Quesiti a risposta multipla

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quesiti a risposta multipla"

Transcript

1 Quesiti a risposta multipla

2 1. Il conto corrente di corrispondenza creditorio libero (bancario) è. a). un contratto di agenzia; b) un contratto specificamente regolato dal codice civile; c) un contratto per adesione; d) uno strumento prevalentemente di impiego per la banca.

3 1. Il conto corrente di corrispondenza creditorio libero (bancario) è. a). un contratto di agenzia; b) un contratto specificamente regolato dal codice civile; c) un contratto per adesione; d) uno strumento prevalentemente di impiego per la banca.

4 2. La firma disgiunta in un conto corrente bancario a) permette ai titolari di porre in essere tutte le operazioni desiderate, ma è necessaria per la banca l approvazione espressa degli altri cointestatari b) è vietata dal Testo Unico Bancario c) non permette comunque ai titolari di porre in essere tutte le operazioni desiderate d) in genere ha una disciplina contrattuale specifica prevista dalla banca per regolare i casi di morte di uno dei cointestatari.

5 2. La firma disgiunta in un conto corrente bancario a) permette ai titolari di porre in essere tutte le operazioni desiderate, ma è necessaria per la banca l approvazione espressa degli altri cointestatari b) è vietata dal Testo Unico Bancario c) non permette comunque ai titolari di porre in essere tutte le operazioni desiderate d) in genere ha una disciplina contrattuale specifica prevista dalla banca per regolare i casi di morte di uno dei cointestatari.

6 3. La procura ad operare su un conto corrente bancario a) è generale per qualsiasi operazione; b) se generale, giuridicamente è uguale alla cointestazione con firma disgiunta c) può essere generale per qualsiasi operazione; d) non può essere generale per qualsiasi operazione.

7 3. La procura ad operare su un conto corrente bancario a) è generale per qualsiasi operazione; b) se generale, giuridicamente è uguale alla cointestazione con firma disgiunta c) può essere generale per qualsiasi operazione; d) non può essere generale per qualsiasi operazione.

8 4. La chiusura del conto corrente bancario a) può essere fatta in qualsiasi momento solo per iniziativa della banca b) può essere fatta in qualsiasi momento solo per iniziativa del cliente c) non può essere fatta in qualsiasi momento d) può essere fatta in qualsiasi momento per iniziativa della banca o del cliente

9 4. La chiusura del conto corrente bancario a) può essere fatta in qualsiasi momento solo per iniziativa della banca b) può essere fatta in qualsiasi momento solo per iniziativa del cliente c) non può essere fatta in qualsiasi momento d) può essere fatta in qualsiasi momento per iniziativa della banca o del cliente

10 5. In un contratto di conto corrente bancario a) il recesso dalla convenzione assegni implica necessariamente il recesso dal contratto di conto corrente b) la convenzione assegni è necessariamente concessa a chiunque ne faccia richiesta motivata c) il recesso dal contratto di conto corrente non implica necessariamente il recesso dalla convenzione assegni d) il recesso dalla convenzione è possibile senza la chiusura del conto corrente

11 5. In un contratto di conto corrente bancario a) il recesso dalla convenzione assegni implica necessariamente il recesso dal contratto di conto corrente b) la convenzione assegni è necessariamente concessa a chiunque ne faccia richiesta motivata c) il recesso dal contratto di conto corrente non implica necessariamente il recesso dalla convenzione assegni d) il recesso dalla convenzione è possibile senza la chiusura del conto corrente

12 6) L assegno a) circolare è a provvista fondi garantita ; b) bancario è a provvista fondi garantita ; c) circolare è emesso dal correntista; d) bancario, essendo emesso dalla banca, può essere richiesto da persone che non hanno con la banca un contratto di conto corrente.

13 6) L assegno a) circolare è a provvista fondi garantita ; b) bancario è a provvista fondi garantita ; c) circolare è emesso dal correntista; d) bancario, essendo emesso dalla banca, può essere richiesto da persone che non hanno con la banca un contratto di conto corrente.

14 7. L assegno post-datato a) è nullo b) è un illecito amministrativo c) è un illecito penale d) non può essere incassato

15 7. L assegno post-datato a) è nullo b) è un illecito amministrativo c) è un illecito penale d) non può essere incassato

16 8. L assegno a vuoto a) non ha l indicazione dell intestatario b) non ha l indicazione della data c) non ha copertura fondi d) è necessariamente post-datato

17 8. L assegno a vuoto a) non ha l indicazione dell intestatario b) non ha l indicazione della data c) non ha copertura fondi d) è necessariamente post-datato

18 9. La segnalazione alla Centrale di Allarme Interbancario (CAI) a) è una procedura penale che pone in essere la banca b) è posta in essere dal correntista c) è una procedura penale posta in essere dal trattario dell assegno d) viene posta in essere dalla banca solo se non viene effettuato il pagamento tardivo dell assegno

19 9. La segnalazione alla Centrale di Allarme Interbancario (CAI) a) è una procedura penale che pone in essere la banca b) è posta in essere dal correntista c) è una procedura penale posta in essere dal trattario dell assegno d) viene posta in essere dalla banca solo se non viene effettuato il pagamento tardivo dell assegno

20 10. L indicatore sintetico di costo (I.S.C.) a) riassume il costo indicativo annuo di un apertura di credito in conto corrente b) riassume il costo indicativo annuo di un mutuo c) è contenuto nel foglio informativo e rappresenta uno strumento di confronto d) rappresenta l ammontare dell imposta di bollo che la banca applica ad un conto corrente bancario in proporzione alla frazione di anno di competenza

21 10. L indicatore sintetico di costo (I.S.C.) a) riassume il costo indicativo annuo di un apertura di credito in conto corrente b) riassume il costo indicativo annuo di un mutuo c) è contenuto nel foglio informativo e rappresenta uno strumento di confronto d) rappresenta l ammontare dell imposta di bollo che la banca applica ad un conto corrente bancario in proporzione alla frazione di anno di competenza

22 11. I certificati di deposito (CD) a) sono strumenti cartolari bancari di raccolta a medio lungo termine b) sono strumenti cartolari emessi e collocati dalla banca presso la propria clientela c) sono strumenti cartolari bancari di raccolta indiretta d) sono strumenti cartolari bancari di impiego indiretto

23 11. I certificati di deposito (CD) a) sono strumenti cartolari bancari di raccolta a medio lungo termine b) sono strumenti cartolari emessi e collocati dalla banca presso la propria clientela c) sono strumenti cartolari bancari di raccolta indiretta d) sono strumenti cartolari bancari di impiego indiretto

24 12. Nell operazione di raccolta retail tramite Pronti contro Termine a) in genere non è ammessa l estinzione anticipata b) generalmente i titoli relativi sono strumenti derivati c) generalmente i titoli relativi sono azioni di società quotate d) generalmente la banca ha l obiettivo di fidelizzare clientela con scarsissime disponibilità finanziarie

25 12. Nell operazione di raccolta retail tramite Pronti contro Termine a) in genere non è ammessa l estinzione anticipata b) generalmente i titoli relativi sono strumenti derivati c) generalmente i titoli relativi sono azioni di società quotate d) generalmente la banca ha l obiettivo di fidelizzare clientela con scarsissime disponibilità finanziarie

26 13. Le obbligazioni bancarie a) possono essere emesse da determinate banche con determinati requisiti di Vigilanza b) possono essere emesse da tutte le banche c) sono una forma di raccolta retail poco utilizzata dalla banche d) nessuna delle precedenti

27 13. Le obbligazioni bancarie a) possono essere emesse da determinate banche con determinati requisiti di Vigilanza b) possono essere emesse da tutte le banche c) sono una forma di raccolta retail poco utilizzata dalla banche d) nessuna delle precedenti

28 14. I presiti subordinati a) sono una forma di prestito, che prevedono una clausola di subordinazione al rimborso: vengono rimborsati prima di tutti gli altri debiti b) sono una forma di prestito, che prevedono una clausola di subordinazione al rimborso: vengono rimborsati dopo il capitale sociale c) sono una forma di prestito, che prevedono una clausola di subordinazione al rimborso: vengono rimborsati dopo gli altri debiti d) sono una forma di prestito, che prevedono una clausola di subordinazione al rimborso: vengono rimborsati solo incasi eccezionali

29 14. I presiti subordinati a) sono una forma di prestito, che prevedono una clausola di subordinazione al rimborso: vengono rimborsati prima di tutti gli altri debiti b) sono una forma di prestito, che prevedono una clausola di subordinazione al rimborso: vengono rimborsati dopo il capitale sociale c) sono una forma di prestito, che prevedono una clausola di subordinazione al rimborso: vengono rimborsati dopo gli altri debiti d) sono una forma di prestito, che prevedono una clausola di subordinazione al rimborso: vengono rimborsati solo incasi eccezionali

30 15. Nell apertura ordinaria di credito in conto corrente a) il correntista si vede accreditata sul conto una somma prestabilita b) il correntista può utilizzare in una o più volte la somma messagli a disposizione e deve poi rimborsarla a scadenza c) il correntista può utilizzare una sola volta, anche se non integralmente, la somma messagli a disposizione dalla banca in un determinato periodo (solitamente trimestrale) e può con successivi versamenti ripristinare la sua disponibilità d) nessuna delle precedenti

31 15. Nell apertura ordinaria di credito in conto corrente a) il correntista si vede accreditata sul conto una somma prestabilita b) il correntista può utilizzare in una o più volte la somma messagli a disposizione e deve poi rimborsarla a scadenza c) il correntista può utilizzare una sola volta, anche se non integralmente, la somma messagli a disposizione dalla banca in un determinato periodo (solitamente trimestrale) e può con successivi versamenti ripristinare la sua disponibilità d) nessuna delle precedenti

32 16. Le obbligazioni convertibili emesse da una banca a) Obbligano il possessore, se portate fino a scadenza, a diventare azionista della banca stessa attraverso la conversione b) permettono al possessore di poter diventare azionista della banca stessa attraverso la conversione c) permetto al possessore di trasformare tali titoli in altre obbligazioni emesse dalla banca stessa in caso di aumento e/o diminuzione dei tassi di interesse d) prevedono una clausola di subordinazione al rimborso: vengono rimborsati dopo gli altri debiti

33 16. Le obbligazioni convertibili emesse da una banca a) Obbligano il possessore, se portate fino a scadenza, a diventare azionista della banca stessa attraverso la conversione b) permettono al possessore di poter diventare azionista della banca stessa attraverso la conversione c) permetto al possessore di trasformare tali titoli in altre obbligazioni emesse dalla banca stessa in caso di aumento e/o diminuzione dei tassi di interesse d) prevedono una clausola di subordinazione al rimborso: vengono rimborsati dopo gli altri debiti

34 17. Se la banca si pone come venditrice di un interest rate swap: a) paga un tasso fisso e riceve un flusso di pagamenti variabili; b) guadagna se i tassi aumentano; c) paga un tasso variabile e riceve un flusso di pagamenti a tasso fisso; d) è in posizione analoga all acquirente di un contratto interest rate cap.

35 17. Se la banca si pone come venditrice di un interest rate swap: a) paga un tasso fisso e riceve un flusso di pagamenti variabili; b) guadagna se i tassi aumentano; c) paga un tasso variabile e riceve un flusso di pagamenti a tasso fisso; d) è in posizione analoga all acquirente di un contratto interest rate cap.

36 18. Quale fra le seguenti affermazioni è corretta? a) Le opzioni sono contratti che conferiscono a una delle controparti il diritto di pretendere che l altra adempia a un obbligazione a o entro una data futura prefissata e alle condizioni stabilite al momento della conclusione del contratto b) Le opzioni sono contratti di compravendita a termine negoziati esclusivamente in un mercato di borsa organizzato la cui caratteristica peculiare è quella di presentare un elevato livello di standardizzazione negli elementi contrattuali c) Le opzioni sono contratti che conferiscono a due controparti il dovere ad adempiere a un obbligazione a o entro una data futura prefissata e alle condizioni stabilite al momento della conclusione del contratto d) Le opzioni sono contratti negoziati over-the-counter che rappresentano l impegno assunto da due controparti ad adempiere a un obbligazione a o entro una data futura prefissata e alle condizioni stabilite al momento della conclusione del contratto

37 18. Quale fra le seguenti affermazioni è corretta? a) Le opzioni sono contratti che conferiscono a una delle controparti il diritto di pretendere che l altra adempia a un obbligazione a o entro una data futura prefissata e alle condizioni stabilite al momento della conclusione del contratto b) Le opzioni sono contratti di compravendita a termine negoziati esclusivamente in un mercato di borsa organizzato la cui caratteristica peculiare è quella di presentare un elevato livello di standardizzazione negli elementi contrattuali c) Le opzioni sono contratti che conferiscono a due controparti il dovere ad adempiere a un obbligazione a o entro una data futura prefissata e alle condizioni stabilite al momento della conclusione del contratto d) Le opzioni sono contratti negoziati over-the-counter che rappresentano l impegno assunto da due controparti ad adempiere a un obbligazione a o entro una data futura prefissata e alle condizioni stabilite al momento della conclusione del contratto

38 19. L opzione interest rate floor è adatta a chi: a) Possiede un mutuo a tasso variabile b) Possiede una obbligazione a tasso fisso c) Si deve proteggere dal rialzo dei tassi d) Possiede un mutuo a tasso fisso

39 19. L opzione interest rate floor è adatta a chi: a) Possiede un mutuo a tasso variabile b) Possiede una obbligazione a tasso fisso c) Si deve proteggere dal rialzo dei tassi d) Possiede un mutuo a tasso fisso

40 20. Nel bilancio di una banca sono presenti attività sensibili al rischio di tasso di interesse per un valore di e passività sensibili al rischio di tasso di interesse per un valore di 800. In tale situazione: a) La banca è avvantaggiata, dal punto di vista degli utili correnti, da un rialzo dei tassi di interesse; b) Il margine di interesse della banca si riduce a seguito di un rialzo dei tassi di interesse c) La banca dovrebbe proteggersi dal rischio di rialzo dei tassi di interesse utilizzando strumenti derivati d) Nessuna delle precedenti

41 20. Nel bilancio di una banca sono presenti attività sensibili al rischio di tasso di interesse per un valore di e passività sensibili al rischio di tasso di interesse per un valore di 800. In tale situazione: a) La banca è avvantaggiata, dal punto di vista degli utili correnti, da un rialzo dei tassi di interesse; b) Il margine di interesse della banca si riduce a seguito di un rialzo dei tassi di interesse c) La banca dovrebbe proteggersi dal rischio di rialzo dei tassi di interesse utilizzando strumenti derivati d) Nessuna delle precedenti

42 21. Ai sensi di Basilea 2 una banca: a) deve mantenere una determinata quota di patrimonio di vigilanza a fronte del rischio operativo che affronta. b) deve mantenere una riserva di liquidità pari al 2% di tutti i depositi in essere c) deve mantenere una riserva di liquidità pari almeno all 8% delle attività ponderate per il rischio d) Nessuna delle precedenti

43 21. Ai sensi di Basilea 2 una banca: a) deve mantenere una determinata quota di patrimonio di vigilanza a fronte del rischio operativo che affronta b) deve mantenere una riserva di liquidità pari al 2% di tutti i depositi in essere c) deve mantenere una riserva di liquidità pari almeno all 8% delle attività ponderate per il rischio d) Nessuna delle precedenti

44 22. La struttura dei tassi di interesse in relazione alla scadenza (cosiddetta struttura a termine) viene definita normale nel caso in cui presenti conformazione a) crescente b) piatta c) decrescente d) sinusoidale

45 22. La struttura dei tassi di interesse in relazione alla scadenza (cosiddetta struttura a termine) viene definita normale nel caso in cui presenti conformazione a) crescente b) piatta c) decrescente d) sinusoidale

46 23. Quale delle seguenti componenti dell attività bancaria è soggetta ad obbligo di riserva obbligatoria? a) depositi con scadenza predeterminata fino a 2 anni b) mutui ipotecari c) gestioni patrimoniali per conto del cliente d) nessuna delle precedenti

47 23. Quale delle seguenti componenti dell attività bancaria è soggetta ad obbligo di riserva obbligatoria? a) depositi con scadenza predeterminata fino a 2 anni b) mutui ipotecari c) gestioni patrimoniali per conto del cliente d) nessuna delle precedenti

48 24. Le regole attinenti i requisiti per l esercizio dell attività bancaria possono essere ricomprese nel concetto di a) vigilanza regolamentare b) vigilanza ispettiva c) vigilanza informativa d) nessuna delle precedenti

49 24. Le regole attinenti i requisiti per l esercizio dell attività bancaria possono essere ricomprese nel concetto di a) vigilanza regolamentare b) vigilanza ispettiva c) vigilanza informativa d) nessuna delle precedenti

50 25. In base a quanto stabilito dal Testo Unico Bancario, l attività bancaria può essere definita come: a) l attività di raccolta del risparmio tra il pubblico e di esercizio del credito, escluso però quello ipotecario b) l attività di raccolta del risparmio tra il pubblico e di esercizio del credito c) l attività di raccolta del risparmio tra il pubblico, esercitata senza l acquisizione di fondi con obbligo di rimborso, e di esercizio del credito d) l attività di raccolta di esercizio del credito, escluso però quello ipotecario

51 25. In base a quanto stabilito dal Testo Unico Bancario, l attività bancaria può essere definita come: a) l attività di raccolta del risparmio tra il pubblico e di esercizio del credito, escluso però quello ipotecario b) l attività di raccolta del risparmio tra il pubblico e di esercizio del credito c) l attività di raccolta del risparmio tra il pubblico, esercitata senza l acquisizione di fondi con obbligo di rimborso, e di esercizio del credito d) l attività di raccolta di esercizio del credito, escluso però quello ipotecario

52 26. Basilea 2 a) prevede la ponderazione riferita a classi di operazioni creditizie b) prevede la ponderazione in base al presunto rischio delle singole operazioni c) prevede la ponderazione in base al presunto rischio delle singole operazioni, ma tenendo conto della classe di appartenenza d) nessuna delle precedenti

53 26. Basilea 2 a) prevede la ponderazione riferita a classi di operazioni creditizie b) prevede la ponderazione in base al presunto rischio delle singole operazioni c) prevede la ponderazione in base al presunto rischio delle singole operazioni, ma tenendo conto della classe di appartenenza d) nessuna delle precedenti

54 27. In caso di diminuzione dei tassi di interesse, il margine di interesse di una banca che presenta un maturity gap positivo a) si stabilizza lentamente b) aumenta c) diminuisce d) rimane invariato

55 27. In caso di diminuzione dei tassi di interesse, il margine di interesse di una banca che presenta un maturity gap positivo a) si stabilizza lentamente b) aumenta c) diminuisce d) rimane invariato

56 28. Nel conto economico riclassificato i profitti o le perdite da operazioni finanziarie sono ricompresi: a) margine interessi; b) nel margine di intermediazione; c) nei costi operativi; d) nessuna delle precedenti.

57 28. Nel conto economico riclassificato i profitti o le perdite da operazioni finanziarie sono ricompresi: a) margine interessi; b) nel margine di intermediazione; c) nei costi operativi; d) nessuna delle precedenti.

58 29. La cartolarizzazione può riguardare a) anche quote di attivo di bilancio rappresentate da crediti problematici b) solamente quote di attivo di bilancio rappresentate da crediti garantiti da ipoteca c) quote di attivo di bilancio rappresentate da crediti tranne crediti problematici d) nessuna delle precedenti

59 29. La cartolarizzazione può riguardare a) anche quote di attivo di bilancio rappresentate da crediti problematici b) solamente quote di attivo di bilancio rappresentate da crediti garantiti da ipoteca c) quote di attivo di bilancio rappresentate da crediti tranne crediti problematici d) nessuna delle precedenti

60 30. Nel mercato interbancario dei depositi (e-mid) il deposito Tomorrow next (tomnext) a) ha durata di un giorno b) hadurata di due giorni c) ha durata di una settimana d) ha durata di un mese

61 30. Nel mercato interbancario dei depositi (e-mid) il deposito Tomorrow next (tomnext) a) ha durata di un giorno b) hadurata di due giorni c) ha durata di una settimana d) ha durata di un mese

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria)

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via

Dettagli

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Il presente modulo, sottoscritto e corredato della documentazione necessaria, può essere: consegnato in un qualunque Ufficio Postale

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA

Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA Mod. B-109/MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM aggiornamento n. 29 del 01/01/2014 Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA MEDIOLANUM S.p.A. Sede legale e Direzione Generale:

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... Come accade per tutte quelle aziende che servono in ogni momento

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

E ALTRI FINANZIAMENTI

E ALTRI FINANZIAMENTI Normativa sulla Trasparenza Bancaria (T. U. Leggi Bancarie D. Lvo 385/93 e norme di attuazione) E ALTRI FINANZIAMENTI FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA Foglio Informativo

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

DEPOSITO PIU - SEZIONE INTEGRATIVA DEL FOGLIO INFORMATIVO DEL SOTTOCONTO TECNICO Condizioni dei listini valide fino al 31 luglio 2015

DEPOSITO PIU - SEZIONE INTEGRATIVA DEL FOGLIO INFORMATIVO DEL SOTTOCONTO TECNICO Condizioni dei listini valide fino al 31 luglio 2015 DEPOSITO PIU - SEZIONE INTEGRATIVA DEL FOGLIO INFORMATIVO DEL SOTTOCONTO TECNICO Condizioni dei listini valide fino al 31 luglio 2015 LISTINO BASE 3 mesi Tasso nominale partita 0,25% lordo annuo 6 mesi

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione: Iccrea BancaImpresa S.p.A. Sede Legale: Via Lucrezia Romana nn. 41/47-00178

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena

Dettagli

Guida alla cancellazione dei protesti di cambiali ed assegni

Guida alla cancellazione dei protesti di cambiali ed assegni Guida alla cancellazione dei protesti di cambiali ed assegni Rev. 2 del 05.11.2014 Sommario PARTE PRIMA Protesti e relativa cancellazione 4 1. Titoli di credito e protesti 5 1.1 Titoli di credito 5 1.2

Dettagli

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Il presente Fascicolo Informativo contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

1 di 8. Poste Italiane S.p.A. - Società con socio unico Patrimonio BancoPosta. Mifid Condizioni Generali Ed. Giugno 2015

1 di 8. Poste Italiane S.p.A. - Società con socio unico Patrimonio BancoPosta. Mifid Condizioni Generali Ed. Giugno 2015 CONDIZIONI GENERALI CHE REGOLANO IL CONTRATTO PER LA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO E DEL SERVIZIO DI CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI PER CONTO DEI CLIENTI

Dettagli

n 1 documenti di sintesi appositamente stampati, composti di n 5 pagine complessive, che costituiscono il frontespizio;

n 1 documenti di sintesi appositamente stampati, composti di n 5 pagine complessive, che costituiscono il frontespizio; Il/I sottoscritto/i NDC XXXXXXX Numero pratica XXXXXXXX COGNOME NOME INDIRIZZO CAP CITTÀ SIGLA dichiara/dichiarano di ricevere copia del contratto relativo a: - Condizioni generali relative al rapporto

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi Si è ritenuto di precisare che nel caso di un prestito obbligazionario che prevede un unico rimborso alla scadenza o di obbligazioni senza cedola (zero

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 13 del 02.10.2014 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU 1 B. TASSI

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATIVI

DOCUMENTI INFORMATIVI Sede sociale: Cortona, Via Guelfa, 4 Iscritta all albo delle Banche al n. matr. 506.6.0 Capitale sociale e riserve al 31/12/2013 32.044.372,37 i.v. Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di AREZZO

Dettagli

Mutui Altre Esigenze a Tasso Fisso o Variabile

Mutui Altre Esigenze a Tasso Fisso o Variabile Pag. 1/13 INFORMAZIONI SULLA BANCA Mutui Altre Esigenze a Tasso Fisso o Variabile Banca di Credito Popolare Società Cooperativa per Azioni Gruppo Bancario Banca di Credito Popolare Corso Vittorio Emanuele

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

CONTO BANCOPOSTA CLICK CONDIZIONI CONTRATTUALI

CONTO BANCOPOSTA CLICK CONDIZIONI CONTRATTUALI CONTO BANCOPOSTA CLICK CONDIZIONI CONTRATTUALI (Conto corrente di corrispondenza per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale)

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 SERVIZIO SULLE OPZIONI SU AZIONI (ISOALPHA) 1. INTRODUZIONE Con la piattaforma T3 di Webank possono essere negoziate le Opzioni su Azioni (Isoalpha), contratti di opzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA

AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA 24 ottobre 2013 WEB CONFERENCE LEZIONE LIVE IN VIDEOCONFERENZA PROGRAMMA La partecipazione è valevole ai fini IVASS per l aggiornamento professionale

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

SERVIZIO DI OPERATIVITÀ TRAMITE FILIALI DI ALTRE BANCHE DEL GRUPPO UNIONE DI BANCHE ITALIANE

SERVIZIO DI OPERATIVITÀ TRAMITE FILIALI DI ALTRE BANCHE DEL GRUPPO UNIONE DI BANCHE ITALIANE DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO Il presente Foglio

Dettagli

La fattura Hera Comm. Energia Elettrica

La fattura Hera Comm. Energia Elettrica La fattura Hera Comm. Energia Elettrica Hera Comm è la società del Gruppo Hera che fattura i servizi Gas ed Energia elettrica. Nella bolletta multiservizio, il secondo contratto fatturato da Hera Comm

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Regolamento Generale Carte di Pagamento American Express

Regolamento Generale Carte di Pagamento American Express Regolamento Generale Carte di Pagamento American Express Testo aggiornato a febbraio 2015 FOGLIO INFORMATIVO E DOCUMENTO DI SINTESI 10INFCHG0215 PER LE SEGUENTI CARTE DI PAGAMENTO EMESSE DA AMERICAN EXPRESS

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli