3. IL SISTEMA DEI CONTI NAZIONALI E LA STIMA DEI PRINCIPALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "3. IL SISTEMA DEI CONTI NAZIONALI E LA STIMA DEI PRINCIPALI"

Transcript

1 3. IL SISTEMA DEI CONTI NAZIONALI E LA STIMA DEI PRINCIPALI AGGREGATI (a) Il quadro di riferimento: schemi SNA e SEC95 (b) Concetti, regole e definizioni per la costruzione dei conti (c) Il conto della produzione e la stima dei principali aggregati (d) Gli altri conti delle operazioni correnti, il conto del capitale e i conti del resto del Mondo (e) Estensioni del sistema dei conti (cenni); i conti delle AP (f) Rapporti e indicatori caratteristici Riferimenti: Istat, pp , , informazioni su conti nazionali annuali. 56

2 (3a) IL QUADRO DI RIFERIMENTO: SCHEMI SNA E SEC95 CONTABILITÀ NAZIONALE Descrizione quantitativa dell attività economica di un Paese (o di ogni altra circoscrizione territoriale), sotto forma di una presentazione completa e sistematica, tramite un insieme di conti, dei flussi economici e finanziari che si verificano tra gruppi significativi di operatori, e delle consistenze iniziali e finali dei beni reali e finanziari. Sistemi di conti: - System of National Accounts (SNA): elaborato nell ambito dell ONU, ultima versione 1993; - Sistema europeo dei conti (SEC95): sistema integrato di conti adottato dall Unione Europea, nel Riferimento territoriale: - conti nazionali; - conti regionali (ecc.). Riferimento temporale: - conti annuali; - conti trimestrali. 57

3 UN INTRODUZIONE ALLA LOGICA DEI CONTI (RICOLLEGANDOSI AL CIRCUITO DEL REDDITO E UTILIZZANDO LO SCHEMA DELLA TAVOLA I-0) Richiamo alla rappresentazione del circuito economico fra produttori e utilizzatori finali (pag. 5) con una realistica complicazione aggiuntiva: esistenza di flussi intermedi fra imprese. Un semplice esempio di sistema chiuso con tre imprese (o insiemi di imprese, detti anche settori): la tavola inputoutput come sistema contabile Settori di origine 1. Agri coltura Settori di destinazione 2. Indu stria 3. Ser vizi Tot. im pieghi interm. Impieghi finali Consumi Investimenti Tot. im pieghi finali Produz totale [+ input primari] 1. Agricoltura Industria Servizi Tot. costi intermedi Redditi da lavoro dip. Risultato lordo gest. Imposte ind. Nette Reddito finale Produz. totale

4 I flussi della tavola input-output obbediscono a alcune fondamentali relazioni contabili: - equazioni di bilancio: per ogni settore, vi è uguaglianza fra le risorse disponibili ( produzione totale) e i loro impieghi [ lettura nel senso delle righe]; - equazioni dei costi: per ogni settore, vi è uguaglianza fra la produzione totale ed i costi sostenuti per ottenerla [ lettura nel senso delle colonne]; - conto di equilibrio per settore: per ogni settore, vi è un equazione di equilibrio fra totale dei costi e totale degli impieghi [ uguaglianza di totali di riga i e di colonna i, per ogni i (nel nostro esempio, per i = 1, 2, 3)]. 59

5 Aggregando rispetto ai settori, si hanno i corrispondenti risultati per l intera economia, che sono riassunti in tre conti: - Conto di equilibrio dei beni e servizi Produz. = Consumi + Consumi + Investim. totale intermedi finali 540 = Conto della produzione Consumi + Reddito = Produz. Intermedi finale Totale = Conto delle risorse e degli impieghi Prodotto = Consumi + Investim. finale finali 220 = NB: in un sistema chiuso, c è uguaglianza fra prodotto finale, reddito finale ( valore aggiunto) e spesa finale. 60

6 SCHEMA SEMPLIFICATO DI CONTABILITA' NAZIONALE Sistema per rappresentare in modo ordinato e coerente l'insieme delle relazioni (flussi) che intercorrono tra gli operatori economici e per descrivere quantitativamente (sotto forma contabile) i risultati dell'attività economica di un paese La CN è più che un insieme di informazioni statistiche. E' un quadro di riferimento nel quale i fatti economici sono disposti appropriatamente sulla base della teoria economica. Il nucleo teorico essenziale della CN è il concetto di circolarità dei flussi e la sua descrizione in termini delle equazioni keynesiane Sistema chiuso Y = C + I la produzione (Y) è costituita da beni destinati al consumo (C) o all'investimento (I). Esprime l'equilibrio tra domanda e offerta C + S = Y la contropartita di reddito dell'offerta (Y) viene assegnata agli utilizzatori finali che la destinano al consumo o al risparmio (S) I S Sistema aperto il risparmio viene tutto investito. L'identità, che esprime la condizione di equilibrio del sistema (prodotto = reddito) è garantita da meccanismi di aggiustamento (variazione scorte o movimenti di prezzo dei beni capitali) che tendono a far coincidere le scelte di risparmio con quelle di investimento Y + M = C + I + E (M=Esportazioni; E=Esportazioni) C + S = Y + T (T=Trasferimenti netti dall'estero) I + B = S E + T + B M (B=Accreditamento(+)/Indebitamento(-) netto con l'estero)

7 LA LOGICA DEL SEC 95 Il sistema contabile è articolato in tre categorie principali di conti: - conti delle operazioni correnti, - conti dell accumulazione, - conti patrimoniali. La struttura logica del sistema dei conti è la seguente: - Conto patrimoniale di apertura [all inizio dell anno t; dà la consistenza iniziale della ricchezza] - Conti delle operazioni correnti [illustrano processi di formazione, distribuzione, redistribuzione e utilizzazione del reddito, nell anno t] - Conti dell accumulazione [registrano variazioni intervenute nelle attività e passività, in particolare (i) il processo di formazione del capitale (investimenti) e (ii) l insieme delle operazioni finanziarie, nell anno t] - Conto patrimoniale di chiusura [alla fine dell anno t; dà la consistenza finale della ricchezza]. 62

8 63

9 Conti economici nazionali. Anno 2004 (prezzi correnti, milioni di euro) A) conto della produzione IMPIEGHI RISORSE Consumi intermedi Produzione (ai prezzi base) Prodotto interno lordo Imposte al netto dei contributi ai prodotti IMPIEGHI B1) Conto della generazione dei redditi primari RISORSE Redditi da lavoro dipendente (interni) Prodotto interno lordo Imposte sulla produzione e sulle importazioni Contributi (-) Risultato lordo di gestione + reddito misto IMPIEGHI B2) Conto della attribuzione dei redditi primari RISORSE Reddito nazionale lordo Risultato lordo di gestione + reddito misto IMPIEGHI Redditi da lavoro dipendente (nazionali) Imposte indirette nette versate al resto del mondo Imposte sulla produzione e sulle importazioni Contributi (-) Redditi da capitale netti dall estero C) Conto della distribuzione secondaria del reddito RISORSE Reddito nazionale lordo disponibile Reddito nazionale lordo Saldo delle imposte correnti sul reddito sul patrimonio, ecc. (ricevute meno pagate) con il Resto del Mondo (+) 926 Saldo dei contributi sociali (ricevuti meno pagati) con il Resto del Mondo (+) 184 Saldo delle prestazioni sociali diverse dai trasferimenti sociali in natura (ricevute meno pagate) con il Resto del mondo (+) Saldo degli altri trasferimenti correnti (ricevuti meno pagati) con il Resto del Mondo (+) D) Conto di utilizzazione del reddito disponibile IMPIEGHI RISORSE Spesa per consumi finali nazionali Reddito nazionale lordo disponibile Risparmio lordo E) Conto del capitale, anno 2004 (milioni di euro) IMPIEGHI RISORSE Investimenti fissi lordi Risparmio lordo Variazione delle scorte e acquisizioni meno cessioni di oggetti di valore Acquisizioni meno cessioni di attività non finanziarie non prodotte 38 Accreditamento (+) / Indebitamento (-) Saldo dei trasferimenti in conto capitale con il resto del mondo

10 (3b) CONCETTI, REGOLE E DEFINIZIONI PER LA COSTRUZIONE DEI CONTI Per elaborare un sistema di conti economici nazionali complesso e al tempo stesso maneggevole, servono regole e definizioni, che riguardano: 1. La delimitazione del sistema economico 2. L individuazione e la classificazione delle unità 3. La classificazione delle operazioni economiche 4. La struttura contabile 5. Le modalità di registrazione dei flussi nei conti 6. Il processo di costruzione dei conti 65

11 1. LA DELIMITAZIONE DEL SISTEMA ECONOMICO SE06_3.DOC Coinvolge due aspetti: delimitazione degli operatori residenti nel territorio economico di riferimento (nel nostro caso, l Italia); delimitazione dei confini dell attività economica, in particolare della produzione. TERRITORIO ECONOMICO E OPERATORI RESIDENTI Le operazioni e gli stock rilevanti per i conti nazionali italiani sono quelli che fanno capo a operatori residenti nel territorio economico dell Italia. Territorio economico: di massima territorio politicoamministrativo, ma con qualche precisazione: ± zone franche extraterritoriali (sedi di ambasciate, consolati, corpi militari, organismi internazionali); + navi, aerei, piattaforme galleggianti appartenenti a unità residenti; giacimenti situati in acque internazionali e sfruttati da unità residenti. Sono definiti residenti gli operatori che hanno nel territo rio economico il loro centro di interesse, cioè vi esercitano attività o operazioni economiche in misura significativa per un periodo di tempo ampio (almeno un anno). NB: Una filiale di un impresa estera in Italia è considerata un unità residente (e il simmetrico vale per filiale di impresa italiana all estero): per imprese residenza presenza (nazionale interno). 66

12 DELIMITAZIONE DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE: I CONFINI DELLA PRODUZIONE Produzione: insieme di tutte le attività produttive che contribuiscono alla formazione ( creazione/trasforma zione) di beni e servizi, altrimenti scarsi, atti a soddisfare i bisogni umani. NB: Con la dizione attività produttive ci si riferisce ad attività (o ai prodotti delle attività) che transitano, o potrebbero transitare, sul mercato. Confini della produzione: - non comprende i servizi prestati gratuitamente dai membri della famiglia nell ambito domestico (lavoro casalingo [ paradosso della cameriera ]), né il fai-date, né i servizi di volontariato in senso stretto; - non comprende guadagni e perdite in conto capitale; - non comprende inoltre, per ragioni pratiche, le attività illegali [attività di produzione di beni e servizi la cui vendita, distribuzione o possesso sono proibite dalla legge]. 67

13 Alcune articolazioni della produzione (non mutuamente esclusive!): - attività regolari; - attività informali [svolte da unità produttive caratteriz zate da basso livello di organizzazione, scarsa divisione fra i fattori di produzione, relazioni di lavoro basate su vincoli di parentela o personali]; - attività sommerse: produzione legale non direttamente osservata, per: (i) la tendenza delle imprese a nascondere (parte del)l attività svolta in modo non regolare rispetto a normative sul lavoro, previdenziali e fiscali [sommerso economico]; le carenze del sistema statistico nel rilevare l insieme delle attività, di solito tanto maggiori quanto più le attività sono svolte da piccole imprese e/o sono informali e/o sono irregolari [sommerso statistico]. Attività economiche legali Attività regolari Attività irregolari ( sommerso economico) Attività informali Sommerso statistico 68

14 2. L INDIVIDUAZIONE E LA CLASSIFICAZIONE DELLE UNITÀ Due criteri di identificazione e classificazione: - operatori e settori istituzionali; - unità di attività economica e branche. OPERATORI E SETTORI ISTITUZIONALI Operatori (economici): unità elementari che hanno autonomia e capacità di decisione in campo economicofinanziario; hanno (o comunque potrebbero avere) una contabilità economica completa. Le unità che presentano queste caratteristiche sono dette unità istituzionali. Le unità istituzionali sono raggruppate in settori istituzionali, sulla base dell uniformità quanto a funzioni principali svolte e al tipo di risorse utilizzate per il loro finanziamento. La classificazione è in cinque (+uno) settori istituzionali: - Società e quasi società non finanziarie - Società finanziarie [Intermediari finanziari e Società di assicurazione] - Amministrazioni pubbliche (AP) - Istituzioni sociali private - Famiglie [ produttrici e consumatrici] - Resto del Mondo 69

15 Classificazione dei settori istituzionali Settori istituzionali Funzione principale Risorse prevalenti Società e quasi società non finanziarie Società finanziarie Intermediari finanziari Società di assicurazione Amministrazioni pubbliche Istituzioni sociali private Produrre beni e servizi non finanziari destinabili alla vendita Accumulare Finanziare (cioè raccogliere ed impiegare le disponibilità finanziarie) Assicurare (cioè trasformare rischi individuali in rischi collettivi) Accumulare Produrre servizi collettivi non destinabili alla vendita (difesa, giustizia, ecc.) Effettuare operazioni di redistribuzione di reddito e ricchezza (fisco, previdenza, assistenza, ecc.) Produrre servizi non destinabili alla vendita per gruppi particolari di famiglie (servizi collettivi); ridistribuire Resto del mondo Entrate derivanti dalle vendite Redditi da capitaleimpresa Fondi provenienti da assunzioni di passività; interessi; premi contrattuali Redditi da capitaleimpresa Imposte e contributi sociali (cioè versamenti obbligatori effettuati direttamente o indirettamente da unità appartenenti ad altri settori) Trasferimenti (versamenti volontari effettuati dalle famiglie nella loro funzione di consumatori); redditi da capitale Entrate derivanti dalle vendite Redditi misti Remunerazione dei fattori della produzione; trasferimenti dagli altri settori Famiglie: - in qualità di produttori Produrre beni e servizi non finanziari destinabili alla vendita; accumulare - in qualità di consumatori Consumare, cioè soddisfare i bisogni umani individuali e collettivi Settore sui generis, che raggruppa le unità non residenti per le operazioni che esse effettuano con le unità istituzionali residenti 70

16 Note di commento: Nel settore delle società non finanziarie sono comprese anche le cosiddette quasi società, cioè le imprese individuali con almeno: - 20 dipendenti se agricole dipendenti se industriali - 50 dipendenti se imprese di servizi Le definizione delle AP è centrata sugli aspetti economici (e non giuridici). Nelle AP non sono quindi comprese le aziende pubbliche la cui produzione transita sul mercato. Per il settore Famiglie si adotta una soluzione di comodo (famiglie in quanto produttrici e in quanto consumatrici): - si giustifica perché per lavoratori autonomi, liberi professionisti, titolari di piccole imprese non costituite in forma societaria è problematico distinguere fra la sfera dell impresa e quella della famiglia; - soluzione lascia in parte insoddisfatti perché: da un lato si rompe il blocco dei produttori che vendono sul mercato i beni ed i servizi non finanziari, prevedendo appunto famiglie produttrici di tali beni; dall altro lato si inquina il blocco dei consumatori. I settori istituzionali costituiscono raggruppamenti di operatori utili per descrivere il loro comportamento nella sfera della distribuzione e dell impiego del reddito e nella sfera finanziaria. Essi sono inadeguati ai fini dell analisi della formazione del reddito e dei mercati dei beni e dei fattori. 71

17 UNITÀ DI ATTIVITÀ ECONOMICA E BRANCHE Unità di attività economica locale (U AEL ): cellula operativa di tipo funzionale (stabilimento, bottega, ufficio, ecc.). Di solito realizza un attività produttiva riguardante un solo prodotto o comunque un insieme di prodotti simili, intendendo per tali i prodotti che si collocano in una classe ( codice di 4 cifre) della classificazione NACE (vedi dopo). Accanto all attività produttiva principale (in termini di valore aggiunto), una U AEL può peraltro svolgere anche una o più attività secondarie riconducibili a differenti classi NACE, che restano tuttavia incorporate in essa. Unità di produzione omogenea locale (U PO ): unità locale caratterizzata da: - un unica attività produttiva (in termini di una classe della classificazione NACE), e quindi - struttura dei costi, processo di produzione e output (prodotto) omogenei. Operativamente, le unità di riferimento sono le unità di attività economica locale. Tra le U AEL si distinguono: - produttori market: le U AEL che producono per il mercato (o per proprio uso finale); - produttori non market: le U AEL che offrono la loro produzione gratuitamente o a prezzi economicamente non significativi. 72

18 Le unità di attività economica locale sono raggruppate in branche di attività economica, secondo una classificazione (NACE/Rev. 1) attenta alle caratteristiche di natura tecnico-economica del processo produttivo (non alle caratteristiche degli operatori che svolgono le attività). Classificazione a più cifre decimali (vedi esempio che segue). Branche e rami di attività economica: 1. Agricoltura, silvicoltura e pesca 2. Industria 2.1 Prodotti energetici 2.2 Prodotti della trasformazione industriale 2.3 Costruzioni e lavori del Genio Civile 3. Servizi 3.1 Commercio, alberghi, pubblici esercizi 3.2 Trasporti e comunicazioni 3.3 Credito, assicurazioni, attività immobiliari e servizi professionali 3.4 Servizi vari 4. Servizi generali di pubblica amministrazione e difesa 4.1 Servizi di assicurazione sociale obbligatoria 4.2 Servizi vari [istruzione; servizi sanitari e sociali; altri servizi pubblici, sociali e personali; servizi domestici presso famiglie e convivenze] NB: Le due classificazioni delle unità unità istituzionali per settori istituzionali e unità di produzione omogenea per branche si prestano per dare due diverse rappresentazioni della stessa realtà: U AEL + FAMIGLIE (propriamente dette) = = INSIEME DEI SETTORI ISTITUZIONALI 73

19 3. LA CLASSIFICAZIONE DELLE OPERAZIONI Flussi: rappresentano le modificazioni di valore economico (creazione, trasformazione, scambio, trasferimento, ), cioè le variazioni di attività e passività detenute dalle unità istituzionali: se generati da decisioni delle unità istituzionali in merito a produzione, distribuzione, redistribuzione, consumo o accumulazione: operazioni se si manifestano indipendentemente dalla volontà delle unità istituzionali [es.: scoperta o esaurimento di giacimenti; guadagni o perdite in conto capitale; generalmente, di importo non rilevante rispetto a operazioni]: altre variazioni delle attività e passività Classificazione delle operazioni: Operazioni sui prodotti (beni e servizi) Es.: Produzione; Consumi finali; Investimenti; Importazioni. Operazioni di distribuzione e ridistribuzione Es.: Redditi da lavoro dipendente; Contributi e prestazioni sociali; Imposte dirette sul reddito e il patrimonio. Operazioni finanziarie Es.: Biglietti, monete e depositi; Titoli diversi dalle azioni; Azioni e altre partecipazioni. Altre operazioni Es.: Ammortamenti; Acquisizione meno cessione di attività non finanziarie non prodotte. [NB: Per classificazione delle operazioni, vedi Istat, p. 18.] 74

20 Altre importanti distinzioni nell ambito delle operazioni: SE06_3.DOC Operazioni: Operazioni: - unilaterali (trasferimenti) - bilaterali - correnti - in conto capitale Ultime, importanti considerazioni in materia di flussi. Il sistema economico è aperto, cioè a dire l insieme degli operatori residenti sul territorio economico del Paese ha relazioni con Resto del Mondo, in tutte le fasi del processo produttivo produzione, distribuzione, redistribuzione, consumo e accumulazione. Occorre dunque distinguere fra: - flussi interni: si registrano sul territorio economico del Paese, indipendentemente dalla residenza degli operatori; - flussi nazionali: sono pertinenti agli operatori residenti, indipendentemente dal fatto che siano stati posti in essere all interno o fuori dal territorio economico del Paese. Nell ambito del Resto del Mondo, poi, per l Italia ha particolare importanza l appartenenza all Unione Europea, che svolge anche funzioni di redistribuzione analoghe a quelle effettuate dalle AP (riscossione di imposte; erogazione di contributi; ecc.), anche se con un peso quantitativamente ridotto. 75

21 4. LA STRUTTURA CONTABILE DEL SEC 95 Al di fuori del SEC95, è utile considerare: Conto di equilibrio dei beni e servizi; Conto economico delle risorse e degli impieghi [correntemente prodotto dall Istat]. Presentazione della struttura per il solo insieme dei conti delle operazioni correnti e del conto del capitale [per quadro generale: vedi pag. 64]. Conti Aggregati a saldo Conto della produzione Prodotto interno lordo (valore aggiunto) Conti della distribuzione del reddito - Generazione del reddito - Attribuzione dei redditi primari - Distribuzione secondaria del reddito - Utilizzazione del reddito disponibile Risultato lordo di gestione Reddito nazionale lordo Reddito nazionale lordo disponibile Risparmio lordo Conti dell accumulazione - Formazione del capitale - Accreditamento (+)/Indebitamento (-) netto + conti con il Resto del Mondo 76

22 Osservazioni: Il piano generale dei conti va bene per l'economia nazionale e per i settori istituzionali, ma non per tutte le partizioni/segmenti dell economia nazionale. L equilibrio tra la domanda e l'offerta dei beni e servizi può essere accertato per la totalità del mercato interno o per specifiche categorie di beni; è invece privo di senso per il singolo settore istituzionale. Il conto della produzione e quello della generazione del reddito (o distribuzione del valore aggiunto), oltre naturalmente al conto delle risorse e degli impieghi, possono essere compilati per le branche. I conti successivi, attenti ai circuiti più complessi di ripartizione del reddito, del consumo, del risparmio, dell accumulazione, sono riservati ai settori istituzionali. NB: Essi, infatti, non si adattano alle U AEL, che vengono aggregate nelle branche (non hanno potere di decidere circa l assegnazione dei redditi, la formazione del risparmio, ecc.). Nelle sue linee essenziali, la struttura generale del SEC è caratterizzata dai primi due conti per branca e dagli altri conti per settori istituzionali. A questi conti, si aggiungono poi conti più semplici per le transazioni internazionali. 77

23 5. LE REGOLE DI REGISTRAZIONE Sezione di destra del conto: entrate [ risorse] Sezione di sinistra del conto: uscite [ impieghi] Metodo della partita doppia : le operazioni sono registrate, per lo stesso importo, una volta in uscita e un'altra in entrata: - interdipendenza, - verifica di identità, - stima dei saldi. Le operazioni sono attribuite agli operatori che effettivamente le compiono, con alcune eccezioni, la principale delle quali è la seguente: I contributi sociali transitano tutti per il settore delle famiglie, sebbene i versamenti alle AP siano fatti direttamente dai datori di lavoro. Tutti i flussi sono presentati in termini monetari. Prezzi ai quali sono valutate le diverse operazioni su beni e servizi: per produzione: prezzi base di vendita ( prezzi praticati dai produttori): Sono compresi: - imposte sulla produzione non collegate al volume/valore del prodotto (+); - contributi commisurati ai prodotti (-). Non sono compresi:- imposte sui prodotti e le importazioni; - margini di commercio e trasporto. per impieghi: prezzi di acquisto ( di mercato) Sono compresi: - imposte nette sui prodotti e le importazioni; - margini di commercio e trasporto. NB: Imposte nette = Imposte - Contributi (vedi dopo pag. 86). 78

24 IL PROCESSO DI COSTRUZIONE DEI CONTI Elaborazione dei conti: per l Italia: - sistema completo a cadenza annuale; - sistema semplificato a cadenza trimestrale; a livello di regioni: alcuni aggregati, a cadenza annuale. Riferimento a stime dei conti annuali relative all anno t: Processo di revisione corrente: - 1^ marzo anno t+1: stime preliminari; - 1^ marzo anno t+2: stime riviste (ancora provvisorie); - 1^ marzo anno t+3: stime riviste (ancora provvisorie); - 1^ marzo anno t+4: stime definitive. Quindi, il 1^ marzo di ogni anno sono prodotte 4 stime, per i quattro anni precedenti, ciascuna contraddistinta di un diverso grado di provvisorietà/definitività. A intervalli abbastanza lunghi, si sovrappongono poi revisioni occasionali, a seguito di: - mutamenti negli schemi contabili (concetti, definizioni, classificazioni): es.: nel 1999 revisione per adozione del SEC95; - disponibilità in anni particolari (es.: anni dei censimenti generali) di un patrimonio informativo più ricco, che consente la costruzione di stime di benchmark. NB: Di solito, con le revisioni occasionali si procede a ri vedere retrospettivamente le serie storiche, per disporre di stime che abbiano continuità e coerenza temporale. Ultima revisione dicembre 2005 (anno base = 2000) 79

25 (3c) IL CONTO DELLA PRODUZIONE E LA STIMA DEI PRINCIPALI AGGREGATI Ci si limita a un sottoinsieme dei conti del SEC95: i conti delle operazioni correnti e del capitale (+ conti col Resto del Mondo): Conto della produzione (+ conto di equilibrio dei beni e servizi + conto delle risorse e degli impieghi). Conti della distribuzione del reddito. Conto del capitale. Conti delle transazioni col Resto del Mondo. NB: Guardando ai conti, si considera la stima dei principali aggregati. 80

26 1. CONTO DELLA PRODUZIONE (E CONNESSI) 0. CONTO DI EQUILIBRIO DEI BENI E SERVIZI Per l intera economia (e eventualmente per branche), mostra come il complesso delle risorse produzione più importazioni venga impiegato nelle diverse destinazio ni: impieghi intermedi, consumi finali, investimenti lordi ed esportazioni. II + C + I f + I s + E = P + M + T i, n P: Produzione totale interna ai prezzi base M: Importazioni di beni e servizi (compresi acquisti all estero dei residenti) T i,n : Imposte nette sui prodotti e le importaz. (= T i - R cp ) T i : Imposte sui prodotti e le importazioni R cp : Contributi commisurati ai prodotti II: Impieghi intermedi (NB: a livello aggregato II= CI) C: Consumi finali nazionali (NB: non interni, per il modo in cui sono definite M ed E) I f : Investimenti fissi lordi I s : Variazione delle scorte E: Esportazioni di beni e servizi (compresi acquisti sul territorio dei non residenti) Bilancio tra offerta globale (M + P + T i,n ) e domanda globale (II + C + I f + I s + E). Il conto è bilanciato per definizione. Quindi, non genera alcun saldo. 81

27 0-bis. CONTO DELLE RISORSE E DEGLI IMPIEGHI La produzione totale interna di un Paese è pari alla somma dei consumi intermedi e del prodotto interno lordo (vedi il conto della produzione): P + T i, n = CI + Y p. Inoltre, per il complesso dell economia i consumi intermedi sono uguali agli impieghi intermedi: CI = II. Si può pertanto scrivere: II + C + I f + I s + E = CI + Y p + M, ed eliminando il valore degli scambi intermedi si ha: C + I f + I s + E = Y p + M Y p : Prodotto interno lordo ai prezzi di mercato (PIL) I: Investimenti lordi (I = I f + I s ) È questo il conto economico delle risorse e degli impieghi (o bilancio economico nazionale). Esso corrisponde alla nota identità macroeconomica Y p = C + I + E M, che mostra come il PIL possa essere ottenuto, dal lato della domanda, coma somma degli impieghi finali interni e del saldo dell interscambio di beni e servizi col RdM. NB: Se il sistema è chiuso (o se M = E), Y p = C + I (uguaglianza tra prodotto e spesa finale). 820

28 Conto economico delle risorse e degli impieghi, anni (prezzi correnti, milioni di euro) RISORSE Prodotto interno lordo ai prezzi di mercato Importazioni di beni e servizi fob Totale IMPIEGHI Consumi nazionali Spesa delle famiglie residenti Spesa delle Amministrazioni pubbliche e delle Istituzioni sociali private senza scopo di lucro al servizio delle famiglie Investimenti fissi lordi Investimenti fissi netti Ammortamenti Variazione delle scorte Oggetti di valore Esportazioni di beni e servizi fob Totale

29 1. CONTO DELLA PRODUZIONE Il conto della produzione riguarda le operazioni che costituiscono il processo produttivo in senso stretto. In entrata riporta la produzione totale interna. Essa viene scissa, in uscita, nella somma dei costi sostenuti per ottenerla: i consumi intermedi e, come saldo, il PIL (o valore aggiunto, termine usato in particolare quando ci si riferisca a singole branche o settori istituzionali). CI + Y p = P + T i, n Y p : PIL, aggregato a saldo. NB: Attenzione ai prezzi ai quali vengono valutati gli aggregati! L aggregato più importante che risulta dal conto è il Prodotto interno lordo (ai prezzi di mercato), PIL. Esso esprime la capacità di creazione di nuove risorse da parte del sistema economico. 84

30 QUALCHE OSSERVAZIONE SUL PIL Si tratta dell'aggregato più significativo della CN: esprime la capacità di creazione di nuove risorse da parte del sistema economico nel periodo di riferimento (tipicamente un anno). Non di rado viene assunto come indicatore sintetico del livello di sviluppo (o del livello di vita) di un Paese. È il risultato finale dell'attività di produzione delle unità produttrici residenti (la farina è un bene finale se venduta come farina; un bene intermedio se venduta al panettiere per fare il pane. In questo caso il valore della farina è incorporato nel valore del pane). A livello delle singole branche viene detto Valore Aggiunto. A livello dell'intero sistema si preferisce la dizione prodotto per sottolineare che si tratta di un aggregato reale il PIL include anche l attività sommersa, ovvero quella per cui non sono rispettati gli obblighi fiscali o contributivi (stima effettuata dall Istat con metodi particolari il metodo Istat è ufficialmente adottato da Eurosatat); Il Sec95 prevede che comprenda anche l attività illegale con pagamenti volontari (es. gioco d azzardo, la produzione e commercializzazione di droghe, la prostituzione), ma non è ancora misurata in Europa (lo è solo il contrabbando di sigarette). Non rientra l attività illegale con pagamento coercitivo (es. racket); Il PIL misura ciò che è prodotto in Italia, non ciò che è prodotto da Italiani. Gli italiani possono anche produrre all estero, mentre in Italia possono produrre anche soggetti stranieri. Il PIL include ciò che è prodotto da soggetti esteri in Italia ed esclude ciò che è prodotto da soggetti italiani all estero. La produzione che la FIAT realizza con le sue attività in Brasile non entra nel calcolo del PIL italiano, ma in quello del PIL brasiliano. Se si è interessati al valore della ricchezza prodotta dai residenti di una certa nazione, indipendentemente dal luogo in cui l abbiano prodotta si calcola allora il prodotto nazionale lordo (PNL). Il PNL dell Italia, per tornare all esempio di prima, comprende i profitti realizzati dalla FIAT in Brasile, ma, simmetricamente, non comprende i profitti realizzati da McDonald in Italia (questi ultimi faranno parte, però, del PIL italiano).

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

MANUALE APPLICATIVO. Allegato

MANUALE APPLICATIVO. Allegato Allegato MANUALE APPLICATIVO Disposizioni in materia di raccolta di informazioni statistiche per la bilancia dei pagamenti e la posizione patrimoniale verso l estero 1 INDICE PREMESSA...7 PARTE PRIMA

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere.

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere. 18/05/2009 FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Bonifici provenienti dall

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007 A STATISTICA (A-K) a.a. 007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N.

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N. INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

Negli ultimi trent anni, la disuguaglianza è aumentata in molti

Negli ultimi trent anni, la disuguaglianza è aumentata in molti 4 CAPITOLO 4 DISUGUAGLIANZE, EQUITÀ E SERVIZI AI CITTADINI Negli ultimi trent anni, la disuguaglianza è aumentata in molti paesi avanzati, ivi compresa l Italia. Peraltro, per i 27 membri dell Unione Europea

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Se non siamo in grado di misurare non abbiamo alcuna possibilità di agire Obiettivo: Misurare in modo sistematico gli indicatori

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli