I numeri relativi. Il calcolo letterale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I numeri relativi. Il calcolo letterale"

Transcript

1 Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La moltiplicazione La divisione Potenza e radice quadrata in Z e Q Potenza con esponente positivo Potenza con esponente negativo La radice quadrata Le espressioni in Z e Q Numeri piccoli e ordine di grandezza Ricorda Esercizi di riepilogo Scheda di autoverifica Esercizi di recupero Esercizi di potenziamento unità Il calcolo letterale Le espressioni letterali I monomi Le operazioni con i monomi 0 L addizione algebrica 0 La moltiplicazione La divisione La potenza I polinomi Le operazioni con i polinomi L addizione algebrica La moltiplicazione 0 Moltiplicazione di un monomio per un polinomio e viceversa 0 Moltiplicazione di due polinomi 0 La divisione di un polinomio per un monomio Potenza e prodotti notevoli I prodotti notevoli Prodotto della somma di due monomi per la loro differenza

2 Quadrato di un binomio Cubo di un binomio Espressioni e problemi Ricorda Esercizi di riepilogo Scheda di autoverifica Esercizi di recupero Esercizi di potenziamento unità Equazioni e disequazioni Identità ed equazioni I principi di equivalenza 00 Primo principio di equivalenza 00 Secondo principio di equivalenza 0 Risoluzione di un equazione di grado 0 Equazioni determinate, indeterminate e impossibili 0 Risoluzione di un equazione di grado Equazione pura Equazione di grado riconducibile a due equazioni di grado Le disequazioni Ricorda Esercizi di riepilogo Scheda di autoverifica Esercizi di recupero Esercizi di potenziamento IX Indice unità La risoluzione algebrica dei problemi Problemi ed equazioni 0 Problemi e disequazioni 0 Ricorda Esercizi di riepilogo Scheda di autoverifica Esercizi di recupero Esercizi di potenziamento Dati e previsioni unità La statistica Indagini e dati statistici Elaborazione dati continui La frequenza cumulata I numeri indice RCS Libri S.p.A. - Divisione Education, Milano

3 Ricorda Esercizi di riepilogo Scheda di autoverifica Esercizi di recupero Esercizi di potenziamento 0 unità La probabilità X Eventi aleatori composti La probabilità composta La probabilità di eventi indipendenti fra loro La probabilità di eventi dipendenti fra loro 0 La probabilità classica, frequentista e soggettiva Ricorda Esercizi di riepilogo 00 Scheda di autoverifica 0 Esercizi di recupero Esercizi di potenziamento Indice Relazioni e logica unità La logica matematica Le proposizioni logiche 0 Proposizioni composte e connettivi 0 La congiunzione logica 0 La disgiunzione logica La disgiunzione esclusiva La disgiunzione inclusiva La negazione logica Negare una proposizione composta L implicazione e la deduzione logica La deduzione logica Ricorda Esercizi di riepilogo Scheda di autoverifica Esercizi di recupero Esercizi di potenziamento Il pensiero razionale unità Gli insiemi Rivediamo ciò che sappiamo L insieme delle parti 0

4 Il prodotto cartesiano La partizione di un insieme Ricorda Esercizi di riepilogo 0 Scheda di autoverifica Esercizi di recupero Esercizi di potenziamento Relazioni e logica unità Corrispondenze e relazioni Corrispondenza fra insiemi Relazioni in un insieme Proprietà delle relazioni Relazioni di equivalenza e di ordine 0 Relazione di equivalenza 0 Relazione di ordine 0 Ricorda Esercizi di riepilogo Scheda di autoverifica Esercizi di recupero Esercizi di potenziamento XI Indice unità 0 La geometria analitica Il piano cartesiano ortogonale Le funzioni y = ax e y = mx p Equazione di una retta passante per un punto e di coeffi ciente angolare assegnato Equazione di una retta passante per due punti Rette parallele e rette perpendicolari 0 La funzione y = a/x 0 La funzione y = ax 0 Ricorda Esercizi di riepilogo Scheda di autoverifica Esercizi di recupero Esercizi di potenziamento Apparati Soluzioni delle Schede di autoverifica Tavole numeriche

5 Il numero unità I numeri relativi Contenuti L insieme R Gli insiemi Z e Q Le operazioni fondamentali in Z e Q Potenza e radice quadrata in Z e Q Le espressioni in Z e Q Numeri piccoli e ordine di grandezza Prerequisiti Conoscere il sistema di numerazione decimale Avere padronanza delle quattro operazioni e dei loro procedimenti di calcolo in N e Q Obiettivi Conoscenze Il concetto di numero relativo Gli insiemi Z, Q ed R I procedimenti di calcolo fra numeri relativi La notazione esponenziale e scientifi ca e l ordine di grandezza dei numeri piccoli Abilità Riconoscere i tipi di numero che formano l insieme R Eseguire le operazioni fondamentali in Z e Q Calcolare la potenza e la radice quadrata in Z e Q Risolvere semplici espressioni in Z e Q Scrivere l ordine di grandezza dei numeri piccoli Materiali di matematica in Mappa interattiva Audioripasso

6 L insieme R L esigenza di avere sempre il quoziente esatto fra due numeri naturali ci ha portato dall insieme N all insieme dei numeri razionali assoluti Q. Sia in N sia in Q, però, non è sempre possibile eseguire la sottrazione. Il numero Per risolvere questo problema, prenderemo in considerazione adesso un nuovo insieme numerico formato da numeri che forse già conosci, perché spesso usati in circostanze familiari. Osserva i due termometri a fianco il primo ci dice che a Milano c è una temperatura di C sopra lo zero e, come sai, lo si indica scrivendo C; il secondo ci dice che a Londra c è una temperatura di C sotto lo zero e lo si indica scrivendo C. Per indicare senza possibilità di confusione la situazione descritta, si ricorre quindi all uso di numeri preceduti dal segno, detti numeri positivi, o dal segno, detti numeri negativi. Tutti i numeri che conosciamo, naturali, razionali o irrazionali, possono essere positivi o negativi. I numeri naturali formano rispettivamente quelli positivi,,,, 0, 00,, l insieme dei numeri interi positivi Z ; quelli negativi,, 0,, 0,,, l insieme dei numeri interi negativi Z. Z e Z formano l insieme dei numeri interi relativi Z Z Z = Z Z. L insieme Z coincide con l insieme N, N = Z, ovvero i numeri naturali coincidono con i numeri interi positivi che, se non c è possibilità di equivoco, si possono scrivere senza il segno davanti =. All insieme Z appartiene anche il numero 0 (zero), al quale non si attribuisce alcun segno. I numeri razionali formano rispettivamente quelli positivi,,,,,,,,, l insieme dei numeri razio- 0 nali positivi Q ; quelli negativi,,,,, 0,,,, l insieme dei numeri razionali negativi Q. Q e Q formano l insieme dei numeri razionali relativi Q Q Q = Q Q. Ovviamente Z Q, Z Q e quindi Z Q. I numeri irrazionali formano rispettivamente quelli positivi,,,, l insieme dei numeri irrazionali posi tivi I ; quelli negativi,,,, l insieme dei numeri irrazionali negativi I. I e I formano l insieme dei numeri irrazionali relativi I I I = I I.

7 Se adesso consideriamo l insieme formato dagli insiemi numerici, Q e I, otteniamo l insieme dei numeri reali relativi, o semplicemente l insieme dei numeri reali, che si indica con R R = Q I Ovviamente Q I = R reali positivi e Q I = R reali negativi. Riassumiamo dicendo che R Q I Z N numeri decimali limitati numeri decimali periodici L insieme dei numeri interi positivi, Z, e l insieme dei numeri interi negativi, Z, costituiscono l insieme dei numeri interi relativi, o semplicemente numeri interi, che si indica con Z Z = Z Z. L insieme dei numeri razionali positivi, Q, e l insieme dei numeri razionali negativi, Q, costituiscono l insieme dei numeri razionali relativi, che si indica con Q Q = Q Q. L insieme dei numeri irrazionali positivi, I, e l insieme dei numeri irrazionali negativi, I, costituiscono l insieme dei numeri irrazionali relativi, che si indica con I I = I I. L insieme formato da Z, Q e I è l insieme dei numeri reali relativi, o semplicemente l insieme dei numeri reali, che si indica con R R = Q I. Possiamo rappresentare l insieme R con il diagramma di Eulero-Venn a fianco N R Z Q I. I numeri relativi Esercizi pag. per riflettere Come dicevamo, i numeri relativi, in particolare i numeri interi relativi, si usano in tante circostanze. Si usano, ad esempio, per indicare 00 epoche a.c. e d.c.... a.c. livello del mare 00 quote sopra e sotto il livello del mare nascita di Cristo o anno zero bilanci in attivo e in passivo... d.c. RCS Libri S.p.A. - Divisione Education, Milano

8 acciamo il punto verifica le tue conoscenze.. Completa le seguenti affermazioni. Z e Z costituiscono l insieme dei numeri..., che si indica con.... Q e Q costituiscono l insieme dei numeri..., che si indica con.... I e I costituiscono l insieme dei numeri..., che si indica con.... Il numero. Completa. L insieme dei numeri razionali relativi e l insieme dei numeri irrazionali relativi formano l insieme dei..., che si indica con..... Segna il completamento esatto. L insieme N coincide con l insieme Z. l insieme Z. l insieme Z.. Segna il completamento esatto. L insieme dei numeri reali R è uguale a Q I. Z I. Z Q. verifica le tue abilità.. Scrivi quattro numeri appartenenti all insieme Z, quattro appartenenti all insieme Q e quattro appartenenti all insieme I. Z = {; ; ; } Q = {; ; ; } I = {; ; ; }. Vero o falso? Scrivilo accanto a ciascuna relazione. I.. Z.. 0 R.. N.. Z.. Q... Inserisci nel diagramma di Eulero-Venn i seguenti numeri relativi. ; ;, ; ; 0, ; ; ; 0, ; Z N Q I

9 Gli insiemi Z e Q Soffermiamoci sui numeri interi relativi e sui numeri razionali relativi e rappresentiamoli, come abbiamo fatto per i numeri naturali e razionali, sulla retta orientata procedendo in questo modo disegniamo una retta, fissiamo su di essa un punto O e consideriamo le due semirette opposte di origine O, a cui facciamo corrispondere il numero 0 (zero); stabiliamo il verso di percorrenza sulla retta, da O verso destra per i numeri positivi e da O verso sinistra per i numeri negativi; negativi O positivi fissiamo su questa retta l unità di misura e, in base ad essa, avremo le immagini dei numeri A B C O 0 Diremo quindi che, ad esempio, i punti A, B, C, D ed E sono rispettivamente le immagini dei numeri,,, e. D E u. I numeri relativi Esercizi pag. per riflettere E se volessimo rappresentare un numero irrazionale relativo? Osserviamo come procedere per rappresentare, ad esempio, e, ricordando che è la misura dell ipotenusa di un triangolo rettangolo che ha i cateti lunghi u (rispetto ad una certa unità di misura fissata). Disegniamo sulla retta orientata, a partire dallo 0, un triangolo rettangolo di cateti uguali all unità di misura. Utilizzando il compasso, riportiamo quindi l ipotenusa di questo triangolo sulla semiretta positiva per individuare il punto immagine di e sulla semiretta negativa per individuare il punto immagine di. A partire dal triangolo rettangolo disegnato prima possiamo rappresentare anche i numeri e, e o e. Osserva il disegno a fianco. G 0 F E A D B C

10 Osserviamo adesso alcune caratteristiche di questi numeri interi relativi e razionali relativi. Se di un qualsiasi numero relativo, per esempio e, consideriamo solo la parte numerica, senza il segno, abbiamo il modulo o valore assoluto del numero e lo indichiamo in questo modo =, = gg Numeri relativi aventi tutti lo stesso segno (tutti o tutti ) si dicono concordi, numeri aventi segno diverso tra loro si dicono discordi. Quindi e sono concordi; e sonodiscordi. 0 Due numeri relativi discordi ma che hanno lo stesso valore assoluto, per esempio e o e 0, si dicono opposti. 0 Sulla retta orientata avremo Il numero H G F E A B C D, 0 concordi concordi discordi opposti Confronto di numeri relativi Confrontare due numeri relativi significa stabilire se sono uguali o se uno è maggiore dell altro. Per farlo, osserviamo la rappresentazione di alcuni numeri sulla retta orientata 0 e consideriamo che un numero è maggiore di un altro se lo segue secondo l ordine stabilito dal verso di orientamento della retta, cioè fra due numeri relativi è maggiore quello che sta più a destra sulla retta orientata. Ci accorgiamo quindi che andando da 0 verso sinistra il valore diminuisce, andando da 0 verso destra il valore aumenta. 0 verso sinistra il valore diminuisce numeri negativi numeri positivi verso destra il valore aumenta

11 Possiamo allora affermare che qualsiasi numero positivo è maggiore di un qualsiasi numero negativo; fra due numeri discordi, quindi, è sempre maggiore il positivo <, > lo zero è minore di un qualsiasi numero positivo e maggiore di un qualsiasi numero negativo 0 <, 0 >, 0 <, 0 > fra due numeri concordi positivi è maggiore quello che ha maggior valore assoluto >, > fra due numeri concordi negativi è maggiore quello che ha minor valore assoluto >, > Possiamo riassumere dicendo che Un qualsiasi numero positivo è sempre maggiore di un qualsiasi numero negativo a > b. Lo zero è sempre minore di un numero positivo e maggiore di un numero negativo a > 0 > b. Fra due numeri positivi è maggiore quello che ha maggior valore assoluto a > b se a > b a < b se a < b Fra due numeri negativi è maggiore quello che ha minor valore assoluto a > b se a < b a < b se a > b. I numeri relativi Esercizi pag. nella storia L introduzione one dei numeri negativi nell ambito degli studi matematici è stata un impresa alquanto difficile, anche i matematici del passato erano proprio contrari a considerare numeri che erano il risultato di sottrazioni con il sottraendo maggiore del minuendo! I primi matematici a parlarne sono Brahmagupta (00 d.c.), matematico indiano, che nelle sue opere accenna anche alle regole per operare su di essi come numeri veri e propri e Al-Khuwarizmi (IX secolo d.c.), matematico persiano. Si arriva al Rinascimento, gli studi matematici progrediscono, ma i numeri negativi continuano ad essere snobbati. Ne parlano diffusamente il matematico italiano Gerolamo Cardano, che nei suoi scritti definisce però i numeri positivi numeri veri e i numeri negativi numeri finti, e il matematico tedesco Michael Stifel, che li definisce numeri assurdi. Furono i grandi matematici del Seicento (fra i quali gli italiani Galileo, Cavalieri, Viviani, i francesi Cartesio, Fermat, Pascal, l olandese Huygens, gli inglesi Wallis, Newton e il tedesco Gottfried Leibniz) che finalmente li introducono nei loro studi con trattazione completa e dignità pari a quella dei numeri naturali e razionali. Brahmagupta, regola per operare sui numeri negativi. Gerolamo Cardano.

12 acciamo il punto verifica le tue conoscenze.. Completa. La parte numerica di un numero relativo, senza il segno, si chiama..... Completa. Numeri relativi aventi tutti lo stesso segno si dicono.... Numeri relativi aventi segno diverso tra loro si dicono... Due numeri razionali relativi si dicono opposti se.. Completa. Fra due numeri discordi è maggiore il.... Fra due numeri concordi positivi è maggiore.... Il numero Fra due numeri concordi negativi è maggiore.. Lo zero è minore di un numero ed è maggiore di un numero.. verifica le tue abilità. Sulla retta orientata data in ciascuno dei seguenti esercizi rappresenta i numeri assegnati.. ; ; ; ; ;,; ; ;, u O. ; ; ; ; ; u. Indica se le seguenti coppie sono formate da numeri concordi (C), discordi (D) o opposti (O). e e. e, e. e e. 0, e.. e.... Per ciascuno dei seguenti numeri scrivine uno concorde e uno discorde. ; ; ;,; ; 0, O

13 . Scrivi l opposto di ciascuno dei seguenti numeri e rappresentali su una retta orientata. ; ; ; 0, ; ;, ; ;. Completa la tabella a fianco. Coppia Concordi Discordi Opposti ( ;,) ( ; ) ( 0; 0) ( ;...) X ( ;...) X (...; ) X Inserisci il simbolo > o < tra le coppie di numeri relativi date nei seguenti esercizi ; ; ; ,; 0,... 0,.... ; ;... Ordina in senso crescente i gruppi di numeri dati nei seguenti esercizi.. ; ; ; ;,;,;,. ;,;,;,;, ; ;., ; ; 0, ; ; ; ; ;,. I numeri relativi Esercizi pag. Ordina in senso decrescente i gruppi di numeri dati nei seguenti esercizi.. ; ; ; ; ; 0; ; ; 0. ;,;,;,;, ;,;. ;, ; ; ; 0, ;, ;, Completa le seguenti tabelle.. Intero precedente Numero relativo Intero successivo. Intero precedente Numero relativo Intero successivo,,, 0

14 ricorda L insieme dei numeri interi positivi, Z, e l insieme dei numeri interi negativi, Z, costituiscono l insieme dei numeri interi relativi, o semplicemente numeri interi, che si indica con Z Z = Z Z. L insieme dei numeri razionali positivi, Q, e l insieme dei numeri razionali negativi, Q, costituiscono l insieme dei numeri razionali relativi, che si indica con Q Q = Q Q. L insieme dei numeri irrazionali positivi, I, e l insieme dei numeri irrazionali negativi, I, costituiscono l insieme dei numeri irrazionali relativi, che si indica con I I = I I. L insieme formato da Z, Q e I è l insieme dei numeri reali relativi, o semplicemente l insieme dei numeri reali, che si indica con R R = Q I. Un qualsiasi numero positivo è sempre maggiore di un qualsiasi numero negativo a > b. Il numero Lo zero è sempre minore di un numero positivo e maggiore di ogni numero negativo a > 0 > b. Fra due numeri positivi è maggiore quello che ha maggior valore assoluto a > b se a > b; a < b se a < b Fra due numeri negativi è maggiore quello che ha minor valore assoluto a > b se a < b; a < b se a > b La somma di due numeri relativi concordi è un numero concorde a essi e avente per valore assoluto la somma dei valori assoluti. La somma di due numeri relativi discordi è un numero concorde all addendo che ha maggior valore assoluto e avente per valore assoluto la differenza dei valori assoluti. La somma di due numeri relativi opposti è uguale a zero. La differenza fra due numeri relativi si ottiene addizionando al primo l opposto del secondo. Il prodotto di due numeri relativi è un numero che ha per valore assoluto il prodotto dei valori assoluti ed è positivo se i due numeri sono concordi, negativo se sono discordi. Il quoziente di due numeri relativi è un numero che ha per valore assoluto il quoziente dei valori assoluti ed è positivo se i due numeri sono concordi, negativo se sono discordi. La potenza che ha per base un numero relativo è un numero relativo che ha per valore assoluto la potenza del valore assoluto della base; esso è sempre positivo tranne nel caso in cui la base sia negativa e l esponente dispari. La potenza di un numero relativo (diverso da zero) con esponente negativo è il reciproco della potenza con esponente positivo a n =. an

15 esercizi di riepilogo. Completa mettendo al posto dei puntini il segno o.. N. Q. I. R. N,. Q 0,. Q. Z. N. I. R. R. Stabilisci quali delle seguenti relazioni sono vere e quali sono false, segnando rispettivamente la V o la F, e giustifica la risposta. N Z V F N Z V F N0 Z V F Z Z = Z V F Q Q = Q V F Z Q R V F Q I = R V F R R = R V F. Scrivi, quando possibile, due numeri che soddisfino le seguenti indicazioni appartengono a Z ma non a N ; appartengono a Z ma non a Q ;. I numeri relativi Teoria da pag. a pag. appartengono a R ma non a Q ; appartengono a N ma non a Q.. Rappresenta i seguenti numeri sulla retta orientata assegnata. ; ; ; ; ; ; ; ; ; u O Scrivi quali numeri sono rappresentati nelle rette orientate date nei seguenti esercizi.. u B D E O A C. u A B C O D E

16 esercizi di riepilogo. u. F G H O I L M u N P Q O R S T U Srivi il numero intero relativo più grande possibile che soddisfa le disuguaglianze date nei seguenti esercizi..... < ;... < 0,;... <,; 0, >...;, > < ;... < ;... < ; >...; >... Scrivi il numero intero relativo più piccolo possibile che soddisfa le disuguaglianze date nei seguenti esercizi. Il numero. <...; <...;, <...;... > ;... >,. <...; <...; < Nei seguenti esercizi completa quanto richiesto....;... > ;... >. La temperatura di una certa località è C. A che temperatura si arriva se sale di C...; poi scende di C...; scende ancora di C...; risale di C..... La temperatura di una certa località per passare da C a C è salita di... C; per passare da C a C è salita di... C; per passare da C a C è scesa di... C; per passare da C a C è scesa di... C.. Il signor Giulio, in possesso di un assegno di 00 euro, estingue due debiti di 00 euro ciascuno e successivamente, avendo incassato 00 euro, emette un assegno di 000 euro. Alla fine si trova in attivo o in passivo? E di quanto?. Al gennaio dell anno scorso la popolazione di un paese era di 000 persone. Nel corso dell anno sono morte 0 persone e ne sono nate 0; contemporaneamente ne sono emigrate e rimpatriate 0. Qual era la popolazione al dicembre? Esprimi la variazione subita. [ ; ]

17 . Completa la seguente tabella. Anno di nascita 0 a.c. 0 a.c. a.c. a.c. Anno di morte d.c. d.c. 0 d.c. d.c. Anni di vita 0. La valutazione di un test prevede punti per ogni risposta esatta, punto per ogni risposta sbagliata e 0 punti per ogni risposta non data. Sapendo che il test richiede 0 risposte, completa le seguenti affermazioni. Il massimo punteggio ottenibile è Risposte Esatte Sbagliate Non date. Il minimo è. Il punteggio riportato da Sandra, Aldo, Franco e Luisa, i cui risultati sono dati nella tabella a fianco, è rispettivamente Sandra... Aldo... Franco... Luisa... Sandra Aldo Franco Luisa 0 0. Il grafico sotto descrive la variazione della popolazione di una città nel decennio I numeri relativi Teoria da pag. a pag Se nel la popolazione era di persone il numero di abitanti nel 00 era..., nel 00 era..., nel 00 era.; la variazione della popolazione registrata dal 000 al 00 è stata di... e dal 00 al 00 di...; l intervallo di anni consecutivi in cui si è avuto il massimo incremento....

18 esercizi di riepilogo 0. Il resoconto di un azienda a fine anno è dato dal grafico a fianco. Alla data 0 giugno, il saldo era di... Il saldo a fine anno è di.. attivo 000 passivo Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre 0 Il numero Scrivi al posto dei puntini il numero intero relativo che rende vere le uguaglianze date.. ( ) (.) = ; ( ) (.) =. ( ) (.) = ; ( ) (.) =. (.) ( ) = ; (.) ( ) =. (.) ( ) = ; (.) ( ) = 0 Scrivi al posto dei puntini due numeri interi relativi concordi che rendono vere le uguaglianze date.. (.) (.) =. (.) (.) = (.) (.) = (.) (.) =. (.) (.) = (.) (.) = 0. (.) (.) = (.) (.) = Scrivi al posto dei puntini due numeri interi relativi discordi che rendono vere le uguaglianze date.. (.) (.) =. (.) (.) = (.) (.) = (.) (.) = 0. (.) (.) = 0 (.) (.) =. (.) (.) = (.) (.) = Completa, dove possibile, le uguaglianze date nei seguenti esercizi scrivendo al posto dei puntini l opportuno numero relativo..... = 0;... =.... = ;... =.... = 0;... =.... = ;... =

19 .... = 0; = ;... =.... = ;... = ;... = Completa le seguenti tabelle.. a b c a b a c b c a b c (a b) (b c). a b c a b a c b c a b c (a b) (b c). I numeri relativi Teoria da pag. a pag.. a b c a b a c (a b) c b (a c) (a b) (b c). a b c a b a c (a b) c b (a c) (a b) (b c)

20 esercizi di riepilogo. Esponente Base 0. Esponente Base 0 / / Il numero / /. Esponente Base / / Traduci ciascuno dei seguenti diagrammi ad albero in espressioni e calcolane il valore.... [] 0

21 . I numeri relativi Teoria da pag. a pag. Calcola il valore delle seguenti espressioni sostituendo alle lettere i valori indicati.. (a b) (b a) c con a =, b =, c = [ ]. [a (b c)] b c con a =, b =, c = [ ]. [ a (b c)] (b c) con a b c = b = c,, b. [(a b) (a b)] con a b =,. a b b a c a b con a b c = c b =,, b. a b c c ( ) a b c c con a b c = =,, b [ ] Calcola il valore delle seguenti espressioni [ ]

22 e sercizi di riepilogo Il numero ( ). 0. [ ] ( ) 0 [ ]. 0. 0

23 . I numeri relativi Teoria da pag. a pag. 0. ( ) ) []. 0 [ ]. [ ]

24 scheda di autoverifica. I numeri relativi Nome. Cognome. Classe. Completa le seguenti affermazioni. a. Si chiama modulo di un numero relativo. b. Si dicono concordi i numeri relativi aventi.. c. Si dicono discordi i numeri relativi aventi... d. Si dicono opposti due numeri relativi.. Vero o falso? Scrivilo accanto a ciascuna relazione. a. a > b... b. a > 0 > b... c. Se a > b, allora a < b... d. Se a < b, allora a < b... e. Se a < b, allora a < b... f. Se a > b, allora a < b.... Stabilisci, scrivendolo al posto dei puntini, se le seguenti affermazioni sono esatte o sbagliate. a. La potenza di un numero relativo è un numero che ha per valore assoluto la potenza del valore assoluto della base ed è sempre positiva tranne nel caso in cui l esponente sia dispari.... b. La potenza di un numero relativo (diverso da zero) con esponente negativo è il reciproco della potenza con esponente positivo.... c. La radice quadrata di è ±..... Esprimi con un numero relativo a. 00 euro di debito.; b. C sopra lo zero.; c. 0 m sotto il livello del mare... Completa con i termini concordi, discordi o opposti. a. e sono... c. e sono... b. e sono... d. e sono.... Esegui le seguenti addizioni. a. = b. =......

25 scheda di autoverifica. Esegui le seguenti sottrazioni. a. = b. 0 =. Esegui le seguenti moltiplicazioni. a. = b. = Esegui le seguenti divisioni. a. = b.... = Calcola il valore della seguente espressione. 0 Assegnati punto per ogni risposta esatta e punti per l espressione risolta. Punteggio conseguito / Se il tuo punteggio è inferiore a, svolgi gli esercizi di recupero, altrimenti passa agli esercizi di potenziamento che trovi in fondo al volume.

26 Esercizi di recupero Una consistente serie di esercizi, unità per unità, fi nalizzati al recupero delle nozioni matematiche acquisite. La gradualità delle diffi coltà e i numerosi esercizi guidati consentono un agevole percorso di apprendimento. Esercizi di potenziamento Una consistente serie di esercizi, unità per unità, fi nalizzati al potenziamento delle nozioni matematiche acquisite e completati da esercizi tratti, in gran parte, dalle Olimpiadi della Matematica.

27 esercizi di recupero unità I numeri relativi i. Per ciascun numero dato scrivi un numero concorde, un numero discorde e il numero opposto. concorde... concorde..., concorde... discorde... discorde... discorde... opposto... opposto... opposto... Esegui le addizioni date nei seguenti esercizi (osserva l esempio e segui la traccia dei primi esercizi).. = = =. = =. =. = = =. =.. =.. =... Il numero. =.. =.. =... Esegui le sottrazioni date nei seguenti esercizi (osserva l esempio e segui la traccia dei primi esercizi).. = = =. = = =. = = = =.. =.. =... 0 =.. =.. =...

28 Calcola le somme algebriche date nei seguenti esercizi (osserva l esempio).. = = = =. =. =.. = =. =.. = ( ). =. =.. =... =. =.. =... 0 Esegui le moltiplicazioni date nei seguenti esercizi.. = = ; 0. =. = = = Esegui le divisioni date nei seguenti esercizi.. 0 =. = =. =... ; ; 0 Ricorda che per dà per dà per dà per dà =... =... [ ] =... =... =... =... =... =... Ricorda che diviso dà diviso dà diviso dà diviso dà. I numeri relativi Teoria da pag. a pag. RCS Libri S.p.A. - Divisione Education, Milano

29 0 Il numero Esercizi di recupero. =. =.. = =. =.. =.... =. =.. =.... =. =.. = =. =.. =... Calcola le seguenti potenze.. =. =.. =. =.. = = = =. =. =.. =.... =. =.. = =. =.. =... Calcola il valore delle seguenti espressioni (nelle prime segui la traccia).. = = = = = = = =.....

30 . I numeri relativi Teoria da pag. a pag.. = = = = = = = = [ ]. 0 0 [ ] [ ]...

31 I numeri relativi unità esercizi di potenziamento Il numero Calcola il valore delle seguenti espressioni... ( ) ) [ ]. ( ) 0 0. [ ] [0]

32 . I numeri relativi Teoria da pag. a pag [± ] ±. ±. [± ]. [± ]. Quanto fa? a. 0 b. c. d. e. (Olimpiadi della Matematica, Brasile, 00). Calcola il risultato dell espressione. (Olimpiadi della Matematica, Brasile, 00) In gara I

ESERCIZI DI PREPARAZIONE E

ESERCIZI DI PREPARAZIONE E ESERCIZI DI PREPARAZIONE E CONSOLIDAMENTO PER I FUTURI STUDENTI DEL PRIMO LEVI si campa anche senza sapere che cos è un equazione, senza sapere suonare uno strumento musicale, senza conoscere il nome del

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 2 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Sistemi di primo grado

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA Istituto Istruzione Superiore A. Venturi Modena Liceo artistico - Istituto Professionale Grafica Via Rainusso, 66-41124 MODENA Sede di riferimento (Via de Servi, 21-41121 MODENA) tel. 059-222156 / 245330

Dettagli

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26 Indice L attività di recupero 6 Funzioni Teoria in sintesi 0 Obiettivo Ricerca del dominio e del codominio di funzioni note Obiettivo Ricerca del dominio di funzioni algebriche; scrittura del dominio Obiettivo

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE I E A.S. 2012/2013 DISCIPLINA : MATEMATICA DOCENTI : CECILIA SAMPIERI, TAMARA CECCONI

PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE I E A.S. 2012/2013 DISCIPLINA : MATEMATICA DOCENTI : CECILIA SAMPIERI, TAMARA CECCONI PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE I E A.S. 2012/2013 LIBRO DI TESTO:L. Sasso Nuova Matematica a colori Algebra e Geometria 1 edizione Azzurra ed. Petrini TEMA A I numeri e linguaggio della Matemati Unità 1

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.I.S. CATERINA CANIANA Via Polaresco 19 24129 Bergamo Tel:035 250547 035 253492 Fax:035 4328401 http://www.istitutocaniana.it email: canianaipssc@istitutocaniana.it

Dettagli

Funzione Una relazione fra due insiemi A e B è una funzione se a ogni elemento di A si associa uno e un solo elemento

Funzione Una relazione fra due insiemi A e B è una funzione se a ogni elemento di A si associa uno e un solo elemento TERIA CAPITL 9. ESPNENZIALI E LGARITMI. LE FUNZINI Non si ha una funzione se anche a un solo elemento di A non è associato un elemento di B, oppure ne sono associati più di uno. DEFINIZINE Funzione Una

Dettagli

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag. SOMMARIO CAPITOLO : I RADICALI. I radicali pag.. I radicali aritmetici pag.. Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.. Potenza di un radicale aritmetico pag.. Trasporto di un fattore esterno

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA ED INFORMATICA 1

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA ED INFORMATICA 1 SEDE LEGALE: Via Roma, 125-04019 - Terracina (LT) - Tel. +39 0773 70 28 77 - +39 0773 87 08 98 - +39 331 18 22 487 SUCCURSALE: Via Roma, 116 - Tel. +39 0773 70 01 75 - +39 331 17 45 691 SUCCURSALE: Via

Dettagli

MODULO DI MATEMATICA. di accesso al triennio. Potenze. Proporzioni. Figure piane. Calcolo di aree

MODULO DI MATEMATICA. di accesso al triennio. Potenze. Proporzioni. Figure piane. Calcolo di aree MODULO DI MATEMATICA di accesso al triennio Abilità interessate Utilizzare terminologia specifica. Essere consapevoli della necessità di un linguaggio condiviso. Utilizzare il disegno geometrico, per assimilare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI MATEMATICA 2015/2016 Classi Prime

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI MATEMATICA 2015/2016 Classi Prime PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI MATEMATICA 2015/2016 Classi Prime Metodi e strumenti Nelle lezioni in aula si farà uso: [] della lezione dialogata (utilizzata di norma, e che prevede lo sviluppo anche

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014 /2015

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 A047 MATEMATICA CLASSE PRIMA PROFESSIONALE DOCENTI : CARAFFI ALESSANDRA, CORREGGI MARIA GRAZIA, FAZIO ANGELA,

Dettagli

Le funzioni elementari. La struttura di R. Sottrazione e divisione

Le funzioni elementari. La struttura di R. Sottrazione e divisione Le funzioni elementari La struttura di R La struttura di R è definita dalle operazioni Addizione e moltiplicazione. Proprietà: Commutativa Associativa Distributiva dell addizione rispetto alla moltiplicazione

Dettagli

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. L alunno ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto

Dettagli

Programma di MATEMATICA

Programma di MATEMATICA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Via Silvestri, 301 00164 ROMA - Via Silvestri, 301 Tel. 06/121127660 Fax

Dettagli

Generalità sulle funzioni

Generalità sulle funzioni Capitolo Concetto di funzione Generalità sulle funzioni Definizione di funzione Definizione Dato un sottoinsieme non vuoto D di R, si chiama funzione reale di variabile reale, una relazione che ad ogni

Dettagli

CLASSE 1ª Manutenzione e Assistenza Tecnica

CLASSE 1ª Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE 1ª Manutenzione e Assistenza Tecnica Programma svolto di MATEMATICA Anno scolastico 2013/14 ELEMENTI DI RACCORDO CON LA SCUOLA MEDIA GLI INSIEMI CALCOLO LETTERALE GEOMETRIA - Ordinamento, proprietà,

Dettagli

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Docente: DI LISCIA F. Materia: MATEMATICA CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Insiemi numerici: numeri naturali, proprietà delle operazioni aritmetiche; Potenze e loro proprietà; Criteri di divisibilità;

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

modulo A1.1 modulo A1.2 livello A1 modulo A2.1 modulo A2.2 matematica livello A2 livello A3

modulo A1.1 modulo A1.2 livello A1 modulo A2.1 modulo A2.2 matematica livello A2 livello A3 livello A1 modulo A1.1 modulo A1.2 matematica livello A2 modulo A2.1 modulo A2.2 livello A insiemi e appartenenza interpretazione grafica nel piano traslazioni proprietà commutatività associatività elemento

Dettagli

MATEMATICA PRIMO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE

MATEMATICA PRIMO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE MATEMATICA PRIMO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE Profilo generale e competenze Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali concetti e metodi di base della matematica,

Dettagli

Pre Test 2008... Matematica

Pre Test 2008... Matematica Pre Test 2008... Matematica INSIEMI NUMERICI Gli insiemi numerici (di numeri) sono: numeri naturali N: insieme dei numeri interi e positivi {1; 2; 3; 4;...} numeri interi relativi Z: insieme dei numeri

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 COMPETENZE ABILITA /CAPACITA CONOSCENZE

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 COMPETENZE ABILITA /CAPACITA CONOSCENZE ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 A047 MATEMATICA CLASSE PRIMA/SECONDA PROFESSIONALE CORSO SERALE DOCENTE: LUBRANO LOBIANCO ANIELLO Legenda: In

Dettagli

IL NUMERO. PRIMO BIENNIO: 1a - 2a elementare COMPETENZE ABILITA' CONOSCENZE

IL NUMERO. PRIMO BIENNIO: 1a - 2a elementare COMPETENZE ABILITA' CONOSCENZE IL NUMERO PRIMO BIENNIO: 1a - 2a elementare Utilizzare i numeri naturali fino a 100 per contare e per eseguire operazioni aritmetiche di addizione e sottrazione, sia nel calcolo mentale che scritto. Raggruppare

Dettagli

Programmazione del dipartimento di MATEMATICA per il quinquennio

Programmazione del dipartimento di MATEMATICA per il quinquennio IPIA C. CORRENTI Programmazione del dipartimento di MATEMATICA per il quinquennio FINALITA DELL INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA Promuovere le facoltà intuitive e logiche Educare ai processi di astrazione

Dettagli

MATEMATICA. PRIMO ANNO (Liceo Classico e Liceo delle Scienze Umane)

MATEMATICA. PRIMO ANNO (Liceo Classico e Liceo delle Scienze Umane) 1/7 PRIMO ANNO Testo consigliato: BERGAMINI TRIFONE BAROZZI, Matematica.azzurro, vol. 1, Zanichelli Obiettivi minimi. Acquisire il linguaggio specifico della disciplina; sviluppare espressioni algebriche

Dettagli

STANDARD MINIMI DI RIFERIMENTO MATEMATICA LICEO TECNICO

STANDARD MINIMI DI RIFERIMENTO MATEMATICA LICEO TECNICO STANDARD MINIMI DI RIFERIMENTO MATEMATICA LICEO TECNICO CLASSE 1^ CONOSCENZE Insiemi numerici N, Z, Q, R; rappresentazioni, operazioni, ordinamento Espressioni algebriche; principali operazioni Equazioni

Dettagli

Programmazione Annuale di Matematica della Scuola Secondaria di Primo Grado Caccia

Programmazione Annuale di Matematica della Scuola Secondaria di Primo Grado Caccia Programmazione Annuale di Matematica della Scuola Secondaria di Primo Grado Caccia L'educazione matematica ha il compito di avviare l'alunno verso una maggiore consapevolezza e padronanza del pensiero

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

Istituto Comprensivo Caposele (Av) Curricolo verticale d istituto a.sc. 2013-2014

Istituto Comprensivo Caposele (Av) Curricolo verticale d istituto a.sc. 2013-2014 CURRICOLO DI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA 1. Contare oggetti o eventi, a voce e mentalmente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre, 2. Leggere e scrivere i numeri naturali

Dettagli

VALLAURI L ASSE MATEMATICO

VALLAURI L ASSE MATEMATICO Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato Giancarlo Vallauri Via B. Peruzzi, 13 41012 CARPI (MO) VALLAURI www.vallauricarpi.it Tel. 059 691573 Fax 059 642074 vallauri@vallauricarpi.it

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15 Materia: FISICA 1) INTRODUZIONE ALLA SCIENZA E AL METODO SCIENTIFICO La Scienza moderna. Galileo ed il metodo sperimentale. Grandezze

Dettagli

I.T.G. <> Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO RELAZIONE

I.T.G. <<G.C.Gloriosi>> Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO RELAZIONE I.T.G. Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO Prof. Lucia D Aniello, CLASSI 3 A, 4 A, 5 A GEOMETRI- SIRIO RELAZIONE Premesse La programmazione è stata redatta

Dettagli

Sallustio Bandini. Matematica. Istituto Tecnico Statale Programmatori Ragionieri Geometri Lingue Straniere

Sallustio Bandini. Matematica. Istituto Tecnico Statale Programmatori Ragionieri Geometri Lingue Straniere FINALITA DELL INSEGNAMENTO Sallustio Bandini Istituto Tecnico Statale Programmatori Ragionieri Geometri Lingue Straniere Agenzia Formativa Accreditata dalla Regione Toscana Matematica La Matematica, parte

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA

CURRICOLO MATEMATICA 1 CURRICOLO MATEMATICA Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia 2 NUMERI Raggruppare, ordinare, contare, misurare oggetti, grandezze ed eventi direttamente esperibili. Utilizzare calendari settimanali

Dettagli

M. Cerini - R. Fiamenghi - D. Giallongo. Quaderno operativo. Trevisini Editore

M. Cerini - R. Fiamenghi - D. Giallongo. Quaderno operativo. Trevisini Editore M. Cerini - R. Fiamenghi - D. Giallongo Quaderno operativo Trevisini Editore La pubblicazione di un libro è un operazione complessa, che richiede numerosi controlli: sul testo, sulle immagini e sulle relazioni

Dettagli

Classe: 1 a A AFM...2 Classe: 1 a B AFM...3 Classe: 2 a A AFM...4 Classe: 3 a A AFM...5 Classe: 4 a A IGEA...6

Classe: 1 a A AFM...2 Classe: 1 a B AFM...3 Classe: 2 a A AFM...4 Classe: 3 a A AFM...5 Classe: 4 a A IGEA...6 Classe: 1 a A AFM...2 Classe: 1 a B AFM...3 Classe: 2 a A AFM...4 Classe: 3 a A AFM...5 Classe: 4 a A IGEA...6 Classe: 1 a A AFM GLI INSIEMI NUMERICI E LE OPERAZIONI Ripasso del calcolo numerico: espressioni

Dettagli

SCHEDA DI RECUPERO SUI NUMERI RELATIVI

SCHEDA DI RECUPERO SUI NUMERI RELATIVI SCHEDA DI RECUPERO SUI NUMERI RELATIVI I numeri relativi sono l insieme dei numeri negativi (preceduti dal segno -) numeri positivi (il segno + è spesso omesso) lo zero. Valore assoluto di un numero relativo

Dettagli

Piano di lavoro annuale a.s. 2013/2014

Piano di lavoro annuale a.s. 2013/2014 Piano di lavoro annuale a.s. 2013/2014 Docente: Frank Ilde Materia: Matematica Classe: 1^ASA 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi educativo-cognitivi generali che sono stati

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. Tomasetig Laura A.S. 2014/2015 CLASSE 1ACAT MATERIA: Matematica

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. Tomasetig Laura A.S. 2014/2015 CLASSE 1ACAT MATERIA: Matematica PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. Tomasetig Laura A.S. 2014/2015 CLASSE 1ACAT MATERIA: Matematica Modulo n. 1: Insiemi Collocazione temporale: settembre-dicembre Strategie didattiche: L insegnamento dei

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTI Gabellone, Silvagni,Damiano TRAGUARDI DELLE COMPETENZE AL TERMINE della CLASSE QUARTA Sviluppa

Dettagli

LICEO STATALE G. MAZZINI

LICEO STATALE G. MAZZINI LICEO STATALE G. MAZZINI LICEO LINGUISTICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Viale Aldo Ferrari, 37 Tel. 0187743000 19122 La Spezia Fax 0187743208 www.liceomazzini.org

Dettagli

Le equazioni. Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete.

Le equazioni. Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete. Le equazioni Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete. Definizione e caratteristiche Chiamiamo equazione l uguaglianza tra due espressioni algebriche,

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D. CASSINI

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D. CASSINI PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CLASSI PRIME NUCLEI TEMATICI E METODOLOGIA. Nucleo 1 Nucleo 2 Nucleo 3 Nucleo 4 Nucleo 5 Ambiente di lavoro (in generale) e linguaggio della matematica Ambiente e linguaggio

Dettagli

Aritmetica: operazioni ed espressioni

Aritmetica: operazioni ed espressioni / A SCUOLA DI MATEMATICA Lezioni di matematica a cura di Eugenio Amitrano Argomento n. : operazioni ed espressioni Ricostruzione di un abaco dell epoca romana - Museo RGZ di Magonza (Germania) Libero da

Dettagli

COSTRUZIONI E DISEGNO RELATIVO E NOZIONI DI GEOMETRIA DESCRITTIVA (SEZIONE DI AGRIMENSURA)

COSTRUZIONI E DISEGNO RELATIVO E NOZIONI DI GEOMETRIA DESCRITTIVA (SEZIONE DI AGRIMENSURA) Istruzioni e programmi d insegnamento per gli istituti tecnici approvati con regio decreto 2 ottobre 1891 n. 622 (Raccolta ufficiale delle leggi e dei decreti del Regno d Italia, Roma, Stamperia Reale,

Dettagli

IL CONCETTO DI FUNZIONE

IL CONCETTO DI FUNZIONE IL CONCETTO DI FUNZIONE Il concetto di funzione è forse il concetto più importante per la matematica: infatti la matematica e' cercare le cause, le implicazioni, le conseguenze e l'utilità di una funzione

Dettagli

Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica

Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica Giulio Donato Broccoli Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica Comprende: Metodi matematici fondamentali per affrontare i temi assegnati Esercizi interamente svolti

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2011/2012 A CURA DEL RESPONSABILE DI AMBITO CAGNESCHI FEDERICA / IMPERATORE DOLORES L AMBITO DISCIPLINARE DI MATEMATICA STABILISCE CHE: 1. I docenti prevedono un congruo numero di ore per il recupero

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Funzioni reali di variabile reale Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA LINEARE

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA LINEARE APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA LINEARE Le equazioni di primo grado Le disequazioni di primo grado I sistemi di primo grado ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le equazioni di primo grado 3 1.1 Le uguaglianze.......................................

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

PIANO DI LAVORO a.s. 2013-2014

PIANO DI LAVORO a.s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO a.s. 2013-2014 1. obiettivi didattici 2. contenuti 3. metodi e strumenti 4. criteri di valutazione MATERIA: MATEMATICA APPLICATA CORSO: INTERO CORSO CLASSE PRIMA 1.OBIETTIVI DIDATTICI Gli

Dettagli

LICEO ARTISTICO BOCCIONI A.S. 2013-2014. Programma di MATEMATICA svolto nella Classe Prima L

LICEO ARTISTICO BOCCIONI A.S. 2013-2014. Programma di MATEMATICA svolto nella Classe Prima L LICEO ARTISTICO BOCCIONI A.S. 2013-2014 Programma di MATEMATICA svolto nella Classe Prima L I numeri naturali e i numeri interi Che cosa sono i numeri naturali. L insieme dei numeri naturali N. Le quattro

Dettagli

I.I.S. "MARGHERITA DI SAVOIA" a.s. 20014-2015 LICEO LINGUISTICO classe I BL Programma di MATEMATICA

I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA a.s. 20014-2015 LICEO LINGUISTICO classe I BL Programma di MATEMATICA classe I BL Numeri naturali L insieme dei numeri naturali e le quattro operazioni aritmetiche. Le potenze. Espressioni. Divisibilità, numeri primi. M.C.D. e m.c.m. Numeri interi relativi L insieme dei

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VALLE DI SCALVE

ISTITUTO COMPRENSIVO VALLE DI SCALVE ISTITUTO COMPRENSIVO VALLE DI SCALVE Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria 1 e 2 grado 24020 VILMINORE DI SCALVE (BG) 0346-51066 - 0346-50056 - ic.vallescalve@tiscali.it MATERIA: MATEMATICA

Dettagli

Curricolo scuola primaria: AREA LOGICO MATEMATICA

Curricolo scuola primaria: AREA LOGICO MATEMATICA Curricolo scuola primaria: AREA LOGICO MATEMATICA COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA CLASSE I - Leggere e scrivere i numeri, ordinarli e usarli per contare in senso progressivo e regressivo. - Effettuare calcoli

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C. GEOMETRI L. EINAUDI - MURAVERA - CLASSE 4A AFM

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C. GEOMETRI L. EINAUDI - MURAVERA - CLASSE 4A AFM ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C. GEOMETRI L. EINAUDI - MURAVERA - CLASSE 4A AFM MATEMATICA DOCENTI Marina Pilia Enrico Sedda PROGRAMMA A.S. 2014/2015 PROGRAMMA DI MATEMATICA CLASSE 4A AFM ANNO SCOLASTICO

Dettagli

CLASSI PRIME tecnico 4 ORE

CLASSI PRIME tecnico 4 ORE PIANO ANNUALE a.s. 2012/2013 CLASSI PRIME tecnico 4 ORE Settembre Ottobre Novembre dicembre dicembre gennaio- 15 aprile 15 aprile 15 maggio Somministrazione di test di ingresso. Insiemi numerici Operazioni

Dettagli

Matematica 3. Dipartimento di Matematica. ITIS V.Volterra San Donà di Piave. Versione [2015-16]

Matematica 3. Dipartimento di Matematica. ITIS V.Volterra San Donà di Piave. Versione [2015-16] Matematica 3 Dipartimento di Matematica ITIS V.Volterra San Donà di Piave Versione [05-6] Indice I Numeri e Funzioni Numeri 3. Premessa............................................. 3. Tipi di numeri..........................................

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI MATEMATICA CLASSE SECONDA INDIRIZZI: AMMINNISTRAZIONE FINANZA E MARKETING - TURISMO SEZIONE TECNICO

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI MATEMATICA CLASSE SECONDA INDIRIZZI: AMMINNISTRAZIONE FINANZA E MARKETING - TURISMO SEZIONE TECNICO PROGRAMMAZIONE MODULARE MATEMATICA CL SECONDA INRIZZI: AMMINNISTRAZIONE FINANZA E MARKETING - TURISMO SEZIONE TECNICO MODULO 1 : Frazioni algebriche ed equazioni fratte C1, M1, M3 Determinare il campo

Dettagli

CLASSE terza SEZIONE E A.S. 2014-15 PROGRAMMA SVOLTO

CLASSE terza SEZIONE E A.S. 2014-15 PROGRAMMA SVOLTO CLASSE terza SEZIONE E A.S. 2014-15 L insieme dei numeri razionali. Equazioni e disequazioni di primo grado Sistemi di equazioni e disequazioni di primo grado.. IL PIANO CARTESIANO Il piano cartesiano.

Dettagli

PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015

PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015 MATERIA: MATEMATICA APPLICATA CORSO: INTERO CORSO 1. obiettivi didattici 2. contenuti 3. metodi e strumenti 4. criteri di valutazione CLASSE PRIMA 1.OBIETTIVI DIDATTICI Gli

Dettagli

Geometria analitica di base (prima parte)

Geometria analitica di base (prima parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: come fissare un sistema di riferimento cartesiano ortogonale il significato di equazione di una retta il significato di coefficiente angolare di una

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof.

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. ssa Laura Piazzi CLASSE I A.S.2014 /2015 2 OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1 OBIETTIVI

Dettagli

MATEMATICA SCUOLE DELL INFANZIA

MATEMATICA SCUOLE DELL INFANZIA MATEMATICA SCUOLE DELL INFANZIA CAMPO DI ESPERIENZA: LA CONOSCENZA DEL MONDO (ordine, misura, spazio, tempo, natura) È l'ambito relativo all'esplorazione, scoperta e prima sistematizzazione delle conoscenze

Dettagli

CORSO BIELLA CONCETTI FONDAMENTALI DI ARITMETICA, ALGEBRA E GEOMETRIA PER LA SCUOLA DELL OBBLIGO MARTEDI 19/02/2013 TEMA

CORSO BIELLA CONCETTI FONDAMENTALI DI ARITMETICA, ALGEBRA E GEOMETRIA PER LA SCUOLA DELL OBBLIGO MARTEDI 19/02/2013 TEMA CORSO BIELLA CONCETTI FONDAMENTALI DI ARITMETICA, ALGEBRA E GEOMETRIA PER LA SCUOLA DELL OBBLIGO MARTEDI 19/02/201 TEMA OPERAZIONI CON I NUMERI E LORO PROPRIETA. NASCONO LE STRUTTURE ALGEBRICHE. 1 TESTO

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA MATEMATICA - TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE Raggruppa e ordina secondo criteri diversi. Confronta e valuta quantità. Utilizza semplici simboli per registrare. Compie

Dettagli

Ogni primino sa che...

Ogni primino sa che... Ogni primino sa che... A cura della équipe di matematica 25 giugno 2015 Competenze in ingresso Tradizionalmente, nei primi giorni di scuola, gli studenti delle classi prime del Pascal sostengono una prova

Dettagli

LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA

LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA Anno Scolastico 2014/15 LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA : MATEMATICA PRIMO BIENNIO L asse matematico ha l obiettivo di far acquisire allo studente saperi e competenze

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S.2014-15 SCUOLA: Liceo Linguistico Teatro alla Scala DOCENTE: BASSO RICCI MARIA MATERIA: MATEMATICA- INFORMATICA Classe 2 Sezione A CONTENUTI Sistemi lineari numerici

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l opportunità di

Dettagli

Tavola riepilogativa degli insiemi numerici

Tavola riepilogativa degli insiemi numerici N : insieme dei numeri naturali Z : insieme dei numeri interi Q : insieme dei numeri razionali I : insieme dei numeri irrazionali R : insieme dei numeri reali Tavola riepilogativa degli insiemi numerici

Dettagli

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni 2 PARAGRAFI TRATTATI 1)La funzione esponenziale 2) grafici della funzione esponenziale 3) proprietá delle potenze 4) i logaritmi 5) grafici della funzione logaritmica 6) principali proprietá dei logaritmi

Dettagli

MATEMATICA. Classe I Classe II Classe III Classe IV Classe V Traguardo 1

MATEMATICA. Classe I Classe II Classe III Classe IV Classe V Traguardo 1 MATEMATICA COMPETENZE Dimostra conoscenze matematiche che gli consentono di analizzare dati e fatti della realtà e di verificare l'attendibilità delle analisi quantitative e statistiche proposte da altri.

Dettagli

2. Matematica. V. Matematica e scienze sperimentali 143

2. Matematica. V. Matematica e scienze sperimentali 143 V. Matematica e scienze sperimentali 143 2. Matematica 2.1. Obiettivi generali della materia e incidenze su quelli dell area di studio «matematica e scienze sperimentali» L insegnamento della matematica

Dettagli

Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino

Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI LOVERE VIA DIONIGI CASTELLI, 2 - LOVERE Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Le programmazioni didattiche sono state stese in base

Dettagli

Obiettivi Specifici di apprendimento MATEMATICA. CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (dalla Cl. I Sc.Primaria alla Cl. III Sc.Second. 1 gr.

Obiettivi Specifici di apprendimento MATEMATICA. CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (dalla Cl. I Sc.Primaria alla Cl. III Sc.Second. 1 gr. Classe I Sc.Primaria Obiettivi Specifici di apprendimento MATEMATICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (Cl. I Sc.Primaria Cl. III Sc.Second. 1 gr.) NUMERO - Confrontare e ordinare raggruppamenti di oggetti

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

LINEE GENERALI E COMPETENZE

LINEE GENERALI E COMPETENZE MATEMATICA LINEE GENERALI E COMPETENZE Al termine del percorso del liceo scientifico lo studente conoscerà i concetti e i metodi elementari della matematica, sia interni alla disciplina in sé considerata,

Dettagli

PIANO DI LAVORO A.S. 2013/14. Liceo SCIENTIFICO GOBETTI OMEGNA

PIANO DI LAVORO A.S. 2013/14. Liceo SCIENTIFICO GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO A.S. 2013/14 Liceo SCIENTIFICO GOBETTI OMEGNA Professoressa LILIANA PIZZI Disciplina MATEMATICA Classe PRIMA sezione B Data: 12 Ottobre 2013 A. LIVELLI DI PARTENZA TEST E/O GRIGLIE DI OSSERVAZIONE

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

Competenze. -Saper semplificare le frazioni algebriche -Saper eseguire le operazioni con le frazioni algebriche

Competenze. -Saper semplificare le frazioni algebriche -Saper eseguire le operazioni con le frazioni algebriche Disciplina MATEMATICA Secondo biennio e anno conclusivo Liceo Economico sociale Classe terza Finalità Conoscenze Obiettivi minimi Finalità della matematica nel corso del secondo biennio è di proseguire

Dettagli

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Competenza chiave europea: MATEMATICA Scuola Primaria DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte TAB. A TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della Scuola Primaria

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di MATEMATICA 1 QUADRIMESTRE CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di MATEMATICA 1 QUADRIMESTRE CLASSE PRIMA PROGRAMMAZIONE di MATEMATICA 1 QUADRIMESTRE CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ NUMERI 1. Opera con i numeri 1a. Contare in senso progressivo o regressivo fino a 20 1b. Leggere

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria).

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Aprile 20 Indice Serie numeriche. Serie convergenti, divergenti, indeterminate.....................

Dettagli

Liceo Scientifico Statale. Leonardo da Vinci. Fisica. Programma svolto durante l anno scolastico 2012/13 CLASSE I B. DOCENTE Elda Chirico

Liceo Scientifico Statale. Leonardo da Vinci. Fisica. Programma svolto durante l anno scolastico 2012/13 CLASSE I B. DOCENTE Elda Chirico Liceo Scientifico Statale Leonardo da Vinci Fisica Programma svolto durante l anno scolastico 2012/13 CLASSE I B DOCENTE Elda Chirico Le Grandezze. Introduzione alla fisica. Metodo sperimentale. Grandezze

Dettagli

DISCIPLINA: MATEMATICA INDIRIZZO: FINANZA E MARKETING CLASSE: 1 FM DOCENTE : MARINA MARTINELLI. Testo in adozione Settembre Ottobre

DISCIPLINA: MATEMATICA INDIRIZZO: FINANZA E MARKETING CLASSE: 1 FM DOCENTE : MARINA MARTINELLI. Testo in adozione Settembre Ottobre Pagina 1 di 5 DISCIPLINA: MATEMATICA INDIRIZZO: FINANZA E MARKETING CLASSE: 1 FM DOCENTE : MARINA MARTINELLI Elenco moduli Argomenti Strumenti / Testi 1 I numeri Naturali, Interi e Razionali Addizione,

Dettagli

31/10/2012. Lo studio delle funzioni permette di interpretare la variazione di due grandezze, l una rispetto l altra, quando

31/10/2012. Lo studio delle funzioni permette di interpretare la variazione di due grandezze, l una rispetto l altra, quando FUNZIONI MATEMATICHE Introduzione Lo studio delle funzioni permette di interpretare la variazione di due grandezze, l una rispetto l altra, quando tra le due esiste un legame di tipo matematico. La teoria

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE

CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE CLASSE OBIETTIVI COMPETENZE PRIMA Conoscere ed operare con i numeri Contare oggetti o eventi, con la voce e mentalmente, in senso progressivo e regressivo. Leggere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE DEI LAGHI

ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE DEI LAGHI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE DEI LAGHI PROGRAMMA DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDA E TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA SETTEMBRE 2003 COMPETENZE IN NUMERO Obiettivi: - Contare, eseguire semplici operazioni

Dettagli

A.S. 2012-1013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA D ISTITUTO COMPETENZA CHIAVE EUROPEA DISCIPLINA

A.S. 2012-1013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA D ISTITUTO COMPETENZA CHIAVE EUROPEA DISCIPLINA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado San Giovanni Teatino (CH) CURRICOLO A.S. 2012-1013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI DI Sviluppa

Dettagli

STUDIO ESTIVO IN PREPARAZIONE ALLA SCUOLA SUPERIORE

STUDIO ESTIVO IN PREPARAZIONE ALLA SCUOLA SUPERIORE www.istitutocalabrese.vr.it e-mail vris@istruzione.it www.liceoprimolevi.it STUDIO ESTIVO IN PREPARAZIONE ALLA SCUOLA SUPERIORE Gli insegnanti di matematica delle Scuole Medie di BUSSOLENGO CAPRINO VERONESE

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Operare in situazioni reali e/o disciplinari con tecniche e procedure di calcolo L alunno si muove con sicurezza nel calcolo anche con i numeri razionali, ne padroneggia le diverse e stima la grandezza

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE CURRICOLO MATEMATICA 1) Operare con i numeri nel calcolo aritmetico e algebrico, scritto e mentale, anche con riferimento a contesti reali. Per riconoscere e risolvere problemi di vario genere, individuando

Dettagli