NUMERO in SECONDA, addizioni e sottrazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NUMERO in SECONDA, addizioni e sottrazioni"

Transcript

1 NUMERO in SECONDA, addizioni e sottrazioni Anna Dallai, Monica Falleri, Antonio Moro, 2013 Decina e abaco a scatole Se nel precedente anno non è stato introdotta la decina lavoriamo si raggrppamenti, diamo a ciascn bambino na qantità compresa tra 10 e 20 di piccoli oggetti e chiediamo di indicarci qanti sono senza contarli a no a no. I bambini imparano a contare per grppi e sccessivamente sistemiamo i ti in tabella grppi di 2 grppi di 3 grppi di grppi di 10 qanti grppi qanti sciolti qanti oggetti in ttto I bambini hanno difficoltà nel conservare la qantità del nmero qando qesto assme configrazioni diverse qindi è importante fissarne il valore in forma scritta. Al termine delle attività facciamo incollare nel qaderno na sche di sintesi, leggiamola insieme e assicriamoci che ttti ne abbiano compreso il significato. RICORDA Qando gli oggetti contare sono tanti e non voglio contarli no per volta posso raggrpparli. Contare i grppi è semplice, ma qando leggo i nmeri scritti in tabella è difficile capire qanti oggetti ho realmente. Solo qando raggrppo per 10 il nmero scritto in tabella è gale alla qantità degli oggetti. Da oggi serò solo il grppo di 10 perché è più facile contare e perché capisco sbito qanti oggetti ho in ttto. NEL LINGUAGGIO DELLA MATEMATICA OGNI GRUPPO DI 10 SI CHIAMA DECINA Usando sacchetti trasparenti e collezioni di piccoli oggetti realizziamo na grande qantità di decine e invitiamo i bambini a contare per 10. Aitiamo ogni bambino a costrire n abaco a scatole nendo de scatole (possono essere sati anche i vassoi di plastica dove vengono confezionate le verdre) e siamolo per rappresentare e leggere nmeri entro il 30. Mettiamo a disposizione della classe de recipienti, no contenente piccoli oggetti sciolti (tappini, pasta, ) e l altro contenente le decine, cioè piccoli sacchetti trasparenti con dentro 10 oggetti. Ovviamente le qantità degli sciolti e qella delle decine dovrà essere tale consentire a ttti gli alnni di sfrirne senza problemi. Chiediamo ai ragazzi di sare l abaco a scatole, le decine e le nità, per costrire i nmeri 30 a 40 aggingendo n tappo alla volta, chiediamo anche la registrazione sl qaderno. Decina Sciolti =

2 Decina Sciolti = Arrivati a 39+1=40 alcni lasceranno i 10 oggetti nella scatola degli sciolti mentre altri metteranno n novo sacchetto nella scatola della decina. Prepariamo na sche distribire a ttti i bambini con riportate le de solzioni e chiediamo: Osserva, confronta e rispondi. Secondo te chi ha lavorato nel modo gisto? Scrivi il perché della ta risposta. OSSERVA CONFRONTA RISPONDI Nella nostra classe il nmero 40 è stato rappresentato in de modi diversi Decine Sciolti Decine Sciolti = Secondo te chi ha lavorato nel modo gisto? Scrivi il perché della ta risposta. Facciamo leggere alcne risposte indivili e stimoliamo na discssione collettiva il ci obiettivo prioritario è qello di permettere agli alnni che non hanno ancora ben acqisito il concetto di decina di migliorarne la comprensione. E importante raccogliere le riflessioni conclsive degli allievi in n novo docmento di sintesi elaborato ll insegnante le ci copie fotostatiche verranno inserite nei qaderni per poter essere rilette RICORDA Qando gli oggetti nella scatola degli sciolti sono 10 formano na decina Per qesto devi Insacchettare i 10 oggetti sciolti Cambiare posizione spostando il sacchetto lla scatola degli sciolti a qella della decina Decine Sciolti Decine Sciolti

3 Pntalizziamo con na sche di sintesi RICORDA Il sacchetto con 10 tappi si chiama decina. Il tappo sciolto si chiama nità. Qando n nmero è scritto con de cifre la cifra di sinistra indica le decine e la cifra di destra indica le nità Decine Unità 3 4 Prepariamo na sche dove sono rappresentate alcne qantità e chiediamo ai bambini di controllare e correggere OGGI LA MAESTRA HA FATTO DEGLI ERRORI CONTROLLA LE QUANTITÀ E SE NECESSARIO CORREGGI DICIASSETTE DIECI Decine Unità Decine Unità VENTIQUATTRO TRENTA Decine Unità Decine Unità SEI QUATTORDICI Decine Unità Decine Unità L attenzione costante verso gli errori ha na forte rilevanza nel processo di apprendimento di ttti gli alnni. L errore viene messo in evidenza non per essere valtato, ma per essere analizzato e discsso insieme diventando, così, fonte indisctibile di n sapere sempre più consapevole e di na proposta dittica qanto più mirata ai bisogni indivili. 3

4 Valore posizionale, addizione con abaco ad aste, differenza Poponiamo ai bambini il segente qesito: Osserva attentamente i segenti nmeri 12 e 21, entrambi sono fatti 1 e 2, ma sono DIVERSI, perché? Scrivi.. Dopo che ogni alnno ha risposto indivilmente alla doman, sprocediamo alla lettra di alcne risposte e alla loro discssione collettiva. Disctendo i bambini comprendono e condividono che: I nmeri 12 e 21 sono diversi perchè le cifre che li formano (1 2) occpano posti diversi. L no del 12 sta vanti e vale 10. L no del 21 sta dietro e vale 1. NEI NUMERI IL POSTO DELLE CIFRE E IMPORTATISSIMO. Trascriviamo qesta conclsione in n docmento di sintesi dell attività svolta che, se fotocopiato, potrà essere inserito nei qaderni degli alnni per essere riletto e stdiato indivilmente. Qando ttti gli alnni hanno acqisito con adegata consapevolezza la capacità di costrire e rappresentare nmeri con l abaco a scatole, si pò introdrre l abaco verticale, ad aste. E necessario che ttti i bambini ne possieno no e pertanto è opportno richiederlo fra gli strmenti acqistare all inizio dell anno scolastico. Chiediamo di mettere sl banco il proprio abaco ad aste composto : 1 base, 2 aste e palline inserire nelle aste. Diamo le segenti informazioni: Le aste dell abaco verticale hanno la stessa fnzione delle scatole dell abaco a scatole. L asta di destra raccoglie le nità, l asta di sinistra raccoglie le decine. Ogni pallina che sta nell asta destra vale no (è 1 UNITA ), ogni pallina che sta nell asta sinistra vale dieci (è 1 DECINA). Invitiamo i bambini a disegnare sl qaderno il proprio abaco in qesto modo: Ogni pallina vale 10 Ogni pallina vale 1 Invitiamo ora gli allievi a rappresentare sl qaderno alcni nmeri della serie nmerica s ci si sta lavorando sando sia l abaco a scatole che l abaco ad aste. Gli alnni possono piegare in de la pagina del loro qaderno e lavorare così: 4

5 23 DECINE UNITA Usando contemporaneamente i 2 abachi, i bambini hanno la possibilità di comprendere la piena corrispondenza di valore fra scatole e aste; valore che rimane sempre relativo alla posizione delle stesse. Da sottolineare che dopo le prime rappresentazioni alcni alnni (la maggior parte) preferiscono rappresentare i nmeri solo con il disegno, mentre altri (n piccolo nmero), mostrano ancora difficoltà e preferiscono continare ad sare lo strmento. Lasciamo i bambini liberi di scegliere la molità con ci lavorare sostenendo via via chi mostra maggiori lentezze operative. Per facilitare loro il lavoro e renderlo più flido e veloce, pò essere opportno distribire copie fotostatiche di abachi a scatole e ad aste che i bambini potranno ritagliare e incollare sl qaderno per poi disegnare in essi solo i sacchetti e le palline. Poniamo il segente qesito: Qanto fa ? Prova a calcolare sando l abaco ad aste. Scegliamo l operazione inserire nel qesito in modo tale che non vi sia necessità di cambio e che sia difficilmente esegibile a mente anche i bambini più svegli nel calcolo mentale. Qesta attività serve per apprezzare il senso dell operare in colonna, ovvero esegire con facilità calcoli che non sappiamo fare a mente. Per re a ttti gli allievi l opportnità di rispondere al qesito, sddividiamo la proposta in fasi distinte. 1) Con il proprio abaco ad aste ogni alnno esege concretamente l operazione e poi disegna sl qaderno ciò che ha realmente fatto. 2) Chiediamo a de o tre bambini di descrivere oralmente, aitandosi con il disegno realizzato sl qaderno, le molità con ci è stato svolto il compito assegnato. 3) A partire qanto detto gidiamo na discssione per arrivare a condividere la procedra di calcolo corretta e il disegno che meglio la rappresenta. 4) Invitiamo i ragazzi ad esegire tramite abaco ad aste e disegno semplici calcoli di addizione senza cambio (es = = =). 5

6 5) Solo qando ttti avranno chiara la procedra corretta stimoliamo i bambini a rispondere, sempre indivilmente per scritto, al segente interrogativo: Qali sono i passaggi (le fasi) che hai segito per calcolare =? Scrivi. 6) La discssione svilppata a partire lla lettra di alcne risposte indivili condce alla stesra definitiva di n docmento di sintesi inserire nel qaderno indivile degli alnni come sche di lettra. PER CALCOLARE CON L ABACO AD ASTE Rappresento il 13 1 pallina nell asta delle decine 3 palline nell asta delle nità Sllo stesso abaco aggingo 15 1 pallina nell asta delle decine 5 palline nell asta delle nità Conto 3+5=8 palline nelle nità 1+1=2 palline nelle decine 2 e 8=28 Proponiamo sitazioni/problema risolvere con l addizione e indivilmente chiediamo qale strategia di calcolo è stata adottata. Scegliamo sitazioni che presentano na progressione costante di difficoltà in modo che i bambini sino tecniche diverse (calcolo a mente con so di coppie additive, conto oltre con le mani, retta nmerica, abaco). I bambini dovrebbero comprendere che qando le qantità sommare sono grandi l abaco è lo strmento più efficace. Passiamo adesso a lavorare slla sottrazione, i bambini hanno sempre considerato qesta operazione come togliere oggetti o tornare indietro nella retta, ora vogliamo introdrli al concetto di differenza. Presentiamo la segente sitazione: decidiamo di lavorare in de grppi, lasciamo n grppo in classe (ad esempio con la maestra di linga) e facciamo scire 10 bambini. Andiamo in na stanza dove abbiamo predisposto n tavolo con intorno 7 sedie; a ttti è chiaro che le sedie non bastano, ma come facciamo per sapere qante sedie mancano e qindi qanti bambini ci sono in più? 6

7 Poniamo il problema in forma scritta indivile. Ci sono 10 bambini e 7 sedie. Come fai per sapere qanti bambini ci sono in più? Scrivi e disegna. Terminato il compito facciamo leggere de bambini che hanno trovato solzioni diverse e coinvolgiamo il grppo in na discssione. In generale ttti mettono in corrispondenza n bambino con na sedia e dopo contano i bambini rimasti senza sedia ma qello che noi vogliamo costrire è il concetto di differenza come risltato di na sottrazione. In concreto partiamo l grppo dei bambini, togliamo n bambino alla volta fino a qando è possibile accoppiarlo con na sedia (corrispondenza binivoca). I bambini gingono a operare correttamente partendo i de raggrppamenti (10 bambini e 7 sedie) e procedendo con accoppio e tolgo fino a qando è possibile, qindi l grppo dei 10 bambini tolgo qei sette che hanno la sedia. Alla fine domandiamo: qale nmero di bambini siamo partiti? Qanti bambini abbiamo tolto? Qanti bambini sono rimasti? Scrivi il calcolo. Riproponiamo la stessa attività con il grppo dei bambini rimasti in classe, natralmente attiamo i nmeri alla qantità reale dei bambini. Facciamo esercitare s sitazioni analoghe, dove sia possibile operare concretamente. Nel cesto in classe ci sono 15 mele, i bambini sono 20. Qanti bambini resteranno senza mela. Scrivi come hai lavorato. Dopo na discssione collettiva a partire lle risposte indivili elaboriamo na sche di sintesi dove rislti chiaro come operare in caso di differenza. 7

8 LA DIFFERENZA Trovare la differenza vol dire confrontare de grppi di oggetti di qantità diversa e scoprire di qanto no è più nmeroso dell altro Nel problema con 15 mele e 20 bambini si confronta il grppo di 15 mele con il grppo di 20 bambini per scoprire qanti bambini ci sono in più delle mele Abbiamo fatto l esperienza In classe ci sono 20 bambini e 15 mele Un bambino alla volta prende na mela ed esce lla classe (in matematica vol dire parto 20 e tolgo ) Dopo che 15 bambini hanno preso le 15 mele e sono sciti, in classe restano i bambini senza mela cioè resta il nmero di bambini in più (in matematica scrivo 20-15=5 bambini in più) Non sempre possiamo fare l esperienza, devi imparare a disegnare come piace alla matematica, in modo schematico Nel disegno schematico non servono le caratteristiche degli oggetti ma la qantità dei grppi Per scoprire la differenza cioè per confrontare grppi di oggetti costriamo na torre per il primo grppo (n mattone per ciascn bambino) na torre per il secondo grppo (n mattone per ciascna mela) l grppo dei bambini togliamo qelli che abbiamo accoppiato con le mele (20-15) La freccia vol dire accoppia e togli 20 bambini 15 mele Invitiamo indivilmente i bambini a scrivere sitazioni/problema dove sia evidente il concetto di differenza, leggiamo e scegliamo alcni esempi far risolvere alla classe. 8

9 Sottrazione senza cambio con abaco a scatole e con l abaco ad aste, addizioni e sottrazioni senza cambio in colonna Presentiamo na sitazione problematica concreta risolvibile con Proponiamo n lavoro a coppie, distribiamo a ogni bambino n abaco a scatole e chiediamo di sare lo strmento per effettare il calcolo. Lasciamo operare concretamente, poi invitiamoli a disegnare e scrivere nel qaderno come hanno lavorato. Leggiamo e disctiamo alcne risposte fino ad arrivare ad na strategia che si avvicina al calcolo in colonna. Prepariamo na sche di sintesi condivisa lla classe e inserire nei qaderni Qanto fa 17 12? CON L ABACO A SCATOLE Decine Unità I BAMBINI DICONO Accoppio le nità e le tolgo Accoppio le decine e le tolgo LA MATEMATICA DICE Nelle nità 7 tolgo 2, trovo 5 Nelle decine 1 tolgo 1, trovo Gardo cosa resta nella prima riga dell abaco e vedo il risltato Facciamo esercitare i bambini con alcne sottrazioni senza cambio, lasciamoli liberi di scegliere se sare l abaco a scatole con sacchetti 10 e oggetti sciolti oppre fare sbito il disegno sl qaderno. Proponiamo la prima sottrazione e qando ttti hanno risolto chiamiamo n bambino a fare la correzione alla lavagna; chiediamo se per ttti e chiaro il procedimento e prosegiamo ndone na serie svolgere soli. Proponiamo il calcolo 17-12= con l abaco ad aste. Chiediamo ai bambini di copiare l attività lla lavagna: Osserva e spiega Perché qesto disegno rappresenta l operazione 17-12=5 9

10 Leggiamo alcne risposte e distribiamo na sche di sintesi dove riportiamo ttti i passaggi necessari per esegire la sottrazione senza cambio sll abaco ad aste. PER CALCOLARE CON L ABACO AD ASTE Rappresento il 17 1 pallina nell asta delle decine 7 palline nell asta delle nità Sllo stesso abaco tolgo12 1 pallina nell asta delle decine 2 palline nell asta delle nità Esercitiamo i bambini Conto con sottrazioni senza cambio s abaco ad aste 7-2=5 palline nelle nità 1+1=0 palline nelle decine E ginto il momento di presentare i calcoli in colonna. Introdciamo prima l addizione e poi la sottrazione. E importante che qesto passaggio non sia introdotto in modo dogmatico e meccanico; l obiettivo del percorso è qello di invitare i bambini a riflettere s qesta nova procedra di calcolo ponendola a confronto con le molità fino ad ora tilizzate. Distribiamo na sche che riporti n addizione conoscita con l abaco verticale e a fianco la stessa addizione in colonna. Chiediamo di osservare e scrivere somiglianze e differenze Con l abaco In colonna = 2 8 Dopo la lettra e la discssione collettiva della sche consegnata, ogni bambino risponde indivilmente al qesito posto ll insegnante. Qello che i ragazzi dovrebbero 10

11 evidenziare nei loro scritti è che si tratta di de procedre simili che arrivano entrambe ad indivire il risltato corretto. Mettere in colonna, però è più semplice e permette di operare più velocemente. Esercitiamo i bambini nel calcolo in colonna, inizialmente affiancato llo stesso calcolo sll abaco e poi lasciando solo la colonna. Ripetiamo gli stessi passaggi per la sottrazione. Iniziamo con il distribire la sche Con l abaco In colonna = 1 3 E opportno sottolineare che molti allievi di secon elementare non conoscono affatto i termini specifici con ci indicare le 2 operazioni fino ad ora incontrate; è necessario, qindi, esplicitare con chiarezza qanto sege = 28 E UNA OPERAZIONE SI CHIAMA ADDIZIONE il risltato si chiama SOMMA = 5 E UNA OPERAZIONE SI CHIAMA SOTTRAZIONE il risltato si chiama DIFFERENZA 11

12 Addizione con il cambio con abaco e in colonna Chiediamo in forma scritta: Usando l abaco ad aste prova a calcolare qanto fa Disegna sl qaderno qello che hai fatto. Ovviamente i bambini rispondono in modo diverso. Solo alcni ricorno che nell asta delle nità non possono stare 11 palline (8 + 3 = 11) perché 10 palline raggrppate in na decina vanno spostate nell asta di sinistra; altri non intiscono la necessità del cambio. Ancora na volta è il confronto delle prodzioni indivili e la sccessiva discssione a re agli alnni, le ci risposte non risltano corrette, la possibilità di modificare la propria concettalizzazione iniziale e di arrivare a capire. Drante la discssione esplicitiamo, infatti, la necessità del cambio, concordiamo la procedra esectiva e il modo con ci rappresentare ciò che si fa concretamente con l abaco ad aste. Anche l esercizio ovviamente contribisce ad affinare la concettalizzazione; è, qindi, importante proporre a ttti semplici addizione con il cambio sando l abaco ad aste. I bambini esegono concretamente sll abaco e disegnano sl qaderno. Come già abbiamo sottolineato, per evitare il contino disegno dell abaco e rendere il lavoro più snello, possiamo consegnare agli alnni copie fotostatiche con abachi voti dove disegnare nella gista posizione le palline necessarie. Qando ttti gli allievi sanno sare la procedra di eseczione dell addizione con cambio sl l abaco ad aste, chiediamo di descriverne i passaggi per scritto. Poniamo il segente interrogativo: Qali sono i passaggi che hai segito per esegire ? Scrivi. Leggiamo alcne prodzioni indivili e disctiamo per gingere ad na sintesi condivisa fotocopiare e consegnare a ttti. In ogni passaggio crciale del percorso esiste la possibilità della riscrittra a ci ricorrere, senza absare, qando le risposte indivili degli alnni risltano essere poco corrette concettalmente. La riscrittra deve essere proposta dopo la discssione collettiva chiedendo ai ragazzi:alla lce della discssione pensi di dover correggere o modificare il to lavoro? Rileggi qello che hai scritto e valta.. 12

13 PER CALCOLARE CON L ABACO AD ASTE Metto sll abaco il 13 e il 28 Gardo le palline nelle nità ce ne sono 3+8=11 11 palline non possono stare a Devo insacchettare 10 palline Cambio le 10 in 1 Nelle nità rimane 1 pallina Nelle decine ci sono 4 palline 13+28=41 Passiamo adesso all addizione con il cambio in colonna; nella lavagna a sinistra riportiamo esegita sll abaco e a destra scriviamo lo stesso calcolo in colonna senza mettere il risltato, chiediamo di copiare sl qaderno e 13

14 aggingiamo la segente richiesta: Prova ad esegire in colonna e spiega come hai lavorato. Ancora na volta la discssione collettiva slle prodzioni indivili scritte consente ai ragazzi di capire la procedra necessaria ad esegire l addizione in colonna e il perché del cambio che pò essere rappresentato con na freccia(collegare con na freccia 1 di 11 nella colonna delle con 1 nella colonna delle come vedi nella sche di sintesi). Per fissare i concetti appresi, proponiamo alcni semplici esercizi: i bambini copiano lla lavagna addizioni con cambio già esegite con l abaco verticale, ll altro lato esegono le stesse addizioni mettendole in colonna, sccessivamente chiediamo solo il calcolo in colonna. Qando ttti gli allievi sapranno sare la procedra chiediamo loro di descriverne i passaggi per scritto. Poniamo il segente interrogativo: Qali sono i passaggi che hai segito per calcolare ? Scrivi. Leggiamo alcne prodzioni indivili per gingere ad na sintesi condivisa fotocopiare e consegnare a ttti ADDIZIONE IN COLONNA CON CAMBIO 1 Inizia a calcolare lle 8+5= 13 Nel 13 la cifra 1 vale 10 qindi è 1 La freccia toglie 1 l 13 e lo sposta nella colonna delle nelle resta solo = Ora calcola nella colonna delle 1+2+1= 4 Leggi il risltato 4 e 3= 43 Riproponiamo per la sottrazione con il cambio le molità indicate per l addizione. 14

15 Incognita al minendo Prima proposta Problema Proporre la drammatizzazione della sitazione, prima di lavorare nel qaderno LEGGO LA SITUAZIONE E DRAMMATIZZO Il coco del ristorante Mangiabene entra ll ortolano e chiede se ha degli ananas. L ortolano risponde: Certo. Il coco compra 15 ananas. Ora nella cassetta ci sono 12 ananas. Qanti ananas aveva l ortolano prima che entrasse il coco? 15 ananas 12 ananas OSSERVO E MI DOMANDO All inizio qanti ananas aveva l ortolano? Per chi ha ne bisogno, re n nmero adegato di immagini di ananas 15

16 Secon proposta attività pratica Presentare n sacchetto di carta con dentro 24 tappi, scrivere il nmero 24 sl sacchetto senza far vedere i tappi Accanto al sacchetto sistemare 13 tappi e contarli ad no ad no CHIEDERE DISEGNA IN MODO SCHEMATICO LA SITUAZIONE Qanti tappi in ttto? RISPONDO.. Terza proposta indovinello La maestra pensa n nmero misterioso poi dice: Se l nmero misterioso tolgo 4 ottengo 9 Qal è il nmero misterioso? SCRIVI O DISEGNA COME HAI FATTO PER SCOPRIRE IL NUMERO MISTERIOSO Far confrontare le risposte dei bambini per gingere a capire che qando il nmero misterioso è la partenza della sottrazione posso scoprirlo con n addizione Proviamo a scrivere nel lingaggio della matematica Dal nmero misterioso tolgo qattro ottengo nove? - 4 = 9? 4 = 9 per trovare il nmero misterioso faccio = = 9 Il nmero misterioso è 13 perchè 16

17 Qarta proposta esercizio Usare inizialmente le coppie additive conoscite Sotto ad ogni calcolo scrivi il nmero misterioso? 5 = 7? 2 = 8? 4 = 3? 9 = 6? 3 = 10? 6= 6? 7 = 5? 5 = 9? 4 = 7? 2 = 6? 8 = 7? 6 = 4 Prosegire con semplici calcoli slle decine Ripetere le stesse attività con aggingo 1, 2, 3, Sotto ad ogni calcolo scrivi il nmero misterioso? 10 = 7? 10 = 12? 20 = 2? 30 = 0? 20 = 15? 30 = 6? 7 = 10? 5 = 25? 4 = 30? 2 = 18? 8 = 20? 6 = 20 Qinta proposta problema In qesti giorni ho mangiato 13 dolcetti della mia calza. Conto qelli rimasti e vedo che sono 24. Qanti dolci c erano all inizio nella calza? 17

18 Sesta proposta prove tipo Invalsi Maria pensa n nmero, ci toglie 10 e trova 40. Qale nmero ha pensato? A. 50 B. 30 C. 40 Trova il nmero nascosto nella macchia - 2 = 20 A. 18 B. 22 C. 23 Marco pensa n nmero, ci toglie 8 e ottiene 12. Chi indovina il nmero pensato Marco? A. Antonio dice: Il nmero è 4 B. Maria dice: Il nmero è 20 C. Pietro dice: Il nmero è 18 Elena apre n pacchetto di figrine e ne regala 5 ad Andrea. Adesso Elena ha 7 figrine. Qante figrine conteneva il pacchetto chiso? A. 15 B. 12 C. 2 Ugo pensa n nmero, ci toglie 12 e trova 13. Qale nmero ha pensato? A. 10 B. 15 C

19 Settima proposta Invalsi 19

I NUMERI NATURALI. Per cominciare impariamo a leggere alcuni numeri naturali e dopo prova a scriverli nella tua lingua:

I NUMERI NATURALI. Per cominciare impariamo a leggere alcuni numeri naturali e dopo prova a scriverli nella tua lingua: I NUMERI NATURALI Per cominciare impariamo a leggere alcni nmeri natrali e dopo prova a scriverli nella ta linga: NUMERI ITALIANO LA TUA LINGUA 1 UNO 2 DUE 3 TRE 4 QUATTRO 5 CINQUE 6 SEI 7 SETTE 8 OTTO

Dettagli

Progetto DSA Matematica

Progetto DSA Matematica Classe a Progetto DSA Matematica Come le insegnanti ben sanno, all interno della classe ogni bambino ha le se caratteristiche pecliari, i soi tempi e le se molità di apprendimento. Appare qindi necessario

Dettagli

Quanti centesimi mancano per avere 1 unità se ho 30 centesimi?... E se ne ho 35?... E se ne ho 73?... 0,5 1,4 3,2 7,4 0,7 0,78 1,12 1,06

Quanti centesimi mancano per avere 1 unità se ho 30 centesimi?... E se ne ho 35?... E se ne ho 73?... 0,5 1,4 3,2 7,4 0,7 0,78 1,12 1,06 I NUMERI DECIMALI Calcolo rapido Rispondi alle segenti domande. Qanti decimi occorrono per fare 1 nità?... E mezza nità?... Qanti decimi mancano per avere 1 nità intera se ho 7 decimi?... E se ne ho 6?...

Dettagli

LA DIFFERENZA un nodo da sciogliere. Un percorso ad ostacoli in classe prima e seconda

LA DIFFERENZA un nodo da sciogliere. Un percorso ad ostacoli in classe prima e seconda LA DIFFERENZA un nodo da sciogliere Un percorso ad ostacoli in classe prima e seconda Sandra Taccetti, 2013 LE CRITICITÀ LA NOSTRA INTENZIONE E' QUELLA DI PROBLEMATIZZARE QUESTI PERCORSI PERCHE' NONOSTANTE

Dettagli

La meta... di moda! Ogni turista ha indicato alla guida quale meta vorrebbe visitare durante la gita di domani. Grotte Rosa.

La meta... di moda! Ogni turista ha indicato alla guida quale meta vorrebbe visitare durante la gita di domani. Grotte Rosa. La meta... di mo! Ogni trista a indicato alla gi qale meta vorrebbe visitare drante la gita di domani. Leggi i ti e contina t la rappresentazione con lʼistogramma. Grotte Rosa Lago Bl Cima Verde Isola

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN CLASSE SECONDA

LA MOLTIPLICAZIONE IN CLASSE SECONDA LA MOLTIPLICAZIONE IN CLASSE SECONDA Rossana Nencini, 2013 Le fasi del lavoro: 1. Proponiamo ai bambini una situazione reale di moltiplicazione: portiamo a scuola una scatola di biscotti (. ) e diamo la

Dettagli

A VVISI E DICHIARAZIONI DI LEGGE

A VVISI E DICHIARAZIONI DI LEGGE A VVISI E DICHIARAZIONI DI LEGGE Copyright 2002 by ScanSoft, Inc. Ttti i diritti riservati. Nessna parte di qesta pbblicazione pò essere trasmessa, trascritta, riprodotta, memorizzata in alcn sistema compterizzato

Dettagli

L attenzione verso le cose del passato è sempre più

L attenzione verso le cose del passato è sempre più La gestione della geometria tridimensionale di n oggetto È fondamentale per ogni simlazione nmerica Antonio Giogoli Agiotech Le capacità odierne dell ingegneria inversa aprono novi confini all analista

Dettagli

INTRODUZIONE: IL CONTESTO DEI SISTEMI

INTRODUZIONE: IL CONTESTO DEI SISTEMI INTRODUZIONE: IL CONTESTO DEI SISTEMI Il mondo reale è per sa natra complesso e le organizzazioni mane lo sono in modo particolare. Per potere comprendere e gestire la realtà è indispensabile svilppare

Dettagli

LA LINEA DEL 20, del 100 e del 1000. strumenti per il metodo analogico-intuitivo

LA LINEA DEL 20, del 100 e del 1000. strumenti per il metodo analogico-intuitivo LA LINEA DEL 20, del 100 e del 1000 strumenti per il metodo analogico-intuitivo Anno Scolastico 2009/2010 LA LINEA DEL 20 Partire con i tasti abbassati Sollevare i tasti uno alla volta (da destra verso

Dettagli

Dividendo si impara anche il pensiero dei bambini può tracciare un percorso matematico

Dividendo si impara anche il pensiero dei bambini può tracciare un percorso matematico Dividendo si impara anche il pensiero dei bambini può tracciare un percorso matematico Monica Falleri, Sandra Taccetti 2013 Argomenti da trattare la discussione come elemento centrale nell apprendimento

Dettagli

I NUMERI DECIMALI A. Osserva il bruco: è formato da 10 parti. Colora l intero bruco, 1 bruco.

I NUMERI DECIMALI A. Osserva il bruco: è formato da 10 parti. Colora l intero bruco, 1 bruco. I NUMERI DECIMALI A.Osserva il brco: è formato a parti. Colora l intero brco, 1 brco. Hai colorato s parti el brco, ieci ecimi el brco, cioè 1 brco. Ne poi colorare meno i no? Prova! B.Colora 2/ el brco.

Dettagli

Dialog 4106 Basic/Dialog 4147 Medium. Manuale d'uso. Telefoni analogici per il sistema di comunicazione MD110

Dialog 4106 Basic/Dialog 4147 Medium. Manuale d'uso. Telefoni analogici per il sistema di comunicazione MD110 Dialog 4106 Basic/Dialog 4147 Medim Telefoni analogici per il sistema di comnicazione MD110 Manale d'so Cover Page Graphic (Grafica di copertina) Place the graphic directly on the page, do not care abot

Dettagli

Una nuova generazione di sportelli automatici

Una nuova generazione di sportelli automatici IQUADERNIDI Una nova generazione di sportelli atomatici accessibili e sabili da ttti A cra di Raffaele Nicolssi Il problema delle barriere tecnologiche è stato affrontato spesso anche slle pagine di Telèma

Dettagli

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it Informazioni legali L istitto Speriore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e le persone che agiscono per conto dell Istitto non sono responsabili per l so che pò essere fatto delle informazioni

Dettagli

Teoria normativa della politica economica

Teoria normativa della politica economica Teoria normativa della politica economica La teoria normativa si occpa di indicare il metodo e, di consegenza, le scelte che n atorità pbblica (policy maker) razionale dovrebbe assmere per persegire il

Dettagli

EMC BACKUP AND RECOVERY OPTIONS FOR VSPEX VIRTUALIZED ORACLE 11GR2

EMC BACKUP AND RECOVERY OPTIONS FOR VSPEX VIRTUALIZED ORACLE 11GR2 EMC BACKUP AND RECOVERY OPTIONS FOR VSPEX VIRTUALIZED ORACLE 11GR2 Versione 1.3 Gida alla progettazione e H12347.3 Copyright 2013-2014 EMC Corporation. Ttti i diritti riservati. Pbblicato Maggio, 2014

Dettagli

EMC BACKUP AND RECOVERY OPTIONS FOR VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT SQL SERVER 2012

EMC BACKUP AND RECOVERY OPTIONS FOR VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT SQL SERVER 2012 EMC BACKUP AND RECOVERY OPTIONS FOR VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT SQL SERVER 2012 Versione 1.3 Gida alla progettazione e all'implementazione H12307.3 Copyright 2013-2014 EMC Corporation. Ttti i diritti

Dettagli

Campi elettromagnetici

Campi elettromagnetici IQUADERNIDI Campi elettromagnetici in ambiente di lavoro A cra di Marina Barbiroli Doriana Gidcci e Simona Valbonesi Il contesto normativo in materia di protezione dei lavoratori dall esposizione ai campi

Dettagli

I. Generalità, definizioni, classificazioni. MACCHINA A FLUIDO

I. Generalità, definizioni, classificazioni. MACCHINA A FLUIDO I. eneralità, definizioni, classificazioni. I.1 Definizioni rigardanti: macchine motrici ed operatrici e loro classificazione. Una macchina è n insieme di organi fissi e mobili, vincolati tra loro cinematicamente,

Dettagli

Struttura elettronica delle molecole. Teoria quantistica del legame chimico

Struttura elettronica delle molecole. Teoria quantistica del legame chimico Strttra elettronica delle molecole. Teoria qantistica del legame chimico Lo ione idrogeno molecolare H 2 + Eq. Schroedinger singolo elettrone La fnzione d onda φ b soddisfa na eqazione analoga. Gli atovalori

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ECONOMICO-GESTIONALE Dottorato di Ricerca in Ingegneria Economico-Gestionale XVIII Ciclo TESI DI DOTTORATO

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. La Misura dell attività ospedaliera. Prof. Giovanni CAPELLI Dott. Bruno FEDERICO Cattedra di Igiene

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. La Misura dell attività ospedaliera. Prof. Giovanni CAPELLI Dott. Bruno FEDERICO Cattedra di Igiene Corso di Larea ORGANIZZAZIONE SANITARIA La Misra dell attività ospedaliera Prof. Giovanni CAPELLI Dott. Brno FEDERICO Cattedra di Igiene 1 Corso di Larea La classificazione internazionale delle malattie

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

Esperienza condotta nelle classi prime del plesso G. Marconi. nell anno scolastico 2011/2012

Esperienza condotta nelle classi prime del plesso G. Marconi. nell anno scolastico 2011/2012 METODO ANALOGICO ( metodo Bortolato) Esperienza condotta nelle classi prime del plesso G. Marconi nell anno scolastico 2011/2012 Durante l anno scolastico 2011/2012 le insegnanti delle CLASSI PRIME del

Dettagli

Qualità e Internet mobile

Qualità e Internet mobile IQUADERNIDI Qalità e Internet Le verità nascoste? 2 A cra di Gido Riva L accesso ad Internet in mobilità ha sbìto negli ltimi mesi n esplosione raggardevole; se escldiamo i primi tempi della loro diffsione,

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti INVALSI. Anno Scolastico 2009 2010

PROVA DI MATEMATICA. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti INVALSI. Anno Scolastico 2009 2010 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe

Dettagli

EMC BACKUP AND RECOVERY FOR VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT EXCHANGE 2013

EMC BACKUP AND RECOVERY FOR VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT EXCHANGE 2013 EMC BACKUP AND RECOVERY FOR VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT EXCHANGE 2013 Versione 1.3 Gida alla progettazione e all'implementazione H12306.3 Copyright 2013-2014 EMC Corporation. Ttti i diritti riservati.

Dettagli

MultiMath. Matematica finanziaria CONTENUTI INTEGRATIVI ZONA MATEMATICA

MultiMath. Matematica finanziaria CONTENUTI INTEGRATIVI ZONA MATEMATICA Paolo Baroncini Roberto Manfredi MltiMath Matematica finanziaria LIBRO MISTO E-BOOK CONTENUTI INTEGRATIVI ZONA MATEMATICA MltiMath Matematica finanziaria Ambiente edcativo Digitale Libro digitale sfogliabile

Dettagli

G iochi con le carte 1

G iochi con le carte 1 Giochi con le carte 1 PREPARAZIONE E DESCRIZIONE DELLE CARTE L insegnante prepara su fogli A3 e distribuisce agli allievi le fotocopie dei tre diversi tipi di carte. Invita poi ciascun allievo a piegare

Dettagli

Capitolo 2 ELEMENTI BASE DI INGEGNERIA SISMICA

Capitolo 2 ELEMENTI BASE DI INGEGNERIA SISMICA Capitolo ELEMENTI BASE DI INGEGNERIA SISMICA 1. Premessa La crescita di importanza della dinamica delle strttre rislta evidente a chinqe abbia segito l evolzione delle problematiche connesse alla progettazione

Dettagli

EMC BACKUP AND RECOVERY FOR VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT SHAREPOINT 2013

EMC BACKUP AND RECOVERY FOR VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT SHAREPOINT 2013 EMC BACKUP AND RECOVERY FOR VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT SHAREPOINT 2013 Versione 1.3 Gida alla progettazione e all'implementazione H12308.3 Copyright 2013-2014 EMC Corporation. Ttti i diritti riservati.

Dettagli

Pompe peristaltiche industriali

Pompe peristaltiche industriali Pompe peristaltiche indstriali Manale operativo Dra 5, 7, 10, 15, 25, 35 Versione 5.1v-02/2015 Stampa n. 01 Versione 5.1v-02/2015 Stampa n. 01 Dra 5, 7, 10, 15, 25, 35 Le informazioni contente in qesto

Dettagli

PANDORA: IQUADERNIDI. l ICT per il Crisis Management

PANDORA: IQUADERNIDI. l ICT per il Crisis Management IQUADERNIDI PANDORA: l ICT per il Crisis Management A cra di Michele Cornacchia, Chiara Rossetti Il Crisis Management è n approccio sistematico adottato nelle sitazioni di emergenza, essenzialmente per

Dettagli

Geometria in gioco. Erickson. Carte, tombola e cruciverba per favorire l apprendimento delle figure piane. Patrizia Fantuzzi

Geometria in gioco. Erickson. Carte, tombola e cruciverba per favorire l apprendimento delle figure piane. Patrizia Fantuzzi Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Patrizia Fantuzzi Geometria in gioco Carte, tombola e cruciverba per favorire l apprendimento

Dettagli

MATEMATICA. UNITA DI APPRENDIMENTO 1 Numeri. Obiettivi specifici di apprendimento

MATEMATICA. UNITA DI APPRENDIMENTO 1 Numeri. Obiettivi specifici di apprendimento UNITA DI 1 Numeri. MATEMATICA Conoscenze: Rappresentazione dei numeri in base dieci, entro il 100: il valore posizionale delle cifre. Le quattro operazioni tra numeri naturali entro il 100. Il significato

Dettagli

STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori

STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTALE ISTITUTO COMPRENSIVO B. da Montemagno DI QUARRATA a.s. 2012-2013 GRUPPO DI RICERCA-AZIONE DI MATEMATICA STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori Classi

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda - Fascicolo 1

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda - Fascicolo 1 PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda - Fascicolo 1 Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2013 2014 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Seconda Fascicolo 1 Spazio per

Dettagli

la nuova cooperazione italiana Un mondo in comune: solidarietà, sviluppo documento di programmazione triennale (2015 2017)

la nuova cooperazione italiana Un mondo in comune: solidarietà, sviluppo documento di programmazione triennale (2015 2017) La nova cooperazione italiana Un mondo in comune: solidarietà, partnership, sviluppo la nuova cooperazione italiana documento di programmazione triennale (2015 2017) Un mondo in comune: solidarietà, partnership,

Dettagli

Partnership di canale

Partnership di canale white paper gennaio.2015 Partnership di canale Il trst mediator e n novo concetto di filiera corta iteam:lorena Cottone e x c e l l e n c e i n e x e c t i o n white paper 2 exective smmary introdzione

Dettagli

P. Apostoli 1, G. Bazzini 2, E. Sala 1, M. Imbriani 3. 1. Premessa

P. Apostoli 1, G. Bazzini 2, E. Sala 1, M. Imbriani 3. 1. Premessa G Ital Med Lav Erg 2002; 24:1, 3-25 PI-ME, Pavia 2002 P. Apostoli 1, G. Bazzini 2, E. Sala 1, M. Imbriani 3 La versione italiana OREGE (Otil de Repérage et d Evalation des Gestes) dell INRS (Institt national

Dettagli

PROVE DI COMPETENZA DI FINE BIENNIO

PROVE DI COMPETENZA DI FINE BIENNIO FSE 2007 2013, P.O. Ob. 2, Asse IV, ob.spec. H Modellizzazione e sperimentazione dei nuovi piani di studio fortemente ancorati all obiettivo del rafforzamento della qualità dei percorsi di formazione /apprendimento

Dettagli

VRM Video Recording Manager

VRM Video Recording Manager Video VRM Video Recording Manager VRM Video Recording Manager www.boschsecrity.it Memorizzazione distribita e bilanciamento del carico configrabile Failover del disk array iscsi per n'affidabilità estrema

Dettagli

Algoritmi di visita di un grafo

Algoritmi di visita di un grafo Algoritmi di isita di n grafo Ilaria Castelli castelli@dii.nisi.it Uniersità degli Stdi di Siena Dipartimento di Ingegneria dell Informazione A.A. 2009/2010 I. Castelli Visita di n grafo, A.A. 2009/2010

Dettagli

COMPETENZA NUMERICA I SISTEMI DI NUMERAZIONE

COMPETENZA NUMERICA I SISTEMI DI NUMERAZIONE COMPETENZA NUMERICA I SISTEMI DI NUMERAZIONE Macroindicatori di conoscenze/abilità Comprensione: -del significato dei numeri -dei modi per rappresentarli -della notazione posizionale dei traguardi per

Dettagli

Controlli automatici

Controlli automatici Controlli atomatici Sistemi a tempo discreto Prof. Paolo Rocco (paolo.rocco@polimi.it) Politecnico di Milano Dipartimento di Elettronica, Informaione e Bioingegneria Introdione Un sistema dinamico a tempo

Dettagli

DSA disk array iscsi serie E

DSA disk array iscsi serie E Video DSA disk array serie E DSA disk array serie E www.boschsecrity.it Solzione di archiviazione in rete a scalabilità orizzontale: nità dotata di rigidi interni, con n massimo di 96 dischi rigidi implementabili

Dettagli

Curricolo di matematica problemi con equazioni figurali

Curricolo di matematica problemi con equazioni figurali Curricolo di matematica problemi con equazioni figurali Presentazione dell attività svolta nelle classi delle Scuole Primarie e Secondarie di Primo Grado degli Istituti Comprensivi di Reggio Emilia: Pertini

Dettagli

MATEMATICA COMPETENZE CHIAVE:

MATEMATICA COMPETENZE CHIAVE: MATEMATICA COMPETENZE CHIAVE: Competenza matematica, Comunicazione nella madrelingua, Imparare ad imparare, Competenze sociali e civiche, Spirito d iniziativa e imprenditorialità. Traguardi per lo sviluppo

Dettagli

AMPLIFICATORI PER GRANDI SEGNALI (o DI POTENZA)

AMPLIFICATORI PER GRANDI SEGNALI (o DI POTENZA) OLO 6 MLFO E GND SEGNL (o D OENZ) 6. ntrodzione Finora si è parlato di amplificatori lineari che, se pr progettati a diverse freqenze, erano comnqe amplificatori a piccoli segnali. Lo stdio dell'elaborazione

Dettagli

43 18 agosto 2007. IBL Briefing Paper. La riforma del trasporto aereo Un balzo all indietro di dieci anni di Andrea Giuricin

43 18 agosto 2007. IBL Briefing Paper. La riforma del trasporto aereo Un balzo all indietro di dieci anni di Andrea Giuricin 43 IBL Briefing Paper La riforma del trasporto aereo Un balzo all indietro di dieci anni di Andrea Giricin I. Lo svilppo aeroportale in segito alla liberalizzazione I.1. Premessa. Il trasporto aereo, grazie

Dettagli

Anatomia del neutrone

Anatomia del neutrone Timothy Pal Smith è assistant research professor di fisica al Dartmoth College di Hanover, negli Stati Uniti. Ha diretto lo svilppo dei programmi informatici per BLAST, esperimento in ci è ancora coinvolto

Dettagli

2009 by. Visita il nostro sito: http://www.grupporaffaello.it Ristampa 5 4 3 2 1 2013 2012 2011 2010 2009

2009 by. Visita il nostro sito: http://www.grupporaffaello.it Ristampa 5 4 3 2 1 2013 2012 2011 2010 2009 Progetto RI.CER.CA. Un progetto ce mette l accento s tre momenti fonmentali del percorso di apprendimento: RIfl ettere, CERcare, CApire. Lo scopo del progetto è qello di insegnare ai nostri alnni a riflettere,

Dettagli

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSE QUARTA B G.Galilei VINCI INSEGNANTI: Melani Cinzia, Parri Donatella, Voli Monica, Anno Scolastico 2011-2012 COMPETENZE INTERESSATE: Raccogliere, organizzare

Dettagli

M A C C H I N E A F L U I D O

M A C C H I N E A F L U I D O 1 M A C C I N E A F L U I D O MACCINA: è n sistea di organi fissi e obili vincolati gli ni agli altri da legai definiti cineaticaente e disposti in odo tale da copiere, ovendosi sotto l azione di forze

Dettagli

CURRICOLO DI MATEMATICA ABILITA. (Come saprà operare e quali conoscenze procedurali)

CURRICOLO DI MATEMATICA ABILITA. (Come saprà operare e quali conoscenze procedurali) TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE (obiettivi d apprendimento per lo sviluppo delle competenze cosa sarà in grado di fare l alunno) cfr. Indicazioni per il curricolo Riferimento alle competenze europee.

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2008 2009

PROVA DI MATEMATICA. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2008 2009 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2008 2009 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva

Dettagli

Qualità e Internet mobile

Qualità e Internet mobile IQUADERNIDI Qalità e Internet mobile Le verità nascoste? A cra di Gido Riva La Qalità di Servizio (Qality of Service - QoS) è diventa negli ltimi anni n tema di primaria importanza, e non solo nel settore

Dettagli

Supporti fotografici KODAK PROFESSIONAL ENDURA

Supporti fotografici KODAK PROFESSIONAL ENDURA J.D. Wacker Spporti fotografici KODAK PROFESSIONAL ENDURA Gida alle applicazioni VOI CHIEDETE STAMPE DI QUALITÀ. NOI ABBIAMO SUPPORTI FOTOGRAFICI PROFESSIONALI PROGETTATI PER DARVI PRESTAZIONI ECCEZIONALI.

Dettagli

bintec RV Robusti router LTE per applicazioni a banda larga sui veicoli

bintec RV Robusti router LTE per applicazioni a banda larga sui veicoli bintec RV Robsti roter LTE per applicazioni a banda larga si veicoli Networking mobile per veicoli di ttti i tipi La connessione permanente ad Internet è diventata oggi na ovvietà. Sia nel privato, che

Dettagli

La matematica nel passaggio dal primo al secondo ciclo: il laboratorio di accoglienza matematica per le classi prime superiori

La matematica nel passaggio dal primo al secondo ciclo: il laboratorio di accoglienza matematica per le classi prime superiori La matematica nel passaggio dal primo al secondo ciclo: il laboratorio di accoglienza matematica per le classi prime superiori matnet.unibg.it, matnet@unibg.it XXX CONVEGNO UMI - CIIM BERGAMO 25-27 OTTOBRE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CLASSI I A E I B ANNO 2015-16 MAPPA DELLA PROGETTAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CLASSI I A E I B ANNO 2015-16 MAPPA DELLA PROGETTAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CLASSI I A E I B ANNO 2015-16 MAPPA DELLA PROGETTAZIONE ANNUALE Ottobre/Novembre Unità 1 MISURE E FORME - LA QUANTITA Prerequisiti: Acquisizione dei concetti relativi all orientamento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO

ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Scuola Primaria classe prima plesso Molinelli a.sc.2013/2014 PREMESSA Gli insegnanti della classe, tenendo conto dell analisi della situazione di partenza,

Dettagli

Metodologia della ricerca, approccio ludico, didattica laboratoriale.

Metodologia della ricerca, approccio ludico, didattica laboratoriale. Prima parte Obiettivi di apprendimento ipotizzati Disci pline Obiettivi di apprendimento MA 1.a 2.a 2.b 3.a 3.b 4.a 6.a 8.a 8.b 8.c 8.b 9 10 11.a 13.a 13.b TE 5.a 6 10.a 13.a Oggetti immagini e scritti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE

PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere un messaggio e un testo Conoscere le regole comportamentali della

Dettagli

LA CONOSCENZA DEL MONDO SCUOLA DELL INFANZIA. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni

LA CONOSCENZA DEL MONDO SCUOLA DELL INFANZIA. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni SCUOLA DELL INFANZIA INDICATORI LA CONOSCENZA DEL MONDO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni Riconoscere la quantità. Ordinare piccole quantità. Riconoscere la quantità. Operare e ordinare piccole

Dettagli

Esercizi di Matematica Finanziaria

Esercizi di Matematica Finanziaria Università degli Stdi di Siena Facoltà di Economia Esercizi di Matematica Finanziaria relativi ai capitoli XI-XIII del testo Cladio Pacati a.a. 998 99 c Cladio Pacati ttti i diritti riservati. Il presente

Dettagli

METODI E TECNOLOGIE PER L INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA 2 LEZIONE

METODI E TECNOLOGIE PER L INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA 2 LEZIONE METODI E TECNOLOGIE PER L INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA 2 LEZIONE LE AZIONI DEL FARE MATEMATICA OSSERVARE OSSERVARE Dalla spontanea formazione dei concetti nella mente del bambino fino alla concezione

Dettagli

Appunti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche. Cap.9. Principi di funzionamento delle macchine a fluido

Appunti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche. Cap.9. Principi di funzionamento delle macchine a fluido Appnti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche Cap.9. Principi di fnzionamento delle macchine a flido Paolo Di Marco Versione 006.0 8.05.07. La presente dispensa è redatta ad esclsivo so didattico

Dettagli

Curricolo verticale di matematica

Curricolo verticale di matematica 2 Circolo Didattico Sassari Curricolo verticale di matematica Scuola Infanzia e anno ponte Scuola Primaria F.S.: Loriga Anna Maria Sanna Maria Luisa Anno scolastico 2014/15 Introduzione Tutto il percorso

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE per la classe prima. Matematica

PROGRAMMAZIONE ANNUALE per la classe prima. Matematica ISTITUTO COMPRENSIVO DI SORISOLE Scuole Primarie PROGRAMMAZIONE ANNUALE per la classe prima Matematica Anno Scolastico 2015/ 2016 COMPETENZE : A -NUMERO Comprende il significato dei numeri, i modi per

Dettagli

Problemi sul parallelogramma con le incognite

Problemi sul parallelogramma con le incognite Problemi sl parallelogramma con le incognite Qante altezze ha n parallelogramma Il concetto di altezza rimanda direttamente a qello della distanza di in pnto da na retta La distanza di n pnto da na retta

Dettagli

Pompe peristaltiche industriali

Pompe peristaltiche industriali Pompe peristaltiche indstriali Manale operativo VF 5, 10, 15, 25, 32, 40, 50, 65, 80 Versione 9.0v-02/2015 Stampa n. 01 Versione 9.0v-02/2015 Stampa n. 01 VF 5, 10, 15, 25, 32, 40, 50, 65, 80 Le informazioni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CLASSE SECONDA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE

PROGRAMMAZIONE CLASSE SECONDA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE PROGRAMMAZIONE CLASSE SECONDA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere un messaggio e un testo Conoscere le regole comportamentali della

Dettagli

Fare Matematica in prima elementare IL NUMERO

Fare Matematica in prima elementare IL NUMERO Fare Matematica in prima elementare IL NUMERO Il NUMERO CONTARE PER CONTARE La filastrocca dei numeri Contare per contare, cioè ripetere la filastrocca dei numeri, contribuisce a far maturare la consapevolezza

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA - CLASSE SECONDA -

CURRICOLO MATEMATICA - CLASSE SECONDA - CURRICOLO MATEMATICA - CLASSE SECONDA - COMPETENZA Imparare a imparare NUMERI 1. a) Contare oggetti collegando correttamente la sequenza numerica verbale con l attività manipolativa e percettiva b) confrontare

Dettagli

DSA E-Series 2TB. Video DSA E-Series 2TB. www.boschsecurity.it

DSA E-Series 2TB. Video DSA E-Series 2TB. www.boschsecurity.it Video DSA E-Series 2TB DSA E-Series 2TB www.boschsecrity.it Solzione di archiviazione in rete a scalabilità orizzontale: nità di controllo dotata di 12 dischi rigidi interni, con n massimo di 192 dischi

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA ALBERT SABIN C.so Vercelli 157 10155 Torino PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO PRIMA DISCIPLINA: MATEMATICA

DIREZIONE DIDATTICA ALBERT SABIN C.so Vercelli 157 10155 Torino PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO PRIMA DISCIPLINA: MATEMATICA DIREZIONE DIDATTICA ALBERT SABIN C.so Vercelli 157 10155 Torino PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO PRIMA DISCIPLINA: MATEMATICA COMPETENZE CONTENUTI METODOLOGIE LOGICA INTRODUZIONE AL PENSIERO RAZIONALE: * INSIEMI

Dettagli

: = Tutti i bambini hanno avuto una casa? Sì No Quante case hai dato a ogni bambino? Scrivi la divisione che hai eseguito.

: = Tutti i bambini hanno avuto una casa? Sì No Quante case hai dato a ogni bambino? Scrivi la divisione che hai eseguito. LA DIVISIONE Divido per distribuire Ci sono 5 libri e 5 bambini. Quanti libri posso dare a ogni bambino? Collega ogni libro a un bambino e lo scoprirai. Tutti i bambini hanno avuto un libro? Sì No Quanti

Dettagli

PROGETTAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA classe 1^

PROGETTAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA classe 1^ PROGETTAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA classe 1^ PER RICONOSCERE, RAPPRESENTARE E RISOLVERE PROBLEMI I Q. II Q. CONTENUTI / ATTIVITA 1 bim 2 bim. 3 bim. 4 bim. 1a) Verbalizzazione di esperienze problematiche.

Dettagli

Introduzione. Algoritmi Link-State. Principi. Adiacenze OSPF (2) Adiacenze OSPF (1) Open Shortest Path First Protocol (OSPF)

Introduzione. Algoritmi Link-State. Principi. Adiacenze OSPF (2) Adiacenze OSPF (1) Open Shortest Path First Protocol (OSPF) Introdzione Open Shortest Path First Protocol (OSPF) Svilppo inizia nel 987 OSPF Working Grop (parte di IETF) OSPFv2 emanato nel 99 OSPFv2 aggiornato nel RFC 278 Principi OSPF è n protocollo di roting

Dettagli

MATEMATICA: classe prima

MATEMATICA: classe prima DALLE INDICAZIONI NAZIONALI: MATEMATICA: classe prima Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione culturale delle persone e delle comunità, sviluppando le capacità di mettere in stretto rapporto

Dettagli

APPRENDIMENTO. 1. a. Conoscere, denominare classificare e verbalizzare semplici figure geometriche dello spazio e del piano.

APPRENDIMENTO. 1. a. Conoscere, denominare classificare e verbalizzare semplici figure geometriche dello spazio e del piano. matematica Comunicazione nella madrelingua 1. Descrive e denomina figure 1. a. Conoscere, denominare classificare e verbalizzare semplici figure geometriche dello spazio e del piano. - Terminologia specifica

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06 GRUPPO ANNI 5 PERIODO NOV. DICEMBRE DOCUMENTAZIONE DI AIOLFI ANNA

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06 GRUPPO ANNI 5 PERIODO NOV. DICEMBRE DOCUMENTAZIONE DI AIOLFI ANNA SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06 GRUPPO ANNI 5 PERIODO NOV. DICEMBRE DOCUMENTAZIONE DI AIOLFI ANNA La realtà scolastica del primo Circolo di Spinea è una realtà molto

Dettagli

Area matematico-scientifico-tecnologica: matematica

Area matematico-scientifico-tecnologica: matematica Campo/ area/ materia Periodo di riferimento Nucleo tematico??? Macroindicato re??? Traguardo di competenza Area matematico-scientifico-tecnologica: matematica Scuola primaria: classe 1^ NUMERI L alunno

Dettagli

Romanelli, C. (in collaborazione con Favilli) Il Giocanumeri. Carlo Romanelli. Nuclei: Numeri, Relazioni e funzioni

Romanelli, C. (in collaborazione con Favilli) Il Giocanumeri. Carlo Romanelli. Nuclei: Numeri, Relazioni e funzioni Carlo Romanelli Nuclei: Numeri, Relazioni e funzioni Scheda per i prerequisiti Principali proprietà dei numeri naturali; m.c.m. di due o più numeri naturali; Principali funzionalità di un foglio di calcolo

Dettagli

. Il calcolatore di C. Bortolato. . I simboli > < = . La decina, il centinaio

. Il calcolatore di C. Bortolato. . I simboli > < = . La decina, il centinaio CLSS: 2 a PGMMZIN DI MTMTIC.S. 2012/2013 esa disponibile dall insegnante: Mariarosa Fornasier Nucleo fond. Competenze bilità Contenuti u.a / moduli / u.d. (percorso, attività, metodologia, tempi) Titolo

Dettagli

DSA E-Series 4TB (E2700)

DSA E-Series 4TB (E2700) Video DSA E-Series 4TB (E2700) DSA E-Series 4TB (E2700) www.boschsecrity.it Solzione di archiviazione in rete a scalabilità verticale: nità di controllo dotata di 12 dischi rigidi interni, con n massimo

Dettagli

L ENERGIA EOLICA CAPITOLO 2

L ENERGIA EOLICA CAPITOLO 2 CAPITOLO L ENERGIA EOLICA Come noto, l tilizzo dell energia eolica nella sa forma attale rappresenta il perfezionamento di na tecnologia di prodzione energetica già impiegata dall omo nel corso di molti

Dettagli

U.D.A. N. 1: PRIME ESPLORAZIONI E GUSTOSE CONQUISTE

U.D.A. N. 1: PRIME ESPLORAZIONI E GUSTOSE CONQUISTE U.D.A. N. 1: PRIME ESPLORAZIONI E GUSTOSE CONQUISTE MATEMATICA: Scopro e conosco i numeri tra giochi e merende O.F. : - Usare il numero per contare, confrontare e ordinare in diversi contesti. COMPETENZE

Dettagli

Didattiche disciplinari integrate SSIS A.A. 2008/2009 Modulo di Matematica Docente L. Parenti

Didattiche disciplinari integrate SSIS A.A. 2008/2009 Modulo di Matematica Docente L. Parenti Didattiche disciplinari integrate SSIS A.A. 2008/2009 Modulo di Matematica Docente L. Parenti SCHEDE DI LAVORO La seguente rassegna di esempi deve essere analizzata nella duplice chiave di lettura: - aspetti

Dettagli

Abilità Contenuti Metodologie Strumenti Verifiche Possibili raccordi con altre discipline Contare oggetti.

Abilità Contenuti Metodologie Strumenti Verifiche Possibili raccordi con altre discipline Contare oggetti. MATEMATICA NUCLEO TEMATICO: I NUMERI Classe prima Abilità Contenuti Metodologie Strumenti Verifiche Possibili raccordi con altre discipline Contare oggetti. Inglese (concetto di grande e piccolo; Costruire

Dettagli

Insegnare il coding. In Italia tra le linee guida del governo sulla «Buona scuola» «L educazione al pensiero computazionale e al coding»

Insegnare il coding. In Italia tra le linee guida del governo sulla «Buona scuola» «L educazione al pensiero computazionale e al coding» Il codingnella nella didattica metacognitiva Cos è il coding? Per coding si intende la stesura di un programma, cioè di una sequenza di istruzioni che eseguite da un calcolatore danno vita alla maggior

Dettagli

Ins. Zanella Classe seconda. Problemi moltiplicativi

Ins. Zanella Classe seconda. Problemi moltiplicativi Ins. Zanella Classe seconda Problemi moltiplicativi FOGLI DI CARTA OGGI IN CLASSE SIAMO IN 23 ALUNNI. LA MAESTRA DA AD OGNI ALUNNO 3 FOGLI. DISEGNA QUESTA SITUAZIONE, IN MODO CHE SI CAPISCA QUANTI FOGLI

Dettagli

IL FUTURO A COLORI. GUIDA PER INSEGNANTI Scopri all interno come partecipare al concorso

IL FUTURO A COLORI. GUIDA PER INSEGNANTI Scopri all interno come partecipare al concorso IL FUTURO A COLORI GUIDA PER INSEGNANTI Scopri all interno come partecipare al concorso Indice Premessa La gida contina il percorso dei Laboratori CreATTIVI che rappresentano n osservatorio permanente

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Ascolto e parlato Prendere la parola negli scambi comunicativi (dialogo, conversazione, discussione) rispettando

Dettagli

COSTRUZIONE DEL CURRICOLO VERTICALE SUL METODO DI STUDIO. FINALITA Favorire il piacere allo studio OBIETTIVI GENERALI

COSTRUZIONE DEL CURRICOLO VERTICALE SUL METODO DI STUDIO. FINALITA Favorire il piacere allo studio OBIETTIVI GENERALI COSTRUZIONE DEL CURRICOLO VERTICALE SUL METODO DI STUDIO FINALITA Favorire il piacere allo studio GENERALI Acquisire un efficace metodo di studio Acquisire una buona autonomia di lavoro a scuola e a casa.

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO. Progettazione annuale anno scolastico 2015/16 classi quinte

DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO. Progettazione annuale anno scolastico 2015/16 classi quinte DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO Progettazione annuale anno scolastico 2015/16 classi quinte Le cose che noi scegliamo di insegnare e il modo in cui noi scegliamo di valutare riflettono l idea che

Dettagli

Vince il più piccolo. Contenuti

Vince il più piccolo. Contenuti Vince il più piccolo Livello scolare: 4 a classe Competenze interessate Contenuti Nuclei coinvolti Collegamenti esterni Comprendere il significato e l uso dello zero e della virgola. Comprendere il significato

Dettagli

Sistemi Interconnessi

Sistemi Interconnessi Corso di Fondamenti di Atomatica Università di Roma La Sapienza Sistemi Interconnessi L. Lanari Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Roma, Ital Ultima modifica Ma 29,

Dettagli