La Voce. Insieme per garantire una gestione virtuosa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Voce. Insieme per garantire una gestione virtuosa"

Transcript

1 La Voce della Bassa Bresciana n.6 MENSILE D'INFORMAZIONE ANNO I - OTTOBRE 2010 Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - 70% - LO/BS Rudiano. Presentato un esempio di collaborazione istituzionale per i cimiteri Insieme per garantire una gestione virtuosa Il Comune della Bassa ha affidato a Cogeme il servizio cimiteriale. Una esperienza pilota che potrebbe risolvere problemi che affliggono tante amministrazioni locali alle prese con limiti di bilancio Febbre da gioco: fenomeno in crescita Orzinuovi Il servizio a pag. 9 Dal sogno all incubo La passione per il gioco che per tantissimi è un divertimento, la speranza di facili guadagni, per un numero sempre maggiore di persone sta diventando una vera e propria dipendenza da curare in centri specializzati del pubblico e del privato Jolly: una proposta giusta per tutte le età pag. 10 Economia Al lavoro per il futuro del servizio idrico pag. 19 Il servizio a pag. 2-3 Editoriale Fame d azzardo di Adriano Bianchi La febbre, la patologia del gioco d azzardo, colpisce trasversalmente. Molti i dati, anche nostrani. A Brescia si giocano oltre 1100 euro all anno di media per abitante. Come sempre, dietro i numeri ci sono le persone. La storia di Luigi, un manager, è una storia di speranza. Luigi aveva già un rapporto di dipendenza con il suo lavoro. Per questo era riuscito ad ottenere il successo professionale. Ad un certo punto però ha sentito che anche la sua attività lavorativa non bastava; era insoddisfatto e ha iniziato a giocare. Slot machine, scommesse sportive, gratta e vinci, un po tutto. Una corsa continua, una fame di azzardo, e quindi di emozioni, sempre più forte. Ad un certo punto, Luigi si è accorto che il suo lavoro che, viveva già come una dipendenza, stava risentendone. Non riusciva più a concentrarsi nella sua professione; per gran parte del giorno pensava al gioco attraverso il quale cercava di dimostrare la propria abilità. Cercava l approvazione degli altri; quella stessa approvazione che aveva cercato di procurarsi buttandosi prima nell attività lavorativa. Luigi, nonostante alcuni danni, non si è rovinato economicamente perché aveva una posizione professionale molto solida. Le conseguenze più gravi della sua dipendenza le ha avute nella sua vita familiare. Già con il lavoro aveva sacrificato la famiglia, con il gioco le cose sono precipitate. I rapporti con la moglie sono andati in crisi profonda; stessa cosa con i figli adolescenti. La testa era sempre di più sul gioco. Luigi aveva tentato di smettere di giocare da solo, ma diventava sempre più irritabile. Da solo si è reso conto che la strada era senza uscita e ha capito che aveva bisogno di una mano. Ne ha parlato. Ora Luigi ne è uscito, con pazienza, con l affetto dei suoi familiari e un gruppo di autoaiuto. Luigi è guarito. Mer tini di Natale Ponte Imma co lata 2010 GHEDI - Via XX Settembre 29 Tel ca 20 10

2 2 Sito: Primo piano Anche il Governo si mobilita Stanno girando in queste settimane sui maggiori canali televisivi nazionali alcuni spot che invita a giocare con moderazione. L invito è espresso in riferimento anche a quei giochi legali, quelli, cioè autorizzati da monopoli di Stato che, pure, su lotterie, gratta e vinci, superenalotto e altro ancora costruiscono le proprie fortune e, indirittamente, quelle del fisco nazionale. Se lo Stato, tramite il Governo, arriva a progettare tali campagne di sensibilizzazione probabilmente significa che il problema di chi si lascia prendere la mano ben è reale, concreto. Prevenirlo, perchè questo è l obiettivo della campagna, significa evitare che in futuro il fenomeno possa diventare un problema sociale. Fenomeni. Quando la febbre da gioco rischia di trasformarsi in una patologia diffusa e difficile da curare Gioco: si fa sempre più sottile il confine tra il sogno e l incubo Il miraggio di una facile ricchezza spinge un numero sempre maggiore di persone a tentare la fortuna. Ogni bresciano gioca 1066 euro all anno. Per tanti il gioco diventa patologia a cura di Massimo Venturelli Cosa accadrebbe se dalla sera alla mattina ci si trovasse sul conto corrente i milioni di euro del jackpot del Superenalotto. Quanti tanti sfizi ci si potrebbe togliere con i 6000 euro al mese per i prossimi 20 anni messi in palio 15 volte al giorno dal concorso Win for life. Sono state (ma lo sono tuttora) queste, insieme a quelle (passati di moda) delle sale Bingo e di tante altre attrazioni, le potenti live che abilli persuasori occulti che hanno utilizzato per spingere al gioco milioni di italiani. Il risultato è che ogni giorno si spendono 80 milioni di euro per inseguire un sogno, per un totale annuo (i dati sono quelli del 2009) che raggiunge quasi i 54,5 miliardi di euro, cifra da cui esula tutto il mondo dell illegale (ma questo è un altro capitolo). Non c è nulla di illegale perché si tratta di giochi autorizzarti dai Monopoli di Stato e che portano nelle casse statali 8,8 miliardi di entrate erariali. Non c è però nessuno che avvisa gli italiani sulla pericolosità di sogni che potrebbero trasformarsi in incubo. Certo, lo Stato avvisa che il gioco è riservato ai maggiorenni e invia per mail informative sul gioco sicuro, ma riguardano la garanzia che carte e bancomat usate per il gioco non saranno clonate. Un po poco, anche in considerazione del numero sempre maggiore di persone che con questi giochi legali hanno letteralmente perso gran parte della loro vita. C'è sempre stato chi si è rovinato al gioco. Oggi la situazione è drammaticamente diversa: per rovinarsi e per trascinare nel baratro famiglia, affetti, lavoro e relazioni sociali bastano una slot machine (350mila quelle installate in Italia), un computer per i giochi a distanza. Bastano, purtroppo, anche una ricevitoria del lotto o del superenalotto, addirittura un tagliando del gratta e vinci. C è così l imprenditore che si è giocato l azienda e molto di più puntando soldi su tutto quanto era possibile scommettere (addirittura sulla traiettoria che avrebbero assunto sul tavolo da biliardo mosche a cui erano state strappate le ali); c è la casalinga che in poco più di tre mesi ha bruciato nelle slot machine qualcosa come 11mila euro. Storie di sofferenza, fatte di menzogne, di sotterfugi, di fughe dalla realtà, di debiti su debiti. Ogni bresciano nel 2008 (gli ultimi dati ufficiali comunicati dai Monopoli di Stato) ha giocato 1066 euro. Una cifra che moltiplicata per gli abitanti della provincia ha portato a poco meno di due miliardi di euro. Numeri e realtà che hanno portato a pensare strutture e servizi per combattere quella che ormai è considerata una malattia che colpisce un numero sempre maggiore di persone. Servizi che anche nella Bassa non mancano. Bassa Bresciana. Da pubblico e privato le prime risposte a un problema sempre più diffuso Quando la passione finisce per sconfinare nella malattia Per anni il gioco, soprattutto quello d'azzardo, è stato considerato come una mania di incalliti appassionati di bische fumose o di eleganti sale da casinò. Non c è probabilmente paese della Bassa in cui si tramandi di bocca in bocca le gesta più o meno fortunate di qualche giocatore tenacemente attaccato alle carte del poker o al vorticoso roteare della roulette. Poche persone, comunque, non sufficienti per configurare questa mania come patologia. Qualcosa, però, negli anni deve essere cambiato se è vero che proprio nella Bassa sono nati i primi servizi per la presa in carico di quelle persone affette da gioco compulsivo, oggi considerato una vera e propria patologia, una dipendenza da cui liberarsi. Non è un caso che i servizi in questione siano stati progettati prima e realizzati poi da realtà del pubblico e del privato che già si occupavano di altre forme di dipendenza, su tutte quella da alcol e da droga. Nei giorni scorsi a Bagnolo Mella è stata inaugurata una nuova sede del servizio multidisciplinare integrato proposto dalla cooperativa Il mago di Oz che si occupa di varie forme di dipendenza. Fra i servizi offerti anche uno per liberarsi dalla dipendenza dal gioco. Quello di Bagnolo Mella è il secondo centro aperto da Il Mago di Oz dopo quello di Ospitaletto, a riprova che il problema è molto più vasto di quanto si possa immaginare. Anche il pubblco ha preso coscienza della rilevanza sociale del gioco compulsivo. L Asl di Brescia ha attivato presso il Sert di Orzinuovi (come si legge anche in queste pagine) un servizio specifico che si occupa del recupero delle persone che manifestano una dipendenza patologica dal gioco. Percorsi di recupero che prevedono anche un coinvolgimento della famiglia, la realtà chiamata a portare il peso della dipendenza.

3 bassabresciana vocemedia.it Un fenomeno diffuso ma mancano i numeri Al momento l Asl non dispone di dati sufficienti atti a quantificare l incidenza del gioco d azzardo patologico nel Bresciano e il numero di accessi al servizio dipendenze. Un dato certo è che nel 2008 Brescia è stata la 16ª provincia per somme giocate e non è difficile immaginare che questa febbre da gioco possa favorire situazioni problematiche. Questo tipo di patologia è ancora classificata dai manuali diagnostici come disturbo del controllo degli impulsi e per questo motivo i pazienti non sono esenti dal pagamento del ticket per l assistenza sanitaria, gratuita per i tossicodipendenti, nonostante il gioco d azzardo patologico risulti una tossicomania senza farmaci. 3 Orzinuovi. Un servizio dell Asl organizzato e gestito dal Sert di Orzinuovi che si occupa di patologie analoghe Un ambulatorio per curare la dipendenza da gioco Si tratta di una riposta istituzionale. Chi vi si rivolge trova una rete di specialisti in grado di accompagnarli nel difficile percorso di affrancamento da questa nuova dipendenza di Elisa Bassini Gioco: una febbre sempre più diffusa Per un numero sempre più grande di persone il gioco non è più un passatempo innocente. Negli ultimi tempi le scommesse hanno conquistato l universo incontrollato di internet e per i soggetti più deboli è doppiamente facile cadere nella rete della dipendenza. I giocatori eccessivi, spinti dalla ricerca di sensazioni forti, puntano somme spesso destinate ad altri scopi e c è chi arriva a giocarsi perfino il denaro faticosamente messo da parte per la rata del mutuo. In questa progressiva perdita di ragionevolezza è facile dilapidare il patrimonio familiare e ricorrere a prestiti bancari o, ancor peggio, agli usurai. Il problema, che per molti anni è stato sottovalutato ha acquisito dimensioni preoccupanti, tanto da spingere le Aziende sanitarie locali ad attivare una rete di servizi a sostegno dei giocatori patologici e delle loro famiglie. È il caso del Sert di Orzinuovi che ha reso operativo un ambulatorio dedicato alla dipendenza da gioco d azzardo. I pazienti si possono rivolgere spontaneamente allo sportello del servizio dipendenze, dove vengono assistiti con visite individuali di medici specialistici. Il processo terapeutico di riabilitazione prevede anche sedute di gruppo che permettono di confrontarsi con i familiari o con altri giocatori. Alla base della cura sta l acquisizione di consapevolezza da parte dell individuo del rapporto patologico con il gioco d azzardo che permette di ridare significato alle cose importanti della vita, come i rapporti affettivi e professionali. Si tratta di un cammino di riabilitazione certamente complesso ma che porta progressivamente i pazienti a riappropriarsi della vita che la malattia aveva distrutto. Il servizio. Tappa per tappa i momenti di un percorso progettato non solo sul soggetto interessato Dalla diagnosi alla cura: dalla ludopatia si guarisce Il servizio per le ludopatie del Sert di Orzinuovi è destinato ai giocatori patologici che spontaneamente, con l appoggio della famiglia o di organismi di volontariato, accedono allo sportello, dove un operatore raccoglie la loro domanda e dà delle prime indicazioni. Segue la visita con uno psichiatra che, tramite un approfondimento diagnostico, prescrive l intervento da attuarsi. L obiettivo generale è orientato ad aumentare la consapevolezza del proprio rapporto con il gioco e i meccanismi cognitivi, educativi, psicologici che lo rinforzano spiega la dottoressa Anna Martinelli del Sert orceano. Durante questa fase la presenza della famiglia è importantissima per ricostruire la rete di rapporti familiari ed affettivi e per motivare il paziente nella prosecuzione della terapia. Il percorso riabilitativo punta a determinare un cambiamento comportamentale del paziente e una presa di coscienza della propria condizione. Ciò avviene grazie al lavoro di gruppo, costituito da pazienti e familiari ed è basato sulla narrazione della autobiografia individuale. I membri del gruppo, condividendo le proprie esperienze, i propri sforzi e la quotidianità lontani dal gioco, imparano a comprendere i comportamenti lesivi e a controllare il craving (compulsione) e le crisi d astinenza. Un valido aiuto per il recupero di una vita normale, sono anche gli incontri informativi sulle problematiche legali legate al risanamento dei debiti. Al momento non esiste alcuna tutela giuridica che impedisca al giocatore patologico di sperperare il patrimonio, al contrario dei tossicodipendenti. Anche sotto l aspetto del riconoscimento giuridico della malattia, la strada da fare è ancora tanta.

4

5 5 La parola ai lettori Manerbio: un manuale per dialogare Favorire il dialogo e quindi l'integrazione: queste le finalità della pubblicazione di un piccolo vocabolario ortografico dialettale della Bassa bresciana centrale a cura del circolo Acli di Manerbio distribuito col titolo: Il dolce parlar badante... come ì parla i nòni cioè come intendersi con le badanti che sono presenti nella comunità. Si tratta di un semplice sussidio che parte da espressioni dialettali usuali con relativa tradizione in italiano, permettendo, a chi è badante, di risalire alla propria lingue facilitando i rapporti interpersonali. È infatti diffusa la presenza nelle famiglie di persone che provengono in particlare dall Est europeo e si trovano a stretto contatto con gli anziani. L LETTERE L'essenziale è invisibile Quest anno ho voluto staccare la spina dal quotidiano mondo virtuale e passare le mie vacanze in pellegrinaggio con i malati, tutti insieme in viaggio verso Lourdes. Il perché ancora oggi non mi è perfettamente chiaro ma voglio credere che sia stata la Beata Vergine Maria a volermi lì con lei, con le persone sofferenti e con quel meraviglioso mondo che sono i volontari dell Oftal. Li ho incontrati durante le riunioni preparatorie, ma solo una volta salito sul treno ho avuto modo di conoscerli davvero. Per me questo rappresentava il primo anno a Lourdes, non conoscevo nessuno, i volti mi erano tutti estranei. Sono stato accolto da sorrisi sinceri, strette di mano e vera amicizia. Il lavoro sul treno, il caricare e scaricare bagagli e vettovaglie, il servire i pasti durante il viaggio, il sistemare i letti dei pellegrini o il turno di notte alle porte del vagone sono state occasioni uniche per meravigliarmi di quanta bontà e generosità esiste nel cuore delle persone incontrate, sentimento amplificato quando mi sono imbattuto in un volontario che aveva la metà esatta dei miei anni. Queste emozioni sono state il carburante che mi ha dato la forza e la serenità necessarie per compiere al meglio i servizi affidati. Anche la preghiera, così presente e frequente durante il viaggio, non ha mai mancato di cadenzare il ritmo delle giornate passate nel Santuario. Mi sono così imbattuto nella trasparente e genuina fede dei malati e dei pellegrini. Il mio compito infatti era quello di accompagnarli alle funzioni, al S. Rosario o alla Grotta dove è apparsa la Madonna. Spingere le carrozzine o i risciò non è mai stato tanto dolce e leggero. Il sole, il caldo o la pioggia estiva erano annullati dalla compagnia degli ammalati. È il loro esempio che serbo in cuore: non ho mai sentito nessuno lamentarsi della fatica di passare tante ore fuori dal letto o dalla stanza, per molti sicuro rifugio, della sofferenza causata dalla malattia, non ho mai visto il dubbio sui loro visi. A Lourdes ho capito ancor di più che il soffrire non è vano se visto nella sola e unica prospettiva a noi accessibile: quella cristologica. La cro- IL PEGGIO DELLA BASSA Sicurezza sulle strade Non è un fenomeno che caratterizza solo il territorio della Bassa bresciana. Purtroppo è molto più ampio e le sue conseguenze sono drammatiche. Quello degli incidenti stradali è un tema di grande attualità e che semina vittime anche sui nastri d'asfalto che attraversano la Bassa. Le pagine dei quotidiani sono veri e propri bollettini di guerra. Molto in questi anni è stato fatto per migliorare la sicurezza delle strade e per creare una cultura della responsabilità soprattutto fra i più giovani. Nonostante tutto, anche nella Bassa, la strada continua a creare sofferenze. L'impegno, evidentemente, non è mai troppo. Giornali della comunità La Voce di Pralboino : è questo il titolo del giornale edito dalla parrocchia di Pralboino, dedicata a S. Andrea apostolo. La pubblicazione, che si apre con la parola del parroco, prosegue con alcune sezioni dedicate alla vita dell'oratorio, alla cultura e alla cronaca parrocchiale. Radio Voce Ha ripreso il via 100% Brescia : trasmissione in diretta dal lunedì al venerdì dalle 14 alle 15 dedicata al mondo delle rondinelle. Oltre al Brescia Calcio, segui ogni domenica con Diretta Sport l intero campionato del Feralpi Salò con collegamenti dal Lino Turina e in trasferta. Spogliatoi anche di Lumezzane, Montichiari e Rodengo Saiano. fm Brescia e Provincia IL MEGLIO DELLA BASSA Gestire insieme Compie proprio in questo giorni i suoi primi sette anni di vita la Comunità della Pianura Bresciana, una fondazione creata nel 2003 da alcune amministrazioni della Bassa col compito di promuovere e realizzare la gestione associata degli interventi e dei servizi sociali tramite un sistema a rete che garantisse la massima efficienza, tenendo conto della centralità del cittadino, dell importanza dell associazionismo, del privato sociale e del volontariato. La Comunità ha anticipato di anni il tema della gestione associata di alcuni importanti servizi in ambito sociale. ce, il portarla e offrirla a Gesù Cristo è impresa impossibile senza l aiuto della nostra Madre Maria. Senza di lei tutto è vano, ogni sforzo inutile. Certo, per me che scrivo e che non vivo in prima persona i limiti di una malattia invalidante è facile esprimere questi pensieri ma è così! Mi sono meravigliato della forza d animo, del credere a prescindere, del dare senza ricevere di tutti gli ammalati incontrati. Loro per me, per noi tutti volontari, avevano sempre una parola gentile e una promessa: ricordarci nelle loro preghiere per il poco del nostro servizio offerto. Chi va a Lourdes bene o male ha sempre qualche grazia, grande o piccola che sia, da chiedere alla Madonna: io, prima di venire via dal Santuario, mi sono accorto con stupore di averne ricevute più di una. La serenità, la certezza di continuare il cammino di fede intrapreso, il bello di vivere ogni giornata con cuore leggero, la voglia di essere ancora volontario nell Oftal e il dono delle persone incontrate, che ho conosciuto e con cui ho condiviso sei giorni di servizio e preghiera. Lettera firmata Quanto viene pubblicato in queste pagine è da attribuirsi unicamente alla responsabilità dei firmatari delle lettere. Nelle lettere è necessario indicare in modo leggibile nome, cognome, indirizzo e numero di telefono di chi scrive per renderne possibile l identificazione. La redazione si riserva il diritto di sintetizzare, senza alterarne il senso, i contributi ritenuti troppo lunghi (massimo 1500 battute). La pubblicazione di una lettera non implica la condivisione del suo contenuto da parte della direzione del giornale. Non saranno pubblicate lettere già apparse su altri organi di stampa. Scrivete a, via Callegari, Brescia o via mail a

6 98

7 7 Manerbio La realtà dell Acf Manerbio Nata nel 1995 come Virtus femminile, disputò il campionato provinciale maschile Esordienti a 11 giocatrici con ragazze nate dal 1983 al Con grande stupore generale (per altro sottolineato anche dall'attenzione con cui i giornali dell'epoca seguirono l'esoridio della squadra) iniziò il campionato con 16 ragazzine animate da tanta voglia di giocare con un pallone da calcio. Sono passati ormai 15 anni da quegli esordi, ma la passione è rimasta tale e quale. Le giovani calciatrici, appartenenti all Acf Manerbio Virtus (fondata ufficialmente il 1 luglio 2002), ormai adulte disputano, con la consueta passione, il campionato femminile di serie B nazionale che ha preso il via nelle scorse settimane. Parrocchia. Nuova vita per il convento, creato nel 1846, che fu delle Orsoline Un centro per la comunità di Franco Piovani Il monastero delle Orsoline di Manerbio. Fu costruito nel 1846 per iniziativa di Mastiola Travaglia( ) che realizzava il progetto con sette giovani manerbiesi e dava vita al convento dotato di un suo patrimonio grazie a donazioni di persone benemerite quali il curato don Giacomo Gatta ( ) i fratelli Costanzo e Domenico Ruggeri (cugini della fondatrice). Sono annotazioni in Manerbio: la Pieve e il Comune di Paolo Guerrini, per le edizioni Pavoniana Brescia Il convento è entrato in seguito a far parte della grande famiglia dell'unione Romana delle Orsoline. La Travaglia si legge nell Enciclopedia bresciana di Antonio Fappani aprì un convitto per alunne, una scuola gratuita per le ragazze. Il 21 ottobre 1856 fece la vestizione, assunse il nome di suor Maria Scolastica ed emise la professione religiosa; diede nuovo vigore alle elementari, assumeva l asilo comunale, una scuola di lavoro manuale ed un doposcuola. Nel 1961 furono aggiunti corsi di segretarie d'azienda e lingue straniere. Così fino a pochi anni fa, quando la Casa madre delle Orsoline ritira le suore dal convento per mancanza di vocazioni. Il rischio consisteva nel disperdere un patrimonio culturale rilevante. Ma la comunità parrocchiale sotto la guida dell'arciprete mons. Tino Clementi decideva l'acquisto del convento che continua un'attività dalle radici profonde. Sono arrivate altre religiose della congregazione Beata Vergine Maria che prestano la loro opera nella gestione della struttura. Nel convento hanno sede iniziative parrocchiali quali la schola cantorum Santa Ceciclia, il Movimento Ammalati, la Caritas, l Ucid (Unione cattolica imprenditori e dirigenti) sezione Bassa Bresciana, il movimento degli scout. Il maggior spazio è per le scuole: primaria Sant Angela Merici e secondaria di Primo grado Beato Tovini coordinate dal preside Ferdinando Moretti; frequentano 140 alunni nelle elementari, e 70 studenti nelle medie dalle quali l'anno scorso sono stati licenziati con ottimi risultati 26 studenti che proseguono gli studi nelle superiori locali, come il Pascal ed il Mazzolari, o istituti delle città di Brescia e Cremona. Lunga tradizione sportiva Scrivere di sport a Manerbio è andare a ritroso nel tempo quando lo stadio che si chiamnava Marzotto ed ora i intiolato ad Enrico Grazioli ( farfallino nelle definzioni del tempo) era teatro del campionato del campionato di serie C. È storia ereditata dall'attuale società oratoriana Virtus Manerbio che non ha grandi pretese se non il proposito di mantenere, pur nelle difficoltà economiche generalizzate l'attività del calcio a beneficio di gioveni che ne hanno la passione. Altre argomentazioni riguardano il ciclismo che pur avendo registrato eventi rilevanti attualmente agonisticamente in auge per il contributo fattivo di aziende private quali Dimmidisì e Tecnospecial sotto le cui insegne si è costituita la società amamatorialehe anche quest'anno ha acquisito risultati importanti. In maggio Mirko Bussi ha conquistato la maglia di campione bresciano. In giugno Dimmidisì, Flam e Comune, hanno dato vita alla prima gimcana in bicicletta per bambini, manifestazione partecipata da più di 200 ciclisti in erba entusiasti dell'esperienza. Il 25 luglio si sono disputate le prove del primo circuito cittadino; in 200 hanno pedalato partendo da via Cremona alla conquista del secondo trofeo Dimmidisì-Flam nella cornice di pubblico che applaudiva ed incitava. Nella stagione in corso gli atleti della società hanno già vinto quindici gare ponendo al primo posto con mille 600 punti nel giro di Lombardia (al secondo è altra formazione con 700 punti). Titolo già acquisito? Il 1 novembre l ultima gara prima dell inverno. Poi guardando al futuro con nuovi obiettivi per i quali ci si prepara con occhio attento ai giovanissimi anche per una nuova stagione. Presidente della società è Angelo Sala; vice Mirko Venturini; segretario Fabio Lorenzi. La sede della Dimmidisi-Tecnocpecial in via Palestro, 7. Sito Internet: Teatro. Il ricco cartellone invernale si apre il 3 novembre con le Ragazze di Lella Costa, prima di molte serate Si alza il sipario sulla stagione del Politeama Anche quest anno il Teatro Politeama di Manerbio propone un ricco e variegato cartellone di spettacoli che accompagnerà i tanti appassionati durante la stagione invernale. Il sipario del Politeama si alzerà mercoledì 3 novembre all insegna della riflessione in rosa con Ragazze di Lella Costa. Mercoledì 16 novembre sarà la volta di un grande classico, La bottega del caffè di Goldoni interpretato dalla compagnia Gank e coprodotto dal Teatro Stabile di Genova. Dopo la pausa delle festività natalizie, il 2011 continuerà sulla scia di opere celeberrime, con una rivisitazione di Romeo e Giulietta su testo e regia di Leo Muscato (martedì 25 gennaio) e l inedito Don Chisciotte di Franco Branciaroli (mercoledì 2 febbraio). Graditissimo è il ritorno de I Legnanesi, martedì 22 febbraio, con la commedia Fam frec e... fastidi. Di tutt altro tono l appuntamento di mercoledì 16 marzo: la riflessione sul mondo del lavoro sarà protagonista di Roma ore 11, dall indagine di Elio Petri, messa in scena dalla compagnia Mitiprese. La stagione teatrale rinnova inoltre l appuntamento con le Lella Costa scuole superiori con assolute novità: Targato H, lo spettacolo del comicorivelazione David Anzalone, mercoledì 1 dicembre, e The Beatles, il musical in lingua originale dedicato al mito dei Fab Four, in programma lunedì 28 febbraio. L ultimo appuntamento per le scuole sarà venerdì 8 aprile con un remake de La Locandiera per la regia di Corrado d Elia. Dal 16 gennaio ritorna Paga la mamma, la rassegna destinata ai piccini presso il Piccolo Teatro di Manerbio. Per informazioni e biglietti è possibile rivolgersi all ufficio Cultura in piazza Cesare Battisti.

8 TRAVAGLIATO Dicembre domenica pomeriggio aperto

9 9 Bassa occidentale Orzinuovi: i corsi della Libera Università Hanno perso il via i corsi della Libera Università di Orzinuovi promossa dai locali assessorati ai servizi sociali, alle politiche giovanili e alla cultura, in collaborazione con l Anteas e il Centro servizi per il volontariato di Brescia. Il 1 ottobre scorso ha preso il via il corso Conoscere per rispettare, 9 incontri sulle scienze naturali che si concluderanno il 26 novembre. Il 21 ottobre è stato avviato anche il corso Il movimento, sulla motricità nella terza età. Il 2 novembre prenderà il via il corso Che cos'è la Tv? La Tv fa male?, 10 incontri pensati per conoscere e comprendere la televisione e i suoi messaggi. Il 3 novembre prenderà il via un corso di inglese. Per informazioni: 030/ Rudiano. Presentato un esempio di collaborazione istituzionale per l organizzazione del servizio cimiteriale Insieme per garantire una virtuosa gestione di un servizio particolare Il comune della Bassa ha affidato a Cogeme il servizio del cimitero. Una esperienza che potrebbe risolvere problemi comuni a tante amministrazioni locali di Francesco Uberti Nelle scorse settimane si è tenuto presso il cimitero di Rudiano un incontro per presentare un esempio di virtuosa gestione del complesso cimiteriale. L iniziativa è nata sull onda dell attenzione suscitata da quanto è avvenuto qualche tempo fa a Roncadelle, dove le esigenze di un ampliamento del cimitero hanno dovuto cedere il passo di fronte alle limitazioni economiche imposte dal patto di stabilità a cui devono sottostare i comuni italiani. Ad illustrare la situazione del centro della bassa vi erano il sindaco Un cimitero Simona Moletta e il vicesindaco Pietro Vavassori insieme al presidente della società Cogeme, a cui sono appaltati i servizi cimiteriali, Gianluca Delbarba. Il caso di Rudiano, insieme a quelli di Castrezzato e Torbole Casaglia, è esempio paradigmatico dei risultati che possono essere raggiunti tramite la collaborazione tra comune e la società che si occupa, oltre che della gestione ordinaria delle aree cimiteriali, anche, in alcuni casi, dell'ampliamento delle strutture. È necessario, infatti, precisare che non si tratta di una privatizzazione del servizio, quanto piuttosto di una fruttuosa sinergia tra l ente locale ed un operatore qualificato in questo ambito così delicato per il cittadino. L apporto di competenza della società consente di intervenire in settori ad esso correlati, dischiudendo prospettive inedite: si ipotizza nel prossimo futuro un servizio di pompe funebri gestito da Cogeme, pronta a praticare prezzi calmierati, una sorta di funerale sociale, con un occhio di riguardo anche alla sempre più diffusa pratica della cremazione, predisponendo un servizio di collegamento tra le strutture preposte e il cimitero. Brebemi. Un infrastruttura che continua a creare occasioni di dibattito e di polemica nella Bassa Le preoccupazioni di Coldiretti a partire dagli indennizi Non si placa la querelle tra Brebemi, la società che coordina i lavori di costruzione dell'omonima autostrada che interesserà parte della bassa bresciana, e Coldiretti, che nei giorni scorsi ha lanciato l allarme sulla grande quantità di appezzamenti agricoli espropriati per la realizzazione dell'infrastruttura. Brebemi ha tacciato questo atteggiamento di miopia, accusando l associazione degli agricoltori di diffondere inutili allarmismi. La situazione in realtà pare essere più complicata: pur di fronte ad una grande disponibilità dei tecnici che supervisionano i lavori, riconosciuta dalla stessa Coldiretti, sul piatto rimane un problema ambientale ed agricolo di notevole portata. Il nodo principale per ora sembra essere quello degli indennizzi: segnati dalla precedente esperienza della variante della statale 11, per la quale gli agricoltori non sono ancora stati totalmente indennizzati, i coltivatori puntano ad un pagamento completo e definitivo. Il segretario zonale di Chiari, Alberto Fogazzi, inoltre, pone l'accento sul concetto di danno aziendale, affinché venga riconosciuta alle Un cantiere di Brebemi aziende maggiormente colpite dalla costruzione, che in alcuni casi andrebbe a dividere la casa colonica dalla stalla, una somma maggiore. Non pare del resto molto praticabile la vendita diretta dei prodotti lungo l autostrada, auspicata dai vertici di Brebemi, non certo nelle corde dell agricoltura della bassa. Certo, vi sono alcuni segnali positivi: una modifica al progetto ha permesso, restrigendo la striscia di terreno interessata, di risparmiare circa 130 ettari di terreno, ma l'impatto effettivo dell opera sull economia agricola del territorio resta ancora tutto da valutare. (f.u.)

10 10 Sito: I sapori delle terre basse per i giovani I sapori delle terre basse è un progetto che vuole coinvolgere i giovani disoccupati tra i 18 e i 24 anni con l assegnazione di 7 borse lavoro nel settore agro-alimentare del valore di 1400 euro ciascuna. I partecipanti potranno lavorare per 350 ore in un punto vendita di prodotti tipici o presso un produttore della filiera. Il bando è destinato ai residenti dei comuni di Barbariga, Borgo S. Giacomo, Brandico, Corzano, Dello, Lograto, Longhena, Maclodio, Mairano, Orzinuovi, Orzivecchi, Pompiano, Quinzano d Oglio, San Paolo, Villachiara. È possibile consultare il bando e il modulo di partecipazione sul sito internet o presso gli sportelli Orientagiovani entro il 15 novembre Orzinuovi. Tutte le attività del Jolly, perno delle iniziative giovanili nella comunità orceana Una proposta giusta per ogni età di Elisa Bassini Attività al Jolly Orari e appuntamenti Il servizio pomeridiano del Cag Jollyway è dedicato ai bambini delle elementari e si svolge dal lunedì al venerdì, dalle 16 alle 18 e il mercoledì dalle 14. Gli educatori si fanno carico di andare a prendere i bambini all uscita dalla scuola e accompagnarli presso i locali dell oratorio. Lo spazio per i ragazzi delle medie è attivo dalle 14 alle 18 dal lunedì al venerdì. Le attività sono gestite dall oratorio Jolly e da un gruppo di educatori professionisti, coordinati dall instancabile guida di don Luciano Ghidoni. Tra le iniziative collaterali, significativa è quella della compagnia teatrale del Jolly che sta preparando il musical Il re leone, che andrà in scena nell autunno Con l inizio del nuovo anno scolastico, l Oratorio Jolly di Orzinuovi rinnova una serie di iniziative che accompagneranno i ragazzi verso il Oltre all intensa attività di catechesi, ha riaperto i battenti il C.A.G, lo spazio pomeridiano dedicato ai compiti e allo svago. Tutti i pomeriggi, dal lunedì al venerdì, il Jollyway da la possibilità ai piccoli delle scuole elementari di essere seguiti da educatori professionisti nello svolgimento dei compiti scolastici, ma anche in laboratori creativi ed attività sportive. Lo spazio per i ragazzi delle medie prende invece il nome di Sms (che sta per scuola media statale) che quest anno ha rafforzato la stretta sinergia tra scuola media ed oratorio. Oltre al servizio pomeridiano, è possibile praticare diversi sport nell associazione sportiva dilettantistica Jolly che conta ben 300 tesserati tra allenatori e allievi. Per il calcio a 7 sono state formate ben otto categorie divise in base all età, con partecipanti nati dal 2005 al La novità assoluta di quest anno è la nascita della squadra femminile di calcio: in seguito alle numerose richieste, è stato formato un gruppo di ragazze (nate dal 1997 e negli anni precedenti) che conta ad oggi una decina di giocatrici. Per quest anno l obiettivo è quello di creare lo spirito di gruppo e di prepararsi ad affrontare il prossimo campionato 2011/2012. Oltre al calcio, il Jolly intende avvicinare i giovanissimi al volley e sono state costituite quattro categorie che comprendono mini volley, under 14, juniores e open maschile. La scelta di avvicinare i ragazzi allo sport in oratorio è soprattutto di ordine educativo: il rispetto delle regole e dei compagni di squadra prepara i ragazzi all osservanza delle norme della società in cui entreranno a far parte come cittadini consapevoli. Non si tratta quindi di un semplice svago, ma c è in gioco l educazione degli adulti di domani. abbigliamento 0-16 boutique Fendi Don Dup Tommy Hilfiger Gaudy Petit Bateau Jottum Gallo Club Sports Ferrari Trussardi Junior Douuod Bebebò Monnalisa Scervino Street Jeckerson La Stupenderia Woolrich kid s Laura Biagiotti des ORZINUOVI (BS) P.zza Vittorio Emanuele II, 25 - Tel

11 Fotografie di Schena al Castello di Padernello La poesia della consuetudine. Le fotografie di Fausto Schena. È questo il titolo della mostra che si terrà del 29 ottobre al 31 gennaio prossimo negli spazi espositivi del Castello di Padernello. La mostra è promossa dalla Fondazione che negli anni si è fatta carico del recupero e della valorizzazione dell antico maniero. La mostra sarà visitabile dal martedì al venerdì su prenotazione, il sabato dalle alle e la domenica dalle alle Il costo del biglietto d ingresso è di 5 euro. La mostra fotografica è l ultimo di una serie di appuntamenti che hanno visto la conferma della centralità del Castello di Padernello rispetto alla proposte culturali e di riscoperta delle tradizioni si un territorio importante come quello della Bassa. 11 Orzinuovi. Una presenza significativa nel tessuto socio-assistenziale locale I colori de La Nuvola di Elisa Bassini La società cooperativa sociale onlus La Nuvola è una presenza particolarmente significativa nel territorio della Bassa Bresciana e collabora con numerose realtà locali. Nata nel 1991 per volontà di alcuni amici con pochi soldi ma molte idee, opera da 19 anni nel campo dei servizi alla persona e in particolare nelle aree della disabilità, della salute mentale e dei minori. Un aspetto importante della cooperativa è che i dipendenti (circa 100) sono anche soci, e questo permette, secondo la presidente Rosanna Donzelli di formare lavoratori responsabili e consapevoli. La Nuvola collabora con il Centro Psico-Sociale di Orzinuovi nella gestione di progetti finalizzati al recupero dei pazienti psichiatrici del territorio, con la Fondazione Sagittaria per la salute mentale e la Comunità Socio Sanitaria Enrico e Laura Nolli. Anche nel campo della disabilità la cooperativa è impegnata in diversi fronti Orzinuovi nel sostegno di associazioni di volontariato come Malfalda e nel progetto Oasi del Sollievo, mettendo a disposizione un appartamento come alloggio per i disabili durante il fine settimana ed aiutare le famiglie nella cura dell ospite. Da molti anni, La Nuvola fornisce servizi a minori e famiglie gestendo i centri di aggregazione giovanile e il servizio di Orientagiovani. Nel 2002 si è formata La Nuvola Lavoro con l obiettivo di inserire in un contesto lavorativo persone svantaggiate. La cooperativa, tra l'altro, si propone essa stessa come esempio di azienda sostenibile. Orzivecchi: borsa lavoro L amministrazione comunale di Orzivecchi ha istituito una borsa lavoro per studenti universitari e diplomati inoccupati per l inserimento lavorativo e sussidio formativo negli uffici comunali finalizzato a una preparazione di base utile a una eventuale partecipazione a concorsi pubblico e a una futura attività lavorativa mediatemente ore di addestramento teorico e pratico. La borsa di studio ha una dotazione mensile di 500 euro (lordi) e ha una durata di sei mesi, rinnovabili per altri sei, con una presenza complessiva di 30 ore settimanali. I candidati, al momento della presentazione della domanda di ammissione alla selezione, dovrano dichiarare di essere cittadini italiani, di non aver riportato condanne penali, di non avere procedimenti penali pendenti e di non svolgere alcuna attività lavorativa. I posti sono riservati a candidato almeno in possesso del diploma quinquennale di scuola media superiore. Le domande di partecipazione dovranno pervenire all'ufficio protocollo del comune di Orzivecchi entro e non oltre le 12 dell 11 novembre. Il modulo della domanda di partecipazione è scaricabile dal sito Nuova Più la guardi, più ti sorprendi. Ti sorprende oltre ogni limite, come i KM ILLI M ITAT I della garanzia Tripla Fiducia e i nuovi motori Euro 5. 5 anni di garanzia, 5 anni di assistenza stradale e 5 anni di controlli gratuiti. Gamma i20 GARANZIA KM ILLIMIT AT I ASSISTENZA STRADAL E CONTROLLI GR AT UITI CONCESSIONARIA AutoBarbieri s.r.l. ISORELLA (BS) Via Brescia Tel Tel e Fax Gamma i20: consumo urbano/extraurbano/ combinato (l/100 km) max: 8,8/6,0/7,0. Emissioni CO 2 max (g/km): 142. Prezzo promozionale riferito a i Classic 3 porte Euro 4 abbinato a rottamazione. Grazie al contributo delle Concessionarie aderenti. Offerta valida fino al 30/09/2010. Versione fotografata con allestimenti speciali. * Per le Concessionarie aderenti.

12 12 Sito: Bassa centrale Bagnolo Mella: teatro con Cara... mella L'Associazione teatrale Cara mella, propone anche quest anno, a partire dal mese di novembre, i corsi di teatro in collaborazione con la biblioteca civica e con l'assessorato alla cultura di Bagnolo Mella nell ambito delle iniziative inserite nella convenzione stipulata tra i due enti nel 2006 e rinnovata annualmente. Da questa stagione verranno attivati due gruppi di lavoro: uno per gli alunni delle scuole elementari e il secondo per quelli delle scuole medie e superiori. Il progetto per le scuole elementari è curato da Elisabetta Innocenti; quello per gli adolescenti sarà affidato a Alessandro Barbieri. Gli incontri previsti oper gli alunni delle elementari si terranno il giovedì. Quelli per gli adolescenti il giorno successivo presso la sede dell assiociazione in viale Stazione a Bagnolo. Per informazioni: 030/ e Leno. Un nuovo servizio del Comune per andare in contro alle esigenze della popolazione più anziana Un nuovo centro diurno integrato di Maria Teresa Marchioni A Leno verrà realizzato un centro diurno integrato. La decisione è stata presa dagli amministratori locali che sperano in questo modo di tamponare, almeno in parte, la mancanza di una Casa di riposo. Il nostro Comune spiegano il sindaco Pietro Bisinella e l assessore Giacomo Lazzari è l unico della provincia che, pur avendo più di 10mila abitanti, non dispone di una Casa di riposo. E così sarà ancora per molto. Infatti, anche se la realizzassimo con i nostri soldi, non servirebbe a niente, perché questa ipotetica Casa di riposo non potrebbe essere convenzionata e quindi per gli ospiti che non potrebbero contare sul contributo della Regione, la retta sarebbe un salasso. Attualmente a Leno gli anziani ultra sessantacinquenni sono (il 15% della popolazione). Considerato che il progressivo invecchiamento della popolazione comporta un aumento di persone che presentano problemi di Leno Il 4 novembre a Verolanuova Il comune di Verolanuvoa ricorderà il 6 e 7 novembre il 92 anniversario della vittoria italiana nella prima guerra mondiale e la Festa delle forze armate. Le celebrazioni, come si legge in un manifesto predisposto dall'amministrazione comunale, ricorderanno tutti i militari caduti nelle diverse missioni sostente dalle forze armate. Nella serata di sabato 6, con inizio alle 20.30, presso il salone della biblioteca si terrà una serata organizzata dal locale Gruppo Alpini. La giornata di domenica 7 verrà celebrata con manifestazioni distinte a Breda Libera (alle 10 la santa messa), a Verolanuova (s.messa alel 11 in Basilica) e a cadignano (santa messa alle 10.30). natura biologica, psicologica, relazionale e sociale, abbiamo deciso di percorrere un altra via. Il Centro troverà posto nei locali dell ex Centro sociale Garda, uno stabile di proprietà del Comune, che già ora viene utilizzato come punto di ritrovo e animazione per gli anziani del paese. Siamo consapevoli di non risolvere il problema riferiscono il sindaco Bisinella e l assessore Lazzari ma di sicuro con il Centro diurno integrato mettiamo un altro importante tassello che dà corpo a quella rete dei servizi sociali, che stiamo implementano sempre più. I lavori di sistemazione dello stabile costeranno circa 130mila euro e inizieranno a giorni. All interno di questa struttura verranno erogati diversi servizi: si va dai servizi alla persona (supporto nelle attività della vita quotidiana, nella assunzione dei cibi e delle bevande, nella cura della persona), ai servizi sanitari e riabilitativi, passando per i servizi di animazione e di socializzazione (interventi di gruppo o individuali quali spettacoli, giochi, attività manuali e pratiche, letture). CENTRO REVISIONI AUTO E MOTO DI TUTTE LE MARCHE TUTTI I GIORNI E SABATO MATTINA TEL FAX

13 13 Montirone. Completato un importante intervento di bonifica ambientale con una spesa di 45mila euro Messa in sicurezza un area ad alto rischio ambientale A tre anni dal fallimento e dal progressivo abbandono dell'impianto industriale sono stati compiuti i necessari interventi in vista della soluzione definitiva di Maria Teresa Marchioni Il municipio di Montirone L amministrazione comunale di Montirone ha completato la bonifica del sito su cui sorgeva la ditta Cim, da tempo dismessa. La spesa sostenuta è di 45 mila euro. La Cim, conosciuta come Cb Griglie, aveva sede in via Borgosatollo. La ditta, famosa per la produzione di grigliette per uso domestico, era provvista di un impianto di depurazione e decantaggio delle acque lavorate, con relativo scarico, autorizzato dalla Provincia di Brescia nella fontana adiacente. Nel novembre del 2007 però la ditta fallisce e da quel momento al giugno del 2009 l area è rimasta abbandonata; non era stata fatta nessuna opera di messa in sicurezza. In merito alla questione l assessore all ambiente ed ecologia Eugenio Stucchi specifica che la situazione di quest area, sia all esterno che all interno, era disastrosa: c erano serbatoi pieni di acidi, vasche a cielo aperto con all interno liquidi verdastri All interno, inoltre, c erano cumuli di rifiuti portati un poco alla volta dai soliti ignoti. Inoltre nei mesi in cui la struttura è stata abbandonata qualcuno è entrato e si è portato via porte, finestre, cavi elettrici, condizionatori e tutto ciò che si poteva. Preso visione della situazione, in collaborazione con la Provincia di Brescia, l Arpa e il curatore fallimentare, abbiamo iniziato la procedura per la messa in sicurezza dell'aerea. Questo intervento risale all agosto del E nell agosto del 2010 siamo finalmente riusciti a completare l'opera. Visti i tempi che cor- rono, credo valga la pena precisare che l amministrazione comunale ha fatto uno sforzo notevole: abbiamo infatti speso ,92 euro, che per un Comune come il nostro non sono pochi. Con questi soldi abbiamo installato pizzometri per l'analisi delle falde acquifere, analizzato gli strati del terreno, chiuso tutti gli scarichi verso la roggia e smaltito alcuni materiali presenti all'esterno. Abbiamo inoltre chiuso tutti i locali con relativo controllo a carico del curatore fallimentare. Ma non è tutto l assessore spiega anche che vista la tipologia della lavorazione di questa azienda, mi chiedo se non era opportuno negli scorsi anni seguirla meglio in collaborazione con gli enti preposti, così da evitare che accadesse ciò che invece è accaduto. Mi riferisco al lungo periodo intercorso fra il novembre del 2007 al maggio del 2009, mesi in cui nessuno della precedente amministrazione comunale si è interessato di questo sito abbandonato». Dopo aver messo mano alla prima parte dell intervento, l amministrazione comunale seguirà l evolversi della situazione affinché si arrivi alla completa bonifica. «Pur essendo consapevoli delle difficoltà economiche che incontreremo riferiscono dal Comune - non possiamo dimenticare che agire in tal senso è un nostro preciso dovere A C C E S S O R I A C C E S S O R I GHEDI, PIAZZA ROMA 33 TEL MANERBIO, VIA XX SETTEMBRE 61 TEL ABBIGLIAMENTO E ACCESSORI UOMO DONNA ABBIGLIAMENTO E ACCESSORI UOMO

14

15 15 Bassa orientale Rassegna Antiquaria pronta al via in Fiera È attesa dal 30 ottobre al 7 novembre 2010 la nuova edizione di Rassegna Antiquaria, mostra promossa dal Centro Fiera di Montichiari che rappresenta ormai una tradizione consolidata per il pubblico di collezionisti ed appassionati. Rassegna Antiquaria è un appuntamento di riferimento nel panorama degli eventi dedicati all antiquariato, spiega Ezio Zorzi, direttore del Centro Fiera di Montichiari. L edizione 2009 ha richiamato oltre cento espositori, con un offerta di alto profilo che ha riscosso notevole interesse. L obiettivo per il 2010 è consolidare il livello e proporre una mostra ancora più ricca di contenuti. Dalla nostra affermano abbiamo un territorio particolarmente recettivo. Montichiari. L evento, prossimo alla conclusione, è organizzato dalla locale associazione Davide Rodella onlus Conto alla rovescia per la borsa di studio Francesco Rodella La commissione sta valutando gli studi per la tredicesima edizione del riconoscimento medico-scientifico promosso con Avis e Aido di Federico Migiorati Un iniziativa della Fondazione Rodella Lavori in corso per l associazione Davide Rodella onlus che si sta preparando all evento clou dell anno, l assegnazione della borsa di studio Francesco Rodella in programma sabato 4 dicembre alle ore 10 nella sala consiliare del Comune di Montichiari. L appuntamento, giunto al traguardo delle 13 edizioni, è organizzato in collaborazione con Avis e Aido provinciali e Avis e Aido di Montichiari e premia il miglior lavoro di ricerca nel campo medico scientifico per medici e biologi nelle discipline di ematologia, cardiologia, oncologia, chirurgia e trapianti di organi, tessuti e cellule, oggetto del bando di concorso relativo. Il vincitore si porterà a casa un assegno di ben 10mila euro messi a disposizione con grande generosità dall associazione Davide Rodella onlus. La borsa di studio Francesco Rodella ha ormai assunto un importanza che va ben oltre i confini regionali tanto da essere diventata uno degli appuntamenti fissi nel settore, riconosciuta a livello medico e scientifico per l alto livello dei lavori svolti. È un impegno, quello del dottor Antonio Rodella (amministratore dell associazione), che viene portato avanti con grande professionalità e che lo ha spinto nel tempo ad unire sempre più persone esperte nei rispettivi settori al fine di raggiungere quell obiettivo che si era prefisso nel 1998 alla scomparsa del fratello Francesco, vale a dire trasformare un appuntamento in una tradizione cercando di far convergere sempre più luminari della medicina nel contrasto alle malattie. E sinora i tanti successi ottenuti e gli apprezzamenti giunti da tutto il mondo medico e scientifico sono la soddisfazione maggiore. Musica. Successo per l iniziativa che ha animato molte serate dell estate monteclarense Dopo le "Note" prosegue l'attività di sensibilizzazione L estate 2010 è andata in archivio e anche la rassegna musicale Note sotto le stelle, organizzata da Aido e Scuola d archi Pellegrino da Montechiaro, ha concluso da poco la sua decima edizione nella splendida cornice del Gardaforum: protagonisti dell ultimo dei quattro concerti sono stati il violinista Glauco Bertagnin e il violoncellista Luigi Puxeddu accompagnati dal pianista Giampaolo Stuani. I tre hanno portato in scena, davanti ad un pubblico numeroso, due brani di Beethoven e di Mendelssohn, rispettivamente il Trio in re magg. op. 70 n. 1 e il Trio in re min. op. 49. Prima del concerto sono state consegnate agli ex presidenti delle due associazioni organizzatrici, Carlo Sbrini e Ines Nodari, due targhe-ricordo, una sorta di ringraziamento a chi ha voluto, 10 anni fa, la rassegna "Note sotto le stelle, proseguita poi grazie agli attuali numeri 1 delle due associazioni, Paolo Percassi e Maria Rosa Baratti unitamente al direttore artistico dell iniziativa, il Maestro Giacomo Bellini. Durante l estate si sono susseguiti con pieno successo i momenti musicali con musicisti e formazioni di alto livello: dall Ensemble da camera I Cinque Quarti, esibitasi il 18 luglio sino al quartetto jazz La Movida di Titti Castrini che ha strabiliato tutti il 1 agosto sino al recital del chitarrista gardesano Luca Lucini, il 4 settembre. Parallelamente alla rassegna sono proseguite anche le attività di sensibilizzazione della popolazione sul tema della donazione di organi, fine principale dell Aido, che continueranno nei prossimi mesi. L obiettivo dell associazione è arrivare ai 1000 iscritti, un traguardo che potrebbe essere raggiunto già nel Per informazioni: 030/ (f.m.)

16 16 Sito: Carpenedolo: non solo novello Promossa dalla Pro loco presieduta da Mario Ferrari si tiene, domenica 14 novembre a Carpenedolo l'iniziativa enogastronomica Non solo novello. La centrale piazza Matteotti ospiterà a partire dalle 14 un percorso enogastronomico del gusto in cui a farla da padrone sarà ovviamente il vino novello. I partecipanti potranno degustare altri prodotti locali e, grazie al coinvolgimento di alcuni operatori locali, anche alcune gustose novità come il risotto e il gelato al novello. A completare la giornata la Pro loco ha pensato anche ad una serie di intrattenimenti musicali. L'iniziativa Non solo novello si tiene a Carpenedolo in concomitanza con un altro momento particolarmente apprezzato dalla popoazione come il mercato agricolo. La giornata precede di qualche settimana l attesa Fiera del torrone. Ghedi. Dibattito su un pezzo di storia e di cultura locale a rischio per lo stato di forte degrado Palazzo Orsini: ipotesi di recupero di Elisa Bassini Palazzo Orsini Rapoceldone in scena a Montichiari La compagnia teatrale Rapolcedone di Carpenedolo, nell ambito del cartellone della stagione teatrale che si svolgerà al teatro G. Bonoris di Montichiari, il prossimo 14 novembre, con inizio alle 17, presenterà il suo ultimo lavoro. Si tratta dell allestimento scritto da Velise Bonfante dal titolo Dumà compese j-agn con la regia di Severino Boschetti. Il costo del biglietto d ingresso per platea e palchi (che può essere acquistato prima dello spettacolo) è di 6 euro. I biglietti possono essere acquistati anche on prevendita sabato 13 dalle ore 16 alle 19 presso il botteghino del teatro monteclarense. Sicuramente molti ghedesi non conoscono la storia di quel grande edificio, di dimensioni fuori scala rispetto al minuto tessuto urbano del centro, che è Palazzo Orsini. Fatto costruire da Niccolò III Orsini agli inizi del Cinquecento, la dimora è ora ridotta ad un rudere e rischia di essere demolita. Il Gruppo archeologico e la Pro Loco di Ghedi hanno avviato una serie di iniziative per sensibilizzare istituzioni e opinione pubblica per la salvaguardia di questo pezzo di storia bresciana. Venerdì 22 ottobre ha avuto luogo una serata scientifico-divulgativa durante la quale sono intervenuti Matteo Ferrari, ricercatore della Scuola Normale Superiore di Pisa e Vincenzo Gheroldi, funzionario della Soprintendenza dei Beni architettonici e paesaggistici. Dai contributi dei due studiosi è emersa l importanza della committenza di Niccolò III Orsini, membro dell illustre famiglia romana e comandante al soldo dell esercito della Repubblica di Venezia. Proprio la Serenissima volle premiarlo del feudo di Ghedi, dove l Orsini edificò la propria dimora intorno al In origine il palazzo presentava un porticato e un elegante loggia al piano superiore. Le pareti erano coperte da affreschi raffiguranti le gesta di Niccolò ad opera del pittore Girolamo Romanino. Dopo la morte dell Orsini, l edificio venne modificato e le pitture strappate si dividono tra il Museo di Budapest, la Pinacoteca di Tosio Martinengo di Brescia e la collezione di Ugo da Como. Per mantenere viva la memoria di una testimonianza così importante, il Gruppo archeologico di Ghedi si sta adoperando per la sua salvaguardia. Per comprendere meglio la figura dell Orsini, il gruppo ha inoltre organizzato una visita nei luoghi d origine dell Orsini, a Pitigliano e nella Maremma toscana, prevista dal 22 al 25 aprile Kg. 5 ricarica* 10,00 Kg. 10 ricarica* 18,00 Kg. 15 ricarica* 26,00

17 Unità operativa attiva dal 1 gennaio 2004 È dal 1 gennaio 2004 che l ospedale di Montichiari, uno dei presidi dell azienda ospedaliera Spedali civili di Brescia, dispone di una unità operativa di medicina d urgenza e d emergenza, un servizio universalmente noto come pronto soccorso. Otto sono i medici dell unità operativa che, coordinati dal responsabile, il dott. Massimo Bocchicchio, garantiscono, insieme a 16 infermieri, il funzionamento dell unità operativa. Il pronto soccorso si trova al piano -1 del Presidio Ospedaliero di Montichiari. Occupa una superficie di 800 mq ed è costituito da una camera calda (luogo di arrivo di ambulanze ed autoveicoli), da un area triage (luogo dove avviene la presa in carico infermieristica), da una sala d attesa, da un area amministrativa e da un'area di cura. 17 Montichiari. Intervista al dott. Massimo Bocchicchio, direttore dell'unità E.R. dagli Usa alla Bassa di Massimo Venturelli Quella della medicina d'urgenza e d'emergenza è una disciplina relativamente giovane che ha preso piede in Italia soltanto negli ultimi 15 anni. Parte da questa considerazione l'intervista con il dott. Massimo Bocchicchio direttore dell unità operativa di medicina d urgenza del presidio ospedaliero di Montichiari. Sin dalla sua istituzione, avvenuta il 1 gennaio del 2004, è stato responsabile della struttura, ne ha seguito passo a passo lo sviluppo e la crescita. La sua è una vera e propria passione per la medicina d urgemza e d emergenza, che l ha portato a lasciare la medicina intesiva per dedicarsi a quella che, in fase di avvio, si presentava come una vera e propria sfida. Prima che la medicina d urgenza diventasse specialità autonoma ricorda il dott. Bocchicchio i medici che prestavano servizio al pronto soccorso venivano dalle esperienze più diverse e spesso trovavano grandi difficoltà Il dott. Massimo Bocchicchio nel dedicarsi a una attività medica che poco o nulla ha a che fare con quella svolta in altre unità operative. Viene spontaneo, a questo punto, domandare al medico se l'immagine dei medici da pronto soccorso che gli italiani si sono fatti grazie alla fortunata serie E.R. corrisponda al vero. In qualche modo sì è la sua risposta perchè la medicina d'urgenza è nata proprio negli Stati Uniti e ha il suo punto di forza in professinisti formati proprio per affrontare i casi che arrivano con tempestività e precisione, tanto che anche in Italia si è avvertita l'esigenza una specifica formazione. Una realtà in crescita Da sei anni alla guida del Pronto soccorso di Montichiari, il dott. Bocchicchio, che è anche membro del consiglio direttivo della Società italiana di medicina di emergenza e d'urganze, ha visto progressivamente crescere l'u.o. affidata alla sua direzione. In sei anni racconta siamo passati dagli 11/12mila accessi iniziali ai 22mila attuali. Si tratta di persone che si recano al pronto soccorso per i problemi più diversi: dalle malattie o traumi che mettono in pericolo la vita alle cosiddette urgenze minori, dalla piccola traumatologia ai piccoli e grandi problemi psicosociali, dalle malattie croniche riacutizzate alla malattie incurabili. Tra questi pazienti ci sono uomini, donne e bambini di ogni età e nazionalità; per alcuni di loro spesso il pronto soccorso rappresenta l unico accesso al sistema sanitario. Ogni paziente è accolto e ascoltato, il suo problema viene valutato da medici esperti nelle cure in urgenza e se necessario approfondito con l ausilio di esami strumentali e di laboratorio. Questa attività di ascolto afferma il dott. Bocchicchio ha ridotto di molto il numero di quanti si rivolgono al pronto soccorso pur non avendone uno stretto bisogno.

18

19 19 Economia L incontro Stefano Dotti Presidente Autorità d'ambito di Brescia Al lavoro per il futuro del servizio idrico L'Autorità davanti a due mesi di intenso lavoro Stefano Dotti di Mario Garzoni Abbiamo davanti poco più di due mesi di lavoro per programmare il futuro del servizio idrico integrato in provincia di Brescia esordisce così Stefano Dotti, Presidente del Consiglio di Amministrazione dell Autorità d Ambito di Brescia. Il riferimento del Presidente è alla data del 31 dicembre prossimo, una data particolare perché segnerà l ormai sempre più probabile conclusione delle attività dell Aato con il passaggio delle sue competenze e funzioni ad un altro soggetto. In questi mesi non si sono registrati mutamenti del quadro normativo nazionale prosegue Dotti per cui allo stato attuale permane la disposizione introdotta lo scorso marzo che sopprime le Autorità d Ambito alla fine dell anno e assegna alle Regioni il compito di stabilire quale soggetto dovrà subentrare alle stesse Aato. Di recente la Regione Lombardia ha presentato all Unione delle Province Lombarde e all Associazione dei Comuni della Lombardia un testo di legge che intende approvare nel breve nel quale viene disciplinata l assegnazione alle Province delle competenze dell Aato. Se da una parte ritengo corretto riconoscere anche su questa partita alle Province il ruolo di ente deputato alla pianificazione a scala sovracomunale (Dotti come noto ricopre anche la carica di Assessore all Ambiente della Provincia ndr), dall altra non posso non rilevare che il passaggio delle competenze, alla luce anche delle attuali previsioni contenute nel progetto di legge della Regione Lombardia, Depurazione: nodo critico Ma è ancora il servizio di depurazione delle acque il nodo più critico continua Dotti ed è proprio sulla depurazione che abbiamo concentrato e concentreremo i nostri investimenti.tra il 2007 e il 2010 sono giunti a completamento molti degli interventi che avevamo finanziato attraverso specifici accordi di programma, oltre 100 milioni di euro di investimenti che oggi permettono a molti Comuni le cui acque reflue non venivano trattate di raggiungere un impianto di depurazione. Nella Bassa, a Rudiano, è stato un nuovo impianto di depurazione, sono in procinto di partire i lavori per due grandi impianti di depurazione a Torbole Casaglia e a Rovato che risolveranno definitivamente i problemi di oggi di una può senza dubbio produrre una battuta d arresto nel processo decisionale che riguarda il servizio idrico integrato. Ecco perché intendiamo accelerare da qui alla fine dell anno piuttosto che fermarci vasta area. Stiamo conducendo una frenetica attività di ricerca di finanziamenti, in particolare in ambito comunitario, consapevoli che lo sforzo economico per realizzare queste opere non possa ricadere esclusivamente sulle tariffe pagate dai cittadini spiega Dotti ma credo sia necessario anche rendere finanziariamente più solida la gestione del servizio idrico integrato. Il Presidente in questo modo anticipa l altro aspetto sul quale l Aato intende entro la fine dell anno assumere una decisione in merito a una possibile aggregazione delle gestioni che oggi operano sul territorio per formare un unica società che a quel punto avrebbe una dimensione tale da rendere attuabili i progetti dell Aato. con il rischio di dilatare ulteriormente un rallentamento che sarà fisiologico. E le cose da fare non mancano certo. A partire dalla revisione del Piano d Ambito continua il Presidente Dotti con la quale ci proponiamo di ridefinire la programmazione degli investimenti sulle infrastrutture del servizio idrico verificando la possibilità di anticipare quanto più possibile gli interventi più urgenti. L Autorità d Ambito, infatti, grazie anche a quanto è ulteriormente emerso nel precedente triennio di gestione, ha condotto una nuova e più puntuale ricognizione dello stato dei servizi idrici sull intero territorio provinciale, identificando le maggiori criticità sia in termini infrastrutturali che igienicosanitari e conseguentemente individuando in modo più preciso gli interventi che ne consentiranno il superamento. Così, a fronte di dotazioni idriche insufficienti o qualitativamente problematiche sono stati proposti interventi di miglioramento sulla rete di distribuzione, adeguamenti dei sistemi di potabilizzazione delle acque o ancora la ricerca di nuove fonti di approvvigionamento per alimentare reti idriche al servizio di più Comuni. Sul fronte della fognatura e del collettamento delle acque reflue sono state messe a fuoco le situazioni più critiche, dove per esempio la copertura del servizio è percentualmente inferiore alla media provinciale ovvero particolarmente precaria o insufficiente.

20 20 Sito: Una storia iniziata nel 1970 Il 2010 per Cogeme è un anno particolare. La multiutility oggi guidata da Gianluca Delbarba, festeggia il 40 anniversario della sua fondazione. Era infatti il 1970 quando per iniziativa di alcuni comuni si dava vita a una società pubblica che avesse in quel contesto storico l obiettivo di metanizzare i terrotori dei comuni fondatori. Già nel nucleo fondativo erano presenti alcuni comuni della Bassa come Castrezzato, Comezzano/Cizzago, Rudiano, Lograto, Maclodio e Urago d Oglio, anche se per tradizione Cogeme è stata configurata come una realtà tipicamente franciacortina. Nel corso della sua storia Cogeme ha visto aumentare nella sua compagine societaria il numero dei comuni bassaioli Cogeme. Intervista al presidente della multiutility Gianluca Delbarba sul rapporto con le comunità della Bassa Una collaborazione che non è solo fornitura e gestione di servizi Storicamente una relazione c è sempre stata con questa parte del territorio bresciano. È necessario però, come è avvenuto altrove, qualificarla ulteriormente di Massimo Venturelli A fronte del forte radicamento con la Franciacortia il rapporto tra Cogeme e i comuni della Bassa bresciana è forte e sensibile a interessanti sviluppi. Ad affermarlo è Gianluca Delbarba attuale presidente di una delle prime società per azioni dei Comuni in Italia. Quello con la Bassa è un rapporto forte non soltanto perchè nella compagine societaria sono presenti ben 24 comuni bassaioli, ma anche perchè proprio a questo territorio Cogeme fornisce un considerevole numero di servizi pubblici. La parte del leone Gianluca Delbarba, presidente di Cogeme afferma Delbarba la fa sicuramente la gestione del servizio idrico integrato. Sono molti i comuni della parte occidentale della Bassa (sino a Quinzano) che hanno affidato alla multiutility che ha la sua sede a Rovato la gestione dell importante servizio. Sul fronte della raccolta dei rifiuti continua il presidente di Cogeme siamo presenti in quasi tutti i comuni della Bassa ad eccezione di Orzinuovi, Quinzano e San Paolo2 Anche se queste sono le principali attività che legano Cogeme alla Bassa vi sono altri settori in cui la collaborazione è avviata. Lavoriamo con alcune amministrazioni comunali locali nel settore del calore, gestendo gli impianti termici pubblici sottolinea Delbarba.Così come abbiamo messo a disposizione di questa parte del Bresciano le nostre competenze e i nostri servizi nel campo del fotovoltaico. Insomma Cogeme, società tradizionalmente associata alla Franciacorta, considera la Bassa un territorio baricentrico. Con la costituzione di LGH, la holding con le municipalizzate di Cremona, Pavia, Lodi e Crema, la Bassa afferma Delbarba diventa centrale per Cogeme. Sviluppi. La positiva esperienza di Pianura sostenibile realizzata grazie alla Fondazione Cogeme Al fianco dei comuni per uno sviluppo responsabile Il legame con un territorio non può alimentarsi soltanto di rapporti che hanno una natura commerciale. È necessario invece che le amministrazioni locali, la gente percepiscano l attenzione per un area territoriale non come occasione per fare fatturato. Anche i vertici di Cogeme, presidente in testa, sono convinti di questo e, negli anni l hanno dimostrato affiancando i comuni clienti in operazioni che vanno al di là della fornitura de iservizi già ricordati. Il rapporto con la Franciacorta è stato in qualche modo paradigmatico. Grazie alla Fondazione Cogeme, una onlus nasce alcuni anni fa come braccio solidale della multiutility, è stato messo in campo il progetto Franciacorta sostenibile per aiutare le comunità interessata a progettare responsabilmente e con criteri condivisi lo sviluppo futuro del territorio. ll percorso è iniziato nel 2007 con l individuazione di comuni indicatori ambientali da inserire negli strumenti di pianificazione territoriale: il Piano di governo del territorio (Pgt) e la Valutazione ambientale strategica. Iniziativa analoga, anche grazie ad una maggiore disponibilità di un numero sempre più ampio di amministrazioni loca- Cogeme li ricorda Gianluca Delbarba è stata avviata anche nella Bassa. Da qualche tempo ha preso il via il progetto Pianura sostenibile, un percorso a servizio degli enti locali e degli amministratori che, partendo dalle enunciazioni e dalle norme, per la realizzazione progetti e buone pratiche di sostenibilità da recepire negli indirizzi per la redazione del Piano di governo territoriale. È questa una delle vie conclude il presidente di Cogeme che la nostra società deve percorrere per alimentare il un rapporto sempre più stretto con la Bassa.

RISULTATI DELLA RICERCA

RISULTATI DELLA RICERCA RISULTATI DELLA RICERCA 2011 Ricerca nazionale sul gioco d'azzardo 2011- Ricerca nazionale sulle abitudini di gioco degli italiani - curata dall Associazione Centro Sociale Papa Giovanni XXIII, e coordinata

Dettagli

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti DOMENICA 27 SETTEMBRE Parrocchia SS. Nazario e Celso MM. - Urgnano Oratorio S. Giovanni Bosco FESTA DI INIZIO ANNO PASTORALE Ore 10.30 S. MESSA di apertura del nuovo ANNO PASTORALE In questa occasione

Dettagli

Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8

Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8 Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8 Normalmente azzardo perché il gioco d azzardo è anch esso una forma di gioco normale, ma anche perché possiamo dire che in qualche

Dettagli

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani Simone Feder 2004: Fabio Fabio, un ragazzo di 15 anni chiedeva un consiglio per aiutare suo padre, caduto da alcuni mesi in una rete sconosciuta che catturava

Dettagli

Il Vostro Sindaco Bruno Piva

Il Vostro Sindaco Bruno Piva Cari cittadini, Il Natale è ormai vicino e in questa occasione, di riflessione e di nuovo inizio, è con gioia che rivolgo a tutti i più sinceri auguri di buone festività. Il momento è sicuramente difficile

Dettagli

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO Sommario Questo capitolo tratta di gioco d azzardo e di gioco d azzardo problematico. Le esercitazioni di questo capitolo le consentiranno

Dettagli

Pro r p o ost s e past s or o a r li l per l'anno 2010/2011

Pro r p o ost s e past s or o a r li l per l'anno 2010/2011 Proposte pastorali per l'anno 2010/2011 LITURGIA A - Settimana Eucaristica: 10-17 ottobre 2010 per tutta la Comunità Pastorale: tema Eucarestia e vita. B - Celebrazioni Comunitarie alle ore 21.00: 1 settembre,

Dettagli

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Matteo SIMONE Silvio Trivelloni sceglie l Atletica Leggera alla scuola media con il Concorso Esercito Scuola e poi diventa un Atleta

Dettagli

Relazione al bilancio di previsione. Antonella Ferrari Assessore alla Cultura, Tempo libero Pubblica Istruzione, Servizi informativi Comunicazione

Relazione al bilancio di previsione. Antonella Ferrari Assessore alla Cultura, Tempo libero Pubblica Istruzione, Servizi informativi Comunicazione Relazione al bilancio di previsione Antonella Ferrari Assessore alla Cultura, Tempo libero Pubblica Istruzione, Servizi informativi Comunicazione Anno 2013 Pubblica Istruzione Dimensionamento Scolastico

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

A.I.D.O. gruppo Carpenedolo-Acquafredda

A.I.D.O. gruppo Carpenedolo-Acquafredda A.I.D.O. gruppo Carpenedolo-Acquafredda c/o Ritrovo Giovanile Via Marconi, 5 Carpenedolo tel. 030/969292 Giovanni Roncadori tutti i cittadini. promuovere il rafforzamento della solidarietà umana e diffondere

Dettagli

La nostra esperienza con Youth Bank Emily, Francesca C., Margherita, Tobia

La nostra esperienza con Youth Bank Emily, Francesca C., Margherita, Tobia La nostra esperienza con Youth Bank Emily, Francesca C., Margherita, Tobia L esperienza da giovani banchieri dei ragazzi della è cominciata con un invito lanciato dalla loro sempre superattiva referente

Dettagli

1 livello: alfabetizzazione di base per alunni neo immigrati 2 livello: rinforzo, consolidamento della lingua italiana

1 livello: alfabetizzazione di base per alunni neo immigrati 2 livello: rinforzo, consolidamento della lingua italiana dal POF 6.. Progettii comunii a tuttii ii pllessii Progetto di accoglienza per alunni di lingua non italiana Il Progetto di Accoglienza del nostro Istituto è articolato in diversi interventi educativo

Dettagli

Presentazione dell Associazione ONLUS GRUPPO A.M.A. ASCOLTO Venaria DEFINIZIONI AUTO ( AIUTO) Dal greco di sé stesso, da sé spontaneamente, con mezzi propri. MUTUO (AIUTO) dal sistema didattico del sec.

Dettagli

Istituto Albert di Lanzo

Istituto Albert di Lanzo Istituto Albert di Lanzo Profilo Quadro orario Prospettive di studio e occupazionali www.istituto-albert.it Profilo del Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, dovranno: aver acquisito le conoscenze

Dettagli

Scheda di Contatto LIG - Lazio In Gioco Sportelli Regionali di Ascolto / Orientamento

Scheda di Contatto LIG - Lazio In Gioco Sportelli Regionali di Ascolto / Orientamento Scheda di Contatto LIG - Lazio In Gioco Sportelli Regionali di Ascolto / Orientamento Con l'ausilio di questa scheda gli sportelli di ascolto, orientamento ed animazione sociale sul gioco d'azzardo patologico

Dettagli

"Sono lusingata per il riconoscimento e la fiducia che mi è stata a accordata - dichiara la neo

Sono lusingata per il riconoscimento e la fiducia che mi è stata a accordata - dichiara la neo Non Profit: eletti i nuovi vertici del MODAVI, Bellucci presidente per rinnovare gli organi dirigenti dell associazione. È stata eletta presidente Maria Teresa Bellucci, psicologa e psicoterapeuta; mentre

Dettagli

gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso

gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso IL GIOCO D AZZARDO Il gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso cresce giorno per giorno, portando molte persone a bruciarsi il proprio stipendio in 10 minuti, guadagnato

Dettagli

FATTI FURBO Progetto di prevenzione delle dipendenze nella società dei consumi

FATTI FURBO Progetto di prevenzione delle dipendenze nella società dei consumi COMUNI DI CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO PROVINCIA DI LECCE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE CASARANO ASL LECCE D.S.S. 9 CASARANO Tel.: 0833 502428-0833 514227 Fax: 0833 514227

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza presentazione a cura di Fondazione di Piacenza e Vigevano Dopo 26 anni dall apertura del Teatro San Matteo, Teatro Gioco Vita

Dettagli

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO associazione per il bambino in ospedale numero 34 maggio 2015 Amico ABIO UDINE Periodico quadrimestrale di informazione di ABIO Udine Onlus Direttore Responsabile: Paola Del Degan Redazione: Paola Caselli,

Dettagli

Brevi indicazioni operative per le famiglie

Brevi indicazioni operative per le famiglie Brevi indicazioni operative per le famiglie È consigliato un abbigliamento comodo, con scarpe da ginnastica, per permettere ai bambini di giocare senza difficoltà. I bambini che entrano al Centro dopo

Dettagli

ASD POLISPORTIVA SAN DONATO Assemblea Ordinaria dei soci 2013

ASD POLISPORTIVA SAN DONATO Assemblea Ordinaria dei soci 2013 ASD POLISPORTIVA SAN DONATO Assemblea Ordinaria dei soci 2013 DOMENICA 21 APRILE 2013 VERBALE Alle ore 12,15 si apre l Assemblea dei Soci della ASD Polisportiva San Donato, convocata in seconda convocazione

Dettagli

F E S T I V I T A N A T A L I Z I E 2015/2016 P R O G R A M M A

F E S T I V I T A N A T A L I Z I E 2015/2016 P R O G R A M M A F E S T I V I T A N A T A L I Z I E 2015/2016 P R O G R A M M A P R E S E P I dal 25 dicembre Presepe vivente borgata Fornacelle Giorni 26-27 dicembre e 1-2-3-6 e 10 gennaio 2016 / dalle ore 18.00 alle

Dettagli

Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società Modena Calcio - rappresentanze di tifosi UISP Modena Progetto Ultrà

Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società Modena Calcio - rappresentanze di tifosi UISP Modena Progetto Ultrà Progetto/azione Il tifoso protagonista della sicurezza Responsabilità Gabinetto del Sindaco Politiche per la Sicurezza Urbana Soggetti coinvolti Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società

Dettagli

Comunità Pastorale Spirito Santo. Pastorale Giovanile

Comunità Pastorale Spirito Santo. Pastorale Giovanile Comunità Pastorale Spirito Santo Pastorale Giovanile Oratorio Estivo 2012 1 Chi può parteciparvi. Nelle sedi di Carate Brianza Tutti i ragazzi che vanno dai 6 ai 14 anni compiuti. Gli adolescenti (cioè

Dettagli

Una finestra sul mondo

Una finestra sul mondo Domus Coop Una finestra sul mondo LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è uno strumento che noi della Cooperativa Sociale Domus Coop mettiamo a disposizione di chi vuole conoscerci per orientarsi al

Dettagli

PERIFERIA chiama! MILANO risponde?

PERIFERIA chiama! MILANO risponde? PERIFERIA chiama! MILANO risponde? CONSULTA PERIFERIE MILANO Associazione culturale San Materno-Figino PERIFERIA chiama! MILANO risponde? Martedì 25 gennaio 2011 Periferie: come stiamo? La parola agli

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Per rendere fruttuosa la riunione che faremo, preghiamo tutti di lavorare con la seguente modalità:

Per rendere fruttuosa la riunione che faremo, preghiamo tutti di lavorare con la seguente modalità: Tutti i gruppi delle parrocchie di S.Agnese e S.Andrea sono invitati a confrontarsi sulla seguente bozza di progetto educativo e a dare il proprio contributo nel corso dell incontro di venerdì 28 marzo

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate Via Codussi, 5 24124 Bergamo Tel 035243373 Fax: 0353831961 e-mail: segreteria@darosciate.it -bgic81400p@pec.istruzione.it

Dettagli

COMUNITA DELLA PIANURA BRESCIANA FONDAZIONE DI PARTECIPAZIONE

COMUNITA DELLA PIANURA BRESCIANA FONDAZIONE DI PARTECIPAZIONE CARTA DEL SERVIZIO COMUNITA DELLA PIANURA BRESCIANA FONDAZIONE DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La Carta del Servizio è uno strumento che permette la trasparenza delle azioni e che favorisce la partecipazione

Dettagli

edizione 2016 Servizio di salute mentale di Trento In collaborazione con:

edizione 2016 Servizio di salute mentale di Trento In collaborazione con: Servizio di salute mentale di Trento In collaborazione con: Unità Operativa Psicologia clinica di Trento edizione 2016 Programma formativo sul disagio psico-sociale e sulla valorizzazione della famiglia

Dettagli

Programma 2014 SCUOLA TENNIS TCB

Programma 2014 SCUOLA TENNIS TCB Programma 2014 SCUOLA TENNIS TCB Maestri: Bernasconi Marco 079 337 30 56 Balconi Marco 076 537 19 38 Zotti Fabio 076 679 78 02 Mark Mudro 079 209 16 12 www.tcbellinzona.ch Via Brunari, 6500 Bellinzona

Dettagli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli Centro di Orientamento dell Alto Friuli Azienda per i Servizi Sanitari n. 3 Alto Friuli Distretto Socio-sanitario n. 1 Distretto Socio-sanitario n. 2 C.I.C. Centro Informazione e Consulenza Dipartimento

Dettagli

SONDAGGIO SULLA VISIBILITÀ DEL CEIS SUL TERRITORIO

SONDAGGIO SULLA VISIBILITÀ DEL CEIS SUL TERRITORIO Centro di Solidarietà di Reggio Emilia SONDAGGIO SULLA VISIBILITÀ DEL CEIS SUL TERRITORIO AMA re CeIS Auto mutuo aiuto Centro di solidarietà di Reggio Emilia Onlus E Associazione Servire l Uomo Luglio

Dettagli

SERVIZI PER PERSONE CON PROBLEMI DI SALUTE MENTALE O DIPENDENZA

SERVIZI PER PERSONE CON PROBLEMI DI SALUTE MENTALE O DIPENDENZA SERVIZI PER PERSONE CON PROBLEMI DI SALUTE MENTALE O DIPENDENZA Servizio tossicodipendenze (Ser.T.) 10 Il Ser.T. dell Asl 2 Savonese si occupa della cura delle persone che hanno problemi di dipendenza

Dettagli

il teatro per le scuole

il teatro per le scuole stagione teatrale 2014-2015 il teatro per le scuole STAGIONE LIRICA GUIDA ALL ASCOLTO E PROVA APERTA OPERA DOMANI XIX edizione STAGIONE TEATRALE GIORNATA DELLA MEMORIA SCUOLA DI TEATRO INCONTRI PER I PIÙ

Dettagli

UN FUTURO... ROSSOBLÙ: sport e formazione

UN FUTURO... ROSSOBLÙ: sport e formazione UN FUTURO... ROSSOBLÙ: sport e formazione Il Taranto FC 1927 e l'aps Fondazione Taras 706 a.c. (di seguito Fondazione Taras) organizzano una serie di iniziative con gli alunni delle scuole secondarie -

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

INFORMARE PER COINVOLGERE:

INFORMARE PER COINVOLGERE: INFORMARE PER COINVOLGERE: I Servizi e i Progetti per i Giovani del Comune di Cinisello Balsamo Essere informati sui Servizi e sui Progetti che il Comune mette in campo per i giovani èessenziale: èla prima

Dettagli

L importante è... ...evitare gli eccessi. Guida al gioco. ...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile!

L importante è... ...evitare gli eccessi. Guida al gioco. ...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile! L importante è......evitare gli eccessi...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile! Guida al gioco RESPONSABILE RISERVATO AL RICEVITORE aams aams aams Per diffondere il gioco responsabile,

Dettagli

2012 Associazione di Volontariato e Solidarietà Umana Giulia ONLUS

2012 Associazione di Volontariato e Solidarietà Umana Giulia ONLUS Iniziative 2012 Associazione di Volontariato e Solidarietà Umana Giulia ONLUS via Aldighieri, 40-44121 Ferrara - www.associazionegiulia.com - info@associazionegiulia.com Testata: La Nuova Ferrara Edizione:

Dettagli

ASSOCIAZIONE DE MAOS DADAS Onlus RELAZIONE MORALE ANNO 2013. ASSOCIAZIONE DE MAOS DADAS Onlus Via Veneto 11 24035 CURNO (BG) - Cod.fisc.

ASSOCIAZIONE DE MAOS DADAS Onlus RELAZIONE MORALE ANNO 2013. ASSOCIAZIONE DE MAOS DADAS Onlus Via Veneto 11 24035 CURNO (BG) - Cod.fisc. ASSOCIAZIONE DE MAOS DADAS Onlus RELAZIONE MORALE ANNO 2013 La presente relazione, predisposta ai sensi dell art. 8 dello Statuto ha lo scopo di informare gli aderenti delle attività poste in essere dall

Dettagli

Il medico di Welby condanato o assolto? Lo decidono gli studenti-giudici

Il medico di Welby condanato o assolto? Lo decidono gli studenti-giudici NAPOLI ALL'UNIVERSITÀ SUOR ORSOLA BENINCASA L'INIZIATIVA «I GRANDI PROCESSI» Il medico di Welby condanato o assolto? Lo decidono gli studenti-giudici Al termine di un finto processo quindici ragazzi assolveranno

Dettagli

Certificato 390428 UNI EN ISO 9001:2008 servizi socio-educativi, socio-assistenziali, ricreativi, prima infanzia, attività di formazione

Certificato 390428 UNI EN ISO 9001:2008 servizi socio-educativi, socio-assistenziali, ricreativi, prima infanzia, attività di formazione IL PROGETTO: MANGIA CHE TI PASSA Ispirata liberamente dall Esposizione Universale che ha luogo quest anno, la cooperativa Il Melograno propone per il Centro Estivo di Vignate una rivisitazione del tema

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 19/20/21 Settembre 2015

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 19/20/21 Settembre 2015 Pagina 1 di 7 rassegna stampa 19/20/21 Settembre 2015 IL CITTADINO Lodi La lotta contro il tumore al seno, un esame che può salvare la vita (19/09/2015) Alao in piazza per ricordare Elisa Votta (19/09/2015)

Dettagli

Il vostro Sindaco Bruno Piva

Il vostro Sindaco Bruno Piva 1 Le festività natalizie rappresentano da sempre un'occasione importante per rafforzare relazioni ed amicizie esprimendo, oltre agli auguri tradizionali, sentimenti di gratitudine e riconoscenza attraverso

Dettagli

NEWSLETTER NUMERO 3 3 agosto 2007

NEWSLETTER NUMERO 3 3 agosto 2007 NEWSLETTER NUMERO 3 3 agosto 2007 E..STATE A CANTALUPA - Bilancio favorevole per la «Tre Denti Bike» del 15 Luglio - Ferragosto cantalupese - 2 Settembre: «Di nuovo in volo per la vita»:festa del Freidour,

Dettagli

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Adolescenti. Università per Stranieri di Siena.

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Adolescenti. Università per Stranieri di Siena. per Stranieri di Siena Centro CILS : Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE

Dettagli

Progetto NuovisPazzi. Recupero Spazi ad uso Pubblico a Mombello. Ente Promotore: ASSOCIAZIONE BRUCALIFFO LIMBIATE

Progetto NuovisPazzi. Recupero Spazi ad uso Pubblico a Mombello. Ente Promotore: ASSOCIAZIONE BRUCALIFFO LIMBIATE Progetto NuovisPazzi Recupero Spazi ad uso Pubblico a Mombello Ente Promotore: ASSOCIAZIONE BRUCALIFFO LIMBIATE Luogo: Padiglione Lavanderia, Ex O.P. Antonini di Limbiate ( Loc. Mombello) Premessa: Non

Dettagli

29 luglio 2007 MOSTRA DEI LAVORI E TEATRINO DEI BURATTINI. Inviato da Monday 30 July 2007 Ultimo aggiornamento Friday 15 August 2008

29 luglio 2007 MOSTRA DEI LAVORI E TEATRINO DEI BURATTINI. Inviato da Monday 30 July 2007 Ultimo aggiornamento Friday 15 August 2008 29 luglio 2007 Inviato da Monday 30 July 2007 Ultimo aggiornamento Friday 15 August 2008 MOSTRA DEI LAVORI E TEATRINO DEI BURATTINI Racconto la mia esperienza -1- Mi chiamo Anna Minutiello ed insieme a

Dettagli

F.I.G.C. - Settore Giovanile e Scolastico CARTA DEI DIRITTI DEI BAMBINI E DEI DOVERI DEGLI ADULTI

F.I.G.C. - Settore Giovanile e Scolastico CARTA DEI DIRITTI DEI BAMBINI E DEI DOVERI DEGLI ADULTI F.I.G.C. - Settore Giovanile e Scolastico CARTA DEI DIRITTI DEI BAMBINI E DEI DOVERI DEGLI ADULTI In tutti gli atti relativi ai bambini, siano essi compiuti da autorità pubbliche o da istituzioni private,

Dettagli

La vera felicità del dono è tutta nell immaginazione della felicità del destinatario. Theodor Adorno. Servizi Sociale e Famiglia

La vera felicità del dono è tutta nell immaginazione della felicità del destinatario. Theodor Adorno. Servizi Sociale e Famiglia La vera felicità del dono è tutta nell immaginazione della felicità del destinatario. Theodor Adorno Legge quadro 328/00: Il servizio sociale si sostanzia in una serie di interventi per e con i soggetti

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

rivolte ai minori per la promozione dello Sport

rivolte ai minori per la promozione dello Sport COMUNE DI RODENGO SAIANO Assessorato allo sport rivolte ai minori per la promozione dello Sport PRESENTAZIONE Finalmente inizia una nuova stagione sportiva. Questo semplice opuscolo vuole essere una sorta

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Per compiere grandi passi non dobbiamo solo agire, ma anche sognare, non solo pianificare, ma anche credere nelle nostre idee

Per compiere grandi passi non dobbiamo solo agire, ma anche sognare, non solo pianificare, ma anche credere nelle nostre idee Per compiere grandi passi non dobbiamo solo agire, ma anche sognare, non solo pianificare, ma anche credere nelle nostre idee PROGETTO VOLARE VOLLEY 2013/2014 INSIEME per VOLARE 1983-2013: 30 anni di Pallavolo

Dettagli

SUBBUTEO IN BLACK TOUR ROMA - MERCOLEDI - 19 DICEMBRE 2012 COLLEGIO S.GIUSEPPE ISTITUTO DE MERODE

SUBBUTEO IN BLACK TOUR ROMA - MERCOLEDI - 19 DICEMBRE 2012 COLLEGIO S.GIUSEPPE ISTITUTO DE MERODE SUBBUTEO IN BLACK TOUR ROMA - MERCOLEDI - 19 DICEMBRE 2012 COLLEGIO S.GIUSEPPE ISTITUTO DE MERODE Non è la prima volta i Fratelli delle Scuole Cristiane che dirigono dal 1850 il Collegio S. Giuseppe Istituto

Dettagli

Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza,

Giornale degli Alunni della Scuola Media Virgilio Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza, Noi in poche pagine Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA XVI EDIZIONE ~ ANNO 2014-2015 9 ottobre 2014 SOMMARIO SPECIALE CLASSE 3^B Ø RIFLESSIONI DEI PRIMI GIORNI DI

Dettagli

WWW.VOLAREVOLLEY.COM. «Per compiere grandi passi non dobbiamo solo agire, ma anche sognare, non solo pianificare, ma anche credere nelle nostre idee»

WWW.VOLAREVOLLEY.COM. «Per compiere grandi passi non dobbiamo solo agire, ma anche sognare, non solo pianificare, ma anche credere nelle nostre idee» WWW.VOLAREVOLLEY.COM «Per compiere grandi passi non dobbiamo solo agire, ma anche sognare, non solo pianificare, ma anche credere nelle nostre idee» PROGETTO VOLARE VOLLEY 2014/2015 INSIEME per VOLARE

Dettagli

UFFICIO ASSOCIAZIONISMO E VOLONTARIATO

UFFICIO ASSOCIAZIONISMO E VOLONTARIATO UFFICIO ASSOCIAZIONISMO E VOLONTARIATO Si ringrazia per la gentile concessione delle immagini tratte dal concorso fotografico Le fotografie su Internet Fotografia di copertina: Globalizzazione di Cristian

Dettagli

LA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE MARCON CHIARA E MARTINELLO CHIARA

LA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE MARCON CHIARA E MARTINELLO CHIARA LA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE MARCON CHIARA E MARTINELLO CHIARA EFFETTI DELLA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE CONSEGUENZE DA DIPENDENZA COME USCIRE DA QUESTO FENOMENO QUANTO E DIFFUSO ATTUALMENTE NEL

Dettagli

Scuola Primaria Trento TROVA

Scuola Primaria Trento TROVA Scuola Primaria Trento TROVA Carissimi genitori e bambini, sono lieto di farvi giungere il mio più cordiale saluto e, al tempo stesso, presentarvi il Collegio Arcivescovile. È una scuola di lunga tradizione

Dettagli

FIABADAY 11 anni di impegno per la Total Quality

FIABADAY 11 anni di impegno per la Total Quality La vita è un continuo movimento e cambiamento, e la forma è una specie di sistema sociale, di legge esterna, in cui l'uomo cerca di fermare e di fissare la vita; per questo l'uomo è prigioniero di queste

Dettagli

Il giro del mondo in 40 giorni

Il giro del mondo in 40 giorni Centro Ricreativo Estivo Qiqajon 2015 Dall 8 giugno al 17 luglio Il giro del mondo in 40 giorni Introduzione Il Progetto Qiqajon è una realtà dinamica, in continua crescita, che si occupa nello specifico

Dettagli

Progetto interprete dei bisogni di formazione al ruolo educativo per i genitori del territorio di Buccinasco

Progetto interprete dei bisogni di formazione al ruolo educativo per i genitori del territorio di Buccinasco Progetto interprete dei bisogni di formazione al ruolo educativo per i genitori del territorio di Buccinasco MOTIVAZIONI : 2005 1. Carenza di interventi di sviluppo di comunità per i genitori del territorio

Dettagli

COMUNE DI OFFANENGO Provincia di Cremona

COMUNE DI OFFANENGO Provincia di Cremona COMUNE DI OFFANENGO Provincia di Cremona 1 APRILE Mart. 21 aprile Ven. 24 aprile Sab. 25 aprile Dom. 26 aprile I incontro per genitori sui Bes (Bisogni educativi speciali) ore 21 presso Istituto Comprensivo

Dettagli

5CHIACCIERE5. Quartiere, dove è?

5CHIACCIERE5. Quartiere, dove è? 5CHIACCIERE5 Anno 2014 2015 Quartiere, dove è? Non è sparito, c è e lavora, anche se avrebbe bisogno di più persone che diano il loro contributo. Partiamo da qua per affermare che spesso confondiamo un

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est che gioca e scommette

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est che gioca e scommette OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est che gioca e scommette Il Gazzettino, 20.07.2010 NOTA METODOLOGICA I dati dell'osservatorio sul Nord Est, curato da Demos & Pi, sono stati rilevati attraverso un sondaggio

Dettagli

Situazioni di svantaggio sociale dell ambiente nel quale le attività del progetto sono inserite:

Situazioni di svantaggio sociale dell ambiente nel quale le attività del progetto sono inserite: CONCORSO I FEEL CUD- 4 EDIZIONE- 2014 PROGETTO: IL CERCHIO DELLA VITA REALIZZATO DAL GRUPPO: LAB-ORATORIO DEL VANGELO PARROCCHIA: S. LUCA DI LATINA CARATTERISTICHE DEL PROGETTO Ambito territoriale di riferimento:

Dettagli

CLUB Il Tennis Club Ca del Moro nasce, nel 1976, al Lido di Venezia, vicino a Malamocco, per l iniziativa di un privato. .01.02

CLUB Il Tennis Club Ca del Moro nasce, nel 1976, al Lido di Venezia, vicino a Malamocco, per l iniziativa di un privato. .01.02 dal 1976 CLUB Il Tennis Club Ca del Moro nasce, nel 1976, al Lido di Venezia, vicino a Malamocco, per l iniziativa di un privato. Situato a due passi dal mare, tra la vegetazione tipica dell isola e gli

Dettagli

Oratorio San Giovanni Vicolo Due torri, 5-25122 Brescia 030280305 - sangiovanniev@libero.it

Oratorio San Giovanni Vicolo Due torri, 5-25122 Brescia 030280305 - sangiovanniev@libero.it CAg 2Torri Oratorio S. Giovanni il progetto Oratorio San Giovanni Vicolo Due torri, 5-25122 Brescia 030280305 - sangiovanniev@libero.it La storia Il Centro di Aggregazione Giovanile (CAG) Due torri è un

Dettagli

PARROCCHIA SAN BERNARDO CALENDARIO settimana dal 24 al 31 gennaio 2016

PARROCCHIA SAN BERNARDO CALENDARIO settimana dal 24 al 31 gennaio 2016 PARROCCHIA SAN BERNARDO CALENDARIO settimana dal 24 al 31 gennaio 2016 DOMENICA 24 Gennaio ore 9,00-11,00 S. MESSA Presentazione Gruppo Rinnovamento nello Spirito LUNEDI' 25 Gennaio Non c'è la messa ore

Dettagli

ALMANACCO 2015 800.995988. Volontariato Città di Treviglio Onlus. Solidarietà e Sicurezza. Per non essere soli chiama il n.

ALMANACCO 2015 800.995988. Volontariato Città di Treviglio Onlus. Solidarietà e Sicurezza. Per non essere soli chiama il n. Volontariato Città di Treviglio Onlus Solidarietà e Sicurezza Tieni la borsetta verso il muro Per non essere soli chiama il n. 800.995988 con la collaborazione di: UNIONE BERGAMASCA CONSUMATORI Via T.

Dettagli

Parrocchia di San Paolo

Parrocchia di San Paolo Parrocchia di San Paolo Consiglio pastorale 27 Novembre 2011 Questa speciale edizione del Consiglio Pastorale prende vita in una soleggiata domenica novembrina: presenti 45 persone che, dopo aver celebrato

Dettagli

E QUI LA FESTA! SPORT, GIOVANI, SPETTACOLO E SOLIDARIETA 20 MAGGIO 2012 DALLE 14 CENTRO SPORTIVO TOTI

E QUI LA FESTA! SPORT, GIOVANI, SPETTACOLO E SOLIDARIETA 20 MAGGIO 2012 DALLE 14 CENTRO SPORTIVO TOTI IN CASO DI MALTEMPO, LA MANIFESTAZIONE VERRÁ POSTICIPATA A DOMENICA 27 MAGGIO (con possibili variazioni del programma) AD Cordani show-box Stampa: Arti Grafiche Grillo INFO: UFFICIO SPORT 02 91084630 WWW.COMUNE.PADERNO-DUGNANO.MI.IT

Dettagli

Via della Ferrera, 11-20143 Milano 240112-1/6

Via della Ferrera, 11-20143 Milano 240112-1/6 Il Piccolo Coro Santa Maria Ausiliatrice nasce a Milano nel 1988 per iniziativa del Maestro Fabio Macchioni che tutt ora lo dirige. Si propone di avvicinare i bambini alla musica e al canto in maniera

Dettagli

IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ;

IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ; IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ; IL CALCIO È SEMPLICITÀ; IL CALCIO DEVE ESSERE SVOLTO

Dettagli

COMUNE DI ROSATE. P ro v i n c i a d i M i l a n o Via Vittorio Veneto, 2 20088 Rosate (MI) Tel. 02.90830.1 Fax 02.908.48046

COMUNE DI ROSATE. P ro v i n c i a d i M i l a n o Via Vittorio Veneto, 2 20088 Rosate (MI) Tel. 02.90830.1 Fax 02.908.48046 COMUNE DI ROSATE P ro v i n c i a d i M i l a n o Via Vittorio Veneto, 2 20088 Rosate (MI) Tel. 02.90830.1 Fax 02.908.48046 Piano di intervento in materia di Diritto allo Studio Anno Scolastico 2015-2016

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

Carta Del Servizio. Centro Diurno GIROTONDO MONCALIERI

Carta Del Servizio. Centro Diurno GIROTONDO MONCALIERI Carta Del Servizio Centro Diurno GIROTONDO MONCALIERI Comuni serviti Tipo di intervento La struttura Per chi Chi ci lavora Qualità Moncalieri, Trofarello, La Loggia Il Centro diurno è rivolto a minori

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis - Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis Il Tennis e la preparazione mentale Progetto per la Stagione sportiva 2011/2012 Agosto 2011 Project Leader: Chiara Valdata Obiettivi del Progetto: Il progetto

Dettagli

COMUNE DI CREDARO Provincia di Bergamo

COMUNE DI CREDARO Provincia di Bergamo PIANO DEI SERVIZI: SCHEDA DI SINTESI SERVIZI DI COLLETTIVO: VALUTAZIONE DELLO STATO DI FATTO Studio Dott. Arch. Piergiorgio Tosetti via Paglia 22/A - Bergamo Tipologie di attrezzature valutate: MUNICIPIO

Dettagli

sei stanco di continui bla bla bla? vieni al punto!

sei stanco di continui bla bla bla? vieni al punto! IIS Alessandrini sei stanco di continui bla bla bla? vieni al punto! IPS Lombardini (sezione associata) Le proposte di a ttivita e stage delle associazioni che aderiscono al Punto Scuola Volontariato di

Dettagli

Il gioco d azzardo. Aspetti generali e situazione in Trentino

Il gioco d azzardo. Aspetti generali e situazione in Trentino Il gioco d azzardo Aspetti generali e situazione in Trentino A cura dell Osservatorio per la salute Dipartimento politiche sanitarie Provincia autonoma di Trento Trento, 29 dicembre 2012 Il gioco d azzardo

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

I bambini di A.S.V.I. calendario 2015

I bambini di A.S.V.I. calendario 2015 I bambini di A.S.V.I. calendario 2015 Alcune foto degli 80 bimbi che abbiamo potuto curare e restituire alla vita. I volti di questi bambini sono un messaggio di speranza e ci ricordano che guarirli è

Dettagli

Adulti e bambini intorno al pallone. Settore Giovanile e Scolastico Regione Toscana

Adulti e bambini intorno al pallone. Settore Giovanile e Scolastico Regione Toscana METTIAMOCI in gioco Adulti e bambini intorno al pallone Settore Giovanile e Scolastico Regione Toscana Negli ultimi anni è emersa con sempre maggiore urgenza la questione delle relazioni tra i diversi

Dettagli

All Ufficio scolastico gli specialisti della solidarietà del Mamoli di Bergamo

All Ufficio scolastico gli specialisti della solidarietà del Mamoli di Bergamo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Provinciale di Bergamo - Segreteria particolare - COMUNICATO STAMPA 10 ottobre 2008 All Ufficio scolastico gli specialisti

Dettagli

sabato 7 settembre 2013 alle ore 16

sabato 7 settembre 2013 alle ore 16 ASSOCIAZIONE ZASTAVA BRESCIA PER LA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE ONLUS Via F.lli Folonari, 20 25126 BRESCIA (c/o Camera del Lavoro ) TEL. 347.3224436-347.2259942 http://digilander.iol.it/zastavabrescia/

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS

Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS Maria Bona Venturi CENTRO C.A.S.A. AIDS Dipartimento delle Cure Primarie Azienda USL di Bologna 1 Il Centro C.A.S.A. (Centro

Dettagli

PREMESSA E CONTENUTI AZIONI DI PROGETTO

PREMESSA E CONTENUTI AZIONI DI PROGETTO PREMESSA E CONTENUTI OBBIETTIVI AZIONI DI PROGETTO Il Comune di Porto Venere collabora da anni con il Comitato Provinciale Unicef della Spezia per promuovere nel territorio attività e manifestazioni finalizzate

Dettagli