V E R B A L E dell Assemblea ordinaria 2014 dell Associazione DEDOME Amici di don Franck

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "V E R B A L E dell Assemblea ordinaria 2014 dell Associazione DEDOME Amici di don Franck"

Transcript

1 V E R B A L E dell Assemblea ordinaria 2014 dell Associazione DEDOME Amici di don Franck Assemblea tenuta il: 04 aprile 2014 Presso: Centro parrocchiale - Via Chiesa Caslano Orario: Presenti: 31 persone (elenco presso il segretariato) Scusati 06 membri Ordine del giorno 1. Saluto del Presidente 2. Nomina del presidente del giorno e degli scrutatori 3. Relazione presidenziale e presentazione dei progetti in corso La promozione della salute La scolarizzazione e la formazione professionale La mensa scolastica La promozione agricola 4. Presentazione dei conti Rapporto dell Ufficio di revisione dei conti 6. Approvazione dei conti 2013 e del rapporto dell Ufficio di revisione 7. Presentazione dei progetti futuri e del preventivo Approvazione dei progetti futuri e del preventivo Eventuali 1. Saluto del Presidente Don Franck Essih saluta i presenti e propone il signor Severino Bronner quale presidente del giorno. 2. Nomina del presidente del giorno e degli scrutatori; approvazione ordine del giorno Il signor Severino Bronner è nominato presidente del giorno. I signori Giuseppe Gallucci e Franco Notari sono nominati scrutatori. L ordine del giorno è approvato. 3. Relazione presidenziale Dédomé che significa sotto la piccola palma è un piccolo villaggio agricolo di circa abitanti, situato nella regione togolese degli Altopiani, Prefettura dell Amou, 200 Km a nord della capitale Lomé. La tabella 1 sottostante evidenzia le differenze fondamentali che esistono tra il Togo e la Svizzera in relazione ad alcuni indicatori socio economici e sanitari: INDICATORI TOGO SVIZZERA Popolazione totale 6'643'000 (2011) 7'997'100 (2012) Reddito pro capite 900$ $ Speranza di vita: uomini / donne 55 / / consultato il 3 febbraio

2 Mortalità infantile e giovanile 96 per mille 4 per mille Spesa totale per la salute /abitante 80$ 5 564$ Spesa totale per la salute in % del PIL 8% 10.9% L ONU ha elaborato nel 2000 gli Obiettivi del millennio per lo sviluppo 2 e tutti gli Stati membri si sono impegnati, entro il 2015, a combattere la povertà, la fame, la malattia, l analfabetismo, il degrado dell ambiente e la discriminazione nei confronti delle donne. Il 14 gennaio a Lomé si è tenuta una conferenza ministeriale che ha fatto il punto della situazione nel paese a due anni dalla scadenza del progetto e ha emanato il quarto rapporto di valutazione (il primo risale al 2003). Anche se tutti riconoscono che il Togo ha una debole possibilità di raggiungere gli obiettivi del millennio, i vari attori impegnati nella promozione dello sviluppo non si scoraggiano, anzi... Sono convinti che debbano fornire sforzi ancora maggiori affinché le trasformazioni siano visibili quotidianamente in tutto il paese. I ministri riconoscono che sono stati fatti passi importanti soprattutto per quanto concerne la qualità dell educazione e nell ambito della promozione della salute. In seguito alla lunga crisi socio politica che si è protratta dal 1990 al 2005, il Togo ha riallacciato la cooperazione con i suoi partner solo a partire dal Dal 1990 al 2010, la proporzione di bambini con un insufficienza ponderale è passata dal al 16.6%, permettendo al Togo di raggiungere uno degli obiettivi fissati, che prevede di ridurre della metà le persone che soffrono la fame. Tra il 2006 e il 2010 l incidenza della povertà è scesa di 3 punti percentuali, passando dal 67.1% al 58.8%. Nell ambito della salute, il tasso di mortalità infantile, giovanile e materna continua a diminuire così come quello relativo alle persone sieropositive e malate di AIDS. Quasi 6 Togolesi su 10 hanno accesso ad acqua di buona qualità. Nel settore dell educazione, il tasso di alfabetizzazione (15-24 anni) che era del 63.3% nel 1990, ha raggiunto il 79.7% nel 2011 e la parità ragazze/ragazzi nella scuola elementare è passata da 0.92 nel 2006 a 0.98 nel Circa 3 bambini su 4 terminano il ciclo elementare. Il volume dell aiuto pubblico allo sviluppo è quadruplicato tra il 2007 e il Il quoziente dell aiuto pubblico allo sviluppo rispetto al PIL ha raggiunto il 10.9% nel 2012 contro il 5.1% nel Segno tangibile dell accesso della popolazione alle nuove tecnologie comunicative è il fatto che più della metà dei Togolesi possiede un cellulare ( il numero di cellulari/100 abitanti è passato da 21.7% nel 2008 a 50.6% nel 2012). Secondo la signora Khardiata Lo N Diaye, coordinatrice residente del sistema delle Nazioni Unite in Togo, i progressi sono reali e tangibili ma le sfide non mancano. Il Ministro della Cooperazione e dello sviluppo riconosce che i limiti per raggiungere gli obiettivi del millennio sono ancora molti e si possono riassumere nella mancanza di risorse finanziarie, materiali e umane, nelle deboli capacità tecniche, nei diversi choc internazionali e nei mutamenti climatici. Il 2015 è alle porte e il cammino è ancora lungo. Nonostante un costante aumento del Prodotto Interno Lordo (PIL) che era del 5.9 nel 2012, i risultati sono ancora poco visibili nel vissuto delle popolazioni il 50.3% delle quali vive ancora sotto la soglia della povertà. I diversi progetti, che la nostra associazione porta avanti dal 2003, rappresentano un piccolo ma significativo contributo sul cammino della lotta contro la povertà e nella promozione dello sviluppo. 2 consultato il 25 gennaio consultato il

3 1. Attività del comitato Il comitato si è riunito sette volte per la gestione corrente dell associazione. Al suo interno, ogni membro assume una responsabilità particolare in funzione della sua formazione, delle sue esperienze e competenze specifiche. Il presidente, don Franck si occupa prevalentemente dei contatti esterni e della ricerca di fondi. La signora Annamaria Prati è la persona di riferimento per il progetto della scolarizzazione e della formazione professionale dei bambini e dei giovani che viene finanziato attraverso le adozioni a distanza. Insieme alla signora Marisa Rathey si occupa pure della raccolta, della classificazione e della preparazione del materiale da inviare in Togo. La Signora Marina Santini assolve i compiti di segretariato, mantiene i contatti con la SUPSI per lo stage di mobilità degli studenti del bachelor in cure infermieristiche, e, coadiuvata dal signor Giuseppe Gallucci, assume la responsabilità della gestione contabile dell associazione. Il dottor Alberto Chiesa dà il suo validissimo contributo nella ricerca e valutazione del materiale sanitario, mantenendo i contatti con il dr. Giacomo Martinoni che si è stabilito a Dédomé. L avv. Immacolata Iglio- Rezzonico mette a disposizione del comitato le sue competenze giuridiche. Nel primo semestre del 2013 il comitato si è adoperato, con il valido sostegno del signor Gian Franco Gervasoni, per organizzare la festa del 10 anniversario dell associazione. La stessa è stata voluta per ringraziare tutte le persone che in questi anni hanno sostenuto in vari modi i progetti e si è rivelata una bellissima occasione di incontro e di condivisione, resa possibile anche grazie alla disponibilità delle autorità comunali e parrocchiali di Caslano che hanno dato un importantissimo sostegno. La presenza alla celebrazione liturgica e alla festa di Monsignor Nicodème Barrigah, vescovo della diocesi di Atakpamé, giunto appositamente dal Togo, è stata la testimonianza dell apprezzamento per l attività della nostra ONG. 2. Viaggio in Togo delle delegazioni ticinesi nei mesi di agosto e dicembre Il viaggio si è svolto dal 6 agosto al 20 agosto per don Franck, il signor Giuseppe Gallucci e i tre giovani Flavio Vella, Daniele Laghi e Prisca Codamuro e dal 14 agosto al 2 settembre per la segretaria Marina Santini. I tre giovani, alla loro prima esperienza in terra togolese, hanno organizzato giochi vari con i bambini della scuola e dell asilo. Su mandato del comitato svizzero Il signor Giuseppe Gallucci ha svolto un Audit sulle attività e la gestione dell ospedale. Le osservazioni e gli incontri con i quadri e i rappresentanti del nosocomio hanno fatto emergere la grande motivazione del personale curante (infermieri, levatrici,..), del laboratorio, della radiologia ed alcune difficoltà a livello gestionale. Per migliorare questo aspetto e per facilitare il lavoro della direzione, il signor Gallucci ha elaborato delle direttive e una descrizione dei diversi processi di gestione. Il 20 agosto, alla presenza del Ministro della Cooperazione, del Ministro degli Interni, di numerose autorità, dei membri di comitato svizzeri e togolesi, il Governo ha firmato l Accord d établissement, che garantisce il sostegno statale all operato della nostra ONG e che prevede anche controlli regolari delle attività in loco. L accordo è valido per cinque anni. In seguito alla firma dell Accord d établissement, per garantire l elaborazione dei rapporti e un seguito dettagliato delle varie attività, si è resa necessaria una riorganizzazione del comitato locale. Il signor Frédéric Djinadja, già operatore presso la Banca Mondiale, su proposta dei membri del comitato locale, è stato nominato direttore esecutivo dei progetti e ha elaborato un nuovo organigramma dell ONG. Il signor Djinadja ha dimostrato di aver preso molto sul serio la sua funzione e il suo apporto è molto apprezzato da tutti i membri di comitato e dalle autorità locali. Il 10 anniversario dell ONG è stato festeggiato anche in Togo: il presidente e il comitato locale, seguendo le tradizioni e i valori della popolazione di Dédomé, hanno deciso di organizzare tre giorni di evangelizzazione, digiuno e preghiere prima di arrivare alla Messa di domenica 25 agosto, seguita dalla benedizione del villaggio con il SS. Sacramento e da un pranzo per tutta la popolazione. 3

4 Dal 26 dicembre al 9 gennaio, don Franck si è recato in Togo accompagnato dalle signore Anna Martina, Rossella Meyer, Marina Santini e dal signor Mario Veragouth. Il 2 gennaio il gruppo è stato raggiunto da Emma Aprile, una giovane diciannovenne che è rimasta due mesi a Dédomé per un esperienza di volontariato. Il signor Veragouth aveva già avuto occasione di fare delle esperienze in Africa e ha dato il suo contributo di architetto per ridisegnare i piani aggiornati dell ospedale. Tutti hanno potuto scoprire la nuova realtà del villaggio e condividere del tempo con il dr. Giacomo Martinoni che risiede in Togo dal In agosto e in dicembre, il gruppo si è recato al Nord del paese, nel dispensario di Aledjo dove, alla fine dell anno, ha avuto la bella sorpresa di incontrare Père Marcel che passeggiava nel magnifico giardino della struttura. Attività e progetti in Togo La promozione della salute della popolazione della regione è uno degli obiettivi prioritari dell Associazione che è raggiunto attraverso il contributo alla gestione dell ospedale di Dédomé, il sostegno a dispensari dei villaggi vicini, situati in zona rurale e al dispensario di Aledjo, nel nord del paese. La popolazione di riferimento per l ospedale San Gottardo, definita dalle autorità sanitarie locali, è di 3'011 abitanti. La struttura, che ha un mandato regionale per le vaccinazioni dei bambini e per il depistaggio e la cura dei malati affetti da AIDS, riceve comunque pazienti da tutta la regione, nonostante il cattivo stato delle strade che spesso rende molto difficoltoso il viaggio. Gli avvenimenti significativi dell attività 2013 sono i seguenti: Partenza del direttore dr. Tcheou e del direttore aggiunto signor Marcel Kpodjro; Nomina del signor Frédéric Djinadja quale direttore amministrativo e del dr. Giacomo Martinoni quale direttore sanitario Inizio della collaborazione con il farmacista signor Dogbe; Proseguimento della collaborazione con il servizio di chirurgia dell ospedale di Atakpamé: trasferimento di malati non operabili a Dédomé, sostituzione del personale assente a Dédomé, Reciproche visite e scambio di materiale tra le direzioni dell ospedale di Dédomé e di Atakpamé; Consultation foraine gratuita da parte di tre chirurghi pediatrici che ha permesso di visitare 120 bambini e di effettuare 94 interventi; Consultazione bimensile di oftalmologia; Stage di sette settimane delle allieve della scuola nazionale di levatrici; Visita e valutazione della struttura da parte delle autorità sanitarie di supervisione del distretto d Amou; Partecipazione a vari corsi di formazione per le diverse categorie professionali; Organizzazione di una giornata di formazione/riflessione con tutto il personale per migliorare il clima di lavoro e condividere gli obiettivi da raggiungere nel 2014; Attività dal punto di vista quantitativo Come appare dalla tabella alla pagina seguente, nel 2013 l attività dell ospedale ha registrato, rispetto al 2012, un incremento per quanto riguarda la medicina e la chirurgia, mentre sono nettamente diminuiti i parti a causa della presenza di altre strutture sanitarie nella regione e, soprattutto, del cattivo stato della strada che non permette alle partorienti di raggiungere l ospedale. 4

5 Categorie Attività TOTALE TOTALE CONSULTAZIONI Medicina Chirurgia Prenatali OSPEDALIZZAZIONE Ricoveri 480 Non pervenuto MORTALITÀ Bambini < 5 anni 1 0 Partorienti 0 0 Aborti spontanei 0 5 Malaria 0 0 Cause diverse 6 0 HIV / AIDS 0 0 PARTI Assistiti A domicilio 0 0 NASCITE Bambini nati vivi a termine Bambini prematuri 0 0 Bambini nati morti 0 0 Neonati morti <28 giorni 0 0 Neonati peso <2500 grammi 10 3 CONTROLLO CRESCITA Bambini < 3 anni VACCINAZIONI Bambini (Numero vaccinazioni) PIANIF. FAMILIARE Consultaz. Pianificazione GRUPPI DISCUS. Prevenzione 60 0 VISITE A DOMICILIO Non pervenuto 16 INTERVENTI CHIRURGICI DIAGNOSI HIV/MALARIA Serologia HIV HIV positivo Casi HIV seguiti Casi di malaria depistati Il sostegno ai dispensari di Aledjo Niyèle e Adjassiwewe Il sostegno al dispensario di Aledjo è continuato con la fornitura annuale di 50 scatole di latte AL110 per combattere la diarrea dei piccoli prematuri, di medicamenti generici e di vestiti per i bambini e le mamme. Il personale dell ospedale di Dédomé ha organizzato alcune consultazioni nei dispensari di Nyilé e Adjassiwewe che non beneficiano della presenza regolare di un medico, ciò che contribuisce a migliorare la salute della popolazione locale che vive in zone molto discoste. La promozione della scolarizzazione attraverso le adozioni a distanza A fine dicembre 2013 il totale delle adozioni è di 311 così suddivise: 202 bimbi piccoli, dell asilo e della scuola elementare, 57 della scuola media, 23 apprendisti, 13 studenti al liceo, 16 all università. Nel corso dell anno 2 giovani hanno terminato con successo il loro apprendistato. L obiettivo della scolarizzazione di tutti i bambini del villaggio si raggiunge anche grazie al sostegno che arriva tramite le adozioni a distanza. La gestione delle adozioni nominative è un aspetto molto delicato che deve essere gestito con tatto e competenza alfine di evitare gelosie tra le famiglie. In particolare, la somma 5

6 che arriva dalla Svizzera confluisce in una cassa comune e la ridistribuzione avviene tenendo conto dei bisogni reali dei bambini adottati a distanza, ma anche delle necessità di altri bambini del villaggio, nell ottica dello spirito di solidarietà che caratterizza la nostra associazione. Lo scopo a lungo termine è quello di un progetto che consideri dei padrinati a distanza non nominativi, che permettano, per esempio di contribuire alla scolarizzazione di un gruppo di bambini di una classe elementare o di scuola media. Questo obiettivo si scontra ancora con le ragioni del cuore di molte famiglie che chiedono di poter conoscere e sostenere un bambino in particolare. Per garantire l uso razionale delle risorse che arrivano in Togo grazie alla generosità di molte famiglie ticinesi, i membri del comitato locale seguono da vicino la situazione dei singoli adottati, con colloqui, visite nelle rispettive scuole e valutazione dei risultati scolastici. In alcuni casi, per garantire la serietà del progetto, l adozione è stata sospesa: si tratta in particolar di famiglie che hanno lasciato il villaggio o di ragazzi che, per scarsa applicazione, hanno ripetuto due volte lo stesso anno scolastico. Promuovere lo sviluppo e gettare le basi per un progetto che duri nel tempo, significa anche far crescere le coscienze e non semplicemente distribuire soldi : questo è un aspetto difficile al quale il comitato è particolarmente attento. Permettere a un giovane di formarsi significa dare a lui e alla sua famiglia un opportunità per vivere meglio e questa opportunità richiede impegno e rigore da parte di tutti gli interessati. La mensa scolastica e l asilo Nel 2013 i bambini dell asilo e della scuola elementare hanno potuto beneficiare di pasti regolari presso la mensa per 4 giorni alla settimana; il mercoledì pomeriggio essendo libero, i bambini rientrano in famiglia a mezzogiorno. Le famiglie sono state coinvolte e hanno partecipato con contributi in denaro o in prodotti alimentari: cereali, legumi, Dietro la scuola, i docenti e i bambini coltivano un orto con diverse verdure. Maestri e famiglie concordano sul fatto che un pasto regolare e variato permette ai bambini di essere più attenti e di avere maggiori energie per le attività scolastiche. Un risultato importante che motiva le famiglie ad essere sempre più partecipi alla gestione di questa attività che richiede comunque ancora un minimo sostegno da parte dell associazione per l acquisto di carne e condimenti. I progetti agricoli Gli economisti distinguono tre settori economici per un paese: il settore primario (miniere e agricoltura), il settore secondario (industria) e il settore terziario (beni e servizi). Il Togo ha poche risorse sfruttabili nel sottosuolo e il settore primario comprende quindi praticamente solo l agricoltura. Per promuovere lo sviluppo della regione, l agricoltura deve quindi essere considerata prioritaria. La sua promozione passa attraverso una riorganizzazione del mondo rurale e la costituzione di cooperative agricole. Come preannunciato nel 2012, nel corso del 2013 la nostra associazione ha promosso la creazione di una cooperativa agricola che raggruppa 12 villaggi nel Cantone d Imlé, ciò che rappresenta una prima nel mondo rurale togolese. Nel 2013 gli aderenti sono stati 563: ognuno ha versato una quota di adesione di CHF 5.- e una quota sociale annua di CHF 20.- che ha permesso l acquisto di sementi, concimi, Sotto la guida esperta del signor Barthélémy Agouma, le cooperative hanno cominciato a coltivare il campo di 35 ettari che l associazione ha comperato nel 2012 e i primi risultati dovrebbero essere visibili entro il primo semestre del 2014 se le condizioni climatiche non saranno troppo difficili. Per il 2013 va, infatti, evidenziato nei mesi di luglio-agosto, il lungo periodo di siccità che ha fortemente compromesso il raccolto di riso e mais. 3. Attività informative in Ticino e in Togo Attività di raccolta fondi Nel 2013 le signore Simone Dubois e Monica Pozzi hanno continuato a coordinare e promuovere le attività di raccolta fondi, sostenute da un gruppo di fedeli collaboratrici sempre disponibili. Da segnalare l impegno dei Rover di Caslano che hanno preparato una cena etnica togolese alla quale ha partecipato una sessantina di persone, i vari mercatini di Natale e alcuni banchi del dolce. 6

7 Trasmissioni televisive e articoli sui giornali La televisione nazionale togolese ha presentato un servizio sulla nostra associazione nell ambito del programma informativo serale (telegiornale). In Ticino sono apparsi alcuni articoli sui quotidiani La Regione, Corriere del Ticino, Giornale del Popolo e sulla Rivista di Lugano. Tele Ticino ha coperto con un bel servizio la festa per il decimo anno dell associazione. Ai numerosi soci, amici e sostenitori, va il sentito ringraziamento del comitato che spera di poter contare anche in futuro sulla fiducia e i contributi di molte persone. La generosità porta sempre i suoi frutti che sono ben visibili nel villaggio e nella regione di Dédomé dove tutti sono i benvenuti! Complemento alla relazione presidenziale: il progetto di scolarizzazione e formazione professionale La signora Annamaria Prati, responsabile del progetto di scolarizzazione e formazione professionale sostenuto attraverso i padrinati a distanza, presenta la sua relazione. Un riconoscente GRAZIE a tutte le famiglie e le persone che anche quest anno, hanno dimostrato fiducia al nostro operato, continuando il sostegno dei bambini o ragazzi a loro affidati o hanno fatto richiesta di un adozione a distanza. Con gioia e soddisfazione da parte nostra, ma ancor di più da parte dei nostri fratelli togolesi, nel 2013 abbiamo ancora potuto allungare la lista dei bambini o ragazzi adottati, arrivando a fine dicembre ad un totale di 311 padrinati. Di seguito un riassunto della situazione degli ultimi tre anni: Adozioni alla fine dell anno Bambini piccoli da 0 a 5 anni Bambini Scuola Elementare Ragazzi Scuola Media Apprendisti Apprendisti nell anno di stage Studenti al Liceo Studenti all Università Totale

8 Nuove adozioni nell anno Bambini piccoli da 0 a 5 anni Bambini Scuola Elementare Ragazzi Scuola Media Apprendisti Studenti al Liceo 1 Studenti all Università Totale Adozioni sospese Per difficoltà finanziarie Ritardi nei pagamenti Per decisione del comitato locale Formazione terminata 2 5 Decesso dell adottato o del padrino 1 1 Altri motivi 2 5 Totale L'adozione a distanza è un modo di essere solidali e non si limita ad aiutare il bambino, ma i suoi benefici si estendono anche alla sua famiglia e alla comunità in cui egli vive. L'adozione a distanza ci fa conoscere e avvicinare ai problemi della povertà, ci aiuta ad acquisire una mentalità nuova, uno stile di vita diverso, ci stimola ad un nuovo atteggiamento critico verso il consumismo, facendo attenzione agli sprechi del superfluo, diventa apertura all'altro e attenzione ai suoi bisogni. L inizio di un adozione a distanza implica naturalmente l inizio di un impegno, per il quale sarebbe bene garantire continuità per alcuni anni consecutivi. Tuttavia, è possibile interrompere il sostegno in ogni momento comunicandolo tempestivamente alla responsabile, per poter cercare una nuova famiglia che prenda a carico l adozione a distanza. Vorremmo attirare la vostra attenzione su alcuni argomenti con i quali siamo spesso confrontati: Spesso riceviamo telefonate di padrini che si lamentano per i pochi contatti che hanno con il loro adottato. Vi assicuriamo che non è mancanza di buona volontà ma, come abbiamo già spiegato altre volte, le famiglie non sono abituate a scrivere, la loro tradizione è orale e molti genitori non sanno né 8

9 Associazione «Dédomé» Amici di don Franck Vezia /Svizzera Atakpamé/ Togo leggere, né scrivere. Questo rende faticoso il contatto frequente. In questi ultimi anni qualcosa comincia a muoversi, alcuni ragazzi più grandi provano ora piacere nello scambiare lettere con le famiglie e scrivono più spesso. Vi chiediamo perciò ancora una dose di pazienza, non perdiamoci in queste frivolezze, continuiamo con generosità a seminare e, siamo convinti che pian piano anche questa difficoltà si risolverà. Diversi padrini desiderano inviare un regalo al bambino in occasione del suo compleanno o del Natale: si tratta di un gesto certamente generoso e apprezzabile, ma può essere anche controproducente. L esperienza fatta in questi anni ci dice che il regalo può suscitare invidie e delusioni negli altri bambini e nelle famiglie perché non tutti li ricevono e non tutti hanno la fortuna di avere un padrino. Sconsigliamo vivamente di inviare pacchi per posta, il servizio postale è inaffidabile, i pacchi arrivano danneggiati o vanno persi; inoltre l invio è gravato da costi doganali, che spesso superano il valore del regalo stesso. Altri padrini ci consegnano lettere con l aggiunta di soldi. La somma di 20 Euro per noi non è un grosso importo, in Togo è lo stipendio mensile di un maestro di scuola elementare. Questo per far capire che dando ad un bambino 20 Euro tutti in una volta, si corre il rischio di causare disuguaglianze e gelosie tra i bambini della comunità e le loro famiglie. Suggeriamo perciò, a chi lo desidera, di fare dei regali che possano interessare tutti i bambini del villaggio, i regali in denaro, per esempio, possono essere depositati su un conto per usarli in futuro per i bisogni di ogni singolo bambino o per l acquisto di materiale scolastico da mettere a disposizione di tutti ( libri, colori,...). Fiduciosi che anche in futuro continueremo a trovare persone sensibili pronte a tendere una mano ai nostri fratelli togolesi, ci affidiamo a voi affinché la vostra esperienza sia di esempio per coinvolgere parenti, amici o conoscenti. Papa Francesco nel suo messaggio per la Quaresima ci dice: Ad imitazione del nostro Maestro, noi cristiani siamo chiamati a guardare le miserie dei fratelli, a toccarle, a farcene carico e a operare concretamente per alleviarle. Nei poveri e negli ultimi noi vediamo il volto di Cristo; amando e aiutando i poveri amiamo e serviamo Cristo. Coraggio dunque, 1.- Fr al giorno a noi non cambia la vita, ma ad un povero sì! 4. Presentazione dei conti 2013 Il signor Giuseppe Gallucci commenta la situazione contabile dell associazione che si presenta come segue: BILANCIO 2013 ATTIVI Cassa CHF 6' Conto corrente postale CHF 404' Conto magazzino. materiale associazione CHF TOTALE ATTIVI CHF 412'

10 PASSIVI Transitorio passivo quota sociale anno seguente CHF 6' Transitorio passivo adozioni anno seguente CHF 40' Fondo vincolato dispensari altri villaggi CHF 2' Fondo vincolato dispensario Aledjo CHF 3' Fondo vincolato progetto cure malati senza risorse finanziarie CHF 5' Fondo vincolato progetto WC CHF 4' Fondo vincolato progetto formazione professionale CHF 228' Fondo vincolato fine apprendistato CHF 2' Fondo vincolato progetto agricolo: allevamento galline CHF 8' Riserva di funzionamento gestione ospedale Dédomé CHF 70' Riserva di funzionamento gestione farmacia ospedale Dédomé CHF 3' Riserva funzionamento apparecchiature ospedale CHF 10' Riserva funzionamento mensa scolastica CHF 9' Riserva funzionamento asilo CHF 1' Riserva di funzionamento agricoltura CHF 3' Riserva manutenzione acquedotto CHF 9' Riserva libera CHF 1' Maggior entrata CHF 2' TOTALE PASSIVI CHF 412' CONTO ECONOMICO 2013 COSTI \ Spese adozioni CHF 127' Salari personale ospedale CHF 31' Spese esercizio ospedale Dédomé: medicinali e varie CHF 4' Nuovi investimenti ospedale Dédomé CHF 1' Dispensario Aledjo: latte AL110 e medicinali CHF Cure malati senza risorse finanziarie CHF 4' Spese esercizio osp. : medicinali e materiale. sala operatoria, laboratorio CHF 10' Sostegno cooperative agricole (sementi, prestiti,...) CHF 2' Spese d'esercizio mensa CHF 3' Spese nuovi investimenti centro professionale CHF 1' Spese CCP giro internazionale CHF Spese CCP vers. contanti CHF 1' Spese segretariato: materiale CHF 1' Spese segretariato: Giornalino e stampati CHF 8' Spese segretariato francobolli e spese postali, invio Giornalino CHF 1' Spese quota sociale CHF 3' Spese oggetti mercatini CHF 1' Spese manifestazioni CHF 14' Spese acquisto autocarri CHF Spese spedizioni materiale CHF 19' TOTALE COSTI CHF 240'

11 RICAVI \ Adozioni anno in corso CHF 127' Contributo individuale vincolato CHF 68' Contributo individuale non vincolato CHF 8' Ente pubblico, contributo vincolato CHF Ente pubblico, contributo non vincolato CHF Interessi/Imposta preventiva CHF Quota sociale anno in corso CHF 16' Mercatini e bancarelle CHF 4' Manifestazioni CHF 17' TOTALE RICAVI CHF 243' TOTALE COSTI CHF 240' MAGGIOR ENTRATA CHF 2' I passivi comprendono i fondi vincolati e le riserve di funzionamento. I primi sono costituiti dai versamenti effettuati dai donatori con l indicazione di un progetto specifico. Le seconde sono state volute dal comitato per garantire la continuità dei progetti, per un tempo determinato, in caso di difficoltà finanziare dell associazione. La riserva di funzionamento per l ospedale, per esempio, prevede la disponibilità finanziaria per garantire i salari del personale per due anni. Nei costi, la somma relativamente importante alla voce manifestazioni è dovuta ai festeggiamenti organizzati per il 10 anniversario dell associazione. Nei ricavi si evidenzia che le entrate provengono da privati e che la maggior parte è vincolata. 5. Rapporto dell Ufficio di revisione dei conti In qualità di Ufficio di revisione ho verificato il bilancio e il conto economico dell Associazione DEDOME amici di don Franck per l esercizio chiuso al 31 dicembre Il comitato è responsabile dell allestimento del bilancio e del conto economico, mentre il mio compito consiste nella sua verifica. Confermo di adempiere i requisiti legali relativi all abilitazione professionale ed all indipendenza. La mia revisione è stata effettuata conformemente allo Standard svizzero sulla revisione limitata, il quale richiede che la stessa deve essere pianificata ed effettuata in maniera tale che anomalie significative nel bilancio e nel conto economico possano essere identificate. Una revisione limitata consiste essenzialmente nell effettuare interrogazioni e procedure analitiche, come pure, a seconda delle circostanze, adeguate verifiche di dettaglio della documentazione disponibile presso l associazione sottoposta a revisione. Per contro, la verifica di processi dell associazione, del sistema di controllo interno, come pure interrogazioni e altre procedure miranti all identificazione di atti illeciti o altre violazioni di disposizioni legali, sono escluse da questa revisione. Nello spirito della promozione dello sviluppo nel quale opera l Associazione, il Comitato locale in Togo gestisce in modo autonomo la contabilità, secondo la legislazione vigente, tenendo conto dei vincoli concordati con il Comitato ticinese (presentazione regolare della contabilità intermedia) e con la supervisione dello stesso durante le visite annuali. Il Comitato in Ticino ha accesso tramite internet al conto bancario in Togo. I conti presentano al la seguente situazione: Entrate: CHF 243' Uscite: CHF 240' maggior entrata di CHF 2' Il totale del bilancio ammonta a CHF 412'

12 Sulla base della mia revisione non ho rilevato fatti che mi possano far ritenere che il bilancio e il conto economico non siano conformi alle disposizioni legali e statutarie. Paradiso, 2 aprile 2014 Studio fiduciario e di consulenza Rezio Pelloni 6. Approvazione dei conti e del rapporto dell Ufficio di revisione I conti e il rapporto di revisione sono approvati all unanimità. 7. Presentazione dei progetti futuri e del preventivo 2014 Il preventivo elaborato dal comitato per il 2014, prevede il consolidamento dei progetti in corso ( in particolare il sostegno alla gestione dell ospedale) e il nuovo progetto di ampliamento delle opportunità di formazione professionale nella regione, con la costruzione di una scuola professionale per la quale il Ministero dell Insegnamento tecnico e della formazione professionale ha accordato l autorizzazione. Il progetto si inserisce nel «Plan sectoriel de l éducation » elaborato dal Governo della Repubblica togolese, che nelle linee guida e negli assi prioritari della sua strategia prevede di: «Garantire, nell insegnamento superiore, l insegnamento secondario, l insegnamento tecnico e la formazione professionale, delle formazioni che, quantitativamente e qualitativamente siano determinate dalla domanda dell economia togolese, liberalizzando l offerta educativa e sviluppando un partenariato efficace e ben coordinato. In particolare, per la formazione professionale, il rapporto prevede una doppia prospettiva. «contribuire a migliorare la produttività del lavoro nel settore informale, agricolo e non agricolo e permettere ai giovani che terminano la loro scolarità dopo la scuola elementare, durante o dopo la scuola media, di beneficiare di una formazione breve orientata all inserimento in una professione. L asse strategico consiste nel creare, rinforzare e coordinare tipi e d strutture di formazione breve e/o di apprendistato in collaborazione con artigiani e persone attive in ambito agricolo». Per raggiungere questi obiettivi, «il Governo garantisce il diritto (a Organizzazioni private, cittadini, collettività locali e a ogni ente che dispone dei necessari mezzi finanziari) di creare e di gestire strutture educative conformi alle leggi e ai regolamenti in vigore. Lo Stato dovrà incoraggiare lo sviluppo di strutture private specialmente nell ambito post-elementare, all interno di una strategia nazionale condivisa. PREVENTIVO 2014 PROGETTI E ATTIVITÀ CORRENTI Costi Ricavi Progetti promozione della salute Ospedale, salari e gestione amministrativa CHF 36' CHF 36' Gestione ospedale e dispensari CHF 27' CHF 27' Contributo funzionamento consiglio amministrazione ospedale CH 2' CHF 2' TOTALE promozione della salute CHF 65' CHF 65' Padrinati CHF 127' CHF 127'

13 Progetto mensa scolastica e asilo Mensa scolastica, gestione CHF 3' CHF 3' Mensa scolastica, nuovi investimenti Asilo, nuovi investimenti TOTALE progetto mensa scolastica CHF 3' CHF 3' Progetto formazione professionale Scuola professionale gestione Scuola professionale nuovi investimenti CHF 500' CHF 300' TOTALE progetto formazione professionale CHF 500' CHF 300' Progetti agricoli Cooperative agricole CHF 10' CHF 10' Progetti specifici, vincolati : piantagione Tek CHF 8' CHF 8' Nuovi investimenti:progetto: allevamento galline CHF 22' CHF 22' Totale progetti agricoli CHF 40' CHF 40' Acquedotto Mantenimento e migliorie acquedotto CHF CHF Totale mantenimento acquedotto CHF CHF Amministrazione e segretariato CHF 15' CHF 15' Varie Mercatini e manifestazioni CHF 6' CHF 13' Varie / contributi non vincolati CHF CHF 39' Acquisto autocarri CHF 20' Spedizione materiale CHF 25' Totale varie CHF 52' CHF 52' TOTALE CHF 803' CHF 603' MAGGIORE USCITA CHF -200' Approvazione dei progetti e del preventivo 2014 I progetti e Il preventivo sono approvati all unanimità. 10. Eventuali Il presidente del giorno, signor Severino Bronner, chiude l assemblea alle ore La serata si conclude con un rinfresco Vezia, 05 aprile 2014 La segretaria Marina Santini 13

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Coltivare nel Sahel si può Gli orti delle donne del progetto Il Sole per l Acqua

Coltivare nel Sahel si può Gli orti delle donne del progetto Il Sole per l Acqua Coltivare nel Sahel si può Gli orti delle donne del progetto Il Sole per l Acqua Un progetto della Rete dei Comuni Solidali: 290 piccoli comuni italiani per la solidarietà e lo sviluppo Sahel: fra le terre

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

In paternship con Padre Alberto Missionario del PIME ( Pontificio Istituto Missioni Estere ) PROGETTO CAMBOGIA

In paternship con Padre Alberto Missionario del PIME ( Pontificio Istituto Missioni Estere ) PROGETTO CAMBOGIA In paternship con Padre Alberto Missionario del PIME ( Pontificio Istituto Missioni Estere ) PROGETTO CAMBOGIA A PIEN ROONG Fornire : Arredi scuola Sostegno allo studio e Salute pubblica SPONSOR: Micromondo

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Mercoledì 24 ottobre: PORTE APERTE ALLE CELEBRAZIONI TRIESTINE PROGRAMMATE PER LA GIORNATA MONDIALE DELLE NAZIONI UNITE

Mercoledì 24 ottobre: PORTE APERTE ALLE CELEBRAZIONI TRIESTINE PROGRAMMATE PER LA GIORNATA MONDIALE DELLE NAZIONI UNITE COMUNICATO STAMPA 17.10.2007 Con cortese preghiera di diffusione Mercoledì 24 ottobre: PORTE APERTE ALLE CELEBRAZIONI TRIESTINE PROGRAMMATE PER LA GIORNATA MONDIALE DELLE NAZIONI UNITE -Incontro pubblico

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità 6.01 Stato al 1 gennaio 2009 perdita di guadagno Persone aventi diritto alle indennità 1 Hanno diritto alle indennità di perdita di guadagno (IPG) le persone domiciliate in Svizzera o all estero che: prestano

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

INSIEME SI PUÒ. per una solidarietà più viva

INSIEME SI PUÒ. per una solidarietà più viva INSIEME SI PUÒ per una solidarietà più viva 1 9 9 3-2 0 1 3 Insieme Si Può 1993/2013 Insieme Si Può L Associazione ha lo scopo di sviluppare, favorire ed incentivare l adozione a distanza di bambini bisognosi,

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Sostegno alla scuola St. Augustine

Sostegno alla scuola St. Augustine Con il ricavato della vendita del calendario del 2014 (2.500 euro), il Fermi ha potuto fare una donazione alla Scuola Secondaria St.Augustin di Isohe (Sud Sudan) per l acquisto di un computer, una stampante,

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

La Fame: una sfida da affrontare

La Fame: una sfida da affrontare La Fame: una sfida da affrontare La fame nascosta La fame è tra le minacce più grandi dell'umanità. Colpisce oltre 850 milioni di persone in tutto il mondo. Ciononostante, quante volte i giornali pubblicano

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento della sanità e della socialità Ufficio del medico cantonale Servizio di promozione e di valutazione sanitaria 1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello

Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Ufficio delle scuole comunali Collegio degli ispettori Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Bellinzona, dicembre 2010 Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Comunicazioni

Dettagli

Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te.

Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te. Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te. Nel Sud del mondo in una situazione di povertá e di emarginazione a molti bambini sono negati i diritti fondamentali alla vita, alla

Dettagli

in primo luogo a Zanzibar

in primo luogo a Zanzibar ...... Se fai il bene diranno che lo fai per fini egoistici...non importa fa il bene S. Teresa di Calcutta cosa ci ha riservato questo 2014 come abbiamo speso questi 365 giorni... è stato certamente un

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

La sua cartella sanitaria

La sua cartella sanitaria La sua cartella sanitaria i suoi diritti All ospedale, lei decide come desidera essere informato sulla sua malattia e sulla sua cura e chi, oltre a lei, può anche essere informato Diritto di accesso ai

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli