Il Sistema di regolamento lordo TARGET2-Banca d Italia e il conto HAM : caratteristiche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Sistema di regolamento lordo TARGET2-Banca d Italia e il conto HAM : caratteristiche"

Transcript

1 Il Sistema di regolamento lordo TARGET2-Banca d Italia e il conto HAM : caratteristiche Roma - Agosto 2015

2 Caratteristiche Pag. 2 di 10 Il Sistema di regolamento lordo TARGET2-Banca d Italia e il conto HAM : caratteristiche 1 - PREMESSA CARATTERISTICHE DELLA SINGLE SHARED PLATFORM Moduli obbligatori Moduli opzionali utilizzati dalla Banca d Italia Interfaccia applicativa con i sistemi ancillari IL SISTEMA DI REGOLAMENTO LORDO TARGET2- BANCA D ITALIA CONTI NELL HOME ACCOUNTING MODULE (CONTI HAM) CANALI TELEMATICI LA PIATTAFORMA TARGET2 SECURITIES (T2S)... 9

3 Caratteristiche Pag. 3 di PREMESSA Il sistema di regolamento lordo in tempo reale europeo TARGET2 è istituito ed opera sulla base della piattaforma unica condivisa (Single Shared Platform - SSP). La SSP si caratterizza per una struttura di tipo modulare. Essa è composta da quattro moduli obbligatori (Payment Module, Information and Control Module, Static Data Module e Contingency Module - cfr par. 2.1), ed altri opzionali. Ciascuna banca centrale nazionale (BCN), all atto della propria adesione a TARGET2 (posto che deve necessariamente servirsi dei moduli obbligatori) può decidere se avvalersi dei servizi standard offerti da uno o più moduli opzionali, ovvero garantirne l offerta localmente attraverso l infrastruttura domestica. La Banca d Italia aderisce alla SSP adottando, oltre ai cennati moduli obbligatori, i tre moduli opzionali Home Accounting Module, Standing Facilities Module e Reserve Management Module (cfr par. 2.2). Sebbene sia basato su un infrastruttura unica, TARGET2 è giuridicamente strutturato come una molteplicità di sistemi di pagamento costituita da tutti i sistemi componenti di TARGET2, designati come sistemi secondo le rispettive normative nazionali di attuazione della direttiva sulla settlement finality. TARGET2-Banca d Italia è il sistema italiano componente di TARGET2. Gli operatori possono partecipare a TARGET2-Banca d Italia con due modalità: diretta, mediante l'apertura di un conto PM, e indiretta, mediante l'utilizzo dei servizi di regolamento offerti dai partecipanti diretti e, quindi, senza la disponibilità di un conto PM (cfr Parte I, Sezione I, Capitolo I). I Dedicated Cash Accounts (DCA) sono i conti di regolamento della gamba contanti delle transazioni in titoli regolate in TARGET2 Securities. I DCA sono conti in contanti giuridicamente interni al sistema TARGET2 ma tecnicamente sulla piattaforma T2S per il regolamento della gamba contanti delle transazioni in titoli. Da ciò deriva che gli aspetti legali associati ai DCA sono disciplinati nella TARGET2 Guideline e le procedure operative sono descritte nella presente Guida. Gli operatori che non partecipano direttamente a TARGET2-Banca d Italia possono intrattenere rapporti di conto con la Banca d Italia aprendo un conto HAM (conto detenuto nell Home Accounting Module della piattaforma) esterno al sistema TARGET2-Banca d Italia, per adempiere senza intermediazione agli obblighi di riserva (cfr Parte I, Sezione II, Capitolo I). Su tale conto l operatività è circoscritta ad alcune tipologie di operazioni quali ad esempio: girofondi e giroconti e operazioni perfezionate presso le Filiali della Banca d Italia. I titolari di conto HAM non dispongono del credito infragiornaliero.

4 Caratteristiche Pag. 4 di 10 La presente Guida è strutturata in due parti: la prima descrive gli aspetti operativi e amministrativi del sistema di regolamento lordo (sezione I), del conto HAM (sezione II) e contiene i relativi allegati (sezione III); la seconda tratta la gestione delle emergenze. Costituiscono parte integrante della presente Guida i seguenti documenti, disponibili in una sezione del sito Internet della Banca Centrale Europea, dedicata a TARGET2: 1. User Detailed Functional Specifications (UDFS) Book 1 2. User Detailed Functional Specifications (UDFS) Book 2 3. User Detailed Functional Specifications (UDFS) Book 4 4. Information and Control Module (ICM) User Handbook 1 5. Guide to TARGET2 User testing 6. User Information Guide on TARGET2 7. User Information Guide to the TARGET2 Pricing 8. User manual Internet access for the public key certification service 2 CARATTERISTICHE DELLA SINGLE SHARED PLATFORM Moduli obbligatori Il Payment Module (PM) è il modulo deputato alla gestione dei conti di regolamento degli operatori. I conti PM sono movimentabili sia tramite rete SWIFT sia tramite Internet. Questa ultima modalità è prevista per gli operatori che effettuano un numero limitato di pagamenti giornalieri. Nell ambito del PM sono disponibili funzionalità avanzate per la gestione della liquidità quali la possibilità di inserire limiti bilaterali e multilaterali all esposizione nel sistema, di immettere i cosiddetti pagamenti a tempo, di riservare la liquidità per il regolamento di pagamenti urgenti o altamente urgenti, di gestire le liste di attesa. Appositi meccanismi di ottimizzazione consentono di utilizzare, ai fini del regolamento, la liquidità potenziale derivante da pagamenti in entrata accodati nelle liste di attesa. Per i conti PM che si avvalgono della rete SWIFT è inoltre prevista una funzione opzionale di consolidamento della liquidità (liquidity pooling), che prevede la creazione di gruppi di conti nelle due varianti Liquidità Aggregata (LA) (che consente a ciascun membro del gruppo di conti di utilizzare - per il regolamento delle proprie operazioni - la liquidità a disposizione dell intero gruppo) e Informazione Consolidata sui Conti- ICC (che consente ai membri del gruppo di avere visibilità sulla liquidità complessivamente disponibile per l intero gruppo). Per i conti gestiti dal PM è prevista la concessione di finanziamento infragiornaliero tramite il riconoscimento di una linea di credito illimitata a fronte della costituzione di attività idonee. L Information and Control Module (ICM) è il modulo attraverso cui viene garantito l accesso ai servizi interattivi offerti dalla piattaforma, mediante l utilizzo dei servizi SwiftNet Browse (che consentono di interrogare il sistema e avere

5 Caratteristiche Pag. 5 di 10 informazioni in tempo reale sui pagamenti in coda, i partecipanti al sistema, le disponibilità riservate, il saldo dei conti, etc.) e SWIFTNet Interact e Fileact (che consentono di interagire in tempo reale con la SSP per operazioni gestionali quali la cancellazione di pagamenti in coda, la modifica della priorità dei pagamenti, la gestione delle riserve di liquidità). Tramite l ICM è inoltre possibile disporre trasferimenti di liquidità tra i conti detenuti nel modulo PM e i conti di deposito overnight, riservare liquidità per il regolamento dei sistemi ancillari, movimentare la liquidità presente nei conti HAM e disporre ordini di pagamento di backup in situazioni di contingency. Le stesse funzionalità sono anche disponibili mediante il modulo ICM per i conti PM che accedono a TARGET2 tramite Internet. Lo Static Data Module è il modulo deputato alla gestione dell anagrafica dei partecipanti nonché di altri dati c.d. statici (ovvero dati che, per loro natura, non sono soggetti a modifiche in corso di giornata). All inizio di ogni giornata operativa, tutte le informazioni archiviate nello Static Data Module vengono inviate simultaneamente agli altri moduli della piattaforma consentendone l aggiornamento in modo sincronizzato. Il Contingency Module (CM) è un modulo di recovery che può essere attivato in caso di indisponibilità del Payment Module al fine di assicurare il regolamento dei pagamenti c.d. very critical (ovvero quei pagamenti il cui ritardo nel regolamento può comportare un rischio sistemico; tali sono considerati i pagamenti derivanti dai sistemi CLS ed EURO1 (pay-ins) e i margini delle operazioni effettuate con controparti centrali) (cfr. Parte II Gestione delle emergenze ) Moduli opzionali utilizzati dalla Banca d Italia L Home Accounting Module (HAM) è un modulo deputato alla gestione di due diverse tipologie di conto: gli HAM accounts ed i CB s customer accounts (conti di corrispondenza). I conti HAM sono movimentabili sia tramite rete SWIFT sia tramite Internet. Questa ultima modalità è prevista per gli operatori che effettuano un numero limitato di pagamenti giornalieri. In caso di assenza di collegamento gli HAM accounts sono movimentabili dalle Filiali della Banca d Italia. Gli HAM accounts possono essere accesi da operatori che non sono titolari di un conto nel modulo PM ma che vogliono assolvere direttamente l obbligo di riserva e/o desiderano avvalersi delle specifiche funzionalità previste per tali conti. In particolare, mediante i conti HAM è possibile l esecuzione di trasferimenti di liquidità verso altri conti HAM o verso conti PM, il regolamento di operazioni in contropartita della Banca d Italia, l interazione con i moduli per la gestione della riserva obbligatoria e per l accesso alle standing facilities, l utilizzo di alcuni servizi a valore aggiunto quali la comovimentazione e la prenotazione del contante. Con i conti HAM non è invece possibile gestire pagamenti per conto di clientela, regolare pagamenti provenienti dai sistemi ancillari o operazioni di politica monetaria a esclusione delle standing facilities. I CB s customers accounts consentono di regolare pagamenti (sia di natura interbancaria sia per conto di clientela) in contropartita di altri CB s customers

6 Caratteristiche Pag. 6 di 10 accounts ovvero in contropartita di conti del PM. Tali conti possono essere accesi ad operatori che non sono abilitati, ai sensi della TARGET2 Guideline, ad aprire un conto nel modulo PM e che hanno sottoscritto un apposito contratto con una Banca centrale per l apertura di un conto di corrispondenza. Il modulo Standing Facilities (SF) gestisce i conti e le procedure inerenti le operazioni di rifinanziamento marginale e deposito overnight. Il modulo interagisce, per il perfezionamento delle suddette operazioni, con il PM e con l HAM (limitatamente agli HAM accounts ). Il modulo Reserve Management (RM) gestisce le operazioni concernenti la verifica dell assolvimento dell obbligo di riserva delle banche (calcolo della riserva dovuta, verifica del rispetto dell obbligo, calcolo di interessi e penali e preparazione delle relative istruzioni di accredito/addebito) Interfaccia applicativa con i sistemi ancillari La SSP prevede un apposita interfaccia applicativa per il regolamento del contante riveniente dalle procedure dei sistemi sistemi ancillari (Ancillary System Interface ASI). L interfaccia assicura l accesso al regolamento secondo sei procedure standard che contemplano modalità di regolamento in tempo reale e batch. In particolare, con riferimento ai modelli di regolamento in tempo reale, è prevista la possibilità di accedere sia al regolamento in contropartita di sistemi che detengono conti in base monetaria su delega della Banca centrale (liquidity transfer modello 1) sia al regolamento di operazioni bilaterali nelle quali al sistema ancillare è riconosciuta la facoltà di addebitare direttamente il conto PM di un proprio partecipante in contropartita di un conto tecnico o di altri partecipanti (real time settlement modello 2). Gli schemi di tipo batch comprendono il regolamento di operazioni/saldi di tipo bilaterale (bilateral settlement modello 3) di tipo multilaterale (standard e simultaneous multilateral settlement modelli 4 e 5) nonché il regolamento a valere su sottoconti sui quali sono stati riservati preventivamente i fondi necessari al regolamento (dedicated liquidity modello 6). 3 - IL SISTEMA DI REGOLAMENTO LORDO TARGET2- BANCA D ITALIA TARGET2-Banca d Italia è sistema italiano componente di TARGET2. Esso consente il regolamento lordo in tempo reale, in moneta di banca centrale, di pagamenti in euro, assicurandone la definitività immediata. I soggetti che intendono utilizzare TARGET2-Banca d Italia per il regolamento dei pagamenti possono scegliere di partecipare al sistema con due modalità tra loro alternative: partecipazione diretta attraverso la detenzione di almeno un conto PM sul quale regolare i pagamenti; il partecipante diretto che si avvale della rete SWIFT può estendere la possibilità di movimentare direttamente il proprio conto PM alle proprie succursali e agli enti creditizi insediati nello Spazio

7 Caratteristiche Pag. 7 di 10 Economico Europeo (SEE) che facciano parte dello stesso gruppo bancario i quali possono immettere/ricevere pagamenti direttamente (c.d. multiaddressee access) partecipazione indiretta con la quale è possibile regolare i pagamenti attraverso il conto PM di un partecipante diretto che si avvale della rete SWIFT. I partecipanti diretti che si avvalgono della rete SWIFT possono designare le proprie succursali e altri soggetti come titolari di addressable BIC, a prescindere dal luogo di rispettivo insediamento. Questi ultimi possono ricevere o immettere ordini di pagamento tramite il partecipante diretto. In accordo con quanto stabilito a livello europeo (TARGET2 Guideline) i partecipanti diretti che si avvalgono della rete SWIFT possono essere esclusivamente enti creditizi, BCN, imprese di investimento, enti del settore pubblico e soggetti gestori di sistemi ancillari che agiscono in tale veste, in possesso di specifici requisiti (cfr Parte I, Sez. I, Cap. I, Par. 1.1). I medesimi requisiti soggettivi sono previsti per i partecipanti diretti che accedono alla SSP tramite Internet, tranne i sistemi ancillari per quali tale modalità è preclusa. La partecipazione indiretta è ammessa per gli enti creditizi insediati nel SEE che abbiano sottoscritto un apposito accordo sui livelli di servizio con un partecipante diretto che si avvale della rete SWIFT. La Banca d'italia concede ai titolari di conto PM insediati sul territorio nazionale liquidità infragiornaliera illimitata e gratuita nella forma dell'anticipazione infragiornaliera garantita da attività idonee. Per i soggetti gestori di sistemi ancillari la concessione dell anticipazione infragiornaliera è subordinata alla preventiva approvazione della Banca Centrale Europea (cfr. Parte I, Sez. I, Cap. I, Par. 1.3). La liquidità disponibile per effettuare i pagamenti è data dalla somma del saldo del conto PM e della linea di credito infragiornaliero riconosciuta. Tutti gli operatori possono inoltre mobilizzare su base giornaliera la riserva obbligatoria versata disponibile sul conto PM. La giornata operativa del sistema è articolata in fasi successive, ognuna delle quali ha termine in momenti intermedi di chiusura, c.d. cut-off times (cfr. Parte I, Sez.I, Cap. IV, Par. 1), cui sono associati eventi specifici. Per gli operatori che dialogano con il sistema TARGET2-Banca d Italia tramite rete SWIFT, le istruzioni di pagamento sono veicolate tramite i messaggi utilizzati per le transazioni finanziarie (servizio di messaggistica SWIFTNet FIN). In particolare, per i pagamenti tra conti PM (interbancari e per conto della clientela) è utilizzato il servizio FIN nella modalità Y-copy. Tale modalità prevede l'intercettazione del messaggio da parte della SWIFT e l'invio al PM di una copia completa (full copy) delle istruzioni di pagamento per consentire ai partecipanti di ricevere a loro volta informazioni esaustive sui propri pagamenti, attraverso l ICM.

8 Caratteristiche Pag. 8 di 10 TARGET2-Banca d Italia dispone di un meccanismo di riproposizione automatica delle operazioni temporaneamente prive di copertura (c.d. liste di attesa) (cfr. Parte I, Sez. I, Cap. V, Par. 4). Il sistema è, inoltre, dotato di meccanismi di ottimizzazione dei pagamenti che tendono a favorire il regolamento simultaneo di pagamenti presenti nelle lista di attesa degli operatori, previa verifica delle disponibilità sui conti di regolamento. TARGET2-Banca d Italia prevede uno schema tariffario di tipo duale per i partecipanti PM che si avvalgono della rete SWIFT. Gli operatori possono optare tra la corresponsione di un canone mensile pari a 150 euro ed una tariffa fissa pari a 0,80 euro per transazione (opzione A) ovvero un canone mensile più elevato pari a euro ed una tariffa decrescente tra 0,60 euro e 0,125 euro in funzione del volume di traffico dei pagamenti effettuati (opzione B) (cfr. Parte I, Sez. I, Cap. VI). I titolari di conto PM che accedono tramite Internet devono corrispondere una tariffa mensile di 70 euro in aggiunta alla corresponsione delle tariffe previste per l opzione A degli operatori che si avvalgono della rete SWIFT. 4 - CONTI NELL HOME ACCOUNTING MODULE (CONTI HAM) Gli operatori che non partecipano a TARGET2-Banca d Italia, ovvero vi partecipino con modalità indiretta, possono intrattenere rapporti di conto con la Banca d Italia aprendo un conto HAM esterno al sistema TARGET2-Banca d Italia (cfr Parte I, Sez. II). Il conto HAM consente di regolare: - operazioni disposte direttamente dagli operatori tramite canale telematico (girofondi tra conti HAM e in contropartita con conti PM); - operazioni di deposito overnight e di conto di rifinanziamento marginale a richiesta; - operazioni originate dalle Filiali della Banca d Italia; - elaborazioni automatiche rivenienti dalle procedure interne della Banca d Italia. Tramite gli HAM accounts non è invece possibile gestire pagamenti per conto di clientela. Il conto HAM può essere utilizzato per assolvere in via diretta l obbligo di riserva; esso consente l utilizzo di alcuni servizi a valore aggiunto quali la prenotazione del contante e la comovimentazione. Con riferimento a quest ultima, il titolare di un conto HAM può estendere la facoltà di movimentare il medesimo ad un altro soggetto, purché titolare di conto PM che si avvale della rete SWIFT, ferma restando la responsabilità del comovimentato per le obbligazioni connesse con la titolarità del proprio conto (cfr. Parte I, Sez. I, Cap. II, Par. 2.7). I titolari di conto HAM non dispongono del credito infragiornaliero.

9 Caratteristiche Pag. 9 di 10 Lo schema tariffario previsto per i titolari di conto HAM prevede la corresponsione di un canone mensile di 100 euro e di una tariffa fissa per transazione pari a 1 euro (cfr. Parte I, Sez. II, Cap. IV). I titolari di conto HAM che accedono tramite Internet devono corrispondere una tariffa mensile di 70 euro in aggiunta alla corresponsione delle tariffe ordinarie previste. 5- CANALI TELEMATICI La SSP si avvale della rete SwiftNet, basata sul protocollo TCP/IP, caratterizzata da elevate prestazioni ed alta disponibilità nonché da elevati livelli di sicurezza, basati essenzialmente su: - un infrastruttura a chiavi pubbliche (PKI) per l identificazione degli utenti; - algoritmi di crittografia per assicurare la necessaria riservatezza dei dati; - servizi per il recupero di eventuali messaggi non recapitati. Per lo scambio di istruzioni di pagamento, la SSP utilizza il servizio FIN della SWIFTNet. In particolare, per i pagamenti fra conti PM (interbancari e per conto della clientela) è utilizzato il servizio FIN con modalità Y-copy. Per i pagamenti disposti da titolari di conti HAM, le operazioni vengono inviate direttamente alla SSP con modalità V-Shape. L'accesso alle informazioni in tempo reale, attraverso l ICM, è garantito invece sia dai servizi interattivi SWIFTNet Browse, Interact e Fileact sia tramite Internet per gli operatori che scelgono tale modalità di accesso alla SSP. Gli operatori possono accedere ai servizi offerti tramite due modalità tecniche differenziate: - "utente - applicazione": per il colloquio in tempo reale tra una postazione utente (tesoriere) e l ICM tramite Web-station; tale modalità in generale non consente di integrare le informazioni provenienti dall'icm all'interno del sistema informativo dell'utente, questa modalità è l unica possibile per gli operatori che accedono tramite Internet; - "applicazione - applicazione": per il colloquio in tempo reale tra l'applicazione sviluppata dall'utente e l ICM; tale modalità permette di integrare le informazioni provenienti dall ICM nel sistema informativo dell'utente. 6 - LA PIATTAFORMA TARGET2 SECURITIES (T2S) T2S è una piattaforma tecnica che fornisce il regolamento armonizzato delle transazioni in titoli ai depositari centrali, a livello nazionale e cross border. T2S fornisce un unico set di regole standard e tariffe ai Depositari centrali per il regolamento della gamba titoli e alle banche centrali per il regolamento della gamba contanti.

10 Caratteristiche Pag. 10 di 10 La Single Shared Platform di TARGET2 e la piattaforma T2S sono interconnesse e consentono lo scambio di liquidità tra conti PM e DCA. TARGET2 Securities offre il meccanismo di auto-collateralizzazione che permette alle banche di gestire in modo più efficiente il regolamento delle transazioni in titoli presso i Depositari centrali aderenti alla piattaforma; il meccanismo si attiva automaticamente, in caso di liquidità insufficiente, per assicurare il perfezionamento di un operazione di acquisto titoli mediante la concessione di credito infragiornaliero all operatore da parte della Banca d Italia. L auto-collateral deve essere rimborsato entro la fine della giornata operativa di TARGET2 Securities. Il titolare di conto DCA può accedere al conto DCA con finalità informative o dispositive mediante la connessione diretta alla piattaforma T2S in modalità U2A o A2A. In assenza di tale connessione diretta l accesso al conto DCA è consentito al titolare di conto PM collegato al DCA, con finalità unicamente informative, tramite connessione indiretta mediante ICM utilizzando i servizi a valore aggiunto di TARGET2 per TARGET2 Securities. La movimentazione dei DCA può avvenire tramite ICM (i servizi a valore aggiunto di TARGET2), tramite la GUI di T2S e tramite i canali telematici, con messaggi di tipo applicativo FIN. I conti DCA possono essere movimentati per il regolamento del controvalore in euro delle transazioni in titoli effettuate in TARGET2- Securities ovvero per trasferimenti di liquidità tra TARGET2 e TARGET2-Securities.

Sistema di compensazione BI-COMP

Sistema di compensazione BI-COMP Sistema di compensazione BI-COMP Guida per gli operatori Febbraio 2014 I N D I C E SEZIONE A IL SISTEMA DI COMPENSAZIONE BI-COMP CAPITOLO I - IL SISTEMA DI COMPENSAZIONE BI-COMP... 9 1.LINEAMENTI GENERALI...

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015 Foglio informativo INTERNET BANKING INFORMAZIONI SULLA BANCA Credito Cooperativo Mediocrati Società Cooperativa per Azioni Sede legale ed amministrativa: Via Alfieri 87036 Rende (CS) Tel. 0984.841811 Fax

Dettagli

ITALIAN MARKET PRACTICE SECOND LAYER MATCHING MATCHING OF CLIENT OF CSD PARTICIPANT IN X-TRM

ITALIAN MARKET PRACTICE SECOND LAYER MATCHING MATCHING OF CLIENT OF CSD PARTICIPANT IN X-TRM ITALIAN MARKET PRACTICE SECOND LAYER MATCHING MATCHING OF CLIENT OF CSD PARTICIPANT IN X-TRM FINALITA DEL DOCUMENTO A partire dal 24 Settembre 2012, Monte Titoli (CSD) ha implementato una nuova funzionalità

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero 1 Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero sistema e sui servizi a disposizione sia in qualità

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015

Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015 Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015 Logo pagopa per il sistema dei pagamenti elettronici a favore delle pubbliche amministrazioni e dei gestori di pubblici servizi. Premessa L Agenzia per l Italia Digitale

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Pag. 1 / 6 SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Foglio Informativo INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena Numero verde. 800.41.41.41 (e-mail info@banca.mps.it

Dettagli

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard.

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard. YouCard, la prima carta in Italia che consente di personalizzare il codice PIN, è anche l unica carta al mondo che unisce la sicurezza delle carte prepagate, la semplicità delle carte di debito e la flessibilità

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SANTERAMO IN COLLE (BARI) Aggiornata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 03 DICEMBRE 2014 VVeer r..1111

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 13 del 02.10.2014 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU 1 B. TASSI

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso.

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso. Deutsche Bank Easy. Guida all uso. . Le caratteristiche. è il prodotto di Deutsche Bank che si adatta al tuo stile di vita: ti permette di accedere con facilità all operatività tipica di un conto, con

Dettagli

La Direttiva Europea sui servizi di pagamento (PSD) e il Credito Cooperativo. Compendio sulle nuove regole dei Servizi di Pagamento

La Direttiva Europea sui servizi di pagamento (PSD) e il Credito Cooperativo. Compendio sulle nuove regole dei Servizi di Pagamento La Direttiva Europea sui servizi di pagamento (PSD) e il Credito Cooperativo Compendio sulle nuove regole dei Servizi di Pagamento Versione 1.0, 16 febbraio 2010 Indice 1 Premessa... 7 1.1 Contenuti di

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI PESCIA-CREDITO COOPERATIVO SOC.COOP. Via Alberghi n. 26-51012 - PESCIA (PT) Tel. : 0572-45941 - Fax: 0572-451621 Email:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI GetYourHero S.L., con sede legale in Calle Aragón 264, 5-1, 08007 Barcellona, Spagna, numero di identificazione fiscale ES-B66356767, rappresentata

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

NOTE OPERATIVE PER IL NUOVO TRADING

NOTE OPERATIVE PER IL NUOVO TRADING Integrazione Webank-WeTrade NOTE OPERATIVE PER IL NUOVO TRADING La fusione tra Webank e WeTrade, avvenuta lo scorso 18 dicembre, ha comportato alcune novità nella tua operatività di trading. Te li riassumiamo

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. Termini d uso aggiuntivi di Business Catalyst Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. L uso dei Servizi Business Catalyst è soggetto

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ).

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). 1 ADESIONE A IOSI 1.1 Possono aderire al Club IoSi (qui di seguito IoSi ) tutti i

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N.

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N. INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

0,00 EUR Canone mensile. 0,00 EUR Canone/forfait/spese trimestrali. 0,00 EUR Spese annue per conteggio interessi e competenze (*)

0,00 EUR Canone mensile. 0,00 EUR Canone/forfait/spese trimestrali. 0,00 EUR Spese annue per conteggio interessi e competenze (*) CONTO CORRENTE WEBANK L offerta commerciale della Banca contempla prodotti, servizi e attività differenti che si contraddistinguono per specifiche caratteristiche (es. i prodotti contraddistinti dal marchio

Dettagli

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza X-Pay Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza Agenda CartaSi e l e-commerce Chi è CartaSi CartaSi nel mercato Card Not Present I vantaggi I vantaggi offerti da X-Pay I vantaggi offerti da

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvata con delibera del C.d.A. del 29/10/2007 Aggiornata con delibera del C.d.A. del 26/11/2008 21/10/2009 29/10/2010 24/01/2011 04/06/2012 18/11/2013

Dettagli

QUIPAGO - MODALITÀ PAYMENT

QUIPAGO - MODALITÀ PAYMENT E-Commerce Qui Pago è l offerta di Key Client per il Commercio Elettronico: un Pos virtuale altamente affidabile ed efficiente che prevede diverse modalità d utilizzo: Payment (integrazione col sito del

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. Condizioni di utilizzo aggiuntive di Acrobat.com Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. SERVIZI ONLINE ADOBE RESI DISPONIBILI SU

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali Luglio 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM La Guida di & La banca multicanale ADICONSUM In collaborazione con: 33% Diffusione internet 84% Paesi Bassi Grecia Italia 38% Spagna Svezia Francia 80% Germania Gran Bretagna 52% 72% 72% 63% 77% Diffusione

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

LINEE GUIDA PER L'EFFETTUAZIONE DEI PAGAMENTI ELETTRONICI A FAVORE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DEI GESTORI DI PUBBLICI SERVIZI

LINEE GUIDA PER L'EFFETTUAZIONE DEI PAGAMENTI ELETTRONICI A FAVORE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DEI GESTORI DI PUBBLICI SERVIZI LINEE GUIDA PER L'EFFETTUAZIONE DEI PAGAMENTI ELETTRONICI A FAVORE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DEI GESTORI DI PUBBLICI SERVIZI ex articolo 5, comma 4 del decreto legislativo 7 marzo 2005. n. 82 e

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini DI CREDIO COOPERAIVO S.C. DEGLI OBBLIGAZIONISI 1 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Novembre 2014 eramo - 64100 - Via Savini, 1 el. 0861/ 25691 - Fax 0861/ 359919 DI CREDIO COOPERAIVO

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Ordini di pagamento a favore di terzi Italia (Bonifici Assegni di traenza Assegni circolari)

Ordini di pagamento a favore di terzi Italia (Bonifici Assegni di traenza Assegni circolari) FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Informazioni sulla Banca Ordini di

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Telecom Italia Dicembre 2013

Telecom Italia Dicembre 2013 RICARICABILE BUSINESS TIM : PROPOSIZIONE ESCLUSIVA PER MEPA Telecom Italia Dicembre 2013 Ricaricabile Business TIM La piattaforma ricaricabile business di Telecom Italia prevede un basket per singola linea.

Dettagli

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO ------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO Gli Stati firmatari della presente convenzione, coscienti della

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Società bancarie di comodo ed entità puramente contabili

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Società bancarie di comodo ed entità puramente contabili Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Società bancarie di comodo ed entità puramente contabili Gennaio 2003 Membri del Gruppo di lavoro sull attività bancaria transfrontaliera Copresidenti: Charles

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 SERVIZIO SULLE OPZIONI SU AZIONI (ISOALPHA) 1. INTRODUZIONE Con la piattaforma T3 di Webank possono essere negoziate le Opzioni su Azioni (Isoalpha), contratti di opzione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo Agrobresciano Soc. Coop. Piazza Roma, 17-25016 - GHEDI (BS) Tel. : 03090441 - Fax: 0309058501 Email:

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 1 INDICE 1) ASPETTI GENERALI 2) CONTENUTO DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 2.1) OPERAZIONI 2.2) RAPPORTI 2.3) LEGAMI TRA SOGGETTI 3) CRITERI

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA CONSOB VISTO il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n.

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento s intendono per: a) "Autorità",

Dettagli