ISTRUZIONI UTILI E NON SOLO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTRUZIONI UTILI E NON SOLO"

Transcript

1 ISTRUZIONI UTILI E NON SOLO

2

3 Come aprire un Bed and Breakfast, quali documenti presentare, a chi rivolgersi, quali sono le leggi da osservare. Di fronte alle numerose domande che sempre più cittadini ci rivolgono su un fenomeno in rapida crescita, la diffusione dei B&B anche nel nostro territorio, l Osservatorio Turismo della Provincia di Milano ha risposto con la pubblicazione del manuale Aprire un B&B, istruzioni utili e non solo. Le nostre statistiche documentano una richiesta sempre maggiore di operatori che desiderano intraprendere la strada del turismo in maniera alternativa, sfruttando la disponibilità di spazi della propria abitazione. Un sistema che consente una seconda fonte di reddito per chi lo concepisce come una doppia attività e ricadute positive anche in termini di sviluppo economico. Nello stesso tempo rientra in un tipo di turismo sostenibile, dal momento che in genere l attività del B&B è svolta in strutture già esistenti. Si tratta di un tipo di ospitalità che pur essendo a costo più contenuto rispetto a quella tradizionale, è in grado di presentare strutture confortevoli e spesso anche di raffinata cura nei dettagli. Per il turista è un modo per sentirsi a casa anche in un altra città. Milano, che nel panorama dell offerta alberghiera presenta già l eccellenza, sul fronte della ricettività extra-alberghiera non è ancora in grado di offrire una scelta molto ampia. Le numerose richieste di informazioni che ogni giorno giungono ai nostri uffici dimostrano che c è un interesse crescente. L Expo del 2015 potrà essere l occasione per il successo e l affermazione definitiva anche nella nostra provincia di questa formula imprenditoriale che lega tradizione e innovazione. Anche per queste ragioni una guida sulle istruzioni corrette per aprire un B&B è più che mai necessaria a chiunque volesse cominciare una nuova avventura. Stefano Bolognini Assessore alla sicurezza, Polizia provinciale, Protezione civile, prevenzione, turismo

4

5 ISTRUZIONI UTILI E NON SOLO

6

7 Indice LEGGE NAZIONALE 241/1990 E LEGGE REGIONALE 15/ Cosa? 8 Dove? 8 Come? 8 Provincia, Regione e Comune 9 AVVIO E GESTIONE DI UN BED&BREAKFAST 11 Perché aprire un B&B? 11 I caratteri fondamentali 11 Perché si decide di soggiornare in B&B? 11 Perché scegliere un B&B? 12 Chi è il turista? 12 Tempo di soggiorno? 12 Motivazioni? 13 Composizione strutture extra-alberghiere 2007/ Capacità ricettiva B&B 2008/ Mappa dei Bed&Breakfast in provincia di Milano 15 Adempimenti fiscali 18 Spese deducibili e non 19 Tassa rifiuti 20 Canone Rai 21 Marchio 22 Prima colazione 23 Associazioni che riuniscono B&B 24 Fac-simile - Denuncia Inizio Attività - DIA 25 Scheda informativa allegata al modulo 28 Fac-simile - Dichiarazione generalità v/pubblica sicurezza 29

8 LEGGE NAZIONALE 241/1990 E LEGGE REGIONALE 15/2007 COSA? È denominato Bed & Breakfast l attività di carattere saltuario svolta da privati che utilizzano parte della loro abitazione di residenza per offrire un servizio a conduzione familiare di alloggio e prima colazione (Legge Regionale 15/2007 art. 45 comma 1). DOVE? L attività è esercitata in case unifamiliari o in unità condominiali; comunque l esercizio dell attività non determina il cambio della destinazione d uso dell immobile. (Legge Regionale 15/2007 art. 45 comma 4); l attività può essere esercitata in non più di tre stanze con un massimo di sei posti letto; qualora l attività si svolga in più di una stanza devono essere garantiti non meno di due servizi igienici per unità abitativa; alle camere da letto destinate agli ospiti si deve poter accedere senza attraversare la camera da letto ed i servizi destinati alla famiglia o ad altro ospite. (Legge Regionale 15/2007 art. 45 comma 5). COME? Do t a z i o n i m i n i m e I locali devono possedere i requisiti igienico sanitari previsti dal regolamento edilizio comunale e dal regolamento d igiene, nonché rispettare la normativa vigente in materia di sicurezza e di somministrazione di cibi e bevande (Legge Regionale 15/2007 art. 45 comma 5); il servizio di pulizia delle stanze e sostituzione della biancheria deve essere svolto almeno tre volte alla settimana e, comunque, ad ogni cambio di ospite. La pulizia del bagno deve avvenire quotidianamente (Legge Regionale 15/2007 art. 45 comma 6). Obblighi Il responsabile è tenuto a presentare denuncia di inizio attività al Comune (la denuncia deve essere corredata dalla documentazione comprovante la sussistenza dei requisiti richiesti in base alle disposizioni vigenti), a trasmetterne copia, per conoscenza, alla Provincia di competenza e a esporne visibilmente copia all interno dei locali (Legge 241/1990 art. 19); 8

9 il responsabile può iniziare l attività dalla data di presentazione della dichiarazione all amministrazione competente (Legge 69/2009 art. 9); il responsabile dell attività è tenuto a registrare le presenze, comunicarle alla locale autorità di pubblica sicurezza, nonché a comunicare agli organi competenti il movimento degli ospiti secondo le disposizioni in materia di rilevazioni statistiche (Legge Regionale 15/2007 art. 45 comma 7); il responsabile è tenuto a comunicare alla Provincia competente le tariffe liberamente determinate (Legge Regionale 15/2007 art. 45 comma 8); il responsabile è tenuto ad esporre i prezzi massimi e minimi praticati in modo ben visibile al pubblico nei locali di ricevimento e all interno di ciascuna unità abitativa (Legge Regionale 15/2007 art. 47 comma 1); il responsabile dell attività è tenuto a sottoscrivere un adeguata polizza assicurativa di responsabilità civile per il verificarsi di eventuali danni agli ospiti (Legge Regionale 15/2007 art. 45 comma 9); il responsabile dell attività che intende procedere alla cessazione temporanea o definitiva dell attività deve darne preventivo avviso al Comune. (Legge Regionale 15/2007 art. 48 comma 1). Ag e v o l a z i o n i L esercizio dell attività di Bed & Breakfast non necessita di iscrizione alla sezione speciale del registro delle imprese e beneficia delle agevolazioni fiscali previste dalla normativa vigente (Legge Regionale 15/2007 art. 45 comma 3); non è più necessaria l autorizzazione dell assemblea condominiale per l avvio dell attività di B&B (art. 45 c. 4 della L.R. 15/2007 è stato dichiarato costituzionalmente illegittimo dalla sentenza della Corte Costituzionale n. 369 del 14 novembre 2008). PROVINCIA, REGIONE e COMUNE: La Provincia redige annualmente l elenco delle attività ricettive di B&B comprensivo della denominazione e dell indirizzo, delle generalità del responsabile, del numero di camere, delle tariffe e del periodo di apertura, ai fini dell attività di informazione turistica. L elenco è comunicato alla Regione (Legge Regionale 15/2007 art. 45 comma 8); la Provincia esercita le funzioni relative alla comunicazione delle tariffe nonché alla vigilanza (Legge Regionale 15/2007 art. 47 comma 2); la Giunta regionale definisce un apposito marchio identificativo Bed & Breakfast che può essere affisso, a spese di chi esercita l attività, all esterno della residenza (Legge Regionale 15/2007 art. 45 comma 2); il Comune esercita le funzioni di vigilanza e controllo sull osservanza delle disposizioni previste dalla legge, nonché di applicazione delle sanzioni (Legge Regionale 15/2007 art. 49). 9

10 IL RESPONSABILE DEL B&B DEVE COMUNICARE ALL UFFICIO STATI- STICA DELLA PROVINCIA DI MILANO: PREZZI Entro il 1 ottobre di ogni anno, inviare alla Provincia di Milano la dichiarazione dei prezzi che la struttura applicherà dal 1 gennaio dell anno successivo, anche nel caso in cui rimangano invariati. Il modulo è scaricabile alla pagina: turismo/doc/operatori/strutture_ricettive_moduli/mod_bxb.pdf Le strutture che non presenteranno la dichiarazione dei prezzi saranno segnalate all Ufficio Commercio del Comune di appartenenza per eventuali verifiche. La comunicazione facoltativa dei prezzi del II semestre dovrà avvenire entro il 1 Marzo con applicazione degli stessi dal 1 luglio. CHIUSURA TEMPORANEA La chiusura temporanea dell esercizio deve essere comunicata formalmente (mail, lettera, fax) agli uffici della Provincia. Il periodo di cessazione temporanea della attività non può essere superiore ai sei mesi, prorogabile dal Comune, per fondati motivi, una sola volta di ulteriori sei mesi, decorso tale termine, l attività si intende definitivamente cessata. RILEVAZIONI STATISTICHE La rilevazione movimento clienti deve essere inoltrata mensilmente entro il giorno 5 del mese successivo a quello di riferimento. Il modulo semplificato può essere scaricato dal sito milano.it/turismo/operatori/operatori_alberghieri/comunicare_prezzi/ Comunicare_la_statistica.html oppure richiesto all Ufficio Statistica. Una volta compilato in tutte le sue parti, è possibile inviare la statistica tramite: - (segnaliamo che inviamo SEM- PRE la conferma di ricezione dati, in caso contrario si prega gentilmente di contattare telefonicamente l ufficio Statistica per una verifica); - fax: Per ulteriori informazioni rivolgersi a: UFFICIO STATISTICA Settore Turismo Viale Piceno 60, MILANO - tel

11 AVVIO E GESTIONE DI UN BED&BREAKFAST... indicazioni, suggerimenti, punti di riflessione Il B&B è una formula di ospitalità che nasce nel Regno Unito per espandersi poi in Europa, a partire dai paesi del Nord, e nelle nazioni anglofone come USA e Australia. In Italia i primi B&B risalgono alla metà degli anni 90, ma solo nel 1997 gli si riconosce dignità normativa. La denominazione dell attività ricettiva dà già un indicazione dei caratteri fondamentali del servizio letto e colazione e ne sottende la filosofia: aprire la propria casa agli ospiti. Perché aprire un B&B? Si può decidere di aprire un Bed & Breakfast per una motivazione economica: arrotondare il bilancio familiare. Ma c è chi decide di intraprendere questa strada principalmente per conoscere nuove persone e culture e chi, nei limiti consentiti dalla legge, è intenzionato a farne una vera e propria attività imprenditoriale. I caratteri fondamentali I tratti essenziali connotanti il servizio sono: ospitalità, saltuaria, a pagamento, presso la propria abitazione; servizio di pernottamento e prima colazione; numero di camere ridotto; contesto familiare ed informale. Perché si decide di soggiornare in B&B? Il turista che sceglie il B&B ricerca un ambiente confortevole, casalingo, di qualità, che gli permetta di vivere a contatto con la popolazione locale in maniera informale. 11

12 Per aprire un attività ricettiva come questa è necessaria una particolare organizzazione personale e familiare, bisogna essere ben disposti alla condivisione degli spazi, della propria casa, essere aperti al dialogo, agli incontri e soprattutto agli orari e ai bisogni degli ospiti. Gli ospiti possono essere molti diversi tra loro, come possono essere diverse le motivazioni che portano alla scelta di questa forma di ospitalità. Perché scegliere un B&B? Sicuramente il trattamento economico incide in misura rilevante, ma non è solo questo. Da molti anni i turisti stranieri, soprattutto americani, inglesi e francesi usano viaggiare in tutto il mondo, fermandosi a dormire in casa d altri. Tra i requisiti considerati importanti dagli ospiti vengono evidenziati gli elementi relativi al servizio o all ambiente (atmosfera, modo di fare del gestore, attenzioni personali, consigli per i ristoranti nei dintorni). Chi è il turista? L ospite tipo è italiano per il 64% (il 36% di stranieri è rappresentato per l 89% da europei), trentenne, di sesso femminile 60% e si muove in coppia. Tempo di soggiorno? Il soggiorno medio è di circa 4 giorni, ad un prezzo medio al giorno di 62 euro per camera doppia con colazione. 12

13 Motivazioni? Il motivo principale che nei mesi estivi spinge a frequentare i B&B è quello classico legato al soggiorno marino (la metà delle persone considerate), seguito da quello - prettamente turistico - di visitare la città ed i luoghi artistici (un terzo). Al di là di questi che sono i motivi principali, gli ospiti che si recano nei B&B lo fanno per effettuare escursioni (17%), per potersi dedicare al proprio relax (13%), per partecipare ad eventi culturali e ludici (13%), per una breve sosta durante un viaggio più lungo (6%) e per ragioni diverse (9%). [fonte:italpress; Indagine dall Anbba e Confedilizia sui frequentanti i B&B nell estate del 2006]. L arte dell ospitalità rappresenta, quindi, il presupposto essenziale per lavorare in modo continuativo e bene. I clienti tornano e soprattutto operano la pubblicità migliore e più redditizia al mondo: il passaparola. Chiaramente se pensiamo al territorio provinciale i tratti del turista in ingresso cambiano e quindi anche del potenziale fruitore del B&B, attratto dall area per motivi: leisure (cultura, natura, siti religiosi, enogastronomia, eventi concerti, sport..), business (fieristico, congressuale, d affari), didattici (studenti fuori sede), di salute, etc. Verrà a breve compiuta un indagine dall Osservatorio turismo della Provincia di Milano nel tentativo di targettizzare il fruitore del B&B. Nel frattempo invitiamo a consultare le indagini che troverete nella sezione dedicata di che aiutano a fotografare il turista in ingresso nella nostra area: Nel frattempo di seguito alcuni dati inerenti i B&B a Milano e Provincia. 13

14 Il settore extra alberghiero nel 2007 e 2006 non ha presentato variazioni particolari, anche se notiamo come il fenomeno dei B&B inizi, seppure lievemente a crescere sia a Milano che in Provincia, per poi svilupparsi maggiormente nel Composizione strutture extra-alberghiere 2007/2006 Capacità ricettiva B&B 2008/2009 Fonte: Provincia di Milano Osservatorio turismo 14

15 Mappa dei Bed&Breakfast in provincia di Milano 15

16 Offrire un servizio di B&B deve però essere un attività consapevole e responsabile, non basta avere un letto in più. Bisogna garantire un servizio minimo, l abitazione deve rispettare la normativa vigente in materia di sicurezza abitativa e altro ancora. In particolare, di seguito, si sintetizzeranno in schede dedicate alcuni punti focali relativi a: messa in sicurezza degli impianti adempimenti fiscali tassa rifiuti canone rai spese deducibili e non e si allegheranno i fac simili delle dichiarazioni da produrre. Si intende comunque ribadire che si rimanda alla consultazione di esperti o ad approfondimenti personali per il dettaglio e l esame delle materie trattate brevemente nelle schede che seguono. Perché si è così solo tentato di chiarire alcuni dei punti da prevedere per l avvio dell attività di B&B, nonostante non rientrino in quanto previsto dalla Legge in Materia di Turismo 15/2007 e quindi di non diretta competenza della Provincia di Milano. 16

17 Messa in sicurezza degli impianti Rispetto alla normativa sulla sicurezza degli impianti: il B&B è assoggettato alla normativa per la sicurezza degli impianti DPR 380/2001 art. 107; l installazione, la trasformazione, l ampliamento e la manutenzione degli impianti devono essere svolte da soggetti abilitanti DPR 380/2001 artt ; il committente o il proprietario è tenuto ad affidare i lavori ad imprese abilitate - DPR 380/2001 artt. 114 e 116 e 129; la progettazione degli impianti di edifici residenziali è obbligatoria nei seguenti casi: impianti elettrici, di protezione contro le scariche atmosferiche, di riscaldamento e climatizzazione, del gas, di protezione antincendio DPR 447/1991 art. 4 e DPR 380/2001 art. 110; l installazione degli impianti e la dichiarazione di conformità ai sensi del DPR 380/2001 artt Gli impianti a norma devono essere: impianto di distribuzione dell energia elettrica quanto ai materiali adottati, componentistica, corretto posizionamento delle utenze finali rispetto ai luoghi di pericolo, dimensionamento di cavi ed interruttori; impianto di messa a terra e impianto di protezione dalle scariche atmosferiche; impianto idrico-sanitario; impianto di distribuzione di gas quanto a dimensionamenti valvole e tubazioni, posizionamento utenze e contatore, corretta aerazione dei locali; impianto di produzione di calore con riferimento alla componentistica, alla corretta installazione e posizionamento, alla aereazione locali e allo scarico dei fumi. In tutti i locali dovrà essere garantita l erogazione di energia elettrica, acqua calda, riscaldamento. Questi dovranno essere a norma e dovrà essere rilasciato da tecnico competente - dichiarazione di conformità alle seguenti leggi: Legge 46/90 Norme per la sicurezza degli impianti; DPR 447 del 6/12/91 regolamento di attuazione della 46/90; Legge 10/91 Norme generali per l attuazione del Piano Energetico Nazionale; DPR 412 del 26/08/93 regolamento di attuazione della 10/91. 17

18 Adempimenti fiscali L attività è svolta saltuariamente (L.R. 15/2007), in modo occasionale e non professionale, non è necessario quindi aprire la partita IVA e di conseguenza si è esonerati da tutti gli adempimenti legati alla natura imprenditoriale dell attività, quale l iscrizione alla Camera di Commercio o cambi d uso dell immobile. Il reddito ricavato confluirà tra i diversi del 730 e del Modello Unico. Non si perdono pertanto le possibili detrazioni IRPEF e ICI per la prima casa. Ai fini IRPEF, sarà necessario rilasciare al cliente una ricevuta semplice non fiscale. Una copia della stessa dovrà rimanere al soggetto che esercita l attività Bed & Breakfast, che dovrà riepilogare i dati fiscalmente rilevanti in un apposito prospetto, dal quale devono risultare i proventi conseguiti, che sono rilevanti ai fini delle imposte sui redditi. Il soggetto prestatore del servizio di Bed & Breakfast è, pertanto, tenuto a certificare il recepimento dei corrispettivi derivanti dall esercizio dell attività in oggetto attraverso il rilascio (e la successiva conservazione) di appositi documenti, la cui struttura e il cui contenuto sono liberamente determinati dal prestatore stesso. Sulle ricevute emesse di importo superiore ad euro 77,47 va posta una marca da bollo da euro 1,81 ed anche sulle ricevute emesse di importo minore se il vostro ospite lo richiede. La ricevuta dovrà riportare: la data di emissione, il corrispettivo incassato, il numero dei giorni di pernottamento. 18

19 Detrazione Fiscale Come tutti i privati che ristrutturano la propria casa è possibile usufruire di una quota di detrazione dall IRPEF. Con la Risoluzione n. 18/E del 24 gennaio 2009 l Agenzia delle Entrate ha fornito un importante chiarimento riguardo la detrazione IRPEF relativa a spese di ristrutturazione. L Agenzia delle Entrate ha precisato che nel caso in cui le spese di ristrutturazione riguardino Bed & Breakfast, ovvero abitazioni private adibite anche ad attività commerciale possono usufruire della detrazione d imposta per le ristrutturazioni edilizie e il recupero del patrimonio edilizio. La detrazione IRPEF pari al 36% delle spese sostenute dal contribuente, dovrà essere ridotta del 50% proprio per la natura promiscua dell abitazione/bed & Breakfast. Per maggiori informazioni Finanziaria 2009 Piano Casa. Spese deducibili e non Il contribuente è tenuto a compilare ed a conservare un apposito prospetto indicante distintamente per il reddito conseguito dall esercizio dell attività di B&B e per ciascuna delle operazioni poste in essere, l ammontare lordo dei corrispettivi e dei compensi, l importo delle spese inerenti a ciascuna delle operazioni stesse ed il reddito conseguito. Circa la natura delle spese deducibili, vi è una difficoltà nel distinguere in modo netto le spese specificamente inerenti alla produzione del reddito derivante da B&B da quelle normali che attengono il ménage familiare energia elettrica, acqua, gas, etc. Si deve procedere a una loro quantificazione proporzionale nel solo rispetto del principio d inerenza, da intendersi riferito all attività esercitata ed al periodo in cui viene svolta. 19

20 Per esempio: possono ritenersi costi inerenti l attività e pertanto deducibili dai compensi l acquisto di beni come alimenti per la prima colazione, materiale di consumo, lenzuola, etc, e di servizi per la pulizia dei locali quali quelli forniti da una ditta di pulizie esterna e da una lavanderia, ma anche il 50% del canone di locazione e il 50% delle utenze, qualora metà dell abitazione sia riservata agli ospiti. Al contrario, non può considerarsi deducibile dal reddito dell attività il costo di mobili e beni durevoli, spese condominiali, una collaboratrice domestica - la cui posizione è assimilabile al lavoro dipendente, non a quello autonomo - che faccia le pulizie nell abitazione visto che la forma familiare dell attività di B&B esclude che possa essere esercitata con dipendenti e altre spese non inerenti l attività. Le spese sostenute per la conduzione del B&B possono essere dedotte dal reddito percepito nello stesso quadro RL nel rigo RL19. Tassa rifiuti TARSU vuol dire Tassa smaltimento Rifiuti Solidi Urbani, dovuta per l occupazione o la detenzione di locali. Nelle unità immobiliari adibite a civile abitazione, in cui sia svolta un attività economica e professionale, può essere stabilito dal regolamento che la tassa è dovuta in base alla tariffa prevista per la specifica attività ed è commisurata alla superficie a tal fine utilizzata si rimanda alla verifica presso il Comune di residenza e di localizzazione dell immobile. La tassa è annuale e può essere versata: in un unica soluzione in quattro rate, le scadenze delle quali sono definite dal singolo Comune nel proprio regolamento. Per maggiori informazioni si invita a contattare gli uffici competenti del Comune di residenza. 20

21 Canone Rai Devono pagare il canone di abbonamento speciale coloro che detengono uno o più apparecchi atti o adattabili alla ricezione delle trasmissioni radio televisive in esercizi pubblici, in locali aperti al pubblico o comunque fuori dell ambito familiare, o che li impiegano a scopo di lucro diretto o indiretto. R.D.L.21/02/1938 n.246 e D.L.Lt.21/12/1944 n.458. L abbonamento speciale ha validità limitata all indirizzo per cui è stipulato, indicato nel libretto di iscrizione; pertanto, chi detenga più apparecchi atti o adattabili alla ricezione delle trasmissioni radio televisive in sedi diverse dovrà stipulare un abbonamento per ciascuna di esse (è il caso, ad esempio, delle catene alberghiere, o delle filiali di banca).r.d.l.21/02/1938 n.246. L importo del canone speciale può essere dedotto dal reddito d impresa, qualora sussistano i presupposti fiscali ai sensi del D.P.R. 22/12/1986 n Prima di versare il canone di abbonamento speciale è opportuno rivolgersi alla sede RAI competente per territorio, precisando il tipo di utenza e il mese nel quale si intende installare l apparecchio; bisognerà dare indicazione della categoria e della denominazione del luogo in cui è installato, e comunicare il numero di stelle, il numero delle camere ed il numero degli apparecchi TV. Sulla base delle informazioni ricevute, l ufficio competente provvederà ad inviare un bollettino di conto corrente postale n. 2105, intestato alla RAI Radiotelevisione Italiana, con l indicazione dell importo. Dopo il versamento iniziale del canone, la RAI attribuisce un numero di abbonamento speciale al suo titolare. Per gli esercizi pubblici l abbonamento deve essere intestato al titolare della licenza. Gli abbonati che non hanno versato il canone sono tenuti a pagarlo maggiorato degli interessi al tasso legale e delle spese della riscossione coattiva eventualmente promossa dalla Amministrazione Finanziaria. Art.1284 c.c. Per maggiori informazioni 21

22 Marchio La Giunta Regionale ha identificato - con deliberazione n del 16/11/01 - un marchio distintivo della attività, cha la renda facilmente riconoscibile. Il marchio può essere affisso, a spese di chi esercita l attività, all esterno della residenza. Per informazioni 22

23 Prima colazione Quasi tutte le Regioni prevedono la possibilità di somministrare solamente prodotti confezionati - in alcuni casi non manipolati - perché la legge italiana non permette di somministrare dei cibi manipolati in assenza di autorizzazione sanitaria (Legge n. 287 del ). La Legge Regionale 12/1997 (successive modifiche ed integrazioni) art. 16 bis comma 6 dispone che la denuncia di inizio attività sia corredata dalla fotocopia del libretto sanitario del responsabile. Ai responsabili dell attività di B&B non è richiesta la frequenza di un corso professionale per la somministrazione al pubblico di alimenti e bevande - di cui all art. 6 della Legge Regionale 30/2003. Alcune Regioni invitano a proporre come prima colazione prodotti tipici locali, ma la nostra normativa regionale non prevede precisazioni in tal senso. Si ritiene comunque un buon suggerimento quello di valorizzare l identità locale del luogo e gestire un servizio di ospitalità di qualità, offrendo anche prodotti tipici durante la prima colazione. Tra le tipologie di colazione ricordiamo: continentale classica tipicamente italiana, con bevande calde e/o succhi di frutta, pane, biscotti, brioche, marmellate, burro e miele; continentale arricchita diffusa nel Nord Europa che prevede l aggiunta di uova à la coque, salumi, formaggi e frutta fresca; l English Breakfast diffusa in Nord America e prevede in aggiunta alla continentale arricchita uova cucinate in modi diversi, pancetta, salsicce, macedonia. Il gestore potrebbe decidere di proporre una colazione fissa dove il cliente consuma ciò che viene offerto; una colazione su richiesta facendo scegliere al cliente in base ad una lista predefinita; una colazione a menù, permettendo di scegliere in un range di più tipologie di colazioni. Rispetto all orario di somministrazione, in genere si serve la colazione tra le 7 e le 10 del mattino, ma una certa flessibilità potrebbe essere apprezzata, magari permettendo al cliente di prepararla autonomamente. 23

24 Associazioni che riuniscono B&B

25 Allegati Fac-simile - Denuncia Inizio Attività - DIA Al Comune di Milano Settore commercio servizio licenze di spettacolo, agenzie, attivita ricettive Ufficio licenze ex P.S. Il/La sottoscritto/a nato/a a Pr. il e residente a via/p.za C.A.P. cittadinanza C.F. tel. fax Presenta denuncia di inizio attivita ai sensi della legge regionale 16/07/2007 n.15 per l apertura di: BED & BREAKFAST DICHIARA consapevole delle conseguenze amministrative penali previste dalla Legge (art. 76 D.P.R. 445 del 28/12/2000 e art. 21 L.241 del 7/8/1990) in caso di false dichiarazioni: che l attività avrà carattere saltuario e sarà svolta presso la propria abitazione di residenza in casa unifamiliare, con: n. stanze, n. posti letto, n. servizi igienici in unità condominiale, piano con: n. stanze, n. posti letto, n. servizi igienici di cui ha la piena disponibilità dei locali a titolo di: q Proprietà q Affitto q Comodato q Altro (precisare) registrato a il n. DICHIARA di essere in possesso del certificato di agibilità abitativa rilasciato il da 25

26 che alle camere da letto si accede senza attraversare altri locali; che le stanze sono idoneamente arredate, aerate e disimpegnate; che i locali possiedono i requisiti igienico sanitari previsti dal regolamento edilizio comunale e dal regolamento d igiene; che è rispettata la normativa vigente in materia di sicurezza e di somministrazione alimenti e bevande; che è stata stipulata polizza assicurativa di responsabilità civile per il verificarsi di eventuali danni agli ospiti n. rilasciata da il ; che il servizio pulizia delle stanze e sostituzione biancheria viene obbligatoriamente svolto 3 volte la settimana e, comunque, ad ogni cambio di ospite; la pulizia del bagno avviene quotidianamente; di registrare le presenze e di comunicarle alla locale autorità di Pubblica Sicurezza, e di comunicare agli organi competenti il movimento degli ospiti secondo le disposizioni in materia di rilevazioni statistiche; di prestare il proprio consenso affinché gli organi di vigilanza possano accedere ai locali per espletare gli eventuali controlli di competenza ai sensi di quanto previsto dall art. 49 della L.R. 15/2007; di aver presentato D.I.A.P. (Dichiarazione di Inizio Attività Produttiva) contestualmente alla presente denuncia di inizio attività. Dichiara inoltre di non essere e/o avere: riportato una condanna a pena restrittiva della libertà personale superiore a tre anni per delitto non colposo; sottoposto a sorveglianza speciale o a misura di sicurezza personale o dichiarato delinquente abituale, professionale o per tendenza; riportato condanna per delitti contro la personalità dello Stato o contro l ordine pubblico, owero per delitti contro persone commessi con violenza, o per furto, rapina, estorsione, sequestro di persona a scopo di rapina o estorsione, o per violenza o resistenza all Autoritá; 26

27 stato condannato per i reati di cui all art. 3.3 della Legge 20/02/1958 n. 75 (Legge Merlin); che, ai sensi dell art. 3 decreto lgs 8/8/1994 n. 490 e ai sensi dell art. 5 del D.P.R. 3/6/1998 N. 252 in materia di rilascio delle comunicazioni e delle informazioni antimafia, nei propri confronti, non sussistono le cause di divieto, di decadenza o di sospensione di cui all art. 10 della Legge 31/5/1965 n. 575 e successive modificazioni per la titolarità dell esercizio. Milano, Firma per esteso del denunciante Allega fotocopia documento di identità valido 27

28 SCHEDA INFORMATIVA ALLEGATA AL MODULO La presente denuncia va compilata integralmente in tutte le sue parti e consegnata per la protocollazione in originale più copia al: Settore Commercio - Ufficio Licenze ex P.S. - Via Larga 12 3 piano - stanza dalle 8,30 alle 12,00 dal lunedì al venerdì (tel fax ) oppure al: Protocollo Generale - Via Larga 12 - Salone piano terra - aperto dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 15,30 e il sabato dalle 8,45 alle 12,00 Avvertenza per il dichiarante Ai sensi dell art. 19 della legge n. 241/90 e successive modifiche il comune verificherà d ufficio entro 30 giorni dalla data di comunicazione di inizio attività, la sussistenza dei presupposti e dei requisiti di legge richiesti, in mancanza dei quali disporrà, se del caso, il divieto di prosecuzione dell attività e la rimozione dei suoi effetti. Decorso tale termine e compiutasi favorevolmente tale verifica l autorizzazione si intende sostituita dalla stessa denuncia. Informativa ai sensi dell art. 13 D.L.vo 196/2003: I dati sopra riportati sono prescritti dalle disposizioni vigenti ai fini del procedimento per il quale sono richiesti e verranno utilizzati esclusivamente per tale scopo. Elenco dei documenti da allegare alla denuncia fotocopia di un documento di identità in corso di validità; fotocopia permesso di soggiorno se cittadini stranieri; fotocopia certificato di agibilità abitativa; fotocopia polizza assicurativa; D.I.A.P. in 3 copie complete di documento di identità del dichiarante e dei documenti richiesti e attestazione di versamento di 32,22 sul conto corrente postale n intestato: A.S.L. Città di Milano - Servizio Tesoreria - Dipartimento di prevenzione, se l esercizio dal punto di vista igienico/sanitario è idoneo. N.B. : L attività può essere esercitata in massimo 3 camere per massimo 6 posti letto. Qualora si svolga in più di una stanza, devono essere garantiti due servizi igienici per unità abitativa. 28

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio SPACCI INTERNI COMUNICAZIONE

Forme speciali di vendita al dettaglio SPACCI INTERNI COMUNICAZIONE MOD.COM 4 SUROMA SPORTELLO UNICO DEL COMMERCIO MUNICIPIO.. Via - 00..Roma Forme speciali di vendita al dettaglio SPACCI INTERNI COMUNICAZIONE Al Comune di *... Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 16 e 26

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE MOD.COM. 6 copia per il Comune Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE Al Comune di *... Ai sensi del D.L.vo 31/3/1998

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto MOD.COM 1, copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto Cognome Nome C.F.

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34 TIMBRO PROTOCOLLO MODULO DI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE (SUBINGRESSO NUOVA APERTURA (di cui art. 4 comma 5^ L.R. 14/2003) - CESSAZIONE VARIAZIONI

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

COMUNICAZIONE. Al Comune di *

COMUNICAZIONE. Al Comune di * 7864 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 82 del 30-6-2004 MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE Ai sensi della l.r. 11/03

Dettagli

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE MOD.COM 2 BOLLO copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt. 8,9,10, comma 5),

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA copia per il Comune COMUNICAZIONE Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt.10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

INDICE TITOLO I - OGGETTO DEL TESTO UNICO TITOLO II - ORGANIZZAZIONE TURISTICA REGIONALE TITOLO III - STRUTTURE RICETTIVE

INDICE TITOLO I - OGGETTO DEL TESTO UNICO TITOLO II - ORGANIZZAZIONE TURISTICA REGIONALE TITOLO III - STRUTTURE RICETTIVE Legge Regionale 16 luglio 2007, n. 15 Testo unico delle leggi regionali in materia di turismo. (approvata con deliberazione del Consiglio regionale n VIII/397 del 03/07/2007 e pubblicata nel Bollettino

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA MOD. COM 3 SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO: MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA Al SUAP Ai sensi del D. L.vo 114/98, D. L.vo 59/10 e L. 122/10 Il sottoscritto

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 0047 Versione 002 2014) Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA'

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI

GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Chi deve pagare la Tassa Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani? Tutti coloro che occupano,utilizzano o dispongono di locali e di aree scoperte a qualsiasi

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE Esente da bollo N.B.: presentare almeno 10 giorni prima dell inizio SPAZIO PER ETICHETTA PROTOCOLLO COMUNALE Si consiglia di presentare in triplice copia di cui n.1 timbrata dall Ufficio PROTOCOLLO da

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO)

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) Al Comune di BRUINO SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) OGGETTO: SCIA di subingresso nell'esercizio dell'attività di commercio su aree pubbliche ai sensi dell art. 28, comma 12, del D.Lgs. n. 114/1998

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

P.IVA tel. cell.. e mail.. PREMESSO. che con atto del... Rep. n... racc. n... del notaio... (3)

P.IVA tel. cell.. e mail.. PREMESSO. che con atto del... Rep. n... racc. n... del notaio... (3) AL COMUNE DI BRINDISI SETTORE ATTIVITA PRODUTTIVE UFFICIO ESERCIZI PUBBLICI DOMANDA di rilascio licenza di locale per pubblico spettacolo o trattenimento ai sensi dell art. 68 del T.U.L.P.S. per trasferimento

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 47 del 31-03-2011

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 47 del 31-03-2011 9234 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 47 del 31-03-2011 mod. Com 6 REGIONE PUGLIA Forme speciali di vendita al dettaglio - SPACCI INTERNI SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA' COMPILARE

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' Al Comune di *

COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' Al Comune di * Regione Campania Modello 1A copia per il Comune COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' Al Comune di * Ai sensi della legge regionale della Campania 1/2014,

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

MARCA DA BOLLO REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO 17, 00144 ROMA

MARCA DA BOLLO REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO 17, 00144 ROMA MOD. Art/A 1-07-2002 15:17 Pagina 1 Numero ALBO MARCA DA BOLLO Mod. ART/A ISCRIZIONE DI DITTA INDIVIDUALE REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO

Dettagli

VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE. Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento Regionale n.3/2011 il sottoscritto

VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE. Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento Regionale n.3/2011 il sottoscritto mod. Com 8 REGIONE PUGLIA Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA' COMPILARE A STAMPATELLO

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Prot. Generale n. 19033 del 23.10.2012 Primo livello di help desk HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Qui di seguito si riportano alcune delle più frequenti domande con le relative risposte.

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA'

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA' MOD. COM 1 REGIONE PUGLIA Esercizi di Commercio al dettaglio di vicinato SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA' COMPILARE IN STAMPATELLO Al Comune di Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento Regionale

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Modulo VA : Domanda di verifica della sussistenza di una quota per lavoro subordinato ai sensi degli artt. 14 comma 6 e 39 comma 9 del DPR. n. 394/99 e successive modifiche ed integrazioni Informazioni

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli