GRUPPO MICROIMPRESA E NUOVA CITTADINANZA. Incontro di studio. 1. Regime dei minimi 2. Disposizioni disciplina dell immigrazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GRUPPO MICROIMPRESA E NUOVA CITTADINANZA. Incontro di studio. 1. Regime dei minimi 2. Disposizioni disciplina dell immigrazione"

Transcript

1 GRUPPO MICROIMPRESA E NUOVA CITTADINANZA Incontro di studio 1. Regime dei minimi 2. Disposizioni disciplina dell immigrazione Lunedì 12 dicembre 2011 Referente: Leila Farfan

2 Approfondimenti interpretazioni ed esempi Leila Farfan

3 Condizioni di accesso e di permanenza art. 1 c. 96 L. 244/07 I soggetti che iniziano un attività dal 1 /1/2012 devono verificare questi requisiti per la permanenza nel regime prosecuzione dell attività d impresa svolta da altro soggetto esempio: donazione, successione ereditaria o cessione d azienda si deve fare riferimento ai ricavi conseguiti dal dante causa nell anno precedente e non devono superare i euro 12/12/2011 Leila Farfan 3

4 RICAVI = art. 57 e 85 TUIR COMPENSI = art. 54 TUIR NON concorrono alla formazione dei proventi sostitutivi di redditi ad es. indennità Inail e maternità contributo integrativo versato alla Cassa Previdenza i componenti positivi non rientranti nella definizione di ricavi (art. 57 e 85 TUIR) e compensi (art. 54 TUIR) 12/12/2011 Leila Farfan 4

5 D. il collaboratore familiare ha percepito l indennità Inail o la maternità, chi deve dichiarare l indennità percepita? R. Nessuno nel regime dei minimi, il reddito dell impresa familiare viene dichiarato interamente dal titolare i proventi sostitutivi di redditi sono tali se sostituiscono il reddito cui si riferiscono 12/12/2011 Leila Farfan 5

6 1. Contributi c/esercizio Art. 85, c. 1 lett. h) TUIR 2. Contributi c/capitale Art. 88 TUIR sopravvenienze attive 3. Contributi c/impianti In base all art. 110 TUIR vanno contabilizzati in diminuzione del costo 12/12/2011 Leila Farfan 6

7 INIZIO O CESSAZIONE ATTIVITA RAGGUAGLIO AD ANNO Esempio 1: soggetto di 25 anni inizio attività 1 luglio 2011 come minimo ammontare dei ricavi conseguiti al 31/ ragguaglio ad anno: /6*12 = Ricavi > NO MINIMO per /12/2011 Leila Farfan 7

8 INIZIO O CESSAZIONE ATTIVITA RAGGUAGLIO AD ANNO Esempio 2: inizio attività 1 aprile 2011 come minimo ammontare dei ricavi conseguiti al 31/ ragguaglio ad anno: /9*12 = Ricavi < SI MINIMO per 2012 Se in possesso degli altri requisiti 12/12/2011 Leila Farfan 8

9 INIZIO O CESSAZIONE ATTIVITA RAGGUAGLIO AD ANNO Esempio 3: inizio attività 1 febbraio 2012 come minimo ammontare dei ricavi presunti al 31/ ragguaglio ad anno: /11*12 = 12,000 Ricavi < SI MINIMO per 2012 e successivi se in possesso degli altri requisiti 12/12/2011 Leila Farfan 9

10 INIZIO O CESSAZIONE ATTIVITA RAGGUAGLIO AD ANNO Esempio 4: inizio attività 1 febbraio 2012 come minimo ammontare dei ricavi presunti al 31/ ragguaglio ad anno: /11*12 = Ricavi > SI MINIMO per 2012 e NON per successivi 12/12/2011 Leila Farfan 10

11 CESSAZIONE e INIZIO ATTIVITA RAGGUAGLIO AD ANNO Esempio 5: cessazione 30 aprile 2010 ricavi dal 1/01/10 al 30/4/ riapertura attività il 01/06/2011 ragguaglio ad anno: 4.000/4*12 = Ricavi < SI MINIMO per /12/2011 Leila Farfan 11

12 MULTIATTIVITA RAGGUAGLIO AD ANNO Esempio 6: inizio 1 aprile 2011 seconda attività inizio dal 1/6/11 Ricavi al 31/12 prima attività e seconda attività ragguaglio ad anno: (9.900/9*12) + (9.000/6*12) = Ricavi > ma < SI MINIMO per 2011 ma non per successivi 12/12/2011 Leila Farfan 12

13 CONDIZIONE Assenza spese di personale: Eccetto: spese di lavoro accessorio tramite la corresponsione di buoni lavoro la corresponsione di TFR relativo a periodi d imposta precedenti in cui il contribuente era ordinario; la presenza di associati in partecipazione a cui non è stato corrisposto un compenso la presenza di stagista o tirocinanti non retribuiti. 12/12/2011 Leila Farfan 13

14 MINIMI E ATTIVITA AUTONOMA PRECEDENTE Esempio 1: apertura attività nel 2005 con il regime delle nuove iniziative imprenditoriali Nel 2008 opta per il regime dei minimi Applica il regime dei minimi fino al 2011 Dal 1/1/2012 potrà optare per il regime degli ex minimi o regime ordinario 12/12/2011 Leila Farfan 14

15 Regime degli «ex» minimi Per chi ha iniziato prima del 2008 ha mantenuto i vecchi requisiti c è la possibilità di accedere dal 2012 al regime degli «ex» minimi prevede particolari semplificazioni 12/12/2011 Leila Farfan 15

16 Regime degli «ex» minimi o «supersemplificato» art. 27 comma 3 DL 98/2011 Possono applicarlo i soggetti: che rispettano le condizioni per l accesso al regime dei minimi ante-modifica (art. 1 c. da 96 a 99 L. 244/2007); che non rispettano le nuove e ulteriori condizioni previste dall art. 27 del DL 98/2011 per l accesso al nuovo regime dei minimi. 12/12/2011 Leila Farfan 16

17 Regime supersemplificato: Agevolazioni è esonerato dagli obblighi di registrazione e di tenuta delle scritture contabili rilevanti ai fini delle imposte dirette e dell IVA; è esonerato dalle liquidazioni e dai versamenti periodici rilevanti ai fini dell IVA; è esentato dal pagamento dell IRAP. 12/12/2011 Leila Farfan 17

18 Regime supersemplificato: Adempimenti obbligo di conservazione dei documenti emessi e ricevuti; obbligo di fatturazione e certificazione dei corrispettivi (se prevista); determinazione ordinaria del reddito in base alle regole del TUIR; addebito dell Iva per rivalsa; presentazione della comunicazione dati Iva (salvo esoneri) e dichiarazione Iva; applicazione degli studi di settore; 12/12/2011 Leila Farfan 18

19 CAUSE DI DECADENZA REGIME DEGLI EX MINIMI decade a partire dall anno successivo a quello in cui non sono soddisfatti i requisiti previsti per la sua applicazione (accesso al regime dei vecchi minimi); in venir meno di tali requisiti può essere certificato anche in sede di accertamento; a partire dall anno stesso in cui il limite di ricavi/compensi è superato (anche in seguito ad accertamento) in misura superiore al 50% (superamento del limite di ); il superamento del limite del 50% comporta la necessità di versare l IVA relativa alle operazioni effettuate nell intero anno solare. 12/12/2011 Leila Farfan 19

20 PASSAGGIO DA MINIMI A EX MINIMI O AL REGIME ORDINARIO Rettifica della detrazione art. 1, comma 101, Finanziaria 2008 la rettifica della detrazione IVA deve essere effettuata: pure in caso di passaggio, anche per opzione, al regime ordinario nella dichiarazione annuale relativa all anno dal quale trova applicazione tale regime, tenendone conto nel versamento a saldo dell imposta relativa a tale anno. Tipologie: 1) Beni non ammortizzabili e servizi non ancora ceduti o utilizzati; 2) Beni ammortizzabili. 12/12/2011 Leila Farfan 20

21 Esempio 1: Acquisto di un personal computer nel 2010, IVA non detratta 200; All 1/1/2012, data di ingresso nel regime ex minimi, mancano ancora 3 anni al compimento del quinquennio dall entrata in funzione del cespite; IVA a credito 120, ovvero 3/5 di 200; Questa modalità di calcolo si applica a prescindere dall aliquota di ammortamento del bene. 12/12/2011 Leila Farfan 21

22 Esempio 2: Acquisto di una stampante costo 400 nel 2011; IVA non detratta 80; Non è necessario effettuare alcuna rettifica della detrazione. Si tratta infatti di un bene mobile di valore unitario non superiore ad 516,46, considerato alla stregua di un bene non ammortizzabile, completamente utilizzato nell esercizio di entrata in funzione. 12/12/2011 Leila Farfan 22

23 Esempio 3: In data 1/10/2011 è stato pagato l importo di 600 di cui IVA non detratta 120 per utenze elettriche relative al periodo 1/10/ /3/2012 Si tratta di un servizio in parte non ancora utilizzato al 31/12/2011. Nello specifico la parte ancora da utilizzare è pari ad 300 (600 X 3/6; per semplicità si sono conteggiati i mesi al posto dei giorni), la cui IVA 60 si può detrarre attraverso la rettifica della detrazione. 12/12/2011 Leila Farfan 23

24 Esempio 4: reverse charge edile al 31/12/2011 ha superato i ; alcune operazioni sono state effettuate in subappalto nel settore edile; Il committente non è tenuto ad operare il reverse charge 12/12/2011 Leila Farfan 24

25 Adempimenti documentare il calcolo mediante la compilazione di un apposito prospetto; e indicare l importo rettificato in Dichiarazione Iva; per la Dichiarazione Iva 2011 la rettifica doveva essere indicata al rigo VF56. 12/12/2011 Leila Farfan 25

26 RIMANENZE le rimanenze assumono rilevanza a seconda che le merci siano state pagate o meno; si passa da un regime di cassa a quello di competenza. 12/12/2011 Leila Farfan 26

27 Esempio 1: Rimanenze il cui costo è stato pagato nel 2011; non assumono rilevanza come esistenze iniziali al momento della fuoriuscita dal regime; deroga alle regole di competenze; da riportare nel 2012 come merci pagate nel /12/2011 Leila Farfan 27

28 Esempio 2: contribuente in regime ordinario nel 2010 e in regime dei minimi 2011 nel 2012 opta per regime ordinario Rimanenze al 01/01/ Corrispettivi nel Al 31/12/11 rimanenze residue del 2010 sono pari a ( ) rimanenze iniziali del 01/01/ acquisti 2011 non ancora pagati 12/12/2011 Leila Farfan 28

29 Reddito Regime «ex minimi» i ricavi, i compensi e le spese sostenute che hanno già concorso a formare il reddito non rilevano nei periodi successivi anche se di competenza degli stessi; i ricavi, i compensi e le spese sostenute che, pur di competenza del periodo agevolato, non hanno concorso alla formazione del reddito, sono rilevanti nei periodi successivi in cui si verificano i presupposti previsti dal regime dei minimi (criterio di cassa). 12/12/2011 Leila Farfan 29

30 Fonte: Il Sole 24 Ore del 08/09/11 12/12/2011 Leila Farfan 30

31 GRAZIE PER L ATTENZIONE 12/12/2011 Leila Farfan 31

IL REGIME DEI NUOVI CONTRIBUENTI MINIMI. D.L. n. 98/11, convertito nella L. n. 111/11 (cosiddetta Manovra Correttiva )

IL REGIME DEI NUOVI CONTRIBUENTI MINIMI. D.L. n. 98/11, convertito nella L. n. 111/11 (cosiddetta Manovra Correttiva ) IL REGIME DEI NUOVI CONTRIBUENTI MINIMI D.L. n. 98/11, convertito nella L. n. 111/11 (cosiddetta Manovra Correttiva ) 1 PARTE DAL 2012 IL REGIME DEI NUOVI CONTRIBUENTI MINIMI Il nuovo regime decorre dal

Dettagli

Oggetto: IL NUOVO REGIME FISCALE FORFETTARIO Commi da 54 a 89 Legge di Stabilità 2015

Oggetto: IL NUOVO REGIME FISCALE FORFETTARIO Commi da 54 a 89 Legge di Stabilità 2015 a Tutti i Clienti Loro sedi Oggetto: IL NUOVO REGIME FISCALE FORFETTARIO Commi da 54 a 89 Legge di Stabilità 2015 Dal 2015 è introdotto un nuovo regime forfettario riservato alle persone fisiche (imprese

Dettagli

Dichiarazione Iva 2009: il regime dei minimi a cura di Ennio Vial

Dichiarazione Iva 2009: il regime dei minimi a cura di Ennio Vial Il Punto sull Iva Dichiarazione Iva 2009: il regime dei minimi a cura di Ennio Vial Introduzione Nel corso del presente intervento, esamineremo le modalità di compilazione della dichiarazione Iva, relativamente

Dettagli

Circolare n. 1-bis. del 10 gennaio Il regime fiscale dei contribuenti minimi e marginali - Principali novità INDICE

Circolare n. 1-bis. del 10 gennaio Il regime fiscale dei contribuenti minimi e marginali - Principali novità INDICE Via Principe Amedeo 11 10123 Torino c.f. e p.iva 06944680013 Tel. 011 8126939 Fax. 011 8122079 Email: info@studiobgr.it www.studiobgr.it Circolare n. 1-bis del 10 gennaio 2008 Il regime fiscale dei contribuenti

Dettagli

NUOVO REGIME FISCALE FORFETARIO

NUOVO REGIME FISCALE FORFETARIO NUOVO REGIME FISCALE FORFETARIO È introdotto un nuovo regime forfetario riservato alle persone fisiche (imprese e lavoratori autonomi), che sostituisce l attuale regime delle nuove iniziative ex art. 13,

Dettagli

OGGETTO: Legge Finanziaria per l anno 2008 Regime fiscale semplificato per i contribuenti minimi

OGGETTO: Legge Finanziaria per l anno 2008 Regime fiscale semplificato per i contribuenti minimi Dott. Carlo Agosta Dott. Enrico Pogolotti Dott. Davide Mancardo Dott.ssa Chiara Valente Dott.ssa Stefania Neirotti Torino, lì 21 gennaio 2008 Circolare n. 2/2008 OGGETTO: Legge Finanziaria per l anno 2008

Dettagli

Roma, 22 e 23 gennaio 2008 Legge finanziaria 2008: il regime dei contribuenti minimi

Roma, 22 e 23 gennaio 2008 Legge finanziaria 2008: il regime dei contribuenti minimi Roma, 22 e 23 gennaio 2008 Legge finanziaria 2008: il regime dei contribuenti minimi Ufficio Studi - Sezione Analisi giuridiche Normativa - Articolo 1, commi da 96 a 117, della legge finanziaria per il

Dettagli

IL NUOVO FORFAIT - AGGIORNAMENTO

IL NUOVO FORFAIT - AGGIORNAMENTO IL NUOVO FORFAIT - AGGIORNAMENTO ENTRATA IN VIGORE DAL 1.1.2015 È IL REGIME NATURALE PER COLORO CHE RISPETTANO LE CONDIZIONI 1 2 3 4 Limiti di ricavi o compensi Limite del volume degli investimenti Limite

Dettagli

22/12/2016. NOVITA per le Partite IVA 2016 OPPORTUNITA E STRUMENTI. Il quadro al 1 Gennaio FORFAIT: Sintesi NOVITÀ 2016

22/12/2016. NOVITA per le Partite IVA 2016 OPPORTUNITA E STRUMENTI. Il quadro al 1 Gennaio FORFAIT: Sintesi NOVITÀ 2016 NOVITA per le Partite IVA 2016 OPPORTUNITA E STRUMENTI Il quadro al 1 Gennaio 2016 Il quadro per le piccole partite IVA è stato un po confuso in questi anni: FINO AL 2014 - Regime NUOVE INIZIATIVE PRODUTTIVE;

Dettagli

LA NUOVA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA (DAL 2017) REQUISITI PER LA TENUTA DELLA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA

LA NUOVA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA (DAL 2017) REQUISITI PER LA TENUTA DELLA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA LA NUOVA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA (DAL 2017) Come noto, l art. 5, Ddl della legge Finanziaria 2017, prevede: la modifica dell art. 66, TUIR, per effetto della quale, a decorrere dall 1.1.2017,

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE RISERVATO AI NUOVI E VECCHI CONTRIBUENTI MINIMI

TRATTAMENTO FISCALE RISERVATO AI NUOVI E VECCHI CONTRIBUENTI MINIMI TRATTAMENTO FISCALE RISERVATO AI NUOVI E VECCHI CONTRIBUENTI MINIMI a cura del Dott. Vito SARACINO e Revisore Contabile in Bitonto (BA) Il Decreto Legge del 06 luglio 2011 n. 98, pubblicato sulla Gazzetta

Dettagli

CONTRIBUTI ENASARCO ANNO 2015

CONTRIBUTI ENASARCO ANNO 2015 CONTRIBUTI ENASARCO ANNO 2015 LE ALIQUOTE CONTRIBUTIVE Dal 01.01.2015 il contributo previdenziale ENASARCO sulle provvigioni derivanti da rapporti di agenzia aumenta passando dal 14,20% al 14,65%. La nuova

Dettagli

Scritto da Alessandro Ingrosso Lunedì 02 Gennaio :40 - Ultimo aggiornamento Martedì 28 Gennaio :24

Scritto da Alessandro Ingrosso Lunedì 02 Gennaio :40 - Ultimo aggiornamento Martedì 28 Gennaio :24 contribuenti minimi - Studio Ingrosso Dottore Commercialista - Consulente del Lavoro - Revisore Contabi L'Agenzia delle Entrate con il provvedimento 22 dicembre 2011, n. 185825 contenente le indicazioni

Dettagli

Oggetto: regime fiscale dei contribuenti minimi e marginali principali novità

Oggetto: regime fiscale dei contribuenti minimi e marginali principali novità Carlo Cecchi Dottore Commercialista Revisore Contabile Filippo Rosi Dottore Commercialista Revisore Contabile Gianpaolo Chiesi Avvocato Ferruccio Leandro Chiesi Avvocato Prato, 4 gennaio 2008 Ai Signori

Dettagli

STUDIO DE ALEXANDRIS Commercialisti Revisori Contabili Avvocati

STUDIO DE ALEXANDRIS Commercialisti Revisori Contabili Avvocati Circolare Studio Prot. N 24/11 del 15/11/2011 MD/cm Monza, lì 15/11/2011 A Tutti i C l i e n t i Loro Sedi Riferimento : NOVITA DAL 2012 PER CONTABILITA SOGGETTI MINORI Oggetto: D.L. 6.07.2011, n. 98,

Dettagli

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI. A cura di Antonio Gigliotti

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI. A cura di Antonio Gigliotti IL NUOVO REGIME DEI MINIMI A cura di Antonio Gigliotti Capitolo 1 CONTRIBUENTI CHE POSSONO ACCEDERE AL REGIME DEI MINIMI 1.1 Nuova attività... 1 1.2 Vecchi requisiti previsti dalla Finanziaria 2008...

Dettagli

5. DETERMINAZIONE DEL REDDITO

5. DETERMINAZIONE DEL REDDITO 5. DETERMINAZIONE DEL REDDITO I soggetti di cui all articolo 54 determinano il reddito imponibile applicando all ammontare dei ricavi o dei compensi percepiti (principio di cassa) un coefficiente di redditività

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme indicate nei riferimenti normativi. Dispone

IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme indicate nei riferimenti normativi. Dispone N. 185825/2011 Modalità di applicazione del regime contabile agevolato di cui all'articolo 27, comma 3, del D.L. 6 luglio 2011, n. 98, convertito con modificazioni dalla legge 15 luglio 2011, n. 111).

Dettagli

Bologna, 2 Gennaio 2012 A TUTTI I CLIENTI CONTRIBUENTI MINIMI CIRCOLARE N. 1/2012. Oggetto: IL NUOVO REGIME DEI MINIMI

Bologna, 2 Gennaio 2012 A TUTTI I CLIENTI CONTRIBUENTI MINIMI CIRCOLARE N. 1/2012. Oggetto: IL NUOVO REGIME DEI MINIMI Bologna, 2 Gennaio 2012 A TUTTI I CLIENTI CONTRIBUENTI MINIMI CIRCOLARE N. 1/2012 Oggetto: IL NUOVO REGIME DEI MINIMI L Agenzia delle Entrate ha recentemente approvato il nuovo Provvedimento attuativo

Dettagli

LEGGE DI BILANCIO 2017

LEGGE DI BILANCIO 2017 LEGGE DI BILANCIO 2017 Schede di lettura A.C. 4127-bis SEZIONE I - NORMATIVA novembre 2016 I Articolo 5 (Regime di cassa) L articolo 5 modifica la tassazione dei redditi delle cd. imprese minori, assoggettate

Dettagli

Regime dei Minimi 2015: per i professionisti una doppia opzione

Regime dei Minimi 2015: per i professionisti una doppia opzione Regime dei Minimi 2015: per i professionisti una doppia opzione Per l anno 2015, i professionisti che rispettino determinati requisiti hanno la facoltà di scegliere tra due distinti regimi fiscali agevolati.

Dettagli

REGIME DEI NUOVI MINIMI e REGIME CONTABILE AGEVOLATO

REGIME DEI NUOVI MINIMI e REGIME CONTABILE AGEVOLATO FABIO BETTONI LAURA LOCATELLI RACHELE DENEGRI Circolare n. 38 del 28 Dicembre 2011 REGIME DEI NUOVI MINIMI e REGIME CONTABILE AGEVOLATO Gentili Clienti con la presente intendiamo porre l attenzione sui

Dettagli

Il nuovo regime fiscale dei contribuenti minimi

Il nuovo regime fiscale dei contribuenti minimi Il nuovo regime fiscale dei contribuenti minimi dott. Pasquale SAGGESE La Finanziaria 2008 Profili introduttivi FONTI NORMATIVE E CHIARIMENTI DI PRASSI COMMI DA 96 A 117 DELL ARTICOLO 1 DELLA L. 244/2007

Dettagli

LA TASSAZIONE PER CASSA DELLE IMPRESE IN CONTABILITA SEMPLIFICATA. Schema di lettura dell art. 5 dell AC 4127 (legge di bilancio 2017)

LA TASSAZIONE PER CASSA DELLE IMPRESE IN CONTABILITA SEMPLIFICATA. Schema di lettura dell art. 5 dell AC 4127 (legge di bilancio 2017) LA TASSAZIONE PER CASSA DELLE IMPRESE IN CONTABILITA SEMPLIFICATA Schema di lettura dell art. 5 dell AC 4127 (legge di bilancio 2017) FINALITA DELLA DISPOSIZIONE L articolo 5 del DDL bilancio 2017 introduce,

Dettagli

STUDIO PICCINELLI DEL PICO PARDI & PARTNERS DOTTORI COMMERCIALISTI

STUDIO PICCINELLI DEL PICO PARDI & PARTNERS DOTTORI COMMERCIALISTI Circolare n. 3/2012 Milano e Roma, Gennaio 2012 Novità in materia di contribuenti minimi L art. 27 del D.L. n. 98/2011, convertito con modificazioni nella Legge n. 111/2011, ha introdotto alcune importanti

Dettagli

circoscrizione del Tribunale di Catania A cura del Dott. Concetto Raccuglia

circoscrizione del Tribunale di Catania A cura del Dott. Concetto Raccuglia A cura del Dott. Concetto Raccuglia INQUADRAMENTO NORMATIVO Art. 55 D.P.R 917/86 A i i à d i i l i Attività d impresa e non agricola se si superano determinati limiti REDDITI D IMPRESA COME SOPRA INDIVIDUATI

Dettagli

Il valzer delle scritture contabili al test delle entrate

Il valzer delle scritture contabili al test delle entrate I regimi naturali del 2009 dipendono dalle entrate dell anno 2008 Il valzer delle scritture contabili al test delle entrate Tonino Morina Esperto fiscale del Sole 24-Ore Professore della scuola superiore

Dettagli

Gruppo Buffetti S.p.A. Direzione e coordinamento Dylog Italia S.p.A. Via Francesco Antolisei, Roma

Gruppo Buffetti S.p.A. Direzione e coordinamento Dylog Italia S.p.A. Via Francesco Antolisei, Roma Gruppo Buffetti S.p.A. Direzione e coordinamento Dylog Italia S.p.A. Via Francesco Antolisei, 10-00173 Roma CONTRIBUENTI MINIMI. Possono accedere al nuovo regime dei contribuenti minimi introdotto dall

Dettagli

NUOVO REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI ED EXTRAMINIMI DAL 2012

NUOVO REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI ED EXTRAMINIMI DAL 2012 SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI NUOVO REGIME DEI MINIMI REGIME DEGLI EX MINIMI EFFETTI AI FINI DELL NUOVO REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI ED EXTRAMINIMI DAL 2012 Art. 27 D.L. 6.07.2011, n. 98 conv. L. 15.07.2011,

Dettagli

REGIME AGEVOLATO PER LE NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITIORIALI.

REGIME AGEVOLATO PER LE NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITIORIALI. I REGIMI CONTABILI. La scelta del regime contabile avviene all inizio dell attività, contestualmente all attribuzione della partita IVA ed in relazione al volume di affari presunto. Il volume di affari

Dettagli

NUOVO REGIME DEI MINIMI

NUOVO REGIME DEI MINIMI NUOVO REGIME DEI MINIMI Il decreto istitutivo del nuovo regime dei minimi (Articolo 27 D.L. n. 98 del 6 luglio 2011, convertito con modificazioni dalla Legge n. 111 del 15 luglio 2011 - Manovra correttiva)

Dettagli

STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI

STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI DOTTORI COMMERCIALISTI 20121 MILANO - VIA FOSCOLO, 4 TEL. 02-874163 FAX 02-72023745 email: studio.marcozzi@tin.it Luigi Marcozzi, Revisore Contabile Attilio Marcozzi, Revisore Contabile Milano, 2 gennaio

Dettagli

Il nuovo regime dei contribuenti "minimi" 2012 e il regime semplificato alternativo

Il nuovo regime dei contribuenti minimi 2012 e il regime semplificato alternativo Il nuovo regime dei contribuenti "minimi" 2012 e il regime semplificato alternativo 20111222 20:02:52 A partire dal 1 gennaio 2012, entra in vigore il nuovo regime dei contribuenti minimi o regime fiscale

Dettagli

Il regime dei minimi è facile ma l accesso è difficile

Il regime dei minimi è facile ma l accesso è difficile Il regime dei minimi è facile ma l accesso è difficile Tonino Morina in Novità legislative (legge di stabilità...) Dal 1 gennaio 2008 è in vigore il regime per i contribuenti minimi, con entrate non superiori

Dettagli

CONTRIBUENTI MINIMI REGIME FISCALE DI VANTAGGIO

CONTRIBUENTI MINIMI REGIME FISCALE DI VANTAGGIO IL REGIME DEI "NUOVI" CONTRIBUENTI MINIMI E IL NUOVO REGIME CONTABILE SUPER-SEMPLIFICATO SEMPLIFICATO IL REGIME DEI "NUOVI" CONTRIBUENTI MINIMI REGIME FISCALE DI VANTAGGIO PER L IMPRENDITORIAL GIOVANILE

Dettagli

Associazioni sportive dilettantistiche e fisco: conferme e novità

Associazioni sportive dilettantistiche e fisco: conferme e novità Associazioni sportive dilettantistiche e fisco: conferme e novità Novita fiscali Nuovi adempimenti e nuove scadenze Dott. Marco Saivetto Aosta, il 26 gennaio 2017 Comunicazione trimestrale fatture emesse

Dettagli

OGGETTO: Imprese minori in contabilità semplificata - Regime di cassa dal 1 gennaio 2017

OGGETTO: Imprese minori in contabilità semplificata - Regime di cassa dal 1 gennaio 2017 Circolare CONTABILITA n 012/2017 Rif. COMUNICAZIONE A tutti i Signori C L I E N T I Loro Sedi OGGETTO: Imprese minori in contabilità semplificata - Regime di cassa dal 1 gennaio 2017 Il regime di contabilità

Dettagli

FRANCESCO CARPIO DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE

FRANCESCO CARPIO DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE IL REGIME FORFETARIO 2017 Come noto, l art. 1, commi da 54 a 89, Finanziaria 2015 ha introdotto il regime forfetario riservato alle persone fisiche esercenti attività d impresa / lavoro autonomo che rispettano

Dettagli

L apertura della partita iva

L apertura della partita iva L apertura della partita iva Laura Capotondo capotondo@studiofdz.com Regime di vantaggio per l imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità di cui all articolo 27, commi 1 e 2, del D.L. 6 luglio 2011,

Dettagli

Anno 2016 RF266 DISEGNO DI LEGGE DI STABILITÀ CONTRIBUENTI IN SEMPLIFICATA E NUOVO REGIME PER CASSA

Anno 2016 RF266 DISEGNO DI LEGGE DI STABILITÀ CONTRIBUENTI IN SEMPLIFICATA E NUOVO REGIME PER CASSA Anno 2016 RF266 REDAZIONE FISCALE www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 5 OGGETTO DDL FINANZIARIA 2017 CONTABILITA SEMPLIFICATE E REGIME DI CASSA RIFERIMENTI Art. 5 D.L. 193/2016, IN G.U. DEL 24/10/2016 CIRCOLARE

Dettagli

IL LOGOPEDISTA DEL FUTURO

IL LOGOPEDISTA DEL FUTURO IL LOGOPEDISTA DEL FUTURO Il commercialista: questo sconosciuto Dott.ssa Sara Saccani Aula Magna - Palazzo Dossetti 29 settembre 2014 Corso di Laurea in Logopedia Università degli Studi di Modena e Reggio

Dettagli

Circolare N. 180 del 23 Settembre 2016

Circolare N. 180 del 23 Settembre 2016 Circolare N. 180 del 23 Settembre 2016 Contabilità semplificata: adeguamento alle novità dal 1 gennaio 2017 Gentile cliente, la informiamo che con la legge di Bilancio 2017 (legge n. 232 del 11.12.2016,

Dettagli

OGGETTO: REGIME FISCALE DI VANTAGGIO PER I NUOVI MINIMI E REGIME CONTABILE AGEVOLATO PER I VECCHI MINIMI

OGGETTO: REGIME FISCALE DI VANTAGGIO PER I NUOVI MINIMI E REGIME CONTABILE AGEVOLATO PER I VECCHI MINIMI Roma, 28 dicembre 2011 OGGETTO: REGIME FISCALE DI VANTAGGIO PER I NUOVI MINIMI E REGIME CONTABILE AGEVOLATO PER I VECCHI MINIMI L Agenzia delle Entrate con due nuovi provvedimenti ha fornito le modalità

Dettagli

CONTRIBUENTI MINIMI REGIME FISCALE DI VANTAGGIO

CONTRIBUENTI MINIMI REGIME FISCALE DI VANTAGGIO IL REGIME DEI "NUOVI" CONTRIBUENTI MINIMI E IL NUOVO REGIME CONTABILE SUPER-SEMPLIFICATO SEMPLIFICATO IL REGIME DEI "NUOVI" CONTRIBUENTI MINIMI REGIME FISCALE DI VANTAGGIO PER L IMPRENDITORIAL GIOVANILE

Dettagli

CONTRIBUENTI MINORI E LEGGE DI STABILITÀ 2016

CONTRIBUENTI MINORI E LEGGE DI STABILITÀ 2016 CONTRIBUENTI MINORI E LEGGE DI STABILITÀ 2016 pagina 1 di 8 Forfettari 2016 Nuovo regime forfettario per le persone fisiche che iniziano l attività e intende aprire una partita IVA Sostituisce il precedente

Dettagli

Diritto Tributario. F. Tesauro, Istituzioni di diritto tributario. Vol. 2: Parte speciale, Roma, Utet, 2012;

Diritto Tributario. F. Tesauro, Istituzioni di diritto tributario. Vol. 2: Parte speciale, Roma, Utet, 2012; Diritto Tributario Redditi d impresa ARTICOLI DEL TUIR Artt. 55-66 del TUIR BIBLIOGRAFIA: F. Tesauro, Istituzioni di diritto tributario. Vol. 2: Parte speciale, Roma, Utet, 2012; G. Marongiu e A. Marcheselli,

Dettagli

Oggetto: NUOVO REGIME FORFETTARIO 2016

Oggetto: NUOVO REGIME FORFETTARIO 2016 Oggetto: NUOVO REGIME FORFETTARIO 2016 La Legge di Stabilità per il 2016 ha soppresso a far data dal 1 gennaio 2016 il regime dei minimi (che rimane però utilizzabile, fino alla relativa scadenza naturale

Dettagli

Le novità sul lavoro autonomo recate dal DL 98/2011

Le novità sul lavoro autonomo recate dal DL 98/2011 Le novità sul lavoro autonomo recate dal DL 98/2011 I nuovi regimi agevolati Mancata fatturazione compensi professionali Nuove disposizioni previdenziali Decorrenza Dal 2012 esisteranno solo due regimi

Dettagli

STUDIO POLI & ASSOCIATI Brescia, lì 5 gennaio 2015

STUDIO POLI & ASSOCIATI Brescia, lì 5 gennaio 2015 STUDIO POLI & ASSOCIATI Brescia, lì 5 gennaio 2015 Circolare N.1/2015 - Nuovo Regime contabile dei minimi dall'1 gennaio 2015 Premessa La Legge di Stabilità 2015,, in corso di definizione ed approvazione

Dettagli

RAFFAELE AGOSTINACCHIO*

RAFFAELE AGOSTINACCHIO* La manovra d'estate -approfondimentidi RAFFAELE AGOSTINACCHIO* In attesa che la cosiddetta Manovra di Ferragosto veda finalmente la sua luce quella definitiva facciamo un piccolo passo indietro per un

Dettagli

REGIME FORFETTARIO. 392/

REGIME FORFETTARIO. 392/ REGIME FORFETTARIO info@dbnefisco.it 392/6546370 DBN E FISCO REGIME FORFETTARIO Applicazione forfettario per inquadramento soggetti operanti nelle mondo delle discipline bionaturali A cura della Dottoressa

Dettagli

La determinazione del carico fiscale

La determinazione del carico fiscale La determinazione del carico fiscale Emanuele Perucci Traccia di Economia aziendale Il candidato, dopo aver illustrato il principio di competenza per la determinazione del reddito d impresa, soffermandosi

Dettagli

Parma, 2 marzo OGGETTO: Regimi contabili agevolati per contribuenti di ridotte dimensioni

Parma, 2 marzo OGGETTO: Regimi contabili agevolati per contribuenti di ridotte dimensioni CIRCOLARE DI STUDIO 11/2017 Parma, 2 marzo 2017 OGGETTO: Regimi contabili agevolati per contribuenti di ridotte dimensioni La circolare analizza i principali regimi contabili e fiscali agevolati applicabili

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 58 15.07.2014 Adeguamento agli studi di settore in Unico Categoria: Studi di settore Sottocategoria: Varie Al fine di evitare il rischio di

Dettagli

Nuovo regime fiscale agevolato per piccole imprese ed autonomi

Nuovo regime fiscale agevolato per piccole imprese ed autonomi CIRCOLARE DEL 26/01/2015 Nuovo regime fiscale agevolato per piccole imprese ed autonomi La Legge di Stabilità 2015 istituisce, a far data dall 1.1.2015, per gli esercenti attività d impresa, arti e professioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Settore Comunicazione Istituzionale. Ufficio Stampa

COMUNICATO STAMPA. Settore Comunicazione Istituzionale. Ufficio Stampa Settore Comunicazione Istituzionale Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Dal primo gennaio scatta il regime agevolato per i minimi Imposta sostitutiva con aliquota al 20% al posto di Irpef, Irap e addizionali,

Dettagli

Regimi fiscali agevolati

Regimi fiscali agevolati Circolare n. 01 del 03 gennaio 2012 Regimi fiscali agevolati Il D.L. n. 98 del 06.07.2011 conv. con modif. dalla legge n. 111 del 15.07.2011 ha previsto importanti novità relative al regime dei minimi

Dettagli

Legge di stabilità 2015 Regime fiscale agevolato per autonomi

Legge di stabilità 2015 Regime fiscale agevolato per autonomi 5.2015 Febbraio Legge di stabilità 2015 Regime fiscale agevolato per autonomi Sommario 1. REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI... 2 1.1. Durata del regime e cause di esclusione... 3 1.2. Determinazione

Dettagli

Regime forfetario alla luce dei chiarimenti ministeriali. Milano, 15 aprile 2016

Regime forfetario alla luce dei chiarimenti ministeriali. Milano, 15 aprile 2016 Regime forfetario alla luce dei chiarimenti ministeriali Milano, 15 aprile 2016 Regime dei nuovi minimi Caratteristiche in pillole Regime dei nuovi minimi (art. 27 del D.L. n.98 del 6.7.2011) Persone fisiche

Dettagli

AVVIO D IMPRESA REGIMI CONTABILI. La scelta del regime contabile dell impresa condizionerà gli obblighi nei confronti del fisco.

AVVIO D IMPRESA REGIMI CONTABILI. La scelta del regime contabile dell impresa condizionerà gli obblighi nei confronti del fisco. AVVIO D IMPRESA REGIMI CONTABILI La scelta del regime contabile dell impresa condizionerà gli obblighi nei confronti del fisco. Tale scelta dipende da molteplici fattori, tra cui: - volume d'affari presunto

Dettagli

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI. Dott.ssa Veronica Visani Dott. Filippo Tampieri

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI. Dott.ssa Veronica Visani Dott. Filippo Tampieri REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI Dott.ssa Veronica Visani Dott. Filippo Tampieri Dott. Gianfranco Fornelli 1 Imola, 30 gennaio 2016 PREMESSA Fino al 31.12.2015 Regime dei «minimi» (D.L. 98/2011) Regime

Dettagli

Nuovo regime dei minimi c.d. Super forfettone

Nuovo regime dei minimi c.d. Super forfettone Slides Videocircolare Nuovo regime dei minimi c.d. Super forfettone Dott. Stefano Setti Il nuovo regime agevolato c.d. Super forfettone L art. 27 del d.l. 6.7.2011, n. 98 così come modificato dalla l.

Dettagli

NUOVO REGIME FORFETARIO 2016

NUOVO REGIME FORFETARIO 2016 NUOVO REGIME FORFETARIO 2016 L art. 1, commi da 54 a 89, Legge n. 190/2014 ha introdotto la disciplina del regime forfetario riservato alle persone fisiche esercenti attività d impresa / lavoro autonomo

Dettagli

IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI (COMMI )

IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI (COMMI ) IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI (COMMI 96-117) a cura di Gian Paolo Ranocchi Il regime dei contribuenti minimi (commi 96-117) CARATTERISTICHE PRINCIPALI Esonero adempimenti contabili e IVA Esclusione

Dettagli

ACCESSO AL REGIME DEI MINIMI NEL 2009

ACCESSO AL REGIME DEI MINIMI NEL 2009 ACCESSO AL REGIME DEI MINIMI NEL 2009 a cura di Antonio Gigliotti L accesso al regime dei contribuenti minimi necessita il rispetto di una serie di condizioni. Con il presente contributo cercheremo di

Dettagli

IL NUOVO REGIME FORFETTARIO

IL NUOVO REGIME FORFETTARIO IL NUOVO REGIME FORFETTARIO Dott. Sebastiano Cavallaro Catania 8 febbraio 2016 Dott. Giovanni Greco Dott. Davide Sapienza 1 Riferimenti normativi e circolari: Legge di Stabilità 2015 n.190/2014 art.1 commi

Dettagli

Forfettari: la gestione delle rimanenze

Forfettari: la gestione delle rimanenze Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 86 13.03.2015 Forfettari: la gestione delle rimanenze Categoria: Finanziaria Sottocategoria: 2015 Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti

Dettagli

PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 DICEMBRE 2013 AL 15 GENNAIO 2014

PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 DICEMBRE 2013 AL 15 GENNAIO 2014 PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 DICEMBRE 2013 AL 15 GENNAIO 2014 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 2013 al 15 gennaio 2014, con il commento dei termini di prossima scadenza. SCADENZE PARTICOLARI

Dettagli

Semplificazioni fiscali e contabili utilizzabili dai giovani musicisti (regimi per i contribuenti minori)

Semplificazioni fiscali e contabili utilizzabili dai giovani musicisti (regimi per i contribuenti minori) S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA MUSICA FRA CREATIVITA, DIRITTO E FISCO (5 edizione) Semplificazioni fiscali e contabili utilizzabili dai giovani musicisti (regimi per i contribuenti minori)

Dettagli

- ASPETTI GENERALI DELLA DICHIARAZIONE IVA

- ASPETTI GENERALI DELLA DICHIARAZIONE IVA INDICE Novità dei modelli IVA 2016... pag. 9 Avviso telematico all intermediario...» 9 Nuove ipotesi di reverse charge...» 10 Operazioni con split payment...» 11 Regimi fiscali agevolati...» 11 Dichiarazioni

Dettagli

Studio Tributario - Commerciale. Oggetto

Studio Tributario - Commerciale. Oggetto Roma, 11/01/2017 Spett.le Cliente Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti Dottore Commercialista e Revisore Contabile Piazza Gaspare Ambrosini 25, Cap 00156 Roma Tel 06/41614250 fax 06/41614219

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO Prot. n 730 Salerno, lì 8 Luglio 2015 A tutti gli iscritti all Albo e nell Elenco Speciale LORO SEDI OGGETTO: Circolare n 126/2015. Libera professione. Legge 23 Dicembre 2014, n. 190. Regime dei Minimi,

Dettagli

Modalità e termini di presentazione La comunicazione va presentata esclusivamente per via telematica.

Modalità e termini di presentazione La comunicazione va presentata esclusivamente per via telematica. Dott. Carlo Agosta Dott. Enrico Pogolotti Dott. Davide Mancardo Dott.ssa Stefania Neirotti Torino, lì 17 gennaio 2011 Circolare n. 5/2011 OGGETTO: Comunicazione dati e dichiarazione IVA relativi all anno

Dettagli

Fisco: Il regime dei minimi

Fisco: Il regime dei minimi Fisco: Il regime dei minimi Qual è il problema più grande per chi intende aprire la partita IVA? Sicuramente quello di contenere i costi. Soprattutto i costi che hanno a che fare con il fisco. E il regime

Dettagli

REGIMI DEI MINIMI E FORFETARI

REGIMI DEI MINIMI E FORFETARI REGIMI DEI MINIMI E FORFETARI Il regime dei contribuenti minimi (dal 2012 denominato Superminimi) di cui all.27 D.L. 98/2011 ha integrato e modificato il vecchio regime dei minimi di cui commi da 96 a

Dettagli

Sommario 1. AMBITO SOGGETTIVO... 7

Sommario 1. AMBITO SOGGETTIVO... 7 Sommario 1. AMBITO SOGGETTIVO... 7 1.1. Contribuenti soggetti agli studi e contribuenti esclusi... 7 1.2. Contribuenti che dichiarano ricavi o compensi superiori a euro 5.164.569... 7 1.3. Inizio e cessazione

Dettagli

Circolare n. 2/2015 IL NUOVO REGIME FORFETTARIO IN VIGORE DAL In questa Circolare

Circolare n. 2/2015 IL NUOVO REGIME FORFETTARIO IN VIGORE DAL In questa Circolare Ai gentili Clienti Loro Sedi Circolare n. 2/2015 IL NUOVO REGIME FORFETTARIO IN VIGORE DAL 01.01.2015 In questa Circolare 1. Il nuovo regime forfettario 2. Le semplificazioni previste 3. Le condizioni

Dettagli

Studi di settore Sommario

Studi di settore Sommario Sommario 1. AMBITO SOGGETTIVO 1.1. Contribuenti soggetti agli studi e contribuenti esclusi 1.2. Contribuenti che dichiarano ricavi o compensi superiori a euro 5.164.569 1.3. Inizio e cessazione dell attività

Dettagli

La legge 190/2014 ha introdotto, a partire dal 1 gennaio 2015, un nuovo regime fiscale agevolato, il Regime Forfettario.

La legge 190/2014 ha introdotto, a partire dal 1 gennaio 2015, un nuovo regime fiscale agevolato, il Regime Forfettario. La legge 190/2014 ha introdotto, a partire dal 1 gennaio 2015, un nuovo regime fiscale agevolato, il Regime Forfettario. A partire quindi da gennaio 2016 quindi, chi apre una partita iva deve decidere

Dettagli

Anno 2013 N. RF321. La Nuova Redazione Fiscale REGIMI AGEVOLATI ADOTTABILI DAL TEST D ACCESSO

Anno 2013 N. RF321. La Nuova Redazione Fiscale REGIMI AGEVOLATI ADOTTABILI DAL TEST D ACCESSO Anno 2013 N. RF321 www.redazionefiscale.it ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale Pag. 1 / 9 OGGETTO REGIMI AGEVOLATI ADOTTABILI DAL 2014 - TEST D ACCESSO RIFERIMENTI ART. 1 C. 96 E SEGG. L. 244/2007;

Dettagli

Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa. Politiche fiscali e societarie

Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa. Politiche fiscali e societarie Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Politiche fiscali e societarie Roma, 17 novembre 2016 Interventi fiscali per la crescita Detrazioni fiscali per interventi di riqualificazione

Dettagli

OGGETTO: Nuovi minimi e ritenute d acconto

OGGETTO: Nuovi minimi e ritenute d acconto Informativa per la clientela di studio del 14.01.2015 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Nuovi minimi e ritenute d acconto Gentile Cliente, con la stesura del presente documento intendiamo informarla

Dettagli

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile Carlin Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI e REVISORI 45014 PORTO VIRO (RO) Via Mantovana n. 86 tel 0426.321062 fax 0426.323497 per informazioni su questa circolare: evacarlin@studiocla.it Circolare

Dettagli

Il regime di cassa per i contribuenti in contabilità semplificata (c.d. imprese minori)

Il regime di cassa per i contribuenti in contabilità semplificata (c.d. imprese minori) Alessandro Terzuolo (Dottore Commercialista in Torino) Il regime di cassa per i contribuenti in contabilità (c.d. imprese minori) 1 Il regime di cassa per i contribuenti in contabilità LA NORMATIVA Art.

Dettagli

1. IL NUOVO REGIME DEI MINIMI

1. IL NUOVO REGIME DEI MINIMI 1. IL NUOVO REGIME DEI MINIMI Il nuovo regime forfettario per imprese e professionisti si ispira alla Legge 244/2007 Contribuenti minimi. I commi dal cinquantaquattro all ottantanove, dell articolo 1,

Dettagli

COME AVVIARE UNA ATTIVITÀ

COME AVVIARE UNA ATTIVITÀ COME AVVIARE UNA ATTIVITÀ 1. Come avviare la professione 2. Aprire la partita IVA: scelta del regime fiscale 3. Costo della gestione 4. Adempimenti e scadenze 5. I contributi previdenziali INPGI 6. Dal

Dettagli

A tutti i clienti. Circolare Bolzano, 2 febbraio 2016 N. 11/2016. Oggetto: Novità del nuovo regime forfettario

A tutti i clienti. Circolare Bolzano, 2 febbraio 2016 N. 11/2016. Oggetto: Novità del nuovo regime forfettario A tutti i clienti Circolare Bolzano, 2 febbraio 2016 N. 11/2016 Oggetto: Novità del nuovo regime forfettario Nella nostra circolare n. 4 del 2016 Vi abbiamo già accennato che il nuovo regime forfettario

Dettagli

NUOVO REGIME FORFETTARIO 2015

NUOVO REGIME FORFETTARIO 2015 LEGGE DI STABILITA 2015 Legge 190 DEL 23 DICEMBRE 2014 Pubblicata in GU n. 300 del 29-12-2014 supplemento ordinario nr. 99 Art. 1 commi dal 54 al 89 Persone fisiche esercenti attivita di impresa e/o arti

Dettagli

CARATTERISTICHE REGIME FORFETTARIO RIVISTO DALLA LEGGE DI STABILITA 2016 (L. n. 208 del 28/12/2015)

CARATTERISTICHE REGIME FORFETTARIO RIVISTO DALLA LEGGE DI STABILITA 2016 (L. n. 208 del 28/12/2015) Barbara Rizzato dottore commercialista revisore contabile www.rizzatodainese.it consulenza economico-giuridica, tributaria e del lavoro Massimo Dainese tributarista consulente aziendale CARATTERISTICHE

Dettagli

REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE MINORI, ACE, ASSEGNAZIONI E ALTRE NOVITA PER LE IMPRESE. Dott. Gianluca Odetto

REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE MINORI, ACE, ASSEGNAZIONI E ALTRE NOVITA PER LE IMPRESE. Dott. Gianluca Odetto REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE MINORI, ACE, ASSEGNAZIONI E ALTRE NOVITA PER LE IMPRESE Dott. Gianluca Odetto REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE MINORI NUOVA TASSAZIONE DELLE IMPRESE MINORI Con apposite modifiche

Dettagli

REDDITO DI IMPRESA PER CHI ADOTTA LA CONTABILITA SEMPLIFICATA.

REDDITO DI IMPRESA PER CHI ADOTTA LA CONTABILITA SEMPLIFICATA. A Tutti i Clienti Loro sedi Oggetto: REDDITO DI IMPRESA PER CHI ADOTTA LA CONTABILITA SEMPLIFICATA. La Legge di Stabilità per l anno 2017, approvata il 07 dicembre u.s., ha introdotto una importante novità

Dettagli

DOTTRINA - N. 2 Giugno 2011 A cura di avv. Franco Perrone dello Studio legale tributario Perrone Associazione tra professionisti

DOTTRINA - N. 2 Giugno 2011 A cura di avv. Franco Perrone dello Studio legale tributario Perrone Associazione tra professionisti DOTTRINA - N. 2 Giugno 2011 A cura di avv. Franco Perrone dello Studio legale tributario Perrone Associazione tra professionisti DAI CONTRIBUENTI MINIMI ALL IMPRENDITORIA GIOVANILE ED AI LAVORATORI IN

Dettagli

3. LE SEMPLIFICAZIONI DEL REGIME FORFETTARIO

3. LE SEMPLIFICAZIONI DEL REGIME FORFETTARIO 3. LE SEMPLIFICAZIONI DEL REGIME FORFETTARIO Ai sensi del comma 58, dell articolo 1, della Legge 190/2014, i soggetti che aderiscono al regime forfettario sono esonerati dagli obblighi di: liquidazione

Dettagli

RIDETERMINAZIONE VALORE DI ACQUISTO DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI E RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA

RIDETERMINAZIONE VALORE DI ACQUISTO DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI E RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA Napoli, 18 Gennaio 2017 A TUTTI GLI SPETTABILI CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE N. 1/2017 RIDETERMINAZIONE VALORE DI ACQUISTO DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI E RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA La Legge di

Dettagli

Trasmissione telematica fatture e corrispettivi - Comunicazioni trimestrali IVA

Trasmissione telematica fatture e corrispettivi - Comunicazioni trimestrali IVA Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, Coordinatore scientifico MAP) Trasmissione telematica fatture e corrispettivi - Comunicazioni trimestrali IVA 1 Fatturazione elettronica e trasmissione telematica

Dettagli

Ex minimi e studi di settore

Ex minimi e studi di settore Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 175 18.06.2015 Ex minimi e studi di settore Categoria: Studi di settore Sottocategoria: Modelli I soggetti che dal 2014 sono fuoriusciti del regime

Dettagli

REGIME FORFETTARIO ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTATISTICHE

REGIME FORFETTARIO ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTATISTICHE REGIME FORFETTARIO ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTATISTICHE Una sintesi dei principali benefici previsti dal regime forfetario riservato alle Associazioni sportive dilettantistiche: requisiti, condizioni

Dettagli

Circolare N. 2/2008 IL NUOVO REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI

Circolare N. 2/2008 IL NUOVO REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI Via G. Bovini, 41-48100 Ravenna (RA) Tel. 0544-501881 Fax 0544-461503 www.consulentiassociati.ra.it Altra sede: Dott. Franco Foschini 48012 Bagnacavallo (RA) Dott. Paolo Mazza Via Brandolini, 11 Dott.

Dettagli

IL NUOVO REGIME FORFETARIO

IL NUOVO REGIME FORFETARIO IL NUOVO REGIME FORFETARIO Nell ambito del ddl della Finanziaria 2015 è stata anticipata la revisione dei regimi riservati a contribuenti di minori dimensioni originariamente prevista nella Legge delega

Dettagli