Eredità e Polimorfismo in Java

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Eredità e Polimorfismo in Java"

Transcript

1 Eredità e Polimorfismo in Java Corso di Linguaggi di Programmazione ad Oggetti 1 A.A. 2003/04 A cura di

2 Definizione di Classe Java è un linguaggio object-oriented per cui il costrutto fondamentale è quello di classe: public class MyClass { // definizione di dati membro: // slot e metodi La definizione dei dati membro (slot e metodi) va fattadentro la definizione di classe

3 L oggetto this Per accedere ai dati membro di una classe agendo sull oggetto corrente di una classe si usa la parola chiave this public class MyClass { private int var; public void mymethod(int var) { this.var = var ;

4 Classi e Tipi Primitivi Oltre al costrutto di classe, in Java sono stati definiti 8 tipi primitivi suddivisi nelle seguenti categorie: Logici Numeri interi Numeri in virgola mobile Caratteri

5 Tipi Primitivi Logici boolean Numeri interi byte short int long Numeri in virgola mobile float double Caratteri char

6 Tipi Primitivi: Esempio public static void main(string args[]){ int i = 10 ; char c ; if (i > 0) { c = 'M' ; else c = 'm' ;

7 Tipi Primitivi e Classi Wrapper I tipi primitivi Java non godono delle stesse proprietà delle classe: NON hanno slot e metodi associati NON hanno costruttori Per poter gestire i tipi primitivi come oggetti, sono state definite e implementate apposite classi: le classi Wrapper (del package java.lang)

8 Classi Wrapper Esisteuna classewrapper per ogni tipo primitivo: boolean Boolean byte Byte short Short int Integer long Long float Float double Double char Character

9 Classi Wrapper: Esempio class Integer public Integer(int value) Integer i = new Integer(10) ; public int intvalue() int j = i.intvalue() ; public int compareto(integer anotherinteger) Integer k = new Integer(15) ; i.compareto(k) ;

10 Classi e Interfacce Oltre al costrutto di classe, Java introduce il costruttodi Interfaccia Le interfacce Java (interface) contengono definizioni di costanti e metodi astratti Le costanti devono necessariamente essere inizializzate I metodi sono tutti astratti

11 Classi e Interfacce Per indicare che una classeincorpora il comportamento di una data interfaccia si usa la parola chiave implements Le classi possono implementare una o più interfacce

12 Classi e Interfacce: Esempio public interface MyInterface { int maxdim = 100 ; boolean isfull() ; public class MyClass implements MyInterface { private int dim ; public boolean isfull() { return dim = maxdim ;

13 Classi e Interfacce Un caso particolare di interfacce sono le Marker Interface Tali interfacce non dichiarano al proprio interno nessun metodo (sono vuote) Il loro scopo è quello di marcare le classi che le implementano

14 Classi e Interfacce: Esempio public interface Cloneable Una classe implementa l interfaccia Cloneable per indicare che è possibile clonare tale oggetto, ovvero che si può sovrascrivere il metodo clone() della classe Object.

15 Convenzione sui Nomi In Java, per omogeneità verso le classi standard e verso il codice scritto da altri, è consigliabile usare la seguente convenzione sull iniziale dei nomi e sulle parole composte: Classi Interfacce Dati membro Oggetti Tipi primitivi Iniziale maiuscola Iniziale maiuscola Iniziale minuscola Iniziale minuscola Iniziale minuscola MyClass MyInterface aslot amethod() anobject anint

16 Nota sui Nomi delle Interfacce Anche se non esiste una convenzione esplicita, solitamente i nomi delle interfacce terminano con il post-fisso able Tale post-fissostaad indicare che l interfaccia, di fatto, definisce una proprietà

17 Costruttori Analogamente al C++, anche in Java esistono i costruttori Analogamente al C++, anche in Java i costruttori hanno lo stessonome della classe Per creare una nuova istanza di un oggetto bisogna obbligatoriamente invocare una new: obj = new MyClass() ;

18 Costruttori: Esempio public class MyClass { public MyClass() { // costruttore senza parametri public MyClass(Object anobject) { // costruttore con parametri

19 Distruttori In Java non esistono distruttori E compito del Garbage Collector distruggere gli oggetti non più referenziati E possibile forzare il Garbage Collector invocando il metodo finalize( ) della classe Object

20 Catene di eredità In Java tutte le classi derivano, in maniera diretta o indiretta, da una classe comune: Object

21 Catene di eredità: Esempio Object ---Number ---Double ---Integer ---Boolean ---Character

22 Eredità singola: Classi In Java l eredità è singola Ogni classepuò ereditare solamenteda un altra classe Per indicare che una classe eredita da un altra classe si usa la parola chiave extends

23 Eredità singola: Esempio public class Derived extends Base { // corpo della classe Derived La seguente istruzione è implicita e può essere omessa: public class MyClass extends Object { // corpo della classe MyClass

24 Eredità multipla: Interfacce Per le interfacce l eredità è multipla Un interfaccia può ereditare ilcomportamento di una o più interfacce Per indicare che un interfaccia eredita da un altra interfaccia si usala parola chiave extends

25 Eredità Multipla: Esempio public interface Derivable extends IBase1, IBase2 { // definizione dell interfaccia // Derivable

26 Nota sull Eredità Una classe può ereditare da una sola superclasse ma può implementare più interfacce cosìfacendo Java stain qualche modo rendendo possibile una forma di eredità multipla.

27 Eredità: Esempio public class Derived extends Base implements IBase1, IBase2 { // implementazione della classe

28 Eredità L eredità in Java è sempre pubblica Non è infatti possibile, come ad esempio in C++, stabilire metodi più sofisticati di eredità

29 L oggetto super Per accedere ai dati membro di una superclasse, si usa la parola chiave super public class Base { public Object obj ; public class Derived extends Base{ public Object obj ; public void mymethod( ) { super.obj = ;

30 Eredità: Costruttori Nella catena di ereditàvengono ereditati anche i costruttori. Nel casoin cui il costruttore venga ridefinito nella classederivata, è comunque possibile accedere al costruttore della classe madre usando il costruttosuper(...) con gli eventuali parametri.

31 Eredità: Costruttori La prima istruzione che viene eseguita implicitamente quando viene invocato un costruttore è l istruzione super( ), ovvero il costruttore senza parametri della classe base. Il richiamo esplicito di un costruttore della classe base con il costrutto super( ) (con o senza parametri) deve essere fatto come prima istruzione del costruttore.

32 Eredità: Esempio public class Base { public Base() { public Base(int var) { public class Derived extends Base { public Derived() { super() ;

33 Eredità: Esempio public class Base { public Base() { public Base(int var) { public class Derived extends Base { public Derived(int var) { super(var) ;

34 Modificatori di Accesso I dati membro possono avere uno di quattro livelli di accesso: private protected public default Va indicato nella dichiarazione della variabile o del metodo Se non è esplicitamente indicato si intende il livello di default

35 Modificatori di Accesso: Esempio public class Base { private String privateslot ; protected void protectedmethod() {... public class Derived extends Base { public void publicmethod() { this.privateslot ; // NO!!! this.protectedmethod() ; // YES!!!

36 Modificatori di Accesso: Esempio public class AClass { private String privateslot ; public void publicmethod() { public class AnotherClass { public void publicmethod() { AClass obj = new AClass() ; obj.privateslot ; // NO!!! obj.publicmethod() ; // YES!!!

37 Eredità e Modificatori di Accesso In Java l ereditarietà è sempre pubblica Nell overriding dei metodi è comunque possibile modificare il modificatore di accesso La modifica è possibile solamente nella direzione di un aumento della visibilità. Non è invece consentito l occultamento del dato

38 Overriding: Esempio public class Base { protected protectedmethod() { public publicmethod() { public class Derived { public protectedmethod(){ // YES!!! private publicmethod(){ // NO!!!

39 Polimorfismo parametric universal inclusion polymorphism overloading ad-hoc coercion

40 Polimorfismo Universale: per Inclusione Gli oggetti possono manifestare un comportamento polimorfo risalendo la catena di eredità Per creare il metodo più generico possibile basterà passare come parametro un oggetto di classeobject Se si vuole che un metodo restituisca un oggettoil più generico possibile basterà restituire un oggetto di classe Object

41 Polimorfismo per Inclusione: Esempio public class Stack { public Object[] buffer ; public void push(object obj) { public Object top() {

42 Polimorfismo Universale: per Genericità Nella versione beta sono stati introdotti i Generics Dedicheremo un intera lezione all argomento (20 Maggio 2004)

43 Polimorfismo Ad-Hoc: Overloading Un metodo può essere sovraccaricato per manifestare diversi comportamenti I metodi di cui si fa l overlaoding devono essere distinguibili per numero e/o tipi di parametri passati in ingresso NON è possibile che due metodi differiscano solamente per il tipo restituito

44 Overloading: Esempio public class MyClass { public void mymethod() { public void mymethod(obj obj) { public void mymethod(obj obj, int v) {

45 Polimorfismo Ad-Hoc: Overloading Anche i costruttori possono essere sovraccaricati Per richiamare un costruttore dentro un altro costruttore si usa il costrutto this( ) con i relativi parametri Questomeccanismo può ovviare alla mancanza dei parametri di default

46 Overloading: Esempio public class MyClass { public void MyClass(int a, int b) { public void MyClass () { this(0,0) ;

47 Polimorfismo Ad-Hoc: Overloading In Java non è possibile fare l overloading degli operatori Faeccezione la ridefinizione dell operatore + nella classe String che permette la concatenazione di stringhe di caratteri

48 Polimorfismo Ad-Hoc: Coercion Sui tipi primitivi si ha la coercion implicita : double y ; int x ; System.out.println(x+y) ; >> 42.0

49 Polimorfismo Ad-Hoc: Coercion Per quanto riguarda gli oggetti si ha: up-casting implicito down-casting esplicito

50 Coercion: Esempio Upcasting implicito: public class MyClass { public void push(object o) { [ ] [ ] Integer aninteger = new Integer(10); MyClass mc = new MyClass() ; mc.push(aninteger) ;

51 Coercion: Esempio Downcasting esplicito: public class MyClass { public void push(integer i) { [ ] [ ] Object anobject = new Object(); Integer aninteger = new Integer(10); anobject = aninteger ; MyClass mc = new MyClass() ; mc.push((integer) anobject) ;

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 22 settembre 2014. Negli esercizi proposti si utilizzano le seguenti classi:

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 22 settembre 2014. Negli esercizi proposti si utilizzano le seguenti classi: Cognome................................ Nome................................... Matricola............................... Programmazione Prova scritta del 22 settembre 2014 TEMPO DISPONIBILE: 2 ore Negli

Dettagli

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 11 luglio 2014

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 11 luglio 2014 Cognome................................ Nome................................... Matricola............................... Programmazione Prova scritta del 11 luglio 2014 TEMPO DISPONIBILE: 2 ore Negli esercizi

Dettagli

STRINGHE IN JAVA In Java, le stringhe non sono pezzi di memo-ria con dentro dei caratteri, come in C: sono oggetti appartenenti alla classe

STRINGHE IN JAVA In Java, le stringhe non sono pezzi di memo-ria con dentro dei caratteri, come in C: sono oggetti appartenenti alla classe STRINGHE IN JAVA In Java, le stringhe non sono pezzi di memo-ria con dentro dei caratteri, come in C: sono oggetti appartenenti alla classe String Una stringa Java rappresenta uno specifico valore e come

Dettagli

Proprietà delle Classi e degli Oggetti in Java

Proprietà delle Classi e degli Oggetti in Java Fondamenti di Informatica Proprietà delle Classi e degli Oggetti in Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Proprietà object-oriented di Java Definendo le caratteristiche e le operazioni di

Dettagli

public BankAccount() { balance = 0; } public BankAccount(double initialbalance) { balance = initialbalance; }

public BankAccount() { balance = 0; } public BankAccount(double initialbalance) { balance = initialbalance; } Il Linguaggio Java Le interfacce La classe BankAccount public class BankAccount { public BankAccount() { balance = 0; public BankAccount(double initialbalance) { balance = initialbalance; public void deposit(double

Dettagli

Uso di metodi statici. Walter Didimo

Uso di metodi statici. Walter Didimo Uso di metodi statici Walter Didimo Metodi di istanza Fino ad ora abbiamo imparato a creare oggetti e ad invocare metodi su tali oggetti i metodi venivano eseguiti dagli oggetti un metodo invocato su un

Dettagli

Principi di Progettazione del Software. Principi di Progettazione del Software a.a

Principi di Progettazione del Software. Principi di Progettazione del Software a.a Principi di Progettazione del Software a.a. 2016-2017 Fondamenti di Java Ing. Principi di Progettazione del Software https://twitter.com/rvergallo 2 1 Obiettivi della lezione Introduzione alla programmazione

Dettagli

Utilizza i tipi di dati comuni a tutto il framework.net Accesso nativo ai tipi.net (C# è nato con.net) Concetti fondamentali:

Utilizza i tipi di dati comuni a tutto il framework.net Accesso nativo ai tipi.net (C# è nato con.net) Concetti fondamentali: 1 Tipi di dati 1 Tipi di dati Utilizza i tipi di dati comuni a tutto il framework.net Accesso nativo ai tipi.net (C# è nato con.net) Concetti fondamentali: Tutto è un oggetto Tutto eredita implicitamente

Dettagli

Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList

Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList 1 ArrayList! Abbiamo detto che gli array non possono cambiare la propria dimensione: il numero di elementi contenuti viene stabilito al momento della creazione

Dettagli

Oggetti e classi. Cos è un oggetto

Oggetti e classi. Cos è un oggetto Oggetti e classi Cos è un oggetto Basta guardarsi intorno per scoprire che il mondo reale è costituito da oggetti: libri, biciclette, giocattoli, ma anche ragazzi, bambini, fiori, gatti, cani, fiumi, montagne,

Dettagli

IL CONCETTO DI CLASSE

IL CONCETTO DI CLASSE IL CONCETTO DI CLASSE Una CLASSE riunisce le proprietà di: componente software: può essere dotata di suoi propri dati / operazioni moduli: riunisce dati e relative operazioni, fornendo idonei meccanismi

Dettagli

Classi Wrapper. int Integer float Float char Char byte Byte double Double. classe "wrapper"

Classi Wrapper. int Integer float Float char Char byte Byte double Double. classe wrapper 1 Classi Wrapper classe "wrapper" int Integer float Float char Char byte Byte double Double Generano oggetti che hanno come variabile di istanza un tipo di dato primitivo con nome uguale Integer int Float

Dettagli

Programmazione Java: Polimorfismo

Programmazione Java: Polimorfismo Programmazione Java: Polimorfismo romina.eramo@univaq.it http://www.di.univaq.it/romina.eramo/tlp Roadmap Polimorfismo» Upcasting» Selezione dei metodi» Comportamento dei metodi polimorfi dentro i costruttori»

Dettagli

Java Native Interface Appunti

Java Native Interface Appunti Java Native Interface Appunti Riccardo Rizzo 1/8 Introduzione L'uso delle Java Native Interface e' giustificato tutte quelle volte che una applicazione non puo' essere scritta interamente in Java. Per

Dettagli

Gerarchia di classi Java 1

Gerarchia di classi Java 1 Costruttori della sottoclasse Gerarchia di classi Java Parte 2 Corso di laurea in Comunicazione digitale I costruttori non vengono ereditati, non essendo membri di classe Vengono definiti esplicitamente

Dettagli

Laboratorio di programmazione

Laboratorio di programmazione Laboratorio di programmazione Lezione VIII Tatiana Zolo tatiana.zolo@libero.it 1 PROGRAMMAZIONE A OGGETTI Quando si programma a oggetti si scompone il problema in sottogruppi di parti collegate che tengono

Dettagli

IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale

IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale Fondamenti di Informatica IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Lettura di dati da input In Java la lettura di dati da input

Dettagli

Linguaggi ad oggetti (object oriented) LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE: PARADIGMI DI PROGRAMMAZIONE. Programmazione ad oggetti

Linguaggi ad oggetti (object oriented) LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE: PARADIGMI DI PROGRAMMAZIONE. Programmazione ad oggetti LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE: PARADIGMI DI PROGRAMMAZIONE Anno Accademico 2000-2001 Alberto Martelli Programmazione ad Oggetti Parte I Linguaggi ad oggetti (object oriented) I linguaggi di programmazione

Dettagli

Synchronized (ancora)

Synchronized (ancora) Synchronized (ancora) Riscriviamo l esempio di prima. Usiamo una struttura modulare, con una classe Notificatore che ha opportuni metodi. La classe ha due campi privati, la lista buftext e un suo thread.

Dettagli

Ereditarietà e Polimorfismo

Ereditarietà e Polimorfismo Ereditarietà e Polimorfismo Riusare il software A volte si incontrano classi con funzionalità simili In quanto sottendono concetti semanticamente vicini È possibile creare classi disgiunte replicando le

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica I

Corso di Fondamenti di Informatica I Corso di Fondamenti di Informatica I Generics in Java Fabio Patrizi, Silvia Bonomi Dipartimento di Ingegneria Informatica, Automatica e Gestionale Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e

Dettagli

Il linguaggio Java. La superclasse universale Object

Il linguaggio Java. La superclasse universale Object Il linguaggio Java La superclasse universale Object La classe Object La classe Object è la superclasse, diretta o indiretta, di ogni classe La classe Object definisce lo stato ed il comportamento base

Dettagli

Le basi del linguaggio Java

Le basi del linguaggio Java Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Dispensa 10 Le basi del linguaggio Java Aprile 2010 Le basi del linguaggio Java 1 Prerequisiti Nozioni generali sulla sintassi e semantica del

Dettagli

Fondamenti di Informatica I

Fondamenti di Informatica I Sapienza Università di Roma, Facoltà di Ingegneria Corso di Fondamenti di Informatica I Canale 1 (A-K) Anno Accademico 2009-2010 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Docente: Camil Demetrescu Esercitatore:

Dettagli

Introduzione alla Programmazione in Java attraverso un esempio commentato

Introduzione alla Programmazione in Java attraverso un esempio commentato Corso di Studi in Informatica Programmazione 1 corso B prof. Elio Giovannetti Introduzione alla Programmazione in Java attraverso un esempio commentato Programmazione 1 B - a.a. 2002-03 53 Modello di memoria

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

Linguaggio Java: compendio sintattico

Linguaggio Java: compendio sintattico H Linguaggio Java: compendio sintattico Come nel resto del libro, in questo compendio sintattico usiamo un tipo di carattere equispaziato per le parole riservate del linguaggio Java, come while, e per

Dettagli

R. Focardi 2002 Laboratorio di Ingegneria del Software Slide 1. Applicazioni = programmi stand-alone

R. Focardi 2002 Laboratorio di Ingegneria del Software Slide 1. Applicazioni = programmi stand-alone Il linguaggio Java Nato nel maggio 95 (James Gosling & al.) Orientato ad oggetti, basato sulle classi, concorrente Fortemente tipato: distinzione chiara tra errori statici ed errori dinamici Ad alto livello:

Dettagli

Ingegneria del Software

Ingegneria del Software Ingegneria del Software Analisi Object Oriented ed Elementi di Programmazione OO Origini Le metodologie ad oggi nascono negli anni 70 ma si affermano solo nelgi anni 80 grazie alla nascita dei linguaggi

Dettagli

Prima lezione di laboratorio. I mattoni di base di un programma Java. Comandi Unix. Riassunto. Oggi. Un programma complicato.

Prima lezione di laboratorio. I mattoni di base di un programma Java. Comandi Unix. Riassunto. Oggi. Un programma complicato. I mattoni di base di un programma Java Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro/ mizzaro@dimi.uniud.it Programmazione, lezione 2 1 ottobre

Dettagli

Laboratorio di Programmazione Lezione 2. Cristian Del Fabbro

Laboratorio di Programmazione Lezione 2. Cristian Del Fabbro Laboratorio di Programmazione Lezione 2 Cristian Del Fabbro Prossima lezione GIOVEDÌ 29 OTTOBRE 14:00 Input da tastiera package input; import java.io.*; public class Input { public static void main(string[]

Dettagli

In questa lezione. Polimorfismo

In questa lezione. Polimorfismo In questa lezione Polimorfismo (in Java) Tipo statico e tipo dinamico dei reference Binding dinamico (late binding) Casting (Upcasting e Downcasting) Operatore instanceof Polimorfismo con Object Polimorfismo

Dettagli

Informatica I. Ingegneria Medica. Prof. Diego Salamon

Informatica I. Ingegneria Medica. Prof. Diego Salamon Informatica I Ingegneria Medica Prof. Diego Salamon Java: Classi e Oggetti Prof. Diego Salamon Metafore Classi e Oggetti sono un astrazione della realtà. I linguaggi orientati agli oggetti contengono livelli

Dettagli

INTRODUZIONE INTRODUZIONE JAVA JAVA

INTRODUZIONE INTRODUZIONE JAVA JAVA INTRODUZIONE INTRODUZIONE Lo sviluppo di applicazioni complesse porta a costruire moduli software sempre più potenti e versatili, che possano essere riutilizzati in numerosi progetti I linguaggi ad oggetti

Dettagli

Programmazione orientata agli oggetti Classi, package e file system. Package

Programmazione orientata agli oggetti Classi, package e file system. Package Programmazione orientata agli oggetti Classi, package e file system 1 Classi e file Java impone delle regole molto precise di corrispondenza tra classi e file In generale, le regole sono: Ogni classe deve

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti. Emilio Di Giacomo e Walter Didimo

Programmazione Orientata agli Oggetti. Emilio Di Giacomo e Walter Didimo Programmazione Orientata agli Oggetti Emilio Di Giacomo e Walter Didimo Una metafora dal mondo reale la fabbrica di giocattoli progettisti Un semplice giocattolo Impara i suoni Dall idea al progetto Toy

Dettagli

Programmazione a Oggetti e JAVA. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013

Programmazione a Oggetti e JAVA. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013 Programmazione a Oggetti e JAVA Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013 Sommario Variabili statiche Ereditarietà multipla Le interfacce Binding Esercizi Variabili statiche Se una variabile di una classe ha il

Dettagli

La programmazione ad oggetti: chiamate di metodi. Overloading. This

La programmazione ad oggetti: chiamate di metodi. Overloading. This ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE FERRARIS BRUNELLESCHI - EMPOLI Materia: INFORMATICA PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2015/2016 Classe IV C Informatica Proff. Fabio Ciao / Simone Calugi Libro di testo: Cloud B P.

Dettagli

Programmazione a oggetti e JAVA. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2011/2012

Programmazione a oggetti e JAVA. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2011/2012 Programmazione a oggetti e JAVA Prof. B.Buttarazzi A.A. 2011/2012 Sommario Variabili statiche Ereditarietà multipla Le interfacce Binding Esercizi Esercizio ContoCorrente Creare una classe ContoCorrente

Dettagli

Informatica 1 Tipi e dichiarazioni in C++ C++ - Tipi e dichiarazioni 1

Informatica 1 Tipi e dichiarazioni in C++ C++ - Tipi e dichiarazioni 1 Informatica 1 Tipi e dichiarazioni in C++ C++ - Tipi e dichiarazioni 1 Cosa è il C++ E un linguaggio di programmazione derivato dal C Può essere usato per modificare il SO Unix e i suoi derivati (Linux)

Dettagli

Definizione di una classe

Definizione di una classe Definizione di una classe ffl Creazione di una classe class LaMiaClasse {... ffl Creazione di una sottoclasse class LaMiaClasse extends LaMiaSuperClasse {... ffl Se la classe realizza una specifica interfaccia

Dettagli

7 - Programmazione procedurale: Dichiarazione e chiamata di metodi ausiliari

7 - Programmazione procedurale: Dichiarazione e chiamata di metodi ausiliari 7 - Programmazione procedurale: Dichiarazione e chiamata di metodi ausiliari Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa

Dettagli

OO puro. Primi concetti di Java. Tipi primitivi. Ogni cosa è un oggetto. Java è object-oriented puro Non come il C+ + (OO ibrido) Lorenzo Bettini

OO puro. Primi concetti di Java. Tipi primitivi. Ogni cosa è un oggetto. Java è object-oriented puro Non come il C+ + (OO ibrido) Lorenzo Bettini Primi concetti di Java Lorenzo Bettini OO puro Java è object-oriented puro Non come il C+ + (OO ibrido) Per compatibilità col C Ogni cosa è un oggetto Gli oggetti si manipolano tramite riferimenti String

Dettagli

La velocità di una carovana

La velocità di una carovana Programmazione A.A. 2002-03 I linguaggio Java ( Lezione X, Parte I ) Il primo programma Prof. Giovanni Gallo Dr. Gianluca Cincotti Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Catania e-mail

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Sommario Paradigma OO Incapsulamento Polimorfismo e Overloading Ereditarietà e Overriding Esercizi svolti Esercizi proposti Paradigma OO Le

Dettagli

LABORATORIO DI INFORMATICA: PROGRAMMAZIONE

LABORATORIO DI INFORMATICA: PROGRAMMAZIONE LABORATORIO DI INFORMATICA: PROGRAMMAZIONE DOMANDE PER LA SECONDA PROVA IN LABORATORIO Problema 1. È il software (ovvero le istruzioni che ordinano al calcolatore di eseguire azioni e di prendere decisioni)

Dettagli

Elementi lessicali. Lezione 4. La parole chiave. Elementi lessicali. Elementi lessicali e espressioni logiche. Linguaggi di Programmazione I

Elementi lessicali. Lezione 4. La parole chiave. Elementi lessicali. Elementi lessicali e espressioni logiche. Linguaggi di Programmazione I Lezione 4 Elementi lessicali e espressioni logiche Matricole 2-3 Elementi lessicali il linguaggio C ha un suo vocabolario di base i cui elementi sono detti token esistono 6 tipi di token: parole chiave

Dettagli

Keywords abstract default if private this boolean do implements protected throw extends null**

Keywords abstract default if private this boolean do implements protected throw extends null** Keywords abstract default if private this boolean do implements protected throw extends null** *boolean literals ** null literal break double import public throws byte else instanceof return transient

Dettagli

Lettura e scrittura di file di dati input/output

Lettura e scrittura di file di dati input/output Lettura e scrittura di file di dati input/output Lettura e scrittura da disco Molto semplice in C++: si fa esattamente come se fosse una tastiera (se sto leggendo da disco) o lo schermo (se sto scrivendo

Dettagli

La classe Object. L2-Linguaggi di Programmazione II-unina 1

La classe Object. L2-Linguaggi di Programmazione II-unina 1 La classe Object L2-Linguaggi di Programmazione II-unina 1 JAVA è dotata di una classe speciale, una classe cosmica, denominata Object Qualsiasi altra classe deriva da Object Object Una variabile di tipo

Dettagli

Programmazione in Java (I modulo)

Programmazione in Java (I modulo) Programmazione in Java (I modulo) Lezione 4 Variabili di tipo primitivo. Dichiarazione di costanti Conversioni di tipo: operatore cast Altri operatori di assegnamento Operazioni aritmetiche e di confronto

Dettagli

Corso di Programmazione a oggetti

Corso di Programmazione a oggetti Corso di Programmazione a oggetti Introduzione alla programmazione a oggetti aa 2014/2015 Francesco Fontanella La Programmazione Modulare Un programma può essere visto come un insieme di moduli che interagiscono

Dettagli

Sviluppo Applicazioni Mobile Lezione 11. Dr. Paolo Casoto, Ph.D - 2012

Sviluppo Applicazioni Mobile Lezione 11. Dr. Paolo Casoto, Ph.D - 2012 + Sviluppo Applicazioni Mobile Lezione 11 + Credits I lucidi di questa lezione sono stati preparati da: Professor Stefano Mizzaro Professor Paolo Coppola e sono stati modificati e completati dal Dr. Paolo

Dettagli

18 - Vettori. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo

18 - Vettori. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo 18 - Vettori Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://pages.di.unipi.it/milazzo milazzo di.unipi.it Corso di

Dettagli

Modificatori di visibilità

Modificatori di visibilità Modificatori di visibilità Attenzione nell overriding dei metodi: la restrizione di visibilità può essere allentata, ma mai resa più restrittiva. In particolare non si può ridefinire come privato un metodo

Dettagli

Esonero del corso di Programmazione a Oggetti

Esonero del corso di Programmazione a Oggetti Esonero del corso di Programmazione a Oggetti Roma, 1 dicembre 2005 Considerate le seguenti definizioni di classi e interfacce in Java: interface Fumetto{ void esclama(); void utile(); class Personaggio

Dettagli

Operazioni numeriche - Input

Operazioni numeriche - Input Operazioni numeriche - Input Espressioni, funzioni matematiche, classi involucro, Acquisizione di input 11/11/2004 Laboratorio di Programmazione - Luca Tesei 1 Operazioni fra interi e decimali In Java

Dettagli

24 - Possibili approfondimenti

24 - Possibili approfondimenti 24 - Possibili approfondimenti Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

INTRODUZIONE SOMMARIO JAVA INTRODUZIONE

INTRODUZIONE SOMMARIO JAVA INTRODUZIONE SOMMARIO Linguaggi ad oggetti: Java. Gestione dei programmi Java. Classi e oggetti: Costruttori. Protezione dati. Metodi pubblici. Overloading di metodi. Array. Ereditarietà. INTRODUZIONE Lo sviluppo di

Dettagli

Programmazione in Java. Indipendenza dalla piattaforma. Indipendenza dalla piattaforma. Autore: Roberto Fabbrica Diapo 1.

Programmazione in Java. Indipendenza dalla piattaforma. Indipendenza dalla piattaforma. Autore: Roberto Fabbrica Diapo 1. 1 Programmazione in Java Java è un linguaggio di programmazione orientato agli oggetti ed indipendente dalla piattaforma. Orientato agli oggetti: segue i paradigmi della programmazione orientata agli oggetti

Dettagli

Subtype Polymorphism. Conversioni di tipo. Conversioni di tipo. Subtyping. Conversioni di tipo. Interfacce e subtype polimorfismo

Subtype Polymorphism. Conversioni di tipo. Conversioni di tipo. Subtyping. Conversioni di tipo. Interfacce e subtype polimorfismo Subtype Polymorphism Interfacce e subtype polimorfismo Tipi, sottotipi e conversioni di tipo Polimorfismo e dinamic dispatch Conversioni di tipo Variabile: locazione con un tipo associato Tipo della variabile

Dettagli

Specifica: la sintassi. Specifica: la semantica. Specifica: la semantica

Specifica: la sintassi. Specifica: la semantica. Specifica: la semantica Tipi di dato e strutture dati Specifica e realizzazione di strutture informative come classi Che cos è un tipo di dato? Tutti i linguaggi di programmazione tipati forniscono tipi ed operatori predefiniti

Dettagli

Programmazione a Oggetti Lezione 10. Ereditarieta

Programmazione a Oggetti Lezione 10. Ereditarieta Programmazione a Oggetti Lezione 10 Ereditarieta Sommario Come definire sottoclassi Costruttori Abstract Classes Final Ereditarietà: promemoria Strumento tipico dell OOP per riusare il codice e creare

Dettagli

public double getlato() restituisce la lunghezza del lato del quadrato che esegue il metodo.

public double getlato() restituisce la lunghezza del lato del quadrato che esegue il metodo. Cognome................................ Nome................................... Matricola............................... Programmazione Prova scritta del 21 settembre 2015 TEMPO DISPONIBILE: 1 ora e 40

Dettagli

Nascita di Java. Che cos e Java? Caratteristiche di Java. Java: linguaggio a oggetti

Nascita di Java. Che cos e Java? Caratteristiche di Java. Java: linguaggio a oggetti Nascita di Java L uscita di Java, verso la metà degli anni novanta, fu accolta con molto entusiasmo dalla comunità dei programmatori e dei provider di servizi internet perché permetteva agli utenti del

Dettagli

Una classe Borsellino. Tipi numerici di base - Costanti. Esempio d uso. Classe Borsellino cont d. Primi passi per l implementazione di Purse

Una classe Borsellino. Tipi numerici di base - Costanti. Esempio d uso. Classe Borsellino cont d. Primi passi per l implementazione di Purse Una classe Borsellino Tipi numerici di base - Interi e decimali Definizione di costanti /** Realizza un borsellino per le monete. Registra il numero di monete e calcola il valore totale public class Purse

Dettagli

Oggetti Composti (1) Oggetti Composti (2)

Oggetti Composti (1) Oggetti Composti (2) Oggetti Composti () Negli esempi che abbiamo visto finora gli attributi delle classi erano variabili di tipo primitivo E però possibile definire come attributi dei riferimenti ad oggetti di qualche classe

Dettagli

Indice. Introduzione a tool per lo sviluppo e l'esecuzione di programmi in linguaggio Java. Compilazione ed esecuzione di un programma

Indice. Introduzione a tool per lo sviluppo e l'esecuzione di programmi in linguaggio Java. Compilazione ed esecuzione di un programma Indice Introduzione a tool per lo sviluppo e l'esecuzione di programmi in linguaggio Java Introduzione all ambiente di sviluppo - Compilazione ed esecuzione di un programma - Compilazione ed esecuzione

Dettagli

Errata Corrige di Manuale di Java 8

Errata Corrige di Manuale di Java 8 Errata Corrige di Manuale di Java 8 pag. 43 - par. 2.5.1 - primo riquadro che riporta linee di codice public class Punto { public Punto() //metodo costruttore { deve essere corretto come di seguito: public

Dettagli

Corso di Programmazione ad Oggetti

Corso di Programmazione ad Oggetti Corso di Programmazione ad Oggetti I Template a.a. 2008/2009 Claudio De Stefano 1 Programmazione generica E una tecnica di programmazione che permette di definire una classe di oggetti (o una funzione)

Dettagli

Classi Inner. Una Inner class è una classe la cui dichiarazione si trova all interno di un altra classe (La classe ospitante è detta top level):

Classi Inner. Una Inner class è una classe la cui dichiarazione si trova all interno di un altra classe (La classe ospitante è detta top level): Classi Inner Una Inner class è una classe la cui dichiarazione si trova all interno di un altra classe (La classe ospitante è detta top level): class A { class InnerA { // codice di InnerA // altro codice

Dettagli

Classi Oggetti public private this static static

Classi Oggetti public private this static static Programma Dott. Ing. Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA Uff. 0577233606 rigutini@dii.unisi.it http://www.dii.unisi.it/~rigutini/ Programma

Dettagli

Definizione di metodi

Definizione di metodi Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1 Dispensa 9 Definizione di metodi Carla Limongelli Novembre 2006 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf1/ Definizione di metodi 1 Contenuti

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Classi e Oggetti: Metafora Parte a versione 2.2 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina)

Dettagli

Java. Programmazione orientata agli oggetti

Java. Programmazione orientata agli oggetti Java Programmazione orientata agli oggetti Nella programmazione orientata agli oggetti (OOP), un applicazione consiste di una collezione di oggetti interagenti, ognuno dei quali comprende una struttura

Dettagli

Serializzazione Java. Serializzazione. Calendario esercitazioni e laboratori. Applicazioni della Serializzazione

Serializzazione Java. Serializzazione. Calendario esercitazioni e laboratori. Applicazioni della Serializzazione Calendario esercitazioni e laboratori 29 Marzo esercitazione 12 Aprile esercitazione 26 Aprile laboratorio (lab721) 2 Maggio laboratorio (lab721) 3 Maggio esercitazione 9 Maggio laboratorio (???) 17 Maggio

Dettagli

Riassunto. Rassegna API - 1. Scaletta. Package. package. import. Stefano Mizzaro 1. Programmazione strutturata TDA OO. OO in Java

Riassunto. Rassegna API - 1. Scaletta. Package. package. import. Stefano Mizzaro 1. Programmazione strutturata TDA OO. OO in Java Riassunto Rassegna API - 1 Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro mizzaro@dimi.uniud.it Programmazione, lezione 21 1 febbraio 2006

Dettagli

Introduzione. Java. Costruttore

Introduzione. Java. Costruttore Java inizializzazioni e pulizia G. Prencipe prencipe@di.unipi.it Introduzione Uno dei problemi principali nella programmazione è legato alla sicurezza Due principali aspetti di questo problema sono l inizializzazione

Dettagli

Programmazione, 4 a lezione

Programmazione, 4 a lezione Programmazione, 4 a lezione Eugenio Omodeo Dipartimento di Matematica e Informatica, Università degli Studi di Trieste. Trieste, 5.10.2010 Sintassi e Semantica Lessico Sintassi di dato primitivi di dato

Dettagli

Reflection in Java. Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2009-2010

Reflection in Java. Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2009-2010 Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2009-2010 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it Reflection in Java 1 Reflection Riflessione

Dettagli

Confronti, equals. Operatori Relazionali, confronti Confronti fra Oggetti, ridefinizione di equals. Laboratorio di Programmazione - Luca Tesei

Confronti, equals. Operatori Relazionali, confronti Confronti fra Oggetti, ridefinizione di equals. Laboratorio di Programmazione - Luca Tesei Confronti, equals Operatori Relazionali, confronti Confronti fra Oggetti, ridefinizione di equals 1 Operatori relazionali All interno delle parentesi tonde della condizione dell if è possibile, come abbiamo

Dettagli

Definizione di una classe

Definizione di una classe Classi Le istruzioni sono raggruppate per ottenere una medesima funzionalità (metodo). Le diverse funzionalità (metodi) relative a un oggetto sono raggruppate nella classe. La classe assegna un nome comune

Dettagli

Il Linguaggio Java. Classe. Classi ed oggetti

Il Linguaggio Java. Classe. Classi ed oggetti Il Linguaggio Java Classi ed oggetti Classe class BankAccount { public BankAccount() { balance = 0; public void deposit(double amount) { balance += amount; public void withdraw(double amount) { balance

Dettagli

Esercizi della lezione 5 di Java

Esercizi della lezione 5 di Java Esercizi della lezione 5 di Java Esercizio 5 Create il tipo di dato Counter dell Esercizio 1 come sottoclasse del tipo di dato SimpleCounter. Esercizio 1 Create un tipo di dato Counter che abbia: un valore

Dettagli

UnicastRemoteObject. Massimo Merro Programmazione di Rete 103 / 124

UnicastRemoteObject. Massimo Merro Programmazione di Rete 103 / 124 UnicastRemoteObject Java RMI fornisce diverse classi base per definire server remoti: UnicastRemoteObject < RemoteServer < RemoteObject dove A < B significa che A è una sottoclasse di B. UnicastRemotObject

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica Il sistema dei tipi in C++

Corso di Fondamenti di Informatica Il sistema dei tipi in C++ Corso di Fondamenti di Informatica Il sistema dei tipi in C++ Anno Accademico Francesco Tortorella Struttura di un programma C++ // Programma semplice in C++ #include int main() { cout

Dettagli

Derivazione di Classi

Derivazione di Classi Derivazione di Classi Derivazione di Classi Lezione 14 Il meccanismo della derivazione di classi implementa l operazione di ereditarietà della programmazione ad oggetti La classe derivata può utilizzare

Dettagli

15 - Packages. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo

15 - Packages. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo 15 - Packages Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso di

Dettagli

Riferimenti ad oggetti: Fondamenti di Informatica L-B Esercitazione n 4 Java: I/O, Costruttori e altro. Riferimenti ad oggetti: (Esempio)

Riferimenti ad oggetti: Fondamenti di Informatica L-B Esercitazione n 4 Java: I/O, Costruttori e altro. Riferimenti ad oggetti: (Esempio) Fondamenti di Informatica L-B Esercitazione n 4 Java: I/O, Costruttori e altro A.A. 2005/06 Tutor: Loris Cancellieri loris.cancellieri@studio.unibo.it Riferimenti ad oggetti: Cosa si può fare con i riferimenti?

Dettagli

Fondamenti di Informatica T-1. Costruttori Ereditarietà

Fondamenti di Informatica T-1. Costruttori Ereditarietà Costruttori Ereditarietà 2 Costruttori Si occupano della creazione e dell'allocazione in memoria degli oggetti. public class Persona{ //Variabili di istanza private String nome; private String cognome;

Dettagli

Esempio: il conto bancario

Esempio: il conto bancario Ereditarietà Prof. Francesco Scarcello D.E.I.S., Università della Calabria Corso di Informatica 2 Esempio: il conto bancario public class BankAccount { public BankAccount() { balance = 0; public BankAccount(double

Dettagli

3. La sintassi di Java

3. La sintassi di Java pag.9 3. La sintassi di Java 3.1 I tipi di dati statici In Java, come in Pascal, esistono tipi di dati statici predefiniti e sono i seguenti: byte 8 bit da -128 a 127 short 16 bit coincide con l integer

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica. Dispensa 16 Tipi riferimento e stringhe. Carla Limongelli.

Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica. Dispensa 16 Tipi riferimento e stringhe. Carla Limongelli. Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Dispensa 16 Tipi riferimento e stringhe Carla Limongelli Maggio 2010 Definizione di metodi 1 Contenuti Tipi riferimento Stringhe e oggetti String

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica. Puntatori e Allocazione Dinamica

Corso di Fondamenti di Informatica. Puntatori e Allocazione Dinamica Corso di Fondamenti di Informatica Puntatori e Allocazione Dinamica I puntatori (Richiamo) Il C++ prevede puntatori a dati di qualsiasi natura, semplici o strutturati e puntatori a funzione. In particolare

Dettagli

Programmazione 1 A.A. 2015/2016

Programmazione 1 A.A. 2015/2016 Cognome e Nome Matricola Programmazione 1 A.A. 2015/2016 Appello del 16 Dicembre 2015 Compito n 1 Prima parte Esercizio 1 (10 punti) Cosa stampa il seguente frammento di codice Java? int[] A = {3, 8, 91,

Dettagli

Programmazione ad oggetti Prova scritta 15 Gennaio 2013

Programmazione ad oggetti Prova scritta 15 Gennaio 2013 Programmazione ad oggetti Prova scritta 15 Gennaio 2013 Nome: Matricola: Istruzioni Scrivete il vostro nome sul primo foglio. Scrivete le soluzioni nello spazio riservato a ciascun esercizio. Studenti

Dettagli

Algoritmi e Strutture Dati. Tipo di dato astratto e Strutture dati elementari

Algoritmi e Strutture Dati. Tipo di dato astratto e Strutture dati elementari Algoritmi e Strutture Dati Tipo di dato astratto e Strutture dati elementari 1 Argomenti della lezione Tipi di dato astratto Strutture dati elementari Liste o Implementazione di liste in Java Stack Code

Dettagli

Interfacce e polimorfismo

Interfacce e polimorfismo Interfacce e polimorfismo La classe DataSet Serve a computare la media di un insieme di valori numerici public class DataSet Costruisce un insiemevuoto public DataSet() sum = 0; count = 0; minimum = 0;

Dettagli

Iprogrammi scritti in Java sono formati da Classi che

Iprogrammi scritti in Java sono formati da Classi che Capitolo 3. Pesci e Animali Domestici Le Classi di Java Translated by Francesco Orciuoli Iprogrammi scritti in Java sono formati da Classi che rappresentano gli oggetti del mondo reale. Sebbene le persone

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI Linguaggio Java: Eccezioni

RETI DI CALCOLATORI Linguaggio Java: Eccezioni Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI RETI DI CALCOLATORI Linguaggio Java: Eccezioni Prof. Franco Zambonelli Lucidi realizzati in collaborazione

Dettagli