Il Sistema di regolamento lordo TARGET2-Banca d Italia e il conto HAM : caratteristiche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Sistema di regolamento lordo TARGET2-Banca d Italia e il conto HAM : caratteristiche"

Transcript

1 Il Sistema di regolamento lordo TARGET2-Banca d Italia e il conto HAM : caratteristiche Roma - Agosto 2015

2 Caratteristiche Pag. 2 di 10 Il Sistema di regolamento lordo TARGET2-Banca d Italia e il conto HAM : caratteristiche 1 - PREMESSA CARATTERISTICHE DELLA SINGLE SHARED PLATFORM Moduli obbligatori Moduli opzionali utilizzati dalla Banca d Italia Interfaccia applicativa con i sistemi ancillari IL SISTEMA DI REGOLAMENTO LORDO TARGET2- BANCA D ITALIA CONTI NELL HOME ACCOUNTING MODULE (CONTI HAM) CANALI TELEMATICI LA PIATTAFORMA TARGET2 SECURITIES (T2S)... 9

3 Caratteristiche Pag. 3 di PREMESSA Il sistema di regolamento lordo in tempo reale europeo TARGET2 è istituito ed opera sulla base della piattaforma unica condivisa (Single Shared Platform - SSP). La SSP si caratterizza per una struttura di tipo modulare. Essa è composta da quattro moduli obbligatori (Payment Module, Information and Control Module, Static Data Module e Contingency Module - cfr par. 2.1), ed altri opzionali. Ciascuna banca centrale nazionale (BCN), all atto della propria adesione a TARGET2 (posto che deve necessariamente servirsi dei moduli obbligatori) può decidere se avvalersi dei servizi standard offerti da uno o più moduli opzionali, ovvero garantirne l offerta localmente attraverso l infrastruttura domestica. La Banca d Italia aderisce alla SSP adottando, oltre ai cennati moduli obbligatori, i tre moduli opzionali Home Accounting Module, Standing Facilities Module e Reserve Management Module (cfr par. 2.2). Sebbene sia basato su un infrastruttura unica, TARGET2 è giuridicamente strutturato come una molteplicità di sistemi di pagamento costituita da tutti i sistemi componenti di TARGET2, designati come sistemi secondo le rispettive normative nazionali di attuazione della direttiva sulla settlement finality. TARGET2-Banca d Italia è il sistema italiano componente di TARGET2. Gli operatori possono partecipare a TARGET2-Banca d Italia con due modalità: diretta, mediante l'apertura di un conto PM, e indiretta, mediante l'utilizzo dei servizi di regolamento offerti dai partecipanti diretti e, quindi, senza la disponibilità di un conto PM (cfr Parte I, Sezione I, Capitolo I). I Dedicated Cash Accounts (DCA) sono i conti di regolamento della gamba contanti delle transazioni in titoli regolate in TARGET2 Securities. I DCA sono conti in contanti giuridicamente interni al sistema TARGET2 ma tecnicamente sulla piattaforma T2S per il regolamento della gamba contanti delle transazioni in titoli. Da ciò deriva che gli aspetti legali associati ai DCA sono disciplinati nella TARGET2 Guideline e le procedure operative sono descritte nella presente Guida. Gli operatori che non partecipano direttamente a TARGET2-Banca d Italia possono intrattenere rapporti di conto con la Banca d Italia aprendo un conto HAM (conto detenuto nell Home Accounting Module della piattaforma) esterno al sistema TARGET2-Banca d Italia, per adempiere senza intermediazione agli obblighi di riserva (cfr Parte I, Sezione II, Capitolo I). Su tale conto l operatività è circoscritta ad alcune tipologie di operazioni quali ad esempio: girofondi e giroconti e operazioni perfezionate presso le Filiali della Banca d Italia. I titolari di conto HAM non dispongono del credito infragiornaliero.

4 Caratteristiche Pag. 4 di 10 La presente Guida è strutturata in due parti: la prima descrive gli aspetti operativi e amministrativi del sistema di regolamento lordo (sezione I), del conto HAM (sezione II) e contiene i relativi allegati (sezione III); la seconda tratta la gestione delle emergenze. Costituiscono parte integrante della presente Guida i seguenti documenti, disponibili in una sezione del sito Internet della Banca Centrale Europea, dedicata a TARGET2: 1. User Detailed Functional Specifications (UDFS) Book 1 2. User Detailed Functional Specifications (UDFS) Book 2 3. User Detailed Functional Specifications (UDFS) Book 4 4. Information and Control Module (ICM) User Handbook 1 5. Guide to TARGET2 User testing 6. User Information Guide on TARGET2 7. User Information Guide to the TARGET2 Pricing 8. User manual Internet access for the public key certification service 2 CARATTERISTICHE DELLA SINGLE SHARED PLATFORM Moduli obbligatori Il Payment Module (PM) è il modulo deputato alla gestione dei conti di regolamento degli operatori. I conti PM sono movimentabili sia tramite rete SWIFT sia tramite Internet. Questa ultima modalità è prevista per gli operatori che effettuano un numero limitato di pagamenti giornalieri. Nell ambito del PM sono disponibili funzionalità avanzate per la gestione della liquidità quali la possibilità di inserire limiti bilaterali e multilaterali all esposizione nel sistema, di immettere i cosiddetti pagamenti a tempo, di riservare la liquidità per il regolamento di pagamenti urgenti o altamente urgenti, di gestire le liste di attesa. Appositi meccanismi di ottimizzazione consentono di utilizzare, ai fini del regolamento, la liquidità potenziale derivante da pagamenti in entrata accodati nelle liste di attesa. Per i conti PM che si avvalgono della rete SWIFT è inoltre prevista una funzione opzionale di consolidamento della liquidità (liquidity pooling), che prevede la creazione di gruppi di conti nelle due varianti Liquidità Aggregata (LA) (che consente a ciascun membro del gruppo di conti di utilizzare - per il regolamento delle proprie operazioni - la liquidità a disposizione dell intero gruppo) e Informazione Consolidata sui Conti- ICC (che consente ai membri del gruppo di avere visibilità sulla liquidità complessivamente disponibile per l intero gruppo). Per i conti gestiti dal PM è prevista la concessione di finanziamento infragiornaliero tramite il riconoscimento di una linea di credito illimitata a fronte della costituzione di attività idonee. L Information and Control Module (ICM) è il modulo attraverso cui viene garantito l accesso ai servizi interattivi offerti dalla piattaforma, mediante l utilizzo dei servizi SwiftNet Browse (che consentono di interrogare il sistema e avere

5 Caratteristiche Pag. 5 di 10 informazioni in tempo reale sui pagamenti in coda, i partecipanti al sistema, le disponibilità riservate, il saldo dei conti, etc.) e SWIFTNet Interact e Fileact (che consentono di interagire in tempo reale con la SSP per operazioni gestionali quali la cancellazione di pagamenti in coda, la modifica della priorità dei pagamenti, la gestione delle riserve di liquidità). Tramite l ICM è inoltre possibile disporre trasferimenti di liquidità tra i conti detenuti nel modulo PM e i conti di deposito overnight, riservare liquidità per il regolamento dei sistemi ancillari, movimentare la liquidità presente nei conti HAM e disporre ordini di pagamento di backup in situazioni di contingency. Le stesse funzionalità sono anche disponibili mediante il modulo ICM per i conti PM che accedono a TARGET2 tramite Internet. Lo Static Data Module è il modulo deputato alla gestione dell anagrafica dei partecipanti nonché di altri dati c.d. statici (ovvero dati che, per loro natura, non sono soggetti a modifiche in corso di giornata). All inizio di ogni giornata operativa, tutte le informazioni archiviate nello Static Data Module vengono inviate simultaneamente agli altri moduli della piattaforma consentendone l aggiornamento in modo sincronizzato. Il Contingency Module (CM) è un modulo di recovery che può essere attivato in caso di indisponibilità del Payment Module al fine di assicurare il regolamento dei pagamenti c.d. very critical (ovvero quei pagamenti il cui ritardo nel regolamento può comportare un rischio sistemico; tali sono considerati i pagamenti derivanti dai sistemi CLS ed EURO1 (pay-ins) e i margini delle operazioni effettuate con controparti centrali) (cfr. Parte II Gestione delle emergenze ) Moduli opzionali utilizzati dalla Banca d Italia L Home Accounting Module (HAM) è un modulo deputato alla gestione di due diverse tipologie di conto: gli HAM accounts ed i CB s customer accounts (conti di corrispondenza). I conti HAM sono movimentabili sia tramite rete SWIFT sia tramite Internet. Questa ultima modalità è prevista per gli operatori che effettuano un numero limitato di pagamenti giornalieri. In caso di assenza di collegamento gli HAM accounts sono movimentabili dalle Filiali della Banca d Italia. Gli HAM accounts possono essere accesi da operatori che non sono titolari di un conto nel modulo PM ma che vogliono assolvere direttamente l obbligo di riserva e/o desiderano avvalersi delle specifiche funzionalità previste per tali conti. In particolare, mediante i conti HAM è possibile l esecuzione di trasferimenti di liquidità verso altri conti HAM o verso conti PM, il regolamento di operazioni in contropartita della Banca d Italia, l interazione con i moduli per la gestione della riserva obbligatoria e per l accesso alle standing facilities, l utilizzo di alcuni servizi a valore aggiunto quali la comovimentazione e la prenotazione del contante. Con i conti HAM non è invece possibile gestire pagamenti per conto di clientela, regolare pagamenti provenienti dai sistemi ancillari o operazioni di politica monetaria a esclusione delle standing facilities. I CB s customers accounts consentono di regolare pagamenti (sia di natura interbancaria sia per conto di clientela) in contropartita di altri CB s customers

6 Caratteristiche Pag. 6 di 10 accounts ovvero in contropartita di conti del PM. Tali conti possono essere accesi ad operatori che non sono abilitati, ai sensi della TARGET2 Guideline, ad aprire un conto nel modulo PM e che hanno sottoscritto un apposito contratto con una Banca centrale per l apertura di un conto di corrispondenza. Il modulo Standing Facilities (SF) gestisce i conti e le procedure inerenti le operazioni di rifinanziamento marginale e deposito overnight. Il modulo interagisce, per il perfezionamento delle suddette operazioni, con il PM e con l HAM (limitatamente agli HAM accounts ). Il modulo Reserve Management (RM) gestisce le operazioni concernenti la verifica dell assolvimento dell obbligo di riserva delle banche (calcolo della riserva dovuta, verifica del rispetto dell obbligo, calcolo di interessi e penali e preparazione delle relative istruzioni di accredito/addebito) Interfaccia applicativa con i sistemi ancillari La SSP prevede un apposita interfaccia applicativa per il regolamento del contante riveniente dalle procedure dei sistemi sistemi ancillari (Ancillary System Interface ASI). L interfaccia assicura l accesso al regolamento secondo sei procedure standard che contemplano modalità di regolamento in tempo reale e batch. In particolare, con riferimento ai modelli di regolamento in tempo reale, è prevista la possibilità di accedere sia al regolamento in contropartita di sistemi che detengono conti in base monetaria su delega della Banca centrale (liquidity transfer modello 1) sia al regolamento di operazioni bilaterali nelle quali al sistema ancillare è riconosciuta la facoltà di addebitare direttamente il conto PM di un proprio partecipante in contropartita di un conto tecnico o di altri partecipanti (real time settlement modello 2). Gli schemi di tipo batch comprendono il regolamento di operazioni/saldi di tipo bilaterale (bilateral settlement modello 3) di tipo multilaterale (standard e simultaneous multilateral settlement modelli 4 e 5) nonché il regolamento a valere su sottoconti sui quali sono stati riservati preventivamente i fondi necessari al regolamento (dedicated liquidity modello 6). 3 - IL SISTEMA DI REGOLAMENTO LORDO TARGET2- BANCA D ITALIA TARGET2-Banca d Italia è sistema italiano componente di TARGET2. Esso consente il regolamento lordo in tempo reale, in moneta di banca centrale, di pagamenti in euro, assicurandone la definitività immediata. I soggetti che intendono utilizzare TARGET2-Banca d Italia per il regolamento dei pagamenti possono scegliere di partecipare al sistema con due modalità tra loro alternative: partecipazione diretta attraverso la detenzione di almeno un conto PM sul quale regolare i pagamenti; il partecipante diretto che si avvale della rete SWIFT può estendere la possibilità di movimentare direttamente il proprio conto PM alle proprie succursali e agli enti creditizi insediati nello Spazio

7 Caratteristiche Pag. 7 di 10 Economico Europeo (SEE) che facciano parte dello stesso gruppo bancario i quali possono immettere/ricevere pagamenti direttamente (c.d. multiaddressee access) partecipazione indiretta con la quale è possibile regolare i pagamenti attraverso il conto PM di un partecipante diretto che si avvale della rete SWIFT. I partecipanti diretti che si avvalgono della rete SWIFT possono designare le proprie succursali e altri soggetti come titolari di addressable BIC, a prescindere dal luogo di rispettivo insediamento. Questi ultimi possono ricevere o immettere ordini di pagamento tramite il partecipante diretto. In accordo con quanto stabilito a livello europeo (TARGET2 Guideline) i partecipanti diretti che si avvalgono della rete SWIFT possono essere esclusivamente enti creditizi, BCN, imprese di investimento, enti del settore pubblico e soggetti gestori di sistemi ancillari che agiscono in tale veste, in possesso di specifici requisiti (cfr Parte I, Sez. I, Cap. I, Par. 1.1). I medesimi requisiti soggettivi sono previsti per i partecipanti diretti che accedono alla SSP tramite Internet, tranne i sistemi ancillari per quali tale modalità è preclusa. La partecipazione indiretta è ammessa per gli enti creditizi insediati nel SEE che abbiano sottoscritto un apposito accordo sui livelli di servizio con un partecipante diretto che si avvale della rete SWIFT. La Banca d'italia concede ai titolari di conto PM insediati sul territorio nazionale liquidità infragiornaliera illimitata e gratuita nella forma dell'anticipazione infragiornaliera garantita da attività idonee. Per i soggetti gestori di sistemi ancillari la concessione dell anticipazione infragiornaliera è subordinata alla preventiva approvazione della Banca Centrale Europea (cfr. Parte I, Sez. I, Cap. I, Par. 1.3). La liquidità disponibile per effettuare i pagamenti è data dalla somma del saldo del conto PM e della linea di credito infragiornaliero riconosciuta. Tutti gli operatori possono inoltre mobilizzare su base giornaliera la riserva obbligatoria versata disponibile sul conto PM. La giornata operativa del sistema è articolata in fasi successive, ognuna delle quali ha termine in momenti intermedi di chiusura, c.d. cut-off times (cfr. Parte I, Sez.I, Cap. IV, Par. 1), cui sono associati eventi specifici. Per gli operatori che dialogano con il sistema TARGET2-Banca d Italia tramite rete SWIFT, le istruzioni di pagamento sono veicolate tramite i messaggi utilizzati per le transazioni finanziarie (servizio di messaggistica SWIFTNet FIN). In particolare, per i pagamenti tra conti PM (interbancari e per conto della clientela) è utilizzato il servizio FIN nella modalità Y-copy. Tale modalità prevede l'intercettazione del messaggio da parte della SWIFT e l'invio al PM di una copia completa (full copy) delle istruzioni di pagamento per consentire ai partecipanti di ricevere a loro volta informazioni esaustive sui propri pagamenti, attraverso l ICM.

8 Caratteristiche Pag. 8 di 10 TARGET2-Banca d Italia dispone di un meccanismo di riproposizione automatica delle operazioni temporaneamente prive di copertura (c.d. liste di attesa) (cfr. Parte I, Sez. I, Cap. V, Par. 4). Il sistema è, inoltre, dotato di meccanismi di ottimizzazione dei pagamenti che tendono a favorire il regolamento simultaneo di pagamenti presenti nelle lista di attesa degli operatori, previa verifica delle disponibilità sui conti di regolamento. TARGET2-Banca d Italia prevede uno schema tariffario di tipo duale per i partecipanti PM che si avvalgono della rete SWIFT. Gli operatori possono optare tra la corresponsione di un canone mensile pari a 150 euro ed una tariffa fissa pari a 0,80 euro per transazione (opzione A) ovvero un canone mensile più elevato pari a euro ed una tariffa decrescente tra 0,60 euro e 0,125 euro in funzione del volume di traffico dei pagamenti effettuati (opzione B) (cfr. Parte I, Sez. I, Cap. VI). I titolari di conto PM che accedono tramite Internet devono corrispondere una tariffa mensile di 70 euro in aggiunta alla corresponsione delle tariffe previste per l opzione A degli operatori che si avvalgono della rete SWIFT. 4 - CONTI NELL HOME ACCOUNTING MODULE (CONTI HAM) Gli operatori che non partecipano a TARGET2-Banca d Italia, ovvero vi partecipino con modalità indiretta, possono intrattenere rapporti di conto con la Banca d Italia aprendo un conto HAM esterno al sistema TARGET2-Banca d Italia (cfr Parte I, Sez. II). Il conto HAM consente di regolare: - operazioni disposte direttamente dagli operatori tramite canale telematico (girofondi tra conti HAM e in contropartita con conti PM); - operazioni di deposito overnight e di conto di rifinanziamento marginale a richiesta; - operazioni originate dalle Filiali della Banca d Italia; - elaborazioni automatiche rivenienti dalle procedure interne della Banca d Italia. Tramite gli HAM accounts non è invece possibile gestire pagamenti per conto di clientela. Il conto HAM può essere utilizzato per assolvere in via diretta l obbligo di riserva; esso consente l utilizzo di alcuni servizi a valore aggiunto quali la prenotazione del contante e la comovimentazione. Con riferimento a quest ultima, il titolare di un conto HAM può estendere la facoltà di movimentare il medesimo ad un altro soggetto, purché titolare di conto PM che si avvale della rete SWIFT, ferma restando la responsabilità del comovimentato per le obbligazioni connesse con la titolarità del proprio conto (cfr. Parte I, Sez. I, Cap. II, Par. 2.7). I titolari di conto HAM non dispongono del credito infragiornaliero.

9 Caratteristiche Pag. 9 di 10 Lo schema tariffario previsto per i titolari di conto HAM prevede la corresponsione di un canone mensile di 100 euro e di una tariffa fissa per transazione pari a 1 euro (cfr. Parte I, Sez. II, Cap. IV). I titolari di conto HAM che accedono tramite Internet devono corrispondere una tariffa mensile di 70 euro in aggiunta alla corresponsione delle tariffe ordinarie previste. 5- CANALI TELEMATICI La SSP si avvale della rete SwiftNet, basata sul protocollo TCP/IP, caratterizzata da elevate prestazioni ed alta disponibilità nonché da elevati livelli di sicurezza, basati essenzialmente su: - un infrastruttura a chiavi pubbliche (PKI) per l identificazione degli utenti; - algoritmi di crittografia per assicurare la necessaria riservatezza dei dati; - servizi per il recupero di eventuali messaggi non recapitati. Per lo scambio di istruzioni di pagamento, la SSP utilizza il servizio FIN della SWIFTNet. In particolare, per i pagamenti fra conti PM (interbancari e per conto della clientela) è utilizzato il servizio FIN con modalità Y-copy. Per i pagamenti disposti da titolari di conti HAM, le operazioni vengono inviate direttamente alla SSP con modalità V-Shape. L'accesso alle informazioni in tempo reale, attraverso l ICM, è garantito invece sia dai servizi interattivi SWIFTNet Browse, Interact e Fileact sia tramite Internet per gli operatori che scelgono tale modalità di accesso alla SSP. Gli operatori possono accedere ai servizi offerti tramite due modalità tecniche differenziate: - "utente - applicazione": per il colloquio in tempo reale tra una postazione utente (tesoriere) e l ICM tramite Web-station; tale modalità in generale non consente di integrare le informazioni provenienti dall'icm all'interno del sistema informativo dell'utente, questa modalità è l unica possibile per gli operatori che accedono tramite Internet; - "applicazione - applicazione": per il colloquio in tempo reale tra l'applicazione sviluppata dall'utente e l ICM; tale modalità permette di integrare le informazioni provenienti dall ICM nel sistema informativo dell'utente. 6 - LA PIATTAFORMA TARGET2 SECURITIES (T2S) T2S è una piattaforma tecnica che fornisce il regolamento armonizzato delle transazioni in titoli ai depositari centrali, a livello nazionale e cross border. T2S fornisce un unico set di regole standard e tariffe ai Depositari centrali per il regolamento della gamba titoli e alle banche centrali per il regolamento della gamba contanti.

10 Caratteristiche Pag. 10 di 10 La Single Shared Platform di TARGET2 e la piattaforma T2S sono interconnesse e consentono lo scambio di liquidità tra conti PM e DCA. TARGET2 Securities offre il meccanismo di auto-collateralizzazione che permette alle banche di gestire in modo più efficiente il regolamento delle transazioni in titoli presso i Depositari centrali aderenti alla piattaforma; il meccanismo si attiva automaticamente, in caso di liquidità insufficiente, per assicurare il perfezionamento di un operazione di acquisto titoli mediante la concessione di credito infragiornaliero all operatore da parte della Banca d Italia. L auto-collateral deve essere rimborsato entro la fine della giornata operativa di TARGET2 Securities. Il titolare di conto DCA può accedere al conto DCA con finalità informative o dispositive mediante la connessione diretta alla piattaforma T2S in modalità U2A o A2A. In assenza di tale connessione diretta l accesso al conto DCA è consentito al titolare di conto PM collegato al DCA, con finalità unicamente informative, tramite connessione indiretta mediante ICM utilizzando i servizi a valore aggiunto di TARGET2 per TARGET2 Securities. La movimentazione dei DCA può avvenire tramite ICM (i servizi a valore aggiunto di TARGET2), tramite la GUI di T2S e tramite i canali telematici, con messaggi di tipo applicativo FIN. I conti DCA possono essere movimentati per il regolamento del controvalore in euro delle transazioni in titoli effettuate in TARGET2- Securities ovvero per trasferimenti di liquidità tra TARGET2 e TARGET2-Securities.

Parte II. Gestione delle emergenze

Parte II. Gestione delle emergenze Parte II Gestione delle emergenze Roma - Agosto 2015 Gestione delle emergenze Pag. 2 di 12 Gestione delle emergenze PREMESSA... 3 CAPITOLO I - GUASTI CONNESSI AI PARTECIPANTI DIRETTI O AI SISTEMI ANCILLARI...

Dettagli

Il Sistema di Regolamento lordo TARGET2-Banca d Italia

Il Sistema di Regolamento lordo TARGET2-Banca d Italia Parte I Sezione I Il Sistema di Regolamento lordo TARGET2- Roma - Agosto 2015 Pag. 2 di 79 Il sistema di regolamento lordo TARGET2- CAPITOLO I - LA PARTECIPAZIONE AL SISTEMA... 4 1 - PARTECIPAZIONE DIRETTA...

Dettagli

Il/la... (di seguito il richiedente), con sede legale in......, (indirizzo)

Il/la... (di seguito il richiedente), con sede legale in......, (indirizzo) Spett.le BANCA D'ITALIA Filiale di... Oggetto: titolarità di conto PM in TARGET2-Banca d Italia tramite Internet. Il/la.......... (di seguito il richiedente), con sede legale in...... (Stato) (Città)......,

Dettagli

Spin 2002: verso un mercato europeo dei pagamenti SWIFTNet: : nuova rete, nuovi servizi

Spin 2002: verso un mercato europeo dei pagamenti SWIFTNet: : nuova rete, nuovi servizi Spin 2002: verso un mercato europeo dei pagamenti SWIFTNet: : nuova rete, nuovi servizi Il nuovo Birel: : evoluzione nel contesto di armonizzazione europea e di innovazione tecnologica (Giorgio Giorgio

Dettagli

Il/la... (di seguito il richiedente), con sede legale in...

Il/la... (di seguito il richiedente), con sede legale in... Spett.le BANCA D'ITALIA Filiale di... Oggetto: conto HAM (Home Accounting Module) Il/la.......... (di seguito il richiedente), con sede legale in...... (Stato) (Città)..., (indirizzo) legalmente rappresentat...

Dettagli

Strumenti di politica monetaria dell'eurosistema. Guida per gli operatori

Strumenti di politica monetaria dell'eurosistema. Guida per gli operatori Strumenti di politica monetaria dell'eurosistema Guida per gli operatori marzo 2013 Strumenti di politica monetaria dell Eurosistema - Guida per gli operatori - marzo 2013 2 INDICE CAPITOLO I Ambito di

Dettagli

Sistema di gestione delle garanzie in pooling e dei depositi in titoli. Guida per gli operatori

Sistema di gestione delle garanzie in pooling e dei depositi in titoli. Guida per gli operatori Sistema di gestione delle garanzie in pooling e dei depositi in titoli Guida per gli operatori in vigore dal 29 marzo 2016 I N D I C E 1 CARATTERISTICHE DEL SISTEMA... 5 1.1 ASPETTI GENERALI... 5 1.2 DEFINIZIONI...

Dettagli

Il/la... (di seguito il richiedente), con sede legale in..

Il/la... (di seguito il richiedente), con sede legale in.. Spett.le BANCA D'ITALIA Filiale di... Oggetto: partecipazione a TARGET2-Banca d Italia tramite Dedicated Cash Account (DCA). Il/la............. (di seguito il richiedente), con sede legale in.. (Stato)

Dettagli

Il sistema dei pagamenti e le altre reti di compensazione. Giuseppe G. Santorsola 1

Il sistema dei pagamenti e le altre reti di compensazione. Giuseppe G. Santorsola 1 Il sistema dei pagamenti e le altre reti di compensazione Giuseppe G. Santorsola 1 TIPOLOGIE DI SISTEMI DI COMPENSAZIONE E REGOLAMENTO a) Sistema dei conti correnti di corrispondenza: compensazione e regolamento

Dettagli

Sistema di gestione delle garanzie in pooling e dei depositi in titoli. Guida per gli operatori

Sistema di gestione delle garanzie in pooling e dei depositi in titoli. Guida per gli operatori Sistema di gestione delle garanzie in pooling e dei depositi in titoli Guida per gli operatori in vigore dal 26 ottobre 2015 2 I N D I C E 1 CARATTERISTICHE DEL SISTEMA... 6 1.1 ASPETTI GENERALI... 6 1.2

Dettagli

Sistema di regolamento lordo BI-REL/TARGET Guida per gli aderenti

Sistema di regolamento lordo BI-REL/TARGET Guida per gli aderenti Sistema di regolamento lordo BI-REL/TARGET Guida per gli aderenti Sezione I Caratteristiche del sistema BI-REL 3 aggiornamento - ristampa integrale Roma - Novembre 2000 2 Premessa...5. Il sistema di regolamento

Dettagli

Monte Titoli. Regolamento operativo dei servizi di liquidazione e delle attività accessorie

Monte Titoli. Regolamento operativo dei servizi di liquidazione e delle attività accessorie Monte Titoli Regolamento operativo dei servizi di liquidazione e delle attività accessorie 9 m a r z o 2015 INDICE PARTE I - DISPOSIZIONI COMUNI... 5 TITOLO I - FONTI NORMATIVE E DEFINIZIONI... 5 Art.

Dettagli

ISTRUZIONI SERVIZIO DI REGOLAMENTO ESTERO

ISTRUZIONI SERVIZIO DI REGOLAMENTO ESTERO ISTRUZIONI SERVIZIO DI REGOLAMENTO ESTERO A P R I L E 2 0 1 0 I N D I C E 1 PREMESSA...4 2 SCHEMA OPERATIVO SERVIZIO DI REGOLAMENTO ESTERO (CONTRO PAGAMENTO)...5 3 CARATTERISTICHE GENERALI DEL SERVIZIO...6

Dettagli

Il/la... (di seguito il richiedente), con sede legale in...

Il/la... (di seguito il richiedente), con sede legale in... Spett.le BANCA D'ITALIA Filiale di... Oggetto: conto HAM (Home Accounting Module) tramite Internet. Il/la.......... (di seguito il richiedente), con sede legale in...... (Stato) (Città)..., (indirizzo)

Dettagli

Regolamento del Servizio di Collateral Management INDICE

Regolamento del Servizio di Collateral Management INDICE Regolamento del Servizio di Collateral Management (approvato da Consob, d intesa con Banca d Italia, con delibera n. 18136 del 7 marzo 2012) I n v i g o r e d a l l 1 1 s e t t e m b r e 2 0 1 2 INDICE

Dettagli

Capitolo II - Operazioni di mercato aperto

Capitolo II - Operazioni di mercato aperto Capitolo II - di mercato aperto II.1 Panoramica delle categorie e degli strumenti relativi alle operazioni di mercato aperto L'Eurosistema può condurre operazioni di mercato aperto per indirizzare i tassi

Dettagli

La gestione time sensitive della liquidità intraday

La gestione time sensitive della liquidità intraday La gestione time sensitive della liquidità intraday Emanuele Renati 1 Roma, Roma, 13 giugno 2005 2005 Il rischio di liquidità Si intende per rischio di liquidità la possibilità che la banca non riesca

Dettagli

ALL. 6 Spett.le BANCA D'ITALIA Filiale di...

ALL. 6 Spett.le BANCA D'ITALIA Filiale di... ALL. 6 Spett.le BANCA D'ITALIA Filiale di... Oggetto: Contratto quadro sulle garanzie per operazioni di finanziamento. Lettera-contratto Il/La......,(di seguito la Controparte ), codice meccanografico...,

Dettagli

Il Ministero dell Economia e delle Finanze

Il Ministero dell Economia e delle Finanze Il Ministero dell Economia e delle Finanze Modalità di svolgimento delle operazioni per la movimentazione della liquidità depositata sul conto disponibilità del Tesoro per il servizio di tesoreria e sui

Dettagli

b) comunica i seguenti dati necessari per l operatività del conto:

b) comunica i seguenti dati necessari per l operatività del conto: Spett.le BANCA D ITALIA Filiale di Oggetto: Contratto di deposito titoli in custodia ed amministrazione delle quote di partecipazione al capitale della Banca d Italia Lettera-contratto. Il/La (di seguito

Dettagli

Express II Comunicazioni di Servizio (art. 10, c. 1, R. SdL) a. Strumenti finanziari ammessi ai Servizi di liquidazione 4

Express II Comunicazioni di Servizio (art. 10, c. 1, R. SdL) a. Strumenti finanziari ammessi ai Servizi di liquidazione 4 Express II Comunicazioni di Servizio ai sensi dell art. 10, comma 1 del Regolamento dei Servizi di liquidazione (Express II) e delle attività accessorie Settembre 2013 Indice Express II Comunicazioni

Dettagli

Sistema di gestione delle garanzie in pooling e dei depositi in titoli. Guida per gli operatori

Sistema di gestione delle garanzie in pooling e dei depositi in titoli. Guida per gli operatori Sistema di gestione delle garanzie in pooling e dei depositi in titoli Guida per gli operatori MAGGIO 2015 I N D I C E 1 CARATTERISTICHE DEL SISTEMA... 4 2 IL SISTEMA DI GESTIONE DELLE GARANZIE IN POOLING

Dettagli

Il Sistema di Regolamento lordo TARGET2-Banca d Italia e il conto HAM

Il Sistema di Regolamento lordo TARGET2-Banca d Italia e il conto HAM Il Sistema di Regolamento lordo TARGET2-Banca d Italia e il conto HAM Roma - giugno 2016 Pag. 2 di 88 CAPITOLO I CARATTERISTICHE... 5 1 - PREMESSA... 5 2 - CARATTERISTICHE DELLA SINGLE SHARED PLATFORM...

Dettagli

Istruzioni. 1 novembre 2012

Istruzioni. 1 novembre 2012 Istruzioni 1 novembre 2012 Istruzioni applicative al Regolamento del 23 maggio 2003, da ultimo modificate il 1 novembre 2012 Indice SEZIONE A DISPOSIZIONI GENERALI... 5 Articolo A.1.1.1 Definizioni...

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 23.1.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 18/1 II (Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) BANCA CENTRALE EUROPEA INDIRIZZO DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del

Dettagli

CC&G e T2S. Modalità di adeguamento alla nuova piattaforma europea di settlement

CC&G e T2S. Modalità di adeguamento alla nuova piattaforma europea di settlement CC&G e T2S Modalità di adeguamento alla nuova piattaforma europea di settlement Page 1 Target 2 Securities GAP analysis operativa GAP analysis messaggistica Page 2 T2S La piattaforma Target2-Securities

Dettagli

sa CC&G : Cassa di Compensazione e Garanzia S.p.A. Regolamento approvato dalla Banca d'italia, d intesa con la Consob il 28 agosto 2013

sa CC&G : Cassa di Compensazione e Garanzia S.p.A. Regolamento approvato dalla Banca d'italia, d intesa con la Consob il 28 agosto 2013 sa CC&G : Cassa di Compensazione e Garanzia S.p.A. Regolamento approvato dalla Banca d'italia, d intesa con la Consob il 28 agosto 2013 in vigore dal 28 ottobre 2013 Indice SEZIONE A DISPOSIZIONI GENERALI...

Dettagli

Monte Titoli SIMULAZIONE DI DISASTER RECOVERY. Modalità di svolgimento della Simulazione Sabato 8 novembre 2014

Monte Titoli SIMULAZIONE DI DISASTER RECOVERY. Modalità di svolgimento della Simulazione Sabato 8 novembre 2014 Monte Titoli SIMULAZIONE DI DISASTER RECOVERY Modalità di svolgimento della Simulazione Sabato 8 novembre 2014 Versione Novembre 2014 Contenuti Versione Novembre 2014 1.0 Generalità 4 2.0 Scopo del documento

Dettagli

La piazza finanziaria italiana all alba di TARGET2-Securities. Milano, 4 novembre 2014

La piazza finanziaria italiana all alba di TARGET2-Securities. Milano, 4 novembre 2014 La piazza finanziaria italiana all alba di TARGET2-Securities Milano, 4 novembre 2014 Fabrizio Palmisani Condirettore Centrale Capo del Servizio Sistema dei Pagamenti Banca d Italia 1. I fatti Agenda 1.1

Dettagli

Partecipazione ai Servizi. Scheda Dati Operativi. Edizione Febbraio 2015

Partecipazione ai Servizi. Scheda Dati Operativi. Edizione Febbraio 2015 Partecipazione ai Servizi Scheda Dati Operativi Pag.2 Dati Generali Comunicazione iniziale dei dati informativi Variazione dei dati informativi (ad annullamento e sostituzione dei dati comunicati in precedenza)

Dettagli

Supplementi al Bollettino Statistico Indicatori monetari e finanziari

Supplementi al Bollettino Statistico Indicatori monetari e finanziari Supplementi al Bollettino Statistico Indicatori monetari e finanziari Sistema dei pagamenti Nuova serie Anno XVI Numero 30-16 Maggio 2006 BANCA D ITALIA - CENTRO STAMPA - ROMA PUBBL. MENSILE AVVISO La

Dettagli

Gli strumenti della Banca Centrale Europea

Gli strumenti della Banca Centrale Europea Gli strumenti della Banca Centrale Europea Strumenti della BCE Operazioni di Politica Monetaria Tipologie di Transazioni Immissione di Liquidità Assorbimento di Liquidità Operazioni di Mercato Aperto Operazioni

Dettagli

Oggetto: Contratto quadro sulle garanzie per operazioni di finanziamento. Il/La......(di seguito la controparte), con sede legale in......

Oggetto: Contratto quadro sulle garanzie per operazioni di finanziamento. Il/La......(di seguito la controparte), con sede legale in...... ALL. 6 Spett.le BANCA D'ITALIA Filiale di... Oggetto: Contratto quadro sulle garanzie per operazioni di finanziamento. Il/La......(di seguito la controparte), con sede legale in... (Stato) (Città)...,

Dettagli

AOS SEDA (SEPA Compliant Electronic Database Alignment)

AOS SEDA (SEPA Compliant Electronic Database Alignment) AOS SEDA (SEPA Compliant Electronic Database Alignment) 1 Obiettivo Gli Schemi SEPA Direct Debit (SDD) Core e B2B definiti dall EPC consentono di addebitare in modo automatico il conto del Debitore sulla

Dettagli

Verso un mercato europeo dei pagamenti SWIFTNET: nuova rete nuovi servizi Convegno SPIN 2002 - Roma, 18/19 Aprile

Verso un mercato europeo dei pagamenti SWIFTNET: nuova rete nuovi servizi Convegno SPIN 2002 - Roma, 18/19 Aprile Giuseppe Lazzari Responsabile Servizio Accentramento e Settlement Capo Progetto Express II La nuova procedura di liquidazione netta di EXPRESS II Verso un mercato europeo dei pagamenti SWIFTNET: nuova

Dettagli

Sistema di compensazione BI-COMP

Sistema di compensazione BI-COMP Sistema di compensazione BI-COMP Guida per gli operatori Febbraio 2014 I N D I C E SEZIONE A IL SISTEMA DI COMPENSAZIONE BI-COMP CAPITOLO I - IL SISTEMA DI COMPENSAZIONE BI-COMP... 9 1.LINEAMENTI GENERALI...

Dettagli

Monte Titoli. Regolamento del Servizio X-COM COLLATERAL MANAGEMENT

Monte Titoli. Regolamento del Servizio X-COM COLLATERAL MANAGEMENT Monte Titoli Regolamento del Servizio X-COM COLLATERAL MANAGEMENT 9 Marzo 2015 11 Maggio 2015 Regolamento del Servizio X-COM COLLATERAL MANAGEMENT PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI TITOLO I Fonti normative

Dettagli

Sistema di compensazione BI-COMP

Sistema di compensazione BI-COMP Sistema di compensazione BI-COMP Guida per gli operatori Gennaio 2013 2 I N D I C E SEZIONE A IL SISTEMA DI COMPENSAZIONE BI-COMP CAPITOLO I - IL SISTEMA DI COMPENSAZIONE BI-COMP... 10 1. LINEAMENTI GENERALI...

Dettagli

5. RECENTI SVILUPPI NEI SISTEMI DI REGOLAMENTO INTERBANCARIO *

5. RECENTI SVILUPPI NEI SISTEMI DI REGOLAMENTO INTERBANCARIO * 47 5. RECENTI SVILUPPI NEI SISTEMI DI REGOLAMENTO INTERBANCARIO * I due principali sistemi di regolamento (per pagamenti di importo elevato) in Europa TARGET e Euro1 1 gestiscono insieme un flusso giornaliero

Dettagli

Express II. Maggio 2008Giugno 2010. Express II Comunicazioni di Servizio (art. 10, c. 1, R. SdL)

Express II. Maggio 2008Giugno 2010. Express II Comunicazioni di Servizio (art. 10, c. 1, R. SdL) Express II Comunicazioni di Servizio ai sensi dell art. 10, comma 1 del Regolamento dei Servizi di liquidazione (Express II) e delle attività accessorie Maggio 2008Giugno 2010 Express II Comunicazioni

Dettagli

SEPA Credit Transfer - Descrizione del Servizio

SEPA Credit Transfer - Descrizione del Servizio SEPA Credit Transfer Descrizione del Servizio ISC Codice documento: Progetto: SIA-SSB SEPA CT - DS Versione: 1.0 Interbank Sepa Credit Transfer - ISC Data emissione: Gennaio 2009 Classificazione: Distribuzione:

Dettagli

SIMULAZIONE DI DISASTER RECOVERY

SIMULAZIONE DI DISASTER RECOVERY SIMULAZIONE DI DISASTER RECOVERY Modalità di svolgimento della Simulazione del 3 novembre 2012 INDICE 1 GENERALITA 3 1.1 Scopo del documento 4 1.2 Validità 4 2 SPECIFICHE E PREREQUISITI DELLA SIMULAZIONE

Dettagli

Network Services. Access Service Bureau. per le imprese

Network Services. Access Service Bureau. per le imprese Network Services Access Service Bureau L accesso condiviso a per le imprese Le imprese con rapporti bancari esteri valutano sempre più spesso l alternativa della connettività diretta con per avere maggiore

Dettagli

I pagamenti al dettaglio: Il quadro europeo e i servizi offerti dalla Banca d Italia

I pagamenti al dettaglio: Il quadro europeo e i servizi offerti dalla Banca d Italia 1 I pagamenti al dettaglio: Il quadro europeo e i servizi offerti dalla Banca d Italia 24 gennaio 2014 Servizio Sistema dei pagamenti Marco Piccinini - 1 - 2 Sommario Il Sistema dei pagamenti: definizione,

Dettagli

Foglio informativo n. 011/026. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per privati.

Foglio informativo n. 011/026. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per privati. Foglio informativo n. 011/026. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per privati. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI Il presente documento descrive le misure per l esecuzione e la trasmissione degli ordini alle condizioni più favorevoli per il cliente (art. 45 e 48 del Regolamento Consob in materia di Intermediari) e

Dettagli

Piano delle attività in materia di automazione interbancaria e sistema dei pagamenti per il periodo 1.1.2008-30.6.2009

Piano delle attività in materia di automazione interbancaria e sistema dei pagamenti per il periodo 1.1.2008-30.6.2009 CONVENZIONE INTERBANCARIA PER I PROBLEMI DELL AUTOMAZIONE (CIPA) Piano delle attività in materia di automazione interbancaria e sistema dei pagamenti per il periodo 1.1.2008-30.6.2009 Giugno 2008 PREMESSA

Dettagli

Le imprese e la SEPA Completare la migrazione entro il 1 febbraio 2016

Le imprese e la SEPA Completare la migrazione entro il 1 febbraio 2016 Comitato PagamentiItalia Le imprese e la SEPA Completare la migrazione entro il 1 febbraio 2016 Nel 2014 gli schemi di bonifico e addebito diretto SEPA (Single Euro Payments Area) hanno definitivamente

Dettagli

CONTO DI BASE B BPC Per Pensionati con Pensione fino a 1.500,00

CONTO DI BASE B BPC Per Pensionati con Pensione fino a 1.500,00 scheda prodotto CONTO DI BASE B BPC Per pensionati 1.500 rilascio del 30.08.2013 FOGLIO INFORMATIVO CONTO DI BASE B BPC Per Pensionati con Pensione fino a 1.500,00 Tipologia di prodotto: Clientela di destinazione:

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

Monte Titoli. Istruzioni Servizio X-TRM

Monte Titoli. Istruzioni Servizio X-TRM Monte Titoli 6 ottobre 2014 INDICE 1 PREMESSA... 4 2 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO... 4 3 DEFINIZIONI... 4 4 CARATTERISTICHE GENERALI DEL SERVIZIO X-TRM... 6 4.1 COMUNICAZIONI... 6 4.4 CORRISPETTIVI... 6 4.5

Dettagli

Foglio Informativo BONIFICI NAZIONALI E BONIFICI ESTERI

Foglio Informativo BONIFICI NAZIONALI E BONIFICI ESTERI Informazioni sulla banca Denominazione e forma giuridica: BANCA DEL SUD S.p.A. Sede legale e amministrativa: VIA CALABRITTO, 20-80121 NAPOLI Recapiti (telefono e fax): 0817976411, 0817976402 Sito internet:

Dettagli

Standard Applicativi del Servizio messaggi di tesoreria riferiti al sistema di compensazione BICOMP (Dettaglio)

Standard Applicativi del Servizio messaggi di tesoreria riferiti al sistema di compensazione BICOMP (Dettaglio) Sistema interbancario di trasmissione dati (SITRAD) Standard Applicativi del Servizio messaggi di tesoreria riferiti al sistema di compensazione BICOMP (Dettaglio) Codice documento: ABI MTES-001 Release:

Dettagli

COLLOCAMENTO, ACQUISTO E CONCAMBIO DI TITOLI DI STATO REQUISITI TECNICI E AMMINISTRATIVI PER LA PARTECIPAZIONE ALLE ASTE

COLLOCAMENTO, ACQUISTO E CONCAMBIO DI TITOLI DI STATO REQUISITI TECNICI E AMMINISTRATIVI PER LA PARTECIPAZIONE ALLE ASTE COLLOCAMENTO, ACQUISTO E CONCAMBIO DI TITOLI DI STATO REQUISITI TECNICI E AMMINISTRATIVI PER LA PARTECIPAZIONE ALLE ASTE COLLOCAMENTO, ACQUISTO E CONCAMBIO DI TITOLI DI STATO REQUISITI TECNICI E AMMINISTRATIVI

Dettagli

Cassa di Compensazione e Garanzia

Cassa di Compensazione e Garanzia Cassa di Compensazione e Garanzia Istruzioni al Regolamento 10 novembre 2014 Le disposizioni concernenti il servizio di compensazione e garanzia per il comparto X- COM entreranno in vigore in un momento

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI PARTE II Servizi di Monte Titoli

CONDIZIONI GENERALI PARTE II Servizi di Monte Titoli CONDIZIONI GENERALI PARTE II Servizi di Monte Titoli 1. - Definizioni 1.1 I termini con la lettera iniziale maiuscola impiegati nelle presenti Condizioni Generali Parte II si intendono usati salvo diversa

Dettagli

La negoziazione di strumenti finanziari non si esaurisce con l esecuzione di contratti sul

La negoziazione di strumenti finanziari non si esaurisce con l esecuzione di contratti sul LE NOVITA NEL SISTEMA DI POST-TRADING Le Novità nel sistema di post-trading La negoziazione di strumenti finanziari non si esaurisce con l esecuzione di contratti sul mercato tramite l abbinamento di ordini

Dettagli

Cassa di Compensazione e Garanzia. Istruzioni al Regolamento

Cassa di Compensazione e Garanzia. Istruzioni al Regolamento Cassa di Compensazione e Garanzia Istruzioni al Regolamento 16 Novembre 2015 INDICE SEZIONE A DISPOSIZIONI GENERALI... 5 Articolo A.1.1.1 Definizioni... 5 SEZIONE B SISTEMA A CONTROPARTE CENTRALE... 9

Dettagli

B.I.P. ON-LINE INTERNET BANKING

B.I.P. ON-LINE INTERNET BANKING Aggiornato al 17/10/2013 N release 0008 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

Monte Titoli Regolamento del servizio di gestione accentrata e delle attività connesse e strumentali

Monte Titoli Regolamento del servizio di gestione accentrata e delle attività connesse e strumentali Monte Titoli Regolamento del servizio di gestione accentrata e delle attività connesse e strumentali Le modifiche entreranno in vigore all atto della migrazione a T2S 1 INDICE TITOLO I - DEFINIZIONI E

Dettagli

Corrispettivi per il sistema di garanzia a controparte centrale

Corrispettivi per il sistema di garanzia a controparte centrale Corrispettivi per il sistema di garanzia a controparte centrale In vigore dal 21 gennaio 2013 Sommario 1. QUOTE ANNUE DI ADESIONE...3 2. GARANZIE DEPOSITATE...3 2.1. COMMISSIONI SU TITOLI DEPOSITATI A

Dettagli

Prima di scegliere e firmare il contratto è quindi necessario leggere attentamente il foglio informativo.

Prima di scegliere e firmare il contratto è quindi necessario leggere attentamente il foglio informativo. INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI MARCON VENEZIA Società Cooperativa Sede legale ed amministrativa: Piazza Municipio, 22-30020 MARCON (VE) Telefono 041.5986111 - Fax 041.5952770

Dettagli

Servizio ExtraMoneyTransfer

Servizio ExtraMoneyTransfer FOGLIO INFORMATIVO relativo a: INFORMAZIONI SULLA BANCA EXTRABANCA S.p.A. Servizio ExtraMoneyTransfer Via Pergolesi, 2/A - 20124 - MILANO n. telefono e fax: 02 27727610 fax 02 39190750 email: contatti@extrabanca.eu

Dettagli

L esperienza del Consorzio Operativo Gruppo Monte dei Paschi di Siena

L esperienza del Consorzio Operativo Gruppo Monte dei Paschi di Siena SPIN 2006 Roma, 16 giugno Il Business case per ISO 20022 L esperienza del Consorzio Operativo Gruppo Monte dei Paschi di Siena Gloriana Dall Oglio CONSORZIO OPERATIVO GRUPPO MPS Divisione ICT - Direzione

Dettagli

CONTO CORRENTE DI BASE PENSIONATI CON OPERATIVITA LIMITATA

CONTO CORRENTE DI BASE PENSIONATI CON OPERATIVITA LIMITATA Aggiornato al 27/08/2014 N release 0005 Pagina 1 di 7 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: Forma giuridica: Sede legale e amministrativa: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Società per

Dettagli

CONTO CORRENTE DI BASE PENSIONATI L. 214/2011

CONTO CORRENTE DI BASE PENSIONATI L. 214/2011 Aggiornato al 27/08/2014 N release 0005 Pagina 1 di 7 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: Forma giuridica: Sede legale e amministrativa: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Società per

Dettagli

Foglio informativo CONTO CUSTODY

Foglio informativo CONTO CUSTODY Pagina 1/10 Foglio informativo CONTO CUSTODY Informazioni sulla Banca Credit Suisse (Italy) S.p.A. Capogruppo del Gruppo Credit Suisse (Italy) Sede Sociale e amministrativa Via Santa Margherita, 3 I 20121

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI PREMESSE La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento Europeo

Dettagli

Carta Conto FOGLIO INFORMATIVO. Aggiornato al 1 gennaio 2015

Carta Conto FOGLIO INFORMATIVO. Aggiornato al 1 gennaio 2015 BANCA PRIVATA INDIPENDENTE FONDATA NEL 1888 FOGLIO INFORMATIVO Carta Conto Aggiornato al 1 gennaio 2015 (D.Lgs 1/9/93 n.385 Titolo VI, deliberazione CICR 4/3/2003 e relative disposizioni di attuazione)

Dettagli

Foglio Informativo Bonifico. NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (D.LGS 385 DEL 01/09/1993 e successivi aggiornamenti)

Foglio Informativo Bonifico. NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (D.LGS 385 DEL 01/09/1993 e successivi aggiornamenti) Pagina 13-07-01 NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (D.LGS 385 DEL 01/09/1993 e successivi aggiornamenti) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI IMOLA S.p.A. GRUPPO BANCARIO CASSA

Dettagli

Sezione I - INFORMAZIONI SULLA BANCA

Sezione I - INFORMAZIONI SULLA BANCA Sezione I - INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: Banca di Bologna Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede legale e amministrativa: Piazza Galvani, 4 40124 Bologna Telefono: 051/6571111

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CARTACONTOIBL

FOGLIO INFORMATIVO CARTACONTOIBL CARTACONTOIBL NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO ISTITUTO BANCARIO DEL LAVORO S.P.A. - IBL BANCA Sede sociale in Roma Via Campo

Dettagli

NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (D.LGS 385 DEL 01/09/1993 e successivi aggiornamenti) INFORMAZIONI SULLA BANCA

NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (D.LGS 385 DEL 01/09/1993 e successivi aggiornamenti) INFORMAZIONI SULLA BANCA Pagina 13-07-01 NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (D.LGS 385 DEL 01/09/1993 e successivi aggiornamenti) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI LUCCA E DEL TIRRENO S.p.A. - GRUPPO

Dettagli

2 LE CARATTERISTICHE DI SICUREZZA 1 COSA E UNIWEB

2 LE CARATTERISTICHE DI SICUREZZA 1 COSA E UNIWEB UniWeb Il nostro sistema di servizi di electronic banking disponibile direttamente via Internet Contents 1. COSA E UNIWEB 2. LE CARATTERISTICHE DI SICUREZZA 3. LE SOLUZIONI COMMERCIALI 3.1. Le operativita

Dettagli

SERVIZI PER LA GESTIONE DELLA LIQUIDITA OFFERTA CASH MANAGEMENT. Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Settembre 2011

SERVIZI PER LA GESTIONE DELLA LIQUIDITA OFFERTA CASH MANAGEMENT. Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Settembre 2011 SERVIZI PER LA GESTIONE DELLA LIQUIDITA OFFERTA CASH MANAGEMENT Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Settembre 2011 1 Le banche cercano di orientare i risparmiatori verso quei conti correnti

Dettagli

Foglio Informativo Bonifico. NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (D.LGS 385 DEL 01/09/1993 e successivi aggiornamenti)

Foglio Informativo Bonifico. NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (D.LGS 385 DEL 01/09/1993 e successivi aggiornamenti) Pagina 13-07-01 NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (D.LGS 385 DEL 01/09/1993 e successivi aggiornamenti) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.p.A. GRUPPO

Dettagli

2. CHI PUÒ PARTECIPARE

2. CHI PUÒ PARTECIPARE New MIC - Mercato Interbancario Collateralizzato: come partecipare Il presente documento, redatto da e-mid SIM Spa e CC&G, ha esclusivamente finalità illustrative. La normativa che disciplina il New MIC

Dettagli

Monte Titoli Istruzioni Servizio Express II Liquidazione Netta

Monte Titoli Istruzioni Servizio Express II Liquidazione Netta Monte Titoli Istruzioni Servizio Express II Liquidazione Netta 26a g o s t o 2013 I N D I C E 1 PREMESSA... 3 2 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO... 7 3 CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO... 8 3.1 STRUMENTI FINANZIARI

Dettagli

CONTO CORRENTE DI BASE PER CONSUMATORI L. 214/2011

CONTO CORRENTE DI BASE PER CONSUMATORI L. 214/2011 Aggiornato al 25/09/2013 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: Forma giuridica: Sede legale e amministrativa: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Società per

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CONTO DEPOSITO INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE TASSI

FOGLIO INFORMATIVO CONTO DEPOSITO INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE TASSI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di San Marzano di San Giuseppe Taranto - Società Cooperativa Via Vittorio Emanuele s.n. 74020 San Marzano di San Giuseppe (Taranto) Tel.: 099.9577411

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI. Deposit@

FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI. Deposit@ FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Deposit@ INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE ED AMMINISTRATIVA IN BOLOGNA: Piazza della

Dettagli

Foglio informativo relativo al Conto Corrente Credit Suisse

Foglio informativo relativo al Conto Corrente Credit Suisse Foglio Informativo n 3 valido dal 1 Giugno 2015 Pagina 1/10 Foglio informativo relativo al Conto Corrente Credit Suisse Informazioni sulla Banca Credit Suisse (Italy) S.p.A. Capogruppo del Gruppo Credit

Dettagli

CROSS MARGIN CONTROL Il Presidio della Tecnologia nel Gruppo Borsa Italiana

CROSS MARGIN CONTROL Il Presidio della Tecnologia nel Gruppo Borsa Italiana CROSS MARGIN CONTROL Il Presidio della Tecnologia nel Gruppo Borsa Italiana 2 BIt Systems si inserisce nella catena del valore dei servizi offerti concentrandosi sulle competenze ICT applicate alle esigenze

Dettagli

ICT e sicurezza delle transazioni a servizio dell evoluzione dei sistemi di supporto alla gestione del circolante

ICT e sicurezza delle transazioni a servizio dell evoluzione dei sistemi di supporto alla gestione del circolante ICT e sicurezza delle transazioni a servizio dell evoluzione dei sistemi di supporto alla gestione del circolante Claudio Mauro Direttore RA Computer S.p.A. SIA Milano, 4 Dicembre 2012 SIA Verso il futuro:

Dettagli

QUANTO PUÒ COSTARE IL CONTO CORRENTE. Indicatore Sintetico di Costo (ISC)

QUANTO PUÒ COSTARE IL CONTO CORRENTE. Indicatore Sintetico di Costo (ISC) Questo conto è adatto al profilo: Giovani. INFORMAZIONI SULLA BANCA CENTROMARCA BANCA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa - Iscritta all albo delle Società Cooperative n. A166229 Sede legale: via D.

Dettagli

Il sistema di regolamento lordo europeo TARGET2 e il progetto TARGET2-Securities

Il sistema di regolamento lordo europeo TARGET2 e il progetto TARGET2-Securities Il sistema di regolamento lordo europeo TARGET2 e il progetto TARGET2-Securities Flavia Perone Giuseppe Marino Servizio Sistema dei Pagamenti Struttura del sistema TARGET paesi in NL UK 151 TOP 16 CHAPS

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CONTO SPREAD INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO

FOGLIO INFORMATIVO CONTO SPREAD INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di San Marzano di San Giuseppe Taranto - Società Cooperativa Via Vittorio Emanuele s.n. 74020 San Marzano di San Giuseppe (Taranto) Tel.: 099.9577411

Dettagli

UniWeb. Il nostro sistema di servizi di electronic banking disponibile direttamente via Internet

UniWeb. Il nostro sistema di servizi di electronic banking disponibile direttamente via Internet UniWeb Il nostro sistema di servizi di electronic banking disponibile direttamente via Internet Contents 1. COSA E UNIWEB 2. LE CARATTERISTICHE DI SICUREZZA 3. LE SOLUZIONI COMMERCIALI 3.1. Le operativita

Dettagli

Foglio Informativo BONIFICI NAZIONALI E BONIFICI ESTERI

Foglio Informativo BONIFICI NAZIONALI E BONIFICI ESTERI Informazioni sulla banca Denominazione e forma giuridica: BANCA DEL SUD S.p.A. Sede legale e amministrativa: VIA CALABRITTO, 20-80121 NAPOLI Recapiti (telefono e fax): 0817976411, 0817976402 Sito internet:

Dettagli

Foglio informativo conto rapporti bancari consulenza

Foglio informativo conto rapporti bancari consulenza Pagina 1/12 Foglio informativo conto rapporti bancari consulenza CS Invest Informazioni sulla Banca Credit Suisse (Italy) S.p.A. Capogruppo del Gruppo Credit Suisse (Italy) Sede Sociale e amministrativa

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Remote Banking TELEMACO

FOGLIO INFORMATIVO. Remote Banking TELEMACO FOGLIO INFORMATIVO Remote Banking TELEMACO INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi e/o registri Iscritta all Albo delle Banche (n.5350) e all Albo dei Gruppi bancari

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CLERO - C.E.I. PER CLIENTE NON CONSUMATORE INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS'È IL CONTO CORRENTE CONDIZIONI ECONOMICHE

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CLERO - C.E.I. PER CLIENTE NON CONSUMATORE INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS'È IL CONTO CORRENTE CONDIZIONI ECONOMICHE INFORMAZIONI SULLA BANCA CENTROMARCA BANCA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa - Iscritta all albo delle Società Cooperative n. A166229 Sede legale: via D. Alighieri, 2-31022 Preganziol (TV) Tel: 0422/6316

Dettagli

CONTO CORRENTE SCUDO FISCALE

CONTO CORRENTE SCUDO FISCALE FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE SCUDO FISCALE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Sistema S.p.A. Sede legale e amministrativa Corso Monforte, 20-20122 Milano Telefono +39 02 802801 - Fax +39 02 72093979 Codice

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO AI SENSI DELLA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI TRASPARENZA (delibera CICR 04.03.2003 e istruzioni di vigilanza della Banca d Italia)

FOGLIO INFORMATIVO AI SENSI DELLA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI TRASPARENZA (delibera CICR 04.03.2003 e istruzioni di vigilanza della Banca d Italia) Funzionalità Informative Pull N 04 FOGLIO INFORMATIVO AI SENSI DELLA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI TRASPARENZA (delibera CICR 04.03.2003 e istruzioni di vigilanza della Banca d Italia) SIMPLY BANCOPOSTA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 3q Servizi Telematici CRVONLINE PRIVATI offerto ai consumatori

FOGLIO INFORMATIVO. 3q Servizi Telematici CRVONLINE PRIVATI offerto ai consumatori Pagina 1/5 FOGLIO INFORMATIVO 3q Servizi Telematici CRVONLINE PRIVATI offerto ai consumatori Servizio offerto a chi desidera un canale Internet per l esecuzione di operazioni a carattere informativo e

Dettagli

COMUNICATO (30 DICEMBRE 2010)

COMUNICATO (30 DICEMBRE 2010) COMUNICATO (30 DICEMBRE 2010) AI PARTECIPANTI: AL SISTEMA DI GARANZIA A CONTROPARTE CENTRALE AI SISTEMI DI LIQUIDAZIONE E ATTIVITA ACCESSORIE Oggetto: Introduzione del sistema di compensazione e garanzia

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 3q2b - Servizi Telematici CRVONLINE PRIVATI collegato al conto corrente Qui per te Giovani

FOGLIO INFORMATIVO. 3q2b - Servizi Telematici CRVONLINE PRIVATI collegato al conto corrente Qui per te Giovani Pagina 1/5 FOGLIO INFORMATIVO 3q2b - Servizi Telematici CRVONLINE PRIVATI collegato al conto corrente Qui per te Giovani Servizio offerto a chi desidera un canale Internet per l esecuzione di operazioni

Dettagli

Cassa di Compensazione e Garanzia. Corrispettivi per il sistema di garanzia a controparte centrale

Cassa di Compensazione e Garanzia. Corrispettivi per il sistema di garanzia a controparte centrale Cassa di Compensazione e Garanzia Corrispettivi per il sistema di garanzia a controparte centrale In vigore dall 1 aprile 2015 Sommario 1. QUOTE ANNUE DI ADESIONE... 34 1.1 COMPARTI AZIONARIO E DERIVATI

Dettagli

E-BANKING ONBANK/CORPORATE BANKING INTERBANCARIO

E-BANKING ONBANK/CORPORATE BANKING INTERBANCARIO Il presente foglio informativo non costituisce offerta al pubblico ai sensi dell art. 1336 Cod.Civ. E-BANKING ONBANK/CORPORATE BANKING INTERBANCARIO Sezione I - Informazioni sulla Banca Cassa Rurale di

Dettagli