A.BOITO, G. VERDI, OTELLO, FONTI LETTERARIE ED EDIZIONE CRITICA DEL LIBRETTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A.BOITO, G. VERDI, OTELLO, FONTI LETTERARIE ED EDIZIONE CRITICA DEL LIBRETTO"

Transcript

1 RELAZIONE FINALE SU A.BOITO, G. VERDI, OTELLO, FONTI LETTERARIE ED EDIZIONE CRITICA DEL LIBRETTO RICERCA SVOLTA NELL AMBITO DEL PROGETTO L OPERA PRIMA DELL OPERA VERDI E LA SCAPIGLIATURA: FONTI, LIBRETTI, INTERTESTUALITÀ, FINANZIATO DALL UNIVERSITÀ DI PAVIA E DAL MIUR. Il lavoro di ricerca si è articolato in tre fasi interdipendenti: a) un analisi delle modalità e dei tempi di stesura del libretto, volta a descrivere le fasi di definizione della drammaturgia e il lavoro di affinamento stilistico; questo primo passaggio è basato essenzialmente sul confronto del libretto autografo di Boito con il libretto a stampa della prima italiana alla Scala e della prima francese a Parigi, e sulla ricostruzione degli scambi epistolari intercorsi tra Boito e Verdi e quelli tra Verdi e l editore Giulio Ricordi riguardo alla messa a punto di ello; b) il rapporto con le fonti letterarie: per questa parte ho lavorato sulle edizioni dell hello di Shakespeare possedute da Boito, e sulle traduzioni circolanti in Italia e conosciute dal poeta e da Verdi, nonché sull importante traduzione francese di François-Victor Hugo; c) la considerazione delle ulteriori modifiche al testo boitiano intervenute nella sua messa in musica, per una verifica ex post, per così dire, delle intenzioni di librettista e compositore; LE FONTI Relativamente a queste tre distinte fasi del lavoro si è provveduto alla individuazione e ove possibile alla acquisizione in copia delle fonti principali: per il punto a): libretto autografo di Arrigo Boito, (Villa Verdi, Sant Agata); libretto della prima rappresentazione Teatro alla Scala, (esemplare Istituto Nazionale di Studi Verdiani di Parma, da qui in avanti, Parma, INSV); libretto per la prima rappresentazione francese, Parigi 1894 (Parma, INSV); lettere relative alla genesi dell ello già pubblicate nel Carteggio Verdi-Boito, Parma, 1975; lettere relative alla genesi dell ello già pubblicate nel Carteggio Verdi-Ricordi, Milano, Ricordi, 1988 Disposizione scenica per l opera ello compilata e regolata secondo la messa in scena del Teatro alla Scala da Giulio Ricordi, Milano, Ricordi, ripubblicata nella collana di Disposizioni Sceniche a cura di F. Degrada e M. Viale Ferrero, Milano, Ricordi,

2 per il punto b): Shakespeare, hello, esemplari posseduti da Boito (Parma, Biblioteca Palatina); traduzione francese di François-Victor Hugo dell hello di Shakespeare, prima edizione: FRANÇOIS-VICTOR HUGO, hello, Paris, Pagnerre, 1860, esemplare posseduto da Boito e da lui annotato (Milano, Museo Teatrale alla Scala); ello tradotto dall originale inglese in prosa italiana da Carlo Rusconi, Padova, Minerva, 1838 (Parma, INSV); ello, traduzione di Giulio Carcano, Milano, Luigi di Giacomo Pirola, 1852 (Parma, INSV); ello, traduzione di Andrea Maffei, Firenze, successori Le Monnier, 1869 (Parma, INSV); per il punto c): partitura autografa (Milano, Archivio Storico Ricordi); riduzione manoscritta per canto e pianoforte realizzata da Michele Saladino, che consente di ricostruire talune trasformazioni della Canzone del salice e che reca numerose annotazioni di pugno di Verdi (Archivio Storico Ricordi); partitura a stampa dell ello pubblicata da Giulio Ricordi dopo la prima alla Scala (Archivio Storico Ricordi); partitura autografa di Verdi della seconda stesura del grande concertato del terzo atto, riscritto sempre per Parigi. IL LIBRETTO AUTOGRAFO E LE FASI DI ELABORAZIONE Il libretto è il prodotto di un lavoro lento e molto accurato la cui prima stesura risale al periodo tra l estate e l autunno 1879, seguito poi da sette anni di revisioni e ritocchi, spesso su richiesta di Verdi, ma anche attraverso proposte di intervento dello stesso Boito. La copia autografa del testo di Boito consta di sei fascicoli separati, uno per ogni atto più tre differenti stesure dell atto IV. Vi sono contenute delle descrizioni di scena molto ampie, non comprese poi nel libretto a stampa, né nelle disposizioni sceniche di Ricordi, e che comunque proprio come le disposizioni sceniche manifestano la decisa intenzione a precisare tutti i dettagli della messa in scena. Per stabilire quali interventi afferiscono a ciascuna delle fasi di elaborazione, risulta cruciale una attenta considerazione del carteggio e del libretto autografo di Boito. Il testo autografo deve essere considerato dunque come una protoversione, nella quale non era contemplato, ad esempio, il «Credo Scellerato», che viene aggiunto nel Le correzioni e le aggiunte in inchiostro nero sul testo originario costituiscono un primo livello di interventi. Altre correzioni sono aggiunte a pastello blu o rosso e costituiscono, con ogni probabilità, piccole modifiche di dettaglio apportate prima dell edizione a stampa. A parte alcuni decisivi interventi strutturali (come appunto l inserimento del «Credo scellerato») in generale, i numerosi interventi riguardano: a) la sostituzione di forme linguistiche auliche con forme più realistiche (nel primo atto: «avvenente vagheggino» diventa quell «azzimato capitano»; poi a p. 13: Jago: Olà paggi! del vino», diventa: «Qua, ragazzi, del vino»; sempre nell atto primo, scena II, p. 19: «Per sbranarvi l un l altro?... cessi il rombo di quest atra campana!! Onesto Jago, Per quell amor che tu mi porti, parla»; nella 2

3 versione definitiva viene cancellata la frase di mezzo, e il testo diventa: «Per sbranarvi l un l altro?... Onesto Jago, Per quell amor che tu mi porti, parla»). b) l eliminazione di ripetizioni; c) rielaborazioni poetiche su precisa richiesta di Verdi con tanto di abbozzo in prosa dei dialoghi, della scena e dell azione, in lettere relative agli anni IL RAPPORTO CON LE FONTI LETTERARIE L analisi del libretto autografo di Boito ha richiesto un puntuale confronto con le fonti letterarie, soprattutto la traduzione francese dell ello shakespeariano di François-Victor Hugo, ma anche le traduzioni italiane conosciute e consultate da Boito e da Verdi: l edizione del 1838 di Rusconi, la versione in endecasillabi sciolti di Giulio Carcano (pubblicata nel ma preparata sin dal 1852 su richiesta dell attore Ernesto Rossi), infine la versione di Andrea Maffei, anch essa in endecasillabi sciolti. Nella biblioteca di Boito custodita oggi presso la Biblioteca Palatina di Parma sono presenti tre copie del testo originale inglese di Shakespeare. Una di queste, Lipsia 1854, appare molto usata, con numerosi passi sottolineati. Tuttavia non è certo che si tratti di interventi risalenti agli anni di gestazione, sicché l incidenza sulla elaborazione del libretto rimane indimostrata. L impressione di Hepokoski, (Boito and F.-V. Hugo: Magnificent Translation, 1988), è che pur lavorando molto sulla versione inglese per assorbire il testo, Boito non lo utilizzò nella fase vera e propria del lavoro. Né paiono decisive le varie traduzioni italiane; oltretutto, non ne sono presenti nella biblioteca di Boito. Sappiamo però che Boito ne consultò tre: Le traduzioni in versi di Maffei e Carcano e la versione in prosa di Rusconi, 1838, molto diffusa e ben conosciuta anche da Verdi. Vi è un caso nel carteggio, in cui pur riconoscendo entrambi, Verdi e Boito, la poca aderenza al testo originale, essi decidono di adottare un passaggio di Rusconi: Verdi, Sant Agata 8 maggio 1886: «Car Boito, sui tre versi fatti ultimamente ho consultato l originale... For sir were I the Moor I would not be Iago / Perché signor fossi io il Moro io vorrei non esser Iago. Così pure Hugo dice: Si j etais le More je ne voudrais pas être Jago. Anche nella traduzione di Maffei:...Quand io potessi trasformarmi nel Moro essere un Jago già non vorrei... E così la traduzione di Rusconi non è esatta... eppure non mi dispiaceva... Vedermi non vorrei d attorno un Jago» [...] G. Verdi». La risposta di Boito: «Caro Maestro. Quello che sto per scrivere pare una bestemmia: preferisco la frase di Rusconi. Esprime maggiori cose che non esprima il testo, rivela il malo animo di Jago, la buona fede d ello ed annuncia a chi l ode tutta una tragedia di insidie. [...] Boito.» Il verso («Vedermi non vorrei d attorno un Jago», è poi inserita nel testo definitivo del libretto a stampa, atto I, p. 11. Dell importante traduzione di François-Victor Hugo esistono tre versioni, la prima del 1860 e la seconda della metà degli anni Sessanta, leggermente modificata, edite da Pagnerre; la terza, in formato più piccolo e più popolare, era apparsa da Lamerre nel Boito possedeva tutte e tre le 3

4 edizioni. La prima fu quella su cui lavorò molto intensamente, ed è conservata presso il Museo Teatrale alla Scala. La seconda e la terza si trovano a Parma, presso la Biblioteca Palatina. EDIZIONE GENETICA DEL LIBRETTO La parte più consistente del lavoro filologico sulle fonti citate è costituito da una edizione genetica del libretto che dia conto delle stratificazioni del processo creativo. Il modello è il lavoro di Francesco Degrada sul libretto del Macbeth pubblicato in Verdi s Macbeth. A sourcebook, a cura di David Rosen e Andrew Porter. Nel caso specifico, la nostra edizione prevede una trascrizione diplomatica del libretto autografo che rispetti anche le numerazioni e il contenuto dei singoli folii, corredata da un apparato di note che riporti varianti, modifiche e inserimenti divisi per fasi di elaborazione: B1 per la protoversione, B2 per gli interventi successivi, B3 per la versione finale a stampa: L esempio che segue è tratto dall Atto I. La sigla tra parentesi quadre corrisponde ad una numerazione recente segnata a matita in alto di ogni singolo folio; i numeri e lettere in grassetto si riferiscono alla successione recto e verso. [00.d] 3v. [vuota] [0.a] 4r. B1 Lampi! tuoni! gorghi! turbi tempestosi e fulmini! Treman l onde, treman l aure, treman basi e culmini. Fende l etra un torvo e cieco spirto di vertigine, Iddio scuote il ciel bïeco come un tetro vel. Tutto è fumo! tutto è fuoco! L orrida caligine Si fa incendio, poi si spegne più funesta, spasima L universo, accorre a valchi l aquilon fantasima, I titanici oricalchi tuonano 1 nel ciel. Popolani e popolane (Entrano dal fondo molte donne del popolo con gesti di spavento e supplicazione e tutti rivolti verso lo spaldo di destra) Dio, fulgor della bufera! Dio, sorriso della duna! Salva l arca e la bandiera Della veneta fortuna! Dio, che reggi gli astri al Fato! Dio, che imperi al mondo e al ciel! Fa che in fondo al mar placato 4

5 Posi l ancora fedel. Iago. Rodrigo: Coro È infranto l artimon! Il rostro piomba Su quello scoglio! Aita! aita! Iago (a Rodrigo) (L alvo Frenetico del mar sia la sua tomba!) Coro: È salvo! salvo! 1 La parola «tuonano» viene cancellata con un tratto di pastello blu; con il solito inchiostro nero viene scritta la parola «squillano», poi con quattro tratti orizzontali leggermente obbliqui dello stesso inchiostro; e ancora sopra «squillano» è scritto a pastello blu. E in questa forma il verso comparirà in B3 («I titanici oricalchi squillano nel ciel»). Un caso particolarmente complesso è costituito dall ultima scena dell Atto IV, per la quale esistono tre distinte versioni autografe di differente lunghezza che stanno tra loro in relazione non lineare, bensì trasversale: non è cioè possibile stabilire una successione temporale, ma paiono piuttosto tre diverse soluzioni al finale dell opera. Si tratta di un esempio particolarmente interessante di quanto lavoro avesse richiesto la faticosa enucleazione degli snodi drammatici. Eccone qui di seguito un esempio: Confessa Confessa! Confessa! Des Giuro Des Giuro! Pensa che sei sul tuo letto di morte. Confessa e bada allo spergiuro Pensa che sei sul tuo letto di morte. Bada allo spergiuro Pensa che sei sul tuo letto di morte. Des Non per morir. Des Non per morir. Des Non per morir. Per morir tosto. Per morir tosto. Per morir tosto! Des Aita!! Cassio non amo ch ei qui venga ei parli. Des Aita! Cassio non amo ch ei qui venga ei [parli. Des Aita! Cassio non amo ch ei qui venga ei [parli. Chiusa per sempre è la sua bocca. Muto è per sempre. È spento. Des Morto? Des Cielo! Morto? Morto. Son perduta! ei tradito! Des Son perduta! ei tradito! Des Ah! Son perduta. (durante questa lotta si stacca lacerandosi un lembo della cortina e viene a coprire la metà superiore del letto) Ed osi E pianger l osi? E pianger l osi? Piangerlo!? Des Non uccidermi Des ello non uccidermi Des Signor, pietà! Chiedo la vita in dono, la chiedo in nome del passato amor. Mi condanna all esiglio, all abbandono Ma fa ch io viva, fa ch io viva ancor. Tu invano Devi morir Ti difendi. Des Ch io viva ancor Des Doman morrò Ch io viva Questa notte. Giù! Cadi, 2 (a questo punto incomincia l assassinio) Giù! Cadi, Prostituta! No. 5

6 LE FONTI MUSICALI La considerazione delle fonti musicali della partitura autografa di Verdi, delle rielaborazioni per la rappresentazione parigina, della riduzione canto e piano annotata da Verdi consente a questo punto di sondare l insieme delle strategie compositive poste in atto da Verdi sulla base di una più consolidata conoscenza del primo e fondamentale stadio di tutto il processo creativo, e cioè la chiara definizione degli snodi drammatici, dei caratteri espressivi e della concreta materia verbale, per analizzare in modo sistematico: a) come e quanto le articolazioni musicali fossero già prefigurate nella stesura del libretto (stesura alla quale Verdi, come suo solito, aveva partecipato attivamente e in modo determinante); b) quanto e in che modo Verdi abbia effettivamente realizzato ciò che aveva immaginato durante la lunga messa a punto del libretto, e quanto e dove se ne sia invece allontanato; c) dove, infine, è ritornato per un ulteriore definizione della resa drammatica e per quali motivi. CONCLUSIONI A questo stadio del lavoro di ricerca, l ipotesi da mettere alla prova con più accurate analisi filologiche testuali e anche musicali è la seguente: con ello, Boito sembra operare una vera e propria trasmutazione del dramma shakespeariano, non modificandone il contenuto drammatico ma adeguandolo ad una struttura melodrammatica attraverso un processo di sintesi, focalizzazione e rilievo dei passaggi drammatici fondamentali; e orientando il lavoro compositivo di Verdi anche per mezzo di una più articolata e flessibile versificazione, analizzata da Hepokoski e poi da Powers e Ross (vedi in BIBLIOGRAFIA qui di seguito) verso una struttura di dramma aperto, ad azione continua. È attraverso la riduzione unidimensionale di personaggi determinanti come Jago e Desdemona che viene posta in atto una focalizzazione su ello; poiché è su di lui, e su lui soltanto, sulla sua perdita di sé, che è giocato il meccanismo tragico (cfr. Szondi, pp ): perveniamo al compimento della tragedia seguendo le peripezie del suo smarrimento. Infine, il punto di forza del libretto di Boito, la sua grandezza, al di là delle indiscutibili qualità letterarie, risiede nel fatto che attraverso di esso si intuisce dove si sarebbe diretta la musica di Verdi, poiché è chiara l intenzione a sollecitarne, assieme alla forza d impatto, suscitata da parole sceniche d indubbia potenza espressiva, una fluidità e una coerenza drammatica che mancano persino all originale shakespeariano. La riduzione in libretto di Boito e la musica di Verdi paiono puntare consapevolmente, e centrare, proprio questo obiettivo. 6

7 BIBLIOGRAFIA CONSULTATA: FRANCESCO DEGRADA, ello: da Boito a Verdi, in Il Palazzo Incantato: studi sulla tradizione del melodramma dal Barocco al Romanticismo, Fiesole, La Nuova Italia, 1979, pp FRANCESCO DEGRADA, The Scala Macbeth libretto: a genetic edition, in Verdi s Macbeth. A Sourcebook edited by David Rosen and Andrew Porter, New York-London, Norton, 1984, pp DAVID ROSEN, La mess in scena delle opere di Verdi. Introduzione alle «Disposizioni sceniche» Ricordi, in La drammaturgia musicale, a cura di L. Bianconi, Bologna, Mulino, 1986, pp PIERO WEISS, Verdi e la fusione dei generi, in La drammaturgia musicale, a cura di Lorenzo Bianconi, Bologna, Il mulino, 1986, pp JAMES A. HEPOKOSKI, Giuseppe Verdi: ello, Cambridge, Cambridge University Press, JAMES A. HEPOKOSKI, Boito and F.-V. Hugo s «Magnificent Translation»: A Study in the Genesis of the ello Libretto, in Reading Opera, edited by arthur Groos and Roger Parker, Princeton, Princeton University Press, JOSEPH KERMAN, L ello di Verdi: l opera tradizionale e l immagine di Shakespeare, in L opera come dramma, Torino, Einaudi, 1990, pp (ed. or.: Opera as Drama, University of California, 1988). JAMES A. HEPOKOSKI, La disposizione scenica per l ello di Verdi, in JAMES HEPOKOSKI MERCEDES VIALE FERRERO, ello di Giuseppe Verdi, Milano, Ricordi, 1990, pp FRITS NOSKE, ello : dramma attraverso la struttura, in Dentro l opera. Struttura e figura nei drammi musicali di Mozart e Verdi, Venezia, Marsilio, 1993, pp (ed. or.: The Signifier and the Signified. Studies in the Operas of Mozart and Verdi, Oxford University Press, ). HAROLD S. POWERS, Boito rimatore per musica, in Arrigo Boito, a cura di Giovanni Morelli, Firenze, Olshki, 1994, pp GILLES DE VAN, Verdi. Un teatro in musica, Firenze, La Nuova Italia, 1994 (ed. or.: Fayard 1992). PETER SZONDI, Saggio sul tragico, Torino, Einaudi, 1996, particolarmente le pp (ed. or.: Versuch über das Tragische, Frankfurt, Insel Verlag, 1961). PETER ROSS, Mehrdimensionalität als Stilprinzip in Verdis Spätwerk, in La realizzazione scenica dello spettacolo verdiano, atti del congresso internazionale di studi, Parma Teatro Regio-Conservatorio di musica Arrigo Boito, settembre 1994, a cura di Pierluigi Petrobelli e Fabrizio della Seta, Parma, Istituto nazionale di studi verdiani, 1996, pp PIERLUIGI PETROBELLI, La musica nel teatro. Saggi su Verdi e altri compositori, Torino, EdT, DAMIEN COLAS (a cura di), ello. Appunti per la traduzione francese, Milano-Parma, Museo Teatrale alla Scala - Istituto Nazionale di Studi Verdiani, ADRIANA GUARNIERI CORAZZOL, Musica e letteratura in Italia tra tocento e Novecento, Milano, Sansoni, JAMES A. HEPOKOSKI, Musica, dramma e dramma lirico, in ello di Giuseppe Verdi, Teatro alla Scala, stagione , pp LUCA ZOPPELLI, Una drammaturgia borghese, relazione letta al convegno Voglio amore, e amor violento, Bergamo 1998, organizzato dalla Fondazione Donizetti e in corso di stampa. 7

Pietro Abbà Cornaglia

Pietro Abbà Cornaglia Pietro Abbà Cornaglia (1851-1894) Compositore, organista, didatta e critico musicale Palazzo Ghilini, sec. XIX I primi anni Compositore, organista, critico musicale; nato ad Alessandria (Piemonte) il 20

Dettagli

Saranno le opere di questi autori oggetto di studio del progetto Re Sole

Saranno le opere di questi autori oggetto di studio del progetto Re Sole Il Barocco Francese alla Corte del Re Sole Il tema del Progetto affronta un periodo poco conosciuto ma di grande importanza per l evoluzione della musica europea, quello del Barocco Francese della seconda

Dettagli

Università degli Studi di Bari Lingua e Traduzione inglese : 6 CFU Classe A (Cultura lett. Dell Antichità-Cultura Teatrale)

Università degli Studi di Bari Lingua e Traduzione inglese : 6 CFU Classe A (Cultura lett. Dell Antichità-Cultura Teatrale) Università degli Studi di Bari Dipartimento di Lettere, Lingue Arti. Italianistica e Letterature Comparate Corso di Laurea in Lettere (triennale) Lingua e Traduzione inglese Prof.ssa Rosalba De Giosa a.a.2013-2014

Dettagli

I A M L International Association of Music Libraries, Archives and Documentation Centres

I A M L International Association of Music Libraries, Archives and Documentation Centres I A M L International Association of Music Libraries, Archives and Documentation Centres Archivi e biblioteche di musicisti convegno nazionale 30 ottobre 2003 - Roma, Palazzo dei Congressi nell'ambito

Dettagli

BIBLIOTECA DELLA FONDAZIONE G.ROSSINI

BIBLIOTECA DELLA FONDAZIONE G.ROSSINI BIBLIOTECA DELLA FONDAZIONE G.ROSSINI Carta dei Servizi Art.1. Premessa 1.1 Finalità del servizio bibliotecario La Biblioteca della Fondazione Rossini è un servizio specializzato nella raccolta di documenti

Dettagli

Ministero Istruzione Università e Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale

Ministero Istruzione Università e Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale PROGETTAZIONE DI SCENOGRAFIE TRADIZIONALI E MULTIMEDIALI PER TEATRO, TELEVISIONE, SFILATE DI MODA, CONCERTI DI MUSICA, CORTOMETRAGGI E FUMETTI ISPIRATI AL TEATRO. L insegnamento della scenografia, attraverso

Dettagli

CONSERVATORIO DI MUSICA "Licinio Refice " FROSINONE CORSO DI LAUREA IN DISCIPLINE MUSICALI DI SECONDO LIVELLO REGIA DEL TEATRO MUSICALE

CONSERVATORIO DI MUSICA Licinio Refice  FROSINONE CORSO DI LAUREA IN DISCIPLINE MUSICALI DI SECONDO LIVELLO REGIA DEL TEATRO MUSICALE CONSERVATORIO DI MUSICA "Licinio Refice " FROSINONE CORSO DI LAUREA IN DISCIPLINE MUSICALI DI SECONDO LIVELLO REGIA DEL TEATRO MUSICALE PROFILO PROFESSIONALE: Il corso si propone di formare registi per

Dettagli

POESIA NELLA CITTÀ. foto di Andrea Ulivi

POESIA NELLA CITTÀ. foto di Andrea Ulivi POESIA NELLA CITTÀ VERSILIADANZA EDIZIONI DELLA MERIDIANA in collaborazione con COMITATO del CENTENARIO MARIO LUZI 1914-2014 con il sostegno del COMUNE DI FIRENZE - ESTATE FIORENTINA 2014 foto di Andrea

Dettagli

DALLA RAPPRESENTAZIONE DELLO SPETTACOLO ALLA SUA

DALLA RAPPRESENTAZIONE DELLO SPETTACOLO ALLA SUA DALLA RAPPRESENTAZIONE DELLO SPETTACOLO ALLA SUA VALORIZZAZIONE NEL TEMPO Realizzazione di un sistema digitale di catalogazione e fruizione on line dell Archivio storico e audiovisuale del Teatro dell

Dettagli

FENICE EDUCATION scuola secondaria 2 grado a.s. 2014/2015

FENICE EDUCATION scuola secondaria 2 grado a.s. 2014/2015 FONDAZIONE TEATRO LA FENICE DI VENEZIA Area formazione&multimedia FENICE EDUCATION scuola secondaria 2 grado a.s. 2014/2015 In collaborazione con PREMESSA Anche per l anno scolastico 2014/2015 La Fondazione

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

AMAT. associazione marchigiana attività teatrali. città di porto san giorgio. L'amore, la Follia LA STAGIONE TEATRALE DI PORTO SAN GIORGIO 2010-11

AMAT. associazione marchigiana attività teatrali. città di porto san giorgio. L'amore, la Follia LA STAGIONE TEATRALE DI PORTO SAN GIORGIO 2010-11 città di porto san giorgio AMAT associazione marchigiana attività teatrali L'amore, la Follia LA STAGIONE TEATRALE DI PORTO SAN GIORGIO 2010-11 Stagione Culturale Sangiorgese L'amore, la Follia La stagione

Dettagli

DIPARTIMENTO DIDATTICA E FORMAZIONE PROGRAMMAZIONE 2014/2015

DIPARTIMENTO DIDATTICA E FORMAZIONE PROGRAMMAZIONE 2014/2015 DIPARTIMENTO DIDATTICA E FORMAZIONE PROGRAMMAZIONE 2014/2015 Il Teatro dell Opera di Roma, attraverso questo Dipartimento intende avvicinare e coinvolgere i giovani all arte della Danza e della Musica

Dettagli

Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti. per i bambini

Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti. per i bambini 20 15 16 Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti per i bambini Gentili Insegnanti, per la seconda volta il nostro programma si presenta in una veste grafica snella e

Dettagli

Catalogo Librario: Risultati della ricerca

Catalogo Librario: Risultati della ricerca http://www.burcardo.org/catalog/cercalibri.asp?mode=searchitemaction Catalogo Librario: Risultati della ricerca Attore e società / Maricla Boggio. - [Milano : Vita e pensiero, 1968?]. - p. 185-193 ; 26

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Classificazione decimale Dewey Classe 800 Letteratura

Classificazione decimale Dewey Classe 800 Letteratura Classificazione decimale Dewey Classe 800 Letteratura a cura di Marta Ricci 1 Cos è Letteratura per la CDD Si classificano in 800 le opere d immaginazione volte all intrattenimento. Le opere di contenuto

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante COME SI FA UN EDIZIONE CRITICA Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante varie serie di correzioni. Prendiamo come esempio un testo leopardiano molto noto, e particolarmente

Dettagli

Scuola Paolo Grassi Fondazione Scuole Civiche di Milano Via Salasco 4 20136 Milano Tel. 02.58302813 Fax 02. 36661431 info_teatro@scmmi.

Scuola Paolo Grassi Fondazione Scuole Civiche di Milano Via Salasco 4 20136 Milano Tel. 02.58302813 Fax 02. 36661431 info_teatro@scmmi. Scuola Paolo Grassi Fondazione Scuole Civiche di Milano Via Salasco 4 20136 Milano Tel. 02.58302813 Fax 02. 36661431 info_teatro@scmmi.it Tutte le informazioni sulle iscrizioni sono reperibili nel sito

Dettagli

COOPERATIVE LEARNING

COOPERATIVE LEARNING COOPERATIVE LEARNING RELAZIONE ANNO SCOLASTICO 2003-2004 LICEO SCIENTIFICO VILLA SORA INSEGNANTE: LOVAGLIO MARY MATERIA: INGLESE CLASSI: 3 LICEO SCIENTIFICO A/B, 5 LICEO SCIENTIFICO A/B MOTIVAZIONI L apprendimento

Dettagli

VA PENSIERO. Libretto di Temistocle Solera e musica di Giuseppe Verdi - 1847

VA PENSIERO. Libretto di Temistocle Solera e musica di Giuseppe Verdi - 1847 VA PENSIERO Libretto di Temistocle Solera e musica di Giuseppe Verdi - 1847 Si tratta di una delle arie piä famose del Nabucco di Giuseppe Verdi. In scena viene cantata da un coro di ebrei sottomessi all

Dettagli

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO INSEGNAMENTO IL MIO CUORE CANTA LE TUE LODI a cura di Carlo Arditi, Responsabile del Servizio Musica e Canto Nel preparare questa condivisione mi sono accorto che, pur non avendolo fatto apposta, anche

Dettagli

PROGRAMMA. Arena Villa Peripato. 11 luglio "Le più belle canzoni di Lucio Battisti" Mario Rosini piano e voce Vito Andrea Morra direttore

PROGRAMMA. Arena Villa Peripato. 11 luglio Le più belle canzoni di Lucio Battisti Mario Rosini piano e voce Vito Andrea Morra direttore PROGRAMMA LUGLIO Arena Villa Peripato MAGNA GRECIA FESTIVAL ESTATE 2012 11 luglio "Le più belle canzoni di Lucio Battisti" Mario Rosini piano e voce Vito Andrea Morra direttore 17 luglio "Dalla lirica

Dettagli

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI Ricordami Sempre 7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI FORMATI 9 x 13 cm APERTO 9 x 13 cm CHIUSO FORMATI FORMATI 10 x 15 cm APERTO FORMATI 10 x 15 cm CHIUSO ARTE 001_AR 002_AR 003_AR ARTE 004_AR ARTE

Dettagli

S C H E D A D I D A T T I C A

S C H E D A D I D A T T I C A Giulietta e Romeo a r 2 TA TE AT RO n a m i t t e In s o l o Andiamo a Giocare in Teatro! D FA N SCHEDA DIDATTICA Questa è una breve biografia del compositore russo Sergej Prokofiev. Nato nel 1891 e morto

Dettagli

vivo, scrivo, immagino, rappresento Perugia

vivo, scrivo, immagino, rappresento Perugia vivo, scrivo, immagino, rappresento Perugia Un indagine poetica sull anima della città. Testi, disegni, immagini diventano linfa vitale di uno spettacolo. Perugia è la protagonista. Perugia sei tu. www.urbancreactivity.it

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi. In quale luogo puoi ascoltare i dialoghi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. DEVI SCRIVERE LE TUE

Dettagli

UU. D. A. Classe 3^ A.S.2014/15

UU. D. A. Classe 3^ A.S.2014/15 PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE ITALIANO - Anno Scolastico 2014 2015 CLASSE 3^ Conoscenze Lingua Radici storiche ed evoluzione della lingua italiana dal Medioevo al sec. XVII Lingua letteraria e linguaggi della

Dettagli

Progetto OULXLAB. Io sono un cantautore. II edizione. Concorso nazionale per studenti - scuola secondaria di II grado.

Progetto OULXLAB. Io sono un cantautore. II edizione. Concorso nazionale per studenti - scuola secondaria di II grado. Progetto OULXLAB Io sono un cantautore II edizione Concorso nazionale per studenti - scuola secondaria di II grado Oulx (Torino) Soggetti promotori Presentazione del progetto M.I.U.R. Ufficio Scolastico

Dettagli

24 Feb - 1 Mar. 2 Mar - 5 Mar. 16 Mar - 11 Apr

24 Feb - 1 Mar. 2 Mar - 5 Mar. 16 Mar - 11 Apr 24 Feb - 1 Mar MOSTRA FOTOGRAFICA VIRGILIO BARDOSSI 1973-2013, 40 ANNI DA FOTOAMATORE A cura della Federazione Italiana Associazioni Fotografiche con il Comune di Fiesole Apertura: tutti i giorni ore 10/12.30

Dettagli

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra 1 Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra STILEMA / UNOTEATRO di e con Silvano Antonelli collaborazione drammaturgica Alessandra Guarnero Ogniqualvolta si utilizzino e

Dettagli

FONDO EMILIO CECCHI. manoscritti, dattiloscritti, bozze di stampa. Archivio Contemporaneo Alessandro Bonsanti Gabinetto G.P.

FONDO EMILIO CECCHI. manoscritti, dattiloscritti, bozze di stampa. Archivio Contemporaneo Alessandro Bonsanti Gabinetto G.P. Archivio Contemporaneo Alessandro Bonsanti Gabinetto G.P. Vieusseux FONDO EMILIO CECCHI manoscritti, dattiloscritti, bozze di stampa a cura di Margherita Ghilardi FIRENZE, 2009 Fondo Emilio Cecchi CECCHI,

Dettagli

QUAGLIO. (anche Quaglia, Qualio, Qualia)

QUAGLIO. (anche Quaglia, Qualio, Qualia) QUAGLIO (anche Quaglia, Qualio, Qualia) Famiglia di scenografi e pittori tedeschi di origine italiana, attivi nell'area austro-tedesca per sei generazioni (dalla metà del Seicento alla metà del Novecento)

Dettagli

GUIDA ALLA NAVIGAZIONE

GUIDA ALLA NAVIGAZIONE GUIDA ALLA NAVIGAZIONE 1. Accesso al sito La consultazione di AMAtI è subordinata alla registrazione al sito. Per registrarsi è necessario contattare la redazione all indirizzo francesca.simoncini@unifi.it.

Dettagli

Annuario Statistico della Sardegna

Annuario Statistico della Sardegna Annuario Statistico della Sardegna CULTURA Attività culturali e sociali varie Il dominio di riferimento delle statistiche culturali è definito e articolato sulla base del quadro generale raccomandato dall

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

De senectute di Norberto Bobbio Una settimana di riflessioni, incontri, rappresentazioni Torino, lunedì 16 lunedì 23 ottobre 2006

De senectute di Norberto Bobbio Una settimana di riflessioni, incontri, rappresentazioni Torino, lunedì 16 lunedì 23 ottobre 2006 De senectute di Norberto Bobbio Una settimana di riflessioni, incontri, rappresentazioni Torino, lunedì 16 lunedì 23 ottobre 2006 un progetto promosso da Città di Torino con il sostegno di CSI-Piemonte

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

Teatro Sociale di Como AsLiCo

Teatro Sociale di Como AsLiCo CIRCUITO LIRICO LOMBARDO Teatro Sociale di Como AsLiCo 1. Adriana Lecouvreur di Francesco Cilea 2. Ernani di Giuseppe Verdi 3. Falstaff di Giuseppe Verdi 4. Faust di Charles Gounod 5. I Capuleti e i Montecchi

Dettagli

Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12. Livello A1

Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12. Livello A1 Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ Completa con gli articoli (il, lo, la, l, i, gli, le) TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 30 gennaio

Dettagli

MASTER DI I LIVELLO DI AVVIAMENTO AL TEATRO MUSICALE

MASTER DI I LIVELLO DI AVVIAMENTO AL TEATRO MUSICALE Conservatorio Statale Antonio Vivaldi Via Parma 1, 15121 Alessandria Tel. 0131.051500 - Fax 0131.325336 MASTER DI I LIVELLO DI AVVIAMENTO AL TEATRO MUSICALE RIVOLTO A STUDENTI DI CANTO LIRICO E PRATICA

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

La mediazione linguistica a teatro Strategie editoriali di una forma di traduzione audiovisiva di Mauro Conti (2014) 1. La traduzione audiovisiva

La mediazione linguistica a teatro Strategie editoriali di una forma di traduzione audiovisiva di Mauro Conti (2014) 1. La traduzione audiovisiva La mediazione linguistica a teatro Strategie editoriali di una forma di traduzione audiovisiva di Mauro Conti (2014) 1. La traduzione audiovisiva Nel multiforme e mutevole dominio della mediazione linguistica,

Dettagli

Università degli Studi di Bari

Università degli Studi di Bari Università degli Studi di Bari Corso di Laurea magistrale in Filologia moderna / Filologia, Letterature e Storia dell'antichità / Scienze dello Spettacolo e Produzione multimediale / Scienze Filosofiche

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA DELL ACCADEMIA TEATRO ALLA SCALA

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA DELL ACCADEMIA TEATRO ALLA SCALA REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA DELL ACCADEMIA TEATRO ALLA SCALA Art. 1 - Patrimonio e finalità La Biblioteca dell Accademia Teatro alla Scala possiede testi specialistici, musica a stampa, libretti per musica

Dettagli

ISTRUZIONI PER GLI AUTORI. Invio dei testi

ISTRUZIONI PER GLI AUTORI. Invio dei testi ISTRUZIONI PER GLI AUTORI Invio dei testi I contributi vanno inviati esclusivamente alla redazione della rivista al seguente indirizzo di posta elettronica: sociologiadeldiritto@unimi.it Gli articoli devono

Dettagli

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI. Curricolo trasversale Percorso di apprendimento: IL NATALE

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI. Curricolo trasversale Percorso di apprendimento: IL NATALE 1 DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI Curricolo trasversale Percorso di apprendimento: IL NATALE Fascicolo didattico n.18 Elaborazione della figura strumentale per il curricolo

Dettagli

PRATICHE DI SCRITTURA. nel primo ciclo della scuola primaria Daniela Braidotti Cidi Torino

PRATICHE DI SCRITTURA. nel primo ciclo della scuola primaria Daniela Braidotti Cidi Torino PRATICHE DI SCRITTURA nel primo ciclo della scuola primaria Daniela Braidotti Cidi Torino 26 aprile 2012 Perché una didattica della scrittura Si impara a scrivere imparando a pensare e si impara a pensare

Dettagli

Teatro Antico in Scena ALCESTI di Euripide Un corso di recitazione in uno spazio di ricerca universitaria

Teatro Antico in Scena ALCESTI di Euripide Un corso di recitazione in uno spazio di ricerca universitaria FORMAZIONE PERMANENTE FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO DIPARTIMENTO DI FILOLOGIA CLASSICA, PAPIROLOGIA E LINGUISTICA STORICA DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA

Dettagli

Finalità. Sensibilizzare al rispetto di genere per prevenire forme di discriminazione.

Finalità. Sensibilizzare al rispetto di genere per prevenire forme di discriminazione. Finalità. Sensibilizzare al rispetto di genere per prevenire forme di discriminazione. Obiettivi. Suscitare curiosità verso l altro. Indagare sulle diversità e i ruoli. Riconoscere e valorizzare le differenze.

Dettagli

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la Il vero Amore L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la maggior parte delle nostre azioni, inoltre credo che esso sia la cosa più bella che Dio ci ha donato,

Dettagli

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI Comitato Nazionale per le celebrazioni del III centenario della nascita di Pietro Metastasio

Dettagli

PROGRAMMA A.S. 2012/2013

PROGRAMMA A.S. 2012/2013 Istituto Tecnico Commerciale Statale Giuseppe Ginanni Via Carducci, 11, 48121 Ravenna Percorsi di studio: - Amministrazione Finanza e Marketing - Sistemi informativi aziendali - Turismo - Relazioni internazionali

Dettagli

!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Shakespeare s Memories

!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Shakespeare s Memories Shakespeare s Memories di regia e drammaturgia con Scenografia Costumi foto di scena produzione Christian Poggioni Christian Poggioni Christian Poggioni, Lorenzo Volpi, Ermelinda Cakalli Francesca Casati,

Dettagli

Per la strada. Teatro ragazzi

Per la strada. Teatro ragazzi Teatro ragazzi Per la strada Produzione: Eccentrici Dadarò Drammaturgia: Bruno Stori Con: Filippo Ughi Davide Visconti Rossella Rapisarda Regia: Bruno Stori Fabrizio Visconti Scene: Paride Pantaleone Costumi:

Dettagli

WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO

WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 CONTENUTI. Drammaturgia dell oggetto... 5 MODALITÀ DI SVOLGIMENTO... 7 DESTINATARI... 7 OBIETTIVI E FINALITÀ DIDATTICHE... 7 2 PREMESSA Dire

Dettagli

Ministero per i beni e le attività culturali. Biblioteca Nazionale Centrale Firenze. Carta dei servizi

Ministero per i beni e le attività culturali. Biblioteca Nazionale Centrale Firenze. Carta dei servizi Centrale di Firenze Pagina 1 di 10 Ministero per i beni e le attività culturali Biblioteca Nazionale Centrale Firenze Carta dei servizi Biblioteca nazionale centrale di Firenze Piazza Cavalleggeri 1 50122

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI CATERINA MARRAS ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome E-mail. Data di nascita 30 GENNAIO 1979. Nome e indirizzo del datore di lavoro

INFORMAZIONI PERSONALI CATERINA MARRAS ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome E-mail. Data di nascita 30 GENNAIO 1979. Nome e indirizzo del datore di lavoro INFORMAZIONI PERSONALI Nome E-mail CATERINA MARRAS Nazionalità Italiana Data di nascita 30 GENNAIO 1979 ESPERIENZA LAVORATIVA Date Nome e indirizzo del datore di Settore Tipo di impiego DAL 15 GIUGNO 2011

Dettagli

Fondazione Atlantide Teatro Stabile di Verona

Fondazione Atlantide Teatro Stabile di Verona Fondazione Atlantide Teatro Stabile di Verona Che cos è una Fondazione PATRIMONIO ATTIVITA propria ORGANIZZAZIONE propri ORGANI DI GOVERNO scopi educativi, culturali, religiosi, sociali o altri SCOPI DI

Dettagli

corinne.baroni@gmail.com

corinne.baroni@gmail.com C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo VIA S. SEBASTIANO, 2 38121 VILLAMONTAGNA TRENTO (TN) Telefono +39 3479343877 E-mail Nazionalità ITALIANA Data di nascita 19 MARZO 1968

Dettagli

La localizzazione in lingua italiana dell infrastruttura per lo studio dei classici greci e latini costituita dal Perseus Project

La localizzazione in lingua italiana dell infrastruttura per lo studio dei classici greci e latini costituita dal Perseus Project La localizzazione in lingua italiana dell infrastruttura per lo studio dei classici greci e latini costituita dal Perseus Project Federico Boschetti federico.boschetti@ilc.cnr.it Istituto di Linguistica

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

CONSERVATORIO LICINIO REFICE DI FROSINONE ANNO ACCADEMICO 2013-2014 CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO IN DISCIPLINE MUSICALI DI SECONDO LIVELLO: BIENNIO

CONSERVATORIO LICINIO REFICE DI FROSINONE ANNO ACCADEMICO 2013-2014 CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO IN DISCIPLINE MUSICALI DI SECONDO LIVELLO: BIENNIO CONSERVATORIO LICINIO REFICE DI FROSINONE ANNO ACCADEMICO 2013-2014 CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO IN DISCIPLINE MUSICALI DI SECONDO LIVELLO: BIENNIO STORIA DELLA MUSICA E DISCIPLINE RELATIVE E AFFINI STORIA

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo VIA S. SEBASTIANO, 2-38121 VILLAMONTAGNA TRENTO (TN) Telefono +39 3479343877 E-mail corinne.baroni@gmail.com

Dettagli

La scuola all opera Don Giovanni Tenorio ossia Il Convitato di Pietra

La scuola all opera Don Giovanni Tenorio ossia Il Convitato di Pietra La scuola all opera Don Giovanni Tenorio ossia Il Convitato di Pietra Nel passato anno scolastico lo scrivente settore propose il progetto La scuola all opera una serie d'iniziative musicali e didattiche

Dettagli

Corso superiore di recitazione

Corso superiore di recitazione Corso superiore di recitazione Laboratorio propedeutico all'avviamento professionale 3 ore al giorno per 3 volte alla settimana 3 nuovi modi di vivere la nostra scuola: AGILITA', PROFESSIONALITA' E COMPLETEZZA

Dettagli

Liceo Scientifico Statale G. Marconi di Pesaro Convegno di studi storici per docenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado

Liceo Scientifico Statale G. Marconi di Pesaro Convegno di studi storici per docenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado SOTTO L ALTO PATRONATO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LE MARCHE - DIREZIONE GENERALE LE MARCHE: UNA REGIONE LABORATORIO Liceo Scientifico Statale G. Marconi di Pesaro

Dettagli

Coordinatori scientifici e programmi di ricerca di interesse musicologico cofinanziati

Coordinatori scientifici e programmi di ricerca di interesse musicologico cofinanziati Programmi finanziati 1996 BARONI Mario BOLOGNA Grammatica e stile della musica barocca BIANCONI Lorenzo BOLOGNA Drammaturgia dell'opera italiana: studi ed edizioni di libretti CATTIN Giulio Archivio fotografico

Dettagli

EXPO 2015 lacittàteatrodeibambini

EXPO 2015 lacittàteatrodeibambini Associazione CittàTeatro per i bambini via A. Soffredini 75-20126 Milano tel. 02 27002476 - fax 02 27001084 direzionegenerale@teatrodelburatto.it - amministrazione@teatrodelburatto.it EXPO 2015 lacittàteatrodeibambini

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

Emozioni e creatività

Emozioni e creatività Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Voglio che voi vi raffiguriate la tanto usata immagine del Pensatore di Rodin. Voglio che vi immaginiate

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di secondo grado Storia, tradizioni condivise e memorie collettive

Concorso per le scuole secondarie di secondo grado Storia, tradizioni condivise e memorie collettive PROGETTO Costruire la Nazione Concorso per le scuole secondarie di secondo grado Storia, tradizioni condivise e memorie collettive L Associazione educativo-culturale Torino School Time, in collaborazione

Dettagli

Il Cem LIRA per le scuole

Il Cem LIRA per le scuole Il Cem LIRA per le scuole Proposte per l anno scolastico 2015 16 Scuola primaria ( 2 ciclo) G L I S P E T T A C O L I M U S I C A L I Scuola di musica riconosciuta per l'anno scolastico 2015/2016 con determinazione

Dettagli

Programma svolto di Italiano. Classe IV liceo scientifico sez. A. Prof. Paglione Patrizio. L età umanistica

Programma svolto di Italiano. Classe IV liceo scientifico sez. A. Prof. Paglione Patrizio. L età umanistica Programma svolto di Italiano Classe IV liceo scientifico sez. A Prof. Paglione Patrizio L età umanistica Le strutture politiche, economiche e sociali Centri di produzione e di diffusione della cultura

Dettagli

NICOLETTA DACREMA CURRICULUM VITAE

NICOLETTA DACREMA CURRICULUM VITAE NICOLETTA DACREMA Nata a Pavia, 12 ottobre 1963 Via Monti, 12, 27100, Pavia Mobile +39 3381984862 n.dacrema@tin.it CURRICULUM VITAE STUDI 16 luglio 1987 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI Facoltà di Lettere e Filosofia

Dettagli

Milano: a place to BE

Milano: a place to BE Milano: a place to BE Progetto voluto fortemente dal Comune di Milano e dalla Camera di Commercio di Milano, con il sostegno di Expo Milano 2015, per «creare e gestire un programma integrato di attività/eventi

Dettagli

Valerio Ortenzi Paola Corradini

Valerio Ortenzi Paola Corradini Storia dei mass media Valerio Ortenzi Paola Corradini a cura di Giulia Salvi e Rachele Esposito 1 Come è organizzata la comunicazione mediatica La storia del giornalismo ha visto cambiare molto il sistema

Dettagli

Davanti allo specchio di un anniversario

Davanti allo specchio di un anniversario Davanti allo specchio di un anniversario 1. La religiosità popolare è una porzione della cultura di un territorio e di una società, un elemento costitutivo della comune identità. Lo è perché riguarda tutti,

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

178 guida all archivio storico del senato

178 guida all archivio storico del senato 177 Real Casa «Gli atti, coi quali si accertano legalmente le nascite, i matrimonii e le morti dei membri della Famiglia reale, sono presentati al Senato, che ne ordina il deposito nei suoi archivii» (art.

Dettagli

Bando La Fabbrica Teatro dell Opera di Roma Young Artist Program

Bando La Fabbrica Teatro dell Opera di Roma Young Artist Program Bando La Fabbrica Teatro dell Opera di Roma Young Artist Program Il Teatro dell Opera di Roma lancia un innovativo programma di training on the job per le principali professionalità coinvolte nella produzione

Dettagli

Master di II livello in Letteratura, Scrittura e Critica Teatrale

Master di II livello in Letteratura, Scrittura e Critica Teatrale Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Lettere e Filosofia Dipartimento di Filologia Moderna Salvatore Battaglia Master di II livello in Letteratura, Scrittura e Critica Teatrale diretto

Dettagli

Storia dell opera, arti e mestieri del teatro, educazione al canto, laboratori di drammaturgia, arti visive. Magia dell'opera.

Storia dell opera, arti e mestieri del teatro, educazione al canto, laboratori di drammaturgia, arti visive. Magia dell'opera. Storia dell opera, arti e mestieri del teatro, educazione al canto, laboratori di drammaturgia, arti visive Il Barbiere di Siviglia Gioachino Rossini Edizione 2009 L edizione 2009 del progetto Magia dell

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini Nella scuola dell'infanzia non si può parlare di vere e proprie "discipline", bensì di CAMPI DI ESPERIENZA educativa. Con questo termine si indicano i diversi ambiti del fare e dell'agire e quindi i settori

Dettagli

La mia Parigi. le fotografie dei lettori di www.altraparis.com - n.2 - ottobre 2011. ALT A éditions

La mia Parigi. le fotografie dei lettori di www.altraparis.com - n.2 - ottobre 2011. ALT A éditions La mia Parigi le fotografie dei lettori di www.altraparis.com - n.2 - ottobre 2011 ALT A éditions R La mia Parigi le fotografie dei lettori di www.altraparis.com - n.2 - ottobre 2011 Rosario Galetti ALT

Dettagli

CROMOGLASS PER IL SACRO E FUNERARIO

CROMOGLASS PER IL SACRO E FUNERARIO VENETO VETRO SRL Veneto Vetro da 50 anni porta il processo di trasformazione del vetro ai massimi livelli. Grazie ad una lunga esperienza unita a ricerca di prodotto, di processo, competenza, professionalità

Dettagli

La durata del corso è di un anno e il titolo di Master è rilasciato, previo superamento della prova finale, agli studenti che conseguono 60 crediti.

La durata del corso è di un anno e il titolo di Master è rilasciato, previo superamento della prova finale, agli studenti che conseguono 60 crediti. BANDO MASTER Operatori in Teatro-Educazione anno 2008/2009 Obiettivi formativi Il Master, di primo livello e di durata annuale, intende formare una figura professionale capace di ideare, progettare e promuovere

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: Italiano PROFESSORE: SCUDERI MARIA CLASSE: III D - Turismo A.S.: 2015/2016 DATA: 28\10\2015 SOMMARIO 1.

Dettagli

Nome MONICA GATTINI BERNABÒ Indirizzo via Cosimo del Fante, 6-20122 Milano Telefono 02 58311184 - cell. + 39 393 9370434 Fax 02 36595612 E-mail

Nome MONICA GATTINI BERNABÒ Indirizzo via Cosimo del Fante, 6-20122 Milano Telefono 02 58311184 - cell. + 39 393 9370434 Fax 02 36595612 E-mail F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MONICA GATTINI BERNABÒ Indirizzo via Cosimo del Fante, 6-20122 Milano Telefono 02 58311184 - cell. + 39 393 9370434 Fax 02 36595612

Dettagli

Richard Wagner. l opera non fa più paura! 3 6 anni. 7 15 anni. 15 18 anni. 9 15 anni

Richard Wagner. l opera non fa più paura! 3 6 anni. 7 15 anni. 15 18 anni. 9 15 anni l opera non fa più paura! Con il sostegno di Richard Wagner 3 6 anni 7 15 anni 15 18 anni 9 15 anni EDIZIONE V Uno spettacolo di 40 minuti, con attore, cantante e pianoforte e con la partecipazione attiva

Dettagli

ITALIANO TESTO 1. Enrico Caruso

ITALIANO TESTO 1. Enrico Caruso ITALIANO TESTO 1 Enrico Caruso 1 10 1 20 2 30 3 40 4 Enrico Caruso nacque a Napoli, il 2 febbraio 1873 e vi morì il 2 agosto 1921. I suoi genitori, Marcellino e Anna Baldini, si erano sposati il 21 agosto

Dettagli

ML 160 PROGRAMMA SVOLTO

ML 160 PROGRAMMA SVOLTO Pagina 1 di 6 ANNO SCOLASTICO 2012/13 CLASSE 2PA DOCENTE: Giovanni De Nardus DISCIPLINA ITALIANO LIBRO DI TESTO IN ADOZIONE: AUTORE: N: BOTTA TITOLO: Galeotto fu il libro (Il testo narrativo, Il testo

Dettagli

Tabella A ORDINAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO CONSERVATORI

Tabella A ORDINAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO CONSERVATORI Tabella A ORDINAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO CONSERVATORI DIPARTIMENTO DEGLI STRUMENTI AD ARCO E A CORDA SCUOLA DI ARPA DCPL01 - CORSO DI

Dettagli

Presentazione: "La stampa italiana nel Fondo F. Gallina"

Presentazione: La stampa italiana nel Fondo F. Gallina 1. Basilicata Potenza Biblioteca Nazionale Mostra: Una memoria prodigiosa: il libro Sala Mostre In collaborazione con l Associazione "Amici della Biblioteca Nazionale" Mostra: Dalla Mephitis al sistema

Dettagli