L ULTIMO RICATTO DI B.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ULTIMO RICATTO DI B."

Transcript

1 L Isis colpisce in un hotel di Tripoli con 4 kamikaze: 12 morti. Il Califfo vuol fare della Libia un ponte per gli attacchi all Europa. Ci faranno rimpiangere Gheddafi? y(7hc0d7*kstkkq( +\!z!#!$!: Mercoledì 28 gennaio 2015 Anno 7 n 27 e1,40 Arretrati: e2,00 Redazione: via Valadier n Roma Spedizione abb. postale D.L. 353/03 (conv.in L. 27/02/2004 n. 46) tel fax Art. 1 comma 1 Roma Aut. 114/2009 Berlusconi tiene appeso il premier e rinvia a oggi l incontro. Sul Quirinale si gioca tutto: con le larghe intese il valore del Biscione è salito di 3 miliardi. Ora il Caimano vuole vendere per passare all incas so TRATTATIVA STATO-MEDIASET L ULTIMO RICATTO DI B. Il primo ministro greco, Alexis Tsipras Ansa OGGI IL PROCESSO A TORINO Il caso Erri De Luca: pro e contro l accusa allo scrittore No-Tav di A n d re a Giambar tolomei O Meletti, Palombi e Tecce» pag. 2-3 ggi alle 9 Erri De Luca entrerà al Palazzo di giustizia di Torino e si dirigerà all aula 52.»pag. 7 DOMANI IL PRIMO VOTO Renzi teme Amato: Finocchiaro o Fassino? FRONTE GRILLO M5S: 6 dal Pd, 9 ribelli e una rissa STORIE DI CASTA Marra e Zanca» pag. 2-4 De Carolis» pag. 4 COME ERAVAMO De Mita: Io, franco non tiratore del Colle»IL PRIMO GIORNO DI TSIPRAS» Subito il decreto anti-ue Salario minimo sì, donne al governo no Il leader di Syriza vara un esecutivo con solo 10 ministri e immediatamente segna un colpo contro l austerity. La Merkel: Nessuno sconto sul debito pubblico. Intanto Atene prova a rialzarsi: dai negozi al Centro culturale di Renzo Piano. La Borsa però va a -5% Cannavò, Caridi, Feltri, Rodano, Scanzi e Zunini»pag. da 8 a 10 Livia Pomodoro: dalla toga a Expo, ma non molla la villa popolare d Esposito» pag. 5 Barbacetto» pag. 15 AMERICAN SNIPER Altro che fascista, il cecchino di Clint ricorda la Tregua di Primo Levi Colombo» pag. 19 a s d a s d a s d a s d a s d a s d Pj a s o d Ora i droni servono per l ag r icoltura, ma l Italia li vieta Della Sala» pag LA CATTIVERIA Berlusconi rinvia a oggi l appuntamento con Renzi. Ieri aveva le sue cose»w w w.fo r u m. s p i n oza. i t La Resurrezione di Lazzaro di Marco Travaglio uò darsi che, come dice Renzi senza precisare Pla settimana esatta, sabato avremo il presidente. Nel qual caso il premier avrà vinto la partita, chiunque sia il nome del prescelto. Che, comunque, sarebbe frutto del Patto del Nazareno, dunque un impresentabile: Amato (e ho detto tutto), o Fassino (quello del giro Quagliotti-Greganti e del siamo padroni di una banca? ), o Finocchiaro (zarina di tutti gli inciuci, con marito imputato), o Chiamparino (che negli anni pari fa il politico e nei dispari il banchiere), roba così. Se invece, al quarto scrutinio, il Renzusconi non superasse il quorum, inizierebbe il massacro. Renzi, a quel punto, potrebbe giocare un altra carta, sempre con B. Oppure rivolgersi ai 5Stelle. I quali, questa volta, non avranno un candidato di bandiera, come nel 2013 fu Rodotà per la proterva insipienza del vertice Pd. Per non ridursi al ruolo di spettatori e giocare fino in fondo la partita, Grillo, Casaleggio e il direttorio chiedono al Pd una rosa di nomi da sottoporre agli iscritti. Renzi non li degna neppure di risposta, confermando ciò che abbiamo sempre sostenuto: è lui, non loro, a rifiutare il dialogo. Però alcuni spiriti liberi del Pd alla hanno risposto col nome di Prodi. È probabile che il Prof sebbene sia un padre dell euro risulti, agli occhi della loro base, il meglio o il meno peggio della compagnia cantante (è quel che non capiscono i nove sciocchini che ieri si sono sfilati per andare a chiedere, bel belli, a Renzi un presidente fuori dal Nazareno : roba da perizia psichiatrica). A quel punto, per Renzi, sarebbe un bel problema: come potrebbe giustificare dinanzi alla sua base un No al padre del Pd per non dispiacere al Caimano? L uomo è capace di tutto, ma a tutto c è un limite. E quel limite potrebbe essere Prodi, molto più popolare o meno impopolare delle suddette muffe. Se alla fine il Prof salisse al Quirinale, Renzi potrebbe comunque intestarsi la vittoria, si riconcilierebbe con gli elettori del Pd che da mesi ingoiano guano, ricompatterebbe il Pd e il centrosinistra, metterebbe in sicurezza la maggioranza del suo governo e relegherebbe B. nell angolo. Per sempre. Il Caimano fiuta il pericolo: infatti ieri ha fatto il ritrosetto, non certo per rompere, ma per alzare la posta del ricatto. Se Renzi invece perseverasse col Nazareno, la resurrezione di Lazzaro sarebbe completa. E tutti capirebbero finalmente che il Patto è ben più inossidabile e inconfessabile di quel che si racconta in giro. Un patto di mutuo soccorso fra il Pregiudicato e lo Spregiudicato, ma anche di mutuo governo e mutui affari (condono fiscale con salvacondotto a B., regali a Mediaset sulle frequenze, legge-regalo a Banca Etruria & famiglia Boschi). Ai tempi di D Alema, Guido Rossi paragonò Palazzo Chigi a una merchant bank dove non si parla inglese. Stavolta l inglese lo si parla eccome, viste certe fughe di notizie in quel di Londra. Così, alla fine, potrebbe chiudersi questa partita cruciale: B. che, di nuovo a piede libero (i servizi sociali scadono a marzo), entra ufficialmente nella maggioranza e forse nel governo in attesa dell agibilità politica (salvacondotto fiscale o grazia dal nuovo presidente scelto anche da lui). E intanto regolare i conti a destra. L orrendo Italicum votato ieri al Senato, checché se ne dica, gli sta a pennello: il premio di maggioranza alla lista che arriva al 40% costringerà i partitini, Ncd in testa, a rientrare precipitosamente all ovile di Arcore per non sparire; e gli consentirà, se arriverà secondo, di nominarsi tutti i deputati (i capilista bloccati, a cui solo chi arriverà primo aggiungerà qualche decina di eletti con le preferenze). Ma, di questo passo, non è neppure escluso che arrivi primo. Pare un film horror, della saga Il ritorno dei morti viventi, ma è così. Complimenti al regista. DOSSIER AUSCHWITZ Sull applicazione Mia il testo della Conferenza di Wannsee sulla soluzione finale per gli ebrei

2 2 MERCOLEDÌ 28 GENNAIO 2015 VISTA COLLE il Fatto Quotidiano Niente sconti, per i pm Silvio deve espiare ancora PER LA PROCURA di Milano Silvio Berlusconi non merita lo sconto di un mese e mezzo ma deve espiare l i n te ro anno di affidamento in prova ai servizi sociali. È il parere espresso dal pm dell ufficio esecuzione alla richiesta di liberazione anticipata di 45 giorni presentata dal leader di Forza Italia condannato in via definitiva, con l a cc u s a di frode fiscale, a 4 anni di carcere, 3 dei quali coperti da indulto, per il caso Mediaset. Sul parere negativo, che non è vincolante ai fini dell attesa decisione del giudice Beatrice Crosti, potrebbe aver influito, si ipotizza, la diffida orale e scritta ricevuta dall ex premier da parte del giudice Crosti per i suoi ennesimi attacchi alla magistratura in alcune interviste andate in onda in tv ma soprattutto durante la sua testimonianza nel processo a carico di Valter Lavitola sulla vicenda degli appalti a Panama. Quel giorno, lo scorso 19 giugno, Berlusconi, aveva detto, rivolgendosi al collegio, che la magistratura è incontrollata, incontrollabile, irresponsabile e ha l impunità piena. Parole con le quali avrebbe violato una delle prescrizioni stabilite dalla Sorveglianza e da lui sottoscritte all Ufficio Esecuzione Penale Esterna (Uepe). B. ALZA IL PREZZO E GIOCA CON RENZI OGGI BERLUSCONI PRANZA A PALAZZO CHIGI CON VERDINI E LETTA E RILANCIA GIULIANO AMATO E ANNA FINOCCHIARO di Fabrizio d E s p o s i to Il Condannato dixit: Io non posso mettermi in coda con tutti gli altri e fare questo teatrino in cui non si decide nulla, stasera non vado al Nazareno, da Renzi vanno i capigruppo. Il gioco inizia a farsi duro e Silvio Berlusconi ridiventa il Caimano. Quando c è una trattativa in ballo, l ex Cavaliere non è secondo a nessuno. E così il tanto atteso ritorno al Nazareno, nella sede nazionale del Pd, salta che è ancora mattina. Con i suoi, B. ne fa una questione di metodo e non solo: Io sono un socio del Nazareno, non subalterno. Renzi non può venire da me e impormi un nome. Il presidente lo scegliamo insieme. Io non voglio un altro Napolitano, che si nega al telefono. Eccolo qua Berlusconi. Alla Camera regnano caos e panico attorno ai depistaggi renziani (Chiamparino, Fassino, Delrio) e lui fa recapitare dai suoi ambasciatori un messaggio L IDENTIKIT Forza Italia non vuole un tecnico né uno che faccia parte dell attuale governo (via Padoan e Delrio dal tavolo) chiaro e ambiguo allo stesso tempo. In ogni caso criptico: Tu vuoi un nome che io non voglio. Io ne voglio uno che tu non vuoi. In questo scioglilingua nazareno risiede la soluzione dell enigma Quirinale. Ed è per questo che oggi a pranzo, nella sede del governo a Palazzo Chigi, Renzi e Berlusconi mangeranno insieme e parleranno del futuro capo dello Stato. Con loro, i soliti Lotti e Guerini per Renzi, i soliti Verdini e Gianni Letta per Berlusconi. Alfano torna delfino e punta sul dottor Sottile In realtà il primo messaggio berlusconiano a Renzi è stato consegnato ieri mattina da Angelino Alfano, il delfino ritrovato del Condannato. Nell incontro tra Pd e Ncd, Alfano ha tratteggiato il profilo del candidato ideale per il centrodestra riunito (compreso Casini): Non deve essere un tecnico, né fare parte del governo. In un colpo solo, presi due nomi che girano da giorni: quello di Pier Carlo Padoan, ministro dell Economia, e quello di Graziano Delrio, sottosegretario a Palazzo Chigi. All uscita Alfano fa pure una battuta che calza a perfezione al prediletto di Forza Italia e affini: Noi dobbiamo fare un a ce, non un doppio fallo. La metafora tennistica conduce diritto a Giuliano Amato, noto amatore di questo sport. Il candidato ideale e quella che può farcela Ufficiosamente, almeno a parole, l ex craxiano poi premier e tante altre cose resta il candidato ideale del Pregiudicato. Di fronte poi alle nebbie renziane della giornata di ieri, la linea Amato è stata l unico modo per alzare il prezzo e costringere l amico Matteo a venire allo scoperto. Quando Berlusconi fa sapere che vuole un nome autorevole la scrematura dei nomi porta a un ballottaggio per il pranzo di oggi, tra Amato e la rediviva Anna Finocchiaro, risalita di parecchio nelle ultime ore. Così in questa fase, persino i veti diventano mera tattica. Dicono infatti a tarda sera dal cerchio magico berlusconiano: La Finocchiaro? Non passerà mai. Ma la questione, appunto, è il metodo. Berlusconi vuole sentirsi azionista del Nazareno a pari titolo di Renzi. Come ha dimostrato il voto di ieri al Senato sull approvazione dell Italicum. Un evidenza che la Boschi ha addirittura negato, siamo autosufficienti, facendo irritare non poco i renzusconiani di Forza Italia. Anche Giuseppe Stalin se desse garanzie a Silvio Il metodo contemplato da B. è alquanto pignolo ed esclusivo. Due anni fa, per esempio, quando Bersani informò riservatamente il Condannato della rosa Pd con dentro Mattarella e Marini, Berlusconi pretese e ottenne di parlare e incontrare i due ex democristiani. Questione di garanzie, che con l ex Cavaliere non sono mai solo politiche. Il nodo dell agibilità elettorale e la tutela dell eterno conflitto d interessi sono imprescindibili. A Palazzo Grazioli da settimane regna un motto di spirito: Se candidassero Giuseppe Stalin e Stalin garantisse il presidente in modo totale, allora Berlusconi voterebbe Giuseppe Stalin al Quirinale. Il resto appartiene alla sfera dell ignoto e dell azzardo. I bersaniani di ogni ordine e grado sono convinti che Renzi farà un nome che alla fine spiazzerà tutti. Ma quel nome deve essere condiviso con B. altrimenti il Nazareno salterebbe. Su questo Verdini e i suoi sono ottimisti: Matteo rispetterà gli accordi e riusciremo a eleggere insieme il capo dello Stato alla quarta votazione. Ma chi? Oggi il nome del giorno potrebbe essere quello di Anna Finocchiaro, già dalemiana poi ultrà renziana sulle riforme, stando ai fatti. Conterebbe soprattutto la suggestione di eleggere per la prima volta una donna al Quirinale, madrina siciliana del Partito della Nazione che avanza. Altro che Casta. fatto a mano di Wanda Marra obbiamo concentrarci su Dun politico vero. Magari un ex segretario. Durante una pausa delle consultazioni (quelle ufficiali) ieri al Nazareno, Matteo Renzi ragionava così con la delegazione Demo - crat (i vicesegretari, Guerini e Serracchiani, il Presidente Orfini, i capigruppo, Zanda e Speranza). Un ragionamento, uno dei tanti. Una pista, una delle decine disseminate nelle ultime settimane. Il premier-segretario sta giocando una partita a poker, nella quale coltiva le aspettative di molti (che potrebbero rivelarsi troppi), non scopre davvero le carte con nessuno, accarezza il sogno di una figura il più incolore possibile al Colle. E siccome il gioco rischia di farsi sempre più duro, stamattina ha convocato di nuovo, prima i deputati (alle 8) e poi i senatori (alle 9 e 30). Ci coccola un po, ironizza un senatore dem. Non farà nessun nome, fanno trapelare da Palazzo Chigi. E dunque è solo tattica: un modo perché nessuno possa dire di non essere stato coinvolto. Almeno formalmente. Matteo decide tutto da solo, ribadiscono i più disincantati. MA IERI è stata la giornata in cui il gioco ha mostrato le corde. Con tutte le correnti e le sotto correnti del Pd pronte a contarsi. A partire, appunto, dagli ex segretari. Piero Fassino è arrivato ieri sera a Roma, con una valigia carica di vestiti. Oggi andrà al Nazareno. Possibilità? Ha un pessimo carattere, ricordano i renziani. Pier Luigi Bersani ha fatto sapere che stamattina sarà alla riunione dei deputati Pd. Poi, dovrebbe incontrare Renzi. Il suo fedelissimo, Davide Zoggia, ieri contava i voti. Per chi? Forse per lo stesso Pier Luigi? Walter Veltroni è sparito. Una tattica vincente, in genere. Ma c è un folto gruppetto (anche di renziani) che lavora per lui. Per ora, Matteo non lo vuole: troppo ingombrante. Dario Franceschini ha cominciato a muovere i Italicum, al Senato 184 sì per Matteo L I TA L I C U M passa al Senato. Con i voti del patto del Nazareno e confermando gli stessi consensi dell estate scorsa. L Italicum, infatti, è uscito con 184 sì, 66 no e 2 astenuti. Nell agosto scorso il ddl Boschi sulle riforme ottenne 183 sì e 4 astenuti. Nessun voto contrario, perché i dissenzienti uscirono dall Aula. All ap - pello della maggioranza nazarena sono mancati 24 dissidenti del Pd, una ventina di dissidenti azzurri (i fittiani e altri) e 4 voti di Ncd. Il coraggio paga e le riforme vanno avanti, esulta Renzi su Twitter. Subito seguito da Maria Elena Boschi: S e m b rava impossibile fino a qualche mese fa. È proprio la volta buona, twitta il ministro. Secondo cui il contributo di Fi è stato importante ma non determinante, perché la maggioranza è stata a u to s u f f i c i e n te. Di poco, ma è vero: considerando le assenze, i voti della maggioranza sono 131, 3 in più di quelli che sarebbero serviti (viste le assenze, la maggioranza assoluta era 127). Il testo, però, è passato tra le polemiche. Roberto Calderoli, spalleggiato da grillini e Sel, si è accorto che nella proposta di coord i n a m e n to presentata da Anna Finocchiaro, le modifiche andavano ben oltre i cambiamenti formali previsti dal regolamento. Al posto di una riforma epocale ci troviamo davanti un por - ce l l i n u m oun espositum. Oppure uno s t ro n ze l l u m. Appartiene comunque al genere dei suini, dice in Aula agitando un maialino di peluche. Gianluca Roselli R I SV EG L I Il Rottamatore e il fantasma degli ex segretari quir inabili VELTRONI I suoi continuano a dire che non è in corsa, ma l ex sindaco di Roma resta un candidato spendibile Dlm suoi ufficialmente. Lo schema, a un certo punto della giornata, sembrava quasi fatto. Che ne dite di Amato? Di Padoan? Di Mattarella?. L sms dal cellulare di Renzi è arrivato negli ultimi giorni a vari parlamentari di seconda e terza fila. Per lusingarli, per controllarli. I nomi che circolavano a metà giornata, erano 5: oltre a Fassino, Chiamparino, considerato però troppo debole. E poi Amato, Mattarella e Prodi. Tutte figure di peso, che i voti li avrebbero. Ma Amato, Renzi non lo vuole: è il candidato di Bersani e Berlusconi e non piace all opi - nione pubblica. Prodi è il vero cavallo di Troia che a Matteo non piace, ma potrebbe trovarsi sulla sua strada, se M5S e minoranze si coalizzano. Per stopparla, il modo più sicuro sembrerebbe quello di Sergio Mattarella, il pareggione, come per scherzo lo spiegavano a Montecitorio. Uno che non entusiasma nessuno, ma non inquieta davvero nessuno. Un cattolico, che piace a Fioroni e ex Dc. Molto meno agli ex Ds. A ringarbugliare la matassa, arrivano, infatti, i Giovani Turchi (la falange del Presidente Orfini) a metà pomeriggio. Matta - rella? Berlusconi non lo vota. Amato? Per noi va bene, avrebbe riferito un esponente di rilievo a chi sta facendo i conti. Il loro candidato originario era Padoan, che però sembra tramontato, in favore di un politico. In alternativa Amato. O la Finocchiaro, gradita a B., votabile dalle minoranze, spinta dalla Boschi. Un nome a cui si sta lavorando, proprio su input di FI. Ma davvero Renzi può proporre il nome che bruciò due anni fa? E soprattutto, sembra poco aggirabile il processo in arrivo per il marito, agli occhi di Matteo. E allora? Se Renzi ci fa un nome, noi lo votiamo. Veltroni? Votiamo anche lui, spiega un Giovane Turco di peso. La sfida è questa: Renzi si decida. Ma anche proponga un nome che tenga conto delle volontà di tutti. SULLO SFONDO Graziano Delrio, che per molti resta la vera carta coperta del premier. Rientrerebbe in un gioco di accordi, che vedono la Boschi al suo posto a Palazzo Chigi, Ettore Rosato, luogotenente di Franceschini, al ministero delle Riforme, Valentina Paris, in ascesa nei Giovani Turchi, al posto della Lanzetta, al ministero degli Affari regionali. Ma non è un nome che Renzi può spendere con facilità. Troppo renzino, anche se B. dice di sì. Allora, alla quarta, quinta votazione, potrebbe arrivare pure Veltroni: Matteo il suo nome non lo fa girare. È un modo per non bruciarlo, spiega un fedelissimo del premier. Se la matassa s in - garbuglia, potrebbe diventare una scelta obbligata. Berlusconi lo voterebbe, la minoranza dem difficilmente potrebbe dire di no, Renzi subirebbe un po d ombra mediatica, ma condurrebbe comunque il gioco.

3 VISTA COLLE il Fatto Quotidiano MERCOLEDÌ 28 GENNAIO Noi Italiani: ecco il simbolo-partito di Diego Della Valle NOI ITALIANI è il nome del simbolo registrato una settimana fa a nome di Diego Della Valle presso l Ufficio italiano brevetti e marchi del ministro dello Sviluppo Economico. La notizia è stata data dall E s p re ss o e spulciando il data base dell Uibm si scopre, infatti,che la domanda di deposito è stata presentata il 16 gennaio scorso. Il marchio, si legge nella richiesta, consiste nel logo Noi italiani. Si tratta di un tondo con la scritta blu Noi italiani in primo piano su sfondo giallo con bordino tricolore. Il richiedente è l i m p re n - ditore Della Valle e fa pensare che il patron della To d s sia pronto a scendere in campo con un suo movimento, anche se fino ad ora il diretto interessato ha sempre smentito un suo coinvolgimento in politica. di Giorgio Meletti e Carlo Tecce Questo è il momento. Adesso, oppure sarà troppo tardi. Gli indizi sono confermati dagli amici più fidati, quelli che l hanno accompagnato nel lancio di Mediaset e ora lo assistono nei tentativi di cessione. Il momento per vendere è adesso che il valore in Borsa è di oltre 4,5 miliardi di euro e Silvio Berlusconi, a 78 anni, è tornato a dare le carte al tavolo politico grazie al patto siglato al Nazareno con il giovane clone Matteo Renzi. Prima ancora che si risolva la partita del Quirinale, B. ha già messo all incasso la cambiale di potere firmata dal premier fiorentino, e mentre tratta sui nomi per il Colle scambia messaggi sul prezzo di Mediaset attraverso fidati sensali. APPENA due anni fa, espulso dal governo e depresso dai tumulti di un partito che invocava le primarie con Angelino Alfano e la retorica tecnica di Mario Monti a Palazzo Chigi, Mediaset in Piazza Affari pesava due terzi di meno, 1,5 miliardi di euro, molto scalabile e poco appetibile. Adesso è arrivato il momento. L ex Cavaliere può fare da garante ai potenziali acquirenti, sviluppando le trame con i soliti mediatori e sfruttando le sponde col renzismo. Berlusconi ha capito che la guerra con Rupert Murdoch, tra Mediaset Premium e Sky Italia, non conviene a nessuno. Le rispettive famiglie sono d accordo, bisogna trattare: La cartella è pronta, vanno inseriti i documenti giusti, spiega sibillino un amico di Silvio e Rupert. Ma il passaggio è un preludio, perché lo squalo australiano non è interessato a Mediaset, non ne avrebbe bisogno, agisce per un dominio assoluto negli Stati Uniti, punta a Time Warner, ultima operazione da imperatore. Ecco l effetto Nazareno: Mediaset è già in vendita IL VALORE DI BORSA SI È TRIPLICATO NELL ULTIMO BIENNIO. DA ARCORE ADESSO SI PUNTA A CAPITALIZZARE PRIMA CHE LE TV DIVENTINO UN PROBLEMA PER GLI EREDI Il protagonista atteso a tirare sul prezzo di Mediaset è sempre un requin, che vuol dire squalo in francese, e si chiama Vincent Bolloré, il presidente di Vivendi, dipendenti, quote sparse in Europa e in Africa, proprietario di Canal Plus. Il finanziere bretone, cattolico praticante, spesso in IL BRETONE ALLE PORTE Il protagonista atteso a tirare sul prezzo è Vincent Bolloré, presidente di Vivendi e proprietario di Canal Plus vacanza a Capri s incontra a messa, s è introdotto nel salotto malandato di Telecom (mira al controllo) non prima di passare per un pranzo in villa San Martino di Arcore: la versione ufficiale, racconta che c era Pier Silvio Berlusconi; la versione ufficiosa include papà Silvio. I preliminari di IL CALO DELLA PUBBLICITÀ Publitalia 80 incassava 3 miliardi nel 2007, in epoca florida. Ora resiste a fatica, arrivando a malapena ai 2 quest operazione, una simulazione, saranno consumati in Telecom che, in maniera equivalente, sancisce l armi - stizio tra Murdoch e Berlusconi: la multinazionale italiana sarà veicolo di contenuti non soltanto per Sky, ma anche per Mediaset Premium, di cui il numero uno Marco Patuano è pronto anche a comprare una quota per ingraziarsi i nuovi azionisti. Bolloré deve attendere aprile per comandare in Telecom, superati i vincoli Antitrust. Il francese è convinto che l assetto mondiale sarà presto valido anche nel bolso paese italiano, cioè che gli operatori telefonici e i RISALITE Dal novembre 2012 a oggi il titolo Mediaset si è apprezzato in Borsa: da 1,30 euro ad azione a 4, passando da 1,5 mliardi ai 4,5 di oggi produttori televisivi debbano sopravvivere assieme, sennò muoiono. MEDIASET, se non la scomparsa, ha sfiorato l irreversi - bile erosione. Nel 2013, il Biscione ha registrato ricavi netti per 3,4 miliardi, 300 milioni di euro persi in un anno. La caduta pubblicitaria non s ar - resta, sebbene l andamento sia migliore del mercato e l ul - timo semestre 2014 sia positivo: Publitalia 80 incassava 3 miliardi nel 2007, in epoca florida, ora resiste a fatica sui 2. Gli investimenti su Mediaset Premium, argine all espansione di Sky, non trovano giustificazione nei bilanci: 552 milioni di euro di entrate con circa 2 milioni di abbonati. Per fare un paragone: per ottenere i diritti per la Champions League, prossimo triennio, Cologno Monzese ha speso 700 milioni. È quasi impossibile recuperare quel denaro, con Sky che protegge i suoi 4,7 milioni di clienti. Per gonfiare la dote di Mediaset Premium, ricasco di uno scambio spagnolo in Digital Plus, Telefonica ha sborsato 100 milioni di euro per l 11% di Premium: il parametro è fasullo, nessuno la prenderebbe per un miliardo. È il segnale che conta: Mediaset deve fare cassa, e soprattutto l ex Cavaliere deve liquidare il suo ex gioiello per non lasciare in eredità ai cinque figli un problema insolubile. Questo è il momento, perché l amico Bolloré, instradato da un amico in comune, sarà il timoniere di Telecom e, sfruttando le risorse di Vivendi, potrà mettere in sicurezza l eredità di Arcore. Sarebbe l assicurazione per il futuro di alcune generazioni di Berlusconi, senza che ci sia neanche bisogno di far lavorare Pier Silvio e Marina. LARGHE INTESE, LARGHI FAVORI La responsabilità paga. In contanti di Marco Palombi a responsabilità in politica paga. Parola di LSilvio Berlusconi, che negli ultimi anni ha verificato scientificamente la verità dell assunto sui bilanci aziendali. Laddove c è grande intesa, infatti, c è attenzione per l azionista: e s intende tanto quello dell azienda che quello del governo, specie se le due figure coincidono. Da quando il nostro fu defenestrato (novembre 2011) per far posto a Mario Monti, non c è esecutivo che non l abbia visto di riffa o di raffa tra i promotori e non c è nemmeno esecutivo che non se ne sia ricordato al momento di legiferare o non legiferare. QUANDO arrivarono i professori, per dire, tutti scommettevano sulla concorrenza: ora sì che finisce il duopolio Rai-Mediaset. Il ministro per così dire competente Corrado Monti e Berlusconi Ansa Passera s affrettò a disdire il beauty contest con cui il suo predecessore Paolo Romani voleva regalare un po di frequenze al Biscione. Mettiamo tutto a gara entro l estate disse l ex banchiere - e incasseremo un miliardo. Poi si sa come vanno queste cose: passa una settimana, ne passa un altra e dopo quattro anni il mondo è cambiato, il miliardo non s è visto e Mediaset è passata dall avere 4 Mux digitali ad averne cinque (più un rinnovo ventennale delle frequenze in essere). Il governo Letta, ahilui, è durato poco e ancor meno è durato il sostegno di Berlusconi (uno scarto seguito ai mesi bui della condanna e della decadenza da senatore): è vero, però, che la delega alle Comunicazioni l aveva il buon Antonio Catricalà, civil servant di rito lettiano nel senso di Gianni Letta. Fu proprio il viceministro - oltre a non dare corso all apertura del mercato televisivo come chiede da sempre il fu Cavaliere - propose di mettere a gara il servizio pubblico radiotv: mica è detto che debba farlo la Rai, il canone è nostro e possiamo pure concederlo ad altri, anche parzialmente. Non se ne fece niente, ma a viale Mazzini si presero molta paura. Fare l azionista del governo è un lavoro di tutto riposo e consente la cura del particolare. Mentre quelli di palazzo Chigi stavano lì a torturarsi con la Merkel, per dire, Berlusconi s è assicurato la maggioranza (3 su 5) dei membri dell Autorità sulle comunicazioni: Martusciello è ex Publitalia e Forza Italia, Preto ha lavorato con Tajani e Brunetta, Posteraro è entrato in quota Udc ma coi voti azzurri (che poi, se uno deve trattare con Telecom, non è una maggioranza da disprezzare). E puntuale l Agcom - siamo al dicembre ha riformato il prelievo sull uso delle frequenze: non più l 1% dei bilanci delle tv che le usano, ma una quota di quello delle società che gestiscono le antenne: Elettronica Industriale (Mediaset) e Raiway. In soldi, per l azionista privato del governo pubblico, fa un risparmio di una decina di milioni l anno per i prossimi sette. Risparmia pure la Rai, per carità, ma è anche vero che Renzi gli ha sottratto con destrezza 150 milioni di euro nel 2014 e oltre 80 l anno a regime con la cosiddetta spending review. NON DI SOLE TV vive però l azionista. Anzi, la partecipazione che gli porta i soldi veri in questa fase è il 30% della Mediolanum dell amico Ennio Doris (grande sponsor delle larghe intese, peraltro, come Marina B. e il buon Fedele Confalonieri, tutti fedeli al motto che la responsabilità in politica paga, poi, in azienda). C è il problema che Banca d Italia ora vuole imporre all ex Cavaliere di vendere un po di azioni e scendere sotto il 10%. Motivo: i criteri di onorabilità, che il nostro ha perso con la condanna per frode fiscale. E qui soccorreva quell articolo 19 bis del decreto fiscale di Natale, detto Salva-Silvio, che cancellava direttamente il reato amnistiando automaticamente tutte le frodi e le evasioni inferiori al 3% del fatturato o del reddito imponibile. La politica si può fare anche responsabilmente stando fuori dal palazzo, ma l onora - bilità quella sì che va tutelata con ogni mezzo.

4 4 VISTA COLLE MERCOLEDÌ 28 GENNAIO 2015 Sallei comincia domani 15, possibile voto anche domenica DOMANI MATTINA probabilmente alle 9, Renzi riunirà l assemblea dei 460 grandi elettori Pd (deputati, senatori e delegati regionali). L incontro dovrebbe tenersi in un centro congressi nel cuore di Roma, in via Alibert. La prima votazione per il nuovo presidente della Repubblica il Fatto Quotidiano si svolgerà domani alle 15. La seconda e la terza rispettivamente venerdì mattina e pomeriggio. La quarta, con ogni probabilità, si terrà sabato mattina, quando l abbassarsi del quorum potrebbe favorire la fumata bianca. Se nessun nome avrà la maggioranza assoluta, un nuovo voto po- trebbe svolgersi sabato pomeriggio. Se neanche il quinto tentativo fosse risolutivo, si potrebbe andare avanti anche la domenica. Ma non è esclusa neanche una pausa di riflessione per favorire l accordo su un nome e una ripresa delle votazioni lunedì 2 febbraio. GRILLO FA LE QUIRINARIE PRODI TRA I QUATTRO CANDIDATI IL WEB VOTERÀ I NOMI PROPOSTI DAI CINQUE STELLE. UFFICIALIZZATA L USCITA DEI DIECI PARLAMENTARI DI RIZZETTO (CONTESTATO SOTTO LA SEDE DEL PD) di Luca De Carolis O ggi sarà il giorno delle Quirinarie a 5 Stelle. Con quattro nomi per il Colle, e in testa quello di Romano Prodi. Il miglior ariete su piazza contro il patto tra Renzi e Berlusconi. Ma ieri è stata la giornata degli addii, con nove deputati usciti dal Movimento: degenerata a sera nella dura contestazione di alcuni grillini a tre fuoriusciti, coperti di insulti (e forse sputi) mentre cercavano di entrare al Nazareno per le consultazioni sul Colle. Vista l aria, hanno rinunciato. La polizia ha dovuto portarci via, ho preso colpi alla schiena racconta Walter Rizzetto. Che (si) chiede: Grillo mi esprimerà solidarietà?. È un vulcano pieno di tutto, il M5S che cerca la rotta verso il Colle. E che nella partita con Renzi deve subire una mini-emorragia. Sono le dieci, quando nove deputati annunciano l addio alla Camera. Si tratta di Rizzetto, Aris Prodani, Samuele Segoni, Mara Mucci, Eleonora Bechis, Marco Baldassarre, Sebastiano Barbanti, Gessica Rostellato e Tancredi Turco. Non c è il senatore Francesco Molinari (dovrebbe dire addio dopo il voto per il Colle). NELLA SALA STAMPA spicca Ettore Rosato, vicecapogruppo Pd, sherpa di prima fila di Renzi. Sta in piedi, sorride spesso. Seduti, diversi ex M5S di Senato e Camera, con cui i nove formeranno Alternativa Libera, gruppo per ora attorno ai venti parlamentari. Dal microfono, Mucci: I vertici abusivi hanno tradito i valori del Movimento, con un direttorio nominato dall alto che decide per tutti. Il dibattito è negato. Legge un testo tutto d un fiato: Aspiravamo alla bellezza, non alla rabbia e alla violenza verbale. Poi Rizzetto: Andremo alle consultazioni, ma non prendiamo impegni con nessuno. A conferenza finita, Barbanti scoppia in lacrime. Poco dopo, le bordate degli ortodossi. Luigi Di Maio: È in corso una campagna acquisti legata alla Presidenza della Repubblica. O c è qualcuno che sa comprare bene o qualcuno che si vende per poco. Su Twitter gli risponde il dem Matteo Orfini: La reazione di Di Maio spiega le ragioni di chi lascia, il M5S vive una mutazione genetica autoritaria inquietante. Gli replica Alessandro Di Battista: A Roma sei il commissario di un partito infiltrato dalla mafia. E Orfini: Ti sei accorto che la mafia esiste. Sul blog di Grillo compaiono sei risposte alla mail che lunedì il fondatore e Casaleggio avevano mandato a tutti i parlamentari del Pd, per chiede- re i nomi per il Colle da votare sul web. Rispondo i prodianissimi Sandra Zampa e Franco Monaco, che indicano l ex premier. Per Prodi ovviamente anche Giuseppe Civati, che per il fondatore dell Ulivo ha lanciato una campagna, e Corradino Mineo. Scrive anche il renziano Stefano Esposito, mente del canguro sull Italicum: Caro Beppe, vai a zappare la vigna. Nei corridoi della Camera si prova a tessere la difficile tela per Prodi. Il M5S ha ormai rimosso il no. Sel e Civati lavorano per portare al tavolo della santa alleanza i bersaniani. Arturo Scotto (Sel) fa da ufficiale di collegamento, Civati è perennemente al telefono, arriva pure Vendola. Ma dai bersaniani non arrivano segnali concreti. I 5 Stelle osservano, non entusiasti. La deputata Vega Colonnese ironizza su Facebook: Prodi, quello dell euro, dell Iri e dei cip6 in Campania. Avanti miei Prodi!. Almeno metà del Direttorio (Carla Ruocco, Roberto Fico) nutre fortissimi dubbi. Ma rivano Rizzetto, Turco e Baldassarre. Ad attenderli una ventina di grillini con cartelli. Il bersaglio è Rizzetto: Traditore, venduto gli urlano. La polizia deve scortare lui e gli altri due depu- LA LETTERA All di M5S rispondono sei democratici e rilanciano la candidatura del professore di Bologna la linea dei diarchi è quella: Prodi va tenuto in partita. Lo ratificano Grillo e Casaleggio in un incontro di tre ore a Milano, nel quale fissano per oggi le Quirinarie. Gli iscritti al blog di Grillo potranno scegliere tra 4 nomi: tra cui Prodi. Nel frattempo alle 21, davanti alla sede del Pd, ar- tati indietro fino a Largo Chigi. Rizzetto parla di attacco squadrista e violento. Aggiunge: Volevamo proporre Rodotà e Di Matteo. Al Nazareno riescono a entrare gli ex M5S Orellana e Bocchino. Oggi, alle 9, assemblea congiunta dei parlamentari dei 5 Stelle. ADDII I Cinque Stelle lasciano il gruppo. Ettore Rosato (Pd) c è Ansa CONSULTAZIONI Passerella al Nazareno (ma senza banane) di Paola Zanca i era fatto, da bravo ministro, S tutta la schiera di telecamere piazzate dietro la transenna sinistra. Poi, aveva ripetuto la manfrina all altro plotone dietro la transenna destra. E ancora, due battute con le agenzie relegate nel corridoio laterale. Infine, simpatico burlone, un ciao all operatore di Gazebo che da mesi lo sfotte perché lui saluta ma nessuno ricambia mai. È a quel punto chiusa con onore la pratica mediatica che aveva lasciato sfilare via senza troppi flash Stefania Giannini, Bruno Tabacci e Giacomo Portas che Angelino Alfano azzarda il piglio deciso: Tutti al Viminale. Chiama a rapporto Ncd, fresco di consultazione con Matteo Renzi, che al Nazareno sta incontrando i leader dei partiti in vista del voto sul Quirinale. Ma Nunzia De Girolamo ha già detto di sì a Sky e promesso una battuta nella postazione volante allestita fuori dalla sede del Pd. Dai su Nunzia, che devi fare? Sbrigati, se no arriviamo a scaglioni.... COME SIA ANDATA A FINIRE, non lo sappiamo. Nunzia è ancora lì, quando esce Pino Pisicchio con il resto del gruppo Misto e sfiora pure l uscita dei valdostani, ovvero il gruppo per le Autonomie, così ribattezzato dai poliziotti chiamati a presidiare l ingresso del Nazareno. Sono intervenuti due volte, a inizio e a fine giornata. La prima per fermare con modi decisamente bruschi una fotografa che aveva disatteso il loro stop. E la seconda per scortare lontano dalla sede Pd, il neo-fuoriuscito M5S Walter Rizzetto, contestato pure lui senza troppe smancerie dai grillini furibondi per il tradimento. Per il resto della giornata, il compito degli uomini in divisa è stato quello di sperticarsi per riconoscere i volti di politici di seconda e terza fila, per qualche ora in passerella d onore. Ma quando è quasi mezzogiorno, lo spirito reverenziale è già sciamato via. E di fronte a un capannello di telecamere stretto su chissà chi, un agente sentenzia: Sarà uno squilibrato. L assedio-video finisce e appare Pippo Civati: non andava al Nazareno ma casualmente percorreva il vicolo adiacente a Sant An- drea delle Fratte. Un operatore ri- Salvi, è acqua marcia, incita un masto fuori dal cerchio si arrampica passante. Lui si alza, si asciuga la su una fontana. Un altro agente lo bocca e sghignazza con Giorgetti gela: Questa fa parte dei Beni cul- perché si è appena accorto che a turali, è la fontana del Bufalo... va fianco all ingresso della sede del Pd bene tutto, però!. Sta cercando di- c è una filiale del Monte dei Paschi speratamente di immortalare l in- di Siena. Di nuovo la video-ressa si gresso di Matteo acquieta. Ma dall ufsalvini, sbucato ficio stampa avverall improvviso dal tono di non rilassargli INCONTRI lato opposto a quelsi troppo: sta per lo da cui tutti si Riccardo Alfano aspetta Nunzia, uscire aspettavano che arnencini. Pochi mirivasse. Voleva dribnuti ed è la volta di Civati di passaggio blare le telecamere? Ignazio Messina, il e Salvini superstar. Macché. Ancora segretario Idv conprima di salire dannato allo stesso E il premier dall altro Matteo, si destino di inguaribispara i suoi buoni le anonimato. Che non gradisce che dieci minuti alla ancora non gli va si sappia cosa mangia giù. Di Pietro non transenna sinistra, altrettanti a quella c è?, domanda un destra e via dichiaaltro curioso. Ci sorando. Dietro di lui, il leghista Gian- no io, che sono molto meglio di Di carlo Giorgetti, sta fermo in posa da Pietro. Gli sguardi interrogativi dei guardaspalle. A mezzo metro di di- cameramen si sciolgono solo all arstanza dal leader, perfino quando si rivo di Giorgia Meloni e della depiega per abbeverarsi alla vituperata legazione di Fratelli d Italia. Sintesi fontana del Bufalo: Questa è bbona all uscita: Lui te dice: Voi come lo vorreste?. Ma guarda che è forte... ma che te la devo fa io la proposta?!. Vassoi colmi di tazzine viaggiano almeno un paio di volte dal bar di fronte fino al terzo piano del Nazareno. Alle 13 si passa a pizze e tramezzini. Prova provata di quello che un ora e mezzo più tardi Matteo Renzi chiederà al suo portavoce di mettere per iscritto: Le ricostruzioni emerse dalle consultazioni non corrispondono alla realtà sia sul profilo del prossimo capo dello Stato sia sulla durata della legislatura sia sulle abitudini alimentari del TAVOLO & TERRAZZA L inpremier. Una AdnKronos, di prima contro con Alfano e Ncd, relax con Meloni mattina, aveva osato sostenere che il e Salvini. E in pausa pranzo al Nazareno premier segretario si mantiene con arrivano i tramezzini Ansa due banane al giorno.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI

QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI 934 QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI R. Brunetta per Il Giornale 14 giugno 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà -

Dettagli

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra:

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un primo vincolo è rappresentato dalla sentenza della Corte Costituzionale

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

L a Camera dei Comuni

L a Camera dei Comuni L a Camera dei Comuni breve guida CONTATTI Ufficio informazioni della Camera dei Comuni Tel: +44 (0)20-7219 4272 London SW1A 2TT Fax: +44 (0)20-7219 5839 Email: hcinfo@parliament.uk Ufficio informazioni

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

In senato per un giorno Conversione in legge di un decreto-legge

In senato per un giorno Conversione in legge di un decreto-legge In senato per un giorno Conversione in legge di un decreto-legge Come nasce una legge: Dalla presentazione all approvazione definitiva Presentazione L iter di una legge inizia con la presentazione, al

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare Le schede di Sapere anche poco è già cambiare LE LISTE CIVETTA Premessa lo spirito della riforma elettorale del 1993 Con le leggi 276/1993 e 277/1993 si sono modificate in modo significativo le normative

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

CI INTERESSA visione, strategia, politiche

CI INTERESSA visione, strategia, politiche CI INTERESSA visione, strategia, politiche 45 Convegno Santa Margherita Ligure Grand Hotel Miramare 5 6 giugno 2015 La politica e le politiche sono cose molto diverse. La prima troppo spesso sembra attenta

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande ELEMENTARE è elementare, mi creda... senz'altro elementare, mio caro. L'importante è non dare per scontate quelle cose che sono solo evidenti. L'evidenza, di per sé, non è sinonimo di verità. La verità

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO 943 REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. R. Brunetta per Il Giornale 5 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 2 Di imbrogli,

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3 non statuto REGOLAMENTO pagina 2 di 5 Articolo 1 Natura e Sede 3 Articolo 2 Durata. 3 Articolo 3 - Contrassegno 3 Articolo 4 Oggetto e finalità 3 Articolo 5 Adesione al MoVimento 4 Articolo 6 Finanziamento

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira Sardegna Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas Su Balente e sa Emina con Michelangelo Pira presentazione di Bachisio Bandinu Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

Costituzione della Repubblica Italiana

Costituzione della Repubblica Italiana Artt. 123, 127, 134, 135, 136, 137 della Costituzione Costituzione della Repubblica Italiana (Gazzetta Ufficiale 27 dicembre 1947, n. 298) [ ] TITOLO V LE REGIONI, LE PROVINCIE, I COMUNI Art. 123 Ciascuna

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli