Project Work I.P.E. MASTER IN SHIPPING LOGISTICA, FINANZA E STRATEGIA DI IMPRESA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Project Work I.P.E. MASTER IN SHIPPING LOGISTICA, FINANZA E STRATEGIA DI IMPRESA"

Transcript

1 Project Work I.P.E. MASTER IN SHIPPING LOGISTICA, FINANZA E STRATEGIA DI IMPRESA Napoli, luglio 2013

2 MASTER IN SHIPPING V EDIZIONE Adler Group Logistica interna: tracciabilità dei materiali durante le fasi di lavorazione Il lavoro in oggetto consiste nell analisi di un sistema di tracciabilità dei materiali durante le diverse fasi di gestione del magazzino della Adler Aeronautic. In particolare, si è valutato il modo in cui è stato combinato il Sistema Integrato di Scheduling e Gestione Produzione (SIGIP) con la tecnologia Radio Frequency Identification (RFId). In sostanza, l implementazione della tecnologia RFId consente di passare da un sistema totalmente legato al lavoro manuale degli operatori ad uno del tutto informatizzato. Inoltre, è stato calcolato il vantaggio economico dell applicazione di tale modello ed è stata valutata la possibilità di utilizzare la medesima tecnologia anche nel settore Automotive. CA. FI. MA Modello Organizzativo ex DLgs 231/01 Gap analysis fra il modello del gruppo CA.FI.MA. e le nuove linee guida Confitarma. Il presente project work ha come scopo la messa in evidenza degli scostamenti tra il modello organizzativo della Scinicariello Ship Management Srl e le Linee Guida Confitarma in preparazione, aggiornate al 15 maggio 2013, e conseguentemente, i miglioramenti da introdurre per tendere al modello desiderato. L attività di analisi è stata svolta attraverso i seguenti step: analisi dello stato attuale (AS-IS), evidenza delle criticità, definizione modello a tendere (TO-BE). L attività di consulenza invece ha avuto ad oggetto l implementazione del Codice internazionale per la sicurezza delle navi e degli impianti portuali (codice ISPS), e l integrazione nel M.O di Policy inerenti al reato di impiego di cittadini di paesi terzi con soggiorno irregolare. Sia l AS-IS che il TO-BE che la Gap Analysis sono stati definiti in un unico documento, rappresentato in modo schematico. Le evidenze delle criticità/instabilità sono state rappresentate in forma tabellare. Il lavoro può essere considerato un inizio per uno studio di fattibilità volto a comprovare la reale possibilità di apportare, nel M.O. di Scinicariello Ship Management Srl, le modifiche individuate durante questa analisi. d Amico Società di Navigazione L attività di corporate branding nel gruppo d Amico I social media sono sempre più utilizzati in ambito business, come piattaforme di innovazione e socializzazione. Solo recentemente le imprese armatoriali hanno cominciato ad avvicinarsi al mondo del web 2.0, grazie all approccio di alcune compagnie leader nel settore. Dallo studio svolto emerge come le imprese di shipping possono sfruttare i social media per potenziare alcune risorse, tra cui l immagine e la reputazione aziendale, fondamentali per un settore, come quello armatoriale, caratterizzato da relazioni di lungo termine. L analisi condotta sull utilizzo dei social media da parte delle società di shipping permette di individuare delle best practices che, adattate alla realtà e agli obiettivi del gruppo d Amico, potranno essere utilizzate da quest ultimo nell attività di corporate branding. Tali pratiche andranno ad aggiungersi a quelle attualmente messe in atto dall azienda sui social media

3 Persevaranza SpA Implementazione di un modello di risk management nelle imprese armatoriali Il presente project work consiste nell adattamento di un modello di risk management, quale l ERM (Enterprise Risk Management), al settore armatoriale in generale e alla Fertilia S.p.A nello specifico. Parallelamente è stata analizzata la fattibilità dell istallazione sulle navi della flotta del dispositivo Mewis Duct, sia in termini di tempistica per il rientro dell investimento che di minori costi da sostenere. L obiettivo del lavoro è quello di costruire un business plan ed individuare le strategie finanziariamente più convenienti, tenendo conto sia dell attuale crisi finanziaria, sia dei futuri andamenti dei noli, ipotizzando tre possibili scenari di mercato (worst, base, best). Congiuntamente, con la finalità di contenere i rischi propri del settore armatoriale, abbiamo implementato il modello ERM, soffermandoci sui principali rischi del settore: puro/operativo, di credito/controparte e di mercato. PricewaterhouseCoopers Business Analyst Framework e Analisi Rischi di Revisione di un bilancio armatoriale La recessione globale del 2008 ha avuto ripercussioni negative forti sullo shipping. L'eccesso di offerta nel settore, in controtendenza al rallentamento della crescita della domanda di trasporto, ha conseguentemente generato elevati ribassi dei noli, come evidenziato dai principali indici di mercato di riferimento. La caduta dei noli si è a sua volta riflessa in un calo dei prezzi di vendita delle nuove navi, creando un divario tra i prezzi stabiliti per le commesse antecedenti la crisi e i valori riconosciuti agli asset in fase di consegna. In un contesto di forte riduzione dei fatturati e dei margini, si sono registrate cancellazioni e posticipazioni di ordini e, in casi più estremi, fallimenti di armatori. La situazione è stata ulteriormente aggravata dall'incremento del costo del bunker che ha raggiunto il livello record di 713 dollari per tons nel Ciò si è tradotto in forti ripercussioni sul segmento Liquid Bulk. In tale scenario si colloca l'analisi relativa all'azienda armatoriale Marnavi Spa. Dopo un excursus descrittivo della regulamentary di settore, dell ambiente competitivo, nonché delle strategie adottate dall'azienda target per fronteggiare la congiuntura economica, è stato condotto uno studio volto ad individuare l'impatto contabile delle variabili macroeconomiche relative al contesto in cui opera Marnavi e i "potenziali" rischi di revisione che ne derivano. Studio Legale Morace & Co. Analisi comparativa di un formulario di contratto di vendita di una nave Il presente lavoro mira a rappresentare ed espandere in dettaglio le differenze fondamentali tra il Memorandum of Agreement 1993 edito dalla BIMCO (altresì conosciuto come Sale Form) con il Memorandum of Agreement 2012 di più recente pubblicazione. Il Memorandum of Agreement riveste fondamentale importanza nel settore commerciale e dei trasporti in ambito Shipping, costituendo un formulario standard cui le parti, Compratore e Venditore di una nave, rinviano nel corso della trattativa per la definizione dei punti salienti dell accordo di compravendita. L obiettivo del lavoro è quello di creare una fonte rapidamente accessibile per operatori (broker), giuristi e ricercatori di settore, per poter individuare con facilità e in dettaglio le differenze, di forma e di contenuto, tra le clausole delle due diverse edizioni

4 VSL Venice Shipping & Logistics Valutazione di un Azienda di Shipping: il caso Scorpio Tankers Scorpio Tankers è una società armatoriale operante nel segmento tanker, costituita nel 2009 nelle Marshall Island e quotata a New York dal 2010, ad oggi opera con 19 navi di proprietà e 24 in time charter e con un orderbook di 50 navi. L obiettivo del lavoro è stato quello di valutare la società allo stato attuale. La prima fase del lavoro è stata caratterizzata da un studio dello scenario attuale, in particolar modo del segmento tanker, poi è seguita un analisi della società, andando ad analizzare la compagine societaria, la flotta di navi, il posizionamento competitivo, la posizione finanziaria, facendo quindi anche un analisi di bilancio. La valutazione dell azienda è stata fatta utilizzando il metodo del Discount Cash Flow, in funzione del fatto che il valore di un azienda di shipping è fortemente correlato ai flussi di cassa che le navi generano. Poi, a confermare la valutazione fatta abbiamo calcolato dei multipli i quali sonno stati messo a confronto con un cluster di International peers. Dalla valutazione è emerso che il Titolo Scorpio Tankers è leggermente sopravalutato dal mercato con over performance di 0,16 $

5 ABSTRACT - PROJECT WORK MASTER IN SHIPPING 2012 I.P.E. 1) CA.FI.MA Scinicariello Ship Management Ship Energy Efficiency- progetto per l efficienza energetica delle navi L annesso VI della MARPOL emanato dall International Maritime Organization ha l obiettivo di limitare l inquinamento atmosferico da parte delle navi. In particolare attraverso l aggiunta del capitolo 4 si rende obbligatorio dal 1 Gennaio 2013, dopo l approvazione avvenuta il 1 Luglio 2012, per ogni nave uno specifico Ship Energy Efficiency Management Plan (SEEMP), realizzato secondo le direttive dell organizzazione. Tale manuale è volto a migliorare l efficienza energetica delle navi attraverso quattro step: pianificazione, monitoraggio, obiettivi e valutazione. La finalità del project work è stato lo sviluppo del SEEMP per una petroliera della flotta: la MOON LADY. Nella stesura del manuale si sono analizzate le procedure già in atto nella Compagnia considerando ulteriori soluzioni per massimizzare l efficienza energetica della nave. Inoltre per valutare qualitativamente le emissioni della nave in oggetto si sono calcolati indici specifici come ESI ed EEOI. 2) d Amico Società di navigazione Il sistema integrato di compliance del Gruppo d Amico L attività consiste in un analisi di alcune norme cogenti e best practices volontarie che rientrano nel campo di applicazione del Gruppo d Amico e che hanno in comune la possibilità di essere gestite attraverso metodologie organizzative tipiche della qualità. Nello specifico, il primo obiettivo è quello di identificare i ruoli che le norme in esame richiedono e di fornire una breve descrizione che ne focalizzi la funzione. Il secondo obiettivo, prevede l individuazione delle correlazioni che si possono identificare affiancando fra loro i vari schemi ottenuti. Il passo finale consiste nell abbinamento dei ruoli fin qui identificati e il loro posizionamento nell organigramma societario, per valutare e far emergere, se esistono, eventuali criticità nell assegnazione dei profili. Questo per fornire l evidenza dei profili normativi che permettono di raggiungere e mantenere la conformità, in un contesto organizzativo di pianificazione-esecuzione-controllo-azione (PDCA)

6 3) Fratelli D Amato Armatori Valutazione e scelta della migliore configurazione propulsiva per unità VLCC L obiettivo del nostro lavoro è di valutare e stabilire la configurazione propulsiva ottimale per una VLCC sotto il profilo economico, commerciale e tecnico. Nello specifico il progetto originale prevedeva l utilizzo di un propulsore con determinate caratteristiche, che poi non si sono rivelate più idonee in tema di consumo e di tutela dell ambiente. L alternativa possibile sarebbe quella di adottare un altra tipologia di motore accoppiata ad un elica di diametro maggiore, questa scelta risulterebbe più efficiente ed economica in termini di consumi, tale scelta conferirebbe alla nave maggiore appetibilità commerciale indipendentemente da quelle che possono essere le previsioni del mercato del settore tanker nel futuro. In tal senso, a seconda dell andamento dei noli e del prezzo del bunker dovrà valutarsi la convenienza strategica di adottare un propulsore piuttosto che un altro. 4) LGR di Navigazione Elaborazione di un piano di risparmio energetico-secondo le linee guida dell IMO-per la gestione di navi cisterna Il presente elaborato si configura come un lavoro di consulenza prestato alla L.G.R. di Navigazione con il precipuo scopo di valutare la convenienza dell implementazione di mirate azioni aziendali al fine di ottenere soddisfacenti risultati in termini di efficienza energetica e compliance normativa. Tale obiettivo è stato perseguito per ottemperare alle recenti disposizioni in materia di inquinamento ambientale emanate dall IMO (International Maritime Organization) nell ambito della convenzione internazionale MARPOL, Annesso VI, in vigore da Gennaio Da un approfondita analisi del contesto marittimo mondiale e sulla base di un accurata indagine sulle iniziative in tema di Environmental Pollution da parte di singoli stati, come il Nord Europa con il Green Passport o l America con limitazioni specifiche in merito alle emissioni, si è posta in essere un analisi qualitativa costi/benefici per l attuazione di processi aziendali che colmassero i gap esistenti tra disposizioni globali e locali, prevedendone i vantaggi che potrebbero scaturire per lo shipowner e la sua compagnia

7 5) Perseveranza S.p.A. Valutazione di un investimento nel settore handymax bulk carrier Il presente project work consiste nello studio di fattibilità di un reale investimento effettuato da Perseveranza S.p.a. di Navigazione per l acquisizione di un pacchetto di tre unità di handymax bulk carrier DWT Eco-Type. La scelta si baserà sull impatto che le tre ipotesi avranno sui futuri cash flow dell azienda, in seguito ad un accurata analisi del bilancio degli ultimi anni, delle potenzialità della stessa e del suo equilibrio economico-finanziario. L investimento potrà essere compiuto attraverso full equity, loan e private equity e sarà valutato sulla base del VAN e del TIR. L obiettivo dell iniziativa è quello di costruire il Business Plan di una società SPV (special purpose vehicle) e di valutare il miglior investimento sulla base di tre possibili scenari di mercato (worst, base e best). Naturalmente il progetto non potrà prescindere da quello che è l impatto dell attuale crisi finanziaria sul settore dello shipping e sull andamento dei noli. A tal proposito lo scenario worst sarà un evidente ed utile ipotesi pessimistica. 6) SRM-Studi e Ricerche per il Mezzogiono Gli scenari economici dello Shipping: i risultati di un indagine territoriale L analisi effettuata da SRM attraverso interviste dirette rivolte ai protagonisti del contesto marittimo, evidenzia le problematiche e le prospettive future del settore stesso che riveste un ruolo fondamentale nell economia mondiale, nonostante risenta degli effetti della crisi economica globale. Con un approccio worldwide la ricerca si è sviluppata tenendo conto delle diverse dinamiche internazionali che influenzano il mondo dello shipping, pur mantenendo come focus di approfondimento il Mediterraneo. Sono stati intervistati gli esponenti delle autorità portuali, espressione operativa di ogni territorio, gli armatori per evidenziare le modalità di scelta di un porto e le loro strategie operative per fronteggiare la crisi, i maggiori player nel campo delle spedizioni e del trasporto marittimo affinchè emergessero le criticità ed i punti di forza a livello normativo ed organizzativo, Confitarma per l attenzione rivolta al mondo della formazione giovanile ed infine il mondo della finanza Mediocredito Italiano e la Banca Europea degli Investimenti

8 7) Studio Legale E. Morace & Co Italian Marin Insurance: Law & Practice Il presente lavoro costituisce una bozza di commento giurisprudenziale alla parte assicurativa del codice della navigazione, frutto di un lavoro di ricerca e raccolta realizzato per lo Studio Legale E.Morace&Co. dai ragazzi del MIS dell IPE su incarico dello Studio e sotto la guida dell Avv. Marco Morace. Esso, certamente solo parziale, costituisce lo schema, ancora in fase di studio e revisione, sulla base sulla quale lo Studio E.Morace&Co. sta redigendo un lavoro definitivo dotato anche di commento dottrinario nonché di traduzione in lingua inglese. 8) VSL-Venice Shipping and Logistics Beaufort 7 : Shipping e Crisi d Impresa Un caso di Ristrutturazione Industriale e Finanziaria Società tradizionalmente operante nel settore product tanker, la Sea Family diversifica la sua attività verso il dry cargo ordinando 4 navi Post-Panamax new building. Nella costruzione del piano industriale, la verifica della sostenibilità finanziaria del progetto si è scontrata con la chiara situazione di stress finanziario cui è sottoposta la società. E emersa non soltanto l incapacità dell azienda di far fronte al rimborso dei debiti contratti, ma anche il mancato rispetto di alcune clausole. Suddiviso in due gruppi, il team ha interpretato gli interessi, contrapposti, da un lato, delle banche creditrici dell azienda che chiedono, a fronte dell accresciuto rischio, ulteriori garanzie (immissione di equity); dall altro dell armatore che, assistito dal suo advisor finanziario ed industriale, si pone l obiettivo di evitare la cessazione dell attività aziendale per inadempimento delle sue obbligazioni. Al termine del processo di negoziazione, si è ottenuto, sulla base dei flussi di cassa operativi disponibili per il servizio del debito, un piano di ristrutturazione finanziaria che consente la prosecuzione dell attività, nel pieno rispetto delle covenants e degli impegni assunti. ABSTRACT - PROJECT WORK MASTER IN SHIPPING IPE 1) Confitarma giovani LNG: un combustibile "verde" per le navi di domani. Il nostro studio si pone come supporto al progetto promosso dal gruppo di lavoro Green Economy realizzato dai giovani armatori di Confitarma: LNG: un combustibile verde per le navi di domani. Le forti pressioni comunitarie volte a tutelare la salute umana ed ambientale riducendo l inquinamento atmosferico, hanno spinto infatti gli operatori del settore a sperimentare nuove tecniche per la messa a punto dei dettami internazionali. Con il presente lavoro - 5 -

9 proponiamo un quadro generale di quelle che sono state le risposte degli altri paesi a tale problema e soprattutto informazioni economiche e normative utili alla realizzazione del progetto italiano avvalendoci della collaborazione delle Autorità competenti cui inviamo i nostri più sentiti ringraziamenti. 2) D Amico Società di navigazione S.p.A. Progetto pilota per la creazione di una piattaforma di valutazione competitors per il segmento dry cargo L obiettivo di questo lavoro è stato la creazione di uno strumento per la valutazione del segmento dry cargo mediante il quale derivare il posizionamento delle società in esso operanti. A tal fine, sono state individuate le seguenti macroaree di analisi: struttura della flotta, parametri economico/patrimoniali e drivers operativi. Successivamente è stata redatta una ranking list che valutasse in maniera integrata i differenti key drivers. Lo studio ha evidenziato un forte legame tra l età media della flotta e le performance delle società, ma anche una non diretta correlazione tra queste ultime e le strategie di ownership. La redditività marginale, poi, sembra essere legata alla concentrazione su non più di due segmenti di navi, dei quali almeno uno di tonnellaggio elevato. Inoltre, il ritorno sul capitale proprio fluttua attorno al valore medio pari a circa il 10%; ciò a dimostrazione del fatto che il segmento dry bulk ha fronteggiato in maniera soddisfacente la crisi nel Interessanti correlazioni si sono poi evidenziate tra struttura della flotta e parametri operativi. In particolare, la copertura sul time charter appare proporzionale al tonnellaggio delle navi. In aggiunta, le società con le flotte più vecchie riportano minori valori di mercato rispetto a quelli iscritti in bilancio; ciò in accordo con la situazione attuale di oversupply che premia le navi più giovani. In sintesi, tale studio si propone di formalizzare e porre in termini quantitativi valutazioni che gli armatori affidano abitualmente alla loro esperienza. 3) Logica Studio di prefattibilità per una piattaforma logistica a Damietta Il presente Project Work ha come oggetto un analisi di prefattibilità per l implementazione di una piattaforma logistica presso il Porto di Damietta, in Egitto. Lo studio fa parte di un progetto più ampio, ITALMED, il cui scopo primario è quello di rafforzare le relazioni Italia - Sponda sud del Mediterraneo attraverso la collaborazione nell ambito dei trasporti e della logistica. Obiettivi della ricerca sono stati quello di verificare la consistenza del network di offerta di trasporto presente e futuro in relazione allo sviluppo di una piattaforma logistica all interno del Porto di Damietta, di identificare il mercato della domanda di riferimento e di individuare i vantaggi competitivi del Porto di Damietta rispetto ad altre località egiziane. In particolare, sono state analizzate le caratteristiche demografiche, del sistema produttivo, delle relazioni commerciali, delle politiche economiche, delle infrastrutture trasportistiche e logistiche dell Egitto. Attraverso il confronto con i principali porti competitor si è, infine, giunti a formulare tre diversi scenari riguardanti la scelta della tipologia di piattaforma logistica da implementare. 4) Ordine dottori commercialisti di Napoli Shareholders Rights Directive ed azionariato critico: la tutela delle partecipazioni di minoranza La Commissione di studio Osservatorio Quotate dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Napoli ha avviato un progetto incentrato sull analisi e il monitoraggio dell attività e dei bilanci delle principali società quotate alla Borsa Italiana (FTSE MIB). Lo scopo del lavoro è quello di fornire un supporto agli investitori di minoranza, retail e risparmiatori in genere, in modo da - 6 -

10 promuovere lo shareholders engagement (azionariato attivo), una pratica di democrazia economica diffusa in molti paesi ma poco nota da noi, che permette di richiamare la dirigenza e la compagine sociale su alcune questioni di particolare importanza legate agli impatti sociali, ambientali, sui diritti umani delle attività dell impresa interessata. Nell ambito di tale progetto si inserisce l analisi e la valutazione del gruppo Eni S.p.A. al fine di cercare di comprendere il suo valore economico attraverso un modello di controllo in grado di esplicitare i suoi orientamenti strategici, approfondimenti sull assetto istituzionale, sulle regole di governance, sui rischi connessi, sul posizionamento competitivo, sulla produttività fisico-tecnica, su quant altro possa essere d interesse per gli investitori. 5) Perseveranza S.p.A. Valutazione di un investimento nel settore Tanker MR1 Il project work consiste nella valutazione economico-finanziaria di un investimento in nave (second hand) Chem Oil tanker effettuato da Perseveranza Spa di Navigazione. Per la valutazione dell investimento abbiamo utilizzato una metodologia di analisi che tenesse conto del Van e del Tir. Tenuti presenti determinati input finanziari quali: il prezzo di acquisto della nave, l indebitamento acceso per finanziare il progetto, l equity, i flussi in entrata (noli), quelli in uscita (running costs e oneri finanziari) e i tempi di durata dell investimento (5 anni), abbiamo proceduto alla costruzione del cash flow report e del conto economico. Lo studio di fattibilità, condotto attraverso l analisi dei flussi di cassa, ha evidenziato un Van positivo ed un tasso di rendimento interno (Tir) soddisfacente. L analisi è stata poi condotta valutando gli effetti di carattere finanziario ed economico che si sono evidenziati attraverso studi di analisi di scenario relativi all investimento con annesse variazioni prospettiche di entry price, way out e time charter. 6) Venice Shipping and Logistics Fattibilità di un investimento nel settore dry-cargo nell'ottica di un investitore finanziario specializzato. Il Fondo di Private Equity ha una disponibilità d investimento di 80 milioni di dollari con un vincolo di concentrazione pari al 25% per ciascun investimento. Pertanto, lo scopo principale del presente project work è quello di effettuare una scelta d investimento in relazione ad un range di 6 bulk carrier secondhand attraverso un analisi di tipo strategico ed analitico. Il primo passo nella stesura dell analisi è stato quello di porre in essere un indagine di mercato tra i vari segmenti del settore del trasporto di carico secco. Dopo averlo studiato ed effettuato il primo screening d investimento si è proseguito, inoltre, ad effettuare un analisi di tipo finanziario al fine di proporre all investitore l impiego di capitale che maggiormente massimizzasse il tasso interno di rendimento. Infine, lo studio di fattibilità si conclude con la strutturazione dell operazione di investimento in modo da determinare la relazione tra partner e investitore. Per l elaborazione del progetto sono stati di notevole supporto dati e grafici Clarckson. 7) Scinicariello ship management A CARESS TO THE SEA - Progetti innovativi per la riduzione dell impatto ambientale delle navi L International Convention on the Control of Harmful Anti-fouling Systems impedisce, attraverso un apposita normativa, l utilizzo su carena di pitture antivegetative contenenti sostanze agenti come biocidi. La Convenzione è entrata in vigore il 17 settembre 2008 e la nostra analisi è rivolta a quei prodotti su base - 7 -

11 siliconica che prevedono l aggiunta di polimeri super assorbenti e non solubili in acqua, che saranno testati sulla carena di una petroliera della compagnia, in occasione dei prossimi lavori di bacino. L inquinamento dovuto all introduzione di specie marine invasive tramite l acqua di zavorra, è una delle maggiori minacce per i mari. Per questo motivo l IMO ha introdotto nel 2004 la normativa BWM, che entrerà in vigore con diverse scadenze, scandite per navi nuove ed esistenti. La scelta della migliore soluzione, in termini di impianto, dipende da svariati parametri che devono tener conto sia dell aspetto tecnico, che economico. ABSTRACT PROJECT WORK MASTER IN SHIPPING IPE 1) Perseveranza S.p.A. Spin-off del comparto cisterne di Perseveranza S.p.A. e ipotesi di quotazione Per meglio sfruttare le opportunità derivanti dalla crescita del trasporto marittimo di petrolio, la società Perseveranza S.p.A. di Navigazione, ha recentemente considerato la possibilità di concentrare le proprie attività di product tanker all interno di una Special Purpose Vehicle (SPV), con lo scopo di migliorare la propria esposizione nei confronti del mercato. L obiettivo è infatti quello di quotare la nuova società presso l AIM (alternative investment market) italiano. Nel presente lavoro è stata condotta un analisi finanziaria previsionale per un periodo di investimento complessivo di 5 anni. Successivamente è stata effettuata un analisi di sensitività attraverso la quale sono stati messi a confronto i noli con i running cost. La conclusione derivante da tale studio è che l ipotetica costituzione di una società veicolo da quotare sul mercato, è al momento non presa in considerazione perché la quota di capitale da chiedere al mercato non sarebbe congrua alle strategia che la società intende perseguire. 2) Venice Shipping and Logistics La copertura di un portafoglio di mutui fondiari con i derivati Il presente project work è stato strutturato con un ipotesi di acquisto di tre unità navali second hand: una VLCC, una MR tanker ed una Handy bulk, finanziate attraverso un prestito bancario definito debito senior. La società armatoriale chiede al fondo di private equità, la cui massima disponibilità è pari a 10 milioni di dollari, di partecipare all investimento mediante operazioni di finanziamento. Il presente lavoro ha quindi ad oggetto la scelta delle modalità di finanziamento che garantiscono un rendimento soddisfacente per i partners dato il livello di rischio ad esse associato. L analisi è stata condotta valutando gli effetti di carattere finanziario ed economico generati dalle diverse operazioni di finanziamento, inoltre si è evidenziato attraverso studi di fattibilità il rischio di ogni singolo investimento con annesse variazioni prospettiche di entry price (prezzo di entrata), way out (prezzo di uscita) e time charter (nolo giornaliero). Grafici ed analisi di mercato da fonte SSY e CLARKSON sono stati di supporto alla strutturazione del progetto e all individuazione delle scelte di investimento ottimali. 3) Dipartimento Economia dei Trasporti Federico II Studio di fattibilità di una linea sul Corridoio adriatico con Hub su Catania La continua crescita del trasporto merci ha causato una significativa congestione delle reti di trasporto europee e italiane. La prevalenza del trasporto su strada, quale principale modalità di trasporto domestico ha causato problemi in termini ambientali e sociali, quali traffico, inquinamento, incidenti stradali, rumore e un elevato consumo energetico. In Italia, questi problemi risultano maggiormente rilevanti per il traffico adriatico, dove non ci sono operatori che offrono srevizi di short sea shipping. Questo progetto si basa sulla definizione di una nuoav linea ro-ro non accompagnato, che dovrebbe offrire una modalità di trasporto intermodale alternativa al - 8 -

12 tutto strada. Lo scopo di tale studio è la definizione della fattibilità del progetto e della tariffa da offrire al cliente. 4) Scinicariello ship management Ufficio Commerciale Il progetto propone di definire tecnologie innovative per aumentare la sicurezza della nave durante la sua operatività e favorire il controllo e la riduzione delle emissioni inquinanti nell'ambiente con cui il vettore "nave" interagisce. Il programma intende essere una risposta all esigenza di operare con vettori sempre più sicuri, affidabili, performanti e meno inquinanti ed alla necessità di trovare soluzioni che siano applicabili su un consistente parco navi esistente. Attraverso la formulazione di una strategia di manutenzione predittiva basata su un innovativo sistema tecnologico che prevede lo sviluppo e l applicazione di un nuovo modello analitico QNA (Quality Noise Analysis) ai rilievi termografici, accelerometrici e termoelestici ed integrato con i risultati di altre tecniche di monitoraggio (come analisi olio lubrificante, analisi corrente elettrica, parametri di processo), sarà possibile controllare e prevenire eventuali inefficienze della nave, al fine di ridurre l impatto che il vettore ha sul mare e sull'atmosfera, oltre che aumentarne l efficienza in termini di prestazioni. PROJECT WORK MASTER IN SHIPPING IPE 1) Perseveranza S.p.A. Spin-off del comparto cisterne di Perseveranza S.p.A. e ipotesi di quotazione Per meglio sfruttare le opportunità derivanti dalla crescita del trasporto marittimo di petrolio, la società Perseveranza S.p.A. di Navigazione, ha recentemente considerato la possibilità di concentrare le proprie attività di product tanker all interno di una Special Purpose Vehicle (SPV), con lo scopo di migliorare la propria esposizione nei confronti del mercato. L obiettivo è infatti quello di quotare la nuova società presso l AIM (alternative investment market) italiano. Nel presente lavoro è stata condotta un analisi finanziaria previsionale per un periodo di investimento complessivo di 5 anni. Successivamente è stata effettuata un analisi di sensitività attraverso la quale sono stati messi a confronto i noli con i running cost. La conclusione derivante da tale studio è che l ipotetica costituzione di una società veicolo da quotare sul mercato, è al momento non presa in considerazione perché la quota di capitale da chiedere al mercato non sarebbe congrua alle strategia che la società intende perseguire. 2) Venice Shipping and Logistics La copertura di un portafoglio di mutui fondiari con i derivati Il presente project work è stato strutturato con un ipotesi di acquisto di tre unità navali second hand: una VLCC, una MR tanker ed una Handy bulk, finanziate attraverso un prestito bancario definito debito senior. La società armatoriale chiede al fondo di private equità, la cui massima disponibilità è pari a 10 milioni di dollari, di partecipare all investimento mediante operazioni di finanziamento. Il presente lavoro ha quindi ad oggetto la scelta delle modalità di finanziamento che garantiscono un rendimento soddisfacente per i partners dato il livello di rischio ad esse associato. L analisi è stata condotta valutando gli effetti di carattere finanziario ed economico generati dalle diverse operazioni di finanziamento, inoltre si è evidenziato attraverso studi di fattibilità il rischio di ogni singolo investimento con annesse variazioni prospettiche di entry price (prezzo di entrata), way out (prezzo di uscita) e time charter (nolo giornaliero). Grafici ed analisi di mercato da fonte SSY e CLARKSON sono stati di supporto alla strutturazione del progetto e all individuazione delle scelte di investimento ottimali. 4) Dipartimento Economia dei Trasporti Federico II Studio di fattibilità di una linea sul Corridoio adriatico con Hub su Catania - 9 -

Project Work I.P.E. MASTER IN SHIPPING FINANZA LOGISTICA E STRATEGIA D IMPRESA IV EDIZIONE

Project Work I.P.E. MASTER IN SHIPPING FINANZA LOGISTICA E STRATEGIA D IMPRESA IV EDIZIONE Project Work I.P.E. MASTER IN SHIPPING FINANZA LOGISTICA E STRATEGIA D IMPRESA IV EDIZIONE Napoli, Luglio 2012 ABSTRACT - PROJECT WORK MASTER IN SHIPPING 2012 I.P.E. 1) CA.FI.MA Scinicariello Ship Management

Dettagli

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo...

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... Esame e analisi critica di un business plan Premessa... 1 Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3 Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... 3 Analisi di

Dettagli

ECBA Project è una società specializzata nell analisi costibenefici di progetti e politiche di investimento, con una focalizzazione sulle componenti

ECBA Project è una società specializzata nell analisi costibenefici di progetti e politiche di investimento, con una focalizzazione sulle componenti ECBA Project è una società specializzata nell analisi costibenefici di progetti e politiche di investimento, con una focalizzazione sulle componenti economiche, sociali ed ambientali da qui il nome ECBA,

Dettagli

AIM Italia. La quotazione su AIM Italia come strumento per la crescita

AIM Italia. La quotazione su AIM Italia come strumento per la crescita AIM Italia La quotazione su AIM Italia come strumento per la crescita 5 novembre 2015 Cos è AIM Italia Mercato Alternativo del Capitale è il mercato di Borsa Italiana dedicato alle piccole e medie imprese

Dettagli

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia. di Massimo Lazzari (*)

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia. di Massimo Lazzari (*) Tecniche Turnaround Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia Italiana SpA di Massimo Lazzari (*) Prosegue la serie di 10 contributi dedicati al turnaround come

Dettagli

business plan fotovoltaici

business plan fotovoltaici Le best practice AIAF nella redazione di business plan fotovoltaici Associazione Italiana degli Analisti Finanziari AIAF Milano, 26 novembre 2009 Cos é l AIAF L AIAF, Associazione Italiana degli Analisti

Dettagli

Company Profile. www.irtop.com

Company Profile. www.irtop.com Company Profile www.irtop.com 2 > Valori > Mission > Profilo > Obiettivi > Servizi di consulenza > Track record > Pubblicazioni > Contatti 3 VALORI Passione Crediamo nelle storie imprenditoriali dei nostri

Dettagli

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*)

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*) Turnaround Tecniche Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl di Massimo Lazzari (*) In questo sesto contributo verranno pubblicati i risultati di un osservatorio

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa Piano Industriale Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti Guida Operativa Indice 1. Premessa 2. Le componenti del Piano Industriale 3. La strategia realizzata 4. Le intenzioni strategiche

Dettagli

Training sulla Finanza per l Azienda

Training sulla Finanza per l Azienda Training sulla Finanza per l Azienda Identificare le fonti di finanziamento alternative A tendere si osserverà nei mercati una riduzione del credito concesso dalle banche, a causa degli shock endogeni

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE La strutturazione di un fondo di private equity e l attività di fund raising I veicoli azionisti sottoscrittori SGR Fondo Struttura italiana gestore fondo General Partner

Dettagli

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE OFFERTA FORMATIVA Titolo: MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Padova, Roma e Bologna. Destinatari: Il Master si rivolge a laureati, preferibilmente in discipline economiche,

Dettagli

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio CENTRO STUDI Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni Progetto Confetra Lazio: Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio Roma, maggio 2011 PROGETTO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELLA

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

Servizi di revisione contabile e verifica delle informazioni finanziarie nel processo di listing e post listing

Servizi di revisione contabile e verifica delle informazioni finanziarie nel processo di listing e post listing Servizi di revisione contabile e verifica delle informazioni finanziarie nel processo di listing e post listing Nel seguito sono presentati i servizi di revisione contabile e verifica delle informazioni

Dettagli

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT http://www.sinedi.com ARTICOLO 8 GENNAIO 2007 I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT In uno scenario caratterizzato da una crescente competitività internazionale si avverte sempre di più la necessità di una

Dettagli

!"#$%&'(&%)% Consulenza & Ser vizi. & Partners

!#$%&'(&%)% Consulenza & Ser vizi. & Partners !"#$%&'(&%)% Consulenza & Ser vizi & Partners Progettualità e cultura d impresa Nato nel 2002 da un idea del Dr. Luca Troisi, a seguito di una significativa esperienza personale maturata nel mondo della

Dettagli

IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI

IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI 10 settembre 2014 RAPPORTO TRA IMPRESE ITALIANE E SISTEMA BANCARIO I prestiti bancari

Dettagli

III Assemblea ANDIGEL Genova, 21 Novembre 2003 FINANZA INNOVATIVA PER LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DI ENTI TERRITORIALI

III Assemblea ANDIGEL Genova, 21 Novembre 2003 FINANZA INNOVATIVA PER LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DI ENTI TERRITORIALI III Assemblea ANDIGEL Genova, 21 Novembre 2003 FINANZA INNOVATIVA PER LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DI ENTI TERRITORIALI 1 Sommario Introduzione 1.1 La valorizzazione del patrimonio immobiliare

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE Bibliografia: Capitolo 6 di Pianificazione Finanziaria Guida al Piano Industriale di Borsa Italiana S.p.a. Piano finanziario e Piano industriale Cap. 4 Obiettivi Piano

Dettagli

Associazione Italiana Corporate & Investment Banking. Presentazione Ricerca. Il risk management nelle imprese italiane

Associazione Italiana Corporate & Investment Banking. Presentazione Ricerca. Il risk management nelle imprese italiane Associazione Italiana Corporate & Investment Banking 02.36531506 www.aicib.it aicib@unicatt.it Presentazione Ricerca Il risk management nelle imprese italiane AICIB Associazione Italiana Corporate & Investment

Dettagli

In momenti di incertezza e di instabilità

In momenti di incertezza e di instabilità LA GESTIONE DELLA TESORERIA ALLA LUCE DELLA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI In momenti di incertezza e di instabilità finanziaria il governo dei flussi di tesoreria assume una notevole importanza all interno

Dettagli

Aprile 2006: Numero 7

Aprile 2006: Numero 7 Aprile 2006: Numero 7 NEWSLETTER FINANZIARIA POLIGRAFICA SAN FAUSTINO La Newsletter è disponibile online all indirizzo www.psf.it Alberto Frigoli In questo numero: - Lettera del Presidente - Evoluzione

Dettagli

La programmazione delle scelte finanziarie

La programmazione delle scelte finanziarie Economia e gestione delle imprese II La programmazione delle scelte finanziarie dott. Matteo Rossi Benevento, 23 febbraio 2009 La gestione finanziaria La gestione finanziaria ha ad oggetto il complesso

Dettagli

AREA DI CORE BUSINESS PATRIMONIO

AREA DI CORE BUSINESS PATRIMONIO AREA DI CORE BUSINESS PATRIMONIO 59 60 Nell ambito degli Investimenti Patrimoniali, si illustrano qui di seguito le linee programmatiche che la Fondazione intende perseguire nel corso del prossimo esercizio,

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

Il mercato primario Le offerte di azioni

Il mercato primario Le offerte di azioni Il mercato primario Le offerte di azioni Tecnicamente le offerte di azioni sono di due tipi: OFFERTE PUBBLICHE DI SOTTOSCRIZIONE (OPS), quando oggetto di offerta sono azioni di nuova emissione provenienti

Dettagli

Osservatorio VedoGreen

Osservatorio VedoGreen Osservatorio VedoGreen Green Economy on Capital Markets 2015 IV edizione e frontiere del green: Efficienza Energetica, Agribusiness e Biotecnologie Giugno 2015 Partner -1- Indice Green Economy on Capital

Dettagli

I veicoli di investimento immobiliare professionale: I fondi immobiliari ad apporto

I veicoli di investimento immobiliare professionale: I fondi immobiliari ad apporto I veicoli di investimento immobiliare professionale: I fondi immobiliari ad apporto Le problematiche operative e le soluzioni possibili Roma 28 ottobre 2005 SORGENTE Società di Gestione del Risparmio S.p.A.

Dettagli

Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali. Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR

Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali. Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR PERCHÉ INVESTIRE NEL PRIVATE EQUITY DEDICATO ALLE PMI ITALIANE NEL 2012 / 2013?

Dettagli

FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017. Milano, 3 aprile 2014

FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017. Milano, 3 aprile 2014 FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017 Milano, 3 aprile 2014 FIRST CAPITAL OGGI (1/2) First Capital è un operatore italiano specializzato in Private Investment in Public Equity (

Dettagli

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini 1 DECIDERE DI QUOTARSI LA DECISIONE DI QUOTARSI RAPPRESENTA UNA SCELTTA STRATEGICA

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

Lezione 3: Introduzione all analisi e valutazione delle azioni. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri

Lezione 3: Introduzione all analisi e valutazione delle azioni. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Lezione 3: Introduzione all analisi e valutazione delle azioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Valutazione degli investimenti in azioni Intuitivamente si crea valore quando un azienda

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

Fattori di rischio e incertezza

Fattori di rischio e incertezza Fattori di rischio e incertezza 39 PREMESSA Nel 2014 la controllante Snam S.p.A. ha istituito, alle dirette dipendenze dell Amministratore Delegato, l unità Enterprise Risk Management (ERM), al fine di

Dettagli

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento Alberto Balestreri 1. Il tema dovrebbe essere declinato sia in funzione dei settori di attività delle PMI che, più in generale, in funzione di

Dettagli

INTRODUZIONE 1 1. IL VALORE D AZIENDA E LA SUA EVOLUZIONE 5. 3. LA RAI RADIO TELEVISIONE ITALIANA S.p.A. 29

INTRODUZIONE 1 1. IL VALORE D AZIENDA E LA SUA EVOLUZIONE 5. 3. LA RAI RADIO TELEVISIONE ITALIANA S.p.A. 29 INDICE INTRODUZIONE 1 1. IL VALORE D AZIENDA E LA SUA EVOLUZIONE 5 1.1 Il ruolo dell impresa nella società 5 1.2 Gli Stakeholders 6 1.3 Breve excursus sulla teoria della creazione e diffusione del valore

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE Docente: Prof. Massimo Mariani SOMMARIO La creazione del valore Che cos è la finanza aziendale Obiettivi degli stakeholders Massimizzazione del valore Massimizzazione

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale Il Piano Industriale Università degli Studi di Palermo Palermo, 9 giugno 2011 Raffaele Mazzeo Consiglio Nazionale Dottori Commercialisti ed esperti contabili Indice FASE n. 1 - Presentazione del progetto

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Relazione dell sul funzionamento complessivo del sistema di valutazione, trasparenza e integrità dei controlli interni Anno 2012 (art. 14, comma 4, lettera a del d.lgs. n. 150/2009) PRESENTAZIONE E INDICE

Dettagli

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

Comunicato Stampa. Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2015

Comunicato Stampa. Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2015 Comunicato Stampa Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2015 Ricavi netti 3.875 migliaia ( 3.164 migliaia al 30 giugno 2014)

Dettagli

Analisi SWOT. L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte, che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali.

Analisi SWOT. L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte, che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali. Analisi SWOT L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte, che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali. Analisi SWOT È stata sviluppata più di 50 anni fa come supporto

Dettagli

Incontro seminario progetto @quem

Incontro seminario progetto @quem Incontro seminario progetto @quem ENEA, 29 ottobre 2007 Luciano Blasi Energy Manager - Gruppo Poste Italiane RE Energy Management Pag. 1 Poste Italiane: la gestione energetica Nell aprile 2004 Poste Italiane

Dettagli

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO Roma, 28 giugno 2013 Luigi Tommasini Senior Partner Funds-of-Funds CONTENUTO Il Fondo Italiano di Investimento: fatti e

Dettagli

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli

ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITA NELLO STUDIO LEGALE

ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITA NELLO STUDIO LEGALE 22 aprile 2015 ore 14:30 / 18:30 Sala della Fondazione Forense Bolognese Via del Cane, 10/a Presiede e modera Avv. Federico Canova Consigliere dell Ordine degli Avvocati di Bologna ANALISI,REVISIONEEIMPLEMENTAZIONEDIUNMODELLO

Dettagli

Pianificazione. e controllo. Gestire i ricavi per incrementare la redditività aziendale

Pianificazione. e controllo. Gestire i ricavi per incrementare la redditività aziendale Gestire i ricavi per incrementare la redditività aziendale di Massimo Lazzari (*) Molti settori industriali si trovano oggi a dover operare in contesti estremamente competitivi, caratterizzati, da un lato,

Dettagli

Chi Siamo. Il nostro obiettivo. www.obiettivamente.eu Obiettivamente S. C. StradaCancelloRotto, 3 70125 Bari

Chi Siamo. Il nostro obiettivo. www.obiettivamente.eu Obiettivamente S. C. StradaCancelloRotto, 3 70125 Bari Chi Siamo Il progetto Obiettivamente nasce con lo scopo di offrire una pronta risposta alle mutevoli richieste di credito da parte delle imprese, garantendo un servizio di consulenza sempre attento, innovativo

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

MARINE WILLIS NEL MONDO E IN ITALIA WILLIS E IL MARINE

MARINE WILLIS NEL MONDO E IN ITALIA WILLIS E IL MARINE MARINE MARINE WILLIS NEL MONDO E IN ITALIA Willis è uno dei principali Gruppi di brokeraggio assicurativo e di risk management a livello mondiale con riconosciute competenze in tutti i settori dell industria

Dettagli

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati MECCANICA FINANZIARIA è una società ben strutturata, composta da un team altamente qualificato e dalla pluriennale

Dettagli

CRESCERE IN SICILIA CON PRIVATE EQUITY E MINI BOND: QUALI OPPORTUNITA PER LE IMPRESE

CRESCERE IN SICILIA CON PRIVATE EQUITY E MINI BOND: QUALI OPPORTUNITA PER LE IMPRESE Fabrizio loiacono CRESCERE IN SICILIA CON PRIVATE EQUITY E MINI BOND: QUALI OPPORTUNITA PER LE IMPRESE Selezione, ingresso e gestione del partner nella prospettiva dell imprenditore: un caso di successo

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo trimestre 2013

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo trimestre 2013 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo trimestre 2013 Cagliari, 14 maggio 2013 Il Consiglio di Amministrazione di ha approvato i risultati al 31 marzo 2013. Ricavi consolidati

Dettagli

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Comunicato Stampa Investimenti e Sviluppo Mediterraneo S.p.A.: Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Trimestre: gennaio 2008 marzo 2008 Margine di interesse pari a euro 327.660 Margine di intermediazione

Dettagli

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Indice Prefazione Autori XI XV Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Capitolo 1 Compiti ed evoluzione della funzione finanziaria 3 1.1 Compiti e finalità della funzione finanziaria

Dettagli

Il finanziamento delle energie rinnovabili: strumenti, criticità e prospettive

Il finanziamento delle energie rinnovabili: strumenti, criticità e prospettive Il finanziamento delle energie rinnovabili: strumenti, criticità e prospettive Giuseppe Dasti Coordinatore Desk Energy Mediocredito Italiano gruppo Intesa Sanpaolo Convegno della Regione Emilia Romagna

Dettagli

BNP Paribas. Corporate & Investment Banking in Italia. Nicola D Anselmo. Responsabile CIB Italia. Roma, 1 Dicembre 2006

BNP Paribas. Corporate & Investment Banking in Italia. Nicola D Anselmo. Responsabile CIB Italia. Roma, 1 Dicembre 2006 BNP Paribas Corporate & Investment Banking in Italia Nicola D Anselmo Responsabile CIB Italia Roma, 1 Dicembre 2006 Sommario BNP Paribas CIB in Italia prima di BNL Nuove prospettive per CIB Implementazione

Dettagli

CHI SIAMO MISSION GOVERNANCE SERVIZI STRUTTURA ORGANIZZATIVA

CHI SIAMO MISSION GOVERNANCE SERVIZI STRUTTURA ORGANIZZATIVA IL NOSTRO LAVORO SI BASA SULLA FIDUCIA DEI CLIENTI. PER QUESTO FONDAMENTALE È IL RISPETTO DELLE NORME E LA TOTALE TRASPARENZA NELLO SVOLGIMENTO DELLA NOSTRA ATTIVITÀ. CHI SIAMO MISSION GOVERNANCE SERVIZI

Dettagli

Parimenti una gestione delle scorte in maniera non oculata può portare a serie ripercussioni sul rendimento sia dei mezzi propri che di terzi.

Parimenti una gestione delle scorte in maniera non oculata può portare a serie ripercussioni sul rendimento sia dei mezzi propri che di terzi. Metodo per la stima del ROE e del ROI in un azienda operante nel settore tessile abbigliamento in funzione delle propria struttura di incasso e pagamento e della gestione delle rimanenze di magazzino.

Dettagli

Un impegno comune per la crescita

Un impegno comune per la crescita Un impegno comune per la crescita Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria proseguono la collaborazione avviata con l Accordo del luglio 2009, rinnovata nel 2010, e condividono una linea d azione

Dettagli

L attività d investimento nel capitale di rischio

L attività d investimento nel capitale di rischio Ciclo di seminari sulla finanza d impresa L attività d investimento nel capitale di rischio Finalità e strategie operative Massimo Leone INVESTIMENTO ISTITUZIONALE NEL CAPITALE DI RISCHIO Apporto di risorse

Dettagli

LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE. Giancarlo Forestieri (Università Bocconi)

LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE. Giancarlo Forestieri (Università Bocconi) LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE Giancarlo Forestieri (Università Bocconi) AGENDA Un quadro d insieme I fattori di contesto I modelli di business tradizionali sono

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE Non vi è dubbio che nello scenario economico attuale per incrementare il proprio vantaggio competitivo sia importante focalizzare l attenzione sugli aspetti

Dettagli

Percorsi Manageriali

Percorsi Manageriali Percorsi Manageriali La finanza per le piccole medie imprese Presentazione dell iniziativa Biella, 4 marzo 2009 Obiettivi dell iniziativa L Unione Industriale Biellese intende offrire ai propri Associati

Dettagli

Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered

Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered Premessa Il metodo DCF Come noto il metodo DCF (Discounted cash flow) si è affermato da tempo, soprattutto nella prassi

Dettagli

L offerta di Borsa Italiana per le PMI MERCATI REGOLAMENTATI

L offerta di Borsa Italiana per le PMI MERCATI REGOLAMENTATI L offerta di Borsa Italiana per le PMI 1 MERCATI REGOLAMENTATI Il processo di quotazione PREPARAZIONE DUE DILIGENCE ISTRUTTORIA COLLOCAMENTO Eventuale riorganizzazione società / gruppo Eventuali modifiche

Dettagli

P.Cappugi. Gli investimenti locali dei Fondi Pensione Territoriali in Europa Venezia, 8 Ottobre 2010

P.Cappugi. Gli investimenti locali dei Fondi Pensione Territoriali in Europa Venezia, 8 Ottobre 2010 P.Cappugi Gli investimenti locali dei Fondi Pensione Territoriali in Europa Venezia, 8 Ottobre 2010 1 Indice Parte 1 Parte 2 Premessa Modello di business e organizzazione commerciale del Gruppo Banca Esperia

Dettagli

Modalità tecniche d'ingresso del fondo Ingenium Provincia di Catania: linee guida 1

Modalità tecniche d'ingresso del fondo Ingenium Provincia di Catania: linee guida 1 Modalità tecniche d'ingresso del fondo Ingenium Provincia di Catania: linee guida 1 Il fondo Ingenium investe in nuove imprese innovative che basano il loro modello di business sulla valorizzazione della

Dettagli

WEB OFFER DIAMAN TECH SRL

WEB OFFER DIAMAN TECH SRL RELAZIONE WEB OFFER DIAMAN TECH SRL Indice Introduzione pag. 3 Parte generale..pag. 3 Il caso specifico...pag. 4 Conclusioni..pag. 6 INTRODUZIONE Il sottoscritto dott. Costantino Magro, nato a Padova il

Dettagli

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,(

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,( 3,1,),=,21((21752//2, *(67,21(,0377,25*1,==7,9,( 68//(5,6256(801( 7HVWLPRQLDQ]DGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGD *=DQRQL 0LODQRJLXJQR Struttura del Gruppo Banca Lombarda 6WUXWWXUDGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGDH3LHPRQWHVH

Dettagli

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO ALLEGATO 3 POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 4.2 P.A. PER L IMPRESA: ANIMAZIONE, SERVIZI REALI, SEMPLIFICAZIONE, INFRASTRUTTURAZIONE SELETTIVA AZIONE 4.2.B SERVIZI REALI ALLE PMI PROGRAMMA SERVIZI PER IL POTENZIAMENTO

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro)

SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro) SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro) Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea 20 gennaio 2015 Audizione dell Amministratore Delegato

Dettagli

Il network per la finanza d impresa

Il network per la finanza d impresa Il network per la finanza d impresa La nostra mission é affiancare la famiglia imprenditoriale nell attività gestionale (ottimizzazione organizzativa, finanziaria, amministrativa, legale, fiscale) e nelle

Dettagli

La sede operativa è a Modena ed il bacino d utenza ricomprende, oltre all Emilia-Romagna, le regioni limitrofe (Veneto, Lombardia, Marche).

La sede operativa è a Modena ed il bacino d utenza ricomprende, oltre all Emilia-Romagna, le regioni limitrofe (Veneto, Lombardia, Marche). NUOVA TESI SRL è una società che opera dal 2001 nei seguenti campi: Agevolazioni per l Innovazione (contributi a fondo perduto, benefici fiscali, ecc.); Ricerca e Selezione (Autorizzazione Ministeriale

Dettagli

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu CHI SIAMO Carmaconsulting nasce dall intuizione dei soci fondatori di offrire

Dettagli

THE ART OF BUSINESS PLANNING

THE ART OF BUSINESS PLANNING THE ART OF BUSINESS PLANNING La presentazione dei dati: realizzazione e presentazione di un Business Plan Francesca Perrone - Head of Territorial & Sectorial Development Plans Giusy Stanziola - Territorial

Dettagli

Valutazione d Azienda Lezione 5

Valutazione d Azienda Lezione 5 Valutazione d Azienda Lezione 5 1 Le prospettive di valutazione [P.I.V. I.7] Generico operatore partecipante al mercato Specifico soggetto 2 I partecipanti al mercato Si tratta della generalità dei potenziali

Dettagli

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE Non vi è dubbio che nello scenario economico attuale per incrementare il proprio vantaggio competitivo sia importante focalizzare l attenzione sugli aspetti

Dettagli

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Prof. Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo alessandro.berti@uniurb.it Urbino, a.a.

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Rischio di cambio transattivo: il caso Elica Group

Rischio di cambio transattivo: il caso Elica Group Rischio di cambio transattivo: il caso Elica Group di Giuseppe Zillo (*) e Elisabetta Cecchetto (**) Attraverso il caso di una PMI italiana vengono evidenziati alcuni aspetti salienti legati gestione del

Dettagli

Fondimpresa Avviso 5/2015. Piano Territoriale Codice Piano POI1444908731677

Fondimpresa Avviso 5/2015. Piano Territoriale Codice Piano POI1444908731677 Fondimpresa Avviso 5/2015 Piano Territoriale Codice Piano POI1444908731677 Sintesi dei Piano Il Piano PointConnecting" coinvolge aziende del territorio campano, accomunate da piani di investimento volti

Dettagli

executive master www.cspmi.it General Management Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti.

executive master www.cspmi.it General Management Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti. executive master COURSE www.cspmi.it General Management Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti. EXECUTIVE MASTER COURSE General Management PREMESSA Le figure al timone di un azienda hanno

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

Progetto di Bilancio 2004

Progetto di Bilancio 2004 Progetto di Bilancio 2004 Magenta, 30 marzo 2005 Esercizio 2004 Dati consolidati Ricavi netti: 471 milioni di euro, rispetto ai 542 milioni di euro a fine 2003 (-13%). Margine operativo lordo: 45,2 milioni

Dettagli

L Area Nord: rispetto a 5 anni fa

L Area Nord: rispetto a 5 anni fa Conclusioni 1 L Area Nord: rispetto a 5 anni fa L Area Nord, nonostante la crisi del 2009 che ha peggiorato le condizioni rispetto al 2008, è comunque cresciuta in termini di ricavi del 25% rispetto al

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

Un indagine sulla qualità dei piani aziendali ricevuti dal sistema bancario

Un indagine sulla qualità dei piani aziendali ricevuti dal sistema bancario Un indagine sulla qualità dei piani aziendali ricevuti dal sistema bancario di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) Nel presente contributo si riportano i principali risultati di un indagine, condotta

Dettagli

IL GRUPPO AZIMUT. Aprile 2015

IL GRUPPO AZIMUT. Aprile 2015 IL GRUPPO AZIMUT Aprile 2015 IL GRUPPO AZIMUT Azimut è la più grande realtà finanziaria indipendente attiva nel mercato del risparmio gestito italiano Dal 7 Luglio 2004 è quotata alla Borsa di Milano e

Dettagli

Istituzionali. Consulenza Finanziaria Indipendente

Istituzionali. Consulenza Finanziaria Indipendente Istituzionali Consulenza Finanziaria Indipendente Chi siamo Consultique SIM S.p.A. è stata fondata nel 2001 da Cesare Armellini, responsabile della finanza del Gruppo Armellini, componente di una importante

Dettagli

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Le caratteristiche del mercato finanziario e le dinamiche competitive emerse sin dall emergere della crisi hanno imposto

Dettagli

Metodi e Modelli per l Analisi Strategica per l A.A. 2013-2014

Metodi e Modelli per l Analisi Strategica per l A.A. 2013-2014 Metodi e Modelli per l Analisi Strategica per l A.A. 2013-2014 Caso 1: Progetto strategico: basic intelligence, visione e posizionamenti Caso 2: Progetto strategico: criticità, macro trend e obiettivi

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

Prezzi del GNL per uso marittimo e sua convenienza economica rispetto ai carburanti marini petroliferi

Prezzi del GNL per uso marittimo e sua convenienza economica rispetto ai carburanti marini petroliferi Prezzi del GNL per uso marittimo e sua convenienza economica rispetto ai carburanti marini petroliferi Andrea Molocchi ECBA Project srl www.ecbaproject.eu Environmental Cost-Benefit Analysis to assess

Dettagli