RELAZIONE AL CONTO FINANZIARIO 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE AL CONTO FINANZIARIO 2011"

Transcript

1 Missione 8 Soccorso civile Programma 8.5 Protezione civile C.d.R. 13 Protezione civile Le risorse assegnate al C.d.R 13 Protezione Civile per l anno 2011 sono state pari ad euro ,56 a fronte di impegni assunti per euro ,82 con un economia di bilancio di euro ,74. Il totale dell erogato è stato di euro ,90 con un indice di realizzazione finanziaria che si attesta all 86,22 per cento INDICE REALIZZAZIONE FINANZIARIA 80,14% 86,80% 86,22% IMPEGNATO , , ,82 PAGATO , , ,90 Le risorse impegnate sono state destinate per euro ,35 alle spese di funzionamento. Di queste ,31 di euro, si riferiscono alle spese di personale per emolumenti accessori, ai quali si devono aggiungere le risorse trasferite al Segretariato generale per il pagamento in forma accentrata degli oneri connessi al trattamento economico fondamentale del personale di ruolo del Dipartimento (43 milioni di euro). Euro ,04 si riferiscono ai beni e servizi, comprensivi delle 89

2 spese per missioni, per la formazione, per la gestione del sistema informativo, per la pulizia degli uffici e la manutenzione e riparazione di apparecchiature e attrezzature, per il facchinaggio, per le utenze, per il fitto dei locali, degli automezzi, assicurazioni e vigilanza, studi, esperti,e del funzionamento delle strutture dei Comitati di rientro. Euro ,72 sono stati destinati ad interventi ed euro ,75 sono stati destinati a spese in conto capitale. Impegnato FUNZIONAMENTO ,35 INTERVENTI ,72 SPESE IN C/CAPITALE ,75 Di seguito sono evidenziate le voci di spesa più rappresentative che hanno caratterizzato la gestione 2011 secondo le aree d intervento : Mutui Sono stati destinati euro alla copertura degli oneri connessi alle rate di ammortamento dei mutui contratti dalle Regioni per finanziare interventi di ricostruzione e riparazione dei danni provocati dalle maggiori calamità naturali verificatesi negli anni scorsi e per l organizzazione dei Grandi eventi (organizzazione dei XVI Giochi del Mediterraneo 2009 di Pescara, dei Campionati mondiali di nuoto 2009 di Roma e dei Mondiali di ciclismo 2008 di Varese ). 90

3 Emergenza sisma Abruzzo Euro sono stati impiegati per il prosieguo degli interventi nella regione Abruzzo a seguito del sisma del 6 aprile 2009, di cui trasferiti al Presidente della Regione Abruzzo - Commissario Delegato per la Ricostruzione ed per le residue attività di competenza del Dipartimento di seguito indicate: - assistenza alla popolazione, approvvigionamento di materiali ed acquisizione di servizi informatici e tecnologici, alla rimozione delle situazioni di pericolo, al rimborso spese per personale dei Vigili del Fuoco ed il personale volontario della Protezione Civile e dei Comuni oltre ai rimborsi dovuti per l uso dei mezzi di trasporto ed i materiali; - spese connesse al completamento dei progetti CASE., MAP, MUSP, al ripristino degli edifici pubblici e privati, per l adeguamento della struttura aeroportuale dell Aquila e l adeguamento e la sistemazione delle infrastrutture varie, nonché per le attività poste in essere dalla Struttura Tecnica Espropri di cui all O.P.C.M. del 17 settembre 2010, n. 3898; - completamento di alcuni progetti con i fondi provenienti dalla donazioni nazionali ed internazionali, tra i quali il Complesso Ecclesiale San Biagio in Amiternum e il Presidio Sanitario Località Paganica. Emergenza migranti Sono stati utilizzati euro per le attività destinate a far fronte all emergenza umanitaria nel territorio nazionale in relazione all'eccezionale afflusso di cittadini appartenenti ai paesi del Nord Africa a seguito della nomina a Commissario delegato del Capo del Dipartimento della protezione civile ai sensi dell O.P.C.M. 13 aprile 2011, n In particolare, euro risultano impegnati per trasferimenti già effettuati e da effettuarsi, per l anno 2011, a favore dei soggetti attuatori incaricati delle attività di assistenza e di accoglienza dei migranti e/o richiedenti asilo, euro sono stati trasferiti al Ministero dell Interno e della Difesa per attività specificamente previste da Ordinanze del Presidente del Consiglio dei Ministri, mentre 91

4 euro sono stati spesi per le attività direttamente curate dalla struttura commissariale quali: il noleggio navi per la riallocazione dei migranti nel territorio nazionale, l acquisto di beni e servizi per la gestione dell emergenza, la rimozione e lo smaltimento dei relitti e delle imbarcazioni. Gestione flotta aerea per la lotta agli incendi boschivi Euro sono stati impegnati per il funzionamento e la gestione della flotta aerea impegnata nella lotta agli incendi boschivi svolta con l ausilio delle flotte aeree a disposizione del Dipartimento composte da 19 velivoli Canadair CL-415, 4 elicotteri Erickson S64 del Corpo Forestale dello Stato gestiti con risorse del Dipartimento e 10 velivoli AIR-TRACTOR AT802 FIRE-BOSS in compartecipazione con la Regione Puglia. Nella campagna Antincendi Boschivi sono stati utilizzati, inoltre, diversi mezzi ad ala rotante dei Vigili del Fuoco, dell Esercito Italiano, della Marina Militare, del Corpo Forestale dello Stato e della Capitaneria di Porto. Relativamente ai dati statistici della Campagna AIB, si rappresenta che a fronte di richieste di concorso aereo sono state effettuate complessivamente ore di volo, impiegati litri di liquido estinguente e sganciati circa litri di acqua, nonché oltre Kg di prodotto ritardante. Fondi finalizzati da espresse disposizioni normative Euro , sono relativi a fondi finalizzati da norme per la realizzazione di specifici interventi quali: il recupero dell area delle ex acciaierie di Genova Cornigliano ( ), l adeguamento antisismico degli edifici scolastici ( ), il Fondo Solidarietà Nazionale Interventi Indennizzatori ai sensi dell art. 1, comma 84, della legge 30 dicembre 2004, n. 311 ( ), gli interventi di ricostruzione postterremoto nelle regioni Marche ed Umbria del 1987 ( ) e nella regione Umbria per gli eventi sismici del mese di dicembre 2009 ( ); Fondi autorizzati da specifiche norme e destinati ai commissari delegati per la gestione degli interventi di prima emergenza a seguito di eventi calamitosi utilizzati per : 92

5 - euro , assegnati dal decreto-legge 29 dicembre 2010, n. 225 convertito in legge, con modificazioni, dall'articolo 1, comma 1, della legge 26 febbraio 2011, n. 10, ed impegnati per le spese conseguenti lo stato di emergenza derivante dagli eccezionali eventi meteorologici che hanno colpito il territorio nazionale nell anno 2010; - euro impegnati in favore delle regioni Liguria e Toscana per far fronte agli interventi di prima emergenza a seguito delle eccezionali avversità atmosferiche che hanno colpito le province di La Spezia e Massa-Carrara nel mese di ottobre 2011; - euro , assegnati in attuazione della delibera CIPE 13 maggio 2010, n. 41 ed impegnati in favore delle Regioni Emilia-Romagna, Liguria e Toscana colpite dagli eventi meteorici eccezionali di dicembre 2009 e gennaio Convenzioni per le attività di previsione e prevenzione delle emergenze Nel corso del 2011 è proseguita l attività di previsione e prevenzione delle varie fattispecie di rischio realizzata mediante convenzioni con i principali istituti privati ed enti pubblici impegnati nelle studio ed analisi degli eventi calamitosi nonché per la sorveglianza e monitoraggio dei fenomeni naturali e che forniscono l indispensabile supporto alle attività tecnico-scientifica di previsione e prevenzione del Dipartimento, il cui onere, di complessivi è stato così distribuito: - euro , per progetti di volontariato, formazione e comunicazione; - euro , per attività in tema di rischio sanitario; - euro , per attività in tema di rischi idrogeologici e antropici; - euro , per attività in tema di rischio sismico e vulcanico; - euro , per il monitoraggio sismico e vulcanico del territorio da parte dell Istituto di Geofisica e Vulcanologia (INGV). 93

6 Attività di volontariato impegnato nelle emergenze Sono stati destinati euro alle attività di previsione, prevenzione e soccorso dei componenti dei gruppi, associazioni, enti ed organismi di volontariato di protezione civile, nonché per contributi ai gruppi ed enti/organismi di volontariato per l acquisto di mezzi ed attrezzature per l espletamento delle attività di soccorso; Ulteriori interventi connessi alle attività istituzionali del Dipartimento Euro sono stati destnati ad interventi ed investimenti di varia natura strettamente connessi alle attività istituzionali del Dipartimento (acquisto di nuovi sistemi radar, di sistemi abitativi, attrezzature beni mobili e di telecomunicazioni di emergenza, lo sviluppo e implementazione del sistema nazionale integrato di previsione, prevenzione e gestione delle emergenze) e per trasferimenti dovuti a vario titolo a favore di altri soggetti (Regioni, enti locali, Commissari delegati, ecc.) per effetto, tra l altro, di Ordinanze del Presidente del Consiglio dei Ministri a valere sul Fondo nazionale per la protezione civile. Il Dipartimento ha, inoltre, proseguito nelle attività di progetti avviati negli anni precedenti, in ambito comunitario ed internazionale, quali: - il progetto europeo EUROMED, per lo sviluppo ed il rafforzamento del sistema di protezione civile nella regione Euro-Mediterranea e ad assicurare il mantenimento, a livello istituzionale, della cooperazione, anche come strumento di stabilità politica e sociale, tra la Comunità Europea e le Nazioni partner e tra le Nazioni partner stesse; - il Progetto europeo DRHOUSE, per valutare il danno e l agibilità degli edifici e successiva messa in sicurezza in seguito ad evento sismico; - il Progetto europeo SAFER, per realizzare un sistema pre-operativo disegnato e progettato nel fast track Emergency Response Core Service (ERCS) realizzato nell'ambito delle attività GMES; - il Progetto europeo LINKER, per stabilire e validare le interfacce e le procedure necessarie tra gli utenti ed i fornitori dei servizi GMES per assicurare che le 94

7 informazioni basate sulle osservazioni da satellite siano fornite in accordo con le specifiche tecniche e gli standard di qualità che consentano l integrazione del servizio nei flussi di lavoro operativi degli utenti. Il progetto è in diretto supporto con GMES Emergency Response Core Service (ERCS); - il Progetto europeo MIA VITA, per sviluppare un sistema di valutazione e mitigazione del rischio in aree vulcaniche extra-europee (Capo Verde, Camerun, Java, Filippine e Montserrat); - il Progetto europeo DORIS, per disegnare ed implementare un servizio di identificazione, mappatura e monitoraggio delle deformazioni del suolo, a differenti scale spaziali e temporali, con un approccio multi-rischio, che include le frane ed i fenomeni di subsidenza; Il Dipartimento ha attivato, altresì, i seguenti nuovi progetti: - il Progetto Tsunami Information Centre for the North Eastern Atlantic and the Mediterranean NEAMTIC, realizzato con l UNESCO. - Il contratto di servizio con la Commissione Europea No ECHO/B.1/FRA/2011/02, per lo svolgimento di corsi di formazione nell ambito del Meccanismo Europeo di protezione civile; - il Progetto Europeo RISKNAT, per la gestione e sicurezza dei territori di montagna nella zona transfrontaliera delle Alpi Occidentali. 95

8 RISORSE IMPEGNATE DAL DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE TIPOLOGIA DI SPESA IMPORTO % MUTUI ,95% EMERGENZA TERREMOTO ABRUZZO ,23% EMERGENZA MIGRANTI ,96% GESTIONE FLOTTA AEREA ,88% FONDI FINALIZZATI ART.32 BIS ACCIAIERIE GENOVA CORNIGLIANO ART. 32 BIS INTERVENTI ANTISISMICI EDIFICI SCOLASTICI (REGIONI ) FONDO SOLIDARIETA' NAZIONALE INTERVENTI INDENNIZZATORI ,49% SISMA UMBRIA DICEMBRE 2009 (ART.1,CO.84 LEGGE STABILITA' 2011 N.220/2010) UMBRIA E MARCHE (ART.2, CO. 107, L.244/07) FONDI AI COMMISSARI DELEGATI PER INTERVENTI DI PRIMA EMERGENZA (REGIONI) ,12% CONVENZIONI PER ATTIVITÀ DI PREVISIONE E PREVENZIONE ,26% ONERI DI VOLONTARIATO ,16% PERSONALE ,53% BENI E SERVIZI ,26% ALTRO ,17% TOTALE ,00% 96

CURRICULUM VITAE DELL'INGEGNERE BARBARA LO ZUPONE

CURRICULUM VITAE DELL'INGEGNERE BARBARA LO ZUPONE CURRICULUM VITAE DELL'INGEGNERE BARBARA LO ZUPONE PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DATI PERSONALI Barbara Lo Zupone, nata a.il-'.c.f. Studio in _ 1 -_,telefono""', cellulare _4, fax _. E-mail: ATTIVITA' SVOLTA

Dettagli

d iniziativa dei senatori VALENTINI, ZANDA, AMATI, ALBANO, DI GIORGI, GRANAIOLA e PAGLIARI

d iniziativa dei senatori VALENTINI, ZANDA, AMATI, ALBANO, DI GIORGI, GRANAIOLA e PAGLIARI Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 900 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori VALENTINI, ZANDA, AMATI, ALBANO, DI GIORGI, GRANAIOLA e PAGLIARI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 1º LUGLIO 2013

Dettagli

IL GRANDE IMBROGLIO DI MARE NOSTRUM

IL GRANDE IMBROGLIO DI MARE NOSTRUM a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 771 IL GRANDE IMBROGLIO DI MARE NOSTRUM 22 settembre 2014 INDICE 2 Introduzione Mare

Dettagli

Scuola Multimediale di Protezione Civile A.S. 2014-2015. Perugia, 23 ottobre 2014

Scuola Multimediale di Protezione Civile A.S. 2014-2015. Perugia, 23 ottobre 2014 Scuola Multimediale di Protezione Civile A.S. 2014-2015 Perugia, 23 ottobre 2014 Cultura di Protezione Civile Cultura di protezione civile è cultura della sicurezza, della solidarietà, del rispetto, della

Dettagli

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile IL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE Corso base di Protezione Civile La protezione civile in Italia Con protezione civile si intende l insieme delle attività messe in campo per tutelare la vita, i beni, gli

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI INFORMAZIONI PERSONALI Nome biffarella giuseppe Data di nascita 26/03/1958 Qualifica I Fascia Amministrazione MINISTERO DELL INTERNO CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Incarico attuale Dirigente Comando

Dettagli

Ordinanza n 105 del 12 settembre 2013. Programma Operativo Municipi Ulteriore rimodulazione

Ordinanza n 105 del 12 settembre 2013. Programma Operativo Municipi Ulteriore rimodulazione IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n 105 del 12 settembre 2013 Programma Operativo

Dettagli

Attuazione della direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri concernente:

Attuazione della direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri concernente: Dipartimento per le politiche integrate di sicurezza e per la protezione civile Sistema regionale di protezione civile Modello organizzativo di gestione delle emergenze Attuazione della direttiva del Presidente

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE PIANO DI EMERGENZA COMUNALE DOC. 02 - GLOSSARIO E RIFERIMENTI NORMATIVI GRUPPO DI LAVORO PER LA REALIZZAZIONE DEL : Responsabile di Progetto Il Sindaco: Luigi Chiesa Gruppo Tecnico di Lavoro Arch. Paola

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA

LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA Rischi naturali Idraulico-idrogeologico Sismico Vulcanico Incendi boschivi e d interfaccia Maremoto Rischi antropici tecnologico trasporti chimico-industriale CNR- IRPI CNR-IRPI

Dettagli

Con la presente si forniscono pertanto disposizioni attuative della norma richiamata.

Con la presente si forniscono pertanto disposizioni attuative della norma richiamata. IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Agli enti attuatori degli interventi finanziati con

Dettagli

Ordinanza n. 57 del 4 luglio 2014

Ordinanza n. 57 del 4 luglio 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITÀ DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL DL N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 57 del 4 luglio 2014 Approvazione dello

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Visto l articolo 121 della Costituzione (come modificato dalla legge costituzionale 22 novembre 1999, n.

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Visto l articolo 121 della Costituzione (come modificato dalla legge costituzionale 22 novembre 1999, n. REGIONE PIEMONTE BU30 26/07/2012 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 23 luglio 2012, n. 5/R Regolamento regionale del volontariato di protezione civile. Abrogazione del regolamento regionale

Dettagli

Ordinanza n. 41 del 14/09/2012

Ordinanza n. 41 del 14/09/2012 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 41 del 14/09/2012 Realizzazione soluzioni

Dettagli

LEGGE 26 giugno 2014, n. 93. Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 12 maggio

LEGGE 26 giugno 2014, n. 93. Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 12 maggio LEGGE 26 giugno 2014, n. 93 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 12 maggio 2014, n. 74, recante misure urgenti in favore delle popolazioni dell'emilia-romagna colpite dal terremoto

Dettagli

Ordinanza n.38 del 13 Maggio 2014

Ordinanza n.38 del 13 Maggio 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n.38 del 13 Maggio 2014 Espletamento di due

Dettagli

Corpo NazionaleVigili del Fuoco CNVVF

Corpo NazionaleVigili del Fuoco CNVVF Corpo NazionaleVigili del Fuoco CNVVF Emilia Romagna 1 Storia del CNVVF 1941 : Istituzione del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco alle dipendenze del Ministero dell Interno 1961 : Ordinamento a carattere

Dettagli

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO A ALLARME: scatta al verificarsi dell evento calamitoso od anche nelle ipotesi del pericolo grave ed imminente per l incolumità delle persone, di danni gravi ed irreparabili agli abitati nonché a strutture

Dettagli

Ordinanza n. 17 dell 8 Maggio 2015

Ordinanza n. 17 dell 8 Maggio 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITÀ DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL DL N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 17 dell 8 Maggio 2015 Convenzione con ANCI

Dettagli

104507 utenze, servizi ausiliari, spese di pulizia 104511 spese per acquisto di beni di consumo per il funzionamento degli uffici 104513 manutenzioni

104507 utenze, servizi ausiliari, spese di pulizia 104511 spese per acquisto di beni di consumo per il funzionamento degli uffici 104513 manutenzioni D.A. N.90 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO BILANCIO E FINANZE L ASSESSORE VISTO lo Statuto della Regione Siciliana. VISTI i RR.DD. del 18/11/23, n.2440 e del 23/05/1924, n. 827. VISTA

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI VALDERA

UNIONE DEI COMUNI VALDERA UNIONE DEI COMUNI VALDERA VERBALE DELLA II COMMISSIONE PONTEDERA 04 GIUGNO 2015 All ordine del giorno ci sono 1. Regolamento per la disciplina del servizio pubblico non di linea NCC noleggio con conducente

Dettagli

25/08/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 68. Regione Lazio

25/08/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 68. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE AGENZIA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 20 agosto 2015, n. G10209 Documento operativo per le attività antincendio boschivo (AIB) - anno

Dettagli

La pianificazione di emergenza comunale

La pianificazione di emergenza comunale 1. PREMESSA 7 La pianificazione di emergenza comunale Il Comune di Castel San Giorgio è dotato di un Piano Comunale di Protezione Civile, reperibile dal sito ufficiale del Comune di Castel San Giorgio

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione n.

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione n. Protocollo RC n. 57528/08 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE L anno duemilaotto, il giorno di venerdì quattro del mese di

Dettagli

Dichiarazione della dr.ing. Paola Pagliara ai fini del d.lgs. n. 33/2013 e d.lgs. n. 39/2013

Dichiarazione della dr.ing. Paola Pagliara ai fini del d.lgs. n. 33/2013 e d.lgs. n. 39/2013 Dichiarazione della dr.ing. Paola Pagliara ai fini del d.lgs. n. 33/2013 e d.lgs. n. 39/2013 Dichiaro che: 1. Sono stata nominata componente del Consiglio di Amministrazione con lettera protocollo n DPC/CD/0000227

Dettagli

SISTEMA DI CONTABILITA' ECONOMICA PIANO DEI CONTI

SISTEMA DI CONTABILITA' ECONOMICA PIANO DEI CONTI Personale Retribuzioni per Comparto / Qualifica Competenze fisse Componenti accessorie connesse al risultato Componenti accessorie connesse alla funzione Lavoro straordinario Contributi ed oneri lavoro

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE 2013/4047 Modalità di fruizione del credito d imposta, in caso di accesso al finanziamento agevolato, per gli interventi di riparazione, ripristino o ricostruzione di immobili di edilizia abitativa e ad

Dettagli

LE RISORSE DESTINATE DALLO STATO ALLE INFRASTRUTTURE

LE RISORSE DESTINATE DALLO STATO ALLE INFRASTRUTTURE Direzione Affari Economici e Centro Studi LE RISORSE DESTINATE DALLO STATO ALLE INFRASTRUTTURE Analisi delle risorse iscritte nel bilancio dello Stato 2011 Riduzione degli stanziamenti e dinamiche di accentramento

Dettagli

COMUNE DI SAN GIULIANO DI PUGLIA. La ricostruzione di San Giuliano di Puglia

COMUNE DI SAN GIULIANO DI PUGLIA. La ricostruzione di San Giuliano di Puglia La ricostruzione di San Giuliano di Puglia Cronologia avvenimenti 11.32 GIOVEDÌ 31 OTTOBRE 2002: un terremoto di 5,4 gradi della scala Richter fa tremare il Molise. La zona più colpita è San Giuliano di

Dettagli

COMUNE DI BRINDISI REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI BRINDISI REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI BRINDISI REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1 Costituzione E costituito il Gruppo Comunale di Volontari di Protezione Civile, cui possono aderire cittadini

Dettagli

27/02/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 17. Regione Lazio. Leggi Regionali

27/02/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 17. Regione Lazio. Leggi Regionali Regione Lazio Leggi Regionali Legge Regionale 26 febbraio 2014, n. 2 Sistema integrato regionale di protezione civile. Istituzione dell'agenzia regionale di protezione civile. IL CONSIGLIO REGIONALE ha

Dettagli

Master di I livello in: Funzione Sanità nelle Maxi Emergenze Modulo I: Classificazione dei rischi

Master di I livello in: Funzione Sanità nelle Maxi Emergenze Modulo I: Classificazione dei rischi Modulo I: Classificazione dei rischi Il rischio sismico Geologo, Professionista Il rischio idrogeologico: fenomeni franosi, idraulici ed erosivi Geologo, Professionista Il rischio idrogeologico: fenomeni

Dettagli

Senato - Commissione Territorio, Ambiente, Beni ambientali Audizione del Sottosegretario di Stato Giuseppe Pizza 22. febbraio 11

Senato - Commissione Territorio, Ambiente, Beni ambientali Audizione del Sottosegretario di Stato Giuseppe Pizza 22. febbraio 11 Senato - Commissione Territorio, Ambiente, Beni ambientali Audizione del Sottosegretario di Stato Giuseppe Pizza 22. febbraio 11 Oggetto: la capacità di osservazione della costellazione COSMO-SkyMed. Ringrazio

Dettagli

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 67 5.1 Il sistema di comando e controllo La procedura di attivazione del sistema di comando e controllo disciplina il flusso delle informazioni utili a gestire la risposta

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 3039 D I S E G N O D I L E G G E presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (PRODI) dal Ministro dell interno e per il coordinamento

Dettagli

Luglio 2010 OMBRE SU L AQUILA POCO SOLARE NELLA RICOSTRUZIONE IN ABBRUZZO

Luglio 2010 OMBRE SU L AQUILA POCO SOLARE NELLA RICOSTRUZIONE IN ABBRUZZO Luglio 2010 OMBRE SU L AQUILA POCO SOLARE NELLA RICOSTRUZIONE IN ABBRUZZO 1. Quadro Generale L area del così detto cratere sismico, ovvero la zona colpita dal sisma del 6 aprile 2009, è molto vasta. Nonostante

Dettagli

Settore Decentrato Opere Pubbliche e Difesa Assetto Idrogeologico di Cuneo

Settore Decentrato Opere Pubbliche e Difesa Assetto Idrogeologico di Cuneo Settore Decentrato Opere Pubbliche e Difesa Assetto Idrogeologico di Cuneo Convegno formativo sulla protezione civile per gli Enti Locali 2 Luglio 2010 Centro Incontri Provincia di Cuneo IL RISCHIO IDROGEOLOGICO

Dettagli

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO del Gruppo Comunale di Protezione Civile per il piano operativo di intervento sul territorio.

Dettagli

Ordinanza n. 28 del 13 marzo 2013

Ordinanza n. 28 del 13 marzo 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 28 del 13 marzo 2013 Attuazione del decreto-legge

Dettagli

ALLEGATO 4 REGIONE BASILICATA BILANCIO DI PREVISIONE ANNO FINANZIARIO 2011. Elenco dei Capitoli di Spesa Obbligatoria

ALLEGATO 4 REGIONE BASILICATA BILANCIO DI PREVISIONE ANNO FINANZIARIO 2011. Elenco dei Capitoli di Spesa Obbligatoria ALLEGATO 4 REGIONE BASILICATA BILANCIO DI PREVISIONE ANNO FINANZIARIO 2011 0111.01 FUNZIONAMENTO DELL'ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE CORRENTE DI FUNZIONAMENTO 01007 SPESE DI FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 Redazione: Dott. Alberto Ventura, Arch. e DI.MA. Graziella Vallone Regione Cantarana, 17 28041 ARONA (NO)

Dettagli

Ordinanza n 83 del 5 Dicembre 2012

Ordinanza n 83 del 5 Dicembre 2012 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n 83 del 5 Dicembre 2012 Riparazione con

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Corso Base per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile Cassano D Adda - 07.05.2010 INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Materiale didattico a cura

Dettagli

CURRICULUM VITAE P. M.. Dott. Ing. Barbara Lo Zupone

CURRICULUM VITAE P. M.. Dott. Ing. Barbara Lo Zupone " Dott. Ing. Barbara Lo Zupone CURRICULUM VITAE DATI PERSONALI Nome: Barbara Lo Zupone Data di nasdta: _ Luogo di nasdta:'" Codice fiscale: Residenza:_ Cittadinanza: _ Stato avite: 1IIt STUDI E FORMAZIONE

Dettagli

Allegato A ELENCO INDIRIZZI

Allegato A ELENCO INDIRIZZI Allegato A A ELENCO INDIRIZZI SEGRETARIATO GENERALE DELLA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA Ufficio per gli Affari Militari PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Ufficio del Consigliere Militare MINISTERO DELLA

Dettagli

CIRCOLARI INAIL. Circolari INAIL. Nomina dei Componenti dell Organismo Indipendente di Valutazione della performance.

CIRCOLARI INAIL. Circolari INAIL. Nomina dei Componenti dell Organismo Indipendente di Valutazione della performance. Circolari INAIL Circolare n. 28 del 19 luglio 2010 Nomina dei Componenti dell Organismo Indipendente di Valutazione della performance. Premessa Con determinazione n 8 del 0 aprile 2010 il Presidente dell

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 30 dicembre 2010 Interventi urgenti di protezione civile diretti a fronteggiare i danni conseguenti agli eccezionali eventi atmosferici che hanno colpito

Dettagli

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE CITTÀ DI ACIREALE SETTORE PROTEZIONE CIVILE PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Oggetto : PARTE I - GENERALITÀ GIUGNO 2013 REVISIONE ELABORATO ADEGUATO AL PARERE DELLA COMMISSIONE CONSILIARE DEL 12/09/2012

Dettagli

C O M U N E D I U D I N E D I P A R T I M E N T O P R O G R A M M A Z I O N E POLITICHE FINANZIARIE, ACQUISTI E ATTIVITA PRODUTTIVE

C O M U N E D I U D I N E D I P A R T I M E N T O P R O G R A M M A Z I O N E POLITICHE FINANZIARIE, ACQUISTI E ATTIVITA PRODUTTIVE ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL C O M U N E D I U D I N E D I P A R T I M E N T O P R O G R A M M A Z I O N E POLITICHE FINANZIARIE, ACQUISTI E ATTIVITA PRODUTTIVE ALLEGATO A

Dettagli

ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE IN N

ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE IN N Provincia dell Aquila Settore Ambiente Genio Civile Protezione Civile Modulo Discarica rifiuti inerti ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE IN N. 3 ESEMPLARI IN ORIGINALE ALLA DOMANDA DI

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome IPPOLITI Alberto Indirizzo SEDE DI LAVORO: VIA PALESTRO 19, ANCONA Telefono 071/8067312 Fax E-mail albertoippoliti@regionemarcheit

Dettagli

UFFICIO GESTIONE DELLE EMERGENZE CONCORSO DELLA FLOTTA AEREA DELLO STATO NELLA LOTTA ATTIVA AGLI INCENDI BOSCHIVI - DISPOSIZIONI E PROCEDURE -

UFFICIO GESTIONE DELLE EMERGENZE CONCORSO DELLA FLOTTA AEREA DELLO STATO NELLA LOTTA ATTIVA AGLI INCENDI BOSCHIVI - DISPOSIZIONI E PROCEDURE - UFFICIO GESTIONE DELLE EMERGENZE CONCORSO DELLA FLOTTA AEREA DELLO STATO NELLA LOTTA ATTIVA AGLI INCENDI BOSCHIVI - DISPOSIZIONI E PROCEDURE - EDIZIONE 2013 Atto di Approvazione Elenco Allegati Elenco

Dettagli

ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE

ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE Territorio e Rischio Idrogeologico ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE DR. GEOL. FRANCESCO BENINCASA LIBERO PROFESSIONISTA PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE Il nuovo

Dettagli

SISTEMA REGIONALE DI PRESIDIO TERRITORIALE IDROGEOLOGICO E IDRAULICO A SUPPORTO DELLA PIANIFICAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE

SISTEMA REGIONALE DI PRESIDIO TERRITORIALE IDROGEOLOGICO E IDRAULICO A SUPPORTO DELLA PIANIFICAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE SISTEMA REGIONALE DI PRESIDIO TERRITORIALE IDROGEOLOGICO E IDRAULICO A SUPPORTO DELLA PIANIFICAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE CAMPANIA E L ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI

Dettagli

PARTE I: SPESE PER L'ATTIVITA' DELLA PROVINCIA

PARTE I: SPESE PER L'ATTIVITA' DELLA PROVINCIA - 86 - PARTE I: SPESE PER L'ATTIVITA' DELLA PROVINCIA FUNZIONE OBIETTIVO: FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI ISTITUZIONALI UNITA' DI BASE OGGETTO DELLE PREVISIONI PREVISIONI BILANCIO PLURIENNALE COMPETENZA CAP./ART.

Dettagli

Modulo Stoccaggio rifiuti speciali non pericolosi da attività di costruzione e demolizione

Modulo Stoccaggio rifiuti speciali non pericolosi da attività di costruzione e demolizione Provincia dell Aquila Settore Ambiente Genio Civile Protezione Civile Modulo Stoccaggio rifiuti speciali non pericolosi ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE IN N. 3 ESEMPLARI IN ORIGINALE

Dettagli

Geoenvironmental resouces and risks LM-74 DISASTER MANAGEMENT

Geoenvironmental resouces and risks LM-74 DISASTER MANAGEMENT UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI CAMERINO Scuola di Scienze e Tecnologie Anno Accademico 2012-2013 Corso di Laurea Geoenvironmental resouces and risks LM-74 DISASTER MANAGEMENT Docente: Dott. Maurizio Tesorini

Dettagli

Ordinanza n 19 del 13 Marzo 2014

Ordinanza n 19 del 13 Marzo 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n 19 del 13 Marzo 2014 Rimodulazione dei

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI N.PROGRESSIVO Brevetto ID POS Cognome o Denominazione Nome Luogo di nascita PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Dipartimento della Protezione Civile Conferimento dell'attestato di Pubblica Benemerenza

Dettagli

Ordinanza n. 41 del 6 Agosto 2015

Ordinanza n. 41 del 6 Agosto 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 41 del 6 Agosto 2015 Ulteriore rimodulazione

Dettagli

ALLEGATO 4 REGIONE BASILICATA BILANCIO DI PREVISIONE ANNO FINANZIARIO 2009. Elenco dei Capitoli di Spesa Obbligatoria

ALLEGATO 4 REGIONE BASILICATA BILANCIO DI PREVISIONE ANNO FINANZIARIO 2009. Elenco dei Capitoli di Spesa Obbligatoria ALLEGATO 4 REGIONE BASILICATA BILANCIO DI PREVISIONE ANNO FINANZIARIO 2009 Elenco dei Capitoli di Spesa Obbligatoria Descrizione 0111.01 FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO REGIONALE corrente di 01001 SPESE PER

Dettagli

Calamità naturali: il 72% dei residenti in zone a rischio è disposto a sottoscrivere un assicurazione per tutelarsi

Calamità naturali: il 72% dei residenti in zone a rischio è disposto a sottoscrivere un assicurazione per tutelarsi Nuova indagine CINEAS Calamità naturali: il 72% dei residenti in zone a rischio è disposto a sottoscrivere un assicurazione per tutelarsi Il 73% degli intervistati ha vissuto una o più volte catastrofi

Dettagli

AGESCI ABRUZZO. Relazione al bilancio consuntivo 2009/2010

AGESCI ABRUZZO. Relazione al bilancio consuntivo 2009/2010 AGESCI ABRUZZO Relazione al bilancio consuntivo 2009-2010 2010 Il bilancio consuntivo 2009/2010 evidenzia il conto economico e lo stato patrimoniale. Il conto economico si compone di due prospetti: il

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. TRA Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale SAM SOCIETA AEROSPAZIALE MEDITERRANEA S.C.R.L.

PROTOCOLLO D INTESA. TRA Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale SAM SOCIETA AEROSPAZIALE MEDITERRANEA S.C.R.L. PROTOCOLLO D INTESA TRA Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale SAM SOCIETA AEROSPAZIALE MEDITERRANEA S.C.R.L. PER LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITA E PROGETTI PER LO SVILUPPO

Dettagli

Nota operativa n. 21 e, p.c.

Nota operativa n. 21 e, p.c. Direzione Centrale Previdenza Direzione Centrale Credito, Investimenti e Patrimonio Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Direzione Centrale Sistemi informativi,

Dettagli

SESSIONE 2 Analisi dei progetti: punti di forza e criticità. Ing. Vania Passarella

SESSIONE 2 Analisi dei progetti: punti di forza e criticità. Ing. Vania Passarella SESSIONE 2 Analisi dei progetti: punti di forza e criticità Ing. Vania Passarella RICOSTRUZIONE POST SISMA: Regolata dalle Ordinanze del Commissario Delegato per la Ricostruzione collegate all esito di

Dettagli

ARGOMENTI DELLA SERATA

ARGOMENTI DELLA SERATA IL CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale VV.F.Varese Presentazione curata dal Capo Squadra Esperto Lorenzo Canazza ARGOMENTI DELLA SERATA RUOLO E COMPETENZE DEL CORPO NAZIONALE DEI VIGILI

Dettagli

Bianca Francesca Berardi Classe 1^ Liceo Esposizione di Geostoria a.s. 2012-2013 AL CENTRO DEL MEDITERRANEO

Bianca Francesca Berardi Classe 1^ Liceo Esposizione di Geostoria a.s. 2012-2013 AL CENTRO DEL MEDITERRANEO Bianca Francesca Berardi Classe 1^ Liceo Esposizione di Geostoria a.s. 2012-2013 AL CENTRO DEL MEDITERRANEO LA POSIZIONE E IL MARE La POSIZIONE al centro del Mediterraneo e la forma peninsulare rendono

Dettagli

Ordinanza n. 35 del 30 aprile 2014

Ordinanza n. 35 del 30 aprile 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 35 del 30 aprile 2014 Acquisizione di

Dettagli

Criteri e Procedure per la ricostruzione degli edifici privati in Abruzzo

Criteri e Procedure per la ricostruzione degli edifici privati in Abruzzo Convegno, 20 aprile 2015, Basilica di San Giovanni Maggiore, Napoli Criteri e Procedure per la ricostruzione degli edifici privati in Abruzzo Mauro Dolce Dipartimento della Protezione Civile, Roma 6 Aprile

Dettagli

FEDERAZIONE REGIONALE DEGLI ORDINI DEGLI INGEGNERI D ABRUZZO

FEDERAZIONE REGIONALE DEGLI ORDINI DEGLI INGEGNERI D ABRUZZO Prot. n. 11 / FR / AQ L Aquila, 14 marzo 2012 Al Commissario delegato per la Ricostruzione Dr. Gianni Chiodi Al Coordinatore della Struttura Tecnica di Missione Arch. Gaetano Fontana Alla ReLUIS c/o Scuola

Dettagli

40 30 30 20 La protezione civile ieri, oggi e domani

40 30 30 20 La protezione civile ieri, oggi e domani BOZZA DI PROGRAMMA VIII edizione Codice Rosso Il comune nel sistema della protezione civile Fiera di Ancona, 7-9 giugno 2012 40 30 30 20 La protezione civile ieri, oggi e domani 40 1972 40 anni dal terremoto

Dettagli

Italia: un territorio a rischio, sempre sotto osservazione

Italia: un territorio a rischio, sempre sotto osservazione Italia: un territorio a rischio, sempre sotto osservazione Intervista a Paola Pagliara, dirigente del Centro Funzionale Centrale del Dipartimento Nazionale nonché responsabile del Servizio rischio idrogeologico

Dettagli

RISORSE, MONITORAGGIO, TRASPARENZA: UN QUADRO SULL EDILIZIA SCOLASTICA

RISORSE, MONITORAGGIO, TRASPARENZA: UN QUADRO SULL EDILIZIA SCOLASTICA RISORSE, MONITORAGGIO, TRASPARENZA: UN QUADRO SULL EDILIZIA SCOLASTICA Roma, 27 marzo 2015 #MutuiBei #AnagrafeScolastica L Anagrafe Scolastica sarà presentata ad aprile 2015 Per la prima volta una fotografia

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 20 novembre 2015, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo: Bilancio di previsione dello Stato per l anno finanziario

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. cremona luigi Data di nascita 17/02/1953. DEL FUOCO Dirigente - ufficio centrale ispettivo

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. cremona luigi Data di nascita 17/02/1953. DEL FUOCO Dirigente - ufficio centrale ispettivo INFORMAZIONI PERSONALI Nome cremona luigi Data di nascita 17/02/1953 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente superiore MINISTERO DELL'INTERNO - CORPO NAZIONALE

Dettagli

ANTINCENDIO BOSCHIVO CORSO DI FORMAZIONE DI SECONDO LIVELLO IL SISTEMA ANTINCENDIO BOSCHIVO DELLA REGIONE BASILICATA

ANTINCENDIO BOSCHIVO CORSO DI FORMAZIONE DI SECONDO LIVELLO IL SISTEMA ANTINCENDIO BOSCHIVO DELLA REGIONE BASILICATA ANTINCENDIO BOSCHIVO CORSO DI FORMAZIONE DI SECONDO LIVELLO IL SISTEMA ANTINCENDIO BOSCHIVO DELLA REGIONE BASILICATA INCENDI BOSCHIVI Legge n.353 del 21.11.2000 Definizione: un fuoco con suscettività ad

Dettagli

Ordinanza n. 37 del 21 marzo 2013

Ordinanza n. 37 del 21 marzo 2013 IL PRESIDENTE INQUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1, COMMA 2, DEL D.L. N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONIDALLA LEGGE 122/2012 Ordinanza n. 37 del 21 marzo 2013 Assegnazione delle

Dettagli

Comune di Valsamoggia PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

Comune di Valsamoggia PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (Provincia di Bologna) PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Redazione: Unione dei Comuni Valli del Reno, Lavino e Samoggia Servizio Associato di Protezione Civile geom. Stefano Cremonini geol. Paola Montaguti

Dettagli

Ente Codice 000700930 Ente Descrizione REGIONE BASILICATA Periodo MENSILE 12/2010 Prospetto INCASSI PER CODICI GESTIONALI

Ente Codice 000700930 Ente Descrizione REGIONE BASILICATA Periodo MENSILE 12/2010 Prospetto INCASSI PER CODICI GESTIONALI Ente Codice 000700930 Ente Descrizione REGIONE BASILICATA Periodo MENSILE 12/2010 Prospetto INCASSI PER CODICI GESTIONALI 000700930 - REGIONE BASILICATA TITOLO 1o: ENTRATE DERIVANTI DA TRIBUTI PROPRI DELLA

Dettagli

TABELLA C STANZIAMENTI AUTORIZZATI IN RELAZIONE A DISPOSIZIONI DI LEGGE LA CUI QUANTIFICAZIONE ANNUA E DEMANDATA ALLA LEGGE FINANZIARIA

TABELLA C STANZIAMENTI AUTORIZZATI IN RELAZIONE A DISPOSIZIONI DI LEGGE LA CUI QUANTIFICAZIONE ANNUA E DEMANDATA ALLA LEGGE FINANZIARIA TABELLA C STANZIAMENTI AUTORIZZATI IN RELAZIONE A DISPOSIZIONI DI LEGGE LA CUI QUANTIFICAZIONE ANNUA E DEMANDATA ALLA LEGGE FINANZIARIA (milioni di lire) OGGETTO DEL PROVVEDIMENTO 1995 1996 1997 Presidenza

Dettagli

5 MODELLO DI INTERVENTO

5 MODELLO DI INTERVENTO Aggiornato al: 16.09.2009 MODELLO DI INTERVENTO pag. 5.1 5 MODELLO DI INTERVENTO Una parte fondamentale della redazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile è la realizzazione dei Modelli

Dettagli

ORDINANZA 139 DEL15 NOVEMBRE 2013

ORDINANZA 139 DEL15 NOVEMBRE 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 ORDINANZA 139 DEL15 NOVEMBRE 2013 RIMOZIONE MACERIE

Dettagli

ELENCO N.1 - SPESE OBBLIGATORIE ---------------------------------

ELENCO N.1 - SPESE OBBLIGATORIE --------------------------------- ELENCO N.1 - SPESE OBBLIGATORIE --------------------------------- Pag. 1 / 8 U P B CAP. DESCRIZIONE 1 1 1 1 10 U00400 TRASFERIMENTI PER L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DELL'ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE

Dettagli

Regione Umbria. DECRETO DEL COMMISSARIO DELEGATO (Decreto Presidente Consiglio Ministri 23 marzo 2013) 9 agosto 2013, n. 2

Regione Umbria. DECRETO DEL COMMISSARIO DELEGATO (Decreto Presidente Consiglio Ministri 23 marzo 2013) 9 agosto 2013, n. 2 Regione Umbria DECRETO DEL COMMISSARIO DELEGATO (Decreto Presidente Consiglio Ministri 23 marzo 2013) 9 agosto 2013, n. 2 D.P.C.M. 23 marzo 2013 Ordinanza del Commissario delegato n. 10 del 24/06/2013.

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Titolo del provvedimento: Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia. (Testo A). (N.D.R.: Il termine di entrata in vigore del presente testo unico e' stato prorogato

Dettagli

Consiglio dei Ministri n.21

Consiglio dei Ministri n.21 Consiglio dei Ministri n.21 26 Agosto 2013 La Presidenza del Consiglio comunica che: Il Consiglio dei Ministri si è riunito oggi alle ore 17.00 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente del Consiglio,

Dettagli

Associazione Progetto Sorriso

Associazione Progetto Sorriso pag. 1/3 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 4314 del 29/12/2009 ANNO Associazione Progetto Sorriso 2010 BILANCIO FINANZIARIO 1. LIQUIDITA INIZIALE (Cassa+Banca+Titoli) IMPORTI PARZIALI IMPORTI

Dettagli

MODALITÀ DI COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI RELATIVE AI RIFIUTI MOVIMENTATI.

MODALITÀ DI COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI RELATIVE AI RIFIUTI MOVIMENTATI. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI RELATIVE AI RIFIUTI MOVIMENTATI. ALLEGATO 1 Le informazioni sono comunicate esclusivamente mediante un sistema informatizzato. Il sistema prevede l accredito

Dettagli

Newsletter 28/03/2013

Newsletter 28/03/2013 Newsletter 28/03/2013 Finanza Agevolata Bandi Nazionali CONTRIBUTO DEL 50% A FONDO PERDUTO PER L'AVVIO DI DITTE INDIVIDUALI FINO AD UN MASSIMALE DI 25.000 EURO + IVA Fondo per l'auto impiego costituito

Dettagli

Scenari sui rischi sanitari: trend passati e futuri

Scenari sui rischi sanitari: trend passati e futuri Scenari sui rischi sanitari: trend passati e futuri Marco Leonardi Dipartimento della Protezione Civile Servizio Rischio Sanitario marco.leonardi@protezionecivile.it Storia Il Dipartimento della Protezione

Dettagli

Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile

Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile 1 Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE STRUTTURA DEL PIANO COMUNE DI RIETI SETTORE VI - Ufficio Protezione Civile CODICE DOCUMENTO ELABORATO 0 1-0 1-0 2-0 4

Dettagli

Criteri di aggregazione

Criteri di aggregazione INCASSI PER CODICI SIOPE Pagina 1 Criteri di aggregazione Categoria Regioni e province autonome di Trento e di Bolzano Sotto Categoria REGIONI - GESTIONE SANITARIA Circoscrizione ITALIA NORD-OCCIDENTALE

Dettagli

REGIONE LIGURIA ASSESSORATO AGRICOLTURA E PROTEZIONE CIVILE IL SISTEMA REGIONALE ANTINCENDIO BOSCHIVO

REGIONE LIGURIA ASSESSORATO AGRICOLTURA E PROTEZIONE CIVILE IL SISTEMA REGIONALE ANTINCENDIO BOSCHIVO REGIONE LIGURIA ASSESSORATO AGRICOLTURA E PROTEZIONE CIVILE IL SISTEMA REGIONALE ANTINCENDIO BOSCHIVO REGIONE LIGURIA Gli incendi boschivi rappresentano una delle più importanti cause di distruzione e

Dettagli

SCHEDA PEG - ANNO 2014

SCHEDA PEG - ANNO 2014 - CODICE - VOCE 100 PRESIDENTE-ASSESSORI-CONSIGLIERI 245.646,00 245.646,00 1001000 PERSONALE 56.443,00 56.443,00 10001 - Competenze fisse personale 56.443,00 1001100 ACQUISTO BENI DI CONSUMO 800,00 800,00

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissario delegato ai sensi del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 6 aprile 2009

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissario delegato ai sensi del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 6 aprile 2009 DECRETA ART. 1 La Direzione di Comando e Controllo (DI.COMA.C) è integrata dalla seguenti funzioni di supporto: Infrastrutture e Strutture post-emergenziali Coordinamento Enti Locali Relazioni Internazionali

Dettagli

Il Milleproroghe 2010 da A a W

Il Milleproroghe 2010 da A a W Il Milleproroghe 2010 da A a W Pubblicato in Gazzetta Ufficiale, n. 303 del 29 dicembre 2010, il decreto-legge n. 225, che proroga tutta una serie di termini in scadenza entro il 15 marzo 2011. Il provvedimento

Dettagli

5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO

5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO 5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO Le procedure di intervento, previste per il Comune di TOCCO DA CASAURIA sono strutturate in due fasi: FASE DI ALLARME e FASE DI EMERGENZA. La FASE DI ALLARME

Dettagli

Ordinanza n. 17 del 7 marzo 2014

Ordinanza n. 17 del 7 marzo 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 17 del 7 marzo 2014 Concessione a titolo

Dettagli

Assessorato all Agricoltura IL SISTEMA REGIONALE ANTINCENDIO BOSCHIVO

Assessorato all Agricoltura IL SISTEMA REGIONALE ANTINCENDIO BOSCHIVO Assessorato all Agricoltura IL SISTEMA REGIONALE ANTINCENDIO BOSCHIVO Assessorato all Agricoltura La Liguria, con i suoi 375. 134 ettari di territorio boscato, pari a oltre il 70% della sua estensione

Dettagli