sistema di colorazione di lamiere di acciaio inossidabile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "sistema di colorazione di lamiere di acciaio inossidabile"

Transcript

1 _ sistema di colorazione di lamiere di acciaio inossidabile Dr. Ing. Fausto Capelli - Centro Inox 1) Introduzione Quando si parla di acciaio inossidabile, di solito, viene subito alla mente un materiale estremamente freddo, lucente, con finlture a volte quasi speculari, ma soprattutto privo di un colore proprio caratteristico. Sono classici gli esempi delle pentole, della posateria in genere, di alcuni tipi di serbatoi, ecc, per i quali tanto più il materiale assume un aspetto acromatico e brillante, tanto più viene valorizzato il manufatto. A volte, tuttavia, per esigenze estetiche o per esigenze funzionali, si ricorre a sistemi di satinatura, sabbiatura o in generale a lavorazioni meccaniche che riescono ad opacizzare la lamiera di acciaio inossidabile in diversi gradi, a seconda del tipo di metodologia seguita per raggiungere lo scopo. In ogni caso, però, il materiale mantiene il classico aspetto metallico, pur non essendo più lucente. Nel caso in cui si volessero far assumere al materiale dei colori in superficie, si possono prendere in considerazione alcune tecnologie che si differenziano in maniera notevole l'ima dall'altra. La metodologia più semplice è quella della pitturazione che viene effet- (*) I brevetti sono deicnuii dalla dina inglese International Niekel Ltd. (British Patent e I e relative estensioni). La Poligrat GmbH, tedesca, ha introdotto nuovi accorgimenti, anch'essi brevettati, consistenti essenzialmente in processi di «stabilizzazione» della pellicola colorata. tuata prima preparando opportunamente la superficie dell'inox, tramite sgrassaggi accurati e filtri abrasivi, poi applicando un «primer» scelto in funzione del tipo di pittura ed infine verniciando seguendo le normali prescrizioni che ciascun tipo di vernice richiede. Anche per la smaltatura è necessario procedere prima ad una corretta preparazione superficiale poi all'applicazione dello smalto a secco ed infine al riscaldamento in atmosfera neutra o ossidante. Un altro sistema per colorare clementi di acciaio inossidabile consiste nel semplice riscaldamento in aria a temperature tali da consentire la formazione di ossidi e corrispondenti alle diverse temperature di rinvenimento; si possono così ottenere alcuni tipi di colorazioni, dal paglierino chiaro al blu scuro; tali colorazioni tuttavia, non si presentano omogenee in ogni punto della superficie. È possibile inoltre ottenere una brunitura sulla lamiera di acciaio inox, che in tal maniera acquista l'aspetto caraneristico tipo «canna di fucile», con attacco in soluzione acquosa di acido solforico e bicarbonato potassico ad una temperatura variabile da 90 a 100 C; oppure in bagni di dicromato di sodio a temperature però molto più elevate (circa 400 C). Infine esiste un sistema di colorazione per via chimica (*) che qui cercheremo di descrivere più diffusamente. 2) Descrizione del procedimento La colorazione dell'acciaio inossidabile si ottiene mediante immersione della lamiera o del generico manufatto in una soluzione acquosa di acido cromico e di acido solforico a temperature variabili da 65 C a 95 C. A parità di concentrazione degli acidi succitati nel bagno, la variazione dei due parametri temperatura e tempo di immersione, consente di realizzare differenti colorazioni, che vanno dal color bronzo al blu, al rosso, al verde, con diverse tonalità intermedie. La tecnologia realizzativa prevede tre fasi essenziali, che prenderemo in considerazione distintamente: a) - preparazione superficiale; b) - coloritura; e) - fissaggio. a) Prepara/ione superficiale Tale fase iniziale ha notevole, importanza ai l'ini dell'ottenimento di soddisfacenti risultati, sia come uniformità di colorazione, sia come tenuta nel tempo dello strato colorato. Per ciò che conccrne la preparazione meccanica delle superl'ici c'è da precisare che essa non è essenziale e l'operazione di coloritura su acciaio inox può essere condotta con le normali finiture delle lamiere o dei nastri forniti dalle acciaierie. È possibile pertanto utilizzare siala finitura tipo «2B», ottenuta mediante una laminazione pellicolare a freddo («skinpassatura»), eseguita Estratto da "Lamiera", Gennaio 1982

2 ss ~ «o 65 con cilindri lucidi su lamiere già precedentemente laminate a freddo, sia la finltura tipo «BA», ottenuta invece su lamiere e nastri laminati a freddo per trattamento termico in atmosfera inerte. Se si vuole spingere al massimo la levigatura o la lucidatura, si possono realizzare finiture per abrasione, utilizzando dischi o nastri abrasivi a differente granulometria, con l'avvertenza però di non surriscaldare parti superficiali dell'elemento da colorare, in modo da evitare disomogeneità di coloritura; questa avvertenza va considerata soprattutto per gli acciai inossidabili austenitici (della serie AISI 300) che hanno una bassa conducibilità termica. In ogni caso, per qualsiasi operazione di lucidatura è necessario utilizzare dischi o nastri che lavorino o che abbiano lavorato esclusivamente acciaio inossidabile, per evitare fenomeni di contaminazione superficiale da materiale meno nobile (ad esempio acciaio al carbonio), altrimenti si creerebbero le premesse per zone di attacco corrosivo preferenziale. Si procede quindi ad una accurata sgrassatura con solventi organici da eseguirsi a caldo per immersione oppure a spruzzo. blu 10 2o tempo (min.) verde giallo Fin. 1 - Curve che rappresentano le diverse colorazioni possibili su superfici di acciaio inossidabile, in l'unzione della temperatura del bagno e del tempo di immersione. 30 min is 30 - zs lo «io - verde rosso oro - giallo blu - marrone M i o 1IO 1TS (la a / r \ ^. 4S0 («S too 105 ZtO us tio "" tnv Fig. 2 - Curva che rappresenta la variazione del potenziale Ira un acciaio inossidabile AISI 304, immerso in bagno di colorazione e un elettrodo preso come riferimento, in funzione del tempo di trattamento, a = transitorio iniziale; b = formazione del colore; e = dissoluzione dello strato colorato. Per pezzi di forma molto complessa è possibile fare uso di lavaggi e pulizia con ultrasuoni che riescono ad eliminare la sporcizia che si potrebbe essere annidata in cavità, interstizi, forellini ecc. Lo sgrassaggio può essere concluso con un'azione elettrolitica che consente di ottenere una superficie completamente ed omogeneamente detersa in ogni punto. Essa è comunque consigliabile per pezzi particolarmente complessi. Si procede poi ad una neutralizzazione con immersione in una soluzione contenente piccole quantità di acido solforico che ha il compito di neutralizzare eventuali residui alcalini ed infine ad un lavaggio in acqua che consente anche di appurare se la fase di sgrassatura ha avuto una sufficiente efficacia: infatti se la superficie del metallo è completamente detersa, si deve formare su di essa un velo d'acqua continuo ed omogeneo, senza discontinuità locali. b) - Coloritura > e Si immerge la lamiera o, in generale, il manufatto di acciaio inossidabile in una vasca contenente una soluzione acquosa di acido cromico (Cr, O,) in ragione di g/l e di acido solforico (H SOJ) in ragione di 450 -^ 550 g/l, la soluzione viene portata ad una temperatura di 70 -f- 90 C. Come si può constatare il range di concentrazione dei due acidi e l'intervallo termico nei quali si può ottenere coloritura sono piuttosto ampi, anche se si è verificato che le condizioni ottimali, ai fini della riproducibilità dei risultati sono le seguenti: 250 g/l acido cromico 490 g/l acido solforico a temperatura di C. Il tempo di trattamento per poter realizzare un certo tipo di colorazione, dipende essenzialmente dalla temperatura del bagno; si è pertanto scelta quest'ultima in modo da ottenere dei tempi di trattamento sufficientemente contenuti e contemporaneamente in modo da evitare eccessiva formazione di fumi. In tal modo, inoltre, i tempi per la colorazione vera e propria vengono resi compatibili con quelli della fase successiva di indurimento. In figura 1 si sono riportate le curve di alcune delle colorazioni ottenibili in funzione delle temperature del bagno e dei tempi d'immersione.

3 L'elemento di acciaio inossidabile va immerso completamcnie nella soluzione; non esistono limiti di l'orma o di dimensioni (compatibilmente con quelli della vasca, naturalmente); è necessario solamente accertarsi che nel caso di immersione di più manufatti, non si producano «schermature», cioè zone in cui due supcrfici da trattare siano iroppo vicine tra loro. Inoltre è importante che la lamiera o, in genere, l'elemento inox non sia accoppiato con altri materiali metallici o che non presenti parti costituite di materiali diversi dall'acciaio inossidabile; in tal caso, per evitare fenomeni galvanici capaci di ostacolare il fenomeno di colorazione, è opportuno isolare dette parti in maniera tale che esse non siano bagnate dalla soluzione. Dopo un transitorio iniziale, comincia la colorazione: i colori si susseguono, nel tempo, nella seguente maniera: bronzo, viola, blu, oro, oro-scuro, rosso e verde. Naturalmente tra questi colori esistono poi diverse differenti tonalità intermedie. Data l'impossibilità di seguire visivamente la successione cromatica, durante l'immersione dell'elemento di acciaio inox, si è dotata la vasca adibita alla colorazione, di un millivoltmctro che registra i potenziali corrispondenti ad ogni colore. Si è constatato, infatti, che le differenze di potenziale tra la superficie inox ed un elettrodo preso come riferimento (ad cs. di platino, materiale più nobile dell'acciaio inossidabile), subiscono, durante il processo, variazioni anche sensibili: l'acciaio inossidabile tende a divenire più elettropositivo ed il potenziale dell'elettrodo si abbassa gradualmente. In tale maniera, osservando lo strumento, sarà possibile arrestare il procedimento nel momento in cui si sarà pervenuti al colore desideralo. Nella figura 2 è schematizzata la curva che evidenzia l'andamento della differenza di potenziale tra l'acciaio inox AIS1 304, durante la colorazione e un elettrodo di riferimento, in funzione del tempo di trattamento. Si osserva da tale curva il transitorio iniziale, l'ino al punto M, a partire dal quale si ha un innalzamento del potenziale con la formazione di colori, sino al punto M :, oltre al quale lo strato si dissolve e l'acciaio inossidabile risulta attaccato. e) Fissaggio Per far sì che la pellicola colorala possa garantire un sufficiente ancoraggio e resistere così alle azioni degli agenti esterni (sfregamento, variazioni lermiche, condizioni atmosleriche diverse, ccc), è necessario procedere ad un trattamento di «indurimento» o «fissaggio». L'acciaio inox dopo essere stato sciacquato in acqua viene sottoposto ad un trattamento catodico in un'altra soluzione acida, composta orientativamente nel semiente modo: 250 g/l acido cromico 2,5 g/l acido fosforico 11 trattamento va condotto, a temperatura ambiente, con densità di corrente pari a 0,2 ~ 0,4 A/dm, per una durata di 5 H- 10 minuti. Effettualo il «fissaggio», al quale può essere connesso, a seconda dei processi, anche un trattamento «stabilizzante», con bagni opportuni di composizione brevettata, si esegue un accurato lavaggio in acqua, preferibilmente calda e poi l'asciugatura. L'indurimento è preferibile eseguirlo immediatamente dopo la colorazione per evitare possibilità di decolorazione o di danneggiamento del film colorato. 3) Formazione del colore II processo di coloritura determina un fenomeno di conversione superficiale, in quanto sulla superficie metallica, avvengono dei mutamenti a livello molecolare che causano la formazione di strati di ossido successivi. In tali condizioni la formazione dei diversi colori avviene per «interferenza», sfruttando cioè la differenza di fase esistente tra i rag- Ut;. ì - Schema rappresentante le riflessioni e le rifrazioni subite da un generico l'astio di luce incidente ti), che colpisce lo strato coloralo. iti di OVSvda Ki)>. 4 - Schema rappresentante le riflessioni e le rifrazioni subite da un fascio di luce incidente, di lunghe/za d'onda X, che colpisce più strati di ossido. inox

4 Fig. 5 - tsempio di applicazione di lamiera di acciaio inossidabile colorato, utilizzala come rivestimento di una parete interna di un barpizzeria (esecuzione della ditta «Steel-color G.M.» via Matteotti - Cignone - Cremona). Fig. 6 - Esempio di applicazione di lamiera di acciaio inossidabile colorato per la costruzione di un collettore solare piano (esecuzione della ditta «ICOSS» via Monferrato - San Giuliano Milanese - Milano). gi di luce riflessi dalle diverse superfici di ossido formatesi nel trattamento e quelli riflessi invece dalla superficie del metallo sottostante. Se facciamo riferimento allo schema di figura 3, nel caso più semplice in cui si considera un solo strato di ossido, si può notare come il generico fascio di luce incidente (i) venga in parte riflesso dalla pellicola di ossido ed in parte rifratto all'interno della pellicola stessa. 11 raggio rifratto a sua volta viene riflesso dalla superficie metallica e dopo aver riattraversato lo strato di ossido viene di nuovo rifratto nel passaggio ossido-aria. Durante il processo, tuttavia, a seconda della durata e della temperatura del trattamento, possono formarsi diversi strati di ossido superficiale di differente spessore; in tal modo il generico fascio di luce bianca viene riflesso e rifratto più volte, con risultati cromatici differenti, a seconda del numero di strati e del loro spessore (v. esempio di figura 4). L'accrescimento ed il conseguente spessore raggiunto dallo strato di ossidi dipendono essenzialmente dal tempo e dalla temperatura del trattamento. È possibile rendersi conto dell'entità dello strato di ossidi mediante uno spettroscopio a rifrazione, valutando la rifrazione come funzione della lunghezza d'onda (X) della luce incidente. Misurando pertanto lo spessore ottico si riesce, servendosi dell'indice di rifrazione della pellicola (definito in 2,2), a calcolare lo spessore del film di ossidi che può variare da circa 0,02 firn per il colore bronzo, che è il primo colore nella formazione della gradazione cromatica, fino a circa 0,36 firn per il colore verde che è all'ultimo posto nella successione di colori. L'aumento dello spessore della pellicola porta di conseguenza una diminuzione in peso della lamiera di acciaio inossidabile (comunque del tutto trascurabile, valutata nell'ordine di 1 mg/cm-); è da pensare, pertanto, che il film non isoli completamente il metallo di base, ma lasci delle porosità in modo tale che l'acciaio prenda parte alla reazione e si dissolva parzialmente fino al completamento del procedimento. La dissoluzione, di tipo anodico, si verifica alla base delle porosità ed i prodotti di reazione migrano verso l'esterno. Per reazione catodica si verifica la riduzione dell'acido cromico sotto forma di ioni Cr. Se si effettua un'analisi dello strato colorato; si evidenzia la presenza di cromo, ferro e nichel in differenti percentuali ed è interessante constatare che la percentuale in peso del cromo risulta essere sempre superiore (anche se di poco) a quella dello stesso elemento contenuta nell'acciaio di base (ricordiamo che per un acciaio inossidabile austenitico AIS1 304 il cromo è presente in ragione del 18% circa). L'indagine sulla natura del film colorato, può essere condotta o mediante microanalisi con sonda elettronica, oppure prelevando un campione di strato a mezzo attacco anodico in soluzione al 50% di alcool etilico ed al 50% di acqua e contenente anche 100 g/1 di acido succinico. Riportiamo, a titolo orientativo, i risultati di due analisi condotte su alcuni campioni, la prima ottenuta con sonda elettronica, l'altra con attacco anodico: 1) 2) Cr 21, 2% 19, 6% Fé 11,5% 11,7% M 6,3% 2,1% (le percentuali si riferiscono ai valori in peso). Gli elementi chimici sopra riportati, si ritiene formino ossidi più o meno complessi il cui peso però si discosta non poco dal peso totale della pellicola che deve ritenersi pertanto fortemente idratata. La conferma dello

5 stato di idratazione del film colorato è stata data da analisi spettroscopica nell'infrarosso. 4) Caratteristiche dello strato colorato La peculiarità di tale trattamento consiste nel riuscire a modificare l'aspetto superficiale dell'acciaio inox, senza deposizione di strati di vernice o di ricoprimenti vari. Ciò porta di conseguenza indubbi vantaggi, come la resistenza della pellicola a fenomeni corrosivi, ad azioni abrasive ecc, in quanto rimane inalterata la caratteristica autopassivante dell'acciaio inossidabile e non si ostacola il suo meccanismo dinamico autoprotettivo. Per ciò che concerne la resistenza alla corrosione, si sono condotte prove di corrosione atmosferica in alcune località «tipo»: urbano - industriale, marina e rurale per periodi di tempo più o meno lunghi ; tali prove hanno dimostrato che lamierini di acciaio inossidabile AIS1 304, colorato, si sono comportati dal punto di vista della corrosione generalizzata, allo stesso modo di analoghi campioni non colorati. Essi, inoltre, non hanno fatto constatare alcuna alterazione cromatica. Si sono condotte anche prove di corrosione accelerata (tipo «CASS») e prove in soluzione di cloruro ferrico, per valutare la resistenza delle lamiere colorate alla corrosione localizzata per vaiolatura. In tali circostanze si è verificato che alcuni campioni di acciaio inox, AI- SI 304, sottoposti al trattamento di colorazione e fissaggio, si sono comportati meglio nei confronti di analoghi campioni colorati ma non fissati ed anche rispetto ad analoghi campioni non colorati. Il film colorato ha dimostrato anche discrete doti di idrorepellenza. Anche per valutare la resistenza all'usura, si sono condotte prove sperimentali, sebbene, in questo caso, sia molto difficile riuscire ad estrapolare dai risultati ottenuti, dei significativi valori da relazionare alle effettive condizioni di esercizio. Si sono utilizzate punte abrasive che fatte scorrere alternativamente sulla superficie metallica colorata della lamiera hanno fatto rilevare il numero di passaggi necessario per arrivare all'asportazione della pellicola. Tali prove hanno dimostrato che su provini sui quali viene condotto opportunamente il trattamento di fissaggio, si ottengono soddisfacenti risultati di resistenza all'usura. Per ciò che concerne la resistenza al calore si è notato che temperature dell'ordine di 150 H- 200 C possono causare un viraggio di tonalità cromatica che però poi non viene ulteriormente accentuato. Si sono condotte prove per tre settimane a 200 C e si è confermato tale fenomeno che, tuttavia, avviene in maniera uniforme su tutta la lamiera. La causa è probabilmente da ricercarsi nel fatto che a tali temperature, viene eliminato parte del contenuto acquoso presente nel film. Le lavorazioni meccaniche che possono eseguirsi su lamiere di acciaio inossidabile colorato senza alterazione cromatica sono quelle di piegatura a freddo oppure di imbutitura non molto profonda come, ad esempio, per la fabbricazione di vassoi, vasellame, ecc. In tali operazioni non si ha distacco della pellicola e non si notano sostanziali variazioni di colore, ciò sta a dimostrare che il film risulta possedere una notevole elasticità, nonché una notevole aderenza all'acciaio sottostante. 5) Acciai inossidabili adatti alla colorazione Si possono ottenere colorazioni sia su acciai inossidabili della serie austenitica, al Cromo-Nichel (tipo AI- Sl 304) o al Cromo-Nichel-Molibdeno (tipo AISI 316), sia su acciai inox della serie ferritica, al solo Cromo, (tipo AISI 430, 434 ecc); mentre sugli acciai martensitici al solo Cromo, (tipo AISI 410, 420, 440), a causa del forte attacco superficiale si possono ottenere, in generale, solamente pellicole scure, quasi nere. Esperienze pratiche hanno dimostrato che a parità di finiture superficiali, i colori ottenuti su acciai della serie 300 di uso corrente, risultano essere più brillanti di quelli ottenuti su acciai della serie 400 ferritici; ciò è da imputare essenzialmente alla presenza del nichel (dall'8 al 14% circa), contenuto negli austenitici. 6) Esempi applicativi Come esempi abbiamo riportato delle applicazioni che mostrano chiaramente come da un lato venga preso in considerazione soprattutto l'aspetto estetico, mentre dall'altro si badi per lo più alla funzionalità della lamiera di acciaio inossidabile colorata. Il primo esempio (fig. 5), mostra l'applicazione di lamiere di acciaio inox colorato per la realizzazione di pannellature utilizzate per l'arredamento di un bar. Le pannellature sono ottenute componendo opportunamente delle «piastrelle» quadrate, di acciaio inossidabile AISI 304, decorate in superficie con motivazioni geometriche policrome. Si può notare come si ottenga, in questo caso, un effetto piacevole e si compensi la freddezza del materiale base, pur lasciando intatte le caratteristiche di resistenza alla corrosione, agli urti e l'attitudine ad una facile manutenzione. Il secondo esempio (fig. 6) illustra l'applicazione di due lamiere di acciaio inossidabile AISI 304 per la costruzione di un collettore solare: dopo aver saldato per punti tra loro le due lamiere e dopo averle «gonfiate», in modo da costituire un circuito per il fluido termovettore, viene eseguita la coloritura per interferenza, secondo le modalità sopra descritte, in maniera tale da ottenere un colore caratteristico blu scuro. Prove effettuate hanno dimostrato che tale grado di colorazione risulta essere particolarmente indicato per la captazione dei raggi solari; infatti si sono misurati dei valori di assorbanza (a) molto elevati e dei valori

6 di emittanza (t) molto bassi. Applicazioni nel settore hanno confermato la veridicità delle prove sperimentali sia dal punto di vista del rendimento termico, sia dal punto di vista della stabilità nel tempo del colore. Si sono effettuate anche applicazioni su collettori solari parabolici, nei quali, al fuoco della parabola, si è collocato, il tubo captante, nel quale scorre il fluido termovettore, costruito in acciaio inossidabile e colorato, sempre al fine di migliorare l'assorbimento dei raggi solari ed ottimizzare il rendimento termico della parabola. Bibliografia 1) Gabriele Di Caprio: «Gli acciai inossidabili», 2 a ed. Hoepli, Milano ) Renato Fé nini: «La colorazione dell'acciaio inossidabile», in «Rivista di meccanica», n. 609/611, gennaio/febbraio ) Renato Fenini: «La colorazione dell'acciaio inossidabile - Presentazione, tecnologia, metodologie e applicazioni», relazione presentata alla FAST, Milano, 19 settembre ) R. Blower, T.E. Evans (INCO): «Introducing coloured stainless steel - a novel produet and a new process», in «Sheet Melai Industries», Voi. 51, n. 5, maggio ) Bruno Siegel (Poligrat): «Neue Farbeverfahren tur Edelstahl», Monaco, ) Robert Zapp: «Die Verarbeitung von Edelstahl Rostfrei» - Diisseldorf. 7) Samuel Spring: «Preparation of metals for painting», Reinhold pubblishing Corporation, New York ) James A, Murphy: «Surface preparation and finishes for metals», Me Gravv - Hill book company, New York

7

IL QUADRO ELETTRICO INOX. in AMBIENTE ALIMENTARE e FARMACEUTICO

IL QUADRO ELETTRICO INOX. in AMBIENTE ALIMENTARE e FARMACEUTICO IL QUADRO ELETTRICO INOX in AMBIENTE ALIMENTARE e FARMACEUTICO Direttive e norme La direttiva sull igiene dei prodotti alimentari e la HACCP (Hazard-Analysis-Critical-Control-Points) Tra le norme che regolano

Dettagli

Come proteggere il dispersore dalla corrosione

Come proteggere il dispersore dalla corrosione Come proteggere il dispersore dalla corrosione Pubblicato il: 15/12/2003 Aggiornato al: 15/12/2003 di Gianluigi Saveri Dal punto di vista chimico fisico i metalli e le leghe, nelle normali condizioni ambientali,

Dettagli

DANNEGGIAMENTI IN ESERCIZIO FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI

DANNEGGIAMENTI IN ESERCIZIO FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI 1 LA CORROSIONE Fenomeno elettrochimico che si può manifestare quando un metallo o una lega metallica

Dettagli

Diapositiva 1. M1 Mary; 14/03/2007

Diapositiva 1. M1 Mary; 14/03/2007 LA CORROSIONE M1 1 Diapositiva 1 M1 Mary; 14/03/2007 Cos'è la corrosione? E' un fenomeno elettrochimico spontaneo ed irreversibile che comporta il graduale decadimento tecnologico del materiale metallico

Dettagli

Serie elettrochimica I

Serie elettrochimica I Serie elettrochimica I Li/Li+ -3,045 Al/Al3+ -1,66 Co/Co2+ -0,30 K/K+ -2,925 Ti/Ti2+ -1,63 Ni/Ni2+ -0,25 Sr/Sr2+ -2,89 Zr/Zr4+ -1,53 Mo/Mo3+ -0,20 Ca/Ca2+ -2,87 Mn/Mn2+ -1,19 Sn/Sn2+ -0,140 Na/Na+ -2,713

Dettagli

corrosione corrosione chimica

corrosione corrosione chimica La corrosione La corrosione è un consumo lento e continuo di un materiale (generalmente metallico) dovuto a fenomeni chimici o, più frequentemente, elettrochimici. La corrosione è dovuta al fatto che tutti

Dettagli

Blanke Profilo di chiusura

Blanke Profilo di chiusura Dati tecnici Blanke Profilo di chiusura Per la protezione dei bordi in caso di chiusure di rivestimenti al pavimento ed alle pareti Uso e funzioni: Blanke Profilo di chiusura è un profilo speciale per

Dettagli

GALVANICA CEDRATESE trattamenti superficiali dei metalli

GALVANICA CEDRATESE trattamenti superficiali dei metalli GALVANICA CEDRATESE Fondata nel 1952 con un organizzazione a carattere artigianale, la Galvanica Cedratese opera nel settore meccanico dei trattamenti superficiali dei metalli da oltre 60 anni. Oggi un

Dettagli

FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche

FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche antimetallurgia) che si manifesta spontaneamente se: G

Dettagli

PREPARAZIONE DELLE SUPERFICI E MODALITÀ DI SCELTA PER LE DIVERSE APPLICAZIONI

PREPARAZIONE DELLE SUPERFICI E MODALITÀ DI SCELTA PER LE DIVERSE APPLICAZIONI PREPARAZIONE DELLE SUPERFICI E MODALITÀ DI SCELTA PER LE DIVERSE APPLICAZIONI (parte seconda) Continua la pubblicazione del testo realizzato da Condoroil per il corso di formazione per gli addetti al trattamento

Dettagli

TRATTAMENTI GALVANICI DELLE SUPERFICI METALLICHE

TRATTAMENTI GALVANICI DELLE SUPERFICI METALLICHE TRATTAMENTI GALVANICI DELLE SUPERFICI METALLICHE CHI SIAMO Galvanica Cedratese sas è un azienda che si occupa di trattamenti galvanici di superficie per i settori aeronavale, alimentare, motociclistico,

Dettagli

Profili per pavimenti in legno e laminato Projoint T

Profili per pavimenti in legno e laminato Projoint T PROFILPAS S.P.A. VIA EINSTEIN, 38 35010 CADONEGHE (PADOVA) ITALY TEL. +39 (0)49 8878411 +39 (0)49 8878412 FAX. +39 (0)49-706692 EMAIL: INFO@PROFILPAS.COM Profili per pavimenti in legno e laminato Projoint

Dettagli

I problemi dell Acciaio Inossidabile LA CORROSIONE

I problemi dell Acciaio Inossidabile LA CORROSIONE I problemi dell Acciaio Inossidabile LA CORROSIONE LA CORROSIONE Una delle caratteristiche peculiari degli acciai inossidabili e una delle ragioni del continuo diffondersi del loro impiego è certamente

Dettagli

Cos è l acciaio inossidabile? Fe Cr > 10,5% C < 1,2%

Cos è l acciaio inossidabile? Fe Cr > 10,5% C < 1,2% Cr > 10,5% C < 1,2% Cos è l acciaio inossidabile? Lega ferrosa con contenuti di cromo 10,5% e di carbonio 1,2% necessari per costituire, a contatto dell ossigeno dell aria o dell acqua, uno strato superficiale

Dettagli

LA NITRURAZIONE. (versione gennaio 2006)

LA NITRURAZIONE. (versione gennaio 2006) LA NITRURAZIONE (versione gennaio 2006) Raccolta di appunti ad esclusivo uso interno ITIS VARESE - specializzazione meccanici. La nitrurazione è un processo che consente la formazione di nitruri durissimi

Dettagli

PRODUTTORI A.C.S. CON SCAMBIATORI SPIROIDALI FISSI

PRODUTTORI A.C.S. CON SCAMBIATORI SPIROIDALI FISSI PRODUTTORI A.C.S. CON SCAMBIATORI SPIROIDALI FISSI 1 INDICE Pag. - Caratteristiche funzionali. 3 - Trattamenti anticorrosivi delle superfici. 4 - Coibentazioni. 5 - Protezione catodica. 6 - MODELLI con

Dettagli

L ACCIAIO INOSSIDABILE NELLA COSTRUZIONE DI AUTOBUS F. Capelli, V. Boneschi Centro Inox, Milano

L ACCIAIO INOSSIDABILE NELLA COSTRUZIONE DI AUTOBUS F. Capelli, V. Boneschi Centro Inox, Milano Articolo pubblicato su Lamiera n.10 ottobre 2000 Introduzione L ACCIAIO INOSSIDABILE NELLA COSTRUZIONE DI AUTOBUS F. Capelli, V. Boneschi Centro Inox, Milano In questo articolo si illustrerà brevemente

Dettagli

Corso di Metallurgia I Tutorato didattico a.a.2010-2011. Strumenti e tecniche di indagine metallografica. Ing. Chiara Soffritti

Corso di Metallurgia I Tutorato didattico a.a.2010-2011. Strumenti e tecniche di indagine metallografica. Ing. Chiara Soffritti Corso di Metallurgia I Tutorato didattico a.a.2010-2011 Strumenti e tecniche di indagine metallografica Ing. Chiara Soffritti Strumenti di indagine metallografica Finalità della metallografia: METALLOGRAFIA

Dettagli

Prof. M. Maja (Politecnico di Torino) "CORROSIONE E OSSIDAZIONE ANODICA DEL TITANIO"

Prof. M. Maja (Politecnico di Torino) CORROSIONE E OSSIDAZIONE ANODICA DEL TITANIO Prof. M. Maja (Politecnico di Torino) "CORROSIONE E OSSIDAZIONE ANODICA DEL TITANIO" In questi ultimi anni, sono stati fatti molti studi riguardanti la corrosione del titanio, a testimonianza del crescente

Dettagli

Acciai inossidabili. Trattamenti termici:

Acciai inossidabili. Trattamenti termici: Acciai inossidabili L aggiunta di Cromo in percentuale superiore all 11% rende l acciaio non più ossidabile. Praticamente non si scende al di sotto del 12-13% per gli acciai di corrente impiego. L inossidabilità

Dettagli

Argomenti trattati. Acciai per uso strutturale:

Argomenti trattati. Acciai per uso strutturale: Argomenti trattati Acciai per uso strutturale: Tipologie di acciai utilizzati in edilizia Processi produttivi Caratterizzazione degli acciai da costruzione Controlli di accettazione in cantiere Tipi di

Dettagli

Gli acciai inossidabili

Gli acciai inossidabili Gli acciai inossidabili Gli acciai inossidabili sono delle leghe a base di ferro, di cromo e di carbonio ed anche di altri elementi quali il nichel, il molibdeno, il silicio, il titanio, che li rendono

Dettagli

Trattamento delle superfici con Aquence. La protezione intelligente contro la corrosione

Trattamento delle superfici con Aquence. La protezione intelligente contro la corrosione Trattamento delle superfici con Aquence La protezione intelligente contro la corrosione Dürr e Henkel Una partnership di forze Dürr e Henkel sono due imprese che credono e operano per rendere possibile

Dettagli

Un breve sommario delle specifiche menzionate è mostrato nella tabella 1; il documento completo è disponibile sul sito web www.qualanod.

Un breve sommario delle specifiche menzionate è mostrato nella tabella 1; il documento completo è disponibile sul sito web www.qualanod. Qualità dell'alluminio anodizzato Italfinish è licenziataria del marchio di qualità Qualanod e segue le Specifiche di Qualità per l'alluminio anodizzato in Acido Solforico redatte dal QUALANOD per stabilire

Dettagli

MATERIALI. Introduzione

MATERIALI. Introduzione MATERIALI 398 Introduzione Gli acciai sono leghe metalliche costituite da ferro e carbonio, con tenore di carbonio (in massa) non superiore al 2%. Attenzione: la normazione sugli acciai è in fase di armonizzazione

Dettagli

RIVESTIMENTO PROTETTIVO APPLICATO A SPRUZZO

RIVESTIMENTO PROTETTIVO APPLICATO A SPRUZZO RIVESTIMENTO PROTETTIVO APPLICATO A SPRUZZO I principali vantaggi tecnici: Resistenza all usura e all abrasione Eccellente resistenza alla lacerazione Elevata elasticità, elevato allungamento a rottura

Dettagli

La Galvanica Romani S.n.c. opera nel settore dei rivestimenti elettrolitici dal 1953.

La Galvanica Romani S.n.c. opera nel settore dei rivestimenti elettrolitici dal 1953. GALVANICA ROMANI SNC Zincatura e Brunitura per conto terzi Via Geirato 162D - 16138 Genova - Tel 010 8365798 - Fax 010 8381038 Partita IVA 00303060107 http://www.galvanicaromani.it La Galvanica Romani

Dettagli

Group. The precision company SURFACE TECHNOLOGIES INTERNATIONAL. STI DryCoat System. Surface solutions by STI Group. Italiano

Group. The precision company SURFACE TECHNOLOGIES INTERNATIONAL. STI DryCoat System. Surface solutions by STI Group. Italiano Group SURFACE TECHNOLOGIES INTERNATIONAL The precision company STI DryCoat System Italiano Surface solutions by STI Group La redditività quale fattore di successo La competenza nella tecnologia dei rivestimenti

Dettagli

PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO

PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO La fabbricazione degli elementi meccanici seguita dalla loro unione sono i principali compiti dell industria produttiva. Essenzialmente l assemblaggio consiste nel collegare degli

Dettagli

Gli Acciai Inossidabili

Gli Acciai Inossidabili Gli Acciai Inossidabili Bibliografia: Metals Handbook, vol. 1, IX ed. Gli acciai inossidabili G. Di Caprio Bib. Tec. Hoepli UNI-Euronorm Inossidabile? La resistenza alla corrosione degli acciai è funzione

Dettagli

Alluminio e sue leghe

Alluminio e sue leghe Alluminio e sue leghe Proprietà dell alluminio puro Basso peso specifico Elevata conducibilità eletrica Buona resistenza alla corrosione Scarse caratteristiche meccaniche L alligazione dell alluminio ne

Dettagli

SMV srl Sabbiatura Metallizzazione Verniciatura

SMV srl Sabbiatura Metallizzazione Verniciatura Documento scritto da Titolo SMV SRL Zincatura a spruzzo Arco Olimpico 2006 di Torino Arredo Urbano Funivie Trampolino olimpico di Pragelato - Torino 1 Fig.1 CORROSIONE La corrosione è un fenomeno elettrochimico

Dettagli

REGIONE PIEMONTE AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL PIEMONTE PROFILO DI RISCHIO AMBIENTALE PER IL COMPARTO GALVANICHE

REGIONE PIEMONTE AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL PIEMONTE PROFILO DI RISCHIO AMBIENTALE PER IL COMPARTO GALVANICHE REGIONE PIEMONTE AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL PIEMONTE PROFILO DI RISCHIO AMBIENTALE PER IL COMPARTO GALVANICHE MAGGIO 1999 Documento redatto dal Gruppo di Lavoro Regionale composto

Dettagli

L ACCIAIO INOX IN EDILIZIA: UN MATERIALE DA COSTRUZIONE CHE,IN PIU, RESISTE ALLA CORROSIONE. F. Capelli V. Boneschi Centro Inox, Milano

L ACCIAIO INOX IN EDILIZIA: UN MATERIALE DA COSTRUZIONE CHE,IN PIU, RESISTE ALLA CORROSIONE. F. Capelli V. Boneschi Centro Inox, Milano Articolo pubblicato su Lamiera n.12, dicembre 2000 L ACCIAIO INOX IN EDILIZIA: UN MATERIALE DA COSTRUZIONE CHE,IN PIU, RESISTE ALLA CORROSIONE F. Capelli V. Boneschi Centro Inox, Milano Premessa: dalla

Dettagli

CLADDING MODIFICHE SULLE SUPERFICI CON L IMPIEGO DEL LASER. applicazioni

CLADDING MODIFICHE SULLE SUPERFICI CON L IMPIEGO DEL LASER. applicazioni MODIFICHE SULLE SUPERFICI CON L IMPIEGO DEL LASER CLADDING 1. I rivestimenti mediante la tecnica laser cladding hanno dimostrato di prolungare la durata dei componenti fino a 6 volte. Di N. Longfield,

Dettagli

pro-t Scheda tecnica Applicazioni consigliate: Materiali Supporti Caratteristiche

pro-t Scheda tecnica Applicazioni consigliate: Materiali Supporti Caratteristiche Scheda tecnica pro-t Profilato di transizione tra pavimenti. Lamina di metallo a forma di T che si inserisce nel giunto di separazione di due pavimenti diversi e consente di coprire leggere differenze

Dettagli

INCAPSULAMENTO DELL AMIANTO

INCAPSULAMENTO DELL AMIANTO 05 INCAPSULAMENTO DELL AMIANTO 05 INCAPSULAMENTO DELL AMIANTO Come ormai risaputo, l amianto che si disperde nell aria costituisce un reale pericolo cancerogeno per coloro che si trovano a inalarne le

Dettagli

revisione data verifica approvazione Pagina 0 07/10/2009 LTM CSI del 07/10/09 1 di 14

revisione data verifica approvazione Pagina 0 07/10/2009 LTM CSI del 07/10/09 1 di 14 PROCEDURA OPERATIVA REGOLE PARTICOLARI PER LA CONCESSIONE DEL DIRITTO D USO TUBAZIONI CORRUGATE FORMABILI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO 0 07/10/2009 LTM CSI del 07/10/09 1 di 14 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

CAPITOLO 14 Corrosione e protezione dei materiali ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione

CAPITOLO 14 Corrosione e protezione dei materiali ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione CAPITOLO 14 Corrosione e protezione dei materiali ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA Problemi di conoscenza e comprensione 14.1 Un potenziale standard di ossidoriduzione è il potenziale elettrico (tensione)

Dettagli

I LAMINATI ANODIZZATI DI ITALFINISH

I LAMINATI ANODIZZATI DI ITALFINISH CHEDA TECNICA: I LAMINATI ANODIZZATI DI ITALFINIH I LAMINATI ANODIZZATI DI ITALFINIH Perché alluminio anodizzato? L alluminio reagisce spontaneamente con l ossigeno per formare uno strato superficiale

Dettagli

L'acciaio inox nel settore della ristorazione professionale Acciai Speciali Terni

L'acciaio inox nel settore della ristorazione professionale Acciai Speciali Terni Laminati piani di acciaio inossidabile L'acciaio inox nel settore della ristorazione professionale Acciai Speciali Terni Acciai Speciali Terni 01 Caricamento rottame di ferro e leghe al forno elettrico

Dettagli

Sistemi. per Serramenti in Acciaio. e Metalli Evoluti

Sistemi. per Serramenti in Acciaio. e Metalli Evoluti Sistemi per Serramenti in Acciaio e Metalli Evoluti Architettura Storia Materia Sistemi per Serramenti a Taglio Termico SISTEMI PER SERRAMENTI A TAGLIO TERMICO Restauro e innovazione. Acciaio Zincato Acciaio

Dettagli

PROBLEMI DI CORROSIONE NELLE RETI DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA

PROBLEMI DI CORROSIONE NELLE RETI DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA PROBLEMI DI CORROSIONE NELLE RETI DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA Tommaso Pastore Dipartimento di Progettazione e Tecnologie Università di Bergamo Riassunto L articolo descrive le principali forme di corrosione

Dettagli

COME «RUBARE» ENERGIA AL SOLE

COME «RUBARE» ENERGIA AL SOLE APPLICAZIONE DELL'ACCIAIO INOSSIDABILE COME «RUBARE» ENERGIA AL SOLE Prima parte Una delle fonti energetiche alternative è oggi quella solare. Per lo sfruttamento di quest'ultima sono utilizzati pannelli

Dettagli

Sgrassature alcaline senza cianuri

Sgrassature alcaline senza cianuri Via E. Mattei,6 20010 Pogliano M.se ( MI ) Tel. 02/38005106 Fax. 02/38006211 E-mail: info@galvanotecnicaitaliana.com Sgrassature alcaline senza cianuri SGRASSATURE CHIMICHE ULTRASUONI DETERS AL DETERS

Dettagli

Profili per pavimenti di pari livello Cerfix Prodecor

Profili per pavimenti di pari livello Cerfix Prodecor PROFILPAS S.P.A. VIA EINSTEIN, 38 35010 CADONEGHE (PADOVA) ITALY TEL. +39 (0)49 8878411 +39 (0)49 8878412 FAX. +39 (0)49-706692 EMAIL: INFO@PROFILPAS.COM Profili per pavimenti di pari livello Cerfix Prodecor

Dettagli

Acciai inossidabili e corrosione

Acciai inossidabili e corrosione Acciai inossidabili e corrosione (terza parte - versione novembre 2003) Appunti ad esclusivo uso interno ITIS VARESE - specializzazione meccanici. Bibliografia W. Nicodemi - METALLURGIA MASSON ITALIA EDITORI

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE

CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE Le lavorazioni meccaniche possono essere classificate secondo diversi criteri. Il criterio che si è dimostrato più utile, in quanto ha permesso di considerare

Dettagli

Esperienza A: idrofilicità e idrofobicità

Esperienza A: idrofilicità e idrofobicità Esperienza A: idrofilicità e idrofobicità Obiettivo: Fare osservare che alcune sostanze, mescolate all'acqua, danno luogo a soluzioni omogenee mentre altre danno miscele eterogenee. Dalla descrizione delle

Dettagli

G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia

G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia Solubilizzazione Cementazione Nitrurazione Tempra di soluzione ed invecchiamento Coltre bianca cementato Nitrurazione 550 C x

Dettagli

LA CORROSIONE DEI METALLI

LA CORROSIONE DEI METALLI LA CORROSIONE DEI METALLI a) I processi di corrosione sono determinati dall ossidazione dei metalli: Me (s) Me n+ + n e - OSSIDAZIONE = CORROSIONE. I metalli si corrodono perchè si ossidano facilmente

Dettagli

DESCRIZIONE TECNICA: SOPPALCO MULTISPAZIO

DESCRIZIONE TECNICA: SOPPALCO MULTISPAZIO DESCRIZIONE TECNICA: SOPPALCO MULTISPAZIO INTRODUZIONE La logistica ha oggi una rilevanza particolare nelle aziende produttive e di distribuzione, e la sua ottimizzazione comporta notevoli vantaggi all

Dettagli

Profili per pavimenti di pari livello Cerfix Proangle

Profili per pavimenti di pari livello Cerfix Proangle PROFILPAS S.P.A. VIA EINSTEIN, 38 35010 CADONEGHE (PADOVA) ITALY TEL. +39 (0)49 8878411 +39 (0)49 8878412 FAX. +39 (0)49-706692 EMAIL: INFO@PROFILPAS.COM Profili per pavimenti di pari livello Cerfix Proangle

Dettagli

L ACCIAIO INOSSIDABILE NEI MEZZI DI TRASPORTO

L ACCIAIO INOSSIDABILE NEI MEZZI DI TRASPORTO Articolo pubblicato su Rivista di meccanica Oggi n.35, ottobre 2000 L ACCIAIO INOSSIDABILE NEI MEZZI DI TRASPORTO M. Boniardi* V. Boneschi** *Politecnico di Milano, **Centro Inox, Milano Introduzione Quando

Dettagli

APPUNTI DI OPTOELETTRONICA ad uso degli studenti

APPUNTI DI OPTOELETTRONICA ad uso degli studenti APPUNTI DI OPTOELETTRONICA ad uso degli studenti Guide ottiche integrate Massimo Brenci IROE-CNR Firenze Esempio di guida ottica integrata Propagazione della luce in una guida ottica integrata (vista in

Dettagli

Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche

Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche FONDAMENTI DI TECNOLOGIE CHIMICHE PER L'INDUSTRIA E PER L'AMBIENTE (modulo

Dettagli

S.U.N. Architettura Luigi Vanvitelli. CdL Archite,ura TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A 2012_13 prof. S. Rinaldi. Infissi_2 INF_2

S.U.N. Architettura Luigi Vanvitelli. CdL Archite,ura TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A 2012_13 prof. S. Rinaldi. Infissi_2 INF_2 Infissi_2 SERRAMENTI IN LEGNO I profili di legno sono i principali elementi che caratterizzano le parti strutturali della finestra: Telai fissi, montanti e traversi dell anta, parti complementari (profili

Dettagli

Informazioni tecniche Articolo pubblicato sulla rivista "Quaderni Tecnologici" del mese di ottobre 2002

Informazioni tecniche Articolo pubblicato sulla rivista Quaderni Tecnologici del mese di ottobre 2002 Informazioni tecniche Articolo pubblicato sulla rivista "Quaderni Tecnologici" del mese di ottobre 2002 TRATTAMENTI TERMICI PER GLI STAMPI CONSIDERAZIONI E CONSIGLI Franco Trombetta - S.T.T. s.r.l. Per

Dettagli

ATTUATORI PNEUMATICI ALPHAIR REGOLAZIONE ESTERNA. Nuova SERIE "RE"

ATTUATORI PNEUMATICI ALPHAIR REGOLAZIONE ESTERNA. Nuova SERIE RE ATTUATORI PNEUMATICI ALPHAIR REGOLAZIONE ESTERNA Nuova SERIE "RE" La nuova serie di attuatori pneumatici ALPHAIR con sistema di Regolazione Esterna risponde a tutti i requisiti di qualita e precisione.

Dettagli

chromagen ITALIA ITALIA Sistemi a circolazione naturale Soluzioni Solari per il risparmio energetico Alta efficienza Risparmio energetico

chromagen ITALIA ITALIA Sistemi a circolazione naturale Soluzioni Solari per il risparmio energetico Alta efficienza Risparmio energetico Sistemi a circolazione naturale Soluzioni Solari per il risparmio energetico Alta efficienza Risparmio energetico Unico sistema al mondo a profilo ribassato s o l a r e n e r g y s y s t e m s 1. Descrizione

Dettagli

LEGHE METALLICHE STRUTTURA DELLE LEGHE LA GHISA E L ACCIAIO. I metalli sono dei SOLIDI POLICRISTALLINI (aggregati di molti cristalli, detti GRANI)

LEGHE METALLICHE STRUTTURA DELLE LEGHE LA GHISA E L ACCIAIO. I metalli sono dei SOLIDI POLICRISTALLINI (aggregati di molti cristalli, detti GRANI) LEGHE METALLICHE LA GHISA E L ACCIAIO Prof.ssa Silvia Recchia Le leghe sono delle DISPERSIONI DI UN SOLIDO IN UN ALTRO SOLIDO SOLVENTE: metallo base (metallo presente in maggiore quantità) SOLUTO: alligante

Dettagli

1. PROGETTAZIONE E SVILUPPO

1. PROGETTAZIONE E SVILUPPO [Digitare il testo] 1. PROGETTAZIONE E SVILUPPO L AUREKAP SRL si occupa della progettazione e sviluppo del disegno con 4 persone qualificate che utilizzano i sistemi di progettazione più evoluti sul mercato

Dettagli

A. Miliozzi, E. Veca. Report RdS/PAR2013/226 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

A. Miliozzi, E. Veca. Report RdS/PAR2013/226 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Selezione e caratterizzazione di una miscela di materiali a cambiamento di fase

Dettagli

Classificazione degli acciai da lavorare Scelta della punta in funzione del materiale da lavorare Parametri di taglio

Classificazione degli acciai da lavorare Scelta della punta in funzione del materiale da lavorare Parametri di taglio Materiali delle punte elicoidali Processi produttivi delle punte elicoidali Standard normativi Tipologia di affilatura Rivestimenti superficiali degli utensili Durezze Rockwell e Vickers Classificazione

Dettagli

L utilizzo dell acciaio inox nelle apparecchiature elettriche antideflagranti

L utilizzo dell acciaio inox nelle apparecchiature elettriche antideflagranti L utilizzo dell acciaio inox nelle apparecchiature elettriche antideflagranti Giugno 2015 Negli impianti industriali come quelli petrolchimici, petroliferi, chimici ed in generale in luoghi con atmosfera

Dettagli

Trattamenti di miglioramento

Trattamenti di miglioramento Trattamenti di miglioramento Trattamenti a freddo Martellamento Laminazione Trattamenti a caldo Tempra Rinvenimento Bonifica Ricottura Normalizzazione Carbocementazione Nitrurazione Trattamenti termici

Dettagli

1.3.1 SALDATURA DI ACCIAI LEGATI, ACCIAI DISSIMILI E DI COMPOSIZIONE SCONOSCIUTA

1.3.1 SALDATURA DI ACCIAI LEGATI, ACCIAI DISSIMILI E DI COMPOSIZIONE SCONOSCIUTA 1.3 BACCHETTE CASTOTIG 1.3.1 SALDATURA DI ACCIAI LEGATI, ACCIAI DISSIMILI E DI COMPOSIZIONE SCONOSCIUTA 45507W Ø 1.0-1.2-1.6-2.0 Bacchetta TIG per riparazione e ricarica di acciai, unione di acciai dissimili,

Dettagli

LINEE GUIDA PREDISPOSIZIONE DEL MATERIALE ALLA ZINCATURA A CALDO

LINEE GUIDA PREDISPOSIZIONE DEL MATERIALE ALLA ZINCATURA A CALDO LINEE GUIDA PREDISPOSIZIONE DEL MATERIALE ALLA ZINCATURA A CALDO Lorenzo Del Carlo S.p.A. con socio unico - Via Provinciale Lucchese, 148-51010 UZZANO (PT) Tel. 0572/44711 Fax 0572/447124 info@lorenzodelcarlo.it

Dettagli

Studio caratterizzazione di rivestimenti con finalità funzionali realizzati mediante tecniche di deposizione da fase di vapore

Studio caratterizzazione di rivestimenti con finalità funzionali realizzati mediante tecniche di deposizione da fase di vapore Studio caratterizzazione di rivestimenti con finalità funzionali realizzati mediante tecniche di deposizione da fase di vapore Le tecniche di deposizione sotto vuoto sono state sviluppate a livello industriale

Dettagli

PROTEZIONE DALLA CORROSIONE

PROTEZIONE DALLA CORROSIONE PROTEZIONE DALLA CORROSIONE Essendo tante le forme di corrosione e tante le cause che la determinano, sono anche tanti i sistemi utilizzabili per prevenire i processi corrosivi o per limitarne gli effetti.

Dettagli

CROMATURA PEVD SOTTOVUOTO

CROMATURA PEVD SOTTOVUOTO CROMATURA PEVD SOTTOVUOTO Causa i ben noti problemi legati ai processi di cromatura galvanica, da alcuni anni ormai si parla di procedimenti alternativi con basso impatto ambientale e ridotti consumi energetici.

Dettagli

Prestabo con SC-Contur

Prestabo con SC-Contur Prestabo con SC-Contur Sistema di tubi e raccordi a pressare di acciaio galvanizzato. Tubi e raccordi di acciaio al carbonio galvanizzato Sistema indeformabile e resistente per installazioni facili e veloci

Dettagli

Blanke Profilo di chiusura

Blanke Profilo di chiusura Dati tecnici Blanke Profilo di chiusura per la chiusura decorativa e sicura dei bordi nei rivestimenti di piastrelle Utilizzo e funzioni: Blanke Profilo di chiusura è un profilo speciale per la protezione

Dettagli

SCHEDA TECNICA N. 7/95

SCHEDA TECNICA N. 7/95 SCHEDA TECNICA N. 7/95 TRADUZIONE NORMA TEDESCA DIN 17611 GIUGNO 1985 Anodizzazione di semilavorati di alluminio e sue leghe con spessore d ossido non inferiore a 10 μm. Condizioni tecniche di fornitura

Dettagli

TRATTAMENTI TERMICI DEGLI ACCIAI

TRATTAMENTI TERMICI DEGLI ACCIAI 1. TEMPRA La tempra diretta: TRATTAMENTI TERMICI DEGLI ACCIAI - Aumenta la durezza degli acciai - Conferisce agli acciai la struttura denominata MARTENSITE (soluzione solida interstiziale sovrassatura

Dettagli

Art. 282 PENSILINA BAROCCO

Art. 282 PENSILINA BAROCCO Scheda Tecnica Art. 282_Pag. 1 di 5 Art. 282 PENSILINA BAROCCO Struttura: n 02 montanti posteriori laterali in profilato di acciaio zincato da mm. 80 x 80 x 2 con un angolo stondato; ogni singolo montante

Dettagli

Monica Fabrizio CNR IENI, PADOVA

Monica Fabrizio CNR IENI, PADOVA Centro Produttività Veneto Vicenza, 24 luglio 2007 RIVESTIMENTI GALVANICI PROTETTIVI E DECORATIVI SU MANUFATTI ORAFI Monica Fabrizio CNR IENI, PADOVA Gli impianti galvanici sono sequenze di vasche dove

Dettagli

concentratori sotto vuoto a basso consumo energetico

concentratori sotto vuoto a basso consumo energetico Siamo specializzati nella progettazione e costruzione di evaporatori e concentratori sotto vuoto. Il nostro obiettivo è di offrire ai Clienti soluzioni personalizzate nel trattamento di acque reflue provenienti

Dettagli

OSSIDAZIONE ANODICA Finiture a telaio Pag. 1 di 6

OSSIDAZIONE ANODICA Finiture a telaio Pag. 1 di 6 OSSIDAZIONE ANODICA Finiture a telaio Pag. 1 di 6 OSSIDAZIONE ANODICA SATINATA - 001 BIANCO SATINATO NERO SATINATO BLU INTENSO SATINATO BLU SATINATO BLU CHIARO SATINATO ORO INTENSO SATINATO ORO SATINATO

Dettagli

Vernici decorative per l interno

Vernici decorative per l interno Vernici decorative per l interno 1 TREPPEN- & PARKETTLACK Vernice trasparente a base acqua per la protezione di scale e pavimenti all interno 6 TREPPEN- & PARKETTPFLEGE Prodotto a base d acqua per la

Dettagli

INDICE. Premessa, XII

INDICE. Premessa, XII INDICE Premessa, XII 1. Prestazioni dei materiali e progetto, 3 1.1 Comportamento meccanico, 6 1.2 Azione dell ambiente, 6 1.3 Vita di servizio e durabilità, 11 1.4 Prevenzione del degrado, 16 1.5 Restauro,

Dettagli

Lavorazioni e trattamenti superficiali dei metalli.

Lavorazioni e trattamenti superficiali dei metalli. Lavorazioni e trattamenti superficiali dei metalli. Cosa può offrire General Steel? General Steel rappresenta una realtà aziendale strategicamente diversificata in quanto l obbiettivo finale è quello di

Dettagli

CAMBIARE FINITURA AD UNA PISTOLA

CAMBIARE FINITURA AD UNA PISTOLA CAMBIARE FINITURA AD UNA PISTOLA Di: Roberto Farina Desideroso di voler dare un nuovo aspetto alla mia datata (1993) Para Ordnance P14-45 C, decido di eliminare la tetra brunitura, peraltro rovinata in

Dettagli

RISANAMENTO DI COPERTURE CON LAMIERINI PREVERNICIATI VERNEST UN INTERVENTO ECONOMICO E DEFINITIVO

RISANAMENTO DI COPERTURE CON LAMIERINI PREVERNICIATI VERNEST UN INTERVENTO ECONOMICO E DEFINITIVO RISANAMENTO DI COPERTURE CON LAMIERINI PREVERNICIATI VERNEST UN INTERVENTO ECONOMICO E DEFINITIVO La UNIMETAL S.p.A, azienda specializzata nella produzione di coperture metalliche e lattonerie, costantemente

Dettagli

ALLUMINIO: PROPRIETÀ, PRODUZIONE, LEGHE E TRATTAMENTI TERMICI 1

ALLUMINIO: PROPRIETÀ, PRODUZIONE, LEGHE E TRATTAMENTI TERMICI 1 asdf ALLUMINIO: PROPRIETÀ, PRODUZIONE, LEGHE E TRATTAMENTI TERMICI 11 November 2011 Con questo articolo proviamo ad effettuare un breve excursus nel "mondo" dell'alluminio, analizzandone alcuni degli aspetti

Dettagli

ATTUATORI PNEUMATICI ALPHAIR SERIE Y (120 ) - SERIE X (180 )

ATTUATORI PNEUMATICI ALPHAIR SERIE Y (120 ) - SERIE X (180 ) ATTUATORI PNEUMATICI ALPHAIR SERIE Y (12) - SERIE X (18) Gli attuatori pneumatici ALPHAIR SERIE AP-Y (12) e AP-X (18) sono il risultato della migliore esperienza costruttiva nella progettazione e nella

Dettagli

I viraggi: intonazione e conservazione

I viraggi: intonazione e conservazione Bianconero I viraggi: intonazione e conservazione Il viraggio seppia permette di introdurre la caratteristica intonazione di colore. I trattamenti allʼoro e al platino allungano la vita delle stampe fotografiche

Dettagli

A very warm welcome (Arial, 24-point bold font) Discover what's under the surface (Arial, 20-point bold font in italics)

A very warm welcome (Arial, 24-point bold font) Discover what's under the surface (Arial, 20-point bold font in italics) A very warm welcome (Arial, 24-point bold font) Discover what's under the surface (Arial, 20-point bold font in italics) HORN Technology Days 2015 Scanalatura e troncatura di acciai inossidabili Speaker:

Dettagli

PRESSEINFORMATION ARTICOLO SPECIALIZZATO

PRESSEINFORMATION ARTICOLO SPECIALIZZATO PRESSEINFORMATION ARTICOLO SPECIALIZZATO Maggiore efficienza grazie al processo di lavaggio ottimizzato L impianto di lavaggio da solo non basta La necessità di garantire un elevata potenzialità produttiva

Dettagli

Profili per pavimenti in legno e laminato Alfix 615

Profili per pavimenti in legno e laminato Alfix 615 PROFILPAS S.P.A. VIA EINSTEIN, 38 35010 CADONEGHE (PADOVA) ITALY TEL. +39 (0)49 8878411 +39 (0)49 8878412 FAX. +39 (0)49-706692 EMAIL: INFO@PROFILPAS.COM Profili per pavimenti in legno e laminato Alfix

Dettagli

CONSIGLI PER LA CURA E LA PULIZIA DELL ACCIAIO INOX E DELLE APPARECCHIATURE DI CUCINA

CONSIGLI PER LA CURA E LA PULIZIA DELL ACCIAIO INOX E DELLE APPARECCHIATURE DI CUCINA CONSIGLI PER LA CURA E LA PULIZIA DELL ACCIAIO INOX E DELLE APPARECCHIATURE DI CUCINA Introduzione La qualità dell acciaio utilizzato nella costruzione delle attrezzature per le cucine professionali è

Dettagli

RECINZIONI PARAPETTI CANCELLI. 5 Modelli di. 15 Modelli di. 3 Modelli di

RECINZIONI PARAPETTI CANCELLI. 5 Modelli di. 15 Modelli di. 3 Modelli di Chrysler Building, guglia di 38 metri realizzata nel 1930 in Acciaio Inox, da allora nessuna manutenzione 5 Modelli di RECINZIONI 15 Modelli di PARAPETTI 3 Modelli di CANCELLI RECINZIONIMODULARI in Acciaio

Dettagli

Rivestimenti colorati per cappotto che riflettono il calore

Rivestimenti colorati per cappotto che riflettono il calore Waler è socio fondatore Rivestimenti colorati per cappotto Rivestimenti Silossanici IR riflettenti specifici per sistemi d isolamento a cappotto che minimizzano il surriscaldamento delle superfici murarie

Dettagli

Analisi Chimica. AISI: 410 EN: 1,4006 C max: 0,08 0,15 Mn max: 1,5 P max: 0,04 S max: 0,015 Si max: 1 Cr: 11,5 13,5 Ni: 0,75 Mo: - Altri: -

Analisi Chimica. AISI: 410 EN: 1,4006 C max: 0,08 0,15 Mn max: 1,5 P max: 0,04 S max: 0,015 Si max: 1 Cr: 11,5 13,5 Ni: 0,75 Mo: - Altri: - 410 AISI: 410 EN: 1,4006 C max: 0,08 0,15 Cr: 11,5 13,5 Ni: 0,75 Acciaio inossidabile a struttura martensitica al Cr di uso generale. Il trattamento di bonifi ca migliora la resistenza alla corrosione

Dettagli

Collettori solari. 1. Elementi di un collettore a piastra

Collettori solari. 1. Elementi di un collettore a piastra Collettori solari Nel documento Energia solare abbiamo esposto quegli aspetti della radiazione solare che riguardano l energia solare e la sua intensità. In questo documento saranno trattati gli aspetti

Dettagli

PANNELLO SOLARE TERMICO

PANNELLO SOLARE TERMICO pannello solare termico.solar PANNELLO SOLARE TERMICO Dal sole all acqua.solar PRINCIPALI CARATTERISTICHE DEL COLLETTORE SOLARE Il collettore solare trasforma la radiazione solare in calore. L'elemento

Dettagli

APPENDICE I IMPIANTO TRATTAMEMTO RIFIUTI LIQUIDI NON PERICOLSI

APPENDICE I IMPIANTO TRATTAMEMTO RIFIUTI LIQUIDI NON PERICOLSI APPENDICE I IMPIANTO TRATTAMEMTO RIFIUTI LIQUIDI NON PERICOLSI LINEA TRATTAMENTO BIOLOGICO (CAPACITÀ TECNICA DI TRATTAMENTO 20 mc/h) CER Descrizione Operazioni 02 01 01 fanghi da operazioni di lavaggio

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

1 Caratteristiche dei materiali utilizzati in ottica oftalmica di Alessandro Farini 1.1 Caratteristiche ottiche dei materiali oftalmici

1 Caratteristiche dei materiali utilizzati in ottica oftalmica di Alessandro Farini 1.1 Caratteristiche ottiche dei materiali oftalmici 1 Caratteristiche dei materiali utilizzati in ottica oftalmica di Alessandro Farini Esaminiamo in questo capitolo le principali caratteristiche dei vari materiali utilizzati nel campo dell'ottica oftalmica,

Dettagli

CORROSIONE INTERSTIZIALE

CORROSIONE INTERSTIZIALE CORROSIONE INTERSTIZIALE La corrosione interstiziale presenta alcuni aspetti in comune con la pitting corrosion. Si tratta di corrosione localizzata e si manifesta con la formazione di caverne in corrispondenza

Dettagli