G. RICHARD SHELL IL VANTAGGIO DI NEGOZIARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "G. RICHARD SHELL IL VANTAGGIO DI NEGOZIARE"

Transcript

1 G. RICHARD SHELL IL VANTAGGIO DI NEGOZIARE Storie e strategie di professionisti della trattativa Presentazione di GIUSEPPE DE PALO & LEONARDO D URSO Edizione italiana a cura di Giuffrè Editore

2 G. RICHARD SHELL IL VANTAGGIO DI NEGOZIARE Storie e strategie di professionisti della trattativa Presentazione di GIUSEPPE DE PALO & LEONARDO D URSO Edizione italiana a cura di Giuffrè Editore

3 PRESENTAZIONE 1. La performance negoziale come metro di misura del successo professionale Il successo di liberi professionisti, imprenditori e manager si misura spesso dalla capacità di concludere affari vantaggiosi, di gestirli nel tempo e di risolvere tempestivamente eventuali controversie che da essi insorgano. Il comune denominatore di queste attività è la capacità di negoziare efficacemente. La competenza tecnica nel proprio ambito di lavoro può essere poco determinante, infatti, se non si è in grado di applicarla sul campo. Così, la perfetta conoscenza del diritto societario ad esempio non rende automaticamente l avvocato in grado di negoziare il miglior accordo parasociale per il proprio cliente. Lo stesso avviene nel campo aziendale, ove l abilità di un manager nell ideare strategie di espansione non si traduce necessariamente nella capacità di stringere accordi vantaggiosi con potenziali partner o distributori. La creazione di nuova ricchezza per sé e per gli altri è in gran parte il frutto dell abilità del negoziatore di concludere efficacemente le trattative (deal making negotiation). Secondo l opinione comune, il negoziato termina con la firma di un contratto. Questo è senz altro vero nei casi di vendita spot di un bene (come la compravendita di un automobile usata, in ipotesi). Nella maggior parte dei casi, tuttavia, la conclusione del contratto rappresenta solo l inizio di un rapporto duraturo, basato su continue negoziazioni e rinegoziazioni. Accordi solenni possono fallire miseramente e in tempi rapidi se le parti non riescono a instaurare un buon rapporto nel tempo. L assunzione di un nuovo collaboratore, contratti di distribuzione, fusioni e acquisizioni rappresentano solo per citare alcuni casi intese che hanno necessità di manutenzione negoziale (deal managing negotiation). Infine si pensi a un avvocato espertissimo in diritto bancario e fallimentare che non riesca a raggiungere un accordo soddisfacente con banche e creditori per conto del proprio cliente in difficoltà. Oppure, si consideri l imprenditore di successo che non riesca a raggiungere una transazione con la controparte in lite e quindi finisca per dover ricorrere in tribunale. Quando le parti si ritrovano in buona fede coinvolte in un conflitto complesso e al tempo stesso vorrebbero mantenere un rapporto d affari la negozia-

4 VI Presentazione zione è ancora una volta lo strumento più indicato per evitare i costi diretti e indiretti, quanto spesso inutili, di un lungo scontro nelle aule di giustizia (dispute resolution negotiation). 2. L efficacia di un negoziatore non si misura in base a quanti accordi ha concluso Saper negoziare efficacemente, pertanto, rappresenta uno strumento decisivo per svolgere con successo la propria professione. Ma come si misura il successo di una negoziazione e quindi l abilità di un negoziatore? Aver chiuso un nuovo contratto dopo settimane di trattative, o aver evitato la minaccia di un azione legale con una transazione all ultimo minuto, implica di per sé una vittoria negoziale? Molti identificano la chiusura positiva di un negoziato con il successo, ritenendo di conseguenza che un negoziatore sia tanto più efficace quanto maggiore è il numero di trattative condotte a termine. In realtà, quando un contratto viene siglato esiste solo un risultato: quello che le parti hanno convenuto. La sola cosa certa è che le parti hanno preferito quell accordo rispetto a ogni altra alternativa negoziale. Analogamente, se un contratto non viene chiuso si parla di fallimento del negoziato e del negoziatore. Vero è che, in entrambi i casi, non sapremo mai se altri negoziatori avrebbero ottenuto un risultato diverso, nelle medesime circostanze. Anche nei casi apparentemente positivi, a chi negozia per professione resta quindi sempre un dubbio: avrei potuto ottenere condizioni migliori? Un paio di esempi provenienti dalla nostra esperienza oramai decennale di docenti di negoziazione possono aiutare a trovare risposta a questo interrogativo. I corsi di formazione in materia di negoziazione sono basati essenzialmente sull utilizzo di video e simulazioni, in omaggio al noto principio pedagogico, riferito a Confucio, per cui uno: dimentica quello che ascolta, ricorda quello che vede e comprende quello che fa. I docenti utilizzano casi simulati che rappresentano una gran varietà di situazioni negoziali in termini di oggetto, eventuale relazione esistente tra le parti, quantità di punti da concordare, numero delle parti coinvolte, presenza o meno di consulenti, difficoltà nel chiudere il contratto in base all esistenza o meno di una zona di contrattazione positiva tra le richieste delle parti. Due simulazioni negoziali, in particolare, sono estremamente

5 Presentazione VII utili per dimostrare come si possa misurare il successo di una trattativa. La prima simulazione riguarda la compravendita di un terreno e vede quindi contrapposti un venditore e un acquirente; la seconda verte sulla determinazione dei diversi termini contrattuali dell ingaggio stagionale di una cantante nel ruolo di primo soprano da parte di un teatro lirico. I partecipanti vengono divisi in coppie e, sulla base di istruzioni confidenziali, ciascuno deve tentare di negoziare il miglior accordo possibile per sé. In entrambi i casi, tutte le coppie di negoziatori trovano solitamente chi prima, chi dopo un accordo. Le informazioni confidenziali, infatti, sono tali da consentire alle parti un ampio margine di contrattazione. Alla fine della simulazione, di norma, tutte le coppie si dichiarano molto soddisfatte del risultato raggiunto e dell andamento delle trattative, mentre consegnano al docente copia del contratto con il quale si conclude il loro esercizio negoziale. Tuttavia, la soddisfazione generale dura assai poco, ossia sino a quando i singoli contratti (relativi, a seconda dei casi, al prezzo del terreno compravenduto o all ingaggio della cantante) vengono confrontati tra loro. Partendo dallo stesso set di informazioni, fatalmente ciascuna coppia di negoziatori raggiunge un risultato diverso da quello delle altre, facendo perfino sospettare alcuni ma non è vero che le informazioni confidenziali distribuite siano disomogenee. Nella prima simulazione negoziale, ove il solo obiettivo è quello di negoziare il prezzo di vendita del terreno, in assenza di qualsivoglia relazione presente o futura tra le parti, talune coppie si accordano per cifre astronomiche e altre per cifre assai modeste, fino a sette volte inferiori. Nella simulazione relativa all ingaggio della cantante, invece, ove le parti stanno di fatto dando avvio a un rapporto di durata, in oltre il 70% dei casi l accordo consta unicamente di un numero: il cachet della soprano. Solo il 30% circa dei negoziatori, concentrandosi sui veri interessi delle parti, come emergono da un attenta lettura delle informazioni confidenziali, riesce a concludere accordi creativi che, oltre alla determinazione del compenso fisso, prevedono bonus monetari basati sulle vendite dei biglietti, campagne promozionali di interesse sia della cantante che del teatro, royalties congiunte sullo sfruttamento promozionale e pubblicitario dello show e altri benefits capaci di allargare la torta. L obiettivo pedagogico delle simulazioni non è tanto quello di

6 VIII Presentazione far sperimentare le difficoltà della trattativa, quanto far comprendere ai corsisti: 1) l estrema varietà quantitativa e soprattutto qualitativa degli accordi possibili, partendo da un singolo set di informazioni; e 2) le diverse strategie che il negoziatore deve adottare a seconda delle circostanze e della controparte (la simulazione, evidentemente, termina con un debriefing ove sono esposte sia le tecniche che hanno condotto agli esiti migliori, sia quelle che hanno portato ai risultati più scadenti). La singola vicenda negoziale, come un fascio di luce che attraversi un prisma, si scompone grazie alla tecnica simulativa in molteplici trattative e quindi risultati, permettendo ai corsisti di apprendere rapidamente che il fallimento negoziale non consiste solo nel mancato raggiungimento dell accordo, ma anche nella produzione di accordi sub-ottimali alla luce delle circostanze del caso. In via di estrema sintesi, in questa sede può dirsi che il confronto tra tutti gli accordi conferma quanto da tempo affermato dalla migliore dottrina in materia di negoziazione, ossia che i risultati migliori dipendono grandemente dal livello di preparazione dei negoziatori e dalla loro motivazione. Nello stesso senso, del resto, sono le osservazioni sperimentali, e quindi le prescrizioni pratico-professionali, di Richard Shell. 3. A scuola di negoziazione: la necessità di una adeguata formazione del professionista come negoziatore Nonostante l evidente importanza di un uso consapevole ed efficace della negoziazione, l apprendimento delle diverse tecniche, delle dinamiche e delle tattiche negoziali è spesso del tutto trascurato. Così, nella pratica quotidiana, la possibilità di trovare soluzioni mutuamente soddisfacenti è spesso lasciata inesplorata sul tavolo delle trattative, con le parti che ricorrono a tecniche di puro antagonismo invece di adottare un approccio che consenta di addivenire a soluzioni migliori per entrambe. Conoscere e saper scegliere le tecniche e le strategie negoziali più appropriate a seconda delle circostanze, e riconoscere quelle della controparte, è compito tanto impegnativo quanto indispensabile per un professionista. Infatti, affrontare una trattativa senza l opportuna preparazione, basandosi esclusivamente sul proprio intuito, può portare a risultati disastrosi, in particolare quando si fronteggiano avversari

7 Presentazione IX che padroneggiano l arte e la scienza della negoziazione. I rischi di ottenere scarsi risultati o di fallire crescono a dismisura, ovviamente, quando si tratta di negoziati complessi; si pensi alle trattative cui partecipano più di due parti, con o senza rappresentanti, magari di diverse nazionalità, e in cui vi siano molteplici elementi su cui occorre accordarsi. Tradizionalmente, l insegnamento in Italia delle tematiche professionali ed in particolare di quelle giuridiche, economiche e contabili si focalizza sulla conoscenza del diritto e della dottrina, mentre la formazione manageriale punta su materie come la gestione aziendale, la finanza e il marketing. In entrambi i casi, i percorsi formativi sono incentrati sulle conoscenze (cosa conosco) e raramente sulle competenze (cosa so fare). Il miglioramento delle capacità e delle abilità del professionista e del manager è quindi del tutto trascurato sia nel percorso formativo di base che prepara alla vita lavorativa, sia nei programmi ancora a dire il vero poco frequentati di aggiornamento professionale, incentrati quasi esclusivamente sulle novità legislative. Il problema dell insegnamento della negoziazione, si badi, non riguarda solo l Italia. Robert Mnookin, della Harvard Law School, ha sottolineato i tre grandi pregiudizi sull insegnamento della negoziazione che occorre sfatare. Il primo è che non esiste una teoria della negoziazione. A negoziare, secondo questo pregiudizio, s imparerebbe solo sul campo, evidentemente anche a costo di errori assai gravi. L enorme successo di centri di emanazione della cultura negoziale come il Program on Negotiation della stessa Università di Harvard dimostra in realtà il contrario. Per gli accademici sostenitori dell interdisciplinarità negli studi, la negoziazione è anzi un settore di particolare interesse, tagliando trasversalmente il diritto, le teorie economiche, la psicologia, la sociologia, le scienze politiche e altre discipline ancora. Sebbene nessuna di queste discipline sia in grado di fornire da sola tutte le risposte alle domande che lo studio della negoziazione pone, va detto che, specie negli ultimi venti anni, una produzione letteraria sterminata e molto sofisticata ha contribuito ad aumentare considerevolmente la nostra comprensione della materia. Un secondo falso mito a proposito della negoziazione è che le persone imparano dalla propria esperienza. Al contrario, è evidente che la maggior parte delle persone non impara affatto dalla propria esperienza. Non diversamente da tutti gli individui, i nego-

8 X Presentazione ziatori tendono a comportarsi seguendo le proprie abitudini, frutto magari di pratiche standard che a volte funzionano a loro favore, altre volte no. Affrontare il negoziato basandosi esclusivamente sulla propria esperienza, è però un approccio ad alto rischio. Questi negoziatori, nella quotidianità delle trattative professionali, sia che continuino cautelativamente a comportarsi allo stesso modo nelle circostanze più diverse, sia che tentino di sperimentare nuovi approcci e tattiche, possono causare gravi danni a sé e ai propri clienti. Uno tra i principali benefici delle simulazioni negoziali, non a caso, è proprio la possibilità di accrescere la consapevolezza della propria esperienza negoziale in un ambiente privo di rischi. Il terzo falso mito, conseguente ai precedenti, è che la negoziazione non può essere insegnata. Secondo questa convinzione, è sufficiente appellarsi alle proprie, innate capacità pratiche per cimentarsi nella trattativa secondo il detto: negoziatori si nasce, non si diventa. Anche in questo caso, sono i fatti a contraddire la vulgata. E tra questi, non pensiamo sia senza motivo la circostanza che tutte le migliori università, non più solo d oltreoceano, offrano da molti anni corsi di negoziazione, di vari livelli, che sono poi tra i più seguiti e apprezzati, quando non si tratti addirittura di insegnamenti obbligatori! 4. Barganing for Advantage: uno dei lavori più straordinari degli ultimi anni nel campo della negoziazione In una tra le più prestigiose in assoluto di queste università, la Wharton School of Business, insegna negoziazione da anni G. Richard Shell, il cui libro Barganing for Advantage, tradotto in molte lingue, è oramai divenuto un classico della materia. Il lavoro di Shell, intenso e di grande intrattenimento, s incunea scientificamente tra le due anime principali della letteratura di settore: il filone prescrittivo, rappresentato da Getting to YES di Fisher e Ury, e quello descrittivo, riconducibile alla scuola della psicologia cognitiva di Stanford e ad autori di altra formazione, come il già citato Mnookin. Coraggiosamente, e convincentemente, Shell sfida l affidabilità di concetti divenuti capisaldi teorici, come quello di BATNA (Best Alternative to a Negotiated Agreement), ritenendoli insufficienti. Allo stesso modo, mette in guardia rispetto a espressioni bon a tout

9 Presentazione XI faire come win-win, che finiscono per esaurirsi, a un analisi attenta, in concetti astratti e persino fuorvianti. Riassunto capitolo per capitolo, ecco di seguito l affascinante percorso attraverso il quale ci accompagna Richard Shell, coniugando la ricerca sperimentale più avanzata con il racconto di intriganti vicende negoziali, per accrescere la nostra consapevolezza e capacità negoziale. I primi capitoli sono dedicati ai sei fondamenti della negoziazione, che ogni buon negoziatore deve conoscere. Questi sei elementi, combinandosi tra loro in modo sempre diverso, influenzano lo svolgimento e il risultato stesso della negoziazione, rendendo ciascuna trattativa un caso a sé. Lo stile negoziale. Analizzando i modi con cui gli individui affrontano la conflittualità, gli psicologi hanno identificato cinque principali stili negoziali: competitivo, cooperativo, accomodante, arrendevole, salomonico. Anche se situazioni differenti possono stimolare l uso di stili ben diversi tra loro, ogni individuo possiede uno stile innato di cui è necessario conoscerne bene i limiti e i punti di forza, per riuscire a negoziare con successo. Obiettivi e aspettative. Per pianificare una qualsiasi strategia negoziale è necessario porsi obiettivi precisi. Nel campo della negoziazione, tuttavia, si distinguono almeno due tipi di obiettivi: i cosiddetti punti di resistenza (o condizioni minimali) e le prospettive ambiziose, ma ragionevoli, di accordo. Numerosi studi sulla negoziazione rivelano che puntare in alto permette di raggiungere risultati soddisfacenti. Al contrario, puntare in basso conduce a risultati deludenti. Nella negoziazione è dunque particolarmente importante definire obiettivi ambiziosi da raggiungere, la cui ragionevolezza può essere misurata sulla base della conformità a determinate regole. Le regole comuni di condotta. È dimostrato che ancorare la propria richiesta a regole di condotta comunemente accettate aumenta il proprio potere negoziale. Secondo gli studiosi di psicologia, questo aumento è maggiore quando le regole evocate sono condivise dalla controparte; gli individui, infatti, generalmente aspirano sia ad apparire coerenti rispetto a posizioni e principi pubblicamente affermati, sia a mostrare deferenza verso l autorità costituita (in questo caso, le norme socialmente condivise). La deferenza all autorità, tuttavia, deve mettere in guardia dalle possibili trappole negoziali create

10 XII Presentazione dalla controparte, che potrebbe evocare norme ingiuste e magari false. I rapporti interpersonali. L equità, l affabilità e la rettitudine professionale aumentano la fiducia e quindi la possibilità d instaurare buoni rapporti negoziali con chi sta dall altra parte del tavolo. Concedere qualcosa alla controparte, ad esempio, può indurla a contraccambiare, grazie al principio di reciprocità studiato in particolare dalla psicologia sociale. Diversi esempi di negoziato tra giganti dell economia e della finanza testimoniano l efficacia e l utilità di saper stabilire buone relazioni. Gli interessi della controparte. Scoprire gli interessi della controparte è importante sia per anticipare eventuali obiezioni, sia per presentare la propria proposta negoziale in modo che essa contempli il soddisfacimento dei bisogni altrui. I negoziatori inesperti, invece, assumono che gli interessi propri e altrui siano necessariamente in conflitto, insistendo nel ribadire i propri a scapito di quelli della controparte. Paradossalmente, diversi esempi di negoziato di successo dimostrano che è spesso possibile proporre soluzioni creative, e mutuamente soddisfacenti, quando gli interessi delle parti sono divergenti. Il potere. Anche la parte apparentemente più debole dispone di potere negoziale. Il potere negoziale, infatti, consiste nella capacità di: a) procurare un beneficio alla controparte (potere negoziale positivo), b) procurare un danno (potere negoziale negativo), e c) invocare a proprio vantaggio norme e principi cui la controparte può avere difficoltà a dichiararsi contraria (potere negoziale normativo). Limitarsi a migliorare le proprie alternative a un accordo non è quindi il modo migliore per aumentare il proprio potere negoziale. Chiariti gli elementi fondamentali della negoziazione, nei successivi capitoli Shell ci guida passo dopo passo attraverso lo svolgimento del procedimento negoziale. Ciascuna delle quattro fasi sequenziali in cui ogni trattativa dalla più breve alla più complessa può essere divisa, è analizzata in grande dettaglio. Pianificare la propria strategia. Analizzare la situazione negoziale in cui ci si trova coinvolti, nella sua interezza, è indispensabile per pianificare la propria strategia. In particolare, è necessario comprendere quanta importanza assumono sia le relazioni personali sia l oggetto della negoziazione (ad es., il prezzo o gli interessi extra-monetari). Difatti, alcune strategie risultano più efficaci in un

11 Presentazione XIII contesto cooperativo, altre in uno competitivo, ossia in una trattativa incentrata quasi esclusivamente sulla sostanza dell accordo. Nel caso la situazione negoziale richieda l adozione di strategie estranee al proprio stile naturale di negoziazione, è consigliabile farsi assistere nella preparazione da una persona esperta. Scambiare informazioni. La qualità e quantità d informazioni oggetto di scambio variano a seconda della situazione negoziale di riferimento. Nei negoziati cooperativi, ad esempio, è utile scambiarsi una serie di informazioni anche molto personali per riuscire a stabilire un intesa o una relazione proficua. In ogni caso, è sempre bene ascoltare prima e parlare poi, per non rischiare di rivelare informazioni di cui la controparte potrebbe approfittare. Fare concessioni. Quali sono i vantaggi di fare per primi un offerta? Quali, invece, gli svantaggi? Come quantificare la nostra prima offerta? Come procedere nelle concessioni? A queste domande Shell dà risposta mediante esempi concreti di negoziazione e descrivendo l impatto di noti fenomeni psicologici (ad es., la svalutazione reattiva). Shell non associa in modo semplicistico l etichetta di negoziazione cooperativa o competitiva, rispettivamente, alla procedura di negoziazione fondata sul soddisfacimento degli interessi extra-monetari e a quella mirante alla mera divisione dell oggetto negoziato. Sia la negoziazione sul prezzo che quella sugli interessi, infatti, possono essere condotte in modo cooperativo o competitivo. Raggiungere e consolidare l accordo. Superata la fase di contrattazione vera e propria, coloro che desiderano raggiungere speditamente un accordo possono sfruttare meccanismi psicologici quali l overcommitment, ossia la tendenza umana a non abbandonare una trattativa dopo aver investito in essa molto tempo ed energie. Oppure, possono incrementare il desiderio della controparte di concludere l accordo evidenziando la scarsità, sul mercato, di valide soluzioni alternative. Tuttavia, consolidare un accordo è altrettanto importante quanto raggiungerlo. In altre parole, bisogna cercare di formulare l intesa in modo tale che entrambe le parti, in caso d inadempimento, perdano vantaggi e credibilità. Il penultimo capitolo, che è forse anche quello più importante, è dedicato all etica nella negoziazione. Rispettare i principi. Sparare richieste iniziali estreme, dissimulare il proprio punto di resistenza e sfruttare il potere di vari meccanismi psicologi possono sembrare tecniche negoziali contra-

12 XIV Presentazione rie all etica. In realtà, condurre le trattative efficacemente non è necessariamente sinonimo di negoziazione senza scrupoli. La rettitudine è un elemento importante del processo di negoziazione e tale, oltre tutto, da produrre spesso risultati molto vantaggiosi. Shell sintetizza infine, nel dodicesimo capitolo, una serie di consigli per diventare abili negoziatori. Il paziente lavoro di traduzione del testo è stato curato, in prima bozza, da Onelia Onorati. A finalizzare la versione italiana hanno contributo Marco Perrini e soprattutto Giusy Trapuzzano. Roma, maggio 2005 GIUSEPPE DE PALO LEONARDO D URSO

13 INDICE Presentazione... Prefazione.... Introduzione... 1 V XXI Parte I I SEI FONDAMENTI DELLA NEGOZIAZIONE EFFICACE 1. IL PRIMO FONDAMENTO: LO STILE NEGOZIALE Parlare alla montagna Il percorso della negoziazione Siamo tutti negoziatori Qual è il vostro stile? I cinque stili negoziali fondamentali La personalità cooperativa e quella competitiva È meglio non sprecare tempo a tentare di cambiare lo stile della controparte Le altre caratteristiche che rendono la negoziazione efficace La volontà di prepararsi L aspirazione a raggiungere obiettivi ambiziosi La pazienza di ascoltare L onestà Da Manhattan al Monte Meru Sintesi IL SECONDO FONDAMENTO: OBIETTIVI E ASPETTATIVE Non farai mai centro senza prendere bene la mira Puntare agli obiettivi o fermarsi al proprio punto di resistenza? Cosa volete davvero? Obiettivi ambiziosi ma realistici Siate concreti Impegnatevi a raggiungere i vostri scopi: scriveteli e discutetene Nella negoziazione tenetevi stretti i vostri obiettivi Sintesi IL TERZO FONDAMENTO: REGOLE E STANDARD DI CONDOTTA La storia dei due maiali Dai suini ai prezzi di listino: il ruolo delle norme nella negoziazione Un altra componente psicologica: il desiderio di coerenza Il principio di coerenza e il potere delle regole... 53

14 XVI Indice 5. Attenzione alle trappole psicologiche Chiamare in causa il pubblico Il Mahatma Gandhi viaggia in prima classe Le regole di condotta nel mercato Il potere degli slogan: L America part-time non funziona Il potere dell autorità Sintesi IL QUARTO FONDAMENTO: I RAPPORTI INTERPERSONALI La norma della reciprocità Morgansifaunamico Il gioco degli ultimatum: un test di equità I rapporti interpersonali nella pianificazione di un negoziato Amicizia o rapporto d affari? Le strategie psicologiche per costruire i rapporti di lavoro Il principio di analogia Il ruolo dei regali e dei favori La fiducia e le reti di conoscenze Le trappole relazionali per gli incauti Fidarsi troppo presto Le trappole della reciprocità Negoziazione con gli amici in caso di poste molto elevate Sintesi IL QUINTO FONDAMENTO: GLI INTERESSI DELLA CONTROPARTE Quali sono gli interessi della controparte? I negoziatori efficaci e il loro comportamento Capite chi prende le decisioni Cercate interessi in comune: come possono esservi utili gli obiettivi della controparte? Individuate gli interessi che potrebbero interferire con l accordo: perchè chi ci sta di fronte dovrebbe dire di no alla nostra proposta? Cercate soluzioni economiche per risolvere i problemi della controparte e raggiungere i vostri obiettivi Sintesi IL SESTO FONDAMENTO: IL POTERE Il potere: equilibrio tra bisogni e paure Gli ostaggi dei musulmani di Hanafi Chi ha il controllo della situazione? Le minacce devono essere credibili Il tempo rappresenta un fattore importante, ma per chi? Create un occasione di dialogo: fate delle piccole concessioni Date alla controparte l impressione che perderebbe troppo da un mancato accordo

15 Indice XVII 8. Tipologie di potere Il potere positivo Il potere negativo Il potere normativo Il potere delle coalizioni Le opinioni erronee sul potere Potere e influenza non sono la stessa cosa Il potere non è una costante Il potere non dipende dai fatti in astratto Il potere all interno delle famiglie, delle aziende e delle organizzazioni Sintesi Parte II IL PROCESSO NEGOZIALE 7. LA PRIMA FASE: PREPARARE LA PROPRIA STRATEGIA Le quattro fasi della negoziazione La prima fase della preparazione: la valutazione Quarto quadrante: il coordinamento tacito Terzo quadrante: le transazioni C è un errore, Signor Morgan Secondo quadrante: i rapporti interpersonali A meno che lei non pensi io possa vivere con meno Primo quadrante: l equilibrio dei fattori I pasti vegetariani di Benjamin Franklin La seconda fase della preparazione: combinare la situazione, la strategia e lo stile La terza fase della preparazione: esaminare la situazione dal punto di vista degli altri Mettete insieme il puzzle: il piano negoziale Sintesi LA SECONDA FASE: LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI La prima finalità dello scambio di informazioni: stabilire un rapporto tra le parti La regola del gradimento Le trappole delle relazioni interpersonali: strafare o agire con leggerezza La seconda finalità dello scambio di informazioni: imparare a conoscere interessi, temi e percezioni della controparte Morita riceve una visita Gli amici non fanno causa Invece di chiacchierare fate molte domande La natura strategica dello scambio di informazioni

16 XVIII Indice 3. La terza finalità dello scambio di informazioni: segnalare aspettative e potere Primo caso: una posizione negoziale debole Secondo caso: una posizione negoziale forte Se intendete essere flessibili, fatelo sapere alla controparte per avere qualcosa in cambio Sintesi LA TERZA FASE: FARE CONCESSIONI Gli interrogativi sulle tattiche della negoziazione La prima domanda: chi deve aprire le trattative? La seconda domanda: devo esordire con proposte ottimistiche o ragionevoli? Perché fare aperture ottimistiche è utile nelle transazioni? Attenzione alle aperture ottimistiche Quando non avete potere Se la controparte non tratta Se è più di una transazione La terza domanda: quali concessioni funzionano meglio? Fare concessioni in situazioni diverse Il coordinamento tacito Le relazioni interpersonali Le transazioni I molteplici oggetti negoziali: la negoziazione integrativa Fare concessioni nelle situazioni in cui vi è equilibrio di fattori Una breve nota sulla dinamica del buono e del cattivo Sintesi LA QUARTA FASE: RAGGIUNGERE E CONSOLIDARE L ACCORDO I barbari alle porte Abbiamo bisogno di una proroga L effetto scarsità L effetto scarsità dovuto alla grande richiesta di un bene: la competizione L effetto scarsità provocato dallo scadere del tempo: gli ultimatum La scarsità dovuta all abbandono del negoziato Torniamo alla RJR L effetto sovra-coinvolgimento nel negoziato Trarre vantaggio dall avversione alla perdita Un ultimo sguardo a Kravis e alla RJR Tattiche di chiusura più delicate: dividiamo la differenza? Cosa succede se il negoziato fallisce? Riavviare il processo di negoziazione Non accontentatevi di un accordo: fate in modo che la controparte s impegni a rispettarlo Quattro modi per assicurarsi l adempimento delle promesse Sintesi

17 Indice XIX 11. NEGOZIARE CON IL DIAVOLO SENZA PERDERE L ANIMA: L ETICA DELLA NEGOZIAZIONE Il problema etico fondamentale dei negoziatori L etica prima di tutto Il principio comune: rispettare la legge Il primo requisito: la consapevolezza Il secondo requisito: le rappresentazioni erronee Il terzo requisito: i fatti Il quarto requisito: la materialità Il quinto requisito: l affidamento Il sesto requisito: il danno Oltre la legge: uno sguardo all etica I tre approcci all etica della negoziazione La filosofia del poker La filosofia idealista La filosofia pragmatista Le scuole etiche in azione Negoziare con il diavolo: l arte di difendersi Era il mio prezzo! Offerte concertate Le tecniche contro i metodi scorretti Attenti alle transazioni Appellatevi ai rapporti interpersonali, quando è possibile Indagate a fondo Siate assertivi e insistenti Mantenete il vostro codice comportamentale, senza abbassarvi alle regole altrui Una galleria di tattiche dure Mentire sui minimi accettabili e sulle alternative a disposizione Prendersi gioco della controparte La pista falsa Lo stratagemma della rappresentanza Il sovra-coinvolgimento Il buono e il cattivo La trappola della coerenza Lo stratagemma della reciprocità Qualcosina di più Sintesi CONCLUSIONI: DIVENTARE UN ABILE NEGOZIATORE Uno sguardo finale all efficacia negoziale Sette strumenti per persone fondamentalmente cooperative Sette strumenti per persone fondamentalmente competitive Ultime considerazioni

18 XX Indice APPENDICE A. SUGGERIMENTI PER COMPRENDERE IL PROPRIO STILE NEGOZIALE B. PIANO PER UNA NEGOZIAZIONE FONDATA SULL INFOR- MAZIONE Cenni bibliografici

19 PREFAZIONE Non avrei potuto scrivere un libro come questo senza la collaborazione di molti. Tre persone hanno avuto un ruolo di particolare rilevanza. Innanzitutto, desidero ringraziare mia moglie Robbie per il suo paziente e meticoloso lavoro di correzione del testo. In qualità di giornalista e redattrice professionale, mi ha insegnato a essere chiaro e a utilizzare uno stile netto, privo di tecnicismo accademico. In secondo luogo, ringrazio il mio agente, Michael Snell, che mi ha incoraggiato, è stato sempre ottimista e mi ha assistito con la sua presenza dalla fase progettuale dell opera fino alla sua completa realizzazione. È stato una guida illuminata nei misteri del mercato editoriale del settore. Infine, desidero ringraziare Jane von Mehren, della casa editrice Viking Penguin, per aver creduto nel mio libro, averlo migliorato con la sua direzione editoriale e per essere stata una collaboratrice così cordiale, professionale e scrupolosa. Il suo senso dell umorismo mi ha aiutato a mantenere il mio. Nella fase della stesura del testo, diversi amici e colleghi mi hanno concesso il loro tempo per leggere e commentare analiticamente le bozze. Ringraziamenti del tutto particolari vanno a Simon Auster, Peter Cappelli, Eric Orts, Maurice Schweitzer e Michael Wheeler. Anche altri studiosi hanno letto tutto o parte del mio manoscritto e mi hanno dato suggerimenti utili. Si tratta di Larry Susskind, James White, Robert Cialdini, Tom Dunkee, Alan Strudler, Stuart Diamond, Howard Kunreuther, Bob Mittelstaedt, Michael Stein, Leslie Goode e Tod Ibrahim. Gli studenti MBA della Wharton che hanno seguito i miei corsi di negoziazione nell autunno del 1997 e nella primavera del 1998, insieme ai professionisti che hanno seguito il Wharton Executive Negotiation Workshop, mi hanno fornito commenti e raccontato vicende memorabili da includere nel libro a titolo d esempio. Jon A. Bjornson ha curato la parte grafica del volume. Due membri dello staff del Dipartimento di Studi Giuridici della Wharton hanno incessantemente trascritto, corretto e assemblato le bozze, a mano a mano che scrivevo. Si tratta di Tamara English e della mia assistente Andrea King. Li ringrazio infinitamente per il loro cortese contributo. Jeremy Bagai, Bernardette

20 XXII Prefazione Spina, Tracy Denton e Brian Okey hanno fornito una continua assistenza per le ricerche. Questa opera è frutto di un vero e proprio cammino intellettuale oltre che di un progetto editoriale. Sono particolarmente grato al Professor Robert Cialdini, la cui opera Influence: The Psychology of Persuasion mi ha svelato i principi della ricerca della psicologia sociale, così interessante per la negoziazione. Il libro di Cialdini ha rappresentato un modello per la saggistica sulla ricerca sociale, facile da leggere e persino divertente. Devo ricordare anche il collega Stuart Diamond, docente ai corsi di negoziazione della Wharton, che si confronta sempre con me sulla materia. La sua insistenza sull importanza della pratica giornaliera, degli stili personali e delle norme mi ha indotto ad approfondire questi aspetti dell insegnamento della negoziazione, e dell efficacia, più di quanto avrei mai potuto fare di mia iniziativa. Per finire, non dimentico di aver intrattenuto negli anni rapporti di collaborazione con molti organismi di cui fanno parte leader nel campo della negoziazione e della risoluzione dei conflitti. Ho avuto un esperienza particolarmente stimolante frequentando da Visiting Scholar il Program on Negotiation di Harvard, nell anno accademico Voglio ringraziare anche Larry Susskind del MIT, Len Greenhalgh della Dartmouth, Howard Raiffa della Harvard Business School, Max Bazerman della Kellogg School presso la Northwestern University e Roy Lewicki della Ohio State University. Questi studiosi mi hanno trasmesso le loro conoscenze sulla negoziazione, mi hanno fornito con estrema generosità tutto il materiale didattico di cui avevo bisogno all inizio e hanno posto alla mia attenzione gli interrogativi di natura intellettuale e pratica che rendono così vivace questo campo di studi. G. RICHARD SHELL

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Obiettivo del questionario è rendere consapevole una persona della propria tendenza ad assumere in una conversazione uno o più

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

Sviluppo professionale

Sviluppo professionale Sviluppo professionale 2013 CHI SIAMO Solutions Academy è la divisione formazione e consulenza di ADR Center Costituita nel 1998, ADR Center è la prima società italiana specializzata nella prevenzione

Dettagli

Divisione di ADR Center S.p.A. Il vantaggio di negoziare

Divisione di ADR Center S.p.A. Il vantaggio di negoziare Divisione di ADR Center S.p.A. Il vantaggio di negoziare Il vantaggio di negoziare Indice Introduzione: Saper negoziare: indispensabile per avere successo nel dinamico mondo degli affari Perchè Negotiate.it?

Dettagli

TECNICHE DI VENDITA. ESIGENZE GENERALI: diminuire lo sforzo impiegato nella vendita interpersonale e aumentare la propria capacità di persuasione.

TECNICHE DI VENDITA. ESIGENZE GENERALI: diminuire lo sforzo impiegato nella vendita interpersonale e aumentare la propria capacità di persuasione. TECNICHE DI VENDITA Essere in grado di affrontare con successo le diverse tipologie di clienti realizzando proficue vendite dipende, soprattutto, da come viene affrontato il colloquio interpersonale con

Dettagli

DI FORMAZIONE INTENSIVA CON RILASCIO DI ATTESTATO FINALE

DI FORMAZIONE INTENSIVA CON RILASCIO DI ATTESTATO FINALE 44 ORE DI FORMAZIONE INTENSIVA CON RILASCIO DI ATTESTATO FINALE Corso di Specializzazione per `çååáäá~íçêá=çá=åçåíêçîéêëáé pçåáéí~êáéi=_~åå~êáé=é=çá= fåíéêãéçá~òáçåé=cáå~åòá~êá~ regolata ai sensi del D.

Dettagli

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di Sessione La negoziazione Introduzione INTRODUZIONE Il presente modulo formativo ha lo scopo di aiutare il manager a riesaminare le dinamiche interpersonali e le tecniche che caratterizzano una negoziazione

Dettagli

Team e lavoro di gruppo

Team e lavoro di gruppo Team e lavoro di gruppo Team di lavoro Team Numero ridotto di persone aventi capacità complementari che si ritengono reciprocamente responsabili per scopo, obiettivi e approccio comuni. L evoluzione di

Dettagli

Guide rapide INMEDIAR Scegliere l avvocato per la Mediazione o la negoziazione assistita

Guide rapide INMEDIAR Scegliere l avvocato per la Mediazione o la negoziazione assistita Guide rapide INMEDIAR Scegliere l avvocato per la Mediazione o la negoziazione assistita Mediazione civile e negoziazione assistita sono due strumenti negoziali di risoluzione delle controversie resi obbligatori,

Dettagli

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Le Domande in materia di gestione sostituiscono le Direttive sulla gestione nell amministrazione federale (DGA) del 1974. Si fondano sulla

Dettagli

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento LEADERSHIP E TEAM BUILDING La soddisfazione del lavoratore A livello individuale, la gestione

Dettagli

MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE

MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MILANO 30 settembre 1 ottobre Tecniche di Negoziazione LE FASI DELLA NEGOZIAZIONE E LE ARMI DELLA PERSUASIONE Sergio Zucchetti 1 Fasi nella Negoziazione

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

LE VENDITE COMPLESSE

LE VENDITE COMPLESSE LE VENDITE COMPLESSE 1 LE VENDITE COMPLESSE - PRINCIPI GENERALI Le vendite complesse differiscono da quelle semplici per molti importanti aspetti. Per avere successo è essenziale comprendere la psicologia

Dettagli

Guida per gli acquirenti

Guida per gli acquirenti Guida per gli acquirenti Abbiamo creato una breve guida per i privati al fine di fornire le informazioni più importanti per l acquisto di un azienda. Desiderate avere una vostra azienda? L acquisto di

Dettagli

Judgment. Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement.

Judgment. Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement. Judgment Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement.com 2014 Hogan Assessment Systems PERSONALITÀ E DECISIONI I problemi

Dettagli

NEGOZIAZIONE. Antonella Scalognini Urbino 29-03-2012

NEGOZIAZIONE. Antonella Scalognini Urbino 29-03-2012 NEGOZIAZIONE Antonella Scalognini Urbino 29-03-2012 La negoziazione È una modalità per risolvere divergenze di interessi, attuabile quando ciascuna delle parti possiede, ed è disposta a cedere qualche

Dettagli

shapes competency development report

shapes competency development report shapes competency development report candidato/a: Max Mustermann amministrazione: 29.07.2005 rapporto creato: 19.02.2007 cut-e gmbh e-mail: info@cut-e.com große bleichen 12 tel: +49-40-3250.3890 20354

Dettagli

10 Maggio 2013. Dott.ssa Lucia Candria

10 Maggio 2013. Dott.ssa Lucia Candria 10 Maggio 2013 Dott.ssa Lucia Candria Mamma e papà devono: Offrire sostegno Dare fiducia Essere complice per superare gli ostacoli Alimentare l autostima AUTOSTIMA Rappresenta una valutazione globale su

Dettagli

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO MASTER / COORDINAMENTO LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE

Dettagli

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO AIMC PIEMONTE S. DAMIANO ( convegno UCIIM) 2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO Sentiamo ormai da qualche anno parlare di emergenza educativa ma io amo di più l espressione Sfida educativa

Dettagli

LA SICUREZZA E IMPORTANTE

LA SICUREZZA E IMPORTANTE DISC PROFILO VERDE INTRODUZIONE Le persone con un alto profilo comportamentale VERDE preferiscono lavorare all interno di strutture esistenti e collaborare con gli altri. Il VERDE vuole sentirsi sicuro

Dettagli

La valutazione del percorso formativo

La valutazione del percorso formativo La valutazione del percorso formativo L esperienza del biennio di Padova 1999-2000 Maria Carla Acler Premessa Il presente lavoro nasce dal desiderio di diffondere tra i colleghi l esperienza maturata all

Dettagli

COME DIVENTARE CONCILIATORE

COME DIVENTARE CONCILIATORE MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA COME DIVENTARE CONCILIATORE GRAZIE PER AVER SCARICATO IL MIO MANUALE PER CONCILIATORI! E UN CORSO DEDICATO A TUTTI QUELLI CHE VOGLIONO CAPIRE COSA SIGNIFICA DIVENTARE E ESSERE

Dettagli

www.daca.it La leadership Il concetto e gli stili di leadership

www.daca.it La leadership Il concetto e gli stili di leadership La leadership www.daca.it Il concetto e gli stili di leadership Lo studio della leadership, nell ambito specifico della letteratura sui comportamenti organizzativi, nasce e si fonda su un filone di ricerca

Dettagli

Casi pratici di comunicazione per il farmacista

Casi pratici di comunicazione per il farmacista Casi pratici di comunicazione per il farmacista 1 Premessa e Punti di vista Un futuro farmacista viene addestrato, ma vuol dire la sua opinione La storia Farmacia lunedì mattina ore 8.15 Buon giorno. Si

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

Telefono: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE

Telefono: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE EPOCH BUSINESS ANALYSIS Azienda: Indirizzo: Nome Persona: Mansione: Telefono: E Mail: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE ISTRUZIONI: Questa è un analisi del potenziale

Dettagli

NEGOZIARE IN MODO STRATEGICO

NEGOZIARE IN MODO STRATEGICO Cendon / Book DIRITTO CIVILE PROFESSIONAL NEGOZIARE IN MODO STRATEGICO STRATEGIE E TECNICHE AVANZATE DI NEGOZIAZIONE Raffaella Maria Pileri Edizione GIUGNO 2015 Copyright MMXV KEY SRL VIA PALOMBO 29 03030

Dettagli

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone)

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) Dopo una prima descrizione dei sei stili di leadership, si espongono di seguito ulteriori evidenze emerse dalla

Dettagli

EMOSIA: LA COMPETENZA EMOTIVA (secondo Goleman)

EMOSIA: LA COMPETENZA EMOTIVA (secondo Goleman) EMOSIA: LA COMPETENZA EMOTIVA (secondo Goleman) Fonte: Fonte: Goleman, Goleman, Lavorare Lavorare con con intelligenza intelligenza emotiva,1999 emotiva,1999 LA STRUTTURA DELLA COMPETENZA EMOTIVA: COMPETENZA

Dettagli

INSEGNANTE DI SOSTEGNO INSEGNANTI DI CLASSE COMPAGNI/E DI CLASSE

INSEGNANTE DI SOSTEGNO INSEGNANTI DI CLASSE COMPAGNI/E DI CLASSE CTRH BRESCIA 15 APRILE 2010 Maria Rinaldi Mi presento. DIPENDENTE COMUNE DI BS. INNANZITUTTO VOLEVO RINGRAZIARE LE PERSONE CHE HANNO ORGANIZZATO QUESTO INCONTRO perché da la possibilità a noi operatori

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva

Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva di Anna Maria Megna in Persone e lavoro. Rivista di cultura delle risorse umane, n. 511, anno XLV, n. 3, giugno 2009 La leadership emotiva fa

Dettagli

GIOVANNI PASCUZZI L arte e la scienza della negoziazione

GIOVANNI PASCUZZI L arte e la scienza della negoziazione GIOVANNI PASCUZZI L arte e la scienza della negoziazione (Estratto da Pascuzzi G., Giuristi si diventa, Mulino, Bologna, 2008, pp. 168-173) Il giurista spesso è chiamato a condurre trattative in vista

Dettagli

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande Modulo 1 La Mia Storia/ Le Mie Domande FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di stimolare gli studenti a ricostruire la propria storia formativa, individuandone gli aspetti più salienti e a riflettere

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Lavorare con intelligenza emotiva. Come inventare un nuovo rapporto con il lavoro di Daniel Goleman. Recensione a cura di Anna Lisa Pani

Lavorare con intelligenza emotiva. Come inventare un nuovo rapporto con il lavoro di Daniel Goleman. Recensione a cura di Anna Lisa Pani Lavorare con intelligenza emotiva. Come inventare un nuovo rapporto con il lavoro di Daniel Goleman Recensione a cura di Anna Lisa Pani Daniel Goleman, ha sviluppato il lavoro avviato nel libro Intelligenza

Dettagli

CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA. OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori

CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA. OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori Relatore: Luigi Maggi Nello sport Presidente del Comitato Regionale

Dettagli

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti 10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti Nel 2013 hanno chiuso in Italia oltre 50.000 aziende, con un aumento di oltre

Dettagli

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso)

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) A CURA DI VINCENZO FANELLI 1 IL SIGNIFICATO DI LEADERSHIP La leadership

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE

IMPARARE AD IMPARARE Istituto Comprensivo "E. Q. Visconti" Roma via della Palombella 4, tel 066833114, fax 0668803438 mail: rmic818005@istruzione.it IMPARARE AD IMPARARE Il laboratorio come metodo di studio: competenze, strategie,

Dettagli

La semplicità di formare i lavoratori in somministrazione

La semplicità di formare i lavoratori in somministrazione La semplicità di formare i lavoratori in somministrazione un catalogo di offerta formativa multimediale MiFORMOeLAVORO è il progetto, lanciato da Adversus in collaborazione con Skilla, che ha l obiettivo

Dettagli

ECONOMIA POLITICA. R.H. Frank, B.S. Bernanke, M. McDowell e R. Thom, Principi di Economia, McGraw-Hill, Milano, Terza Edizione, 2010

ECONOMIA POLITICA. R.H. Frank, B.S. Bernanke, M. McDowell e R. Thom, Principi di Economia, McGraw-Hill, Milano, Terza Edizione, 2010 ECONOMIA POLITICA TESTO R.H. Frank, B.S. Bernanke, M. McDowell e R. Thom, Principi di Economia, McGraw-Hill, Milano, Terza Edizione, 2010 (capp. 2,3,4,5,6,7,8,9,12,13,14,16,17,20,23) introduzione alla

Dettagli

La PNL nel settore assicurativo

La PNL nel settore assicurativo La PNL nel settore assicurativo I Principi della Programmazione Neuro Linguistica pagina 1 Cosa è la Programmazione Neuro Linguistica (PNL) La programmazione neuro linguistica è una metodologia formativa

Dettagli

Motivazione e Atletica Leggera: la consapevolezza delle proprie risorse

Motivazione e Atletica Leggera: la consapevolezza delle proprie risorse Presenza ai Raduni Regionali Estivi a Schio ed Asiago Motivazione e Atletica Leggera: la consapevolezza delle proprie risorse Nel corso del raduno estivo 2010 si è idealmente proseguito il lavoro dell

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

SVILUPPARE LE COMPETENZE DI NEGOZIAZIONE - Dispensa del partecipante -

SVILUPPARE LE COMPETENZE DI NEGOZIAZIONE - Dispensa del partecipante - SVILUPPARE LE COMPETENZE DI NEGOZIAZIONE - Dispensa del partecipante - Olympos Group srl - Vietata ogni riproduzione anche in forma parziale V. 01/2007 GG OLYMPOS Group srl - Via XXV aprile, 40 Brembate

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

LABORATORIO NEGOZIAZIONE

LABORATORIO NEGOZIAZIONE Milano, 13 aprile 2012 Professione: MANAGER LE MONOGRAFIE Professione: MANAGER LABORATORIO NEGOZIAZIONE INTERVENTO DI FORMAZIONE/COACHING PER RESPONSABILI NUOVE STRUTTURE REGIONALI 2012 2011 The European

Dettagli

Dopo la formazione i mentori saranno consapevoli che

Dopo la formazione i mentori saranno consapevoli che Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor 2.5. Perché e in che modo le competenze pedagogiche sono importanti per i mentori che lavorano nella formazione professionale (VET) Tempistica Tempo totale 2 ore:

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile. P sico lo g ia e

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile. P sico lo g ia e FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile Anna Fallco P sico lo g ia e B a sk et Presentazione La dottoressa Anna Falco è entrata a far parte dello staff della Squadra Nazionale A maschile nel

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOOSSERVAZIONE PROFESSIONALE

QUESTIONARIO DI AUTOOSSERVAZIONE PROFESSIONALE QUESTIONARIO DI AUTOOSSERVAZIONE PROFESSIONALE I FATTORI CHE ACCRESCONO L EFFICACIA DELL INSEGNAMENTO LE COMPETENZE DIDATTICHE Contrassegna con una X la casella prescelta per ogni indicatore L insegnante

Dettagli

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi 2 Pure Performance La nostra Cultura Alfa Laval è un azienda focalizzata sul cliente e quindi sul prodotto con una forte cultura

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

Cos'è etico? I dilemmi dei professionisti dell'orientamento professionale

Cos'è etico? I dilemmi dei professionisti dell'orientamento professionale Cos'è etico? I dilemmi dei professionisti dell'orientamento professionale Pacchetto di lavoro N. 4 Prodotto N. 31 Data di consegna Luglio 2013 Versioni 1.0 Prima stesura Redatta da Ballymun Job Centre

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Direzione per il Personale. La gestione del colloquio di valutazione

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Direzione per il Personale. La gestione del colloquio di valutazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione per il Personale - Settore Sviluppo Risorse Umane - SISTEMA DI VALUTAZIONE PERFORMANCE INDIVIDUALE La gestione del colloquio di valutazione INDICE INTRODUZIONE

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

«Sono delle teste dure!» ma è proprio vero?

«Sono delle teste dure!» ma è proprio vero? «Sono delle teste dure!» ma è proprio vero? Consigli per motivare al comportamento sicuro sul lavoro Forse vi è già capitato di trovarvi nei panni di questo allenatore di hockey e di pensare che i vostri

Dettagli

Come simulare i case interview: consigli ed errori da evitare

Come simulare i case interview: consigli ed errori da evitare Come simulare i case interview: consigli ed errori da evitare 1 Come praticare la simulazione dei casi (paragrafo NON incluso nel libro) Soprattutto quando si ha poca o nessuna esperienza in tale campo,

Dettagli

JOHN CABOT UNIVERSITY JOHN CABOT UNIVERSITY JOHN CABOT UNIVERSITY JOHN CABOT UNIVER CENTRO DI AVVIAMENTO ALLA CARRIERA

JOHN CABOT UNIVERSITY JOHN CABOT UNIVERSITY JOHN CABOT UNIVERSITY JOHN CABOT UNIVER CENTRO DI AVVIAMENTO ALLA CARRIERA JOHN CABOT UNIVERSITY JOHN CABOT UNIVERSITY JOHN CABOT UNIVERSITY JOHN CABOT UNIVER CENTRO DI AVVIAMENTO ALLA CARRIERA IL 78% DEGLI STUDENTI DI TRIENNALE CHE VA A COLLOQUIO OTTIENE UNO STAGE OLTRE 350

Dettagli

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto:

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: Spunti di riflessione per operatori sociali e facilitatori di gruppi di auto/mutuo aiuto. di Silvia Clementi* Le dinamiche

Dettagli

Professione: MANAGER. Laboratorio Negoziazione Edizioni - 2015

Professione: MANAGER. Laboratorio Negoziazione Edizioni - 2015 Professione: MANAGER Laboratorio Negoziazione Edizioni - 2015 Perché un laboratorio sulla negoziazione? Molti sono i fenomeni socio-economici che mettono in evidenza come la negoziazione sia diventata

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA I. Introduzione COUNSELING E COUNSELOR Attualmente nella sua definizione più ampia, il termine Counseling indica la relazione d aiuto che si instaura tra una persona

Dettagli

CHE COS E IL MENTORING

CHE COS E IL MENTORING CHE COS E IL MENTORING E un dato di fatto che il numero delle donne che lavorano è in sensibile aumento in ogni paese, ma nonostante questo, e malgrado molte donne rivestano posizioni anche altamente professionali,

Dettagli

F.I.S.M. - FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE Per la Provincia di Arezzo. Coordinamento Pedagogico per le Scuole dell Infanzia

F.I.S.M. - FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE Per la Provincia di Arezzo. Coordinamento Pedagogico per le Scuole dell Infanzia Coordinamento Pedagogico per le Scuole dell Infanzia Formazione Insegnanti a.s. 2014-2015 «[ ] perché l intelligenza funzioni, occorre un motore che sia affettivo. Non si cercherà mai di risolvere un problema

Dettagli

Indice. Il bilancio delle competenze. Il curriculum vitae Il mio progetto. Banche dati

Indice. Il bilancio delle competenze. Il curriculum vitae Il mio progetto. Banche dati Indice Il bilancio delle competenze Competenze Il curriculum vitae Il mio progetto Stabilire mete Banche dati Il bilancio delle competenze La consapevolezza di sé comporta la conoscenza dei propri stati

Dettagli

Introduzione. Sul piano analitico, l improvvisazione è un concetto multidimensionale che può assumere diverse forme. Può essere vista come:

Introduzione. Sul piano analitico, l improvvisazione è un concetto multidimensionale che può assumere diverse forme. Può essere vista come: Disciplina, inciampo felice, responsabilità: i tre contributi che fanno da prefazione a questo mio testo colgono ciascuno una componente rilevante del tema dell improvvisazione. Punti di vista peculiari

Dettagli

Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI

Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD Poggio Mirteto, 28 aprile 2015 Casa della Cultura STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI Relatore: Luigi Maggi Nello sport Presidente del

Dettagli

L ENTUSIASMO E IMPORTANTE

L ENTUSIASMO E IMPORTANTE DISC PROFILO GIALLO INTRODUZIONE Le persone con un alto profilo comportamentale GIALLO influenzano il loro ambiente essendo socievoli, persuasivi e convincenti al punto da influenzare e ispirare gli altri.

Dettagli

La psicologia dello sport, un contributo necessario alla crescita dell atleta anche nel triathlon

La psicologia dello sport, un contributo necessario alla crescita dell atleta anche nel triathlon La psicologia dello sport, un contributo necessario alla crescita dell atleta anche nel triathlon di Barbara Rossi La psicologia e lo sport hanno un minimo comune denominatore che è la persona, condividono

Dettagli

LE STRATEGIE DI COPING

LE STRATEGIE DI COPING Il concetto di coping, che può essere tradotto con fronteggiamento, gestione attiva, risposta efficace, capacità di risolvere i problemi, indica l insieme di strategie mentali e comportamentali che sono

Dettagli

UNA COMUNITA IN CRESCITA

UNA COMUNITA IN CRESCITA UNA COMUNITA IN CRESCITA Proposte di formazione per bambini, ragazzi, insegnanti e genitori 2008-2009 2009 La Bottega dei Ragazzi Cooperativa Sociale Onluss Via Tintoretto 41 35020 Albignasego (PD) Tel.

Dettagli

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili.

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili. Testimonianza presentata al Convegno Amministrazione di sostegno e Volontariato svoltosi a Bologna il 14 ottobre 2011 Avvocato Carla Baiesi, Amministratore di Sostegno Mi è stato chiesto di dare al mio

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI Raduno arbitri 2011 D.ssa Barbara Bononi Prendete un foglio e scrivete ognuno la propria definizione di.. ARBITRAGGIO

Dettagli

LA VENDITA ETICA. - Dispensa del partecipante - Olympos Group srl - Vietata ogni riproduzione anche in forma parziale V.

LA VENDITA ETICA. - Dispensa del partecipante - Olympos Group srl - Vietata ogni riproduzione anche in forma parziale V. LA VENDITA ETICA - Dispensa del partecipante - Olympos Group srl - Vietata ogni riproduzione anche in forma parziale V. 01/2007 GG OLYMPOS Group srl - Via XXV aprile, 40 Brembate di Sopra (BG) Tel. 03519965309

Dettagli

APPRENDIMENTO ed EDUCAZIONE

APPRENDIMENTO ed EDUCAZIONE EDUCARE è COSTRUZIONE DI SENSO gruppo classe = gruppo di lavoro? ma si differenzia da questo, che è regolato da ruoli, norme e obiettivi precisi e condivisi, perché non è la norma nella sua interezza che

Dettagli

LA TESI DI LAUREA TRIENNALE IN MATERIE ORGANIZZATIVE

LA TESI DI LAUREA TRIENNALE IN MATERIE ORGANIZZATIVE LA TESI DI LAUREA TRIENNALE IN MATERIE ORGANIZZATIVE Nota a cura del prof. Francesco Paoletti, Università di Milano - Bicocca Release 1.0, settembre 2005 Indice Introduzione 1. Le tipologie di tesi 2.

Dettagli

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E a cura di Graziella Pozzo CONTENUTI SCHEDE Presentazione Scheda 1.

Dettagli

Donne al comando per un mutamento efficace dei valori nell economia

Donne al comando per un mutamento efficace dei valori nell economia Donne al comando per un mutamento efficace dei valori nell economia Risultati del Controllo delle Competenze in quattro stati europei secondo il Modello Interno Con lealtà verso il successo Progetto Competenze

Dettagli

La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza

La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza Percorso per Responsabili di Unità Organizzative. Da capo a leader: imparare a valorizzare e sviluppare

Dettagli

Vendere in inglese I sette errori principali nell apprendimento della lingua inglese per le aziende commerciali. Un mini e-book targato EF

Vendere in inglese I sette errori principali nell apprendimento della lingua inglese per le aziende commerciali. Un mini e-book targato EF Vendere in inglese I sette errori principali nell apprendimento della lingua inglese per le aziende commerciali. Un mini e-book targato EF Poiché vendere è importante, l inglese è importante Se siete come

Dettagli

LE POSSIBILITA DELL ASSERTIVITA Dott.ssa Monica Monaco e-mail : menteviva.eu@libero.it siti web: www.menteviva-eu.com

LE POSSIBILITA DELL ASSERTIVITA Dott.ssa Monica Monaco e-mail : menteviva.eu@libero.it siti web: www.menteviva-eu.com LE POSSIBILITA DELL ASSERTIVITA Dott.ssa Monica Monaco e-mail : menteviva.eu@libero.it siti web: www.menteviva-eu.com www.centroaspen.it www.titania.ct.it www.benessere.com L assertività: dalle origini

Dettagli

Traccia per Focus Group

Traccia per Focus Group Traccia per Focus Group Introduzione per i docenti Gentili docenti, un ringraziamento anticipato, e non di circostanza, per la vostra collaborazione all'attività di approfondimento della sperimentazione.

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

COME RILEVARE IL FENOMENO DEL BULLISMO?

COME RILEVARE IL FENOMENO DEL BULLISMO? COME RILEVARE IL FENOMENO DEL BULLISMO? Perché cercare di prevenire il bullismo? Aggressività e passività sono condotte reattive, modalità inadeguate di rapportarsi agli altri. Nell immediato comportano

Dettagli

I n d i c e 9 21 57 97 133 177 219 259

I n d i c e 9 21 57 97 133 177 219 259 I n d i c e 9 Introduzione 21 CAP. 1 La comunicazione 57 CAP. 2 Lavorare in gruppo 97 CAP. 3 Il problem solving 133 CAP. 4 La capacità di gestire situazioni difficili 177 CAP. 5 Metacognizione e competenze

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Il team Un gruppo di persone che: condividono uno scopo, hanno un obiettivo in comune collaborano, moltiplicando le loro risorse condividono i vantaggi

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore

IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore Il controllo di gestione è uno strumento che consente di gestire al meglio l impresa e viene usato abitualmente in tutte le imprese di medie e

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFICACE NEL BUSINESS (Power Business Communication) DR. CRISTIAN BISCUOLA PER PAROLESCELTE.IT info@parolesclete.it

COMUNICAZIONE EFFICACE NEL BUSINESS (Power Business Communication) DR. CRISTIAN BISCUOLA PER PAROLESCELTE.IT info@parolesclete.it COMUNICAZIONE EFFICACE NEL BUSINESS (Power Business Communication) DR. CRISTIAN BISCUOLA PER PAROLESCELTE.IT info@parolesclete.it 1 «La necessità di sviluppare una capacità comunicativa più efficace è

Dettagli

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento Riflessioni su tempo, sviluppo, regole, autonomia, fiducia, sostegno Dr.ssa Nadia Badioli IL SENSO DEI COMPITI STRUMENTO PER: incentivare

Dettagli

Discipline e competenze

Discipline e competenze Discipline e competenze Per assistenza è possibile contattare lo staff Pearson scrivendo al seguente indirizzo e-mail: helpdesk@pearson.it oppure chiamando il numero : 0332.802251 La didattica per competenze

Dettagli

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3 Prefazione Come mai le imprese multibusiness continuano, nonostante tutto, a esistere? Come mai hanno resistito alla crisi finanziaria scoppiata nel 2007, e hanno, in ogni caso, resistito meglio rispetto

Dettagli