immigrazione; questi sono spettacoli che funzionano benissimo e che hanno anche le sovvenzioni perché parliamo di memoria. Invece quello che secondo me sta mancando è proprio lo spettacolo teatrale amatoriale dialettale. Ripeto voi avete (riferendosi ai rappresentanti del teatro napoletano) la fortuna di avere autori importanti, noi parliamo di Goldoni, ma in altre regioni.. Ciro Cirillo Si, siamo fortunati perché abbiamo Eduardo, Scarpetta. 4

5 Noi pure Eduardo e Scarpetta rimaneggiamo per renderli fruibili anche ai giovani, e penso che il nostro compito sia proprio questo. Il nostro pubblico formato da anziani andrà a finire? No... Tanti ragazzi vengono a vedere i nostri spettacoli, vi partecipano e sanno apprezzare uno spettacolo classico come quello di Eduardo, non dico rimaneggiato perché sarebbe un peccato, ma con i ritmi giusti. La sfida è accettare la possibilità ad autori nuovi, quelli viventi di rivisitare, cosa che una compagnia professionista non metterà mai in scena. Paolo Torrisi Compagnia Teatrale IL FOCOLARE - Loreto (An) Dico che il dialetto non deve scomparire; una compagnia dialettale, del vernacolo, esiste appunto per non far morire quello che c era, per riportare sempre su il ricordo, perché altrimenti si perde tutto quanto. Ha detto una cosa bella D Errico: oggi devi essere una compagnia brava, con degli attori che impegnano lo spettatore, che quando recitano lo guardano e lo spettatore li sente e diventano un tutt uno, allora stai tranquillo che possono essere tre atti che tu vai liscio come l olio. Naturalmente, Scarpetta tu lo devi saper adattare. Avevo 11 anni quando ho iniziato a recitare. Ero timido, talmente timido che quando vedevo una ragazza che mi piaceva e non la conoscevo, già a 50 metri di distanza diventavo rosso. A scuola ero peggio di Fantozzi, sapevo la lezione ma non parlavo perché avevo la voce mia. Ma, grazie al teatro, se io faccio Felice Sciosciammocca, io sono un altro, io divento una bestia, il pubblico è mio, perché non parla Paolo Torrisi, parla Felice. Pensa cosa fa fare il teatro all introverso!! Ritornando al nostro discorso, questi ritmi ci vogliono, il testo deve essere azzeccato e deve essere un testo che manda dei messaggi. Oggi le compagnie che circuitano a livello professionale sono con scena fissa, perché debbono partire in 4 o in 5, magari 2 tecnici, perché i 5/6.000,00 euro se li devono dividere in pochi, quindi c è una scarsa condivisione. Noi l ultima rappresentazione che abbiamo fatto: Il medico dei pazzi avevamo 20 personaggi che interagivano sulla scena, è durata 2 ore e mezzo e la gente è stata soddisfatta, si è divertita. La cosa più difficoltosa è portare i giovani a teatro e a far teatro. Ciro Cirillo e a trattenerli è la cosa più difficile Paolo Torrisi Compagnia Teatrale IL FOCOLARE - Loreto (An). ritornando al teatro in dialetto, sostengo che deve continuare ad esistere. In Trentino è possibile portare un testo di Scarpetta e deve essere raccontato nel dialetto locale. Io ho trasportato in loretano un testo di Feigò, anzi per amore del teatro io, catanese, ho imparato a scrivere in loretano, in marchigiano, a parlare come loro. Io vado a vedere tutti gli spettacoli perché c è sempre da imparare, anche da una compagnia che è agli inizi. Il dialetto è da rapportare. E stato fatto un rapporto fra un dialetto trentino, napoletano, maceratese, anconetano? Proviamo, 30/40/50 vocaboli, vedere da dove derivano. Io mi sono dovuto documentare per scrivere, leggere libri anconetani, maceratesi, loretani ecc. Lancio un idea: far rappresentare lo stesso lavoro in dialetto a quattro compagnie, ognuna di una regione diversa e poi dopo rapportarsi. Alfredo Scarpato Io non penso che sia solo questione di dialetto, anche le tradizioni sono importanti e sono diverse; uno Scarpetta a Napoli non è lo stesso Scarpetta che si fa a Trento. Le situazioni non sono le stesse, la cultura non è la stessa. 5

6 Paolo Torrisi Compagnia Teatrale IL FOCOLARE - Loreto (An) La cultura sono d accordo, è diversa, ma il cornuto esiste sempre, sia a Napoli, sia a Trento. La gelosia esiste a Roma, a Catania. Concludo affermando che il dialetto non deve morire, anzi deve continuare e deve essere un amalgama, un filo che unisce una regione all altra, per cercare un linguaggio comune. Lorenzo Roscioli Comp. Teatrale Quinta dimensione - Porto S. Giorgio (Fm) Volevo collegare il mio discorso a quanto sviluppato da Pandini. Ritengo innanzitutto oggi il teatro vittima della televisione, nel senso che il teatro non ha la forza della televisione perché nel suo interno non sa nutrire se stesso. Mi spiego e parlo anche in qualità di autore del Il paese degli onesti. Le ragioni per cui ho scritto questo testo (10 anni fa) risiedono nella sventurata, malaugurata gestione della cosa pubblica da parte degli amministratori che abbiamo visto nel periodo di tangentopoli. Come autore di teatro ho tentato di cacciar via, di bandire, di ordire una autentica crociata nei confronti della trivialità e della cialtroneria, che purtroppo risiede e abbonda nelle nostre file. Ho scritto questo lavoro sentendo la necessità di informare, di criticare la società perbenistica borghese che nella nostra città, Fermo, tiene chiuse alle compagnie amatoriali il teatro dell Aquila, il teatro più prestigioso delle Marche, il più grande: 700 posti, a livello dei più grandi teatri italiani. A ridosso di Fermo c è Porto San Giorgio dove una Giunta comunale giovane ha aperto il teatro a tutte le forze teatrali della zona, senza esclusione alcuna; in questo modo abbiamo chiuso la televisione. Noi siamo nati sulla scena due anni e mezzo fa con una rappresentazione coinvolgente: 32 persone, poi è sorta una disputa con una compagnia di prossimità, ma ci siamo detti che 2 compagnie in una città possono tranquillamente risiedere, non c è rivalità; anzi nel dualismo risiede anche la voglia di migliorare. Anche nella scrittura d autore quando ti accorgi che c è un lavoro realizzato in modo migliore, a me suscita il desiderio di tornare a casa e prepararmi meglio per scrivere. Scrivere significa scovare temi che possono essere interessanti; temi interessanti disturbano. Io ho cominciato a scrivere della mia società. Il teatro amatoriale marchigiano era intriso di volgarità e trivialità, addirittura il personaggio del contadino risultava l essere più immondo che poteva esistere sulla faccia della terra. Il matrimonio con mia moglie, attrice e regista, è stato fondamentale, le ho dedicato quest opera scritta la sera in treno quando ritornavo da Molfetta, dove risiedeva, per uccidere i tempi. Mi ricordo che una sera vedendo una commedia di queste non dico l autore per rispetto del defunto, ho detto basta, bisogna farla finita con questi spettacoli triviali ed ho pensato di diventare autore teatrale per sfida. Il teatro in Italia si riforma attraverso il dialetto, quindi perché pensarlo come un opera di serie B? La letteratura italiana è fondata su un opera colossale che è un lavoro dialettale, per cui per quale motivo vergognarci? Nessuno ha trascurato il dialetto come lingua di prossimità, come lingua genuina con cui comunicare i veri sentimenti, le pulsioni. Lo stesso Pirandello, attraverso il dramma, scopre e scova nell animo umano il dolore e la disperazione di chiunque e rende monumentale il proprio ruolo. Mi sono chiesto: Qual è oggi un tema interessante? Ho pensato alle mie recenti esperienze: un prelato, non vi dico chi e non faccio nomi, che porta una valigetta piena di soldi a Como in frontiera; il notaio che mentre faccio il passaggio di proprietà della casa mi chiede 7 milioni; gli avvocati di cui è piena Fermo (tanto che dico in una battuta: - Come si chiamano gli abitanti di Fermo? - Avvocati!). Faccio riferimento ai mali del nostro Paese dove ancora esistono le categorie, gli ordini: l ordine giornalistico, l ordine dei medici e allora ho messo tutto nel Il paese degli onesti che è stata rifiutata, rigettata come opera dalla compagnia Firmum, la più prestigiosa a livello storico della città di Fermo. Perché? Perché incoraggiava il pubblico a riflettere su personaggi veri assai simili ai personaggi della commedia. L autore deve avere il coraggio della propria analisi e io li ringrazio per aver rifiutata perché quel rifiuto mi ha praticamente proiettato nei più prestigiosi festival del teatro dialettale. 6

7 Io vi ho visto recitare ragazzi (Roscioli si rivolge ai colleghi presenti, rappresentanti delle altre compagnie), mi permetto di esprimere un mio giudizio, che non è quello della giuria, vi ritengo favolosi e ammiro tutti quanti i vostri lavori e per me essere qui oggi è una ragione di prestigio perché, mi sono detto: - Se mi hanno selezionato, io valgo quanto loro, ed appartengo praticamente a questa ristretta cerchia che ha portato questi lavori in esecuzione ad Agugliano!!! Sono soddisfatto per questo lancio della mia opera. E quindi occorre coraggio! Questi signori hanno fatto delle scelte senza dire che il tal personaggio assomiglia troppo a quello e che quell altro personaggio assomiglia troppo a tal altro. A Fermo, invece, mi hanno vessato, costretto a scrivere e a modificare una parte in favore di una loro attrice della quale non volevano sacrificarsi. Paolo Torrisi Compagnia Teatrale IL FOCOLARE - Loreto (An) E tu l hai modificata? Lorenzo Roscioli Comp. Teatrale Quinta dimensione - Porto S. Giorgio (Fm) No,. anche se riconosco l importanza di un attore storico e di prestigio all interno di una compagnia. Ritorno sul coraggio, che, scusate la mia presunzione, penso di aver avuto, perché poi mi sono confrontato con altri lavori, ho cominciato a scovare testi di sostanza partecipando a rassegne, a belle rassegne, convocato in giuria, con il semplice compito di spettatore. Cito autori come Pietro Romagnoli, come Aldo Pisani di Pollenza, e, due mesi prima della morte scopro Massimo Mezzanotte che mi omaggia di una sua opera, che però in quel momento, non so forse per cecità, forse per presunzione, non apprezzo. Nella maturità scopro altri autori straordinari che non hanno avuto il prestigio che secondo me meritano. Quindi oltre al coraggio, che dovrebbe essere insito in ogni autore, bisognerebbe avere anche il tempo e la pazienza di fare archeologia teatrale e riesumare testi di autori come Euro Deodori, autore della mia zona. Abbiamo pensato con un assessore di Porto San Giorgio di mettere su una rassegna sulle radici delle Marche, valorizzando questo genere di teatro e di monitorare con una lente di ingrandimento quegli autori che valgono realmente, quindi abbiamo censurato la parolaccia, la trivialità. Quando il pubblico chiede un esagerazione, calcare, forzare, ecc. ecc, la parolaccia non è indispensabile. Termino dicendo che l ultima opera che abbiamo poi realizzato è Il nido de li cucà (il nido dei gabbiani) una stupenda storia allegorica di contenuto etico filosofico dell autore sangiorgese Cesare Catà, ventiseienne, che trae ispirazione da Yoshira Nokiro. E un opera colossale, densa di citazioni di Virginia Woolf, che tratta dei problemi sociali dei tempi attuali, ma anche da ridere E un bellissimo lavoro scritto da una persona di ventisei anni con l obiettivo di rendere omaggio alla propria lingua d origine. Questo ragazzo è assessore alla cultura del comune di Porto San Giorgio, uno dei rari casi in cui la cultura è presieduta da chi la sa gestire, da chi la produce. Quest ultimo aspetto serve a dire che occorre anche tanta fortuna: i due elementi viaggiano appaiati. Adriana Bramucci Insegnante, componente la Giuria Tecnica del Festival Nazionale del Teatro Dialettale 2010 Io direi che il teatro dialettale deve fare i conti con il fatto che i dialetti in qualsiasi lingua sono sempre in evoluzione, altrimenti sono parole morte. La lingua è legata alla vita, alla storia, al contesto culturale, sociale, per cui un teatro dialettale deve fare i conti con questo. Deve anche consapevolizzare che ci può essere un teatro dialettale di memoria, che può essere presidio culturale di ciò che è stato, in una prospettiva futura. Può essere anche un tipo di teatro che è proiettato al futuro e che tiene conto dei testi nuovi, delle realtà nuove e delle modifiche che ha subito il dialetto. Il dialetto non è più lo stesso per le contaminazioni che ha avuto. Per questo bisogna fare i conti con molta onestà, altrimenti abbiamo dei prodotti confezionati ma antichi con i quali qualsiasi persona con meno anni non può rapportarsi, perché c è un contesto talmente lontano dalla sua realtà che non gli permette neanche di avviare quel processo identificativo che il teatro permette. Un altra cosa è che non sempre il teatro dà messaggi, espressioni. Credo che il percorso sia un pochino più lungo e che dobbiamo andare avanti ma 7

8 anche pensare a come strutturare le basi per il futuro. Un ragazzo di quindici anni, un ragazzo di vent anni oggi non si accosta al teatro dialettale, non perché non gli interessa ma perché il contesto sociale, culturale non gli permette di fare i conti con i sentimenti; ha un altro modo, un altro rapporto, un altra tipologia percettiva rispetto alla realtà, non ha più le nostre modalità e i tempi e le attenzioni d ascolto sono diversi. E come se noi chiedessimo ad un bambino oggi di stare due ore a sentire una lezione: non ci può stare, non perché è un cattivo bambino, non perché ha dei disagi alle spalle, ma perché è un bambino di questa società. Anche nel teatro, secondo me, bisogna fare i conti con questo. Educare, quindi, tenendo conto di questa modalità diversa. Credo che sia una prospettiva che ci possa permettere di seminare e, senza presunzione, di raccogliere, per poter poi avviare un processo. Una cosa molto interessante credo sia il discorso dell archeologia teatrale che è molto interessante, ma non il discorso di equiparare tutti i dialetti, perché secondo me linguisticamente non è corretto. Bisogna essere in grado di mettere in circuito i testi dei vecchi e dei giovani, che ci sono regione per regione; questo vuol dire acquisire un bagaglio culturale, una memoria del teatro che può essere utile a tutti, perché questa è una memoria che costituisce la nostra storia regione per regione e in circolazione faccio difficoltà a vederlo. Giovanni Plutino Coordinatore convegno Torno alla riflessione fatta prima da Lorenzo Roscioli sul fatto che ha prodotto lo spettacolo che abbiamo visto perché voleva far riflettere su alcuni comportamenti di alcuni personaggi. La riflessione: come dicevo prima quando ho fatto l introduzione, il fatto stesso che molte persone si siano ormai abituate a servirsi e pasteggiare tutti i giorni con l informazione, con gli spettacoli in televisione che sono triti e ritriti, formattati, fatti in modo di essere fruiti dalla platea del pubblico, non ci aiuta, perché chi viene a teatro, viene anche per riflettere, perché certe situazioni fanno riflettere. Quello che manca oggi è la riflessione, certo non parliamo di Bertold Brecht, ma parliamo del teatro che stiamo facendo che spesso ci porta alla riflessione, che è una cosa importantissima. Aroldo Berardi Assessore alla Cultura del Comune di Agugliano Innanzitutto, per chi mi conosce, qui non siamo in tanti di Agugliano, la figura dell assessore tipica che avete pensato voi scordatevela assolutamente. Io sono un aguglianese che canta a livello amatoriale da trentacinque anni e che è assessore da 4-5 anni, che vive tutte quelle problematiche che voi vivete nel teatro, nel canto per cui capisco e conosco perfettamente tutte le problematiche che voi avete indicato. Il discorso del ruolo della televisione è quello che sappiamo tutti, e riguarda anche l aspetto canoro, ecc. La prima cosa che io ho fatto, quando sono diventato assessore, è dare spazio e possibilità espressiva a tutti, comunque e dovunque, perché era quello che mancava quando ci proponevamo noi e continuiamo a fare a livello musicale. Per cui, da quando sono diventato assessore mi sento doppiamente arrabbiato rispetto agli altri, come cittadino e come assessore, perché vedo la povertà di mezzi e di strutture e la scarsa possibilità che noi abbiamo per poter gestire come vorremmo una ampia manifestazione espressiva nella nostra comunità.. Per quanto mi riguarda dal punto di vista del rapporto con il teatro dialettale non posso far altro che ringraziare chi propone una rassegna del genere, come gli amici de La Guglia, perché senza una struttura associazionistica che se ne occupi, la struttura pubblica non sarebbe in grado di realizzarla per mancanza di soggetti disponibili. Quello che posso e spero di fare è dare più spazi, opportunità e disponibilità per la realizzazione di questa e altre manifestazioni simili. Da un paio d anni La Guglia gestisce anche una formula scolastica, un corso di teatro rivolto ai bambini tramite un insegnante che sta insegnando teatro e dialetto e noi abbiamo fornito, per quanto era possibile, le strutture per poterlo fare nella più assoluta gratuità. La nostra fortuna sono le associazioni come La Guglia, Agugliano ci unisce ed altre che svolgono attività di carattere culturale a cui noi diamo la possibilità di esibirsi e per le quali forniamo spazi. Abbiamo fatto recentemente anche una manifestazione importante sul gelato e abbiamo gestito tre serate. In una serata abbiamo dato spazio anche ad un ragazzo locale che si è fatto un testo attuale in 8

9 dialetto e che ha declamato quella sera. Noi ogni anno facciamo la festa del patrono a gennaio, nei locali del cinema teatro Ariston è aperto a tutti e in questa occasione i vari gruppi parrocchiali ed altri preparano scenette in dialetto. Per questa ricorrenza abbiamo degli autori storici di Agugliano, piccoli autori di paese, che però da anni, parlo per esempio di Flavia Lattanzi, racconta le vicende del paese in dialetto e le propone ai ragazzini. Ormai sono diventati ragazzini grandi quindi anche questo aspetto noi vorremmo che non morisse e per quello che ci riguarda non morirà perché da parte nostra gli spazi, l attenzione e la disponibilità ci saranno sempre. Questo è quello che nel nostro piccolo garantiamo e che al momento sta dando i frutti grazie, ripeto, alle associazioni. Alfredo Scarpato Uno dei nostri compiti è quello di portare degli autori in scena, che i professionisti non porteranno mai. Noi portiamo in scena questo spettacolo di Luciano Medusa che oltre a Napoli non è mai arrivato. Quindi penso che sia nostra responsabilità scovare testi attuali e contemporanei che dicano qualche cosa, e che magari, senza apporto delle compagnie amatoriali, non avrebbero mai visibilità. Lorenzo Roscioli Comp. Teatrale Quinta dimensione - Porto S. Giorgio (Fm) L opera che secondo me rivela meglio il valore di Edoardo è L arte della commedia. E una straordinaria polemica nei confronti del teatro stesso e delle difficoltà in cui navigava, contro le istituzioni dell epoca, e rifletto sul fatto che il teatro come la televisione può autorete-renziarsi partendo da quel poco che ha, cominciando a monire, ad educare quelle 200 persone che dovrebbero venire in quella serata e te ne trovi 80! Capisco che l attuale situazione non consente alle varie amministrazioni di investire sul teatro ma, è un tentativo da fare. Credo che non manchino le circostanze sociali, oggi, su cui dibattere, su cui fare del teatro, quindi buon lavoro a tutti!!! Aroldo Berardi Assessore alla Cultura del Comune di Agugliano L aspetto amatoriale secondo me è rende leggermente più liberi e quello che fa la differenza è nella qualità e nel piacere di chi ascolta ma, proprio perché siamo tutti amatori, dovremmo essere liberi di proporre quello che piace a noi in base a quello che noi vorremmo esprimere, allora voi continuate a proporre perché è giusto che la libertà dell autore o dell artista sia esaltata ai massimi livelli. Dal punto di vista istituzionale pretendete dalle istituzioni che vi diano spazi. E assurdo che si chiudi un teatro per partito preso, voi, da cittadini, pretendete gli spazi. Paolo Torrisi Compagnia Teatrale IL FOCOLARE Loreto (An) Io mi ricordo come è cominciato ad Agugliano. Passo su passo è arrivato, ha iniziato con le compagnie regionali marchigiane e pian piano si è allargato e abbiamo cominciato a parlare di dialetti ed è arrivata a essere ad un livello nazionale. Quindi se in una piazza una compagnia teatrale è stata vista da 80 persone, se ha lavorato bene il prossimo anno ce ne saranno 160 e il terzo anno ti aspettano. Dobbiamo aver fiducia su quello che facciamo e su come lavoriamo, dare il massimo delle nostre capacità. Non siamo professionisti e se facciamo una cosa è perché ce lo sentiamo. La compagnia si forma sempre su quattro e poi ruotano tutti attorno e cambiano, ma se quei quattro spariscono sparisce anche la compagnia. Quindi bisogna avere fede e andare sempre avanti. 9

10 Antonietta Bramucci Componente la Giuria selezionatrice le compagnie del Festival Nazionale del Teatro Dialettale 2010 La Guglia è da tanti anni che porta avanti il discorso del dialetto. E iniziato con il teatro, poi si è esteso anche alla poesia ed attualmente al concorso Poesia senza confine partecipano adulti, ragazzi e bambini. Le due iniziative hanno visto una forte rispondenza e ciò è molto importante perché la poesia in dialetto non è cosa semplice soprattutto se proposta a soggetti che abitualmente non parlano e pensano in dialetto. E una forma di cultura che può essere considerata subordinata alla grande poesia, ma in effetti è un genere che ha una grande rapidità, è capace di esprimere le emozioni più sottili. Se un vocabolo non è compreso nel suo significato è come riconosciuto nel momento in cui viene detto e quindi della dizione del vocabolo stesso. Pian piano in questo percorso decennale si è passati dalla poesia alla poesia in dialetto, alla poesia in dialetto per le scuole, alla poesia degli adulti, alla poesia dei ragazzi e poi in contemporanea il teatro, prima il teatro delle Marche adesso il teatro dialettale nazionale con compagnie teatrali provenienti da tutta Italia (circa 40 le compagnie che inviano i loro lavori). Silvia Grezzi Compagnia Teatrale QUEI DE SCALA SANTA - Trieste Da quello che ho sentito mi è sembrato di capire che la difficoltà primaria è quella proprio del recupero del dialetto e questo mi fa pensare che per noi di Trieste sia leggermente diverso che nelle vostre regioni e nei vostri paesi usate veramente poco il dialetto. Nella nostra realtà è abbastanza diverso, a Trieste, ma in tutto il Nord-Est, il dialetto è molto utilizzato Antonietta Bramucci Componente la Giuria selezionatrice le compagnie del Festival Nazionale del Teatro Dialettale 2010 In questo momento è una lingua di risulta e le nuove generazioni non parlano il dialetto. Nella nostra zona non è molto utilizzato e noi abbiamo necessità di recupero di origini proprio perché attualmente sono rimasti gli adulti di alcuni ceti sociali, gli anziani che ancora hanno dimestichezza con il dialetto, ma ciò non fa parte delle nuove generazioni. Silvia Grezzi Compagnia Teatrale QUEI DE SCALA SANTA - Trieste Noi abbiamo anche tanti dizionari dal triestino all italiano e ultimamente è uscito dall italiano al triestino che è utilissimo perché se sfugge momentaneamente un vocabolo antico si cerca in italiano e lo si trova in triestino. Paolo Torrisi Compagnia Teatrale IL FOCOLARE Loreto (An) Io ho in compagnia Rita Papa, brava attrice comica che si muove in un modo meraviglioso ma non riesco a farla parlare in dialetto come Dio comanda e per me quindi rimane brava al 90 %. Adriana Bramucci Componente la Giuria Tecnica del Festival Nazionale del Teatro Dialettale 2010 Altre zone d Italia hanno il dialetto, Ancona non ha un dialetto. Noi abbiamo una cadenza, abbiamo un vernacolo, abbiamo delle parole specifiche. Gli altri hanno un dialetto che è lingua, è questa la differenza e nella lingua nasce poi anche la produzione. Noi adattiamo le situazioni e parliamo diciamo 10

11 il dialetto, ma è la cadenza soltanto che ci fa essere poi, quando uno sente in televisione l anconetano o zone limitrofe, volgare. Aroldo Berardi Assessore alla Cultura del Comune di Agugliano C è l eliminazione delle doppie nell anconetano mentre nell aguglianese non c è. Il discorso che dicevo prima è in Agugliano anche i ragazzini, anche i figli degli extracomunitari che sono venuti ad abitare qui parlano il dialetto, ma il dialetto aguglianese è diverso da quello di 40 anni fa perché allora c erano i nonni che parlavano il vero dialetto aguglianese. Adesso è un meticciato molto anconetanizzato e le forme linguistiche si sono un pò omogeneizzate. Invece tutta una parte del nord-est ha la sua specificità, però questa è la realtà nostra. Giuseppino Crispini Componente la Giuria selezionatrice le compagnie del Festival Nazionale del Teatro Dialettale 2010 Io sono uno dei responsabili della scelta delle compagnie. Il compito nostro è stato difficilissimo perché non abbiamo visto come è scritto nel bando il dialetto stretto, noi cerchiamo la cadenza perché tutti devono capire e abbiamo cercato di evitare quelle compagnie dalla battuta e dalla risata facile. Quest anno abbiamo fatto proprio una scelta mirata a questo. Chi ha visto tutte le compagnie si è reso conto della scelta che abbiamo fatto, correndo anche dei rischi, perché se lo spettatore non è educato probabilmente è lo spettatore che aspetta la parolaccia, però compito dell associazione penso sia anche quello di educare, quindi lo sforzo che sta facendo La Guglia è proprio quello, sia con il concorso di poesia sia con il festival del teatro: cerca di educare e di creare anche una società diversa più matura, più aperta e per questo il festival dà una mano molto buona. Viviano Vannucci Comp. Teatrale PER L ACQUISTO DELL OTTONE - Prato Io volevo sapere, dato che conosco la compagnia di Napoli, chi sono le altre compagnie. Paolo Torrisi Compagnia Teatrale IL FOCOLARE Loreto (An) Io ho una compagnia che non ha partecipato alla rassegna. La mia compagnia è Il Focolare di Loreto in provincia di Ancona. Michele Pandini Compagnia di Lizzana Rovereto (Tn) Noi siamo la compagnia di Lizzana, veniamo da Rovereto. Abbiamo presentato Quattro attori in cerca d autore, facciamo sia commedie dialettali che commedie in italiano. Andrea Castelletti Compagnia TEATRO IMPIRIA - Verona Noi siamo la compagnia Teatro Impiria di Verona. Abbiamo presentato Il ponte sugli oceani. Amori, non facciamo teatro dialettale principalmente però questo spettacolo l abbiamo in una versione dialettale e quindi abbiamo visto che per certe parti risponde meglio, infatti è la lingua per cui è stato anche pensato, perché parla di emigranti. Per una scelta di circuitazione nazionale noi come compagnia cerchiamo di fare teatro in italiano. Il mio plauso va agli organizzatori degli spettacoli dialettali perché a me capita che mi propongano molti testi dialettali, purtroppo a malincuore, spesso dico di no. Io amo il dialetto e sono uno che fa anche personalmente una battaglia per il riconoscimento della lingua veneta, purtroppo voi siete tutti fortunati perché non avete il problema della Lega, perché da noi quando si fa un discorso di identità culturale e di recupero delle tradizioni si scivola facilmente nel 11

12 contesto politico e ciò è assurdo perché se lo fa un associazione, un espressione culturale di sinistra assume certe connotazioni, se lo fa il leghista ne assume altre diametralmente opposte, quando in realtà si sta parlando della stessa cosa. La difficoltà di fare spettacoli o iniziative e rassegne per la valorizzazione della lingua, della cultura locale, da noi, è sempre un problema politico. Laddove l assessore è leghista l appoggia, però magari la scuola, il preside, la biblioteca non vogliono perché sembra un iniziativa leghista. E una cosa assurda da cui non se ne esce. Quando mi sottopongono dei testi in veronese, in veneto, il mio primo impulso è di rifiutarli, non perché non credo nel dialetto, ma perché diviene un forte limite alla circuitazione. Ben vengano festival come questi che consentono a realtà dialettali di andare fuori dal luogo di provenienza; io invece le rifiuto perché cerco di fare meno repliche possibili nella mia città per cui cerco di dissociarmi e il mio piacere è girare il più possibile. L 80% delle nostre date sono in giro e il dialettale purtroppo ha il limite di circuitazione. L altro limite è che, sebbene il 70% circa della popolazione in Veneto parli, normalmente, quotidianamente il dialetto, il teatro dialettale non attira i giovani perché chi lo fa spesso scivola nella commedia di bassa lega, con la battutaccia, la risata facile, quando invece per attirare i giovani bisogna trovare dei linguaggi teatrali a loro più vicini. La grossa sfida che deve portare avanti il teatro dialettale, oltre a quello di trovare le risorse per questi festival e iniziative analoghe per circuitare di più, è anche riuscire ad avvicinarsi ai giovani non tanto perché parlano o non parlano il dialetto ma quanto perché il linguaggio teatrale che si utilizza deve avvicinarsi al loro. Spesso facendo il teatro dialettale si va un pò nel teatro di tradizione e quindi lontano da quello che è l attuale capacità dei giovani di vedere su uno schermo di cinque finestre aperte contempora-neamente. Bisogna fare un teatro diverso che il dialettale a volte per chi lo fa non è nelle sue corde. E quindi una sfida quella di avvicinare i giovani al teatro, ma facendo il dialettale è un pò più difficile. Lorenzo Roscioli Comp. Teatrale Quinta dimensione - Porto S. Giorgio (Fm) Sono della compagnia Quinta dimensione di porto S. Giorgio nata due anni fa. Per riprendere l osservazione del collega, faccio presente il tentativo di Piero Perfini, attuale presidente della compagnia e attore, di coniugare teatro e danza. Lui è campione nazionale di tango argentino e ha inventato Il tango che passione, una storia di due emigranti che vanno in Argentina, (tema dell emigrazione) e in questo spettacolo abbiamo inserito i giovani attraverso il ballo, in tutto 32 persone. Addirittura due ragazzini che iniziavano i primi passetti nella taverna, per riuscire a unire alcuni tratti generazionali che si avvicinano al teatro. Per la mia esperienza diretta ricordo che a vent anni di non avevo alcun interesse per il teatro, ma alla letteratura in genere. Io mi sono convertito intorno ai anni quando, chiamato a dover scrivere gli atti in ufficio, ero chiamato a una letteratura migliore e ho cominciato a nutrire una passione per la scrittura, per l eloquio, per la letteratura in genere. Poi ho scoperto tante altre cose che, magari l avessi fatto prima, dico oggi. Ma non c erano proprio interessi in tal senso!! C era un signore, tale Graziano Ferroli che per la Marche è una persona conosciuta, che mi portava nel teatro sotto casa, mi allestiva la Mandragola e io ero costretto a vederlo abbandonando i miei amici con cui avrei preferito il gioco del poker, ed ero costretto a sorbirmi il teatro.. ma.. pian piano mi innamoravo. I giovani oggi sono iper bombardati di stimoli, di informazioni, di notizie che possono attingere dovunque, ma noi stessi siamo vittime di questo. Il fatto ogni tanto di impegnarci del tempo, di godere del buon teatro secondo me è una risorsa cui non porre limite, non porre freno. Inoltre l interesse e la passione si alimentano anche attraverso dei percorsi. Mio padre sentiva l opera lirica e io a tre anni cantavo che gelida manina, è chiaro che poi chi non ha avuto queste possibilità non avrà mai la strada maestra o la strategia per accedere al teatro. Io comunque continuo, il dialetto sarà riduttivo e non porterà a riconoscimenti, ma io continuo a scrivere per la mia provincia. Mi piace che la gente con cui dialogo possa apprezzare il mio pensiero, la mia idea per quella che è, non devo avere manie rivoluzionarie. Per esempio non ho lo stesso dramma che viveva Brecht. Brecht cambiava stato come io mi cambio le scarpe, non ho questi problemi drammatici ma ho altri problemi. Vedo per esempio a Fermo una disoccupazione straordinaria e tutti dicono che va 12

13 bene, chiudono due fabbriche al giorno; il tribunale di Fermo discute due cause di fallimento al giorno e secondo voi non ci sta un problema da analizzare? In dialetto soprattutto, affinchè il messaggio arrivi anche ai giovani che sono i testimoni e anche i protagonisti di questa crisi internazionale. Quando si parla di problemi sentiti, vedi come si avvicinano al teatro e noi abbiamo trovato anche parecchi giovani!!! Va detto, e questo è stato uno dei temi portanti della discussione, che i giovani, quei pochi a cui piace il teatro, hanno la percezione che il teatro amatoriale o dialettale sia il teatro triviale, il teatro brutto. Ma non ce l hanno soltanto i giovani. Io ho insegnanti, professionisti, gente affermata che dice che non va a vedere il teatro dialettale perché è un teatro volgare, un teatro che li annoia. Buttiamo fuori dal teatro il malcostume, l approssimazione e ritroviamoci in queste circostanze che servono proprio per rinfrancarci, per superare le difficoltà che naturalmente si trovano. Sabrina Gregori Compagnia Teatrale QUEI DE SCALA SANTA - Trieste Noi siamo di Trieste, la compagnia si chiama Quei de scala santa Io sono Sabrina Gregori, attrice, Silvia Grezzi è la regista. Noi abbiamo una realtà un pò diversa nel senso che siccome anche da noi il dialetto è molto utilizzato da tutte le categorie sociali, in tutti i contesti sociali, non si cerca di rappresentare solo per il recupero dialettale quindi le commedie di una certa epoca per mettere in scena un certo tipo di dialetto da recuperare e da ricordare, ma si mettono in scena anche commedie molto recenti. Mia madre è un autrice di teatro dialettale e abbiamo rappresentato diverse commedie sue dove si mette in scena quello che è la quotidianità adesso, con il dialetto. Anche il discorso del dialetto più triviale, sì esiste anche da noi, però nel contesto nostro, nell armonia delle compagnie teatrali di cui facciamo parte, questo non c è. Tutti cercano anzi di portare in scena della cose di un buon livello senza dover ricorrere a questo aspetto. Il discorso dei giovani a teatro penso che sia più un problema del teatro. Nel nostro caso per fortuna stanno intervenendo sempre più giovani come attori nelle compagnie, di conseguenza arrivano gli amici, funziona un pò così nel teatro dialettale, si attira con le conoscenze e poi c è il passaparola. Quindi più attori giovani ci sono nelle compagnie e più contorno di giovani ci sarà. Lorenzo Roscioli Comp. Teatrale Quinta dimensione - Porto S. Giorgio (Fm) Concordo, noi abbiamo messo in scena una commedia di un autore ventiseienne e si è portato tutta la fascia generazionale dai 18 ai 26 di Porto San Giorgio. Quindi un intera città di quindicimila abitanti ha portato a teatro la fascia post adolescenziale. L importante è sapere investire sulle forze giovani. La mia compagnia, Sara Pirani e Mirco Abruzzetti, siamo al di sotto dei 25, quindi eccolo qua. Sabrina Gregori Compagnia Teatrale QUEI DE SCALA SANTA - Trieste Noi abbiamo la fascia di età dai 12 fino agli 80 anni. Lorenzo Roscioli Comp. Teatrale Quinta dimensione - Porto S. Giorgio (Fm) Il mio corpo di ballo è costituito da minorenni e questo aiuta, fanno propaganda al teatro, il teatro è autoreferenziale: può aiutarsi a propagandarsi. La scuola, questa è un altra critica che muovo, non insiste molto sul dialetto. Purtroppo oggi è ancorata all istruzione di tre-quattro lingue, manager perfetto, ecc. ecc. Secondo me dovrebbe prendere esempio dal mio insegnante Francesco Quinzi che credeva nella ricerca della memoria e ci portava fuori ad intervistare le persone per risalire ai commenti reali e alla autenticità storica di eventi e fatti. 13

14 La mia generazione è cresciuta facendo dialetto su strada, ricomponendo la storia, drammatizzandola, teatralizzandola e quando hai delle risorse così non puoi non apprezzare o non seguire il teatro dialettale. Alfredo Scarpato Noi siamo una compagnia napoletana. Il nostro nome sintetizza il convegno, praticamente: Ma chi m o ffa fà. Noi abbiamo la fortuna di avere un dialetto, o una lingua che sia, che possiamo portare a Rovereto, a Verona, a Gorizia, Pordenone, ecc e ci chiedono di non cambiare niente, quindi è una fortuna. Portiamo Edoardo, Marotta, la tradizione di Napoli giustamente riveduta nei tempi, nei ritmi, ecc però portiamo anche testi come questo, altri autori contemporanei viventi che danno un messaggio diverso, parlano della quotidianità e dei problemi con il linguaggio dei ragazzi. Cerchiamo di alternare e di avere nel repertorio questi due aspetti cercando di fare il nostro meglio per attirare ragazzi e adulti. Adriana Bramucci Componente la Giuria Tecnica del Festival Nazionale del Teatro Dialettale 2010 Signor Vannucci, perché la vostra compagnia si chiama Per l acquisto dell ottone? Viviano Vannucci Comp. Teatrale PER L ACQUISTO DELL OTTONE - Prato C è un saggio di Bertold Brecht che si chiama L acquisto dell ottone e lui dice: - Io quando vado in un teatro sono come un commerciante di ottone e non voglio gli strumenti di cui è fatta una banda non mi interessa il trombone ma mi interessa l ottone perché da lì posso ripartire per fare cose nuove. Questa era un pò l idea: il nome per prima cosa, perché ci fosse qualcuno che mi chiedesse... per cui incuriosire. Quando nasci come compagnia hai sempre la pretesa di portare avanti il tuo discorso e nel nostro caso si è concretizzato nel fatto di non avere uno spazio teatrale e come s è visto è molto difficile entrare nei teatri. I teatri della Toscana sono occupati da compagnie che sono lì da decenni e non ci sono spazi nuovi per cui abbiamo fatto di necessità virtù e quasi tutti gli spettacoli compreso quello che è stato presentato qui ad Agugliano e che ringraziamo la giuria, sono stati fatti per fare delle piazze, creare degli spazi alternativi nei cortili poi a volte siamo entrati nel teatro però principalmente partiamo da questo punto di vista perché visto che è cosi difficile entrare nel teatro e visto anche che ci vanno sempre meno persone, cerchiamo di fare cose che portano gente. Per esempio, a Prato, quando uscì il film di Benigni su Pinocchio avevamo fatto uno spettacolo in cui prendevamo uno di questi vecchi carretti dove avevamo messo sopra alcune figure, mangiafuoco, il grillo parlante e andavamo in giro per la città fermandoci a certi angoli dove c era più gente presentando delle scene di Pinocchio e girando per la città mettevamo sul carro i bambini che ci seguivano. Certamente non è teatro di strada perché il teatro di strada ha i suoi codici però era un modo per uscire proprio da questa difficoltà: entrare nel teatro. Note conclusive Giovanni Plutino Coordinatore convegno Dalla vasta discussione che è seguita alla mia domanda iniziale Oggi l arte teatrale ha la necessaria libertà? E poi, il pubblico e lo spettatore è conscio della differenza tra un pasto preconfezionato, fruibile in tv ed una performance teatrale dove la prima deve essere sempre quella buona? posso trarre alcune conclusioni: 14

15 In un corso al quale ho avuto l onore ed il piacere di partecipare ed il cui maestro era Eugenio Barba, ho particolarmente apprezzato un affermazione nella quale egli diceva che il teatro deve creare Relazioni & Ramificazioni ; che significa ciò?? Nella città in cui ha sede l Odin Teatret (Holstebro-Danimarca), Barba ed i suoi ogni due, tre anni, propongono una festa alla quale partecipa tutta la città, un esempio: i vigili del fuoco, il coro dei poliziotti che fanno da contrappunto ad un altro degli immigrati, l esercito che partecipa con delle parate e tutto cosi si trasforma, diventa un immenso palcoscenico nel quale poter partecipare e essere contemporaneamente spettatori. Agli inizi non era certo così, ma l inclusione graduale ha portato a questi risultati. Forse quarant anni e passa fa le parole Relazioni & Ramificazioni avevano un significato vuoto, infruttifero, in un paese che era assolutamente ostile ad ogni forma artistico-teatrale, ma la passione, la dedizione e l amore per il teatro hanno costruito questo straordinario risultato. Tornando nel concreto del nostro seminato forse anche noi dovremmo prendere esempio da quanto è già avvenuto. Il dialetto, che fa parte del nostro vivere quotidiano e che è memoria delle nostre radici, deve essere il rinnovabile serbatoio di fatti stimolati e pungolati degli ironici contrasti raccolti da autori che colgono la rapida trasformazione della nostra società. Ma ciò è una parte della soluzione, la rimanente dovrebbe essere affidata alle Relazioni & Ramificazioni alla passione alla dedizione e all amore per il teatro. Vi ringrazio per la gentile disponibilità e ringrazio tutti coloro che hanno partecipato quindi vi auguro di cuore buon teatro perché ne abbiamo veramente bisogno. Bravi a tutti! 15

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

'' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari

'' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari '' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari Io ho tanto coraggio ma certe volte non lo dimostro. Per esempio: io ho coraggio a dire in faccia le cose, ma qualche volta no perché non mi fido e allora

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO RACCONTA LE STORIE DEI NONNI

CONCORSO LETTERARIO RACCONTA LE STORIE DEI NONNI CONCORSO LETTERARIO RACCONTA LE STORIE DEI NONNI Regolamento Art. 1 PROMOTORI E TEMA DEL CONCORSO La Regione del Veneto e il Comitato Pro Loco - Unpli Veneto lanciano il Concorso letterario Racconta le

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Pensieri per un genitore che non c è

Pensieri per un genitore che non c è Campus AIPD - Formia 16-22 giugno 2013 Pensieri per un genitore che non c è In questo Campus mi sembra di essere fuori dal mondo, perché qui la normalità è avere un figlio con la sdd... sono i fratelli

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

CURSOS AVE CON TUTOR

CURSOS AVE CON TUTOR CURSOS AVE CON TUTOR DOMANDE PIÙ FREQUENTI (FAQ) A che ora ed in quali giorni sono fissate le lezioni? Dal momento in cui riceverai le password di accesso al corso sei libero di entrare quando (24/24)

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli