PRESIDI PER DIABETICI PRESIDI PER INCONTINENZA DISTRIBUZIONE PER CONTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRESIDI PER DIABETICI PRESIDI PER INCONTINENZA DISTRIBUZIONE PER CONTO"

Transcript

1 ALLEGATO 2 PROPOSTA PER UNIFORMARE IL SISTEMA DELLA DISTRIBUZIONE DI PRESIDI PER DIABETICI, PRESIDI PER INCONTINENZA E DISTRIBUZIONE PER CONTO ATTRAVERSO LA RETE DELLE FARMACIE CONVENZIONATE L attuale sistema distributivo delle categorie di prodotti presi in esame, risulta essere estremamente variegato incidendo negativamente sia sulla qualità della prestazione erogata che sul costo sostenuto dal Servizio Sanitario Regionale. Tale frammentazione, elemento in comune a tutte le Asl regionali, produce nelle Asl napoletane risultati paradossali alla luce anche della recente riduzione da 5 a 3. A cittadini appartenenti alla stessa ASL vengono erogate prestazioni qualitativamente e quantitativamente differenti, e l identica modalità di fornitura risulta essere differente e penalizzante anche ai fini delle rilevazioni statistiche riguardo ai consumi: PRESIDI PER DIABETICI PRESIDI PER INCONTINENZA DISTRIBUZIONE PER CONTO LA SITUAZIONE ATTUALE DELLA DISTRIBUZIONE PER DIABETICI DISTRIBUZIONE DITTA AGG. SCONTO IVA NA1 FARMACIA 0,00% 20,00% NA2 GARA DE ROSA 20,00% NA3 GARA DE ROSA 20,00% NA4 FARMACIA 0,00% 20,00% NA5 FARMACIA 0,00% 20,00%

2 PUNTI DI CRITICITA Tale variegato sistema distributivo produce per i cittadini della Regione un diverso livello di assistenza sia qualitativo che quantitativo in base non solo alla Provincia, ma addirittura alla Città di residenza; comporta, inoltre, un notevole costo economico per il Sistema Sanitario della Regione Campania dovuto ad una enorme disparità di prezzi. A nostro avviso, lì dove si è proceduto a bandire gare non solo si è avuto un peggioramento del servizio, ma anche il mancato raggiungimento degli obiettivi di risparmio preventivati. Emblematico è il caso dell ex ASLNA5, la quale nel novembre 2007 rifiutò di stipulare un accordo con Federfarma Napoli ritenendo che attraverso il bando di una gara, affidata alla So.Re.Sa. si potessero ottenere risparmi maggiori. Risultato: ad oggi la distribuzione dei presidi per diabetici acquistati dalla ASL non è partita e il danno per le casse della ASL, derivante dal mancato accordo con Federfarma Napoli ammonta a marzo 2009 ad oltre 3 mln di Euro. A tutto ciò bisogna aggiungere lo scadimento del servizio reso: le farmacie della Regione raccolgono quotidianamente le lamentele dei cittadini circa la mancata assistenza, prodotti consegnati in qualità e quantità diversa rispetto a quelle normalmente utilizzate, consegne domiciliari effettuate nell assoluta mancanza del rispetto della privacy, il tutto aggravato dall impiego di personale non qualificato per fornire ai pazienti informazioni sul corretto uso dei presidi erogati. Preme inoltre far notare che i costi di tale servizio sfuggono al rigoroso e mensile controllo come in vero avviene per quello effettuato sulle ricette spedite in farmacie in regime di SSN, ma finiscono nel capitolo di spesa acquisti beni e servizi che rappresenta il buco nero delle spese sostenute da una ASL. Da ultimo, ma non meno importante, dal mese di settembre 2008 sia le farmacie che le ASL sono tenute, in base all applicazione dell art. 50, Legge 326/2003, ad inviare al MEF i dati di spesa relativi all assistenza integrativa comprensivi di: codice fiscale dell assistito, codice del medico prescrittore, numero di ricetta, data di spedizione, quantità e qualità della merce consegnata. Tale compito viene assolto dalle ASL che effettuano la distribuzione diretta? Ed in quelle ASL dove è stata aggiudicata la gara con consegna domiciliare come e chi adempie a questo obbligo e quali dati di spesa fornisce all Asl di riferimento? LE PROPOSTE DI FEDERFARMA NAPOLI Per i motivi su esposti, Federfarma Napoli è disponibile ad una revisione dei prezzi praticati con il chiaro, e ci auguriamo condiviso, intento di: uniformare il servizio per i cittadini distribuendo i prodotti per il tramite delle farmacie convenzionate aperte al pubblico, aumentare la qualità del servizio offerto (il sistema dei turni garantisce libero accesso ai prodotti (24h/24h) ridurre il costo per il Servizio Sanitario Regionale

3 DISTRIBUZIONE AUSILI AD ASSORBENZA PER INCONTINENTI PROPOSTA DI UN SERVIZIO A GESTIONE FORFETARIA DELL UTENZA TRAMITE FARMACIA PREMESSA Nella regione Campania, tra le diverse ASL, attualmente non esiste omogeneità in termini di tipologia e di qualità dei servizi erogati al paziente incontinente. Alcune ASL ricorrono alla distribuzione diretta erogata dai distretti o direttamente al domicilio del paziente, altre alla distribuzione indiretta tramite le farmacie Convenzionate. La tipologia dei prodotti disponibili è limitata normalmente ai soli prodotti standard del Nomenclatore Tariffario escludendo per il paziente la possibilità di disporre dei prodotti più innovativi quali i traspiranti e quelli tipo pull up. La situazione di cui sopra genera di fatto una forte inappropriatezza nelle prescrizioni, spostando in genere i consumi verso i prodotti più costosi, autorizzati nella quantità massima anche laddove non necessaria. La gara indetta da Soresa non ha consentito di ottenere i risultati desiderati. Tenuto conto dell imprescindibile obiettivo economico della Pubblica Amministrazione di ridurre la spesa pro capite e del rispetto verso il costituzionale diritto alla libera scelta del paziente appare evidente come la distribuzione in farmacia possa essere un ottimale soluzione per l erogazione di servizi e di prodotti necessari per una completa gestione dei bisogni del paziente incontinente. Sociali OBIETTIVI o Possibilità per il paziente di ritirare la merce in farmacia o richiedere a questa la consegna domiciliare o Corretta informazione all utenza sui prodotti e la loro modalità d uso o Nessuna limitazione all accesso da parte del paziente dei prodotti più innovativi. o Possibilità per il paziente di scegliere la tipologia di prodotto preferita (tra quelli disponibili in farmacia) Economici Rispetto alla attuale spesa pro capite si potrebbe garantire una riduzione di circa l 8%. Di fatto, a fronte di una spesa complessiva di oltre di Euro si otterrebbe un risparmio per le casse regionali di circa 2 milioni.

4 CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO Gamma dei prodotti Al paziente sarà consentito l accesso a tutte le tipologie di prodotto disponibili, comprese le più innovative (Pull-up, Traspiranti e a cintura), in linea con il principio della possibilità di libera scelta : Gestione forfetaria dell utenza per garantire un tetto di spesa pro capite Condizione questa necessaria per garantire alla ASL il contenimento della spesa anche a fronte della circolazione dei prodotti più costosi. Informatizzazione del servizio gestionale, In linea con gli obiettivi strategici della Regione saranno integrate le attività operative di prescrizioni, consegne e ordini. Sicurezza e facilità nel Controllo di Gestione Tutta la filiera dei servizi, dall atto autorizzativo alla consegna all utente sarà sotto il continuo controllo delle ASL e della Regione. Supporto infermieristico qualificato a tutti gli utenti Consulenza on line all utente tramite N Verde o Via Internet Garanzia della piena soddisfazione dell utenza monitorata tramite indagine di Customer Satisfaction Razionalizzazione delle prescrizioni e abbattimento della spesa reale:

5 DISTRIBUZIONE PER CONTO La distribuzione per conto (DPC) è il sistema distributivo previsto dalla legge 405/2001 secondo la quale la ASL acquista i prodotti, in genere con uno sconto molto elevato, ed utilizza il tramite delle farmacie convenzionate aperte al pubblico per la distribuzione, riconoscendo alle farmacie una remunerazione per la prestazione professionale che in genere viene espresso in misura percentuale sul prezzo al pubblico del farmaco o in alternativa ad un costo concordato per il numero di pezzi erogati. L attuale situazione vede accordi in essere tra Federfarma Napoli con la ex ASLNA3 3 la ex ASLNA5 e fino al 20 marzo u.s. con la ex ASLNA4; tale sistema distributivo ha comportato notevoli risparmi per il SSR, senza inficiare i livelli e la qualità delle prestazioni erogate, consentendo a queste ASL di centrare gli obbiettivi di spesa relativi alla Farmaceutica territoriale. In quelle ASL dove non si è raggiunto un tale accordo una cospicua parte di prodotti appartenenti all allegato 2 Legge 405/2001 vengono distribuiti attraverso il canale delle farmacie private, inficiando gravemente i tetti di spesa della farmaceutica territoriale come si evince dalle seguenti analisi realizzate solo su una parte della totalità dei principi attivi per la ex ASLNA2 e la ex ASLNA1 Campione di 86 farmacie su 100 ex ASL NA2 Dati anno 2008 NOME FARMACO FUSTELLI VALORE Actos ,97 Arixtra ,25 Avandamet ,82 Casodex ,03 Competact ,88 Forsteo ,47 Lantus ,33 Levemir ,20 Plavix ,18 Prograf ,32 Seroquel ,75 Stalevo ,02 Zyprexa ,60 TOTALE ,82 Attualizzando il valore alle 100 farmacie ,86 Acquisto ASL sconto 45% ,37 Risparmio ,49

6 Analizzando solo 13 principi attivi, appartenenti tra l altro a farmaci non molto costosi, su un totale di circa 70, è evidente che il risparmio che la ASL otterrebbe, recuperando la sola parte di prodotti il cui costo oggi viene sostenuto dalla farmaceutica territoriale, ripagherebbe ampiamente la ASL anche del maggiore onere derivante dal compenso al farmacista, migliorando notevolmente la qualità del servizio erogato. Dall analisi dei dati della ex ASLNA1 tale ragionamento appare ancora più evidente: ex ASL NA1 Campione di 265 farmacie su 311 Dati anno 2008 NOME FARMACO FUSTELLI VALORE Actos ,16 Advate ,00 Aranesp ,54 Aricept ,14 Arimidex ,36 Arixtra ,20 Avandamet ,71 Casodex ,53 Competact ,72 Eprex ,26 Gonal ,93 Helixate ,60 Kogenate ,12 Lantus ,17 Levemir ,28 Memac ,55 Plavix ,00 Seroquel ,39 Stalevo ,44 Zyprexa ,37 TOTALE Attualizzando il valore alle 311 farmacie , ,59 Acquisto ASL sconto 45% ,22 Risparmio ,37 PROPOSTA DI FEDERFARMA NAPOLI Estendendo l accordo di DPC almeno a tutte le ASL napoletane, oltre a garantire a tutti i cittadini la medesima modalità distributiva attraverso le farmacie ed il medesimo livello qualitativo della prestazione professionale erogata, si otterrebbero notevoli benefici economici per il SSR, per un importo superiore ai 10mln di euro/anno.

SANITA. Ausili monouso ad assorbenza per incontinenza Realtà della Regione Lombardia

SANITA. Ausili monouso ad assorbenza per incontinenza Realtà della Regione Lombardia Ausili monouso ad assorbenza per incontinenza Realtà della Regione Lombardia Ausili monouso ad assorbenza per incontinenza Processo autorizzativo Autorizzazione Come disciplinato dal Decreto del Ministero

Dettagli

DISTRIBUZIONE PER CONTO (D.P.C.) Anna Campi

DISTRIBUZIONE PER CONTO (D.P.C.) Anna Campi DISTRIBUZIONE PER CONTO (D.P.C.) Anna Campi 1 DISTRIBUZIONE PER CONTO Erogazione di farmaci, acquistati dalla ASL, da parte delle Farmacie Convenzionate: Distribuzione in nome e per conto della ASL 2 FARMACI

Dettagli

n. 47 del 30 Luglio 2012 DECRETO n. 75 del 09.07.2012 Rif. lettera g)

n. 47 del 30 Luglio 2012 DECRETO n. 75 del 09.07.2012 Rif. lettera g) Regione Campania Il Presidente Commissario ad acta per la prosecuzione del Piano di rientro del settore sanitario (Deliberazione Consiglio dei Ministri del 23/04/2010) DECRETO n. 75 del 09.07.2012 Rif.

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 REGIONE MARCHE - AZIENDA USL N. 11 FERMO SERVIZIO FARMACEUTICO TERRITORIALE NUOVA GESTIONE AUSILI PER INCONTINENZA Parte 1 : Anagrafica Titolo del Progetto: NUOVA GESTIONE AUSILI

Dettagli

Ausili per incontinenti ad assorbenza 2 Dialogo tecnico. Bologna, 9 settembre 2014

Ausili per incontinenti ad assorbenza 2 Dialogo tecnico. Bologna, 9 settembre 2014 Ausili per incontinenti ad assorbenza 2 Dialogo tecnico Bologna, 9 settembre 2014 Premessa Il presente documento illustra le principali caratteristiche della gara avente ad oggetto: Fornitura di ausili

Dettagli

Le norme esistenti in

Le norme esistenti in La distribuzione domiciliare dei farmaci 40 Data la criticità del prodotto considerato (valore, vita utile, modalità di conservazione, effetti sulla salute, ecc.), la normativa si è sviluppata in maniera

Dettagli

Il giorno DODICI del mese di FEBBRAIO dell anno DUEMILADIECI in Alessandria, presso la Sala riunioni della Direzione Generale

Il giorno DODICI del mese di FEBBRAIO dell anno DUEMILADIECI in Alessandria, presso la Sala riunioni della Direzione Generale PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA SPERIMENTALE DI EROGAZIONE DI PRODOTTI DI ASSISTENZA INTEGRATIVA ASSORBENTI URINA E PRESIDI PER DIABETICI TRA L AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA

Dettagli

Tecnologie sanitarie a domicilio: soluzioni a confronto. distribuzione. Servizi logistici sul territorio

Tecnologie sanitarie a domicilio: soluzioni a confronto. distribuzione. Servizi logistici sul territorio distribuzione 22 FEBBRAIO 2013 Servizi logistici sul territorio Tecnologie sanitarie a domicilio: soluzioni a confronto Nel nostro Paese, a fronte dell incremento della vita media della popolazione, si

Dettagli

RICHIESTE DI CHIARIMENTI E RELATIVE RISPOSTE IV TRANCHE

RICHIESTE DI CHIARIMENTI E RELATIVE RISPOSTE IV TRANCHE Prot. 1737/2013 del 5 giugno 2013 RICHIESTE DI CHIARIMENTI E RELATIVE RISPOSTE IV TRANCHE DOMANDA N. 1 Con riferimento alla procedura in oggetto, siamo cortesemente a chiedere ulteriori precisazioni. Nel

Dettagli

Regolamento fornitura farmaci a RSA e Strutture ex art 26

Regolamento fornitura farmaci a RSA e Strutture ex art 26 Regolamento fornitura farmaci a RSA e Strutture ex art 26 DATA: 31.08.2009 rev. n 01 data: 20.01.2014 rev. n 02 data: 24.02.2014 Redatto Verificato Approvato Dr.ssa Maria Letizia Tosini Direttore Farmacia

Dettagli

Regione Campania ASL Caserta. Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta. Direzione Generale

Regione Campania ASL Caserta. Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta. Direzione Generale Regione Campania ASL Caserta Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta Direzione Generale Servizio Controllo di Gestione e Sistema Informativo ASL Caserta Dir Prevenzione Corruzione e Trasparenza (Dir.Dr. Michele

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 44/ 12 DEL 31.10.2007

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 44/ 12 DEL 31.10.2007 DELIBERAZIONE N. 44/ 12 Oggetto: Aumento del numero massimo di strisce per autocontrollo della glicemia concedibili gratuitamente ai pazienti diabetici in età pediatrica e adolescenziale. L Assessore dell

Dettagli

SERVIZIO DI CONSEGNA A DOMICILIO

SERVIZIO DI CONSEGNA A DOMICILIO GARA REGIONALE AUSILI PER INCONTINENZA AD USO DOMICILIARE Capitolato tecnico (lotto unico) Pannolone a mutandina formato Grande notte Pannolone a mutandina formato Medio notte Pannolone a mutandina formato

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL REGOLAMENTO DI STRUTTURA SOCIO-SANITARIA PER PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI

LINEE GUIDA PER IL REGOLAMENTO DI STRUTTURA SOCIO-SANITARIA PER PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI LINEE GUIDA PER IL REGOLAMENTO DI STRUTTURA SOCIO-SANITARIA PER PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI Il Regolamento di struttura, redatto in coerenza con le linee guida di cui al presente provvedimento,

Dettagli

DEGLI AUSILI AD ASSORBENZA PER L INCONTINENZA: L ESPERIENZA DELL ASL DELLA PROVINCIA DI

DEGLI AUSILI AD ASSORBENZA PER L INCONTINENZA: L ESPERIENZA DELL ASL DELLA PROVINCIA DI UN METODO DI ASSEGNAZIONE DEGLI AUSILI AD ASSORBENZA PER L INCONTINENZA: L ESPERIENZA DELL ASL DELLA PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA 1 Anna Ballan Referente Protesica Minore - Integrativa, Servizio Assistenza

Dettagli

Fornitura diretta e gestione dei medicinali e dei prodotti sanitari nelle RSA

Fornitura diretta e gestione dei medicinali e dei prodotti sanitari nelle RSA Corso di Formazione per Medici coordinatori delle RSA Fornitura diretta e gestione dei medicinali e dei prodotti sanitari nelle RSA Trento 20 febbraio 2010 Elisabetta De Bastiani Servizio Farmaceutico

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE REGIONE VENETO - AZIENDA SANITARIA ULSS 22 PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE A cura del Coordinamento dei Distretti socio-sanitari e dei Medici

Dettagli

L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO

L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO BUONGIORNO CReG: UN PROGETTO INNOVATIVO PER MIGLIORARE LA GESTIONE TERRITORIALE DELLA CRONICITÀ L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO Mara Azzi, Direttore Generale ASL BERGAMO ASL BERGAMO POPOLAZIONE RESIDENTE SUDDIVISA

Dettagli

Azioni di indirizzo, alle Aziende e agli Enti del SSR,

Azioni di indirizzo, alle Aziende e agli Enti del SSR, Allegato A Azioni di indirizzo, alle Aziende e agli Enti del SSR, Quadro di obiettivi e azioni coordinate immediatamente eseguibili 1. Farmaceutica a. Ulteriori interventi di razionalizzazione per la farmaceutica

Dettagli

FAQ dematerializzazione della ricetta rossa per MMG/PLS

FAQ dematerializzazione della ricetta rossa per MMG/PLS FAQ dematerializzazione della ricetta rossa per MMG/PLS Che cos'è il SAR? Il SAR è il Sistema di Accoglienza Regionale curato dalla Regione del Veneto che consente, tra le altre funzioni, di raccogliere

Dettagli

Che cos è ottimizzazione della dispensazione dei farmaci consegna a domicilio. gestione centralizzata dei dati e dei flussi degli stessi.

Che cos è ottimizzazione della dispensazione dei farmaci consegna a domicilio. gestione centralizzata dei dati e dei flussi degli stessi. Che cos è E un servizio innovativo che introduce, per la prima volta in Italia, un sistema modulare finalizzato alla ottimizzazione della dispensazione dei farmaci prevedendone finanche la consegna a domicilio.

Dettagli

L OGGETTO 01 ASSISTENZA INTEGRATIVA j

L OGGETTO 01 ASSISTENZA INTEGRATIVA j ACCORDO PER LA DISTRIBUZIONE TRAMITE LE FARMACIEl CONVENZIONATE APERTE AL PUBBLICO 01 MATERIALE I L OGGETTO 01 ASSISTENZA INTEGRATIVA j TRA LA REGlONE LAZIO rappresentata dal Direttore della Direzione

Dettagli

AVVISO A TUTTE LE DITTE PARTECIPANTI

AVVISO A TUTTE LE DITTE PARTECIPANTI Con deliberazione n. Capitolato Speciale di gara : 405 del 27.03.2013 è stata apportata la seguente modifica al ART.1 CAPITOLATO SPECIALE DI GARA. Si intende modificato nella parte in cui si prevede un

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO SALUTE N. 94/S04 06/05/2010

DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO SALUTE N. 94/S04 06/05/2010 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO SALUTE N. 94/S04 06/05/2010 Oggetto: D.L.gs. 153/2009 e DGR 921/2009 e 265/2010 Accordo con le OO.SS. delle farmacie convenzionate per l Ossigeno terapia domiciliare

Dettagli

istituzione e costante aggiornamento del Prontuario Terapeutico Regionale (Decreto n. 9 del 13.2.2012);

istituzione e costante aggiornamento del Prontuario Terapeutico Regionale (Decreto n. 9 del 13.2.2012); Oggetto: Interventi per il contenimento della spesa farmaceutica ospedaliera e territoriale, dei dispositivi medici, dell assistenza integrativa e protesica. L Assessore riferisce che la Regione Sardegna

Dettagli

Come acquistare ALLERT:

Come acquistare ALLERT: Come acquistare ALLERT: da privato (vai alla slide 2) tramite richiesta di contributo ASL come comunicatore simbolico (vai alla slide 3) Da privato: Dopo aver scelto ALLERT, per cui consigliamo vivamente

Dettagli

Individuazione gruppi omogenei. Selezione del campione di regressione. Determinazione delle funzioni di ricavo

Individuazione gruppi omogenei. Selezione del campione di regressione. Determinazione delle funzioni di ricavo CONVEGNO FARMACIA E FISCO LO STUDIO DI SETTORE PER LE FARMACIE: - EVOLUZIONE E MODALITÀ APPLICATIVE - PRIME ANALISI STATISTICHE SU ANNO DI IMPOSTA 2009 - VALUTAZIONI DI TREND ECONOMICO DI SETTORE Milano,

Dettagli

Dalla firma tra le parti e fino all entrata in vigore del Nuovo Accordo Collettivo Nazionale.

Dalla firma tra le parti e fino all entrata in vigore del Nuovo Accordo Collettivo Nazionale. PROPOSTA S.N.A.M.I. BOLZANO DI APPLICAZIONE DI ACCORDO INTEGRATO, UNIFORMATO E REGOLARIZZATO SECONDO LA LEGISLAZIONE DEL RAPPORTO CONVENZIONALE DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE A LIVELLO NAZIONALE IN PROVINCIA

Dettagli

Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso

Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso Principi generali di erogazione delle prestazioni di assistenza

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI PREMESSA IDENTITA DEL SOGGETTO EROGATORE SERVIZI OFFERTI DALLE FARMACIE COMUNALI STANDARD DI QUALITÀ, IMPEGNI, PROGRAMMI

LA CARTA DEI SERVIZI PREMESSA IDENTITA DEL SOGGETTO EROGATORE SERVIZI OFFERTI DALLE FARMACIE COMUNALI STANDARD DI QUALITÀ, IMPEGNI, PROGRAMMI LA CARTA DEI SERVIZI PREMESSA IDENTITA DEL SOGGETTO EROGATORE SERVIZI OFFERTI DALLE FARMACIE COMUNALI STANDARD DI QUALITÀ, IMPEGNI, PROGRAMMI DIRITTO DI ACCESSO E RECLAMI PREMESSA La farmacia è un presidio

Dettagli

OOProt. n.z 62-le-deld? 1/ J.., /~ 0817969377 29/04/2014 17:32:27 Page 1 af 6. Ai Direttori Generali delle AA.SS.LL.

OOProt. n.z 62-le-deld? 1/ J.., /~ 0817969377 29/04/2014 17:32:27 Page 1 af 6. Ai Direttori Generali delle AA.SS.LL. 0817969377 29/04/2014 17:32:27 Page 1 af 6 ~"ne 'G07Ifl"Q7IZq Sub Cummissario ad acta per la prosecuzione del OOProt. n.z 62-le-deld? 1/ J.., /~ Ai Direttori Generali delle AA.SS.LL. Ai Direttori Generali

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE (A.I.R.)

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE (A.I.R.) ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE (A.I.R.) (all. A alla Direttiva P.C.M. 16 gennaio 2013) Titolo: Decreto-legge recante: Disposizioni urgenti in materia di contabilità e di concorso all equilibrio

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. A.D.I. Assistenza Domiciliare Integrata LA CARTA DEI SERVIZI

CARTA DEI SERVIZI. A.D.I. Assistenza Domiciliare Integrata LA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI A.D.I. Assistenza Domiciliare Integrata LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è il principale strumento di un organizzazione per far conoscere i servizi, i progetti, gli interventi

Dettagli

ACCORDO INTEGRATIVO REGIONALE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 5 E 6 DELL ACCORDO COLLETTIVO NAZIONALE PER I MEDICI DI MEDICINA GENERALE 8 LUGLIO 2010

ACCORDO INTEGRATIVO REGIONALE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 5 E 6 DELL ACCORDO COLLETTIVO NAZIONALE PER I MEDICI DI MEDICINA GENERALE 8 LUGLIO 2010 ASSESSORATO POLITICHE PER LA SALUTE ACCORDO INTEGRATIVO REGIONALE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 5 E 6 DELL ACCORDO COLLETTIVO NAZIONALE PER I MEDICI DI MEDICINA GENERALE 8 LUGLIO 2010 Il contesto L integrazione

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE INTEGRATA A SUPPORTO DEI SERVIZI DIAGNOSTICI ED AMBULATORIALI DELL AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO

PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE INTEGRATA A SUPPORTO DEI SERVIZI DIAGNOSTICI ED AMBULATORIALI DELL AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO REGIONE BASILICATA Contratto di prestazione di servizi PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE INTEGRATA A SUPPORTO DEI SERVIZI DIAGNOSTICI ED AMBULATORIALI DELL AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO ALLEGATO

Dettagli

Prestazioni di assistenza protesica ed integrativa. Modalità di erogazione

Prestazioni di assistenza protesica ed integrativa. Modalità di erogazione 1 di 18 Prestazioni di assistenza protesica ed integrativa. Modalità di Azienda Sanitaria Provinciale di Palermo Via G. Cusmano, 24 90141 PAGINA 1 2 di 18 REDAZIONE E PROPOSTA Struttura di appartenenza

Dettagli

PROCEDURA PER LA FORNITURA DI APPARECCHI, PRESIDI, DISPOSITIVI MEDICI E SENSORI PER PAZIENTI DIABETICI

PROCEDURA PER LA FORNITURA DI APPARECCHI, PRESIDI, DISPOSITIVI MEDICI E SENSORI PER PAZIENTI DIABETICI PROCEDURA PER LA FORNITURA DI APPARECCHI, PRESIDI, DISPOSITIVI MEDICI E SENSORI PER PAZIENTI DIABETICI La fornitura di apparecchi, presidi e dispositivi per pazienti diabetici è disciplinata dall art.

Dettagli

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Prescrizione: La responsabilità della corretta prescrizione è attribuita a: Medici di Medicina Generale che svolgono le visite domiciliari

Dettagli

Guida illustrata all uso della nuova ricetta unificata per medici prescrittori ed erogatori

Guida illustrata all uso della nuova ricetta unificata per medici prescrittori ed erogatori Guida illustrata all uso della nuova ricetta unificata per medici prescrittori ed erogatori ISTRUZIONI PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DELLA RICETTA SSN 1 Modalità di compilazione Il modello unico di ricetta

Dettagli

Allegato A al Decreto n. 94 del 13 maggio 2014 pag. 1/10

Allegato A al Decreto n. 94 del 13 maggio 2014 pag. 1/10 giunta regionale Allegato A al Decreto n. 94 del 13 maggio 2014 pag. 1/10 CONVENZIONE PER L UTILIZZO DEL SISTEMA WEBCARE DIABETE Tra REGIONE DEL VENETO rappresentata dal Dr. Domenico Mantoan nato a Brendola

Dettagli

Ecco il nuovo testo della manovra sanità. Confermati tagli per 2,352 miliardi per il triennio 2015/2017. Domani alla Stato Regioni

Ecco il nuovo testo della manovra sanità. Confermati tagli per 2,352 miliardi per il triennio 2015/2017. Domani alla Stato Regioni Ecco il nuovo testo della manovra sanità. Confermati tagli per 2,352 miliardi per il triennio 2015/2017. Domani alla Stato Regioni Toccati beni e servizi, dispositivi medici, specialistica e riabilitazione,

Dettagli

Centralizzazione degli acquisti: l impatto sul settore Incontinenza La posizione di Assobiomedica

Centralizzazione degli acquisti: l impatto sul settore Incontinenza La posizione di Assobiomedica Centralizzazione degli acquisti: l impatto sul settore Incontinenza La posizione di Assobiomedica Il concetto di centralizzazione degli acquisti in senso lato rimanda a diversi modelli teorici e pratici,

Dettagli

Il ruolo del cittadino: comparsa o protagonista?

Il ruolo del cittadino: comparsa o protagonista? XVI CONGRESSO F.A.R.E. Bergamo 1-4- ottobre 2008 1^ sessione: Ruolo del sistema di acquisto per la Sanità e per la competitività del sistema Paese. Il ruolo del cittadino: comparsa o protagonista? A cura

Dettagli

Studio delle interazioni tra farmaci nella popolazione pediatrica e negli anziani in politerapia nelle ASL lombarde

Studio delle interazioni tra farmaci nella popolazione pediatrica e negli anziani in politerapia nelle ASL lombarde Studio delle interazioni tra farmaci nella popolazione pediatrica e negli anziani in politerapia nelle ASL lombarde Dr Giovanni Alberto Fioni Risk Manager ASL Monza e Brianza Conferenza Appropriatezza

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E DISABILI

CAPITOLATO DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E DISABILI CAPITOLATO DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E DISABILI Il Comune di Vergiate ha necessità di integrare il Servizio di Assistenza Domiciliare Anziani e Disabili

Dettagli

La programmazione dei volumi di prestazioni sanitarie ed i correlati limiti di spesa. Il modello Campano. Norberto Cau

La programmazione dei volumi di prestazioni sanitarie ed i correlati limiti di spesa. Il modello Campano. Norberto Cau La programmazione dei volumi di prestazioni sanitarie ed i correlati limiti di spesa Il modello Campano REGIONE CAMPANIA Il procedimento di definizione dei tetti di spesa e volume di prestazioni trae origine

Dettagli

ACCORDO DA SOTTOPORRE A RATIFICA DA PARTE DELLA GIUNTA REGIONALE

ACCORDO DA SOTTOPORRE A RATIFICA DA PARTE DELLA GIUNTA REGIONALE ALLEGATO A ACCORDO DA SOTTOPORRE A RATIFICA DA PARTE DELLA GIUNTA REGIONALE AI SENSI DELLA LETTERA A) DELL ART. 8 L. N.405/2001E DELLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA REGIONALE N. 203/2002 PUNTO 10 LETT. B. PER

Dettagli

Sanità digitale !62 STRATEGIA PER LA CRESCITA DIGITALE 2014-2020

Sanità digitale !62 STRATEGIA PER LA CRESCITA DIGITALE 2014-2020 Sanità digitale Cosa e perchè L innovazione digitale dei processi sanitari è un passaggio fondamentale per migliorare il rapporto costo-qualità dei servizi sanitari, limitare sprechi e inefficienze, ridurre

Dettagli

1) DOMANDA dell azienda capogruppo della GDO al Responsabile dell U.O.C. Servizio Assistenza Farmaceutica (U.O.C. S.A.F.).

1) DOMANDA dell azienda capogruppo della GDO al Responsabile dell U.O.C. Servizio Assistenza Farmaceutica (U.O.C. S.A.F.). PROCEDURA PER LA STIPULA DI CONVENZIONI CON I FORNITORI DI PRODOTTI ALIMENTARI PRIVI DI GLUTINE A PAZIENTI AFFETTI DA MORBO CELIACO DELL ASL DELLA PROVINCIA DI COMO AZIENDE DELLA GRANDE DISTRIBUZIONE ORGANIZZATA

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N 082 DEL 23 FEBBRAIO 2015 CONVENZIONE TRA L AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II,

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N 082 DEL 23 FEBBRAIO 2015 CONVENZIONE TRA L AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II, ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N 082 DEL 23 FEBBRAIO 2015 CONVENZIONE TRA L AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II, PARTITA IVA n. 06909360635, nella persona del Direttore Generale, Prof. Giovanni

Dettagli

La Logistica Sanitaria per la Qualità e la sostenibilità delle cure: l Esperienza dell Area Vasta Romagna

La Logistica Sanitaria per la Qualità e la sostenibilità delle cure: l Esperienza dell Area Vasta Romagna La Logistica Sanitaria per la Qualità e la sostenibilità delle cure: l Esperienza dell Area Vasta Romagna La rilevanza strategica della logistica nelle Aziende Sanitarie Stefano Villa, Ricercatore di Economia

Dettagli

Gestione dell incontinenza nell anziano: appropriatezza e sostenibilità

Gestione dell incontinenza nell anziano: appropriatezza e sostenibilità Gestione dell incontinenza nell anziano: appropriatezza e sostenibilità Luigi Reale Fondazione ISTUD lreale@istud.it www.istud.it Con il supporto non condizionato di Con il patrocinio di Il concetto di

Dettagli

Art. 1 Rivisitazione tariffario per le prestazioni ospedaliere e specialistiche ambulatoriali

Art. 1 Rivisitazione tariffario per le prestazioni ospedaliere e specialistiche ambulatoriali LEGGE REGIONALE 7 agosto 2002, n. 29 Approvazione disposizioni normative collegate alla legge finanziaria regionale relative al Settore Sanità. (BUR n. 14 dell 1 agosto 2002, supplemento straordinario

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA. DM 02 novembre 2011 Controlli sui campi della ricetta dematerializzata

PROGETTO TESSERA SANITARIA. DM 02 novembre 2011 Controlli sui campi della ricetta dematerializzata PROGETTO TESSERA SANITARIA DM 02 novembre 2011 Versione del 02.04.2013 Pag. 2 di 73 INDICE 1. PREMESSA 4 2. RIFERIMENTI NORMATIVI 5 3. INVIO DELL EROGATO 6 3.1 VISUALIZZAZIONE E PRESA IN CARICO IN ESCLUSIVA

Dettagli

A relazione dell'assessore Saitta:

A relazione dell'assessore Saitta: REGIONE PIEMONTE BU6 12/02/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 12 gennaio 2015, n. 20-891 Programmi operativi 2013-2015. Razionalizzazione ed uniformita' delle procedure di prescrizione degli ausili

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Programma triennale per la trasparenza e l integrità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale G. Falcone e P. Borsellino Via G. Giolitti, 11 20022 Castano Primo (MI) Tel. 0331 880344 fax 0331 877311 C.M. MIIC837002

Dettagli

L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI

L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI TITOLO CONVEGNO DELLA UTIFAR PRESENTAZIONE CONVEGNO UTIFAR Inserisci RICCIONE 2 il APRILE sottotitolo 2011 RICCIONE 2-3 APRILE 2011 1 L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI Il prossimo futuro vede un

Dettagli

Le cure domiciliari nella programmazione nazionale. Carola Magni Ministero della Salute

Le cure domiciliari nella programmazione nazionale. Carola Magni Ministero della Salute Le cure domiciliari nella programmazione nazionale Carola Magni Ministero della Salute Alcune evidenze L incremento degli anziani >65 anni (oggi sono il 20% della popolazione, nel 2050 costituiranno il

Dettagli

PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA

PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA - 1 - PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA Denominazione del Piano _ RILASCIO VIA MAIL DI AUTORIZZAZIONI DI ASSISTENZA PROTESICA ED INTEGRATIVA _ Responsabile: Cognome: FERRO Nome: SILVIA Telefono: 320 4323745 E-mail:

Dettagli

Mod. B - copia pag. 3 Dgr n. del

Mod. B - copia pag. 3 Dgr n. del OGGETTO: Attivazione dell applicativo regionale informatizzato per la prescrizione, la dispensazione e il monitoraggio dell ormone della crescita (GH). NOTA PER LA TRASPARENZA: il presente provvedimento

Dettagli

Regione Puglia. Allegato A

Regione Puglia. Allegato A Allegato A Percorso per l erogazione a carico del Servizio Sanitario Regionale dei prodotti privi di glutine a favore degli assistiti celiaci della regione Puglia I prodotti privi di glutine riconosciuti

Dettagli

COMUNE DI CASAL DI PRINCIPE PROVINCIA DI CASERTA

COMUNE DI CASAL DI PRINCIPE PROVINCIA DI CASERTA COMUNE DI CASAL DI PRINCIPE PROVINCIA DI CASERTA Settore Ambiente Servizio Igiene Urbana Gestione e Raccolta Rifiuti CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PARTE D.1 Piano di comunicazione PROGETTO ESECUTIVO Progetto

Dettagli

WINFISIO. Sistema di gestione per Centri di Fisioterapia. Semplice Veloce Sicuro Da usare. Convenzione Integrazione Archiviazione S.S.R.

WINFISIO. Sistema di gestione per Centri di Fisioterapia. Semplice Veloce Sicuro Da usare. Convenzione Integrazione Archiviazione S.S.R. WINFISIO Sistema di gestione per Centri di Fisioterapia Semplice Veloce Sicuro Da usare Convenzione Integrazione Archiviazione S.S.R. Facilità d uso WinFisio ha interfacce intuitive e orientate all utente.

Dettagli

Delibera del Direttore Generale n. 409 del 23/05/2014

Delibera del Direttore Generale n. 409 del 23/05/2014 Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 Delibera del

Dettagli

Fra: CONSIDERATO RILEVATA

Fra: CONSIDERATO RILEVATA Convenzione con la Società Edenred Italia Srl per la fornitura di titoli di legittimazione per l acquisto di prodotti alimentari e generi di prima necessità (denominati Ticket Service) da erogare a persone

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA CESSIONE DEL CREDITO PRO SOLUTO

DISCIPLINARE DI GARA CESSIONE DEL CREDITO PRO SOLUTO DISCIPLINARE DI GARA CESSIONE DEL CREDITO PRO SOLUTO ART. 1 - OGGETTO DEL SERVIZIO Napoli Sociale S.p.A. di seguito più semplicemente Azienda, ha indetto gara, a mezzo procedura aperta ai sensi del D.lgs.

Dettagli

LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA. Avv. Maria Paola Costantini 16 giugno 2014

LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA. Avv. Maria Paola Costantini 16 giugno 2014 LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA Avv. Maria Paola Costantini 16 giugno 2014 1 Le prestazioni di procreazione medicalmente assistita non sono mai state inserite nei Livelli essenziali di assistenza,

Dettagli

La ricetta medica. Normativa nazionale e regionale

La ricetta medica. Normativa nazionale e regionale La ricetta medica Normativa nazionale e regionale Assistenza integrativa L'assistenza integrativa e protesica prevede che il cittadino possa beneficiare, senza dover partecipare alla spesa sanitaria, di

Dettagli

Rassegna Stampa. Co n stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata. Preliminare

Rassegna Stampa. Co n stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata. Preliminare Rassegna Stampa Preliminare Co n stampa Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata Via Malta, 12/B 25124 Brescia Tel. 030 22 61 05 Fax 030 24 20 472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it www.intermedianews.tv

Dettagli

Assistenza Farmaceutica e Livelli Essenziali di Assistenza: il ruolo delle farmacie

Assistenza Farmaceutica e Livelli Essenziali di Assistenza: il ruolo delle farmacie Assistenza Farmaceutica e Livelli Essenziali di Assistenza: il ruolo delle farmacie Cosmofarma, Bologna 9 maggio 2009 Relazione di Annarosa Racca Presidente di Federfarma Premessa In vista dei prossimi

Dettagli

Monitoraggio dei consumi di farmaci e dispositivi medici delle Aziende sanitarie regionali.rinnovo della convenzione con IMS Health.

Monitoraggio dei consumi di farmaci e dispositivi medici delle Aziende sanitarie regionali.rinnovo della convenzione con IMS Health. REGIONE PIEMONTE BU37 17/09/2015 Codice A14000 D.D. 14 luglio 2015, n. 465 Monitoraggio dei consumi di farmaci e dispositivi medici delle Aziende sanitarie regionali.rinnovo della convenzione con IMS Health.

Dettagli

RELAZIONE SULLA GESTIONE DELL ATTIVITA RELATIVA ALL ESERCIZIO 2006

RELAZIONE SULLA GESTIONE DELL ATTIVITA RELATIVA ALL ESERCIZIO 2006 RELAZIONE SULLA GESTIONE DELL ATTIVITA RELATIVA ALL ESERCIZIO 2006 Signori Azionisti L andamento del volume di affari della società AMFA SpA nel corso dell anno 2006 e stato sufficientemente soddisfacente

Dettagli

Gestione dell Incontinenza nell anziano: appropriatezza e sostenibilità

Gestione dell Incontinenza nell anziano: appropriatezza e sostenibilità Presentazione dei dati della Ricerca Gestione dell Incontinenza nell anziano: appropriatezza e sostenibilità Luigi Reale lreale@istud.it Area Sanità Fondazione ISTUD Lunedì 14 maggio 2012, Sala Borromeo

Dettagli

SOMMARIO. Il presente documento è ad uso dei MMG. 1. Introduzione

SOMMARIO. Il presente documento è ad uso dei MMG. 1. Introduzione SOMMARIO 1. Introduzione... 2. Accesso al Sistema... 3. Arruolamento alla gestione integrata dei pazienti 4. Dismissione dalla gestione integrata dei pazienti 5. Rinnovo-Proroga Piani Terapeutici... 6.

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA CONVENZIONE QUADRO TRA La Regione Campania, (di seguito per brevità indicata come Regione ) Codice Fiscale e Partita IVA 80011990639, in persona del Presidente Onorevole Stefano Caldoro, domiciliato per

Dettagli

Le farmacie ed i nuovi servizi per il pubblico. Marco Cossolo Segretario Federfarma Torino

Le farmacie ed i nuovi servizi per il pubblico. Marco Cossolo Segretario Federfarma Torino Le farmacie ed i nuovi servizi per il pubblico Marco Cossolo Segretario Federfarma Torino La farmacia: il servizio più apprezzato La farmacia, da tutte le indagini realizzate da vari istituti di ricerca,

Dettagli

PRIMO CICLO IN DIMISSIONE E DISTRIBUZIONE DEI FARMACI OSPEDALIERI

PRIMO CICLO IN DIMISSIONE E DISTRIBUZIONE DEI FARMACI OSPEDALIERI PRIMO CICLO IN DIMISSIONE E DISTRIBUZIONE DEI FARMACI OSPEDALIERI Erica Magnani FARMACEUTICA OSPEDALIERA INIZIATIVE ORGANIZZATIVE / GESTIONALI 1. L organizzazione interna 2. La distribuzione farmaci per

Dettagli

2.1 Il costo di riferimento per i servizi socio sanitari per disabili per il 2010 2.2 Il sistema di remunerazione

2.1 Il costo di riferimento per i servizi socio sanitari per disabili per il 2010 2.2 Il sistema di remunerazione Allegato 1 Sistema omogeneo di tariffa per i centri socio-riabilitativi residenziali per disabili accreditati transitoriamente o provvisoriamente per il periodo di validità dell accreditamento transitorio

Dettagli

Meeting «Acquisti nella filiera della salute»

Meeting «Acquisti nella filiera della salute» Meeting «Acquisti nella filiera della salute» Acquisti di beni e servizi nella PA alla luce della spending review Dott. Domenico Casalino, Amministratore Delegato Roma, 10 ottobre 2013 1 Consip S.p.A.

Dettagli

SAD. Gestione Distribuzione Presidi Medici

SAD. Gestione Distribuzione Presidi Medici Gestione Distribuzione Presidi Medici Distribuzione Presidi Medici SAD La somministrazione di presidi medici è una forma di assistenza rivolta a soggetti anziani, disabili e pazienti affetti da alcune

Dettagli

Federfarma Napoli Associazione Sindacale dei Titolari di Farmacia della Provincia di Napoli. website: http://farpresa.ised.it

Federfarma Napoli Associazione Sindacale dei Titolari di Farmacia della Provincia di Napoli. website: http://farpresa.ised.it Federfarma Napoli Associazione Sindacale dei Titolari di Farmacia della Provincia di Napoli website: http://farpresa.ised.it IDEA L idea del presente Progetto nasce dall esperienza delle prenotazioni Cup

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 11 aprile 2012, n. 682

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 11 aprile 2012, n. 682 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 70 del 16-05-2012 15521 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 11 aprile 2012, n. 682 D.G.R n. 1390/11 - Linee guida per la corretta prescrizione dell Ossigeno

Dettagli

COMUNE DI PALESTRINA

COMUNE DI PALESTRINA COMUNE DI PALESTRINA CAPITOLATO SPECIALE DI ONERI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA AI PORTATORI DI HANDICAP PRESSO LE SCUOLE DELL OBBLIGO NONCHE ASSISTENZA DOMICILIARE HANDICAPPATI E ANZIANI PRE SCUOLA E

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE - LATINA CAPITOLATO SPECIALE servizio traslochi e facchinaggio

AZIENDA SANITARIA LOCALE - LATINA CAPITOLATO SPECIALE servizio traslochi e facchinaggio ART. 1 - OGGETTO DELL APPALTO AZIENDA SANITARIA LOCALE - LATINA CAPITOLATO SPECIALE servizio traslochi e facchinaggio L appalto ha per oggetto il servizio di trasporto e facchinaggio nei vari Presidi Ospedalieri

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO

COMUNE DI CRESPELLANO COMUNE DI CRESPELLANO Prov. di Bologna REGOLAMENTO DISTRETTUALE PER LA GESTIONE E L ACCESSO AI CENTRI DIURNI PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI AZIENDA USL DI BOLOGNA DISTRETTO DI CASALECCHIO DI RENO 1 LEGENDA

Dettagli

Indicazioni operative per la compilazione dei modelli regionali per la prescrizione delle prestazioni in Assistenza Protesica

Indicazioni operative per la compilazione dei modelli regionali per la prescrizione delle prestazioni in Assistenza Protesica Allegato 4 Indicazioni operative per la compilazione dei modelli regionali per la prescrizione delle prestazioni in Assistenza Protesica Premessa Il documento fornisce le indicazioni operative all utilizzo

Dettagli

PARERE SULLA ENERGIA RINNOVABILE

PARERE SULLA ENERGIA RINNOVABILE PARERE SULLA ENERGIA RINNOVABILE Con la presente si intende rispondere al quesito sottoposto all attenzione dello scrivente studio legale in merito alla legittimità o meno del noto Avviso pubblico, con

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DOMICILIARI SOCIO SANITARI

CARTA DEI SERVIZI DOMICILIARI SOCIO SANITARI CARTA DEI SERVIZI DOMICILIARI SOCIO SANITARI Ultima revisione Settembre 2012 1. COS È LA CARTA DEI SERVIZI La carta dei servizi nasce dall esigenza di tutelare i diritti degli utenti attribuendo loro la

Dettagli

Manuale operativo. Procedure estratte da Sistema Tessera Sanitaria

Manuale operativo. Procedure estratte da Sistema Tessera Sanitaria Manuale operativo Procedure estratte da Sistema Tessera Sanitaria Per le richieste di assistenza riguardanti problematiche di tipo tecnico riguardanti il SAC si può inviare un messaggio alla casella di

Dettagli

La gestione del Conto deposito on-line

La gestione del Conto deposito on-line La gestione del Conto deposito on-line L esempio della ASL SA 1 Luca de Roberto Cos è l Informatica L'informatica è una scienza interdisciplinare che riguarda tutti gli aspetti del trattamento dell'informazione

Dettagli

COMUNE DI VIGONZA. Provincia di Padova. L anno giorno del mese di. ( ), alle ore presso la sede Municipale del

COMUNE DI VIGONZA. Provincia di Padova. L anno giorno del mese di. ( ), alle ore presso la sede Municipale del Bollo sensi legge ai di A L L E G A T O 4 ) COMUNE DI VIGONZA Provincia di Padova Rep. N CONTRATTO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASILO NIDO COMUNALE - PERIODO 01/09/2014-31/07/2017. C.I.G.

Dettagli

ASSOCIAZIONE PROMOZIONE SOCIALE C.F. 92059460854

ASSOCIAZIONE PROMOZIONE SOCIALE C.F. 92059460854 La salute a portata di mano ASSOCIAZIONE PROMOZIONE SOCIALE C.F. 92059460854 VIA SALLEMI - N 121 93100 - CALTANISSETTA Nel nostro territorio, oggi giorno, si presenta sempre più un alto numero di persone

Dettagli

COMUNE DI NAPOLI COME CURARSI A CASA. Per gli anziani e le famiglie del distretto 29 (ex 49) Stella, S. Carlo all Arena

COMUNE DI NAPOLI COME CURARSI A CASA. Per gli anziani e le famiglie del distretto 29 (ex 49) Stella, S. Carlo all Arena COMUNE DI NAPOLI COME CURARSI A CASA Per gli anziani e le famiglie del distretto 29 (ex 49) Stella, S. Carlo all Arena INDICE AUSILI PER L INCONTINENZA AUSILI ORTOPEDICI OSSIGENOTERAPIA DOMICILIARE MEDICAZIONI

Dettagli

REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA

REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA PROCEDURA DI ASSISTENZA PROTESICA Decreto Ministeriale 332/99 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI NORMATIVI E DOCUMENTALI... 3

Dettagli

MA UALE DELLE PROCEDURE ALIMENTI

MA UALE DELLE PROCEDURE ALIMENTI PROCEDURA EROGAZIONE SENZA GLUTINE A PAZIENTI AFFETTI DA MORBO CELIACO REDATTO Dipartimento del Farmaco Dott.ssa Alessandra Mingarelli Farmacisti Dott. D. Carletti Dott.ssa L.Arenare CONDIVISO Dipartimento

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 21 novembre 2014, n. 2458

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 21 novembre 2014, n. 2458 di progetto Piano di Rientro incardinata nell Area di Coordinamento Politiche per la promozione della salute, delle persone e delle pari opportunità, riferisce quanto segue: DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA

Dettagli

Gli acquisti telematici, tramite il Programma Consip ed in autonomia

Gli acquisti telematici, tramite il Programma Consip ed in autonomia Gli acquisti telematici, tramite il Programma Consip ed in autonomia convenzioni, gare telematiche, negozio elettronico e mercato elettronico SINTESI DELL INTERVENTO per la versione integrale, contattare

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

n. 17 del 25 Marzo 2013 DECRETO n. 27 del 15.03.2013 rif. lettera g)

n. 17 del 25 Marzo 2013 DECRETO n. 27 del 15.03.2013 rif. lettera g) DECRETO n. 27 del 15.03.2013 rif. lettera g) Oggetto: misure di incentivazione della prescrizione di farmaci a brevetto scaduto e dei farmaci biosimilari PREMESSO che: con delibera del Consiglio dei Ministri

Dettagli

C A R T A D E I S E R V I Z I CURE DOMICILIARI

C A R T A D E I S E R V I Z I CURE DOMICILIARI C A R T A D E I S E R V I Z I D E L L E CURE DOMICILIARI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Via Maresciallo Giardino 20 20037 Paderno Dugnano MI tel. 02/99038571 fax 02/9186247 E-mail: curedomiciliari@clinicasancarlo.it

Dettagli