«COSI HO SCONFITTO LA MANIA DEL GIOCO»

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "«COSI HO SCONFITTO LA MANIA DEL GIOCO»"

Transcript

1 il PICCOLO Direttore responsabile Daniele Tamburini Società editrice: Immagina srl via San Bernardo 37 - Cremona Amministrazione e diffusione: via San Bernardo 37 - Cremona tel fax Direzione e redazione: via S.Bernardo 37, Cremona - tel Stampa: I.G.E.P. Srl - Industria Grafica Editoriale Pizzorni - Cremona pubblicità: Immagina srl tel Aut. del Tribunale di Cremona n 5/2013 Poste Italiane S.p.a. Sped. in A.P.-45%-art. 2 comma 20/B legge 662/96 Cremona Numeri Arretrati: Anno I n. 18 SABATO 3 MAGGIO 2014 SETTIMANALE Non riceve alcun finanziamento pubblico Edizione chiusa alle ore 21 Periodico 0,02 copia omaggio La storia di un 17enne cremonese affetto da ludopatia: «Avevo iniziato a giocare per solitudine e per noia» a pagina 3 «COSI HO SCONFITTO LA MANIA DEL GIOCO» Sono 800mila i minorenni che giocano d azzardo sistematicamente. Don Arienti: «Giovani lasciati a se stessi» L EDITORIALE di Daniele Tamburini N Cremona, città da amare on mi piace molto l espressione giacimento culturale, ma certo è significativa per segnalare subito l importanza della cultura nella economia moderna: al pari, e forse in misura maggiore, di un giacimento di combustibili fossili. La cultura e le opere d arte sono un tesoro da valorizzare: me ne sono reso conto in maniera lampante durante un recente viaggio a Firenze. Lì respiri cultura e arte a ogni angolo di strada; la Firenze dei Medici, dei Dante, dei Michelangelo è il loro petrolio, è il nostro petrolio. Salvatore Settis parla di cultura come bene comune, e non a caso, dice, la nostra Costituzione è così saldamente ancorata al tema del diritto alla cultura. Si dirà: va bene, ma Firenze è Firenze, Pompei è Pompei Cremona, per dire, potrebbe vivere di cultura? Beh, solo di cultura forse no, ma tanto si potrebbe fare. E farebbe bene colui che sarà eletto sindaco di Cremona a adoperarsi per valorizzare le nostre bellezze, diffonderne la conoscenza, per richiamare turismo e risorse... sarebbe di grande aiuto all'economia cittadina. Oreste Perri ha dichiarato, durante la presentazione della sua lista, che ha intenzione di puntare molto, in caso di rielezione, sulla cultura: sul marketing culturale come dice lui: Certo, per portare i turisti a Cremona, ma anche per la gioia di condividere le bellezze della città, perché Cremona è una città da amare. È un bel concetto. Vorrei ribadirlo: la cultura non è soltanto marketing culturale, ma amore e rispetto per il bello, per la storia, per i monumenti e le rive del fiume, per la storia delle generazioni che si sono succedute, per la cucina e per la musica, e ancora e ancora. Tutti i territori hanno i loro tesori da valorizzare. Cremona non sarà Firenze, ma ha i suoi. Perché Cremona è una città da amare. LA SANA ALIMENTAZIONE DEVE PARTIRE DALLA SCUOLA a pagina 2 COLDIRETTI CREMONA PROPONE ALLE CLASSI AGRIBENESSERE... A SCUOLA DI SALUTE DAL 6 MAGGIO INCENTIVI PER L ACQUISTO DELLE AUTO ECOLOGICHE Dal sei maggio, dopo una lunga assenza, tornano gli incentivi per l'acquisto delle auto ecologiche: stanziati 63 milioni. La misura riguarda i veicoli ad alimentazione alternativa (elettrici, ibridi a metano, biometano, gpl, biocombustibili, idrogeno). CENSIS L 80% delle famiglie vivono in condizioni di precarietà a pagina 4 GIOVANI A RISCHIO Le diete troppo drastiche sono pericolose a pagina 12 a pagina 5 STATISTICHE Redditi Irpef: casalasco povero e cremasco ricco a pagina 8 a pagina 8 CASALMAGGIORE Analisi politica a tre settimane dalle elezioni PRIMA DEL MATCH CONTRO MILANO Mercoledì all ingresso del PalaRadi torna il Magazine della Vanoli in regalo ai tifosi LO SPORT CALCIO LEGA PRO La Cremo ospita la Virtus Entella che vuol fare festa a pagina 23 BASKET SERIE A Vanoli a Caserta con l obiettivo di ben figurare a pagina 24 VOLLEY FEMMINILE Dopo un ottima stagione Beltrami saluta la Pomì a pagina 25 AMMINISTRATIVE a pagina 6 VERSO LE ELEZIONI LE INTERVISTE AI CANDIDATI SINDACO PIETRO SIGNORINI E GIUSEPPE FODERARO

2 CREMONA L INIZIATIVA Abio in piazza Roma per la Festa della mamma Anche quest'anno Abio (Assoziazione bambino In ospedale) Cremona sarà presente, giovedi 8 maggio, presso i giardini Puibblici di Piazza Roma, dalle 15 alle 19 per accogliere i bambini e le loro mamme, per offrire loro un fiorellino e per fare conoscere le proprie attività nei reparti ospedalieri. La Coldiretti Cremona chiede ai Comuni di votare un Ordine del giorno per aumentare la percentuale di frutta nei succhi Educazione alimentare: partiamo dalle scuole di Laura Bosio La vicenda del bambino di Torino che ha vomitato vermi e sangue dopo aver mangiato delle patatine acquistate al supermercato ha riportato l'attenzione sulla educazione alimentare, in particolare rivolta ai bambini, un'esigenza, sempre più sentita anche alla luce di una rinnovata coscienza salutista anche nelle famiglie. Da tempo si discute sulla opportunità di sostituire i prodotti confezionati come merendine e patatine, con alòimenti naturali ritenuti più sani. Un dibattito che coinvolge le scuole, le famiglie e anche la politica. L'attenzione del Comune di Cremona all'alimentazione scolastica, è sempre stata molto forte, come conferma l'assessore alle Politiche Educative, Jane Alquati. «Nelle scuole comunali abbiamo i cuochi, mentre per le statali la mensa è a gestione esterna, ma in entrambi i casi vi sono controlli assidui. C'è una persona dedicata alla preparazione dei menù, che vengono poi sottoposti al rigido controllo dell'asl. Ci sono inoltre dei Comitati mensa sia per le scuole comunali che per le statali, formate da cuochi, genitori e insegnanti, che in qualsiasi momento possono andare ad assaggiare il cibo che viene preparato». Grande attenzione anche alla necessità di tornare alla filiera corta e sulla valorizzazione dei prodotti del nostro territorio: «Proponiamo dei menù attenti alla stagionalità e abbiamo inserito molti prodotti biologici - continua l'assessore -. In più in questi anni, con il progetto Cremona Gustosa, abbiamo sviluppato il tema dell'educazione alimentare, formando insegnanti ed educatori». Un appello viene fatto anche alle famiglie. «Purtroppo ci capita spesso di Manutenzione inesistente e incuria: queste le "accuse" che il Comitato Quartiere 1 lancia al Comune dopo la vicenda della pianta caduta sulla cancellata di una casa in via Aglio, il Primo Maggio. Il pioppo, di oltre 15 metri di altezza, è caduto all'improvviso, finendo dalla sponda del Cavo Cerca prima sul tetto di un'abitazione posta di fronte poi, rompendola, sulla recinzione dell'edificio ed infine si è posato di traverso sulla via Aglio. Ci sono volute più di due ore e l'intervento di due squadre dei Vigili del Fuoco, Polizia Municipale ed Aem per rimuovere la pianta e riaprire a senso unico alternato la viabilità. Si tratterebbe, secondo il portavoce del Comitato, Giancarlo Allegri, di una vicenda legata all'incuria delle aree verdi a lato del Cavo Cerca e delle Paolo Voltini (presidente Coldiretti Cremona) vedere bambini obesi, anche da piccolissimi. Le scuole fanno la propria parte, ma anche le famiglie devono mettere maggiore attenzione nell'alimentazione dei propri figli, puntando soprattutto su frutta e verdura, ma anche inserendo l'attività motoria nella quotidianità dei bambini». Anche Coldiretti Cremona interviene sulla necessità di migliorare l'alimentazione dei bambini. In quest'ottica l'associazione chiede l innalzamento dal 12 al 20% della percentuale di frutta contenuta nelle bevande analcoliche vendute con il nome di succo di frutta. A questo proposito, ai Comuni del territorio, la Coldiretti di Cremona ha chiesto di votare un ordine del giorno a sostegno di tale azione, tutta nel segno del benessere a tavola e della valorizzazione del made in Italy alimentare. «Vanificando un lungo iter di iniziativa legislativa del Governo italiano, recentemente la XIV Commissione Politiche europee della Camera dei relative sponde. «A circa tre anni fa risalgono le prime segnalazioni che il Comitato di Quartiere 1 ha fatto al Comune Tino Arosio (direttore Coldiretti Cremona) L assessore Jane Alquati: «Grande attenzione all alimentazione nelle mense. Ma i genitori devono fare la propria parte» Deputati ha respinto la proposta di innalzare la percentuale di frutta contenuta nelle bevande dal 12 al 20% spiega Tino Arosio, direttore di Coldiretti Cremona. Ma Coldiretti non si arrende. In primo luogo perché crediamo che la nostra proposta di innalzamento del contenuto di frutta vada nella direzione di un educazione alimentare che valorizza i principi della dieta mediterranea e contrasta l obesità, soprattutto infantile. Ai bambini consumare bevande realmente a base di frutta non può far altro che bene. I nostri figli hanno diritto ad alimenti di qualità superiore, che siano buoni e salutari, e non meritano di vedersi negato tale diritto per gli interessi economici delle multinazionali. Nel contempo, va aggiunto che questa battaglia punta alla tutela e alla crescita del patrimonio produttivo e ambientale del settore degli agrumi italiani, incentivando, soprattutto in zone ad alta tensione sociale, l occupazione attiva e trasparente». di Cremona relativamente alla situazione - fa sapere Allegri -. Segnalazioni per le quali il Comitato si è speso fin da subito Jane Alquati, assessore alle politiche educative La scuola risulta essere quindi il punto di partenza per una sensibilizzazione al mangiare sano: sono sempre più numerosi gli istituti scolastici che puntano a sostituire le merendine confezionate con frutta e prodotti naturali. «Coldiretti Cremona propone alle scuole del territorio, di ogni ordine e grado, il progetto didattico Agribenessere a Scuola di Salute : ogni anno incontriamo oltre mille alunni nelle classi, con l obiettivo di promuovere un alimentazione buona e sana, che senza dubbio è un aspetto essenziale del nostro benessere - sottolinea Paolo Voltini, presidente di Coldiretti Cremona -. I percorsi didattici che realizziamo, attraverso incontri in classe ma anche visite nelle aziende agricole del territorio, sono incentrati sulla lotta all obesità, che inizia da bambini, sull importanza di conoscere l origine di ciò che si mangia e sul valore delle scelte quotidiane a tavola, che devono premiare la stagionalità, Mancanza di manutenzione e sicurezza lungo il Cavo Cerca: le proteste del Comitato di Quartiere 1 l origine certa e la qualità italiana. Le visite ai Mercati di Campagna Amica, proposte alle classi, sono occasione per riscoprire il tema della stagionalità, e per avvicinare i bambini, e con loro le famiglie, a un alimentazione più sana e naturale». Con gli stessi obiettivi Coldiretti Cremona prende parte a varie iniziative sul territorio, che consentono agli agricoltori di incontrare centinaia di alunni: si va dalla festa dell albero a Crema (con la Coldiretti che da sempre regala mele a tutti i partecipanti, quale invito a scegliere una merenda buona e sana) all adesione alla Tre giorni per il Cuore promossa ogni anno dall Azienda Ospedaliera di Cremona. In questo caso Coldiretti partecipa alla tre giorni nel segno della prevenzione delle patologie cardiovascolari, sottolineando che la dieta mediterranea fa bene al cuore, ed invitando i bambini a sostituire le merendine con la frutta di stagione». dopo il primo insediamento avvenuto proprio ad inizio estate 2011, raccogliendo le osservazioni e preoccupazioni dei residenti, e che costantemente ha portato all'attenzione del Comune, principale ente di riferimento del Comitato, perché si intervenisse anche sulle proprietà private per ottenere i necessari interventi. Ad oggi però nessun intervento visibile e concreto è stato attuato dal Comune o da altri soggetti, per mettere in sicurezza le sponde e le aree verdi adiacenti il Cavo Cerca. Le risposte avute nel tempo, tutte testimoniate da corrispondenza scritta e foto, alcune disponibili anche sul sito internet dello stesso Comune, sono sempre state piuttosto vaghe e costituite talvolta da un rimbalzo di competenze tra Comune, Aem e privati proprietari delle aree interessate». Ai rappresentanti istituzionali del Comune, l'assessore Claudio Demicheli (protezione civile) e il cosigliere Giorgio Everet (delegato al verde pubblico), giunti sul posto allertati dal Comitato di Quartiere, i cittadini hanno rivolto direttamente le proprie preoccupazioni: infatti, lungo la riva del Cavo Cerca, ci sono altre decine di alberi piegati verso via Aglio che non danno sicurezza a chi deve transitare nella zona. «Da "non tecnici" ci siamo permessi quindi di insistere nuovamente con le nostre richieste per ottenere interventi tempestivi e risolutivi del problema onde evitare di far correre ulteriori rischi ai Cittadini residenti e non - continua Allegri -. Riteniamo inoltre necessario precisare che i Cittadini presenti in loco ed il Comitato sono contrari ad una eliminazione totale degli alberi e del bosco ma vorrebbero invece che si effettuasse la necessaria manutenzione per scongiurare il ripetersi di fatti che come quello di oggi potrebbe avere esiti molto peggiori». Ora il Comitato si attende al più presto un intervento da parte del Comune per risolvere la situazione.

3 Cronaca Sabato 3 Maggio Sono almeno 800mila i ragazzi italiani tra i 10 e i 17 anni che giocano d azzardo e il 20% dei giovanissimi è a rischio, secondo una indagine di Simper e Paidòss «Così ho sconfitto il gioco e la solitudine» La storia di un giovane di 17 anni è che riuscito a smettere con l aiuto degli amici: «Ho ritrovato la voglia di uscire la sera e divertirmi» di Laura Bosio Gioco per noia, per abitudine, per passare il tempo e sentirmi meno solo». Marco (nome di fantasia) ha 17 anni e ammette di avere avuto il vizio del gioco. Accedere alle "macchinette" è facilissimo: basta entrare, dopo la scuola, in qualsiasi bar e trovare quello che si cerca, spesso in una posizione un po' defilata, che garantisce la necessaria privacy. «Tutto è iniziato quasi per caso: al pomeriggio, dopo la scuola, mi capitava spesso di annoiarmi e mi rifiugiavo al bar. Le macchinette erano lì e iniziare a giocare è stato quasi inevitabile. All'inizio erano pochi euro: conoscevo il problema della ludopatia, ed ero ben consapevole del rischio, non volevo che diventasse un vizio, ero sicuro di me». Purtroppo, però, certi impulsi sono difficili da controllare, specialmente in un periodo difficile come l'adolescenza. «I miei genitori sono sempre fuori per lavoro e la maggior parte della giornata la trascorro da solo - continua Marco -. Ogni tanto esco con gli amici o vado in palestra, ma non trovo molte cose che mi appassionano. Oggi i giovani spesso preferiscono chiacchierare su internet che vedersi di persona. Così il gioco è diventato, pian piano, più che un passatempo una compagnia e una valvola di sfogo». Dai pochi euro iniziali Marco è passato a giocare 10, 20, 30 euro alla volta. «La mia famiglia fortunatamente non ha problemi di Don Paolo Arienti: «Accesso troppo facile alle tecnologie» soldi e io ho sempre una buona disponibilità economica. Questo, accanto a una certa oculatezza, mi ha permesso di non farmi scoprire, ma anche di cadere ancora più nel baratro». Da giocare nei bar, Marco è passato poi al gioco virtuale: «Da tempo giocavo online con la play station. Ma il gioco d'azzardo aveva un sapore molto più accattivante, così ho iniziato con il videopoker online. Spesso passavo dei pomeriggi in casa a giocare. Mi capitava anche di vincere, ma facendo, alla fine, un bilancio è molto di più quello che si perde...». Ora Marco sta cercando di uscirne, grazie all'aiuto di alcuni amici. «Quando uno dei miei più cari amici mi ha detto che era dispiaciuto del fatto che non uscissi più ed evitassi di frequentarlo, mi sono reso conto che così non potevo continuare. Così ho parlato della situazione con il Don Paolo Arienti mio piccolo gruppo di amici. E' stata la decisione migliore che potessi prendere, Mi sono stati molto vicini e mi stanno aiutando ad uscirne. Esco più spesso con loro, dopo la scuola studiamo insieme, poi si va all'oratorio a giocare a calcetto o a ping pong. Ho continuato a connetermi con i siti di gioco d'azzardo, ma sempre più di rado. Adesso preferisco frequentare la compagnia, ritrovarsi in centro a chiacchierare e andare al cinema.» Sicuramente non è stato un percorso facile per Marco. Ma grazie alla sua forza di volontà e soprattutto agli amici ha ritrovato la voglia di Giocano per divertimento, per avere un'emozione nuova o per guadagnare dei soldi per fare acquisti. L'ossessione per le puntate compulsive a videopoker e macchinette, preoccupa gli esperti, ma a quanto pare non le famiglie. Mentre la ludopatia si insinua fra i giovanissimi, con sale gioco che si moltiplicano velocemente nelle città, spesso a pochi passi dalle scuole, i genitori sembrano del tutto inconsapevoli del problema. Un adulto su tre afferma infatti di non ricordare o non sapere se i propri figli giochino. I dati allarmanti emergono dall'indagine nazionale sul gioco d'azzardo nei minori, promossa dalla Società italiana medici pediatri (Simpee) e dall'osservatorio nazionale sulla salute dell'infanzia e dell'adolescenza (Paidòss). Nonostante la maggioranza dei genitori ammetta che il gioco patologico possa riguardare i minori e ne sia preoccupato, sembrano essere all'oscuro delle abitudini dei propri figli. Secondo l'indagine presentata durante l'international pediatric congress on environment, nutrition and skin diseases in corso a Marrakech, il 75% se scoprisse che il proprio figlio gioca riterrebbe necessario intervenire. Eppure, a fronte della consapevolezza del rischio, non sembrano consapevoli che tale rischio possa riguardare anche i propri di figli. Il 90%, in base ai quanto dichiara il campione costituito da uscire e di vivere a pieno la sua gioninezza. «So che di giovani come me ce ne sono molti e che la ludopatia tra minorenni è un problema da non sottovalutare. Mi auguro che come me altri capiscano che si stanno rovinnado e che trovino la forza per smettere». Un adulto su tre non sa se i figli abbiano il vizio del gioco 1000 genitori di bambini e adolescenti, non conosce neppure il termine ludopatia e il 70% non ha mai parlato del tema gioco patologico in famiglia. «L'atteggiamento ambivalente dei genitori è inquietante: percepiscono più o meno chiaramente che il gioco d'azzardo potrebbe essere un problema" ma "sembra quasi che sia qualcosa che non li riguardi", spiega Giuseppe Mele, presidente SIMPe e Paidòss. "Dobbiamo riuscire a togliere fascino a questi passatempi - conclude - perché un bimbo che si gioca la paghetta alla sala giochi diventerà molto probabilmente un adulto che dabutterà lo stipendio in qualche sala scommesse». Che gli adolescenti siano sempre più vittime delle slot e delle sale Bingo, lo dicono i dati dell'indagine nazionale sul gioco d'azzardo nei minori, promossa dalla Società italiana medici pediatri (Simpe) e dall'osservatorio nazionale sulla salute dell'infanzia e dell'adolescenza (Paidòss). Sono almeno ragazzi italiani fra i 10 e i 17 anni giocano d'azzardo. Il 20% dei giovanissimi è a rischio, in pratica uno su 5. Un problema che preoccupa ancora di più visto che la tentazione riguarda anche i più piccoli. Spesso 'il vizio' di puntare e scommettere incomincia prestissimo: addirittura bimbi fra i 7 e i 9 anni hanno già scommesso la paghetta su lotterie, scommesse sportive e bingo. Un gioco che promette divertimento ma che con il tempo può creare una dipendenza, la ludopatia. «Il fenomeno della ludopatia nei minorenni è legato all'accesso sempre più facile alle nuove tecnologie - commenta il presidente della Federazione Oratori cremonesi, don Paolo Arienti -. Molto dipende anche dal contesto culturale in cui vivono i giovani, con uno Stato che concede moltissimo spazio alle modalità di accesso al gioco. Così i giovanissimi sono colpiti dalla possibilità di reperire risorse economiche senza particolare sforzo. Soprattutto coloro che soffrono la solitudine e che vengono lasciati a se stessi, senza alcun controllo rispetto all'accesso ai mezzi di comunicazione. Sono giovani, come nel caso del neknominate, spesso vittime di un mondo adulto che a sua volta viene contaminato dal fenomeno del "giovanilismo" e di mancanza di maturità, che non sanno trasmettere messaggi positivi».

4 4Sabato 3 Maggio 2014 Cronaca Crema la città dal reddito più alto, a Cappella de Picenardi il più basso. Ma più la ricchezza è alta più è concentrata Cremasco ricco, casalasco povero Un analista informatico ha prodotto un'interessante mappa per misurare redditi e disuguaglianza La mappa dell'italia ricavata sulla base dei redditi divisi per Comune di Vanni Raineri La distribuzione della ricchezza nel nostro paese varia in base alla posizione geografica, ma anche all interno delle regioni e delle province si trovano situazioni di forte contrasto. E cosa nota, ma da qualche giorno è possibile verificare anche la disuguaglianza del reddito pure all interno dello stesso Comune. Non solo, è stata prodotta una mappa che, colorando ogni singolo comune dal rosso al verde in base al reddito, disegna la situazione in modo ottimale. La base è quella dei redditi comune per comune sui dati forniti recentemente dal Ministero dell Economia e delle Finanze, basati sulle denunce dei redditi Irpef del Ma ad approfondire e rendere più chiara la situazione è stato, pochi giorni fa, un analista, Franco Morelli, del cui lavoro si sono occupati alcuni importanti giornali nazionali. Che ha fatto questo esperto informatico? Ha composto un mosaico in grado di fornire molti spunti (pubblicato sul sito it/) appunto colorando i diversi comuni: è possibile utilizzando lo zoom verificare non solo il reddito medio del singolo comune, ma anche l indice Gini. Che sarebbe? Semplicemente un indice che va da un minimo di 0 a un massimo di 1 e che misura la disuguaglianza all interno del singolo comune: più il valore si avvicina allo 0 più i redditi sono omogenei, più il numero è alto maggiore è la disparità. Partiamo dalla provincia di Cremona. C è la conferma che più ci si avvicina a Milano più il reddito è alto, ma maggiore è anche la disparità sociale. Il colore verde, o neutro, predomina nel cremasco, mentre nel casalasco è il rossiccio a prevalere. Il comune dal reddito più basso in provincia è Cappella de Picenardi con una media individuale di euro. Il più alto è Crema, con euro. Una differenza davvero sensibile. Cremona si piazza al secondo posto con , mentre Casalmaggiore è solo a quota L indice Gini è inversamente proporzionale: a Casalmaggiore è 0.35, a Cremona 0,37 e a Crema addirittura 0,41. Significa, traducendo, che la differenza media tra due abitanti di Crema è del 41%. Una cifra davvero alta, così come è alta generalmente nel nostro paese, e che fa dell Italia uno degli Stati in cui la differenza tra ricchi e poveri è più marcata. Nel casalasco, Casalmaggiore a parte, in nessun comune si supera quota euro. Quanto all indice Gini, gran parte dei comuni è compreso nella forbice tra lo 0,25 e lo 0,35, con i grossi centri che alzano la media. Insomma, dove si è poveri, si è poveri un po' tutti, mentre la ricchezza è concentrata, soprattutto nei centri maggiori. Spostando il tiro a livello nazionale, non a caso il Comune grande più ricco è Milano con ben euro, ma l indice Gini sotto la Madunina raggiunge addirittura quota 0,58. Differenze abissali quindi, significa che la media meneghina ricorda Trilussa, secondo il quale la media di un pollo a testa fra due persone può significare che una mangi due polli interi e all altra non restino nemmeno le briciole. Trilussa ci porta a Roma, che è ben piazzata con euro, indice Gini 0,49, anche qui alto. In Lombardia, Campione d Italia supera il reddito medio di euro, ma non è una sorpresa, mentre la disuguaglianza più marcata (e vale anche per l Italia intera) la troviamo a Lenno (Como) con un indice vertiginoso di 0,83. La presenza di alcuni comuni sul lago di Como al di sotto dei euro pro capite inizia a fare insospettire sull affidabilità delle dichiarazioni Irpef per stabilire il reddito effettivo. Le aree contraddistinte dal colore verde sono pochissime nel sud dell Italia, e in effetti la differenza vista così è notevole. Il verde predomina poi nei centri urbani più grandi, dove si concentra la ricchezza. Nel nord, le aree più povere sono la provincia meridionale di Piacenza, parecchie aree alpine e la pianura tra le province di Ferrara e Rovigo. A sud, il reddito medio cresce se ci si avvicina al mare oltre che ai centri di maggiori dimensioni. Da sottolineare che il reddito considerato deriva sia da lavoro dipendente che autonomo, e che per stabilire il reddito medio pro capite l ammontare non è stato diviso per gli abitanti del Comune, bensì per i dichiaranti. La media nazionale si attesta attorno ai euro annui. Soffermiamoci su una delle conclusioni tratte da Franco Morelli. In alcuni luoghi la ricchezza totale di pochi è molto più alta della ricchezza totale di una moltitudine di persone, con casi limite nella già citata Lenno, a Lajatico (dove vive Andrea Bocelli), Agordo (quartier generale di Luxottica), Tavullia (il paese di Valentino Rossi). Fa male leggere la conferma che l Italia, nel panorama europeo, è fanalino di coda per quanto riguarda la disuguaglianza del reddito. Prima di finire una precisazione dello scrivente: come ogni statistica sul reddito dichiarato, l analisi non contempla il fenomeno dell evasione fiscale. Probabile quindi che il reddito medio effettivo sia un po più elevato, e magari che certe differenze siano in realtà meno marcate. Non è scontata la conclusione sulla disuguaglianza: l evasione fiscale gonfia le differenze o al contrario assottiglia la forbice? Sostenere il gdp? Sindaco dice no: cancella le multe Ci siamo già occupati recentemente della chiusura di parecchi uffici del Giudice di Pace, e di come lo Stato abbia concesso ai tanti Comuni in cui il servizio è stato soppresso di mantenerli aperti ma solo sostenendo le spese (tutte, tranne lo stipendio del giudice). Alla fine del mese di aprile è scattata la chiusura anche a Soresina e Casalmaggiore, cosicché nella nostra provincia gli unici uffici rimangono a Cremona e Crema. Abbiamo già sottolineato le tante perplessità, dopo aver visto il lungo elenco di comuni che hanno mantenuto il servizio pur avendo un numero di abitanti irrisorio (meno di mille), ora un altro caso, vicino alla nostra provincia, fa pensare. Viadana, Asola e Bozzolo, appena oltre il casalasco, hanno conservato l'ufficio, ma Pomponesco ha deciso di non sostenere le spese con i comuni limitrofi. Il perché è presto detto: secondo il sindaco il giudice di pace ha annullato troppe multe dell'autovelox accogliendo i ricorsi dei cittadini, e quindi penalizzando le casse comunali. Che vadano a Mantova, dunque. Ci mancava questa: per poter conservare l'ufficio e non trasferirsi un giudice di pace meglio che non penalizzi troppo le esigenze del Comune, non si sa mai... Forse per il cittadino sarà meglio rivolgersi in Prefettura per i ricorsi. Ops, pardon, stanno cancellando anche quelle. v.r.

5 Cronaca Sabato 3 Mggio Indagine di Outlook-Confcommercio Censis su consumi e clima di fiducia. Cresce, ma di poco, la speranza nel futuro 8 famiglie su 10 vivono in condizione di precarietà Luca Curatti (Assoutenti): «Bilanci familiari in rosso e drastico calo dei consumi interni» di Laura Bosio Otto famiglie italiane su dieci vivono una situazione di forte precarietà e instabilità finanziaria. Ce lo dice l'indagine Outlook Confcommercio-Censis su consumi e clima di fiducia pubblicata recentemente e riguardante il primo semestre del Il protrarsi della crisi, la mancanza di lavoro, il peso delle tasse continuano ad alimentare lo stato di forte difficoltà in cui si trovano le famiglie italiane che, rispetto alla propria situazione economica e alla propria capacità di spesa, avvertono nella maggior parte dei casi quasi l'80% - una sensazione di precarietà e instabilità - evidenzia la ricerca - Solo un quinto delle famiglie ritiene, invece, di essere in una condizione di solidità; del resto, nonostante il miglioramento del clima di fiducia il primo dal 2011 ad oggi l'incertezza è il sentimento prevalente e quasi il 40% delle famiglie che vivono adottando un comportamento di attendismo, in attesa dell'evolversi degli eventi. «Ci troviamo in una situazione difficile ormai da tempo, in cui l'occupazione non c'è, le tasse sono sempre più alte e le famiglie non hanno liquidità per far fronte alle necessità - spiega Luca Curatti, presidente di Assoutenti Cremona -. E' vero, un po' di fiducia da parte della gente c'è e l'aspettativa non manca; quello che manca è una ripresa dei consumi interni, e questo accade perché non ci sono soldi». Secondo la ricerca, è ipotizzabile che il leggero miglioramento del clima di fiducia sia stato favorito dal cambio del quadro politico a marzo. A conferma di ciò, il "capitale" di fiducia di cui sembra godere il Governo guidato attualmente da Matteo Renzi risulta consistente: ben il 66% del campione ritiene, infatti, che il Governo sia in grado di far superare al Paese la lunga fase di crisi economica, mentre poco meno di un quarto è convinto che non ci riuscirà, anche se a causa della gravità della crisi e non per inadeguatezza dell'esecutivo; ancora più alta è la quota oltre il 75% di chi ritiene che il Governo riuscirà, almeno in parte, a realizzare il piano di riforme annunciato. Certo è che, in un quadro complessivo di difficoltà e crisi dei consumi, le famiglie hanno ben chiare le priorità che l'esecutivo deve affrontare subito per migliorare la situazione: creazione di nuovi posti di lavoro (56,3%) e riduzione della pressione fiscale su famiglie e imprese (32,1%). «Notiamo che oltre il 50% delle famiglie ha visto un peggioramento della capacità della qualità di spesa. Lo vediamo ad esempio con l'interruzione delle spese sulle ristrutturazioni, sugli elettrodomestici, sulle auto: tutti settori di spesa che si sono potuti rilanciare solo grazie agli incentivi statali. E anche quelli comunque non sono sufficienti, perché se anche c'è un beneficio fiscale a cui poter fare ricorso, nel momento in cui manca il denaro per fare l'acquisto anche gli incentivi servono a poco». E' un periodo di rinunce per le famiglie: «I dati parlano chiaro - continua Curatti. Vediamo che il 60% delle famiglie riduce le cene fuori casa, altrettanti tagliano sullo svago, mentre ben il 50% ha dovuto intervenire sui consumi alimentari». In particolare, il 17% del campione intervistato da Outlook definisce la condizione economica e la capacità di spesa della sua famiglia "ad alto rischio"; il 21% risponde: "difficile, perchè rischio di non farcela; per il 41% è "precaria"; per il 21% "solida. Ne emerge un bilancio familiare che «è in rosso per oltre 4 milioni di famiglie italiane, che dichiarano di non riuscire a coprire le spese con le proprie entrate - evidenzia ancora Curatti -. Il 68% delle famiglie, invece, dichiara che il proprio bilancio chiude in pareggio. Situazioni come queste mettono moltissime persone di fronte all'emergenza delle "spese impreviste: il 73% delle famiglie dichiara di avere difficoltà nell'affrontare una simile eventualità. Anche coloro che infatti chiudono con un bilancio in pari, non possono permettersi alcun tipo di sforamento». Tra le innumerevoli difficoltà a cui far fronte ci sono anche i pagamenti di tasse, bollette, affitti, rette scolastiche e altro: «Sono sempre più numerose le persone che si trovano a dover affrontare difficoltà nel pagamento di utenze domestiche, ad esempio - evidenzia Curatti -. Assoutenti e le altre associazioni dei consumatori denunciano da tempo una situazione critica, chiedendo al Governo una riforma fiscale sostanziale, che sposti la tassazione per chi già non riesce ad arrivare a fine mese». Secondo la ricerca, anche la famiglie hanno ben chiare quali siano le priorità che l'esecutivo deve affrontare subito per migliorare la situazione: "creazione di nuovi posti di lavoro (56,3%) e riduzione della pressione fiscale (nel complesso il 32,1%: il 18,3% lo chiede riferendosi alla tassazione sulle imprese, il 13,8% per le persone fisiche); mentre per il 9% la priorità del governo dovrebbe essere potenziare i sussidi di disoccupazione". A livello locale le azioni possibili non sono molte. Tuttavia anche i Comuni dovrebbero intervenire, «cercando di accedere a fondi e contributi da dedicare alle situazioni critiche - conclude Curatti -. Mi rendo conto che gli enti locali possano fare poco, in questa fase, ma è indispensabile che tutte le risorse possibili siano destinate a questa partita». Sanità, spunta l ipotesi di accorpamento tra Mantova e Cremona L Ospedale Carlo Poma di Mantova accorpato all Azienda ospedaliera di Cremona? Un ipotesi che si starebbe profilando nell ambito della nuova definizione dell assetto istituzionale del Sistema Sanitario Regionale e che preoccupa la compagine mantovana di Forza Italia. «Al di là degli accorpamenti delle gare d appalto su determinati servizi, che hanno un loro senso, a preoccuparci sono quelle scelte fatte a livello regionale che stanno portando a depotenziare la struttura mantovana privilegiando invece quella cremonese evidenzia Carlo Acerbi, capogruppo di Forza Italia in consiglio comunale a Mantova -. Osserviamo una scelta di depotenziamento dell Ospedale Poma che ci fa intuire la volontà di renderla una struttura satellite di Cremona». Per questo la mozione presentata dal gruppo consiliare di Forza Italia, che verrà discussa probabilmente nel consiglio del 10 maggio, mira a impegnare il Sindaco di Mantova, Nicola Sodano, in qualità di presidente della Conferenza dei Sindaci del territorio mantovano, a farsi portavoce delle istanze in materia di riorganizzazione degli assetti istituzionali locali del Servizio sanitario regionale. «Sodano, come presidente della conferenza dei sindaci, vada in Regione a rappresentare il territorio mantovano nella discussione sul nuovo assetto del servizio sanitario regionale» chiedono i consiglieri (primi firmatari: Pierluigi Baschieri, Marco Germiniasi e Giacomo Giatti). «La riforma dovrebbe partire dal prossimo giugno, dopo le elezioni europee evidenzia Acerbi -. La Regione ha sempre detto che prima di deliberare sulla riforma sanitaria avrebbe ascoltato i territori; fino ad ora, però, non l ha fatto. Nel frattempo i primariati vacanti vengono coperti a Cremona ma non a Mantova e questo suffraga la nostra ipotesi. Sono scelte che si fanno nell intento di bypassare un territorio: se si continua a svuotare un ospedale di prestazioni, lo si rende un contenitore vuoto. Vogliamo evitare le decisioni calate dall alto». COMUNICATO PREVENTIVO PER LA DIFFUSIONE DI MESSAGGI POLITICI ELETTORALI PER LE ELEZIONI EUROPEE DEL 25 MAGGIO E PER LE AMMINISTRATIVE COMUNALI FISSATE PER IL GIORNO 25 MAGGIO 2014 ED EVENTUALI BALLOTTAGGI Ai sensi e per gli effetti della Delibera n. 139/14/CONS E 140/14/CONS dell Autorità per le garanzie nelle Comuncazioni, pubblicata in Gazzetta Uffi ciale n. 79 del 4 Aprile 2014, in attuazione della disciplina in materia di comunicazione politica elettorale e parità di accesso ai mezzi di informazione La Immagina s.r.l. Comunica, che intende pubblicare su Il Settimanale Il Piccolo e Il Piccolo del Cremasco, messaggi politici elettorali a pagamento relativi alla campagna per le su specifi cate elezioni Pubblicità elettorale Tariffe A modulo, in bianco e nero: euro 15,00 + IVA 4% A modulo, in quadricromia: euro 20,00 + IVA 4% Per le posizioni di rigore come la fi nestrella di prima pagina e l ultima pagina, vista la limitatezza degli spazi, saranno accettate le richieste sulla base dell ordine temporale delle prenotazioni. Nessun diritto fi sso o spesa di impaginazione verrà applicato. Non sono previsti sconti di quantità né provvigioni di agenzia. La prenotazione degli spazi utilizzabili per i messaggi elettorali è consentita fi no alle ore 14 del giorno precedente la data di pubblicazione. I messaggi elettorali devono recare l indicazione del committente e la dicitura: Messaggio elettorale. La pubblicazione degli avvisi è consentita fi no al numero del 23 maggio 2014 compreso. Il pagamento dovrà essere anticipato. Sarà garantita la parità di accesso e saranno ammesse soltanto le forme di messaggio politico previsto dalla normativa vigente e dalle delibere dell Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni nei termini e nel rispetto delle condizioni stabilite nel documento analitico depositato presso la redazione de il Piccolo, via S. Bernardo 37, Cremona. Per le richieste di preventivi e per maggiori informazioni: Telefonare a Immagina pubblicità Oppure per a:

6 6Sabato 3 Maggio 2014 Amministrative 2014 Le interviste Pietro Signorini e Giuseppe Foderaro, candidati sindaco rispettivamente per Terzo Polo per Cremona e per la lista Ppi-Udc «Vendendo le quote nelle partecipate ricaveremmo 40 milioni» Q uesta settimana intervistiamo Pietro Signorini, candidato sindaco del Terzo Polo per Cremona (in cui convergono Scelta civica, Alleanza liberaldemocratica per l'italia (Ali) e Partito Repubblicano). Signorini, medico geriatra, ha esperienze importanti a livello politico e nel settore sociale. Per quale motivo ha deciso di candidarsi? «Ho deciso di mettermi in gioco perché Cremona è una città magnifica, che mi ha dato molto: voglio quindi provare a dare un mio contributo nel trovare una strategia condivisa per ridare slancio all'economia locale attraverso misure dapprima di breve/medio termine, quindi attraverso misure a lungo termine che consentano a Cremona di ripartire davvero. C'è chi già aveva detto cosa si doveva fare, ma non è stato ascoltato. Ora vogliamo dare ai cittadini la possibilità di dire la propria opinione e di essere ascoltati. Ci siamo resi conto che i due poli tradizionali non sono riusciti a prevedere il disastro verso cui stava andando la città. Il terzo polo si propone come un'alternativa vincente». Qual è stato il percorso che l'ha portata fino a qui? «In realtà la mia storia politica parte fin Pietro Signorini: «La macchina comunale deve essere più efficiente: meno Cda e rappresentanti politici» dal liceo, all'età di anni, quando militavo in un'associazione di stampo cattolico impegnata nel sostegno agli studenti. Dall'82 all'87 mi iscrissi al Partito liberale, di cui sono stato segretario cittadino, membro della direzione regionale e di quela provinciale. Recentemente sono diventato membro della direzione provinciale della Uil e consigliere provinciale dell'ordine dei Medici di Cremona. Anche a livello sociale mi sono molto impegnato, cercando di sostenere a diversi livelli le persone in difficoltà. In gioventù ho anche fatto canottaggio alla Bissolati, e questo mi ha permesso di conoscere Oreste Perri, che gareggiava nella stessa società, seppure per uno sport diverso». Ci può dire qualcosa del suo programma e della sua lista? «La mia lista è composta da persone di vario genere e con diverse competenze: Gimmi Distante, capolista (libero professionista), Alessandra Azzali (architetto), Anselmo Gusperti (geometra), Giulia Arrabito (medico dentista), Michele Avanzini (imprenditore), Emanuela Beccari (commerciante), Andrea Brambilla (ingegnere), Francesco Carollo (impiegato operativo), Pasquale Ceroni (direttore vendite), Elisa Cozzoli (insegnante), Luca Demicheli (libero professionista), Luciana Mangano (impiegata), Eleonora Melodi (farmacista), Bruno Musoni (fisioterapista), Francesco Negri (geometra), Francesco Pietrogrande (pensionato), Alessandro Rossi (dirigente d azienda, Pietro Sarcinella (docente universitario), Mirlo Scaratti (libero professionista), Stefania Visini (studentessa), Tiziana Viti (dirigente pubblico), Jacopo Zampolli (preparatore fisico). Sono 24 candidati di cui nove donne, con un'età media ottimale; tutte persone preparate e con esperienza. Per quanto riguarda il programma, il cittadino deve tornare ad essere la priorità del Comune. Puntiamo molto sulla tutela dell'ambiente e sul Piano : ridurre le emissioni di gas serra del 20 %, alzare al 20 % la quota di energia prodotta da fonti rinnovabili e portare al 20 % il risparmio energetico il tutto entro il La macchina comunale deve essere più efficiente e snella: meno società partecipate, meno Cda, meno rappresentanti politici. Vendendo le quote nelle partecipate ricaveremmo milioni da reinvestire per il rilancio dello sviluppo economico, con un ritorno di 120 milioni. Tra le priorità anche l Agenda digitale, il concetto di Cremona Smart City, sfruttando al meglio le infrastrutture tecnologiche che già abbiamo in città. Infine per noi è fondamentale la valorizzazione della vocazione musicale della città:attraverso un Festival del violino, che abbia rilevanza mondiale». Per quale motivo i cittadini dovrebbero votare per lei? «Perché il loro futuro è nelle loro mani, e votare me significa scegliere chi gli consentirebbe di tornare a sperare nel futuro». Chi sosterrete al ballottaggio? «Valuteremo attentamente il contenuto dei programmi elettorali di tutti e vedremo dove troveremo la maggior condivisione. Vogliamo dare il nostro contributo per aiutare chi sarà sindaco ad avere un Polo affidabile, a cui appoggiarsi». Giuseppe Foderaro, 44 anni, possiede un'esperienza politica più che decennale. Ora si candida come sindaco per la lista Ppi Udc. Cosa l'ha spinta ad accettare la candidatura? «Ritenevamo che non vi fosse una proposta che rappresentasse a pieno il nostro elettorato. Cinque anni fa abbiamo sostenuto la candidatura di Perri, portando avanti alcuni temi per noi fondamentali: il quoziente familiare, la riduzione dei costi della politica, i parcheggi, la riduzione delle addizionali, il governo del territorio. Tuttavia rispetto a tali temi non abbiamo poi avuto un riscontro a livello di amministrazione. Ad esempio la questione del quoziente familiare fu oggetto di una votazione unanime in Consiglio comunale già dall'inizio del mandato, tuttavia in cinque anni non vi fu mai un'applicazione concreta. Lo stesso vale per i costi della politica: si era deliberato sul taglio degli assessori, ma quando si è presentata l'occasione per un rimpasto non si è operata alcuna IN BREVE «Al ballottaggio confronto sul programma» riduzione. Allo stesso modo nulla si è fatto per ridurre i costi delle aziende pubbliche, accorpando ad esempio Cremona Solidale con la Fondazione Città di Cremona. Lavorando sulla riduzione dei costi di tali strutture potremo ridurre le tariffe- Sul marketing culturale è stato lo stesso Perri a denunciare la propria carenza: credo che a fianco di ottime realizzazioni, come il Museo del Violino, se queste restano cattedrali nel deserto rischiano di rappresentare un costo anziché un vantaggio». Quale è stato il suo percorso politico? «Mi occupo da tempo di politica, sono stato consigliere comunale e ho avuto anche esperienza di partito. La mia candidatura, tuttavia, non è una candidatura di un partito ma di un'area politica costruita sul Partito popolare europeo. Siamo arrivati a metterci in gioco con l'intenzione di iniziare un percorso per rappresentare lo spazio dei moderati, che oggi non hanno una rappresentanza». Parliamo del vostro programma. «Il nostro programma verte su diversi capitoli, a partire dall'analisi del contesto economico e sociale di una città che sta lentamente morendo, sotto tutti i punti di vista. Bisogna allora agire su quei temi che possano contribuire alla ricrescita. La dignità della persona in questo scenario deve essere al centro di un Piano di rilancio che passi dalla valorizzazione della storia cittadina attraverso la sua vocazione artigiana e commerciale. Il Comune deve allora spingere per la nascita di nuove imprese, ricorrendo a degli sgravi fiscali. Serve anche un rilancio culturale a favore della costruzione di un sistema-cremona che ci porti Giuseppe Foderaro: «Al centro la persona; poi attorno a essa si costruisce la città» a essere conosciuti nel mondo. Non possiamo gestire flussi turistici di massa, ma possiamo programmare un turismo di qualità che ci porti ad essere conosciuti negli ambienti in cui i flussi turistici generano dei margini. Fondamentale è l'attenzione al Pgt: quello recentemente approvato da questa amministrazione Laura Carlino, incontro pubblico Perri: «Vi racconto prima e dopo» Galimberti a Palazzo Duemiglia è stato studiato in modo da creare ulteriore cementificazione delle periferie, anziché riqualificare il centro storico. In questo modo si svuota la città». Per quale motivo i cittadini dovrebbero votarla? «Il nostro slogan è indicativo: "Votaci perché mettiamo al centro te". Il nostro programma mette al centro la persona: è attorno ad essa che viene poi costruita la città». In caso di ballottaggio a chi darete il vostro sostegno? «L'unica cosa certa è che il nostro appoggio all'uno o all'altro candidato non sarà scontato. Nella scelta tra Perri e Galimberti certi valori cattolici ed etici di cui siamo portatori non saranno l'unico parametro su cui effettuare la scelta: all'atto di governare una città, certi temi etici non c'entrano molto. Conterò molto di più il confronto sul programma». la lista civica Cremona Città Nova e il candidato sindaco Laura Carlino organizzano un incontro pubblico il prossimo lunedì 5 maggio alle ore 17 a Spaziocomune per presentare il programma elettorale. In particolare, verrà presentata la parte riguardante lo sviluppo: politiche culturali e cultura, turismo, commercio, ambiente, agroalimentare, centro storico e periferie. Presso il Comitato elettorale del sindaco Oreste Perri è stato installato un monitor sul quale scorrono le immagini relative alle opere pubbliche e agli interventi realizzati in questi cinque anni. «Tutti i cremonesi -spiega il sindaco - potranno così vedere e ricordare come era la nostra città prima della mia amministrazione e come è adesso. Invitando tutti a passare davanti alle vetrine in Galleria XXV Aprile, auguro buona visione. Cremona va avanti». «Cambiamo amministrazione e cambiamo modo di fare politica». Così Gianluca Galimberti, nella serata di mercoledì, all'incontro con i residenti del quartiere S. Bernardo, Fazioli, Borgo Loreto a palazzo Duemiglia. «Abbiamo un percorso da fare - ha proseguito il candidato sindaco - e un futuro da riconoscere. Il metodo è quello dell'ascolto/azione, un metodo che diventa sostanza politica. Le energie in città ci sono e sono tante. Aspettano di essere ascoltate e di programmazione». Il candidato sindaco Gianluca Galimberti, sollecitato dalle domande dei presenti, ha parlato di sviluppo della città attraverso alta formazione e ricerca, di rilancio del Po, dell'aumento delle rette nei nidi, di Imu e piano casa. Attenzione anche al tema della sicurezza. «Coordinamento delle forze dell'ordine, videosorveglianza e luoghi di coesione che sono anche luoghi di sicurezza. Perché una città vissuta è una città più sicura».

7 Cronaca Sabato 3 Maggio Fine settimana di maltempo. Preoccupazione allagamenti in attesa della Roggia Quistra Se anche il tempo è stato clemente nella giornata della Festa del Lavoro, per il fine settimana, i meteorologi prevedono una perturbazione, che porterà piogge e temporali al nord e nubi al sud. Dopo le forti piogge di venerdì, che hanno comportato numerosi disagi sul territorio provinciale, con numerosi interventi dei vigili del fuoco che in mattinata si sono portati a Vidiceto, frazione di Cingia dè botti, per un auto finita in un fosso, anche per sabato la situazione potrebbe essere pesante. L ondata di maltempo sabato 3 maggio interesserà tutta l Italia, in particolare su Liguria, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Sardegna, Toscana, Marche, Umbria e coste del Lazio, con piogge e temperature in calo. Anche la mattinata della domenica sarà all'insegna delle piogge e dei temporali su tutta l Italia, ma già dal primo pomeriggio iniziano le schiarite, con uno spostamento della perturbazione verso il sud, portando verso sera al rialzo delle temperature. Preoccupano i rischi di allagamento: episodi che a Cremona sono tutt'altro che radi, a causa del reticolo idrografico piuttosto fragile che la pianura cremonese presenta. Per il momento, non vi sono segnali di preoccupazione da parte della protezione civile, come conferma anche il dirigente Marco Paglierini, ma il rischio per la città è sempre presente, almeno finché non saranno completati i lavori per la Roggia Quistra, che dovrebbe essere terminata entro il prossimo anno e che ridurrà significativamente anche il rischio idraulico. "Cremona sconta, tra l altro, il fatto che molti canali provenienti dalla campagna a nord della città convergano su di essa (ad esempio Naviglio, Cavo, Fregalino, Robecco, Pippia): questi convogliano in caso di piogge intense sulla città grandi portate d acqua che si aggiungono a quelle che direttamente si generano a seguito delle precipitazioni sull abitato di Cremona, evidenzia lo studio realizzato dal Comune propedeutico alla realizzazione della Roggia Quistra In tali condizioni la situazione diviene oltremodo critica, difficile da gestire in quanto i canali presenti in città faticano a smaltire grandi portate di acqua". Peraltro, sempre secondo gli esperti, la situazione climatica in evoluzione, che negli ultimi 25 anni ha prodotto il ripetersi sempre più frequente di eventi piovosi particolarmente violenti, ha reso ancora più critico il quadro della gestione delle acque meteoriche nella città di Cremona. Attualmente la città è presidiata a ovest da uno scolmatore recentemente terminato e appena entrato in funzione: esso raccoglie le acque del Morbasco a Cavatigozzi, portandole nel Canale Navigabile in modo che, in caso di piena, le acque non giungano in città; parallelamente è stato realizzato un collegamento a Spinadesco tra Canale Navigabile e colatore Riglio, in modo tale da poter scaricare, in caso di necessità, le acque dal Canale Navigabile al Riglio e quindi nel Po. In fase di completamento è invece lo Scolmatore Nord: è l opera più importante, deriva le acque del Naviglio presso Marzalengo e, ampliando la sezione della roggia Quistra, canale esistente ma di limitata sezione, porta le acque a Brazzuoli e, quindi attraverso il Dugale Grumone, la cui sezione è in fase di ampliamento, nel fiume Oglio. La realizzazione di tale intervento comporta il sottopasso di linee ferroviarie, della strada per Brescia e del Cavo Ciria con una botte sifone. «Quando i lavori saranno terminati, sarà completata la barriera idraulica che bloccherà l'acqua a nord della città, evitando le alluvioni» evidenzia l'assessore all'urbanistica Federico Fasani». Prima autori zzazione nel cremonese all uso di cloruro ferroso nel biogas. Secondo un ingegnere di Bologna, esisterebbe il rischio di produzione di diossina Biodigestori, timori ingiustificati? di Michele Scolari Da alcuni documenti comparsi sull albo pretorio della Provincia di Cremona, si evince che un impianto a biogas del cremonese è stato autorizzato a modificare il piano di alimentazione dell'impianto con i sottoprodotti provenienti da attività agricola e di allevamento nonché da sottoprodotti provenienti da attività alimentari ed agroindustriali. Nell elenco compare anche il cloruro ferrico, impiegato, secondo quanto specificato nei documenti, come «integratore per la biologia». Proprio questo composto non ha mancato di suscitare qualche preoccupazione. I timori sarebbero relativi al rischio di produzione di diossina (inserita nell elenco delle sostanze cancerogene per l uomo da parte dell Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro) derivato dall utilizzo del composto indicato nello specifico contesto della biodigestione. Ad argomentare tecnicamente questa incognita è uno stimato ingegnere bolognese, Pietro Petroni, che si è già occupato della questione relativamente alla zona dell Emilia Romagna. «Anzitutto spiega l ingegnere va premesso che il cloruro ferroso è un materiale che va gestito con attenzione per motivi di sicurezza. Solitamente arriva in sacchi è soggetto a manipolazione. Talvolta accade che venga fatto sparire quando si ha sentore che arrivi un ispezione. E Delle Noci (Provincia): «Nessun rischio: quantità minime e controlli frequenti sulle emissioni» spesso puntualizza Petroni - non è dichiarato nei piani di sicurezza. La sua funzione, comunque, è quella di additivo al biogas per rimuovere l acido solfidrico, sostanza estremamente tossica e corrosiva delle parti meccaniche dell impianto». Ma da che cosa deriva il rischio connesso all utilizzo del composto? E noto ormai che le diossine possono prodursi ed essere emesse non intenzionalmente nei processi termici che comportano la presenza di materie organiche, ossigeno e cloro, come risultato di una combustione incompleta. Nel caso specifico, prosegue l ingegnere, la reazione del cloruro ferroso con l acido solfidrico libera composti di cloro nel biogas. Nel processo di combustione il cloro può trasformarsi in diossina, che però non verrebbe distrutta alla temperatura di gradi tipica dei motori a ciclo Otto». La conseguenza? «In definitiva l uso del cloruro ferroso potrebbe contribuire all aumento delle diossine, comunque già presenti in questi gas di scarico e nel digestato». Digestato che poi viene sparso sui campi come fertilizzante (in base al cosiddetto «uso agronomico»). Differente è però il parere di Massimo Delle Noci, incaricato di posizione organizzativa del Servizio Produzioni vegetali, Sviluppo agricolo, Aia ed energia del Settore Agricoltura e Ambiente della Provincia di Cremona. «Il cloruro ferrico viene usato per ridurre i solfuri nel biogas onde evitare che si bruci il motore, ma viene utilizzato in piccolissime quantità: si parla di alcune palettate in digestori da milioni di metri cubi. Ed è una tecnica che ormai è ampiamente diffusa, sia in Italia che all estero (soprattutto in Germania). Inoltre, mi risulta che la ricerca di diossina da parte dell Arpa di Bologna abbia dato sin ora esiti negativi. Per quanto riguarda la nostra provincia, questa è la prima richiesta che ci è stata sottoposta. Che poi ci siano altri impianti che ne fanno uso senza dichiararlo, questo non ci è dato di sapere». Difatti, l'utilizzo del composto deve essere dichiarato nei piani di sicurezza dell impianto. Ora, se questo non venisse fatto quali conseguenze si potrebbero profilare per il titolare? «Innanzitutto si procederebbe con la valutazione delle matrici prosegue Delle Noci ma le dosi minime nelle quali viene utilizzato questo composto lo collocano nella sfera dei microelementi, che non fanno parte della ricetta vera e propria. In sostanza, io non vedo rischi, sia per le minime quantità d impiego, sia per i controlli che frequentemente vengono svolti da Arpa e Asl». Tina Milanesi: Quando la poesia ama la vita Si intitola Il sole di un altra estate l ultima fatica editoriale di Tina Milanesi, i cui proventi, come da consuetudine, saranno devoluti alle associazioni che si occupano dei malati di parkinson e sclerosi multipla. Il libro è reperibile presso L associazione La Tartaruga di Viale Trento Trieste 35B, l Associazione Italiana di Alzheimer di via Filzi 35 e l Associazione Italiana per la Sclerosi Multipla di Via Calatafimi. Originaria di Annicco ed insegnante per 35 anni, oltre che volontaria in Croce Rossa, ha poi fondato il gruppo Croce Verde di Cremona, durante il quale ha steso il suo primo libro di poesie, con lo scopo di raccogliere fondi per l acquisto di un ambulanza. Lasciata l associazione per motivi personali, è approdare al gruppo Incontro di Madre Carelli, dove, oltre al contributo quotidiano come volontaria, ha pubblicato la sua seconda raccolta di versi poetici, sempre con l obiettivo di racimolare fondi per l associazione. Scomparso Don Carlo. L autrice si è poi presa una pausa di riflessione, dedicandosi soltanto agli animali ma senza tralasciare l impulso a poetare, che l ha portata a pubblicare il terzo volume di poesie: un testo di speranza e certezza (come si intitola una delle poesie più esemplari della raccolta) che «arriva in una stagione di tante precarietà in cui può essere difficile trovare ragioni vere di continuità», come ha scritto il professor Angelo Rescaglio nell introduzione all opera, sintetizzata da Rescaglio con un un passo di Dostoevskij: «Prima di cercare il senso della vita, ama la vita. Se ami la vita diventi vivo». Comune, bando per sei posti di Leva Civica Il Comune di Cremona assegna 6 posizioni di Leva Civica Regionale (Leva Civica Regionale prevede lo svolgimento di un percorso formativo con attività di formazione d'aula e di tirocinio personalizzato presso gli Enti Locali). I giovani assegnatari della Leva Civica Regionale parteciperanno al progetto formativo in uno o più dei seguenti ambiti nel rispetto del Quadro Regionale degli Standard Professionali (QRSP) di Regione Lombardia: servizi culturali e di spettacolo; amministrazione, contabilità, segreteria; ricerca personale e servizi per il lavoro. Possono partecipare alla selezione i giovani, disoccupati o inoccupati, di età compresa tra i 18 e i 35 anni (36 anni non compiuti), residenti o domiciliati in Lombardia all atto di presentazione della domanda. La domanda di partecipazione deve pervenire entro e non oltre il 17 maggio 2014 a mezzo del servizio postale, o consegnata personalmente, al Comune di Cremona, Ufficio Protocollo, piazza del Comune n. 8 (piano terra), nei seguenti giorni ed orari: dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 13,30; il mercoledì dalle 8,30 alle 16,30; il sabato dalle 9,00 alle 11,30. Per le domande inviate a mezzo del servizio postale farà fede il timbro di protocollo del Comune di Cremona e non quello dell Ufficio postale di invio. E possibile presentare domanda per la partecipazione in un solo Ente Ospitante beneficiario del voucher leva civica regionale. La durata di Leva Civica Regionale è di 12 mesi consecutivi con un monte ore complessivo di 1400 ore, di cui 72 ore formazione d aula, con un impegno settimanale medio di 30 ore. I progetti saranno avviati il 3 giugno 2014 per concludersi il 1 giugno Hashish e cocaina in auto: arrestato dalla polizia Un arresto e un quantitativo di droga sequestrato. É il bilancio dell'intervento condotto ieri, mercoledì 30 aprile, dal personale della Sezione Antidroga e Contrasto al Crimine Diffuso della Squadra Mobile di Cremona, nel corso di un servizio finalizzato al contrasto e alla repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti e psicotrope. A finire nei guai per detenzione di stupefacenti è stato F.V., 30enne residente nella provincia. L uomo era stato fermato alla guida della sua vettura poco dopo le otto di sera dagli equipaggi dislocati sul territorio. Durante il controllo dell auto, la palese agitazione del 30enne avrebbe indotto gli agenti a controllare l autovettura, in seguito al quale sarebbe stata rinvenuto, all interno della tasca posteriore del sedile anteriore lato passeggero, un sacchetto di cellophane per alimenti, contenente polvere di colore bianco in quantità di 7,14 etti, poi identificata come cocaina all esame del narcotest. All'interno dell abitacolo inoltre, gli agenti avrebbero rinvenuto un altro involucro contenente 0,64 grammi di sostanza marrone, identificata come hashsish. Scattata la perquisizione domiciliare nell abitazione del 30enne, questi ha spontaneamente un involucro contenente 89,55 grammi di sostanza identificata come hashish. Per il giovane sono scattate le manette e il trasporto a Cà del Ferro a disposizione dell autorità giudiziaria.

8 8Sabato 3 Maggio 2014 Finalmente la primavera è arrivata, e con essa la voglia di muoversi, viaggiare, passare un fine settimana fuori porta e fare le prime vacanze. Il Cta Acli promuove una serie di gite e viaggi per tutti i gusti. Gita a Pisa e dintorni. Si visiteranno: La Piazza dei Miracoli con la Cattedrale, il Battistero e la Torre pendente, poi a Calci per il Complesso Monastico Certosino. Dal 9 al 10 Maggio - Un viaggio alla scoperta della Toscana Pesciatina. Si visiteranno: Pistoia, Collodi e Pescia. 25 Maggio - Una gita sui laghi. Si visiteranno: Riva del Garda, la grotta della Cascata del Varone e la cittadina di Tenno con il suo lago ed il Borgo canale. Dal 29 maggio al 2 giugno - VIAGGIO A PRAGA LA CITTÀ INCAN- TATA. Si visiteranno inoltre: Cesky Krumlov, Kutna Hora ed il Castello di Konopiste. Dal 13 al 15 Giugno - un viaggio in Istria - Itinerario dell epoca veneziana. Si visiteranno: Parenzo, Pola, Isole Brioni e Rovigno Dal 06 al 27 luglio SOGGIORNI ESTIVI AL MARE A SCANZANO JONICO - Soggiorni settimanali e quindicinali a Scanzano Jonico in Basilicata presso il Villaggio Portogreco 4***. Dal 12 luglio al 9 agosto soggiorni quindicinali ad Andalo presso l Hotel Stella Alpina 3***. Dal 10 al 17 Agosto - Un Tour in Germania da Carlo Magno alla Lega Anseatica. Si visiteranno: Treviri, Aquisgrana, Colonia, Brema, Lubecca, Berlino e Heidelberg. Dal 20 al 24 Agosto - un viaggio per visitare le meraviglie dell Ugheria speciale. Si visiteranno: Sopron, Fertod, Pannonhalma, Budapest e Gadollo. Dal 28 al 30 Agosto - Un viaggio in Germania e la Baviera insolita. Si visiteranno: Altotting, Passau, Berchtesgaden e Salzberwerk. Le iscrizioni e tutte le informazioni relative agli eventi saranno fornite presso la sede di via Cardinale G. Massaia, 22 o contattando i numeri di tel , Le iniziative sono in le nostre iniziative sono in collaborazione con il CTA di Crema (Piazza Manziana 17. Crema tel. 0373/250064). Sito: Dopo un lungo periodo di vuoto, tornano gli incentivi per l'acquisto delle auto. Il ministro dello Sviluppo Economico ha, infatti, firmato il decreto sulle risorse destinate a finanziare i contributi per i veicoli a basse emissioni "complessive" (DL 83/2012 convertito con modificazioni dalla Legge 134/2012) nell'anno Quest'anno sono stati stanziati 31,3 milioni di euro, a cui si aggiungono le risorse non utilizzate nel 2013, per un totale di 63,4 milioni di euro. Gli incentivi riguarderanno tutte le auto ad alimentazione alternativa (elettrici, ibridi, a metano, biometano, Gpl, biocombustibili, idrogeno) con emissioni di anidride carbonica allo scarico non superiori, rispettivamente a 120, 95 e 50 g/km. La scelta del Ministero non vuole privilegiare particolari tecnologie "verdi" (un diesel o un benzina "normali"sono sempre esclusi), ma di considerare solo gli effettivi limiti di emissione (nel rispetto delle raccomandazioni sulla neutralità tecnologica espresse dalla Commissione Europea - Cars 21 - e dall Ocse). Gli incentivi però non riguardano le biciclette a pedalata assistita in quanto non rientrano in nessuna delle categorie di veicoli agevolabili: compresi solo ciclomotori e motocicli a due o tre ruote, quadricicli, auto e veicoli commerciali leggeri. La procedura A partire dal 6 maggio, i venditori registrati e quelli che si registreranno nell area dedicata del ministero, potranno prenotare i contributi per avere i maxi sconti da rigirare poi ai clienti. Ma dalla manovra sono escluse le famose km 0. La norma stabilisce, infatti, che il veicolo acquistato non deve essere stato già immatricolato in precedenza. Naturalmente non c'è nulla di obbligatorio per i venditori e per le case automobilistiche: è possibile infatti che qualche costruttore rifiuti di applicare gli incentivi. Cronaca Stanziati 63 milioni di euro. Il Decreto firmato dal ministro dello Sviluppo Economico riguarda le auto ad alimentazione alternativa Dal 6 maggio tornano gli incentivi per le auto ecologiche di Giulia Sapelli In questi anni i messaggi mediatici che impongono un modello corporeo tendente alla perfezione, con indicazioni prescrittive in ordine alla dieta e alla attività fisica sono diventati martellanti e possono determinare disagi e problemi soprattutto nella fascia giovane della popolazione, più fragile e più a rischio. Chiediamo allo psichiatra cremonese Roberto Poli quali sono gli effetti di questi messaggi. Qual è l effetto sui giovani delle pressanti campagne sulle immagini di un corpo perfetto e ideale? «Non tutti riescono a gestire tali pressioni mediatiche e a fare un uso corretto delle rigide indicazioni in merito alla alimentazione e alle attività fidsiche. Il risultato è che ci sono persone che iper-aderiscono a tali modelli mediatico-culturali sino a scivolare sull insidioso asse inclinato che conduce nel baratro delle patologie». Si riferisce ai disturbi del comportamento alimentare? «Si, ma non solo: in realtà l anoressia Come sono ripartiti i fondi: - 15% per l acquisto, da parte di tutte le categorie di acquirenti (e senza necessità di rottamazione), di veicoli con emissioni di CO2 non superiori a 50 g/km - 35% per l acquisto, da parte di tutte le categorie di acquirenti (e senza necessità di rottamazione), di veicoli con emissioni di CO2 non superiori a 95 g/km. - 50% per l acquisto di veicoli destinati all uso di terzi o utilizzati nell esercizio di imprese, arti e professioni, e destinati ad essere utilizzati esclusivamente come beni strumentali nell attività propria dell impresa, (dietro obbligatoria rottamazione di un corrispondente veicolo obsoleto), con emissioni di CO2 non superiori a 120 g/km. rappresenta la patologia più grave e seria, all estremo di un continuum. Ma vi sono molte forme diciamo sub-cliniche, per esempio la cosiddetta ortoressia: consiste nella rigidissima osservanza di una alimentazione minima e scrupolosissima in relazione alla tipologia di alimenti assunti. Una sorta di schiavitù nei confronti dei diktat dell alimentazione perfetta». E vero però che è anche cresciuto il problema dell obesità, come mai? Il veicolo da rottamare deve: Essere immatricolato almeno dieci anni prima della data di immatricolazione del veicolo nuovo Essere intestato da almeno dodici mesi dalla data di immatricolazione del veicolo nuovo, allo stesso soggetto intestatario di quest ultimo o ad uno dei familiari conviventi alla stessa data, ovvero, in caso di locazione finanziaria del veicolo nuovo, che sia intestato, da almeno dodici mesi, al soggetto utilizzatore del suddetto veicolo o a uno dei predetti familiari Appartenere alla stessa categoria del veicolo acquistato, secondo le categorie definite nell allegato 1 al Decreto Ministeriale 11 gennaio Ad esempio se si vuole comprare un veicolo commerciale leggero, si deve consegnare al venditore un analogo veicolo commerciale leggero usato. Quindi la categoria del veicolo nuovo e di quello rottamato risultante dai libretti di circolazione dei due veicoli deve coincidere Essere obbligatoriamente avviato a rottamazione. Lo psichiatra Roberto Poli: «Crescono anche i casi di obesità: sono l altra faccia della stessa medaglia» Diete drastiche, giovani a rischio IN BREVE Finto vigile del fuoco: truffa ai danni di due anziane Altra truffa ai danni degli anziani: un uomo solo si è presentato a casa di una donna di 91 anni residente in via Bonomelli indossando una pettorina dei vigili del fuoco e dicendo di essere un addetto mandato dai pompieri. Il truffatore era munito di un apparecchio che avrebbe dovuto rilevare gas, e lo ha venduto alla donna per 250 euro. Con lo stesso modus operandi si è presentato poi in un abitazione vicina dove vive un altra anziana. Anche lei ha comprato l aggeggio e sborsato 250 euro. Ad entrambe le vittime, il finto addetto ha anche fatto firmare un contratto fasullo. «La ragioni dell esplosione del soprappeso-obesità sono molteplice e complesse, ma in parte sono l atra faccia della stessa medaglia. Come la bulimia rappresenta l altra faccia della anoressia, così l iperalimentazione e l obesità possono derivare da una sorta di ribellione ai diktat per l impossibilità di rispettare le rigide regole imposte in termini di dieta e sport e di raggiungere i modelli corporei imposti. Modelli che peraltro sono spesso irraggiungibili, perché non reali, perché effetto di photoshop». E anche rispetto alle attività sportive esiste un rischio di esagerazione? «Si anche per lo sport è nota una sorta di dipendenza, in questo caso determinata anche biologicamente dall effetto euforizzante delle endorfine prodotte dall attività fisica. Le donne in genere esagerano con le attività aerobiche per la ricerca della magrezza, alla ricerca della figura della Barbie. I maschi esagerano spesso in termini di ricerca di massa muscolare esercizio fisico, in termini tecnici, bigoressia, da big (grosso). E la vita ruota intorno alla palestra e al corpo, scandita dalle sessioni sportive, da diete iperproteiche e dal ricorso ad anabolizzanti, steroidi, sostanze dopanti». Mafie all ombra del Torrazzo, presentazione del libro Arci Cremona e Coordinamento Provinciale Libera Cremona presentano Mafie all ombra del Torrazzo ; il libro è frutto di una ricerca collettiva su iniziativa del circolo Arcibassa di Gussola, coordinata da Claudio Meneghetti e Stefano Prandini. Il libro sarà presentato nel corso di un incontro pubblico aperto alla cittadinanza, che si terrà giovedì 8 maggio alle ore 21 presso la Sala Bonfatti Camera del Lavoro in via Mantova, 25 a Cremona. Sono previsti interventi di Claudio Meneghetti (scrittore, curatore del libro), Stefano Prandini (coautore), Luigi Caracciolo (docente di Storia delle organizzazioni criminali, Fde di Mantova), Enrico Bini (ex presidente della Camera di Commercio di Reggio Emilia), Antonietta Sarzi e Giuseppe Marconi (circolo ARCIBASSA), che hanno collaborato alla stesura del volume.

9 CREMA Sabato 3 Maggio E un gioco di cifre al massacro? Il sindaco sta raccogliendo gli esborsi di rappresentanza e di missione Dossier sulle spese ai tempi di Bruttomesso Stefania Bonaldi di Gionata Agisti E giusto che i cittadini abbiamo sotto mano l unico strumento di valutazione dirimente, ossia i numeri, e noi glieli forniremo. Solo dai numeri è possibile desumere la differenza che passa tra una buona amministrazione e modalità di gestione più disinvolte. Rispondendo a Laura Zanibelli, capogruppo del Ncd, il sindaco ha annunciato che «non nell interesse di gruppi e movimenti, ma dei cittadini, esamineremo al millesimo le spese di rappresentanza e missione dell amministrazione Bruttomesso». Secondo quanto riferisce il sindaco Bonaldi, si tratta di «un lavoro certosino non ancora ultimato, i cui risultati presto porteremo a conoscenza dei cittadini, che certo saranno lieti di apprendere come i loro amministratori, nell ansia di farci fare bella figura, non abbiano badato a spese». Stefania Bonaldi: «Lo staff esterno è costato 428mila euro, nei confronti dei 17mila euro versati da questa amministrazione» L amministrazione Bonaldi, al momento, avrebbe certificato le spese sostenute dai rispettivi staff del sindaco: «L'amministrazione Bruttomesso nei 5 anni di mandato ha speso ben 428 mila euro per il personale di staff esterno, mentre noi spendiamo solo 17 mila l'anno per l'addetto alla comunicazione e 23 mila per il fund raiser. Tale figura, peraltro, non fa direttamente parte dello staff col sindaco, ma affianca tutti i servizi comunali nel recupero di fondi e bandi esterni». Il sindaco Bonaldi chiede di «moltiplicare il tutto per 4 annualità» visto che l addetto stampa ed il fund raiser «sono stati assunti solo recentemente», e pertanto «avremo una spesa di circa 160 mila euro, poco più di un terzo di quanto spesero i nostri predecessori. Una differenza di 270 mila euro in quattro anni, che noi useremo per la cittadinanza mentre l assessora Zanibelli e i suoi colleghi la sprecavano». Centrodestra: gli esborsi quando c era Ceravolo Stefania Bonaldi, nel suo ultimo intervento in Consiglio comunale, parla di una disamina precisa sull uso dei soldi pubblici da parte dell amministrazione precedente, quella guidata da Bruno Bruttomesso. Quanti hanno fatto parte di quest ultima e che, oggi in minoranza, si sentono messi sotto accusa per una presunta disinvoltura nel gestire la cosa pubblica. Dossier o indagini, che dir si voglia, è comunque qualcosa che suona male, soprattutto quando ad occuparsene sono dei politici. Per verificare eventuali irregolarità nella gestione pubblica, ci sono organi competenti, mentre, per quanto riguarda le opportunità delle scelte politiche, si dovrebbe ritenere sufficiente la capacità di giudizio degli elettori. Oppure no? Fatto sta che questa azione da parte della maggioranza contribuisce a rendere ancora più avvelenato il clima politico cittadino. «Più volte» commenta il capogruppo comunale di Forza Italia, Simone Beretta, «questo sindaco lancia minacce a livello mediatico su dossier che starebbe preparando, pensando in questo modo di poter ricattare le minoranze. Certo che, se ha impiegato più di due anni, da quando è stata eletta, lascio immaginare cosa ci si possa aspettare da queste sue indagini. La verità è che il sindaco è sempre più ostaggio della sinistra e dei partiti che la rappresentano. La invito, anzi, a fare in fretta con il suo dossier, così che Simone Beretta Simone Beretta: «I tre milioni dell Apic, il rosso di 200mila euro del Manini, costato 1 miliardo lo studio dell area nord-est, anch io la possa impegnare a presentarne altri, che interessano più da vicino la passata amministrazione Ceravolo, anche questa di centrosinistra. Potremmo così parlare dei 3 milioni di euro buttati al vento per l Apic; della famosa mostra pre-elettorale sul Manini, voluta dall allora assessore alla Cultura, Vincenzo Cappelli, e che è costata al Comune un negativo di 200mila euro, per restare bassi; del miliardo di vecchie lire speso per lo studio tecnico commissionato all architetto Macchi Cassia, sull area del nord-est. Per continuare con i soldi spesi in seguito al gemellaggio con il Comune francese di Melun e per la promozione del Salva, tutta a spese del Comune. Tenendo anche presente che, quando ci siamo insediati alla guida del Comune, nel 2007, abbiamo trovato un debito di 54 milioni di euro e pagamenti ai fornitori non prima di giorni. Ebbene, dopo solo un anno, siamo riusciti a ridurre questi tempi a giorni, così come previsto dalla legge europea e, in 5 anni, abbiamo abbassato il debito a 36 milioni di euro. Questi sono fatti. Il resto sono parole sempre più vacue da parte di un sindaco, al cui posto, d ora in poi, probabilmente parlerà il neo assessore Matteo Piloni che - perlomeno si spera avrà cose più concrete da dire». Gionata Agisti Nell ultimo consiglio comunale si è parlato anche di bilancio di previsione. Una questione spesso dimenticata. Ma che significa ancora una volta mani nelle tasche dei cittadini da parte del centrosinistra. Lo ricorda Laura Zanibelli, capogruppo del Nuovo Centrodestra. «Già l'abbiamo visto: dopo che l'assessore al Bilancio, Morena Saltini ha dichiarato qualche consiglio fa che loro non hanno aumentato tasse e tariffe, basta ora la relazione dei Revisori sull'esercizio 2013 per smentirla. Le entrate previste al Anche quest anno il Comune rimetterà le mani nelle tasche dei cittadini Bilancio 2014: nessun taglio significativo 2013 relative all'aumento dell'irpef passano da 2,6 milioni di euro a 4,1 milioni di Euro. E' proprio vero: nonostante l'esenzione per i redditi fino a euro e la perdita di lavoro di molti cittadini con conseguente minor reddito, l'aumento di tasse è di 1,5 milioni di euro. L'assessore evidenzia l'accertamento di entrata per recupero da evasione tributaria pari a euro: peccato non dica, come risulta sempre dalla relazione, che la previsione era di euro. E forse non ci si ricorda che un anno fa l'assessore sbandierava il progetto di Arpini: «Più tasse ma servizi scadenti» Tino Arpini, consigliere comunale di Solo cose buone per Crema non è tranquillo riguardo al bilancio comunale: «A livello nazionale si discute di riforme necessarie non più rinviabili. A livello comunale si insiste invece con la vecchia logica della tassazione e poca fantasia; queste le avvisaglie riguardo il bilancio previsionale Oltretutto il pesante carico fiscale non andrà a migliorare i servizi della collettività, ma servirà a pareggiare i costi di gestione del comune e il cosidetto Tino Arpini welfare, mentre il degrado cittadino va verso livelli non più sopportabili». Ma l analisi di Arpini va ancora più nel profondo è toccas il vero nervo scoperto del problema: non serve solo la carità. «La crisi sociale nella quale viviamo da anni, provoca una costante crescita delle richieste d aiuto al comune da parte di individui e famiglie, che assorbono totalmente quei pochi mezzi sottraendoli a sicurezza, illuminazione pubblica, manutenzione strade e scuole. «L economia reale» ha aggiunto, «viene spremuta ma si assottiglia a vista d occhio senza che vengano presi provvedimenti di rilancio e incentivazione delle attività e del lavoro. Arriveremo al punto di morte della gallina e non ci saranno più uova per nessuno». Sul bilancio comunale 2013 i consiglieri di minoranza proposero il ritocco delle tariffe dei servizi individuali «che invece questa amministrazione ha voluto evitare preferendo tassare il patrim o n i o i m m o b i l i a r e». Quest anno, aggiunge Arpini «dovrà verosimilmente ritoccare alcune tariffe perché certe tasse locali sono già ai livelli massimi consentiti e ci dovremo così sopportare tariffe alte, tasse alte e servizi bassi». Ecco una proposta interessante per chi abita le case popolari. «Se il presupposto di tante richieste di case popolari ad affitto simbolico (il comune di Crema dei suoi 359 appartamenti incassa sulla carta euro e ne spende in manutenzione e amministrazione), piuttosto che il pagamento di bollette delle varie utenze, è la grave carenza di lavoro e quindi tempo disponibile, propongo che le istituzioni pubbliche ragionino in termini di ti diamo un aiuto, tu però in cambio...». «Sarebbe intanto un ottimo metodo selettivo per sfiduciare tanti falsi poveri» sostiene il consigliere comunale, «che si accodano nelle richieste togliendo o riducendo mezzi estremamente necessari a chi è nella effettiva indigenza. Infatti colui che furbescamente pretende solo diritti per dedicarsi meglio alla ludopatia, all alcool o semplicemente alla apatia parassitaria, si sottrarrà egli stesso dal chiedere contro l incarico di un servizio civile, ben accetto invece da colui che mira a garantire un sostegno alla sua famiglia in temporanea difficoltà. Ne nascerebbero rapporti più utili per l intera comunità e più dignitosi per gli stessi in difficoltà. Laura Zanibelli CUOCO CON ESPERIENZA. RICHIESTA DI- SPONIBLITA AD ORARI FLESSIBILI/WEEK- END. SEDE DI LAVORO: VICINANZE CREMA. ADDETTI DI SALA JUNIOR CON ESPE- RIENZA, ANCHE DI BREVE DURATA, NEL SETTORE. GRADITO TITOLO DI STUDI SETTORE ALBERGHIERO. SEDE DI LAVO- RO: VICINANZE CREMA. OPERAIE CON ESPERIENZA NELLA COM- PATTURA/LAVORAZIONE COTTI PER NOTA AZIENDA OPERANTE NEL SETTORE CO- accertamento fiscale da assegnarsi ad una cooperativa. Dopo un anno, la previsione è sbagliata e la convenzione con la cooperativa non è ancora stata attuata. C'è da chiedersi come mai». E parlando di spesa corrente, sono dolori lancinanti, violenti e ormai intollerabili per chi ne deve pagare le tasse (non certo per i dipendenti che ne ricavano sempre uno stipendio ndr). «La spesa corrente che rimane a carico del Comune per i servizi ai cittadini è stata nel 2013 pari a euro ,42». «Tutto ciò senza nessun cambiamento, nè ipotizzato nè valutato. quindi ci aspetteranno ancora nuovi aumenti» avverte Laura Zanibelli. «Così, per esempio, per il Museo, le perdite rimangono ancora pari a euro circa, con una copertura pari al solo 2,3 %. Figuriamoci se questa maggioranza valuta la proposta del E sui «Manifesti di Crema», dopo oltre sei mesi, non si sa quanto è stato speso. Questa è la trasparenza? centrodestra di unire biblioteca e museo, con dimostrazione di lungimiranza sui bilanci. Figuriamoci se valuta la vendita di una almeno delle farmacie comunali, ad esempio a Ombriano, visto che a fronte di poco più di 4 miìlioni di euro si hanno ricavi previsti di circa euro». Ma non è finita, secondo Laura Zanibelli: «Figuriamoci se dopo un anno sono in grado di darci un resoconto circa la valutazione dei beni patrimoniali eventualmente conferibili al Fondo Immobiliare Eridano. E l'assessore alla Cultura ci narra intanto la storiella di quanto sono stati bravi a fare tante cose nel Ad esempio: le aperture straordinarie della biblioteca. Già, quella stessa che ora, dal 31 marzo 2014 vede servizi chiusi in più durante la settimana». «Oppure la manifestazione I Manifesti, certo quella per cui il sindaco stesso ha chiesto le sponsorizzazioni e per cui son stati dirottati euro dalla Fondazione Banco Popolare altrimenti destinati al comune. Peccato che da novembre ad oggi non ci venga consegnato un rendiconto dettagliato per evento della manifestazione, e sono passati più di sei mesi dal termine della manifestazione: questa è trasparenza». Le ricerche sono rivolte a candidati dell uno e dell altro sesso (L:903/77 e L. 125/91) - Trattamento dati personali secondo D.Lgs. 196/2003 visionabile sul sito Aut. Min. Prot. N SG del 22/12/2004 Maxwork S.p.A. - Agenzia per il lavoro Sede Legale via Dell Esquilino, Roma Sede Amministrativa e Direzione Generale Largo Porta Nuova, Bergamo SMETICO. RICHIESTA LA DISPONIBILITA A TURNI. SEDE DI LAVORO: VICINANZE CREMA. PERITO MECCANICO JUNIOR PER UFFI- CIO TECNICO AZIENDA METALMECCANI- CA. SEDE DI LAVORO: VICINANZE SORE- SINA. MAGAZZINIERE CON ESPERIENZA NELLA CONDUZIONE DEL MULETTO RETRATTILE. GRADITO PATENTINO. SEDE DI LAVORO: VI- CINANZE CREMA. MAXWORK S.P.A. - FILIALE DI CREMA Via Lago Gerundo, 18/ Crema (CR) Tel Fax mail:

10 10Sabato 3 Maggio 2014 Crema di Gionata Agisti Il nostro obiettivo non è stato né storico in senso stretto né politico, direi piuttosto terapeutico». Renato Ancorotti, autore, insieme a Tiziano Guerini, del libro «Giustizia e vendetta», edito da Leva Artigrafiche, ha chiuso la presentazione del volume, in sala dei Ricevimenti, la sera dello scorso 30 aprile. Il giorno prima, di 69 anni fa, vennero fucilati, presso l attuale stadio Voltini, 4 esponenti del fascismo cremasco: Alfredo Della Torre, Manlio Rovescalli, Eugenio Carniti e Clorinda Boffelli. Quest ultima, forse, incinta. Un episodio oscuro, che Crema ha sempre ricordato ma sottaciuto al tempo stesso. Ora, che la distanza cronologica consente maggiore obiettività, i due autori hanno voluto provare a ricucire la ferita. La serata, molto partecipata, è stata condotta dal professor Silvano Allasia, docente di Filosofia e Storia, presso il liceo Racchetti, e inframmezzata dalle letture dell attore Davide Grioni. Sono intervenuti, per le istituzioni, il vice sindaco, Angela Beretta e l assessore provinciale, Paola Orini, a portare i saluti delle rispettive amministrazioni; il professor Piero Carelli, autore della prefazione e, per l Anpi provinciale, Paolo Balzari. Nessun intento revisionista, perlomeno non nel senso tutto negativo che questa parola ha assunto, in seguito ai celebri lavori del giornalista Giampaolo Pansa, volti a presentare i lati truci della Resistenza. No, non è questo il caso ma, pur riconoscendo alla Resistenza tutto il suo valore, Ancorotti e Guerini hanno inteso far luce su di un episodio storico con molte ombre. Chi decise, a quattro giorni dalla Liberazione, di ordinare la fucilazione di queste quattro persone, non certo fascisti di primo piano? Pare poco probabile sia stato il Cln, diviso al suo interno e attento a far rispettare la legalità. La tesi avanzata nel libro e giudicata molto probabile da Carelli che non ha timore a definire vittime 4 persone uccise senza regolare processo, è che all origine vi fu un iniziativa spontanea o magari una sollecitazione da Milano, dove i cadaveri di Mussolini, Petacci e alcuni ex gerarchi erano appena stati esposti in piazzale Loreto. Il motivo? Pareggiare il conto con i 4 partigiani che, proprio al Voltini, erano stati fucilati il 29 novembre del 44: Gaetano Paganini, Luigi Bestazza, Ernesto Manfredini, Antonio 29 aprile 1945: morti e vendette svelate nel libro di Renato Ancorotti e Tiziano Guerini Chi e perché fucilò quei 4 fascisti Quiopra da sinistra: Renato Ancorotti, Silvano Allasia e Tiziano Guerini. A destra: Piero Carelli e l attore Paolo Balzari (sullo sfondo). In alto, il pubblico. Oratorio di Gallignano, 3 maggio: film storico del 1945, l arresto dei fascisti a Soncino Il Gruppo Archeologico Aquaria è nato il 16 novembre Sono passati 34 anni di intensa attività. Il bilancio può considerarsi estremamente positivo: negli anni di ricerca sono stati individuati numerosi siti archeologici che nessuno conosceva e sono stati protetti tutti i reperti raccolti fotografati, catalogati e messi in esposizione nel piccolo Museo della sede ed in una sala della Rocca di Soncino. E stato valorizzato il nostro patrimonio archeologico, monumentale, storico, artistico e culturale con numerose pubblicazioni e mostre. Grande potenzialità potrebbe avere la Biblioteca documentaria che già accoglie numerose testimonianze della storia antica e recente: potrebbe diventare il punto di raccolta e conservazione di scritti, foto, filmati ed altri documenti della vita passata, non solo per la Frazione ma per tutta la comunità soncinese. Ed ecco un primo avvenimento interessante organizzato dalla nuova Aquaria e dalla sua Biblioteca documentaria: la proiezione di uno storico filmato, relativo agli avvenimenti degli ultimi giorni della guerra dell aprile 1945: la consegna del gruppo di tedeschi fatti prigionieri dai gallignanesi alle truppe americane. Franco Occhio Pedrazzini. Formalmente, il libro si presenta articolato in due parti: una più narrativa e un altra documentaria, dove, per la prima volta, si possono leggere le testimonianze dei figli dei protagonisti, che raccontano i loro difficili anni, vissuti con un fortissimo senso di colpa, per quanto immotivato. «L umanizzazione dei protagonisti è il valore aggiunto di quest opera» sottolinea Carelli nel suo intervento. «Il volume va a colmare un vuoto editoriale, senza il livore caratteristico di alcuni testi revisionisti. Non è un vero e proprio saggio storico, certo, ma questo può essere un fattore positivo, che rende il libro adatto anche al lettore medio». Quanto agli autori? Guerini fa presente di aver voluto, tramite la figura del narratore, raccontare il punto di vista dei molti che, in quei giorni convulsi e terribili, non si rendevano nemmeno ben conto di quanto stesse accadendo: «Non vi era tanto in loro un desiderio di libertà, quanto piuttosto un bisogno di normalità, un esigenza di ritrovare un senso di giustizia e di pace». Ancorotti ricorda di essere rimasto affascinato da questa storia già a 10 anni di età, quando venne a sapere, tramite i discorsi della madre e delle sue amiche, della figura di Clorinda Boffelli: «Non vi è alcun obiettivo palese in questo lavoro, se non la speranza che possa servire a documentare maggiormente questo episodio, che è sempre stato caratterizzato da qualche lacuna». Preoccupato, come esponente del centrodestra locale, che la possano tacciare di revisionismo? Come già detto, il nostro intento non è stato revisionista nel senso oggi prevalente. Ad ogni modo, io non mi sento tale e sono pronto ad accettare qualsiasi tipo di critica, ci mancherebbe. Vetrina sfondata: via con 43 cellulari e tablet Lunedì scorso i carabinieri di Crema hanno deferito alla procura della Repubblica del tribunale di Cremona, in stato di libertà per trascorsa flagranza, A. R., 26enne di Chiari, procacciatore di contratti di una ditta specializzata con sede a Milano, ritenuto responsabile di truffa, circonvenzione e furto. Infatti, alle ore 9, si è presentato in via Repubblica presso l abitazione di una vedova 83enne ed approfittando della fiducia della pensionata l induceva a firmare un contratto per l installazione Martedì 29 aprile, alle 3 di notte, a Rivolta d Adda, in via Da Vinci, i carabinieri intervenuti presso il negozio di telefonia «Addatel» perché, poco prima, ignoti avevano sfondato, probabilmente con una mazza di ferro, la vetrina rubando 43 cellulari e tablet di diverse marche. Il danno è stato calcolato in circa 17mila euro, coperti da assicurazione. Truffa e deruba degli ori una donna di 83 anni di un impianto per prevenire fughe di gas ; inoltre, appena la signora si distraeva, le rubava orecchini ed anelli in oro massiccio. Più tardi la figlia, recatasi in visita alla madre, e appurato quanto successo avvertiva il 112 che attivava subito una pattuglia. I carabinieri, consultando i contratti, individuavano il giovane procuratore che alle precise contestazioni mosse finiva per ammettere le sue responsabilità. Nella borsa attrezzi, sul furgone, venivano recuperati i gioielli poi restituiti alla parte lesa. Family Card: aggiornamento dei negozi convenzionati Family Card è un azione del progetto «Un Cuore Nuovo», promosso dall amministrazione comunale in collaborazione con la Diocesi di Crema, per attivare risorse della comunità locale a sostegno delle famiglie che stanno vivendo una condizione di temporanea fragilità. Questo documento, infatti, che consente alle famiglie numerose di Crema di ottenere sconti, agevolazioni e promozioni nell'acquisto di beni di consumo e di servizi presso tutti gli operatori economici, pubblici e privati che aderiscono al progetto del Comune. Sono destinatari della Family Card tutti i nuclei familiari con almeno tre figli, residenti nella città. Al fine di ottenere le agevolazioni, la tessera deve essere esibita presso gli esercizi che aderiscono all'iniziativa e che saranno contraddistinti da una vetrofania apposta sulla vetrina; La prima «Casa dell Acqua» a S. Maria Interessante novità per i cremaschi che da venerdì scorso hanno a disposizione lsa prima «Casa dell acqua», una fontana di acqua pubblica filtrata, refrigerata e, per chi lo desidera, anche gasata, a cui approvvigionarsi. E stata, infatti, inaugurata alle ore 18di venerdì 2 maggio. Al taglio del nastro erano presenti il sindaco Stefania Bonaldi, il neo assessore all Ambiente Matteo Piloni, il dirigente comunale Maurizio Redondi. Collocata in Via Bramante (ex riseria), nel quartiere di Santa Maria della Croce, la «Casa dell'acqua» di Crema, tecnologicamente avanzata, è dotata al suo interno di macchinari in grado di erogare acqua in diverse modalità. La sua realizzazione mira a incentivare il consumo di acqua pubblica (che in assoluto è la più controllata) anche come bevanda, e questo ha un particolare significato soprattutto da un punto di vista ambientale. L'iniziativa rientra nel più vasto programma avviato dall'assessorato all Ambiente del Comune di Crema, in collaborazione con Padania Acque Gestioni, per la riduzione della produzione dei rifiuti e l'abbattimento dell'emissione di anidride carbonica. «Sono particolarmente lieta di inaugurare la Casa dell Acqua che fornirà alla Città un servizio di qualità e una interessante opportunità di risparmio» ha spiegato il sindaco, «Il progetto è stato reso possibile grazie all impegno del precedente assessore Giorgio Schiavini». Martedì, importante convegno economico in Comune Martedì 6 maggio alle ore 20.45, nella Sala dei Ricevimenti a Crema (piazza Duomo, 25), Carlo Alberto Carnevale Maffè, professore della SDA Bocconi School of Management, terrà una relazione sul tema: «L EVOLUZIONE DEL SISTEMA BANCARIO NEL CONTESTO EUROPEO». Il convegno è promosso ed organizzato dal ragionier Roberto Persico, Family Banker di Banca Mediolanum. Un tema molto sentito in un periodo non certamente facile sotto il profilo economico finanziario e dove l attuale Europa viene messa in discussione.

11 Crema Sabato 3 Maggio Come già opportunamente abbiamo anticipato, domani sera, domenica 4 maggio alle ore 21, il Coro Monteverdi di Crema inaugurerà la riapertura della rinnovata Cattedrale con un concerto che a ragione si può definire storico. Infatti il Coro guidato dal maestro Bruno Gini che conta 40 elementi, con l orchestra di fiati «La Pifarescha» (6 trombe e due cornetti) e il maestro Alberto Dossena all organo, supporteranno i due quartetti vocali (coro favorito) nella esecuzione in prima assoluta in epoca moderna del L appuntamento: domenica 4 maggio. Sarà un concerto storico con il coro Monteverdi Inaugurazione ufficiale dell apertura del Duomo «Vespero della domenica» di Francesco Cavalli. Il compositore cremasco del XVII secolo compose i 14 pezzi musicali cantati del Vespero nel pieno della maturità artistica essendo maestro di cappella della basilica di S. Marco in Venezia. Il presidente Enrico Tupone, è a ragione orgoglioso che proprio il Coro Monteverdi sia stato scelto dal Comitato per le celebrazioni di riapertura della Cattedrale di Crema, per il concerto di inaugurazione di un restauro destinato a rimanere un fatto importante per Crema. Il ricavato del concerto verrà offerto alla Diocesi come contributo per le spese affrontate per l ammodernamento della Cattedrale. Enrico Tupone Cresce sempre di più l attesa per la notte del 10 maggio che Asvicom sta preparando. Quali sono le novità Crema comincia a tingersi di rosa di Redazione Si sta avvicinando il grande appuntamento: Crema in un notte- Rosa edition, per la sua prima edizione, si tinge di rosa nella notte del 10 maggio L intento è creare opportunità di visibilità e business al commercio cittadino, categoria che Sistema Commercio e Impresa Asvicom Cremona tutela. L associazione, quindi, si rivolge prioritariamente ai commercianti e ha costruito per loro la serata Crema in una notte- Rosa edition sia organizzando eventi di supporto sia studiando progetti pensati allo scopo di dare risalto alle attività del centro senza chiedere contributi economici. «In un momento di difficoltà come quello che stiamo vivendo» ha spiegato Berlino Tazza presidente di Sistema Commercio e Impresa Asvicom Cremona, «abbiamo voluto supportare i commercianti costruendo loro il contenitore capace di attrarre un numero elevato di visitatori in città, di target diverso e variegato. Lo abbiamo fatto cercando di tramettere un po di ottimismo che, unito alla loro professionalità e alla loro passione, saprà dare, anche in futuro, nuove occasioni di business. Le iniziative ludiche, come il video Happy from Crema, che sta spopolando tra i commercianti della città e in rete, spero possa essere letto in tal senso. Un monito anche a fare squadra poiché insieme i progetti sono davvero vincenti» Ogni piazza avrà un evento (sono 12 gli appuntamenti in programma), molti pubblici esercizi si stanno organizzando con dj set, concerti e danze, tutte le Nella ricorrenza il Corso di Laurea in Infermieristica dell Università degli Studi di Milano, la sezione dell ospedale di Crema promuove l iniziativa «INfermieri IN città» per presentare la figura dell infermiere, parlare del suo percorso di studi, illustrare le competenze specifiche, offrire ai cittadini alcune prestazioni assistenziali gratuite e di educazione/informazione sanitaria. Oltre agli studenti del Corso di laurea in Infermieristica e agli infermieri dell Azienda Ospedaliera di Crema, all iniziativa partecipano gli infermieri della Fondazione Benefattori Cremaschi, Fondazione G. Brunenghi, Fondazione Soncino onlus, Nuovo Robbiani di Soresina, con specifici stand tematici. Infatti, sabato 10 maggio, in piazza Duomo, dalle ore 15 alle 18, gli infermieri operanti nelle strutture territoriali saranno presenti per dare informazioni e per offrire gratuitamente alcune attività assistenziali e di educazione sanitaria rivolte a tutta la cittadinanza per festeggiare, tra i cittadini cremaschi, la Giornata Internazionale dell Infermiere. Il 12 maggio 1820 è nata Florence Nightingale, fondatrice delle Scienze Infermieristiche moderne. L International arti sono state coinvolte, dal cinema alla pittura, senza dimenticare lo sport. Naturalmente tutto sarà sfumato di rosa. Tra le iniziative per i commercianti si segnalano in particolare: LA VIE EN ROSE. Nella splendida cornice di quello che è già stato ribattezzato il Distretto degli sposi (via Cavour) si terrà una sfilata di abiti da sposa. Un momento per accendere i riflettori su tutto ciò che occorre per il matrimonio perfetto. TABULA ROSA. Sul finire di via XX Settembre, i barman dei pubblici esercizi della città si sfideranno per ideare il cocktail rosa dell estate. GUSTO E MENÙ ROSA. Preparazione da parte delle gelaterie e dei ristoranti aderenti all'iniziativa Crema in una notte DEHOR E DIRITTI SIAE. I commercianti per la serata potranno immaginare personali iniziative commerciali: occupando gratuitamente il plateatico e allestendo personali dehor all esterno della loro attività così come ospitare concertini, dj set o eventi musicali, nel pieno rispetto delle norme vigenti ed esentati dal pagamento degli oneri SIAE. #SELFIEINROSA: contest sui social network. Una caccia al tesoro dalle tinte rosa. Seguendo la moda del selfie (l autoscatto fatto con lo smartphone) il popolo della rete è invitato a scattarsi un autoscatto in rosa, e a postarlo su Instagram o su Facebook con l hashtag #SELFIEINROSA entro il 9 maggio. Ogni selfie verrà esposta in una delle vetrine dei negozi aderenti al concorso, che premieranno ogni autore partecipante alla caccia al tesoro con uno sconto, un buono o un piccolo gadget. Un modo divertente per conquistare la digital generation e invitarli a visitare i negozi del centro. Per i meno social e per i più tradizionalisti è possibile inviare la foto all indirizzo CREMA - HAPPY IN ROSA. I commercianti della città di Crema sono invitati a partecipare alla Happymania mondiale. Sulle note del tormentone di Pharrell Williams, canzone di grande successo diventata virale, anche Crema è stata contagiata come le altre città nel mondo. Anche Crema, infatti, Berlino Tazza ha voluto la sua versione e in occasione di Crema in una notte ha deciso di coinvolgere i veri protagonisti della Rosa Edition, con la collaborazione di L Accademia Di Danza di Denny Lodi: commercianti e rispettivi clienti con una grande voglia di ballare. Piccoli frame del video realizzato sono già sulla pagina Facebook dell associazione (facebook.com/ asvicomcremona) e sul sito La versione integrale verrà proiettata in piazza del Duomo la sera di Crema in una notte e i commercianti che hanno partecipato avranno un momento di grandissima visibilità. Fino al 7 maggio sarà possibile essere inseriti nel video. Perciò chi è interessato ad apparire nel video e gioire con e per la città di Crema può mettersi in contatto con i nostri uffici. Tutto, insomma, è ancora in progress. Per chi fosse interessato a partecipare o per qualsiasi informazione è possibile consultare il sito o gli uffici si Sistema Commercio e Impresa Asvicom Cremona. «INfermieri IN città»: 10 maggio l incontro in piazza Duomo Salute mentale: migliore distribuzione di soldi tra Cremona e Crema Lo scorso marzo si è svolto a Crema un incontro tra il sindaco Stefania Bonaldi, il direttore generale dell ASL di Cremona, Gilberto Compagnoni e il direttore generale dell azienda ospedaliera di Crema, Luigi Ablondi. In quell occasione è stato affrontato uno dei principali ambiti di debolezza del Cremasco, sul piano delle risorse, che riguarda il dipartimento di Salute Mentale, in particolare il Centro Psicosociale, e la Neuropsichiatria infantile. Stefania Bonaldi, per dare concreto e immediato riscontro a quanto anticipato nell incontro di marzo, ha inviato all assessore regionale alla Sanità, Mario Mantovani, una lettera in cui si richiede un interessamento finalizzato ad favorire una migliore ridistribuzione delle risorse nel nostro territorio: «Chiediamo all assessore un intervento nei confronti delle competenti direzioni generali delle aziende ospedaliere e dell Asl provinciale affinchè partano azioni di riequilibrio nell area della Neuropsichiatria infantile, che consideriamo assolutamente prioritaria. Senza dimenticare la residenzialità per anziani, dove peraltro sappiamo essere in corso valutazioni e modifiche di prospettiva a livello regionale». Council of Nurses ricorda questa data celebrando in tutto il mondo la Giornata Internazionale dell Infermiere. Il 12 maggio è così diventato l occasione per fa sì che la professione infermieristica «parli un po di sé» con i tutti cittadini, in particolare ricoverati negli ospedale o utenti dei servizi territoriali, ma anche con tutti gli altri professionisti della sanità, con i giovani che dovranno scegliere un percorso di studi finalizzato al proprio futuro lavoro: insomma tutti coloro che nel corso della propria vita hanno incontrato o potranno incontrare un infermiere. Moschea: Lega scrive ad Alfano Come annunciato nelle settimane scorse, in occasione dell organizzazione del presidio contro l ipotesi di costruzione di una moschea/ musalla a Crema, prosegue la campagna della Lega in opposizione alle scelte portate avanti dall amministrazione comunale. Dopo aver partecipato al presidio del 6 aprile scorso l onorevole Guido Guidesi, dopo un confronto con i cittadini e i dirigenti locali del movimento, ha depositato alla Camera dei Deputati un interrogazione a risposta scritta rivolta al ministro dell Interno Angelino Alfano. Nel testo, dopo aver ricordato che la giunta comunale di Crema ha avviato il 25 marzo 2014 un procedimento chiaramente finalizzato a realizzare una variante del Piano di Governo del Territorio, avviando anche gli adempimenti connessi alla relativa Valutazione Ambientale Strategica, con l obiettivo di rendere possibile la realizzazione di un edificio da adibire al culto islamico. L onorevole Guidasi ha ricordato che tutto ciò avviene a dispetto della forte perplessità della cittadinanza, manifestata anche dalla sottoscrizione in massa di petizioni contro la realizzazione di una moschea nel territorio comunale di Crema. E ancora ha sottolineato che non mancano episodi, in Italia ed all estero, che comprovano la tendenza ad associare ai luoghi di culto islamico anche delle scuole coraniche, nelle quali trova spesso spazio la divulgazione di tesi radicali, di matrice jihadista o comunque collaterali al jihadismo. Infine, ha chiesto al ministro Alfano quali misure il governo intenda assumere, in particolare sotto il profilo della vigilanza, per evitare che la moschea e le relative pertinenze possano diventare centri di propaganda jihadista o comunque di irradiazione dell Islam politico radicale. Nosadello, così hanno rubato questa scultura A Nosadello di Pandino, nella chiesa di San Pantaleone martire, ignoti, approfittando dell'apertura per liturgie pasquali asportavano una scultura in marmo/pietra alta circa trenta centimetri, raffigurante un angioletto, unitamente al basamento in marmo. Danno da quantificare coperto da assicurazione.

12 12 CASALMAGGIORE Sabato 3 Maggio 2014 CHIUDE MUSICA D'INSIEME SAN GIOVANNI IN CROCE Si chiude domani, domenica 4 maggio, Musica d Insieme, corso teorico e pratico in 10 lezioni di musica per solisti e band emergenti, che si è tenuto presso il locale Teatro Gallerani e la sala prove Zerodb di Casalmaggiore. Il concerto di domani in teatro sarà realizzato e suonato interamente dai membri del corso. FOTO A DONDOLANDOARTE MARTIGNANA PO DondolandoArte Atelier apre la nuova stagione artistica con tre mesi di mostre e workshop per appassionati e amatori della fotografia. Oggi, sabato 3 maggio, alle 18,30 verrà inaugurato il primo ciclo di collettive e presentati i workshop in programma. Prossimo appuntamento il 10 maggio col Live Shooting di Antonella Pizzamiglio in collaborazione con DgTales. POESIA A PALAZZO MARTINELLI Terzo appuntamento con la rassegna Tempo sospeso. Incontri extra-ordinari di poesia con contrappunto di musica. Il rinnovato Palazzo Martinelli di Casalmaggiore ospita martedì alle 21 Poesia civile, poesia del quotidiano, con Emilio Zucchi e Davide Rondoni. Introduzione di Davide Gonzaga, con Davide Guarneri all oboe solo. GLI EVENTI A SABBIONETA SABBIONETA Doppa iniziativa nel weekend con le propostedell Ufficio del Turismo della Piccola Atene. Oggi alle 16,30 A passo di lumaca... verso le maestà rurali, una passeggiata da Sabbioneta al Santuario di Vigoreto della durata di un ora e mezza. A cura di Gisella Rossi, costo di 2 euro. Domani alle 11,30 nella Sala degli Specchi di Palazzo Giardino Le tre mogliere di sua Eccellenza el sior Vespasiano Gonzaga, performance a cura di Elisabetta Rossetti e del Gruppo Storico di Sabbioneta. Durata di 30 minuti, incluso nel biglietto d ingresso ai monumenti. GUSSOLA, FESTA IN ORATORIO GUSSOLA L oratorio di Gussola, in collaborazione con l associazione Noi, festeggia la Giornata della Felicità. Il pomeriggio di divertimento avrà luogo in oratorio a partire dalle 14,30 fino alle 19, con giochi gonfiabili, calciobalilla umano a squadre, e poi baby dance, laboratori vari, giochi sulla sabbia, calcio, pallavolo e molto altro. Per accedere a gonfiabili e calciobalilla umano prezzi ridotti per gli associati a Noi. TOMBOLA PER AUSERINSIEME GUSSOLA Nuovo appuntamento per gli amanti della tombola a Gussola, dove stasera alle 21, al Centro Culturale, il Circolo AuserInsieme invita gli associati. Tanti i motivi di interesse: la novità del ballottaggio, lo scontro a destra, le incognite Listone e M5S Comunali, la battaglia è aperta di Vanni Raineri Q uella delle Comunali 2014 è una battaglia avvincente, grazie ad alcuni ingredienti che rendono la competizione di Casalmaggiore particolarmente incerta, sentita e ricca di novità. A smuovere le acque ha pensato all inizio il passaggio al ballottaggio, sistema raggiunto grazie al superamento della quota di 15mila abitanti, alla fine nomi illustri che hanno deciso di spendersi per spostare l ago della bilancia. Nel mezzo, contatti, approcci e trattative che in genere hanno prodotto soprattutto divisioni. Dunque si vota il 25 maggio, e l eventuale ballottaggio (tra i due candidati più votati qualora nessuno di loro superi il 50% dei voti) si terrà domenica 8 maggio. Alla fine sono sei i candidati sindaco, 4 dei quali sostenuti da due liste, che porta il totale a 10 liste con oltre 150 candidati consiglieri. Un cittadino su 100 in pratica si candida per una sedia in Municipio. Tentando un analisi della situazione a tre settimane dal voto, sembra che la presenza del secondo turno abbia facilitato le divisioni: ad esempio il frazionamento del centro destra in due liste, che 5 anni fa ebbe effetti disastrosi, suscita la speranza di accaparrarsi i voti del rivale nel ballottaggio, ammesso che uno dei due ci arrivi però. E sta qui la speranza di chi, come il Listone, si colloca nello spazio strategico di mezzo, tentando il colpaccio del ballottaggio per assorbire i voti dei perdenti al primo turno, grazie alla capacità di mantenere aperto il La Festa dell Europa già alla sua seconda edizione si allarga, sia nel numero di giorni che diventano 4, sia arricchendosi di nuovi contenuti, e candidandosi a diventare un appuntamento tradizionale del panorama casalese, come già è la Festa della Zucca. L Associazione Amici di Casalmaggiore ha presentato la manifestazione, che prenderà il via giovedì 8 maggio per concludersi domenica 11. Giovedì 8 ci sarà un anteprima per le scuole: la consegna dei Giochi d Europa alle classi 3ª, 4ª e 5ª elementare dell Istituto Marconi, una sorta di Giochi senza Frontiere che si svilupperà nel pomeriggio nella palestra Baslenga per tutti i ragazzi di 2ª media e gli ospiti inglesi del progetto Comenius. Sempre giovedì doppio appuntamento di grande interesse: il primo è di carattere sportivo, ed è la Europa run, corsa non competitiva di 8 km nella golena del Po che partirà alle 18,30 da piazza Garibaldi. dialogo con tutte le forze politiche. Partendo da sinistra, va dato atto alla maggioranza attuale di aver conservato la capacità attrattiva di tutte le forze variegate che compongono l area progressista, e ancor di più di aver mantenuto coeso il gruppo che ha governato nell ultimo quinquennio. Claudio Silla si ricandida dunque da favorito d obbligo, ma il quadro è mutato rispetto al Cosa sarebbe accaduto allora in caso di ballottaggio col Listone di Gardani, che partiva con un 8% in meno ma era certamente più allettante per gli sconfitti di centrodestra al primo turno? E il pericolo che si profila oggi. Scommettiamo che Silla farà il tifo per sfidare un candidato di destra. Il Listone ha agitato a lungo la campagna elettorale, ma alla fine si ripresenta pure lui all insegna della continuità, avendo convinto Matteo Rossi ad esporsi in prima persona. Come per Silla, sono due le liste a sostegno, e le curiosità non mancano: in particolare nella lista del casalasco ci sono tre ex sindaci di comuni limitrofi, Giulio Adami (Gussola), Paolo Sbernardori (Martignana Po) e Vittorio Ceresini (San Giovanni in Croce). Il Listone ha mantenuto Alle 21 a Teatro Comunale il musical Hair, con la compagnia internazionale del gemellaggio Casalmaggiore/Loznika. Dalle 19 funzionerà il servizio cucina nel Ristotenda in piazza, con la serata dedicata ai gnocchi e al gnocco fritto. Venerdì 9 maggio alle 17 in Audotorium Santa Croce si terrà il convegno su Sicurezza alimentare nei luoghi di lavoro. Alle 19 l apertura ufficiale della festa e del Ristotenda, e alle 21,30 in piazza Garibaldi concerto dei Miatralvia. Il programma si farà particolarmente ricco tra sabato e domenica, ma su questo torneremo nel prossimo numero di sabato 10 maggio. Nel corso della festa svariati gli eventi collaterali. Ad esempio domenica sarà possibile effettuare giri in carrozza nella golena del Po, e da venerdì a domenica ci saranno giochi e gonfiabili per bambini in piazza Turati. Il venerdì Laboratorio Strumenti Musicali Meccanici del museo aperto il dialogo con le varie forze sino alla presentazione delle liste: anche se l appoggio al candidato alla presidenza Regionale Ambrosoli (come pure i nomi appena fatti) sembra spostare il baricentro a sinistra, la speranza nel gruppo è di arrivare al ballottaggio per far valere la maggiore capacità di attrattiva rispetto al rivale, chiunque sarà. A destra si è confermata la divisione che fu fatale nel Alla fine il leghista Filippo Bongiovanni, vicepresidente della Provincia, non è riuscito ad ottenere l appoggio di Orlando Ferroni, che ha condizionato l alleanza alla propria candidatura a sindaco. Bongiovanni è un leghista che ha un certo appeal anche al di fuori del proprio partito, grazie alla pacatezza dei modi e delle posizioni. Ferroni però rappresenta un pericolo, perché ha saputo evitare che il fronte di centro destra si presentasse compatto per l avversario interno : è vero che nel 2009 ottenne solo il 13,3% dei voti, ma le due liste che lo sostengono, l appoggio esplicito di Forza Italia e un nome noto come Iva Zanicchi candidata in Consiglio non sono colpi a salve. Sta di fatto che Bongiovanni 5 anni fa con la sola lista Lega Nord ottenne il 22,6%, il che lo candida come netto favorito nella corsa interna alla destra. Già oggi battaglia senza esclusione di colpi, con Iva Zanicchi e il ministro Maurizio Lupi attesi nella giornata odierna in città in appoggio rispettivamente a Ferroni e a Bongiovanni. Spostandoci ancora più a destra (anche se i candidati delle varie liste civiche non apprezzeranno la tradizionale suddivisione), ecco la lista Destra Sociale, che candida a sindaco Luca Storti. Una novità che servirà a dare visibilità ad una forza che spera di ottenere almeno un seggio in consiglio, ma il 3% (quota minima per strappare uno scranno) non è obiettivo agevole. Ricordiamo a proposito che i seggi scendono da 20 a 16, nonostante il superamento di quota abitanti. Il sesto ed ultimo candidato sindaco è Adamo Manfredi, e rappresenta probabilmente l incognita più grande. E appoggiato dal Movimento 5 Stelle, che a livello locale solitamente non raggiunge i livelli nazionali, ma che può rappresentare una variabile di peso. Anche qui il primo obiettivo è di ottenere il maggior numero possibile di consiglieri per gettare l ancora a palazzo. Il M5S sta conducendo una campagna intelligente con programmi magari non di ampio respiro ma concreti e di buon senso. I 16 seggi saranno suddivisi con meccanismi intricati. Basti dire che il premio di maggioranza (60%) verrà dato a chi raggiunga almeno il 40% dei seggi con le liste collegate. Al secondo turno le liste collegate non potranno essere modificate, ma si potranno dichiarare collegamenti con liste escluse. Complessivamente, 3 candidati sindaco sono gli stessi del 2009 (Silla, Bongiovanni e Ferroni), tre sono nuovi (anche se Rossi è consigliere uscente). La parola passa alle urne, dove si farà i conti anche con il fattore R (sta per rabbia), per una cittadinanza reduce da un primo maggio che sembra diventato la festa di una minoranza di privilegiati. Prende il via giovedì la Festa dell'europa in piazza Garibaldi Presso la Fondazione Santa Chiara si è tenuto con grande successo lo scorso weekend il Ryla Junior, seminario rotariano organizzato dal Gruppo Po dedicato ai giovani dell Oglio Po tra i 16 e i 18 anni, tutti ospitati nelle camere della foresteria di Santa Chiara. La prima giornata si è aperta con la presenza di autorità rotariane, tra cui il Governatore del Distretto 2050 Anna Spalla, e poi e testimonianze di Stefano Assandri, Fabrizio Cantini, Massimo Mori e Alfio Poli sulla scuola di vela di Caprera come scuola di vita, e dell imprenditore Egidio Freddi. Il gionro successivo tavola rotonda coi giornalisti Marco Bazzani, Letizia Frigerio e Vanni Il gruppo dei giovani partcipanti al Ryla Junior 2014 presso Santa Chiara Raineri, le testimonianze di Leo Vighini sul volontariato a la disabilità e dell atleta Amarcord a cura degli Amici della Musica di Torricella del Pizzo. Il sabato e la domenica Festival dei Cantastorie in giro per la città, e I giochi di una volta per i bambini nel cortile dell ex Circolo Turati. E poi ancora: in piazza Garibaldi Mercato del biologico, Laboratori delle piante di una volta, I lavori di una volta, Laboratorio della Rete Orti Botanici in Lombardia, Laboratorio per bambini con costruzione di carrettini e cassette per l orto in collaborazione con Ortocolto. Nella Sala Mostre della Pro Loco Esposizione disegni del concorso Il nostro mondo, il nostro futuro, un poster per la pace a cura del Lions Club Casalmaggiore. Dal 5 all 11 maggio in piazza Garibaldi: l alta moda del riuso. Cappelli, abiti, quadri, bijou di alta moda riciclata. Esposizione di Irene Sarzi, Elena Valsecchi, Caterina Borruso, Lorenza Giuffrida, e fino al 2 giugno al Museo del Bijou la Mostra di Claudio Calestani. Ryla Junior, crescono i giovani dell'oglio Po Fausto Desalu. Quindi la giornata finale con il giovane architetto Andrea Balestreri e il congedo. La discussione finale ha consentito di apprezzare il forte gradimento dei giovani partecipanti, una trentina, e nella serata di mercoledì al ristorante La Clochette i 4 Rotary club del Gruppo Po hanno organizzato una conviviale nel corso della quale lo psicologo Roberto Bondavalli (rotariano di Mantova, docente del seminario con Anna Sarzi Amadé e Cesare Beltrami) ha esaminato la positiva esperienza riferendone ai soci, accompagnato da Renzo Cavicchiolo, fondatore del Ryla Junior mantovano. Nell occasione uno dei ragazzi è intervenuto per testimoniare la preziosa esperienza.

13 Casalmaggiore Sabato 3 Maggio Comunali: Vigolini e Malinverno tra le novità La casa dei cittadini a Cingia: al centro la persona e la famiglia CINGIA DE BOTTI La casa dei cittadini è il nome scelto da Pierpaolo Vigolini per la lista civica che lo appoggia nella corsa a sindaco di Cingia. Così il candidato spiega la scelta: «Il contrassegno incarna la sostanza della missione che ci siamo dati, mettere al centro la persona e il sistema di relazioni in cui è inserita: la famiglia. Ogni stagione della vita è rappresentata: dall infanzia alla vecchiaia, passando per le fragilità che possono assumere il volto della disabilità, del disagio. Con gli occhi della famiglia, di tutte le famiglie vogliamo inquadrare le nostre scelte amministrative. Pubblico e privato insieme, nel solco fecondo dell associazionismo per progettare e costruire fianco a fianco, partendo da una mappatura condivisa dei bisogni del nostro paese e giungere a dare soldi (ormai pochi per tutti) non delegando ma progettando concretamente assieme. La casa dei cittadini : voce del verbo partecipare! Abbiamo quindi la ferma intenzione di istituire commissioni, coordinate da persone particolarmente adatte per attitudine e formazione, in settori che consideriamo nevralgici: politiche sociali-familiari (con un occhio di riguardo per la donna, l anziano, il disabile), politiche giovanili, Il gruppo che sostiene Pierpaolo Vigolini (il 5 da sinistra) cultura, osservatorio ambientale, settore sviluppo-lavoro-impresa». Questi i candidati consiglieri che fanno parte della lista: Battista Giacomo Ravara, Claudio Scanacapra, Giulio Federici, Giuseppe Mancastroppa, Ilario Bignami, Maria Teresa Pelizzoli, Marina Valenti, Maurizio Puerari, Rebecca Bonoldi e Tania Gandolfi. Fa parte della squadra anche Gianluca Bodini. Una nota anche sul tema dell Unione, con Cingia che recentemente ha scelto Municipia: «I cittadini di Cingia hanno il diritto di essere puntualmente informati sull effettivo significato dell ingresso del nostro paese in Unione Municipia: l altra, nostra, nuova casa! Saranno ben sei i paesi aderenti. Dobbiamo entrare nell ordine di idee che, progressivamente, non sarà più l Amministrazione Comunale di Cingia de Botti ad operare le scelte significative, ma, se lo statuto non verrà stravolto, sarà la Giunta dell Unione, formata essenzialmente dai sei sindaci, a determinare la gestione associata dei servizi e a perseguire una progressiva integrazione amministrativa, sociale e culturale. In tale panorama dobbiamo essere in grado di esibire una chiara efficacia comunicativa centrata sull assertività: saper ascoltare e valorizzare gli altri e al tempo stesso saper affermare costruttivamente le proprie idee, i propri principi per favorire un alta qualità dei rapporti interpersonali, che saranno sempre più determinanti, giungendo così a fare rete e stipulare fruttuose alleanze per la nostra comunità». Calvatone per i cittadini : valorizzare l esistente e dar voce agli umili Mara Malinverno (3ª da destra) e alcuni candidati consiglieri CALVATONE Mara Malinverno, agronomo di 58 anni già consigliere comunale di Piadena ma residente a Calvatone, ha deciso di candidarsi a primo cittadino del suo comune di residenza, a capo della lista civica Calvatone per i cittadini. Ad appoggiare Mara Malinverno, dieci candidati consiglieri: Francesco Bazzani, Valentina Bolzacchini, Giuseppina Bonomi, Ida Mauroner, Tiziana Miglioli, Guido Monteverdi, Guido Pelizzoni, Luigi Raimondi, Claudio Ruffini e Daniel Termenini. «Ci presentiamo alle elezioni ha affermato Malinverno in sede di presentazione - perché crediamo nella rappresentanza di tutti i cittadini e negli strumenti della democrazia, che in un piccolo paese come il nostro, a maggior ragione, devono avere spazio e indipendenza. Crediamo nella rappresentanza di tutte le componenti sociali e delle diversità». Gli obiettivi: «Vogliamo favorire il cambiamento nella gestione del paese, vogliamo valorizzare energie e capacità nuove e mature per portare migliorie ed innovazione nei rapporti con la gente. Vogliamo dare voce a tutti, specialmente ai più deboli e umili, vogliamo ascoltare tutti senza distinzioni di opinioni. Consideriamo Calvatone un paese in cui grande è il senso di appartenenza, valore che andrà coltivato e accresciuto attorno a progetti comuni e condivisi, dove andranno potenziati i servizi a fianco dei cittadini, grandi e piccoli, per una migliore qualità della vita». Le priorità: «I bambini e la scuola dovranno tornare ad essere una delle priorità. Gli anziani sono un risorsa, un patrimonio di conoscenza e di esperienza da valorizzare. Le energie positive dell associazionismo, del volontariato e dei giovani andranno valorizzate e attivate in un ottica intergenerazionale che consenta la conservazione delle abitudini e della memoria collettiva. Parlare di ambiente significa conciliare il lavoro e la produzione, fonti di reddito per la cittadinanza, con le esigenze di tutela della salute e del territorio, favorendo lo sviluppo della green economy. Altri punti di forza che vogliamo far emergere sono: L area archeologica e il suo centro visite, il patrimonio storico-culturale locale, l arte, la bellezza del territorio agricolo e fluviale (siamo nel Parco Oglio Sud), gli oggetti e i luoghi della nostra memoria. Calvatone è sede del Parco Oglio Sud e del GAL Oglio-Po. Ha una notevole area produttiva insieme a Tornata. E nel Distretto del Commercio insieme ai comuni dell ACI 12. Tutti fattori con grandi potenzialità e da valorizzare ulteriormente per rendere Calvatone sempre più attraente sul piano socio-economico e residenziale». Slitta I Sapori della Bassa, ma si festeggia SAN GIOVANNI IN CROCE Le previsioni meteo non lasciavano adito a dubbi, per questo gli organizzatori hanno deciso di rinviare all ultimo fine settimana di maggio la rassegna I sapori della Bassa, che avrebbe dovuto svolgersi questo weekend. Oltre all atteso evento enogastronomico, che dunque si terrà dal 23 al 25 maggio (con programma invariato), si è deciso di rinviare anche la cerimonia di riapertura al pubblico di Villa Medici del Vascello, che avrebbe dovuto tenersi giovedì scorso e che invece chiuderà la manifestazione nella serata di domenica 25 maggio. Corso per attori, venerdì l open stage SAN GIOVANNI IN CROCE Un open stage, palcoscenico aperto, chiuderà venerdì sera, 9 maggio, il percorso di formazione, di studio, di pratica per l Avviamento all Arte Attoriale (A.A.A.) che si è tenuto da gennaio a maggio in 16 incontri presso il Teatro Cecilia Gallerani, a cura del regista e attore Jim Graziano Maglia. Nello stesso Teatro di San Giovanni alle ore 21,15 avverrà dunque la pubblica presentazione scenica della conclusione del progetto teatralecomunicativo, organizzato in collaborazione con il Comune di San Giovanni in Croce, l Unione Palvareta Nova, la Fondazione Ospedale Aragona e la Parrocchia di San Giovanni Battista. Al progetto, condotto da Maglia, hanno partecipato Barbara Alberini, Ave Bianchi, Emiliano Bernuzzi, Luca Della Valle, Ines Maffioli, Laura Mantovani, Teresa Paganini, Albina Raimondi, Maria Tartari, Benedetta Vasta, Rosetta Vicini e Nadia Visioli. Non si è voluto però annullare del tutto l appuntamento, tanto che tra oggi e domani piazza Dante Alighieri ospiterà Aspettando i sapori : alle ore 19 di oggi Degustazioni dei sapori con la musica di dj Roby, domani a partire dalle ore 12 Domenica in compagnia, con cucina aperta tutta la giornata. Torricella fa il pieno il 1º maggio La bella giornata ha favorito il buon afflusso. Apprezzata la novità della trippa Pieno successo per le iniziative organizzate dal Comitato Fiera in occasione del 1 maggio. La giornata di sole ha sicuramente contribuito ad affollare piazza Boldori, epicentro degli eventi. Circa un centinaio di ragazzi hanno partecipato al 35 Concorso di Pittura sul tema Pianeta Acqua. Nella categoria A (scuola materna) sono stati premiati Edoardo Coppi, Melek Mizar e Matilde Pivetti; nella categoria B (scuole elementari) Alberto Dester, Erica Dester, Alessandro Mancini e Alice Morandi; nella categoria C (scuole medie) Lidia Invernizzi, Mattia Lombardi e Serena Marsella; nella categoria D (superiori e adulti) Salvatore Graniti e Xhesjon Sadikaj. Sempre in mattinata, i partecipanti alla 22ª Motoconcentrazione d Epoca hanno parcheggiato i loro motori vintage in piazza, mentre nel contempo i pensionati del paese erano impegnati nella tradizionale gara di pesca a loro riservata. Nelle tre categorie hanno prevalso Ernestino Scaroni (dal 1948 al 1958), Vincenzo Conti (dal 1938 al 1947) e Viscardo Farina (dal 1923 al 1937). Verso mezzogiorno il 1 maggio è diventato 1 mangio, con i visitatori che hanno affollato il Ristotenda per apprezzare il ricco menu. Chi ha preferito la tradizionale torta fritta con salumi vari, chi i primi (pennette della Valdoria in due versioni), chi il cosciotto d maiale, e chi invece, davvero tanti, ha provato la novità dell anno, la trippa preparata in quattro diverse ricette.

14 14 Il ricettario Ricettario di Primavera: ultime copie in distribuzione Ancora disponibili gli ultimissimi numeri del ricettario "Le Ricette di Primavera", presso la redazione de "Il Piccolo" (via San Bernardo, 37). Il magazine è disponibile anche presso alcune attività commerciali (vedi elenco a lato). La primavera entrerà nelle vostre case grazie a questo magazine, che porta in tavola i sapori della stagione con ricette curiose e raffinate. COMPOSTA DI MELE ALLA PANNA E SCAGLIE DI CIOCCOLATO Ingredienti e dosi per 4 persone: 800 g di mele, 50 g di zucchero, acqua fredda, 150 g di pane di segale spezzettato, 100 g di zucchero vanigliato, 200 g di cioccolato dolce, panna montata. Preparazione. Sbucciate e tagliate a pezzetti 800 g di mele e ponetele in casseruola con 50 g di zucchero e acqua fredda a filo. Fate sobbollire finché saranno completamente spappolate. Versate su un vassoio 150 g di pane di segale spezzettato, coprite con 100 g di zucchero vanigliato e versatevi sopra la composta di mele fredda. Grattugiate sopra 200 g di cioccolato dolce e coprite il tutto con panna montata. Puoi trovare la tua copia del ricettario presso: CASALOGO ARREDAMENTI Ex S.S. Pauleese Km 29 Bagnolo Cremasco SAPORE DI MARE via Cappuccini 8 Cremona EMILIO CARUBELLI via Ghisleri 99/b Cremona DENTAL BENEFIT Piazza Roma 22/a Vescovato CAMELIA via Cavour 31 Crema FARMACIA ZAMBONI via Oglio angolo viale Po Cremona BASSO RICCI MIRKO Showroom via Martiri della Libertà 21/A Crema STANGA DOTT. GIUSEPPE Cremona e Persichello tel LA TAGLIA GAIA Corso P. Vacchelli 3 Cremona AZIENDA AGRICOLA MAGNELLI via Costa Lugagnano Val D'arda (PC) FAVER VAILLANT SERVICE via Giuseppina31/d Cremona GEAR IMPIANTI ELETTRICI via Donatori del Sangue 8 Sospiro SPACCIO AGRICOLO LE ALBERELLE via C.na Albera Salvirola AGRITURISMO I PINI via mantova 1/b Pessina Cremonese LA BOUTIQUE DELLE CARNI E DEI SALUMI Piazza Garibaldi 40 Zibello (PR) PAOLO SPOTTI via Bergamo 34 Castelverde IMMAGINA via San Bernardo 37 Cremona

15 N egli ultimi anni la crisi edilizia è stata combattuta con i bonus sulle ristrutturazioni e sulle riqualificazioni energetiche. Una misura che ha ottenuto un risultato davvero notevole: secondo gli ultimi dati dell'agenzia delle Entrate, infatti, i maxibonus potenziati al 50% e al 65% trainano i lavori in casa e valgono ormai quasi due punti di Pil. Si tratta di un boom che va oltre ogni previsione e stima: nel 2013 la spesa delle famiglie è infatti stata pari a 28 miliardi, di cui 4,8 miliardi di Iva pagati allo Stato. Inoltre, nei primi due mesi del 2014 si registra un'altra impennata dei lavori: 5,7 miliardi al netto di Iva di cui 4,5 a gennaio, con una crescita del 54% rispetto al primo bimestre Questi dati hanno indotto il Cresme e il Servizio studi della Camera ad aggiornare al rialzo il lavoro di stima fatto lo scorso novembre per la commissione Ambiente di Montecitorio. Si tratta di dati che si rivelano decisamente clamorosi sull'effettivo funzionamento dei crediti di imposta Irpef del 50% per il recupero edilizio e del 65% per il risparmio energetico se si pensa che le stime di novembre, già sorprendenti, parlavano di una spesa annua per lavori di 19 miliardi. Attraverso i nuovi dati dell'agenzia delle Entrate il Cresme ha quindi potuto innalzare a 23 miliardi il valore della stima dei lavori eseguiti, stimando una crescita pari al 45% rispetto al «I dati - spiega il direttore del Cresme, Lorenzo Bellicini - si portano dietro alcune riflessioni Speciale Edilizia Sabato sulla situazione del settore edilizio oggi: la prima è che si fanno ormai diffusi i segnali di una ripresa selettiva in cui certamente il mercato della riqualificazione è e sarà il motore trainante dell'edilizia; la seconda è che i lavori di riqualificazione e risparmio energetico stanno dando un contributo importante alla questione del lavoro, che ancora non entra nelle stime dell'istat ma che noi stimiamo in un'occupazione diretta generata di 226mila unità per il 2013; la terza riflessione è che, con questi dati, dobbiamo ritenere che abbia funzionato anche la leva di emersione dal nero di questo dddsettore. Questo è un elemento che non siamo ancora in grado di stimare con precisione ma certamente ci sentiamo di correggere l'idea che in passato si era consolidata che l'incentivo fosse uno stimolatore di nuovi investimenti ma poco avesse 3 Maggio Effetto positivo per le misure di detrazione: nel 2013 le famiglie hanno speso 28 miliardi. Exploit anche per i primi 2 mesi del 2014 Maxibonus, è boom di ristrutturazioni funzionato nel senso dell'emersione». A crescere maggiormente è infatti la quota dei lavori incentivati rispetto al totale del mercato della riqualificazione edilizia stimato dal Cresme: nel 2013 si è arrivati al 60,7% del totale, vale a dire 27,3 miliardi incentivati su un totale di 45 miliardi. L'anno prima tale quota era pari al 43,2% (19,2 miliardi su 44,1) e nel 2011 del 39,1% (17,7 miliardi su 45,3). Un ruolo importante può anche essere attribuito all'incentivo al 50% per le ristrutturazioni generiche nonché all'innalzamento delle agevolazioni per il risparmio energetico al 65%, avvenuto nel giugno Effetti più contenuti, secondo il Cresme, si sono invece visti per il "bonus elettrodomestici e mobili". Infina una buona notizia sul fronte occupazionale: secondo l'indagine, si parla di nuovi occupati diretti creati dagli incentivi nel corso del 2013 contro i del 2012; si stima inoltre a unità la somma degli occupati diretti e dell'indotto (erano nel 2012). La semplificazione normativa nell'edilizia è uno dei principali obiettivi per il prossimo futuro. Lo ha detto il ministro della Pubblica amministrazione, Marianna Madia, che sta portando avanti il disegno di legge di riforma della Pa e di semplificazione della burocrazia. Per l'edilizia il percorso sarà in due tappe. Si parte con i «modelli unici nazionali» per la presentazione della Scia e del permesso di costruire. Successivamente, dopo la riforma del titolo V della Costituzione che riporterà l'edilizia privata tra le competenze esclusive statali, si parla di istituire un "regolamento edilizio unico nazionale", valido su tutto il territorio italiano. Attraverso una consultazione on line, condotta dal Dipartimento Funzione pubblica, con la quale sono state raccolte segnalazioni di cittadini e 500 di imprese, si è potuto avere un'idea del peso burocratico nel nostro Paese: è emerso che l'edilizia è la seconda materia per importanza (dopo il fisco) tra quelle da semplificare. VERSO LA SEMPLIFICAZIONE NORMATIVA Il caos normativo è infatti il primo nemico dell'impresa edile. A partire dalla modulistica standard per presentare la domanda di titoli edilizi: il Governo da mesi lavora con Regioni e Anci per costruire tale modulistica, che tocchi un po' tutte le procedure edilizie. Nel modello ci sarebbero parti fisse uguali per tutti e parti variabili, che necessariamente dovranno tenere conto delle normative regionali. Altri obiettivi a cui sta lavorando il ministero in materia edilizia sempre partendo dalle segnalazioni dei cittadini, sono: far funzionare gli sportelli unici edilizia, semplificando le procedure, in primis, riducendo i pareri necessari, ma anche stimolando funzioni associate o prevedendo forme di assistenza tecnica per i piccoli comuni; superare i "blocchi" dei pareri paesistici e delle soprintendenze, riducendo l'area da sottoporre a parere; riformare la conferenza di servizi, riducendo a pochi casi la convocazione fisica di tutti intorno al tavolo e condividendo on line documenti e pareri.

16 16Sabato 3 Maggio 2014 Speciale Edilizia Possibili novità in arrivo per edilizia scolastica, pianificazione, appalti e difesa del suolo Come cambia l edilizia col Ddl Del Rio SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE I l settore dell'edilizia va verso un cambiamento sostanziale come conseguenza del disegno di legge Delrio, con la costutizione delle nuove Province. Cambiano infatti i compiti delle singole province in merito ad appalti, bandi di gara, edilizia scolastica e tutela del territorio. Edilizia Scolastica - Le province manterranno il loro ruolo per l'edilizia scolastica e la pianificazione. Ora le competenze, però, sono molto più generiche e riconosciute con la voce "competenza di gestione dell'edilizia scolastica". Questo conferma una continuità con i ruoli precedenti; si ipotizza, dunque, un cambiamento praticamente minimo. Tagli per i costi di pubblicazione dei bandi Si pubblicherà solo sulla Gazzetta ufficiale e sui siti della stazione appaltante e dei ministeri Il Dl sulla Spending Review punta a tagliare anche i costi di pubblicazione dei bandi, che non saranno più pubblicati sui giornali, ma solo sulla Gazzetta Ufficiale e sui siti della Stazione Appaltante, del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti e dell Osservatorio sui contratti pubblici. Nel caso in cui gli importi siano inferiori a 500 mila euro, il bando deve essere pubblicato anche sul sito dell Albo pretorio del Comune interessato. Nel 2013 le spese per la pubblicazione sui quotidiani hanno raggiunto i 120 milioni di euro. Il 60% di questa cifra, cioè 72 milioni di euro, è stato rimborsato dagli aggiudicatari, lasciando 48 milioni a carico delle Stazioni Appaltanti. La pubblicazione dei bandi in Gazzetta Ufficiale, spiega la relazione tecnica, è invece costata 27 milioni di euro. Dalle proiezioni effettuate, si stima quindi un risparmio annuo di 75 milioni per le Amministrazioni aggiudicatrici. Allo stesso tempo, la relazione tecnica sostiene che ci sarebbero ripercussioni positive anche per gli aggiudicatari. Venendo meno la pubblicazione sui quotidiani, sarebbe quindi eliminato un costo a carico dei progettisti e delle imprese che si aggiudicano un appalto. Pianificazione - Secondo il Testo Unico, le province continueranno a svolgere un ruolo di "pianificazione territoriale provinciale di coordinamento": un cambiamento nominale, ma le competenze sembrano rimanere le stesse. Appalti - Insieme ai comuni, le Province potranno esercitare le funzioni di stazione appaltante, predisposizione dei documenti di gara e organizzazione di concorsi. Cambia, dunque, veramente poco rispetto a prima. Difesa del suolo - In questo ambito si registrano cambiamenti significativi in quanto le competenze si fanno più generiche e vengono presentate come "tutela e valorizzazione dell'ambiente", competenze che, si supppne, saranno poi passate alle Regioni stesse. Sempre allo studio del Governo c'è anche la semplificazione delle procedure. Il Ministero per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione, guidato dal Ministro Maria Anna Madia, ha indetto una consultazione telematica sulle 100 procedure più complicate da semplificare. Le autorizzazioni necessarie per costruire hanno tempi molto lunghi. I piccoli interventi (costruire comignoli o portoni) necessitano dell autorizzazione paesaggistica, considerata una misura eccessiva. Dia (Direzione Investigativa Antimafia), Scia (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) e Comunicazione degli interventi di edilizia libera, che dovrebbero snellire le procedure, hanno dei documenti che sono interpretati in modi diversi dai vari uffici tecnici. L autorizzazione sismica, spesso obbligatoria, costa troppo I documenti da presentare per le gare d appalto sono eccessivi e con tempi lunghi per ottenerli, fra i quali il Durc (Documento unico di regolarità contributiva), la documentazione antimafia e le attestazioni Soa. Le autorizzazioni ambientali sono difficili da comprendere e rilasciarle è complicato. Lo Stato e gli Enti che si sono esposti a sentire le ragioni dei cittadini e delle imprese hanno garantito che saranno presi in considerazione questi punti.

17 Speciale Edilizia Sabato 3 Maggio Dal 7 al 9 maggio torna Solarexpo - The innovation Cloud : focus sulle rtinnovabili, sull efficienza energetica in edilizia e sulla smart city Edilizia ed energie rinnovabili in Fiera a Milano D al 7 al 9 maggio torna a Fiera Milano "Solarexpo - The Innovation Cloud, l evento dedicato a tutte le tecnologie energetiche low carbon e alla loro ibridazione : dalle rinnovabili elettriche alle tecnologie per lo storage e le smart grid, dalla mobilità elettrica alle smart city, dalle rinnovabili termiche all efficienza energetica in edilizia. L edizione 2013 ha visto la presenza a Milano di 500 aziende e player istituzionali, oltre visitatori professionali e buyer provenienti da 83 paesi europei ed extraeuropei, partecipanti al programma tecnico-scientifico. Da sempre i fattori chiave del successo dell evento sono: specializzazione, approccio trasversale a tutte le tecnologie energetiche innovative e la loro integrazione, internazionalizzazione, contatti di qualità. Solarexpo punta a sostenere le imprese anche nella loro proiezione internazionale, e Milano è ovviamente il luogo più adatto a questo scopo. Grazie anche all importante programma convegnistico e alla presenza di visitatori professionali italiani ed esteri, la manifestazione è la sede ideale per comprendere le tendenze in atto, condividere e rielaborare nuovi modelli di business in un mercato in profonda mutazione, fare networking di alto livello. «Essendo stato concepito come piattaforma multi-tecnologica, The Innovation Cloud corrisponde appieno all esigenza attuale delle imprese del fotovoltaico, cioè quella di guardare con decisione all integrazione fra tecnologie innovative: storage, controllo domotico dei consumi elettrici, climatizzazione a pompa di calore, illuminazione a led, mobilità elettrica e ibrida plug-in - evidenzia Così Luca Zingale, direttore scientifico della manifestazione -. E noi vogliamo continuare a stare a fianco delle imprese del solare e a incoraggiarle nella difficile fase di transizione che attraversano dopo la Architetture e reti elettriche intelligenti protagoniste Anie Confindustria, la Federazione che rappresenta l industria Elettrotecnica ed Elettronica italiana, e Fme, la Federazione Nazionale Grossisti Distributori di Materiale Elettrico, anche quest anno patrocinano e saranno presenti alla manifestazione internazionale Solarexpo-The Innovation Cloud, con uno stand dedicato (Pad. 6, Stand H46) e con un interessante programma convegnistico, in cui saranno affrontati tutti i principali temi di attualità per i comparti. In particolare, Anie Confindustria sarà chiamata a dare il suo contributo anche al progetto speciale Isgis Italian Smart Grid Industry System, che verrà ufficialmente lanciato giovedì 8 maggio alle 14 (Centro Congressi Stella Polare, sala Aquarius). A partire dalla proposta di standard tecnologici per le architetture e le soluzioni per reti elettriche intelligenti, questa iniziativa ha lo scopo di promuovere l eccellenza produttiva che il nostro Paese esprime in questo settore, mirando da un lato all espansione dei progetti sperimentali già iniziati da alcune utility sulla rete di distribuzione italiana, e dall altro lato alla creazione di reti di impresa e di un marchio designed in Italy per cogliere le opportunità, in grande crescita, sui mercati internazionali. Federazione Anie, la Casa delle Tecnologie, rappresenta uno dei comparti tra i più avanzati in Italia a livello tecnologico. Ogni anno le aziende Elettrotecniche ed Elettroniche italiane investono in Ricerca e Sviluppo il 4% del fatturato totale, rappresentando oltre il 30% dell intero investimento in R&S del settore privato nel nostro Paese. Anche in un contesto macroeconomico difficile, esse hanno mantenuto un elevata propensione all innovazione, come certificato da un indagine realizzata presso le imprese socie nel primo semestre del 2013: oltre il 70% delle piccole e medie imprese Anie ha segnalato infatti di aver effettuato nuovi investimenti nel settore. Fme partecipa da protagonista all evento del 7 maggio mattina Nuovi ruoli per gli installatori e la distribuzione nel mercato del fotovoltaico post-incentivi e propone per il pomeriggio dello stesso giorno 7 un incontro sul tema: Dove andrà la Distribuzione nei prossimi anni: scenari e prospettive future : evento quest ultimo che si pone l obiettivo, alla presenza di illustri ospiti e della rappresentanza di tutta la catena del valore della produzione e distribuzione, di indagare il futuro alla luce dei profondi cambiamenti che il settore sta vivendo. Parteciperanno il professor Antonello Garzoni, docente di Strategie Competitive presso l Università Bocconi e il professor Enrico Finzi, presidente di Astra Ricerche. fine della stagione degli incentivi. Perché davanti a loro c è una certezza: con la piena competitività rispetto all energia prelevata dalla rete, presto la tecnologia fotovoltaica entrerà in una fase nuova, quella dello sviluppo autopropulsivo. Con un mercato che tornerà a crescere, in modo sia sostenuto che molto più regolare». In merito ai variegati settori delle fonti rinnovabili termiche e dell efficienza energetica negli edifici e negli impianti Luca Zingale spiega che «il pesante clima di recessione, l incertezza delle famiglie e il credit crunch che gravano sul Paese condizionano una più veloce diffusione di tali tecnologie, proprio quando sarebbe ancora più importante il loro contributo alla riduzione delle bollette energetiche. In tal senso, però, è molto positivo il fatto che le detrazioni fiscali del 50 e del 65% siano state per la prima volta pianificate su un orizzonte triennale, fino al Questa manifestazione sarà dunque la ribalta ideale per le imprese di tutti questi settori per cogliere appieno nella prossima primavera i segnali di ripresa economica del Paese». Tra gli espositori che hanno subito confermato la partecipazione all edizione 2014 c è Power-One, da quest anno nell orbita di ABB, colosso mondiale delle tecnologie energetiche, il cui consigliere delegato, Averaldo Farri, anche vicepresidente di Anie/ Gifi (Gruppo Imprese Fotovoltaiche Italiane), dichiara: «La difficile condizione in cui le aziende del settore delle rinnovabili italiane si trovano in questo momento, dovuta a scelte tecniche e legislative balbettanti e miopi, non ci lascia tranquilli, ma abbiamo anche la profonda consapevolezza che il futuro del settore energetico si giocherà sulla grande opportunità di fare dell Italia uno dei protagonisti mondiali della rivoluzione che sarà generata dalle energie pulite. E questo ci dà forza e speranza». "Solarexpo - The Innovation Cloud è una piattaforma espositiva di livello internazionale dedicata all integrazione delle tecnologie energetiche low carbon. Un concept multi-tecnologico combinato a un corpus convegnistico di altissimo livello rappresentano gli elementi di forza dell evento. Solarexpo, parte fondamentale dell evento, è tra le più importanti esposizioni specializzate nel solare a livello mondiale. A partire dalla prima edizione nel lontano 1999, Solarexpo ha riscontrato negli anni un crescente successo presso il pubblico e gli espositori. Ha inoltre sempre dedicato un impegno costante a favore dell orientamento, del confronto e dell informazione sulle dinamiche dell industria e del mercato a livello globale, con l organizzazione di convegni, seminari, corsi ed eventi collegati che hanno visto la partecipazione di prestigiosi relatori italiani e stranieri.

18 18 Sabato 3 Maggio 2014 Speciale Edilizia LE COMBINAZIONI IDEALI PER OGNI TIPO DI EDIFICIO Gli elementi necessari a proteggersi La protezione della propria casa passa attraverso più elementi, che uniti ai tradizionali impianti antifurto possono garantire la massima sicurezza. Proprio perchè ogni abitazione ha caratteristiche diverse e legate alle esigenze dei suoi abitanti, anche la sua protezione deve essere pensata sulla base delle caratteristiche effettive degli ambienti. Si distingue, in questo caso, tra protezione attiva e protezione passiva; nella prima categoria rientrano i vari sistemi antifurto perimetrali e volumetrici, volti a individuare e segnalare qualsiasi possibile effrazione. Nella seconda categoria rientrano invece le ulteriori barriere fisiche che è possibile creare per rendere ancor più difficoltoso qualsiasi tentativo di effrazione. Tra questi, sempre più diffuse sono le porte blindate, che possono essere selezionate all'interno di sei diverse classi di sicurezza a seconda della protezione ritenuta necessaria. Sistemi di sicurezza passiva estremamente diffusi sono, inoltre, le persiane, che oltre a schermare il passaggio della luce costituiscono un impedimento al tentativo di penetrare nell'abitazione attraverso le finestre, che a loro volta possono essere realizzate con doppi o tripli vetri. Alle finestre si possono trovare, inoltre, inferriate metalliche, per la massima sicurezza. Sulle porte e sulle finestre è possibile installare dei rilevatori di vibrazione o dei contatti magnetici, in grado di segnalare movimenti o tentativi di manomissione ed effrazione. All'interno delle singole stanze possono essere aggiunti dei sensori ad infrarossi che registrano le variazioni di calore, oppure quelli a microonde o ad ultrasuono. I sistemi di sicurezza possono essere studiati su misura per l'abitazione del cliente ed abbinati a sistemi di videosorveglianza, meglio se collegati con le forze dell'ordine per poter segnalare tempestivamente qualsiasi violazione della proprietà. Fondamentale scegliere il tipo di impianto di antifurto migliore per la propria abitazione Casa sicura: ecco come fare L a sicurezza di una casa passa prima di tutto dalla prevenzione: in un'epoca dove sempre più spesso si verificano furti, rapine e aggressioni, la necessità di una protezione ulteriore si fa sentire con forza. Proprio per questo scegliere il tipo di impianto di sicurezza per la propria abitazione è un'operazione delicata e da valutare con attenzione. Non esistono, infatti, impianti e soluzioni migliori in assoluto, ma solo il miglior sistema possibile per la singola abitazione. Ogni casa e ogni famiglia presenta infatti esigenze differenti e caratteristiche individuali delle quali tenere conto. I principali tipi di impianto sono fondamentalmente tre, suddivisi in base al sistema di funzionamento. Gli impianti elettrici sono collegati con una rete di cavi elettrici ed hanno il vantaggio che, tagliando i fili, scatta subito l allarme, ma i costi di installazione sono piuttosto elevati, specialmente se sono necessarie opere murarie. Gli impianti a onde radio sono invece senza fili e vengono alimentati a batterie a lunga durata. Essi non richiediono lavori di muratura, l installazione è rapida, si risparmia in manodopera, ma possono presentare problemi d interferenze radio. Infine, è possibile optare per impianti in parte via cavo, in parte via radio. Di solito, la posa dei cavi è prevista solo al fine di alimentare la centrale d allarme e le sirene, mentre gli altri componenti funzionano a onde radio. Anche il tipo di protezione assicurata varia, in base alle esisenze, che dipendono molto dalla tipologia di abitazione (villa isolata, appartamento, ecc.). I principali sistemi di protezione sono due: nel caso di impianto perimetrale, esso può proteggere l'abitazione dall'esterno e si attiva solamente in caso di effrazione attraverso finestre o porte. L'impianto volumetrico sfrutta invece appositi sensori installati in punti strategici all interno della casa; esso è in grado di rilevare la presenza di una persona, un movimento e anche una temperatura corporea, facendo scattare la sirena o il collegamento con la Polizia. Questo tipo di impianto ben si adatta a coloro che richiedono un elevato livello di sicurezza, ma è da escludersi per coloro che posseggono cani, gatti o animali domestici all'interno dell'abitazione, poichè il loro movimento verrebbe comunque rilevato e farebbe scattare l'allarme. Ad ogni modo, è possibile installare un allarme volumetrico solamente nelle stanze alle quali gli animali non hanno accesso: non di rado si sceglie di studiare sistemi di protezione misti, ai quali unire anche impianti di videosorveglianza, che prevedano un funzionamento in parte perimetrale e in parte volumetrico, realizzato su misura per la casa del cliente, garantendo così la massima sicurezza. Importante quanto la scelta dell'impianto èp anche la scelta dell'azienda alla quale affidarsi, che deve poter garantire prodotti di qualità e fornire la giusta consulenza al fine di individuare le soluzioni ottimali per ogni tipo di abitazione. Il lavoro deve dunque essere affidato ad aziende specializzate e abilitate a rilasciare al termine dei lavori la "certificazione Imq dell impianto", che garantisce l utilizzazione di apparecchiature certificate e conformi alle norme del Comitato elettrotecnico italiano (CEI), oltre che l esecuzione dei lavori in conformità alla normativa tecnica nazionale. Ai sistemi di protezione contro furti ed effrazioni è possibile inoltre affiancare altri dispositivi importanti per la sicurezza delle persone, come impianti antincendio e rilevatori di fumo e di gas, per evitare incidenti domestici che possono avere risvolti anche di notevole entità.

19 Speciale Edilizia Sabato 3 Maggio Il presidente Giovanni Bozzini: «L esclusione delle imprese di piccola dimensione dal sistema era un atto atteso» Anche per l'edilizia è scattato il Sistri, che viene esplicato in una circolare del ministero dell'ambiente, nella quale spiega in dettaglio tutte le novità portate al sistema dagli ultimi interventi normativi. Con le nuove norme, la tracciabilità dei rifiuti diventa quindi operativa anche per il settore edile. L'obbligo di adesione al sistema scatta per "i produttori iniziali di rifiuti pericolosi, gli enti o le imprese che raccolgono o trasportano rifiuti pericolosi a titolo professionale, gli enti o le imprese che effettuano operazioni di trattamento, recupero, smaltimento, commercio e intermediazione di rifiuti pericolosi e i nuovi produttori di rifiuti pericolosi". L'adesione è solo volontaria per chi produce e gestisce rifiuti non pericolosi. «Esprimiamo grande soddisfazione per l esclusione delle piccole imprese dal Sistri, da noi a lungo richiesta e ora finalmente ottenuta - fa sapere la Cna di Cremona -. Il decreto firmato dal Ministro Galletti cancella l assurda equiparazione dei rifiuti di un piccolo artigiano o commerciante con quelli di un impresa di maggiori dimensioni. Adesso, però, occorre proseguire verso il superamento dell attuale sistema di tracciabilità, che complica inutilmente l attività delle imprese, in particolar modo quelle del trasporto e della gestione dei rifiuti». Il decreto Sistri prevede l'obbligo di adesione solo per le imprese e gli enti produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi che abbiano più di 10 dipendenti. L'obbligo di adesione al Sistri rimane ''solo per le imprese e gli enti produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi che abbiano più di 10 dipendenti''. Nel decreto, che esclude dal Sistema di tracciabilità dei rifiuti tutte le imprese agricole che conferiscono i rifiuti prodotti nei circuiti organizzati di raccolta, sono Sistri, Cna critica: «Sistema non trasparente» previste anche altre disposizioni di semplificazione amministrativa, chiarite le modalità di gestione dei trasporti intermodali e prorogato al 30 giugno 2014 il versamento del contributo annuale. «L esclusione delle imprese di piccola dimensione dal sistema era un atto atteso, visto che lo stesso Ministero aveva riconosciuto la validità delle nostre ragioni. Il ministro Galletti ha saputo mantenere con coerenza l impegno assunto con le rappresentanze delle Pmi. Tuttavia afferma Giovanni Bozzini, Presidente di Cna Cremona - non basta a far mutare il nostro giudizio profondamente negativo sulle attuali disposizioni del Sistri, tra cui l interoperabilità, che hanno dimostrato troppe criticità ed inefficienze. Il sistema è scarsamente trasparente, ed è causa di pesanti e onerosi adempimenti per le imprese. Per questo auspichiamo nel prossimo incontro di poter affrontare una volta per tutte la questione Sistri nella sua interezza, a cominciare dall esclusione anche per i piccoli trasportatori e i piccoli gestori». Le imprese, sostengono dalla Cna, intendono operare correttamente e in linea con le esigenze di tutela dell ambiente, gli adempimenti cartacei, seppur migliorabili hanno finora consentito la tracciabilità dei rifiuti prodotti e gestiti dalle imprese. Il Paese, infatti, è già in regola con quanto richiesto dalla normativa europea sui rifiuti. «Il mondo delle piccole e medie imprese non chiede una deregulation ambientale, ma l implementazione di un sistema condiviso ed efficace conclude Bozzini -. Risposte chiare e certe per le imprese, che iniziano da questa esclusione per le Pmi ma che vadano definendo al contempo una seria sperimentazione del Sistri che possa portare alle decisioni sul futuro del sistema, sulla base di elementi concreti e trasparenti». A chi si applica il Sistri? A seguito delle modifiche apportate dal decreto legge 101/2013 è stato ristretto il campo di applicazione del Sistri: a differenza di quanto previsto in passato, infatti, oggi il sistema di tracciabilità dei rifiuti si applica solo con riferimento ai rifiuti pericolosi e non anche a quelli ''non pericolosi''. In particolare, sono obbligati ad aderire al Sistri: i produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi; gli enti o le imprese che raccolgono o trasportano rifiuti pericolosi; gli enti o le imprese che effettuano operazioni di trattamento, recupero, smaltimento di rifiuti pericolosi; i nuovi produttori di rifiuti pericolosi; i commercianti e intermediari di rifiuti pericolosi. I soggetti non obbligati al Sistri, possono aderire su base volontaria dichiarando espressamente tale volontà. Ovviamente chi era obbligato al Sistri in virtù della normativa originaria ha la facoltà di mantenere l'iscrizione ovvero di rinunciarvi. Il periodo transitorio e le sanzioni Il decreto legge 101/2013 ha previsto, per un periodo transitorio, una sorta di doppio regime degli adempimenti in materia ambientale. In particolare, fino al 31 dicembre 2014 (termine così prorogato dal d.l. 150/2013): non si applicano le sanzioni relative agli adempimenti del Sistri; per garantire la tracciabilità dei rifiuti, continuano ad applicarsi i preesistenti adempimenti e obblighi, nonchè le relative sanzioni. Quindi chi è obbligato al Sistri (o vi ha aderisce su base volontaria), fino al 31 dicembre 2014: Deve effettuare gli adempimenti del Sistri (non si applicano le relative sanzioni); Deve comunque effettuare gli adempimenti precedenti (Registro di carico e scarico, Formulario di identificazione dei rifiuti e MUD) e si applicano le relative sanzioni qualora non li faccia; Dal 1 gennaio 2015 Deve effettuare gli adempimenti del Sistri e si applicheranno le relative sanzioni Quando ci si deve iscrivere al Sistri? L'iscrizione al Sistri deve avvenire quando si prevede di produrre rifiuti speciali pericolosi. Nel caso di produzione ''accidentale'' di rifiuti pericolosi bisogna richiedere l'adesione al Sistri per l'unità locale dove i rifiuti sono prodotti entro 3 giorni lavorativi dall'accertamento della pericolosità dei rifiuti.

20 20Sabato 3 Maggio 2014 GLI ORARI CUP Centro Unificato di Prenotazione Dove: padiglione n. 12, a fianco del Centro Prelievi, prospiciente Largo Priori Orari di apertura al pubblico: lunedì - venerdì dalle 7.30 alle18.00 orario continuato, il sabato dalle 8.00 alle 12.00; Prenotazioni telefoniche: è possibile telefonare al numero verde , da lunedì a sabato dalle alle PRENOTAZIONI CHE NON SI EFFETTUANO AL CUP Attraverso il CUP si prenotano tutte le prestazioni ad eccezione delle seguenti, che devono essere prenotate direttamente presso le singole unità operative o servizi come indicato di seguito: ANATOMIA PATOLOGICA secreti e agoaspirati (non Tac e non Ecoguidati) Dove: Poliambulatori, piano Terra. Orario: giovedì dalle 15 alle 16. Per prenotare contattare la segreteria dell Anatomia Patologica dal lunedì al venerdì, dalle alle Telefono: , dalle 9.30 alle Consegna campioni istologici e citologici La consegna dei campioni citologici urinari è prevista, presso il padiglione 5, da lunedì a venerdì, dalle alle 09.30; per gli altri esami da lunedì a venerdì dalle alle (accesso diretto). RADIOLOGIA d Dove: piano 1, corpo H (ala destra). TC, risonanza magnetica, ecografie urgenti e richiesta di prestazioni con bollino verde Le prenotazioni vanno effettuate di persona o via fax. Orario: da lunedì a venerdì dalle alle 13.00, sabato dalle alle Tel: Angiografia Le prenotazioni vanno effettuate di persona. Orario: da lunedì a venerdì dalle alle Telefono: SENOLOGIA: Screening mammografico preventivo biennale Asl Cremona (45-69 anni) Tutti i giorni dalle 8.30 alle 12.30, il mercoledì dalle 14 alle 16. La prenotazione va effettuata al CUP dell'asl Prestazioni con carattere di urgenza, risonanze alla mammella, agoaspirati, ecografie Dove: piano 1, corpo M. Ora: da lunedì a venerdì dalle alle Telefono: Per ulteriori informazioni è stata inoltre attivata una nuova linea telefonica dotata di risponditore automatico in funzione 24 ore su 24: RADIOTERAPIA E MEDICINA NUCLEARE Dove: piano Cantina, (utilizzare la scala o ascensore a sinistra vicino l'ufficio Informazioni nell'atrio di ingresso) corpo M, monoblocco ospedaliero. Orario: da lunedì a venerdì dalle alle Telefono: MEDICINA DEL LAVORO: Visite specialistiche di medicina del lavoro Tel: da lunedì a venerdì, dalle alle 15.30; oppure, personalmente presso l Ambulatorio Specialistico di Medicina del Lavoro negli stessi orari. PRESIDIO OSPEDALIERO DI CREMONA CENTRO DIABETOLOGICO Dove: piano 6, corpo H (lato destro), monoblocco ospedaliero. Orari: da lunedì a venerdì dalle alle (prima visita per inquadramento diagnostico-terapeutico e visita di controllo per monitoraggio metabolico e screening delle complicanze croniche). Per le prime visite è preferibile che la prenotazione avvenga di persona comunque possibile prenotare telefonicamente da lunedì a venerdì, dalle alle Telefono: CENTRO PRELIEVI - LABORATORIO ANALISI accesso diretto da parte dei cittadini, con la richiesta del Medico di famiglia o dello specialista. Dove: Centro Prelievi all'ingresso dell'ospedale. Orario: da lunedì a venerdì dalle ore alle Telefono: CENTRO EMOSTASI E TROMBOSI Monitoraggio delle terapie anticoagulanti. previsto accesso con prenotazione al numero Dove: Presso la palazzina del Cup Orario: dalle alle da lunedì a venerdì. CENTRO AZIENDALE DI ALLERGOLOGIA Test di tolleranza al lattosio e patch test Accesso con impegnativa del medico curante Le prenotazioni si effettuano telefonicamente al numero 0372/ da lunedì a venerdì, dalle alle 12; oppure di persona presso l Ambulatorio di Allergologia (Padiglione 10) da lunedì a venerdì dalle 9.00 alle IMMUNOEMATOLOGIA E MEDICINA TRASFUSIONALE: Emotrasfusioni, salassi, autotrasfusioni, terapia marziale endovenosa, preparazione di nuovi emocomponenti ad utilizzo non trasfusionale: Gel Piastrinico, Concentrato Leucopiastrinico. Dove: Piano terra, corpo D, monoblocco ospedaliero. Tel: dalle alle da lunedì a venerdì GENETICA Dove: piano 2 lato destro del monoblocco ospedaliero. Prenotazioni telefoniche: da lunedì a venerdì dalle alle MEDICINA LEGALE Prenotazioni presso Direzione Medica di Presidio piano Rialzato monoblocco ospedaliero. Tel: PSICOLOGIA Dove: settimo piano a sinistra. Prenotazioni da lunedì a venerdì dalle ore alle ore presso il servizio di Psicologia, oppure anche telefonicamente agli stessi orari al numero ONCOLOGIA MEDICA Dove: Piano 4 ala Destra Prenotazione i n reparto da lunedì a venerdì dalle ore 8.00 alle ore Tel: TERAPIA DEL DOLORE Dove: palazzina n. 9 La prenotazione può essere effettuata telefonicamente al numero dalle alle 15.00, da lunedì a venerdì. Negli altri orari è possibile chiamare lo stesso numero lasciando un messaggio in segreteria telefonica con il nome e numero di telefono: al più presto sarete richiamati. Il cioccolato? Fa bene, ma attenzione agli ingredienti Il Ministero della salute avverte: ben venga il cioccolato, ma attenzione all'etichetta del prodotto, che deve riportare dati precisi sulla quantità di cacao e di grassi contenuti. Oltre alla quantità, l'etichetta ci permette anche di valutare la qualità degli ingredienti. A volte, infatti, il burro di cacao può essere sostituito da altri oli o grassi di qualità inferiore. "Sulla confezione del cioccolato deve essere indicata: la lista degli ingredienti; il contenuto minimo di cacao in %; il termine minimo di conservazione - fa sapere il ministero della Salute -. Il cioccolato, per essere definito tale, deve contenere almeno il 35% di cacao e il 18% di burro di cacao. Devono essere assenti grassi vegetali diversi dal burro di cacao. Per quanto riguarda il cioccolato al latte le Salute Appuntamento in piazza Roma il 10 maggio dalle 9 alle 13. Dottor Di Tano: «Patologia molto frequente» Laura Bosio S pesso viene trascurato, eppure lo scompenso cardiaco è una delle patologie cardiache più frequenti e importanti. Allo scopo di sensibilizzare la cittadinanza alla prevenzione, sabato 10 maggio si svolgerà anche a Cremona la Giornata europea per lo scompenso cardiaco. Appuntamento in piazza Roma (Angolo Galleria XXV Aprile) dalle 9 alle 13 per informazioni, suggerimenti, misurazione della pressione arteriosa, frequenza cardiaca e valutazione del rischio di scompenso cardiaco. «Si tratta di riportare l'attenzione su un tema che spesso non viene molto considerato, specialmente nel nostro Paese» evidenzia il dottor Giovanni di Tano, coordinatore nazionale dell'area scompenso dell'anmco e medico dell'ospedale di Cremona. «Durante la giornata faremo l'esame dell'ormone Bmp, il cui livello è la spia per capire se il paziente può essere affetto o meno da scompenso». Lo scompenso cardiaco è una malattia seria, molto diffusa: circa 14 milioni di persone in Europa e oltre 1 milione in Italia, convivono con questa condizione che rappresenta per le persone anziane la prima causa di ricovero in ospedale. Tale patologia rappresenta una condizione in cui il cuore ha perso la capacità di pompare sangue in tutto il corpo in modo adeguato alle richieste dell organismo. Questo non significa che il cuore si è fermato o è a rischio di cessare di battere. Significa che non pompa più sangue come dovrebbe, cioè non si riempie adeguatamente o non ha una forza sufficiente per svuotarsi e quantità da rispettare sono: almeno 25% di cacao e il 14% di latte. I termini superiore, fine o finissimo possono essere utilizzati quando il contenuto degli ingredienti principali è superiore rispetto alla ricetta base. Se in etichetta viene riportata l indicazione cioccolato finissimo, "extra" o superiore, il contenuto di cacao deve arrivare almeno al 43% nel caso del cioccolato e al 30% nel caso del cioccolato al latte. I prodotti di cioccolato si conservano a temperatura ambiente, purché non sia molto elevata. E' consigliabile conservare il cioccolato nella sua confezione originale oppure, in alternativa, avvolgerlo in carta stagnola e poi nella pellicola trasparente. Per mantenerlo inalterato, riporlo in un luogo fresco ed asciutto, lontano da fonti di luce e di calore. In presenza di ambienti più caldi o per prodotti molto delicati (come i gianduiotti o i cioccolatini al liquore), si consiglia la conservazione del prodotto, per un tempo non troppo lungo, in ambiente refrigerato, fino al momento di consumarlo, evitando così di sottoporre il prodotto a troppi sbalzi di temperatura. Scompenso cardiaco, giornata europea Il dottor Giovanni Di Tano, cardiologo dell'ospedale di Cremona non riesce ad immettere sangue in tutto il corpo, così come faceva prima della malattia. «Normalmente esso è la conseguenza di alcune patolofgie cardiache. Per questo è fondamentale riuscire ad individuarlo e trattarlo in maniera precoce. Tra queste ci sono: la malattia coronarica (l infarto miocardico); l'ipertensione arteriosa, il diabete mellito; lecardiomiopatie (malattie primitive del muscolo cardiaco caratterizzate da una esagerata dilatazione o aumento di volume del cuore), le malattie delle valvole cardiache; le alterazioni del ritmo cardiaco (aritmie). Alcune forme di scompenso, inoltre, hanno una componente di ereditarietà familiare o genetica». I segnali di allarme possono essere molteplici: «Quando cominciano i primi sintomi si può avvertire un senso di stanchezza/debolezza o difficoltà di respiro (mancanza di fiato/respiro corto) specie dopo uno sforzo fisico - spiega ancora Di Tano -. Si possono accusare anche accessi di tosse, mancanza di fiato durante la notte ed episodi di vertigini associati a senso di confusione. Nelle fasi più avanzate, i sintomi peggiorano per frequenza ed intensità: si può avvertire difficoltà di respirazione anche dopo semplici attività, come vestirsi o muoversi in casa». L'Ospedale di Cremona è dotato di un centro dedicato allo scompenso cardiaco. «I pazienti con scompenso sono quelli con più alto rischio di ri-ospedalizzazione - spiega ancora il medico, nell'evideziare l'importanza di essere seguiti dall'ambulatorio». I sintomi respiratori sono segno di congestione e accumulo di liquidi nel polmone. Un eccessivo e rapido accumulo di liquidi nel polmone può portare ad una condizione pericolosa per la vita detta edema polmonare acuto che richiede un trattamento in emergenza. Altri segno di accumulo liquidi nel corpo sono la comparsa di gonfiore alle caviglie, piedi, gambe ed aumento rapido del peso corporeo. A volte si stente il bisogno di urinare più spesso, soprattutto di notte. Verso la riqualificazione dei piccoli ospedali dei territori: arrivano i Pot Il programma per l avvio della innovativa sperimentazione dei Presidi Ospedalieri Territoriali costituisce un punto saliente della recente D.g.r. n. X/1521 del 20/03/2014. Nell ultimo decennio Regione Lombardia ha investito ingenti risorse per ammodernare la rete ospedaliera, dotandola di nuovi presidi. Gli investimenti effettuati costituiscono la base per avviare una seconda fase di interventi che veda l implementazione di nuovi punti di riferimento per i cittadini, complementari agli ospedali per acuti e coerenti con la volontà della Giunta Regionale di mantenere la presenza dei cosiddetti piccoli ospedali. Nell ambito della sperimentazione Pot i progetti presentati dalle Aziende Sanitarie dovranno riguardare esclusivamente la riqualificazione di strutture già esistenti e accreditate, e non l accreditamento di nuove strutture. I Pot, oggetto delle specifiche progettualità, non dovranno necessariamente riflettere un assetto strutturale definito a priori, ma piuttosto garantire un assetto funzionale adeguato alla presa in carico di pazienti cronici. I Pot saranno strutture di primo livello, in grado di erogare prestazioni sia in regime di ricovero (in posti tecnici per sub-acuti), che in regime ambulatoriale. I Pot saranno pienamente integrati sia nella rete ospedaliera attraverso l individuazione dei riferimenti territoriali per le emergenze e i servizi specialistici di 2 livello (Pronto Soccorso, Diagnostica di Laboratorio, Diagnostica per Immagini, etc.), che nella rete territoriale. I Pot, inoltre, potranno ospitare i Gruppi di Cure Primarie e/o singoli Ambulatori di Mmg, ponendosi così in integrazione e sinergia con il modello CReG. Una volta a regime, i Pot dovranno diventare il nodo funzionale della rete dei servizi per il percorso di diagnosi e cura dei pazienti cronici. Tutte le Aziende potranno aderire al programma attraverso un apposita richiesta che individui obiettivi; struttura, presidio oppure posti letto da riqualificare; tipologia di utenza e assetti organizzativi. di Ermanna Allevi Diplomata presso la scuola di Naturopatia dell'istituto RIZA Iscritta alla FINR (federazione italiana naturopati RIZA) Gentilissima naturopata Ermanna buongiorno e complimenti per le sue rubriche che trovo molto interessanti. Desideravo sapere cosa sono i chakra, a cosa servono, sono davvero importanti per la salute dell'uomo? Grazie M.Grazia Gli Indù li chiamano chakra, sono centri energetici del corpo che si possono chiamare anche vortici. Sono campi elettrici potenti, invisibili a occhio nudo. I chakra più importanti sono sette, ubicati lungo il canale energetico principale (base della colonna vertebrale-sommità del capo). Alcuni detti "secondari" sono molto importanti nei trattamenti di ribilanciamento energetico. Dei sette chakra principali sono singoli il primo e il settimo, mentre gli altri cinque sono doppi, presentano quindi un aspetto anteriore ed uno posteriore. Dal secondo al quinto la parte anteriore si relaziona con i sentimenti e le emozioni, la parte posteriore con la volontà. Il sesto (anteriore e posteriore) e il settimo sono connessi alla mente e alla ragione. Il primo e il settimo sono le due estremità del canale energetico principale e collegano l'essere umano con la Terra e con l'universo. Ogni chakra è legato ad una ghiandola endocrina, ad un organo, ad un colore, ad una nota. Eccesso o caranza di energie nei chakra si riflette sulla personalità e sullo stato emotivo dell'uomo. I chakra sono centri di energia sottile, dotati di forza vitale, si trovano all'esterno del corpo, ma all'interno dell'aura. Il loro squilibrio viene riequilibrato con i cristalli e con i colori. Nella rappresentazione orientale i chakra sono visti con un numero variabile di petali, come se fossero fiori.la buona funzionalità dei chakra è sinonimo di ottima saluta e di evoluzione secondo la medicina orientale. Per approfondire sui chakra può recarsi in una libreria dove troverà senz'altro dei volumi esaurienti. Ermanna Allevi risponde alle vostre domande scrivendo a: Oppure a: Riceve a Cremona in via Pallavicino 6 tel Riceve a Crema telefonando al

PDL-PD: CHI HA SPRECATO DI PIU

PDL-PD: CHI HA SPRECATO DI PIU Il PICCOLO CREMASCO Direttore responsabile: Sergio Cuti Società editrice: Promedia Soc. Coop. via Del sale 19, Cremona Amministrazione e diffusione via S. Bernardo 37/a Cremona tel. 0372 435474 Direzione

Dettagli

Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale

Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale dalla PROVINCIA al nuovo ENTE di AREA VASTA Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale a cura della federazione del PD di Cremona La legge 56/2014: limiti, rischi

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza,

Giornale degli Alunni della Scuola Media Virgilio Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza, Noi in poche pagine Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA XVI EDIZIONE ~ ANNO 2014-2015 9 ottobre 2014 SOMMARIO SPECIALE CLASSE 3^B Ø RIFLESSIONI DEI PRIMI GIORNI DI

Dettagli

RISULTATI DELLA RICERCA

RISULTATI DELLA RICERCA RISULTATI DELLA RICERCA 2011 Ricerca nazionale sul gioco d'azzardo 2011- Ricerca nazionale sulle abitudini di gioco degli italiani - curata dall Associazione Centro Sociale Papa Giovanni XXIII, e coordinata

Dettagli

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani Simone Feder 2004: Fabio Fabio, un ragazzo di 15 anni chiedeva un consiglio per aiutare suo padre, caduto da alcuni mesi in una rete sconosciuta che catturava

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Psoprattutto nella fase di informazione,

Psoprattutto nella fase di informazione, UNA VISIONE DALLA PARTE DELL UTENZA DEBOLE, CICLISTI E PEDONI Marco Passigato FIAB, Federazione Italiana Amici della Bicicletta rima di iniziare vorrei ringraziare le associazioni che hanno collaborato,

Dettagli

C O M U N E D I C A S T E L V E R D E

C O M U N E D I C A S T E L V E R D E C O M U N E D I C A S T E L V E R D E Provincia di Cremona ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N. 28 ADUNANZA DEL 21/07/2014 OGGETTO: PRESENTAZIONE DELLE LINEE PROGRAMMATICHE

Dettagli

Monitor Marca 2009 Si avvertono i segnali della fine della fase critica ABSTRATC INDAGINE

Monitor Marca 2009 Si avvertono i segnali della fine della fase critica ABSTRATC INDAGINE Dicembre 2009 presentazione Monitor Marca 2009 Si avvertono i segnali della fine della fase critica ABSTRATC INDAGINE Il quadro economico provinciale: le prospettive E ritiene che nel futuro la situazione

Dettagli

La classe 1 A Liceo Musicale Grosseto polo L. Bianciardi presenta

La classe 1 A Liceo Musicale Grosseto polo L. Bianciardi presenta La classe 1 A Liceo Musicale Grosseto polo L. Bianciardi presenta Il business del gioco in Italia è enorme e in rapida crescita: nel 2001 la raccolta annua era pari a 14 miliardi di euro. Oggi ammonta

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo.

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo. Sintesi del discorso di presentazione della mozione per la candidatura a segretario provinciale di Renato Veronesi, espressosi liberamente, senza l ausilio di una traccia scritta, durante i lavori della

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

QUINTO VOLUME: GENITORI E INSEGNATI

QUINTO VOLUME: GENITORI E INSEGNATI QUINTO VOLUME: GENITORI E INSEGNATI La motivazione e la creatività, bambini disattenti e iperattivi, integrare gli alunni stranieri nella scuola a cura di Marco Rossi Doria Presentazione Tutti i bambini

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

Ottobre 2013. 89ª Giornata Mondiale del Risparmio

Ottobre 2013. 89ª Giornata Mondiale del Risparmio Ottobre 2013 89ª Giornata Mondiale del Risparmio Obiettivi ACRI ha chiesto ad IPSOS di condurre un indagine con lo scopo di fornire informazioni e dati di trend, ove possibile dal 2001, rispetto a: Percezione

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO Sommario Questo capitolo tratta di gioco d azzardo e di gioco d azzardo problematico. Le esercitazioni di questo capitolo le consentiranno

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

Rilevazione 25 Novembre 2013. OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO Le due arene: lo stadio della società contro il ring della politica

Rilevazione 25 Novembre 2013. OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO Le due arene: lo stadio della società contro il ring della politica Rilevazione 25 Novembre 2013 OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO Le due arene: lo stadio della società contro il ring della politica Le notizie della settimana: la Sardegna concentra tutta l attenzione L alluvione

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

Una manovra di rigore ed equità.

Una manovra di rigore ed equità. Una manovra di rigore ed equità. Ispirata all'art. 3 della Costituzione: "È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona".

Dettagli

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante.

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante. I RAGAZZI E LE RAGAZZE RACCONTANO Daniele Quando aveva 13 anni Daniele viveva vicino a Milano con la sua famiglia: mamma, papà e Emanuele, il fratello maggiore, con cui andava molto d accordo; anzi, possiamo

Dettagli

PROVINCIA DI RAVENNA: I COSTI DELLA POLITICA E LA SPESA DI PROVINCIA E COMUNI

PROVINCIA DI RAVENNA: I COSTI DELLA POLITICA E LA SPESA DI PROVINCIA E COMUNI PROVINCIA DI RAVENNA: I POLITICA E LA SPESA DI PROVINCIA E PREMESSA Il tema dei costi della politica e della qualità della spesa pubblica assume una importanza strategica, in momento come quello attuale

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

OSSERVATORIO SUICIDI PER CRISI ECONOMICA Dati: 2012, 2013, 2014, 1 Semestre 2015 A cura di LINK LAB

OSSERVATORIO SUICIDI PER CRISI ECONOMICA Dati: 2012, 2013, 2014, 1 Semestre 2015 A cura di LINK LAB Sezione SUICIDI PER CRISI ECONOMICA OSSERVATORIO SUICIDI PER CRISI ECONOMICA Dati: 2012, 201, 2014, 1 Semestre 2015 A cura di LINK LAB (Laboratorio di Ricerca Socio Economica dell'università degli Studi

Dettagli

Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo

Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo REGIONE LOMBARDIA 38 Con la nascita del CCV-Lombardia, il volontariato PC della Regione compie un importante salto di qualità,

Dettagli

MARONI TOGLIE IL BOLLO AI MOTORINI La proposta della Lega Nord ora è realtà

MARONI TOGLIE IL BOLLO AI MOTORINI La proposta della Lega Nord ora è realtà Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e siti web Regione Lombardia) MARONI TOGLIE IL BOLLO AI MOTORINI La proposta

Dettagli

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder 1. Dati anagrafici Gli studenti che hanno compilato il questionario sono in totale 121 I maschi sono il 43% e

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI

DIVENTARE GENITORI OGGI In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia Sintesi della ricerca Roma, 1 ottobre 2014 La genitorialità come dimensione individuale L esperienza della genitorialità

Dettagli

CAPITOLO DUE GESTIRE IL DENARO

CAPITOLO DUE GESTIRE IL DENARO CAPITOLO DUE GESTIRE IL DENARO Sommario In questo capitolo scoprirà alcune cose su come - gestire il suo denaro - identificare alcune questioni economiche collegate al gioco - cominciare ad operare dei

Dettagli

Focus group di settore Fase di ascolto-confronto Formazione / Saperi

Focus group di settore Fase di ascolto-confronto Formazione / Saperi Focus group di settore Fase di ascolto-confronto Formazione / Saperi Incontro 29 luglio 2010 - Fiorano Valutazione contesto esistente 1. Quali sono in generale i 3 punti di debolezza attuali del distretto

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

SANITA. Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE A TUTTI

SANITA. Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE A TUTTI Il mio programma elettorale è frutto della voce delle persone che ho incontrato lungo il mio cammino e che sto incontrando nel corso della mia campagna elettorale SANITA Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE

Dettagli

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze)

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) È un piacere per il Comune di Firenze ospitare questo bellissimo incontro ricco di contenuti. Ho partecipato anche ai lavori di stamani. È

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Gentili ospiti Signore e Signori, Autorità e colleghi Costruttori, vi ringrazio della vostra presenza oggi alla

Dettagli

CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO. Cari castellani,

CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO. Cari castellani, CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO Cari castellani, è la prima occasione utile per sentirci con un po' più di calma dopo queste due settimane, a parte qualche post su Facebook che ha tentato di dar conto

Dettagli

News > Italia > Economia - Venerdì 24 Gennaio 2014, 16:30

News > Italia > Economia - Venerdì 24 Gennaio 2014, 16:30 Non investire fa male alla salute Erika Becchi Il settore sanitario italiano si avvia verso il pareggio di bilancio, ma con un prezzo molto caro per la comunità, che può contare sempre meno su servizi

Dettagli

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania Manifesto Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012 Bucarest, Romania Manifesto del PPE (Adottato durante il Congresso del PPE, Bucarest, 17 e 18 Ottobre 2012) 1. Chi siamo? Il Partito Popolare Europeo

Dettagli

OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L Italia nella bufera: crisi e proteste. Rilevazione 16 Dicembre 2013

OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L Italia nella bufera: crisi e proteste. Rilevazione 16 Dicembre 2013 OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L Italia nella bufera: crisi e proteste Rilevazione 16 Dicembre 2013 Le notizie della settimana: i Forconi COSA RICORDANO GLI ITALIANI Le proteste in piazza/ il movimento dei

Dettagli

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili.

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili. Testimonianza presentata al Convegno Amministrazione di sostegno e Volontariato svoltosi a Bologna il 14 ottobre 2011 Avvocato Carla Baiesi, Amministratore di Sostegno Mi è stato chiesto di dare al mio

Dettagli

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Giuseppe Iosa Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Domenica, 19 aprile 2015 Premessa Il Partito Democratico di Peschiera Borromeo,

Dettagli

AGENDA DIGITALE RAVENNA

AGENDA DIGITALE RAVENNA FOCUS GROUP AZIENDE 1 Sala Maraldi 13/11/2013 AGENDA PARTECIPANTI: 20 GENERE: 18 uomini, 2 donne ETA MEDIA: 48,3 NAZIONALITA : italiana COMUNE /QUARTIERE DI RESIDENZA: 14 Ravenna (chi ha specificato: 1

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO AIMC PIEMONTE S. DAMIANO ( convegno UCIIM) 2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO Sentiamo ormai da qualche anno parlare di emergenza educativa ma io amo di più l espressione Sfida educativa

Dettagli

RASSEGNA STAMPA TAGLI AL SOCIALE DEL COMUNE DI ROMA. 17 LUGLIO 2014 e giorni seguenti

RASSEGNA STAMPA TAGLI AL SOCIALE DEL COMUNE DI ROMA. 17 LUGLIO 2014 e giorni seguenti RASSEGNA STAMPA TAGLI AL SOCIALE DEL COMUNE DI ROMA 17 LUGLIO 2014 e giorni seguenti TELEVISIONI Trasmissione 56 Live : in studio: Francesca Danese e Claudio Cippitelli Conferenza stampa Social Pride,

Dettagli

educazione finanziaria atelier condividere con voi la mia esperienza di insegnamento

educazione finanziaria atelier condividere con voi la mia esperienza di insegnamento Ringrazio gli organizzatori e i colleghi che hanno deciso di dedicare il loro tempo a questa iniziativa. Mi presento. Io insegno EIF e FA nei corsi di Laurea di Economia: quindi insegno a ragazzi grandi

Dettagli

Sondaggio realizzato da Ispos Public Affair IL RISPARMIO E LE GIOVANI ENERAZIONI

Sondaggio realizzato da Ispos Public Affair IL RISPARMIO E LE GIOVANI ENERAZIONI Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. Sondaggio realizzato da Ispos Public Affair IL RISPARMIO E LE GIOVANI ENERAZIONI NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al regolamento

Dettagli

I pet owner in Italia Approccio alla salute e al benessere animale

I pet owner in Italia Approccio alla salute e al benessere animale I pet owner in Italia Approccio alla salute e al benessere animale ! " " #$%&''& (% % )*+ %&,-...''/ Nota Metodologica %0"1'.0"1 2 &34,3 $!"# " $!% &' ( )* + ),-+ +.. +! ++ +./0112" "*0".. -*3*4/ 4141"051012"-*3*4/6.0(

Dettagli

SUL REFERENDUM DI BOLOGNA CHE CHIEDE DI ELIMINARE I CONTRIBUTI ALLE SCUOLE PARITARIE

SUL REFERENDUM DI BOLOGNA CHE CHIEDE DI ELIMINARE I CONTRIBUTI ALLE SCUOLE PARITARIE COMUNICATO STAMPA SUL REFERENDUM DI BOLOGNA CHE CHIEDE DI ELIMINARE I CONTRIBUTI ALLE SCUOLE PARITARIE Roma, 11 gennaio Il 26 maggio prossimo i cittadini bolognesi saranno chiamati al voto per un referendum

Dettagli

Io so cosa sto consumando

Io so cosa sto consumando LICEO ECONOMICO SOCIALE CASTELLI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CASTELLI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO IMMACOLATA Io so cosa sto consumando Noi ragazzi dell'istituto Immacolata della classe 3B abbiamo

Dettagli

PERCORSO PARTECIPATIVO di SUPPORTO ALLA REALIZZAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI MEDICINA

PERCORSO PARTECIPATIVO di SUPPORTO ALLA REALIZZAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI MEDICINA PERCORSO PARTECIPATIVO di SUPPORTO ALLA REALIZZAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI MEDICINA -- RELAZIONE FINALE -- A cura di Leonardo Dovigo Marzo 2014 0 PERCORSO PARTECIPATIVO

Dettagli

Noi abbiamo voluto sostenere la prima fiera mediterranea a Venosa e promuovere il convegno al quale parteciperà non solo l assessore alle Attività

Noi abbiamo voluto sostenere la prima fiera mediterranea a Venosa e promuovere il convegno al quale parteciperà non solo l assessore alle Attività Piero LACORAZZA Noi abbiamo voluto sostenere la prima fiera mediterranea a Venosa e promuovere il convegno al quale parteciperà non solo l assessore alle Attività Produttive, ma anche il dirigente dell

Dettagli

"Sono lusingata per il riconoscimento e la fiducia che mi è stata a accordata - dichiara la neo

Sono lusingata per il riconoscimento e la fiducia che mi è stata a accordata - dichiara la neo Non Profit: eletti i nuovi vertici del MODAVI, Bellucci presidente per rinnovare gli organi dirigenti dell associazione. È stata eletta presidente Maria Teresa Bellucci, psicologa e psicoterapeuta; mentre

Dettagli

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Dicembre 2009 ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Sabato 28 novembre si è svolta la tredicesima edizione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare. Anche nella nostra provincia la mobilitazione è stata

Dettagli

LABORATORIO PIGOTTE PER UNICEF

LABORATORIO PIGOTTE PER UNICEF Comitato Unicef Emilia Romagna Comitato Unicef Bologna LABORATORIO PIGOTTE PER UNICEF presso la Casa Circondariale di Bologna Le testimonianze delle detenute e delle volontarie Le detenute: B. O. (Romania)

Dettagli

ANNI DI LEGA IN LOMBARDIA

ANNI DI LEGA IN LOMBARDIA 2 ANNI DI LEGA IN LOMBARDIA 1 Massimiliano Romeo Monzese, 44 anni, ha lavorato fino al 2010 presso lo studio di consulenza automobilistica di famiglia. Iscritto alla Lega Nord dal 1992, Responsabile del

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Città di Somma Lombardo Provincia di Varese REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 63 del 15 ottobre 2007 ) P.zza Vittorio

Dettagli

Miglioramento della gestione delle acque meteoriche nell area urbana di Cremona

Miglioramento della gestione delle acque meteoriche nell area urbana di Cremona Miglioramento della gestione delle acque meteoriche nell area urbana di Cremona Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Ing. Andrea Guereschi A.E.M. Gestioni s.r.l. 1 Necessità di

Dettagli

Le Politiche Sociali, Regione per Regione

Le Politiche Sociali, Regione per Regione Le Politiche Sociali, Regione per Regione Presentato oggi il report sulle buone intenzioni dei candidati alla guida delle Regioni Presentato oggi in conferenza stampa il report con le risposte dei singoli

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Committente e Acquirente: Acri Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa

Committente e Acquirente: Acri Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa Public S.r.l. Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO SONDAGGIO IPSOS - ACRI 86ª Giornata Mondiale del Risparmio SONDAGGIO IPSOS - Rigore e sviluppo nell era del mercato. Risultati diffusi nell ambito della

Dettagli

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Scopri come i grandi investitori hanno posto le basi per il loro successo. Tutto quello che devi assolutamente conoscere prima

Dettagli

I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra

I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra Progetto rivolto alle classi della scuola primaria dell Emilia Romagna per l anno scolastico 2010-2011 COLDIRETTI Coldiretti, con un milione

Dettagli

1 di 6 07/10/2012 12.45

1 di 6 07/10/2012 12.45 1 di 6 07/10/2012 12.45 cerca nel sito... - cerca per Comune - Cerca con Google Sei il visitatore n 80.558.433 Il primo giornale online della provincia di Lecco redazione@merateonline.it per la tua pubblicità

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

MISSIONE MONITORAGGIO, ACQUISTO MULINO E SCAVO POZZO A TABLIGBO, TOGO JOSEPH KOUTO KOMI

MISSIONE MONITORAGGIO, ACQUISTO MULINO E SCAVO POZZO A TABLIGBO, TOGO JOSEPH KOUTO KOMI MISSIONE MONITORAGGIO, ACQUISTO MULINO E SCAVO POZZO A TABLIGBO, TOGO JOSEPH KOUTO KOMI 1 Arrivato a Lomé dopo un viaggio che ha superato le 24 ore, con scalo a Casablanca, Marocco, il 05.07.07, atterro

Dettagli

una iniziativa promossa da Welfare, Italia: focus sul Lazio. Ridare valore alle risorse di famiglie e lavoratori Sintesi

una iniziativa promossa da Welfare, Italia: focus sul Lazio. Ridare valore alle risorse di famiglie e lavoratori Sintesi una iniziativa promossa da Welfare, Italia: focus sul Lazio. Ridare valore alle risorse di famiglie e lavoratori Sintesi Roma, 19 settembre 2013 Indice 1. L integrazione familiare dell offerta sanitaria

Dettagli

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE INDAGINE: COME I MANAGER VIVONO LA CRISI REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE Il sondaggio effettuato a fine anno da Astra Ricerche per Manageritalia parla chiaro: i manager sentono la crisi sulla propria

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

Enti regionali e locali in azione durante l'anno europeo del volontariato 2011. Bruxelles, 26 gennaio 2011. Fa fede solo il discorso pronunciato

Enti regionali e locali in azione durante l'anno europeo del volontariato 2011. Bruxelles, 26 gennaio 2011. Fa fede solo il discorso pronunciato Enti regionali e locali in azione durante l'anno europeo del volontariato 2011 Bruxelles, 26 gennaio 2011 DISCORSO DI MERCEDES BRESSO, PRESIDENTE DEL COMITATO DELLE REGIONI Fa fede solo il discorso pronunciato

Dettagli

BUONE PRATICHE nei COLLETTIVI

BUONE PRATICHE nei COLLETTIVI SCHEDA TECNICA BUONE PRATICHE nei COLLETTIVI I collettivi sono gruppi di studenti che nelle scuole si riuniscono con una cadenza generalmente settimanale per discutere dei problemi della scuola, del proprio

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione

PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione INTRODUZIONE Pace e Sviluppo dopo 20 anni di attività come Cooperativa si trova ad essere tra

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Parlamento delle Idee

Parlamento delle Idee Il 14 aprile 2015 siamo andati a Potenza per far visita alla sede della Regione Basilicata. Siamo stati accolti in una delle tante sale che la compongono e ci è stato mostrato un breve filmato che spiegava

Dettagli

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 11 15/06/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 5 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 9 DOSSIER CONFCOMMERCIO

Dettagli

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA!

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! I piccoli reporter della Guglielmo Marconi intervistano la dott.ssa Laura Bottini, psicologa che collabora con il nostro istituto. A cura del gruppo 4 dei Piccoli Reporter Quando

Dettagli

Associazione Torino a 5 stelle Amici di Beppe Grillo. Verbale della riunione del 16 luglio 2009

Associazione Torino a 5 stelle Amici di Beppe Grillo. Verbale della riunione del 16 luglio 2009 Associazione Torino a 5 stelle Amici di Beppe Grillo Verbale della riunione del 16 luglio 2009 In data 16 Luglio 2009, presso la sede dell Asai, sita in Torino, via Sant Anselmo, si è tenuta l assemblea

Dettagli

L agenda per lo sviluppo di Mantova secondo imprenditori e cittadini

L agenda per lo sviluppo di Mantova secondo imprenditori e cittadini L agenda per lo sviluppo di Mantova secondo imprenditori e cittadini Rif. 1350v214 Mantova, 14 Maggio 2015 OBIETTIVI e METODOLOGIA Confindustria Mantova ha chiesto ad ISPO Ricerche di effettuare una ricerca

Dettagli

MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE quarto anno all estero

MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE quarto anno all estero MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE quarto anno all estero PREMESSA La creazione di un ambiente sempre più favorevole allo scambio interculturale è uno degli obiettivi primari della scuola ed i programmi

Dettagli

Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società Modena Calcio - rappresentanze di tifosi UISP Modena Progetto Ultrà

Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società Modena Calcio - rappresentanze di tifosi UISP Modena Progetto Ultrà Progetto/azione Il tifoso protagonista della sicurezza Responsabilità Gabinetto del Sindaco Politiche per la Sicurezza Urbana Soggetti coinvolti Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7 1/7 CAMERA DEI DEPUTATI SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECIRE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE MARTEDÌ 14 LUGLIO 2009 PRESIDENZA

Dettagli

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con LEZIONE 1 ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. (conoscersi) venti giorni fa a

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

LA NORMATIVA ITALIANA PER L EDILIZIA SOCIALE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi

LA NORMATIVA ITALIANA PER L EDILIZIA SOCIALE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi LA NORMATIVA ITALIANA PER L EDILIZIA SOCIALE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi Protocollo di intervista semi- strutturata Dati intervista Intervista n. 2 Data intervista: 16 maggio

Dettagli

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE.

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PUNTO N. 6 DEL 27/06/2011 OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PRESIDENTE: Prima di passare al punto successivo, volevo dire che probabilmente per quanto

Dettagli

Ormai sono passati quasi 20 anni da quando, terminate le scuole superiori, ho fondato la prima società di software.

Ormai sono passati quasi 20 anni da quando, terminate le scuole superiori, ho fondato la prima società di software. PREFAZIONE Ormai sono passati quasi 20 anni da quando, terminate le scuole superiori, ho fondato la prima società di software. Ho costituito, oltre 29 aziende in Italia e all estero, ed ormai ho una certa

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli