Rendere conto ai cittadini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rendere conto ai cittadini"

Transcript

1 Comune di Cento Rendere conto ai cittadini bilancio di fine mandato

2

3 SOMMARIO 0. PREMESSA: PERCHÉ ABBIAMO REALIZZATO QUESTO DOCUMENTO? COMUNE DI CENTO: EVOLUZIONE DELLA SOCIETÀ RISORSE DEL COMUNE DI CENTO ATTIVITÀ SVOLTA PROSPETTIVE DI SVILUPPO...31

4

5 0. PREMESSA: PERCHÉ ABBIAMO REALIZZATO QUESTO DOCUMENTO? Nel 2006 quando è iniziato il mandato amministrativo l assetto sociale ed economico era diverso dall attuale. In questi cinque anni l Amministrazione Comunale di Cento al Pari delle altre amministrazioni locali si è trovata a gestire con risorse calanti un contesto sociale ed economico in grande trasformazione. In termini operativi questa situazione si è tradotta in una politica che ha cercato di ottimizzare le risorse disponibili aumentando la capacità di risposta ai bisogni del territorio. La crisi finanziaria scoppiata nel 2008 ha condizionato il bilancio del Comune al pari del bilancio delle famiglie e delle imprese del nostro territorio. Inoltre, alla crisi finanziaria si è aggiunta una drastica riduzione delle risorse economiche trasferite dallo Stato ai Comuni che hanno obbligato il Comune a ripensare l insieme di interventi sul welfare e sul territorio. Non è facile descrivere quanto realizzato in questo mandato e proprio da questa constatazione nasce e si conferma il progetto del bilancio sociale di mandato che rappresenta la risposta ad un impegno istituzionale di pubblicazione dei risultati dell amministrazione ma soprattutto rappresenta una bella opportunità di trasparenza con cui l amministrazione racconta ai proprio cittadini l impiego delle risorse che la comunità gli ha affidato. Il documento si articola in tre grandi capitoli ideati come risposta a tre domande che i cittadini spesso pongono agli amministratori: come sta cambiando la nostra comunità? (capitolo primo); come il Comune ha gestito le risorse che le sono state affidate dai cittadini (capitolo secondo); quali gli ambiti di intervento? (terzo capitolo). Lo schema della pagina seguente descrive in modo semplice i contenuti principali del bilancio di mandato. La struttura del Bilancio di fine mandato riprende, per quanto possibile, le linee guida del Ministero della Funzione Pubbliche (2006) relative alla rendicontazione sociale annuale degli Enti Pubblici e data la necessità di creare un documento comunicabile si è optato fin dall avvio del processo di rendicontazione per uno strumento sintetico e di facile comprensione. E importante evidenziare non solo la natura descrittiva del documento ma anche la funzione formativa del processo di rendicontazione sociale di cui rappresenta il fondamento. 0. PREMESSA 5

6 Schema bilancio di mandato 0. PREMESSA 6

7 1. COMUNE DI CENTO: EVOLUZIONE DELLA SOCIETÀ In questo primo capitolo è descritto il contesto in cui opera l amministrazione comunale. Il bilancio sociale deve rendere conto del modo in cui l amministrazione interpreta la propria missione istituzionale, esplicitandone i valori di riferimento, la visione e le priorità di intervento, con riferimento alle caratteristiche e all evoluzione del contesto in cui opera. (Ministero degli interni, 2007). E importante evidenziare che non si tratta di una conoscenza passiva dei numeri: conoscere è necessario, ma non basta. Dalla conoscenza occorre poi passare alle scelte e alle decisioni. (G. Dossetti): dalla conoscenza dei dati statistici del territorio ( capitolo 1 Comune di Cento: evoluzione della società ) e dalla conoscenza dei dati amministrativi (capitolo 2 Risorse economiche ed umane del Comune di Cento) occorre poi passare alle scelte (capitolo 3 Attività svolta). Il presente capitolo si sofferma sui dati sociali-demografici per approfondimenti di natura economica si rinvia a e per approfondimenti di natura statistica si rinvia a 1. EVOLUZIONE DELLA SOCIETÀ 7

8 Per descrivere la società di Cento si fa riferimento ad alcuni indicatori demografici e sociali al 1 gennaio La popolazione di Cento è pari a abitanti (10% della popolazione complessiva della Provincia di Ferrara). Gli stranieri residenti sono pari al 9,8% della popolazione complessiva. Popolazione residente nel comune di Cento al 1 gennaio 2010 Classi di età Femmine Maschi Totale 0-14 anni anni anni anni e oltre Totale Provincia Ferrara Fonte: Regione Emilia-Romagna Queste informazioni possono essere rilette in termini di indicatori base che permettono di capire lo stato di salute della popolazione contese: - indice di vecchiaia ovvero Rapporto percentuale tra la popolazione di 65 anni e più e la popolazione di età 0-14 anni evidenzia come la popolazione di Cento sia significativa più giovane della media provinciale: a Cento l indice di vecchiaria è pari a 138 mentre nella Provincia di Ferrara l indice è pari al doppio: 238%; 1. EVOLUZIONE DELLA SOCIETÀ 8

9 - più importante è l indice di dipendenza ovvero il rapporto percentuale tra la popolazione in età non attiva (0-14 anni e 65 anni e più) e la popolazione attiva di età compresa fra anni ovvero il rapporto tra persone che lavorano e persone che non lavorano più o non lavorano ancora. La provincia di ferrara ha un indie di dipendenza pari a 57% mentre il comune di cento è sotto la media provinciale con un indice di dipendenza pari a 52,24%. I grafici seguenti evidenziano due importanti ingredienti della società centese: il primo è l andamento significativo della popolazione compresa nella fascia di età 0-14 che è senza dubbio la parte di popolazione più dinamica; il secondo grafico evidenzia il peso della popolazione straniera che risulta significativo nella fasce di lavoro Andamento popolazione residente nel comune di Cento per grandi classi di età. (Numero indice base 2001=100) Fonte: Regione Emilia-Romagna, Rilevazione della popolazione residente anni anni anni 65 anni e oltre 1. EVOLUZIONE DELLA SOCIETÀ 9

10 I due grafici che seguono che confrontano la popolazione straniera per fasce di età: la popolazione straniera è una popolazione giovane per la maggioranza con una età più bassa dei 44 anni. Popolazione residente - Cento (1/1/2010) Popolazione straniera residente - Cento (1/1/2010) 80 e oltre e oltre Maschi Femmine Maschi Femmine In sintesi la popolazione di Cento è cresciuta mantenendo le caratteristica di un territorio giovane rispetto alla provincia e con un incremento significativo nelle fasce giovani anche grazie alla presenza di cittadini stranieri. Importante evidenziare che la relazione positiva tra popolazione attiva e non attiva conferma indirettamente anche la dinamicità economica del territorio rispetto alla situazione della Provincia di Ferrara. 1. EVOLUZIONE DELLA SOCIETÀ 10

11 2. RISORSE DEL COMUNE DI CENTO Obiettivo di questo capitolo è di descrivere come il Comune gestisce le proprie risorse umane ed economiche e le relazioni con gli altri enti e soggetti istituzionali presenti sul territorio. Le modalità di gestione del sistema di relazioni istituzionale e delle società partecipate sono strettamente connesse all evoluzione del contesto sociale del Comune. Nel presente capitolo si descrive brevemente l assetto istituzionale (Giunta e Consiglio Comunale), il bilancio economico dell amministrazione e la rete di società e consulte di cui il Comune di Cento si è dotato per rispondere alle esigenze del territorio. 2. RISORSE DEL COMUNE DI CENTO 11

12 La

13 Il Consiglio Comunale è l organo cui spetta la deliberazione e la discussione politica delle materie di competenza comunale. Componenti del Consiglio Comunale (al ) Orlandini Adriano Tassinari Roberto Fabbri Roberto P.D.L. (maggioranza) Pasca Vincenzo Perboni Vito Pellecchia Franco Toselli Stefano Magagna Lorenzo LEGA NORD (maggioranza) Panzacchi Gianluca Falzoni Cesare GRUPPO MISTO Baroni Antonio Tassinari Claudio Bregoli Annalisa ALLEANZA PER CENTO Balboni Carlo Cariani Marcella PARTITO DEMOCRATICO Fortini Vasco PdCI-UNIRE LA SINISTRA Nalin Catullo Mario Gennari Alessandro RINASCITA CENTESE Rodolfi Rudi Malaguti Lorenzo Le commissioni consiliari permanenti sono organismi interni del Consiglio comunale che svolgono funzioni istruttorie, consultive, preparatorie agli atti di competenza consiliare. Sono costituite dai consiglieri dell Ente. La tabella che segue descrive in sintesi l attività svolta nel corso del mandato dal Consiglio: Numero sedute Numero deliberazioni RISORSE DEL COMUNE DI CENTO 13

14 2.2 Bilancio del Comune Come funziona un Comune? Come funziona il nostro Comune? Attraverso quali risorse sono finanziati i servizi e le opere pubbliche di cui ogni cittadino si serve quotidianamente? Perché si pagano le tasse? Queste sono domande cui il Comune risponde tutti i giorni con la quantità e la qualità dei servizi che eroga. In termini generali il bilancio di un Comune al pari di un impresa è composto da entrate e spese che a fine anno devono essere in pareggio. A differenza del bilancio di un impresa nel caso del bilancio di una Comune si distinguono le spese in relazione alla loro destinazione: spese correnti che riguardano il funzionamento delle attività dell ente e l erogazione dei servizi e spese per investimento che comprendono l aumento e il consolidamento del patrimonio comunale investimenti nella realizzazione di infrastrutture. Il contesto della finanza locale si cala in uno scenario di finanza pubblica indebolito dalla crisi economico-finanziaria. Il PIL si riduce del 5,0% nel 2009 e il deficit della Pubblica Amministrazione sale al 5,3% in rapporto al PIL (ANCI, 2010). In questa situazione di grande crisi e debolezza le amministrazioni locali hanno cercato di far fronte attraverso una ottimizzazione delle risorse. Nel corso del mandato il Comune di Cento ha visto cambiare in modo significativo le entrate ma ha comunque mantenuto costante il livello di investimento nei principali servizi. I dati che seguono descrivono in sintesi il bilancio del Comune di Cento per quanto riguarda la spesa corrente cioè per la realizzazione dei servizi sul territorio e la spese in conto capitale ovvero gli investimenti in infrastrutture. 2. RISORSE DEL COMUNE DI CENTO 14

15 Le spese in conto capitale hanno registrato nel corso del mandato una media annua pari a La spesa corrente è rimasta sostanzialmente costante nell arco dei cinque anni con una media di quasi RISORSE DEL COMUNE DI CENTO 15

16 I grafici della pagina precedente permettono di verificare l andamento complessivo della risorse impiegate annualmente dal comune ma è molto più importante conoscere la composizione della spesa. Dalla comparazione tra il primo anno di mandato e l ultimo anno di mandato della distribuzione della spesa corrente (vedi grafico pagina seguente) si possono evidenziare alcune scelte fatte dall amministrazione. In particolare si può evidenziare la dinamica del welfare e le spese generali in termini percentuali: a) il peso relativo delle spese correnti in ambito sociale è leggermente cresciuto; b) sono aumentate le risorse dedicate all educazione; c) sono leggermente calate le risorse in cultura e le d) risorse per lo sport. 2. RISORSE DEL COMUNE DI CENTO 16

17 i

18 Un discorso a parte merita il sistema delle società partecipate in virtù del peso economico che hanno sul territorio e per l attività di razionalizzazione che è stato realizzata. HERA (0,00535%) Spa C.M.V. SERVIZI Srl (83,17%) ACOSEA IMPIANTI Srl (8,26%) S.I.PRO. AGENZIA PROVINCIALE PER LO SVILUPPO Spa (0,45326%) PARCO SCIENTIFICO PER LE TECNOLOGIE AGROINDUSTRIALI (0,9345%) LEPIDA SPA (0,01%) Gestione integrata delle risorse idriche, gestione integrata delle risorse energetiche e gestione dei servizi ambientali. La società opera in settori integrativi o ulteriori, comunque connessi, finalizzati alla produzione di beni e di attività rivolti a soddisfare bisogni ed esigenze della collettività collaborando a promuovere lo sviluppo economico e civile delle persone, delle loro organizzazioni e delle comunità locali di cui fanno parte. La gestione dei servizi per la raccolta, il trasporto e lo smaltimento dei rifiuti urbani; l'erogazione di servizi e prestazioni per la raccolta, lo stoccaggio provvisorio, il trattamento, l'innocuizzazione e lo smaltimento di rifiuti speciali, pericolosi e non pericolosi; l'erogazione di ogni servizio concernente l'igiene e la salubrità urbana; la gestione dei servizi concernenti la distribuzione ed erogazione di gas metano; gestione, la manutenzione e il rinnovo di centrali termiche; i servizi di sgombero neve e di spandimento prodotti antigelivi su strade ed aree pubbliche e private; manutenzione delle strade pubbliche e private. Gestione amministrativa e finanziaria delle reti, impianti e altre dotazioni patrimoniali strumentali all esercizio dei servizi pubblici locali e specificatamente del servizio idrico integrato. Attuazione linee di pianificazione e programmazione economica degli enti locali ferraresi operando nell ambito delle scelte degli enti locali e di quelle regionali. Persegue finalità di interesse generale consistenti in particolare nella formazione di nuove fonti di occupazione e di redditi. Favorire e incentivare studi, ricerche, applicazioni didattiche e realizzazioni industriali nel settore dell'agricoltura, dell'agro-alimentare e dell'agro-industriale; sviluppare le capacità logistiche e ricettive dell'università degli studi di Ferrara nel settore agro-tecnologico. Pianificazione delle infrastrutture fisiche di rete; progettazione; appalto per l'affidamento lavori; costruzione e collaudo delle tratte della rete in fibra ottica; affitto dei circuiti tradizionali, infrastrutture in fibra o radio per le tratte non di proprietà; messa in esercizio, manutenzione ordinaria e straordinaria; predisposizione delle infrastrutture tecnologiche; monitoraggio delle prestazioni di rete;fornitura di servizi di connettività a banda larga. 2. RISORSE DEL COMUNE DI CENTO 18

19 L amministrazione comunale al fine di sviluppare al meglio la propria attività e presenza sul territorio nel corso della prima metà del mandato ha reso operativo un sistema di consulte aperte al mondo del welfare e dell economia, superando così una percezione della comunità che vede l amministrazione comunale lontana dai bisogni del territorio. Obiettivo delle consulte è duplice: da un lato garantire Il coinvolgimento dei cittadini per raccogliere meglio i bisogni della comunità dall altro garantire il coinvolgimento dei cittadini per cogliere idee innovative per rispondere a questi bisogni. Nome/argomento n componenti CENTO E PENZALE 12 ALBERONE 8 BUONACOMPRA E PILASTRELLO 12 CASUMARO 8 CORPORENO E MOLINO ALBERGATI 12 XII MORELLI 8 RENAZZO E BEVILACQUA 12 RENO CENTESE 8 2. RISORSE DEL COMUNE DI CENTO 19

20

21 3. ATTIVITÀ SVOLTA L ultimo passaggio nel rendicontare le attività consiste nell incrociare il documento di programmazione presentato a inizio mandato con le attività svolte nel corso dei cinque anni. Tale incrocio virtuale permette di verificare il raggiungimento o meno degli obiettivi dichiarati dall amministrazione locale in apertura del mandato. In particolare gli ambiti di intervento all interno del quale è possibile riclassificare le attività sono: - Politiche per il sistema sociale - Politiche per il sistema territoriale e ambientale; - Politiche per il sistema economico. Si tratta di una classificazione spuria: un attività svolta dal Comune può avere una valenza/funzione sia sociale che economica o territoriale/ambientale. Per esempio un intervento di valorizzazione del centro storico ha una valenza direttamente urbanistica ma anche di rilancio economico del commercio nel centro città; un secondo esempio è quello dell attività museale che da un lato rilancia la cultura locale e dall altra sviluppa il turismo e favorisce il commercio locale e allo stesso tempo rappresenta un occasione di incontro tra le persone. Una seconda classificazione possibile si basa sul tipo di attività che l amministrazione può svolgere. Anche in questo caso individuiamo tre tipologie di attività possibile: - Progetti, studi, monitoraggi il Comune realizza un attività di programmazione in tutti gli ambiti di intervento con particolare attenzione al territorio e al welfare; 3. ATTIVITÀ SVOLTA 21

22 - Realizzazione di infrastrutture fisiche il comune realizza infrastrutture funzionali allo sviluppo del territorio e coerenti con l attività di programmazione; - Erogazione di servizi il comune offre servizi sociali, urbanistici, culturali ai propri cittadini. Le pagine che seguono rappresentano una sintesi delle attività dell ente. La tabella descrive solo una selezione esemplificativa dell attività svolta dall amministrazione l obiettivo non era quello di descrivere la totalità delle attività svolte ma le attività che in un qualche modo hanno caratterizzato l amministrazione comunale nel corso del mandato. Per eventuali approfondimenti si rinvia ai documenti istituzionali dell ente. Per ogni attività è stata approssimata una valutazione del maggiore o minore grado di sviluppo registrato nel corso del mandato. Si tratta di valutazioni basate su dati forniti dal controllo di gestione, informativa a cui si rinvia per ulteriori approfondimenti, ma soprattutto su valutazioni soggettive registrate nel corso delle interviste ai dirigenti e ai funzionari. In particolare: il simbolo indica un incremento dell attività, il simbolo evidenzia il mantenimento o costanza dell attività nel corso del mandato e il simbolo evidenzia una criticità del servizio. 3. ATTIVITÀ SVOLTA 22

23 Progetto, infrastruttura, servizio, attività Breve descrizione Ambito Variazione nel corso del mandato Adolescenti L ambito di intervento delle politiche sociali relativo all adolescenza è da sempre un ambito di criticità per gli enti. Tale criticità deriva in parte dalle difficoltà dell ambito pedagogico specifico e in parte dall importanza di coinvolgere direttamente le famiglie. Nel corso del mandato l amministrazione ha collaborato con soggetti pubblici e privati al fine di migliorare i servizi in questo delicato settore. sistema sociale sistema territoriale Ambiente/aree verdi Il verde pubblico rappresenta un ambito di intervento pubblico estremamente complesso e articolato in termini economici e di impatto: a) riveste un ruolo di vitale importanza per l'ambiente, l'igiene e la qualità della vita, in quanto esplica funzioni di: depurazione delle acque e dell'aria, costituzione e miglioramento del suolo, regimazione delle acque, assorbimento dell'anidride carbonica b) riveste un ruolo importante negli aspetti paesaggistici, urbanistici, culturali e ricreativi del territorio. Nei limiti delle risorse disponibili nel corso del mandato è stato garantito un investimento continuo. sistema sociale sistema territoriale Anziani e disabili Trasporto facile, assistenza domiciliare, iniziative estive e voucher rappresentano alcuni esempi della ricchezza di interventi realizzati dal Comune di Cento nell ambito della non autosufficienza. Il Fondo Regionale per la non autosufficienza ha permesso negli anni un miglioramento del servizio grazie alle maggiori risorse disponibili e alla crescente domanda da parte dei cittadini. sistema sociale sistema territoriale 3. ATTIVITÀ SVOLTA 23

24 Progetto, infrastruttura, servizio, attività Breve descrizione Ambito Variazione nel corso del mandato Casa e alloggi di transizione Il problema della casa rappresenta il cuore del welfare delle famiglie sia in termini di sostegno all affitto, sia in termini di gestione di case popolari ma anche attraverso la creazione di strutture dedicate a famiglie con specifici bisogni. Prospettiva di sviluppo: a) lavorare sull integrazione tra il progetto di alloggio di transizione e i servizi per l integrazione sociale e lavorativa; b) lavorare sulla prossimità e non solo l assistenza (dalla logica del dare alla logica del fare insieme) sistema sociale sistema territoriale Cultura: attività, mostre, musei e bibliteche Le risorse economiche dedicate alla cultura sono calate nel corso del mandato ma tale riduzione non si è tradotta in una semplice riduzione dell attività ma nella ricerca di una maggiore efficienza maggiore qualificazione. Un esempio è rappresentato dall attività espositiva ma anche dalla quotidiana gestione degli spazi bibliotecari e spazi dedicati alle attività culturali. Inoltre è importante evidenziare l attività di pubblicazioni svolta dall amministrazione che permette di conservare la memoria della città e dei principali eventi realizzati. sistema sociale sistema territoriale Degrado urbano: iniziative contro il degrado urbano La lotta al degrado urbano ha rappresentato negli ultimi anni un tema fondamentale della politica locale. Da un lato il bisogno di garantire la pulizia della città e dall altro evitare la creazioni di condizioni potenzialmente pericolose per la sicurezza dei cittadini e l ordine della città. Tale attività ha un impatto sociale per la maggiore sicurezza e territoriale in virtù degli investimenti realizzati. sistema sociale sistema territoriale 3. ATTIVITÀ SVOLTA 24

25 Progetto, infrastruttura, servizio, attività Breve descrizione Ambito Variazione nel corso del mandato Edilizia scolastica Il diritto alla scuola si traduce anche nella necessità di garantire strutture adeguate in termini di spazi disponibili e in termini di manutenzione delle strutture esistenti. Tali attività sono state definite prioritarie dall amministrazione comunali ma le risorse disponibili sono state condizionate dal patto di stabilità che ha limitato il numero di interventi realizzati complessivamente nel corso del mandato. sistema sociale sistema territoriale Progetti educativi Nel corso del mandato sono stati avviati alcuni progetti educativi diretti alla popolazione più giovane. Uno di questi è stato il progetto di educazione stradale rivolte ai bambini delle scuole primarie: si tratta di un progetto di piccola dimensione ma emblematico di una attenzione dell amministrazione alla formazione ed educazione dei propri cittadini sistema sociale sistema territoriale Famiglie: iniziative a sostegno Negli ultimi anni il welfare ha evidenziato la necessità di sostenere la famiglia come elemento centrale degli interventi. Gli asili nidi in questo senso rappresentano l ambito più importante di intervento sia dal punto di vista del peso economico complessivo sul bilancio comunale che dal punto di vista dell impatto sulla vita della famiglie. Importanti sono stati anche gli interventi in altri ambiti in cui l amministrazione ha investito molto: servizio refezione scolastica ( mensa ) e il trasporto scolastico. Inoltre a Cento esiste il Centro per le famiglie che si rivolge a famiglie con bambini e svolge attività di supporto alla competenza genitoriale (vedi attività adolescenti ) sistema sociale sistema territoriale 3. ATTIVITÀ SVOLTA 25

26 Progetto, infrastruttura, servizio, attività Breve descrizione Ambito Variazione nel corso del mandato Fondo straordinario di garanzia a favore piccole e medie imprese. Il Fondo straordinario di garanzia rappresenta un pezzo di un pacchetto di intervento a sostegno dell imprenditorialità locale. Il sostegno dell attività imprenditoriale rappresenta un elemento importante per l amministrazione comunale di Cento non solo in termini economici ma anche in una logica allargata di welfare che comprende anche il diritto al lavoro. sistema sociale sistema territoriale Gestione fognature La gestione delle fognature rappresenta uno degli elementi portanti e significativi della buona gestione del territorio di Cento. L amministrazione comunale ha avviato e realizzato interventi strutturali sul sistema di fognature locali: - mappatura, - manutenzione delle caditoie, - pulizia delle tubazioni fognarie - rimessa in funzione impianto di pompaggio. sistema sociale sistema territoriale Illuminazione pubblica La percezione di sicurezza urbana da parte dei cittadini è condizionata anche da una buona gestione degli spazi pubblici. In particolare l ambito della illuminazione pubblica rappresenta un elemento importante in termini di sicurezza del cittadini sia per quanto riguarda la mobilità che per quanto riguarda, per esempio per le donne, la possibilità di vivere in tranquillità gli spazi pubblici aperti. sistema sociale sistema territoriale 3. ATTIVITÀ SVOLTA 26

27 Progetto, infrastruttura, servizio, attività Breve descrizione Ambito Variazione nel corso del mandato Piano sosta Il piano sosta con l attività di gestione del sistema di pagamento del parcheggio è stato un progetto importante per l amministrazione locale. Avviato nel 2007 con un atto di indirizzo e nel 2009 in via sperimentale, nel corso del 2011 il piano sosta e il sistema di gestione ad esso collegato sono entrati a regime. sistema sociale sistema territoriale Piano Strutturale Comunale Il piano strutturale comunale rappresenta il principale strumento di programmazione del territorio. Si tratta di una attività realizzata collettivamente con gli altri comuni del territorio: Bondeno, Mirabello, Poggio Renatico, Sant Agostino, Vigarano Mainarda. Ambiti principali del piano strutturale comunale: infrastrutture per la mobilità, aree per le attività produttive, tutela dell'ambiente e la valorizzazione risorse storiche e paesaggistiche. sistema sociale sistema territoriale Riqualificazione aree ex stazione L attività di riqualificazione di comparti significativi del territorio comunale rappresenta una tipologia di intervento complessa con effetti oltre che urbanistici anche sociali in virtù del recupero di aree disagiate ed effetti economici in virtù delle opportunità di investimento e di rilancio che sono offerte alle imprese del territorio. sistema sociale sistema territoriale Rivalutazione centro storico e turismo La chiave di volta del turismo locale è rappresentato dal centro storico che nel corso del mandato è stato oggetto prioritario di attenzione da parte dell amministrazione comunale in termini di manutenzione e valorizzazione. sistema sociale sistema territoriale 3. ATTIVITÀ SVOLTA 27

28 Progetto, infrastruttura, servizio, attività Breve descrizione Ambito Variazione nel corso del mandato Sicurezza (accordo di programma) Nell ambito della sicurezza è stato firmato un accordo di programma finanziato dalla regione. Tale accordo ha permesso l acquisto di attrezzatura, veicoli, rinnovo centrale radio operativa, rinnovo parco veicoli. L effetto principale di questo intervento è stata una maggiore efficienza e sviluppo dei servizi di prossimità e presidio del territorio. sistema sociale sistema territoriale Sportelli del cittadino: La razionalizzazione delle risorse pubbliche dedicate al welfare passa obbligatoriamente per una gestione efficiente dell accesso ai servizi. Il sistema di sportelli del cittadini - sportello sociale, sportello stranieri, centro servizi ASPASIA-informanziani garantiscono una maggiore conoscenza e un uso più appropriato dei servizi e permettono anche di mettere tutti ugualmente a conoscenza dei servizi ( provare a mettere tutti nelle stesse condizione di accesso ). In particolare lo sportello sociale ha permesso da un lato risparmio di tempo, una maggiore efficienza nella presa in carico degli sportelli sociali e una migliore capacità di cogliere i bisogni dei cittadini. sistema sociale sistema territoriale Sportello unico attività produttive La burocrazia è da sempre uno dei vincoli più pesanti per le attività imprenditoriali e commerciali. L attività di messa in rete, informatizzazione e organizzazione dello Sportello unico per le attività produttive procede in questa direzione ovvero garantire risposte sempre più rapide e complete alle richieste delle imprese. sistema sociale sistema territoriale 3. ATTIVITÀ SVOLTA 28

29 Progetto, infrastruttura, servizio, attività Breve descrizione Ambito Variazione nel corso del mandato Sportive Il pacchetto sport è articolato in sostegno alle associazioni sportive, manutenzione e realizzazione di nuove strutture. Anche in questo ambito gli obiettivi di intervento sono stati limitati dalla scarsità di risorse pubbliche che non ha comunque impedito l attività ordinaria. sistema sociale sistema territoriale Infrastrutture: manutenzione ordinaria e straodinaria delle strade comunali La manutenzione straordinarie delle strade comunali ha permesso una maggiore sicurezza negli spostamenti ma più in generale una buon sistema di collegamento ha rappresentato la condizione fondamentale per lo sviluppo dell economia locale. La manutenzione delle infrastrutture è stata fondamentale: non ha senso investire i nuove infrastrutture se non è garantito il buon funzionamento delle strutture esistenti. La scelta dell amministrazione è stata la scuola ma il problema è stato quello di limitare gli interventi sul sistema viario. In particolare: rifacimento segnaletica orizzontale e adeguamento impianti semaforici; asfaltature del manto stradale e realizzazione rotatorie; adeguamento ponte vecchio e adeguamento della passerella; attraversamenti pedonali rialzati. sistema sociale sistema territoriale Trasporto pubblico I collegamenti interni al Comune di Cento e i collegamenti extraurbani sono una condizione importante per garantire la vitalità del territorio e in più generale rappresentano un elemento importante per la qualità della vita dei cittadini. sistema sociale sistema territoriale 3. ATTIVITÀ SVOLTA 29

30

31 4. PROSPETTIVE DI SVILUPPO Alla luce dell attività del mandato e delle principali criticità economiche, sociali e ambientali che l amministrazione comunale si è trovata ad affrontare nel corso del mandato si definiscono alcuni indicazioni generali di intervento per il Comune di Cento per i prossimi anni: nell ambito sociale la riduzione delle risorse economiche a disposizione del Comune obbliga l ente a ripensare le modalità di gestione delle risorse dedicate al welfare. Questo non si traduce in un taglio indiscriminato dei servizi ma in una maggiore attenzione allo sviluppo dell ente e all innovazione dei servizi stessi in termini di maggiore efficienza ed efficacia. Questo nuovo welfare non nasce dal nulla e deve essere collegato al tessuto produttivo locale, con le imprese locali che da un lato garantiscono la vitalità del territorio e dall altra rappresentano luoghi di innovazione tecnologica e di coesione sociale. Infine la gestione dell ambiente e del territorio rappresenta un ambito prioritario dell attività dell ente sia per quanto riguarda la tutela dell ambiente (aria, acqua ) sia per quanto riguarda la sicurezza territoriale e degrado urbano che rappresentano elementi fondanti la qualità di vita del cittadino. Dal punto di vista metodologico occorre evidenziare come la realizzazione del presente bilancio rappresenti un occasione importante di trasparenza dei conti dell amministrazione ma per evitare che rimanga solo un iniziativa occasionale occorre introdurre il bilancio sociale come pratica continua dell amministrazione pubblica contese. In termini concreti questo si traduce in attività di comunicazione annuale del bilancio sociale alla cittadinanza ma soprattutto nella partecipazione dei cittadini alla redazione del documento stesso. La redazione partecipata del bilancio sociale e la periodica comunicazione pubblica dei risultati ottenuti dall amministrazione comunale sono due obiettivi fondamentali del processo di rendicontazione sociale del Comune di Cento per i prossimi anni. 4. Prospettive di sviluppo 31

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 203 Funzion Servizi. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizi 0. 02 Segreteria generale,personale e organizzazione Servizi 0. 03

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Partecipanza Agraria di Cento

Partecipanza Agraria di Cento Prot. Num. Fasc. Delibera della Magistratura N. 46 del 14/04/2014 Oggetto: LIQUIDAZIONE SPESE VARIE. L, addì 14 del mese di aprile alle ore 19:15 a seguito di invito Prot. Num. 896 Fasc. 11 del 12/04/2014

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2012

CONTO DEL BILANCIO 2012 CONTO DEL BILANCIO 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 7.640,44 750,00 8.66,48 5.343,90

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 007 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 9 0 3 5.00 7.00.00 Servizio

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 38.83,47.000,00 75.86,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 04 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0,00 980,00 9.007,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 6.40,57.44,00 38.640,43

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

Ordinanza n. 27 del 12 marzo 2013

Ordinanza n. 27 del 12 marzo 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 27 del 12 marzo 2013 Controllo dei progetti

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE N.B. Qualora ritenga importante integrare il questionario con commenti particolari o chiarimenti che ritiene importanti può farlo scrivendo quanto ritiene opportuno nello

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO dopo il TERREMOTO IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO Assicurare la ricostruzione di case e imprese secondo tempi certi e procedure snelle, garantendo

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Maggio 2013. A cura di

Maggio 2013. A cura di DOSSIER SUI COMUNI DELL EMILIA ROMAGNA COLPITI DAL SISMA Maggio 2013 A cura di INDICE Premessa: il quadro attuale ad un anno dal terremoto 3 1. I Comuni colpiti dal sisma: alcuni dati 5 2. Analisi comparata

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Città di Biella Rendiconto 2013

Città di Biella Rendiconto 2013 erogati a domanda individuale I servizi a domanda individuale raggruppano quelle attività gestite dal comune che non sono intraprese per obbligo istituzionale, che vengono utilizzate a richiesta dell'utente

Dettagli

Art.1. Oggetto del regolamento

Art.1. Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A SOSTEGNO DELLE INIZIATIVE SVOLTE PER L ORGANIZZAZIONE DELLA GI ORNATA DEL VERDE PULITO Art.1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

MOD. A DOMANDA TIPO. Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME)

MOD. A DOMANDA TIPO. Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME) MOD. A DOMANDA TIPO Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME) Il sottoscritto (cognome e nome)..., nato a..., prov...., il... codice fiscale..., partita I.V.A.... e residente a..., prov....,

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI Il presente documento contiene la classificazione dei servizi pubblici adottata per l iniziativa Mettiamoci la faccia. Si tratta di una classificazione e non di una

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli