La traduzione dei linguaggi specialistici in e dal romeno e italiano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La traduzione dei linguaggi specialistici in e dal romeno e italiano"

Transcript

1 La traduzione dei linguaggi specialistici in e dal romeno e italiano Otilia Doroteea Borcia Facoltà di Lingue e letterature straniere, Università Cristiana Dimitrie Cantemir, Bucarest (Romania), Citation: Borcia, Otilia Doroteea (2009), La traduzione dei linguaggi specialistici in e dal romeno e italiano, mediazioni 7, ISSN Parole chiave: variazione diafasica, ancore di salvataggio, polisemia, cambiamento del codice - sottocodice, traducibilità. Riassunto: Il lavoro evidenzia alcuni aspetti lessico-grammaticali specifici della traduzione dei linguaggi specialistici tra la lingua romena e la lingua italiana, legati sia al tipo di traduzione testuale o metatestuale, semantica o comunicativa sia al rapporto in cui i due testi a contatto si trovano con la lingua comune. La conversione linguistica operata durante la traduzione dipende dalle peculiarità del linguaggio (tecnico, scientifico, culturale-artistico, ecc.) al quale appartiene l originale e la scelta del traduttore di uno dei termini dal lemma di un dizionario sarà determinata dal rapporto omologia / analogia che egli farà come mediatore tra le lingue e culture a contatto. Nell articolo sono proposti alcuni esempi di traduzione relativi ai sottocodici politico, economico, medico ed elettro-meccanico, seguiti dall analisi di testi originali e tradotti, del linguaggio specialistico e della lingua comune. Vengono accennate le soluzioni traduttive trovate dal punto di vista formale e contenutistico (l uso delle forme verbali e non verbali, d aggettivi o nomi preceduti da preposizioni, ed altre, nella lingua d arrivo). Il testo di partenza è considerato dal punto di vista dell invarianza semantica e pragmatica e del suo potenziale di traducibilità. Come problema epistemologico, questa spiega l eventuale grado superiore di difficoltà di un testo la cui aderenza non è perfetta rispetto alla lingua standard, nonostante l esistenza di dizionari di specialità. La traducibilità è condizionata anche della presenza di calchi e prestiti da lingue diverse, specialmente dall inglese lingua della computerizzazione. Sono presentati casi di mutamento semantico nel testo tradotto, dovuti alla presenza di sinonimi e polisemantici. Con un ottima padronanza della lingua straniera il traduttore che rappresenta un ponte anche tra due culture e civiltà dovrà saper utilizzare le cosiddette ancore di salvataggio per esprimere nozioni a volte difficilmente trasportabili nella nuova lingua. 1

2 1. Peculiarità dei linguaggi degli addetti del lavoro Definiti come sottosistemi linguistici enumerabili caratterizzati da lessici specialistici (nomenclature, tassonomie, tecnicismi specifici) che appartengono a vari mestieri ed attività umane (medicina, agricoltura, edilizia, linguistica, pesca, zoologia, sport, politica, ecc.) (Sălişteanu 2002: 62) i linguaggi specialistici sono adoperati in genere dagli utenti delle singole professioni, i cosiddetti addetti ai lavori. Se la sintassi e la grammatica dei linguaggi specialistici sono in genere quelle della lingua comune, i loro costrutti prevalentemente paratattici e l eccessivo stile nominale li contraddistinguono da quest ultima (Berruto 1993: 39). Nella morfologia si evidenzia la creazione di parole per suffissazione, con suffissi specifici per le singole discipline: Italiano Romeno MEDICINA -ite, -gia: rinite, nevralgia -ita, -gie: rinita, nevralgie CHIMICA -ato, -ico: nitrato, inorganico -at, -ic: nitrat, anorganic ECONOMIA -ale, -ario: commerciale, bancario -al, -ar: comercial, bancar Tabella 1: Termini scientifici creati con suffissi specifici in italiano e in romeno Oggi molti termini dei linguaggi settoriali penetrano nella giornalistica e nella pubblicità che hanno le loro peculiarità linguistiche perché le informazioni che queste usano provengono da tutte le attività. Variazioni diafasiche 1 dei codici nazionali, i linguaggi settoriali sono mutazioni funzionali-contestuali, perché dipendono dalla situazione effettiva dell atto di comunicazione, dal tipo d argomento del messaggio e dal rapporto stabilito tra gli interlocutori (Grassi et al. 1997: 170). 2. Prestiti e calchi nella decodifica dei sottocodici settoriali Elemento principale dell identità nazionale e culturale, la lingua è un organismo vivo, in continua evoluzione, che si arricchisce con acquisizioni dagli altri codici nazionali con i quali stabilisce contatti, conservando le strutture linguistiche già 1 Dal greco diá ( attraverso ) = differenza e phásis = voce. 2

3 esistenti, ma cambiandone alcuni elementi lessicali e grammaticali sotto l influsso di queste influenze. Come tutte le lingue moderne, il romeno è sempre un organismo vivo, in continua trasformazione. A differenza dell italiano, che ha vari dialetti, il romeno ha solo regionalismi, poco frequenti nella lingua standard, a causa della forma letteraria diffusasi con la scuola e i mass media. La lingua comune si trova in rapporto d interferenza con i linguaggi settoriali, soprattutto al livello lessicale. La traduzione di questi linguaggi è molto importante ed utile nella società attuale, in cui le attività produttive si esprimono in più lingue, negli stessi o in simili termini, formule ed equazioni che appartengono a nuove scienze, come la statistica; parole coniate in una certa lingua sono totalmente o parzialmente tradotte nella lingua d arrivo, o assimilate come realia, per agevolare la comunicazione tra codici diversi. La trasposizione dei sottocodici lavorativi nelle lingue straniere diventa un problema che supera la semplice relazione di decodifica dell atto traduttivo, ossia la comprensione del testo originale in vista della sua conversione nella lingua d arrivo (LA), perché non è facile stabilire un rapporto di parità semantica tra le terminologie specifiche delle lingue. È il caso del sottocodice economicofinanziario, con terminologia a volte simile in più codici nazionali, perché proveniente dal francese o dall inglese (per lettere commerciali, circolari, bilanci, contratti, accrediti, corrispondenza e documenti aziendali). Eccone un esempio: Italiano Inglese Romeno fattura proforma proforma invoice factura pro forma bonifico bancario money transfer transfer bancar Tabella 2: Documenti bancari italiani e rispettivi equivalenti in inglese e romeno L uso in romeno di certi prestiti o calchi dall inglese come money transfer o proforma invoice è una caratteristica nelle pratiche di alcune banche, dove si preferisce questa nomenclatura soprattutto nei rapporti con clienti stranieri. È come l uso in quasi tutte le lingue di computer e file, che hanno trovato resistenza solo nel codice francese, con ordinateur e fichier. 3

4 Un altro aspetto importante del linguaggio di specialità è legato alla sua alta flessibilità semantica, o possibilità di usare alcuni dei sinonimi e dei polisemantici del codice comune. La forza espressiva della lingua si deve all'esistenza di molti sinonimi per certe parole usuali, come: ingrandire, crescere, accrescere, aumentare, ampliare, incrementare, elevare, che trovano in romeno i corrispondenti lessicali a creşte, a (se) mări, a se amplifica, a spori, a ridica, usati non sempre negli stessi contesti; se in romeno, temperatura creşte (= cresce ), in italiano la temperatura sale, mentre in romeno salire appare solo nelle espressioni a se sui pe munte, în tramvai, în maşină (= salire sui monti, sul tram, in macchina ). Quando non trova l equivalente lessicale di un determinato termine della lingua di partenza (LP) nella LA, il traduttore può ricorrere a delle parole di senso generico, vere ancore di salvataggio, con l aiuto delle quali potrà rendere nel complesso l idea del testo originale. Un esempio può essere costituito da alcuni aggettivi qualificativi di senso largo (vedi Tab. 3), utilizzati per qualificare in modo affermativo o negativo (it. idoneo non idoneo rom. corespunzător - necorespunzător) certi elementi o processi. Italiano atto, adatto, idoneo appropriato, conveniente opportuno corrispondente conforme simile omologo Romeno apt, cuvenit potrivit oportun corespunzător conform similar omolog Tabella 3: Aggettivi comuni, utilizzati come ancore di salvataggio L enunciato italiano i materiali presentano un grado alto di misurabilità potrà essere formulato in romeno come materialele pot fi foarte bine măsurate (= i materiali sono atti per una buona misurazione, o possono essere molto bene misurati ) e l enunciato romeno SubstanŃele se pot polimeriza potrà essere espresso in italiano in più modi: Le sostanze sono polimerizzabili, si possono polimerizzare, sono adatte/idonee alla polimerizzazione. La scelta del traduttore tra essere conforme, o simile o omologo detto di un fenomeno verrà fatta per i singoli contesti fraseologici, dimostrando le sue abilità di mediazione 4

5 linguistica, il grado di padronanza e conoscenza delle due lingue e culture coinvolte nell attività che sta svolgendo. La posizione che spetta al traduttore, nella sua qualità di essere sociale e culturale, mentre opera per trasformare il testo di partenza (TP) in testo d arrivo (TA), è in una zona di frontiera non solo tra lingue e culture diverse ( in sviluppo, perché in continua osservazione), ma anche tra spazi, a volte pure epoche, diversi. Questa zona viene così presentata da Bantaş e Croitoru (1998: 26): TP CL1 in sviluppo Zona occupata dal traduttore che aumenta con la sua esperienza < influenza reciproca > TA CL2 in sviluppo Tabella 4: Il posto occupato dal traduttore tra le due lingue e culture a contatto L attività del traduttore rende possibile una comunicazione mediata, o di secondo grado, perché si usa un altra lingua. Con la sua partecipazione linguistica e storica al compimento di questa comunicazione, egli facilita l accedere al patrimonio culturale universale. Il rapporto di trasferimento dei lessemi dal codice al sottocodice e viceversa determina, anche all interno di una stessa lingua, il continuo rinnovamento del vocabolario, con la conseguenza naturale della migrazione dei termini invecchiati verso la periferia (rapporto tra neologismi ed arcaismi). Durante questo processo si creano nuove relazioni semantiche e un termine con senso proprio come la parola centro, nell accezione di punto referenziale, diventa per estensione semantica (centro) di gravità, sismico, di investimento, nervoso, o palla al (centro), molto presente nei sottocodici di fisica, geologia, economia, medicina, sport, ecc. Un nome polisenso è elemento, definito come ciascuno dei componenti fondamentali del mondo fisico, che secondo la concezione antica erano l aria, l acqua, la terra e il fuoco, che nei linguaggi settoriali produce in vari contesti termini specializzati, come l equivalente dell inglese battery cell ( elemento di batteria ). 5

6 Italiano Elemento - componente, ingrediente, fattore (lingua comune) Elemento chimico, linguistico Elemento individuo, persona, membro Elementi - dati, fatti Gli elementi i principi fondamentali di una scienza, di una tecnica, di un arte Elemento di batteria o di accumulatore o pila (meccanica) Elementi costitutivi di un reato (giuridico) Romeno Element, component, ingredient, factor (limba comună) Element chimic, lingvistic Element individ, persoană, membru Elemente - date, fapte Elementele principiile fondamentale ale unei ştiinńe, tehnici, arte Baterie, baterie de acumulator faptele care constituie un delict, o infracńiune I primi elementi di geometria (matematica) primele nońiuni de geometrie Tabella 5: Significati della parola elemento nella lingua comune e nei linguaggi di specialità Un altro polisemantico è il sostantivo italiano unità (in romeno unitate, in inglese unit), che ha moltissimi significati elencati nei dizionari d italiano: unicità, unitarietà, numero uno (in matematica), unità di coerenza, concordia detto di un governo (nella politica), unità - moneta di base (in economia), unità di rilevazione (in statistica), unità sintattica o significativa (in linguistica), unità didattica (nell insegnamento, in genere), e in altri campi d attività (informatica, sanità, esercito), con il senso di elemento, parte, impresa, ecc. Se la stilistica e la retorica possono influenzare i sensi di una parola, fino a trasformarla talvolta addirittura nel suo contrario (col passaggio dal senso proprio a quello figurato, come nelle esclamazioni ironiche italiane Hai fatto un bel pasticcio!, Hai combinato un bel guaio o Sei un bel cretino!, tradotte in romeno come Ai făcut o prostie. Eşti un tâmpit ), nei linguaggi specialistici questi cambiamenti non si producono, perché una loro specificità è costituita dalla precisione e dalla concisione. 3. La traduzione del sottocodice politico Definita nei dizionari come teoria e pratica che hanno per oggetto l organizzazione e il governo dello stato; insieme dei fini cui tende uno stato e dei mezzi impiegati per raggiungerli, la nozione di politica viene usata anche in altri contesti, riferiti a diverse attività: politica economica, industriale, dei redditi, fiscale, monetaria, ecc. di una persona o di un gruppo, di una nazione. Parte 6

7 attiva della vita dell uomo contemporaneo, la politica genera diversi rapporti tra i membri delle società, indipendentemente dalla loro partecipazione minore o maggiore all ordinamento socio-politico dello stato. Il linguaggio politico ha una sua specificità sia di forma, sia di contenuto, che deve essere conservata nella LA. Eccone due esempi di traduzioni romena e italiana: Il Presidente della Repubblica in visita in Svizzera Preşedintele Republicii în vizită în ElveŃia Lingua di partenza: Italiano Lingua d arrivo: Romeno Il presidente della Repubblica in visita in Svizzera. Preşedintele Republicii în vizită în ElveŃia. Ciampi: Le regole dell ONU avvantaggiano tutti Il peso e l autorevolezza di un Paese si basano sulla coerenza e l affidabilità, non sulle sue dimensioni. Berna Gli ideali delle Nazioni unite e le regole avvantaggiano alla lunga tutti, Paesi grandi e piccoli. Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, al Palazzo Federale di Berna. Sono gli ideali ha aggiunto Ciampi che sorreggono la volontà di superare gli orizzonti ristretti dei particolarismi nazionali e che alimentano la fiducia nel futuro costituzionale di un Europa capace di riscuotere la fiducia dei Paesi e dei cittadini europei e di affermare la sua forte identità verso il mondo. Ciampi: Regulile ONU îi avantajează pe tońi. Valoarea, autoritatea şi prestigiul unei Ńări se bazează pe coerenńa şi pe credibilitatea (de care face dovadă) şi nu de mărimea ei. Berna Idealurile Natiunilor Unite şi normele oferă avantaje, pe termen lung, tuturor Ńărilor, fie ele mari sau mici, a declarat preşedintele Republicii, Carlo Azeglio Ciampi, la Palatul Federal din Berna. Acestea sunt idealurile - a adăugat Ciampi care susńin voinńa de a depăşi limitele particularităńilor nańionale şi care susńin încrederea în viitorul constituńional al unei Europe capabile să trezească din nou încrederea łărilor şi cetăńenilor europeni şi de a-şi afirma puternica ei identitatea în lume. Tabella 6: La traduzione di un articolo apparso sul Corriere della Sera (14 maggio 2003) Tratatul dintre România şi Rusia se va semna în iulie Il trattato fra Romania e Russia verrà firmato in luglio Lingua di partenza: Romeno Tratatul dintre România şi Rusia se va semna în iulie. Preşedintele Ion Iliescu va face, în perioada 3-4 iulie, o vizită oficială la Moscova, la invitańia preşedintelui FederaŃiei Ruse, Vladimir Putin, ocazie cu care cei doi şefi de stat vor semna Tratatul politic dintre România şi FederaŃia Rusă. Conform unui comunicat al AdministraŃiei prezidenńiale, dat ieri, presei, documentul care urmează să fie semnat reflectă stadiul la care a ajuns dialogul oficial dintre Bucureşti şi Moscova şi hotărârea României şi a FederaŃiei Ruse de a demonstra, folosind un instrument cu valoare juridică, evoluńia pozitivă a relańiei bilaterale, care se înscrie în contextul favorabil existent la nivel european şi internańional. 7 Lingua d arrivo: Italiano Il trattato fra Romania e Russia verrà firmato in luglio. Il presidente Ion Iliescu farà, nel periodo 3-4 luglio, una visita ufficiale a Mosca, all invito del presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin, occasione nella quale i due capi di stato firmeranno il Trattato politico tra la Romania e la Russia. In conformità ad un comunicato dell Amministrazione presidenziale, trasmesso ieri, alla stampa, il documento che segue ad essere firmato riflette lo stadio al quale si è arrivati nel dialogo ufficiale tra Bucarest e Mosca e la decisione della Romania e della Federazione Russa di dimostrare, con uno strumento giuridico, l evoluzione positiva della relazione bilaterale, iscrittasi nell attuale contesto favorevole a livello europeo e internazionale. Tabella 7: La traduzione di un articolo apparso in Curierul NaŃional (24 aprile 2003)

8 3.1. Osservazioni sulla traduzione Le traduzioni di questi testi di partenza sono comunicative perché riguardano di più il lettore rispetto a quelle semantiche, riferite più all autore che deve essere correttamente informato sull accaduto e sulle dichiarazioni del capo di stato; dal punto di vista della loro forma oggettiva di redazione, esse presentano anche alcuni aspetti della traduzione semantica, per l esattezza con la quale il testo di partenza viene riprodotto nella LA. La distinzione appartiene a Newmark (1991: 11), che ha sostenuto ugualmente l impossibilità di avere un metodo unicamente comunicativo o semantico, perché questi si compenetrano nel caso di ogni traduzione. Lo stile giornalistico si nota dall esattezza e dalla concisione con le quali sono descritti gli avvenimenti. Sono due traduzioni interlinguistiche o riformulazioni, perché implicano l interpretazione dei segni verbali di un altra lingua, secondo la classificazione di Jakobson (1987: 429), e anche traduzioni totali, perché operate a due livelli: lessicale e morfo-sintattico, secondo la classificazione di Catford (1965: 19). Nella traduzione del primo testo è stato necessario l intervento del traduttore per chiarire due termini della LP coerenza ed affidabilità che risultavano incomprensibili in romeno se tradotti con il neologismo coerenńă e con la parafrasi grad de încredere ; per questo è stato necessario il piccolo commento nella parentesi: de care face dovadă ( che ne dimostra ). Nel primo articolo (Tab. 6) le soluzioni traduttive sono state: per alla lunga del TP si è preferita l espressione pe termen lung ( a lungo termine ); per lo ha detto, il romeno a declarat ( ha dichiarato ), senza la traduzione del pronome indefinito lo, che nella LA è sottinteso; per la volontà di superare gli orizzonti ristretti dei particolarismi nazionali si è trovata la formulazione voinńa de a depăşi limitele particularităńilor nazionale, e per la conclusione affermare la sua forte identità verso il mondo, si è considerato opportuno cambiare il transitivo attivo italiano con complemento diretto, espresso da nome preceduto dal possessivo sua, con una forma riflessiva intransitiva nella formulazione romena: a-şi afirma puternica ei identitate în lume. 8

9 Nel secondo articolo (Tab. 7) le equivalenze semantiche operate in italiano sono state: iscrittasi nell attuale contesto favorevole a livello europeo e internazionale per care se înscrie în contextul favorabil existent la nivel european şi internańional, perché in romeno non esiste participio presente come in italiano e per questo si usano le proposizioni attributive introdotte dal pronome relativo care (che); lo stadio al quale si è arrivati nel dialogo ufficiale è un espressione impersonale, usata per l enunciato romeno: stadiul la care a ajuns dialogul oficial, con lo stesso complemento indiretto come nella LP ( la care - al quale ), ma aggiunto al verbo personale ( a ajuns - è arrivato ). 4. La traduzione del sottocodice economico-finanziario Definita dal Dizionario Garzanti della lingua italiana come insieme delle attività relative alla produzione di ricchezza e alla distribuzione del reddito, l economia è suddivisa in varie categorie: nazionale, internazionale, capitalistica, o di mercato, socialista, mista, sommersa (nel linguaggio giornalistico); essa si occupa dei rapporti che intercorrono tra la domanda e l offerta, tra i produttori, i venditori ed i compratori, tra le leggi di mercato ed i sistemi economici. Le traduzioni dei testi economico-finanziari sono in genere semantiche, perché devono esprimere con precisione ed esattezza i termini e le condizioni della negoziazione (dati, prezzi, percentuali, ecc.), e osservando la legge. Documenti come, ad esempio, i contratti e le lettere commerciali rispettano le clausole previste negli atti normativi, redatti da avvocati. In questo senso, la terminologia deve appartenere in entrambe le lingue al sottocodice economico, anche se soprattutto nei contratti appaiono anche parole ed espressioni proprie del linguaggio giuridico. Non è però il caso di una lettera commerciale come la seguente, in cui le condizioni dell offerta sono enunciate lapidariamente (Tabella 8): 9

10 LP: Italiano ARANCETTI ITALIA Il 3 aprile 2005 Spett. le MANUFACTURA S. A. In risposta alla vostra graditissima del 15 c.m., abbiamo il piacere di comunicarvi che contemporaneamente con la presente, vi abbiamo spedito per posta, i tre campioni richiestici ai quali abbiamo allegato il certificato di garanzia, il nostro catalogo e l ultimo listino di prezzi. Per quanto riguarda il pagamento, è la nostra consuetudine concedere le condizioni seguenti: a pronta cassa: sconto del 3% per contanti: - a 10 giorni d.f.: sconto 2% - a 30 giorni d.f.: sconto 1% - a 60 giorni d.f.: netto Consegna pronta, franco dai nostri magazzini. Nella speranza che la qualità dei nostri prodotti, i prezzi e le condizioni di pagamento e di consegna siano di vostro gradimento, e in attesa dei vostri graditissimi ordini, vi salutiamo distintamente. Direttore Commerciale, Elio Savi LA: Romeno ARANCETTI ITALIA 3 aprilie 2005 Către S.A. MANUFACTURA S. A. Ca răspuns la scrisoarea Dumneavoastră din 15 l.c., care ne-a bucurat mult, avem plăcerea să vă comunicăm că, odată cu prezenta, v-am expediat prin poştă şi cele trei eşantioane solicitate, la care am adăugat certificatul de garanńie, catalogul nostru şi ultima ofertă de preńuri. În ceea ce priveşte modalităńile de plată, de regulă condińiile nostre sunt următoarele: în numerar: reducere cu 3% în numerar: - la 10 zile de la data facturii: reducere 2% - la 30 zile de la data facturii: reducere 1% - la 60 zile de la data facturii: netto. Livrarea este imediată, fară taxe, din depozitele noastre. În speranńa că atât calitatea produselor noastre, cât şi preńurile, condińiile de plată şi de livrare vă vor satisface, aşteptăm comenzile Dumneavoastră. Cu deosebită considerańie, Director commercial, Elio Savi Tabella 8: Traduzione di una lettera commerciale dall italiano in romeno In questa trasposizione interlinguistica totale, le scelte traduttive per il TA romeno sono state le seguenti: - certe azioni, espresse in italiano all infinito, vanno redatte nella LA al congiuntivo presente ( il piacere di comunicarvi = plăcerea de a vă comunica ); - per l avverbio italiano contemporaneamente è stata preferita la locuzione romena odată cu ( una volta con ); - per il sostantivo listino è stato adoperato il termine ofertă; - per la parola italiana consuetudine si è preferito il sintagma romeno de obicei ( di solito ), a funzione avverbiale; - per il termine campioni, l equivalente lessicale romeno è un neologismo d origine francese, eşantioane ( échantillons ); - vi salutiamo distintamente è stato espresso Cu deosebită considerańie ( con tanta cordialità ), formula classica di chiusura di una lettera ufficiale in romeno; - per consegna pronta si è trovato l equivalente livrare imediată (si potrebbe dire anche livrare rapidă ). 10

11 LP: Romeno Art. 1. Obiectivul contractului este vânzareacumpărarea echipamentelor de climatizare în conformitate cu Anexa nr. 1, care face parte integrantă din prezentul contract. Art. 2. Valoarea ofertată este EUR +TVA din care se acordă un rabat suplimentar de 8%, rezultând o valoare de contract totală de EURO+TVA. Art. 3. Furnizorul se obligă să transmită proprietatea mărfii, iar cumpărătorul să o primească şi plătindu-i preńul convenit la termenele şi în condińiile stipulate în contract. Art. 4. Prezentul contract intră în vigoare la data semnării sale şi îşi încetează efectele când părńile contractante şi-au onorat reciproc toate obligańiile contractuale. Art. 5. Cumpărătorul se obligă să achite valoarea prezentului contract în următoarele tranşe: - avans de 30% +TVA din valoarea contractului cu Ordin de Plată în termen de 5 zile de la încheierea contractului. - 60% +TVA din valoarea contractului la livrarea echipamentului din anexa % +TVA in termen de 30 zile de la livrare. Cumpărătorul se obligă să plătească preńul produselor contractate indiferent dacă le ridică de la furnizor sau le lasă în păstrarea acestuia pentru o perioadă de timp. Plata se va efectua în lei la cursul de vânzare a B.N.R. din ziua efectuării plăńilor, respectiv facturile vor fi emise pe data plăńilor şi în ziua scadenńelor de plată. LA: Italiano Art. 1. L oggetto del contratto lo rappresenta la compra-vendita delle attrezzature d'acclimatazione in conformità all Allegato n. 1, che fa parte integrante dal presente contratto. Art. 2. Il valore dell offerta è di EUR +IVA, sul quale viene concesso uno sconto supplementare di 8%, il valore contrattuale totale risultato essendo di EURO+IVA. Art. 3. Il fornitore s impegna di trasmettere la proprietà della merce, mentre l acquirente s impegna d accettare la merce e di pagarne il prezzo stabilito nei termini e nelle condizioni stipolate nel contratto. Art. 4. Il presente contratto entra in atto alla data della sua firma e si conclude quando le parti contraenti onorano reciprocamente i loro obblighi contrattuali. Art. 5. L acquirente s impegna di pagare il valore del presente contratto nelle seguenti trance: - anticipo di 30% +IVA dal valore del contratto con ordine di pagamento entro 5 giorni dalla conclusione del contratto. - 60% +IVA dal valore del contratto alla consegna delle attrezzature dall allegato n % +IVA entro 30 giorni dalla consegna. L acquirente s impegna di pagare il prezzo dei prodotti contrattati, indifferentemente se prelevati dal fornitore o lasciati in custodia di questo per un determinato periodo. Il pagamento verrà fatto in lei, al corso di cambio della BNR (Banca Nazionale di Romania), del giorno dell effettuazione dei pagamenti, e le fatture verranno emesse rispettivamente alla data dei pagamenti e nel giorno della scadenza di questi. Tabella 9: Traduzione dal romeno in italiano dei primi articoli di un contratto di società La terminologia usata nei due testi (originale e traduzione) in Tabella 9 è evidentemente specifica del codice economico-finanziario: Il fornitore s impegna di trasmettere la proprietà della merce, l acquirente s impegna d accettare la merce e di pagarne il prezzo stabilito (equivalenza semantica perfetta tra LP ed LA). Alcune espressioni usate nel testo originale (e come tale anche nella traduzione) sono state assimilate dal codice giuridico: articolo, l oggetto del contratto, l allegato fa parte integrante del presente contratto, il contratto entra in atto alla data della sua firma e si conclude quando le parti contraenti onorano reciprocamente i loro obblighi contrattuali. Questi atti commerciali, concepiti da specialisti in economia, ma con la partecipazione di un avvocato che conosce le disposizioni di legge perché il più delle volte è necessaria anche la loro autenticazione da parte di un notaio 11

12 dovranno avere la firma ed il timbro del traduttore autorizzato dal Ministero della Giustizia ( traduttore giurato ) del paese nella cui lingua essi sono stati redatti. In questo modo viene garantita l esattezza della traduzione rispetto al testo originale davanti alle autorità competenti dei due paesi. È uno dei motivi che spiega il perché dei numerosi tentativi di allineare la terminologia di questo linguaggio specialistico nei paesi della Comunità Europea alle attuali norme standard, e delle tantissime indagini condotte su quest argomento nella linguistica e nella traduttologia. 5. La traduzione del sottocodice di medicina Disciplina che studia le malattie e i mezzi per riconoscerle, curarle e prevenirle e che può, in contrapposizione alla chirurgia, curarle senza ricorrere ad interventi cruenti 2, la medicina è una delle più antiche pratiche, legata alla religione, alle tradizioni, alle abitudini, insomma, alla vita e alla storia dell uomo. Conosciuta fin dall antichità come summum dei rimedi per diverse disfunzioni, essa è strettamente legata all igiene, al comportamento e agli stili di vita (alimentazione, stati di riposo o di fatica, tranquillità o stress); viene diversificata in medicina curativa e preventiva (o profilassi). Con il progresso di tutte le scienze nell ultimo secolo, la medicina ha conosciuto importanti salti qualitativi: la guarigione di tante malattie infettive, di sangue o di sistema (la rabbia, la tubercolosi) tramite gli antibiotici ha salvato moltissime vite umane minacciate da virus prima incurabili. Collegata alle scienze naturali e dell ambiente genetica, microbiologia, ecc. e alle scienze tradizionali biologia, chimica, fisica, farmacologia essa è una disciplina plurivalente, con diverse specialità subordinate (chirurgia, stomatologia, neurologia, medicina generale, ecc.). Il linguaggio medico è un sottocodice autonomo, d importanza vitale. Esso comprende vari nomi d organi 2 Il Grande Dizionario Garzanti della lingua italiana. 12

13 vitali, di mezzi curativi, di prove ed analisi ricorrenti, farmaci, con una terminologia specifica assai lontana dalla lingua comune. I vocaboli, spesso coniati per non dar adito ad equivoci, sono molto formali, rigidi, chiusi ad ogni possibile uso di sinonimi. Dal punto di vista della retorica e stilistica, la traduzione dei testi di medicina, come in genere di tutti i linguaggi tecnico-scientifici, non presenta difficoltà come la traduzione dei testi letterari, perché le espressioni ed immagini artistiche figure logiche (allegorie), semantiche (anàfore), morfologiche (allitterazioni) o sintattiche (anacoluti) sono inesistenti. Le parole hanno solo il senso proprio ( L apparato circolatorio è formato da un complesso di vasi, suddivisi in arterie, vene e capillari, per i quali scorre il sangue Aparatul cardiovascular este format dintr-un complex de vase, împărńite în artere, vene şi vase capilare, prin care curge sângele ). La costruzione fraseologica è assai semplice, con periodi non molto lunghi con una sola proposizione ( Il sistema nervoso centrale è formato dall encefalo e dal midollo spinale Sistemul nervos central este format din encefal şi din măduva spinării ) o con due-tre principali coordinate ( La respirazione è una funzione fondamentale dell organismo umano e dipende dall espansione e dallo svuotamento dei polmoni RespiraŃia este o funcńie fundamentală a organismului uman şi depinde de dilatarea şi golirea plămânilor ). Le subordinate più frequenti sono attributive, completive oggettive, causali, circostanziali: Gli ormoni sono dei veri messaggeri chimici che sono prodotti dalle ghiandole endocrine Hormonii sunt nişte adevărańi mesageri chimici care sunt produşi ai glandelor endocrine ; Gli organi di senso sono chiamati esterocettori, perché portano al cervello informazioni sul mondo esterno Organele sensitive sunt numite receptori esteriori, pentru că transmit creerului informańii destre lumea exterioară (esempi tratti da Presură 1998). Come accennato in precedenza, in medicina la nomenclatura relativa alle malattie si serve spesso di suffissi di origine greca: -ite artrite, dermatite (artrită, dermatită); -osi artrosi, cirrosi (artroză, ciroză); -oma fibroma, carcinoma (fibrom, carcenom) (Sălişteanu 2002: 63). Parole della lingua comune 13

14 acquistano, se accompagnate da un determinativo specialistico, un nuovo significato (esempi tratti da Dardano e Trifone 2003: 47): canale (canale atrio-ventricolare) vaso (vaso sanguigno, vaso arterioso) vena (cefalica, femorale, giugulare) Dato l alto grado di specificità di questo sottocodice, pochi sono i traduttori in grado di fare una corretta conversione linguistica del testo di partenza e lo devono fare consultando i dizionari di specialità e i medici. Per esprimere certi stati fisiologici, i nomi adoperati, ripresi dalla lingua comune, acquistano significati ben determinati: - Sensazione di profondità e tridimensionalità degli oggetti ( SenzaŃie de profunzime şi tridimensionalitate a obiectelor ) - Aumento della pressione o ipertensione ( Creşterea tensiunii sau hipertensiunea ) I verbi presenti nei testi di medicina sono espressi in genere all infinito, all indicativo riflessivo o al congiuntivo: - Utilizzare il contenuto del flacone entro tre mesi dall apertura del flacone. ( A se utiliza (De utilizat 3 ) conńinutul într-o periodă de trei luni de la deschiderea flaconului ) - Non lasciare la medicina alla portata dei bambini. ( A nu lăsa (Nu lăsańi) medicamentul la îndemâna copiilor. ) - Si verifichino la temperatura e la pressione del sangue ( VerificaŃi-vă temperatura şi tens i unea arterială ) 3 da utilizzare forma di supin, modo indefinito in romeno, formato dal participio passato, preceduto dalla preposizione de ( da ). 14

15 Testo originale in lingua comune Variante A Il morbo di Alzheimer Che cos è il morbo di Alzheimer? Il morbo di Alzheimer fa parte di un gruppo di disordini del cervello che causano demenza. Nella demenza si osserva una progressiva diminuzione delle capacità mentali a cui generalmente si accompagna un deterioramento nelle funzioni generali, di modo che si manifesta un incapacità di svolgere le attività quotidiane, con comparsa anche di disturbi del comportamento. Quanto è frequente? Si stima che il morbo di Alzheimer affligga almeno 15 milioni di persone nel mondo. La presenza della malattia nella popolazione aumenta significativamente con l aumentare dell'età. È una forma molto comune della cosiddetta demenza senile. Testo originale in linguaggio scientifico Variante B Il morbo di Alzheimer Epidemiologia e fattori di rischio Il morbo di Alzheimer fa parte di un gruppo di disordini neurodegenerativi che causano demenza. L' Alzheimer è caratterizzato da un progressivo declino delle capacità cognitive, dal deterioramento nelle funzioni generali e nella capacità di svolgere le attività quotidiane e dalla comparsa di disturbi comportamentali. Descritto per la prima volta nel 1907 da Alois Alzheimer, questa malattia affligge 15 milioni di persone nel mondo; l incidenza aumenta stabilmente dallo 0.5% annuo all età di 65 anni, all 8% annuo dopo gli 85 anni. La prevalenza aumenta dal 3% all età di 65 anni, al 47% dopo gli 85 anni. Tabella 10: Due modi di esprimere un testo di partenza di medicina in italiano I due testi a confronto in Tab. 10 evidenziano alcune differenze di contenuto. Il primo, più accessibile al non specialista, presenta gli aspetti generali della malattia, come risposte alle domande formulate: Che cos è il morbo di Alzheimer? invece di parlare di epidemiologia e di fattori di rischio (come nella Variante B) e Quanto è frequente? invece di parlare di incidenza (come nella Variante B). Queste domande danno al discorso una certa oralità, trasformandolo in un dialogo virtuale tra medico e paziente. Nella variante A mancano i dettagli riguardanti le percentuali verificate sull incidenza della malattia, dati che interessano solo gli specialisti. In realtà questi non sono due testi diversi, ma due varianti di uno solo, riportato nella letteratura di specialità ma sfortunatamente non più disponibile su web, appartenente al sottocodice o alla varietà diafasica di medicina. Le poche differenze riscontrate consistono nella formulazione della storia della malattia; mentre nella variante A sono presenti anche espressioni della lingua comune (disordini del cervello, capacità mentali, la presenza della malattia), che rendono più accessibile il messaggio per il non specialista, nella Variante B essi sono più scientifici, perché destinati ai medici (disordini neurodegenerativi, capacità cognitive, l incidenza dei casi). Per comprendere un tale testo in vista della sua traduzione, occorreranno conoscenze minime d anatomia, psichiatria e medicina generale. Il medico specialista non spiega al paziente la storia della 15

16 malattia come farebbe parlando con un suo collega. Ecco le traduzioni proposte per i due testi di partenza (Tab. 11): Variante A Boala Alzheimer Ce înseamnă boala Alzheimer? Boala Alzheimer face parte dintr-un grup de tulburări ale creierului care duc la demenńă. La demenńă se observă o reducere progresivă a capacităńilor mintale urmată de obicei de o deteriorare a funcńiilor generale, astfel încât bolnavul nu mai poate desfăşura activităńile zilnice, având chiar tulburări de comportament. Cât este de frecventă boala? Se apreciază că cel puńin 15 milioane de persone din lume suferă de boala Alzheimer. PrezenŃa acestei boli în rândul populańiei creşte semnificativ odată cu vârsta. Este o formă comună a aşa numitei demenńe senile. Variante B Sindromul Alzheimer Epidemiologie şi factori de risc Sindromul Alzheimer face parte dintr-o categorie de tulburări de ordin neurodegenerativ care cauzează demenńa. Alzheimer se manifestă printr-un declin progresiv al capacităńilor cognitive, printr-o deteriorare a funcńiilor generale, a capacităńii de a desfăşura activităńi zilnice şi prin aparińia tulburărilor comportamentale. Descris pentru prima dată în anul 1907 de Alois Alzheimer, acest sindrom atacă 15 milioane de persoane din populańia globului; incidenńa creşte stabil, cu 0,5% în fiecare an, începând cu vârsta de 65 de ani, până la 8% pe an, după vârsta de 85 de ani. Nivelul creşte cu 3% în jurul vârstei de 65 de ani, şi cu 47 % după 85 de ani. Tabella 11: La traduzione delle due varianti di testo di medicina in romeno 5.1. Analisi testuale Lavorando su questi testi, il traduttore conserverà le stesse differenze di formulazione delle due varianti originali italiane, essendo un lettore modello o implicito sia dei testi di partenza sia di quelli da lui creati. Questo perché il testo tradotto appartiene al sottocodice di medicina, che come tutti i linguaggi tecnico-scientifici è chiuso e non permette ipotesi interpretative, ma solo la riproduzione delle informazioni contenute nella LP. Il traduttore di un testo aperto (letterario, poetico) è invece un lettore empirico, se vogliamo citare le parole di Umberto Eco in Lector in fabula (cfr. Osimo 1998: 14, 35). Nelle traduzioni in romeno dei testi italiani di partenza, la variante B è più lunga, perché esaustiva nell analisi della malattia. La terminologia specialistica offre a volte anche sinonimi: sindrome - malattia, morbo; terapia - trattamento. Le percentuali si possono evitare nella versione in lingua comune, che diventa una modulazione linguistica, e questo per rendere più accessibile la storia della malattia per il paziente che non detiene conoscenze in questo campo. 16

17 6. La traduzione del sottocodice tecnico-scientifico Il linguaggio tecnico-scientifico è altrettanto specializzato. Oltre ai termini propri usa, come tutti i sottocodici, elementi lessicali della lingua comune: - verbi ausiliari: avere, essere; - verbi servili: potere, dovere; - verbi usuali: fare, mettere/porre, aprire, chiudere, accendere, spegnere, premere; - verbi di necessità: occorrere, essere necessario; - espressioni verbali impersonali e verbi causativi in regime impersonale: essere importante, fare/prestare attenzione, lasciare passare, ecc. Molto spesso appare il verbo mettere in espressioni proprie del linguaggio tecnico: mettere in funzione, mettere in moto, mettere in condizione di. Gli altri verbi sono già del lessico speciale, a volte sostituendo le espressioni comuni: avviare per dare l avvio, compattare per rendere compatto, impiantare per fare l impianto. I nomi, presi dalla lingua comune acqua, liquido, aria, circuito, controllo, massa, macchina, evaporazione, servizio, compatibilità, ecc. assumono, se accompagnati da determinanti tecnico-scientifici, un senso diverso, diventando autonomi: la massa con il senso di base di quantità di materia che si presenta o si considera come un insieme più o meno compatto (cfr. Il Grande Dizionario Garzanti della lingua italiana), oppure: massa elettrica (nell elettricità); massa inerziale, specifica, gravitazionale (nella fisica), massa di un edificio (in architettura), massa ereditaria (nel diritto), massa circolante (in economia) i cui corrispondenti semantici in romeno sono molto simili: masă electrică, masă inerńială, specifică, gravitańională, material izolant al clădirii, capital circulant. Molti termini tecnici hanno significati diversi per ognuna delle attività industriali. Per esempio ugello in metallurgia si traduce per condotta del forno, tubo di ventilazione (gură de cuptor, gură de vânt, de ventilańie); in mineralogia per condotta di aerazione tecnica (conductă de aeraj tehnic), per certi macchinari rappresentando un raccordo o collegamento ad una condotta, un imboccatura 17

18 del soffione (racord de Ńeavă, duză, ajutaj); in meccanica ugello del carburatore significa in romeno jiclorul carburatorului. Parole come manutenzione, sollevamento, pompa, batteria, scambio (întreńinere, ridicare, pompă, schimbare), coniate con le attività produttive sono entrate nel lessico della lingua comune. Nella morfologia dei testi tecnici, dopo i nomi, sono presenti anche pronomi, numerali, congiunzioni, preposizioni, avverbi, ecc., presi dalla lingua comune. Più frequenti sono la congiunzione coordinante copulativa e e le preposizioni a, su, in. Scarsa presenza hanno invece gli aggettivi, perché si usano quelli assolutamente necessari nella descrizione delle attrezzature: grande, piccolo, nuovo, vecchio, alto, basso, rilevante (mare, mic, nou, vechi, înalt, coborât, important), molto diffusi nel lessico fondamentale. Accanto a questi appaiono aggettivi indicanti qualità specifiche della chimica: sostanza acida, idrolitica (substanńă acidă, hidrolitică), della fisica: dinamica, aerostatica, atomica (dinamică, aerostatică, atomică), della matematica: segmento sferico, angolo acuto, matematica attuariale, equazione algebrica (segment sferic, unghi ascuńit, matematică actuarială, ecuańie algebrică), della tecnica (idraulico, operaio qualificato, costruttore, geometra (instalator, muncitor calificat, constructor, topograf). La loro traduzione in romeno è facile, perché di solito si tratta di neologismi d origine latina (apparato - aparat; antracite - antracit; tossina - toxină; organo auditivo - organ auditiv, liberalismo - liberalism; dimostrazione - demonstrańie, ecc.). Al livello sintattico, non si notano caratteristiche speciali, perché il linguaggio tecnico-scientifico, essendo molto preciso ed esatto, richiede formulazioni semplici, enumerazioni o proposizioni indipendenti, come illustrato nella Tabella 12: 18

19 LP - Italiano Raffreddatori evaporativi serie REF Racitoare cu evaporare seria REF Manuale di servizio MS REF/I INDICE Importanti informazioni di sicurezza Descrizione della macchina Localizzazione Spedizione Sollevamento Rimontaggio Installazione Avviamento Funzionamento Manutenzione Messa fuori servizio e smantellamento DESCRIZIONE DELLA MACCHINA I raffreddatori evaporativi serie REF hanno lo scopo di raffreddare acqua od altri liquidi mediante il principio evaporativo, all interno di un circuito che ne impedisce il contatto con altre sostanze. La compatibilità del liquido raffreddato con il fascio tubiero (batteria), posto all interno dell apparecchio, deve essere preventivamente considerata; gli apparecchi normali hanno le batterie in acciaio al carbonio, compatibile con acqua pura, miscelata con glicole etilenico, o con varie altre sostanze. Qualora fosse necessario raffreddare liquidi incompatibili con l acciaio al carbonio, sarà necessario ricorrere ad acciai inossidabili. LA- Romeno Manual de utilizare MS REF/I CUPRINS InformaŃii importante privind siguranńa aparatului Descrierea aparatului Amplasarea Expedierea Ridicarea Remontarea Instalarea Punerea în funcńiune FuncŃionarea ÎntreŃinerea Scoaterea din funcńiune şi demontarea DESCRIEREA APARATULUI Răcitoarele cu evaporare seria REF sunt destinate răcirii apei sau a altor lichide, pe baza principiului evaporării în interiorul unui circuit, care nu permite contactul cu alte substanńe. Compatibilitatea lichidului răcit cu bateria din interiorul aparatului, trebuie controlată în mod preventiv; aparatele obişnuite sunt dotate, de obicei, cu baterii din ońel cu carbon, compatibil cu apa pură, amestecată cu glicol etilenic, sau cu diferite alte substanńe. În cazul în care ar fi necesar să se răcească lichidele incompatibile cu ońelul cu carbon, va trebui să se folosească ońeluri inoxidabile. Tabella 12: La traduzione italo-romena di un testo di elettromeccanica (Borcia 2003: 126) 7. Conclusioni L analisi delle particolarità linguistiche della traduzione dei testi tecnicoscientifici è molto utile in un momento storico in cui la disciplina del tradurre ha importanza fondamentale per lo sviluppo di tutte le teorie e pratiche apparentate con l ermeneutica. I traduttori, che hanno reso possibile la trasmissione di tante informazioni sulle società in epoche e spazi diversi, continuano a compiere la loro nobile missione di fornitori di dati di cultura e civiltà anche in questo millennio, aiutati dalle nuove tecniche e metodologie, da enciclopedie, dizionari di specialità, dal computer e da Internet. La diversificazione delle scienze e delle discipline, delle attività umane in genere, richiede il trasferimento di un enorme quantità d informazioni, che sarebbe impossibile senza le attuali tecnologie di redazione. 19

20 Scegliere, all interno del codice in cui verrà trasposto il testo di partenza, l elemento lessicale o morfologico più idoneo per un determinato contesto, a seconda del linguaggio al quale questo appartiene (artistico o tecnicoscientifico) e il metodo di fare la traduzione (orale o scritta, semantica o comunicativa, in lingua comune o di specialità), dimostra ancora di più l importanza attuale dell attività traduttiva e della disciplina che se ne occupa, in una società che non solo si chiama, ma già lo è, della globalizzazione e dell internazionalizzazione. Bibliografia Bantaş, A. e E. Croitoru (1998) Didactica traducerii, Bucarest: Editura Teora. Berruto, G. (1993) Varietà diamesiche, diastratiche, diafasiche, in A.A. Sobrero (a cura di) Introduzione all italiano contemporaneo. La variazione e gli usi, Roma-Bari: Laterza, Borcia, O.D. (2003) Percorsi cognitivi traduttologici la traduzione delle varietà diatopiche e diafasiche, Bucarest: Editura Oscarprint. Catford, J.C. (1965) A Linguistic Theory of Translation, Oxford: Oxford University Press. Dardano, M. e P. Trifone (2003) La lingua italiana, Bologna: Zanichelli. Grassi, C., A.A. Sobrero e T. Telmon (1997) Fondamenti di dialettologia italiana, Roma-Bari: Laterza. Jakobson, R. (1987) On Linguistic Aspects of Translation, in R. Jakobson (K. Pomorska e S. Rudy (a cura di)) Language in Literature, Cambridge: Harvard University Press, Osimo, B. (1998) Manuale del traduttore, Milano: Hoepli. Newmark, P. (1991) About translation, Clevedon: Multilingual Matters Ltd. 20

! Approvato AD Data 01/06/2013

! Approvato AD Data 01/06/2013 1 Dipartimento di: Lettere Linguistico: latino 1. COMPETENZE DISCIPLINARI 2. ARTICOLAZIONE DELLE COMPETENZE DISCIPLINARI Anno scolastico: 2014-2015 X Primo biennio Secondo biennio Quinto anno Competenze

Dettagli

TRADUTTRICE E TRADUTTORE

TRADUTTRICE E TRADUTTORE Aggiornato il 9 luglio 2009 TRADUTTRICE E TRADUTTORE 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 8 Quali competenze sono necessarie?...

Dettagli

ESPERTA ED ESPERTO DI COMUNICAZIONE IN LINGUE DELL ASIA E DELL AFRICA

ESPERTA ED ESPERTO DI COMUNICAZIONE IN LINGUE DELL ASIA E DELL AFRICA ESPERTA ED ESPERTO DI COMUNICAZIONE IN LINGUE DELL ASIA E DELL AFRICA 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 7 5. COMPETENZE... 9 Quali competenze sono

Dettagli

Scheda professione Mediatore linguistico e culturale, Mediatrice linguistica e culturale

Scheda professione Mediatore linguistico e culturale, Mediatrice linguistica e culturale Scheda professione Mediatore linguistico e culturale, Mediatrice linguistica e culturale Chi è? L ESPERTO DI COMUNICAZIONE si occupa di favorire la comprensione e la comunicazione tra individui, gruppi,

Dettagli

Scuola primaria statale

Scuola primaria statale ISTITUTO COMPRENSIVO ARDEA III ARDEA (RM) Scuola primaria statale Anno scolastico 2014/2015 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE La Programmazione didattica annuale è stata elaborata conformemente ai nuovi

Dettagli

Per informazioni: contattare l agente Licosa di zona. Oppure: banchedati@licosa.com. il Sansoni Francese. il Sabatini Coletti. il Sansoni Tedesco

Per informazioni: contattare l agente Licosa di zona. Oppure: banchedati@licosa.com. il Sansoni Francese. il Sabatini Coletti. il Sansoni Tedesco il Sabatini Coletti versione professionale 190.000 lemmi e accezioni 39.300 locuzioni 1580 polirematiche 45.400 sinonimi 83.000 etimologie e date della prima attestazione Divisione in sillabe e pronuncia

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE LATINO- CLASSI PRIME

Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE LATINO- CLASSI PRIME Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE LATINO- CLASSI PRIME OBIETTIVI 1. Acquisizione di competenza linguistica in vari campi del sapere 2. Oggettivazione e formalizzazione delle strutture linguistiche,

Dettagli

ELABORAZIONE CURATA DALLA FIGURA STRUMENTALE Ins. Dott.ssa MARIA ROSARIA SABINI

ELABORAZIONE CURATA DALLA FIGURA STRUMENTALE Ins. Dott.ssa MARIA ROSARIA SABINI 325 ELABORAZIONE CURATA DALLA FIGURA STRUMENTALE Ins. Dott.ssa MARIA ROSARIA SABINI 326 2 Modulo Operativo Le abilità linguistiche: parlare modulare Acquisire la capacità di comunicare oralmente il proprio

Dettagli

Contratto Formativo Individuale

Contratto Formativo Individuale Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2010 2011 Contratto Formativo Individuale Classe: 1ª Sez: F Materia: Latino Docente: Annalisa Campanaro Capacità 1.ANALISI DELLA CLASSE: sufficienti

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO DISCIPLINARE CLASSE PRIMA

UNITÀ DI APPRENDIMENTO DISCIPLINARE CLASSE PRIMA UNITÀ DI APPRENDIMENTO DISCIPLINARE CLASSE PRIMA UA 1. VIAGGIANDO NEL FANTASTICO 1. Conosce le caratteristiche di un testo narrativo 2. Conosce alcune tipologie (favola, leggenda,fiaba, filastrocca) e

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

DIPLOMA DI LINGUA ITALIANA SILLABO

DIPLOMA DI LINGUA ITALIANA SILLABO DIPLOMA DI LINGUA ITALIANA SILLABO PRESENTAZIONE Il Diploma di Lingua Italiana dell'istituto Italiano di Cultura di Salonicco è un attestato di conoscenza dell'italiano come lingua straniera. Viene rilasciato

Dettagli

PROGRAMMI DI LINGUA SPAGNOLA LIVELLI A2-B1-B2-C1-C1acc.-C2 acc. C.L.A. Università di Verona a.a. 2007-2008

PROGRAMMI DI LINGUA SPAGNOLA LIVELLI A2-B1-B2-C1-C1acc.-C2 acc. C.L.A. Università di Verona a.a. 2007-2008 PROGRAMMI DI LINGUA SPAGNOLA LIVELLI A2-B1-B2-C1-C1acc.-C2 acc. C.L.A. Università di Verona a.a. 2007-2008 Dott.ssa Anna Altarriba Dott.ssa Susana Benavente Dott.ssa Margarita Checa Dott.ssa Mª Beatriz

Dettagli

MASTER IN TRADUZIONE SETTORIALE ON LINE

MASTER IN TRADUZIONE SETTORIALE ON LINE MASTER IN TRADUZIONE SETTORIALE ON LINE S.S.I.T. - Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori dal 1979 a Pescara membro F.E.D.E. - Federazione delle Scuole d Europa www.scuolainterpreti.org 12 edizione

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SPAGNOLO

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SPAGNOLO LE ESSENZIALI DI SPAGNOLO classe prima Liceo linguistico comprendere informazioni dirette e concrete su argomenti quotidiani comprendere e seguire istruzioni brevi e semplici comprendere il senso generale

Dettagli

Terra Iberica. Collana diretta da Patrizia Botta Sezione I, Didattica A10 215

Terra Iberica. Collana diretta da Patrizia Botta Sezione I, Didattica A10 215 Terra Iberica Collana diretta da Patrizia Botta Sezione I, Didattica 9 A10 215 Collana Terra Iberica diretta da Patrizia BOTTA Comitato di redazione Elisabetta VACCARO (Capo Redattore) e Carla BUONOMI

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

Lessico specialistico, linguaggi settoriali e linguaggio giornalistico UNA SCIENZA È UN LINGUAGGIO BEN FATTO (CONDILLAC) ISABELLA CHIARI

Lessico specialistico, linguaggi settoriali e linguaggio giornalistico UNA SCIENZA È UN LINGUAGGIO BEN FATTO (CONDILLAC) ISABELLA CHIARI Lessico specialistico, linguaggi settoriali e linguaggio giornalistico 1 UNA SCIENZA È UN LINGUAGGIO BEN FATTO (CONDILLAC) ISABELLA CHIARI Terminologia della lessicologia Parole chiave Lessema Lemma Termine

Dettagli

DIPARTIMENTO DI ITALIANO CORSO DI LAUREA IN LINGUA E LETTERATURA ITALIANA * PRIMO SEMESTRE

DIPARTIMENTO DI ITALIANO CORSO DI LAUREA IN LINGUA E LETTERATURA ITALIANA * PRIMO SEMESTRE DIPARTIMENTO DI ITALIANO CORSO DI LAUREA IN LINGUA E LETTERATURA ITALIANA * PRIMO SEMESTRE a cura di Roberto Vetrugno, Antonio Morone (per i corsi di storia), Barbara Airò (per i corsi di traduzione).

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE «V. VOLTERRA» - FABRIANO. Indirizzo Scientifico. Classe I. Primo Biennio PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNUALE DI

LICEO SCIENTIFICO STATALE «V. VOLTERRA» - FABRIANO. Indirizzo Scientifico. Classe I. Primo Biennio PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNUALE DI LICEO SCIENTIFICO STATALE «V. VOLTERRA» - FABRIANO SEDE CENTRALE DI FABRIANO SEDE STACCATA DI SASSOFERRATO Indirizzo Scientifico Classe I Primo Biennio PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNUALE DI LINGUA E CULTURA

Dettagli

ITALIANO CLASSI PRIME- SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO CLASSI PRIME- SCUOLA PRIMARIA FINALITA Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è una condizione indispensabile per la crescita della persona e per l esercizio pieno della cittadinanza, per l accesso critico a tutti gli

Dettagli

SPAGNOLO SECONDA LINGUA

SPAGNOLO SECONDA LINGUA SPAGNOLO SECONDA LINGUA QUINTA GINNASIO Verranno rafforzate ed ampliate le conoscenze linguistiche e le funzioni comunicative apprese nel primo anno, attraverso un analisi più complessa degli esponenti

Dettagli

LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA

LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA Nella redazione degli elaborati di esame è di fondamentale importanza porre molta attenzione alla scrittura, sotto tutti i profili: grafico, ortografico, semantico e stilistico.

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Ente beneficiario: Comune di Mogoro, capo-fila dell associazione tra i Comuni di Marrubiu, Mogoro, San Nicolò d Arcidano, Terralba e Uras.

Ente beneficiario: Comune di Mogoro, capo-fila dell associazione tra i Comuni di Marrubiu, Mogoro, San Nicolò d Arcidano, Terralba e Uras. Rimodulazione Progetto di prosecuzione Sportello linguistico sovra comunale e formazione linguistica del personale dipendente Legge 15 dicembre 1999 n. 482, artt. 9 8 15, annualità 2010 (Pos. n. 11/2010).

Dettagli

Italiano Primo biennio

Italiano Primo biennio PROFILO IN USCITA DELLO STUDENTE IN TERMINI DI COMPETENZE E ABILITÀ TECNICO-ECONOMICO Italiano Primo biennio Competenze Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi di base indispensabili per

Dettagli

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Schema di PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELL ASSE dei LINGUAGGI SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO 1 SECONDO BIENNIO E

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Curricolo d Istituto per

Curricolo d Istituto per Istituto Comprensivo Dante Alighieri Trieste Scuola secondaria di primo grado Curricolo d Istituto per LINGUA STRANIERA Le lingue straniere offerte sono le seguenti: inglese, francese, tedesco e spagnolo.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO SCIENTIFICO. da conseguire alla fine del II anno relativamente all asse culturale:

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO SCIENTIFICO. da conseguire alla fine del II anno relativamente all asse culturale: PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO SCIENTIFICO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA LINGUA E LETTERE LATINE Competenze da conseguire alla fine del II anno relativamente all

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

TRADUZIONI TECNICHE E SICUREZZA

TRADUZIONI TECNICHE E SICUREZZA TRADUZIONI TECNICHE E SICUREZZA Localizzazione ed utilizzo della terminologia di settore nel processo di corretta redazione della documentazione tecnica. Dott.ssa Carlotta Aristei Sales Manager Divisione

Dettagli

http://digital.casalini.it/8884535131 ISBN-10: 88-8453-513-1 (online) ISBN-13: 978-88-8453-513-9 (online)

http://digital.casalini.it/8884535131 ISBN-10: 88-8453-513-1 (online) ISBN-13: 978-88-8453-513-9 (online) IV PRIMA UNITÀ Nuovi itinerari alla scoperta del greco antico : le strutture fondamentali della lingua greca : fonetica, morfologia, sintassi, semantica, pragmatica / Francesco Michelazzo. Firenze : Firenze

Dettagli

La comunicazione. Quando viene a mancare anche uno solo di questi elementi, la comunicazione non si realizza in modo completo.

La comunicazione. Quando viene a mancare anche uno solo di questi elementi, la comunicazione non si realizza in modo completo. La comunicazione Comunicare significa mettere in comune, entrare in relazione con gli altri per informare, chiedere, ordinare, scambiare idee, desideri, sentimenti, dubbi, pensieri, progetti Tutta la vita

Dettagli

AREA DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE

AREA DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE AREA DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE PREMESSA 1. Il ruolo dell area nell Istruzione e Formazione Tecnica Superiore Le Unità Capitalizzabili dell area delle competenze linguistiche hanno la finalità di sviluppare,

Dettagli

Il ruolo della riflessione linguistica nello studio dell italiano. Rovereto 2 settembre 2015 Claudia Provenzano

Il ruolo della riflessione linguistica nello studio dell italiano. Rovereto 2 settembre 2015 Claudia Provenzano Il ruolo della riflessione linguistica nello studio dell italiano Rovereto 2 settembre 2015 Claudia Provenzano Il ruolo della riflessione linguistica nello studio dell italiano Riflessione linguistica

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

settembre (15 giorni circa)

settembre (15 giorni circa) Collegio Arcivescovile A. Castelli Saronno Scuola primaria Anno scolastico 2013/ 2014 Modulo per la progettazione e la programmazione didattica iniziale Classi : 5 A Insegnante Bressani Cristina (Discipline:

Dettagli

Indice. Introduzione di Margherita Ulrych

Indice. Introduzione di Margherita Ulrych XIII Introduzione di Margherita Ulrych 3 CAPITOLO 1 - LO sviluppo della competenza traduttiva in ambito microlinguistico: aspetti teorici e implicazioni didattiche di Patrizia Mazzotta 3 1.1 La traduzione

Dettagli

Discipline e competenze

Discipline e competenze Discipline e competenze Per assistenza è possibile contattare lo staff Pearson scrivendo al seguente indirizzo e-mail: helpdesk@pearson.it oppure chiamando il numero : 0332.802251 La didattica per competenze

Dettagli

SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO:

SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing Costruzioni, Ambiente e Territorio Liceo Linguistico Liceo Scientifico.

Dettagli

UNIVERSITA PER STRANIERI DI PERUGIA MASTER IN DIDATTICA DELL ITALIANO COME LINGUA NON MATERNA 2005-2006

UNIVERSITA PER STRANIERI DI PERUGIA MASTER IN DIDATTICA DELL ITALIANO COME LINGUA NON MATERNA 2005-2006 UNIVERSITA PER STRANIERI DI PERUGIA MASTER IN DIDATTICA DELL ITALIANO COME LINGUA NON MATERNA 2005-2006 MODULO PROFESSIONALIZZANTE: L INSEGNAMENTO DELL ITALIANO L2 PER SCOPI ACCADEMICI E PROFESSIONALI

Dettagli

SEZIONE C CONOSCENZE GLOTTODIDATTICHE

SEZIONE C CONOSCENZE GLOTTODIDATTICHE DITALS II livello 13 dicembre 2010 NOME COGNOME NOTA BENE: L ESAME DITALS (NELLE SEZIONI A, B e C) È UN TEST SCRITTO. IL CANDIDATO DEVE PERTANTO SCRIVERE CON UNA PENNA BLU O NERA, SENZA ABBREVIAZIONI E

Dettagli

Presentazione dei risultati di apprendimento dell area di istruzione generale

Presentazione dei risultati di apprendimento dell area di istruzione generale Comunicare con la scuola I nuovi Istituti Tecnici del settore tecnologico Roma, 9 novembre 2009 Istituto tecnico industriale Galileo Galilei Presentazione dei risultati di apprendimento dell area di istruzione

Dettagli

Soluzioni esercizi Prove Invalsi di italiano

Soluzioni esercizi Prove Invalsi di italiano 512 sezione e - strumenti per l insegnante soluzioni Soluzioni esercizi Prove Invalsi di italiano prova 1 - Cliccare non significa imparare Testo narrativo Comprensione del testo A1 Competenza testuale

Dettagli

Curricolo verticale: coordinazione e subordinazione per ASLI scuola 7.4.2014. Daniela Notarbartolo

Curricolo verticale: coordinazione e subordinazione per ASLI scuola 7.4.2014. Daniela Notarbartolo Curricolo verticale: coordinazione e subordinazione per ASLI scuola 7.4.2014 Daniela Notarbartolo Collocazione Nella pratica didattica ordinaria questo argomento si colloca o all interno della morfologia

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

L Italiano nella classe plurilingue: una didattica per l inclusione

L Italiano nella classe plurilingue: una didattica per l inclusione Università per Stranieri di Siena Accademia dei Lincei, progetto Una nuova didattica L Italiano nella classe plurilingue: una didattica per l inclusione Pisa 27 marzo 2015 Prof.ssa Donatella Troncarelli

Dettagli

Variazione diafasica: in rapporto alla situazione comunicativa e allo stile

Variazione diafasica: in rapporto alla situazione comunicativa e allo stile Variazione diafasica: in rapporto alla situazione comunicativa e allo stile Registri: "varietà diafasiche dipendenti primariamente dal carattere dell'interazione e dal ruolo reciproco assunto da parlante

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

L insegnamento dell italiano L2 a studenti di lingua cinese. Cecilia Paquola

L insegnamento dell italiano L2 a studenti di lingua cinese. Cecilia Paquola L insegnamento dell italiano L2 a studenti di lingua cinese Cecilia Paquola BILINGUISMO Uso corrente di due lingue da parte di un individuo o di una popolazione. Due lingue parlate per due contesti differenti:

Dettagli

MAPPE CONCETTUALI NELLA GLOTTODIDATTICA

MAPPE CONCETTUALI NELLA GLOTTODIDATTICA MAPPE CONCETTUALI NELLA GLOTTODIDATTICA 1) Introduzione 2) Discorso preliminare sulle abilità 3) Il word processor come cognitive tool 4) Sviluppo della riflessione sulla lingua 5) Produzione orale/esposizione

Dettagli

fp SCHEMA SECONDA LINGUA

fp SCHEMA SECONDA LINGUA fp SCHEMA SECONDA LINGUA 1 Definizione di alcuni termini: Fonologia: le unità minime del linguaggio. I fonemi: a - e - i - ch Lessico: le parole di una lingua Morfologia: le regole per la formazione delle

Dettagli

I Diplomi dell Istituto Italiano di Cultura SILLABO

I Diplomi dell Istituto Italiano di Cultura SILLABO I Diplomi dell Istituto Italiano di Cultura SILLABO L Istituto Italiano di Cultura rilascia 5 Diplomi di conoscenza dell'italiano come lingua straniera secondo una scala di cinque livelli, disegnati in

Dettagli

Albez edutainment production. Economia Aziendale I. Scambi economici

Albez edutainment production. Economia Aziendale I. Scambi economici Albez edutainment production Economia Aziendale I Scambi economici 1 La compravendita Secondo l articolo 1470 del Codice Civile: La vendita è il contratto che ha per oggetto il trasferimento della proprietà

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

a.s. 2012/2013 ITALIANO INGLESE MATEMATICA ABILITA TRASVERSALI

a.s. 2012/2013 ITALIANO INGLESE MATEMATICA ABILITA TRASVERSALI a.s. 2012/2013 Riportiamo alcune delle domande che spesso vengono rivolte ai docenti durante gli incontri di orientamento con gli alunni della scuola secondaria di primo grado e con i loro genitori: 1.

Dettagli

L inglese per l informatica: aspetti linguistici, stilistici e traduttivi nei manuali d uso

L inglese per l informatica: aspetti linguistici, stilistici e traduttivi nei manuali d uso L inglese per l informatica: aspetti linguistici, stilistici e traduttivi nei manuali d uso Serena Semproni - Specializzanda in traduzione tecnico-scientifica Lo scopo del presente articolo è quello di

Dettagli

COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE

COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE La comunicazione nelle lingue straniere condivide essenzialmente le principali abilità richieste per la comunicazione nella madrelingua:

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE ON LINE IN TRADUZIONE

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE ON LINE IN TRADUZIONE CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE ON LINE IN TRADUZIONE S.S.I.T. - Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori dal 1979 a Pescara membro F.E.D.E. - Federazione delle Scuole d Europa in convenzione con

Dettagli

ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE SERVIZI. Indirizzo Servizi Commerciali

ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE SERVIZI. Indirizzo Servizi Commerciali ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE SERVIZI Indirizzo Servizi Commerciali L indirizzo Servizi Commerciali ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale, competenze professionali

Dettagli

Lingua e letteratura italiana

Lingua e letteratura italiana Lingua e letteratura italiana 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Lingua e letteratura italiana 119 119 119 119 119 Premessa generale La lingua italiana, nel percorso dell obbligo di istruzione riferito

Dettagli

DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14

DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14 DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14 BIENNIO (S.C., L.S., ITT, T.T.) OBIETTIVI COMPORTAMENTALI E TRASVERSALI Il dipartimento linguistico individua obiettivi comportamentali trasversali indispensabili

Dettagli

La comprensione del testo per la scuola secondaria di I grado

La comprensione del testo per la scuola secondaria di I grado La comprensione del testo per la scuola Analisi delle risposte date dagli studenti ad alcuni quesiti della PN Invalsi 2014: ipotesi sulle cause della mancata comprensione e possibili ricadute didattiche

Dettagli

Livello B1 Assistenza Familiare. Unità 2. Servizi Sanitari e Farmaci. In questa unità imparerai:

Livello B1 Assistenza Familiare. Unità 2. Servizi Sanitari e Farmaci. In questa unità imparerai: Livello B1 Assistenza Familiare Unità 2 Servizi Sanitari e Farmaci In questa unità imparerai: a comprendere un testo che dà informazioni sulla ricetta medica del servizio sanitario nazionale. parole relative

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE - CLASSE V. Anno scolastico 2012-2013

PROGETTAZIONE ANNUALE - CLASSE V. Anno scolastico 2012-2013 PROGETTAZIONE ANNUALE - CLASSE V. Anno scolastico 2012-2013 ITALIANO. - prende la parola negli scambi comunicativi rispettando i turni di parola; - pone domande pertinenti e chiedi chiarimenti, - esprime

Dettagli

PROVE DI VERIFICA DELLA COMPRENSIONE

PROVE DI VERIFICA DELLA COMPRENSIONE PROVE DI VERIFICA DELLA COMPRENSIONE Le prove vanno DIFFERENZIATE a seconda del TIPO DI CONOSCENZA o di PROCESSO che si vuole VERIFICARE. ATTENZIONE: la prova deve mirare l obiettivo! Nelle prove di comprensione

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

LICEO STATALE "DOMENICO BERTI

LICEO STATALE DOMENICO BERTI LICEO STATALE "DOMENICO BERTI PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LETTERE BIENNIO ( A051) (A050) LICEO DELLE SCIENZE UMANE/ ECONOMICO SOCIALE E LICEO LINGUISTICO A. S. 2015-2016 CARATTERISTICHE GENERALI DELL

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

IIS D ORIA - UFC INDICE DELLE UFC

IIS D ORIA - UFC INDICE DELLE UFC INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Grammatica della frase e del testo 2 Grammatica della frase e del testo 3 Grammatica della frase e del testo 4 INTRODUZIONE AL MONDO PROFESSIONALE (SOLO PER LA CLASSE

Dettagli

Risposte alle domande del Capitolo 4

Risposte alle domande del Capitolo 4 Linguistica generale, 2e Giovanni Gobber, Moreno Morani Copyright 2014 McGraw Hill Education (Italy) 4.1 Qual è l oggetto di indagine della morfologia? Risposte alle domande del Capitolo 4 La morfologia

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE

PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE PREMESSA FONDAMENTALE Tra gli obiettivi fondamentali della Scuola Secondaria di primo grado c è stata l introduzione dello studio di una seconda

Dettagli

TITOLI DI AMMISSIONE PER CLASSI DI CONCORSO E/O DISCIPLINE

TITOLI DI AMMISSIONE PER CLASSI DI CONCORSO E/O DISCIPLINE Allegato B PER CLASSI DI CONCORSO E/O DISCIPLINE Titoli di studio richiesti per l ammissione alle classi di concorso di cui al presente avviso dal D.M. n. 39/1998 e successive modifiche ed integrazioni.

Dettagli

QUADRO DI RIFERIMENTO

QUADRO DI RIFERIMENTO Valutazione 2005 Prove di Italiano QUADRO DI RIFERIMENTO Quadro legislativo La costruzione delle prove di verifica degli apprendimenti di italiano si situa in linea di continuità con gli obiettivi strategici

Dettagli

DIZIONARI E CORSI DI LINGUE

DIZIONARI E CORSI DI LINGUE CATALOGO 2015 DIZIONARI E CORSI DI LINGUE EDITORE 3 MOTIVI PER IMPARARE LE LINGUE CON I CORSI DI LINGUA DIGITAL PUBLISHING Corso 1 inglese 59,00 Contenuto: cd-rom libro di testo cuffia-microfono NUOVA

Dettagli

Osservatorio sull euroletto. Analisi interlinguistica e intralinguistica delle varietà giuridiche in contesto UE.

Osservatorio sull euroletto. Analisi interlinguistica e intralinguistica delle varietà giuridiche in contesto UE. Osservatorio sull euroletto. Analisi interlinguistica e intralinguistica delle varietà giuridiche in contesto UE. Laura Mori (laura.mori@unint.eu) UNINT.EU Il Gruppo di ricerca (2013-2016): 11 lingue UE

Dettagli

PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA

PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA DATA DI PRESENTAZIONE: 30/11/2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA Lo sviluppo

Dettagli

PATRIZIA BELLUCCI Indirizzo web: www.patriziabellucci.it o www.unifi.it/linguistica/bellucci e-mail:

PATRIZIA BELLUCCI Indirizzo web: www.patriziabellucci.it o www.unifi.it/linguistica/bellucci e-mail: <patrizia.bellucci@unifi.it> PATRIZIA BELLUCCI Indirizzo web: www.patriziabellucci.it o www.unifi.it/linguistica/bellucci e-mail: Corso di SOCIOLINGUISTICA - A.A. 2004-2005 Bibliografia per gli Studenti

Dettagli

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA UdA n.1 - LEGGERE, COMPRENDERE E INTERPRETARE TESTI 1. Comprendere e analizzare narrativi, descrittivi, espositivi e poetici 2. Riconoscere e classificare diversi tipi di

Dettagli

IPOTESI DI CURRICOLO

IPOTESI DI CURRICOLO ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Enrico Fermi via Capitano Di Castri - 72021 Francavilla Fontana (BR) Tel. e fax 0831/ 852132 (centr.) 0831/852133 (pres.) Specializzazioni: ELETTRONICA E TELECOM. -

Dettagli

Programma Corso Standard Italiano per stranieri A2

Programma Corso Standard Italiano per stranieri A2 Programma Corso Standard Italiano per stranieri A2 1) Conoscenze e abilità da conseguire L obiettivo di questo corso è di portare gli studenti al livello A2 o soglia, così definito dal Quadro comune Europeo

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO OPZIONI Schede disciplinari Secondo biennio e quinto anno (Art. 8, comma 4, lettera c) d.p.r. n. 87 del 15 marzo 2010) ISTITUTI

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO Aggiornato al 10.11.2015

CATALOGO FORMATIVO Aggiornato al 10.11.2015 CATALOGO FORMATIVO Aggiornato al 10.11.2015 Il catalogo formativo, in via di sviluppo, è attualmente organizzato nelle seguenti aree: - LINGUE: per la gestione della clientela straniera e per aprirsi ai

Dettagli

a.s. 2015/2016 ITALIANO INGLESE MATEMATICA ABILITA TRASVERSALI

a.s. 2015/2016 ITALIANO INGLESE MATEMATICA ABILITA TRASVERSALI a.s. 2015/2016 Riportiamo alcune delle domande che spesso vengono rivolte ai docenti durante gli incontri di orientamento con gli alunni della scuola secondaria di primo grado e con i loro genitori: 1.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico FINALITÀ FORMATIVE GENERALI Riconoscendo che la cultura classica costituisce una delle radici più significative della cultura europea,

Dettagli

Competenze chiave di cittadinanza trasversali alle discipline (allegato 2. DM 139/2007, con modifiche)

Competenze chiave di cittadinanza trasversali alle discipline (allegato 2. DM 139/2007, con modifiche) CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA PRIMARIA Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006).. Competenze

Dettagli

Titoli di studio per la partecipazione al concorso a cattedre Decreto Direttoriale n. 82 del 24 settembre 2012

Titoli di studio per la partecipazione al concorso a cattedre Decreto Direttoriale n. 82 del 24 settembre 2012 Possono partecipare al concorso a cattedre bandito con il DD 82/12 coloro che sono in possesso della specifica abilitazione (per gli ITP è sufficiente il solo titolo di studio prescritto senza vincoli

Dettagli

[CATALOGO CORSI 2012]

[CATALOGO CORSI 2012] 2012 IAL Innovazione Apprendimento Lavoro Lombardia [CATALOGO CORSI 2012] [Digitare qui il sunto del documento. Di norma è una breve sintesi del contenuto del documento. [Digitare qui il sunto del documento.

Dettagli

LICEO CLASSICO SOCRATE PROGRAMMAZIONE DI LINGUA STRANIERA INGLESE A.S. 2015/2016

LICEO CLASSICO SOCRATE PROGRAMMAZIONE DI LINGUA STRANIERA INGLESE A.S. 2015/2016 LICEO CLASSICO SOCRATE PROGRAMMAZIONE DI LINGUA STRANIERA INGLESE A.S. 2015/2016 PROFILO GENERALE E COMPETENZE Lo studio della lingua e della cultura straniera dovrà procedere lungo due assi fondamentali:

Dettagli

INVALSI English Language Test

INVALSI English Language Test INVALSI English Language Test Rapporto scuola Scuola secondaria di primo grado Settembrini - Roma Pretest 2012 APPENDICE 1. Risultati dei singoli studenti Introduzione Questo rapporto presenta i risultati

Dettagli

Liceo Classico E. Cairoli Varese

Liceo Classico E. Cairoli Varese ESA BAC Esame di Stato = Baccalauréat Liceo Classico E. Cairoli Varese Accordo fra il Governo della Repubblica italiana e il Governo della Repubblica francese relativo al doppio rilascio del diploma d

Dettagli

PON I ciclo Educazione Linguistica Italiano

PON I ciclo Educazione Linguistica Italiano PON I ciclo Educazione Linguistica Italiano Titolo percorso Parole senza frontiere Autore Nicola De Laurentiis Unità teorica di riferimento Modulo 7 Lessico e dizionari dell italiano Nucleo tematico di

Dettagli

T A B E L L A T I T O L I D I A C C E S S O

T A B E L L A T I T O L I D I A C C E S S O T A B E L L A T I T O L I D I A C C E S S O (recupero - tabella titoli accesso) CLASSE DI CONCORSO CODICE DESCRIZIONE MATERIE DI INSEGNAMENTO TITOLO STUDIO NOTE A025 Disegno e Storia dell Arte Disegno

Dettagli