NOME PROGETTO BENEFICIARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOME PROGETTO BENEFICIARI"

Transcript

1 NOME PROGETTO Progetto Aiuto... bipolare L uso di questo aggettivo è improprio, ma come definire un progetto che intende aiutare le persone anziane ed indigenti, ospitando il loro cane e diminuendo il rischio del randagismo? Però, come si rileverà leggendo avanti, lo si potrebbe anche definire semplicemente : Posto Cane BENEFICIARI Gli anziani, quelli affidati alla assistenza pubblica, quelli che della vita conoscono soltanto la miseria, le umiliazioni e molto spesso la solitudine. Sono i vecchi indigenti, quelli che, diciamolo, non contano più! La Società provvede ai loro bisogni materiali (un minimo di pensione, l ospedale per la malattia, la casa di riposo per la dipendenza), ma ai loro sentimenti, al loro cuore chi provvede? Chi bada alla loro angoscia quando sono costretti a separarsi dal loro ultimo ed unico amico, il cane? Spesso, a causa di questa angoscia, e lo abbiano constatato, il ricovero viene rifiutato. Noi vorremmo sollevarli da questa pena, dal rimorso di fare del male al loro amico. Non si può pretendere che la Società si carichi anche questa spesa. Ma noi, se ci aiutate, potremo farlo, almeno sul territorio della nostra Azienda Sanitaria Locale. Potremo dargli il diritto di avere dei sentimenti, e non solo dei bisogni materiali! Il nostro progetto prevede di dare la sicurezza che il cane sarà restituito quando usciranno dall ospedale, oppure ospitato a vita se dovranno entrare in Casa di Riposo. Il costo è modesto (vedere punto COSTO DEL PROGETTO). Da sempre, il Rifugio aiuta queste persone quando si rivolgono direttamente, ma per ufficializzare l aiuto mantenendo a disposizione della ASL un numero di box adeguato alle esigenzedi questa zona, e per essere sicuri di non venire meno a questo impegno, ci occorrono aiuti. E un passo importante, gravoso, carico di responsabilità, dal quale non potremo recedere, per rispetto alle persone bisognose, che vogliamo

2 invece aiutare, e per l impegno preso con una azienda statale. E si spera che l esempio, che per nostro mezzo potrà dare questa ASL, induca anche le altre ad organizzare lo stesso tipo di assistenza. ORGANIZZAZIONE NON PROFIT PROMOTRICE Rifugio Ramondetti Cassardo Onlus Via Torino, Trofarello Partita IVA Tel. e fax PRESENTAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE Il Rifugio è una iniziativa, del tutto privata, per opporsi alla crudeltà degli abbandoni. Ha lavorato intensamente e sempre con molto senso di responsabilità. Esclude scrupolosamente il lucro. Agisce esclusivamente per il bene delle creature salvate. E, crediamo, l unica struttura di soccorso animali rimasta totalmente indipendente e non aggregata alle sovvenzioni pubbliche. La serietà ed affidabilità, con cui ha sempre lavorato, hanno procurato la fiducia e la stima di medici veterinari, cliniche, scuole cinofile e Forze dell'ordine. I risultati ed il metodo di lavoro sono dettagliati nel sito internet Per conoscere il nostro lavoro. Il Rifugio è stato sempre, ossia per trent anni, fedele alla regola di non sollecitare aiuti. Se ne allontana per la prima volta con questo progetto perché esso dovrebbe essere un impegno permanente, dal quale non sarà possibile recedere, con una organizzazione pubblica: la Azienda Sanitaria Locale. La Onlus Rifugio Ramondetti Cassardo è il proseguimento dell attività del suo attuale presidente, Anna Luisa Ramondetti Cassardo, che, negli anni 80, ha aperto il rifugio per salvare e ridare una famiglia al maggior numero di cani possibile. Un rifugio per adozioni. Ed ecco un dato: sono ora quasi settemila i cani che, salvati dalla miseria del randagismo, tolti da situazioni invivibili, hanno un nuova vita perché adottati da padroni affettuosi. Questo dato conferma la validità del lavoro del Rifugio! DURATA PREVISTA L impegno dovrà essere permanente. AREA GEOGRAFICA DI INTERVENTO Provincia di Torino, settore della Azienda Sanitaria Locale 5. CONTESTO La Onlus Rifugio Ramondetti Cassardo è il proseguimento dell attività del suo attuale presidente, Anna Luisa Ramondetti Cassardo, che, negli anni 80, ha aperto il rifugio per salvare e ridare una famiglia al maggior numero di cani possibile. Un rifugio per adozioni.

3 Era necessario? Leggete la storia di Karant ed avrete la risposta. Una storia a lieto fine perché il Rifugio esisteva. Costanti e pesanti i sacrifici per continuare. Però, rimpianti mai. Del rifugio sono stata per anni sostenitrice, infermiera e... serva. Non mi dilungo in notizie. Il sito internet è ricco di informazioni. Leggete : Perché, aprite le Adozioni a Distanza, leggete i Racconti, e ci conoscerete meglio. Ma ecco un dato: sono ora quasi settemila i cani che, salvati dalla miseria del randagismo, tolti da situazioni invivibili, riscattati dal rischio di soppressione presso i canili municipali, hanno un nuova vita perché adottati da padroni affettuosi. Questo dato, da solo, conferma la validità del lavoro del Rifugio! Sono davvero tanti, una folla di cani salvati, ricuperati e dati felicemente in adozione! Valeva la pena di aprire un rifugio, di sacrificarsi per tenerne aperte le porte! Il Rifugio inizia la sua attività negli anni 80. L abbandono di cani si è fatto impressionante. I mesi estivi sono angosciosi! Il benessere economico ha aumentato il fenomeno dell abbandono estivo. Forse, addirittura, lo ha creato! Perché? Come? Io ho una spiegazione socio-economica e scusate il parolone. L Italia era uscita dal periodo di sussistenza. Si era passati per la guerra, le privazioni, le emigrazioni e finalmente si approdava al benessere economico. Era divenuto facile comprarsi un cucciolo, magari al mercato di Porta Palazzo, tranne poi ad accorgersi che richiede cure, combina guai, ecc., che arrivano le ferie irrinunciabili ormai e non si sa dove mettere il cane, perché l avarizia vieta di sacrificarsi un po per pagargli una pensione, e via di questo passo. Non so trovare un altra spiegazione. Cioè, i portafogli si erano arricchiti, i sentimenti no. La primitiva grettezza ora, però, colpevole non si era modificata. Per certuni, il cane era un niente, un oggetto. Purtroppo, per quelle persone, lo è ancora! Come spiegare, altrimenti, che nei primi 18 anni di residenza a Trofarello avevo trovato quattro cani e per tre avevo rintracciato i padroni, ma nei 20 mesi successivi, ne avevo trovati... quaranta? Agosto 91. Finalmente, la legge 281/91 vieta la soppressione presso i canili pubblici, mettendo fine ad una carneficina atroce, ed istituisce l obbligo del tatuaggio. Alla data attuale, i cani censiti presso l Anagrafe Canina in Piemonte sono circa seicentomila. Si ritiene che i non identificati da tatuaggio o microchip (legge regionale 18 del 19 luglio 2004) siano tra il 10 e 15 %. Per questi, nulla è cambiato. Forse, non sono stati iscritti all Anagrafe per avere mano libera e sbarazzarsene. Ma se il cane è identificato e censito, come liberarsene? Ed ecco una svolta nella tecnica dell abbandono. Infatti, ora, non si può portare il cane ad un canile comunale dicendo di averlo trovato sulla strada, e neppure portarlo a sperdere, come in passato. Ed i padroni senza senso di responsabilità che vogliono sbarazzarsi del

4 proprio cane sono ancora numerosi. Come prima. Nella mentalità di certe persone nulla è cambiato. L animale continua ad essere un niente, un oggetto senza valore! I sistemi? Spesso quelli definitivi: la fucilata, il veleno, una badilata sulla testa e poi si dichiara alla Anagrafe Canina che il cane... è scappato! Quando apprendiamo che il cane corre un rischio, si interviene e lo si ritira. E le persone che non ricorrono ai metodi estremi? Arrivano al rifugio, lasciano il proprio cane che spesso non ha altra colpa che quella di essere anziano, se ne vanno senza provare neppure una fitta di rimorso. E solo un cane! Sappiamo che nessuno adotterà un cane anziano, sappiamo che graverà sul rifugio per quanto gli resta da vivere, ma i suoi occhi esprimono l orrore di una creatura che comprende di essere tradita, sconvolta, disperata per il crollo di quello che era il suo mondo! Non possiamo rifiutare soccorso. Ne avremmo soltanto un grande rimorso. Ma esiste una eccezione. Esistono le persone buone! Ecco perché vogliamo anche aiutare gli umani : quelle persone che amano il proprio cane, che spesso vedono in lui l unico amico che la vita gli ha lasciato, eppure debbono separarsene! Sono quasi sempre persone avanti negli anni, sole, malate, spesso disagiate. Quelle dalla vita difficile, cui ora si impone una scelta crudele. Allontanarsi dalla propria casa, entrare in ospedale, entrare in una Casa di Riposo, dove non c è posto per lui! Persone disperate al pensiero di doversene separare e di non sapere che fine farà. E per lui rifiutano persino il ricovero. Vogliamo aiutarle. Accogliere i loro cani significa agire positivamente in due direzioni: mettere al sicuro il cane ma anche togliere il padrone dall angoscia. Da sempre il Rifugio aiuta queste persone quando si presentano, ma per essere veramente utili, vogliamo ora dare anche ai Servizi Sociali ed alla ASL veterinaria la disponibilità ad assicurare ospitalità temporanea o definitiva ai cani di persone in difficoltà, affidate all assistenza comunale ed obbligate a lasciare la propria dimora ed il proprio cane per ricoveri in ospedale o in Casa di Riposo. E un passo importante, gravoso, carico di responsabilità, dal quale non potremo recedere, per rispetto alle persone bisognose che vogliamo invece aiutare. Ecco perché vi presentiamo questo progetto. COSTO DEL PROGETTO Si ritiene che la necessità della zona coperta dalla ASL veterinaria 5 (che comprende Comuni popolosi come Carignano, Carmagnola, Chieri, Moncalieri, Nichelino) sia di quindici-venti posti. Si presenta, quindi, una previsione di spesa per dodici mesi e per un totale di venti box, ciascuno per un solo cane. Parleremo, quindi, di posti-cane. Ogni cane sarà ospitato in box individuale di minimo 4 mq, munito di cuccia e riscaldamento invernale a pannelli elettrici (energia fornita da impianto fotovoltaico). La spesa per la ospitalità completa, comprendendo alimentazione, pulizie e cure veterinarie (esami per malattie parassitarie, cure, prevenzione

5 da ectoparassiti, prevenzione di filaria e leishmania, e media di eventuali interventi chirurgici). Per ogni posto-cane, euro Il progetto prevede 20 posti-cane a 2.500euro (duemilacinquecento) annui per ciascun cane, Per un totale quindi di euro (cinquantamila) CONSIDERAZIONI E importante, sul piano del soccorso umano, che il progetto possa essere realizzato. A quanto scritto al punto 4, possiamo solo aggiungere... aiutateli con il vostro contributo ai posti-cane.

Le strutture per il controllo e la tutela dei cani

Le strutture per il controllo e la tutela dei cani Le strutture per il controllo e la tutela dei cani piacenza, 25 gennaio 2012 1988 CATTURA ABBATTIME NTO dopo 3 gg L.R. nr. 5 del 25 febbraio 1988 CATTUR A RICOVE RO IN CANILE LEGGE 14 agosto 1991, nr.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI COMUNE DI SAN GIULIANO DEL SANNIO PROVINCIA DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI Adottato con delibera di Consiglio comunale n. 3 del 07.03.2014 INDICE ART. 1 - OGGETTO ART. 2 - MODALITA DI

Dettagli

COMUNE DI PALAIA Provincia di Pisa

COMUNE DI PALAIA Provincia di Pisa COMUNE DI PALAIA Provincia di Pisa Disciplinare contenente le modalità per l adozione dei cani ricoverati presso il canile convenzionato, erogazione contributi e accesso al canile convenzionato Progetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI Allegato alla deliberazione della C.S. n. 74 del 21/06/2011 COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI PROGETTO ADOTTA UN AMICO Progetto adotta un amico 1 Indice Articolo 1 Oggetto...

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI COMUNE DI FRATTAMINORE PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI Allegato alla delibera di Consiglio comunale n.23 del 29/09/2008 INDICE ART.1 OGGETTO ART.2 MODALITA DI ADESIONE ART.3 INCENTIVI

Dettagli

COMUNE DI PIANA DI MONTE VERNA PROVINCIA DI CASERTA

COMUNE DI PIANA DI MONTE VERNA PROVINCIA DI CASERTA COMUNE DI PIANA DI MONTE VERNA PROVINCIA DI CASERTA REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI Allegato alla delibera di Consiglio comunale n. 32 del 27/11/2009 INDICE ART. 1 - OGGETTO ART. 2 - MODALITA DI ADESIONE

Dettagli

E' STATO SPAZZATO VIA IN POCHE ORE DALLA FURIA DELL'ACQUA.

E' STATO SPAZZATO VIA IN POCHE ORE DALLA FURIA DELL'ACQUA. LEGA NAZIONALE PER LA DIFESA DEL CANE Sezione Giovinazzo (BA) Un piccolo rifugio di accoglienza, messo su in anni di lavoro e di tanti sacrifici, realizzato con piccoli tasselli alla volta per cercare

Dettagli

COMUNE DI CAMPODIPIETRA PROVINCIA DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI

COMUNE DI CAMPODIPIETRA PROVINCIA DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI COMUNE DI CAMPODIPIETRA PROVINCIA DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 45 del 29.09.2009 INDICE ART. 1 OGGETTO ART. 2 MODALITA DI ADESIONE

Dettagli

BREVE CURRICULUM DELL ASSOCIAZIONE DACCI UNA ZAMPA

BREVE CURRICULUM DELL ASSOCIAZIONE DACCI UNA ZAMPA BREVE CURRICULUM DELL ASSOCIAZIONE DACCI UNA ZAMPA INFORMAZIONI SOCIETARIE Denominazione Dacci una Zampa Onlus Forma giuridica - Organizzazione non lucrativa di utilità sociale Presidente Candida Naccarato

Dettagli

Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia:

Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia: Nota Informativa sull attuazione delle politiche regionali N. 10/2008 Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia: una prima analisi dell attuazione della legge regionale 20 luglio

Dettagli

COMUNE DI. PROVINCIA DI ALESSANDRIA

COMUNE DI. PROVINCIA DI ALESSANDRIA COMUNE DI. PROVINCIA DI ALESSANDRIA CONVENZIONE PER: - IL SERVIZIO DI CATTURA DI CANI RANDAGI E IL SUCCESSIVO RICOVERO PRESSO IL CANILE SANITARIO; - IL RICOVERO, IL MANTENIMENTO, LA CURA E LA PULIZIA DI

Dettagli

CITTÀ DI CARMAGNOLA PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 318

CITTÀ DI CARMAGNOLA PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 318 COPIA CITTÀ DI CARMAGNOLA PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 318 OGGETTO: Accordo di collaborazione con l associazione Gli Amici di Wolf nella gestione di attività di

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SBROLLINI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SBROLLINI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5106 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato SBROLLINI Istituzione del Servizio sanitario veterinario convenzionato e norme per favorire

Dettagli

Oggetto dell appalto Servizio di canile (cattura cani, canile sanitario e canile rifugio) periodo 01/01/2016-31/12/2017.

Oggetto dell appalto Servizio di canile (cattura cani, canile sanitario e canile rifugio) periodo 01/01/2016-31/12/2017. Oggetto dell appalto Servizio di canile (cattura cani, canile sanitario e canile rifugio) periodo 01/01/2016-31/12/2017. RELAZIONE TECNICA Motivazioni dell affidamento. Le motivazioni sottostanti all affidamento

Dettagli

Città di Troia Provincia di Foggia

Città di Troia Provincia di Foggia Città di Troia Provincia di Foggia REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RANDAGI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE ART. 1 (OGGETTO E FINALITÀ) Il presente regolamento disciplina l'adozione da parte di privati

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DEI CANI

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DEI CANI COMUNE DI TORINO DI SANGRO C.A.P. 66020 PROVINCIA DI CHIETI REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DEI CANI (Approvato con deliberazione consiliare n. 35 del 12.11.2013) Art. 1 OGGETTO DEL

Dettagli

COMUNE DI PALMARIGGI Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI PALMARIGGI Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI PALMARIGGI Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 29.12.2015 1 INDICE

Dettagli

COMUNE DI MOGORO PROVINCIA DI ORISTANO

COMUNE DI MOGORO PROVINCIA DI ORISTANO COMUNE DI MOGORO PROVINCIA DI ORISTANO CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO REGALA UNA CASA A UN AMICO A 4 ZAMPE Approvato con deliberazione della G.C. n. 32 del 05.04.2016 1/5 Art.1 - Finalità La

Dettagli

Città di Manfredonia Deliberazione di G.C. n. 415 del 03/10/2008 DIRIGENTE DEL 4 SETTORE POLIZIA LOCALE E AMMINISTRATIVA

Città di Manfredonia Deliberazione di G.C. n. 415 del 03/10/2008 DIRIGENTE DEL 4 SETTORE POLIZIA LOCALE E AMMINISTRATIVA Città di Manfredonia Deliberazione di G.C. n. 415 del 03/10/2008 DIRIGENTE DEL 4 SETTORE POLIZIA LOCALE E AMMINISTRATIVA Il Dirigente sottoscritto, in qualità di Dirigente del 4 Settore Polizia Locale

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 24-03-1994 REGIONE LIGURIA

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 24-03-1994 REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 24-03-1994 REGIONE LIGURIA Nuove norme in materia di randagismo Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA N. 9 del 13 aprile 1994 Il Consiglio Regionale ha approvato.

Dettagli

L anno 2015 (duemilaquindici), il giorno ( ) del mese di dicembre in Lecco presso la Residenza Municipale. fra

L anno 2015 (duemilaquindici), il giorno ( ) del mese di dicembre in Lecco presso la Residenza Municipale. fra CONVENZIONE FRA COMUNE DI LECCO ED ENTE NAZIONALE PROTEZIONE ANIMALI (E.N.P.A.) ASSOCIAZIONE ZAMPAMICA 2010 ONLUS ASSOCIAZIONE NATURALISTICA LOMBARDA, PER L ATTUAZIONE DI UN PROGRAMMA IN MATERIA DI SANITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI ACCALAPPIATURA CANI E GESTIONE DEL CANILE COMUNALE. INDICE TITOLO I FINALITA E OGGETTO TITOLO II CATTURA CANI VAGANTI

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI ACCALAPPIATURA CANI E GESTIONE DEL CANILE COMUNALE. INDICE TITOLO I FINALITA E OGGETTO TITOLO II CATTURA CANI VAGANTI REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI ACCALAPPIATURA CANI E GESTIONE DEL CANILE COMUNALE. INDICE TITOLO I FINALITA E OGGETTO Art. 1 - Finalità. Art. 2 - Oggetto del Regolamento. Art. 3 - Definizioni e principi generali.

Dettagli

COMUNE ORISTANO COMUNI DE ARISTANIS DISCIPLINARE PER L ADOZIONE DEI CANI

COMUNE ORISTANO COMUNI DE ARISTANIS DISCIPLINARE PER L ADOZIONE DEI CANI COMUNE ORISTANO COMUNI DE ARISTANIS DISCIPLINARE PER L ADOZIONE DEI CANI Approvato con Deliberazione G.C. n. 34 del 25.03.2015 INDICE - PREMESSA ART. 1 - OGGETTO ART. 2 - MODALITA DI ADESIONE ART. 3 -

Dettagli

REGOLAMENTO CANILE COMUNALE

REGOLAMENTO CANILE COMUNALE COMUNE DI MEDE (Provincia di Pavia) APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 55 DEL 30.12.2005 MODIFICATO CON DELIBERA C.C. N. 31 DEL 03.06.2008 REGOLAMENTO CANILE COMUNALE INDICE Art. 1 - Titolarità... 3 Art. 2

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI CATTURATI O VAGANTI SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI CATTURATI O VAGANTI SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI CATTURATI O VAGANTI SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI CATTURATI

Dettagli

Associazione Animalista La Voce del Cane mail-lavocedelcane@yahoo.it www.lavocedelcane.eu www.lavocedelcane.org

Associazione Animalista La Voce del Cane mail-lavocedelcane@yahoo.it www.lavocedelcane.eu www.lavocedelcane.org Associazione Animalista La Voce del Cane mail-lavocedelcane@yahoo.it www.lavocedelcane.eu www.lavocedelcane.org Di (ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELL ANIMALE) : Tel.3474374795 SCHEDA DI AFFIDO DATA Genere (cane,

Dettagli

REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 12 DEL

REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 12 DEL REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 3-04-1995 Interventi per la tutela degli animali d'affezione e prevenzione del randagismo BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA N. 39 del 18 aprile 1995 ARTICOLO

Dettagli

sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo

sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo Ministero della Salute Direzione generale della sanità animale e dei farmaci veterinari NORME NAZIONALI sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo Competenze e responsabilità NORME NAZIONALI

Dettagli

I primi 3 cani ricoverati dalla Fattoria di Tobia

I primi 3 cani ricoverati dalla Fattoria di Tobia Page 1 of 4 Chi siamo Ultime notizie Adozioni Canili Sostienici Diario Rassegna stampa Testimonianze Link utili Adozioni Da adottare urgenti urgenti rischio trasferimento (Ferentino) speciale Cicerale

Dettagli

I problemi legati agli animali sono tanti, soprattutto in una società che si sta solo ora mettendo al passo con le loro esigenze.

I problemi legati agli animali sono tanti, soprattutto in una società che si sta solo ora mettendo al passo con le loro esigenze. I problemi legati agli animali sono tanti, soprattutto in una società che si sta solo ora mettendo al passo con le loro esigenze. È quindi fondamentale portare le persone che posseggono animali, o vorrebbero

Dettagli

Resoconto donazioni Cuore di Neve 2015

Resoconto donazioni Cuore di Neve 2015 Resoconto donazioni Cuore di Neve 2015 Neve Cosmetics Via Enzo Ferrari 5/2-10028 Trofarello (TO) Italy Trofarello, 22 marzo 2015 A distanza di un anno, le cinque associazioni Onlus che a gennaio 2015 hanno

Dettagli

Regolamento per il funzionamento e la gestione del canile/gattile del Comune di Lucca e per la disciplina dei servizi correlati. Articolo 1 Oggetto

Regolamento per il funzionamento e la gestione del canile/gattile del Comune di Lucca e per la disciplina dei servizi correlati. Articolo 1 Oggetto Regolamento per il funzionamento e la gestione del canile/gattile del Comune di Lucca e per la disciplina dei servizi correlati. Articolo 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina il funzionamento della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CANILE COMUNALE INDICE. Art. 1 - Orario di apertura del canile. Art. 2 - Ingresso dei cani al canile

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CANILE COMUNALE INDICE. Art. 1 - Orario di apertura del canile. Art. 2 - Ingresso dei cani al canile REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CANILE COMUNALE INDICE Art. 1 - Orario di apertura del canile Art. 2 - Ingresso dei cani al canile Art. 3 - Abbinamento e inserimento nuovi cani nei box Art. 4 - Rieducazione

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI

PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI VILLASOR PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI IL SINDACO Walter Marongiu IL SEGRETARIO COMUNALE Dott.ssa Maria Domenica Areddu Allegato alla delibera di Consiglio comunale

Dettagli

proposta di legge n. 482

proposta di legge n. 482 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 482 a iniziativa dei Consiglieri Busilacchi, Comi, D Anna, Badiali, Camela, Eusebi, Natali, Pieroni, Bugaro, Foschi, Perazzoli presentata in

Dettagli

A V V I S O P U B B L I C O OGGETTO: ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO PUBBLICO DI RICOVERO E CUSTODIA DEI

A V V I S O P U B B L I C O OGGETTO: ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO PUBBLICO DI RICOVERO E CUSTODIA DEI A V V I S O P U B B L I C O OGGETTO: ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO PUBBLICO DI RICOVERO E CUSTODIA DEI CANI PRESSO IL RIFUGIO UBICATO IN COMUNE DI TALAMELLO LOCALITA FAGNANO DI SOTTO. PROGETTO DI GESTIONE.

Dettagli

COMUNE DI GIOIOSA IONICA 89042 (Provincia di Reggio Calabria )

COMUNE DI GIOIOSA IONICA 89042 (Provincia di Reggio Calabria ) COMUNE DI GIOIOSA IONICA 89042 (Provincia di Reggio Calabria ) Partita IVA 00288960800 - (0964) 51536 - Fax (0964) 410520 DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DI INCENTIVI ALL ADOZIONE DEI CANI CUSTODITI PRESSO

Dettagli

CITTÀ DI CASTELVETRANO

CITTÀ DI CASTELVETRANO CITTÀ DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani ttttt UN FIDO AIUTO REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DI CANI Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 10 del 27 febbraio 2013 INDICE ART. 1 OGGETTO ART.

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale ARCONATE COMUNE D EUROPA Provincia di Milano numero delib. data G.C. 30 30/04/2012 ORIGINALE OGGETTO: APPROVAZIONE CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI ARCONATE E L ASSOCIAZIONE PROTEZIONE ANIMALI DI LEGNANO ONLUS

Dettagli

COMUNICATO ASS. IL CERCAPADRONE ONLUS: SUL CASO DOGMAR, LA NOSTRA POSIZIONE ALDILA DELLE MENZOGNE E DEI SENTITO DIRE.

COMUNICATO ASS. IL CERCAPADRONE ONLUS: SUL CASO DOGMAR, LA NOSTRA POSIZIONE ALDILA DELLE MENZOGNE E DEI SENTITO DIRE. COMUNICATO ASS. IL CERCAPADRONE ONLUS: SUL CASO DOGMAR, LA NOSTRA POSIZIONE ALDILA DELLE MENZOGNE E DEI SENTITO DIRE. La scrivente associazione, tramite il lavoro dei propri volontari locali, si interessa

Dettagli

Il Comune di Mede è proprietario del canile sito in località Castelletto.

Il Comune di Mede è proprietario del canile sito in località Castelletto. &2081(',0('( 3URYLQFLDGL3DYLD!#"%$ &!' ' $$ 5(*2/$0(172 &$1,/(&2081$/( $577LWRODULWj Il Comune di Mede è proprietario del canile sito in località Castelletto. $57*HVWLRQH Il canile è gestito di norma dal

Dettagli

Accordo Stato-Regioni sul benessere degli animali da compagnia e pet-therapy. 6 febbraio 2003. Articolo 1) Finalità e definizioni

Accordo Stato-Regioni sul benessere degli animali da compagnia e pet-therapy. 6 febbraio 2003. Articolo 1) Finalità e definizioni Accordo Stato-Regioni sul benessere degli animali da compagnia e pet-therapy 6 febbraio 2003 Articolo 1) Finalità e definizioni 1. Con il presente accordo le Regioni e il Governo si impegnano, ciascuno

Dettagli

COMUNE DI LOCATE DI TRIULZI (MI)

COMUNE DI LOCATE DI TRIULZI (MI) Alleg. C COMUNE DI LOCATE DI TRIULZI (MI) CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI RICOVERO E MANTENIMENTO DEGLI ANIMALI RANDAGI DA AFFEZIONE RINVENUTI SUL TERRITORIO L anno........ il giorno.........

Dettagli

Normativa sulla protezione dei gatti, le colonie feline, i compiti dell ASL.

Normativa sulla protezione dei gatti, le colonie feline, i compiti dell ASL. Normativa sulla protezione dei gatti, le colonie feline, i compiti dell ASL. Dr.ssa Carla De Giacomi Dr. Paolo Castelli Veterinari Ufficiali ASL della Provincia di Bergamo Seriate,, 29 ottobre 2013 I gatti

Dettagli

Comune di Giano dell Umbria

Comune di Giano dell Umbria Comune di Giano dell Umbria Provincia di Perugia REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DI CANI RANDAGI (Approvato con deliberazione consiliare n. 13 del 15.03.2011) (Modificato con deliberazione consiliare

Dettagli

PREMESSA IL PRESENTE OPUSCOLO

PREMESSA IL PRESENTE OPUSCOLO NORME NAZIONALI SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI D'AFFEZIONE E LOTTA AL RANDAGISMO COMPETENZE E RESPONSABILITÀ NORME NAZIONALI SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI D'AFFEZIONE E LOTTA AL RANDAGISMO PREMESSA IL PRESENTE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE INDICE Titolo I. - Adozione...2 Art. 1 Finalità...2 Art. 2 Requisiti per l affidamento dell animale...2 Art. 3 Modalità

Dettagli

********************** VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

********************** VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA COMUNE DI MERCENASCO Provincia di Torino ********************** VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 60 Del 06/12/2012 Oggetto: Approvazione convenzione per il servizio di ritiro cani

Dettagli

ALMENO 2 SEGNALAZIONI DI ABBANDONO OGNI GIORNO AI NOSTRI NUMERI. VOLONTARI DELLA LIDA STREMATI E DISPERATI

ALMENO 2 SEGNALAZIONI DI ABBANDONO OGNI GIORNO AI NOSTRI NUMERI. VOLONTARI DELLA LIDA STREMATI E DISPERATI ALMENO 2 SEGNALAZIONI DI ABBANDONO OGNI GIORNO AI NOSTRI NUMERI. VOLONTARI DELLA LIDA STREMATI E DISPERATI Una situazione al collasso quella vissuta dai pochissimi volontari della LIDA Caltanissetta in

Dettagli

CONSUNTIVO 2007 - PREVENTIVO 2008

CONSUNTIVO 2007 - PREVENTIVO 2008 CONSUNTIVO - PREVENTIVO 2008 CANILE GESTIONE TEAM Il Comuni hanno affidato a TEAM SPA la proprietà della struttura e la gestione del servizio; TEAM attraverso convenzione ne ha affidato la gestione all

Dettagli

LEGGE REGIONALE TOSCANA N.

LEGGE REGIONALE TOSCANA N. LEGGE REGIONALE TOSCANA N. 43 dell 8 aprile 1995 Norme per la gestione dell' anagrafe del cane, la tutela degli animali d' affezione e la prevenzione del randagismo Modificata ed integrata da LEGGE REGIONALE

Dettagli

UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA

UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA Le funzioni di questo servizio sono le seguenti: Anagrafe per animali d affezione della Regione Lazio informatizzata (iscrizione, cancellazione,

Dettagli

La relazione n. 22 sugli interventi attuati per la lotta

La relazione n. 22 sugli interventi attuati per la lotta Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali La relazione n. 22 sugli interventi attuati per la lotta al randagismo e la tutela degli animali d affezione

Dettagli

Regolamento per l'adozione a privato cittadino di cani randagi ricoverati nei canili

Regolamento per l'adozione a privato cittadino di cani randagi ricoverati nei canili Regolamento per l'adozione a privato cittadino di cani randagi ricoverati nei canili PROGETTO "ADOTTA un AMICO di cui mi FIDO" Indice Articolo 1 - Oggetto Articolo 2 - Modalità di adozione progetto "ADOTTA

Dettagli

MODULO PREADOZIONE. La persona di riferimento per questo affidamento è KATIA cell. 331 3210840 Email: katia.cereda@bordersangels.

MODULO PREADOZIONE. La persona di riferimento per questo affidamento è KATIA cell. 331 3210840 Email: katia.cereda@bordersangels. MODULO PREADOZIONE Prima di definire ogni adozione è uso conoscere meglio l adottante. Come per voi, anche per noi è importante il benessere animale, seguendo queste prassi entrambe saremo contente di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA STRUTTURA DI RICOVERO PER CANI DI CRESPELLANO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA STRUTTURA DI RICOVERO PER CANI DI CRESPELLANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA STRUTTURA DI RICOVERO PER CANI DI CRESPELLANO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n.52 del 7/6/2011 Art.1 FINALITA DEL REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CANILE COMUNALE DI C.DA SANTA LUCIA E ISTITUZIONE DEL CANE DI QUARTIERE

REGOLAMENTO DEL CANILE COMUNALE DI C.DA SANTA LUCIA E ISTITUZIONE DEL CANE DI QUARTIERE REGOLAMENTO DEL CANILE COMUNALE DI C.DA SANTA LUCIA E ISTITUZIONE DEL CANE DI QUARTIERE INDICE PARTE PRIMA: REGOLAMENTO DEL CANILE COMUNALE DI C.DA SANTA LUCIA Art. 1 oggetto pag. 3 Art. 2 Titolarità pag.

Dettagli

Comune di Lecco. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 367 Data: 10-06-2014. N. 367-2014 Reg. SETTORE : AFFARI GENERALI E ATTIVITA' PRODUTTIVE

Comune di Lecco. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 367 Data: 10-06-2014. N. 367-2014 Reg. SETTORE : AFFARI GENERALI E ATTIVITA' PRODUTTIVE Comune di Lecco Piazza Diaz, 1-23900 Lecco (LC) - Tel. 0341/ 481111 - Fax 286874 - C.F. 00623530136 N. 367-2014 Reg. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 367 Data: 10-06-2014 SETTORE : AFFARI GENERALI E

Dettagli

COMUNE DI GIOIOSA JONICA

COMUNE DI GIOIOSA JONICA COMUNE DI GIOIOSA JONICA Via Garibaldi n. 16/18-89042 Provincia di Reggio Calabria Comando Polizia Municipale (Partita IVA 00288960800 - Tel. e Fax 0964/51537 e-mail: pmgioiosaionica1957@tiscali.it ) CAPITOLATO

Dettagli

C O M U N E DI R E C E T T O

C O M U N E DI R E C E T T O C O M U N E DI R E C E T T O PROVINCIA DI NOVARA ORIGINALE COPIA Verbale di deliberazione della Giunta comunale N. 113 Del 11.12.2013 OGGETTO: CONVENZIONE SERVIZIO DI CATTURA, CUSTODIA E MANTENIMENTO IN

Dettagli

MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 20 GENNAIO 1997, N. 10 NORME IN MATERIA DI ANIMALI DA AFFEZIONE E PREVENZIONE DEL RANDAGISMO

MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 20 GENNAIO 1997, N. 10 NORME IN MATERIA DI ANIMALI DA AFFEZIONE E PREVENZIONE DEL RANDAGISMO REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELIBERAZIONE LEGISLATIVA APPROVATA DALL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE NELLA SEDUTA DEL 14 APRILE 2015, N. 193 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 20 GENNAIO 1997, N.

Dettagli

COMUNE DI RIETI PROVINCIA DI RIETI

COMUNE DI RIETI PROVINCIA DI RIETI COMUNE DI RIETI PROVINCIA DI RIETI CONVENZIONE/CAPITOLATO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI RICOVERO, MANTENIMENTO DEI CANI RANDAGI RINVENUTI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI RIETI CONVENZIONE/CAPITOLATO PER

Dettagli

Regione Molise Legge regionale n. 7 del 4-03-2005

Regione Molise Legge regionale n. 7 del 4-03-2005 Regione Molise Legge regionale n. 7 del 4-03-2005 Nuove norme per la protezione dei cani e per l istituzione dell anagrafe canina (B.U.R. Molise n. 6 del 16 marzo 2005) IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo

sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo Ministero della Salute Direzione generale della sanità animale e dei farmaci veterinari NORME NAZIONALI sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo Competenze e responsabilità La tutela

Dettagli

A.S.L. CN1 Servizio Veterinario Area Sanità Animale. Relazione delle attività nel settore degli animali d affezione anno 2011

A.S.L. CN1 Servizio Veterinario Area Sanità Animale. Relazione delle attività nel settore degli animali d affezione anno 2011 A.S.L. CN1 Servizio Veterinario Area Sanità Animale Relazione delle attività nel settore degli animali d affezione anno 2011 Premessa Le attività nelle quali risulta impegnato il Servizio Veterinario dell

Dettagli

COMUNE DI LUINO PROVINCIA DI VARESE

COMUNE DI LUINO PROVINCIA DI VARESE COMUNE DI LUINO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO DEL CANILE COMUNALE CAPO I TITOLARITA E FORME DI GESTIONE Articolo 1 - Titolarità 1. Il Comune di Luino è proprietario del Canile sito in Via Don Folli,

Dettagli

UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA

UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA Le funzioni di questo servizio sono le seguenti: Anagrafe canina informatizzata (iscrizione, cancellazione, trasferimenti di residenza, trasferimenti

Dettagli

Relazione introduttiva di Silvana Amati

Relazione introduttiva di Silvana Amati Relazione introduttiva di Silvana Amati Penso che si possa condividere insieme l'idea di Albert Einstein secondo il quale "la grandezza di una nazione e il suo progresso morale si possono giudicare dal

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N.

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. 18. Direzione Sanità Pubblica Settore Sanità Animale ed Igiene degli Allevamenti LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

Taviano Città dei Fiori

Taviano Città dei Fiori Taviano Città dei Fiori REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETENZIONE DEI CANI E LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO CANINO Articolo 1 - Oggetto del Regolamento Il presente regolamento detta norme finalizzate a tutelare

Dettagli

COMUNE DI PONSACCO Provincia di Pisa

COMUNE DI PONSACCO Provincia di Pisa COMUNE DI PONSACCO Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 58 ORIGINALE DATA 28/06/2013 OGGETTO: DETERMINA DI AFFIDAMENTO DIRETTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ACCALAPPIAMENTO, MANTENIMENTO E CUSTODIA DEI

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO LIBERO CONSORZIO COMUNALE DI TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO LIBERO CONSORZIO COMUNALE DI TRAPANI COMUNE DI ALCAMO LIBERO CONSORZIO COMUNALE DI TRAPANI BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A FONDO PERDUTO PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI OSPITATI PRESSO IL CANILE RIFUGIO MISTER DOG S.R.L.

Dettagli

*** NORMATTIVA - Stampa *** http://www.normattiva.it/do/atto/export

*** NORMATTIVA - Stampa *** http://www.normattiva.it/do/atto/export 1 di 5 28/07/2015 12:14 LEGGE 14 agosto 1991, n. 281 Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo. Vigente al: 28-7-2015 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica

Dettagli

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo.

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo. ATTENTO ALLA TRUFFA! Sei appena stata in Banca a ritirare denaro o in Posta per prendere la pensione. All uscita ti si avvicinano una o più persone sconosciute che ti mostrano un tesserino e ti dicono:

Dettagli

Disciplinare di funzionamento del Canile Comprensoriale Val di Pecora

Disciplinare di funzionamento del Canile Comprensoriale Val di Pecora Disciplinare di funzionamento del Canile Comprensoriale Val di Pecora TITOLO I Ambito di applicazione, finalità e competenze Art. 1 Oggetto Art. 2 Finalità Art. 3 Competenze della gestione associata Val

Dettagli

Prot. Gen. N. // N. Reg. Cron. Settore IV Montella, lì maggio 2014

Prot. Gen. N. // N. Reg. Cron. Settore IV Montella, lì maggio 2014 ALLEGATO B Prot. Gen. N. // N. Reg. Cron. Settore IV Montella, lì maggio 2014 ALLEGATO SCHEMA CONTRATTO OGGETTO: DETERMINAZIONE DI INDIZIONE GARA UFFICIOSA N. 35 DEL 15 MAGGIO 2014. RICHIESTA PREVENTIVO

Dettagli

Perché una gabbia da interni? E come usarla?

Perché una gabbia da interni? E come usarla? Una gabbia da interni è estremamente utile per i cuccioli, per la loro educazione e il loro ambientamento e non rappresenta una forma di maltrattamento. Con un po di pratica la gabbia diventa quel posticino

Dettagli

Comune di Priolo Gargallo Corpo di Polizia Municipale

Comune di Priolo Gargallo Corpo di Polizia Municipale Alcune regole per evitare incidenti con i cani Calendario Storico 2015 L a ricorrenza dell ormai tradizionale calendario storico della Polizia Municipale è occasione preziosa per riflessioni meditate ed

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. 18.

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. 18. LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. 18. PREMESSA Il randagismo rappresenta una fonte di rischio per la popolazione umana ed animale. La diffusione di malattie infettive,

Dettagli

Normativa in materia di affezione e prevenzione del randagismo

Normativa in materia di affezione e prevenzione del randagismo Normativa in materia di affezione e prevenzione del randagismo Dott.ssa Annalisa Lombardini AUSL Modena L EGGE 14 agosto 1991 n. 281 Legge quadro in materia di affezione e prevenzione del randagismo 1

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DI CANI RANDAGI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE E PER L ISTITUZIONE DEL CANE DI QUARTIERE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DI CANI RANDAGI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE E PER L ISTITUZIONE DEL CANE DI QUARTIERE REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DI CANI RANDAGI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE E PER L ISTITUZIONE DEL CANE DI QUARTIERE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 5 del 28.04.2016

Dettagli

GLI ANIMALI DI AFFEZIONE E RANDAGISMO

GLI ANIMALI DI AFFEZIONE E RANDAGISMO GLI ANIMALI DI AFFEZIONE E RANDAGISMO La legge quadro sul randagismo n 281 del 1991 La 281 è la Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo. Tra le enunciazioni principali

Dettagli

Legge Regionale 33/2009: lotta al randagismo e tutela degli animali d affezione in Lombardia

Legge Regionale 33/2009: lotta al randagismo e tutela degli animali d affezione in Lombardia Legge Regionale 33/2009: lotta al randagismo e tutela degli animali d affezione in Lombardia 25/11/2010 Dott.ssa Daniela Zucca Per contrastare il fenomeno del randagismo e promuovere il rispetto degli

Dettagli

Legislatura 16º - Disegno di legge N. 255

Legislatura 16º - Disegno di legge N. 255 Legislatura 16º - Disegno di legge N. 255 d iniziativa dei senatori AMATI, BASSOLI, CASSON, DELLA SETA, DONAGGIO, GRANAIOLA, MAGISTRELLI, PASSONI, PEGORER, Anna Maria SERAFINI e ZAVOLI COMUNICATO ALLA

Dettagli

FABINFORMA NOTIZIARIO A CURA DEL COORDINAMENTO INTERREGIONALE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO ABRUZZO E MOLISE

FABINFORMA NOTIZIARIO A CURA DEL COORDINAMENTO INTERREGIONALE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO ABRUZZO E MOLISE GLI ISCRITTI F.A.B.I. DELLE B.C.C. REGIONE MOLISE LEGGE REGIONALE 4 marzo 2005, n.7 NUOVE NORME PER LA PROTEZIONE DEI CANI E PER L'ISTITUZIONE DELL'ANAGRAFE CANINA. (Pubblicata nel Bollettino ufficiale

Dettagli

Legge regionale 17 febbraio 2005, n. 5 Norme a tutela del benessere animale

Legge regionale 17 febbraio 2005, n. 5 Norme a tutela del benessere animale Legge regionale 17 febbraio 2005, n. 5 Norme a tutela del benessere animale Art 4, comma 1 punto b) criteri per la classificazione del rischio da cani di proprietà con aggressività non controllata, parametri

Dettagli

REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 6 DEL

REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 6 DEL REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 6 DEL 25-01-1993 Norme sulla prevenzione e sul controllo del randagismo.istituzione anagrafica canina e protezione degli animali di affezione BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO

CAPITOLATO D APPALTO CAPITOLATO D APPALTO APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANTENIMENTO E CUSTODIA DEI CANI RANDAGI CATTURATI NEL TERRITORIO DEL PARCO DEL MOLENTARGIUS. Art. 1 Oggetto dell appalto Oggetto del presente

Dettagli

Comune di Bagnolo San Vito Via Roma, 29 46031 Bagnolo San Vito

Comune di Bagnolo San Vito Via Roma, 29 46031 Bagnolo San Vito Comune di Bagnolo San Vito Via Roma, 29 46031 Bagnolo San Vito REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI CATTURATI SUL TERRITORIO COMUNALE DI BAGNOLO SAN VITO Art. 1 La

Dettagli

Comune di Cutrofiano

Comune di Cutrofiano Allegato 1 CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DEL CANILE SANITARIO E DEL CANILE RIFUGIO COMUNALE SITO IN VIA DEL CIMITERO - IMPORTO A BASE D ASTA EURO 1,46 GIORNALIERI PER UNITA, OLTRE I.V.A..

Dettagli

1. LE COMPETENZE IN MATERIA DI TUTELA DEGLI ANIMALI D AFFEZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DELLE AZIENDE USL

1. LE COMPETENZE IN MATERIA DI TUTELA DEGLI ANIMALI D AFFEZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DELLE AZIENDE USL 1. LE COMPETENZE IN MATERIA DI TUTELA DEGLI ANIMALI D AFFEZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DELLE AZIENDE USL L elevata presenza sul territorio nazionale di animali da compagnia (secondo l'istat

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA N. 1069 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori AMATI, BIANCONI, ALLEGRINI, BOLDI, BASSOLI, BUGNANO, CARRARA, CASOLI, CASSON, CHIAROMONTE, COLLI, D'ALIA, DELLA

Dettagli

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione ESAME DELLA RELAZIONE n. 34 del 2015 sullo stato di attuazione delle norme relative alla tutela degli animali d affezione e prevenzione del randagismo (TU

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 1040 26/08/2014 OGGETTO

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 1040 26/08/2014 OGGETTO Città di Manfredonia Provincia di Foggia 4 Settore Polizia Locale DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 1040 del 26/08/2014 OGGETTO: LIQUIDAZIONE SALDO FATTURE IN FAVORE DELL E.N.P.A. SEDE CENTRALE ROMA - CANILE

Dettagli

DALLA PARTE DEGLI ANIMALI LAV PROVINCIA DI BERGAMO

DALLA PARTE DEGLI ANIMALI LAV PROVINCIA DI BERGAMO DALLA PARTE DEGLI ANIMALI LAV PROVINCIA DI BERGAMO Progetto per il contenimento del randagismo: I mesi della sterilizzazione FINALITÀ Il Progetto si propone di: incentivare la sterilizzazione dei cani

Dettagli

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano VISTO gli articoli 2, comma 2, lett. b) e 4, comma 1 del decreto legislativo 28 agosto 1997,

Dettagli

Art. 2 - Modalità di esecuzione del servizio

Art. 2 - Modalità di esecuzione del servizio UNIONE VAL D ENZA Capitolato per il servizio di cattura e custodia temporanea dei cani randagi di cui all art. 16, comma 1, lett. a) e b) della Legge Regionale 07/04/2000 n. 27, per il servizio di ricovero

Dettagli

APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. DEL. I N D I C E

APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. DEL. I N D I C E CITTÀ DI COSENZA APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. DEL. I N D I C E ~ 2 ~ ARTICOLO 1... 3 FINALITÀ... 3 ARTICOLO 2... 3 ADOZIONI... 3 ARTICOLO 3... 3 AGEVOLAZIONI... 3 ARTICOLO 4...

Dettagli