G. RICHARD SHELL IL VANTAGGIO DI NEGOZIARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "G. RICHARD SHELL IL VANTAGGIO DI NEGOZIARE"

Transcript

1 G. RICHARD SHELL IL VANTAGGIO DI NEGOZIARE Storie e strategie di professionisti della trattativa Presentazione di GIUSEPPE DE PALO & LEONARDO D URSO Edizione italiana a cura di Giuffrè Editore

2 G. RICHARD SHELL IL VANTAGGIO DI NEGOZIARE Storie e strategie di professionisti della trattativa Presentazione di GIUSEPPE DE PALO & LEONARDO D URSO Edizione italiana a cura di Giuffrè Editore

3 PRESENTAZIONE 1. La performance negoziale come metro di misura del successo professionale Il successo di liberi professionisti, imprenditori e manager si misura spesso dalla capacità di concludere affari vantaggiosi, di gestirli nel tempo e di risolvere tempestivamente eventuali controversie che da essi insorgano. Il comune denominatore di queste attività è la capacità di negoziare efficacemente. La competenza tecnica nel proprio ambito di lavoro può essere poco determinante, infatti, se non si è in grado di applicarla sul campo. Così, la perfetta conoscenza del diritto societario ad esempio non rende automaticamente l avvocato in grado di negoziare il miglior accordo parasociale per il proprio cliente. Lo stesso avviene nel campo aziendale, ove l abilità di un manager nell ideare strategie di espansione non si traduce necessariamente nella capacità di stringere accordi vantaggiosi con potenziali partner o distributori. La creazione di nuova ricchezza per sé e per gli altri è in gran parte il frutto dell abilità del negoziatore di concludere efficacemente le trattative (deal making negotiation). Secondo l opinione comune, il negoziato termina con la firma di un contratto. Questo è senz altro vero nei casi di vendita spot di un bene (come la compravendita di un automobile usata, in ipotesi). Nella maggior parte dei casi, tuttavia, la conclusione del contratto rappresenta solo l inizio di un rapporto duraturo, basato su continue negoziazioni e rinegoziazioni. Accordi solenni possono fallire miseramente e in tempi rapidi se le parti non riescono a instaurare un buon rapporto nel tempo. L assunzione di un nuovo collaboratore, contratti di distribuzione, fusioni e acquisizioni rappresentano solo per citare alcuni casi intese che hanno necessità di manutenzione negoziale (deal managing negotiation). Infine si pensi a un avvocato espertissimo in diritto bancario e fallimentare che non riesca a raggiungere un accordo soddisfacente con banche e creditori per conto del proprio cliente in difficoltà. Oppure, si consideri l imprenditore di successo che non riesca a raggiungere una transazione con la controparte in lite e quindi finisca per dover ricorrere in tribunale. Quando le parti si ritrovano in buona fede coinvolte in un conflitto complesso e al tempo stesso vorrebbero mantenere un rapporto d affari la negozia-

4 VI Presentazione zione è ancora una volta lo strumento più indicato per evitare i costi diretti e indiretti, quanto spesso inutili, di un lungo scontro nelle aule di giustizia (dispute resolution negotiation). 2. L efficacia di un negoziatore non si misura in base a quanti accordi ha concluso Saper negoziare efficacemente, pertanto, rappresenta uno strumento decisivo per svolgere con successo la propria professione. Ma come si misura il successo di una negoziazione e quindi l abilità di un negoziatore? Aver chiuso un nuovo contratto dopo settimane di trattative, o aver evitato la minaccia di un azione legale con una transazione all ultimo minuto, implica di per sé una vittoria negoziale? Molti identificano la chiusura positiva di un negoziato con il successo, ritenendo di conseguenza che un negoziatore sia tanto più efficace quanto maggiore è il numero di trattative condotte a termine. In realtà, quando un contratto viene siglato esiste solo un risultato: quello che le parti hanno convenuto. La sola cosa certa è che le parti hanno preferito quell accordo rispetto a ogni altra alternativa negoziale. Analogamente, se un contratto non viene chiuso si parla di fallimento del negoziato e del negoziatore. Vero è che, in entrambi i casi, non sapremo mai se altri negoziatori avrebbero ottenuto un risultato diverso, nelle medesime circostanze. Anche nei casi apparentemente positivi, a chi negozia per professione resta quindi sempre un dubbio: avrei potuto ottenere condizioni migliori? Un paio di esempi provenienti dalla nostra esperienza oramai decennale di docenti di negoziazione possono aiutare a trovare risposta a questo interrogativo. I corsi di formazione in materia di negoziazione sono basati essenzialmente sull utilizzo di video e simulazioni, in omaggio al noto principio pedagogico, riferito a Confucio, per cui uno: dimentica quello che ascolta, ricorda quello che vede e comprende quello che fa. I docenti utilizzano casi simulati che rappresentano una gran varietà di situazioni negoziali in termini di oggetto, eventuale relazione esistente tra le parti, quantità di punti da concordare, numero delle parti coinvolte, presenza o meno di consulenti, difficoltà nel chiudere il contratto in base all esistenza o meno di una zona di contrattazione positiva tra le richieste delle parti. Due simulazioni negoziali, in particolare, sono estremamente

5 Presentazione VII utili per dimostrare come si possa misurare il successo di una trattativa. La prima simulazione riguarda la compravendita di un terreno e vede quindi contrapposti un venditore e un acquirente; la seconda verte sulla determinazione dei diversi termini contrattuali dell ingaggio stagionale di una cantante nel ruolo di primo soprano da parte di un teatro lirico. I partecipanti vengono divisi in coppie e, sulla base di istruzioni confidenziali, ciascuno deve tentare di negoziare il miglior accordo possibile per sé. In entrambi i casi, tutte le coppie di negoziatori trovano solitamente chi prima, chi dopo un accordo. Le informazioni confidenziali, infatti, sono tali da consentire alle parti un ampio margine di contrattazione. Alla fine della simulazione, di norma, tutte le coppie si dichiarano molto soddisfatte del risultato raggiunto e dell andamento delle trattative, mentre consegnano al docente copia del contratto con il quale si conclude il loro esercizio negoziale. Tuttavia, la soddisfazione generale dura assai poco, ossia sino a quando i singoli contratti (relativi, a seconda dei casi, al prezzo del terreno compravenduto o all ingaggio della cantante) vengono confrontati tra loro. Partendo dallo stesso set di informazioni, fatalmente ciascuna coppia di negoziatori raggiunge un risultato diverso da quello delle altre, facendo perfino sospettare alcuni ma non è vero che le informazioni confidenziali distribuite siano disomogenee. Nella prima simulazione negoziale, ove il solo obiettivo è quello di negoziare il prezzo di vendita del terreno, in assenza di qualsivoglia relazione presente o futura tra le parti, talune coppie si accordano per cifre astronomiche e altre per cifre assai modeste, fino a sette volte inferiori. Nella simulazione relativa all ingaggio della cantante, invece, ove le parti stanno di fatto dando avvio a un rapporto di durata, in oltre il 70% dei casi l accordo consta unicamente di un numero: il cachet della soprano. Solo il 30% circa dei negoziatori, concentrandosi sui veri interessi delle parti, come emergono da un attenta lettura delle informazioni confidenziali, riesce a concludere accordi creativi che, oltre alla determinazione del compenso fisso, prevedono bonus monetari basati sulle vendite dei biglietti, campagne promozionali di interesse sia della cantante che del teatro, royalties congiunte sullo sfruttamento promozionale e pubblicitario dello show e altri benefits capaci di allargare la torta. L obiettivo pedagogico delle simulazioni non è tanto quello di

6 VIII Presentazione far sperimentare le difficoltà della trattativa, quanto far comprendere ai corsisti: 1) l estrema varietà quantitativa e soprattutto qualitativa degli accordi possibili, partendo da un singolo set di informazioni; e 2) le diverse strategie che il negoziatore deve adottare a seconda delle circostanze e della controparte (la simulazione, evidentemente, termina con un debriefing ove sono esposte sia le tecniche che hanno condotto agli esiti migliori, sia quelle che hanno portato ai risultati più scadenti). La singola vicenda negoziale, come un fascio di luce che attraversi un prisma, si scompone grazie alla tecnica simulativa in molteplici trattative e quindi risultati, permettendo ai corsisti di apprendere rapidamente che il fallimento negoziale non consiste solo nel mancato raggiungimento dell accordo, ma anche nella produzione di accordi sub-ottimali alla luce delle circostanze del caso. In via di estrema sintesi, in questa sede può dirsi che il confronto tra tutti gli accordi conferma quanto da tempo affermato dalla migliore dottrina in materia di negoziazione, ossia che i risultati migliori dipendono grandemente dal livello di preparazione dei negoziatori e dalla loro motivazione. Nello stesso senso, del resto, sono le osservazioni sperimentali, e quindi le prescrizioni pratico-professionali, di Richard Shell. 3. A scuola di negoziazione: la necessità di una adeguata formazione del professionista come negoziatore Nonostante l evidente importanza di un uso consapevole ed efficace della negoziazione, l apprendimento delle diverse tecniche, delle dinamiche e delle tattiche negoziali è spesso del tutto trascurato. Così, nella pratica quotidiana, la possibilità di trovare soluzioni mutuamente soddisfacenti è spesso lasciata inesplorata sul tavolo delle trattative, con le parti che ricorrono a tecniche di puro antagonismo invece di adottare un approccio che consenta di addivenire a soluzioni migliori per entrambe. Conoscere e saper scegliere le tecniche e le strategie negoziali più appropriate a seconda delle circostanze, e riconoscere quelle della controparte, è compito tanto impegnativo quanto indispensabile per un professionista. Infatti, affrontare una trattativa senza l opportuna preparazione, basandosi esclusivamente sul proprio intuito, può portare a risultati disastrosi, in particolare quando si fronteggiano avversari

7 Presentazione IX che padroneggiano l arte e la scienza della negoziazione. I rischi di ottenere scarsi risultati o di fallire crescono a dismisura, ovviamente, quando si tratta di negoziati complessi; si pensi alle trattative cui partecipano più di due parti, con o senza rappresentanti, magari di diverse nazionalità, e in cui vi siano molteplici elementi su cui occorre accordarsi. Tradizionalmente, l insegnamento in Italia delle tematiche professionali ed in particolare di quelle giuridiche, economiche e contabili si focalizza sulla conoscenza del diritto e della dottrina, mentre la formazione manageriale punta su materie come la gestione aziendale, la finanza e il marketing. In entrambi i casi, i percorsi formativi sono incentrati sulle conoscenze (cosa conosco) e raramente sulle competenze (cosa so fare). Il miglioramento delle capacità e delle abilità del professionista e del manager è quindi del tutto trascurato sia nel percorso formativo di base che prepara alla vita lavorativa, sia nei programmi ancora a dire il vero poco frequentati di aggiornamento professionale, incentrati quasi esclusivamente sulle novità legislative. Il problema dell insegnamento della negoziazione, si badi, non riguarda solo l Italia. Robert Mnookin, della Harvard Law School, ha sottolineato i tre grandi pregiudizi sull insegnamento della negoziazione che occorre sfatare. Il primo è che non esiste una teoria della negoziazione. A negoziare, secondo questo pregiudizio, s imparerebbe solo sul campo, evidentemente anche a costo di errori assai gravi. L enorme successo di centri di emanazione della cultura negoziale come il Program on Negotiation della stessa Università di Harvard dimostra in realtà il contrario. Per gli accademici sostenitori dell interdisciplinarità negli studi, la negoziazione è anzi un settore di particolare interesse, tagliando trasversalmente il diritto, le teorie economiche, la psicologia, la sociologia, le scienze politiche e altre discipline ancora. Sebbene nessuna di queste discipline sia in grado di fornire da sola tutte le risposte alle domande che lo studio della negoziazione pone, va detto che, specie negli ultimi venti anni, una produzione letteraria sterminata e molto sofisticata ha contribuito ad aumentare considerevolmente la nostra comprensione della materia. Un secondo falso mito a proposito della negoziazione è che le persone imparano dalla propria esperienza. Al contrario, è evidente che la maggior parte delle persone non impara affatto dalla propria esperienza. Non diversamente da tutti gli individui, i nego-

8 X Presentazione ziatori tendono a comportarsi seguendo le proprie abitudini, frutto magari di pratiche standard che a volte funzionano a loro favore, altre volte no. Affrontare il negoziato basandosi esclusivamente sulla propria esperienza, è però un approccio ad alto rischio. Questi negoziatori, nella quotidianità delle trattative professionali, sia che continuino cautelativamente a comportarsi allo stesso modo nelle circostanze più diverse, sia che tentino di sperimentare nuovi approcci e tattiche, possono causare gravi danni a sé e ai propri clienti. Uno tra i principali benefici delle simulazioni negoziali, non a caso, è proprio la possibilità di accrescere la consapevolezza della propria esperienza negoziale in un ambiente privo di rischi. Il terzo falso mito, conseguente ai precedenti, è che la negoziazione non può essere insegnata. Secondo questa convinzione, è sufficiente appellarsi alle proprie, innate capacità pratiche per cimentarsi nella trattativa secondo il detto: negoziatori si nasce, non si diventa. Anche in questo caso, sono i fatti a contraddire la vulgata. E tra questi, non pensiamo sia senza motivo la circostanza che tutte le migliori università, non più solo d oltreoceano, offrano da molti anni corsi di negoziazione, di vari livelli, che sono poi tra i più seguiti e apprezzati, quando non si tratti addirittura di insegnamenti obbligatori! 4. Barganing for Advantage: uno dei lavori più straordinari degli ultimi anni nel campo della negoziazione In una tra le più prestigiose in assoluto di queste università, la Wharton School of Business, insegna negoziazione da anni G. Richard Shell, il cui libro Barganing for Advantage, tradotto in molte lingue, è oramai divenuto un classico della materia. Il lavoro di Shell, intenso e di grande intrattenimento, s incunea scientificamente tra le due anime principali della letteratura di settore: il filone prescrittivo, rappresentato da Getting to YES di Fisher e Ury, e quello descrittivo, riconducibile alla scuola della psicologia cognitiva di Stanford e ad autori di altra formazione, come il già citato Mnookin. Coraggiosamente, e convincentemente, Shell sfida l affidabilità di concetti divenuti capisaldi teorici, come quello di BATNA (Best Alternative to a Negotiated Agreement), ritenendoli insufficienti. Allo stesso modo, mette in guardia rispetto a espressioni bon a tout

9 Presentazione XI faire come win-win, che finiscono per esaurirsi, a un analisi attenta, in concetti astratti e persino fuorvianti. Riassunto capitolo per capitolo, ecco di seguito l affascinante percorso attraverso il quale ci accompagna Richard Shell, coniugando la ricerca sperimentale più avanzata con il racconto di intriganti vicende negoziali, per accrescere la nostra consapevolezza e capacità negoziale. I primi capitoli sono dedicati ai sei fondamenti della negoziazione, che ogni buon negoziatore deve conoscere. Questi sei elementi, combinandosi tra loro in modo sempre diverso, influenzano lo svolgimento e il risultato stesso della negoziazione, rendendo ciascuna trattativa un caso a sé. Lo stile negoziale. Analizzando i modi con cui gli individui affrontano la conflittualità, gli psicologi hanno identificato cinque principali stili negoziali: competitivo, cooperativo, accomodante, arrendevole, salomonico. Anche se situazioni differenti possono stimolare l uso di stili ben diversi tra loro, ogni individuo possiede uno stile innato di cui è necessario conoscerne bene i limiti e i punti di forza, per riuscire a negoziare con successo. Obiettivi e aspettative. Per pianificare una qualsiasi strategia negoziale è necessario porsi obiettivi precisi. Nel campo della negoziazione, tuttavia, si distinguono almeno due tipi di obiettivi: i cosiddetti punti di resistenza (o condizioni minimali) e le prospettive ambiziose, ma ragionevoli, di accordo. Numerosi studi sulla negoziazione rivelano che puntare in alto permette di raggiungere risultati soddisfacenti. Al contrario, puntare in basso conduce a risultati deludenti. Nella negoziazione è dunque particolarmente importante definire obiettivi ambiziosi da raggiungere, la cui ragionevolezza può essere misurata sulla base della conformità a determinate regole. Le regole comuni di condotta. È dimostrato che ancorare la propria richiesta a regole di condotta comunemente accettate aumenta il proprio potere negoziale. Secondo gli studiosi di psicologia, questo aumento è maggiore quando le regole evocate sono condivise dalla controparte; gli individui, infatti, generalmente aspirano sia ad apparire coerenti rispetto a posizioni e principi pubblicamente affermati, sia a mostrare deferenza verso l autorità costituita (in questo caso, le norme socialmente condivise). La deferenza all autorità, tuttavia, deve mettere in guardia dalle possibili trappole negoziali create

10 XII Presentazione dalla controparte, che potrebbe evocare norme ingiuste e magari false. I rapporti interpersonali. L equità, l affabilità e la rettitudine professionale aumentano la fiducia e quindi la possibilità d instaurare buoni rapporti negoziali con chi sta dall altra parte del tavolo. Concedere qualcosa alla controparte, ad esempio, può indurla a contraccambiare, grazie al principio di reciprocità studiato in particolare dalla psicologia sociale. Diversi esempi di negoziato tra giganti dell economia e della finanza testimoniano l efficacia e l utilità di saper stabilire buone relazioni. Gli interessi della controparte. Scoprire gli interessi della controparte è importante sia per anticipare eventuali obiezioni, sia per presentare la propria proposta negoziale in modo che essa contempli il soddisfacimento dei bisogni altrui. I negoziatori inesperti, invece, assumono che gli interessi propri e altrui siano necessariamente in conflitto, insistendo nel ribadire i propri a scapito di quelli della controparte. Paradossalmente, diversi esempi di negoziato di successo dimostrano che è spesso possibile proporre soluzioni creative, e mutuamente soddisfacenti, quando gli interessi delle parti sono divergenti. Il potere. Anche la parte apparentemente più debole dispone di potere negoziale. Il potere negoziale, infatti, consiste nella capacità di: a) procurare un beneficio alla controparte (potere negoziale positivo), b) procurare un danno (potere negoziale negativo), e c) invocare a proprio vantaggio norme e principi cui la controparte può avere difficoltà a dichiararsi contraria (potere negoziale normativo). Limitarsi a migliorare le proprie alternative a un accordo non è quindi il modo migliore per aumentare il proprio potere negoziale. Chiariti gli elementi fondamentali della negoziazione, nei successivi capitoli Shell ci guida passo dopo passo attraverso lo svolgimento del procedimento negoziale. Ciascuna delle quattro fasi sequenziali in cui ogni trattativa dalla più breve alla più complessa può essere divisa, è analizzata in grande dettaglio. Pianificare la propria strategia. Analizzare la situazione negoziale in cui ci si trova coinvolti, nella sua interezza, è indispensabile per pianificare la propria strategia. In particolare, è necessario comprendere quanta importanza assumono sia le relazioni personali sia l oggetto della negoziazione (ad es., il prezzo o gli interessi extra-monetari). Difatti, alcune strategie risultano più efficaci in un

11 Presentazione XIII contesto cooperativo, altre in uno competitivo, ossia in una trattativa incentrata quasi esclusivamente sulla sostanza dell accordo. Nel caso la situazione negoziale richieda l adozione di strategie estranee al proprio stile naturale di negoziazione, è consigliabile farsi assistere nella preparazione da una persona esperta. Scambiare informazioni. La qualità e quantità d informazioni oggetto di scambio variano a seconda della situazione negoziale di riferimento. Nei negoziati cooperativi, ad esempio, è utile scambiarsi una serie di informazioni anche molto personali per riuscire a stabilire un intesa o una relazione proficua. In ogni caso, è sempre bene ascoltare prima e parlare poi, per non rischiare di rivelare informazioni di cui la controparte potrebbe approfittare. Fare concessioni. Quali sono i vantaggi di fare per primi un offerta? Quali, invece, gli svantaggi? Come quantificare la nostra prima offerta? Come procedere nelle concessioni? A queste domande Shell dà risposta mediante esempi concreti di negoziazione e descrivendo l impatto di noti fenomeni psicologici (ad es., la svalutazione reattiva). Shell non associa in modo semplicistico l etichetta di negoziazione cooperativa o competitiva, rispettivamente, alla procedura di negoziazione fondata sul soddisfacimento degli interessi extra-monetari e a quella mirante alla mera divisione dell oggetto negoziato. Sia la negoziazione sul prezzo che quella sugli interessi, infatti, possono essere condotte in modo cooperativo o competitivo. Raggiungere e consolidare l accordo. Superata la fase di contrattazione vera e propria, coloro che desiderano raggiungere speditamente un accordo possono sfruttare meccanismi psicologici quali l overcommitment, ossia la tendenza umana a non abbandonare una trattativa dopo aver investito in essa molto tempo ed energie. Oppure, possono incrementare il desiderio della controparte di concludere l accordo evidenziando la scarsità, sul mercato, di valide soluzioni alternative. Tuttavia, consolidare un accordo è altrettanto importante quanto raggiungerlo. In altre parole, bisogna cercare di formulare l intesa in modo tale che entrambe le parti, in caso d inadempimento, perdano vantaggi e credibilità. Il penultimo capitolo, che è forse anche quello più importante, è dedicato all etica nella negoziazione. Rispettare i principi. Sparare richieste iniziali estreme, dissimulare il proprio punto di resistenza e sfruttare il potere di vari meccanismi psicologi possono sembrare tecniche negoziali contra-

12 XIV Presentazione rie all etica. In realtà, condurre le trattative efficacemente non è necessariamente sinonimo di negoziazione senza scrupoli. La rettitudine è un elemento importante del processo di negoziazione e tale, oltre tutto, da produrre spesso risultati molto vantaggiosi. Shell sintetizza infine, nel dodicesimo capitolo, una serie di consigli per diventare abili negoziatori. Il paziente lavoro di traduzione del testo è stato curato, in prima bozza, da Onelia Onorati. A finalizzare la versione italiana hanno contributo Marco Perrini e soprattutto Giusy Trapuzzano. Roma, maggio 2005 GIUSEPPE DE PALO LEONARDO D URSO

13 INDICE Presentazione... Prefazione.... Introduzione... 1 V XXI Parte I I SEI FONDAMENTI DELLA NEGOZIAZIONE EFFICACE 1. IL PRIMO FONDAMENTO: LO STILE NEGOZIALE Parlare alla montagna Il percorso della negoziazione Siamo tutti negoziatori Qual è il vostro stile? I cinque stili negoziali fondamentali La personalità cooperativa e quella competitiva È meglio non sprecare tempo a tentare di cambiare lo stile della controparte Le altre caratteristiche che rendono la negoziazione efficace La volontà di prepararsi L aspirazione a raggiungere obiettivi ambiziosi La pazienza di ascoltare L onestà Da Manhattan al Monte Meru Sintesi IL SECONDO FONDAMENTO: OBIETTIVI E ASPETTATIVE Non farai mai centro senza prendere bene la mira Puntare agli obiettivi o fermarsi al proprio punto di resistenza? Cosa volete davvero? Obiettivi ambiziosi ma realistici Siate concreti Impegnatevi a raggiungere i vostri scopi: scriveteli e discutetene Nella negoziazione tenetevi stretti i vostri obiettivi Sintesi IL TERZO FONDAMENTO: REGOLE E STANDARD DI CONDOTTA La storia dei due maiali Dai suini ai prezzi di listino: il ruolo delle norme nella negoziazione Un altra componente psicologica: il desiderio di coerenza Il principio di coerenza e il potere delle regole... 53

14 XVI Indice 5. Attenzione alle trappole psicologiche Chiamare in causa il pubblico Il Mahatma Gandhi viaggia in prima classe Le regole di condotta nel mercato Il potere degli slogan: L America part-time non funziona Il potere dell autorità Sintesi IL QUARTO FONDAMENTO: I RAPPORTI INTERPERSONALI La norma della reciprocità Morgansifaunamico Il gioco degli ultimatum: un test di equità I rapporti interpersonali nella pianificazione di un negoziato Amicizia o rapporto d affari? Le strategie psicologiche per costruire i rapporti di lavoro Il principio di analogia Il ruolo dei regali e dei favori La fiducia e le reti di conoscenze Le trappole relazionali per gli incauti Fidarsi troppo presto Le trappole della reciprocità Negoziazione con gli amici in caso di poste molto elevate Sintesi IL QUINTO FONDAMENTO: GLI INTERESSI DELLA CONTROPARTE Quali sono gli interessi della controparte? I negoziatori efficaci e il loro comportamento Capite chi prende le decisioni Cercate interessi in comune: come possono esservi utili gli obiettivi della controparte? Individuate gli interessi che potrebbero interferire con l accordo: perchè chi ci sta di fronte dovrebbe dire di no alla nostra proposta? Cercate soluzioni economiche per risolvere i problemi della controparte e raggiungere i vostri obiettivi Sintesi IL SESTO FONDAMENTO: IL POTERE Il potere: equilibrio tra bisogni e paure Gli ostaggi dei musulmani di Hanafi Chi ha il controllo della situazione? Le minacce devono essere credibili Il tempo rappresenta un fattore importante, ma per chi? Create un occasione di dialogo: fate delle piccole concessioni Date alla controparte l impressione che perderebbe troppo da un mancato accordo

15 Indice XVII 8. Tipologie di potere Il potere positivo Il potere negativo Il potere normativo Il potere delle coalizioni Le opinioni erronee sul potere Potere e influenza non sono la stessa cosa Il potere non è una costante Il potere non dipende dai fatti in astratto Il potere all interno delle famiglie, delle aziende e delle organizzazioni Sintesi Parte II IL PROCESSO NEGOZIALE 7. LA PRIMA FASE: PREPARARE LA PROPRIA STRATEGIA Le quattro fasi della negoziazione La prima fase della preparazione: la valutazione Quarto quadrante: il coordinamento tacito Terzo quadrante: le transazioni C è un errore, Signor Morgan Secondo quadrante: i rapporti interpersonali A meno che lei non pensi io possa vivere con meno Primo quadrante: l equilibrio dei fattori I pasti vegetariani di Benjamin Franklin La seconda fase della preparazione: combinare la situazione, la strategia e lo stile La terza fase della preparazione: esaminare la situazione dal punto di vista degli altri Mettete insieme il puzzle: il piano negoziale Sintesi LA SECONDA FASE: LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI La prima finalità dello scambio di informazioni: stabilire un rapporto tra le parti La regola del gradimento Le trappole delle relazioni interpersonali: strafare o agire con leggerezza La seconda finalità dello scambio di informazioni: imparare a conoscere interessi, temi e percezioni della controparte Morita riceve una visita Gli amici non fanno causa Invece di chiacchierare fate molte domande La natura strategica dello scambio di informazioni

16 XVIII Indice 3. La terza finalità dello scambio di informazioni: segnalare aspettative e potere Primo caso: una posizione negoziale debole Secondo caso: una posizione negoziale forte Se intendete essere flessibili, fatelo sapere alla controparte per avere qualcosa in cambio Sintesi LA TERZA FASE: FARE CONCESSIONI Gli interrogativi sulle tattiche della negoziazione La prima domanda: chi deve aprire le trattative? La seconda domanda: devo esordire con proposte ottimistiche o ragionevoli? Perché fare aperture ottimistiche è utile nelle transazioni? Attenzione alle aperture ottimistiche Quando non avete potere Se la controparte non tratta Se è più di una transazione La terza domanda: quali concessioni funzionano meglio? Fare concessioni in situazioni diverse Il coordinamento tacito Le relazioni interpersonali Le transazioni I molteplici oggetti negoziali: la negoziazione integrativa Fare concessioni nelle situazioni in cui vi è equilibrio di fattori Una breve nota sulla dinamica del buono e del cattivo Sintesi LA QUARTA FASE: RAGGIUNGERE E CONSOLIDARE L ACCORDO I barbari alle porte Abbiamo bisogno di una proroga L effetto scarsità L effetto scarsità dovuto alla grande richiesta di un bene: la competizione L effetto scarsità provocato dallo scadere del tempo: gli ultimatum La scarsità dovuta all abbandono del negoziato Torniamo alla RJR L effetto sovra-coinvolgimento nel negoziato Trarre vantaggio dall avversione alla perdita Un ultimo sguardo a Kravis e alla RJR Tattiche di chiusura più delicate: dividiamo la differenza? Cosa succede se il negoziato fallisce? Riavviare il processo di negoziazione Non accontentatevi di un accordo: fate in modo che la controparte s impegni a rispettarlo Quattro modi per assicurarsi l adempimento delle promesse Sintesi

17 Indice XIX 11. NEGOZIARE CON IL DIAVOLO SENZA PERDERE L ANIMA: L ETICA DELLA NEGOZIAZIONE Il problema etico fondamentale dei negoziatori L etica prima di tutto Il principio comune: rispettare la legge Il primo requisito: la consapevolezza Il secondo requisito: le rappresentazioni erronee Il terzo requisito: i fatti Il quarto requisito: la materialità Il quinto requisito: l affidamento Il sesto requisito: il danno Oltre la legge: uno sguardo all etica I tre approcci all etica della negoziazione La filosofia del poker La filosofia idealista La filosofia pragmatista Le scuole etiche in azione Negoziare con il diavolo: l arte di difendersi Era il mio prezzo! Offerte concertate Le tecniche contro i metodi scorretti Attenti alle transazioni Appellatevi ai rapporti interpersonali, quando è possibile Indagate a fondo Siate assertivi e insistenti Mantenete il vostro codice comportamentale, senza abbassarvi alle regole altrui Una galleria di tattiche dure Mentire sui minimi accettabili e sulle alternative a disposizione Prendersi gioco della controparte La pista falsa Lo stratagemma della rappresentanza Il sovra-coinvolgimento Il buono e il cattivo La trappola della coerenza Lo stratagemma della reciprocità Qualcosina di più Sintesi CONCLUSIONI: DIVENTARE UN ABILE NEGOZIATORE Uno sguardo finale all efficacia negoziale Sette strumenti per persone fondamentalmente cooperative Sette strumenti per persone fondamentalmente competitive Ultime considerazioni

18 XX Indice APPENDICE A. SUGGERIMENTI PER COMPRENDERE IL PROPRIO STILE NEGOZIALE B. PIANO PER UNA NEGOZIAZIONE FONDATA SULL INFOR- MAZIONE Cenni bibliografici

19 PREFAZIONE Non avrei potuto scrivere un libro come questo senza la collaborazione di molti. Tre persone hanno avuto un ruolo di particolare rilevanza. Innanzitutto, desidero ringraziare mia moglie Robbie per il suo paziente e meticoloso lavoro di correzione del testo. In qualità di giornalista e redattrice professionale, mi ha insegnato a essere chiaro e a utilizzare uno stile netto, privo di tecnicismo accademico. In secondo luogo, ringrazio il mio agente, Michael Snell, che mi ha incoraggiato, è stato sempre ottimista e mi ha assistito con la sua presenza dalla fase progettuale dell opera fino alla sua completa realizzazione. È stato una guida illuminata nei misteri del mercato editoriale del settore. Infine, desidero ringraziare Jane von Mehren, della casa editrice Viking Penguin, per aver creduto nel mio libro, averlo migliorato con la sua direzione editoriale e per essere stata una collaboratrice così cordiale, professionale e scrupolosa. Il suo senso dell umorismo mi ha aiutato a mantenere il mio. Nella fase della stesura del testo, diversi amici e colleghi mi hanno concesso il loro tempo per leggere e commentare analiticamente le bozze. Ringraziamenti del tutto particolari vanno a Simon Auster, Peter Cappelli, Eric Orts, Maurice Schweitzer e Michael Wheeler. Anche altri studiosi hanno letto tutto o parte del mio manoscritto e mi hanno dato suggerimenti utili. Si tratta di Larry Susskind, James White, Robert Cialdini, Tom Dunkee, Alan Strudler, Stuart Diamond, Howard Kunreuther, Bob Mittelstaedt, Michael Stein, Leslie Goode e Tod Ibrahim. Gli studenti MBA della Wharton che hanno seguito i miei corsi di negoziazione nell autunno del 1997 e nella primavera del 1998, insieme ai professionisti che hanno seguito il Wharton Executive Negotiation Workshop, mi hanno fornito commenti e raccontato vicende memorabili da includere nel libro a titolo d esempio. Jon A. Bjornson ha curato la parte grafica del volume. Due membri dello staff del Dipartimento di Studi Giuridici della Wharton hanno incessantemente trascritto, corretto e assemblato le bozze, a mano a mano che scrivevo. Si tratta di Tamara English e della mia assistente Andrea King. Li ringrazio infinitamente per il loro cortese contributo. Jeremy Bagai, Bernardette

20 XXII Prefazione Spina, Tracy Denton e Brian Okey hanno fornito una continua assistenza per le ricerche. Questa opera è frutto di un vero e proprio cammino intellettuale oltre che di un progetto editoriale. Sono particolarmente grato al Professor Robert Cialdini, la cui opera Influence: The Psychology of Persuasion mi ha svelato i principi della ricerca della psicologia sociale, così interessante per la negoziazione. Il libro di Cialdini ha rappresentato un modello per la saggistica sulla ricerca sociale, facile da leggere e persino divertente. Devo ricordare anche il collega Stuart Diamond, docente ai corsi di negoziazione della Wharton, che si confronta sempre con me sulla materia. La sua insistenza sull importanza della pratica giornaliera, degli stili personali e delle norme mi ha indotto ad approfondire questi aspetti dell insegnamento della negoziazione, e dell efficacia, più di quanto avrei mai potuto fare di mia iniziativa. Per finire, non dimentico di aver intrattenuto negli anni rapporti di collaborazione con molti organismi di cui fanno parte leader nel campo della negoziazione e della risoluzione dei conflitti. Ho avuto un esperienza particolarmente stimolante frequentando da Visiting Scholar il Program on Negotiation di Harvard, nell anno accademico Voglio ringraziare anche Larry Susskind del MIT, Len Greenhalgh della Dartmouth, Howard Raiffa della Harvard Business School, Max Bazerman della Kellogg School presso la Northwestern University e Roy Lewicki della Ohio State University. Questi studiosi mi hanno trasmesso le loro conoscenze sulla negoziazione, mi hanno fornito con estrema generosità tutto il materiale didattico di cui avevo bisogno all inizio e hanno posto alla mia attenzione gli interrogativi di natura intellettuale e pratica che rendono così vivace questo campo di studi. G. RICHARD SHELL

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare?

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? TECNICHE H. Sei Cappelli per Pensare 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? Il metodo dei sei cappelli per pensare è stato inventato da Edward de Bono nel 1980. I cappelli rappresentano

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee Scuole Europee Ufficio del Segretario generale Segretariato Generale Rif. : 2009-D-422-it-5 Orig. : FR Versione: IT Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION I. SCOPO POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION La corruzione è proibita dalle leggi di quasi tutte le giurisdizioni al mondo. Danaher Corporation ( Danaher ) si impegna a rispettare le leggi

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli