sistema di colorazione di lamiere di acciaio inossidabile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "sistema di colorazione di lamiere di acciaio inossidabile"

Transcript

1 _ sistema di colorazione di lamiere di acciaio inossidabile Dr. Ing. Fausto Capelli - Centro Inox 1) Introduzione Quando si parla di acciaio inossidabile, di solito, viene subito alla mente un materiale estremamente freddo, lucente, con finlture a volte quasi speculari, ma soprattutto privo di un colore proprio caratteristico. Sono classici gli esempi delle pentole, della posateria in genere, di alcuni tipi di serbatoi, ecc, per i quali tanto più il materiale assume un aspetto acromatico e brillante, tanto più viene valorizzato il manufatto. A volte, tuttavia, per esigenze estetiche o per esigenze funzionali, si ricorre a sistemi di satinatura, sabbiatura o in generale a lavorazioni meccaniche che riescono ad opacizzare la lamiera di acciaio inossidabile in diversi gradi, a seconda del tipo di metodologia seguita per raggiungere lo scopo. In ogni caso, però, il materiale mantiene il classico aspetto metallico, pur non essendo più lucente. Nel caso in cui si volessero far assumere al materiale dei colori in superficie, si possono prendere in considerazione alcune tecnologie che si differenziano in maniera notevole l'ima dall'altra. La metodologia più semplice è quella della pitturazione che viene effet- (*) I brevetti sono deicnuii dalla dina inglese International Niekel Ltd. (British Patent e I e relative estensioni). La Poligrat GmbH, tedesca, ha introdotto nuovi accorgimenti, anch'essi brevettati, consistenti essenzialmente in processi di «stabilizzazione» della pellicola colorata. tuata prima preparando opportunamente la superficie dell'inox, tramite sgrassaggi accurati e filtri abrasivi, poi applicando un «primer» scelto in funzione del tipo di pittura ed infine verniciando seguendo le normali prescrizioni che ciascun tipo di vernice richiede. Anche per la smaltatura è necessario procedere prima ad una corretta preparazione superficiale poi all'applicazione dello smalto a secco ed infine al riscaldamento in atmosfera neutra o ossidante. Un altro sistema per colorare clementi di acciaio inossidabile consiste nel semplice riscaldamento in aria a temperature tali da consentire la formazione di ossidi e corrispondenti alle diverse temperature di rinvenimento; si possono così ottenere alcuni tipi di colorazioni, dal paglierino chiaro al blu scuro; tali colorazioni tuttavia, non si presentano omogenee in ogni punto della superficie. È possibile inoltre ottenere una brunitura sulla lamiera di acciaio inox, che in tal maniera acquista l'aspetto caraneristico tipo «canna di fucile», con attacco in soluzione acquosa di acido solforico e bicarbonato potassico ad una temperatura variabile da 90 a 100 C; oppure in bagni di dicromato di sodio a temperature però molto più elevate (circa 400 C). Infine esiste un sistema di colorazione per via chimica (*) che qui cercheremo di descrivere più diffusamente. 2) Descrizione del procedimento La colorazione dell'acciaio inossidabile si ottiene mediante immersione della lamiera o del generico manufatto in una soluzione acquosa di acido cromico e di acido solforico a temperature variabili da 65 C a 95 C. A parità di concentrazione degli acidi succitati nel bagno, la variazione dei due parametri temperatura e tempo di immersione, consente di realizzare differenti colorazioni, che vanno dal color bronzo al blu, al rosso, al verde, con diverse tonalità intermedie. La tecnologia realizzativa prevede tre fasi essenziali, che prenderemo in considerazione distintamente: a) - preparazione superficiale; b) - coloritura; e) - fissaggio. a) Prepara/ione superficiale Tale fase iniziale ha notevole, importanza ai l'ini dell'ottenimento di soddisfacenti risultati, sia come uniformità di colorazione, sia come tenuta nel tempo dello strato colorato. Per ciò che conccrne la preparazione meccanica delle superl'ici c'è da precisare che essa non è essenziale e l'operazione di coloritura su acciaio inox può essere condotta con le normali finiture delle lamiere o dei nastri forniti dalle acciaierie. È possibile pertanto utilizzare siala finitura tipo «2B», ottenuta mediante una laminazione pellicolare a freddo («skinpassatura»), eseguita Estratto da "Lamiera", Gennaio 1982

2 ss ~ «o 65 con cilindri lucidi su lamiere già precedentemente laminate a freddo, sia la finltura tipo «BA», ottenuta invece su lamiere e nastri laminati a freddo per trattamento termico in atmosfera inerte. Se si vuole spingere al massimo la levigatura o la lucidatura, si possono realizzare finiture per abrasione, utilizzando dischi o nastri abrasivi a differente granulometria, con l'avvertenza però di non surriscaldare parti superficiali dell'elemento da colorare, in modo da evitare disomogeneità di coloritura; questa avvertenza va considerata soprattutto per gli acciai inossidabili austenitici (della serie AISI 300) che hanno una bassa conducibilità termica. In ogni caso, per qualsiasi operazione di lucidatura è necessario utilizzare dischi o nastri che lavorino o che abbiano lavorato esclusivamente acciaio inossidabile, per evitare fenomeni di contaminazione superficiale da materiale meno nobile (ad esempio acciaio al carbonio), altrimenti si creerebbero le premesse per zone di attacco corrosivo preferenziale. Si procede quindi ad una accurata sgrassatura con solventi organici da eseguirsi a caldo per immersione oppure a spruzzo. blu 10 2o tempo (min.) verde giallo Fin. 1 - Curve che rappresentano le diverse colorazioni possibili su superfici di acciaio inossidabile, in l'unzione della temperatura del bagno e del tempo di immersione. 30 min is 30 - zs lo «io - verde rosso oro - giallo blu - marrone M i o 1IO 1TS (la a / r \ ^. 4S0 («S too 105 ZtO us tio "" tnv Fig. 2 - Curva che rappresenta la variazione del potenziale Ira un acciaio inossidabile AISI 304, immerso in bagno di colorazione e un elettrodo preso come riferimento, in funzione del tempo di trattamento, a = transitorio iniziale; b = formazione del colore; e = dissoluzione dello strato colorato. Per pezzi di forma molto complessa è possibile fare uso di lavaggi e pulizia con ultrasuoni che riescono ad eliminare la sporcizia che si potrebbe essere annidata in cavità, interstizi, forellini ecc. Lo sgrassaggio può essere concluso con un'azione elettrolitica che consente di ottenere una superficie completamente ed omogeneamente detersa in ogni punto. Essa è comunque consigliabile per pezzi particolarmente complessi. Si procede poi ad una neutralizzazione con immersione in una soluzione contenente piccole quantità di acido solforico che ha il compito di neutralizzare eventuali residui alcalini ed infine ad un lavaggio in acqua che consente anche di appurare se la fase di sgrassatura ha avuto una sufficiente efficacia: infatti se la superficie del metallo è completamente detersa, si deve formare su di essa un velo d'acqua continuo ed omogeneo, senza discontinuità locali. b) - Coloritura > e Si immerge la lamiera o, in generale, il manufatto di acciaio inossidabile in una vasca contenente una soluzione acquosa di acido cromico (Cr, O,) in ragione di g/l e di acido solforico (H SOJ) in ragione di 450 -^ 550 g/l, la soluzione viene portata ad una temperatura di 70 -f- 90 C. Come si può constatare il range di concentrazione dei due acidi e l'intervallo termico nei quali si può ottenere coloritura sono piuttosto ampi, anche se si è verificato che le condizioni ottimali, ai fini della riproducibilità dei risultati sono le seguenti: 250 g/l acido cromico 490 g/l acido solforico a temperatura di C. Il tempo di trattamento per poter realizzare un certo tipo di colorazione, dipende essenzialmente dalla temperatura del bagno; si è pertanto scelta quest'ultima in modo da ottenere dei tempi di trattamento sufficientemente contenuti e contemporaneamente in modo da evitare eccessiva formazione di fumi. In tal modo, inoltre, i tempi per la colorazione vera e propria vengono resi compatibili con quelli della fase successiva di indurimento. In figura 1 si sono riportate le curve di alcune delle colorazioni ottenibili in funzione delle temperature del bagno e dei tempi d'immersione.

3 L'elemento di acciaio inossidabile va immerso completamcnie nella soluzione; non esistono limiti di l'orma o di dimensioni (compatibilmente con quelli della vasca, naturalmente); è necessario solamente accertarsi che nel caso di immersione di più manufatti, non si producano «schermature», cioè zone in cui due supcrfici da trattare siano iroppo vicine tra loro. Inoltre è importante che la lamiera o, in genere, l'elemento inox non sia accoppiato con altri materiali metallici o che non presenti parti costituite di materiali diversi dall'acciaio inossidabile; in tal caso, per evitare fenomeni galvanici capaci di ostacolare il fenomeno di colorazione, è opportuno isolare dette parti in maniera tale che esse non siano bagnate dalla soluzione. Dopo un transitorio iniziale, comincia la colorazione: i colori si susseguono, nel tempo, nella seguente maniera: bronzo, viola, blu, oro, oro-scuro, rosso e verde. Naturalmente tra questi colori esistono poi diverse differenti tonalità intermedie. Data l'impossibilità di seguire visivamente la successione cromatica, durante l'immersione dell'elemento di acciaio inox, si è dotata la vasca adibita alla colorazione, di un millivoltmctro che registra i potenziali corrispondenti ad ogni colore. Si è constatato, infatti, che le differenze di potenziale tra la superficie inox ed un elettrodo preso come riferimento (ad cs. di platino, materiale più nobile dell'acciaio inossidabile), subiscono, durante il processo, variazioni anche sensibili: l'acciaio inossidabile tende a divenire più elettropositivo ed il potenziale dell'elettrodo si abbassa gradualmente. In tale maniera, osservando lo strumento, sarà possibile arrestare il procedimento nel momento in cui si sarà pervenuti al colore desideralo. Nella figura 2 è schematizzata la curva che evidenzia l'andamento della differenza di potenziale tra l'acciaio inox AIS1 304, durante la colorazione e un elettrodo di riferimento, in funzione del tempo di trattamento. Si osserva da tale curva il transitorio iniziale, l'ino al punto M, a partire dal quale si ha un innalzamento del potenziale con la formazione di colori, sino al punto M :, oltre al quale lo strato si dissolve e l'acciaio inossidabile risulta attaccato. e) Fissaggio Per far sì che la pellicola colorala possa garantire un sufficiente ancoraggio e resistere così alle azioni degli agenti esterni (sfregamento, variazioni lermiche, condizioni atmosleriche diverse, ccc), è necessario procedere ad un trattamento di «indurimento» o «fissaggio». L'acciaio inox dopo essere stato sciacquato in acqua viene sottoposto ad un trattamento catodico in un'altra soluzione acida, composta orientativamente nel semiente modo: 250 g/l acido cromico 2,5 g/l acido fosforico 11 trattamento va condotto, a temperatura ambiente, con densità di corrente pari a 0,2 ~ 0,4 A/dm, per una durata di 5 H- 10 minuti. Effettualo il «fissaggio», al quale può essere connesso, a seconda dei processi, anche un trattamento «stabilizzante», con bagni opportuni di composizione brevettata, si esegue un accurato lavaggio in acqua, preferibilmente calda e poi l'asciugatura. L'indurimento è preferibile eseguirlo immediatamente dopo la colorazione per evitare possibilità di decolorazione o di danneggiamento del film colorato. 3) Formazione del colore II processo di coloritura determina un fenomeno di conversione superficiale, in quanto sulla superficie metallica, avvengono dei mutamenti a livello molecolare che causano la formazione di strati di ossido successivi. In tali condizioni la formazione dei diversi colori avviene per «interferenza», sfruttando cioè la differenza di fase esistente tra i rag- Ut;. ì - Schema rappresentante le riflessioni e le rifrazioni subite da un generico l'astio di luce incidente ti), che colpisce lo strato coloralo. iti di OVSvda Ki)>. 4 - Schema rappresentante le riflessioni e le rifrazioni subite da un fascio di luce incidente, di lunghe/za d'onda X, che colpisce più strati di ossido. inox

4 Fig. 5 - tsempio di applicazione di lamiera di acciaio inossidabile colorato, utilizzala come rivestimento di una parete interna di un barpizzeria (esecuzione della ditta «Steel-color G.M.» via Matteotti - Cignone - Cremona). Fig. 6 - Esempio di applicazione di lamiera di acciaio inossidabile colorato per la costruzione di un collettore solare piano (esecuzione della ditta «ICOSS» via Monferrato - San Giuliano Milanese - Milano). gi di luce riflessi dalle diverse superfici di ossido formatesi nel trattamento e quelli riflessi invece dalla superficie del metallo sottostante. Se facciamo riferimento allo schema di figura 3, nel caso più semplice in cui si considera un solo strato di ossido, si può notare come il generico fascio di luce incidente (i) venga in parte riflesso dalla pellicola di ossido ed in parte rifratto all'interno della pellicola stessa. 11 raggio rifratto a sua volta viene riflesso dalla superficie metallica e dopo aver riattraversato lo strato di ossido viene di nuovo rifratto nel passaggio ossido-aria. Durante il processo, tuttavia, a seconda della durata e della temperatura del trattamento, possono formarsi diversi strati di ossido superficiale di differente spessore; in tal modo il generico fascio di luce bianca viene riflesso e rifratto più volte, con risultati cromatici differenti, a seconda del numero di strati e del loro spessore (v. esempio di figura 4). L'accrescimento ed il conseguente spessore raggiunto dallo strato di ossidi dipendono essenzialmente dal tempo e dalla temperatura del trattamento. È possibile rendersi conto dell'entità dello strato di ossidi mediante uno spettroscopio a rifrazione, valutando la rifrazione come funzione della lunghezza d'onda (X) della luce incidente. Misurando pertanto lo spessore ottico si riesce, servendosi dell'indice di rifrazione della pellicola (definito in 2,2), a calcolare lo spessore del film di ossidi che può variare da circa 0,02 firn per il colore bronzo, che è il primo colore nella formazione della gradazione cromatica, fino a circa 0,36 firn per il colore verde che è all'ultimo posto nella successione di colori. L'aumento dello spessore della pellicola porta di conseguenza una diminuzione in peso della lamiera di acciaio inossidabile (comunque del tutto trascurabile, valutata nell'ordine di 1 mg/cm-); è da pensare, pertanto, che il film non isoli completamente il metallo di base, ma lasci delle porosità in modo tale che l'acciaio prenda parte alla reazione e si dissolva parzialmente fino al completamento del procedimento. La dissoluzione, di tipo anodico, si verifica alla base delle porosità ed i prodotti di reazione migrano verso l'esterno. Per reazione catodica si verifica la riduzione dell'acido cromico sotto forma di ioni Cr. Se si effettua un'analisi dello strato colorato; si evidenzia la presenza di cromo, ferro e nichel in differenti percentuali ed è interessante constatare che la percentuale in peso del cromo risulta essere sempre superiore (anche se di poco) a quella dello stesso elemento contenuta nell'acciaio di base (ricordiamo che per un acciaio inossidabile austenitico AIS1 304 il cromo è presente in ragione del 18% circa). L'indagine sulla natura del film colorato, può essere condotta o mediante microanalisi con sonda elettronica, oppure prelevando un campione di strato a mezzo attacco anodico in soluzione al 50% di alcool etilico ed al 50% di acqua e contenente anche 100 g/1 di acido succinico. Riportiamo, a titolo orientativo, i risultati di due analisi condotte su alcuni campioni, la prima ottenuta con sonda elettronica, l'altra con attacco anodico: 1) 2) Cr 21, 2% 19, 6% Fé 11,5% 11,7% M 6,3% 2,1% (le percentuali si riferiscono ai valori in peso). Gli elementi chimici sopra riportati, si ritiene formino ossidi più o meno complessi il cui peso però si discosta non poco dal peso totale della pellicola che deve ritenersi pertanto fortemente idratata. La conferma dello

5 stato di idratazione del film colorato è stata data da analisi spettroscopica nell'infrarosso. 4) Caratteristiche dello strato colorato La peculiarità di tale trattamento consiste nel riuscire a modificare l'aspetto superficiale dell'acciaio inox, senza deposizione di strati di vernice o di ricoprimenti vari. Ciò porta di conseguenza indubbi vantaggi, come la resistenza della pellicola a fenomeni corrosivi, ad azioni abrasive ecc, in quanto rimane inalterata la caratteristica autopassivante dell'acciaio inossidabile e non si ostacola il suo meccanismo dinamico autoprotettivo. Per ciò che concerne la resistenza alla corrosione, si sono condotte prove di corrosione atmosferica in alcune località «tipo»: urbano - industriale, marina e rurale per periodi di tempo più o meno lunghi ; tali prove hanno dimostrato che lamierini di acciaio inossidabile AIS1 304, colorato, si sono comportati dal punto di vista della corrosione generalizzata, allo stesso modo di analoghi campioni non colorati. Essi, inoltre, non hanno fatto constatare alcuna alterazione cromatica. Si sono condotte anche prove di corrosione accelerata (tipo «CASS») e prove in soluzione di cloruro ferrico, per valutare la resistenza delle lamiere colorate alla corrosione localizzata per vaiolatura. In tali circostanze si è verificato che alcuni campioni di acciaio inox, AI- SI 304, sottoposti al trattamento di colorazione e fissaggio, si sono comportati meglio nei confronti di analoghi campioni colorati ma non fissati ed anche rispetto ad analoghi campioni non colorati. Il film colorato ha dimostrato anche discrete doti di idrorepellenza. Anche per valutare la resistenza all'usura, si sono condotte prove sperimentali, sebbene, in questo caso, sia molto difficile riuscire ad estrapolare dai risultati ottenuti, dei significativi valori da relazionare alle effettive condizioni di esercizio. Si sono utilizzate punte abrasive che fatte scorrere alternativamente sulla superficie metallica colorata della lamiera hanno fatto rilevare il numero di passaggi necessario per arrivare all'asportazione della pellicola. Tali prove hanno dimostrato che su provini sui quali viene condotto opportunamente il trattamento di fissaggio, si ottengono soddisfacenti risultati di resistenza all'usura. Per ciò che concerne la resistenza al calore si è notato che temperature dell'ordine di 150 H- 200 C possono causare un viraggio di tonalità cromatica che però poi non viene ulteriormente accentuato. Si sono condotte prove per tre settimane a 200 C e si è confermato tale fenomeno che, tuttavia, avviene in maniera uniforme su tutta la lamiera. La causa è probabilmente da ricercarsi nel fatto che a tali temperature, viene eliminato parte del contenuto acquoso presente nel film. Le lavorazioni meccaniche che possono eseguirsi su lamiere di acciaio inossidabile colorato senza alterazione cromatica sono quelle di piegatura a freddo oppure di imbutitura non molto profonda come, ad esempio, per la fabbricazione di vassoi, vasellame, ecc. In tali operazioni non si ha distacco della pellicola e non si notano sostanziali variazioni di colore, ciò sta a dimostrare che il film risulta possedere una notevole elasticità, nonché una notevole aderenza all'acciaio sottostante. 5) Acciai inossidabili adatti alla colorazione Si possono ottenere colorazioni sia su acciai inossidabili della serie austenitica, al Cromo-Nichel (tipo AI- Sl 304) o al Cromo-Nichel-Molibdeno (tipo AISI 316), sia su acciai inox della serie ferritica, al solo Cromo, (tipo AISI 430, 434 ecc); mentre sugli acciai martensitici al solo Cromo, (tipo AISI 410, 420, 440), a causa del forte attacco superficiale si possono ottenere, in generale, solamente pellicole scure, quasi nere. Esperienze pratiche hanno dimostrato che a parità di finiture superficiali, i colori ottenuti su acciai della serie 300 di uso corrente, risultano essere più brillanti di quelli ottenuti su acciai della serie 400 ferritici; ciò è da imputare essenzialmente alla presenza del nichel (dall'8 al 14% circa), contenuto negli austenitici. 6) Esempi applicativi Come esempi abbiamo riportato delle applicazioni che mostrano chiaramente come da un lato venga preso in considerazione soprattutto l'aspetto estetico, mentre dall'altro si badi per lo più alla funzionalità della lamiera di acciaio inossidabile colorata. Il primo esempio (fig. 5), mostra l'applicazione di lamiere di acciaio inox colorato per la realizzazione di pannellature utilizzate per l'arredamento di un bar. Le pannellature sono ottenute componendo opportunamente delle «piastrelle» quadrate, di acciaio inossidabile AISI 304, decorate in superficie con motivazioni geometriche policrome. Si può notare come si ottenga, in questo caso, un effetto piacevole e si compensi la freddezza del materiale base, pur lasciando intatte le caratteristiche di resistenza alla corrosione, agli urti e l'attitudine ad una facile manutenzione. Il secondo esempio (fig. 6) illustra l'applicazione di due lamiere di acciaio inossidabile AISI 304 per la costruzione di un collettore solare: dopo aver saldato per punti tra loro le due lamiere e dopo averle «gonfiate», in modo da costituire un circuito per il fluido termovettore, viene eseguita la coloritura per interferenza, secondo le modalità sopra descritte, in maniera tale da ottenere un colore caratteristico blu scuro. Prove effettuate hanno dimostrato che tale grado di colorazione risulta essere particolarmente indicato per la captazione dei raggi solari; infatti si sono misurati dei valori di assorbanza (a) molto elevati e dei valori

6 di emittanza (t) molto bassi. Applicazioni nel settore hanno confermato la veridicità delle prove sperimentali sia dal punto di vista del rendimento termico, sia dal punto di vista della stabilità nel tempo del colore. Si sono effettuate anche applicazioni su collettori solari parabolici, nei quali, al fuoco della parabola, si è collocato, il tubo captante, nel quale scorre il fluido termovettore, costruito in acciaio inossidabile e colorato, sempre al fine di migliorare l'assorbimento dei raggi solari ed ottimizzare il rendimento termico della parabola. Bibliografia 1) Gabriele Di Caprio: «Gli acciai inossidabili», 2 a ed. Hoepli, Milano ) Renato Fé nini: «La colorazione dell'acciaio inossidabile», in «Rivista di meccanica», n. 609/611, gennaio/febbraio ) Renato Fenini: «La colorazione dell'acciaio inossidabile - Presentazione, tecnologia, metodologie e applicazioni», relazione presentata alla FAST, Milano, 19 settembre ) R. Blower, T.E. Evans (INCO): «Introducing coloured stainless steel - a novel produet and a new process», in «Sheet Melai Industries», Voi. 51, n. 5, maggio ) Bruno Siegel (Poligrat): «Neue Farbeverfahren tur Edelstahl», Monaco, ) Robert Zapp: «Die Verarbeitung von Edelstahl Rostfrei» - Diisseldorf. 7) Samuel Spring: «Preparation of metals for painting», Reinhold pubblishing Corporation, New York ) James A, Murphy: «Surface preparation and finishes for metals», Me Gravv - Hill book company, New York

7

Diapositiva 1. M1 Mary; 14/03/2007

Diapositiva 1. M1 Mary; 14/03/2007 LA CORROSIONE M1 1 Diapositiva 1 M1 Mary; 14/03/2007 Cos'è la corrosione? E' un fenomeno elettrochimico spontaneo ed irreversibile che comporta il graduale decadimento tecnologico del materiale metallico

Dettagli

corrosione corrosione chimica

corrosione corrosione chimica La corrosione La corrosione è un consumo lento e continuo di un materiale (generalmente metallico) dovuto a fenomeni chimici o, più frequentemente, elettrochimici. La corrosione è dovuta al fatto che tutti

Dettagli

TRATTAMENTI GALVANICI DELLE SUPERFICI METALLICHE

TRATTAMENTI GALVANICI DELLE SUPERFICI METALLICHE TRATTAMENTI GALVANICI DELLE SUPERFICI METALLICHE CHI SIAMO Galvanica Cedratese sas è un azienda che si occupa di trattamenti galvanici di superficie per i settori aeronavale, alimentare, motociclistico,

Dettagli

Profili per pavimenti in legno e laminato Projoint T

Profili per pavimenti in legno e laminato Projoint T PROFILPAS S.P.A. VIA EINSTEIN, 38 35010 CADONEGHE (PADOVA) ITALY TEL. +39 (0)49 8878411 +39 (0)49 8878412 FAX. +39 (0)49-706692 EMAIL: INFO@PROFILPAS.COM Profili per pavimenti in legno e laminato Projoint

Dettagli

I problemi dell Acciaio Inossidabile LA CORROSIONE

I problemi dell Acciaio Inossidabile LA CORROSIONE I problemi dell Acciaio Inossidabile LA CORROSIONE LA CORROSIONE Una delle caratteristiche peculiari degli acciai inossidabili e una delle ragioni del continuo diffondersi del loro impiego è certamente

Dettagli

Cos è l acciaio inossidabile? Fe Cr > 10,5% C < 1,2%

Cos è l acciaio inossidabile? Fe Cr > 10,5% C < 1,2% Cr > 10,5% C < 1,2% Cos è l acciaio inossidabile? Lega ferrosa con contenuti di cromo 10,5% e di carbonio 1,2% necessari per costituire, a contatto dell ossigeno dell aria o dell acqua, uno strato superficiale

Dettagli

PRODUTTORI A.C.S. CON SCAMBIATORI SPIROIDALI FISSI

PRODUTTORI A.C.S. CON SCAMBIATORI SPIROIDALI FISSI PRODUTTORI A.C.S. CON SCAMBIATORI SPIROIDALI FISSI 1 INDICE Pag. - Caratteristiche funzionali. 3 - Trattamenti anticorrosivi delle superfici. 4 - Coibentazioni. 5 - Protezione catodica. 6 - MODELLI con

Dettagli

L'acciaio inox nel settore della ristorazione professionale Acciai Speciali Terni

L'acciaio inox nel settore della ristorazione professionale Acciai Speciali Terni Laminati piani di acciaio inossidabile L'acciaio inox nel settore della ristorazione professionale Acciai Speciali Terni Acciai Speciali Terni 01 Caricamento rottame di ferro e leghe al forno elettrico

Dettagli

Corso di Metallurgia I Tutorato didattico a.a.2010-2011. Strumenti e tecniche di indagine metallografica. Ing. Chiara Soffritti

Corso di Metallurgia I Tutorato didattico a.a.2010-2011. Strumenti e tecniche di indagine metallografica. Ing. Chiara Soffritti Corso di Metallurgia I Tutorato didattico a.a.2010-2011 Strumenti e tecniche di indagine metallografica Ing. Chiara Soffritti Strumenti di indagine metallografica Finalità della metallografia: METALLOGRAFIA

Dettagli

CLADDING MODIFICHE SULLE SUPERFICI CON L IMPIEGO DEL LASER. applicazioni

CLADDING MODIFICHE SULLE SUPERFICI CON L IMPIEGO DEL LASER. applicazioni MODIFICHE SULLE SUPERFICI CON L IMPIEGO DEL LASER CLADDING 1. I rivestimenti mediante la tecnica laser cladding hanno dimostrato di prolungare la durata dei componenti fino a 6 volte. Di N. Longfield,

Dettagli

Argomenti trattati. Acciai per uso strutturale:

Argomenti trattati. Acciai per uso strutturale: Argomenti trattati Acciai per uso strutturale: Tipologie di acciai utilizzati in edilizia Processi produttivi Caratterizzazione degli acciai da costruzione Controlli di accettazione in cantiere Tipi di

Dettagli

Prof. M. Maja (Politecnico di Torino) "CORROSIONE E OSSIDAZIONE ANODICA DEL TITANIO"

Prof. M. Maja (Politecnico di Torino) CORROSIONE E OSSIDAZIONE ANODICA DEL TITANIO Prof. M. Maja (Politecnico di Torino) "CORROSIONE E OSSIDAZIONE ANODICA DEL TITANIO" In questi ultimi anni, sono stati fatti molti studi riguardanti la corrosione del titanio, a testimonianza del crescente

Dettagli

L ACCIAIO INOSSIDABILE NELLA COSTRUZIONE DI AUTOBUS F. Capelli, V. Boneschi Centro Inox, Milano

L ACCIAIO INOSSIDABILE NELLA COSTRUZIONE DI AUTOBUS F. Capelli, V. Boneschi Centro Inox, Milano Articolo pubblicato su Lamiera n.10 ottobre 2000 Introduzione L ACCIAIO INOSSIDABILE NELLA COSTRUZIONE DI AUTOBUS F. Capelli, V. Boneschi Centro Inox, Milano In questo articolo si illustrerà brevemente

Dettagli

I LAMINATI ANODIZZATI DI ITALFINISH

I LAMINATI ANODIZZATI DI ITALFINISH CHEDA TECNICA: I LAMINATI ANODIZZATI DI ITALFINIH I LAMINATI ANODIZZATI DI ITALFINIH Perché alluminio anodizzato? L alluminio reagisce spontaneamente con l ossigeno per formare uno strato superficiale

Dettagli

REGIONE PIEMONTE AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL PIEMONTE PROFILO DI RISCHIO AMBIENTALE PER IL COMPARTO GALVANICHE

REGIONE PIEMONTE AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL PIEMONTE PROFILO DI RISCHIO AMBIENTALE PER IL COMPARTO GALVANICHE REGIONE PIEMONTE AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL PIEMONTE PROFILO DI RISCHIO AMBIENTALE PER IL COMPARTO GALVANICHE MAGGIO 1999 Documento redatto dal Gruppo di Lavoro Regionale composto

Dettagli

INCAPSULAMENTO DELL AMIANTO

INCAPSULAMENTO DELL AMIANTO 05 INCAPSULAMENTO DELL AMIANTO 05 INCAPSULAMENTO DELL AMIANTO Come ormai risaputo, l amianto che si disperde nell aria costituisce un reale pericolo cancerogeno per coloro che si trovano a inalarne le

Dettagli

PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO

PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO La fabbricazione degli elementi meccanici seguita dalla loro unione sono i principali compiti dell industria produttiva. Essenzialmente l assemblaggio consiste nel collegare degli

Dettagli

Sgrassature alcaline senza cianuri

Sgrassature alcaline senza cianuri Via E. Mattei,6 20010 Pogliano M.se ( MI ) Tel. 02/38005106 Fax. 02/38006211 E-mail: info@galvanotecnicaitaliana.com Sgrassature alcaline senza cianuri SGRASSATURE CHIMICHE ULTRASUONI DETERS AL DETERS

Dettagli

L ACCIAIO INOSSIDABILE NEI MEZZI DI TRASPORTO

L ACCIAIO INOSSIDABILE NEI MEZZI DI TRASPORTO Articolo pubblicato su Rivista di meccanica Oggi n.35, ottobre 2000 L ACCIAIO INOSSIDABILE NEI MEZZI DI TRASPORTO M. Boniardi* V. Boneschi** *Politecnico di Milano, **Centro Inox, Milano Introduzione Quando

Dettagli

Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche

Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche FONDAMENTI DI TECNOLOGIE CHIMICHE PER L'INDUSTRIA E PER L'AMBIENTE (modulo

Dettagli

Studio caratterizzazione di rivestimenti con finalità funzionali realizzati mediante tecniche di deposizione da fase di vapore

Studio caratterizzazione di rivestimenti con finalità funzionali realizzati mediante tecniche di deposizione da fase di vapore Studio caratterizzazione di rivestimenti con finalità funzionali realizzati mediante tecniche di deposizione da fase di vapore Le tecniche di deposizione sotto vuoto sono state sviluppate a livello industriale

Dettagli

1.3.1 SALDATURA DI ACCIAI LEGATI, ACCIAI DISSIMILI E DI COMPOSIZIONE SCONOSCIUTA

1.3.1 SALDATURA DI ACCIAI LEGATI, ACCIAI DISSIMILI E DI COMPOSIZIONE SCONOSCIUTA 1.3 BACCHETTE CASTOTIG 1.3.1 SALDATURA DI ACCIAI LEGATI, ACCIAI DISSIMILI E DI COMPOSIZIONE SCONOSCIUTA 45507W Ø 1.0-1.2-1.6-2.0 Bacchetta TIG per riparazione e ricarica di acciai, unione di acciai dissimili,

Dettagli

COME «RUBARE» ENERGIA AL SOLE

COME «RUBARE» ENERGIA AL SOLE APPLICAZIONE DELL'ACCIAIO INOSSIDABILE COME «RUBARE» ENERGIA AL SOLE Prima parte Una delle fonti energetiche alternative è oggi quella solare. Per lo sfruttamento di quest'ultima sono utilizzati pannelli

Dettagli

1. PROGETTAZIONE E SVILUPPO

1. PROGETTAZIONE E SVILUPPO [Digitare il testo] 1. PROGETTAZIONE E SVILUPPO L AUREKAP SRL si occupa della progettazione e sviluppo del disegno con 4 persone qualificate che utilizzano i sistemi di progettazione più evoluti sul mercato

Dettagli

Lo strato di ossido presenta elevate caratteristiche di resistenza alla corrosione, mentre per quanto riguarda le proprietà meccaniche (come durezza

Lo strato di ossido presenta elevate caratteristiche di resistenza alla corrosione, mentre per quanto riguarda le proprietà meccaniche (come durezza Lo strato di ossido presenta elevate caratteristiche di resistenza alla corrosione, mentre per quanto riguarda le proprietà meccaniche (come durezza e lavorabilità) esse vengono migliorate se si lega l

Dettagli

ATTUATORI PNEUMATICI ALPHAIR REGOLAZIONE ESTERNA. Nuova SERIE "RE"

ATTUATORI PNEUMATICI ALPHAIR REGOLAZIONE ESTERNA. Nuova SERIE RE ATTUATORI PNEUMATICI ALPHAIR REGOLAZIONE ESTERNA Nuova SERIE "RE" La nuova serie di attuatori pneumatici ALPHAIR con sistema di Regolazione Esterna risponde a tutti i requisiti di qualita e precisione.

Dettagli

OSSIDAZIONE ANODICA Finiture a telaio Pag. 1 di 6

OSSIDAZIONE ANODICA Finiture a telaio Pag. 1 di 6 OSSIDAZIONE ANODICA Finiture a telaio Pag. 1 di 6 OSSIDAZIONE ANODICA SATINATA - 001 BIANCO SATINATO NERO SATINATO BLU INTENSO SATINATO BLU SATINATO BLU CHIARO SATINATO ORO INTENSO SATINATO ORO SATINATO

Dettagli

chromagen ITALIA ITALIA Sistemi a circolazione naturale Soluzioni Solari per il risparmio energetico Alta efficienza Risparmio energetico

chromagen ITALIA ITALIA Sistemi a circolazione naturale Soluzioni Solari per il risparmio energetico Alta efficienza Risparmio energetico Sistemi a circolazione naturale Soluzioni Solari per il risparmio energetico Alta efficienza Risparmio energetico Unico sistema al mondo a profilo ribassato s o l a r e n e r g y s y s t e m s 1. Descrizione

Dettagli

PANNELLO SOLARE TERMICO

PANNELLO SOLARE TERMICO pannello solare termico.solar PANNELLO SOLARE TERMICO Dal sole all acqua.solar PRINCIPALI CARATTERISTICHE DEL COLLETTORE SOLARE Il collettore solare trasforma la radiazione solare in calore. L'elemento

Dettagli

CROMATURA PEVD SOTTOVUOTO

CROMATURA PEVD SOTTOVUOTO CROMATURA PEVD SOTTOVUOTO Causa i ben noti problemi legati ai processi di cromatura galvanica, da alcuni anni ormai si parla di procedimenti alternativi con basso impatto ambientale e ridotti consumi energetici.

Dettagli

Art. 282 PENSILINA BAROCCO

Art. 282 PENSILINA BAROCCO Scheda Tecnica Art. 282_Pag. 1 di 5 Art. 282 PENSILINA BAROCCO Struttura: n 02 montanti posteriori laterali in profilato di acciaio zincato da mm. 80 x 80 x 2 con un angolo stondato; ogni singolo montante

Dettagli

APPUNTI DI OPTOELETTRONICA ad uso degli studenti

APPUNTI DI OPTOELETTRONICA ad uso degli studenti APPUNTI DI OPTOELETTRONICA ad uso degli studenti Guide ottiche integrate Massimo Brenci IROE-CNR Firenze Esempio di guida ottica integrata Propagazione della luce in una guida ottica integrata (vista in

Dettagli

- - - - - - - - - - RISPOSTE BREVI 2 QUADRIMESTRE - - - - - - - - -

- - - - - - - - - - RISPOSTE BREVI 2 QUADRIMESTRE - - - - - - - - - 1 di 8 05/03/2014 15:40 - - - - - - - - - - RISPOSTE BREVI 2 QUADRIMESTRE - - - - - - - - - T3. Tempra martensitica + tempra differita martensitica e tempra bainitica T4. Rinvenimento e bonifica T5. Carbocementazione

Dettagli

Essi possono contenere, oltre al cromo (12% 30%) e al nichel (0% 35%), anche altri componenti chimici a seconda delle specifiche esigenze.

Essi possono contenere, oltre al cromo (12% 30%) e al nichel (0% 35%), anche altri componenti chimici a seconda delle specifiche esigenze. Gli acciai inossidabili sono leghe FERRO-CROMO o FERRO-CROMO-NICHEL, di varia composizione, la cui principale caratteristica è la resistenza alla corrosione. Essi possono contenere, oltre al cromo (12%

Dettagli

Sommario Finalità... 2 Viraggi ai solfuri... 2 Viraggi all'oro... 4 Viraggi ai ferrocianuri... 5 Viraggi - 1/6

Sommario Finalità... 2 Viraggi ai solfuri... 2 Viraggi all'oro... 4 Viraggi ai ferrocianuri... 5 Viraggi - 1/6 VIRAGGI Sommario Finalità... 2 Viraggi ai solfuri... 2 Viraggi all'oro... 4 Viraggi ai ferrocianuri... 5 Viraggi - 1/6 Finalità Il viraggio è un trattamento per sostituire, in tutto o in parte, l'argento

Dettagli

Corrosione e protezione in acqua di mare

Corrosione e protezione in acqua di mare Corrosione e protezione in acqua di mare Luciano Lazzari Laboratorio di Corrosione dei Materiali P. Pedeferri Dip. Chimica, Materiali e Ingegneria Chimica G. Natta Politecnico di Milano Le strutture Le

Dettagli

CONSIGLI PER LA CURA E LA PULIZIA DELL ACCIAIO INOX E DELLE APPARECCHIATURE DI CUCINA

CONSIGLI PER LA CURA E LA PULIZIA DELL ACCIAIO INOX E DELLE APPARECCHIATURE DI CUCINA CONSIGLI PER LA CURA E LA PULIZIA DELL ACCIAIO INOX E DELLE APPARECCHIATURE DI CUCINA Introduzione La qualità dell acciaio utilizzato nella costruzione delle attrezzature per le cucine professionali è

Dettagli

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (ART. 5 DEL Decreto Legislativo n 59/2005)

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (ART. 5 DEL Decreto Legislativo n 59/2005) AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (ART. 5 DEL Decreto Legislativo n 59/2005) SINTESI NON TECNICA OSSIDAZIONE ANODICA S.N.C. Sede Legale e Stabilimento: via Pordenone, 31 S.QUIRINO (PN) 1. INQUADRAMENTO

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Prelaq Nova PLX. Laminati preverniciati per coperture in fogli aggraffati

Prelaq Nova PLX. Laminati preverniciati per coperture in fogli aggraffati Prelaq Nova PLX Laminati preverniciati per coperture in fogli aggraffati SOMMARIO Prelaq Nova PLX un prodotto sviluppato dagli addetti ai lavori per gli addetti ai lavori 4 Prelaq Nova PLX i vantaggi della

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI Cos è un vetro? COS È UN VETRO? SOLIDO? LIQUIDO? ALTRO? GLI STATI DELLA MATERIA Volume specifico Liquido Vetro Tg CAMBIAMENTO DI VOLUME Tf Tf =TEMPERATURA

Dettagli

Vernici decorative per l interno

Vernici decorative per l interno Vernici decorative per l interno 1 TREPPEN- & PARKETTLACK Vernice trasparente a base acqua per la protezione di scale e pavimenti all interno 6 TREPPEN- & PARKETTPFLEGE Prodotto a base d acqua per la

Dettagli

Materiali e trattamenti superficiali innovativi per le montature in occhialeria

Materiali e trattamenti superficiali innovativi per le montature in occhialeria Prof. Gian Mario Paolucci Materiali e trattamenti superficiali innovativi per le montature in occhialeria INTEREG IV ITALIA-AUSTRIA 2007-2013 Progetto DESIRE n 4928 Longarone, 22 marzo 2011 2 Premessa

Dettagli

nell edilizia e nell architettura di zone costiere

nell edilizia e nell architettura di zone costiere GLI ACCIAI INOX E LA LORO RESISTENZA ALLA CORROSIONE Prima di tutto è bene ricordare che di acciai inossidabili ne esistono ben più di duecento tipologie, con specifiche caratteristiche sia meccaniche,

Dettagli

DESCRIZIONE TECNICA : PN40 60

DESCRIZIONE TECNICA : PN40 60 DESCRIZIONE TECNICA : PN40 60 INTRODUZIONE La logistica ha oggi una rilevanza particolare nelle aziende produttive e di distribuzione, e la sua ottimizzazione comporta notevoli vantaggi all azienda. L

Dettagli

Gli acciai inox e la resistenza alla corrosione

Gli acciai inox e la resistenza alla corrosione materiali Gli inossidabili sono leghe ferrose che riescono a unire le proprietà meccaniche, tipiche degli acciai, alle caratteristiche intrinseche dei materiali nobili quali, tipicamente, le notevoli doti

Dettagli

PRESSEINFORMATION ARTICOLO SPECIALIZZATO

PRESSEINFORMATION ARTICOLO SPECIALIZZATO PRESSEINFORMATION ARTICOLO SPECIALIZZATO Maggiore efficienza grazie al processo di lavaggio ottimizzato L impianto di lavaggio da solo non basta La necessità di garantire un elevata potenzialità produttiva

Dettagli

Mtll Metallurgia Acciai e ghise

Mtll Metallurgia Acciai e ghise Acciai e ghise Mtll Metallurgia Acciai e ghise Prof. Studio: piano terra Facoltà di Ingegneria, stanza 25 Orario di ricevimento: i Mercoledì 14.00-16.00 Tel. 07762993681 E-mail: iacoviello@unicas.itit

Dettagli

Art. 256 PENSILINA GABRY

Art. 256 PENSILINA GABRY Scheda Tecnica Art. 256_Pag. 1 di 5 Art. 256 PENSILINA GABRY Struttura: n 05 montanti verticali in tubo tondo di acciaio zincato da mm. 89 x 2 completi di flangia alla base. Ogni singolo montante è sormontato,

Dettagli

Cartella Colori 2010. Fondi, Smalti e Impregnanti per Legno e Ferro

Cartella Colori 2010. Fondi, Smalti e Impregnanti per Legno e Ferro Cartella Colori 2010 Fondi, Smalti e Impregnanti per Legno e Ferro Fondi, Smalti e Impregnanti per Legno e Ferro Smalti 1 Bianco Titanio Bianco Ibis Keradecor Eco Lux Smalto eco-compatibile protettivo

Dettagli

Rivestimenti colorati per cappotto che riflettono il calore

Rivestimenti colorati per cappotto che riflettono il calore Waler è socio fondatore Rivestimenti colorati per cappotto Rivestimenti Silossanici IR riflettenti specifici per sistemi d isolamento a cappotto che minimizzano il surriscaldamento delle superfici murarie

Dettagli

Document title. Optional subheading. Ymvit Acciai da smaltatura ad alte prestazioni

Document title. Optional subheading. Ymvit Acciai da smaltatura ad alte prestazioni Document title Optional subheading Ymvit Acciai da smaltatura ad alte prestazioni YMVIT La base per delle prestazioni di lunga durata 2 La gamma Ymvit di acciai laminati a freddo e ricotti in forno a campana

Dettagli

SOLARE TERMICO. Sole

SOLARE TERMICO. Sole SOLARE TERMICO Sole Sole Il valore di insolazione in Italia è compreso tra 1200 e 1750 kwh/m 2 all anno presenta una differenza tra nord e sud intorno al 40%. http://re.jrc.ec.europa.eu/pvgis/apps3/pvest.php

Dettagli

I CICLI DI VERNICIATURA NELL ANTICORROSIONE COME SCEGLIERE I PRODOTTI IDONE

I CICLI DI VERNICIATURA NELL ANTICORROSIONE COME SCEGLIERE I PRODOTTI IDONE PREMESSA I CICLI DI VERNICIATURA NELL ANTICORROSIONE COME SCEGLIERE I PRODOTTI IDONE Nella scelta di un ciclo di verniciatura bisogna tener conto di: 1. Durata (aspettativa di durata) richiesta 2. Caratteristiche

Dettagli

Saldare con il WELDOX e l HARDOX

Saldare con il WELDOX e l HARDOX Saldatura Saldare con il WELDOX e l HARDOX L acciaio strutturale WELDOX e l acciaio antiusura HARDOX abbinano prestazioni di vertice con una saldabilità eccezionale. Possono essere saldati, infatti, con

Dettagli

Stefano Rossi, Università Trento, Cor Ten..., Orio Serio,7 feb 2013

Stefano Rossi, Università Trento, Cor Ten..., Orio Serio,7 feb 2013 Comportamento a corrosione di strutture ed infrastrutture in cor-ten nel mondo dei trasporti S. Rossi Dipartimento di Ingegneria Industriale - Università di Trento Stefano.rossi@ing.unitn.it 1 2 Acciaio

Dettagli

Pandolfo Alluminio OSSIDAZIONE ANODICA

Pandolfo Alluminio OSSIDAZIONE ANODICA Pandolfo Alluminio OSSIDAZIONE ANODICA superficie perfetta perfect surface La cura della superficie di alluminio è uno dei punti di forza di Pandolfo Alluminio che da più di 20 anni è attivo nel settore

Dettagli

Il mondo di Outokumpu

Il mondo di Outokumpu Il mondo di Outokumpu 02 Il leader mondiale nel settore dei materiali avanzati Oggi le nostre città sono in costante espansione, la gente viaggia di più e, mentre con l aumento della popolazione la domanda

Dettagli

SERIGRAFIA E SMALTATURA PER VETRI SPANDREL

SERIGRAFIA E SMALTATURA PER VETRI SPANDREL SERIGRAFIA E SMALTATURA PER VETRI SPANDREL informazione tecnica Gli smalti ceramici sono stati sviluppati specificatamente per la deposizione e cottura su vetro float silicato sodo-calcico. Durante il

Dettagli

Profili per angoli esterni Cerfix Proangle

Profili per angoli esterni Cerfix Proangle PROFILPAS S.P.A. VIA EINSTEIN, 38 35010 CADONEGHE (PADOVA) ITALY TEL. +39 (0)49 8878411 +39 (0)49 8878412 FAX. +39 (0)49-706692 EMAIL: INFO@PROFILPAS.COM Profili per angoli esterni Cerfix Proangle Applicazione

Dettagli

Art. 272 PENSILINA OLIMPO

Art. 272 PENSILINA OLIMPO Scheda Tecnica Art. 272_Pag. 1 di 6 Art. 272 PENSILINA OLIMPO Struttura: n 05 montanti verticali in profilato decagonale di acciaio zincato spessore 15 / 10 (inscritto in una circonferenza di diametro

Dettagli

VIII-TRATTAMENTI SUPERFICIALI

VIII-TRATTAMENTI SUPERFICIALI VIII-TRATTAMENTI SUPERFICIALI 1-Trattamenti di preparazione e protezione superficiale: I trattamenti superficiali dei metalli sono una serie di operazioni volte a mantenere nel tempo le caratteristiche

Dettagli

)LJ±&RQIURQWRWUDLIOXVVLHQHUJHWLFLFDUDWWHULVWLFLGHOOHFDOGDLHWUDGL]LRQDOL

)LJ±&RQIURQWRWUDLIOXVVLHQHUJHWLFLFDUDWWHULVWLFLGHOOHFDOGDLHWUDGL]LRQDOL &DOGDLHDFRQGHQVD]LRQH 'HVFUL]LRQHGHOODWHFQRORJLD Le caldaie sono il cuore degli impianti di riscaldamento dato che realizzano il processo di combustione da cui si ricava l energia termica necessaria per

Dettagli

DESCRIZIONE TECNICA PORTA PALLET : SERIE PN

DESCRIZIONE TECNICA PORTA PALLET : SERIE PN INTRODUZIONE Dallo scaffale all automazione DESCRIZIONE TECNICA PORTA PALLET : SERIE PN La logistica ha oggi una rilevanza particolare nelle aziende produttive e di distribuzione, e la sua ottimizzazione

Dettagli

TERMOMETRI A RESISTENZA

TERMOMETRI A RESISTENZA PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO TERMOMETRI A RESISTENZA Il principio di funzionamento dei termometri a resistenza metallici, più comunemente chiamati termoresistenze, si basa sulla variazione della resistenza

Dettagli

Collettori solari. 1. Elementi di un collettore a piastra

Collettori solari. 1. Elementi di un collettore a piastra Collettori solari Nel documento Energia solare abbiamo esposto quegli aspetti della radiazione solare che riguardano l energia solare e la sua intensità. In questo documento saranno trattati gli aspetti

Dettagli

TINTEGGIATURA E FINITURA DEL LEGNO GREZZO PER MOBILI DA INTERNO

TINTEGGIATURA E FINITURA DEL LEGNO GREZZO PER MOBILI DA INTERNO Il brico dalle mille idee... TINTEGGIATURA E FINITURA DEL LEGNO GREZZO PER MOBILI DA INTERNO Il legno all interno Colori e vernici 2 Se il legno grezzo da trattare non ha il colore desiderato dobbiamo

Dettagli

Una quarta dimensione per la costruzione di componenti in metallo

Una quarta dimensione per la costruzione di componenti in metallo Una quarta dimensione per la costruzione di componenti in metallo piccolo quantità > 100² complesso La tecnologia MIM è un procedimento di ottenimento di forme complesse da una polvere metallica. La prerogativa

Dettagli

tecnologia PROPRIETÀ DEI METALLI Scuola secondaria primo grado. classi prime Autore: Giuseppe FRANZÈ

tecnologia PROPRIETÀ DEI METALLI Scuola secondaria primo grado. classi prime Autore: Giuseppe FRANZÈ tecnologia PROPRIETÀ DEI METALLI Scuola secondaria primo grado. classi prime Autore: Giuseppe FRANZÈ LE PROPRIETÀ DEI MATERIALI DA COSTRUZIONE Si possono considerare come l'insieme delle caratteristiche

Dettagli

SOMMARIO. Pag. 1 a 17

SOMMARIO. Pag. 1 a 17 SOMMARIO MANUALE D'USO... 2 Strutture in fondazione... 2 Cordoli barriere antirumore... 2 Plinto torre faro... 2 Strutture di elevazione... 2 Profilati HEA 160 ed elementi di collegamento in acciaio per

Dettagli

TRATTAMENTI PRE - VERNICIATURA

TRATTAMENTI PRE - VERNICIATURA TRATTAMENTI PRE - VERNICIATURA 1. Fosfosgrassanti no-rinse a bassa salinità 2. Fosfosgrassanti media salinità 3. Fosfatanti 4. Additivi per vasche di fosfatazione UTILIZZABILE SU: IDROPULITRICI LAVATRICI

Dettagli

Norme sull alluminio vigenti in Italia. (aggiornamento al 29 aprile 2008)

Norme sull alluminio vigenti in Italia. (aggiornamento al 29 aprile 2008) Nelle tabelle seguenti riportiamo gli elenchi delle norme vigenti in Italia sull alluminio e sui trattamenti superficiali di verniciatura e di ossidazione anodica. L associazione non può rilasciare alcuna

Dettagli

3 Bollettino Tecnico 3635

3 Bollettino Tecnico 3635 3 Bollettino Tecnico 3635 Febbraio 2011 Light Management Films 3M Blockout 3635-20b, 3630-22b 3M Diffuser 3630-30, 3630-70 3M Day/Night 3635-91 Film autoadesivi per effetti speciali per insegne luminose

Dettagli

Coprem srl Via Rivierasca 24040 Bottanuco (BG) tel +39 035 907171 FAX +39 035 906303 P. IVA 00385160163 Registro Imprese 147461

Coprem srl Via Rivierasca 24040 Bottanuco (BG) tel +39 035 907171 FAX +39 035 906303 P. IVA 00385160163 Registro Imprese 147461 SISTEMA INTEGRATO DI PROTEZIONE E DI TENUTA NELLE TUBAZIONI E NEGLI SCATOLARI DI CALCESTRUZZO CON RIVESTIMENTO INTERNO CON LINER HDPE COMPLETO, PARZIALE E SULLA GIUNZIONE DEGLI ELEMENTI La maggior parte

Dettagli

la galvanotecnica snc

la galvanotecnica snc l'azienda settori produttivi qualità ambiente e sicurezza contatti l'azienda Da oltre 60 anni al Vostro fianco nel risolvere le problematiche de superficiali, con: un unico interlocutore con un ampio ventaglio

Dettagli

Comune di CARMIANO. Provincia di LECCE PIANO DI MANUTENZIONE

Comune di CARMIANO. Provincia di LECCE PIANO DI MANUTENZIONE Comune di CARMIANO Provincia di LECCE PIANO DI MANUTENZIONE Struttura portante l ascensore della Scuola Primaria "Archimede Lecciso" via Stazione - Carmiano Sommario Il piano di manutenzione è il documento

Dettagli

DECORATIVI STUCCO ANTICO FINITURA ALL ACQUA A EFFETTO SPATOLATO VENEZIANO O ENCAUSTO

DECORATIVI STUCCO ANTICO FINITURA ALL ACQUA A EFFETTO SPATOLATO VENEZIANO O ENCAUSTO DECORATIVI STUCCO ANTICO FINITURA ALL ACQUA A EFFETTO SPATOLATO VENEZIANO O ENCAUSTO Il colore è ovunque, basta saperlo cercare. CONFERISCE AL MURO UN PREGEVOLE EFFETTO DECORATIVO DALL ANTICO FASCINO.

Dettagli

MATERIALE E SUPERFICIE

MATERIALE E SUPERFICIE MATERIALE E SUPERFICIE Dopo aver deciso che tipo di pentola o padella vi serve, la fase successiva è scegliere il materiale e la superficie. Questi ultimi infatti incidono moltissimo sulle proprietà della

Dettagli

Composizione degli acciai Conoscere bene per comprare meglio

Composizione degli acciai Conoscere bene per comprare meglio Composizione degli acciai Conoscere bene per comprare meglio Manuele Dabalà Dip. Ingegneria Industriale Università di Padova Introduzione Cos è l acciaio? Norma UNI EN 10020/01 Materiale il cui tenore

Dettagli

.eu 316/316 L LDX 2101 1.4016 1.4301 1.4307 1.4401

.eu 316/316 L LDX 2101 1.4016 1.4301 1.4307 1.4401 .eu 316/316 L LDX 2101 1.4016 1.4301 1.4307 1.4401 Profili ad H MÍN 30 x.50 x 1.000 mm MÁX 400 x 1.000 x 15.000 mm Grosores de material Anima 3 30 mm Ala 3 60 mm Lavorazioni meccaniche 3D Acciaio al carbonio

Dettagli

LIM 04 EXTENSION T (Designer Bruno Fattorini)

LIM 04 EXTENSION T (Designer Bruno Fattorini) LIM 04 EXTENSION T (Designer Bruno Fattorini) barre estraibili in acciaio cromate scorrevoli su bussole volventi. di legno, a media densità, placcati sempre in alluminio Dotati di un sistema alluminio

Dettagli

ACCIAI. Normative e designazione Caratteristiche chimiche Proprietà meccaniche

ACCIAI. Normative e designazione Caratteristiche chimiche Proprietà meccaniche ACCIAI m4 Normative e designazione Caratteristiche chimiche Proprietà meccaniche CLASSIFICAZIONI LEGHE FERROSE NORMAZIONE SCOPO : STABILIRE LE CONDIZIONI TECNICHE PER LO SCAMBIO DI PRODOTTI E DI SERVIZI

Dettagli

UNA SOLUZIONE ECONOMICA E TECNICAMENTE AVANZATA AI PROBLEMI DELLA CROMATURA DURA A SPESSORE

UNA SOLUZIONE ECONOMICA E TECNICAMENTE AVANZATA AI PROBLEMI DELLA CROMATURA DURA A SPESSORE UNA SOLUZIONE ECONOMICA E TECNICAMENTE AVANZATA AI PROBLEMI DELLA CROMATURA DURA A SPESSORE Pagina 1 di 6 I VANTAGGI MIDA CROMARE NELLA PROPRIA OFFICINA RIPORTI ULTRARAPIDI DI ALTA PRECISIONE DI CROMO

Dettagli

ROTEX VA : tubo multistrato. ROTEX VA : il sistema d'adduzione per impianti sanitari e di riscaldamento. Il riscaldamento!

ROTEX VA : tubo multistrato. ROTEX VA : il sistema d'adduzione per impianti sanitari e di riscaldamento. Il riscaldamento! ROTEX VA : tubo multistrato. ROTEX VA : il sistema d'adduzione per impianti sanitari e di riscaldamento. Il riscaldamento! Tecnologia del futuro con materiali sintetici: sicura, pulita, veloce. Sistema

Dettagli

il "decalogo" per la manutenzione e la pulizia dei tuoi arredi

il decalogo per la manutenzione e la pulizia dei tuoi arredi il "decalogo" per la manutenzione e la pulizia dei tuoi arredi il "decalogo" per la manutenzione e la pulizia dei tuoi arredi 01 02 03 04 Parti in legno o impiallacciate. Pulisci esclusivamente con panno

Dettagli

Scheda tecnica delle istruzioni StoColor Dryonic G

Scheda tecnica delle istruzioni StoColor Dryonic G Pittura per facciate con Tecnologia Dryonic, principio della bionica per facciate asciutte, con additivazione della pellicola di protezione Caratteristica Applicazione Proprietà esterni per supporti minerali

Dettagli

Ampliamento del cimitero comunale di Castelmartini loc. Castelmatini, via Cecinese

Ampliamento del cimitero comunale di Castelmartini loc. Castelmatini, via Cecinese SOMMARIO MANUALE D'USO... 1 Strutture in fondazione... 1 Travi di fondazione in c.a... 1 Strutture di elevazione... 1 Travi in c.a.... 1 Pilastri in c.a.... 1 Strutture secondarie... 1 Solai in latero-cemento...

Dettagli

Scotch-Weld DP-805 Adesivo acrilico

Scotch-Weld DP-805 Adesivo acrilico Scotch-Weld DP-805 Adesivo acrilico Bollettino tecnico Pag. 1 di 8 Data : Agosto 1998 Descrizione Lo Scotch-Weld 3M DP-805 è un adesivo acrilico strutturale bicomponente con un rapporto di miscelazione

Dettagli

UDDEHOLM ROYALLOY TM

UDDEHOLM ROYALLOY TM UDDEHOLM ROYALLOY TM Uddeholm RoyAlloy è appositamente prodotto dalla Edro Specially Steels, Inc., una Divisione del Gruppo voestalpine. RoyAlloy è brevettato da Edro Patents #6,045,633 e #6,358,344. Queste

Dettagli

ZINK PROTECTOR. Prodotti Chimici per la Galvanica. Protezione Superficiale Esente da Cromo NO-CHROME. GLOMAX s.r.l. Prodotti Chimici per la Galvanica

ZINK PROTECTOR. Prodotti Chimici per la Galvanica. Protezione Superficiale Esente da Cromo NO-CHROME. GLOMAX s.r.l. Prodotti Chimici per la Galvanica NO-CHROME ZINK PROTECTOR ZEC-COAT COAT 888 Protezione Superficiale Esente da Cromo GLOMAX s.r.l. Prodotti Chimici per la Galvanica 46, Via Del Commercio, Bellusco 20060, Italy Tel. +39 039 6020101 Fax.

Dettagli

Economico: Produttività elevata : Pulito: Sicuro:

Economico: Produttività elevata : Pulito: Sicuro: è un Inerte Specifico per Aero - Abrasione selezionato da IBIX per l'applicazione con le Eco - Sabbiatrici IBIX e le apparecchiature per Micro - Aero - Abrasione IBIX ed HELIX. E' un minerale naturale

Dettagli

ST1 Un serbatoio contenente azoto liquido saturo a pressione ambiente (temperatura di saturazione -196 C) ha forma sferica ed è realizzato con due gusci metallici concentrici di spessore trascurabile e

Dettagli

RETANOL RAPID 511 / RETANOL RAPID EKA & VIWA PER TUTTO IL RESTO C È UN ALTERNATIVA

RETANOL RAPID 511 / RETANOL RAPID EKA & VIWA PER TUTTO IL RESTO C È UN ALTERNATIVA RETANOL RAPID 511 / RETANOL RAPID EKA & VIWA PER TUTTO IL RESTO C È UN ALTERNATIVA PER MASSETTI RISCALDANTI, SU STRATI SEPARATORI, A STRUTTURA COMPOSITA; PER INTERNI ED ESTERNI MASSETTI A RISPARMIO ENERGETICO

Dettagli

Capitolo n. 4 - Metodi elettrochimici

Capitolo n. 4 - Metodi elettrochimici Capitolo n. 4 - Metodi elettrochimici 4.3.1 - Conducibilità elettrica delle soluzioni La conduttimetria è una tecnica analitica basata sulla misura della conducibilità elettrica delle soluzioni elettrolitiche

Dettagli

IMPIANTI SOLARI TERMICI

IMPIANTI SOLARI TERMICI IMPIANTI SOLARI TERMICI 27 Aprile 2007 Lavinia Chiara Tagliabue IL COLLETTORE SOLARE Un collettore solare trasforma la radiazione solare in calore che può essere utilizzato: 1. per produrre aria calda

Dettagli

Rientrano in questa categoria i seguenti metodi: - Pile Echo Test o Low Strain Test. - Ammettenza meccanica

Rientrano in questa categoria i seguenti metodi: - Pile Echo Test o Low Strain Test. - Ammettenza meccanica Prove dinamiche e metodi sonici per la determinazione della capacità portante e la verifica in sito dell integrità del materiale costitutivo di diaframmi in c.a. La descrizione seguente dettaglia sulle

Dettagli

LINEA LEGNO. qualità delle finiture

LINEA LEGNO. qualità delle finiture LINEA LEGNO qualità delle finiture Per esterni ed interni Protezione e decorazione a poro aperto Adatto per perlinature, infissi, balaustre, poggioli, cancellate, mobili e oggetti d arredo vari Impregnante

Dettagli

TUBI E PROFILI CAVI PER IMPIEGHI STRUTTURALI Norme e processi produttivi. Ing. Roberto Ferrari, Marcegaglia

TUBI E PROFILI CAVI PER IMPIEGHI STRUTTURALI Norme e processi produttivi. Ing. Roberto Ferrari, Marcegaglia TUBI E PROFILI CAVI PER IMPIEGHI STRUTTURALI Norme e processi produttivi Ing. Roberto Ferrari, Marcegaglia LA PRIMA TRASFORMAZIONE acciaio inossidabile acciaio al carbonio MINERALE COKERIA ROTTAMI FERROSI

Dettagli

IL PROCESSO STANDARD

IL PROCESSO STANDARD IL PROCESSO STANDARD ZINCATURA A SECCO Controllo e Carico Sgrassaggio Decapaggio Lavaggio Flussaggio Essicazione Immersione nello zinco Raffreddamento Scarico Ispezione 1 IL PROCESSO STANDARD Controllo

Dettagli

Rapidamente al grado esatto Tarature di temperatura con strumenti portatili: una soluzione ideale per il risparmio dei costi

Rapidamente al grado esatto Tarature di temperatura con strumenti portatili: una soluzione ideale per il risparmio dei costi Rapidamente al grado esatto Tarature di temperatura con strumenti portatili: una soluzione ideale per il risparmio dei costi Gli strumenti per la misura di temperatura negli impianti industriali sono soggetti

Dettagli