La struttura del codice

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La struttura del codice"

Transcript

1 La struttura del codice Lezione 2 lezione 2 La struttura del codice In questa lezione impareremo... a scrivere un primo programma e a compilarlo ed eseguirlo a comprendere il ruolo del metodo main a utilizzare le funzioni di input output a creare la documentazione con javadoc Prima di poter scrivere un programma mediante il linguaggio Java vogliamo introdurre il concetto di programma : si tratta di una astrazione del problema che si vuol fare risolvere al computer; in qualsiasi tipologia di programma, dal più semplice al più complesso, l elaborazione lavora sui dati di ingresso, denominati input, e li trasforma nei dati di uscita, chiamati output. Java è un linguaggio di programmazione object oriented in cui l astrazione del problema avviene tramite l isolamento e la definizione dei singoli concetti che è necessario considerare al fine di raggiungere lo scopo prefissato. In un programma che deve gestire per esempio un magazzino di merci secondo la programmazione a oggetti i concetti coinvolti potrebbero essere: le merci, gli scaffali e i codici a barre. Le azioni concrete che deve svolgere il programma per risolvere il problema possiedono una importanza relativa in quanto il peso maggiore è dato dalla rappresentazione dei concetti coinvolti nel problema. Programma È un insieme di istruzioni che è necessario eseguire al fine di risolvere uno specifico problema. Object oriented La programmazione orientata agli oggetti, definita anche OOP (Object Oriented Programming), è un tipo di programmazione che permette di definire oggetti software in grado di interagire gli uni con gli altri attraverso lo scambio di messaggi. Le classi Nei linguaggi di programmazione orientati agli oggetti, un programma è costituito da un insieme di oggetti che cooperano tra di loro per raggiungere lo scopo per cui è stato scritto il programma. Gli oggetti rappresentano i concetti coinvolti nel problema. Oggetti Un oggetto è una entità dotata di specifici attributi e che è in grado di cooperare con altri oggetti svolgendo specifiche azioni. 27

2 UdA 1 La sintassi Java e l ambiente di sviluppo Un oggetto può rappresentare qualsiasi cosa. Per esempio, l oggetto Cane può avere come attributi il peso, il colore del pelo, l età; le sue azioni possono includere il correre, il dormire e il mangiare un osso. L oggetto Smartphone ha attributi come la risoluzione dello schermo, il peso e il colore, mentre le azioni includono l invio di , l installazione di Apps, la composizione di un numero, l accensione e lo spegnimento. Una classe è invece lo schema dal quale è possibile creare singoli oggetti. Possiamo paragonare una classe al progetto di una automobile. Per esempio, il progetto della Fiat Bravo, completo di tutti i dettagli che definiscono gli attributi e le azioni che questa macchina può svolgere, viene utilizzato dalla fabbrica per produrre i singoli esemplari. Paragonando queste definizioni alla programmazione, il progetto è la classe, mentre le singole autovetture sono i diversi oggetti presenti nel programma. Si pensi a un azienda di noleggio macchine Fiat: per poter operare necessita di diversi esemplari di Fiat Bravo, che vengono forniti ai clienti per viaggiare. Allo stesso modo, un programma può aver bisogno di molteplici oggetti di una stessa classe al fine di raggiungere il proprio scopo. Un programma Java Una volta appresa la struttura generale di un generico programma orientato agli oggetti, è necessario approfondire la struttura di un programma specificatamente scritto nel linguaggio Java. L unità minima di azione che è possibile definire in Java è detta espressione. Una istruzione è invece ogni espressione che termina con un punto e virgola. Un esempio basilare di istruzione Java è la seguente dichiarazione di variabile: Variabili e tipi verranno approfonditi più avanti, in una lezione dedicata. Un altro esempio di istruzione tipica è quella che consente di eseguire una assegnazione: L istruzione assegna alla variabile x il valore 20. Le istruzioni vengono raggruppate in unità esecutive chiamate metodi. Per esempio, un metodo il cui scopo è quello di riprodurre un motivo musicale memorizzato come file mp3 potrebbe eseguire le seguenti operazioni: Nel codice presentato, le istruzioni leggicanzone(), decodifica() e riproduci() si occupano, rispettivamente, di leggere il file mp3, decomprimerne il contenuto e di riprodurlo nell altoparlante del computer. A loro volta, i metodi sono contenuti all interno delle classi, per esempio, il metodo play() potrebbe essere contenuto nella classe LettoreMp3: 28

3 La struttura del codice Lezione 2 Zoom su... Il metodo che aziona la classe Ciascun programma necessita di un punto di inizio: è necessario indicare la prima istruzione da eseguire. A questo proposito esiste un metodo con un nome particolare, chiamato main() che rappresenta il punto di partenza dell esecuzione di un programma scritto in Java. Ogni programma Java deve possedere almeno un metodo main per poter fare incominciare l esecuzione del programma stesso. Il codice che segue mostra il codice del metodo main di una classe ipotetica che esegue una stampa di una stringa a video: Come possiamo notare questo metodo deve essere preceduto da tre parole chiave, assolutamente obbligatorie chiamate public static void che verranno discusse ampiamente più avanti. Inoltre il codice del metodo che viene eseguito deve essere racchiuso all interno delle parentesi graffe. La classe System La classe System, presente nel package java.lang è il punto di accesso a diverse funzioni strettamente legate alle funzionalità di base di Java, come la Virtual Machine, i meccanismi di sicurezza e le proprietà di sistema. Oltre a queste, la classe System dispone di tre campi, che forniscono l accesso all I/O di sistema: in che consente di accedere all input; out che permette l accesso all output; err che rappresenta un canale dedicato agli errori. Package I package di Java non sono altri che un insieme di classi impacchettate in un unico file di estensione.jar. Sono delle vere e proprie librerie alle quali possiamo dal codice Java. Possono essere create dal programmatore, anche se esamineremo i package già definiti in Java. Il nucleo del linguaggio Java contiene solo le parole chiave per la costruzione delle classi, i commenti, i normali costrutti if, switch, while, do-while, for, etichette, break, continue e return, tutto il resto è implementato nei package del linguaggio, comprese le istruzioni di Input e di Output. Per usare un package in una classe, prima della definizione della classe dobbiamo inserire l istruzione import, per esempio volendo usare il package java.awt dobbiamo inserire all inizio del codice la seguente istruzione, che indica l intenzione di usare le classi presenti nel package: import java.awt.*; Il package java.lang è il più importante di Java e racchiude le classi fondamentali del linguaggio, infatti anche se non scriviamo l istruzione import per questo package, fa lo stesso in quanto esso verrà importato automaticamente. 29

4 UdA 1 La sintassi Java e l ambiente di sviluppo Attraverso l asterisco (*) indichiamo al compilatore l intenzione di utilizzare tutte le classi; qualora intendessimo usarne solo alcune dovremmo specificarlo per esteso. Per esempio l istruzione: import java.awt.frame; limita l accesso alla sola classe Frame del package awt. Il primo di questi campi è di tipo InputStream, mentre gli altri sono di tipo PrintWriter; queste classi appartengono al package java.io e dispongono di funzionalità di lettura e scrittura: in e out consentono di accedere all input/output di sistema, mentre err viene utilizzato per la gestione degli errori: quando un programma ha la necessità di segnalare un evento critico, lo può inviare a err; quando la comunicazione è un normale output, viene inviata ad out. La visualizzazione dei dati Il linguaggio Java, come tra l altro tutti i linguaggi di programmazione, consente di comunicare con l utente tramite due modalità: input; output. L input (dati in ingresso) consente al programma di ricevere dati e informazioni dall esterno allo scopo di poterli elaborare, mentre la fase di output (dati in uscita), consiste nella comunicazione all utente dei dati e delle informazioni così elaborati. Tutti i programmi si basano sul seguente schema: Dati in ingresso (Input) Istruzioni (Elaborazione) Dati in uscita (Output) Tradotto in parole, significa che il risultato (output) è ottenuto mediante le operazioni elementari descritte nell algoritmo ed è il prodotto della elaborazione (trasformazione) dei dati in ingresso (input). In un computer i tipici dispositivi di input sono la tastiera e il mouse, mentre il monitor è il tipico dispositivo di output. Queste funzionalità sono disponibili in Java attraverso le classi presenti nella libreria di Java. La presentazione dei risultati sul video viene definita standard output, a cui si accede tramite l oggetto System.out. Il codice sotto riportato mostra come visualizzare il contenuto di una variabile intera e di una a doppia precisione. L output è riportato a fianco del codice. System La classe System raccoglie alcune funzionalità di sistema; uno dei suoi attributi è out, un oggetto che contiene diversi metodi per produrre un output, studiati per operare con i tipi di dati presenti nel linguaggio Java. 30

5 La struttura del codice Lezione 2 In questi esempi è stato utilizzato il metodo println() che stampa il parametro passato andando successivamente a capo; per scrivere sempre sulla stessa riga è possibile utilizzare print(). Il codice seguente produce in output la scritta Prezzo: 100 Euro : Il programma produce in output quanto segue La lettura dei dati Le gestione dell input avviene mediante la classe InputStream fornita da System. Tale classe tuttavia dispone solo delle funzionalità basilari di gestione dell input; il metodo read() in essa definito, infatti, consente di leggere la tastiera solo un carattere per volta. Se vogliamo sviluppare un programma dobbiamo utilizzare funzioni più evolute, come per esempio la lettura di una intera riga di testo, quella che l utente digita e termina con la pressione del tasto INVIO. Il metodo readline() della classe BufferedReader, legge buffers (sequenze di caratteri) che restituisce sotto forma di stringhe. La classe BufferedReader, a sua volta, deve essere inizializzata fornendo un reader ( lettore di stream ) di input. Tale lettore è rappresentato da un istanza della classe InputStreamReader. Per leggere una sequenza di byte da un oggetto di tipo InputStream dobbiamo usare un oggetto System.in, di classe InputStream. Un lettore bufferizzato può essere creato istanziando un oggetto della classe BufferedStreamReader nel seguente modo: InputStreamReader leggi= new InputStreamReader(System.in); A questo punto faremo uso del lettore bufferizzato che abbiamo chiamato leggi per istanziare un oggetto di tipo BufferedReader. Quest ultimo mette a disposizione del programmatore il metodo readline() che consente la lettura di intere stringhe. Per istanziare un oggetto di classe BufferedReader dobbiamo procedere nel seguente modo: BufferedReader input = new BufferedReader( leggi); Una volta che l oggetto di lettura è stato costruito correttamente, possiamo utilizzarlo per leggere una linea di testo, operazione che viene eseguita dal metodo readline(): input.readline(); Lettore di stream L utilità di un lettore è quella di trasformare la sequenza di byte letti tramite qualsiasi oggetto di tipo InputStream in una sequenza di caratteri. L istruzione di inizializzazione dell oggetto di tastiera (input) può essere ridotta alla seguente forma compatta: 31

6 UdA 1 La sintassi Java e l ambiente di sviluppo Esempio 2 Stampa di un numero Il programma acquisisce da tastiera un nome e un numero che rappresenta il saldo di un conto corrente e lo visualizza in output. È importante sottolineare come sia necessario aggiungere all inizio del codice la riga: import java.io.*; per poter utilizzare le istruzioni di input e output viste nella lezione. Nel codice è presente il costrutto try/catch: viene utilizzato per gestire eventuali errori che si possono verificare in fase di lettura da un flusso di informazioni. In questo specifico caso è difficile che si verifichino problemi di lettura dalla tastiera: se questa smettesse di funzionare, probabilmente non si vedrebbero più sul video i caratteri digitati. Si pensi però se la lettura delle informazioni avvenisse da un dischetto removibile, evenienza che, dal punto di vista di Java, è equivalente come classi e metodi coinvolti: l espulsione anticipata del dischetto farebbe mancare le informazioni che si stanno leggendo; in tal caso viene individuato da Java un errore di tipo IOException. La gestione degli errori sarà oggetto di una trattazione più approfondita più avanti nel testo. In questo programma sono state usate due variabili, una per il nome da visualizzare e l altra per memorizzare l importo. Il concetto di variabile verrà tuttavia trattato nella prossima lezione. I commenti Tutti i linguaggi di programmazione mettono a disposizione uno spazio per commentare il codice sorgente. Lo scopo è quello di documentare, descrivere o annotare informazioni importanti per lo sviluppatore. Tali messaggi prendono il nome di commenti. Commenti Un commento fa parte del codice di un programma, ma non viene considerato al momento dell esecuzione. In questo modo il programmatore può descrivere lo scopo di porzioni particolari di codice, in modo che sia più semplice ricordare perché un certo programma è stato scritto in quel modo, soprattutto quando è passato un certo tempo dopo la stesura del programma ed è difficile ricostruire le sue funzionalità. 32

7 La struttura del codice Lezione 2 A volte possiamo usare i commenti anche per non far eseguire alcune istruzioni senza doverle necessariamente cancellare dal codice. Il linguaggio Java dispone di tre modalità per inserire i commenti: doppio slash (//) a inizio commento; slash asterisco (/*) all inizio e viceversa (\*) alla fine del commento; slash e doppio asterisco (/**) all inizio e viceversa (**/) alla fine del commento. Il primo tipo permette di considerare come commento tutto ciò che è scritto dopo di essa, fino al termine della riga. Quando invece il commento è composto da diverse righe, è più pratico utilizzare il secondo tipo in grado di identificare quanto contenuto tra delimitatore di inizio (/*) e delimitatore di fine (*/) commento. L esempio che segue mostra i due tipi di commento indicati: Il terzo tipo di commento si chiama commento Javadoc e consente di documentare le classi con un browser Web. All interno dei commenti Javadoc è possibile inserire alcuni marcatori particolari, che permettono di specificare alcune informazioni utili, quali la versione e l autore della classe, e che avranno un posto specifico nella documentazione generata. Per esempio, per includere autore e versione nella classe Automobile possiamo scrivere: A questo punto, dopo aver compilato la classe passiamo alla generazione dei codici di documentazione aprendo l ambiente JDK. Per fare questo apriamo l ambiente Prompt dei comandi e posizioniamoci nella cartella del progetto (quella che contiene la classe da documentare): 33

8 UdA 1 La sintassi Java e l ambiente di sviluppo Il comando necessario per generare i file della documentazione è javadoc seguito dal nome del file che contiene la classe sorgente, quindi in questo caso Automobile.java: Vengono generati moltissimi file che concorrono alla creazione della documentazione all interno della cartella del progetto: Aprendo il file index.html otteniamo la finestra di consultazione della nostra classe Automobile: 34

9 La struttura del codice Lezione 2 Verifichiamo le conoscenze g Esercizi a scelta multipla 1 Una istruzione Java è una espressione che: a) corrisponde a una qualunque riga del programma, anche vuota b) effettua un ciclo c) contiene almeno una variabile d) termina con il punto e virgola 2 Ogni programma Java deve possedere almeno un metodo main? a) no, non è vero b) no, per poter far finire il programma c) no, per poter far iniziare il programma d) no, per poter salvare le variabili 3 Quale campo della classe System, tra i seguenti, consente di stampare a video una stringa? a) in b) out c) err d) print 4 I package sono: a) un insieme di classi salvate in un file.jre b) un insieme di classi salvate in un file.jar c) un insieme di variabili salvate in un file.jar d) un insieme di metodi salvati in un file.jar 5 Quale istruzione tra le seguenti istanzia un oggetto utile per la lettura da tastiera? a) BufferedReader input = new BufferedReader(System.in); b) BufferedReader input = new BufferedReader(System.out); c) InputStreamReader input = new InputStreamReader(System.in); d) Reader input = new Reader(System.in); 6 Quale tra i seguenti frammenti di codice rappresenta correttamente il metodo main? a) public void main( String[] args ); b) public static void main( String[] argv, int argc ); c) public final void main(); d) public static void main( String[] args ); 7 Un commento su singola riga è specificato dall identificatore: a) /* b) /** c) // d) */ e) //** 8 Un blocco di commenti su più righe è delimitato da: a) /*... */ b) /**... **/ c) //... // d) */... /* 9 Quali tra i seguenti sono commenti Javadoc standard? (tre risposte) a) 1.0 */ b) /** 1.0 */ c) /* */ d) /** Commento */ e) /** */ 10 Un programma è normalmente formato da: a) figure b) istruzioni c) comandi d) lettere e numeri 35

10 UdA 1 La sintassi Java e l ambiente di sviluppo g Test vero/falso 1 Il package fondamentale di Java è java.lang. V F 2 Tutte le istruzioni sono espressioni. V F 3 Tutte le espressioni sono istruzioni. V F 4 Nell istruzione import l asterisco (*) indica al compilatore l intenzione di utilizzare tutte le classi. V F 5 Un oggetto è composto da più classi. V F 6 Un metodo definisce le proprietà di un oggetto. V F 7 I metodi contengono il codice. V F 8 Il metodo print() e println() sono esattamente identici. V F 9 Un programma è formato da un insieme di attributi. V F 10 Un oggetto è dotato di attributi e metodi. V F 11 Una classe definisce la struttura di un oggetto. V F 12 Un oggetto è un tipo particolare di classe. V F g Esercizi di completamento 1 Lo standard output viene utilizzato per produrre una stampa a...; a questo oggetto si accede tramite System... 2 Un... fa parte del codice di un programma, ma non viene considerato al momento dell esecuzione. 3 Il costrutto try/catch viene utilizzato per gestire eventuali... che si possono verificare in fase di... 4 Ogni programma Java deve possedere almeno un metodo... per poter fare incominciare l esecuzione del programma stesso. 36

L input da tastiera in Java. Dott. Ing. M. Banci, PhD

L input da tastiera in Java. Dott. Ing. M. Banci, PhD L input da tastiera in Java Dott. Ing. M. Banci, PhD La lettura di un flusso di input in Java avviene attraverso l'oggetto in della classe System. System.in appartiene alla classe InputStream (letteralmente

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI Linguaggio Java: Eccezioni

RETI DI CALCOLATORI Linguaggio Java: Eccezioni Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI RETI DI CALCOLATORI Linguaggio Java: Eccezioni Prof. Franco Zambonelli Lucidi realizzati in collaborazione

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA6 A1 I file testo 1 Prerequisiti Programmazione base in Java Utilizzo di classi e oggetti Modello produttore consumatore Operazioni logiche su struttura file 2 1 Introduzione

Dettagli

IL PRIMO PROGRAMMA IN C

IL PRIMO PROGRAMMA IN C IL PRIMO PROGRAMMA IN C LO SCOPO Si vuole scrivere un programma in linguaggio C che chieda all utente di introdurre da tastiera due numeri interi e visualizzi il valore della loro somma sul video SOLUZIONE

Dettagli

Primi passi con JFlex

Primi passi con JFlex Primi passi con JFlex Luca Chiodini Abstract Ci proponiamo di muovere i primi passi nel mondo dell analisi lessicale e della produzione automatica di un analizzatore lessicale. Verrà mostrato l uso di

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Laboratorio di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Laboratorio di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Laboratorio di Informatica Capitolo 4 Traduzione ed esecuzione di programmi Ottobre 2006 Traduzione ed esecuzione di programmi 1 Nota bene Alcune parti del presente

Dettagli

Primi passi col linguaggio C

Primi passi col linguaggio C Andrea Marin Università Ca Foscari Venezia Laurea in Informatica Corso di Programmazione part-time a.a. 2011/2012 Come introdurre un linguaggio di programmazione? Obiettivi: Introduciamo una macchina astratta

Dettagli

Laboratorio di Programmazione Lezione 2. Cristian Del Fabbro

Laboratorio di Programmazione Lezione 2. Cristian Del Fabbro Laboratorio di Programmazione Lezione 2 Cristian Del Fabbro Prossima lezione GIOVEDÌ 29 OTTOBRE 14:00 Input da tastiera package input; import java.io.*; public class Input { public static void main(string[]

Dettagli

Problema: dati i voti di tutti gli studenti di una classe determinare il voto medio della classe.

Problema: dati i voti di tutti gli studenti di una classe determinare il voto medio della classe. Problema: dati i voti di tutti gli studenti di una classe determinare il voto medio della classe. 1) Comprendere il problema 2) Stabilire quali sono le azioni da eseguire per risolverlo 3) Stabilire la

Dettagli

Operazioni di input/output. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San Giovanni

Operazioni di input/output. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San Giovanni Operazioni di input/output Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San Giovanni Input /Output introduzione Per ottenere delle informazioni un programma apre un flusso (Stream)

Dettagli

Input/output da file I/O ANSI e I/O UNIX FLUSSI E FILE FLUSSI FLUSSI di TESTO FLUSSI BINARI FILE

Input/output da file I/O ANSI e I/O UNIX FLUSSI E FILE FLUSSI FLUSSI di TESTO FLUSSI BINARI FILE Input/output da file Il linguaggio C non contiene istruzioni di I/O, in quanto tali operazioni vengono eseguite tramite funzioni di libreria standard. Questo approccio rende estremamente flessibile e potente

Dettagli

Linguaggio C: introduzione

Linguaggio C: introduzione Dipartimento di Elettronica ed Informazione Politecnico di Milano Informatica e CAD (c.i.) - ICA Prof. Pierluigi Plebani A.A. 2008/2009 Linguaggio C: introduzione La presente dispensa e da utilizzarsi

Dettagli

Lez. 5 La Programmazione. Prof. Salvatore CUOMO

Lez. 5 La Programmazione. Prof. Salvatore CUOMO Lez. 5 La Programmazione Prof. Salvatore CUOMO 1 2 Programma di utilità: Bootstrap All accensione dell elaboratore (Bootsrap), parte l esecuzione del BIOS (Basic Input Output System), un programma residente

Dettagli

Definizione di metodi in Java

Definizione di metodi in Java Definizione di metodi in Java Un metodo in Java definisce un operazione ad alto livello (sottoprogramma) che consente di manipolare dati e oggetti. Durante la computazione effettuata da un programma, un

Dettagli

Programmazione a Oggetti e JAVA. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013

Programmazione a Oggetti e JAVA. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013 Programmazione a Oggetti e JAVA Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013 Sommario Uso dell ambiente di sviluppo Eclipse API di Java Istruzione di scrittura Istruzione di lettura 16/01/2013 2 Installazione di

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA1 1.1 Programmazione base 1 Prerequisiti Saper scrivere algoritmi elementari Tecniche elementari di sviluppo di una applicazione Modalità a riga di comando Utilizzo

Dettagli

24 - Possibili approfondimenti

24 - Possibili approfondimenti 24 - Possibili approfondimenti Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

7 - Programmazione procedurale: Dichiarazione e chiamata di metodi ausiliari

7 - Programmazione procedurale: Dichiarazione e chiamata di metodi ausiliari 7 - Programmazione procedurale: Dichiarazione e chiamata di metodi ausiliari Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa

Dettagli

Lettura da tastiera e scrittura su monitor

Lettura da tastiera e scrittura su monitor Lettura da tastiera e scrittura su monitor Per poter leggere UN SINGOLO CARATTERE dalla tastiera e visualizzare UN SINGOLO CARATTERE sul monitor si possono utilizzare le funzioni: int getchar (void) (per

Dettagli

IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale

IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale Fondamenti di Informatica IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Lettura di dati da input In Java la lettura di dati da input

Dettagli

Programma del corso. Elementi di Programmazione. Introduzione agli algoritmi. Rappresentazione delle Informazioni. Architettura del calcolatore

Programma del corso. Elementi di Programmazione. Introduzione agli algoritmi. Rappresentazione delle Informazioni. Architettura del calcolatore Programma del corso Introduzione agli algoritmi Rappresentazione delle Informazioni Architettura del calcolatore Reti di Calcolatori Elementi di Programmazione Algoritmi e programmi Algoritmo Sequenza

Dettagli

Unità F1. Obiettivi. Il linguaggio C. Il linguaggio C++ Linguaggio C. Pseudolinguaggio. Primi programmi

Unità F1. Obiettivi. Il linguaggio C. Il linguaggio C++ Linguaggio C. Pseudolinguaggio. Primi programmi Obiettivi Unità F1 Primi programmi Conoscere il significato di dichiarazione e definizione di variabili Conoscere i tipi di dato numerici Essere in grado di realizzare semplici algoritmi in pseudolinguaggio

Dettagli

UD 3.2b: Programmazione in Pascal (1)

UD 3.2b: Programmazione in Pascal (1) UD 3.2b: Programmazione in Pascal (1) Il Linguaggio di Programmazione Pascal Esistono molti linguaggi di programmazione. Per motivi didattici utilizzeremo una versione ridotta di un linguaggio di programmazione

Dettagli

Variabili e Istruzioni

Variabili e Istruzioni Exit Menù Variabili e Istruzioni 1 Le Variabili Una VARIABILE è un oggetto identificato da un NOME e da uno STATO, detto CONTENUTO o VALORE. Possiamo immaginarla come una scatola contenuto Pippo 11 nome

Dettagli

Rappresentazione binaria delle variabili (int e char)

Rappresentazione binaria delle variabili (int e char) Rappresentazione binaria delle variabili (int e char) int e char son i due tipi utilizzati dal linguaggio C per la rappresentazione di valori interi; ai valori delle variabili del primo tipo sono assegnati

Dettagli

La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni

La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni Autore: Prof. Agostino Sorbara ITIS "M. M. Milano" Autore: Prof. Agostino Sorbara ITIS "M. M.

Dettagli

Come ragiona il computer. Problemi e algoritmi

Come ragiona il computer. Problemi e algoritmi Come ragiona il computer Problemi e algoritmi Il problema Abbiamo un problema quando ci poniamo un obiettivo da raggiungere e per raggiungerlo dobbiamo mettere a punto una strategia Per risolvere il problema

Dettagli

Istallazione di Java - Uso delle librerie

Istallazione di Java - Uso delle librerie Indice Istallazione di Java - Uso delle librerie G. Grossi Indice Indice 1 Istallazione di Java 2 SDK 2 Indice Indice 1 Istallazione di Java 2 SDK 2 Java 1.4.2 Istallazione di Java Java è disponibile per

Dettagli

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 22 settembre 2014. Negli esercizi proposti si utilizzano le seguenti classi:

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 22 settembre 2014. Negli esercizi proposti si utilizzano le seguenti classi: Cognome................................ Nome................................... Matricola............................... Programmazione Prova scritta del 22 settembre 2014 TEMPO DISPONIBILE: 2 ore Negli

Dettagli

Programmazione I. 11 gennaio Considerate la seguente gerarchia di classi (rappresentata mediante un diagramma UML): +f(double x):

Programmazione I. 11 gennaio Considerate la seguente gerarchia di classi (rappresentata mediante un diagramma UML): +f(double x): Programmazione I 11 gennaio 2012 Matricola:........................................................................ Cognome:........................................................................ Nome:...........................................................................

Dettagli

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 11 luglio 2014

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 11 luglio 2014 Cognome................................ Nome................................... Matricola............................... Programmazione Prova scritta del 11 luglio 2014 TEMPO DISPONIBILE: 2 ore Negli esercizi

Dettagli

Informatica! Appunti dal laboratorio 1!

Informatica! Appunti dal laboratorio 1! Informatica! Appunti dal laboratorio 1! Sistema Operativo! Windows 7, Windows 8, Mac OS X, Linux, Debian, Red Hat, etc etc! Il sistema operativo è un programma che serve a gestire TUTTE le risorse presenti

Dettagli

Programmazione orientata agli oggetti Classi, package e file system. Package

Programmazione orientata agli oggetti Classi, package e file system. Package Programmazione orientata agli oggetti Classi, package e file system 1 Classi e file Java impone delle regole molto precise di corrispondenza tra classi e file In generale, le regole sono: Ogni classe deve

Dettagli

Introduzione al C. Introduzione. Linguaggio ad alto livello. Struttura di un programma C

Introduzione al C. Introduzione. Linguaggio ad alto livello. Struttura di un programma C Introduzione 2 Introduzione al C Linguaggio di programmazione ad alto livello (HLL) Sviluppato negli anni 70 (C standard ANSI) Molto diffuso e adatto ad un ampio spettro di applicazioni: Scientifiche Gestionali

Dettagli

Creazione, eliminazione, lettura e scrittura di file di testo

Creazione, eliminazione, lettura e scrittura di file di testo Creazione, eliminazione, lettura e scrittura di file di testo Java mette a disposizione degli sviluppatori diverse classi per lavorare con i file di testo, analizziamo le principali: java.io.file La classe

Dettagli

Le basi del linguaggio Java

Le basi del linguaggio Java Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Dispensa 10 Le basi del linguaggio Java Aprile 2010 Le basi del linguaggio Java 1 Prerequisiti Nozioni generali sulla sintassi e semantica del

Dettagli

Prof. Pagani corrado JAVA

Prof. Pagani corrado JAVA Prof. Pagani corrado JAVA NASCITA DI JAVA Java è stato creato, a partire da ricerche effettuate alla Stanford University agli inizi degli anni Novanta, da un gruppo di esperti sviluppatori capitanati da

Dettagli

Algoritmo. La programmazione. Algoritmo. Programmare. Procedimento di risoluzione di un problema

Algoritmo. La programmazione. Algoritmo. Programmare. Procedimento di risoluzione di un problema Algoritmo 2 Procedimento di risoluzione di un problema La programmazione Ver. 2.4 Permette di ottenere un risultato eseguendo una sequenza finita di operazioni elementari Esempi: Una ricetta di cucina

Dettagli

PROBLEMI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE

PROBLEMI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE PROBLEMI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE CLASSE SECONDA D PROGRAMMARE = SPECIFICARE UN PROCEDIMENTO CAPACE DI FAR SVOLGERE AD UNA MACCHINA UNA SERIE ORDINATA DI OPERAZIONI AL

Dettagli

Esercizi per il recupero del debito formativo:

Esercizi per il recupero del debito formativo: ANNO SCOLASTICO 2005/2006 CLASSE 4 ISC Esercizi per il recupero del debito formativo: Facendo esclusivamente uso delle istruzioni del linguaggio macchina mnemonico del microprocessore INTEL 8086 viste

Dettagli

Algoritmi e basi del C Struttura di un programma

Algoritmi e basi del C Struttura di un programma Algoritmi e basi del C Struttura di un programma Marco D. Santambrogio marco.santambrogio@polimi.it Ver. aggiornata al 17 Marzo 2015 Compitini Compitini di INFO: 24 Aprile 2015 4.15pm @ C.G.1 (Ed. 9) 21

Dettagli

CORSO DI ELEMENTI DI INFORMATICA

CORSO DI ELEMENTI DI INFORMATICA CORSO DI ELEMENTI DI INFORMATICA Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale della Logistica e della Produzione Area didattica Ingegneria Elettrica a.a. 2016/2017 Docente: Ing. Domenico Amalfitano

Dettagli

Unità 2 I file binari

Unità 2 I file binari Dare una breve descrizione dei termini introdotti: (A) CONOSCENZA TERMINOLOGICA file binari file di tipi primitivi file di oggetti serializzazione (B) CONOSCENZA E COMPETENZA Rispondere alle seguenti domande

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti. Emilio Di Giacomo e Walter Didimo

Programmazione Orientata agli Oggetti. Emilio Di Giacomo e Walter Didimo Programmazione Orientata agli Oggetti Emilio Di Giacomo e Walter Didimo Una metafora dal mondo reale la fabbrica di giocattoli progettisti Un semplice giocattolo Impara i suoni Dall idea al progetto Toy

Dettagli

Esercitazione n 1. Obiettivi

Esercitazione n 1. Obiettivi Esercitazione n 1 Obiettivi Introduzione all utilizzo di Java Development Kit (JDK) versione 1.3 Sviluppare programmi Java tramite linea di comando Es: javac, java, jdb, javadoc Primo esempio di programma

Dettagli

Cenni sul preprocessore e il suo utilizzo

Cenni sul preprocessore e il suo utilizzo Alessio Bechini - Corso di - Cenni sul preprocessore e il suo utilizzo Il preprocessore: cenni Il preprocessore Storicamente, i compilatori C operavano con passaggi multipli. Il primo passaggio eseguiva

Dettagli

UTILIZZIAMO GLI OPERATORI MATEMATICI E COMMENTIAMO IL CODICE

UTILIZZIAMO GLI OPERATORI MATEMATICI E COMMENTIAMO IL CODICE Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice Unità 4 UNITÀ DIDATTICA 4 UTILIZZIAMO GLI OPERATORI MATEMATICI E COMMENTIAMO IL CODICE IN QUESTA UNITÀ IMPAREREMO... come utilizzare gli operatori

Dettagli

L hardware da solo non è sufficiente per il funzionamento dell elaboratore È necessario introdurre il software:

L hardware da solo non è sufficiente per il funzionamento dell elaboratore È necessario introdurre il software: Il Software L hardware da solo non è sufficiente per il funzionamento dell elaboratore È necessario introdurre il software: un insieme di programmi che permettono di trasformare un insieme di circuiti

Dettagli

5 - Istruzioni condizionali

5 - Istruzioni condizionali 5 - Istruzioni condizionali Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Creazione, eliminazione, lettura e scrittura di file di testo

Creazione, eliminazione, lettura e scrittura di file di testo Creazione, eliminazione, lettura e scrittura di file di testo Creazione Java mette a disposizione degli sviluppatori diverse classi per lavorare con i file di testo, analizziamo le principali: java.io.file

Dettagli

Strutture dati e loro organizzazione. Gabriella Trucco

Strutture dati e loro organizzazione. Gabriella Trucco Strutture dati e loro organizzazione Gabriella Trucco Introduzione I linguaggi di programmazione di alto livello consentono di far riferimento a posizioni nella memoria principale tramite nomi descrittivi

Dettagli

Linguaggio C: le funzioni. Introduzione e sintassi

Linguaggio C: le funzioni. Introduzione e sintassi ISIS "Guido Tassinari" di Pozzuoli Indirizzo Informatico - Articolazione Informatica Informatica Prof. A.S. 2012/2013 Linguaggio C: le funzioni. Introduzione e sintassi 21/10/2012 Introduzione Spesso alcuni

Dettagli

Unità A1 I file testo

Unità A1 I file testo Dare una breve descrizione dei termini introdotti: (A) CONOSCENZA TERMINOLOGICA stream file testo file binari file di tipi primitivi bufferizzazione InputStreamReader OutputStreamWriter Reader Writer FileReader

Dettagli

Cos è un algoritmo. Si dice algoritmo la descrizione di un metodo di soluzione di un problema che sia

Cos è un algoritmo. Si dice algoritmo la descrizione di un metodo di soluzione di un problema che sia Programmazione Un programma descrive al computer, in estremo dettaglio, la sequenza di passi necessari a svolgere un particolare compito L attività di progettare e realizzare un programma è detta programmazione

Dettagli

Programmazione ad Oggetti

Programmazione ad Oggetti Programmazione ad Oggetti Java - IO Corso di Programmazione ad Oggetti Seconda Università di Napoli Ing. Antonio Coronato ICAR - CNR Agenda Operazioni di IO da tastiera Oggetti System per le operazioni

Dettagli

L Allocazione Dinamica della Memoria

L Allocazione Dinamica della Memoria L Allocazione Dinamica della Memoria Maurizio Palesi DIIT Università di Catania Viale Andrea Doria 6, 95125 Catania mpalesi@diit.unict.it http://www.diit.unict.it/users/mpalesi Sommario Questo documento

Dettagli

File di script. I File di Script Corso 2D - R.Virili 1

File di script. I File di Script Corso 2D - R.Virili 1 File di script I File di Script Corso 2D - R.Virili 1 Cosa sono Consentono di combinare diversi comandi AutoCAD e di eseguirli in una sequenza prefissata. I comandi possono essere scritti come file di

Dettagli

Linguaggi di Programmazione

Linguaggi di Programmazione Linguaggi di Programmazione Linguaggi di Programmazione Programmazione. Insieme delle attività e tecniche svolte per creare un programma (codice sorgente) da far eseguire ad un computer. Che lingua comprende

Dettagli

UNA CERTIFICAZIONE PER IL FUTURO

UNA CERTIFICAZIONE PER IL FUTURO UNA CERTIFICAZIONE PER IL FUTURO Test attitudinale 14 Maggio 2014 Alunno Nome: Cognome: Svolgere i seguenti esercizi a risposta multipla segnando una sola tra le soluzioni proposte. 1) Che tipo di computer

Dettagli

18 - Vettori. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo

18 - Vettori. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo 18 - Vettori Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://pages.di.unipi.it/milazzo milazzo di.unipi.it Corso di

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1 Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1 Dispensa E03 Esempi di algoritmi e programmi A. Miola Settembre 2006 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf1/ Esempi di algoritmi e

Dettagli

Prefazione. Capitolo 1 Sistemi di elaborazione 1

Prefazione. Capitolo 1 Sistemi di elaborazione 1 Prefazione XI Capitolo 1 Sistemi di elaborazione 1 1.1 Algoritmo 1 1.2 Esecuzione 3 1.3 Memoria 4 1.4 Calcolo meccanico 5 1.5 Capacità di calcolo 7 1.6 Computer 8 Domande di verifica 11 Esercizi 11 Capitolo

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Classi e Oggetti: Metafora Parte a versione 2.2 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina)

Dettagli

Linguaggi di Programmazione

Linguaggi di Programmazione Linguaggi di Programmazione 1 Linguaggio naturale e linguaggio macchina La comunicazione uomo-macchina avviene attraverso formalismi che assumono la forma di un linguaggio. Caratteristiche del Linguaggio

Dettagli

4 GLI ARRAY E LE STRINGHE

4 GLI ARRAY E LE STRINGHE 13 4 GLI ARRAY E LE STRINGHE 4.1 Gli array monodimensionali Un array è un insieme di variabili dello stesso tipo, cui si fa riferimento mediante uno stesso nome. L accesso ad un determinato elemento si

Dettagli

D B M G Il linguaggio HTML

D B M G Il linguaggio HTML Programmazione Web Il linguaggio HTML Il linguaggio HTML Concetti di base Le interfacce utente in HTML I form Le tabelle Il passaggio dei parametri contenuti nei form @2011 Politecnico di Torino 1 Concetti

Dettagli

Programmazione modulare

Programmazione modulare Programmiamo in.. Programmazione modulare Un programma complesso si suddivide in più sottoprogrammi o funzioni. Un programma suddiviso in piccoli pezzi, è più semplice da gestire da aggiornare da correggere

Dettagli

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Termine algoritmo da:

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Termine algoritmo da: Algoritmi Algoritmi Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Termine algoritmo da: http://it.wikipedia.org/wiki/al-khwarizmi Un

Dettagli

Definizione di metodi

Definizione di metodi Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1 Dispensa 9 Definizione di metodi Carla Limongelli Novembre 2006 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf1/ Definizione di metodi 1 Contenuti

Dettagli

Raccolta e memorizzazione dei dati immessi nei moduli dai visitatori

Raccolta e memorizzazione dei dati immessi nei moduli dai visitatori Raccolta e memorizzazione dei dati immessi nei moduli dai visitatori Raccolta e memorizzazione dei dati immessi nei moduli dai visitatori Per impostazione predefinita, i risultati dei moduli vengono salvati

Dettagli

Laboratorio di Matematica e Informatica 1

Laboratorio di Matematica e Informatica 1 Laboratorio di Matematica e Informatica 1 Matteo Mondini Antonio E. Porreca matteo.mondini@gmail.com porreca@disco.unimib.it Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione Università degli Studi

Dettagli

@2011 Politecnico di Torino 1

@2011 Politecnico di Torino 1 Concetti di base Programmazione Web Il linguaggio HTML HTML consente di annotare un testo per contrassegnare le parti che lo compongono Le annotazioni sono realizzate tramite i "tag" Visualizzare documenti

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo L6 (JAVA9) 1 Introduzione alle applet 1 Prerequisiti Architettura client/server Elementi di base HTML Programmazione Java Utilizzo package awt di Java 2 1 Introduzione

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale M. M. Milano Polistena. Classe III D a.s. 2015/2016 C++ Guida Base

Istituto Tecnico Industriale M. M. Milano Polistena. Classe III D a.s. 2015/2016 C++ Guida Base Istituto Tecnico Industriale M. M. Milano Polistena Classe III D a.s. 2015/2016 C++ Guida Base Prof. Rocco Ciurleo - ITIS M. M. Milano Polistena - 3 D a.s. 2015/2016 1 Le Origini Il Linguaggio C++ è il

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE FERRARIS - BRUNELLESCHI EMPOLI Anno scolastico 2015/2016

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE FERRARIS - BRUNELLESCHI EMPOLI Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE FERRARIS - BRUNELLESCHI EMPOLI Anno scolastico 2015/2016 Classe: 4^A inf Prof.ssa Lami Carla Prof. Simone Calugi Programma di INFORMATICA GENERALE, APPLICAZIONI

Dettagli

Variabili. Unità 2. Domenico Daniele Bloisi. Corso di Programmazione e Metodi Numerici Ingegneria Aerospaziale BAER

Variabili. Unità 2. Domenico Daniele Bloisi. Corso di Programmazione e Metodi Numerici Ingegneria Aerospaziale BAER Corso di Programmazione e Metodi Numerici Ingegneria Aerospaziale BAER Domenico Daniele Bloisi Docenti Metodi Numerici prof. Vittoria Bruni vittoria.bruni@sbai.uniroma1.it Programmazione prof. Domenico

Dettagli

Corso di Calcolatori Elettronici Un computer è un dispositivo in grado di eseguire dei calcoli e di prendere delle decisioni logiche.

Corso di Calcolatori Elettronici Un computer è un dispositivo in grado di eseguire dei calcoli e di prendere delle decisioni logiche. Corso di Calcolatori Elettronici Un computer è un dispositivo in grado di eseguire dei calcoli e di prendere delle decisioni logiche. APPUNTI SUL LINGUAGGIO C I computer elaborano i dati sotto il controllo

Dettagli

CURRICOLO DIPARTIMENTO INFORMATICA PRIMO BIENNIO

CURRICOLO DIPARTIMENTO INFORMATICA PRIMO BIENNIO dei limiti nel contesto culturale e sociale in cui vengono applicate CURRICOLO PARTIMENTO INFORMATICA PRIMO BIENNIO MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione Acquisire e interpretare

Dettagli

Lezione 21 e 22. Valentina Ciriani ( ) Laboratorio di programmazione. Laboratorio di programmazione. Lezione 21 e 22

Lezione 21 e 22. Valentina Ciriani ( ) Laboratorio di programmazione. Laboratorio di programmazione. Lezione 21 e 22 Lezione 21 e 22 - Allocazione dinamica delle matrici - Generazione di numeri pseudocasuali - Funzioni per misurare il tempo - Parametri del main - Classificazione delle variabili Valentina Ciriani (2005-2008)

Dettagli

Un grafico utilizza i valori contenuti in un foglio di lavoro per creare una rappresentazione grafica delle relazioni esistenti tra loro;

Un grafico utilizza i valori contenuti in un foglio di lavoro per creare una rappresentazione grafica delle relazioni esistenti tra loro; EXCEL Modulo 3 I Grafici Grafici Un grafico utilizza i valori contenuti in un foglio di lavoro per creare una rappresentazione grafica delle relazioni esistenti tra loro; Quando si crea un grafico ogni

Dettagli

Excel. Il foglio di lavoro. Il foglio di lavoro Questa viene univocamente individuata dalle sue coordinate Es. F9

Excel. Il foglio di lavoro. Il foglio di lavoro Questa viene univocamente individuata dalle sue coordinate Es. F9 Excel Un foglio di calcolo o foglio elettronico è un programma formato da: un insieme di righe e di colonne visualizzate sullo schermo in una finestra scorrevole in cui è possibile disporre testi, valori,

Dettagli

Esercitazione 6. Array

Esercitazione 6. Array Esercitazione 6 Array Arrays Array (o tabella o vettore): è una variabile strutturata in cui è possibile memorizzare un numero fissato di valori tutti dello stesso tipo. Esempio int a[6]; /* dichiarazione

Dettagli

Access 2007 Colonna di ricerca

Access 2007 Colonna di ricerca Pagina 1 di 7 Lezioni on line -> Gestire i dati Access 2007 Colonna di ricerca Quando si riempiono i campi dei record che formano una tabella, può essere utile e comodo poter scegliere, in un elenco dei

Dettagli

Il generatore di numeri casuali

Il generatore di numeri casuali Il generatore di numeri casuali file di libreria: stdlib.h int rand(void) La funzione restituisce un numero casuale di tipo intero compreso tra 0 e RAND_MAX (estremi compresi) Esempio: scriviamo un programma

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Programmare in C 1 Calcolare l area di un rettangolo /* Calcolo area rettangolo */ int base; int altezza; int area; Conosciamo base = 3; altezza = 7; area = base*altezza; printf("%d",

Dettagli

Unità Didattica 1 Linguaggio C. Fondamenti. Struttura di un programma.

Unità Didattica 1 Linguaggio C. Fondamenti. Struttura di un programma. Unità Didattica 1 Linguaggio C Fondamenti. Struttura di un programma. 1 La storia del Linguaggio C UNIX (1969) - DEC PDP-7 Assembly Language BCPL - un OS facilmente accessibile che fornisce potenti strumenti

Dettagli

Dispense di Informatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS. Dall'Algoritmo al Programma

Dispense di Informatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS. Dall'Algoritmo al Programma Istituto Tecnico Statale Commerciale Dante Alighieri Cerignola (FG) Dispense di Informatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS Dall'Algoritmo al Programma Pr.: 002 Ver.:1.0 Autore: prof. Michele Salvemini

Dettagli

ESECUZIONE DI PROGRAMMI C SU MACCHINE REALI. Docente: Giorgio Giacinto AA 2009/2010

ESECUZIONE DI PROGRAMMI C SU MACCHINE REALI. Docente: Giorgio Giacinto AA 2009/2010 Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile - Strutture FONDAMENTI DI INFORMATICA 2

Dettagli

Ereditarietà e Polimorfismo

Ereditarietà e Polimorfismo Ereditarietà e Polimorfismo Riusare il software A volte si incontrano classi con funzionalità simili In quanto sottendono concetti semanticamente vicini È possibile creare classi disgiunte replicando le

Dettagli

Elementi lessicali. Lezione 4. La parole chiave. Elementi lessicali. Elementi lessicali e espressioni logiche. Linguaggi di Programmazione I

Elementi lessicali. Lezione 4. La parole chiave. Elementi lessicali. Elementi lessicali e espressioni logiche. Linguaggi di Programmazione I Lezione 4 Elementi lessicali e espressioni logiche Matricole 2-3 Elementi lessicali il linguaggio C ha un suo vocabolario di base i cui elementi sono detti token esistono 6 tipi di token: parole chiave

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Sommario Istruzioni di controllo Iterative Condizionali Algoritmi e Diagrammi di flusso Esercizi 28/03/2011 2 Istruzioni iterative while do

Dettagli

Proprietà delle Classi e degli Oggetti in Java

Proprietà delle Classi e degli Oggetti in Java Fondamenti di Informatica Proprietà delle Classi e degli Oggetti in Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Proprietà object-oriented di Java Definendo le caratteristiche e le operazioni di

Dettagli

1 Esercizi in pseudocodice

1 Esercizi in pseudocodice Questa dispensa propone esercizi sulla scrittura di algoritmi in un linguaggio semiformale, utile all acquisizione delle abilità essenziali per implementare algoritmi in qualsiasi linguaggio di programmazione.

Dettagli

Introduzione a Ingresso e Uscita. Scrittura di un programma C++ Compilazione Esecuzione

Introduzione a Ingresso e Uscita. Scrittura di un programma C++ Compilazione Esecuzione Introduzione a Ingresso e Uscita Scrittura di un programma C++ Compilazione Esecuzione 2 Sistema operativo 1/2 Il sistema operativo di riferimento per le esercitazioni di questo corso è GNU/Linux Perché?

Dettagli

Linguaggio C Struttura dei programmi

Linguaggio C Struttura dei programmi FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Ing. DAVIDE PIERATTONI Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Linguaggio C Struttura dei programmi 2001 Pier Luca Montessoro - Davide

Dettagli

Array in Fortran 90. Ing. Luca De Santis. Anno accademico 2006/2007. DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica

Array in Fortran 90. Ing. Luca De Santis. Anno accademico 2006/2007. DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica Array in Fortran 90 Ing. Luca De Santis DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica Anno accademico 2006/2007 Fortran 90: array DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica 1 / 25 Cosa vedremo

Dettagli

Introduzione alla Programmazione in Java attraverso un esempio commentato

Introduzione alla Programmazione in Java attraverso un esempio commentato Corso di Studi in Informatica Programmazione 1 corso B prof. Elio Giovannetti Introduzione alla Programmazione in Java attraverso un esempio commentato Programmazione 1 B - a.a. 2002-03 53 Modello di memoria

Dettagli

IC Don Milani Latina. Alfabetizzazione Informatica. Prof. Giuseppe Patti

IC Don Milani Latina. Alfabetizzazione Informatica. Prof. Giuseppe Patti IC Don Milani Latina Alfabetizzazione Informatica Prof. Giuseppe Patti Il computer è...una macchina che aiuta l uomo nelle sue molteplici attività. Non è in grado di pensare, né di creare. Può solo eseguire

Dettagli

Strutture di controllo iterative

Strutture di controllo iterative Capitolo 4 Strutture di controllo iterative ANDREA GINI Le strutture di controllo iterative permettono di impostare la ripetizione di un insieme di istruzioni per un determinato numero di volte. In Java

Dettagli

3. Indicare cosa sta a significare la figura geometrica del rombo in un diagramma a blocchi

3. Indicare cosa sta a significare la figura geometrica del rombo in un diagramma a blocchi 0.1.1.1 Definire un algoritmo 1. Con il termine algoritmo si intende: a) il software utilizzato in un calcolatore b) l elenco finito di istruzioni necessario per risolvere un problema c) un elaboratore

Dettagli