Verso una infrastruttura di calcolo aperta e flessibile: risorse multipiattaforma nella GRID di produzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Verso una infrastruttura di calcolo aperta e flessibile: risorse multipiattaforma nella GRID di produzione"

Transcript

1 CASPUR,Roma, 26-27/3/2009 Riunione IGI-TF-Progettazione Verso una infrastruttura di calcolo aperta e flessibile: risorse multipiattaforma nella GRID di produzione G. Bracco, A. Santoro, C. Scio*, A. Rocchi, S. Migliori, A. Quintiliani, S. Podda ENEA FIM, C.R. ENEA Frascati Via. E. Fermi Frascati ROMA (Italy) (*) Esse3Esse, Roma, Italy

2 Contenuto ENEA-GRID e l'interoperabilità con altre infrastrutture SPAGO: un metodo per implementare in modo semplice un gateway e alcuni esempi L'esperienza della partecipazione in EGEE Considerazioni su IGI

3 ENEA-GRID Si basa su: OpenAFS (shared filesystem) LSF Multicluster (resource manager)

4 Hardware sistema più rilevante: CRESCO HPC, Portici (NA) #125 in Top500 Giugno/2008 (#2 in Italia) 17.1 Tflops, 300 hosts, 2720 cores, InfiniBand 4xDDR altre risorse: ~100 hosts ~650 cpu AIX: IBM SP5 256 cpu (12 p GHz, 16 cpu + 1 p Ghz, 64 cpu, 1.5 Tflops); SP4, 96 cpu, Frascati (Roma) SGI Altix 350 (IA64) 32 cpu Casaccia (Roma) & Onyx Cray XD1 24 cpu Casaccia (Roma) Linux clusters 32/x86_64; Apple cluster; Windows servers Software Risorse di calcolo ENEA-GRID Codici commerciali (fluent, ansys, abaqus, nastran,...) Codici di ricerca ed open source (CPMD, MCNP, OpenFoam,...) Ambienti di calcolo (Matlab, IDL,...)

5 Le GRID sono tante e varie Grid5000 [W.Gentzsch EGEE'07, Budapest]

6

7 ENEA-GRID Per l'interoperabilità: gateway ad es: ENEA-GRID/gLite Interface: LSF Multicluster AFS AFS users Interface: glite 1) da ENEA-GRID a glite 2) da glite a ENEA-GRID

8 da ENEA-GRID a Glite Gateway

9 da glite a ENEA-GRID Shared Proxy Approach for GRID Objects (SPAGO) GRID (RB) Firewall DMZ glite CE Resource manager (LSF/PBS) Prompt invocation (LSF, PBS or scripted SSH) I/O Files glite Proxy ENEA-GRID WN/UNIX WN/UNIX shared Filesystem(AFS, NFS, GPFS,...) glite non è installata localmente sui WN CE + Proxy = Gateway

10 Ridirezione dei comandi sul ProxyWN utilizzando wrappers installati sui WN glite Standard WN: JOBSCRIPT Globus-url-copy input-file JOB Globus-url-copy output-file SPAGO WN: JOBSCRIPT Globus-url-copy input-file lsrun -m proxy Globus-url-copy input-file JOB Globus-url-copy output-file lsrun -m proxy Globus-url-copy output-file lsrun: prompt job execution

11 Esempi di applicazione Il sito ENEA-INFO di EGEE mette nella griglia di produzione risorse AIX usando il metodo SPAGO utilizzando AFS come file system condiviso e lsrun come comando di prompt execution 3 Frame SP4: 96 cores AIX AIX IRIX Altix MacOSX Any Linux CRAY A scopo di demo (Conferenza EGEE'08, Istanbul, sono state messe in GRID anche altre architetture UNIX

12 Interoperabilità PON/GRISU: CRESCO/PI2S2/Cybersar/SCOPE/SPACI 500 cores, RH 5.1 con SPAGO AIX Altix IRIX MacOS Any Linux CRAY SISSA/Democritos: 200 cores/pbs della rete regionale del Friuli condivisi con EU-IndiaGRID tramite SPAGO

13 Come integrare meglio SPAGO in una griglia di produzione basata glite Variabili SPAGO nei profili di configurazione ig-wnx,cex Pacchetti software SPAGO-friendly: quali comandi ha senso siano wrappati, un flag? Aggiunta di informazioni nell'information Service Test SAM: solo Linux! Difficoltà di implementazione L'amministratore dei WN dovrebbe poter fare l'override delle variabili d'ambiente (L'ambiente del CE e del WN dovrebbero essere disaccoppiati) Il software del WN dovrebbe essere rilocabile (anche nei riferimenti dal CE) Manutenzione all'evolvere di glite: transizione glite 3.0 -> 3.1 Configurazione dei pool account

14 Esperienza come resource provider in una vera GRID di produzione. Il minimo di macchine dedicate per mettere in GRID le risorse locali e permettere gli utenti locali di accedere alla GRID. CE (glite 3.1, lcgce) + BDII locale SE MON UI Esperienza ENEA in EGEE (1) [Proxy Worker Node (SPAGO)] una DMZ dedicata, una Registration Authority Impegno risorse umane: 2 FTE

15 Osservazioni architetturali glite è un software complesso a lasagna frutto di processo di tipo evolutivo efficace ma poco elegante : porting difficile L'architettura è poco flessibile: 1 CE per ogni risorsa omogenea in generale non è chiaro perchè CE/SE/BDII/MON/.. debbano essere macchine distinte Mancanza di supporto MPI & HOME su file system condiviso. Accounting: problemi di riservatezza dei dati interni Firewall/DMZ Esperienza ENEA in EGEE (2) Il lato organizzativo: Difficoltà di interazione e feedback con gli sviluppatori

16 Verso IGI IGI deve giustificare la propria esistenza in base a considerazioni di ottimizzazione dell'utilizzo delle risorse investite in un paese fortemente arretrato nel campo delle risorse per il calcolo avanzato flessibilità di accesso e facilità di utilizzo di tutte le risorse creazione di comunità per le applicazioni deve essere una struttura di produzione orientata sia al calcolo distribuito che quello ad alte prestazioni deve essere attraente per gli utenti ed i resource provider: semplicità e flessibilità del middleware deve essere il contesto dove le esperienze nazionali nel campo del GRID computing possano portare contributi sia di infrastruttura ma anche architetturali. deve analizzare/integrare i risultati l'evoluzione tecnologica in corso (CLOUDs?...)

FARO Accesso Web a risorse remote per l industria e la ricerca

FARO Accesso Web a risorse remote per l industria e la ricerca FARO Accesso Web a risorse remote per l industria e la ricerca A. Rocchi, S. Pierattini, G. Bracco, S. Migliori, F. Beone, C. Sciò, A. Petricca alessio.rocchi@enea.it Overview Scopi di progetto Scenario

Dettagli

PROGETTO: TELEGRID - Piattaforma per lo sviluppo di soluzioni avanzate di GRID computing e la teleoperazione di strumenti scientifici complessi

PROGETTO: TELEGRID - Piattaforma per lo sviluppo di soluzioni avanzate di GRID computing e la teleoperazione di strumenti scientifici complessi Programma Operativo Nazionale 2000-2006 Ricerca Scientifica, Sviluppo Tecnologico, Alta Formazione Misura II.2 Società dell Informazione per il Sistema Scientifico Meridionale. PROGETTO: TELEGRID - Piattaforma

Dettagli

ENEA GRID un'infrastruttura al servizio della ricerca e delle imprese

ENEA GRID un'infrastruttura al servizio della ricerca e delle imprese ENEA GRID un'infrastruttura al servizio della ricerca e delle imprese Francesco Beone Alessio Rocchi Cristina Baracca Patrizia Ornelli Silvio Migliori Nasce nel 1998 con 6 cluster geografici nazionali

Dettagli

L'architettura di ENEA-GRID, infrastruttura distribuita per la condivisione di risorse informatiche dedicate al calcolo scientifico

L'architettura di ENEA-GRID, infrastruttura distribuita per la condivisione di risorse informatiche dedicate al calcolo scientifico Conferenza GARR 2005 La rete dapertutto Pisa 10-13 maggio 2005 L'architettura di ENEA-GRID, infrastruttura distribuita per la condivisione di risorse informatiche dedicate al calcolo scientifico S. Migliori,

Dettagli

ESPERIMENTI DI CLOUD COMPUTING IN ENEA-GRID

ESPERIMENTI DI CLOUD COMPUTING IN ENEA-GRID Conferenza GARR 2011, Bologna 8-10/11/2011 Abstract per una Presentazione Orale. ESPERIMENTI DI CLOUD COMPUTING IN ENEA-GRID G. Ponti, A. Secco 1, F. Ambrosino, G. Bracco, R. Ciavarella, A. Colavincenzo

Dettagli

Esperimenti di Cloud Computing in ENEA-GRID

Esperimenti di Cloud Computing in ENEA-GRID Conferenza GARR 2011 Bologna, 8-10 Novembre Esperimenti di Cloud Computing in ENEA-GRID Ing. Giovanni Ponti, Ph.D. ENEA C.R. Portici giovanni.ponti@enea.it Joint work with A. Secco, F. Ambrosino, G. Bracco,

Dettagli

MAGO CRESCO - SPI.2. Relazione finale sul Progetto MAGO. Consorzio Campano di Ricerca per l Informatica e l Automazione Industriale S.c.a.r.l.

MAGO CRESCO - SPI.2. Relazione finale sul Progetto MAGO. Consorzio Campano di Ricerca per l Informatica e l Automazione Industriale S.c.a.r.l. CRESCO - SPI.2 MAGO Relazione finale sul Progetto MAGO Relativo al contratto tra ENEA e CRIAI avente per oggetto: Analisi e Realizzazione di tool innovativi a supporto delle funzionalità GRID stipulato

Dettagli

Una cella OpenAFS su un portatile utilizzando l'emulatore opensource Qemu

Una cella OpenAFS su un portatile utilizzando l'emulatore opensource Qemu Linux Day 2004, 27/11/2004 Facoltà di Ingegneria Tor Vergata Una cella OpenAFS su un portatile utilizzando l'emulatore opensource Qemu G. Bracco ENEA INFO [Servizio Centralizzato Informatica e Reti] bracco@frascati.enea.it

Dettagli

Software Libero infrastrutturale: l'esperienza ENEA. Antonio Colavincenzo Gianfilippo Giannini

Software Libero infrastrutturale: l'esperienza ENEA. Antonio Colavincenzo Gianfilippo Giannini Software Libero infrastrutturale: l'esperienza ENEA Antonio Colavincenzo Gianfilippo Giannini 1 Kelyon Fonda il suo business esclusivamente sull'open source Offre soluzioni open per il settore pharma,

Dettagli

Prospettive dei servizi cloud in ENEA-GRID

Prospettive dei servizi cloud in ENEA-GRID Workshop congiunto INFN CCR GARR 2012 Napoli, 14-17 Maggio Prospettive dei servizi cloud in ENEA-GRID Ing. Giovanni Ponti, Ph.D. ENEA C.R. Portici giovanni.ponti@enea.it Sommario Introduzione al Cloud

Dettagli

Il middleware INFNGRID Certification Authority Virtual Organization Servizi core Servizi collective Servizi di supporto al deployment e per la

Il middleware INFNGRID Certification Authority Virtual Organization Servizi core Servizi collective Servizi di supporto al deployment e per la Architettura del middleware INFNGRID e piano di deployment sull'infrastruttura SCoPE Gennaro Tortone INFN Napoli 21 febbraio 2007 Indice Il middleware INFNGRID Certification Authority Virtual Organization

Dettagli

L'infrastruttura ENEA-GRID

L'infrastruttura ENEA-GRID L'infrastruttura ENEA-GRID caratteristiche, funzionalità, applicazioni Ing. Fiorenzo Ambrosino, Ph.D. ENEA UTICT-HPC C.R. Portici 24 Giugno 2013 Sommario Panoramica sull'enea L'Unità Tecnica ICT (UTICT)

Dettagli

I servizi di supporto all'utenza

I servizi di supporto all'utenza Workshop A-GRID/CRESCO A Roma Sede Lungotevere Thaon di Revel, 76 Roma, I servizi di all'utenza G. Guarnieri guido.guarnieri@enea.it A Centro Ricerche Portici P.le Enrico Fermi 1, Portici (NAPOLI) D.Abate,F.Ambrosino,F.Beone,G.Bracco,B.Calosso,M.Caporicci,

Dettagli

Incontro dei Ricercatori dell Area di Ricerca con gli studenti di Roma e dei Castelli

Incontro dei Ricercatori dell Area di Ricerca con gli studenti di Roma e dei Castelli Incontro dei Ricercatori dell Area di Ricerca con gli studenti di Roma e dei Castelli Antonio Perozziello Fabrizio Poggi ENEA UTICT HPC ENEA UTICT HPC Gli Enti di Ricerca nell Area Romana L Area di Ricerca

Dettagli

STRUMENTI INNOVATIVI PER LA GRID ENEA

STRUMENTI INNOVATIVI PER LA GRID ENEA STRUMENTI INNOVATIVI PER LA GRID ENEA Presentazione: Salvatore Raia Autori: S. Raia, A. Funel, G. Guarnieri, F. Ambrosino (Portici) A. Rocchi (C.R. Frascati) S.V.: S. Migliori, S. Podda, G. Bracco C.R.

Dettagli

Griglie computazionali

Griglie computazionali Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno IL MIDDLEWARE Richiami sulla caratterizzazione dei sistemi GRID Il Concetto di Virtual

Dettagli

L'ambiente Linux in ENEA GRID e il suo utilizzo nel campo delle ricerche sulla Fusione controllata

L'ambiente Linux in ENEA GRID e il suo utilizzo nel campo delle ricerche sulla Fusione controllata Linux Meeting 2002, 11-12 ottobre 2002, Facoltà di Ingegneria dell'università di Roma La Sapienza L'ambiente Linux in ENEA GRID e il suo utilizzo nel campo delle ricerche sulla Fusione controllata G. Bracco,

Dettagli

La soluzione ENEA per l'ict a supporto della Scienza

La soluzione ENEA per l'ict a supporto della Scienza Scienza Orienta 2006 Università Tor Vergata, Roma 13-17 Febbraio 2006 La soluzione ENEA per l'ict a supporto della Scienza G. Bracco ENEA INFO [Servizio Centralizzato Informatica e Reti] bracco@frascati.enea.it

Dettagli

Identificazione documento. Approvazioni. Variazioni DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II. Centro di Ateneo per i Servizi Informativi

Identificazione documento. Approvazioni. Variazioni DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II. Centro di Ateneo per i Servizi Informativi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Identificazione documento Titolo Tipo Nome file Livelli di servizio Documentazione SIS_sla_v3 Approvazioni Nome Data Firma Redatto da Pollio 25/11/2010 Revisionato

Dettagli

Amministrazione e configurazione dell interfaccia. Alessio Rocchi ENEA Frascati 01.03.2010

Amministrazione e configurazione dell interfaccia. Alessio Rocchi ENEA Frascati 01.03.2010 Amministrazione e configurazione dell interfaccia Alessio Rocchi ENEA Frascati 01.03.2010 Sommario Architettura Amministrazione di FARO Best practices e troubleshooting Architettura Applicazione integrata

Dettagli

Identificazione documento. Approvazioni. Variazioni DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II. Centro di Ateneo per i Servizi Informativi

Identificazione documento. Approvazioni. Variazioni DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II. Centro di Ateneo per i Servizi Informativi Identificazione documento Titolo Tipo Nome file Livelli di servizio Documentazione SIS_sla_v2 Approvazioni Nome Data Firma Redatto da Pollio 25/11/2010 Revisionato da Barone 14/01/2011 Approvato da Barone

Dettagli

ENEA GRID. CRESCO: Corso di introduzione. Autore: Alessandro Secco alessandro.secco@nice-italy.com

ENEA GRID. CRESCO: Corso di introduzione. Autore: Alessandro Secco alessandro.secco@nice-italy.com ENEA GRID CRESCO: Corso di introduzione Autore: Alessandro Secco alessandro.secco@nice-italy.com 1 Lezione 1 Introduzione Architettura Connessione Lancio di job Riferimenti 2 Introduzione 3 Introduzione

Dettagli

Prestazioni computazionali di OpenFOAM sul. sistema HPC CRESCO di ENEA GRID

Prestazioni computazionali di OpenFOAM sul. sistema HPC CRESCO di ENEA GRID Prestazioni computazionali di OpenFOAM sul sistema HPC CRESCO di ENEA GRID NOTA TECNICA ENEA GRID/CRESCO: NEPTUNIUS PROJECT 201001 NOME FILE: NEPTUNIUS201001.doc DATA: 03/08/10 STATO: Versione rivista

Dettagli

Laboratorio Virtuale per la Didattica

Laboratorio Virtuale per la Didattica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Gruppo Tecnico Trasversale Laboratorio Virtuale per la Didattica G.B. Barone x, V. Boccia y, D. Bottalico z, L. Carracciuolo w. Maggio 2011 (BOZZA) x Università

Dettagli

Griglie computazionali LEZIONE N. 10. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno

Griglie computazionali LEZIONE N. 10. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno LEZIONE N. 10 Tecnologie di Storage; DAS, NAS, SAN Esempio di SRM: StoRM 1 Introduzione

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno

Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno LEZIONE N. 16 Resource Management Systems: PBS, MAUI Il Computing Element Griglie computazionali

Dettagli

L'ambiente Linux x86 in ENEA e il suo utilizzo nel campo delle ricerche sulla Fusione controllata

L'ambiente Linux x86 in ENEA e il suo utilizzo nel campo delle ricerche sulla Fusione controllata Seminario presso INFO ENEA Bologna, 17 ottobre 2002 L'ambiente Linux x86 in ENEA e il suo utilizzo nel campo delle ricerche sulla Fusione controllata G. Bracco bracco@frascati.enea.it http://fusfis.frascati.enea.it/~bracco

Dettagli

ENEA-GRID attività in corso

ENEA-GRID attività in corso ENEA-GRID attività in corso (febbraio 2007) G. Bracco Contenuto attività ordinaria sito progetto" eneagrid http://www.afs.enea.it/project/eneagrid WARC: password WARC: progetti software migrazione HOME

Dettagli

Catalogo Corsi E-learning UTICT PRA Giugno 2012

Catalogo Corsi E-learning UTICT PRA Giugno 2012 Catalogo Corsi E-learning UTICT PRA Giugno 2012 UTICT PRA GRUPPO E-LEARNING o o o o Andrea Quintiliani (Responsabile progetti e-learning) Patrizia Mauro (Responsabile sistema e-learning) Andrea Corleto

Dettagli

ENEA GRID. Corso di introduzione all'uso ed all'amministrazione. Autore: Alessandro Secco alessandro.secco@nice-italy.com

ENEA GRID. Corso di introduzione all'uso ed all'amministrazione. Autore: Alessandro Secco alessandro.secco@nice-italy.com ENEA GRID Corso di introduzione all'uso ed all'amministrazione Autore: Alessandro Secco alessandro.secco@nice-italy.com 1 Lezione 4 Riepilogo lezione 3 LSF: Job environment LSF: Lancio di un job multi-caso

Dettagli

CRESCO. Centro computazionale di RicErca sui Sistemi COmplessi. Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Matematica Applicata

CRESCO. Centro computazionale di RicErca sui Sistemi COmplessi. Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Matematica Applicata CRESCO Centro computazionale di RicErca sui Sistemi COmplessi Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Matematica Applicata Università di Salerno Responsabile Unità Operativa Prof. Ciro D Apice Attività

Dettagli

Modalità di utilizzo dei server di calcolo del C.E.D. di Frascati

Modalità di utilizzo dei server di calcolo del C.E.D. di Frascati Modalità di utilizzo dei server di calcolo del C.E.D. di Frascati 1 Macchine per lavori interattivi e batch Nome macch. Arc. Sist. Oper. N cpu RAM Freq. sp3-1 Power III AIX 5.1.3 16 16 GB 375 MHz sp3-2

Dettagli

INTEGRAZIONE delle FARM di Sezione e di Grid Consiglio di Sezione 8 ottobre 2007 Tullio Macorini Lucio Strizzolo

INTEGRAZIONE delle FARM di Sezione e di Grid Consiglio di Sezione 8 ottobre 2007 Tullio Macorini Lucio Strizzolo n 1 L integrazione tra macchine della farm di sezione e macchine della farm di GRID è già una realtà. L integrazione è stata possibile grazie ad alcuni fattori determinanti: Distribuzione degli RPM del

Dettagli

Si digita login e password e si clicca su accedi. Si apre la finestra di collegamento:

Si digita login e password e si clicca su accedi. Si apre la finestra di collegamento: Corso di Laurea Specialistica Ingegneria Informatica Laboratorio di Calcolo Parallelo Prof. Alessandra d Alessio GUIDA AL LABORATORIO DI CALCOLO PARALLELO Il progetto SCoPE (www.scope.unina.it) ha messo

Dettagli

Le novità della infrastruttura ICT ENEA per il calcolo scientifico e il supporto alle attività progettuali

Le novità della infrastruttura ICT ENEA per il calcolo scientifico e il supporto alle attività progettuali ICT E SUPERCALCOLO AL SERVIZIO DI RICERCA E IMPRESE ENEA Roma Sede 17 Marzo 2015 Le novità della infrastruttura ICT ENEA per il calcolo scientifico e il supporto alle attività progettuali G.Bracco bracco@enea.it

Dettagli

DHTCS-IT Distributed High Throughput Computing and Storage in Italy

DHTCS-IT Distributed High Throughput Computing and Storage in Italy DHTCS-IT Distributed High Throughput Computing and Storage in Italy Giuliano Taffoni Fabio Pasian Claudio Vuerli Istituto Nazionale di Astrofisica O.A.Trieste Workshop ICT INAF, Pula (Cagliari), 16-19

Dettagli

Sommario. Introduzione al problema Infrastruttura realizzata Procedure di ottimizzazione Validazione Conclusioni

Sommario. Introduzione al problema Infrastruttura realizzata Procedure di ottimizzazione Validazione Conclusioni Sommario Introduzione al problema Infrastruttura realizzata Procedure di ottimizzazione Validazione Conclusioni 2 Il cluster INFN Perugia Oltre 250 cpu e 40TB di spazio dati 9 gruppi, 100 utenti locali

Dettagli

Infrastrutture distribuite di calcolo ed archiviazione

Infrastrutture distribuite di calcolo ed archiviazione Infrastrutture distribuite di calcolo ed archiviazione Grid e Cloud Computing Contenuti Grids & Clouds Esempi l ambito e-health Conclusioni 2 La Grid Grids&Clouds La Grid e un idea che nasce 15 (!) anni

Dettagli

Documento Tecnico Operativo (a cura del gruppo di lavoro tecnico operativo 1 ) 18/02/2008

Documento Tecnico Operativo (a cura del gruppo di lavoro tecnico operativo 1 ) 18/02/2008 Interoperabilità tra i progetti PON dell Avviso 1575/2004 Documento Tecnico Operativo (a cura del gruppo di lavoro tecnico operativo 1 ) 18/02/2008 INTRODUZIONE... 2 1. TAG DI RUNTIME...2 DEFINIZIONE DELLE

Dettagli

Griglie computazionali LEZIONE N. 14. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno

Griglie computazionali LEZIONE N. 14. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno LEZIONE N. 14 OGSA, OGSI e WSRF Gli Standard OGF Griglie computazionali - a.a. 2009-10

Dettagli

Accesso integrato a risorse computazionali: stato e prospettive

Accesso integrato a risorse computazionali: stato e prospettive Accesso integrato a risorse computazionali: stato e prospettive D. Salomoni Davide.Salomoni@cnaf.infn.it INFN-CNAF CdC CNAF, 15/12/2009 D. Salomoni (INFN-CNAF) Accesso integrato a risorse di calcolo CdC

Dettagli

Integrare AFS e GPFS in modo trasparente per l'utente: una applicazione di AFS OSD

Integrare AFS e GPFS in modo trasparente per l'utente: una applicazione di AFS OSD Integrare AFS e GPFS in modo trasparente per l'utente: una applicazione di AFS OSD Hartmut Reuter reuter@rzg.mpg.de Introduzione AFS OSD o col nome completo OpenAFS + Object Storage è stato sviluppato

Dettagli

Sommario. Oracle Database 10g (laboratorio) Grid computing. Oracle Database 10g. Concetti. Installazione Oracle Database 10g

Sommario. Oracle Database 10g (laboratorio) Grid computing. Oracle Database 10g. Concetti. Installazione Oracle Database 10g Sommario Oracle Database 10g (laboratorio) Dr. Daniele Barone Dr. Simone Grega 1 2 Oracle Database 10g Offre alte qualità del servizio: Performance; Scalabilità; Sicurezza; Affidabilità. Gestione autonoma

Dettagli

IBM & i3p: l IBM Innovation Center Torino, 6 aprile 2011

IBM & i3p: l IBM Innovation Center Torino, 6 aprile 2011 IBM & i3p: l IBM Innovation Center Torino, 6 aprile 2011 IBM Innovation Center: cos è E un centro (FISICO) attraverso il quale mette a disposizione hardware IBM, middleware (non solo IBM) e le competenze

Dettagli

Network & Security Management System Administration

Network & Security Management System Administration Curriculum Vitae Informazioni personali Nome / Cognome Indirizzo Mirko Corosu Via Ferrara 93/16, 16127 Genova, Italia Telefono +39 010 Cellulare: Fax E-mail mirko.corosu@gmail.com Cittadinanza Italiana

Dettagli

Cos'é una (Computing) GRID?

Cos'é una (Computing) GRID? Incontro Borsisti Progetto Lauree Scientifiche Perugia, 26 agosto 1 settembre 2007 Cos'é una (Computing) GRID? Istituto Nazionale Fisica Nucleare Sezione di Perugia Università Studi di Perugia Perché il

Dettagli

Sun N1 Grid Engine l alternativa open al calcolo distribuito. Gian Luca Farina Perseu Responsabile Sviluppo Software admin Srl

Sun N1 Grid Engine l alternativa open al calcolo distribuito. Gian Luca Farina Perseu Responsabile Sviluppo Software admin Srl Sun N1 Grid Engine l alternativa open al calcolo distribuito Gian Luca Farina Perseu Responsabile Sviluppo Software admin Srl Agenda: Il mondo HPC Sun N1 Grid Engine DRMAA Demo GECO (Open Source) admin

Dettagli

i5/os per processi di business efficienti e flessibili

i5/os per processi di business efficienti e flessibili L ambiente operativo integrato leader nel settore i5/os per processi di business efficienti e flessibili Caratteristiche principali Middleware integrato per processi di business efficienti. Funzioni integrate

Dettagli

Hepix Spring 2006 Report Roberto Gomezel

Hepix Spring 2006 Report Roberto Gomezel Hepix Spring 2006 Report Roberto Gomezel CCR 5-6 giugno 2006 Spring meeting 2006 La riunione primaverile è stata organizzata dal CASPUR presso le sale riunioni CNR a Roma Organizzazione ha evidenziato

Dettagli

PARTE 4 La Macchina Software

PARTE 4 La Macchina Software PARTE 4 La Macchina Software 94 Macchina Hardware e Macchina Software applicativi sistema operativo macchina hardware Agli albori dell'informatica, si programmava in binario, cioe` in linguaggio macchina,

Dettagli

Grid Middleware: L interazione con IPv6. Valentino R. Carcione valentino.carcione@garr.it GARR. [GARR WS7-Roma-16-11-2006]

Grid Middleware: L interazione con IPv6. Valentino R. Carcione valentino.carcione@garr.it GARR. [GARR WS7-Roma-16-11-2006] Grid Middleware: L interazione con IPv6 Valentino R. Carcione valentino.carcione@garr.it GARR [GARR WS7-Roma-16-11-2006] Grid e IPv6, quali vantaggi? IPv6 offre uno spazio di indirizzamento molto ampio

Dettagli

Benchmark Ansys Fluent su CRESCO

Benchmark Ansys Fluent su CRESCO Benchmark Ansys Fluent su CRESCO NOTA TECNICA ENEA GRID/CRESCO: NTN201003 NOME FILE: NTN201003-BenchmarkFluentCresco-v1_0.doc DATA: 30/07/2010 STATO: Versione iniziale AUTORE: F. Ambrosino Abstract: Questa

Dettagli

D3.3 Documento illustrante le metodologie di interfacciamento tra il visualizzatore remoto e il portale EnginFrame in ambiente Cloud.

D3.3 Documento illustrante le metodologie di interfacciamento tra il visualizzatore remoto e il portale EnginFrame in ambiente Cloud. D3.3 Documento illustrante le metodologie di interfacciamento tra il visualizzatore remoto e il portale EnginFrame in ambiente Cloud. Plugin Interactive Flusso di esecuzione Caratteristiche Plugin Interactive

Dettagli

Interoperabilità e Open Source

Interoperabilità e Open Source Seminario L'interoperabilità nelle Infrastrutture di Dati Territoriali Università di Roma La Sapienza I Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni Piazza Borghese 9, Aula Magna, 26-27 Febbraio 2004 Interoperabilità

Dettagli

SISSA computing project 2012: HPC technical specification

SISSA computing project 2012: HPC technical specification SISSA computing project 2012: HPC technical specification giugno 2012 A.Lanza, P. Calucci: SISSA Trieste S. Cozzini: CNR-IOM DEMOCRITOS Trieste A.Ciampa, S. Arezzini, E. Mazzoni: INFN Pisa 1 INTRODUZIONE

Dettagli

EGRID MIDDLEWARE OVERVIEW. Angelo Leto Abdus Salam I.C.T.P. aleto@ictp.trieste.it 08/10/2004

EGRID MIDDLEWARE OVERVIEW. Angelo Leto Abdus Salam I.C.T.P. aleto@ictp.trieste.it 08/10/2004 EGRID MIDDLEWARE OVERVIEW Angelo Leto Abdus Salam I.C.T.P. aleto@ictp.trieste.it 08/10/2004 Introduzione al concetto di GRID Sulla base dell implementazione GLOBUS-EDG-EGRID What is the GRID? What is the

Dettagli

MODULO 02. Iniziamo a usare il computer

MODULO 02. Iniziamo a usare il computer MODULO 02 Iniziamo a usare il computer MODULO 02 Unità didattica 01 Conosciamo il sistema operativo In questa lezione impareremo: a conoscere le caratteristiche del sistema operativo a cosa servono i sistemi

Dettagli

Titolo Perché scegliere Alfresco. Titolo1 ECM Alfresco

Titolo Perché scegliere Alfresco. Titolo1 ECM Alfresco Titolo Perché scegliere Alfresco Titolo1 ECM Alfresco 1 «1» Agenda Presentazione ECM Alfresco; Gli Strumenti di Alfresco; Le funzionalità messe a disposizione; Le caratteristiche Tecniche. 2 «2» ECM Alfresco

Dettagli

Infrastrutture di SuperCalcolo a supporto della simulazione

Infrastrutture di SuperCalcolo a supporto della simulazione Workshop Nazionale Simulazione del Sistema Energetico ENEA Roma Sd Sede 25 2626 Marzo 2015 Infrastrutture di SuperCalcolo a supporto della simulazione Silvio Migliori Responsabile UTICT silvio.migliori@enea.it

Dettagli

WNoD: Virtualizzazione, Grid e Cloud nel Calcolo Scientifico per l INFN

WNoD: Virtualizzazione, Grid e Cloud nel Calcolo Scientifico per l INFN WNoD: Virtualizzazione, Grid e Cloud nel Calcolo Scientifico per l INFN D. Salomoni Davide.Salomoni@cnaf.infn.it INFN-CNAF CdC CNAF, 16/11/2009 D. Salomoni (INFN-CNAF) WNoD: Virtualizzazione, Grid e Cloud

Dettagli

Table of Contents. Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano

Table of Contents. Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano Table of Contents Definizione di Sistema Distribuito - 4 Obiettivi Principali di un S.D. - 7 Tipi di Sistemi

Dettagli

Table of Contents. Definizione di Sistema Distribuito 15/03/2013

Table of Contents. Definizione di Sistema Distribuito 15/03/2013 Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano Table of Contents Definizione di Sistema Distribuito - 4-7 - 13 Definizioni e Principali Caratteristiche

Dettagli

CRESCO. Centro computazionale di RicErca sui Sistemi COmplessi. Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Matematica Applicata

CRESCO. Centro computazionale di RicErca sui Sistemi COmplessi. Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Matematica Applicata CRESCO Centro computazionale di RicErca sui Sistemi COmplessi Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Matematica Applicata Università di Salerno Responsabile Unità Operativa Prof. Ciro D Apice Attività

Dettagli

Introduzione ai Sistemi Distribuiti

Introduzione ai Sistemi Distribuiti Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Introduzione ai Sistemi Distribuiti Corso di Sistemi Distribuiti Valeria Cardellini Anno accademico 2008/09 Definizioni di SD Molteplici

Dettagli

Soluzioni innovative per la semplificazione dell infrastruttura IT. Virtualizzazione con il sistema operativo IBM i, PowerVM e Power Systems

Soluzioni innovative per la semplificazione dell infrastruttura IT. Virtualizzazione con il sistema operativo IBM i, PowerVM e Power Systems Soluzioni innovative per la semplificazione dell infrastruttura IT Virtualizzazione con il sistema operativo IBM i, PowerVM e Power Systems Caratteristiche principali La flessibilità e la scalabilità della

Dettagli

Rendere il Software green con la virtualizzazione applicativa Antonella Bertoletti

Rendere il Software green con la virtualizzazione applicativa Antonella Bertoletti Rendere il Software green con la virtualizzazione applicativa Antonella ertoletti Un mondo più green Significa anche: Ottimizzare l utilizzo della propria infrastruttura IT onsolidando i server sotto utilizzati

Dettagli

Characterization of Gas Turbine Film Cooling Efficiency on High Performance Computing platforms: an Experimental/Numerical integrated approach

Characterization of Gas Turbine Film Cooling Efficiency on High Performance Computing platforms: an Experimental/Numerical integrated approach Characterization of Gas Turbine Film Cooling Efficiency on High Performance Computing platforms: an Experimental/Numerical integrated approach Silvia Ravelli Giovanna Barigozzi UNIVERSITA di BERGAMO Raffaele

Dettagli

Corso amministratore di sistema Linux. Corso amministratore di sistema Linux Programma

Corso amministratore di sistema Linux. Corso amministratore di sistema Linux Programma Corso amministratore di sistema Linux Programma 1 OBIETTIVI E MODALITA DI FRUIZIONE E VALUTAZIONE 1.1 Obiettivo e modalità di fruizione L obiettivo del corso è di fornire le conoscenze tecniche e metodologiche

Dettagli

Dato questo presupposto, identificheremo come prima tipologia di hardware da prendere in considerazione quella delle workstation.

Dato questo presupposto, identificheremo come prima tipologia di hardware da prendere in considerazione quella delle workstation. Pagina 1 di 7 Identificare le piattaforme hardware più diffuse e definire scelte per l'allestimento di un'aula informatica Sistemi desktop: workstation e personal computer In questo approfondimento verranno

Dettagli

Caratteristiche generali dell offerta Server

Caratteristiche generali dell offerta Server Caratteristiche generali dell offerta Server Firewall (schema allegato) Una protezione indispensabile contro gli accessi indesiderati nella rete aziendale. Il firewall viene posizionato tra la rete aziendale

Dettagli

Analisi e sviluppo di un sistema automatico per la segnalazione di stati anomali dei job del Data Center S.Co.P.E.

Analisi e sviluppo di un sistema automatico per la segnalazione di stati anomali dei job del Data Center S.Co.P.E. Tesi di Laurea Analisi e sviluppo di un sistema automatico per la segnalazione di stati anomali dei job del Data Center S.Co.P.E. Anno Accademico 2011/2012 Relatore Ch.mo prof. Marcello Cinque Correlatore

Dettagli

P R O G E T T A Z I O N E E I M P L E M E N T A Z I O N E D E L L E I N T E R F A C C E U T E N T E

P R O G E T T A Z I O N E E I M P L E M E N T A Z I O N E D E L L E I N T E R F A C C E U T E N T E Progetto PI2S2 P R O G E T T A Z I O N E E I M P L E M E N T A Z I O N E D E L L E I N T E R F A C C E U T E N T E T R A L E A P P L I C A Z I O N I E D I L M I D D L E W A R E G R I D DELIVERABLE: D4.1

Dettagli

... 3 Centro regionale di formazione professionale. 4 Impresa e/o associazioni. Altro (specificare)

... 3 Centro regionale di formazione professionale. 4 Impresa e/o associazioni. Altro (specificare) Al Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione - Direzione generale per l istruzione post-secondaria e per i rapporti con i sistemi formativi delle Regioni

Dettagli

Alberto Cammozzo anno accademico 2006-2007

Alberto Cammozzo anno accademico 2006-2007 Laboratorio Linux/FOSS Alberto Cammozzo anno accademico 2006-2007 Parte Prima Sistemi operativi Indice Cenni storici Struttura e alcuni modelli di sistema operativo Funzioni del sistema operativo tipo

Dettagli

Ambienti di calcolo a griglia - Parte 3

Ambienti di calcolo a griglia - Parte 3 TOC Ambienti di calcolo a griglia - Parte 3 Obiettivo Formativo Un software di griglia può essere installato con una certa facilità da programmatori. Al crescere dell uso e della dipendenza dell utenza,

Dettagli

Software. Algoritmo. Algoritmo INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042)

Software. Algoritmo. Algoritmo INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Gli elaboratori utilizzano memoria per Dati da elaborare Istruzioni eseguite dall elaboratore software differenti risoluzione problemi differenti Algoritmo

Dettagli

Clustering for Everyone. Matteo Cicuttin

Clustering for Everyone. Matteo Cicuttin Clustering for Everyone Matteo Cicuttin Presentazioni Mi sono laureato in informatica qui a Udine Attualmente frequento il corso di laurea specialistica Per qualche tempo ho lavorato nel campo dell HPC

Dettagli

7 CATEGORIE DI ARGOMENTI FORMATIVI

7 CATEGORIE DI ARGOMENTI FORMATIVI 7 CATEGORIE DI ARGOMENTI FORMATIVI Dall unione di due grandi esperienze, nasce un SERVIZIO dedicato a voi, la FORMAZIONE. Nei settori della Tecnologia e dell Informatica siamo giunti ormai ad un punto

Dettagli

Massimo Bernaschi Istituto Applicazioni del Calcolo Consiglio Nazionale delle Ricerche

Massimo Bernaschi Istituto Applicazioni del Calcolo Consiglio Nazionale delle Ricerche Massimo Bernaschi Istituto Applicazioni del Calcolo Consiglio Nazionale delle Ricerche m.bernaschi@iac.cnr.it L'evoluzione del calcolo ad alte prestazioni dal punto di vista dell'utente e dello sviluppatore

Dettagli

BIG DATA @ Data Center ReCaS Bari

BIG DATA @ Data Center ReCaS Bari BIG DATA @ Data Center ReCaS Bari Roberto Bellotti Università degli Studi di Bari Aldo Moro & Istituto Nazionale di Fisica Nucleare 18 settembre 2015 Bari Indice Il Data Center ReCaS @ Bari BIG DATA et

Dettagli

Griglie computazionali LEZIONE N. 8. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno

Griglie computazionali LEZIONE N. 8. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno LEZIONE N. 8 Gestione dei dati in GRID Storage Element Storage Resource Management I

Dettagli

Introduzione a LINUX. Unix

Introduzione a LINUX. Unix Introduzione a LINUX Introduzione a Linux 1 Unix 1969: Ken Thompson AT&T Bell Lab realizza un ambiente di calcolo multiprogrammato e portabile per macchine di medie dimensioni. Estrema flessibilità nel

Dettagli

Caratteristiche di una LAN

Caratteristiche di una LAN Installatore LAN Progetto per le classi V del corso di Informatica Caratteristiche di una LAN 26/02/08 Installatore LAN - Prof.Marco Marchisotti 1 Ruolo dei computer I computer di una rete possono svolgere

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica

Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica www.dis.uniroma1.it/~midlab Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Prof. Roberto Baldoni Introduzione OS=Astrazione Dare l illusione all applicazione di memoria infinita, CPU infinita,unico

Dettagli

Roberto Covati Roberto Alfieri

Roberto Covati Roberto Alfieri Roberto Covati Roberto Alfieri Vmware Server (in produzione dal 2004) VmWare ESX 3.0.1 (in produzione dal 2006) VmWare ESXi 3.5 update 3 (test 2008) VmWare ESX 3.5 update 3 (Sviluppi futuri) 2 Sommario

Dettagli

FreeNX @ ENEA GRID Gestione e Amministrazione. Samuele Pierattini ENEA

FreeNX @ ENEA GRID Gestione e Amministrazione. Samuele Pierattini ENEA FreeNX @ ENEA GRID Gestione e Amministrazione Samuele Pierattini ENEA Sommario Cos è FreeNX Architettura Installazione in ENEA GRID Configurazione in ENEA GRID Amministrazione FreeNX e VirtualGL Troubleshooting

Dettagli

Problemi di schedulazione distribuita su Grid

Problemi di schedulazione distribuita su Grid Problemi di schedulazione distribuita su Grid Ivan Porro Università degli Studi di Genova, DIST, Laboratorio BioLab pivan@unige.it 010-3532789 Si ringrazia per il materiale il Dr. Andrea Clematis dell

Dettagli

Il software impiegato su un computer si distingue in: Sistema Operativo Compilatori per produrre programmi

Il software impiegato su un computer si distingue in: Sistema Operativo Compilatori per produrre programmi Il Software Il software impiegato su un computer si distingue in: Software di sistema Sistema Operativo Compilatori per produrre programmi Software applicativo Elaborazione testi Fogli elettronici Basi

Dettagli

Sistemi Operativi. Funzioni e strategie di progettazione: dai kernel monolitici alle macchine virtuali

Sistemi Operativi. Funzioni e strategie di progettazione: dai kernel monolitici alle macchine virtuali Modulo di Sistemi Operativi per il corso di Master RISS: Ricerca e Innovazione nelle Scienze della Salute Unisa, 17-26 Luglio 2012 Sistemi Operativi Funzioni e strategie di progettazione: dai kernel monolitici

Dettagli

Craig E. Johnson IBM ^ i5 Product Marketing Manager per Linux

Craig E. Johnson IBM ^ i5 Product Marketing Manager per Linux Linux per IBM ^ i5 Craig E. Johnson IBM ^ i5 Product Marketing Manager per Linux Pagina 2 Indice 2 IBM ^ 4 Distribuzioni Linux 6 Perché IBM ^ i5 per Linux 8 Linux e il Logical Partitioning 12 Flessibilità

Dettagli

ENEA GRID. Corso di introduzione all'uso ed all'amministrazione. Autore: Alessandro Secco alessandro.secco@nice-italy.com

ENEA GRID. Corso di introduzione all'uso ed all'amministrazione. Autore: Alessandro Secco alessandro.secco@nice-italy.com ENEA GRID Corso di introduzione all'uso ed all'amministrazione Autore: Alessandro Secco alessandro.secco@nice-italy.com 1 Lezione 3 Riepilogo lezione 2 AFS: terminologia e repliche LSF Admin: concetti

Dettagli

Navigare verso il cambiamento. La St r a d a. p i ù semplice verso il ca m b i a m e n t o

Navigare verso il cambiamento. La St r a d a. p i ù semplice verso il ca m b i a m e n t o Navigare verso il cambiamento La St r a d a p i ù semplice verso il ca m b i a m e n t o Le caratteristiche tecniche del software La Tecnologia utilizzata EASY è una applicazione Open Source basata sul

Dettagli

Infrastruttura di produzione INFN-GRID

Infrastruttura di produzione INFN-GRID Infrastruttura di produzione INFN-GRID Introduzione Infrastruttura condivisa Multi-VO Modello Organizzativo Conclusioni 1 Introduzione Dopo circa tre anni dall inizio dei progetti GRID, lo stato del middleware

Dettagli

Tutorial IPv6 avanzato

Tutorial IPv6 avanzato Tutorial IPv6 avanzato Grid Middleware ed IPv6 v1.0 Mario Reale, GARR GARR WS9 Roma, 15-18 Giugno 2009 Agenda Introduzione: Il middleware grid ed IPv6 Le attivita legate alla IPv6 compliance di glite (EGEE

Dettagli

Sicurezza dei dati in EGRID

Sicurezza dei dati in EGRID Sicurezza dei dati in EGRID Riccardo Murri riccardo.murri@ictp.trieste.it The Abdus Salam ICTP - p. 1 Cosa intendiamo per sicurezza Sicurezza dei dati è la possibilità di decidere chi legge quali dati

Dettagli

VOIP e Software Libero nel Comune di Trento. Le strategie per la diffusione di soluzioni open source nella PA - Roberto Resoli - 14 Maggio 2009 1

VOIP e Software Libero nel Comune di Trento. Le strategie per la diffusione di soluzioni open source nella PA - Roberto Resoli - 14 Maggio 2009 1 VOIP e Software Libero nel Comune di Trento Le strategie per la diffusione di soluzioni open source nella PA - Roberto Resoli - 14 Maggio 2009 1 La città di Trento e l'amministrazione comunale Popolazione

Dettagli

Titolo progetto: ConsoliData. Ambito di intervento: ICT e dispositivi sensoriali. Struttura di riferimento : Coordinatore di progetto: INFN

Titolo progetto: ConsoliData. Ambito di intervento: ICT e dispositivi sensoriali. Struttura di riferimento : Coordinatore di progetto: INFN Titolo progetto: ConsoliData Ambito di intervento: ICT e dispositivi sensoriali Struttura di riferimento : Coordinatore di progetto: INFN Altri EPR coinvolti: - Altri organismi e soggetti coinvolti: Descrizione

Dettagli

Corso Linux Corso Online Amministratore di Sistemi Linux

Corso Linux Corso Online Amministratore di Sistemi Linux Corso Linux Corso Online Amministratore di Sistemi Linux Accademia Domani Via Pietro Blaserna, 101-00146 ROMA (RM) info@accademiadomani.it Programma Generale del Corso Linux Tematiche di Base MODULO 1

Dettagli

Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Lezione 2

Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Lezione 2 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Lezione 2 Giovedì 10-10-2013 1 Sistemi a partizione di tempo (time-sharing) I

Dettagli