Rendere conto ai cittadini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rendere conto ai cittadini"

Transcript

1 Comune di Cento Rendere conto ai cittadini bilancio di fine mandato

2

3 SOMMARIO 0. PREMESSA: PERCHÉ ABBIAMO REALIZZATO QUESTO DOCUMENTO? COMUNE DI CENTO: EVOLUZIONE DELLA SOCIETÀ RISORSE DEL COMUNE DI CENTO ATTIVITÀ SVOLTA PROSPETTIVE DI SVILUPPO...31

4

5 0. PREMESSA: PERCHÉ ABBIAMO REALIZZATO QUESTO DOCUMENTO? Nel 2006 quando è iniziato il mandato amministrativo l assetto sociale ed economico era diverso dall attuale. In questi cinque anni l Amministrazione Comunale di Cento al Pari delle altre amministrazioni locali si è trovata a gestire con risorse calanti un contesto sociale ed economico in grande trasformazione. In termini operativi questa situazione si è tradotta in una politica che ha cercato di ottimizzare le risorse disponibili aumentando la capacità di risposta ai bisogni del territorio. La crisi finanziaria scoppiata nel 2008 ha condizionato il bilancio del Comune al pari del bilancio delle famiglie e delle imprese del nostro territorio. Inoltre, alla crisi finanziaria si è aggiunta una drastica riduzione delle risorse economiche trasferite dallo Stato ai Comuni che hanno obbligato il Comune a ripensare l insieme di interventi sul welfare e sul territorio. Non è facile descrivere quanto realizzato in questo mandato e proprio da questa constatazione nasce e si conferma il progetto del bilancio sociale di mandato che rappresenta la risposta ad un impegno istituzionale di pubblicazione dei risultati dell amministrazione ma soprattutto rappresenta una bella opportunità di trasparenza con cui l amministrazione racconta ai proprio cittadini l impiego delle risorse che la comunità gli ha affidato. Il documento si articola in tre grandi capitoli ideati come risposta a tre domande che i cittadini spesso pongono agli amministratori: come sta cambiando la nostra comunità? (capitolo primo); come il Comune ha gestito le risorse che le sono state affidate dai cittadini (capitolo secondo); quali gli ambiti di intervento? (terzo capitolo). Lo schema della pagina seguente descrive in modo semplice i contenuti principali del bilancio di mandato. La struttura del Bilancio di fine mandato riprende, per quanto possibile, le linee guida del Ministero della Funzione Pubbliche (2006) relative alla rendicontazione sociale annuale degli Enti Pubblici e data la necessità di creare un documento comunicabile si è optato fin dall avvio del processo di rendicontazione per uno strumento sintetico e di facile comprensione. E importante evidenziare non solo la natura descrittiva del documento ma anche la funzione formativa del processo di rendicontazione sociale di cui rappresenta il fondamento. 0. PREMESSA 5

6 Schema bilancio di mandato 0. PREMESSA 6

7 1. COMUNE DI CENTO: EVOLUZIONE DELLA SOCIETÀ In questo primo capitolo è descritto il contesto in cui opera l amministrazione comunale. Il bilancio sociale deve rendere conto del modo in cui l amministrazione interpreta la propria missione istituzionale, esplicitandone i valori di riferimento, la visione e le priorità di intervento, con riferimento alle caratteristiche e all evoluzione del contesto in cui opera. (Ministero degli interni, 2007). E importante evidenziare che non si tratta di una conoscenza passiva dei numeri: conoscere è necessario, ma non basta. Dalla conoscenza occorre poi passare alle scelte e alle decisioni. (G. Dossetti): dalla conoscenza dei dati statistici del territorio ( capitolo 1 Comune di Cento: evoluzione della società ) e dalla conoscenza dei dati amministrativi (capitolo 2 Risorse economiche ed umane del Comune di Cento) occorre poi passare alle scelte (capitolo 3 Attività svolta). Il presente capitolo si sofferma sui dati sociali-demografici per approfondimenti di natura economica si rinvia a e per approfondimenti di natura statistica si rinvia a 1. EVOLUZIONE DELLA SOCIETÀ 7

8 Per descrivere la società di Cento si fa riferimento ad alcuni indicatori demografici e sociali al 1 gennaio La popolazione di Cento è pari a abitanti (10% della popolazione complessiva della Provincia di Ferrara). Gli stranieri residenti sono pari al 9,8% della popolazione complessiva. Popolazione residente nel comune di Cento al 1 gennaio 2010 Classi di età Femmine Maschi Totale 0-14 anni anni anni anni e oltre Totale Provincia Ferrara Fonte: Regione Emilia-Romagna Queste informazioni possono essere rilette in termini di indicatori base che permettono di capire lo stato di salute della popolazione contese: - indice di vecchiaia ovvero Rapporto percentuale tra la popolazione di 65 anni e più e la popolazione di età 0-14 anni evidenzia come la popolazione di Cento sia significativa più giovane della media provinciale: a Cento l indice di vecchiaria è pari a 138 mentre nella Provincia di Ferrara l indice è pari al doppio: 238%; 1. EVOLUZIONE DELLA SOCIETÀ 8

9 - più importante è l indice di dipendenza ovvero il rapporto percentuale tra la popolazione in età non attiva (0-14 anni e 65 anni e più) e la popolazione attiva di età compresa fra anni ovvero il rapporto tra persone che lavorano e persone che non lavorano più o non lavorano ancora. La provincia di ferrara ha un indie di dipendenza pari a 57% mentre il comune di cento è sotto la media provinciale con un indice di dipendenza pari a 52,24%. I grafici seguenti evidenziano due importanti ingredienti della società centese: il primo è l andamento significativo della popolazione compresa nella fascia di età 0-14 che è senza dubbio la parte di popolazione più dinamica; il secondo grafico evidenzia il peso della popolazione straniera che risulta significativo nella fasce di lavoro Andamento popolazione residente nel comune di Cento per grandi classi di età. (Numero indice base 2001=100) Fonte: Regione Emilia-Romagna, Rilevazione della popolazione residente anni anni anni 65 anni e oltre 1. EVOLUZIONE DELLA SOCIETÀ 9

10 I due grafici che seguono che confrontano la popolazione straniera per fasce di età: la popolazione straniera è una popolazione giovane per la maggioranza con una età più bassa dei 44 anni. Popolazione residente - Cento (1/1/2010) Popolazione straniera residente - Cento (1/1/2010) 80 e oltre e oltre Maschi Femmine Maschi Femmine In sintesi la popolazione di Cento è cresciuta mantenendo le caratteristica di un territorio giovane rispetto alla provincia e con un incremento significativo nelle fasce giovani anche grazie alla presenza di cittadini stranieri. Importante evidenziare che la relazione positiva tra popolazione attiva e non attiva conferma indirettamente anche la dinamicità economica del territorio rispetto alla situazione della Provincia di Ferrara. 1. EVOLUZIONE DELLA SOCIETÀ 10

11 2. RISORSE DEL COMUNE DI CENTO Obiettivo di questo capitolo è di descrivere come il Comune gestisce le proprie risorse umane ed economiche e le relazioni con gli altri enti e soggetti istituzionali presenti sul territorio. Le modalità di gestione del sistema di relazioni istituzionale e delle società partecipate sono strettamente connesse all evoluzione del contesto sociale del Comune. Nel presente capitolo si descrive brevemente l assetto istituzionale (Giunta e Consiglio Comunale), il bilancio economico dell amministrazione e la rete di società e consulte di cui il Comune di Cento si è dotato per rispondere alle esigenze del territorio. 2. RISORSE DEL COMUNE DI CENTO 11

12 La

13 Il Consiglio Comunale è l organo cui spetta la deliberazione e la discussione politica delle materie di competenza comunale. Componenti del Consiglio Comunale (al ) Orlandini Adriano Tassinari Roberto Fabbri Roberto P.D.L. (maggioranza) Pasca Vincenzo Perboni Vito Pellecchia Franco Toselli Stefano Magagna Lorenzo LEGA NORD (maggioranza) Panzacchi Gianluca Falzoni Cesare GRUPPO MISTO Baroni Antonio Tassinari Claudio Bregoli Annalisa ALLEANZA PER CENTO Balboni Carlo Cariani Marcella PARTITO DEMOCRATICO Fortini Vasco PdCI-UNIRE LA SINISTRA Nalin Catullo Mario Gennari Alessandro RINASCITA CENTESE Rodolfi Rudi Malaguti Lorenzo Le commissioni consiliari permanenti sono organismi interni del Consiglio comunale che svolgono funzioni istruttorie, consultive, preparatorie agli atti di competenza consiliare. Sono costituite dai consiglieri dell Ente. La tabella che segue descrive in sintesi l attività svolta nel corso del mandato dal Consiglio: Numero sedute Numero deliberazioni RISORSE DEL COMUNE DI CENTO 13

14 2.2 Bilancio del Comune Come funziona un Comune? Come funziona il nostro Comune? Attraverso quali risorse sono finanziati i servizi e le opere pubbliche di cui ogni cittadino si serve quotidianamente? Perché si pagano le tasse? Queste sono domande cui il Comune risponde tutti i giorni con la quantità e la qualità dei servizi che eroga. In termini generali il bilancio di un Comune al pari di un impresa è composto da entrate e spese che a fine anno devono essere in pareggio. A differenza del bilancio di un impresa nel caso del bilancio di una Comune si distinguono le spese in relazione alla loro destinazione: spese correnti che riguardano il funzionamento delle attività dell ente e l erogazione dei servizi e spese per investimento che comprendono l aumento e il consolidamento del patrimonio comunale investimenti nella realizzazione di infrastrutture. Il contesto della finanza locale si cala in uno scenario di finanza pubblica indebolito dalla crisi economico-finanziaria. Il PIL si riduce del 5,0% nel 2009 e il deficit della Pubblica Amministrazione sale al 5,3% in rapporto al PIL (ANCI, 2010). In questa situazione di grande crisi e debolezza le amministrazioni locali hanno cercato di far fronte attraverso una ottimizzazione delle risorse. Nel corso del mandato il Comune di Cento ha visto cambiare in modo significativo le entrate ma ha comunque mantenuto costante il livello di investimento nei principali servizi. I dati che seguono descrivono in sintesi il bilancio del Comune di Cento per quanto riguarda la spesa corrente cioè per la realizzazione dei servizi sul territorio e la spese in conto capitale ovvero gli investimenti in infrastrutture. 2. RISORSE DEL COMUNE DI CENTO 14

15 Le spese in conto capitale hanno registrato nel corso del mandato una media annua pari a La spesa corrente è rimasta sostanzialmente costante nell arco dei cinque anni con una media di quasi RISORSE DEL COMUNE DI CENTO 15

16 I grafici della pagina precedente permettono di verificare l andamento complessivo della risorse impiegate annualmente dal comune ma è molto più importante conoscere la composizione della spesa. Dalla comparazione tra il primo anno di mandato e l ultimo anno di mandato della distribuzione della spesa corrente (vedi grafico pagina seguente) si possono evidenziare alcune scelte fatte dall amministrazione. In particolare si può evidenziare la dinamica del welfare e le spese generali in termini percentuali: a) il peso relativo delle spese correnti in ambito sociale è leggermente cresciuto; b) sono aumentate le risorse dedicate all educazione; c) sono leggermente calate le risorse in cultura e le d) risorse per lo sport. 2. RISORSE DEL COMUNE DI CENTO 16

17 i

18 Un discorso a parte merita il sistema delle società partecipate in virtù del peso economico che hanno sul territorio e per l attività di razionalizzazione che è stato realizzata. HERA (0,00535%) Spa C.M.V. SERVIZI Srl (83,17%) ACOSEA IMPIANTI Srl (8,26%) S.I.PRO. AGENZIA PROVINCIALE PER LO SVILUPPO Spa (0,45326%) PARCO SCIENTIFICO PER LE TECNOLOGIE AGROINDUSTRIALI (0,9345%) LEPIDA SPA (0,01%) Gestione integrata delle risorse idriche, gestione integrata delle risorse energetiche e gestione dei servizi ambientali. La società opera in settori integrativi o ulteriori, comunque connessi, finalizzati alla produzione di beni e di attività rivolti a soddisfare bisogni ed esigenze della collettività collaborando a promuovere lo sviluppo economico e civile delle persone, delle loro organizzazioni e delle comunità locali di cui fanno parte. La gestione dei servizi per la raccolta, il trasporto e lo smaltimento dei rifiuti urbani; l'erogazione di servizi e prestazioni per la raccolta, lo stoccaggio provvisorio, il trattamento, l'innocuizzazione e lo smaltimento di rifiuti speciali, pericolosi e non pericolosi; l'erogazione di ogni servizio concernente l'igiene e la salubrità urbana; la gestione dei servizi concernenti la distribuzione ed erogazione di gas metano; gestione, la manutenzione e il rinnovo di centrali termiche; i servizi di sgombero neve e di spandimento prodotti antigelivi su strade ed aree pubbliche e private; manutenzione delle strade pubbliche e private. Gestione amministrativa e finanziaria delle reti, impianti e altre dotazioni patrimoniali strumentali all esercizio dei servizi pubblici locali e specificatamente del servizio idrico integrato. Attuazione linee di pianificazione e programmazione economica degli enti locali ferraresi operando nell ambito delle scelte degli enti locali e di quelle regionali. Persegue finalità di interesse generale consistenti in particolare nella formazione di nuove fonti di occupazione e di redditi. Favorire e incentivare studi, ricerche, applicazioni didattiche e realizzazioni industriali nel settore dell'agricoltura, dell'agro-alimentare e dell'agro-industriale; sviluppare le capacità logistiche e ricettive dell'università degli studi di Ferrara nel settore agro-tecnologico. Pianificazione delle infrastrutture fisiche di rete; progettazione; appalto per l'affidamento lavori; costruzione e collaudo delle tratte della rete in fibra ottica; affitto dei circuiti tradizionali, infrastrutture in fibra o radio per le tratte non di proprietà; messa in esercizio, manutenzione ordinaria e straordinaria; predisposizione delle infrastrutture tecnologiche; monitoraggio delle prestazioni di rete;fornitura di servizi di connettività a banda larga. 2. RISORSE DEL COMUNE DI CENTO 18

19 L amministrazione comunale al fine di sviluppare al meglio la propria attività e presenza sul territorio nel corso della prima metà del mandato ha reso operativo un sistema di consulte aperte al mondo del welfare e dell economia, superando così una percezione della comunità che vede l amministrazione comunale lontana dai bisogni del territorio. Obiettivo delle consulte è duplice: da un lato garantire Il coinvolgimento dei cittadini per raccogliere meglio i bisogni della comunità dall altro garantire il coinvolgimento dei cittadini per cogliere idee innovative per rispondere a questi bisogni. Nome/argomento n componenti CENTO E PENZALE 12 ALBERONE 8 BUONACOMPRA E PILASTRELLO 12 CASUMARO 8 CORPORENO E MOLINO ALBERGATI 12 XII MORELLI 8 RENAZZO E BEVILACQUA 12 RENO CENTESE 8 2. RISORSE DEL COMUNE DI CENTO 19

20

21 3. ATTIVITÀ SVOLTA L ultimo passaggio nel rendicontare le attività consiste nell incrociare il documento di programmazione presentato a inizio mandato con le attività svolte nel corso dei cinque anni. Tale incrocio virtuale permette di verificare il raggiungimento o meno degli obiettivi dichiarati dall amministrazione locale in apertura del mandato. In particolare gli ambiti di intervento all interno del quale è possibile riclassificare le attività sono: - Politiche per il sistema sociale - Politiche per il sistema territoriale e ambientale; - Politiche per il sistema economico. Si tratta di una classificazione spuria: un attività svolta dal Comune può avere una valenza/funzione sia sociale che economica o territoriale/ambientale. Per esempio un intervento di valorizzazione del centro storico ha una valenza direttamente urbanistica ma anche di rilancio economico del commercio nel centro città; un secondo esempio è quello dell attività museale che da un lato rilancia la cultura locale e dall altra sviluppa il turismo e favorisce il commercio locale e allo stesso tempo rappresenta un occasione di incontro tra le persone. Una seconda classificazione possibile si basa sul tipo di attività che l amministrazione può svolgere. Anche in questo caso individuiamo tre tipologie di attività possibile: - Progetti, studi, monitoraggi il Comune realizza un attività di programmazione in tutti gli ambiti di intervento con particolare attenzione al territorio e al welfare; 3. ATTIVITÀ SVOLTA 21

22 - Realizzazione di infrastrutture fisiche il comune realizza infrastrutture funzionali allo sviluppo del territorio e coerenti con l attività di programmazione; - Erogazione di servizi il comune offre servizi sociali, urbanistici, culturali ai propri cittadini. Le pagine che seguono rappresentano una sintesi delle attività dell ente. La tabella descrive solo una selezione esemplificativa dell attività svolta dall amministrazione l obiettivo non era quello di descrivere la totalità delle attività svolte ma le attività che in un qualche modo hanno caratterizzato l amministrazione comunale nel corso del mandato. Per eventuali approfondimenti si rinvia ai documenti istituzionali dell ente. Per ogni attività è stata approssimata una valutazione del maggiore o minore grado di sviluppo registrato nel corso del mandato. Si tratta di valutazioni basate su dati forniti dal controllo di gestione, informativa a cui si rinvia per ulteriori approfondimenti, ma soprattutto su valutazioni soggettive registrate nel corso delle interviste ai dirigenti e ai funzionari. In particolare: il simbolo indica un incremento dell attività, il simbolo evidenzia il mantenimento o costanza dell attività nel corso del mandato e il simbolo evidenzia una criticità del servizio. 3. ATTIVITÀ SVOLTA 22

23 Progetto, infrastruttura, servizio, attività Breve descrizione Ambito Variazione nel corso del mandato Adolescenti L ambito di intervento delle politiche sociali relativo all adolescenza è da sempre un ambito di criticità per gli enti. Tale criticità deriva in parte dalle difficoltà dell ambito pedagogico specifico e in parte dall importanza di coinvolgere direttamente le famiglie. Nel corso del mandato l amministrazione ha collaborato con soggetti pubblici e privati al fine di migliorare i servizi in questo delicato settore. sistema sociale sistema territoriale Ambiente/aree verdi Il verde pubblico rappresenta un ambito di intervento pubblico estremamente complesso e articolato in termini economici e di impatto: a) riveste un ruolo di vitale importanza per l'ambiente, l'igiene e la qualità della vita, in quanto esplica funzioni di: depurazione delle acque e dell'aria, costituzione e miglioramento del suolo, regimazione delle acque, assorbimento dell'anidride carbonica b) riveste un ruolo importante negli aspetti paesaggistici, urbanistici, culturali e ricreativi del territorio. Nei limiti delle risorse disponibili nel corso del mandato è stato garantito un investimento continuo. sistema sociale sistema territoriale Anziani e disabili Trasporto facile, assistenza domiciliare, iniziative estive e voucher rappresentano alcuni esempi della ricchezza di interventi realizzati dal Comune di Cento nell ambito della non autosufficienza. Il Fondo Regionale per la non autosufficienza ha permesso negli anni un miglioramento del servizio grazie alle maggiori risorse disponibili e alla crescente domanda da parte dei cittadini. sistema sociale sistema territoriale 3. ATTIVITÀ SVOLTA 23

24 Progetto, infrastruttura, servizio, attività Breve descrizione Ambito Variazione nel corso del mandato Casa e alloggi di transizione Il problema della casa rappresenta il cuore del welfare delle famiglie sia in termini di sostegno all affitto, sia in termini di gestione di case popolari ma anche attraverso la creazione di strutture dedicate a famiglie con specifici bisogni. Prospettiva di sviluppo: a) lavorare sull integrazione tra il progetto di alloggio di transizione e i servizi per l integrazione sociale e lavorativa; b) lavorare sulla prossimità e non solo l assistenza (dalla logica del dare alla logica del fare insieme) sistema sociale sistema territoriale Cultura: attività, mostre, musei e bibliteche Le risorse economiche dedicate alla cultura sono calate nel corso del mandato ma tale riduzione non si è tradotta in una semplice riduzione dell attività ma nella ricerca di una maggiore efficienza maggiore qualificazione. Un esempio è rappresentato dall attività espositiva ma anche dalla quotidiana gestione degli spazi bibliotecari e spazi dedicati alle attività culturali. Inoltre è importante evidenziare l attività di pubblicazioni svolta dall amministrazione che permette di conservare la memoria della città e dei principali eventi realizzati. sistema sociale sistema territoriale Degrado urbano: iniziative contro il degrado urbano La lotta al degrado urbano ha rappresentato negli ultimi anni un tema fondamentale della politica locale. Da un lato il bisogno di garantire la pulizia della città e dall altro evitare la creazioni di condizioni potenzialmente pericolose per la sicurezza dei cittadini e l ordine della città. Tale attività ha un impatto sociale per la maggiore sicurezza e territoriale in virtù degli investimenti realizzati. sistema sociale sistema territoriale 3. ATTIVITÀ SVOLTA 24

25 Progetto, infrastruttura, servizio, attività Breve descrizione Ambito Variazione nel corso del mandato Edilizia scolastica Il diritto alla scuola si traduce anche nella necessità di garantire strutture adeguate in termini di spazi disponibili e in termini di manutenzione delle strutture esistenti. Tali attività sono state definite prioritarie dall amministrazione comunali ma le risorse disponibili sono state condizionate dal patto di stabilità che ha limitato il numero di interventi realizzati complessivamente nel corso del mandato. sistema sociale sistema territoriale Progetti educativi Nel corso del mandato sono stati avviati alcuni progetti educativi diretti alla popolazione più giovane. Uno di questi è stato il progetto di educazione stradale rivolte ai bambini delle scuole primarie: si tratta di un progetto di piccola dimensione ma emblematico di una attenzione dell amministrazione alla formazione ed educazione dei propri cittadini sistema sociale sistema territoriale Famiglie: iniziative a sostegno Negli ultimi anni il welfare ha evidenziato la necessità di sostenere la famiglia come elemento centrale degli interventi. Gli asili nidi in questo senso rappresentano l ambito più importante di intervento sia dal punto di vista del peso economico complessivo sul bilancio comunale che dal punto di vista dell impatto sulla vita della famiglie. Importanti sono stati anche gli interventi in altri ambiti in cui l amministrazione ha investito molto: servizio refezione scolastica ( mensa ) e il trasporto scolastico. Inoltre a Cento esiste il Centro per le famiglie che si rivolge a famiglie con bambini e svolge attività di supporto alla competenza genitoriale (vedi attività adolescenti ) sistema sociale sistema territoriale 3. ATTIVITÀ SVOLTA 25

26 Progetto, infrastruttura, servizio, attività Breve descrizione Ambito Variazione nel corso del mandato Fondo straordinario di garanzia a favore piccole e medie imprese. Il Fondo straordinario di garanzia rappresenta un pezzo di un pacchetto di intervento a sostegno dell imprenditorialità locale. Il sostegno dell attività imprenditoriale rappresenta un elemento importante per l amministrazione comunale di Cento non solo in termini economici ma anche in una logica allargata di welfare che comprende anche il diritto al lavoro. sistema sociale sistema territoriale Gestione fognature La gestione delle fognature rappresenta uno degli elementi portanti e significativi della buona gestione del territorio di Cento. L amministrazione comunale ha avviato e realizzato interventi strutturali sul sistema di fognature locali: - mappatura, - manutenzione delle caditoie, - pulizia delle tubazioni fognarie - rimessa in funzione impianto di pompaggio. sistema sociale sistema territoriale Illuminazione pubblica La percezione di sicurezza urbana da parte dei cittadini è condizionata anche da una buona gestione degli spazi pubblici. In particolare l ambito della illuminazione pubblica rappresenta un elemento importante in termini di sicurezza del cittadini sia per quanto riguarda la mobilità che per quanto riguarda, per esempio per le donne, la possibilità di vivere in tranquillità gli spazi pubblici aperti. sistema sociale sistema territoriale 3. ATTIVITÀ SVOLTA 26

27 Progetto, infrastruttura, servizio, attività Breve descrizione Ambito Variazione nel corso del mandato Piano sosta Il piano sosta con l attività di gestione del sistema di pagamento del parcheggio è stato un progetto importante per l amministrazione locale. Avviato nel 2007 con un atto di indirizzo e nel 2009 in via sperimentale, nel corso del 2011 il piano sosta e il sistema di gestione ad esso collegato sono entrati a regime. sistema sociale sistema territoriale Piano Strutturale Comunale Il piano strutturale comunale rappresenta il principale strumento di programmazione del territorio. Si tratta di una attività realizzata collettivamente con gli altri comuni del territorio: Bondeno, Mirabello, Poggio Renatico, Sant Agostino, Vigarano Mainarda. Ambiti principali del piano strutturale comunale: infrastrutture per la mobilità, aree per le attività produttive, tutela dell'ambiente e la valorizzazione risorse storiche e paesaggistiche. sistema sociale sistema territoriale Riqualificazione aree ex stazione L attività di riqualificazione di comparti significativi del territorio comunale rappresenta una tipologia di intervento complessa con effetti oltre che urbanistici anche sociali in virtù del recupero di aree disagiate ed effetti economici in virtù delle opportunità di investimento e di rilancio che sono offerte alle imprese del territorio. sistema sociale sistema territoriale Rivalutazione centro storico e turismo La chiave di volta del turismo locale è rappresentato dal centro storico che nel corso del mandato è stato oggetto prioritario di attenzione da parte dell amministrazione comunale in termini di manutenzione e valorizzazione. sistema sociale sistema territoriale 3. ATTIVITÀ SVOLTA 27

28 Progetto, infrastruttura, servizio, attività Breve descrizione Ambito Variazione nel corso del mandato Sicurezza (accordo di programma) Nell ambito della sicurezza è stato firmato un accordo di programma finanziato dalla regione. Tale accordo ha permesso l acquisto di attrezzatura, veicoli, rinnovo centrale radio operativa, rinnovo parco veicoli. L effetto principale di questo intervento è stata una maggiore efficienza e sviluppo dei servizi di prossimità e presidio del territorio. sistema sociale sistema territoriale Sportelli del cittadino: La razionalizzazione delle risorse pubbliche dedicate al welfare passa obbligatoriamente per una gestione efficiente dell accesso ai servizi. Il sistema di sportelli del cittadini - sportello sociale, sportello stranieri, centro servizi ASPASIA-informanziani garantiscono una maggiore conoscenza e un uso più appropriato dei servizi e permettono anche di mettere tutti ugualmente a conoscenza dei servizi ( provare a mettere tutti nelle stesse condizione di accesso ). In particolare lo sportello sociale ha permesso da un lato risparmio di tempo, una maggiore efficienza nella presa in carico degli sportelli sociali e una migliore capacità di cogliere i bisogni dei cittadini. sistema sociale sistema territoriale Sportello unico attività produttive La burocrazia è da sempre uno dei vincoli più pesanti per le attività imprenditoriali e commerciali. L attività di messa in rete, informatizzazione e organizzazione dello Sportello unico per le attività produttive procede in questa direzione ovvero garantire risposte sempre più rapide e complete alle richieste delle imprese. sistema sociale sistema territoriale 3. ATTIVITÀ SVOLTA 28

29 Progetto, infrastruttura, servizio, attività Breve descrizione Ambito Variazione nel corso del mandato Sportive Il pacchetto sport è articolato in sostegno alle associazioni sportive, manutenzione e realizzazione di nuove strutture. Anche in questo ambito gli obiettivi di intervento sono stati limitati dalla scarsità di risorse pubbliche che non ha comunque impedito l attività ordinaria. sistema sociale sistema territoriale Infrastrutture: manutenzione ordinaria e straodinaria delle strade comunali La manutenzione straordinarie delle strade comunali ha permesso una maggiore sicurezza negli spostamenti ma più in generale una buon sistema di collegamento ha rappresentato la condizione fondamentale per lo sviluppo dell economia locale. La manutenzione delle infrastrutture è stata fondamentale: non ha senso investire i nuove infrastrutture se non è garantito il buon funzionamento delle strutture esistenti. La scelta dell amministrazione è stata la scuola ma il problema è stato quello di limitare gli interventi sul sistema viario. In particolare: rifacimento segnaletica orizzontale e adeguamento impianti semaforici; asfaltature del manto stradale e realizzazione rotatorie; adeguamento ponte vecchio e adeguamento della passerella; attraversamenti pedonali rialzati. sistema sociale sistema territoriale Trasporto pubblico I collegamenti interni al Comune di Cento e i collegamenti extraurbani sono una condizione importante per garantire la vitalità del territorio e in più generale rappresentano un elemento importante per la qualità della vita dei cittadini. sistema sociale sistema territoriale 3. ATTIVITÀ SVOLTA 29

30

31 4. PROSPETTIVE DI SVILUPPO Alla luce dell attività del mandato e delle principali criticità economiche, sociali e ambientali che l amministrazione comunale si è trovata ad affrontare nel corso del mandato si definiscono alcuni indicazioni generali di intervento per il Comune di Cento per i prossimi anni: nell ambito sociale la riduzione delle risorse economiche a disposizione del Comune obbliga l ente a ripensare le modalità di gestione delle risorse dedicate al welfare. Questo non si traduce in un taglio indiscriminato dei servizi ma in una maggiore attenzione allo sviluppo dell ente e all innovazione dei servizi stessi in termini di maggiore efficienza ed efficacia. Questo nuovo welfare non nasce dal nulla e deve essere collegato al tessuto produttivo locale, con le imprese locali che da un lato garantiscono la vitalità del territorio e dall altra rappresentano luoghi di innovazione tecnologica e di coesione sociale. Infine la gestione dell ambiente e del territorio rappresenta un ambito prioritario dell attività dell ente sia per quanto riguarda la tutela dell ambiente (aria, acqua ) sia per quanto riguarda la sicurezza territoriale e degrado urbano che rappresentano elementi fondanti la qualità di vita del cittadino. Dal punto di vista metodologico occorre evidenziare come la realizzazione del presente bilancio rappresenti un occasione importante di trasparenza dei conti dell amministrazione ma per evitare che rimanga solo un iniziativa occasionale occorre introdurre il bilancio sociale come pratica continua dell amministrazione pubblica contese. In termini concreti questo si traduce in attività di comunicazione annuale del bilancio sociale alla cittadinanza ma soprattutto nella partecipazione dei cittadini alla redazione del documento stesso. La redazione partecipata del bilancio sociale e la periodica comunicazione pubblica dei risultati ottenuti dall amministrazione comunale sono due obiettivi fondamentali del processo di rendicontazione sociale del Comune di Cento per i prossimi anni. 4. Prospettive di sviluppo 31

FC10U QUESTIONARIO UNICO

FC10U QUESTIONARIO UNICO FC10U QUESTIONARIO UNICO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO PER I COMUNI, LE UNIONI DI COMUNI E LE COMUNITÀ MONTANE MODULO 1 DATI STRUTTURALI Quadro A - Elementi specifici dell'ente locale

Dettagli

Il bilancio per il cittadino - Comune di Venezia. Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo

Il bilancio per il cittadino - Comune di Venezia. Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo Il bilancio per il cittadino - Comune di Venezia Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo 2 Premessa Il rapporto Civicum-Politecnico di Milano sul Comune di Venezia ha l obiettivo di sintetizzare

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Competitività, sistema produttivo e infrastrutture. Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Gabriele Ghetti, Presidente Piacenza, 27 ottobre 2005 Profilo Soci SIPRO è una Società per Azioni, con

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Indice EXECUTIVE SUMMARY... 4 1. IL CONTESTO... 7 1.1 QUADRO INTERNAZIONALE DI RIFERIMENTO... 7 1.2 CONSIDERAZIONI SULLA TRANSIZIONE VERSO

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Maria Paola Corona Presidente di Sardegna Ricerche Sardegna Ricerche: dove la ricerca diventa

Dettagli

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 Piattaforma Tecnologica Nazionale Marittima PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 PROPOSTA DI Azioni Connesse sulle Tecnologie Marine {1} 4/09 L Italia e il Mare L Italia ha oltre 8.000 chilometri di coste ed una innata

Dettagli

ECOSISTEMA URBANO 2015

ECOSISTEMA URBANO 2015 ECOSISTEMA URBANO 2015 L IDENTITA DELLA CITTA Macerata e un capoluogo di piccole dimensioni: 42.820 abitanti, che non ha subito recenti crescite demografiche Il consumo di suolo degli ultimi decenni è

Dettagli

A cura dell Ufficio del Controllo di Gestione

A cura dell Ufficio del Controllo di Gestione Giovani idee in. Porto Partecipo al Bilancio Com è strutturato il bilancio del Comune A cura dell Ufficio Che cos è il bilancio del Comune? Il bilancio è un insieme di documenti necessari per l organizzazione

Dettagli

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 I conti del cittadino: come sono stati spesi i soldi di tutti Ecco le cifre del conto del bilancio 2005 LE ENTRATE ACCERTATE NEL 2005 SONO STATE PARI AD 43.962.251,42

Dettagli

Gli obiettivi del Piano energetico regionale. Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia

Gli obiettivi del Piano energetico regionale. Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia Gli obiettivi del Piano energetico regionale Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia 1 Il progetto del PER Il Servizio Energia è attualmente impegnato, attraverso un

Dettagli

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI Il bilancio di previsione si articola in Programmi che corrispondono ai grandi temi di attività di cui il comune si occupa. Ogni programma è suddiviso

Dettagli

Ambiente e sviluppo urbano una prospettiva da arricchire

Ambiente e sviluppo urbano una prospettiva da arricchire Smart City Exhibition, Bologna 16 18 ottobre 2013 Quando il Bes approda sul territorio diventa urbes Ambiente e sviluppo urbano una prospettiva da arricchire Alessandra Ferrara, Istat Alberto Fiorillo,

Dettagli

Unione regionale delle province del Veneto Il federalismo e il ruolo e l immagine delle province

Unione regionale delle province del Veneto Il federalismo e il ruolo e l immagine delle province Unione regionale delle province del Il federalismo e il ruolo e l immagine delle province PARTE PRIMA Il ruolo di coordinamento della Provincia Secondo Lei quanto è importante che la sua Provincia abbia

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C MISURA 312 I BANDI Sostegno allo sviluppo di attività economiche Le opportunità disponibili da Lunedì 11 Ottobre 1 Beneficiari: : Microimprese (Partita iva e Registro Imprese Camera Commercio) Obiettivi:

Dettagli

LA STRUTTURA DEL RAV

LA STRUTTURA DEL RAV GUIDA PRATICA ALLA ELABORAZIONE DEL RAV IN FUNZIONE DEL MIGLIORAMENTO Dino Cristanini Vico Equense 30 Gennaio 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 CONTESTO E RISORSE Quali vincoli presentano? Quali leve positive

Dettagli

Il mondo produttivo e la Green Economy

Il mondo produttivo e la Green Economy Bologna Venerdì, 22 ottobre 2010 Verso un nuovo PER: linee di indirizzo per un Piano partecipato Il mondo produttivo e la Green Economy LA POLITICA ENERGETICA EUROPEA, LE GREEN TECHNOLOGIES, IL PIANO ANTICRISI

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O Q U E S T I O N A R I O C O N O S C I T I V O P A R T E C I P A Z I O N E

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E DOTAZIONE L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni

Dettagli

Bergamo Smart City. Sustainable Community

Bergamo Smart City. Sustainable Community Bergamo Smart City & Sustainable Community 1 Evoluzione delle Smart Cities nei secoli SVILUPPO SOSTENIBILE Lo sviluppo sostenibile è un processo di cambiamento tale per cui lo sfruttamento delle risorse,

Dettagli

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile 21 Ottobre 2015 Efficienza energetica degli edifici: il valore della casa, il valore dell ambiente con

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin

La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona Giovanni Bertin Il livello di conoscenza del sistema di offerta http://pdz.venetosociale.it La rilevazione Piani

Dettagli

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. Cernusco sul Naviglio

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. Cernusco sul Naviglio Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano 74 Cernusco sul Naviglio Cernusco sul Naviglio Cernusco sul Naviglio 75 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della

Dettagli

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio CoMoDo. Comunicare Moltiplica Doveri (art direction, grafica, fotografia Marco Tortoioli Ricci) Provincia di Terni in collaborazione con i Comuni della provincia Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21

Dettagli

Ente Parco Nazionale Area Contabilità e Finanza - ex VII qualifica funzionale

Ente Parco Nazionale Area Contabilità e Finanza - ex VII qualifica funzionale Apprendimento generale: Ente Parco Nazionale Area Contabilità e Finanza - ex VII qualifica funzionale metodi e strumenti di lavoro di tipo generale pubblica amministrazione e ambiente processi di lavoro

Dettagli

S.PR.I.G SISTEMA PER LA PROGRAMMAZIONE INTEGRATA E IL GOVERNO DEL TERRITORIO. 22 ottobre 2008

S.PR.I.G SISTEMA PER LA PROGRAMMAZIONE INTEGRATA E IL GOVERNO DEL TERRITORIO. 22 ottobre 2008 S.PR.I.G SISTEMA PER LA PROGRAMMAZIONE INTEGRATA E IL GOVERNO DEL TERRITORIO 22 ottobre 2008 S.PR.I.G SISTEMA PER LA PROGRAMMAZIONE INTEGRATA E IL GOVERNO DEL TERRITORIO Ruolo di S.PR.I.G nell elaborazione

Dettagli

TERRITORIO E AMBIENTE

TERRITORIO E AMBIENTE SPORT Gli interventi più significativi del 2000 sono la costruzione della pista di skateboard nell area del centro sociale anziani Graziosi in Via Sigonio, la manutenzione dell impianto sportivo di Fossoli

Dettagli

10. SEGRATE UN COMUNE PIU VICINO AL CITTADINO

10. SEGRATE UN COMUNE PIU VICINO AL CITTADINO 10. SEGRATE UN COMUNE PIU VICINO AL CITTADINO Ancora più efficienza della macchina comunale grazie alla costante estensione dei servizi ottenuta mediante l ottimizzazione dei costi e dei tempi. Il Comune

Dettagli

DOSSIER L impatto della Legge di stabilità su servizi e funzioni. Assemblea Presidenti Province Roma, 29 Ottobre 2014

DOSSIER L impatto della Legge di stabilità su servizi e funzioni. Assemblea Presidenti Province Roma, 29 Ottobre 2014 DOSSIER L impatto della Legge di stabilità su servizi e funzioni Assemblea Presidenti Province Roma, 29 Ottobre 2014 Le funzioni delle Province oggi Fino al 31 dicembre 2014 le Province sono tenute ad

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883 740 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883 Legge regionale n. 33/2006 Norme per lo Sviluppo dello Sport per Tutti Articolo 5 - Approvazione Protocollo d intesa e Convenzione tra

Dettagli

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI Il bilancio di previsione si articola in Programmi che corrispondono ai grandi temi di attività di cui il comune si occupa. Ogni programma è suddiviso

Dettagli

La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future

La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future Roma - 25 novembre 2014 ing. Gianluca Cocco Direttore Servizio Sostenibilità Ambientale, Valutazione Impatti

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Tavoli TemaTiCi 2015 Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Comunità solidale, welfare di tutti: costruiamo insieme il piano dei servizi alla persona

Dettagli

BILANCIO ARMONIZZATO 2015/2017. Approvato con deliberazione consiliare n.24/127 del 30/03/2015

BILANCIO ARMONIZZATO 2015/2017. Approvato con deliberazione consiliare n.24/127 del 30/03/2015 BILANCIO ARMONIZZATO 2015/2017 Approvato con deliberazione consiliare n.24/127 del 30/03/2015 1 2 Bilancio di Previsione armonizzato Indice Pagina 1 Il Bilancio armonizzato - Entrate 5 2 Il Bilancio armonizzato

Dettagli

Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni. Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni

Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni. Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni 2 Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni www.volontariatotrentino.it 1 1. Premessa L Associazione

Dettagli

RSA Provincia di Milano

RSA Provincia di Milano SA Provincia di Milano Popolazione e società Fig. 1: natalità e mortalità in Provincia di Milano Fig. 2: l indice di ricambio (fonte SIA) L analisi ambientale di un territorio rappresenta lo studio del

Dettagli

CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA

CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA (Provincia di Napoli) BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DEI PRIVATI AL FINE DELLA PIANIFICAZIONE PARTECIPATA PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO

Dettagli

PROSPETTO DELLE SPESE DI BILANCIO PER MISSIONI, PROGRAMMI E MACROAGGREGATI SPESE CORRENTI - PREVISIONI DI COMPETENZA Esercizio finanziario 2013

PROSPETTO DELLE SPESE DI BILANCIO PER MISSIONI, PROGRAMMI E MACROAGGREGATI SPESE CORRENTI - PREVISIONI DI COMPETENZA Esercizio finanziario 2013 SPESE CORRENTI - PREVISIONI DI COMPETENZA Redditi da lavoro dipendente Imposte e tasse a carico Acquisto di beni e servizi Trasferimenti Trasferimenti di tributi Fondi perequativi Interessi passivi redditi

Dettagli

Piano Energetico Comunale di Prato. Relazione di Sintesi

Piano Energetico Comunale di Prato. Relazione di Sintesi Piano Energetico Comunale di Prato Relazione di Sintesi 05/06/2013 Indice 1 OBIETTIVI DEL PEC... 3 2 MODALITA OPERATIVE... 3 3 LE FASI DEL PEC... 4 4 IL PIANO D AZIONE... 7 2 1 OBIETTIVI DEL PEC Gli obiettivi

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA Le associazioni dei pensionati del lavoro autonomo aderenti al CUPLA esprimono un giudizio

Dettagli

BERGAMO SMART CITY &COMMUNITY

BERGAMO SMART CITY &COMMUNITY www.bergamosmartcity.com Presentazione Nasce Bergamo Smart City & Community, associazione finalizzata a creare una rete territoriale con uno scopo in comune: migliorare la qualità della vita dei cittadini

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 52/40 DEL 23.12.2014

DELIBERAZIONE N. 52/40 DEL 23.12.2014 Oggetto: POR FESR Sardegna 2007-2013. Progetto sperimentale Reti di distribuzione e mobilità elettrica. Programmazione azioni di promozione del risparmio e dell efficienza energetica a valere sulla linea

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ANNUALE ENTRATE

BILANCIO DI PREVISIONE ANNUALE ENTRATE BILANCIO DI PREVISIONE ANNUALE ENTRATE PREVISIONI DELL'ANNO A CUI SI RIFERISCE Fondo pluriennale vincolato per spese correnti Fondo pluriennale vincolato per spese in conto capitale Utilizzo avanzo di

Dettagli

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI 4. suolo e risanamento acque del sottosuolo e di superficie 10. risorse idriche 6. biodiversità e paesaggio 2. acque reflue 11. risorse forestali 3. rifiuti 13. materie prime energetiche 1. aria e clima

Dettagli

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi Si affronta qui un tema delicato per gli operatori che

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO

BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO Comune di Modena 2015-2017 BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO Ex D.Lgs 118/2011 Approvato con Delibera di Consiglio n. 17 del 05/03/2015 Pag. 1 Allegato n. 9 al D.Lgs. 118/2011 Bilancio di Previsione

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Comunicato Stampa FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Ieri sera l incontro con i cittadini cormanesi per parlare di territorio e residenza Cormano,

Dettagli

Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna. Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia

Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna. Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia Santarcangelo di Romagna 19 Febbraio 2015 Le politiche energetiche in Europa

Dettagli

Programma Amministrativo Alla gente di Ranica chiederemo sempre di partecipare e di esprimere le opinioni e le proposte di ciascuno sui vari problemi: sarà per noi il punto di partenza per risolverli.

Dettagli

4. Aree strategiche, obiettivi strategici, obiettivi operativi

4. Aree strategiche, obiettivi strategici, obiettivi operativi 4. Aree strategiche, obiettivi strategici, obiettivi operativi Ciclo integrato di programmazione, gestione della performance e controllo Il ciclo integrato di programmazione, gestione della performance

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

LA SCUOLA D INFANZIA A BOLOGNA

LA SCUOLA D INFANZIA A BOLOGNA LA SCUOLA D INFANZIA A BOLOGNA Le prime scuole d'infanzia vengono istituite a Bologna a metà dell 800 dal Comune e da enti religiosi. Per oltre un secolo restano le sole scuole esistenti. La scuola d infanzia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

METODI E OBIETTIVI PER UN USO EFFICACE DEI FONDI COMUNITARI 2014/2020 Il bilancio europeo 2014/2020, approvato ad inizio 2013, assegnerà all Italia

METODI E OBIETTIVI PER UN USO EFFICACE DEI FONDI COMUNITARI 2014/2020 Il bilancio europeo 2014/2020, approvato ad inizio 2013, assegnerà all Italia METODI E OBIETTIVI PER UN USO EFFICACE DEI FONDI COMUNITARI 2014/2020 Il bilancio europeo 2014/2020, approvato ad inizio 2013, assegnerà all Italia cospicui finanziamenti per la coesione economica, sociale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA AI DISABILI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA AI DISABILI COMUNE DI CENTO COMUNE CAPOFILA GESTIONALE SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTO FERRARESE REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA AI DISABILI 1 Art. 1 - Finalità La finalità

Dettagli

Comune di Sondrio. Si assiste inoltre ad una maggior richiesta di accesso alla scuola secondaria di secondo grado da parte degli alunni disabili.

Comune di Sondrio. Si assiste inoltre ad una maggior richiesta di accesso alla scuola secondaria di secondo grado da parte degli alunni disabili. Comune di Sondrio LINEE GUIDA PER LA SPERIMENTAZIONE del coordinamento territoriale per l integrazione dei servizi a favore dell inclusione scolastica degli alunni con disabilità PREMESSA Il Comune di

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014-2016. (Decreto Legislativo 23 giugno 2011 n. 118)

BILANCIO DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014-2016. (Decreto Legislativo 23 giugno 2011 n. 118) BILANCIO DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014-2016 (Decreto Legislativo 23 giugno 2011 n. 118) I N D I C E Bilancio di Previsione Entrate pag. 1 Bilancio di Previsione Spese pag. 11 Bilancio di Previsione Riepilogo

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014/2016 EMENDATO

COMUNE DI BRESCIA BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014/2016 EMENDATO COMUNE DI BRESCIA BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE FINANZIARIO /2016 EMENDATO BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE INDICE Nota tecnica introduttiva pag. 3 Bilancio di Previsione Entrata pag. 5 Bilancio

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

schede di approfondimento.

schede di approfondimento. I macro temi segnalati nella mappa sono trattati nella presentazione e fruibili attraverso schede di approfondimento. 2 è l insieme delle attività volte a smaltirli, riducendo lo spreco(inparticolaredirisorsenaturaliedienergia)elimitandoipericoliperlasalutee

Dettagli

Il bilancio per il cittadino - Comune di Napoli. Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo

Il bilancio per il cittadino - Comune di Napoli. Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo Il bilancio per il cittadino - Comune di Napoli Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo 2 Premessa Il rapporto Civicum-Politecnico di Milano sul Comune di Napoli ha l obiettivo di sintetizzare le

Dettagli

Cos è un APEA? Una nuova opportunità per le imprese insediate. Area Produttiva Ecologicamente Attrezzata IL POLO AGROALIMENTARE FILAGNI

Cos è un APEA? Una nuova opportunità per le imprese insediate. Area Produttiva Ecologicamente Attrezzata IL POLO AGROALIMENTARE FILAGNI Cos è un APEA? IL POLO AGROALIMENTARE FILAGNI L AREA PRODUTTIVA ECOLOGICAMENTE ATTREZZATA (APEA) Una nuova opportunità per le imprese insediate Area Produttiva Ecologicamente Attrezzata Elevati standard

Dettagli

L ESPERIENZA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA NELLA DEFINIZIONE DELLE STRATEGIE E SELEZIONE DI INDICATORI

L ESPERIENZA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA NELLA DEFINIZIONE DELLE STRATEGIE E SELEZIONE DI INDICATORI L ESPERIENZA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA NELLA DEFINIZIONE DELLE STRATEGIE E SELEZIONE DI INDICATORI Mauro Bonaretti Direttore generale del Comune di Reggio Emilia IL CICLO DELLE POLITICHE PUBBLICHE BISOGNI

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

rendiconto economico 2

rendiconto economico 2 rendiconto economico 034 rendiconto economico 2 In questa sezione del bilancio sociale Finpiemonte rappresenta, attraverso appositi prospetti, la dimensione economica e monetaria della gestione, secondo

Dettagli

La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future

La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future MILANO EXPO - 11 LUGLIO 2015 ing. Gianluca Cocco Direttore Servizio Sostenibilità Ambientale e Sistemi Informativi

Dettagli

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale Giovedì 29 Marzo ore 14,30 18,30 Mercato Saraceno, Sala del Consiglio Andrea Zanfini EQO Srl Via Verde, 11 Bologna P.za Falcone Borsellino,

Dettagli

PROVINCIA DI MILANO ASSESSORATO ISTRUZIONE ED EDILIZIA SCOLASTICA

PROVINCIA DI MILANO ASSESSORATO ISTRUZIONE ED EDILIZIA SCOLASTICA PROVINCIA DI MILANO ASSESSORATO ISTRUZIONE ED EDILIZIA SCOLASTICA Assessorato Istruzione ed Edilizia Scolastica PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE CONDIVISA AMBITI TERRITORIALI Referente Progetto: Piera Saita

Dettagli

Indice. Prefazione PARTE PRIMA LE FONDAZIONI DI PARTECIPAZIONE NELLE STRATEGIE COLLABORATIVE TRA AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE ED IMPRESE

Indice. Prefazione PARTE PRIMA LE FONDAZIONI DI PARTECIPAZIONE NELLE STRATEGIE COLLABORATIVE TRA AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE ED IMPRESE Indice Prefazione XI PARTE PRIMA LE FONDAZIONI DI PARTECIPAZIONE NELLE STRATEGIE COLLABORATIVE TRA AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE ED IMPRESE Capitolo 1 Le partnership pubblico-privato nei nuovi modelli di gestione

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA Rapporto definitivo (ai sensi dell art. 4 del D. D. prot. 57/2002/SIAR/DEC del 15.03.02) COMPLETAMENTO DEL PROGRAMMA OPERATIVO Sintesi delle attività svolte Con la

Dettagli

LA NUOVA BASSA ROMAGNA. Lugo 23 Gennaio 2015

LA NUOVA BASSA ROMAGNA. Lugo 23 Gennaio 2015 LA NUOVA BASSA ROMAGNA Lugo 23 Gennaio 2015 I primi anni dell Unione Organizzazione (conferimento servizi) Efficienza della macchina amministrativa Specializzazione del personale Piano Strategico 2014

Dettagli

Deliberazione del Comitato di gestione n. 6 di data 6 maggio 2015.

Deliberazione del Comitato di gestione n. 6 di data 6 maggio 2015. Deliberazione del Comitato di gestione n. 6 di data 6 maggio 2015. Oggetto: Adozione dell aggiornamento del Programma pluriennale 2011-2015 da sottoporre alla Giunta provinciale. La legge provinciale 23

Dettagli

Contabilità Analitica per Missione Programma D.Lgs. 118/2011 Costi

Contabilità Analitica per Missione Programma D.Lgs. 118/2011 Costi Contabilità Analitica per Missione Programma D.Lgs. 118/2011 Costi 01 Servizi istituzionali, generali e di gestione 01 Organi istituzionali Beni e servizi costo: 157.246,06 Beni e servizi costo: 16.519.667,82

Dettagli

Welfare Aziendale per MPMI. Anna Maria Del Vescovo Edenred Italia Responsabile Welfare PMI

Welfare Aziendale per MPMI. Anna Maria Del Vescovo Edenred Italia Responsabile Welfare PMI Welfare Aziendale per MPMI Anna Maria Del Vescovo Edenred Italia Responsabile Welfare PMI Edenred: soluzioni per una vita semplice Da Edenred, l inventore dei Ticket Restaurant, una gamma completa di soluzioni

Dettagli

EUROPA 2020. TRE priorità. conoscenza e sull'innovazione; profilo delle risorse, più verde e più competitiva;

EUROPA 2020. TRE priorità. conoscenza e sull'innovazione; profilo delle risorse, più verde e più competitiva; EUROPA 2020 TRE priorità crescita intelligente sviluppare un'economia basata sulla conoscenza e sull'innovazione; crescita sostenibile promuovere un'economia più efficiente sotto il profilo delle risorse,

Dettagli

COD. PRATICA: 2014-001-528. Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 581 DEL 26/05/2014

COD. PRATICA: 2014-001-528. Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 581 DEL 26/05/2014 Regione Umbria Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 581 DEL 26/05/2014 OGGETTO: Tempo libero in estate: "Animazione degli spazi urbani realizzata da gruppi formali ed informali di giovani".

Dettagli

3.4.1 Descrizione del Programma

3.4.1 Descrizione del Programma PROGRAMMA N - 014 REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE E DEI BENI DEMANIALI E PATRIMONIALI RESPONSABILE ING. LEO GALLI (Il riferimento al Responsabile è puramente indicativo, individuazione

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO BILANCIO DI PREVISIONE DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PER GLI ESERCIZI FINANZIARI 2016-2018

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO BILANCIO DI PREVISIONE DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PER GLI ESERCIZI FINANZIARI 2016-2018 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO DI PREVISIONE DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PER GLI ESERCIZI FINANZIARI 2016-2018 DISEGNO DI LEGGE DI PREVISIONE DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO 2016-2018 Art. 1 Bilancio

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

Risultato (%) Obiettivo. Peso % Obiettivo di Performance Performance attesa Non Avviato Avviato Perseguito

Risultato (%) Obiettivo. Peso % Obiettivo di Performance Performance attesa Non Avviato Avviato Perseguito Scheda Valutazione Responsabili PO ENTE Golfo Aranci SERVIZIO: Finanziario ANNO 2013 DIRIGENTE/RESPONSABILE Simona Lai PERFORMANCE INDIVIDUALE Valutazione del risultato ottenuto - Percentuali di conseguimento

Dettagli

Dal Brain Drain al Brain Circulation

Dal Brain Drain al Brain Circulation Dal Brain Drain al Brain Circulation Il caso Italiano nel contesto globale Simona Milio London School of Economics and Political Science Introduzione Il problema e La sfida Le cause Le politiche adottate

Dettagli

Comune di Arluno. 21 Progetti

Comune di Arluno. 21 Progetti Comune di Arluno 21 Progetti Scheda di progetto 1/21 Tecnico settori urbanistica ed ecologia Piano regolatore generale con supervisione del PTCP e della VAS Tempi del progetto L intera comunità Il nuovo

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE 1) PRINCIPI I principi, cui si ispira il sistema di valutazione, riguardano la trasparenza dei criteri e dei risultati, l adeguata informazione e la partecipazione

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 11 aprile 2008 - Deliberazione N. 661 - Area Generale di Coordinamento N. 18 - Assistenza Sociale, Attività Sociali, Sport, Tempo Libero, Spettacolo N.

Dettagli

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 PUC3 COMUNE DI PARRANO Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 Interventi per la rivitalizzazione e rifunzionalizzazione delle aree urbane e dei centri storici Riqualificazione dell insediato storico

Dettagli

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011 L_ 1 `_ -F ' f. _ L/ 1 I BU 5 'Ez año Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 ELEZIONI DEL 15 E 16 MAGGIQ 2011 25 OTTOBRE 2011 ai. H/ úiscúíü"'7.7 i ÈL É' i ceurnonssrnn RIBOLDI SINDACO

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 19 2. TITOLO AZIONE Spazio di consulenza e sostegno alle famiglie e agli adolescenti 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività

Dettagli

link alla pagina Approfondimenti

link alla pagina Approfondimenti link alla pagina Approfondimenti VESTA Vesta è la società per azioni che si occupa di servizi pubblici locali nel comune di Venezia ed altri comuni della provincia, con un bacino di utenza di circa 300.000

Dettagli