RELAZIONE AL CONTO FINANZIARIO 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE AL CONTO FINANZIARIO 2011"

Transcript

1 Missione 8 Soccorso civile Programma 8.5 Protezione civile C.d.R. 13 Protezione civile Le risorse assegnate al C.d.R 13 Protezione Civile per l anno 2011 sono state pari ad euro ,56 a fronte di impegni assunti per euro ,82 con un economia di bilancio di euro ,74. Il totale dell erogato è stato di euro ,90 con un indice di realizzazione finanziaria che si attesta all 86,22 per cento INDICE REALIZZAZIONE FINANZIARIA 80,14% 86,80% 86,22% IMPEGNATO , , ,82 PAGATO , , ,90 Le risorse impegnate sono state destinate per euro ,35 alle spese di funzionamento. Di queste ,31 di euro, si riferiscono alle spese di personale per emolumenti accessori, ai quali si devono aggiungere le risorse trasferite al Segretariato generale per il pagamento in forma accentrata degli oneri connessi al trattamento economico fondamentale del personale di ruolo del Dipartimento (43 milioni di euro). Euro ,04 si riferiscono ai beni e servizi, comprensivi delle 89

2 spese per missioni, per la formazione, per la gestione del sistema informativo, per la pulizia degli uffici e la manutenzione e riparazione di apparecchiature e attrezzature, per il facchinaggio, per le utenze, per il fitto dei locali, degli automezzi, assicurazioni e vigilanza, studi, esperti,e del funzionamento delle strutture dei Comitati di rientro. Euro ,72 sono stati destinati ad interventi ed euro ,75 sono stati destinati a spese in conto capitale. Impegnato FUNZIONAMENTO ,35 INTERVENTI ,72 SPESE IN C/CAPITALE ,75 Di seguito sono evidenziate le voci di spesa più rappresentative che hanno caratterizzato la gestione 2011 secondo le aree d intervento : Mutui Sono stati destinati euro alla copertura degli oneri connessi alle rate di ammortamento dei mutui contratti dalle Regioni per finanziare interventi di ricostruzione e riparazione dei danni provocati dalle maggiori calamità naturali verificatesi negli anni scorsi e per l organizzazione dei Grandi eventi (organizzazione dei XVI Giochi del Mediterraneo 2009 di Pescara, dei Campionati mondiali di nuoto 2009 di Roma e dei Mondiali di ciclismo 2008 di Varese ). 90

3 Emergenza sisma Abruzzo Euro sono stati impiegati per il prosieguo degli interventi nella regione Abruzzo a seguito del sisma del 6 aprile 2009, di cui trasferiti al Presidente della Regione Abruzzo - Commissario Delegato per la Ricostruzione ed per le residue attività di competenza del Dipartimento di seguito indicate: - assistenza alla popolazione, approvvigionamento di materiali ed acquisizione di servizi informatici e tecnologici, alla rimozione delle situazioni di pericolo, al rimborso spese per personale dei Vigili del Fuoco ed il personale volontario della Protezione Civile e dei Comuni oltre ai rimborsi dovuti per l uso dei mezzi di trasporto ed i materiali; - spese connesse al completamento dei progetti CASE., MAP, MUSP, al ripristino degli edifici pubblici e privati, per l adeguamento della struttura aeroportuale dell Aquila e l adeguamento e la sistemazione delle infrastrutture varie, nonché per le attività poste in essere dalla Struttura Tecnica Espropri di cui all O.P.C.M. del 17 settembre 2010, n. 3898; - completamento di alcuni progetti con i fondi provenienti dalla donazioni nazionali ed internazionali, tra i quali il Complesso Ecclesiale San Biagio in Amiternum e il Presidio Sanitario Località Paganica. Emergenza migranti Sono stati utilizzati euro per le attività destinate a far fronte all emergenza umanitaria nel territorio nazionale in relazione all'eccezionale afflusso di cittadini appartenenti ai paesi del Nord Africa a seguito della nomina a Commissario delegato del Capo del Dipartimento della protezione civile ai sensi dell O.P.C.M. 13 aprile 2011, n In particolare, euro risultano impegnati per trasferimenti già effettuati e da effettuarsi, per l anno 2011, a favore dei soggetti attuatori incaricati delle attività di assistenza e di accoglienza dei migranti e/o richiedenti asilo, euro sono stati trasferiti al Ministero dell Interno e della Difesa per attività specificamente previste da Ordinanze del Presidente del Consiglio dei Ministri, mentre 91

4 euro sono stati spesi per le attività direttamente curate dalla struttura commissariale quali: il noleggio navi per la riallocazione dei migranti nel territorio nazionale, l acquisto di beni e servizi per la gestione dell emergenza, la rimozione e lo smaltimento dei relitti e delle imbarcazioni. Gestione flotta aerea per la lotta agli incendi boschivi Euro sono stati impegnati per il funzionamento e la gestione della flotta aerea impegnata nella lotta agli incendi boschivi svolta con l ausilio delle flotte aeree a disposizione del Dipartimento composte da 19 velivoli Canadair CL-415, 4 elicotteri Erickson S64 del Corpo Forestale dello Stato gestiti con risorse del Dipartimento e 10 velivoli AIR-TRACTOR AT802 FIRE-BOSS in compartecipazione con la Regione Puglia. Nella campagna Antincendi Boschivi sono stati utilizzati, inoltre, diversi mezzi ad ala rotante dei Vigili del Fuoco, dell Esercito Italiano, della Marina Militare, del Corpo Forestale dello Stato e della Capitaneria di Porto. Relativamente ai dati statistici della Campagna AIB, si rappresenta che a fronte di richieste di concorso aereo sono state effettuate complessivamente ore di volo, impiegati litri di liquido estinguente e sganciati circa litri di acqua, nonché oltre Kg di prodotto ritardante. Fondi finalizzati da espresse disposizioni normative Euro , sono relativi a fondi finalizzati da norme per la realizzazione di specifici interventi quali: il recupero dell area delle ex acciaierie di Genova Cornigliano ( ), l adeguamento antisismico degli edifici scolastici ( ), il Fondo Solidarietà Nazionale Interventi Indennizzatori ai sensi dell art. 1, comma 84, della legge 30 dicembre 2004, n. 311 ( ), gli interventi di ricostruzione postterremoto nelle regioni Marche ed Umbria del 1987 ( ) e nella regione Umbria per gli eventi sismici del mese di dicembre 2009 ( ); Fondi autorizzati da specifiche norme e destinati ai commissari delegati per la gestione degli interventi di prima emergenza a seguito di eventi calamitosi utilizzati per : 92

5 - euro , assegnati dal decreto-legge 29 dicembre 2010, n. 225 convertito in legge, con modificazioni, dall'articolo 1, comma 1, della legge 26 febbraio 2011, n. 10, ed impegnati per le spese conseguenti lo stato di emergenza derivante dagli eccezionali eventi meteorologici che hanno colpito il territorio nazionale nell anno 2010; - euro impegnati in favore delle regioni Liguria e Toscana per far fronte agli interventi di prima emergenza a seguito delle eccezionali avversità atmosferiche che hanno colpito le province di La Spezia e Massa-Carrara nel mese di ottobre 2011; - euro , assegnati in attuazione della delibera CIPE 13 maggio 2010, n. 41 ed impegnati in favore delle Regioni Emilia-Romagna, Liguria e Toscana colpite dagli eventi meteorici eccezionali di dicembre 2009 e gennaio Convenzioni per le attività di previsione e prevenzione delle emergenze Nel corso del 2011 è proseguita l attività di previsione e prevenzione delle varie fattispecie di rischio realizzata mediante convenzioni con i principali istituti privati ed enti pubblici impegnati nelle studio ed analisi degli eventi calamitosi nonché per la sorveglianza e monitoraggio dei fenomeni naturali e che forniscono l indispensabile supporto alle attività tecnico-scientifica di previsione e prevenzione del Dipartimento, il cui onere, di complessivi è stato così distribuito: - euro , per progetti di volontariato, formazione e comunicazione; - euro , per attività in tema di rischio sanitario; - euro , per attività in tema di rischi idrogeologici e antropici; - euro , per attività in tema di rischio sismico e vulcanico; - euro , per il monitoraggio sismico e vulcanico del territorio da parte dell Istituto di Geofisica e Vulcanologia (INGV). 93

6 Attività di volontariato impegnato nelle emergenze Sono stati destinati euro alle attività di previsione, prevenzione e soccorso dei componenti dei gruppi, associazioni, enti ed organismi di volontariato di protezione civile, nonché per contributi ai gruppi ed enti/organismi di volontariato per l acquisto di mezzi ed attrezzature per l espletamento delle attività di soccorso; Ulteriori interventi connessi alle attività istituzionali del Dipartimento Euro sono stati destnati ad interventi ed investimenti di varia natura strettamente connessi alle attività istituzionali del Dipartimento (acquisto di nuovi sistemi radar, di sistemi abitativi, attrezzature beni mobili e di telecomunicazioni di emergenza, lo sviluppo e implementazione del sistema nazionale integrato di previsione, prevenzione e gestione delle emergenze) e per trasferimenti dovuti a vario titolo a favore di altri soggetti (Regioni, enti locali, Commissari delegati, ecc.) per effetto, tra l altro, di Ordinanze del Presidente del Consiglio dei Ministri a valere sul Fondo nazionale per la protezione civile. Il Dipartimento ha, inoltre, proseguito nelle attività di progetti avviati negli anni precedenti, in ambito comunitario ed internazionale, quali: - il progetto europeo EUROMED, per lo sviluppo ed il rafforzamento del sistema di protezione civile nella regione Euro-Mediterranea e ad assicurare il mantenimento, a livello istituzionale, della cooperazione, anche come strumento di stabilità politica e sociale, tra la Comunità Europea e le Nazioni partner e tra le Nazioni partner stesse; - il Progetto europeo DRHOUSE, per valutare il danno e l agibilità degli edifici e successiva messa in sicurezza in seguito ad evento sismico; - il Progetto europeo SAFER, per realizzare un sistema pre-operativo disegnato e progettato nel fast track Emergency Response Core Service (ERCS) realizzato nell'ambito delle attività GMES; - il Progetto europeo LINKER, per stabilire e validare le interfacce e le procedure necessarie tra gli utenti ed i fornitori dei servizi GMES per assicurare che le 94

7 informazioni basate sulle osservazioni da satellite siano fornite in accordo con le specifiche tecniche e gli standard di qualità che consentano l integrazione del servizio nei flussi di lavoro operativi degli utenti. Il progetto è in diretto supporto con GMES Emergency Response Core Service (ERCS); - il Progetto europeo MIA VITA, per sviluppare un sistema di valutazione e mitigazione del rischio in aree vulcaniche extra-europee (Capo Verde, Camerun, Java, Filippine e Montserrat); - il Progetto europeo DORIS, per disegnare ed implementare un servizio di identificazione, mappatura e monitoraggio delle deformazioni del suolo, a differenti scale spaziali e temporali, con un approccio multi-rischio, che include le frane ed i fenomeni di subsidenza; Il Dipartimento ha attivato, altresì, i seguenti nuovi progetti: - il Progetto Tsunami Information Centre for the North Eastern Atlantic and the Mediterranean NEAMTIC, realizzato con l UNESCO. - Il contratto di servizio con la Commissione Europea No ECHO/B.1/FRA/2011/02, per lo svolgimento di corsi di formazione nell ambito del Meccanismo Europeo di protezione civile; - il Progetto Europeo RISKNAT, per la gestione e sicurezza dei territori di montagna nella zona transfrontaliera delle Alpi Occidentali. 95

8 RISORSE IMPEGNATE DAL DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE TIPOLOGIA DI SPESA IMPORTO % MUTUI ,95% EMERGENZA TERREMOTO ABRUZZO ,23% EMERGENZA MIGRANTI ,96% GESTIONE FLOTTA AEREA ,88% FONDI FINALIZZATI ART.32 BIS ACCIAIERIE GENOVA CORNIGLIANO ART. 32 BIS INTERVENTI ANTISISMICI EDIFICI SCOLASTICI (REGIONI ) FONDO SOLIDARIETA' NAZIONALE INTERVENTI INDENNIZZATORI ,49% SISMA UMBRIA DICEMBRE 2009 (ART.1,CO.84 LEGGE STABILITA' 2011 N.220/2010) UMBRIA E MARCHE (ART.2, CO. 107, L.244/07) FONDI AI COMMISSARI DELEGATI PER INTERVENTI DI PRIMA EMERGENZA (REGIONI) ,12% CONVENZIONI PER ATTIVITÀ DI PREVISIONE E PREVENZIONE ,26% ONERI DI VOLONTARIATO ,16% PERSONALE ,53% BENI E SERVIZI ,26% ALTRO ,17% TOTALE ,00% 96

POLITICHE ATTIVE 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% DISPONIBILITA' 8.103.168 22.297.090 13.097.090 0 IMPEGNA TO 13.196.832 2.177.

POLITICHE ATTIVE 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% DISPONIBILITA' 8.103.168 22.297.090 13.097.090 0 IMPEGNA TO 13.196.832 2.177. POLITICHE ATTIVE INTERVENTI CDR 9 INVESTIMENTI CDR 9 10 9 8 7 10 9 8 7 DISPONIBILITA' 3.820.732 19.774.420 7.547.718 4.182.572 IMPEGNATO 502.574.457 516.315.411 482.255.350 339.721.581 DISPONIBILITA' 8.103.168

Dettagli

CURRICULUM VITAE DELL'INGEGNERE BARBARA LO ZUPONE

CURRICULUM VITAE DELL'INGEGNERE BARBARA LO ZUPONE CURRICULUM VITAE DELL'INGEGNERE BARBARA LO ZUPONE PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DATI PERSONALI Barbara Lo Zupone, nata a.il-'.c.f. Studio in _ 1 -_,telefono""', cellulare _4, fax _. E-mail: ATTIVITA' SVOLTA

Dettagli

d iniziativa dei senatori VALENTINI, ZANDA, AMATI, ALBANO, DI GIORGI, GRANAIOLA e PAGLIARI

d iniziativa dei senatori VALENTINI, ZANDA, AMATI, ALBANO, DI GIORGI, GRANAIOLA e PAGLIARI Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 900 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori VALENTINI, ZANDA, AMATI, ALBANO, DI GIORGI, GRANAIOLA e PAGLIARI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 1º LUGLIO 2013

Dettagli

11 giugno 2015. Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n.136 del 15 giugno 2015

11 giugno 2015. Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n.136 del 15 giugno 2015 Attività antincendio boschivo per la stagione estiva 2015. Raccomandazioni per un più efficace contrasto agli incendi boschivi, di interfaccia ed ai rischi conseguenti 11 giugno 2015 Pubblicata nella Gazzetta

Dettagli

MANUALE PER LA COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA PER IL RIMBORSO DELLE SPESE PER L ASSISTENZA AI

MANUALE PER LA COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA PER IL RIMBORSO DELLE SPESE PER L ASSISTENZA AI Commissario delegato ai sensi dell Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri del 13 aprile 2011, n. 3933 Attivazione del processo di rimborso delle spese sostenute per il superamento dell emergenza

Dettagli

IL SERVIZIO NAZIONALE DELLA PROTEZIONE CIVILE. Roma, 26 febbraio 2014

IL SERVIZIO NAZIONALE DELLA PROTEZIONE CIVILE. Roma, 26 febbraio 2014 IL SERVIZIO NAZIONALE DELLA PROTEZIONE CIVILE Roma, 26 febbraio 2014 QUANDO NASCE LA PROTEZIONE CIVILE? 1919 -- 1969 Il coordinamento dei soccorsi è affidato al al Ministero dei Lavori dei Lavori Pubblici

Dettagli

DIREZIONE DI COMANDO E CONTROLLO (DI.COMA.C)

DIREZIONE DI COMANDO E CONTROLLO (DI.COMA.C) DIREZIONE DI COMANDO E CONTROLLO (DI.COMA.C) Il Capo del Dipartimento della Protezione Civile Commissario delegato per l emergenza sismica nella provincia de L Aquila e in altri comuni della regione Abruzzo

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI. VISTO l'articolo 5 della legge 24 febbraio 1992, n. 225;

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI. VISTO l'articolo 5 della legge 24 febbraio 1992, n. 225; MOOUIARIO P.C M.-198 Ordinanza n. Disposizioni urgenti di protezione civile. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI...\ VISTO l'articolo 5 della legge 24 febbraio 1992, n. 225; n. 112; VISTO l'articolo

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 5 luglio 2012 Proroga termini degli adempimenti e dei versamenti tributari nonche' dei versamenti relativi ai contributi previdenziali ed assistenziali

Dettagli

Campagna AIB estate 2011

Campagna AIB estate 2011 Campagna AIB estate 2011 PREMESSA Gli incendi boschivi hanno annualmente due stagioni critiche, quella invernale che interessa principalmente le regioni del centro-nord del Paese e quella estiva che coinvolge

Dettagli

Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE. Piani nazionali di emergenza

Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE. Piani nazionali di emergenza Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE Pianificazione dell emergenza di protezione civile comunale, intercomunale e provinciale e modello d intervento regionale Piani nazionali di

Dettagli

Ordinanza n.38 del 13 Maggio 2014

Ordinanza n.38 del 13 Maggio 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n.38 del 13 Maggio 2014 Espletamento di due

Dettagli

Ordinanza n. 28 del 13 marzo 2013

Ordinanza n. 28 del 13 marzo 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 28 del 13 marzo 2013 Attuazione del decreto-legge

Dettagli

La legge di Stabilità 2015 - C 2679 Le principali misure d interesse per la Commissione Ambiente e lavori pubblici

La legge di Stabilità 2015 - C 2679 Le principali misure d interesse per la Commissione Ambiente e lavori pubblici NOTA DI SINTESI a cura dell Ufficio Legislativo Dipartimento Territorio La legge di Stabilità 2015 - C 2679 Le principali misure d interesse per la Commissione Ambiente e lavori pubblici L ambiente, i

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Visto l articolo 121 della Costituzione (come modificato dalla legge costituzionale 22 novembre 1999, n.

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Visto l articolo 121 della Costituzione (come modificato dalla legge costituzionale 22 novembre 1999, n. REGIONE PIEMONTE BU30 26/07/2012 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 23 luglio 2012, n. 5/R Regolamento regionale del volontariato di protezione civile. Abrogazione del regolamento regionale

Dettagli

WINTER. D.Lgs 81/2008 PROTEZIONE CIVILE. Template. Adempimenti

WINTER. D.Lgs 81/2008 PROTEZIONE CIVILE. Template. Adempimenti WINTER Template D.Lgs 81/2008 PROTEZIONE CIVILE Adempimenti PROGRAMMA 1. Normativa 2. Scenari di Protezione Civile WINTER Template 3. Formazione, informazione e addestramento 4. DPI dotazione e formazione,

Dettagli

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile IL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE Corso base di Protezione Civile La protezione civile in Italia Con protezione civile si intende l insieme delle attività messe in campo per tutelare la vita, i beni, gli

Dettagli

Scuola Multimediale di Protezione Civile A.S. 2014-2015. Perugia, 23 ottobre 2014

Scuola Multimediale di Protezione Civile A.S. 2014-2015. Perugia, 23 ottobre 2014 Scuola Multimediale di Protezione Civile A.S. 2014-2015 Perugia, 23 ottobre 2014 Cultura di Protezione Civile Cultura di protezione civile è cultura della sicurezza, della solidarietà, del rispetto, della

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI INFORMAZIONI PERSONALI Nome biffarella giuseppe Data di nascita 26/03/1958 Qualifica I Fascia Amministrazione MINISTERO DELL INTERNO CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Incarico attuale Dirigente Comando

Dettagli

Decreto legge n. 59 del 15 maggio 2012 convertito dalla legge n. 100 del 12 luglio 2012. Massimo La Pietra

Decreto legge n. 59 del 15 maggio 2012 convertito dalla legge n. 100 del 12 luglio 2012. Massimo La Pietra Decreto legge n. 59 del 15 maggio 2012 convertito dalla legge n. 100 del 12 luglio 2012 COSA MODIFICA E INTEGRA Il decreto legge n. 59 del 15 maggio 2012, convertito dalla legge n. 100 del 12 luglio 2012,

Dettagli

Ordinanza n. 41 del 14/09/2012

Ordinanza n. 41 del 14/09/2012 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 41 del 14/09/2012 Realizzazione soluzioni

Dettagli

La gestione del rischio sismico in Italia

La gestione del rischio sismico in Italia La gestione del rischio sismico in Italia Mauro Dolce Direttore Generale, Dipartimento della Protezione Civile Presidenza del Consiglio dei Ministri Ordinario di Tecnica delle Costruzioni, Università di

Dettagli

Dichiarazione della dr.ing. Paola Pagliara ai fini del d.lgs. n. 33/2013 e d.lgs. n. 39/2013

Dichiarazione della dr.ing. Paola Pagliara ai fini del d.lgs. n. 33/2013 e d.lgs. n. 39/2013 Dichiarazione della dr.ing. Paola Pagliara ai fini del d.lgs. n. 33/2013 e d.lgs. n. 39/2013 Dichiaro che: 1. Sono stata nominata componente del Consiglio di Amministrazione con lettera protocollo n DPC/CD/0000227

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA TRA GRUPPO FERROVIE DELLO STATO E PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROTOCOLLO D INTESA L anno 2011, il giorno del mese di, il Servizio per la Protezione Civile della Provincia Autonoma

Dettagli

La protezione civile questa sconosciuta

La protezione civile questa sconosciuta * La protezione civile questa sconosciuta Legge 24 febbraio 1992 n. 225 Art. 1 (Servizio nazionale della protezione civile) È istituito il Servizio nazionale della protezione civile al fine di tutelare

Dettagli

Ordinanza n 105 del 12 settembre 2013. Programma Operativo Municipi Ulteriore rimodulazione

Ordinanza n 105 del 12 settembre 2013. Programma Operativo Municipi Ulteriore rimodulazione IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n 105 del 12 settembre 2013 Programma Operativo

Dettagli

SEZIONE I PARTE GENERALE

SEZIONE I PARTE GENERALE NOTA PRELIMINARE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI PER L ANNO 2013 SEZIONE I PARTE GENERALE NOTA PRELIMINARE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE PIANO DI EMERGENZA COMUNALE DOC. 02 - GLOSSARIO E RIFERIMENTI NORMATIVI GRUPPO DI LAVORO PER LA REALIZZAZIONE DEL : Responsabile di Progetto Il Sindaco: Luigi Chiesa Gruppo Tecnico di Lavoro Arch. Paola

Dettagli

Ordinanza n. 20 del 19 febbraio 2013

Ordinanza n. 20 del 19 febbraio 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 20 del 19 febbraio 2013 Programmazione

Dettagli

Ordinanza n. 57 del 4 luglio 2014

Ordinanza n. 57 del 4 luglio 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITÀ DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL DL N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 57 del 4 luglio 2014 Approvazione dello

Dettagli

Attuazione della direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri concernente:

Attuazione della direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri concernente: Dipartimento per le politiche integrate di sicurezza e per la protezione civile Sistema regionale di protezione civile Modello organizzativo di gestione delle emergenze Attuazione della direttiva del Presidente

Dettagli

I NUMERI PER L EMERGENZA

I NUMERI PER L EMERGENZA I NUMERI PER L EMERGENZA Il Comune di Gerenzano ha attivato, presso la sede in piazza XXV Aprile n.1 il servizio di Protezione Civile Comunale dedicato alle comunicazioni di emergenza. I numeri da comporre,

Dettagli

Ordinanza n. 17 dell 8 Maggio 2015

Ordinanza n. 17 dell 8 Maggio 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITÀ DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL DL N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 17 dell 8 Maggio 2015 Convenzione con ANCI

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 Redazione: Dott. Alberto Ventura, Arch. e DI.MA. Graziella Vallone Regione Cantarana, 17 28041 ARONA (NO)

Dettagli

QUADRO NORMATIVO DI PROTEZIONE CIVILE - COMPITI DEI COMUNI

QUADRO NORMATIVO DI PROTEZIONE CIVILE - COMPITI DEI COMUNI QUADRO NORMATIVO DI PROTEZIONE CIVILE - COMPITI DEI COMUNI PROTEZIONE CIVILE La normativa nazionale sulla protezione civile Legge n. 225 del 24 febbraio 1992 (Istituzione del Servizio Nazionale di Protezione

Dettagli

Con la presente si forniscono pertanto disposizioni attuative della norma richiamata.

Con la presente si forniscono pertanto disposizioni attuative della norma richiamata. IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Agli enti attuatori degli interventi finanziati con

Dettagli

Ordinanza n 83 del 5 Dicembre 2012

Ordinanza n 83 del 5 Dicembre 2012 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n 83 del 5 Dicembre 2012 Riparazione con

Dettagli

Linee Guida per la Formazione dei Volontari di Protezione Civile sul Rischio incendi

Linee Guida per la Formazione dei Volontari di Protezione Civile sul Rischio incendi Linee Guida per la Formazione dei Volontari di Protezione Civile sul Rischio incendi LA FORMAZIONE DEL VOLONTARIATO SPECIALIZZATO AIB Tra coloro che operano nella protezione civile, il Volontariato riveste

Dettagli

C 1 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_c1_-_procedura operativa incendi.docm \\save.12 PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

C 1 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_c1_-_procedura operativa incendi.docm \\save.12 PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE DI PROTEZIONE CIVILE CIVILE R EGIONE R EGIONE AUTONOMA DELLA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Corso Base per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile Cassano D Adda - 07.05.2010 INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Materiale didattico a cura

Dettagli

ALLEGATO D. Procedure operative

ALLEGATO D. Procedure operative Commissario Delegato per il superamento dell emergenza che ha colpito i territori delle province di Varese, Como, Lecco e Bergamo nei giorni dal 15 al 18 luglio 2009 O.P.C.M. 20 aprile 2010 n. 3867 e O.P.C.M.

Dettagli

PERCORSO COMPOSITIVO 1. La forza distruttrice della natura.

PERCORSO COMPOSITIVO 1. La forza distruttrice della natura. 8. CALAMITÀ NATURALI L Italia è un paese geologicamente instabile e, come tale, è sottoposto a numerosi fattori di rischio, tra cui fenomeni sismici, vulcanici e alluvionali. A ciò si aggiunge l intervento

Dettagli

Bilancio di previsione 2015 - Per funzioni

Bilancio di previsione 2015 - Per funzioni DATA DI CREAZIONE: 19 gennaio Bilancio di previsione - Per funzioni Adempimento ai sensi dell art. 29 del d.lgs 33/2013 ENTRATE PER PROVENIENZA A Trasferimenti pubblici A.1 Contributo statale annuale 8.471.000,00

Dettagli

La pianificazione di emergenza comunale

La pianificazione di emergenza comunale 1. PREMESSA 7 La pianificazione di emergenza comunale Il Comune di Castel San Giorgio è dotato di un Piano Comunale di Protezione Civile, reperibile dal sito ufficiale del Comune di Castel San Giorgio

Dettagli

Ai Prefetti degli Uffici Territoriali di Governo di Parma e Piacenza

Ai Prefetti degli Uffici Territoriali di Governo di Parma e Piacenza AGENZIA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE IL DIRETTORE DOTT. MAURIZIO MAINETTI IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART 1 DELL OCDPC N. 202/2014 TIPO ANNO NUMERO REG. CFR/FILESEGNATURA.XML DEL

Dettagli

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO del Gruppo Comunale di Protezione Civile per il piano operativo di intervento sul territorio.

Dettagli

COSTO DEI TERREMOTI ITALIANI DEGLI ULTIMI 40 ANNI (M -2005) 4500 VITTIME + ABRUZZO 2009 (15.000???) IRPINIA-BASILICATA BELICE FRIULI 60.

COSTO DEI TERREMOTI ITALIANI DEGLI ULTIMI 40 ANNI (M -2005) 4500 VITTIME + ABRUZZO 2009 (15.000???) IRPINIA-BASILICATA BELICE FRIULI 60. Strumenti di prevenzione a livello nazionale: l art. 11 della L. 77/2009 Mauro Dolce Direttore Generale - Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio sismico e vulcanico Ordinario di Tecnica delle

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI LUCCA REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera del Commissario Straordinario ai sensi dell art. 42 e 141 del D.lgs 267/00 n 33 del 06/03/2007 TITOLO

Dettagli

LEGGE 26 giugno 2014, n. 93. Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 12 maggio

LEGGE 26 giugno 2014, n. 93. Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 12 maggio LEGGE 26 giugno 2014, n. 93 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 12 maggio 2014, n. 74, recante misure urgenti in favore delle popolazioni dell'emilia-romagna colpite dal terremoto

Dettagli

LE RISORSE DESTINATE DALLO STATO ALLE INFRASTRUTTURE

LE RISORSE DESTINATE DALLO STATO ALLE INFRASTRUTTURE Direzione Affari Economici e Centro Studi LE RISORSE DESTINATE DALLO STATO ALLE INFRASTRUTTURE Analisi delle risorse iscritte nel bilancio dello Stato 2011 Riduzione degli stanziamenti e dinamiche di accentramento

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA

LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA Rischi naturali Idraulico-idrogeologico Sismico Vulcanico Incendi boschivi e d interfaccia Maremoto Rischi antropici tecnologico trasporti chimico-industriale CNR- IRPI CNR-IRPI

Dettagli

IL PIANO INTERCOMUNALE PROTEZIONE CIVILE TERRE ESTENSI - COMUNI DI FERRARA, MASI TORELLO, VOGHIERA

IL PIANO INTERCOMUNALE PROTEZIONE CIVILE TERRE ESTENSI - COMUNI DI FERRARA, MASI TORELLO, VOGHIERA IL PIANO INTERCOMUNALE PROTEZIONE CIVILE TERRE ESTENSI - COMUNI DI FERRARA, MASI TORELLO, VOGHIERA LA STORIA DELLA PROTEZIONE CIVILE Storia della protezione civile in Italia legata alle calamità: dalle

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU45 07/11/2013

REGIONE PIEMONTE BU45 07/11/2013 REGIONE PIEMONTE BU45 07/11/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 14 ottobre 2013, n. 14-6497 Variazione al bilancio di previsione per l'anno finanziario 2013. Iscrizione di fondi provenienti dallo

Dettagli

104507 utenze, servizi ausiliari, spese di pulizia 104511 spese per acquisto di beni di consumo per il funzionamento degli uffici 104513 manutenzioni

104507 utenze, servizi ausiliari, spese di pulizia 104511 spese per acquisto di beni di consumo per il funzionamento degli uffici 104513 manutenzioni D.A. N.90 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO BILANCIO E FINANZE L ASSESSORE VISTO lo Statuto della Regione Siciliana. VISTI i RR.DD. del 18/11/23, n.2440 e del 23/05/1924, n. 827. VISTA

Dettagli

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO A ALLARME: scatta al verificarsi dell evento calamitoso od anche nelle ipotesi del pericolo grave ed imminente per l incolumità delle persone, di danni gravi ed irreparabili agli abitati nonché a strutture

Dettagli

Settore Decentrato Opere Pubbliche e Difesa Assetto Idrogeologico di Cuneo

Settore Decentrato Opere Pubbliche e Difesa Assetto Idrogeologico di Cuneo Settore Decentrato Opere Pubbliche e Difesa Assetto Idrogeologico di Cuneo Convegno formativo sulla protezione civile per gli Enti Locali 2 Luglio 2010 Centro Incontri Provincia di Cuneo IL RISCHIO IDROGEOLOGICO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA COMMISSARIO DELEGATO PER LA RICOSTRUZIONE REGIONE ABRUZZO PROVINCIA DI L AQUILA COMUNE DI BARISCIANO COMUNE DI L AQUILA

PROTOCOLLO D INTESA TRA COMMISSARIO DELEGATO PER LA RICOSTRUZIONE REGIONE ABRUZZO PROVINCIA DI L AQUILA COMUNE DI BARISCIANO COMUNE DI L AQUILA REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA COMMISSARIO DELEGATO PER LA RICOSTRUZIONE E REGIONE ABRUZZO PROVINCIA DI L AQUILA COMUNE DI BARISCIANO COMUNE DI L AQUILA Polo tecnologico pubblico per lo stoccaggio

Dettagli

COMUNE DI BRINDISI REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI BRINDISI REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI BRINDISI REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1 Costituzione E costituito il Gruppo Comunale di Volontari di Protezione Civile, cui possono aderire cittadini

Dettagli

Ordinanza n. 41 del 6 Agosto 2015

Ordinanza n. 41 del 6 Agosto 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 41 del 6 Agosto 2015 Ulteriore rimodulazione

Dettagli

ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 17 aprile 2008

ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 17 aprile 2008 Pagina 1 di 8 ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 17 aprile 2008 Disposizioni urgenti di protezione civile. (Ordinanza n. 3669). IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l'art. 5,

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione n.

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione n. Protocollo RC n. 57528/08 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE L anno duemilaotto, il giorno di venerdì quattro del mese di

Dettagli

Luglio 2010 OMBRE SU L AQUILA POCO SOLARE NELLA RICOSTRUZIONE IN ABBRUZZO

Luglio 2010 OMBRE SU L AQUILA POCO SOLARE NELLA RICOSTRUZIONE IN ABBRUZZO Luglio 2010 OMBRE SU L AQUILA POCO SOLARE NELLA RICOSTRUZIONE IN ABBRUZZO 1. Quadro Generale L area del così detto cratere sismico, ovvero la zona colpita dal sisma del 6 aprile 2009, è molto vasta. Nonostante

Dettagli

2) Articolo inserito con l.r. 58/2008, art. 2. 3) Articolo inserito con l.r. 58/2008, art. 3. 4) Lettera così sostituita con l.r. 44/2009, art. 2.

2) Articolo inserito con l.r. 58/2008, art. 2. 3) Articolo inserito con l.r. 58/2008, art. 3. 4) Lettera così sostituita con l.r. 44/2009, art. 2. 12 5.8.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 29 dell articolo 2, commi 60, 61 e 62, del decreto legge 3 ottobre 2006, n. 262 (Disposizioni urgenti in materia tributaria e finanziaria),

Dettagli

Ordinanza n 19 del 13 Marzo 2014

Ordinanza n 19 del 13 Marzo 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n 19 del 13 Marzo 2014 Rimodulazione dei

Dettagli

Corso specializzazione per soccorritori/operatori CRI in protezione civile (1 Livello)

Corso specializzazione per soccorritori/operatori CRI in protezione civile (1 Livello) CROCE ROSSA ITALIANA PROGETTO FORMATIVO Corso specializzazione per soccorritori/operatori CRI in protezione civile (1 Livello) SECONDO LE LINEE GUIDA DEL DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE E DELLA CROCE

Dettagli

Il Servizio Nazionale di P.C.

Il Servizio Nazionale di P.C. Il Servizio Nazionale di P.C. Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Comitato Locale di Firenze Riccardo Romeo Jasinski - Croce Rossa Italiana Formatore Nazionale PC CRI Il Servizio Nazionale di

Dettagli

ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE IN N

ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE IN N Provincia dell Aquila Settore Ambiente Genio Civile Protezione Civile Modulo Discarica rifiuti inerti ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE IN N. 3 ESEMPLARI IN ORIGINALE ALLA DOMANDA DI

Dettagli

Rischio Territoriale, Gestione delle Emergenze e Sicurezza Partecipata

Rischio Territoriale, Gestione delle Emergenze e Sicurezza Partecipata OSDIFE UNIVERSITA DI ROMA TOR VERGATA Osservatorio Sicurezza e Difesa CBRNe Dipartimento di Ingegneria Elettronica Rischio Territoriale, Gestione delle Emergenze e Sicurezza Partecipata Prof. Dott. Ing.

Dettagli

IL GRANDE IMBROGLIO DI MARE NOSTRUM

IL GRANDE IMBROGLIO DI MARE NOSTRUM a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 771 IL GRANDE IMBROGLIO DI MARE NOSTRUM 22 settembre 2014 INDICE 2 Introduzione Mare

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Protezione Civile

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Protezione Civile IL SERVIZIO NAZIONALE DELLA PROTEZIONE CIVILE Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Protezione Civile Protezione Civile Con protezione civile si intende il complesso di attività messe

Dettagli

BILANCIO CONSUNTIVO PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2014 RELAZIONE

BILANCIO CONSUNTIVO PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2014 RELAZIONE BILANCIO CONSUNTIVO PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2014 RELAZIONE Approvato con Delibera del CDA n.v/38 del 15/4/2015 (con parere favorevole, sul piano tecnico contabile, del Collegio dei Revisori dei Conti)

Dettagli

CIRCOLARI INAIL. Circolari INAIL. Nomina dei Componenti dell Organismo Indipendente di Valutazione della performance.

CIRCOLARI INAIL. Circolari INAIL. Nomina dei Componenti dell Organismo Indipendente di Valutazione della performance. Circolari INAIL Circolare n. 28 del 19 luglio 2010 Nomina dei Componenti dell Organismo Indipendente di Valutazione della performance. Premessa Con determinazione n 8 del 0 aprile 2010 il Presidente dell

Dettagli

La Sala Operativa Regionale e l attivazione del Volontariato

La Sala Operativa Regionale e l attivazione del Volontariato Prefettura di Roma Seminario al CSS Roma 16 Giugno 2015 La Sala Operativa Regionale e l attivazione del Volontariato AGENZIA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE Arch. Gabriella Casertano AGENZIA REGIONALE DI

Dettagli

Amministrazione Missione Categoria CE2 Codice Gestionale Erario Tesoreria Esterno Pagato Totale 001 - COMPETENZE FISSE 143 - ASSEMBLEE LEGISLATIVE

Amministrazione Missione Categoria CE2 Codice Gestionale Erario Tesoreria Esterno Pagato Totale 001 - COMPETENZE FISSE 143 - ASSEMBLEE LEGISLATIVE 02 - MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE 01 - Organi costituzionali, a rilevanza costituzionale e Presidenza del Consiglio dei ministri 04 - TRASFERIMENTI CORRENTI AD AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE 01-

Dettagli

CURRICULUM VITAE P. M.. Dott. Ing. Barbara Lo Zupone

CURRICULUM VITAE P. M.. Dott. Ing. Barbara Lo Zupone " Dott. Ing. Barbara Lo Zupone CURRICULUM VITAE DATI PERSONALI Nome: Barbara Lo Zupone Data di nasdta: _ Luogo di nasdta:'" Codice fiscale: Residenza:_ Cittadinanza: _ Stato avite: 1IIt STUDI E FORMAZIONE

Dettagli

n. 74 del 3 Dicembre 2012

n. 74 del 3 Dicembre 2012 Commissario Delegato ex OO.P.C.M. 3908/2010 e 3922/2011 Ordinanza Commissariale n. 2323/3908-2010/3922-2011 del 29 Novembre 2012 - Approvazione del settimo ed urgente piano stralcio di interventi. Rimodulazione

Dettagli

Programma Capitolo Piano Gestionale Note

Programma Capitolo Piano Gestionale Note Denominazione Contributo DL n. 4/2006 art. 30 Descrizione sintetica dell'opera / tipologia dell'intervento Sezione Anagrafica Codice Grado di realizzazione 34.91 finanziaria dell'opera (%) Descrizione

Dettagli

Prefettura di Reggio Calabria Ufficio territoriale del Governo

Prefettura di Reggio Calabria Ufficio territoriale del Governo Prefettura di Reggio Calabria Ufficio territoriale del Governo LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA DEI MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI Per minore straniero non accompagnato si intende il minorenne non avente

Dettagli

CDR 16 Gioventù e Servizio civile nazionale

CDR 16 Gioventù e Servizio civile nazionale CDR 16 Gioventù e Servizio civile nazionale MISSIONE 001 Organi Costituzionali a rilevanza Costituzionale e Presidenza del Consiglio dei Ministri Programma 003 Presidenza del Consiglio dei ministri MISSIONE

Dettagli

FEDERAZIONE REGIONALE DEGLI ORDINI DEGLI INGEGNERI D ABRUZZO

FEDERAZIONE REGIONALE DEGLI ORDINI DEGLI INGEGNERI D ABRUZZO Prot. n. 11 / FR / AQ L Aquila, 14 marzo 2012 Al Commissario delegato per la Ricostruzione Dr. Gianni Chiodi Al Coordinatore della Struttura Tecnica di Missione Arch. Gaetano Fontana Alla ReLUIS c/o Scuola

Dettagli

Ordinanza n. 37 del 21 marzo 2013

Ordinanza n. 37 del 21 marzo 2013 IL PRESIDENTE INQUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1, COMMA 2, DEL D.L. N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONIDALLA LEGGE 122/2012 Ordinanza n. 37 del 21 marzo 2013 Assegnazione delle

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. TRA Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale SAM SOCIETA AEROSPAZIALE MEDITERRANEA S.C.R.L.

PROTOCOLLO D INTESA. TRA Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale SAM SOCIETA AEROSPAZIALE MEDITERRANEA S.C.R.L. PROTOCOLLO D INTESA TRA Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale SAM SOCIETA AEROSPAZIALE MEDITERRANEA S.C.R.L. PER LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITA E PROGETTI PER LO SVILUPPO

Dettagli

Bilancio di previsione dello Stato per l anno finanziario 2015 e bilancio pluriennale per il triennio 2015-2017.

Bilancio di previsione dello Stato per l anno finanziario 2015 e bilancio pluriennale per il triennio 2015-2017. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 29 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile

Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile Costituzione: 3 Luglio 2002 Sede: presso OGER Via Guerrazzi 6, Bologna Anno 2009: 70 iscritti www.geoprociv.it OBIETTIVI: 1. Offrire nei

Dettagli

ALLEGATO 4 REGIONE BASILICATA BILANCIO DI PREVISIONE ANNO FINANZIARIO 2011. Elenco dei Capitoli di Spesa Obbligatoria

ALLEGATO 4 REGIONE BASILICATA BILANCIO DI PREVISIONE ANNO FINANZIARIO 2011. Elenco dei Capitoli di Spesa Obbligatoria ALLEGATO 4 REGIONE BASILICATA BILANCIO DI PREVISIONE ANNO FINANZIARIO 2011 0111.01 FUNZIONAMENTO DELL'ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE CORRENTE DI FUNZIONAMENTO 01007 SPESE DI FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO

Dettagli

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 67 5.1 Il sistema di comando e controllo La procedura di attivazione del sistema di comando e controllo disciplina il flusso delle informazioni utili a gestire la risposta

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 3039 D I S E G N O D I L E G G E presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (PRODI) dal Ministro dell interno e per il coordinamento

Dettagli

DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DEL BILANCIO DI PREVISIONE 2016-2018 (LEGGE DI STABILITÀ REGIONALE 2016)

DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DEL BILANCIO DI PREVISIONE 2016-2018 (LEGGE DI STABILITÀ REGIONALE 2016) 1 1 LEGGE REGIONALE 29 dicembre 2015, n. 23#LR-ER-2015-23# DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DEL BILANCIO DI PREVISIONE 2016-2018 (LEGGE DI STABILITÀ REGIONALE 2016) Bollettino Ufficiale n. 339 del 29 dicembre

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome IPPOLITI Alberto Indirizzo SEDE DI LAVORO: VIA PALESTRO 19, ANCONA Telefono 071/8067312 Fax E-mail albertoippoliti@regionemarcheit

Dettagli

ALLEGATO 4 REGIONE BASILICATA BILANCIO DI PREVISIONE ANNO FINANZIARIO 2009. Elenco dei Capitoli di Spesa Obbligatoria

ALLEGATO 4 REGIONE BASILICATA BILANCIO DI PREVISIONE ANNO FINANZIARIO 2009. Elenco dei Capitoli di Spesa Obbligatoria ALLEGATO 4 REGIONE BASILICATA BILANCIO DI PREVISIONE ANNO FINANZIARIO 2009 Elenco dei Capitoli di Spesa Obbligatoria Descrizione 0111.01 FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO REGIONALE corrente di 01001 SPESE PER

Dettagli

RIUNIONE DEL TAVOLO TECNICO INTERREGIONALE DEI DIRETTORI ALLA P.C. (12 novembre)

RIUNIONE DEL TAVOLO TECNICO INTERREGIONALE DEI DIRETTORI ALLA P.C. (12 novembre) AGENZIA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE IL DIRETTORE DEMETRIO EGIDI RIUNIONE DEL TAVOLO TECNICO INTERREGIONALE DEI DIRETTORI ALLA P.C. (12 novembre) Proposte relative ai primi 3 punti all ordine del giorno

Dettagli

COMUNE DI SAN GIULIANO DI PUGLIA. La ricostruzione di San Giuliano di Puglia

COMUNE DI SAN GIULIANO DI PUGLIA. La ricostruzione di San Giuliano di Puglia La ricostruzione di San Giuliano di Puglia Cronologia avvenimenti 11.32 GIOVEDÌ 31 OTTOBRE 2002: un terremoto di 5,4 gradi della scala Richter fa tremare il Molise. La zona più colpita è San Giuliano di

Dettagli

ART. 1. (Natura giuridica e compiti istituzionali).

ART. 1. (Natura giuridica e compiti istituzionali). "Nuovo Ordinamento del Corpo Forestale dello Stato" (Testo approvato in via definitiva dalla Camera dei deputati il 20 gennaio 2004, non ancora promulgato o pubblicato nella Gazzetta Ufficiale) ART. 1.

Dettagli

ORDINANZA N. 45 DEL 3 GIUGNO 2014

ORDINANZA N. 45 DEL 3 GIUGNO 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 ORDINANZA N. 45 DEL 3 GIUGNO 2014 ASSEGNAZIONE AL COMUNE

Dettagli

20-3-2012. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 67

20-3-2012. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 67 ma, secondo l impostazione metodologica ora contenuta nell aggiornamento 2012-2013 del PSN; Considerato che il processo di riforma a livello europeo del Patto di stabilità e di crescita e della governance

Dettagli

D.LGS. 13/04/2011 Disposizioni in attuazione dell'art. 3, co. 3bis, del d.lgs 81/2008, in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

D.LGS. 13/04/2011 Disposizioni in attuazione dell'art. 3, co. 3bis, del d.lgs 81/2008, in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.LGS. 13/04/2011 Disposizioni in attuazione dell'art. 3, co. 3bis, del d.lgs 81/2008, in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro INDICE Art. 1 Definizioni Art. 2 Campo di applicazione Art.

Dettagli

Ordinanza n. 52.del 30 Giugno 2014

Ordinanza n. 52.del 30 Giugno 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 52.del 30 Giugno 2014 Rimodulazione del

Dettagli

SESSIONE 2 Analisi dei progetti: punti di forza e criticità. Ing. Vania Passarella

SESSIONE 2 Analisi dei progetti: punti di forza e criticità. Ing. Vania Passarella SESSIONE 2 Analisi dei progetti: punti di forza e criticità Ing. Vania Passarella RICOSTRUZIONE POST SISMA: Regolata dalle Ordinanze del Commissario Delegato per la Ricostruzione collegate all esito di

Dettagli

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DELIBERA 6 febbraio 2014. Sisma regione Abruzzo - Ricostruzione degli immobili privati - Assegnazione delle somme stanziate dal decretolegge n.

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli