Molinaro (Coldiretti): Il riscatto del territorio passa dall agricoltura. Paese24MAGAZINE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Molinaro (Coldiretti): Il riscatto del territorio passa dall agricoltura. Paese24MAGAZINE"

Transcript

1 novembre Molinaro (Coldiretti): Il riscatto del territorio passa dall agricoltura Paese24MAGAZINE Mensile di informazione sull Alto Jonio cosentino fondato e diretto da Vincenzo La Camera Anno 1 - Numero 10 distribuzione gratuita L ALT(R)O JONIO Un cittadino su due è depresso Tanti giovani fanno uso di droghe Le istituzioni, le famiglie, la Chiesa non riescono ad arginare il disagio ALTO JONIO SVALIGIATO I topi d appartamento colpiscono in qualsiasi ora del giorno ALLUVIONE METAPONTINO Agricoltori minacciano di strappare le tessere elettorali CRISI ED EMIGRAZIONE Quattro paesi dell Alto Jonio tra i più poveri d Italia

2 Turismo Paese 24 Mensile di informazione sull Alto Jonio cosentino MAGAZINE NEL CASTELLO DI ROCCA IMPERIALE ALLA RICERCA DEL TESORO DEI TEMPLARI Vincenzo La Camera Non riporre le idee nel cassetto subito dopo l estate ma continuare a mantener vivo il territorio anche in periodi off dell anno, valorizzando le ricchezze che si hanno a disposizione. Ed ecco che a Rocca Imperiale hanno pensato bene di organizzare una vera caccia al tesoro all interno dell imponente castello, feudo di Federico II di Svevia che lo fece costruire nel L idea originale, a dire il vero non la prima proveniente dal Paese dei limoni e della poesia, è stata promossa dalla locale associazione Antiquitas, che cura la promozione e le visite guidate al maniero e da Itineraria Bruttii, che si occupa tra le altre cose di valorizzare questi beni architettonici riempendoli di contenuti, come laboratori didattici, rievocazioni storiche e in questo caso specifico, una caccia al tesoro. Il piacevole sole dell ultima domenica di ottobre ha accompagnato le squadre partecipanti alla ricerca del tesoro dei Templari. Le guide Vincenzo Di Matteo e Maria Rosaria Oriolo assieme al professor Paolo Gallo hanno provveduto ad aprire le porte del castello ai partecipanti, che hanno preso confidenza con la residenza federiciana attraverso una propedeutica visita guidata, tra leggende, storie e curiosità. La caccia al tesoro ha coinvolto tutta la struttura federiciana: da piazza d armi al fossato; dalla torre al ponte levatoio; dalla sala del re alle cucine. I concorrenti, muniti di una preziosa mappa, si sono cimentati tra simpatici quesiti accompagnati dal ritrovamento di monete templari, immagini di arpie e cavalieri sino al ritrovamento del tesoro. La squadra di Rocca Imperiale ha avuto la meglio su quelle di Roseto Capo Spulico e Corigliano. I due cavalieri Giuseppe Le Rose e Francesco Battafarano, e le due dame Letizia Pellitta e Veronica Troilo hanno partecipato alla cerimonia di investitura ricevendo la spada dei Templari (nella foto). Un esperimento riuscito, quello della caccia al tesoro nel castello, che entrerà nel breve medio termine in una programmazione più strutturata coinvolgendo anche le scuole, i turisti e magari gli altri castelli federiciani del comprensorio. Si discute da un po di tempo a questa parte della possibilità di mettere in rete i quattro manieri dell Alto Jonio: Rocca Imperiale, Oriolo, Roseto e Amendolara (questi ultimi due di proprietà privata) per realizzare un percorso comune pluri-artistico(poesia, musica, storia, enogastromia, letteratura, artigianato) da offrire ai visitatori, ai quali ormai soltanto il mare non basta più. paese24.it - Alto Jonio in un click, tutti i giorni...

3 Mensile di informazione sull Alto Jonio cosentino SAN LORENZO BELLIZZI DEPONE LE ARMI L ultimo vigile urbano va in pensione e il Comune vende la pistola Pino La Rocca Alberto Sordi nel film Il vigile del 1960 Va in pensione l unico Vigile urbano e siccome il suo posto è quasi certamente destinato a rimanere vacante, l Amministrazione comunale in carica guidata da Antonio Cersosimo è costretta a mettere in vendita la pistola d ordinanza ed i relativi proiettili. La somma ricavata, peraltro, non sarà certamente sufficiente a risollevare le casse comunali perché dall asta pubblica riuscirà a incassare solo 50 euro. E successo a San Lorenzo Bellizzi, piccolo centro montano dell Alto Jonio incastonato tra i monti del Pollino che, alla pari di quasi tutti i comuni interni del comprensorio è a rischio spopolamento ed è abitato da una popolazione prevalentemente anziana, proprio perchè i giovani sono costretti ad emigrare per mancanza di lavoro. Cosicchè, dopo il pensionamento di Giuseppe Gugliotti, l unico Agente di Polizia Municipale, il comune ha dovuto procedere, ope legis, a questo singolare adempimento. Ma è la stessa cosa che succede in quasi tutti i piccoli centri montani dell Alto Jonio che, nonostante la dilagante disoccupazione, soprattutto giovanile, e la carenza di opportunità lavorative, non si possono permettere di fare assunzioni e quindi di avere in organico un Vigile Urbano. Paese24MAGAZINE Attualità Ma c è di più: siccome il comune di San Lorenzo Bellizzi, come si legge nella Delibera di Giunta, «non può custodire la pistola automatica Beretta, Calibro 7,65 acquistata dal comune nell anno 1978 perché non dispone di un apposito locale riservato esclusivamente alla custodia delle armi, ritiene opportuno alienare la pistola in oggetto in quanto la stessa presenta una sua oggettiva disutilità pratica ed economica, nonché problematiche connesse alla sua regolare e sicura custodia». Del resto, non è stato semplice neanche trovare acquirenti, tanto che il comune ha dovuto interpellare un armeria di Castrovillari, la stessa che aveva venduto l arma al comune nel lontano 1978, che ha manifestato la disponibilità all acquisto dell arma e dei 60 proiettili in dotazione alla cifra complessiva di 50 euro. In paese scompare così mestamente la figura del Vigile urbano, una presenza ritenuta rassicurante ed essenziale dai cittadini in un piccolo comune di montagna dove non esiste alcun tipo di presidio militare. Scompare quindi un altro pezzo di Stato in una periferia sempre più abbandonata a se stessa, che ha la stessa imposizione fiscale delle realtà più fortunate e gli stessi doveri, ma non certo gli stessi diritti. Paese 24 Magazine 3

4 Paese 24 Mensile di informazione sull Alto Jonio cosentino MAGAZINE MOLINARO: IL RISCATTO PASSA DALL AGRICOLTURA Fondamentale la formazione, ma l accesso al credito resta un problema. Alto Jonio ricco di esperienze imprenditoriali innovative Luigi Adinolfi L intervista Abbiamo incontrato Pietro Molinaro, il presidente regionale, nonché componente della Giunta nazionale Coldiretti, la più rappresentativa organizzazione agricola italiana ed europea. Un intervista in esclusiva per fare il punto sull agricoltura in Italia e in Calabria. Si è concluso a ottobre il 13^ Forum Internazionale dell Agricoltura e dell Alimentazione a Cernobbio (Como) e in questa occasione è stata presentata l indagine Coldiretti Ixe su La percezione della crisi e il made in Italy. Sì, ben sette italiani su dieci si sentono minacciati dal pericolo di perdere il lavoro e il 53 per cento di non riuscire ad avere un reddito sufficiente per mantenere la propria famiglia. Lavoro e famiglia, due valori costituzionalmente garantiti che rappresentano le nostre preoccupazioni. Vietato cadere in una passiva rassegnazione. La storia insegna che dai momenti di crisi si può uscire più forti e certamente ci vuole coraggio. Coldiretti credo che, quotidianamente, dimostri determinazione con scelte che si stanno dimostrando vincenti. Sergio Marini (presidente nazionale Coldiretti) a Cernobbio lamenta che in Italia ci sono le ricchezze private, ma manca la visione nel futuro per gli italiani a causa della sfiducia dovuta alla crisi. Quale deve essere la visione di un giovane imprenditore calabrese? Credere fortemente in se stessi senza piangersi addosso. Partire in Calabria dalla vera strada maestra che è l agricoltura, sapendo leggere le potenzialità del territorio e naturalmente non trascurando la formazione, che è elemento di competitività. In sintesi, l esperienza degli Oscar Green in agricoltura (i premi di Coldiretti alle imprese innovative) dove troviamo un mix di capacità imprenditoriale e di innovazione. C è stato un tempo nel quale i giovani fuggivano dalle campagne, ora registriamo anche in Calabria un ritorno. Certamente uno dei problemi irrisolti, sul quale ci stiamo battendo, è l accesso al credito, che è difficile per le imprese agricole in attività e difficilissimo per i giovani con la conseguenza di rallentare il processo di cambiamento. Sempre dall indagine Coldiretti-Ixe si rileva che sono in aumento gli acquisti di generi alimentari direttamente dal produttore e che, nonostante aumentino gli acquisti di cibo low cost, quasi la metà degli italiani compra anche prodotti biologici o comunque certificati, cosa significa? L acquisto direttamente dal produttore è un fenomeno in costante crescita. In Calabria registriamo un grande interesse dei cittadini-consumatori e attraverso i punti vendita aziendali, gli agrimercato e le botteghe di Campagna Amica stiamo costruendo una rete che cresce giorno per giorno. Puntare sulla qualità e sulla provenienza certificata è la carta vincente. Cinquanta miliardi di euro all anno di falso Made in Italy si muovono nel mondo. Cosa è stato fatto e cosa si deve fare ancora per tutelare i prodotti del nostro Paese? In Calabria sono 2 i miliardi di euro l anno. Un vero e proprio furto di identità e di valore. Sono necessari controlli e la tracciabilità delle produzioni. Un tema molto caro a Coldiretti. Coldiretti con Campagna Amica e Fai (i progetti di promozione della vendita a km 0 e della filiera agricola tutta italiana) ha già fatto molto per la tutela del Made in Italy (ora anche all estero con la prima bottega di Campagna Amica a Londra). Ma cosa serve ancora a livello di politica nazionale per promuovere il Made in Italy nel mondo? Capire cosa vuol dire il cibo oggi è essenziale. L Italia deve puntare sempre di più sull agroalimentare. Non basta partecipare a una fiera, ma occorre un azione continua; per questo è importante l utilizzo delle nuove tecnologie di comunicazione. Lo stop all Imu Agricola del Governo Letta, così come il decreto anti Ogm, sono stati un segnale da parte dello Stato a favore dell agricoltura Made in Italy. Dalle nostre parti a che punto siamo? Cosa può fare la Regione Calabria in questo senso? Occorre concentrarsi sui fondi comunitari relativi alla programmazione Come abbiamo già detto al presidente Scopelliti, bisogna recuperare le risorse Por Calabria parte FEOGA, che sono circa 13 milioni di euro; Fondi Fas (circa 15milioni di euro) e accantonamento di risorse rinvenienti da economie inerenti il FEOGA , presente sul Bilancio di Previsione 2013 (circa 49milioni di euro). Le priorità verso cui indirizzare le risorse sono: 1)accesso al credito; 2)Riconversione dell agrumicoltura da industria nella provincia di Reggio Calabria, con particolare riguardo a quella della Piana di Rosarno-Gioia Tauro; 3)Saldo annualità per i programmi realizzati dall ARA Calabria in favore del sistema zootecnico; 4)Programma Sviluppo Consorzi Agrari L Alto Jonio ha tante specialità autoctone, (mela agostina di Oriolo, limoni di Rocca Imperiale, arancio biondo di Trebisacce, mandorle di Amendolara, ciliegie di Roseto, fave e piselli di Amendolara e Montegiordano, etc ). Quali prospettive di sviluppo? Sono prodotti di eccellenza. Ma sono produzioni di nicchia e, in quanto tali, devono essere sempre di più logisticamente organizzate. Bisogna guardare al reddito. Campagna Amica è sicuramente un opportunità a disposizione di chi cerca nuove soluzioni di vendita. L Alto Jonio è appetibile: può vantare straordinarie esperienze imprenditoriali votate all innovazione. 4 Paese 24 Magazine

5 HAITI CHIAMA, AMENDOLARA RISPONDE La parrocchia della Marina impegnata a raccogliere fondi per la costruzione di una scuola. Padre Alcide vuole incontrare il vescovo: «Coinvolgiamo tutta la diocesi» Vincenzo La Camera Nonostante una connessione Internet lentissima che ad Amendolara non aiuta assolutamente chi lavora con il web (ecco perché forse non sarebbe il caso di fare salti di gioia per un sistema wi-fi attivato da poco, quando quotidianamente la Telecom non riesce a garantire una connessione alla rete degna dei tempi che viviamo), siamo riusciti a metterci in contatto con padre Alcide Vercelat, ad Haiti, dall altra parte della luna, come canterebbe Lucio Dalla. A Saint- Marc (100 km dalla capitale Port - Au - Prince) sono le sette di mattina. Diamo il buongiorno a padre Alcide che con la web cam mobile ci mostra orgoglioso la sua parrocchia. Il Paese caraibico prova ad alzare la testa dopo il tremendo terremoto che quel 12 gennaio 2010 ha messo in ginocchio una popolazione già sistematicamente provata da un reddito medio pro-capite che rasenta la soglia della povertà. Un anno dopo il sisma intervistammo padre Alcide, in esclusiva per l allora giornale dell Alto Jonio AmendolaraLive.it (oggi Paese24.it), quale sopravvissuto a quella immane tragedia che registrò circa vittime. Padre Alcide da diversi anni trascorre, in estate, qualche giorno ad Amendolara Marina, ospite della famiglia Tucci, la sua seconda casa. E con i cittadini del piccolo comune jonico ha instaurato un legame importante. Il sogno del sacerdote di colore è realizzare una scuola nella sua parrocchia, un istituto tecnico. Quando lo abbiamo incontrato due anni fa aveva in mano un ettaro di terra e una speranza. Oggi è diverso: a luglio sono iniziati i lavori (da come si può vedere dalla foto in esclusiva per Paese24 Magazine) grazie ad un contributo di mila dollari da parte della Santa Sede. In questo progetto anche Amendolara gioca la sua partita. Diverse famiglie nel corso dell anno inviano a padre Alcide piccoli ma importanti contributi in denaro. La parrocchia di Amendolara Marina guidata da don Diego Talarico sovente inoltra al sacerdote haitiano parte delle offerte raccolte nel corso delle festività religiose. Così come la scuola Primaria di Amendolara centro ha voluto dimostrare la propria vicinanza al progetto di padre Alcide donando un piccolo ma significativo contributo. Un pezzo di Alto Jonio ad Haiti, un pezzo del grande cuore dell Alto Jonio nel Mar dei Caraibi. «Amendolara sta facendo tanto dice il sacerdote via skype. Conto di tornare in Italia al più presto». Padre Alcide già immagina la sua scuola finita: dieci aule per le elezioni, una sala per la ricerca, una biblioteca, un laboratorio informatico, un piccolo bar. Ma oggi i lavori sono fermi. Per la realizzazione del sogno servono ancora mila dollari. Una cifra considerevole ma non impossibile da raggiungere. Ovviamente la Santa Sede dovrà giocare un ruolo importante, ma possono dare il loro contributo anche le offerte personali e parrocchiali. «Mi piacerebbe incontrare il vescovo di Cassano Jonio dice il sacerdote - per poter coinvolgere in questo progetto anche le altre parrocchie della diocesi». Un ponte di solidarietà tra l Alto Jonio e Haiti, per poter raccontare un giorno ai ragazzi di Saint-Marc che da qualche parte nel mondo qualcuno ha pensato a loro. Paese 24 Magazine 5

6 Società Paese 24 Mensile di informazione sull Alto Jonio cosentino MAGAZINE Nell ALTO JONIO un cittadino su due è DEPRESSO Patologia dilagante anche tra i giovani. La mancanza di lavoro gioca un ruolo determinante Alessia D Angelo Secondo l Organizzazione Mondiale della Sanità, nel 2020 la depressione sarà la seconda patologia più diffusa dopo le malattie cardiovascolari. Questo stato di sofferenza psichica dovuto ad una combinazione di fattori genetici, psicologici e ambientali può cominciare a manifestarsi già in età adolescenziale. Le donne sono maggiormente colpite rispetto agli uomini perché oltre ad entrare in gioco i fattori del ciclo vitale femminile (sindrome premestruale, gravidanza, post-partum, menopausa), sono anche sottoposte ad un forte stress dovuto al ruolo che oggi sono riuscite ad assumere nella società. La depressione è una malattia subdola e degenerativa. Riconoscerne i sintomi precocemente è fondamentale per poterla combattere così da evitare forme più gravi che spesso si accompagnano a fantasie autolesive sfociando, in alcuni casi, anche nel suicidio. Apatia, disturbi dell attenzione e della memoria, irritabilità, insonnia, disaffettività, cefalea, problemi gastrointestinali sono tra i campanelli d allarme attraverso i quali si manifesta la patologia. In Italia, il 25 % della popolazione è colpita da depressione e la causa principale, negli ultimi tempi, risiede nella crisi economica. Restando nel nostro territorio, nell Alto Jonio, secondo alcuni dati, il 65% della popolazione è affetta da depressione da come ci conferma la dottoressa Enza Maierà, dirigente medico del CIM (Centro Igiene Mentale) di Trebisacce e coordinatrice regionale EDA. La patologia cammina di pari passo con la crisi economica, colpendo, uomini e donne allo stesso modo nelle diverse fasce d età. Il fenomeno è in forte incremento nei giovani rispetto al passato. E fondamentale un buon equilibrio emotivo nella sfera familiare afferma la dottoressa Maierà e una maggiore comprensione da parte della scuola che oggi è in difficoltà nel motivare il giovane verso lo studio come progetto di vita. Sempre più giovani si ammalano rispetto al passato, perché, a causa delle pressioni sociali e della crisi, trovano difficoltà ad inserirsi nel mondo del lavoro, vedendo così, bloccati i propri progetti di vita. L affluenza dei pazienti al CIM di Trebisacce è trasversale: varia dallo studente al professionista. La classe media è quella maggiormente colpita, in quanto, le tensioni e le angosce dovute alle difficoltà economiche o alla perdita del lavoro hanno delle forti ripercussioni sulla salute, colpendo la sfera emotiva. Proprio quest anno, a Trebisacce, il tentato suicidio di un uomo a causa di problemi economici è stato oggetto delle cronache locali. Fondamentale è stato l intervento del CIM nel riuscire a tranquillizzare l uomo in preda ad un forte stato di agitazione. Un importante ostacolo da superare per combattere questa malattia è il pregiudizio, che porta a vivere la depressione con vergogna ed imbarazzo. Paese24 Magazine Mensile d informazione sull Alto Jonio cosentino Direttore responsabile: Vincenzo La Camera, giornalista Sede: Amendolara (Cs) - tel Stampa: Agm Castrovillari (Cs), via Timpone di Scifariello (zona P.I.P) Testata giornalistica registrata al R.O.C. con il nr (ai sensi dell art. 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62) - La collaborazione è volontaria. Essa non ha diritto ad alcuna retribuzione e non costituisce rapporto di lavoro. La responsabilità delle opinioni espresse negli articoli ricade esclusivamente sugli autori. Il giornale è stato chiuso in tipografia il 7 novembre Paese 24 Magazine

7 Mensile di informazione sull Alto Jonio cosentino Paese24MAGAZINE Storia PLATACI, SPARI SULLA FOLLA NEL GIORNO DELLA MADONNA La miseria alimentava la rivolta. Tre donne e un ragazzo caddero sotto i colpi delle baionette Caterina Dramisino Plataci oggi Nel 1909 Plataci fu teatro di una drammatica vicenda di protesta del popolo contro la cattiva gestione della cosa pubblica da parte della locale Amministrazione comunale. A indagare sull accaduto fu inviato a Plataci il deputato Casalini che sulla vicenda scrisse diversi articoli pubblicati su L Avanti nel dicembre del Le elezioni comunali del 1907 a Plataci portarono al potere una maggioranza di ispirazione liberale, accusata di usurpare il monte frumentario (prestito ai contadini di orzo e grano per la semina) e il demanio comunale. Nell aprile 1909, su iniziativa di un gruppo di locali possidenti viene costituita la Società operaia con lo scopo apparente di miglioramento economico ma il cui fine era di lotta amministrativa. Le proteste della popolazione contro l amministrazione comunale guidata dal sindaco Nicola D Agostino iniziano ai primi di ottobre del 1909 senza produrre alcun risultato; il sindaco si dimette ma le sue dimissioni vengono respinte, l inchiesta prefettizia sulla regolarità della gestione amministrativa non rileva alcuna irregolarità. Il 28 ottobre dello stesso anno un ampio numero di persone chiede a gran voce lo scioglimento del consiglio comunale senza alcun esito. Il 9 novembre 1909 il consiglio comunale si riunì nella casa comunale posta al centro del paese, mentre un gruppo di manifestanti sostava davanti al municipio. Nel piccolo centro montano era giunto, richiesto dall amministrazione comunale preoccupata dall evolversi degli eventi, un esercito di 24 carabinieri, che interviene tempestivamente e con durezza arrestando 22 manifestanti, di cui 11 membri della Società operaia e 11 contadini. Il 9 novembre era anche il giorno in cui si festeggiava la Madonna di Costantinopoli e le donne erano a messa a seguire la funzione religiosa. All improvviso una voce squarcia la cerimonia gridando che in paese i carabinieri stavano arrestando gli uomini; ad un tratto la chiesa si svuota e un serpentone di donne vestite a festa con il tradizionale costume si riversa nel luogo della rivolta a difesa dei loro uomini. Si mettono in prima fila nella rivolta e si scontrano a mani nude con le baionette dei militari. Gli spari sulla folla lasciano a terra tre donne: Maddalena Basile, Barbara Brunetti e Armenia Dramisino, e in fin di vita il giovane Basilio De Cesare che morirà la notte successiva. La folla si disperde. In un articolo Casalini scrive «circola, in paese, la voce che anche qualche borghese abbia sparato sul popolo». La sentenza del processo, celebrato presso il tribunale di Castrovillari, venne emessa il 24 maggio del Dei 91 imputati, di cui 60 uomini e 31 donne, ne vengono condannati 40. Oltre i due terzi degli imputati erano contadini. Il 10 gennaio 1910 il consiglio comunale viene sciolto. Le successive elezioni del giugno 1910 vengono vinte dai membri della Società operaia che non tarderà ad agire, anch essa, a tutela dei propri interessi lasciando la popolazione nella stessa triste miseria. Sono disponibili, dal 20 novembre, cuccioli di cane Beagle con pedigree. Saranno ceduti con 2 vaccinazioni, 2 sverminazioni e microchip. Per info: Paese 24 Magazine 7

8 Paese 24 Mensile di informazione sull Alto Jonio cosentino MAGAZINE L ALLUVIONE NEL METAPONTINO ALLAGA ANCHE LA PAZIENZA Indifferenza delle autorità. Tanti agricoltori danneggiati minacciano di strappare le tessere elettorali Mariapaola Vergallito Quattro morti che si vanno ad aggiungere alla vittima del marzo del 2011; perché quando la pioggia arriva fitta a colpire le terre bonificate del Metapontino e, nell ultimo caso, della vicina Puglia, qualcosa di terribile deve accadere per forza. Colpa della prevenzione che non c è, del monitoraggio e della manutenzione di canali e fiumi che resta un bel progetto per i programmi dell assistenzialismo regionale. E accaduto di nuovo: l alluvione di ottobre, oltre ai campi e alle imprese agricole devastate, questa volta ha lasciato che annegasse anche la storia. Le piogge abbondanti e lo straripamento delle acque del fiume Bradano hanno provocato l inondazione dell intera area del Parco Archeologico di Metaponto (Matera), dove restavano visibili agli occhi solo gli alzati di restauro del Tempio di Hera e dell Ekklesiasterion/Teatro, mentre totalmente sommersi dalle acque i templi di Apollo Lykaios, di Artemis e di Atena. Un disastro annunciato. Ancora una volta. «E inaccettabile- aveva affermato Salvo Barrano, presidente dell Associazione Nazionale Archeologi - l atteggiamento di indifferenza delle autorità nei confronti delle problematiche relative alla messa in sicurezza del territorio. Dopo il caso del parco archeologico di Sibari, in Calabria, anche in questo caso il patrimonio archeologico viene esposto a speculazioni e degrado». Sul fronte del dissesto idrogeologico l alluvione ha pregiudicato gli attraversamenti stradali dei canali e le pendici urbane e extraurbane, interessate da erosione e smottamenti. In ginocchio le aziende agricole, già fortemente colpite dalle precedenti alluvioni. Il Comitato per la Difesa delle Terre Joniche, minacciando di stracciare le tessere elettorali in vista delle prossime Regionali in Basilicata, chiede interventi definitivi. «Serve con urgenza un ordinanza che assegni poteri straordinari ad un commissario per l emergenza e serve, soprattutto che dentro l ordinanza ci siano misure vere, spendibili e soldi veri per venire incontro al disastro di famiglie e attività economiche colpite. Se non avremo risposte concrete dalla politica i cittadini alluvionati che da due anni attendono risposte e che oggi non sono più disposti ad aspettare diserteranno le urne alle Regionali di Basilicata ed alle prossime scadenze elettorali in Puglia». Ordine dei geologi: «Ci vuole prevenzione» «In questo quadro di emergenza idrogeologica, l opera svolta sino ad ora dagli Enti pubblici preposti alla difesa e conservazione del suolo si è concretizzata nell arginare i danni prodotti dai dissesti e partecipare o organizzare convegni. Non c è più tempo solo per discuterne: abbiamo bisogno di una politica dei fatti che si concretizzi nel mettere in campo azioni atte a prevenire razionalmente le cause di questi danni». Così l Ordine dei Geologi di Basilicata è intervenuta sul tema del dissesto e dei terribili danni causati dalle alluvioni. La parola chiave è prevenzione. «Da tempo proponiamo e invochiamo un nuovo modello di Governance del nostro territorio- dice il presidente Raffaele Nardone - che si basa sul rafforzamento degli uffici regionali che devono fare programmazione e controllo, ottimizzando le risorse umane ed economiche, aumentando i controlli, impiegando le libere professioni che sono preposte all attuazione della programmazione regionale. Bisogna, inoltre, predisporre i Piani di Emergenza dei comuni, altra importante misura per la salvaguardia del territorio e della popolazione». (Mpverg) 8 Paese 24 Magazine

9 Mensile di informazione sull Alto Jonio cosentino Paese24MAGAZINE TEANA, UN PAESE CHE RISCHIA DI CHIUDERE Poste part-time, niente bancomat. Scuole senza futuro. Persino la farmacia apre solo un ora al giorno Mariapaola Vergallito Sono pronti a strappare le tessere elettorali, i cittadini del comune di Teana, esasperati dai disservizi che riguardano l ufficio postale del loro paese. A Teana (Pz), nella Val Frida, l ufficio è aperto soltanto tre mattine a settimana e costringe chi ha bisogno anche solo di pagare una bolletta, a file interminabili di ore. Perché nei comuni dove Poste Italiane ha deciso di rivedere l organizzazione e dove, spesso, non funzionano bene nemmeno i terminali e le linee internet, si sa quando si entra in ufficio ma non si sa quando si esce. Eppure Teana è comune capofila dell Area Programma Pollino Lagonegrese, fanno notare alcuni, ed anche solo per questo, forse, il servizio dovrebbe essere garantito quotidianamente. Teana è uno dei comuni lucani ad aver fatto ricorso al Tar Basilicata contro l organizzazione dei turni che riguardano proprio l ufficio postale. La sentenza è attesa per questo mese. Intanto, però, i cittadini sono sul piede di guerra. «Si ci ricorda dei piccoli comuni solo quando si cercano voti. Ma, passate le elezioni, è sempre la stessa storia». Si lamenta anche il signor Egidio: «Con una popolazione per lo più anziana - spiega il signor Egidio - è fondamentale garantire un servizio postale efficiente». A Teana, dove non c è neanche un edicola, dove non esiste uno sportello bancario per poter Mariapaola Vergallito prelevare denaro e dove le scuole stanno per chiudere definitivamente, anche la farmacia apre soltanto un ora al giorno. «Abbiamo fatto ricorso al Tar tramite il nostro avvocato - ci spiega il sindaco Vincenzo Fiorenza -. La cosa grave è che Poste Italiane ha deciso di chiudere questi uffici per questioni meramente economiche. Come azienda dello Stato non dovrebbe ragionare in questo modo». VIGGIANELLO, POLLICE IN SU PER IL TURISMO Il piccolo borgo nel cuore del Pollino incanta gli ospiti stranieri AViggianello (Pz) i dati testimoniano un incremento dello 0,9% di turismo interno e di un +3% di quello straniero. Un lavoro di promozione che ha privilegiato il sistema naturalistico e paesaggistico del territorio, con un supporto costante delle associazioni locali. Il piccolo centro del Pollino è stato visitato da stranieri provenienti dalla Germania, Belgio, Olanda, Inghilterra e USA, ma anche da ospiti provenienti dalla Puglia, Campania, Lazio e Toscana. Dal rilevamento effettuato si evince che Viggianello viene preferito per la natura e il relax e che i villeggianti apprezzano la montagna, il cibo, l ospitalità e la bellezza naturale. Il borgo negli ultimi mesi è conquistato le simpatie anche di giornali e programmi televisivi nazionali. Plen Air, Corriere.it, Trekking&Outdoor e Dove Viaggi hanno raccontato Viggianello, così come Il Mattino, Il Manifesto e La Gazzetta del Mezzogiorno. Ma non sono mancati approfondimenti televisivi su RaiUno (Tg1, Uno Mattina Caffè e Estate), Raidue (Sereno Variabile, Tg2, Si Viaggiare). Un dinamismo che ha contribuito all ingresso di Viggianello nel circuito dei Borghi più belli d Italia. Paese 24 Magazine 9

10 Paese 24 Mensile di informazione sull Alto Jonio cosentino MAGAZINE TERREMOTO POLLINO, UN ANNO DOPO. STANZIATI 7,5 MILIONI DI EURO Il sisma silenzioso ha messo a dura prova la psiche dei cittadini di Mormanno e dintorni Roberto Fittipaldi E stato considerato un terremoto di serie B perché non ha mietuto vittime. Il sisma del Pollino, che la notte tra il 25 e il 26 ottobre 2012 scosse profondamente i borghi montani al confine tra Calabria e Basilicata, e in modo particolare la comunità di Mormanno (più di tremila persone che abitano ad 800 metri di altitudine), dopo un anno ha ottenuto il giusto riconoscimento finanziario. La legge di stabilità ha previsto, infatti, 7,5 milioni di euro da utilizzare per i danni prodotti da quello che è stato definito un terremoto subdolo, silenzioso, che ha danneggiato, innanzitutto psicologicamente i residenti, per oltre due anni stressati da un incessante sciame sismico. Culminato, appunto, nella forte scossa tellurica di magnitudo 5.2 dell 1,05 del 26 ottobre Undici secondi durante i quali la terra e i cuori dei mormannesi e degli abitanti del Pollino calabro-lucano hanno tremato. E con esse le case, i monumenti religiosi, i locali adibiti a esercizi commerciali. Quasi tutti, per lungo tempo, chiusi. Almeno fin quando la messa in sicurezza, ritardata più del previsto e neanche ancora conclusa, e il consolidamento, anche a cura della diocesi di Cassano all Jonio, proprietaria di alcuni immobili, non ne ha consentito la riapertura. La caparbia degli abitanti, centinaia rimasti senza casa, la solidarietà dimostrata da chiunque e da ogni dove, l impegno concreto della chiesa, guidata dal vescovo Nunzio Galantino, che attraverso la Caritas e l otto per mille è intervenuta direttamente sui bisogni della comunità, oltre che sul proprio patrimonio, ha fatto sì che si andasse avanti senza paura. I cittadini si sono organizzati in comitati. Altrettanto hanno fatto i commercianti. Ed insieme sono diventati un pungolo costruttivo dei politici e dei rappresentanti istituzionali, anche loro, questa volta, abbattute le barriere ideologiche, insieme per evitare la morte di uno dei paesi più vivi della Calabria citeriore. Sindaco, rappresentanti provinciali e sovracomunali, hanno evitato che le pastoie burocratiche disposte dallo Stato anche all indomani del fallimento del modello Protezione civile senza limiti, paralizzasse la ripresa. Evitando, anche e soprattutto, che il dramma e la disperazione di chi ha perso o ha avuto lesionata la propria casa o il luogo di lavoro - tra cui anche l ospedale cittadino, fiore all occhiello, in regione e non solo, nell ambito riabilitativo - prendesse il sopravvento emarginando, anche nel capitolo delle calamità naturali, il Sud. Diverso, anche negli eventi naturali, dal Nord che colpito, negli ultimi anni, al pari di questo lembo di Calabria da terremoti devastanti, ha ottenuto immediatamente i necessari riconoscimenti finanziari. Evitata l ingiustizia, ora, in attesa che arrivino i fondi stanziati, bisogna ricostruire anche un tessuto sociale profondamente sconvolto. La piazza di Mormanno (Cs), deserta per mesi; il faro votivo, ancora spento, torneranno a popolarsi e a riaccendersi, per continuare a far vivere la speranza che anche a queste latitudini, si può continuare a vivere. Nonostante il terremoto. 10 Paese 24 Magazine

11 Mensile di informazione sull Alto Jonio cosentino IO RESTO IN CALABRIA. DA CASTROVILLARI IL CORAGGIO DI PROVARCI Roberto Fittipaldi «Ci sono energie enormi che possono essere messe in gioco in Calabria impegnandosi da protagonisti del cambiamento e coinvolgendo chi, da solo, non ha ancora la forza per farcela». Lo va sostenendo, da tre anni, Anna Laura Orrico, presidente dell associazione Io resto in Calabria che organizza il Calabria Day svoltosi, quest anno, il 26 ottobre, presso il Protoconvento francescano di Castrovillari. Centinaia di studenti delle scuole superiori cittadine e numerosi visitatori, insieme a più di cento partners aderenti al progetto, hanno ascoltato testimonianze significative, volto di un altra Calabria, che ha intenzione di fare rete per edificare un futuro migliore, diverso dal passato e dal presente asfittico. Dall imprenditore di successo, Nino De Masi, vessato dalla ndrangheta al quale si è rifiutato di piegarsi pagando il pizzo, inventore del pendolo a vento e della cabina anti sismica, al giovane maker Francesco Laurito di Saracena che ha inventato un robot che ha regalato ai suoi ex colleghi dell ITIS di Castrovillari. Centauro, così si chiama il robot, per la somiglianza con la figura mitologica, è composto da una base e un busto antropomorfo. Quattro ruote, un alimentatore (una batteria di automobile da 40 Ah), due braccia, uno fisso, l altro mobile e una testa in grado di ruotare a destra e sinistra. E ancora, microfoni come orecchie, un touch sensor che riconosce una carezza sulla testa e uno smartphone come cervello. Trovare una via per affermare l importanza del fare e rimanere nel luogo che ci appartiene, queste le promesse del Calabria Day a Castrovillari. Paese24MAGAZINE SENZA STIPENDIO DA MESI, TANTE FAMIGLIE IN DIFFICOLTA La disperazione dei dipendenti della Comunità Montana del Pollino Federica Grisolia La disperazione accomuna centinaia di dipendenti della Comunità Montana del Pollino, di Castrovillari, che da mesi non percepiscono lo stipendio. Un «dramma», come lo definiscono gli stessi lavoratori attraverso una lettera: una richiesta d aiuto in cui denunciano la disattenzione della classe politico-istituzionale. E la disperazione di padri di famiglie monoreddito, che non possono mantenere i propri figli, di una madre vedova che, da oltre undici mesi senza stipendio, vede come unica via d uscita quella di «farla finita». E poi c è l altra parte della medaglia. Quelli che si nascondono dietro la burocrazia: motivi tecnico-amministrativi ci impediscono di erogare le somme, pur dovute, alle Comunità Montane, che «rimangono impuniti, perché, ledere i diritti, mortificare le persone non costituisce reato e, ancor di più, non costituisce senso di vergogna per una casta che non si è mai trovata nell impossibilità di pagare una rata di mutuo». Quella delle Comunità Montane è una situazione paradossale. Nate nel 1971 con funzioni di salvaguardia e sviluppo della montagna, dal 2008, anno in cui la competenza in materia di Comunità Montane è stata trasferita dal governo centrale ai governi regionali, per gli enti calabresi è partito il declino. Dal maggio 2013 le Comunità Montane sono state soppresse e accorpate con l A.F.O.R. (Azienda Forestale Regionale) per costituire la nuova Azienda regionale Calabria Verde, con avvio dal prossimo 1 gennaio. Le Comunità Montane sono in liquidazione e vantano svariate migliaia di euro dalla Regione, i cui dirigenti rimangono sordi al cospetto delle proteste dei lavoratori che non percepiscono gli stipendi. Paese 24 Magazine 11

12 Rubriche Paese 24 Mensile di informazione sull Alto Jonio cosentino MAGAZINE PER UNA TEOLOGIA DELLA MORTE Don Nicola De Luca Il mese di novembre è dedicato alla celebrazione di tutti i Santi e al ricordo dei nostri cari defunti. Per noi credenti in Cristo i cimiteri sono il luogo della speranza, dell attesa e del principio di quella vita nuova ed eterna che il Signore ha promesso a quanti hanno fatto della loro vita un offerta d amore a Lui e ai fratelli. Non luoghi della distruzione ma collocazioni di transito verso il Principio. Novembre, non Il pozzo di Sichar o pozzo di Giacobbe si trovava presso un villaggio di Samaritani, acerrimi nemici dei Giudei. Presso questo luogo Gesù incontrò una donna con cui ebbe un dialogo di fede. Il pozzo, dunque, rappresenta metaforicamente il luogo di incontro tra Cristo e l uomo di oggi. Il fine di questo rubrica, curata dal teologo e sacerdote di Oriolo don Nicola De Luca, è offrire al lettore uno spunto di riflessione sulla fede. dunque mese mesto e malinconico ma giorni ricchi di fede fondati su quella Parola intramontabile di Gesù in occasione della morte dell amico Lazzaro: Io sono la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muore, vivrà; chiunque vive e crede in me, non morrà in eterno. Credi tu questo? Gv 11, La visita alle nostre chiese e alle tombe dei nostri cari diventano un occasione privilegiata per riflettere seriamente sul senso autentico della vita che procede verso un traguardo sicuro e certo: il mistero della morte che dischiude a noi le porte dell eternità in attesa della risurrezione dei giusti o della purificazione in ordine all espiazione delle pene temporali. Tale mese diviene un opportunità davvero preziosa per recare ai nostri morti il conforto e soccorso necessari tramite quei mezzi che la Chiesa da sempre ci esorta a vivere: la preghiera, l elemosina, il sacrificio della Santa Messa, le indulgenze. Laudato si mi Signore, per sora nostra Morte corporale, da la quale nullu homo vivente po skappare: guai a quelli ke morrano ne le peccata mortali; beati quelli ke trovarà ne le Tue sanctissime voluntati,ka la morte secunda no l farrà male. (San Francesco d Assisi, Cantico delle creature) A l p oz z o d i S i c h a r VIOLENZE DOMESTICHE. LE PENE CI SONO, MA SPESSO LE VITTIME NON DENUNCIANO Dopo Lanzarote, il nostro ordinamento, in ratifica della Convenzione, con la legge 172/2012 ha modificato l art. 572 del codice penale che disciplina e prevede come reato i maltrattamenti in famiglia. È passato troppo perché un reato così abominevole potesse subire modifiche dirette ad inasprire le pene. Infatti nella formula precedente, l art. 572 maltrattamenti in famiglia o verso fanciulli puniva con la reclusione da uno a cinque anni chiunque maltrattava una persona della famiglia, un minore di anni quattordici, o una persona sottoposta alla sua autorità, o a lui affidata per ragioni di istruzione, educazione, cura, vigilanza o custodia, o per l esercizio di una professione o di un arte. Prevedeva la vecchia formula, la pena da 4 a 8 anni per lesioni gravi, la pena era da 7 a 15 anni per lesioni gravissime e da 12 a 20 anni se ne derivava la morte. La modifica, così come apportata con le legge 172/2012 con ratifica della convenzione di Lanzarote, prevede non solo l inasprimento delle pene da due a sei anni, da quattro a nove anni per lesioni gravissimi e da dodici a ventiquattro anni in caso di morte, ma una nuova formulazione del titolo, ovvero maltrattamenti verso familiari e conviventi, questo per tutelare anche le famiglie di fatto. La modifica ha inoltre previsto al secondo comma, l aggravante se il fatto è commesso a danno di minore che non ha compiuto gli anni quattordici. Per combattere le violenze domestiche un passo avanti è stato fatto, tuttavia una norma, natura procedurale, a tal proposito, era stata già prevista con la legge 154/2001 che ha introdotto nel codice di rito l art. 282 bis, ovvero l allontanamento dalla casa familiare per chi si macchia di tale delitto. Le violenze familiari non possono essere accettate e tollerate in una società civile e cristiana, che pone al centro dei valori umani la famiglia come bene supremo, come comunità primaria dove il minore deve essere educato ed amato, non maltrattato, umiliato o abusato. Occorre aiutare le vittime ad uscire dal silenzio e a superare la vergogna. Non sono le vittime che devono provare vergogna, ma coloro che si macchiano di questi abusi. avv. Antonio Bianchi Amendolara 12 Paese 24 Magazine

13 Mensile di informazione sull Alto Jonio cosentino Paese24MAGAZINE TRISE, TRIBUTO SUI SERVIZI COMUNALI Che cos è? Come funziona? Il nuovo tributo, che sostituisce l IMU e la TARES, è caratterizzato da due componenti: la TARI e la TASI. La TARI va a sostituire i costi del servizio di raccolta dei rifiuti ed è calcolata sulla superficie calpestabile dell immobile e sul numero dei componenti il nucleo familiare che lo occupa. La TARI è dovuta da chiunque possieda, occupi o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani con vincolo di solidarietà tra i componenti del nucleo familiare o tra coloro che usano in comune i locali o le aree stesse. Il pagamento del nuovo tributo spetterà quindi esclusivamente a chi occupa l immobile e sarà commisurato all anno solare. Le tariffe della TARI, che saranno PREVENIRE E MEGLIO CHE CURARE diverse da Comune a Comune e copriranno l intero ammontare del costo del servizio di smaltimento dei rifiuti, saranno più elevate rispetto alla TARES. La TASI va a coprire i servizi indivisibili dei comuni (manutenzione strade, illuminazione pubblica, etc) e sarà calcolata sulla base imponibile dell IMU. L aliquota di partenza della TASI sarà fissata all 1 per mille oppure a 1 euro a metro quadro. Sarà l ente comunale che a sua discrezione opererà la scelta di uno dei due parametri. Il tetto massimo dell imposizione non potrà superare comunque l aliquota massima dell IMU più la suddetta maggiorazione. In sostanza la somma della vecchia IMU e della TASI potrebbe arrivare al 5 per mille sulla prima casa e all 11,6 per mille sugli altri immobili. Chi versa il nuovo tributo? A versare la TASI, non saranno solo i proprietari, ma anche gli inquilini nella misura tra il 10 e il 30% dell imposta. Sono comunque previste delle agevolazioni fiscali. Chi fa la raccolta differenziata, ad esempio, può applicare una riduzione del 20% nel caso in cui il servizio di raccolta dei rifiuti subisca ritardi o interruzioni di qualsiasi natura. TASI ridotta anche per le Rubriche abitazioni con un solo occupante o per le abitazioni occupate solo per metà dell anno. Il nuovo tributo (TRISE) così formato dalla TASI e dalla TARI andrà versato in quattro rate trimestrali con scadenza 16 gennaio, 16 aprile, 16 luglio e 16 dicembre. I comuni però, potranno stabilire scadenze e rateizzazioni diverse. E l IMU che fine farà? La vecchia IMU non si pagherà più sugli immobili adibiti ad abitazione principale, eccezion fatta per gli immobili di lusso. Commercialista Giovanni Gallo Rocca Imperiale Abitudini alimentari scorrette possono essere causa dello sviluppo di numerosi tumori. La prevenzione quindi inizia a tavola. Fra i principali meccanismi responsabili dell insorgenza di alcune neoplasie ricordiamo l obesità (è importante mantenere il peso corporeo entro limiti accettabili), l eccessivo consumo di carne rossa, di salumi (ricchi di nitrati e nitriti), di cereali contaminati da micotossine, alcolici e superalcolici. Grave errore è cuocere la carne alla brace: questo tipo di cottura libera infatti sostanze cancerogene; come è anche errato l abuso di fritture: l alta temperatura libera acroleina sostanza altamente cancerogena. Tuttavia per prevenire i tumori a tavola, la natura ci offre numerose sostanze fitochimiche. Le fonti alimentari che contengono queste sostanze sono definite nutraceutiche, vale a dire che apportano beneficio alla salute. Ad esempio l aglio e la cipolla contengono alcuni polifenoli come la quercitina, una molecola che impedisce il proliferare di numerose cellule tumorali, oltre all allicina alle quali vengono attribuite proprietà anticancro. Tutte le varietà di cavolo come il cavolfiore, i broccoletti, i cavolini di Bruxelles, il cavolo verza, il cavolo cappuccio (verde e rosso), contengono glucosinolati, i polifenoli ed isotiocianati che prevengono la formazione dei tumori combattendo i radicali liberi. Non dimentichiamo inoltre il pomodoro, i frutti rossi, il thè verde, le noci ed i semi di lino, alimenti ricchi di antiossidanti che possono ridurre lo stress ossidativo e contrastare l invecchiamento cutaneo e cellulare. Biologa nutrizionista Giada De Santis Trebisacce Paese 24 Magazine 13

14 Rubrica Paese 24 Mensile di informazione sull Alto Jonio cosentino MAGAZINE C AT E N A C C I O & C O NT R O PI E D E I L C AL C I O I N P IL L O LE Catenaccio & Contropiede è un programma radiofonico che va in onda sulla web radio capitolina Radio Kaos Italy (www.radiokaositaly.com) ogni lunedì, dalle alle Il format, condotto dai rossanesi Pasqualino Bruno e Ciccio Ratti, racconta storie, follie e curiosità del calcio minore italiano e straniero. Potete seguire tutti gli aggiornamenti sulla trasmissione attraverso la pagina facebook Catenaccio & Contropiede e l hashtag #periferiadelcalcio BOMBER DEL BENEVENTO SALUTA TIFOSI DELLA NOCERINA E RISCHIA DI ESSERE CACCIATO DALLA SQUADRA «PERCHE NON PASSI LA PALLA A NOSTRO FI- GLIO?». IN PROVINCIA DI LECCE, GENITORI SCHIAFFEGGIANO RAGAZZINO A FINE PARTITA Pasqualino Bruno F elice Evacuo è un discreto attaccante della periferia del calcio italiano, con un passato anche nella Lazio. Nell estate scorsa Evacuo fa ritorno al Benevento, dove aveva già militato con ottimi risultati nel triennio Ma a inizio ottobre il centravanti giallorosso (nella foto in azione) commette un vero e proprio affronto ai danni dei tifosi beneventani. Dopo il derby contro la Nocerina, la punta campana, memore della bella annata vissuta l anno prima in maglia rossonera, va a salutare i suoi ex tifosi. Il gesto viene preso a malo modo dai supporter degli stregoni che da sempre hanno un rapporto conflittuale con gli ultras della Nocerina, tanto che il bomber viene invitato caldamente a fare le valigie e a lasciare Benevento all istante. Evacuo è riuscito a salvare capre e cavoli, diffondendo un videomessaggio nel quale si è scusato con società, tifosi e compa N on è un bel periodo per gli arbitri italiani, non solo in serie A. Anche nei campi del calcio minore ne succedono di tutti i colori. Prendiamo ad esempio quello che è avvenuto qualche settimana fa durante il match tra Mugnano City e Ponticelli, partita di Promozione campana. Al 65 Germano (giocatore del Mugnano) viene punto da una vespa al di sotto dei pantaloncini. Il calciatore, soggetto allergico, si sente male, si stende sull erba e chiede immediatamente il cambio alla panchina. L arbitro non prende nel migliore dei modi l atteggiamento del giocatore e pensa ad una sorta di sceneggiata, tanto da non acconsentire alla sostituzione. Germano, a quel punto, si alza di scatto e inveisce contro il direttore di gara che lo espelle. P er Kevin Walker (nella foto), talentuoso centrocampista del GIF Sundsvall, serie B svedese, i vertici del calcio locale sono disposti anche a modificare il calendario delle partite. Walker, infatti, oltre a deliziare sul campo i tifosi del GIF Sundsvall, partecipa anche alla versione svedese di Idol, talent show musicale. TV4, canale che trasmette sia le partite della cadetteria svedese sia il reality in questione (poi non venite a lamentarvi del palinsesto delle nostre emittenti televisiv) sta cercando in tutti i modi di evitare che gli impegni del calciatore possano coincidere. L emittente è già riuscita nella titanica impresa di far rinviare l attesissimo match del 20 ottobre scorso tra Assyriska e Sundsvall. S e alcuni arbitri hanno evidentemente bisogno di un po di riposo, certi genitori, invece, dovrebbero stare lontani dai campi per sempre. Prediamo ad esempio quello che è successo a fine ottobre a Crespellano, a ridosso di Bologna, durante la partita tra Crespo calcio e Antal Pallavicini, categoria Esordienti. Uno dei genitori dei bambini non trova di meglio da fare che insultare a lungo l arbitro che, per inciso, era un semplice collaboratore della società di casa. Al ripetersi degli insulti, uno spettatore fa notare al facinoroso che sta esagerando. Passa poco e i due cominciano a darsele di santa ragione, tanto che a un certo punto si ritrovano addirittura stesi per terra a picchiarsi. Il tutto sotto gli occhi increduli dei dodicenni, rimasti pietrificati di fronte a questo spettacolo indegno. D alla serie al peggio non c è mai fine, si chiuderà davanti al giudice di pace una triste storia capitata in estate a Nardò (Lecce), durante la finale del torneo Junior Cup, categoria Esordienti. A fine partita, due genitori (tra l altro pure avanti con gli anni, quindi teoricamente più saggi ) hanno strattonato e schiaffeggiato un ragazzino, perché, a loro dire, durante l incontro ignorava sistematicamente il figlio, evitando quindi di passargli il pallone. Ovviamente ne è nato un parapiglia e solo la presenza di un agente di polizia del commissariato locale (che assisteva alla partita in qualità di papà di uno dei ragazzini partecipanti al torneo) ha evitato il peggio. La questione, ovviamente, non si è conclusa lì, visto che al commissariato di Nardò è stata formalizzata una querela per il reato di lesioni personali ai danni del bambino e gli atti, ora, sono stati trasmessi al giudice. Il calcio, soprattutto se in campo ci sono ragazzi in tenera età, dovrebbe essere considerato solo uno sport, ma qualcuno, alle soglie del 2014, stenta ancora a capirlo. 14 Paese 24 Magazine

15

16 V CONCORSO INTERNAZIONALE DI POESIA INEDITA IL FEDERICIANO manifestazione ideata e organizzata dall'editore Giuseppe Aletti Giornate di premiazione Rocca Imperiale 7-8 dicembre DICEMBRE 2013 Giornata di premiazione del Concorso Internazionale di Poesia Inedita Il Federiciano La cerimonia conclusiva sarà suddivisa in 4 parti: Prima parte, ingresso libero inizio ore 15,00 Comprenderà la presentazione degli autori e la declamazione pubblica delle poesie presso la sala ricevimenti Parsifal, Via dell'artigianato 1 Rocca Imperiale Marina. Per permettere un'adeguata organizzazione della sala è gradito l'invio di una , all'indirizzo o chiamando al numero 0774/ per confermare il nome dell'autore e il numero delle persone che lo seguiranno. Parte seconda Ore 18,30-19,00 (indicativamente) Incontro con Omar Pedrini, fondatore e leader dei Timoria, che dialogherà con i presenti e canterà alcuni brani del proprio repertorio. Parte terza Ore 20,00 (indicativamente) Raggiungimento del centro storico di Rocca Imperiale, per scoprire le stele con i testi poetici prescelti, nel suggestivo borgo medioevale, diventato Il Paese della Poesia. GLI AUTORI/AUTRICI PRESCELTI NON SARANNO IN ALCUN MODO AVVISATI PREVENTIVAMENTE. Svelamento delle stele poetiche di Omar Pedrini (che sarà presente personalmente alla cerimonia), Alejandro Jodorowsky, Luigi Pirandello, Haiku Giapponesi, anche in questo caso i testi prescelti si scopriranno solo durante la cerimonia di svelamento. Parte quarta Ore 21,30 (indicativamente) Comprenderà La Cena dei Poeti, presso la sala ricevimenti Parsifal, durante la quale si svolgerà il "Verso Libero", in cui gli autori potranno continuare, tra una portata e l'altra, a declamare i propri versi. La cena avrà un costo di Euro 35,00 a persona ed è obbligatoria la prenotazione, da effettuare con versamento in acconto del 50% (Euro 17,50 a persona). E' stato realizzato un duplice menu, uno a base di carne e uno a base di pesce. Al link che segue, sono visionabili i menu e le modalità di prenotazione. Un'occasione per stare insieme tra amanti della scritta parola e del verso in particolare. 08 DICEMBRE 2013 Estemporanea di Poesia (Aperta a tutti gli autori) iscrizione gratuita. Ore 11,00. Ritiro degli incipit presso uno stand nel centro storico di Rocca Imperiale (Piazza dei Poeti Federiciani). Gli autori dovranno elaborare una poesia scegliendo tra le 3 tracce suggerite. Ore 17,00. Consegna degli elaborati. Ore Declamazione delle poesie partecipanti con votazione della giuria popolare e proclamazione del vincitore assoluto. * * * Durante il periodo compreso tra il 6 e il 9 di dicembre a Rocca Imperiale sarà possibile visitare: Castello Federiciano di Rocca Imperiale che resterà aperto con i seguenti orari: 9,30-12,30 14,30-16,30

17 Mensile di informazione sull Alto Jonio cosentino Paese24MAGAZINE Hai qualche spreco di denaro pubblico da segnalare? Qualche disservizio da comunicare? Ti sei imbattuto in una notizia curiosa? Scrivici e mandaci una foto a In questa rubrica pubblicheremo i contributi più interessanti inviati dai lettori Villapiana Siamo in Via delle Camelie, a Villapiana Lido, e questo è quel che accade ogni qualvolta piove. La via in cui abito si riduce così perché gli scoli d acqua pare siano inesistenti. E una storia che risale alla fine degli anni 80. Dunque, ogni volta che piove siamo costretti ad uscire di casa con gli stivali (Giuseppe Osnato) Avventurandosi nel castello di Rocca Imperiale si possono fare incontri particolari, come imbattersi in una coppia di innamorati d altri tempi. Questa riproduzione come tutta la coreografia all interno del castello è realizzata dal maestro Battista Favoino (paese24) Amendolara Da sinistra, in piedi: Nicola Saracino, Mario Russo, Salvatore Saracino, Renato Pisto, Mario Lanza. Accosciati: Gregorio Scigliano, Enzo Panebianco, Franco Martorano, Franco Saracino, Gianni Corrado, Gianni Ruina, Antonio Laviola. In quell anno la squadra conquistò la promozione in Seconda Categoria. In questa stagione , l A.C. Amendolara è tornata a disputare un campionato dopo sei anni di assenza. Milita in Seconda Categoria. Nella sua storia ha partecipato più volte al campionato di Prima Categoria, massimo risultato ottenuto (foto inviata da Franco Saracino) Paese 24 Magazine 17

18 L inchiesta Paese 24 Mensile di informazione sull Alto Jonio cosentino MAGAZINE L ALT(R)O JONIO...NASCOSTO Il fenomeno della droga non risparmia questo territorio. Prendere coscienza del problema con informazione e prevenzione. Inizia il viaggio di Paese24 nel mondo della tossicodipendenza Vincenzo La Camera L uso e l abuso di sostanze stupefacenti è in continuo aumento nel nostro Paese. L Alto Jonio cosentino non è affatto immune da questo fenomeno che si insinua in maniera subdola nella società creando un mondo parallelo dove la cocaina, l eroina, la cannabis, l hashish, la marijuana, regnano sovrani. A livello nazionale i dati restano preoccupanti, anche se si registra una contrazione nel consumo di eroina e cocaina ma un aumento in quello della cannabis. La malavita organizzata sta riuscendo nell intendo di far diventare la droga un bene di consumo di massa. In Italia lo spaccio e il conseguente consumo delle sostanze stupefacenti rischiano di diventare una piaga sociale. Paese24 Magazine prova ad entrare nel mondo della tossicodipendenza con un inchiesta in più puntate per fare luce su un fenomeno che necessita di una prevenzione seria e strutturata anche in un territorio come l Alto Jonio. Oltre ad essere in aumento, il fenomeno dell assunzione delle droghe ha abbassato anche l asticella, coinvolgendo tanti adolescenti, che nella maggior parte dei casi entrano nel tunnel con lo spinello per poi diventare assuntori anche di altre droghe. Un territorio come l Alto Jonio cosentino, non conosce ad oggi, il business mafioso dello spaccio davanti alle scuole, ma ciò non toglie che numerosi giovani del comprensorio assumano sostanze stupefacenti. Nella maggior parte dei casi senza che le famiglie possano rendersene conto. Una cattiva informazione sul fenomeno, una disattenzione disarmante da parte di attori sociali come famiglia, chiesa, scuola, associazioni permettono alla piaga della tossicodipendenza di fare sempre più proseliti. A ciò si aggiungono i costi relativamente bassi delle dosi (non più di 20 euro), abbinati alla capacità delle organizzazioni criminali di reclutare giovani e meno giovani, spesso disoccupati e quindi in cerca di guadagno, che vanno ad ingrossare le fila dell esercito dei pusher. E negli ultimi tempi anche il web sta dando il suo contributo con tantissimi siti dove poter comprare hashish, marijuana e nuove droghe sintetiche. Dall ultima relazione del Dipartimento Politiche Antidroga presso la Presidenza del Consiglio dei ministri, risulta che tra i giovani dai 15 ai 19 anni il consumo di cannabis è nettamente superiore a quello di cocaina ed eroina. Ma la droga non attira soltanto i giovani. E un fenomeno trasversale che non risparmia nessuna fascia d età e nessun ceto sociale. E ci sono casi particolari nei quali tossicodipendenti di lungo corso non riescono a tenere lontano nemmeno i figli dall adrenalina del bucarsi o dello sniffare. Non esistono droghe leggere o droghe pesanti: esistono le droghe. Tutte creano dipendenza che portano a depressione, lacerazione dei rapporti familiari, conti in rosso, gravi problemi di salute, morte. Sicuramente quello della droga è diventato negli ultimi anni il business principale per mafia, ndrangheta, camorra. Superando nella scala gerarchica 18 Paese 24 Magazine

19 Mensile di informazione sull Alto Jonio cosentino Paese24MAGAZINE L inchiesta delle attività illecite rapine, sequestri, rifiuti, pizzo. Soprattutto nel Meridione, la cannabis sta diventando l oro verde, con le organizzazioni criminali che hanno iniziato a produrre in proprio per l elevata richiesta. Una marea di soldi che riesce a mettere da parte anche antichi rancori tra consorterie criminali che si associano tra di loro pro-tempore per meglio gestire il narcotraffico. I tempi che viviamo sono sicuramente come benzina sul fuoco per il mercato della droga. La crisi economica, la carenza di valori, la mancanza di punti di riferimento in una società in riserva inducono tanti a cercare il piacere nelle sostanze stupefacenti, lo sballo, l adrenalina. Numeri in crescita, nuove droghe sempre più pericolose, nuove tecniche di assunzione che possono portare all overdose. E soprattutto la figura del poliabusatore, e cioè quell individuo che fa uso di più sostanze stupefacenti. Ma c è un altro lato della medaglia: quello che vede tanti giovani e meno giovani decisi a fermarsi, per tornare alla vita. In Italia sono diverse le strutture, sia pubbliche che private, comunità, a disposizione di quelle persone dipendenti dalla droga che decidono di intraprendere un percorso virtuoso che li possa guidare fuori dal tunnel. Sempre dalla relazione annuale del DPA, in Italia i tossicodipendenti con bisogno di trattamento risultano essere : la maggior parte dipendenti da cannabis, poi oppiacei (tipo eroina, morfina) e cocaina. gratta&vinci, scommesse in tanti casi divorano la psiche e i conti correnti di persone normali che per bisogno di denaro o per la semplice ricerca del brivido della vincita diventano schiavi del gioco con tutti gli effetti che ne conseguono. A differenza delle altre dipendenze (almeno ufficialmente ), nel gioco d azzardo affonda la sua longa manus anche lo Stato italiano con concessioni e autorizzazioni sempre nell occhio del ciclone. Dal prossimo numero di Paese24 Magazine entreremo nel vivo dell inchiesta sulla tossicodipendenza, per poi scandagliare anche il fenomeno dell alcolismo e del gioco d azzardo. Patologie che rendono l uomo schiavo per un business da miliardi di euro. A Trebisacce da diversi anni opera il Ser.T. (SERvizio per le Tossicodipendenze) con la sua equipe di medici, psicologi, assistenti sociali, sociologi, infermieri. La struttura, che fa riferimento all Asp di Cosenza, coordina l intero percorso legato alla tossicodipendenza, che va dalla prevenzione fino al reinserimento del tossicodipendente nella società. Rientrano tra i percorsi riabilitativi di competenza del Ser.T. anche quelli relativi all alcolismo e al gioco d azzardo. Frequenti i casi di individui vittime contemporaneamente delle tre dipendenze. Mentre il dramma dell alcolismo si perde nella notte dei tempi, la patologia da gioco d azzardo è relativamente recente e ha visto una crescita esponenziale negli ultimissimi anni. Poker on line, slot machine, Paese 24 Magazine 19

20 Attualità Paese 24 Mensile di informazione sull Alto Jonio cosentino MAGAZINE ALTO JONIO SVALIGIATO I topi d appartamento colpiscono a qualsiasi ora del giorno. Cittadini preoccupati Giovanni Pirillo La porta sfondata di un appartamento L ondata di furti che negli ultimi mesi ha colpito l Alto Jonio sembra non avere freni. Un fenomeno che si è esteso a macchia d olio su tutto il territorio, in un escalation impressionante di colpi messi a segno a qualunque orario, ai danni di abitazioni, attività commerciali ed edifici pubblici. A far salire ancor di più il livello di allerta, il modus operandi e l apparente disinvoltura di questi malfattori, che sempre più spesso operano in zone ad alta densità di popolazione, in presenza di persone in casa e in orari sempre più insoliti per questo tipo di attività criminosa. Roseto, Oriolo, Amendolara, Villapiana, i comuni più colpiti da questo fenomeno che sta assumendo sempre più il carattere di piaga sociale. Nel giro di pochi mesi, a Roseto, sono state svaligiate numerose abitazioni, oltre ai furti ai danni di un ipermercato e alle scuole elementari del centro storico. Ultimi in ordine cronologico, i ventuno furti avvenuti ai danni di una palazzina in via Cosenza (con appartamenti disabitati e per lo più utilizzati nei mesi estivi), dove i ladri hanno letteralmente distrutto le porte d ingresso e trafugato ogni bene. Ad Oriolo la musica non cambia, tanti, troppi gli appartamenti vittime di visite indesiderate, a qualunque ora del giorno e della notte, tanto da far ritornare di moda il pensiero dell organizzazione di ronde notturne per far fronte al problema. Numerose attività commerciali, oltre alle abitazioni, sono 20 Paese 24 Magazine state prese di mira ad Amendolara, dove il fenomeno ha interessato maggiormente le case del centro storico e alcuni locali lungo il litorale della cittadina ionica. Diventa sempre più arduo, dunque, il compito delle forze dell ordine, impegnate su più fronti per reprimere questo triste susseguirsi di episodi malavitosi. Nonostante le recenti operazioni delle forze dell ordine condotte su tutto l Alto Jonio, che hanno portato all arresto di alcuni criminali dediti a questo tipo di attività criminosa, il fenomeno dei furti non sembra dare segnali di calo. Nella lotta contro i topi d appartamento è entrata in gioco anche la Prefettura, che, nell ambito del Programma PON Sicurezza per lo sviluppo Obiettivo Convergenza Asse 1, Obiettivo Operativo 1.1, ha installato in alcuni comuni dell Alto Jonio un sistema di videosorveglianza nei punti sensibili. Un progetto che non soddisfa in pieno i cittadini, soprattutto per il criterio di dislocazione sul territorio delle telecamere. In alcuni comuni della provincia, i cittadini e le amministrazioni sono scese in campo in prima persona per dare un segnale forte contro la microcriminalità: su tutti il comune di Vaccarizzo Albanese, che ha da poco potenziato il sistema di videosorveglianza già esistente per garantire un maggiore e più efficace controllo del territorio. La stessa cosa è disposto a fare il sindaco di Roseto, Durso. Invece a San Demetrio Corone, gruppi di cittadini volontari controllano il paese nelle ore notturne. E innegabile che l impegno dei cittadini al fianco dei tutori della legge sia fondamentale nella lotta alla criminalità, ma quando si arriva a tanto vuol dire che qualche meccanismo nel sistema Stato-Legalità si è davvero inceppato. La palazzina a Roseto teatro di ventuno furti

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Vita di campo. Parte il progetto nelle comunità rurali. Prove di trasmissione a Radio Marconi

Vita di campo. Parte il progetto nelle comunità rurali. Prove di trasmissione a Radio Marconi Settembre 2013 Vita di campo Parte il progetto nelle comunità rurali. Prove di trasmissione a Radio Marconi T re giorni nelle zone rurali visitando la comunità di João do Vale casa per casa, da mattina

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia PARROCCHIA S. BARTOLOMEO CARUGO SOGNI E REALTA Foglio di comunicazione e fraternità Ciclostilato in proprio del 4 maggio 2014 - www.parrocchiacarugo.it PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia Ci sono

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro

Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro L AGROALIMENTARE ITALIANO: PROSPETTIVE DI SVILUPPO E CRITICITÀ. Forum Internazionale dell Agricoltura e dell Alimentazione. Coldiretti Antonio MARZANO Presidente

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

Questionario per una indagine su la rappresentazione sociale dello straniero: il contesto metropolitano

Questionario per una indagine su la rappresentazione sociale dello straniero: il contesto metropolitano Questionario per una indagine su la rappresentazione sociale dello straniero: il contesto metropolitano 1. Quanti sono, a suo avviso, nell area metropolitana di Roma gli stranieri immigrati? 1. Meno di

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

Lidia e Rolando Lidia aveva appena 15 anni quando ha conosciuto Rolando, che di anni ne aveva 21. Rolando era un appassionato giocatore di calcio e lei una tifosa, si sono incontrati dunque ad un campo

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società Modena Calcio - rappresentanze di tifosi UISP Modena Progetto Ultrà

Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società Modena Calcio - rappresentanze di tifosi UISP Modena Progetto Ultrà Progetto/azione Il tifoso protagonista della sicurezza Responsabilità Gabinetto del Sindaco Politiche per la Sicurezza Urbana Soggetti coinvolti Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Scopri come i grandi investitori hanno posto le basi per il loro successo. Tutto quello che devi assolutamente conoscere prima

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

Opere di misericordia 1

Opere di misericordia 1 Percorso di riscoperta delle Opere di misericordia 1 DAR DA MANGIARE AGLI AFFAMATI INSEGNARE AGLI IGNORANTI Spunti di riflessione per un dibattito sull Opera di misericordia corporale Dar da mangiare agli

Dettagli

Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di

Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di avere una famiglia. Ognuno di loro ha diritto al cibo,

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico gruppo di lavoro 7 11 anni materiale per la sperimentazione diocesana SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico Versione aprile 2010 a cura di don

Dettagli

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti La perdita di una persona cara è un esperienza emotiva tra le più dolorose per gli esseri umani e diventa ancora

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

I segreti della mente

I segreti della mente Vittorino Andreoli I segreti della mente Capire, riconoscere, affrontare i segnali della psiche Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06413-2 Prima edizione:

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012.

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. II INCONTRO DI PASTORALE FAMILIARE 23.11.2013 [13] Un angelo del

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

SANITA. Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE A TUTTI

SANITA. Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE A TUTTI Il mio programma elettorale è frutto della voce delle persone che ho incontrato lungo il mio cammino e che sto incontrando nel corso della mia campagna elettorale SANITA Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE

Dettagli

IL PROGETTO CULTURALE SPORTIVO

IL PROGETTO CULTURALE SPORTIVO L'Agorà rappresenta il tentativo del Centro Sportivo Italiano di raccontarsi nel terzo millennio. Attraverso convegni, dibattiti, iniziative sportive, animazione, spettacoli, ecc. si cercherà di individuare

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

Fraternità Francescana Missionaria. Scuola Regina della Pace. Progetto «Madame A» Vilaj Italyen Waf Jeremie Port au Prince

Fraternità Francescana Missionaria. Scuola Regina della Pace. Progetto «Madame A» Vilaj Italyen Waf Jeremie Port au Prince Fraternità Francescana Missionaria Scuola Regina della Pace Progetto «Madame A» Vilaj Italyen Waf Jeremie Port au Prince Haïti, maggio 2011 WAF JEREMIE 70.000 abitanti, centinaia e centinaia di baracche

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

Comune di Assago Area Istruzione e Cultura

Comune di Assago Area Istruzione e Cultura Comune di Assago Area Istruzione e Cultura I diritti dei bambini in parole semplici Il Consigliere delegato alla cultura Emilio Benzoni Il Sindaco Graziano Musella L Assessore alla Pubblica Istruzione

Dettagli

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Poi venne l aurora Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Ernesto Riggi Tutti i diritti riservati A tutti i giovani coraggiosi, capaci di lottare pur di realizzare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

LA RICHIESTA DI AIUTO DEL GENITORE PER IL FIGLIO ADOLESCENTE. Prof.ssa Carla Guatteri

LA RICHIESTA DI AIUTO DEL GENITORE PER IL FIGLIO ADOLESCENTE. Prof.ssa Carla Guatteri LA RICHIESTA DI AIUTO DEL GENITORE PER IL FIGLIO ADOLESCENTE Prof.ssa Carla Guatteri IL CASO DI K. K. È UNA RAGAZZA ITALIANA IL SUO PERCORSO SCOLASTICO ALL INTERNO DEL NOSTRO ISTITUTO INIZIO CONCLUSIONE

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

Essere precari stanca

Essere precari stanca Essere precari stanca Il precariato nelle scuole friulane Sintesi degli esiti dell inchiesta promossa dal Coordinamento Precari Scuola (CPS) della provincia di Udine Settembre 2010 Il campione considerato

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

BREVE PRONTUARIO SUL MALTRATTAMENTO INTRAFAMILIARE PER I CENTRI DI ASCOLTO AREA MALTRATTAMENTO E GRAVE DISAGIO DELLA DONNA

BREVE PRONTUARIO SUL MALTRATTAMENTO INTRAFAMILIARE PER I CENTRI DI ASCOLTO AREA MALTRATTAMENTO E GRAVE DISAGIO DELLA DONNA BREVE PRONTUARIO SUL MALTRATTAMENTO INTRAFAMILIARE PER I CENTRI DI ASCOLTO AREA MALTRATTAMENTO E GRAVE DISAGIO DELLA DONNA Milano, ottobre 2012 INDICE Area Maltrattamento e grave disagio della donna pag.

Dettagli

ORARI SANTE MESSE. Festivo Invernale 8,30; 11,00; 18,00 (19,00 nel mese di maggio) Estivo 8,30; 20,00

ORARI SANTE MESSE. Festivo Invernale 8,30; 11,00; 18,00 (19,00 nel mese di maggio) Estivo 8,30; 20,00 ORARI SANTE MESSE Parrocchia S. Michele Arcangelo Albidona Festivo Invernale 8,30; 10,30 Estivo 8,30; 10,30 Parrocchia Sant Alessandro Martire Alessandria del Carretto Feriale Invernale 8,30 Estivo 8,30

Dettagli

FESTA DELLA FAMIGLIA 2013

FESTA DELLA FAMIGLIA 2013 FESTA DELLA FAMIGLIA 2013 MATERIALE PER LA PREPARAZIONE SPIRITUALE Materiale, Catechesi, Questionario per le Comunità, Gruppi Famiglie, Famiglie singole in Preparazione al Convegno "La Famiglia Vince la

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

Mons. Claudio Maria CELLI

Mons. Claudio Maria CELLI Mons. Claudio Maria CELLI Nella nostra storia c è quel detto famoso: tu uccidi un uomo morto, credo che dopo queste mattinate e pomeriggi così intensi è mio dovere essere il più breve possibile. Per me

Dettagli

Dagli Appennini alle Ande

Dagli Appennini alle Ande In questo numero: Dagli Appennini alle Ande Newsletter n 9 Febbraio 2008 Storia di un istituto di Lima : Casa hogar Juan Pablo II Se il Supremo Creatore ti da un figlio... Conosciamo la nostra equipe Ai.Bi.

Dettagli

La funzione dei centri antiviolenza e il loro osservatorio: il sostegno del bambino coinvolto nel percorso di protezione assieme alla madre A cura di Centri antiviolenza Demetra, Linea RosaeSos Donna Formazione

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE EDUCA

LA FAMIGLIA CHE EDUCA LA FAMIGLIA CHE EDUCA Messaggio alle famiglie - Pasqua 2009 Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola L educazione delle virtù umane è alla base dell educazione cristiana Il senso dell autorità La famiglia

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido.

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. Torino 16 ottobre 2013 Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. CENTRO ACCOGLIENZA LA RUPE Dott.ssa Piera Poli Pubblico, privato

Dettagli

Crescere nella Fede. alcune idee di fondo sul cammino di catechesi

Crescere nella Fede. alcune idee di fondo sul cammino di catechesi Crescere nella Fede alcune idee di fondo sul cammino di catechesi Due mentalità, due logiche Un cammino di fede Un corso di dottrina Due approcci educativi Strada La Rivelazione cristiana incontrare la

Dettagli

CONSIGLI PER IL VOLONTARIO

CONSIGLI PER IL VOLONTARIO ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI MESTRE CONSIGLI PER IL VOLONTARIO INDICE Cosa fare pag. 4 Consigli pag. 7 Cosa non fare pag. 8 Codice deontologico del volontario pag. 10 Caro Amico,

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

"Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili

Macerie dentro e fuori, il libro di Umberto Braccili La presentazione venerdì 14 alle 11 "Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili "Macerie dentro e fuori" è il libro scritto dal giornalista Umberto Braccili, inviato della Rai Abruzzo, insieme

Dettagli

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità Il percorso in quinta elementare La proposta di lavoro è finalizzata a sostenere gli alunni nella fase di passaggio alla scuola media. È necessario infatti un azione orientativa che aiuti gli alunni a

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni PIANO DI ETTURA Dai 9 anni Le arance di Michele Vichi De Marchi Illustrazioni di Vanna Vinci Grandi Storie Pagine: 208 Codice: 566-3270-5 Anno di pubblicazione: 2013 l autrice Vichi De Marchi è giornalista

Dettagli

CENTRO DI ASCOLTO CARITAS

CENTRO DI ASCOLTO CARITAS CENTRO DI ASCOLTO CARITAS PROGETTO OPERATIVO Parrocchia SS Pietro e Paolo TURATE Oggi le persone hanno più bisogno di ascolto che di parole. Soltanto quando diamo ascolto all altro con attenzione e non

Dettagli

7 segreti per guadagnare una rendita dal tuo Immobile

7 segreti per guadagnare una rendita dal tuo Immobile 7 segreti per guadagnare una rendita dal tuo Immobile PRIMA PARTE: STRUTTURA DEL MODELLO DI AFFITTO CASA IN RENDITA 1. Devi sfruttare l evoluzione del mercato turistico, perché è più ricco e meno problematico

Dettagli

Ministro Lorenzin alla Giornata nazionale per la ricerca sul cancro

Ministro Lorenzin alla Giornata nazionale per la ricerca sul cancro Ministro Lorenzin alla Giornata nazionale per la ricerca sul cancro Il discorso pronunciato dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin alla Cerimonia di Celebrazione della Giornata Nazionale per la Ricerca

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

Diocesi di Rieti. La Pastorale della Salute

Diocesi di Rieti. La Pastorale della Salute Diocesi di Rieti La Pastorale della Salute Che cos è la Pastorale della Salute? Con Pastorale si intende l azione multiforme della comunità cristiana dentro le concrete situazioni della vita. La Pastorale

Dettagli

seguendo le orme lasciate da Carlo Levi con il suo libro CRISTO SI E FERMATO AD EBOLI

seguendo le orme lasciate da Carlo Levi con il suo libro CRISTO SI E FERMATO AD EBOLI ZIGZAGANDO TRA LA BASILICATA E LA CALABRIA seguendo le orme lasciate da Carlo Levi con il suo libro CRISTO SI E FERMATO AD EBOLI Carlo Levi, scrittore, pittore, medico attraverso quest'opera racconta la

Dettagli

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte.

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte. FRANCESCA CORSO di Edoardo Di Lorenzo FRANCESCA CORSO FONDATRICE Ho lavorato come assistente sociale al carcere di San Vittore e ho trovato dei bambini carcerati assieme alle mamme in un regime carcerario

Dettagli

MIGRANTI. La classe I B. incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti. Progetto di intercultura

MIGRANTI. La classe I B. incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti. Progetto di intercultura MIGRANTI La classe I B incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti Progetto di intercultura Essere giovani nella società globale: in viaggio da me a

Dettagli

Consigli per assistere la Persona con Demenza

Consigli per assistere la Persona con Demenza Ospedale San Lorenzo Valdagno Dipartimento Medicina Interna Unità Operativa di Lungodegenza Responsabile dr. Marcello Mari Consigli per assistere la Persona con Demenza Strumenti per qualificare le cure

Dettagli

SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale

SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale) E nato per noi un bambino, un figlio ci è stato donato (antifona). Pochi giorni dopo l'apertura della porta Santa che ci ha visti accorrere numerosi per vivere la

Dettagli