- Polizze vita Unit Linked: Rinviare il pagamento delle imposte produce un grande vantaggio economico...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.patrimon.it - info@patrimon.it Polizze vita Unit Linked: Rinviare il pagamento delle imposte produce un grande vantaggio economico..."

Transcript

1 - Newsletter Patrimon Numero 4 - Marzo 2015 In questo numero: Polizze vita Unit Linked: Rinviare il pagamento delle imposte produce un grande vantaggio economico I Pilastri della Previdenza.. 6 Le Linee di Credito per le Imprese Newsletter Patrimon Marzo 2015

2 Incontro-Dibattito IL RAPPORTO AZIENDA - BANCA COME TROVARE FINANZIAMENTI E PAGARLI POCO E sempre più difficile trovare finanziamenti bancari a tassi accessibili? Certo, se non si adatta il proprio approccio alle nuove esigenze. Come impostare una buona strategia per superare gli ostacoli, ottenere le risorse necessarie e risparmiare sugli interessi. L incontro è dedicato soprattutto ad imprenditori, liberi professionisti e commercialisti. A MILANO Sabato 11 Aprile 2015 Hotel Mennini v. Napo Torriani 14 ore Relatori: Dott. Andrea Massone (Consulente creditizio) Dott. Marco Degiorgis (Patrimon- Consulenza Patrimoniale Consulenza Patrimoniale) L ingresso è GRATUITO ma i posti sono limitati. E necessaria l iscrizione al n oppure tramite a specificando la data dell incontro. AVVERTENZA Questo documento è stato redatto dai professionisti del network Patrimon per soli scopi informativi, e non costituisce in alcun modo una sollecitazione a comprare o vendere attività finanziarie, nè una sollecitazione al pubblico risparmio. Ogni notizia utilizzata per la preparazione di questo documento proviene da fonti ritenute affidabili, ma non si garantisce in alcun modo la loro esattezza. Le opinioni espresse riflettono il punto di vista personale dell autore al momento in cui viene scritto l articolo. L eventuale utilizzo delle informazioni e opinioni contenute nel documento come supporto alle scelte di investimento è a completo rischio di chi effettua tali scelte d investimento. I professionisti di Patrimon.it non possono essere ritenuti in alcun modo responsabili dell esito di tali operazioni. Questo documento non può essere riprodotto o distribuito in tutto, o in parte, senza la preventiva autorizzazione scritta di Patrimon.it. Newsletter Patrimon Marzo 2015 Pag. 2

3 Polizze vita Unit Linked: Rinviare il pagamento delle imposte produce un grande vantaggio economico Le polizze vita unit linked presentano tra i molteplici vantaggi quello di poter rinviare l imposizione fiscale al momento del riscatto. Analizziamo in questo articolo la fiscalità di questo strumento dopo l ultimo intervento legislativo di fine Autore: Fabrizio Badariotti Ufficio studi e consulenza assicurativa Alla fine del 2014 la legge di stabilità è intervenuta per modificare la fiscalità delle polizze vita finanziarie. La totale esenzione prevista in caso di riscatto mortis causa è decaduta. Ciò significa che gli eredi dovranno pagare l imposta sul capital gain. Ci siamo chiesti se questo intervento faccia venire meno la convenienza fiscale nell uso di questo strumento. Per verificarlo ci siamo muniti con la mano destra dei codici di regolamentazione fiscale e con la sinistra di calcolatrice. In questo articolo presentiamo i risultati di un confronto fatto misurando le imposte pagate all interno di un deposito amministrato comparate con quelle pagate da una polizza assicurativa unit linked, entrambe riferite ad un identico portafoglio di investimento, gestito con le medesime strategie. I risultati sono stati sorprendenti. L obiettivo è quindi quello di rispondere a questa domanda: Data una tecnica di gestione in OICR (Fondi ed ETF) applicata con gli stessi strumenti e gli stessi tempi di intervento su deposito amministrato oppure all interno di una polizza assicurativa, quante imposte risparmio con la polizza? Queste imposte risparmiate possono giustificare l uso dello strumento assicurativo, che di solito presenta dei costi più alti, in alternativa all operatività tradizionale mediante il deposito amministrato? Le regole fiscali Prima di presentare i calcoli dobbiamo riepilogare quali sono le regole fiscali che intervengono in questo confronto. Coloro che hanno partecipato in passato ai nostri incontri sanno bene come la tassazione sui fondi e ETF movimentati in un deposito amministrato sia ben superiore al 26%. Questo avviene perché non è prevista la compensazione tra minusvalenze e plusvalenze realizzate su questi strumenti. Le posizioni in utile pagano imposta nel momento della vendita, mentre quelle in perdita generano minusvalenze appartenenti alla categoria dei redditi diversi e Newsletter Patrimon Marzo 2015 Pag. 3

4 potranno essere recuperate solo con attività di investimento su azioni, derivati e certificati. Sul deposito amministrato si arriva pertanto facilmente ad una tassazione finale di almeno il 36%, dieci punti in più rispetto allo sbandierato 26%. Per contro la peculiarità delle polizze vita unit linked finanziarie è quella di offrire una perfetta compensazione fiscale tra utili e perdite realizzati all interno della gestione assicurativa. Le tasse si pagano solo nel momento del riscatto totale o parziale in vita, oppure, con le nuove disposizioni legislative di fine 2014, le pagheranno gli eredi se la polizza termina per mortis causa dell assicurato. Il fatto di rinviare la fiscalità porta quindi ad un vantaggio che si cumula nel tempo permettendo di reinvestire nella gestione le tasse che invece verrebbero pagate in un deposito amministrato al momento del realizzo di ogni operazione in utile. Il modello di calcolo Il modello di calcolo che abbiamo prodotto con un foglio Excell (tabella 1) è stato effettuato con le seguenti ipotesi: 1- Tassazione media su OICR nel deposito amministrato 36% (a causa della mancata compensazione). 2- Durata della polizza finanziaria 20 anni. 3- Imposta di bollo per semplicità non considerata. Avrebbe comunque un trattamento uguale alle imposte sul capital gain. Anch essa nelle polizze non viene pagata annualmente ma al momento del riscatto. 4- Rendimento medio della gestione in OICR pari al 5% medio lordo. Stesso modello di gestione applicato simultaneamente su deposito amministrato e polizza unit linked. Nella sezione deposito amministrato ogni anno mediamente il rendimento del 5% viene decurtato dall imposta sul capital gain che lo abbatte subito ad un 3,2%. Il montante a fine anno nel deposito amministrato è quindi inferiore rispetto a quello presente in una polizza dove invece la tassazione non esercita i suoi effetti negativi. Nella polizza le imposte non pagate subito possono quindi essere reinvestite nella stessa gestione e generare a loro volta un rendimento del 5% lordo che si cumula nel tempo. Conclusioni Le conclusioni a cui arriva questo confronto sono abbastanza eclatanti. Dopo 20 anni sul deposito amministrato si arriva ad un capitale netto di Nella polizza si arriva invece ad un montante al netto delle tasse in caso di riscatto Newsletter Patrimon Marzo 2015 Pag. 4

5 (qualunque ne sia la causa) di , con un guadagno netto di oltre euro. Il rendimento netto della polizza arriva quindi più alto di oltre 34 punti % nel periodo considerato di 20 anni rispetto all equivalente modello di gestione realizzato in un deposito amministrato. L intervento legislativo di fine 2014 è vero che ha tolto l esenzione dal capital gain per gli eredi nel caso di riscatto mortis causa, ma per fortuna ha lasciato intatti tutti gli altri vantaggi: - Capitale fuori dall asse ereditario: esente da imposte di successione - Rinvio della fiscalità: dimostrato nei numeri in questo articolo - Impignorabilità / insequestrabilità: se la polizza è costruita in tempi e modi opportuni. - Diritto proprio del terzo beneficiario: anche in caso di rinuncia all eredità il beneficiario ottiene le somme assicurate. Quota di partecipazione: Euro IVA Iscrizioni entro il 26 marzo 2015 Sede e Contatti: SAA School of Management v. Ventimiglia, 115 Torino Tel Newsletter Patrimon Marzo 2015 Pag. 5

6 I Pilastri della Previdenza Un Analisi del sistema pensionistico italiano. Dal sistema pubblico obbligatorio ai Fondi pensione collettivi fino alla previdenza complementare volontaria. Vantaggi fiscali e benefici per il lavoratore e l impresa. Autore: Marco Degiorgis Pianificazione finanziaria, previdenziale e successoria La previdenza in Italia sembra un argomento tabù: tutti ci pensano, prima o poi andranno in pensione, ma nessuno ne vuole parlare ed affrontare il problema, a meno che non si sia in vista del traguardo. Per farlo, è necessario capire come funzionano alcuni meccanismi previdenziali, per evitare di trovare brutte sorprese, realizzare un analisi attenta e dettagliata e valutare le diverse alternative. Abbiamo fondamentalmente tre possibili fonti di reddito pensionistico: da parte del sistema pubblico obbligatorio (cd: primo pilastro), da parte dei fondi pensione collettivi (secondo pilastro) e dalla previdenza integrativa individuale volontaria (terzo pilastro). Per quanto riguarda il sistema pensionistico pubblico, gestito dall INPS, si sta passando da un sistema retributivo (fino al 1995 era solo retributivo), in cui non vi è stretta correlazione tra contributi versati e prestazione percepita, ad un sistema contributivo (riforma Dini), in cui invece si percepirà una pensione derivante dai versamenti effettuati negli anni. Il motivo per ridurre le pensioni erogate è semplice; ci sono meno lavoratori attivi e aumentano i pensionati. Inoltre è previsto un aumento dell età media, quindi le pensioni dovranno essere pagate per più anni. Quali soluzioni sono state adottate dai governi? Ridotte le pensioni (non tutte, lo sappiamo, ci sono ancora persone che godono di anacronistici privilegi e ricevono migliaia di euro ogni mese), aumentati i contributi da versare, aumentata l età minima per accedere alla pensione. E nei prossimi anni non potranno che inasprire queste misure. Nel passaggio da sistema retributivo a sistema contributivo, ci saranno molte persone che si troveranno a cavallo dei due, rientrando quindi in un sistema misto. Pochi potranno usufruire ancora pienamente del sistema retributivo: devono avere più di 18 anni di attività prima del E importante analizzare bene la situazione e capire quali opportunità siano più convenienti. In linea di massima, il sistema contributivo è maggiormente penalizzante, riducendo di fatto il reddito da pensione e quindi potrebbe non risultare conveniente il cosiddetto ricalcolo contributivo, ma non è detto. Ci sono casi in cui aderendo al misto si va in pensione più tardi, cosa di solito non gradita! Ci sono inoltre diverse possibilità per riscattare posizioni non lavorative (esempi sono: laurea, maternità, assistenza, servizio militare) che possono tornare utili ai fini del calcolo pensionistico, alcune sono gratuite, altre a pagamento, quindi è necessario calcolare il rapporto costi/benefici. L ente pubblico erogatore per eccellenza è INPS, in cui è confluita anche l INPDAP (relativa ai dipendenti della pubblica amministrazione) ma Newsletter Patrimon Marzo 2015 Pag. 6

7 esistono anche le casse previdenziali dei liberi professionisti, ognuna con regole diverse. Altra cosa da sapere è a quale macro gestione INPS si appartiene; gestione fondo pensione per lavoratori dipendenti, gestioni speciali per artigiani, commercianti, coltivatori diretti, gestione separata per amministratori di società, lavoratori a progetto etc. Queste tre gestioni hanno livelli di contribuzione diverse e spesso ci sono persone che, durante la loro vita lavorativa, sono state in più di una gestione. Bisogna quindi capire quale attività è stata prevalente e se conviene l accorpamento delle posizioni. Dal lato del secondo pilastro, cioè i fondi pensione, regolamentati nel 1993 sebbene fosse possibile aderirvi già prima (cd. fondi preesistenti), non sono stati molto utilizzati fino alla riforma del 2005, attuata nel 2007, che dava la possibilità, ai dipendenti, di conferire anche il TFR in un fondo pensione, anziché lasciarlo in azienda. La riforma era sibillina, poiché il lavoratore silente si trovava a versare il proprio TFR quasi senza saperlo! Doveva, e deve tutt oggi, dare comunicazione esplicita di voler mantenere il proprio trattamento di fine rapporto presso l azienda. E evidente che per le piccole e medie aziende, ciò ha rappresentato una difficoltà, poiché spesso (sbagliando) la somma destinata a pagare il TFR dei dipendenti, viene usata per far fronte ad esigenze di liquidità e finanziamento dell impresa. Sostengo che non sia corretto, poiché è denaro destinato ad uscire dall azienda, senza grande prevedibilità dei tempi. Spesso si tratta di cifre complessive importanti, che l azienda farebbe bene a tenere disponibili. Già, ma così facendo si priva di finanziamenti, è il gatto che si morde la coda! In realtà c è una possibile via di uscita, basterebbe vincolare le somme destinate al TFR aziendale e chiedere un prestito su queste. Di solito le banche non propongono questo tipo di soluzione, purtroppo per conflitti di interesse. Per le aziende con oltre 50 dipendenti, il maturato da TFR non può essere più mantenuto in azienda ma confluisce nel fondo di Tesoreria dell INPS. Tornando ai fondi pensione, è conveniente per un dipendente versarvi il TFR? Dipende da alcuni fattori, innanzitutto dalla bontà dei gestori del fondo di ottenere rendimenti. Non brillano né per trasparenza sulle scelte di gestione (poco si sa di come venga investito, in quali strumenti, con quale movimentazione) né per adattamento a mercati finanziari sempre più ostici. Se l adesione al fondo è fatta attraverso accordi collettivi, certamente si può beneficiare di condizioni più vantaggiose rispetto a quanto si otterrebbe aderendo singolarmente. Altra componente positiva è il contributo obbligatorio del datore di lavoro, che in alcuni casi può essere interessante. Però è obbligato a versare, per lo stesso importo, anche il lavoratore. E qui bisognerebbe fare calcoli di convenienza economica. Le buone notizie sul TFR: sono state equiparate le forme pensionistiche ed è prevista la portabilità del medesimo; queste due prerogative consentono di trasferire le somme accumulate non solo tra fondi pensione ma anche verso altre forme complementari, come le Forme Individuali di Previdenza (FIP) e i Piani Individuali Previdenziali (PIP), che fanno parte del terzo pilastro. La previdenza integrativa Vorrei riprendere l argomento previdenza, da dove lo abbiamo lasciato, vale a dire dal terzo pilastro, la previdenza complementare integrativa, che si può realizzare versando in fondi pensione, FIP e PIP. C è l indiscusso beneficio della deducibilità delle somme versate ma entro il limite di 5164,57. Il limite non esiste solo per i versamenti, obbligatori e volontari, verso l ente pubblico di appartenenza (INPS o casse). In pratica si versa la somma alla previdenza integrativa, ma si recupera una parte (a seconda dell aliquota fiscale di appartenenza) deducendola dal reddito imponibile: di fatto escono di tasca circa 3000 effettivi, per un aliquota media, invece dei 5164,57. Ma basta ciò a far propendere per il terzo pilastro? Direi di no, se la gestione dei fondi non è buona o i costi sono troppo alti rischiano di consumare tutto il vantaggio fiscale. Venuto meno il vantaggio fiscale delll imposta sui rendimenti, 11% sul capital gain passata al 20% (26%per le rendite finanziarie in generale, esclusi solo i titoli di stato al 12,5%) rimane il vantaggio Newsletter Patrimon Marzo 2015 Pag. 7

8 sull erogato, pari al 15% di imposta, riducibile fino al 9%, a seconda degli anni contribuiti (- 0,30% scontato ogni anno oltre il quindicesimo). Vale la pena spiegare meglio la questione dell imposta sull erogato: in pratica è vero che si possono dedurre i contributi versati, che il datore di lavoro può contribuire con una quota e che si può conferire il tfr, ma la previdenza complementare sconta una imposta che si applica al momento della pensione, sia sulla rendita che sul capitale, in misura variabile dal 15 al 9 per cento. Il montante generato dalla somma dei versamenti più il rendimento generato dalla gestione finanziaria (se c è stato rendimento positivo), può essere erogato, al momento della pensione e a richiesta, totalmente sotto forma di capitale solo se, convertendo il 70% del montante in rendita si ottenesse una rendita annua inferiore al 50% dell assegno sociale. Altrimenti al massimo si può richiederne solo il 50% come capitale e il rimanente verrà erogato sotto forma di rendita. Il versato su una qualunque forme di previdenza complementare può essere anticipato o riscattato prima della pensione, con percentuali diverse a seconda dei casi, come illustrato in tabella. Per quanto riguarda l imprenditore, non è evento quando importo tipologia spese sanitarie per terapie o spese straordinarie, per se, coniuge e figli acquisto prima casa per se e figli, ristrutturazione e manutenzione sempre dopo 8 anni fino al 75% anticipazione fino al 75% anticipazione ulteriori esigenze dopo 8 anni fino al 30% anticipazione invalidità permanente cessazione attività lavorativa da > 48 mesi morte prematura perdita requisiti cessazione attività lavorativa da >12 mesi e <48 mesi mobilità, cassa integrazione perdita o cessazione alla partecipazione perdita o cessazione alla partecipazione perdita o cessazione alla partecipazione perdita o cessazione alla partecipazione perdita o cessazione alla partecipazione perdita o cessazione alla partecipazione 100% riscatto 100% riscatto 100% riscatto 100% riscatto 50% riscatto 50% riscatto Newsletter Patrimon Marzo 2015 Pag. 8

9 obbligato a versare il TFR pregresso e neppure è obbligato a contribuire alle forme di previdenza complementare diverse da quelle contrattuali, come ad esempio i PIP o i FIP. Potrebbero tuttavia essere concesse sotto forma di agevolazioni per il dipendente. Le imprese sono altresì obbligate ad informare per iscritto e correttamente i dipendenti circa le alternative a disposizione, non solo fornendo informazioni generiche ma che consentano una valutazione completa delle possibili opzioni. Per le aziende attente a fornire un buon servizio ai dipendenti, anche sotto forma di beneficio, potrebbe essere interessante ad utilizzare la consulenza di chi non deve vendere fondi o prodotti assicurativi o finanziari. Le aziende possono dedurre il TFR conferito alla previdenza complementare, nella misura del 4% se hanno più di 50 dipendenti, mentre sale al 6% se ne hanno meno. In pratica, rispetto al costo del lavoro, il beneficio fiscale varia da 0,08% al 0,15%. Inoltre le imprese sono esonerate dal versare al fondo di garanzia TFR nella stessa percentuale conferita alla previdenza complementare, con una ulteriore riduzione del costo del lavoro pari allo 0,20%. Anche gli oneri impropri che gravano sul lavoro dipendente, sono ridotti in proporzione alla percentuale di TFR maturato, versato alla previdenza complementare, che comporta una riduzione del costo del lavoro dallo 0,19% allo 0,28% Quindi le aziende potrebbero trarre concreti vantaggi dal conferimento alla previdenza integrativa e migliorare qualitativamente il rapporto con i dipendenti, a condizione che: si facciano le dovute valutazioni sulla gestione finanziaria dell impresa; si consideri l impatto del TFR sui conti aziendali; si attui una corretta strategia di comunicazione con i dipendenti; si analizzino in maniera esaustiva ed indipendente sia il fondo di categoria sia le alternative, per poter fornire la migliore scelta possibile ed avviare eventualmente trattative con i gestori del fondo per il contenimento dei costi. Una cosa è certa: le pensioni pubbliche verranno sempre più ridotte nel futuro e aumenterà l età pensionabile. Quindi, per mantenere un tenore di vita decoroso, sarà indispensabile costruire una rendita supplementare. Il processo di pianificazione previdenziale, per essere efficace, richiede alcuni accorgimenti essenziali: analisi completa e monitoraggio della pensione pubblica; analisi prodotti previdenziali già stipulati; stima del rapporto di copertura netto; stima del tenore di vita desiderato; previsione dell andamento dei redditi futuri e dell inflazione; stima del fabbisogno integrativo; scelta delle modalità di copertura del differenziale tra pensione pubblica e tenore di vita desiderato; monitoraggio nel tempo del piano previdenziale così costruito, al fine di riequilibrare gli accantonamenti integrativi e verificarne la qualità. La copertura del gap tra pensione pubblica e reali necessità finanziarie, può essere realizzata non solo con con prodotti pensionistici (fondi pensione e forme individuali di previdenza) ma anche con investimenti diretti nei mercati finanziari (azioni, obbligazioni, ETF, fondi comuni) o in beni reali (immobili, oggetti d arte, metalli e pietre preziose, antiquariato), potendo realizzare le più svariate combinazioni tra vari strumenti. Newsletter Patrimon Marzo 2015 Pag. 9

10 Incontro-Dibattito I NUOVI SCENARI DELL ECONOMIA E LE NECESSITA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE Le Banche Centrali iniettano liquidità, ma il sistema bancario fatica a trasferirla alle imprese a costi accessibili. Come impostare una buona strategia per ottenere le risorse finanziarie e risparmiare sugli interessi. A TORINO Sabato 9 Maggio 2015 c. Massimo D Azeglio 8 ore 9,45 12,30 Relatori: Dott. Pierluigi Gerbino (Patrimon- Uff. Analisi e Comunicazione Dott. Andrea Massone (Consulente creditizio) Uff. Analisi e Comunicazione) L ingresso è GRATUITO ma i posti sono limitati. E necessaria l iscrizione al n oppure tramite a specificando la data dell incontro. Newsletter Patrimon Marzo 2015 Pag. 10

11 Le Linee di Credito Bancarie per le imprese Analisi delle principali forme di finanziamento a cui può attingere l impresa. Costi e caratteristiche non sono da trascurare. Autore: Andrea Massone Consulenza creditizia L impresa, la società, la cooperativa, la ditta individuale, ecc. hanno molti modi per finanziare le proprie attività, ma la più frequente nel tessuto economico (italiano) è il ricorso al capitale di terzi, cioè il credito bancario. Sono molte le linee di credito utilizzabili dalle imprese, ognuna con proprie caratteristiche per soddisfare le diverse esigenze imprenditoriali: aperture di credito in conto corrente, anticipi commerciali (fatture e ricevute bancarie), factoring, finanziamenti, leasing, mutui, ecc. Tutte queste tipologie di credito bancario un ben preciso utilizzo e un relativo, o meglio, relativi costi. L apertura di credito in conto corrente è attualmente la più diffusa forma tecnica dei prestiti per cassa delle banche. Si caratterizza per il fatto che l affidato ha la facoltà di utilizzare una linea di credito, secondo le regole che disciplinano il conto corrente bancario, in relazione alle proprie esigenze, nei tempi e per gli importi di volta in volta occorrenti, anche mediante l emissione di assegni bancari. Il fido può essere utilizzato in tutto o in parte e ripristinato con successivi versamenti o accreditamenti sul conto corrente. L affidamento viene revisionato generalmente una volta all anno (con dati di bilancio aggiornati) ed è regolato da un rapporto di fiducia tra banca e cliente per cui può essere rinnovato, ampliato, revocato, ecc. L utilizzo come detto prima è, entro i limiti concessi, di libero arbitrio da parte del cliente, senza l esibizione di alcun documento attestante un credito o altro. Naturalmente questo tipo di affidamento ha un costo o forse è meglio dire più costi: TASSO (è il costo % su base annua che viene applicato sulle somme dell affidamento effettivamente utilizzate per il periodo in cui vengono utilizzate con capitalizzazione e addebito trimestrale); CMDF, DIF, ecc. (è la commissione di messa a disposizione fondi che nel 2009 ha sostituito la commissione di massimo scoperto; è una % che non può per legge eccedere lo 0,5% trimestrale Newsletter Patrimon Marzo 2015 Pag. 11

12 dell affidamento concesso indipendentemente dall utilizzo o meno dello stesso); GESTIONE CONTO CORRENTE (avendo un conto corrente si va incontro a tutti i costi connessi: spese per scrittura, valuta assegni, costi bonifici, ecc.); CIV (è la commissione di istruttoria veloce che si applica in caso di sconfinamento sul conto corrente; di norma è una cifra fissa che varia da banca a banca calcolata per il numero di giorni di sconfinamento); ISTRUTTORIA REVISIONE AFFIDAMENTI ( dovendo revisionare annualmente o con altre scadenze gli affidamenti, la banca mi fa pagare un costo di istruttoria, di solito variabile in base al taglio dell affidamento stesso). Il portafoglio salvo buon fine o castelletto ricevute è una linea di smobilizzo di crediti commerciali con scadenze a breve termine (di norma max 5 mesi) attraverso la quale la banca accredita al cliente l importo del portafoglio commerciale (comprensivo di IVA se prevista) ed emette le ricevute bancarie al debitore coi riferimenti del credito per il pagamento alla scadenza. L operazione è definita autoliquidabile perché si estingue con il pagamento, da parte del debitore principale, degli effetti accreditati in conto; qualora gli effetti non siano onorati, l affidato rimane obbligato alla restituzione del prestito (si genera il c.d. insoluto, immediatamente addebitato in conto corrente). Le aperture di credito per portafoglio s.b.f. possono essere accordate secondo due procedure fondamentali: utilizzo con disponibilità immediata (il credito viene messo immediatamente a disposizione sul conto corrente dell azienda come liquidità) oppure utilizzo a valuta maturata (non rappresenta una reale concessione di credito, tenuto conto che la banca accredita l importo degli effetti alla scadenza adeguata e, pertanto, non si assume il rischio di insolvenza, eccetto i casi in cui non riesce a conoscere tempestivamente l esito degli effetti). I costi di queste tipologie di linee di credito sono generalmente più bassi di quelli dell affidamento in conto corrente anche se ha quasi tutti i costi tipici degli affidamenti bancari: tasso, cmdf, insoluti, ritiro ri.ba., ecc. A questa semplice e comoda forma di smobilizzo crediti al giorno d oggi purtroppo, con le scadenze dei pagamenti da parte dei clienti sempre meno rispettate, si tende a sostituire l anticipo fatture, non essendo così tassativo l incasso e non generando alcun insoluto (almeno nell immediato). L anticipo fatture è molto più diffuso come linea di smobilizzo dei crediti commerciali in quanto le aziende non vogliono figurare come debitrici su ricevute di incasso, ma anche perché molte imprese hanno organizzato la propria tesoreria in modo da poter prendere l iniziativa del pagamento mediante bonifico o giroconto. Gli anticipi fatture sono aperture di credito caratterizzate dalla cessione di crediti di natura commerciale documentati dalla copia delle fatture e l elemento qualificante dell operazione è la cessione del credito. Si ricorda che la fattura non è un titolo di credito, ma solo un documento che prova l esistenza di un credito commerciale; dal punto di vista giuridico la cessione del credito è una garanzia atipica ed ha soltanto lo scopo di rendere la linea autoliquidabile. Ai costi già citati per il portafoglio salvo buon fine (tasso, cmdf, ecc.), la linea per anticipo fatture, oltre ad essere burocraticamente più farraginosa (moduli cartacei da compilare e firmare in originale, domiciliazione bancaria delle fatture, eventuali notifiche al cliente, ecc.), aggiunge costi di anticipo, scarico, proroga, applicati su ogni documento che spesso e volentieri incidono in maniera importante. Inoltre di norma l importo accreditato a fronte dell anticipo di una fattura rappresenta l 80% del credito stesso e questo è Newsletter Patrimon Marzo 2015 Pag. 12

13 da tenere ben presente nella gestione della tesoreria. Il factoring è un contratto tra l impresa e il cosiddetto factor, in virtù del quale la prima cede al secondo dei crediti nati dalla vendita di beni o servizi.il presupposto fondamentale per l esistenza del contratto di factoring è l accettazione della cessione del credito da parte del debitore (è buona regola avvisare preventivamente il proprio cliente della volontà di voler utilizzare lo strumento poiché non tutte le aziende accettano la formalizzazione della cessione del credito o addirittura il riconoscimento dello stesso).il factor smobilizza i crediti esistenti (non scaduti) e quelli futuri. Vi sono due tipologie di factoring: pro soluto in cui il rischio di credito si sposta completamente e definitivamente dall azienda alla Società di factoring e la quotazione di solito è piuttosto costosa e pro solvendo in cui il rischio di credito resta in capo all azienda cedente (forma più usata molto simile all anticipo fatture). Essendo uno strumento di matrice anglosassone ha fatto e fa fatica a trovare spazio di utilizzo nel nostro sistema imprenditoriale ma forse più per aspetti culturali che per altro. I finanziamenti, i leasing e i mutui sono forme di finanziamento finalizzate ad investimenti a medio-lungo termine ( anni e oltre) e sono caratterizzati da rimborsi costanti (rate) che possono essere con cadenza mensile, trimestrale o semestrale. Il costo del finanziamento è di solito parametrato ad un tasso interbancario di riferimento (Euribor per il tasso variabile, IRS per il tasso fisso) con l aggiunta del cosiddetto spread, ossia il guadagno dell Istituto bancario. Trimestralmente la Banca d Italia pubblica i TASSI EFFETTIVI GLOBALI MEDI delle varie tipologie di linee di credito in vigore nel trimestre di riferimento sulla base delle rilevazioni effettuate presso i vari intermediari. Newsletter Patrimon Marzo 2015 Pag. 13

14 Incontro-Dibattito I NUOVI SCENARI DELL ECONOMIA COME COSTRUIRSI UNA PENSIONE Siamo entrati in un territorio inesplorato di repressione finanziaria. Quanto può durare e che cosa può succedere? Le tasse sul risparmio sono sempre più voraci ed i sistemi pensionistici pubblici sempre meno affidabili. Come difendersi e riuscire comunque a costruirsi un futuro sereno, accantonando un capitale crescente nel tempo in grado di consentire una tranquilla anzianità. A TORINO Sabato 6 Giugno 2015 c. Massimo D Azeglio 8 ore 9,45 12,30 Relatori: Dott. Pierluigi Gerbino (Uff. Analisi e Comunicazione Dott. Fabrizio Badariotti (Uff. Studi, Metodologie, Prodotti) Uff. Analisi e Comunicazione) L ingresso è GRATUITO ma i posti sono limitati. E necessaria l iscrizione al n oppure tramite a specificando la data dell incontro. Newsletter Patrimon Marzo 2015 Pag. 14

Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR. Scegliere oggi pensando al domani

Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR. Scegliere oggi pensando al domani Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR Scegliere oggi pensando al domani Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 4 Cara lavoratrice, caro lavoratore come certamente saprai, dal primo gennaio è

Dettagli

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione)

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione) La previdenza complementare La previdenza complementare ha lo scopo di pagare pensioni che si aggiungono a quelle del sistema obbligatorio, in modo da assicurare migliori condizioni di vita ai pensionati.

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

(fonti : sito internet www.tfr.gov.it curato Ministero del lavoro e della previdenza sociale e dalla Commissione di vigilanza sui fondi pensione)

(fonti : sito internet www.tfr.gov.it curato Ministero del lavoro e della previdenza sociale e dalla Commissione di vigilanza sui fondi pensione) INFORMATIVA SULLA DESTINAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO RESA AI SENSI DELL ARTICOLO 8, COMMA 8, DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005, N. 252 (fonti : sito internet www.tfr.gov.it curato Ministero

Dettagli

FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione

FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione 1 L ADESIONE L adesione alle forme pensionistiche complementari è libera e volontaria 2 L ADESIONE SI PUO ADERIRE A FONTEMP: IN MANIERA

Dettagli

Premessa. by Gestione Processi Formativi 2

Premessa. by Gestione Processi Formativi 2 Premessa Una presentazione in cui si affronta il tema della fiscalità delle polizze vita e delle forme di previdenza complementare. Viene ripreso il vecchio regime fiscale (valido per tutte le polizze

Dettagli

Mb!sjgpsnb!efm!UGS! Forme Pensionistiche Complementari

Mb!sjgpsnb!efm!UGS! Forme Pensionistiche Complementari Mb!sjgpsnb!efm!UGS! Forme Pensionistiche Complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una prestazione pensionistica integrativa,

Dettagli

Forme pensionistiche complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una

Forme pensionistiche complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una Forme pensionistiche complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una prestazione pensionistica integrativa, autorizzate e

Dettagli

Misure urgenti in materia di previdenza complementare

Misure urgenti in materia di previdenza complementare Misure urgenti in materia di previdenza complementare Il Consiglio dei Ministri di venerdì 10 novembre 2006 ha approvato il decreto legge in materia di previdenza complementare in coerenza con l anticipo

Dettagli

Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese. 23 domande 23 risposte

Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese. 23 domande 23 risposte Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese 23 domande 23 risposte Oggi un progetto per il futuro Avvertenza: Il presente opuscolo ha carattere divulgativo e non

Dettagli

Per saperne di più su alcune parole della previdenza

Per saperne di più su alcune parole della previdenza Adesione individuale: Forma di adesione al fondo pensione aperto, che si perfeziona mediante un contratto stipulato direttamente tra il singolo aderente ed il fondo. Adesione Volontaria: Forma di adesione

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

La riforma della previdenza complementare. Edoardo Guffanti Commissione banche, intermediari finanziari ed assicurazioni

La riforma della previdenza complementare. Edoardo Guffanti Commissione banche, intermediari finanziari ed assicurazioni La riforma della previdenza complementare Edoardo Guffanti Commissione banche, intermediari finanziari ed assicurazioni 1 Introduzione Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un processo di riforma del

Dettagli

IL FONDOGOMMAPLASTICA: la nuova normativa dal 1 gennaio 2007. a cura di antonino guarino - antonino.guarino@gunis.it

IL FONDOGOMMAPLASTICA: la nuova normativa dal 1 gennaio 2007. a cura di antonino guarino - antonino.guarino@gunis.it IL FONDOGOMMAPLASTICA: la nuova normativa dal 1 gennaio 2007 a cura di antonino guarino - antonino.guarino@gunis.it Entro il 30 giugno 2007 dovremo fare una scelta importante, che si ripercuoterà sul futuro

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR 1 SISTEMA PENSIONISTICO ATTUALE 1^ PILASTRO: previdenza obbligatoria (Inps,Inpdap,Casse professionali ecc ) ASSICURA LA PENSIONE BASE 2^ PILASTRO

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare Le riforme del sistema previdenziale attuate negli anni 90 hanno apportato una serie di interventi restrittivi alle pensioni erogate dal sistema pubblico,

Dettagli

FAQ FONDO PENSIONE AZIMUT PREVIDENZA

FAQ FONDO PENSIONE AZIMUT PREVIDENZA FAQ FONDO PENSIONE AZIMUT PREVIDENZA MI MANCANO POCHI ANNI DI LAVORO AL PENSIONAMENTO. MI CONVIENE ISCRIVERMI AD UNA FORMA PENSIONSITICA COMPLEMENTARE? Non esistono reali controindicazioni all'adesione

Dettagli

2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali

2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali 2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali RIFORMA TFR E PREVIDENZA INTEGRATIVA Sarebbero dovute entrare in vigore il prossimo anno, il 2008. Con un anno di anticipo,

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INTRODUZIONE IL TFR LA PREVVIDENZA COMPLEMENTARE IL FINANZIAMENTO DELLE FORME PENSIONISTICHE FORME DI ADESIONE AGEVOLAZIONI FISCALI TASSAZIONE DELLE PRESTAZIONI TRASFERIMENTO

Dettagli

PRESENTAZIONE PER I PATRONATI DEL CEPA. Acli, Inas-Cisl, Inca-Cgil, Ital-Uil. Torino, 8 luglio 2014

PRESENTAZIONE PER I PATRONATI DEL CEPA. Acli, Inas-Cisl, Inca-Cgil, Ital-Uil. Torino, 8 luglio 2014 PRESENTAZIONE PER I PATRONATI DEL CEPA Acli, Inas-Cisl, Inca-Cgil, Ital-Uil Torino, 8 luglio 2014 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. I numeri della previdenza complementare; la pensione pubblica INPS 2. Caratteristiche

Dettagli

La Previdenza Complementare

La Previdenza Complementare La Previdenza Complementare Il sistema previdenziale italiano pagina 1 Indice Il sistema previdenziale italiano La previdenza complementare L adesione a previdenza complementare Le prestazioni della previdenza

Dettagli

Fondi pensione La vigilanza. Paolo Pellegrini, Mefop pellegrini@mefop.it Roma 2 ottobre 2015

Fondi pensione La vigilanza. Paolo Pellegrini, Mefop pellegrini@mefop.it Roma 2 ottobre 2015 Fondi pensione La vigilanza Paolo Pellegrini, Mefop pellegrini@mefop.it Roma 2 ottobre 2015 CHI È MEFOP Chi è Mefop Società per lo sviluppo del mercato dei fondi pensione costituita dal Ministero dell

Dettagli

Piano Individuale Pensionistico

Piano Individuale Pensionistico Piano Individuale Pensionistico Indice 2 Piano Individuale Pensionistico Cos è? Come funziona? 3 e documenti per le liquidazioni 7 Fiscalità 9 Domande 1 Cos è? Come funziona? Cos è? Il Piano Individuale

Dettagli

Aggiornamento settembre 2012

Aggiornamento settembre 2012 ESODI SULLA BASE DELL ACCORDO DEL 2 GIUGNO 2012 Aggiornamento settembre 2012 INDICE 1. Incentivi pag. 3 2. Assistenza Sanitaria pag. 4 3. Fondo pensione di gruppo pag. 4 4. Ulteriori norme per il personale

Dettagli

Spett.le DITTA/SOCIETÀ. CIRCOLARE n. CL 07/2006

Spett.le DITTA/SOCIETÀ. CIRCOLARE n. CL 07/2006 Stefano Alessandretti Consulente del Lavoro Federico Ambrosi Dott. Rag. Commercialista Andrea Barbieri Dottore Commercialista Paolo Cecchini Ragioniere Commercialista Moreno Pannacci Ragioniere Commercialista

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO GLOSSARIO AFFIDATI (NUMERO) Soggetti (persone fisiche, persone giuridiche, cointestazioni) al nome dei quali siano pervenute, alla data di riferimento, una o più segnalazioni alla Centrale dei rischi a

Dettagli

LA SCELTA SULLA DESTINAZIONE DEL TFR

LA SCELTA SULLA DESTINAZIONE DEL TFR Ai lavoratori dipendenti della Cooperativa Sociale Terr.A. Idee e servizi di animazione nel territorio Prot. Padova, MODULISTICA ED INFORMATIVA PER L INDICAZIONE ALLA COOPERATIVA DELLA SCELTA SULLA DESTINAZIONE

Dettagli

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Complementare

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Complementare Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Complementare www.logicaprevidenziale.it A Albo (delle forme pensionistiche complementari): Elenco ufficiale tenuto dalla COVIP cui le forme pensionistiche

Dettagli

Gli Organismi di Previdenza Complementare

Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli organismi di previdenza complementare, o fondi pensione, sono stati introdotti nell ordinamento italiano attraverso le disposizioni del Decreto legislativo

Dettagli

FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE

FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE Via di S. Croce in Gerusalemme, 63 00185 Roma Tel. +039 06 77205055 Fax 06 77591946 www.artifond.it FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE a) GENERALITÀ SUL FONDO CHE COS È UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE?

Dettagli

La nuova previdenza complementare

La nuova previdenza complementare Concreto Fondo Pensione Complementare Nazionale La nuova previdenza complementare La nuova previdenza complementare 1 Agenda Adesione esplicita e tacita Fonti di finanziamento e regole per la deducibilità

Dettagli

Corso di Economia e Strumenti degli Intermediari Finanziari (II modulo)

Corso di Economia e Strumenti degli Intermediari Finanziari (II modulo) PROGRAMMA DEL CORSO II MODULO Area tematica I: Gli strumenti finanziari Area tematica II: I prodotti bancari di raccolta Area tematica III: I prodotti bancari di impiego Area tematica IV: Gli strumenti

Dettagli

Pertanto, se Lei non aderiva già a Fondo Pensione, il T.F.R. maturato sino al 31.12.2006 resterà in azienda.

Pertanto, se Lei non aderiva già a Fondo Pensione, il T.F.R. maturato sino al 31.12.2006 resterà in azienda. LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE IN 13 DOMANDE OVVERO I FONDI PENSIONE DALL 1.1.2007 NELLE AZIENDE CON ALMENO 50 DIPENDENTI **** 1. Cosa succederà del mio TFR maturato sino al 31.12.2006? La Riforma entra in

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

T.F.R., FONDI PENSIONI, VECCHIE LIQUIDAZIONI. Che fare? Sei mesi per decidere Capire i pro e i contro

T.F.R., FONDI PENSIONI, VECCHIE LIQUIDAZIONI. Che fare? Sei mesi per decidere Capire i pro e i contro T.F.R., FONDI PENSIONI, VECCHIE LIQUIDAZIONI. Che fare? Sei mesi per decidere Capire i pro e i contro Sei mesi per decidere. Dal 1 gennaio 2007 decorre il termine dei sei mesi entro i quali tutti i lavoratori

Dettagli

FONDO PENSIONE INTEGRATIVO (FIP)

FONDO PENSIONE INTEGRATIVO (FIP) FONDO PENSIONE INTEGRATIVO (FIP) LO SCOPO Il FIP qui descritto è una forma pensionistica complementare individuale di tipo assicurativo, ché ha lo scopo di consentire all aderente di attivare un piano

Dettagli

ABC DELLA PREVIDENZA CO C MPLE L M E EN E TA T R A E R

ABC DELLA PREVIDENZA CO C MPLE L M E EN E TA T R A E R ABC DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Art 1. Ambito di applicazione e definizioni LE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI EROGANO TRATTAMENTI PENSIONISTICI AGGIUNTIVI DEL SISTEMA OBBLIGATORIO PUBBLICO ALLO

Dettagli

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa Fondo Pensione per i lavoratori dipendenti dalle imprese della distribuzione cooperativa Iscritto all Albo dei Fondi Pensione con il numero d ordine 102 Previcooper, il fondo pensione della distribuzione

Dettagli

Corso di Educazione Finanziaria. Lezione 6 Previdenza (2 a parte)

Corso di Educazione Finanziaria. Lezione 6 Previdenza (2 a parte) Corso di Educazione Finanziaria Lezione 6 Previdenza (2 a parte) Indice (1/2) Argomenti trattati in queste lezioni sulla previdenza: 1 a parte (Lezione 5) Introduzione al sistema pensionistico Classificazione

Dettagli

FONDO PENSIONE PRIAMO

FONDO PENSIONE PRIAMO I VANTAGGI DELL ADESIONE AL FONDO PENSIONE PRIAMO INTEGRAZIONE E PROTEZIONE FALITÀ REDDITIVITÀ FLESSIBILITÀ ECONOMICITÀ DIVERSIFICAZIONE L adesione a Priamo comporta, per l aderente, una serie di VANTAGGI

Dettagli

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 A decorrere dal 1 gennaio 2007 il lavoratore dipendente è tenuto ad operare una scelta circa la destinazione del proprio tfr maturando: se destinarlo a una previdenza

Dettagli

i fondi pensione: in che consistono, come utilizzarli

i fondi pensione: in che consistono, come utilizzarli LA GUIDA DEL CONTRIBUENTE è una pubblicazione del Ministero delle Finanze Segretariato generale Ufficio per l informazione del contribuente Per ulteriori informazioni: www.finanze.it La Guida è distribuita

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDAV Fondo Pensione Complementare Personale Navigante di Cabina Sede Legale: Viale A. Marchetti, 111 00148 Roma Uffici: Piazza Fernando de Lucia, 37 00139 Roma Telefono: 06/88291308 Telefax: 06/8803298

Dettagli

Dossier riforma TFR I nuovi e i vecchi assunti. Lavoratori assunti prima del 29 aprile 1993.

Dossier riforma TFR I nuovi e i vecchi assunti. Lavoratori assunti prima del 29 aprile 1993. Dossier riforma TFR Inizia il conto alla rovescia per la nuova disciplina sul TFR, che dovrebbe contribuire ad alimentare la previdenza complimentare. Con lo schema di decreto legislativo previsto dalla

Dettagli

Sono, al momento, esclusi dal campo di applicazione della riforma i pubblici dipendenti ai quali continua ad applicarsi la disciplina previgente.

Sono, al momento, esclusi dal campo di applicazione della riforma i pubblici dipendenti ai quali continua ad applicarsi la disciplina previgente. DOCUMENTI REPERITI NEL SITO DELLA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE PREDISPOSTO DAL MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE www.tfr.gov.it Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati

Dettagli

SCHEDA SINTETICA CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE

SCHEDA SINTETICA CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE Informazioni generali Lo scopo La costruzione della pensione complementare Il modello di governance La contribuzione Il TFR La quota a carico dell

Dettagli

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE Come viene alimentata la posizione previdenziale? Il finanziamento è attuato mediante contribuzione a carico del lavoratore, del datore di lavoro e tramite

Dettagli

I Fondi di Previdenza Complementare contrattuali Novità introdotte dal 1 gennaio 2007 e destinazione del TFR

I Fondi di Previdenza Complementare contrattuali Novità introdotte dal 1 gennaio 2007 e destinazione del TFR I Fondi di Previdenza Complementare contrattuali Novità introdotte dal 1 gennaio 2007 e destinazione del TFR Slide n.1 La pensione in rapporto all ultima retribuzione Ipotesi: Lavoratore con 35 anni di

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Iscritto all Albo dei Fondi Pensione 1^ Sez. Speciale - Fondi Pensione Preesistenti - numero 1146 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE - Documento approvato dal Consiglio di amministrazione del 1 aprile 2015 -

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR A cura di Maria Rosa Gheido 1 LEGGE DELEGA n. 243/2004 (luglio 2004) AVVISO COMUNE DELLE PARTI SOCIALI (febbraio e luglio 2005) DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Orizzonte Previdenza Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo. Fondo Pensione. Regolamento

Orizzonte Previdenza Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo. Fondo Pensione. Regolamento Orizzonte Previdenza Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Regolamento INDICE Parte I) Identificazione e scopo del PIP Art.1 - Denominazione Art.2 - Istituzione del PIP Art.3

Dettagli

Dove va la previdenza complementare

Dove va la previdenza complementare Dove va la previdenza complementare 2006 Presentazione di Angelo Marinelli 1 Le variabili più rilevanti nel lungo periodo 2002 2010 2020 2040 2050 Speranza di vita ITALIA 79.5 media U.E. 73 ITALIA 84.7

Dettagli

Azimut Previdenza. A ciascuno il suo futuro.

Azimut Previdenza. A ciascuno il suo futuro. Azimut Previdenza A ciascuno il suo futuro. con Azimut PrevidenzA il futuro tiene sempre il tuo stesso PAsso. Il tuo futuro previdenziale è un cammino che inizia già da oggi. Scegli di affrontarlo con

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

La nuova Previdenza: riforma e offerta. Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni

La nuova Previdenza: riforma e offerta. Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni La nuova Previdenza: riforma e offerta Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni Previdenza: situazione attuale 140 Alcuni fattori rilevanti: 120 100 80 22 2015 pensionamento persone nate

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

GUIDA INTRODUTTIVA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

GUIDA INTRODUTTIVA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione GUIDA INTRODUTTIVA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE www.covip.it Guida introduttiva alla previdenza complementare Perché questa Guida... 3 Perché la previdenza

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Fondo Pensione complementare a capitalizzazione per gli operai agricoli e florovivaisti a DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Regime fiscale dei contributi (applicabile anche ai soggetti iscritti alla data del

Dettagli

Riforma pensionistica e fondi pensione: un nuovo sistema di welfare. Università degli Studi di Milano Bicocca 14/05/2013

Riforma pensionistica e fondi pensione: un nuovo sistema di welfare. Università degli Studi di Milano Bicocca 14/05/2013 Riforma pensionistica e fondi pensione: un nuovo sistema di welfare Università degli Studi di Milano Bicocca 14/05/2013 Il sistema previdenziale italiano SISTEMA PREVIDENZIALE I PILASTRO II PILASTRO III

Dettagli

T.F.R.: L IMPORTANTE È SCEGLIERE!

T.F.R.: L IMPORTANTE È SCEGLIERE! dicembre 2006 T.F.R.: L IMPORTANTE È SCEGLIERE! Il sistema pensionistico italiano ha subito dagli anni novanta un processo di riforma per contenere la spesa pensionistica al fine di garantirne la sostenibilità.

Dettagli

Azimut Previdenza A CIASCUNO IL SUO FUTURO.

Azimut Previdenza A CIASCUNO IL SUO FUTURO. Azimut Previdenza A CIASCUNO IL SUO FUTURO. CON AZIMUT PREVIDENZA IL FUTURO TIENE SEMPRE IL TUO STESSO PASSO. Il tuo futuro previdenziale è un cammino che inizia già da oggi. Scegli di affrontarlo con

Dettagli

Previgest Fund Mediolanum

Previgest Fund Mediolanum Fondo Pensione aperto Previgest Fund Mediolanum Documento sul Regime Fiscale Società di Gestione Collocatore Unico Retro di copertina 2/7 Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa

Dettagli

Pensa oggi guardando al domani! Inizia a progettare il tuo futuro.

Pensa oggi guardando al domani! Inizia a progettare il tuo futuro. Pensa oggi guardando al domani! Inizia a progettare il tuo futuro. GUIDA AI PRODOTTI GUIDA AI PRODOTTI La linea previdenza Inizia a progettare il tuo futuro. Le forme pensionistiche complementari servono

Dettagli

Dipartimento FP CGIL LOMBARDIA - Graphic Designer Mirko Esposito

Dipartimento FP CGIL LOMBARDIA - Graphic Designer Mirko Esposito PREMESSA Dal 1992 in poi i vari Governi che si sono succeduti hanno messo mano al sistema previdenziale obbligatorio per renderlo compatibile con le ridotte risorse economiche a disposizione. Pertanto

Dettagli

Fondo pensione aperto UNIPOL FUTURO. Guida per l adesione AZIENDALE. Unità Sviluppo vita

Fondo pensione aperto UNIPOL FUTURO. Guida per l adesione AZIENDALE. Unità Sviluppo vita Fondo pensione aperto UNIPOL FUTURO Guida per l adesione AZIENDALE Unità Sviluppo vita Indice Cos è Unipol FUTURO Pag. 3 Perché aderire Pag. 3 Il percorso di adesione Pag. 4 I contributi Pag. 4 I flussi

Dettagli

Allegato alla nota informativa. La fiscalità della previdenza complementare. Bergamo, 24 Novembre 2008

Allegato alla nota informativa. La fiscalità della previdenza complementare. Bergamo, 24 Novembre 2008 Allegato alla nota informativa. La fiscalità della previdenza complementare " La fiscalità della nuova previdenza complementare" INTRODUZIONE La legge di riforma della previdenza complementare (D.Lgs.252/2005

Dettagli

TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE?

TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE? TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE? QUESITI E SOLUZIONI SULLA PREVIDENZA INTEGRATIVA. SPECIALE LAVORATORI DIPENDENTI LA PREVIDENZA? È CAMBIATA Le modifiche introdotte dalla Riforma Dini

Dettagli

Docente: Alessandro Bugli

Docente: Alessandro Bugli Docente: Alessandro Bugli Rapporto patrimonio / PIL dei fondi pensione Paesi OCSE anno 2012 Fonte: OECD Global Pension Statistics - 2012 Rapporto patrimonio / PIL dei fondi pensione Paesi OCSE anno 2012

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Il presente documento annulla e sostituisce integralmente

Dettagli

Glossario della previdenza complementare. Adesione collettiva

Glossario della previdenza complementare. Adesione collettiva Glossario della previdenza complementare. Adesione collettiva Modalità di adesione alle forme pensionistiche complementari definita sulla base di accordi collettivi a qualunque livello, anche aziendali,

Dettagli

Il quadro d insieme del sistema di previdenza complementare

Il quadro d insieme del sistema di previdenza complementare Il quadro d insieme del sistema di previdenza complementare Agenda La funzione della previdenza complementare Caratteristiche e modalità di funzionamento Tipologia di forme pensionistiche complementari

Dettagli

Via S. Balestra 17 6900 Lugano Svizzera. Telefono +41 91 260 38 00. www.icam-group.com

Via S. Balestra 17 6900 Lugano Svizzera. Telefono +41 91 260 38 00. www.icam-group.com Via S. Balestra 17 6900 Lugano Svizzera Telefono +41 91 260 38 00 www.icam-group.com Affidare la gestione a ICAM Group SA tramite lo strumento ICAMLife INDICE: Introduzione Alternative all investimento

Dettagli

IL NUOVO TFR, GUIDA ALL USO A cura di Tommaso Roberto De Maria

IL NUOVO TFR, GUIDA ALL USO A cura di Tommaso Roberto De Maria LIBERA Confederazione Sindacale Li.Co.S. Sede nazionale Via Garibaldi, 45-20092 Cinisello Balsamo (MI) Tel.: 02 / 39.43.76.31. Fax: 02 / 39.43.75.26. e-mail: sindacatolicos@libero.it IL NUOVO TFR, GUIDA

Dettagli

perché conviene aderire a telemaco

perché conviene aderire a telemaco perché conviene aderire a telemaco Chi è Telemaco TELEMACO è il Fondo Pensione Complementare del settore delle Telecomunicazioni costituito nel 1998, in forma di associazione riconosciuta senza fine di

Dettagli

Bisogn0 di gestione dei rischi puri. Assicurazione previdenza

Bisogn0 di gestione dei rischi puri. Assicurazione previdenza Bisogn0 di gestione dei rischi puri Assicurazione previdenza Bisogni e prodotti BISOGNI PRODOTTI Assicurazione (unità in surplus) Previdenza (unità in surplus) Assicurazione (unità in deficit) Polizze

Dettagli

Fondo Pensione Complementare per i lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini

Fondo Pensione Complementare per i lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Fondo Pensione Complementare per i lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Prevedi: lo stato dell arte Adesioni al 31/01/2005: 15.000 Valore quota 01/01/2004: 10,00 Valore quota

Dettagli

Il fondo pensione delle cooperative

Il fondo pensione delle cooperative E COOPERLAVORO È PROMOSSO DA: MO il ION e n ES e i nt I AD o c D O L DU (1) Da rete fissa il costo è di 0,024 euro al minuto e di 0,06 euro alla risposta. Da rete mobile dipende dal proprio gestore di

Dettagli

Fondo di Previdenza Complementare Mario Negri Modifiche regolamentari introdotte dal 1 gennaio 2007 e facoltà di destinazione del TFR

Fondo di Previdenza Complementare Mario Negri Modifiche regolamentari introdotte dal 1 gennaio 2007 e facoltà di destinazione del TFR Fondo di Previdenza Complementare Mario Negri Modifiche regolamentari introdotte dal 1 gennaio 2007 e facoltà di destinazione del TFR Slide n.1 La pensione in rapporto all ultima retribuzione Ipotesi:

Dettagli

Previdenza complementare

Previdenza complementare 1 F O N D O A G E N T I S P E D I Z I O N I E R I E C O R R I E R I ANNO 9 N 1 MARZO 2007 NUMERO SPECIALE Previdenza complementare È NATO PREV.I.LOG. IL FONDO PENSIONE DI SETTORE PER I LAVORATORI DEI TRASPORTI

Dettagli

FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI)

FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI) FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Il presente documento annulla e sostituisce integralmente

Dettagli

PERCHÉ CONVIENE ADERIRE A TELEMACO

PERCHÉ CONVIENE ADERIRE A TELEMACO PERCHÉ CONVIENE ADERIRE A TELEMACO CHI È TELEMACO TELEMACO è il Fondo Pensione Complementare del settore delle Telecomunicazioni costituito nel 1998, in forma di associazione riconosciuta senza fine di

Dettagli

di Patrizia Della Serra

di Patrizia Della Serra TFR E FONDI PENSIONE COSA CAMBIA PER LE AZIENDE di Patrizia Della Serra Risorse Umane >> Fondi pensione Sommario Premessa...3 Il Tfr fino al 31 dicembre 2006...4 Il Tfr dall'1 gennaio 2007...4 Agevolazioni

Dettagli

Sono, al momento, esclusi dal campo di applicazione della riforma i pubblici dipendenti ai quali continua ad applicarsi la disciplina previgente.

Sono, al momento, esclusi dal campo di applicazione della riforma i pubblici dipendenti ai quali continua ad applicarsi la disciplina previgente. Dal sito: www.tfr.gov.it. 1. Chi è interessato dalla Riforma 2. Forme Pensionistiche Complementari 3. La scelta sulla destinazione del Tfr 4. Il finanziamento delle Forme Pensionistiche Complementari e

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 27 marzo 2015 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi versati

Dettagli

Fondo pensione per i dipendenti di Regioni, Autonomie locali e Sanità

Fondo pensione per i dipendenti di Regioni, Autonomie locali e Sanità Fondo pensione per i dipendenti di Regioni, Autonomie locali e Sanità Perché un fondo pensione e come funziona I lavoratori che sono andati in pensione in questi ultimi anni hanno visto via via ridursi

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Per informazioni: 800.316.181 infoclienti@postevita.it

Dettagli

Previgest Fund Mediolanum

Previgest Fund Mediolanum Fondo Pensione aperto Previgest Fund Mediolanum Regolamento Società di Gestione Collocatore Unico Retro di copertina 2 INDICE PARTE I IDENTIFICAZIONE E SCOPO DEL FONDO...................................

Dettagli

I consulenti del lavoro e la pianificazione previdenziale. In collaborazione con:

I consulenti del lavoro e la pianificazione previdenziale. In collaborazione con: I consulenti del lavoro e la pianificazione previdenziale In collaborazione con: I servizi offerti dalla fondazione lavoro I servizi 1 - Formazione per l erogazione di consulenza previdenziale e utilizzo

Dettagli

PERCHE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

PERCHE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE PERCHE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL RUOLO SOCIO ECONOMICO Simona Orfella MAGGIO 2013 IL CONTESTO GENERALE Difficoltà finanziarie ed economiche paesi europei Instabilità politica Misure fiscali severe

Dettagli

Premessa: perché la previdenza complementare? 2. La destinazione del TFR entro il 30 giugno 2007 2. I fondi pensione 4

Premessa: perché la previdenza complementare? 2. La destinazione del TFR entro il 30 giugno 2007 2. I fondi pensione 4 GUIDA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Premessa: perché la previdenza complementare? 2 La destinazione del TFR entro il 30 giugno 2007 2 I fondi pensione 4 Il funzionamento dei fondi pensione 5 Come si finanziano

Dettagli

Aspetti fiscali della previdenza integrativa 1

Aspetti fiscali della previdenza integrativa 1 Aspetti fiscali della previdenza integrativa 1 Il regime fiscale della previdenza integrativa risente del sistema in base al quale è strutturato. Al compimento dell età pensionabile il sottoscrittore percepirà

Dettagli