i Nonni... bimbi come noi!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "i Nonni... bimbi come noi!"

Transcript

1 i Nonni... bimbi come noi!...teneri amici Testi e ricerche degli alunni della scuola primaria Italo Calvino di Galliate Anno scolastico ASSOCIAZIONE NAZIONALE TERZA ETÀ ATTIVA - NOVARA

2 i 583 alunni che hanno partecipato al progetto Classi Prime Adam Alessandra Alessandro Alessio Alex Alexander Alexandra Andrea Anna Annalia Antonino Antonio Antony Carlo Chiara Christian Davide Denis Diego Edoardo Eleonora Elisa Elisabetta Elvana Erika Fabio Federica Federico Filippo Francesca Gabriele Giacomo Giorgia Giorgio Giovanni Giulia Gregory Greta Hamna Ilaria Inva Irene Iris Jacopo Jessica Juan Kevin Lorenzo Luca Marin Marius Marta Martina Matteo Mattia Michael Micelle Migulian Noemi Nour Pascal Raoul Rebecca Riccardo Samuele Sara Simone Sofia Stefania Stella Thomas Tommaso Vincent Vittoria Ylenia Youssef Zeyu Classi Seconde Alessandra Alessandro Alessia Alessio Alin Andrea Angela Anna Antonina Arianna Artur Basma Ben Chiara Christian Cinzia Concetta Daniele Diego Edoardo Elena Eleonora Emma Enrico Erika Ernes Fabiana Fabio Federico Felipe Filippo Francesco Gabriele Giacomo Giada Ginevra Giorgia Giorgio Giulia Glory Iasmina Ilenia Imad Ismael Jolanda Kevin Leonid Letizia Linda Lorenzo Luca Manuele Marco Margherita Maria Marika Marina Marta Martina Massimiliano Matteo Maurizio Miriana Mirko Nesli Niccola Nicholas Paola Paolo Rebecca Sara Sharon Silvia Simona Simone Skina Sofia Stefanel Stefano Susy Sveva Tommaso Umberto Vera Vincenza Vincenzo Vittoria Yari Zineb

3 Presentazione I nonni bimbi come noi! Tutti gli alunni della Scuola Elementare Italo Calvino di Galliate hanno lavorato per dedicare questo volumetto ai Nonni e a tutti gli Anziani che sono le nostre radici, che sono la nostra memoria. Con affetto ANTEA E L INCONTRO FRA GENERAZIONI Fra le finalità dell Associazione di Volontariato Antea c è quella di favorire l incontro fra generazioni, stimolare il dialogo e la comunicazione fra giovani e terza età, attivare proposte ed iniziative che siano di riferimento reciproco fra Scuola e mondo degli anziani. Promuovere e custodire una forte solidarietà fra generazioni ci pare fondamentale per formare una società sempre più civile e attenta a tutte espressioni delle nostre comunità: è questo un compito meritevole di continua attenzione a partire dall ambiente familiare e dalla scuola che hanno una insostituibile funzione educativa. Tuttavia pensiamo che anche il volontariato possa giocare un suo rilevante ruolo in proposito. L iniziativa intergenerazionale raccolta in questo volumetto, assieme ad altre analoghe già positivamente sperimentate, vuole valorizzare e divulgare gli elaborati ideati dai ragazzini coinvolti nell iniziativa che esprimono una ricchezza di sentimenti fra nonni e nipoti e che fanno scoprire sensibilità, attenzioni, rapporti e legami affettivi molto sentiti e profondamente radicati, talvolta perfino insospettabili. Infine un sentito ringraziamento per la collaborazione e la sensibilità dimostrata verso la realizzazione di questa iniziativa và agli alunni della Scuola Elementare I.Calvino di Galliate ed al Personale Docente. La Presidenza Antea La Sezione Antea di Galliate

4 Indice I nonni...bimbi come noi! 03 CLASSI PRIME Cartoline e disegni 08 CLASSI SECONDE Con i nonni...poesie e pensieri 15 CLASSI TERZE Incontri e interviste ai nonni per scoprire come si viveva anni fa 3 A - Fare il Baragiêu 3 B - Oggetti ed ambienti dei nostri nonni e bisnonni 3 C - I nonni raccontano 3 D - L abbigliamento di un tempo 3 E - Giochi, canzoni e cibi preferiti 25 CLASSI QUARTE I nonni...teneri amici: lettere, canzoni, disegni, temi e riflessioni 4 A - Caro nonno... Cara nonna... 4 B - I vecchi... disegni sulle note di Claudio Baglioni 4 C - W i miei nonni 4 D - Vi parlo dei miei nonni 4 E - Gli anziani: incontrarli ha stimolato le nostre riflessioni 38 CLASSI QUINTE: A-B-C-D In festa con i nonni e reportage fotografico d epoca! Come eravamo Belli i nostri nonni I mitici nonni Nonni d Italia e nonni stranieri: Una persona cara

5 ClassiPrime Cartoline e disegni Gli alunni delle prime classi hanno elaborato una cartolina collettiva e dei disegni... 3

6 4

7 5

8 6 I nonni...

9 bimbi come noi! 7

10 ClassiSeconde Con i nonni...poesie e pensieri 8 2 a

11 2 b 9

12 10 2 c

13 2 d 11

14 2 e Con i nonni Cari nonni dai capelli bianchi di stare con noi non siete mai stanchi. Con sopra il naso i vostri occhiali voi ci leggete storie speciali. Ci raccontate con la fantasia storie che sembrano vera magia. Voi state con noi pazientemente e ci fate giocare allegramente. Il mio nonno... è goloso di cioccolato, di gelato e di tutte le cose dolci come noi bambini...mi portava a vedere il treno e quando io lo salutavo lui faceva tu-tu Mi manchi un mondo e anche di piú peró so che mi guardi da lassú...ha dei baffi lunghi e quando mi riempie di baci mi fa il solletico 12

15 La mia nonna......lavora in cucina. Quando dice: a mangiare! corriamo come pazzi. Mia nonna non sente molto bene e neanche la sua amica Mariodda ; quando parlano fra di loro, gridano tanto che sono costretta a tapparmi le orecchie. La cosa piú bella è quando mi dice che sono il suo patatone...gioca con me anche se fatica a correre. Io le dico: -Corri, corri!- ma lei non ce la fa....lei mi chiama piccirilla e io le voglio tanto bene. 13

16 14 2 f

17 ClassiTerze Incontri e interviste ai nonni per scoprire come si viveva anni fa 3 a Fare il Baragiêu Ottobre 2006, a casa di Giulia con il nonno Gigi e i suoi amici 15

18 Il Baragiêu è un vino galliatese molto antico Il vino si chiama così perchè le vigne crescono in una località del nostro paese chiamata baragia Questo vino si fa con l uva americana, l una fragola e altre uve che crescono nelle nostre vigne L uva cresce in terre ghiaiose dove non crescono altri tipi di coltivazioni Il Baragiêu si produce in famiglia con l uva della propria vigna. Si può bere con parenti e amici, ma non si vende e non si può comprare nei negozi Abbiamo conosciuto il Baragiêu Oggi poche persone producono questo vino. Esse conoscono tutti i segreti della lavorazione con le macchine manuali a manovella di una volta Il Baragiêu è un vino che ha l aroma di fragola, dolce e vivace. Si beve sia a pasto che fuori a volontà. Non fa male perchè è buono, è naturale ed è poco alcolico Abbiamo raccolto queste notizie: - dal racconto del nonno Gigi - dal libro Vita e morte del Baragiêu a cura di A.Belletti, A.Iorio, A.Mainardi Gruppo Dialettale Galliatese 16 - dal Dizionario storico-linguistico galliatese PAROLE e FATTI vol.1 A.Belletti e A.Iorio Gruppo Dialettale Galliatese

19 I bambini della 3 A dopo aver incontrato il nonno Luigi... ricordano...il profumo dolce e frizzante dell uva nera nelle ceste...la sensazione di caldo e di morbido dell uva sgranata che abbiamo toccato...i colori ciclamino, viola, violetto, bordó, nero dell uva...il colore chiaro dell aria intorno a noi e il sole che quel pomeriggio ci illuminava tutti...l allegria e le nostre voci...la voglia di fare...l emozione di conoscere cose nuove pensano...abbiamo imparato come si fa il vino e ce lo ricordiamo bene anche se non lo abbiamo studiato sul libro...abbiamo fatto funzionare con le nostre mani le macchine di una volta che hanno le manovelle...nonno Gigi e i suoi amici sono allegri e sanno tutto sulla vigna e sul Baragieu...le persone come nonno Gigi hanno pazienza con i bambini e a loro piace raccontare la loro vita...anche i nostri nonni spesso ci raccontano le loro esperienze o ci spiegano le cose che non conosciamo...con l esperienza a casa di Giulia abbiamo scoperto che a noi piace ascoltare le storie dei nonni 17

20 3 b Oggetti ed ambienti dei nostri nonni e bisnonni Il gioco della rana Era all osteria; consisteva nel lanciare una moneta nei vari buchi che c erano sul gioco, ogni buco aveva un punteggio. La lavagnetta Serviva per segnare, con il gesso, i punti del gioco di prima o quando si giocava a carte; per cancellare si usava una zampa di coniglio. La macelleria Aveva il bancone di marmo bianco; c erano coltelli e ganci per la carne; la bilancia a due piatti, con i pesi; il quadernino dei conti da pagare, dove la moglie del macellaio, che era alla cassa (un tavolino in un angolo della bottega), segnava il conto che veniva poi pagato a fine mese. 18

21 La panetteria C erano gli scaffali per mettere il pane fresco da vendere; c erano anche grosse latte di biscotti e grossi vasi di vetro con le caramelle: venivano venduti a numero. Il laboratorio dei bachi da seta Era molto diffusa la bachicoltura, cioè l allevamento dei bachi dal cui bozzolo si ricavava la seta usata dai tessitori. La cucina Nelle cascine era situata al piano terra, vicino alla stalla e così c erano tante mosche; usavano, perciò, diversi metodi per catturarle: la striscia di carta moschicida a cui si appiccicavano, la bottiglia di vetro, bucata sotto con lo zucchero e l acqua per intrappolarle; la pompa del flit, che era un insetticida che ora non c è più. L aula di scuola I banchi erano doppi e in legno; si usavano il calamaio e la penna con il pennino. 19

22 20 3 c I nonni raccontano Alcune domande che riguardano la vita del tempo in cui erano bambini per capire quante cose sono cambiate da allora. Quali giochi facevate? Eravate bravi a scuola? Com era la vostra scuola? Com erano i vostri maestri? Com era la vostra casa? Com era il rapporto con i vostri genitori? «Intanto i genitori c erano sempre, non come adesso purtroppo che magari uno è di qui e l altro e di là e i bambini fanno la spola tra il papà e la mamma; le famiglie erano molto più unite, magari si bisticciava ma si stava tutti in casa; era un buon rapporto tutto sommato: papà e mamma sgobbavano per i loro figli; i bambini avevano rispetto non solo di papà e mamma ma anche dei nonni; pensate che si dava del voi ai nonni e anticamente anche al papà e alla mamma.» «Il nonno, il più vecchio, era quello che teneva tutti uniti.» «Era il capo non solo della sua famiglia ma anche di quella dei figli che si sposavano e rimanevano tutti lì: era una specie di fattoria, si lavoravano tutti i campi insieme e molto spesso era la nonna quella che pensava a tutto.» «Questo nonno era fortunato perché invece il mio papà è stato otto anni soldato e quindi io l ho visto quando ero già grande e la mia mamma insegnava su in alta montagna per cui aveva cinque classi tutte insieme e poiché nevicava molto riusciva a scendere solo quando finiva la scuola, a giugno o a Natale non avevano neanche la possibilità di litigare ed io sono stato cresciuto dai miei nonni in campagna.» «Noi come si diceva avevamo la scala esterna e alla sera eravamo stanchi morti perché si camminava molto e allora si pregava il papà: Dai portami in spalla! No non ti porto perchè sei stato cattivo Allora gli salivamo in spalla : Dai portami!, poi interveniva la mamma: Dai portalo su che è stanco era bello» «Si era più uniti, una volta, e ci si riuniva sempre: io andavo dalla nonna e la sera si giocava a carte con le fave i ceci e le mandorle e giocando si mangiavano quelle cose lì nel periodo invernale; e d estate c era un signore che suonava la fisarmonica a la chitarra, si metteva fuori e noi ascoltavamo, non c era la televisione e si stava anche fino a tardi eravamo sempre in compagnia, non come oggi con la tv o il computer» «Alla sera, invece di consumare la legna nel camino o nella stufa, si andava nelle stalle; in casa avevamo già la luce elettrica ma nelle stalle no e allora si portava il lume, nelle stalle faceva caldo e si stava bene e i nonni ci raccontavano le storie e per noi era una cosa meravigliosa.»

23 «Da piccolo a me piaceva giocare al calcio, però mio padre aveva una radio e quando ero piccolo più o meno come voi ascoltavo alla radio la cronaca delle tappe del Giro. Per la bici io non ho voluto andare a scuola, i miei volevano mandarmi, finite le elementari, in collegio a Novara, ma io non volevo perché non avrei potuto più correre in bici; allora la mia mamma mi ha rifatto fare la quinta. Più avanti un giorno c era una festa al paese, (Francesco al nonno) Io so che sei stato un corridore e che hai partecipato anche al Giro d Italia, raccontaci com era una volta. io avevo 14 anni, avevo sempre in mente la bicicletta, giocavo anche bene a pallone, veniva a Vaprio la squadra del Novara che allora era in serie A, perché noi gli davamo il burro e la farina e mi hanno fatto giocare qualche volta ma la mia passione più grande era sempre il ciclismo. I miei non volevano comprarmi la bicicletta, però in quei giorni di festa c era un banco di beneficenza allestito per tirar su i soldi per l asilo e c era in palio una bicicletta: l ha vinta un mio cugino che l ha data al parroco e il don Luigi, che conosceva la mia passione, per San Lorenzo, il 10 agosto, me l ha prestata per farmi partecipare ad una corsa che facevano a Vaprio; non ero preparato ma hanno visto che andavo bene Allora dopo un po il mio papa mi ha preso la bici e ho incominciato a correre e andavo bene. Non c erano allora le società, ma un amico che se ne intendeva mi ha portato a Borgomanero ad allenarmi e imparavo dai più grandi; allora c erano le strade di terra battuta e io osservavo come facevano gli altri, imparavo i trucchi Ho incominciato ad andare sempre meglio, a piazzarmi; sono entrato nell unica società che c era qui, la Novarese e sono andato avanti, sono andato ai Campionati del Mondo da dilettante, ai Giochi del Mediterraneo a Barcellona finchè sono diventato professionista, dal 56 al 64 ho fatto otto Giri d Italia, il Giro di Francia, il Giro di Svizzera. Ho conosciuto Bartali che era un mio estimatore, anche se non abbiamo corso insieme, ho corso con Coppi» 21

24 3 d L abbigliamento di un tempo E l abbigliamento? Come vi vestivate? Anche gli abiti erano confezionati in casa: pantaloni, gonne, maglioni e calze di lana lavorati ai ferri. C era il vestito che si indossava solo di domenica e quello per gli altri giorni: uno per ogni cambio di stagione, non di più. I bambini si vestivano sempre e solo con abiti smessi dai fratelli più grandi o da altri bambini; se i capi erano bucati o rovinati, venivano abilmente rattoppati dalle mamme o dalle nonne. Per andare a scuola era d obbligo il grembiulino nero perciò, se anche gli abiti erano un po rovinati, nessuno se ne accorgeva. Le donne indossavano solo gonne o abiti lunghi fin sotto il ginocchio, più corti sarebbe stato uno scandalo, così come mettere i pantaloni che, invece, erano riservati agli uomini. Pantaloni in velluto o panno pesante, camicia di flanella, gilet e mantello nero era, più o meno, il modo di vestire degli uomini in inverno. In estate si camminava per lo più scalzi, in inverno invece, stivali o scarponcini usati o rotti. Qualche nonno più anziano ricorda di aver usato anche gli zoccoli di legno. 22

25 3 e Giochi, canzoni e cibi preferiti I giochi Le bambine giocavano con le bambole di stoffa, i bambini giocavano a pallone, alla corsa nei sacchi, con i birilli e con le biglie. Tutti insieme giocavano a nascondino, al gioco del fazzoletto e ai quattro cantoni. Le canzoni Le canzoni più famose erano Volare, Mamma, L edera e La casetta in Canada I cibi preferiti La nonna Enrica e la nonna Sandra mangiavano a colazione il caffelatte con le fette di pane duro; invece a merenda la nonna Enrica mangiava una fetta di pane bianco con il burro e lo zucchero, mentre la nonna Sandra preferiva una fetta di pane di meliga. I loro piatti preferiti erano: il risotto, la polenta e la focaccia con l uva. Alla nonna Enrica non piaceva la minestra; invece la nonna Sandra mi ha detto che aveva così poco da mangiare che per lei tutto era buono... 23

26 24 3 e

27 ClassiQuarte I nonni...teneri amici: lettere, canzoni, disegni, temi e riflessioni 25

28 4 a Caro nonno... Cara nonna... Caro nonno Lindoro,...mi ricordo quella volta che mi hai portato a pescare con te e mi hai fatto provare a pescare, ha abboccato un pesce però non avevo tanta forza e quindi ti ho chiamato... Luigi Cara Seve, co che sei in cielo e ti voglio rivedere perchè ti ho solo vista da piccolo, ti avrei voluto dire che ti volevo bene se eri ancora viva quando ho imparato a parlare. Ma non è stato così e così ogni notte recito una parte delle mie preghiere per te. Il nonno è rimasto solo, alcune volte vado a trovarlo e nelle foto vedo che eri giovane e che eri bella. Tu sei morta da giovane ma sei stata buona sempre e un altra volta ti dico che ti voglio bene. Tanti saluti e baci da Roberto Caro nonno Augusto, ti voglio tanto bene, mi ricordo che mi raccontavi di quando eri giovane e andavi a fare il militare, quante avventure hai vissuto! Giulia Caro nonno Aleardo, come stai? Penso che tu stia bene, di sicuro guardi la TV adesso. Ti devo dire una cosa: io penso che tu in questo momento stia pensando a me, questo mi piace tanto. Caterina Cari nonna e nonno, quando vengo da voi mi diverto... Vi voglio tanto bene, dal vostro nipotino Marco 26

29 I miei nonni materni si chiamano: Luzmarina e Jorje. La mia nonna Luzmarina è simpatica, ed è giovane: le piace cantare, suonare la chitarra, annaffiare le piante...e così via. Il mio nonno Jorje è simpatico anche lui, gli piace giocare a bowling, nuotare in piscina, poi giocare a golf è la sua passione, ha così tanti trofei da golf che non può dire che non gli piace... Maria Antonia Alla mia nonna e al mio nonno piace andare al Bingo. David Mio nonno è una persona speciale per me, perchè costruiamo delle cose con il legno. Lorenzo Io ho una nonna bis..., che è una vecchina... La mia bisnonna si chiama Maria. Noi a casa la chiamiamo Nonna perchè sennò sembra troppo vecchia. Lei è una normale signora anziana, vedova, il mio bisnonno non l ho mai conosciuto. La mia bisnonna si dimentica tutto e certe volte la aiutiamo a cercare le sue cose. Valentina La mia bisnonna (la mamma della mamma del mio papà) si chiama Francesca. Non è molto alta e ha i capelli bianchi, però ha degli occhi bellissimi: celesti. Ha 95 anni, una volta le ho chiesto: Quanti anni hai? lei ha fatto una faccia strana e ha risposto: Boh allora le ho chiesto: Quando sei nata? ha risposto prontamente: 24 Marzo Non si ricorda molte cose, però sa recitare benissimo una poesia che ha imparato alle elementari, io mi ricordo solo l inizio: Erano trecento, erano giovani e forti e sono morti... Agnese Io ho una nonna che si chiama Tina ed è molto sbadata a fare le cose. Per esempio: il giorno della Befana, il 6 gennaio, mia nonna e mio nonno mi hanno regalato un armadio per le bambole ma...non comperato, fatto a mano! Mio nonno mi ha fatto l armadio e mia nonna i vestiti per le bambole. Veronica 27

30 4 b I vecchi...disegni sulle note di Claudio Baglioni I vecchi sulle panchine dei giardini... 28

31 gli occhiali......per vederci da vicino i vecchi che non sono mai cresciuti... frasi estatte dal testo di C.Baglioni I Vecchi dell album Strada Facendo 29

32 4 c W i miei nonni! 30 Nonna Fina, quando sono triste o arrabbiato, mi consola dicendomi che questo è successo tante volte anche a lei. Le piaceva fare il gioco dei bottoni e delle noci. Il gioco consisteva nel lanciare in alto un bottone o una noce e afferrarla velocemente con l altra mano. Fin qui tutto bene, ma la mia nonna scommetteva i propri bottoni; così tornava sempre a casa con camicie, gonne o...mutandoni senza bottoni. Stefano Nonno Gianfranco, da piccolo, partiva da solo prendendo il treno che l avrebbe condotto a Novara, dove frequentava la scuola. Quanta paura aveva le prime volte! Quando mi lamento che sono stanca, mi ricorda i suoi sacrifici e mi rassicura, perchè io ho il sostegno di tutti i miei familiari che mi sono sempre vicini. Eleonora A mio nonno Luciano piace molto coltivare le verdure. L anno scorso ho voluto anch io un pezzettino di terra dove ho seminato un po di insalata, carote e rapanelli. Tutti i giorni andavo col nonno ad annaffiare e a controllare che la verdura crescesse bene. Marco Ricordo che, quando stavo imparando ad andare in bicicletta, la mia nonna Adele mi raccontava le sue avventure di apprendista ciclista e mi convinceva a non mollare! Alessia Mi ricordo, con allegria, un pomeriggio d estate quando io ed il nonno Marco abbiamo deciso di andare a caccia di libellule. La nonna mi ha detto: «Certe cose, tuo nonno, le fa solo con te!» Francesca Un giorno il nonno si è perso in montagna, ma aveva trovato i tanto desiderati funghi! Nonno Elido era ugualmente felice! Laura La mia nonna Mercedes è molto brava disegnare, ma soprattutto a togliere i denti da latte che dondolano, non mi fa male e mi compera sempre un gioco per consolarmi. Ilaria Quando ero piccola la nonna Enrica, tutte le mattine, veniva da me. Insieme facevamo i cartelloni con i ritagli di giornale, coloravamo con le tempere, leggevamo storie e poi giocavamo a memory: la nonna perdeva sempre e io stravincevo. Irene

33 La mia nonna Florence, che vive in Nigeria, mi ha raccontato la storia della tartaruga Moses. Un giorno un uomo, Jack, voleva ucciderla. Mise Moses in un tronco e preparò il fuoco. Moses scavò una buca molto profonda e si arrampicò su un albero. Quando Jack tornò, cadde nella buca e morì. Rachael 31

34 4 d Vi parlo dei miei nonni Mio nonno ha pochi capelli, tutti bianchi, e una bella piazza al centro, poi ha gli occhi marroni: e a guardarlo negli occhi sembra molto severo (anche se lo è solo poche volte). Come corporatura ha un po di pancia, non è robusto ma neanche magrissimo; i piedi sono grossi e lunghi. Mia nonna invece è completamente diversa! Lei ha i capelli ricci e biondi, gli occhi sono azzurri. Ella è robusta ma non è grassa, è bassa e manca di melanina. Porta il mio numero di scarpa! Lei è gentile e affettuosa. Molte volte la faccio arrabbiare e quindi diventa severa; ma le voglio bene lo stesso. Cucina molto bene l arrosto e tutta la carne. Valentina 32 IL mio nonno si chiama Geronimo come un grande e valoroso capo indiano. Lui ha circa 60 anni e vive in Brasile. Egli è un po alto, porta gli occhiali, e si veste quasi sempre in modo elegante. Ha pochi capelli sulla testa, i suoi occhi sono marroni scuri. Lui è simpatico: ogni giorno mi dava dei soldi per comprare le caramelle. Alcune volte, quando non avevamo niente da fare, andavamo a passeggiare insieme. Lui alcune volte mi raccontava di quando era bambino, come me. Una volta stava giocando a dama con il suo amico, sopra un tavolo che però non era resistente. L amico di mio nonno stava bevendo un po d acqua e ha messo il bicchiere sul tavolo; però il tavolo è catapultato e il bicchiere è andato sulla testa di mio nonno. Questo episodio mi ha fatto divertire molto. Victor

35 Mio nonno ha 80 anni e ha una corporatura un po cicciottella. Ha dei capelli, anzi dovrei dire che non ha capelli! Ha dei piccoli peli alle basette e poi...tutto pelato! Ha degli occhi marroncino ghianda e una bocca sempre sorridente. Ha delle gambe lunghe, ma non scattanti. Ha un carattere molto buono e ha un grande interesse per il suo orto, però in inverno preferisce giocare a carte perchè non può coltivare e tutte le sue piante muoiono. Come passatempo preferisce giocare a poker (quindi a carte): se gioca con mia nonna e mia zia vince sempre. Però se arriva mio zio...allarme rosso, codice rosso, semaforo rosso (ehi, cosa c entra il semaforo rosso? Boh!): per lui diventa tutto rosso perchè significa perdita in arrivo. Appena arrivo io, si mangia e parliamo (e giochiamo) un po. Non mi racconta tanto, mi racconta soltanto dei suoi animali e certe volte fa ridere (perchè mi racconta storie sui suoi polli che mi fanno sbellicare). Gabriele Mia nonna si chiama Pasqualina ed è sarda. Di corporatura è un po massiccia, la sua faccia è cicciottella, con guance paonazze, il naso è eretto, gli occhi sono lucidi e brillanti di color castano chiaro. La sua bocca è abbastanza grande, pronta a gustare un buon piatto di pastasciutta. Ha denti un po storti e malandati; le sue braccia e gambe sono un po malaticcie. La sua pancia è consistente. Nei piedi, sugli alluci, ha due cipolle che sopporta dolorosamente. Il suo carattere è molto affettuoso (mi vizia un po ), è molto gentile e calma. Di solito, quando avanzo un po di cibo nel piatto, mi racconta un po di storie della 2 Guerra Mondiale e mi convince a mangiarlo. Mi insegna il valore delle cose che hai e, al momento che ti mancano, hanno importanza. Un fatto strano è accaduto quando un giorno stavo giocando a calcio con mia nonna: appena lei ha tirato la palla ha spaccato un vetro! Da quel giorno non ha più giocato a pallone con me. Lorenzo 33

36 4 e Gli anziani: incontrarli ha stimolato le nostre riflessioni 34 Che belli che sono gli anziani! Paolo Oggi parleremo di loro. Arianna Gli anziani sono simpatici, gentili e molto scherzosi. Sono capaci di fare tante cose: tanti tipi di giochi con le carte, leggono tanto, giocano con i nipoti e li curano se stanno male, guardano la TV, fanno passeggiate, cucinano, raccontano storie e ricamano. Bela Gli anziani sono simpatici per il loro comportamento nello stare insieme ai bambini. Margherita Gli anziani sanno essere gentili e scherzosi, qualche volta anche un po gelosi. Loro amano stare con i nipotini e fanno di tutto per loro. Mattia Ci sono nonni che fanno fatica a camminare o che sono sulla sedia a rotelle, altri invece sono vispi e contenti. Laura Alcune persone non prendono in considerazione gli anziani dicendo che capiscono poco, ma la verità è che tante volte capiscono più di noi. Alcuni bambini un po per divertimento fanno scrivere o fare i calcoli ai loro nonni così da tenergli la memoria lucida. Alcuni anziani sono veramente lucidi, cioè si ricordano praticamente tutto e sono molto svegli. Mia nonna, quando mi domanda cosa ho mangiato la sera, mi mette in imbarazzo perché non me lo ricordo mai, invece lei ha una buona memoria. Margherita La mia bis nonna che ora è morta e aveva 92 anni, ogni volta che la portavamo in giro si lamentava e io per farla stare tranquilla le chiedevo sempre le tabelline e lei le sapeva tutte! Simona Io ho visto in TV un anziano con più di 100 anni che guidava ancora e non aveva mai fatto incidenti, perciò credo che questa persona anziana sia molto intelligente. Io ho visto molte persone anziane così in gamba! Simona

37 Alcuni bambini pensano che gli anziani siano brutti perché guardano solo l aspetto esteriore, e non pensano all aspetto interiore, non pensano al cuore! Melania A volte gli anziani stanno a casa da soli e vengono i ladri e li imbrogliano facendosi credere, per esempio, dei controllori del consumo del gas. Riccardo Noi dobbiamo aiutarli nelle loro difficoltà. Non dovremmo mai offenderli perché sarebbe brutto. Daniel L altro giorno abbiamo fatto un dettato sugli anziani dell Africa. I nonni in Africa sono molto saggi e sono molto considerati: se per caso qualche persona li prende in giro, si attira la sfortuna per tutta la vita, se li sfida è inutile perché vincono gli anziani in quanto hanno ereditato la magia da Dio. Io spero di diventare anziano senza problemi fisici e spero di morire oltre i 100 anni. Mattia In Africa, contrariamente che da noi, è molto raro vedere un anziano perché le condizioni di vita sono difficili non essendoci l acqua potabile, il cibo e le persone muoiono prima di diventare anziane. Io e la mia classe andiamo a trovare gli anziani del Polifunzionale di Galliate. Andiamo lì a cantare e a recitare e loro si divertono molto. Arianna In Africa è una rarità che le persone diventino anziane. Perciò possiamo dire che gli anziani sono una fonte di ricchezza e dobbiamo trattarli molto bene. Quando invecchierò spero che mi accoglieranno bene e che ci saranno sempre oggetti utili a facilitare la vita. Valentina Qui a Galliate c è il Polifunzionale che serve per accogliere gli anziani che vivono da soli e farli stare in compagnia. Vorrei che anche nelle città più povere ci fossero i centri per anziani. Luca Al Polifunzionale ci sono dei vecchietti che quando noi andiamo lì, ci fanno un regalino e noi lo facciamo a loro. I nonni a volte sono anche dei ballerini. Io ho una nonna che balla. Io penso che i nonni siano pieni di felicità quando stanno con i bambini. Silvia Vi voglio parlare dei centri di aggregazione che sono utili proprio agli anziani che per motivi vari rimangono soli durante la giornata. Qui gli anziani giocano molto a carte, a scacchi, parlano, si rilassano e mangiano. Arianna La nostra classe a volte va al Polifunzionale a trovare gli anziani. Lì gli anziani stanno in compagnia, possono guardare la TV, leggere il giornale e parlare con gli altri. Se stessero a casa soli, si annoierebbero. Riccardo 35

38 36 Per Natale siamo andati a fare gli auguri agli anziani del Polifunzionale, abbiamo cantato e loro ci hanno fatto i complimenti. A loro piace passare il tempo giocando, parlando, cantando e leggendo. Mattia Noi delle classi IV andiamo al Polifunzionale a festeggiare il Natale, il Carnevale e la Pasqua. Arianna L ultima volta che sono andata, guardando loro, mi sono accorta che una nonna stava piangendo commossa e questo mi ha fatto capire che i nonni ci vogliono tanto, ma tanto bene. Io spero come loro di diventare centenaria e di morire con gioia, sperando di avere anche dei nipotini. Infatti io credo che gli anziani abbiano una grande qualità, cioè quella di accudire i propri nipotini e di volergli bene. Melania IL nostro Polifunzionale ospita tantissimi anziani, vengono chiamati ospiti diurni perché stanno lì per tutto il giorno e poi tornano a casa. Margherita Qui chiacchierano tanto, si raccontano di quando erano piccoli, del primo giorno di scuola e tante altre storie. Giuseppe Molti anziani vivono soli e per non stare a casa come abbandonati, vanno al Centro Polifunzionale così si divertono un po. Se io dovessi dirigere un Centro Polifunzionale, lo farei così: una piscina per mantenersi in forma, anche una palestra, una sala da pranzo tipo ristorante, un bar e farei fare un ora di lezione di qualcosa che possa interessare. Gli anziani sono bravi e buoni e noi gli vogliamo bene. Anch io quando diventerò anziana vorrò avere tutte queste modernità. Elena Io voglio molto bene ai nonni, infatti sono importantissimi. Visto che dovrò diventare nonna anch io spero sarò una vecchietta attiva. Arianna Noi vogliamo molto bene ai nonni e li andremo sempre a trovare. Francesco Al Polifunzionale si incontrano con gli altri, giocano, leggono e fanno tante belle cose tutti insieme e si divertono più che stare a casa da soli. Anche noi invecchieremo e vogliamo avere un futuro con tanta allegria e non stare a casa da soli e abbandonati. Speriamo bene. Spero di diventare vecchio più di 100 anni. Speriamo che si facciano tanti bei centri! Halil Nei centri le persone possono divertirsi a modo loro: hanno giochi vari, la palestra, la chiesa per chi vuole pregare, hanno il giardino, hanno tutte le cose che gli servono, pure il fisiatra, l animatore e insieme chiacchierano e leggono Pensate: in Giappone hanno fatto attrezzature apposta per loro! Beatrice

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

SOTTO LO STESSO TETTO: La classe 4A presenta:

SOTTO LO STESSO TETTO: La classe 4A presenta: SOTTO LO STESSO TETTO: Gender MainstreaMinG e valorizzazione delle differenze a scuola La classe 4A presenta: Tutti diversi... ma uguali ;-) Nell'anno scolastico 2014/15 la classe 4A dell'i.c. Via d'avarna,

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Se fossi... Nicole Pesce. Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone

Se fossi... Nicole Pesce. Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone Se fossi... Nicole Pesce Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone se fossi un coppa mi lascerei osservare da tutti, ed essere contenta di essere con te, te che mi

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Elenco per Classe. Pr. Alunno Data Nasc.

Elenco per Classe. Pr. Alunno Data Nasc. Classe: 3A TERZE E QUARTE NUOVO ORDINAMENTO LICEO SCIENTIFICO STATALE "P. RUGGIERI" MARSALA 1 ANGILERI VITO 11/02/1999 2 ARISTODEMO MARCO 17/03/1999 3 BONFRATELLO SAMUELE 26/06/1999 4 CAMAGNA MICHELE 12/05/1999

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse Unità 3 41 Il Vesuvio Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse affresco - Pompei Capri Il golfo di Napoli Pompei Napoli Pompei Capri 42 L imperfetto indicativo L alternanza passato prossimo e imperfetto

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

FREQUENZA COMPORTAMENTO CONOSCENZE ABILITÀ-ORIGINALITÀ APPRENDIMENTO max. 3 punti 0-1-2 punti max. 10 punti max. 10 punti media

FREQUENZA COMPORTAMENTO CONOSCENZE ABILITÀ-ORIGINALITÀ APPRENDIMENTO max. 3 punti 0-1-2 punti max. 10 punti max. 10 punti media Commissione 1 - COMMISSIONE AFFARI ESTERI (AFET) CHAIR: Ilaria BLASUCCI, Alessandro IANNAMORELLI TOTALE INCONTRI: CALCIOTTI LUDOVICA VAIANA VALENTINA DI CASTRO MATTEO VERNICA DIANA LE LUCA MARIANNA SBARDELLA

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

IL DIALOGO COME FORMA E STRUMENTO DI SVILUPPO DELLA PERSONA UMANA

IL DIALOGO COME FORMA E STRUMENTO DI SVILUPPO DELLA PERSONA UMANA Nuove Indicazioni Nazionali Progetto di formazione e ricerca della Bassa Veronese degli istituti: IC Bovolone, IC Cerea, IC Salizzole, IC Nogara, IC Cerea, IC Minerbe Percorso di ricerca azione sviluppato

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Classe Quarta C a. s. 2013/2014 Scuola Primaria Dante Alighieri Rignano Sull Arno

Classe Quarta C a. s. 2013/2014 Scuola Primaria Dante Alighieri Rignano Sull Arno Classe Quarta C a. s. 2013/2014 Scuola Primaria Dante Alighieri Rignano Sull Arno AMICIZIA di Pietro P. Voglio solo stare insieme ai miei amici, Giocare insieme a loro e non litigare. Per me loro sono

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

XVI COPPA 4 STILI CITTA' DI TRENTO - pomeriggio

XVI COPPA 4 STILI CITTA' DI TRENTO - pomeriggio Trento dal 27/05/2012 al 27/05/2012 RIEPILOGO 100 Dorso Esordienti A Femminile - Serie 1) DONINI Valentina 00 RARI NANTES TRENTO 1'125 2) BAZZANELLA Chiara 00 2001 TEAM ASD - ROVER 1'153 3) CRISTOFALETTI

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale

Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale Nominativo / SCS AZIONINNOVA SPA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BOLOGNA UNIVERSITA' LA

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

'' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari

'' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari '' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari Io ho tanto coraggio ma certe volte non lo dimostro. Per esempio: io ho coraggio a dire in faccia le cose, ma qualche volta no perché non mi fido e allora

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Edizione N 8 Mese GIUGNO/LUGLIO 2011. Giorni da ricordare nei mesi di APRILE e MAGGIO. 28/05/2011 Qui affianco la nostra Elide che compie 100 anni!!!

Edizione N 8 Mese GIUGNO/LUGLIO 2011. Giorni da ricordare nei mesi di APRILE e MAGGIO. 28/05/2011 Qui affianco la nostra Elide che compie 100 anni!!! 09/05/2011 e 16/05/2011 Fazzoletto Bandiera con i ragazzi del catechismo!! 12/05/2011 Uscita al mercato Paesano.. 18/04/2011 CINOTERAPIA!! 08/05/2011 FESTA DELLA MAMMA 03/04/2011 Canti e Balli con Rinaldo

Dettagli

F.I.N. Delegazione di Piacenza. 6^ Manifestazione Provinciale Propaganda. Pavia 19 Maggio 2013 P R O G R A M M A

F.I.N. Delegazione di Piacenza. 6^ Manifestazione Provinciale Propaganda. Pavia 19 Maggio 2013 P R O G R A M M A Staffette 4 x 25 Stile Libero 1 F SPORT VILLAGE (Azzoni-Mazzeo-Caravaggi-Costa) 2 F VOGHERESE N (Guida-Prizzon-Guagnini-Dragoti) 3 F CENTRO FIN PAVIA (Rossi-Beretta-.-Balduzzi)) 1 F/M MELEGNANO (Marchesoni-Gigli-Turazza-Benussi)

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto Provincia di Ravenna Album fotografico UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto CONSIGLI/CONSULTE DEI COMUNI PARTECIPANTI SCUOLA Consulta ragazzi di Alfonsine Michelacci Andrea Scuola Primaria "Matteotti

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ: 2014-2015 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: Ε1 Διάρκεια: 2 ώρες Υπογραφή

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Esordienti 2004-05 Maschi (50 mt) anno Società TEMPO 1 SARTORI ETTORE 2004 A PC 10''8 2 BOZZO ANDREA 2005 A5C 11''9 3 ZILIANI LUCA 2006 APC 12''2

Esordienti 2004-05 Maschi (50 mt) anno Società TEMPO 1 SARTORI ETTORE 2004 A PC 10''8 2 BOZZO ANDREA 2005 A5C 11''9 3 ZILIANI LUCA 2006 APC 12''2 Esordienti 2004-05 Maschi (50 mt) anno Società TEMPO 1 SARTORI ETTORE 2004 A PC 10''8 2 BOZZO ANDREA 2005 A5C 11''9 3 ZILIANI LUCA 2006 APC 12''2 Esordienti 2004-05 Femmine (50 mt) anno Società TEMPO 1

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita"

Consigli di lettura alla Libreria Rinascita Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita" Pagine d Estate: proposte di letture per l estate 2014 Quest'iniziativa vuole incentivare il gusto per la lettura e avvicinare i preadolescenti ai testi di

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Arrivederci! 1 Test di progresso

Arrivederci! 1 Test di progresso TEST DI PROGRESSO (Unità 1 e 2) 1) Completa il mini dialogo con le forme verbali corrette. Ciao, io sono Tiziano. Ciao, io mi chiamo Patrick. (1)... italiano? No, ma (2)... italiano molto bene. (1) a)

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

1 - via Botticelli 11/15(ACCETTATO) 2 - VIA SCOTELLARO 19(CANCELLATO PER ACCETTAZIONE) 1 - via Botticelli 11/15(ACCETTATO) 2 - via Paisiello 42

1 - via Botticelli 11/15(ACCETTATO) 2 - VIA SCOTELLARO 19(CANCELLATO PER ACCETTAZIONE) 1 - via Botticelli 11/15(ACCETTATO) 2 - via Paisiello 42 SCUOLA : via Botticelli /5 P.C. S. Giuseppe lavoratore / 00555 ANNO SCOLASTICO : 05/06 DATA GRADUATORIA : 30/03/05 PUBBLICATA Ver. 0 FASCIA DI ETA' DAL : 0/0/00 AL : 3//0 PRIORITA' ASSOLUTA 30/08/0 690

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Una libera pensatrice.

Una libera pensatrice. Passato prossimo/imperfetto 1 Leggi il testo e scegli il verbo corretto. Una libera pensatrice. In primavera, quando l aria si riscaldava/si è riscaldata e è diventata/diventava piacevole, noi bambini

Dettagli