CARTA DEI SERVIZI AZIONE PER FAMIGLIE NUOVE ONLUS ADOZIONI INTERNAZIONALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARTA DEI SERVIZI AZIONE PER FAMIGLIE NUOVE ONLUS ADOZIONI INTERNAZIONALI"

Transcript

1 CARTA DEI SERVIZI AZIONE PER FAMIGLIE NUOVE ONLUS ADOZIONI INTERNAZIONALI 1. Premessa Azione per Famiglie Nuove ONLUS (d ora in poi AFN) mette a disposizione delle coppie che conferiscono incarico la Carta dei Servizi per l adozione internazionale a garanzia di una totale trasparenza operativa e metodologica. La Carta dei Servizi pur presentando l ente, la sua storia, l organizzazione in Italia e all estero, i costi e definendo le attività formative a favore delle coppie adottive e aspiranti tali, non è da considerarsi esaustiva. Informazioni complete sul modus operandi di AFN saranno, infatti, fornite alle coppie durante gli incontri che avverranno nelle varie fasi del percorso adottivo. Le coppie, comunque, conferendo l incarico ad AFN, accettano tutti gli assunti e le informazioni in essa contenuti. La Carta dei Servizi è costantemente aggiornata e scaricabile direttamente dal sito web (www.afnonlus.org). La coppia che si orienta ad AFN non ha pregiudizi di tipo razziali, di sesso o del paese di provenienza del bambino. 2. Presentazione di Azione per Famiglie Nuove onlus Breve storia Azione per Famiglie Nuove nasce il 2 dicembre Iscritta al registro unico delle Organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) dal 02/12/2003, persegue esclusivamente attività senza scopo di lucro riferendosi ai valori della fratellanza universale. AFN prende vita dal Movimento Famiglie Nuove, nato dal carisma di Chiara Lubich nel e opera per il bene della famiglia quale prima cellula della società umana, attraverso attività di carattere culturale, spirituale e materiale, per concorrere a formare famiglie unite e solidali in una prospettiva di condivisione mondiale, per cooperare così allo sviluppo dei popoli, con un attenzione particolare alle situazioni di disagio familiare e di infanzia svantaggiata. Uno degli obiettivi di AFN è dare un adeguato sostegno economico, educativo, psicologico ai genitori naturali in paesi emergenti, come prevenzione all'abbandono e per offrire ai bambini concrete opportunità di sviluppo nella propria terra d'origine. AFN è anche Ente Autorizzato per le adozioni internazionali (delibera n. 149 del 22/11/2005 della CAI, Commissione per le Adozioni Internazionali). 1 Il 19/07/1967 Chiara Lubich, fondatrice del Movimento dei Focolari, annuncia la nascita del Movimento Famiglie Nuove, un progetto a largo raggio per la famiglia. Lo scopo principale è quello di valorizzare al massimo l istituto familiare, riportando al centro i suoi peculiari valori quali la gratuità, la reciprocità dell amore che portano unità e stabilità alla famiglia e che sono premessa fondamentale per la formazione delle nuove generazioni. Tantissime le azioni e le attività promosse e organizzate dal Movimento Famiglie Nuove. Nel 1994, Anno internazionale della famiglia, Famiglie Nuove riceve dall ONU il riconoscimento ufficiale di Patron of the family international year. Nel 2007 FN diviene Agenzia formativa da parte della Regione Toscana. 1

2 Paesi autorizzati, operativi ed accreditati L autorizzazione ad operare nel campo delle adozioni internazionali viene rilasciata dalla Commissione per le Adozioni Internazionali (d ora in poi CAI) previo accertamento del possesso da parte dell ente dei requisiti previsti dagli art. 12, 13, 14 della delibera n.13/2008/sg del 28/10/2008, ossia: essere diretto da persone qualificate ed in possesso di idonee qualità morali; disporre di un adeguata struttura organizzativa; non avere fini di lucro; impegnarsi a partecipare ad attività di promozione dei diritti dell infanzia nei paesi di origine, ecc. Per poter essere operativo in un paese autorizzato dalla CAI, l ente necessita di formale accreditamento, rilasciato dalla competente autorità estera. Pur essendo accreditato un ente può, per ragioni legate alla propria struttura in loco o alla situazione interna del paese, non essere temporaneamente operativo. AFN è attualmente autorizzato ad operare in Brasile, Burundi, Colombia, Ecuador, Filippine, Lituania, Madagascar, Polonia, Vietnam e Tanzania. Di seguito la situazione dell operatività di AFN nei vari paesi: PAESI AUTORIZZATO ACCREDITATO OPERATIVO BRASILE X X X BURUNDI X In attesa di accreditamento COLOMBIA X X X ECUADOR X In attesa di accreditamento FILIPPINE X X X LITUANIA X X X MADAGASCAR X In attesa di accreditamento POLONIA X X X VIETNAM X X X TANZANIA X In attesa di accreditamento Organizzazione territoriale di AFN adozioni internazionali L organizzazione territoriale di AFN è articolata in: - una sede centrale sita in Grottaferrata (RM) che svolge attività di coordinamento tecnico con le sedi territoriali e con i referenti e i rappresentanti dei paesi esteri, mantenimento dei rapporti con le autorità italiane ed estere preposte alle adozioni internazionali, gestione burocratica delle pratiche adottive delle coppie aspiranti e gestione del post adozione. - sei sedi territoriali (Lombardia, Trentino-Alto Adige, Toscana, Lazio, Campania e Calabria) che garantiscono l esecuzione degli adempimenti e delle prestazioni necessarie per l informazione, la preparazione e l assistenza alle copie durante la procedura di adozione e altresì di assistenza nella fase post-adottiva. AFN opera su tutto il territorio nazionale coprendo tutte le macro-aree stabilite dalla CAI. La coppia che intende conferire incarico ad AFN deve riferirsi sempre alla sede della Regione in cui risiede o a quella limitrofa secondo le seguenti indicazioni della CAI, fatta eccezione per eventuali deroghe che saranno valutate di volta in volta dalla stessa CAI (art. 9 comma 3 delibera n. 13/2008/SG del 28/10/2008): 2

3 Macroarea a. Valle d Aosta, Piemonte, Liguria, Sardegna, Lombardia Macroarea b. Lombardia, Veneto, Trentino-Alto Adige, Friuli-Venezia Giulia Macroarea c. Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche,Sardegna Macroarea d. Lazio, Sardegna, Abruzzo, Molise, Campania Macroarea e. Campania, Puglia, Calabria, Basilicata, Sicilia Riferimenti sedi AFN Sede legale Indirizzo: Via Isonzo, n Grottaferrata (ROMA) Telefono: 06/ Fax: 06/ Sede Centrale Adozioni Internazionali: Indirizzo: Via Isonzo, n. 64 I Piano Grottaferrata (ROMA) Telefono: 06/ Orario al pubblico: lunedì e mercoledì martedì e venerdì Sede di Vimercate (MB) Indirizzo: Via Vittorio Emanuele, Vimercate (MB) Telefono: 039/ / Fax: afnonlus.org Orario al pubblico: lunedì e mercoledì Sede di Cognola (TN) Indirizzo: Via Carlo e Valeria Juelg, 9 c/o Centro Civico "Marnighe" Cognola (TN) Telefono e fax: afnonlus.org Orario al pubblico: lunedì - giovedì martedì Sede di Firenze: Indirizzo: Via di Barbano, Firenze Telefono: 055/ Fax: 055/ afnonlus.org Orario al pubblico: lunedì-mercoledì-venerdì Giovedì Sede di Roma: Indirizzo: Via Salaria 44 (III piano int. 7) Roma Telefono e fax: 06/ Indirizzo afnonlus.org Orario al pubblico: lunedì - mercoledì - venerdì

4 Sede di Grazzanise (Caserta): Indirizzo: Via S. Leucio n Grazzanise (CE) Telefono: 0823/ Fax: 0823/ afnonlus.org Orario al pubblico: lunedì martedì - mercoledì - venerdì Sede di Commenda di Rende (Cosenza): Indirizzo: Via Corrado Alvaro, Commenda di Rende, Cosenza (Cs) Telefono 0984 / Orario al pubblico: dal lunedì al venerdì Organizzazione all estero Brasile-Paranà Sede: Rua Curupis, 338 Barrio Santa Quiteria n. 338 C.a.p Rappresentante Nazionale e Referente Stato Parana: Sandro Rogerio de Andrade Melo Assistente sociale: Elizane Lunardon Colombia Sede: Transversal 19 A No (ofic. 903) Barrio Chicó, Bogotá COLOMBIA Tel Rappresentante Nazionale e Referente: Olga Marìa Velasquez de Bernal Filippine 2 Collaboratore: Angelo Puertollano Lituania Sede: KAZLISKIU g.7-32 LT Vilnius Referente: Vilma Banytè Avvocato: Gintas Gustaitis Polonia Sede: ul. Wiatraczna 13/ Warszawa Polonia Referente: Grazyna Ostapska Vietnam Sede: Nguyen Thininh Khai, 12/3 District 1 Ho Chi Minh City - Vietnam Referente e Rappresentante: Do Thy Thuy 2 Le Filippine non lavorano con i referenti dell ente sul posto ma direttamente con la sede centrale in Italia. Il nostro collaboratore si occupa dell accoglienza e della sistemazione logistica della famiglia. 4

5 3. La sussidiarietà di AFN Da oltre 30 anni, AFN si occupa della difficile situazione dei bambini nei quartieri degradati delle periferie del mondo. Grazie al Sostegno a Distanza e ai progetti sociali attivi in 49 paesi, oltre bambini sono rimasti nella propria famiglia e nella propria terra, avendo accesso a programmi educativi, alimentari e igienico-sanitari per crescere e formarsi in ambito umano e professionale, affrancandosi dallo stato di bisogno. AFN, attraverso le sue attività e l efficace lavoro svolto al fianco delle popolazioni locali, favorisce la nascita di luoghi di aggregazione, quali Centri sociali polifunzionali e scuole. Si svolgono attività poliambulatoriali, di dopo-scuola, di educazione alla cura della persona e alla sicurezza alimentare, di formazione professionale e artigianale che diventano punti di riferimento per bambini di strada, mamme sole, famiglie bisognose di un sostegno alimentare e sanitario e adolescenti senza una formazione professionale. AFN opera a sostegno delle più varie realtà familiari ponendosi quali obiettivi principali la formazione e la tutela di famiglie in una prospettiva di condivisione mondiale per cooperare così allo sviluppo dei popoli, alla fratellanza universale e alla promozione della pace. 4. Principio ispiratore dell adozione internazionale di AFN AFN opera nel preminente interesse del minore in effettivo stato di abbandono e nel rispetto del principio di sussidiarietà, come sancito dalla Convenzione dell Aja del 1993, per assicurare al minore il migliore incontro con una famiglia che lo accolga amorevolmente, uno sviluppo armonioso ( ) e di crescere in un ambiente familiare, in un clima di felicità, d amore e di comprensione 3. AFN si impegna affinché ogni bambino possa crescere in una famiglia, secondo un principio di sussidiarietà per il quale interviene con risposte graduali e specifiche, dalla formazione per le coppie e la mediazione per le famiglie in crisi al sostegno per quelle in difficoltà socio-economiche, dalla prevenzione dell abbandono all adozione internazionale con supporto alle famiglie nell iter di pre e post adozione. 5. Descrizione della metodologia durante il percorso adottivo Attraverso le sedi operative presenti sul territorio italiano AFN sostiene la formazione e l accompagnamento di famiglie adottive, promuovendo una cultura dell accoglienza in risposta alla piaga dell abbandono. AFN offre alle coppie aspiranti adottive un percorso di preparazione pre e post-adozione attraverso incontri di gruppo e colloqui individuali. Con personale qualificato e specializzato AFN, nelle sue sedi italiane segue una stessa metodologia e linea operativa, riassunta schematicamente nel seguente percorso: PRE-CONFERIMENTO INCARICO: - ad un primo contatto segue l invito ad un incontro informativo dove la coppia può ottenere le prime informazioni su AFN e la sua operatività; - la coppia che desidera approfondire la conoscenza con AFN può richiedere un primo colloquio individuale e partecipare al Corso di formazione base a pagamento (comunque propedeutico al conferimento incarico ad AFN) presso la sede di afferenza o, se necessario, presso una delle sedi periferiche sul territorio italiano di AFN; - se si conferma, sulla base degli elementi emersi, il desiderio e l orientamento da parte della coppia di intraprendere un percorso adottivo con AFN, la coppia può accedere ad un 3 Premessa alla Convenzione dell Aja

6 colloquio di approfondimento con l incaricato di sede periferica ed ad un successivo colloquio psicologico con il professionista delle sede di afferenza; dal CONFERIMENTO INCARICO alla PARTENZA PER L ESTERO: - la coppia viene convocata per il conferimento incarico ad AFN e individuazione Paese; - si predispone la necessaria documentazione per la domanda di adozione; - la coppia è invitata a partecipare al percorso di attesa della durata variabile (orientativamente non meno di 2 anni); - al momento di una concreta proposta di abbinamento la coppia viene convocata in sede; - segue la partenza per l estero POST-ADOZIONE: - AFN è tenuto a monitorare l andamento dell adozione, secondo le scadenze stabilite dall autorità estera del paese di origine del minore adottato. Segue la descrizione delle varie fasi dell iter adottivo: 5.a Percorso pre-conferimento incarico Il percorso pre-conferimento incarico si articola come segue: Incontro informativo Incontro di gruppo gratuito, primo step obbligatorio per iniziare un percorso con AFN, è tenuto da un operatore dell ente con la presenza massima di 15 coppie, della durata di circa 2 ore. L incontro informativo si svolge con periodicità variabile a seconda delle adesioni e della effettiva possibilità della singola sede territoriale di poter acquisire nuovi incarichi. L incontro verte sulla presentazione dell ente e sulla sua operatività in Italia e all estero. Primo colloquio individuale di coppia Dopo l incontro informativo, la coppia che lo richiede può accedere al primo colloquio individuale gratuito, tenuto dall incaricato di sede (se la coppia è in possesso del decreto di idoneità e della relazione psico-sociale o qualora la coppia abbia comunque già fatto il colloquio con il giudice del tribunale). Lo scopo del colloquio è approfondire la conoscenza reciproca tra AFN e la coppia aspirante adottiva. Questo primo colloquio permette già l individuazione di un possibile paese a cui orientare la domanda di adozione. Corso di formazione base (CF) La coppia può accedere al corso di formazione dopo il primo colloquio individuale. Il CF è tenuto dall equipe della sede territoriale. Le principali attività sono: Nozioni generali sulla legislazione riguardante le adozioni internazionali e lettura del contratto di conferimento incarico; Nozioni generali sul percorso e accompagnamento psicologico; Nozioni generali sul percorso e accompagnamento socio-educativo; Nozioni generali sui paesi d origine dei minori In questa sede, in linea di massima, si evidenzia con maggior sicurezza il Paese cui indirizzare la propria domanda di adozione. 6

7 Colloquio di approfondimento Tenendo conto delle attitudini e della storia personale dei coniugi, questo colloquio svolto dall incaricato di sede, ha l obiettivo di definire insieme il paese in cui la coppia ha possibilità concrete di adozione e accrescere ulteriormente il rapporto di fiducia tra l ente e la coppia. Colloquio con lo psicologo Questo colloquio ha l obiettivo di far emergere le risorse e le effettive potenzialità della coppia, relative al progetto adottivo. L atto del conferimento incarico e individuazione paese si articola come segue: Colloquio conferimento incarico Questa fase prevede un colloquio con l incaricato di sede periferica finalizzato alla firma del conferimento incarico e definizione del paese in cui indirizzare la domanda di adozione, il quale è scelto dalla coppia insieme agli operatori AFN. Si tiene naturalmente conto della disponibilità della coppia e delle sue possibilità (abitative, economiche, ecc), della storia e delle caratteristiche specifiche della coppia (viaggi di lavoro nel Paese, conoscenza della cultura di un luogo, storie di adozioni presenti in famiglia, ecc.), della situazione dei bambini adottabili nei diversi paesi, l età, numero e la situazione sociosanitaria. 5.b Acquisizione della documentazione per la formazione del dossier della coppia e deposito del fascicolo all estero. Alla coppia vengono fornite, in base al paese individuato, le istruzioni sulla preparazione dei documenti da inoltrare all estero. Il dossier dei documenti prodotti dai coniugi viene debitamente controllato dall incaricato della sede periferica che ne verifica la correttezza e la completezza. Il dossier viene conseguentemente spedito presso la sede centrale che provvederà alla traduzione giurata (se in Italia), alla eventuale legalizzazione e alla spedizione all estero, entro 30 g lavorativi. AFN provvede al deposito del dossier presso l autorità centrale. 5.c Determinazione del momento in cui occorre procedere a revocare la contemporanea disponibilità all adozione nazionale. Alle famiglie che hanno inoltrato domanda per l adozione nazionale contemporaneamente a quella per l adozione internazionale viene richiesta esplicita comunicazione all ente dei Tribunali per i Minori presso i quali la domanda è stata presentata. Inoltre, giunti ad una determinata fase dell iter adottivo, l ente richiederà alla coppia rinuncia, con conseguente comunicazione scritta ai competenti Tribunali per i Minori, della domanda di adozione nazionale; questo su raccomandazione della CAI, al fine di evitare disagi e difficoltà con le competenti Autorità estere. Le fasi del percorso adottivo per le quali è richiesta la rinuncia di cui sopra variano da paese a paese, per i motivi che saranno evidenziati durante i colloqui con la coppia, e sono: Lituania: candidatura della coppia presso SA Colombia: inserimento in lista di attesa ICBF Vietnam: consegna dossier all estero Filippine: inserimento in lista di attesa ICAB Polonia: proposta di abbinamento Brasile: candidatura della coppia presso la Ceja 7

8 5.d Iniziative per la gestione del tempo di attesa. In seguito alla fase di invio del dossier all estero prosegue il cammino di sostegno e preparazione della coppia attraverso molteplici attività organizzate da AFN. Gli argomenti trattati sono tematici, con attività laboratoriali che mirano a dare alla coppia strumenti e conoscenze per la futura accoglienza del bambino. In particolare sono obbligatori: - Gli incontri di gruppo (già compresi nei Costi Italia); - Il colloquio psicologico di coppia annuale (già compreso nei Costi Italia). L incaricato di sede periferica è a disposizione per eventuali colloqui di coppia, anch essi già compresi nei Costi Italia. AFN offre inoltre servizi aggiuntivi a pagamento non obbligatori e/o su richiesta della coppia quali, ad esempio seminari tematici di gruppo, colloqui psicologici di coppia, pacchetti psicologici extra di approfondimento. 5.e Proposta di adozione e preparazione alla partenza. Assistenza all estero. Rientro in Italia. Proposta di abbinamento La proposta di abbinamento, ossia la scelta dell autorità centrale estera di uno o più minori in stato di abbandono da affidare permanentemente ad una coppia aspirante adottiva, viene sempre presentata nel corso di un colloquio presso la sede periferica, in presenza dell incaricato di sede ed eventualmente dell operatore psicologo o dell assistente sociale. Il colloquio verte sulla presentazione di tutte informazioni pervenute dall autorità estera sul minore proposto e, per quanto in possesso dell ente, sulle notizie riguardanti le origini e la famiglia biologica (in particolar modo per minori più grandi). La coppia, entro tempi congrui o comunque entro i tempi eventualmente stabiliti dall autorità estera, accetta o rifiuta l abbinamento. Un eventuale rifiuto, pretestuoso o non motivato o arbitrariamente motivato da parte dei Coniugi, di minori proposti per l adozione dalle Autorità estera, comporta segnalazione al Paese estero, alla CAI e al Tribunale per i Minorenni di competenza. Tale circostanza potrà rimettere in discussione il rapporto con AFN fino a rinuncia all incarico. Colloquio prima della partenza Prima della partenza per il paese estero si tiene il colloquio presso la sede periferica con l incaricato di sede per indicazioni pratiche sui voli, sulla permanenza, ecc. e con l operatore psicologo per la gestione dei primi momenti con il bambino, della permanenza e del primo periodo dopo il rientro a casa. Assistenza all estero e rientro in Italia La coppia all estero è accolta da un collaboratore AFN o dal referente AFN. Il referente si occupa dell espletamento di tutte le pratiche burocratiche prima e dopo l arrivo della coppia nel paese, durante il primo incontro con il minore e nei diversi incontri istituzionali, garantendo anche un servizio di interpretariato, se necessario. Il referente inoltre gestisce tutta la parte burocratica (ritiro sentenze e trascrizione, richiesta emissione nuovi certificati di nascita, passaporto, predisposizione documentazione e legalizzazione consolare, invio documenti per richiesta autorizzazione al visto all ingresso). 8

9 Una volta rientrata in Italia la coppia viene contattata dalla sede di appartenenza in merito agli adempimenti burocratici per la richiesta della trascrizione in Italia del decreto estero e, ove possibile, fissare un incontro per conoscere il bambino. 5.f Post-adozione Per adempiere agli obblighi imposti dalle autorità italiane ed estere AFN è tenuto ad inviare le relazioni l andamento dell adozione e sul processo di inserimento del minore nella famiglia adottiva per i tre, o più anni, successivi all avvenuta adozione, come previsto dalla legislazione del paese di provenienza del minore. Adempimenti con il paese di origine del minore Il Paese di origine del minore indica quali devono essere gli adempimenti istituzionali, al fine di monitorare l andamento dell adozione. AFN concorda insieme alla coppia un calendario di incontri, di cui uno eventualmente effettuato presso la residenza della famiglia, coincidenti con le scadenze delle relazioni di post-adozione per verificare l andamento dell adozione dopo l ingresso in Italia. Nei colloqui si monitorerà l andamento dell adozione in tutti i suoi aspetti (sanitario, inserimento scolastico, relazione con i genitori, con la famiglia allargata, rapporti con i pari, ecc). Il rifiuto da parte della coppia ad adempiere gli obblighi di post-adozione comporta segnalazione al Tribunale per i Minorenni di competenza, ai Servizi Sociali del territorio e alla CAI. Sostegno alla famiglia AFN realizza percorsi di affiancamento alla coppia gratuiti durante il periodo post-adottivo, con l obiettivo generale di accompagnare, sostenere e fornire eventuali strumenti e metodologie di sostegno pedagogico-educativo, favorire la relazione tra genitori e figli, aiutare gli interventi d inserimento nel contesto sociale, insieme ad una valorizzazione della cultura del paese di origine del bambino. In particolare: - Incontri di gruppo, generalmente 2 all anno della durata di mezza giornata o una giornata intera. Inoltre la coppia interessata ad approfondire determinati argomenti può partecipare alla formazione di gruppo a pagamento proposta nelle diverse sedi periferiche. Qualora la coppia richieda ad AFN un intervento più mirato per l emergere di problematiche più serie, AFN offre servizi di post adozione a pagamento, quali colloqui psicologici di coppia o pacchetti psicologici extra di approfondimento. 6. Accordi di collaborazione finalizzati alla realizzazione di adozioni internazionali. AFN aderisce ai Protocollo di Intesa regionali di Toscana, Provincia Autonoma di Trento e Lazio. 7. Descrizione dei costi 7.a Corso di formazione base Il corso di formazione base obbligatorio per la coppia che voglia conferire l incarico ad 9

10 AFN, ha un costo di 400,00 7.b Iter adottivo Per le spese riguardanti i servizi resi dall ente durante il percorso adottivo riportiamo di seguito quanto già espressamente descritto nel Conferimento incarico. Composizione delle spese per l iter adottivo L importo totale da corrispondere ad AFN, per lo svolgimento dell intera procedura adottiva, è costituito dalle seguenti voci: 1.1 Spese fisse in Italia corrispondenti a 5.000,00 A copertura delle spese procedurali ordinarie, di accompagnamento alla coppia, di certificazione come previsto dalla risoluzione n. 77 dell Agenzia delle Entrate, di mantenimento canale estero, per le strutture di supporto, costi amministrativi e gestionali. 1.2 Spese Estero, a copertura di: 1.2.a Costi fissi: Attività del rappresentante AFN in loco (rapporti istituzionali con le Autorità competenti nel Paese e con Ambasciate e Consolati italiani all estero); attività del referente AFN (rapporti con le Autorità competenti nel Paese e con Ambasciate e Consolati italiani all estero per la singola procedura adottiva, rapporti con collaboratori e traduttori); traduzione, legalizzazione e invio dossier; gestione attesa, abbinamento, partenza, soggiorno all estero e ingresso in Italia. 1.2.b Costi variabili: Attività standard nel paese di instradamento prescelto che non sono quantificabili in maniera fissa quali, ad esempio, i trasferimenti interni del referente estero, le tasse richieste dall autorità estera filippina per il proseguimento dell adozione nelle diverse fasi dell iter (ad oggi Application Fee, Processing Fee, Pre-adoptive Placement Costs, Child Care Support Fund CCSF), ecc. Queste somme andranno saldate entro 7 giorni dal ricevimento della comunicazione dell importo da parte di AFN. 1.2.c Costi extra: Attività non previste in via ordinaria per l iter adottivo, quali: richieste dell autorità estera (ulteriori integrazioni documentali della domanda di adozione depositata all estero prima e dopo l inserimento in lista, come ad esempio relazioni di approfondimento, relazioni biennali, percorsi di approfondimento, ecc.) e/o richieste esplicite da parte della coppia (ad es. cambio fascia età minore, cambio canale adottivo, approfondimenti medico-sanitari del minore in fase di abbinamento o di segnalazioni per possibili abbinamenti da parte dell autorità estera, ecc.). Queste somme andranno saldate entro 7 giorni dal ricevimento della comunicazione dell importo da parte di AFN. 1.3 Spese sostenute direttamente dalla coppia I viaggi Italia-Paese estero-italia, soggiorno in loco, spostamenti interni al Paese estero, consulenze mediche e psicologiche per il minore e/o per la coppia, visite 10

11 specialistiche e approfondimenti sanitari nel paese estero e tutte le spese che non rientrano nei punti 1.2.b e 1.2.c, dovranno essere sostenute direttamente dai Coniugi e pertanto non corrisposte ad AFN Spese relative alle attività di post-adozione, variabili per Paese (vedi Punto 2). A copertura di: colloqui in sede da parte del personale qualificato AFN, redazione, traduzione, legalizzazione, invio all estero e comunicazione in CAI delle relazioni post adottive, per il periodo richiesto dal Paese d origine del/i minore/i. 1.5 Spese per eventuali minori in più, variabili per Paese. A copertura di traduzione e legalizzazione documenti del minore. Tabella 1 (riepilogativa spese) Paese Spese Italia Spese estero (*) Post-adozione Totale Per ogni minore in più Lituania 5.000, , , ,00 600,00 Polonia (**) 5.000, ,00 900, ,00 500,00 Brasile 5.000, ,00 700, ,00 500,00 Colombia 5.000, ,00 900, ,00 500,00 Filippine (***) 5.000, ,00 650, ,00 500,00 Vietnam 5.000, , , , ,00 (*) Gli importi di cui al punto 1.2.b e quelli eventuali di cui al punto 1.2.c del presente allegato economico sono da onorare in aggiunta all importo espresso in Tabella 1- Spese estero (corrispondenti al punto 1.2.a). Per il paese Filippine vedere maggiori dettagli in asterisco. (**) La quota di 900,00 (Post-adozione) comprende le spese per i primi tre anni; a tale importo dovranno aggiungersi 300,00 ogni tre anni fino alla maggiore età del/i minore/i. (***) La quota di 4.500,00 (Spese estero) comprende le spese di cui al punto 1.2.a. e non comprende gli importi, variabili da minore a minore, richiesti dall autorità filippina che dovranno essere corrisposti a parte dalla coppia, come esplicitato al punto 1.2.b. La quota di 500,00 (Per ogni minore in più) comprende le spese di cui al punto 1.5 e non comprende l importo, variabile da minore a minore, richiesto dall autorità filippina che dovrà essere corrisposto a parte dalla coppia (già inserito nella tassa Processing fee, Pre-adoptive Placement Costs e Child Care Support Fund) di cui al precedente punto 1.2.b. Costi di post-adozione istituzionale (richiesto dal paese estero). L importo del pacchetto post adottivo è fisso, indipendentemente dal numero di minori adottati ma, qualora l autorità centrale estera richieda ad AFN relazioni post-adottive successive rispetto alla durata del pacchetto in Tabella 2, il costo unitario di ogni relazione richiesta ammonterà ad uro 300,00. Gli importi onorati all ente nel periodo post adottivo non sono da comprendere tra le spese deducibili al 50% in quanto non rientrano nella procedura adottiva (così come riportato dalla Risoluzione n. 77 del 28/05/2004 dell Agenzia delle Entrate). 11

12 Tabella 2 (riepilogativa pacchetto di post-adozione) Paese Modalità Postadozione Note Lituania 6 relazioni - 1 ogni sei mesi per i primi due anni e annualmente per i successivi due anni ,00 Pacchetto quadriennale Polonia(*) 3 relazioni annuali per i primi tre anni, più 1 relazione ogni tre anni fino al raggiungimento della maggiore età del/i minore/i. 900,00 Pacchetto triennale. A tale importo dovranno aggiungersi 300,00 ogni tre anni fino alla maggiore età del/i minore/i. Brasile 4 relazioni 1 ogni sei mesi per due anni. 700,00 Pacchetto biennale Colombia 4 relazioni - la prima relazione dopo tre mesi, le 900,00 Pacchetto triennale successive ogni sei mesi. Filippine 3 relazioni 1 ogni due mesi per sei mesi. 650,00 Pacchetto semestrale Vietnam 6 relazioni 1 ogni sei mesi per tre anni ,00 Pacchetto triennale (*) La quota della relazione da redigere ogni 3 anni (dopo i primi tre anni) dovrà essere onorata anche in caso di raggiungimento della maggiore età prima del concludersi della scadenza del triennio, a fronte dell obbligo post adottivo comunque in essere per il periodo precedente al compimento della maggior età. Modalità di pagamento L importo fisso, come da Tabella 1, dovrà essere corrisposto ad AFN in 4 quote: Quota 1, da versare al momento del Conferimento incarico Quota 2, da versare al momento della Consegna Dossier ad AFN Quota 3, da versare al momento della Proposta abbinamento. Nel caso dell adozione di più minori all importo previsto per la quota 3, dovrà aggiungersi l importo previsto per la voce Per ogni minore in più, come illustrato in Tabella 1. Quota 4, da versare prima della Partenza per l estero. Le quote totali da versare per ciascun paese sono riportate nella seguente Tabella 3. Tabella 3 (riepilogativa quote) Paese (*) Quota 1 al Conferimento incarico Quota 2 all Inserimento canale adottivo Quota 3 (***) alla Proposta abbinamento Quota 4 alla Partenza per l estero (già comprensiva di post adozione) Totale Lituania 2.000, , , , ,00 Polonia 2.000, , , , ,00 Brasile 2.000, , , , ,00 Colombia 2.000, , , , ,00 Filippine (**) 2.000, , , , ,00 Vietnam 2.000, , , , ,00 (*) Per ogni paese la coppia verserà, entro 7 giorni dalla comunicazione dell importo da parte di AFN, gli importi variabili e gli eventuali importi extra esigibili in aggiunta alle singole quote della Tabella 3. (**) In aggiunta alla quota 2 la coppia verserà per ICAB (tramite AFN), entro 7 giorni dalla comunicazione dell importo da 12

13 parte di AFN, l Application Fee. Dopo l accettazione dell abbinamento, entro 7 giorni dalla comunicazione dell importo da parte di AFN, la coppia verserà per ICAB (tramite AFN) il Processing Fee e il Pre-adoptive Placement Costs. In aggiunta alla quota 4 la coppia verserà per ICAB (tramite AFN), entro 7 giorni dalla comunicazione dell importo da parte di AFN il contributo del Child Care Support Fund CCSF. (***) Per ogni eventuale minore in più, la coppia verserà anche l importo indicato in Tabella 1. Qualora la proposta di abbinamento non venga accettata, la quota 3 dovrà essere nuovamente corrisposta ad AFN al momento di un eventuale successivo abbinamento, a copertura dei costi che verranno nuovamente sostenuti dall ente. In caso di cessazione dell incarico, la coppia non potrà richiedere ad alcun titolo ad AFN la restituzione degli importi versati, costituendo i medesimi un impegno per la copertura sia dei costi diretti e indiretti dei servizi, sia dei costi fissi di gestione e mantenimento di AFN. Gli importi indicati nel presente allegato, relativamente alle quote non ancora corrisposte ad AFN, potranno subire revisioni in corso d opera, dovute a variazioni delle componenti di costo in Italia e all estero; le eventuali variazioni degli importi saranno comunicate alla Commissione per le Adozioni Internazionali (CAI). Prima della partenza per l estero AFN provvederà a verificare che sia stato tutto corrisposto dalla coppia, a copertura dei costi Italia (punto 1.1) ed Estero, compresi gli importi variabili ed eventuali importi extra (punti 1.2.a, 1.2.b, 1.2.c, 1.4 e 1.5). Qualora si dovessero riscontrare quote non ancora coperte, AFN provvederà a comunicare i saldi dovuti, da corrispondere prima della partenza per l estero. Il pagamento delle somme dovute dovrà essere eseguito tramite bonifico bancario, presso: Banca Prossima C/c: CAB: ABI: CIN: R IBAN: IT13 R Intestato: Associazione Azione per Famiglie Nuove ONLUS 8. Presentazione delle disposizioni previste ai fini del sostegno economico della coppia che ha concluso un adozione internazionale. Secondo il Testo unico Imposte sui Redditi (D.P.R. 22/12/1986 n. 917, Art 10 comma 1 lettera 1-bis) può essere dedotto il cinquanta per cento delle spese sostenute dai genitori adottivi per l espletamento della procedura di adozione disciplinata dalla legge. Condizione necessaria per fruire della suddetta deduzione è che l ente autorizzato certifichi annualmente: 1) Le spese sostenute direttamente dall ente stesso, rimborsate a quest ultimo dagli aspiranti genitori adottivi (escluse le spese per il post-adozione che non sono deducibili in quanto sostenute in un momento successivo alla conclusione della procedura di adozione); 2) Le spese affrontate da chi abbia intrapreso la procedura di adozione internazionale e sostenute nel corso del periodo d imposta autonomamente e/o presso soggetti diversi dall ente autorizzato, purché gli aspiranti all adozione forniscano all ente autorizzato regolari documenti che attestino spese riferibili esclusivamente alla procedura di adozione internazionale. Viene inoltre richiesta una apposita autocertificazione (verrà fornito un allegato). 13

14 9. Cambio ente: descrizione delle modalità e delle condizioni per l accettazione e la revoca del mandato. La coppia che vuole revocare l incarico ad AFN per conferirlo ad altro ente o la coppia che desidera revocare l incarico ad altro ente per conferirlo ad AFN dovrà dare formale disdetta con raccomandata al primo ente che descrivi in modo esauriente le motivazioni della revoca dell incarico. Sarà premura di AFN ottemperare alla procedura di cambio ente così come descritta nella procedura emanata dalla CAI il 04/07/06, prot /2006/SG. 10. Descrizione delle procedure per la revoca del mandato. La coppia può revocare l incarico ad AFN, dandone formale disdetta con raccomandata da inviare a AFN, ai Servizi territoriali e al Tribunale per i Minorenni. AFN riterrà tacitamente revocato l'incarico nel caso di atteggiamenti di inerzia da parte dei Coniugi, come la mancata presentazione agli incontri, la mancata corresponsione degli importi dovuti, o il mancato aggiornamento del domicilio e dei dati necessari per un continuo e corretto contatto tra AFN e i Coniugi stessi, così come disciplinato dal contratto sottoscritto dalla coppia. AFN può inoltre rinunciare all incarico ricevuto dai coniugi: - per la mancata osservanza da parte degli stessi degli impegni assunti di cui all art. 3 del contratto di mandato da loro sottoscritto e per comportamenti tali da compromettere il rapporto fiduciario o in grado di inficiare il corretto proseguimento della pratica adottiva. Di ciò verranno tempestivamente informati la CAI e il Tribunale per i Minorenni di competenza; - per un eventuale rifiuto pretestuoso o non motivato o arbitrariamente motivato da parte dei Coniugi, di minori proposti per l adozione dalle Autorità estere; In caso di cessazione dell incarico per revoca o rinuncia, i Coniugi non potranno richiedere ad alcun titolo ad AFN la restituzione degli importi già corrisposti, costituendo i medesimi un impegno per la copertura sia dei costi diretti e indiretti dei servizi, sia dei costi fissi di gestione e mantenimento di AFN. 11. Cambio canale In caso di cambio canale, situazione che si verifica quando ci sono oggettive difficoltà a far permanere la domanda di adozione nel primo Paese prescelto, AFN richiederà alla coppia, oltre alle spese estere già versate per la procedura nel precedente canale adottivo, il versamento dell intera somma relativa alle spese del nuovo Paese e l ammontare rivalutato delle spese sostenute in Italia per la procedura straordinaria di cambio canale. 12. Informazione sulle misure di sostegno pubblico vigenti. Per la trattazione dell argomento si rimanda ai paragrafi 8 e 13. E auspicabile monitorare il sito ufficiale della Commissione per le Adozioni Internazionali (www.commissioneadozioni.it), per informazioni relative ad altre misure di agevolazione economica, definite periodicamente. 14

15 13. Modalità di certificazione delle spese adottive ai fini della deducibilità e del rimborso del 50%. AFN può certificare le spese documentate, non sostenute presso questo Ente nel corso del periodo d imposta gennaio-dicembre, e strettamente inerenti alla procedura di adozione, quali quelle di viaggio, vitto, alloggio, igiene personale, spese sanitarie (visite mediche, spese farmaceutiche, degenze ospedaliere, consulenze psicologiche) spese per produzione di documentazione legale (legalizzazioni, visti, passaporti dei minori ecc.) durante la permanenza all estero. La documentazione delle spese, sostenute autonomamente dalla coppia, dovrà essere consegnata ad AFN, con l apposita autocertificazione debitamente compilata e sottoscritta da entrambi i coniugi e consegnata quando richiesta dall Ente. La documentazione dovrà essere inviata in copia agli uffici amministrativi dell Ente, che provvederanno all emissione delle certificazioni ai fini della dichiarazione dei redditi. Ovviamente non saranno tenute in considerazione le spese non direttamente riferibili all iter adottivo. Durante i controlli, AFN si riserva la facoltà di richiedere nuovamente la documentazione ai coniugi, qualora questa sia prodotta in modo incompleto o non chiaro. Tutte le spese sostenute in valuta estera saranno convertite in Euro dall ufficio amministrativo di AFN, secondo il tasso di cambio dell Ufficio Italiano Cambi (www.uic.it) del mese o del periodo di riferimento. Tale documentazione dovrà essere fornita dalla coppia entro 30 gg. dal rientro in Italia, e comunque in tempo utile per produrre la certificazione. Verranno fornite alle coppie le istruzioni per la corretta compilazione della autocertificazione. 15

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER LE ADOZIONI INTERNAZIONALI

CARTA DEI SERVIZI PER LE ADOZIONI INTERNAZIONALI CARTA DEI SERVIZI PER LE ADOZIONI INTERNAZIONALI INDICE 1. Carta dei Servizi per l adozione internazionale: perchè 2. Presentazione della Fondazione AVSI Chi è AVSI Paesi per i quali è autorizzata, accreditata

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Premessa Se qualcosa non va con la tua banca e sussistano pertanto

Premessa Se qualcosa non va con la tua banca e sussistano pertanto Guida al Reclamo Indice Premessa 1 La fase del reclamo 3 Il ricorso all Arbitro Bancario Finanziario (ABF) 3 L Associazione Conciliatore BancarioFinanziario 7 L Ombudsman - Giurì bancario 7 La Mediazione

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04.

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04. P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO PROVINCIA di LECCE Assessorato alle Politiche Sociali ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli