NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE. parte 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE. parte 1"

Transcript

1 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE parte 1 ADOZIONE

2 Indice TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Contenuti del Regolamento urbanistico Art. 2 - Parco Regionale Migliarino S. Rossore Massaciuccoli Art. 3 - Efficacia e Validità del Regolamento Urbanistico Norme di Salvaguardia Art. 4 - Elaborati del Regolamento urbanistico Art. 5 - Valutazione Integrata - Valutazione Ambientale Strategica - Valutazione d incidenza Art. 6 - Il Quadro Previsionale Strategico Art. 7 - Rapporto fra Regolamento Urbanistico (R.U.) e Regolamento Edilizio (R.E.) TITOLO II INVARIANTI STRUTTURALI E TUTELA SOVRAORDINATA Art. 8 - Invarianti strutturali e lo statuto dei luoghi Art. 9 - Aree protette Art Beni Paesaggistici Art Beni Culturali TITOLO III STRUMENTI E PROCEDURE CAPO I MODALITA E STRUMENTI DI ATTUAZIONE Art Strumenti di attuazione Art Piani di settore di competenza Comunale Art Piani e Politiche per l edilizia residenziale pubblica e sociale Art Piani Attuativi Art Contenuti dei piani attuativi Art Progetto unitario convenzionato Art Permesso di Costruire Convenzionato Art Interventi diretti Art Verifica dimensionale delle Schede degli interventi Art Destinazione uso degli immobili CAPO II - PEREQUAZIONE URBANISTICA ED INDICI EDIFICATORI Art La perequazione urbanistica - definizioni Art La perequazione urbanistica indici edificatori Definizione di SUL Art La perequazione urbanistica i meccanismi e le procedure Art Indici edificatori nelle aree non sottoposte a perequazione urbanistica CAPO III - CATEGORIE D INTERVENTO EDILIZIO SUL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE Art Categorie di intervento sul patrimonio edilizio esistente Art Classificazione del patrimonio edilizio esistente Art Interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria Art Interventi di restauro e risanamento conservativo su immobili notificati Art Interventi di restauro su edifici contrassegnati dal simbolo 1 Art Interventi di restauro tipologico e formale ammessi su edifici contrassegnati con il simbolo 2 Art Interventi di restauro tipologico ammessi su edifici contrassegnati con il simbolo 3 Art Interventi di frazionamento o fusione Art Interventi di ristrutturazione edilizia Art Sostituzione edilizia Art Sopraelevazione delle tettoie Art Ristrutturazione urbanistica 2

3 TITOLO IV DISCIPLINA PER LA GESTIONE E TRASFORMAZIONE DEGLI INSEDIAMENTI CAPO I INSEDIAMENTI ESISTENTI Art Tessuti di insediamento residenziale di impianto storico (A) Art Interventi ammessi sugli edifici esistenti Art Rilievo critico Art Tessuti di insediamento residenziale di impianto recente (B) Art Interventi di nuova edificazione e ampliamento nei tessuti di insediamento residenziale di impianto recente (B) Art Aree consolidate a prevalente destinazione artigianale ed industriale (D) Art Aree consolidate a prevalente destinazione commerciale (DN) Art Aree consolidate a prevalente destinazione turistico ricettiva (DT) CAPO II TRASFORMAZIONE URBANISTICA DEGLI INSEDIAMENTI ESISTENTI Art Aree di recupero a prevalente destinazione residenziale (TR) (PR) Art Aree di recupero a prevalente destinazione artigianale ed industriale (D1) Art Aree di recupero a prevalente destinazione commerciale-direzionale (DN1) CAPO III AREE DI NUOVO IMPIANTO Art Aree di nuovo impianto a prevalente destinazione residenziale (TN) (BC) Art Aree di nuovo impianto a prevalente destinazione commerciale-direzionale (DN2) Art Aree di nuovo impianto a prevalente destinazione turistico ricettiva (DT2) CAPO IV AREE CON ALTRE DESTINAZIONI Art Aree di servizio alla produzione e trasporti (DST) Art Distributori di carburante (DP) Art Aree campeggi esistenti (DTC) Art Zone speciali (ZS) Art Zone speciali di trasformazione urbanistica di recupero e di nuovo impianto (ZS1 ZS2) TITOLO V DISCIPLINA DELLE AREE AGRICOLE CAPO I ATTIVITA AGRICOLE Art Definizioni e caratteri delle aree agricole Art Disciplina generale delle aree agricole Art Edifici rurali ad uso abitativo Art Annessi agricoli e serre fisse Art Manufatti amatoriali, manufatti precari e serre temporanee Art Interventi sul patrimonio edilizio che comportano il mutamento delle destinazioni d'uso agricole Art Il programma aziendale pluriennale di miglioramento agricolo ambientale (P.M.A.A.) Art Classificazione delle Categorie d intervento del patrimonio edilizio rurale e interventi ammessi CAPO II - LE ATTIVITÀ EXTRA -AGRICOLE Art Attività produttive in area agricola (D*) Art Aree da recuperare (ED) Art Aree da rinaturalizzare (ER) Art Zone a servizi e attrezzature nel territorio agricolo 3

4 TITOLO VI ATTREZZATURE E SERVIZI DI INTERESSE COLLETTIVO OPERE DI URBANIZZAZIONE Art Norme comuni per le attrezzature e servizi di interesse collettivo Art Strade e Viabilità Art Fasce di rispetto Art Percorsi pedonali e ciclabili di connessione Art Parcheggi Art Attrezzature pubbliche, di interesse collettivo e di servizio Art Aree a Verde Urbano e a Verde Attrezzato (VU-VA) Art Aree a Verde Sportivo (VS) Art Pinete di Levante e di Ponente (FP) Art Aree private di tutela (VR-EF) Art Opere di urbanizzazione Art Esecuzione delle opere di urbanizzazione da parte di privati Art Criteri relativi agli spazi pubblici e ai servizi di interesse collettivo Art Spazi per opere di urbanizzazione secondaria - Standard urbanistici Art Cessione delle aree fondiarie di cui agli art. 77 e 78 del Piano Strutturale Art Cessione delle aree fondiarie nelle aree di perequazione interna Art Cessione delle aree individuate nella Tav. B5 (Quadro previsionale strategico) nell ambito delle aree di perequazione TITOLO VII DISPOSIZIONI PARTICOLARI Art Disposizioni sulla dimensione minima delle unità abitative Art Tessuti edilizi derivati da previgenti strumenti urbanistici Art Efficacia dei Piani Urbanistici previgenti Art Poteri di deroga Art Varianti al Regolamento urbanistico Art Misure di salvaguardia e transitorie Art Aree non pianificate TITOLO VIII CONDIZIONI DI FRAGILITA AMBIENTALE E CONSEGUENTI LIMITAZIONI CAPO I - INTERVENTI PER LA MITIGAZIONE DEL CONSUMO IDRICO Art Prescrizioni comuni Art Limitazioni temporanee alle derivazioni da acque superficiali e sotterranee del bacino del Lago di Massaciuccoli - (Norma derivante dal Piano di Gestione delle Acque adottato dal Comitato Istituzionale dell'autorità di Bacino Pilota del fiume Serchio nella seduta del 24 Febbraio 2010 con delibera n. 164) CAPO II DISPOSIZIONI RELATIVE ALLE CARATTERISTICHE GEOLOGICHE, SISMICHE E IDRAULICHE DEL TERRITORIO Art. 95 Disposizioni generali relative alle condizioni di fattibilita Art Le condizioni di fattibilità rispetto agli aspetti idraulici Art Le prescrizioni rispetto agli aspetti idraulici Art Norme di carattere generale per il miglioramento dell assetto idrografico Art Le condizioni di fattibilità rispetto agli aspetti geomorfologici/geotecnici Art Le prescrizioni rispetto agli aspetti geomorfologici/geotecnici Art Le condizioni di fattibilità rispetto agli aspetti sismici Art Le condizioni di fattibilità rispetto agli aspetti sismici 4

5 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Contenuti del Regolamento urbanistico 1. Il Regolamento urbanistico (R.U.), redatto ai sensi della L.R. n. 1/2005, disciplina l'attività urbanistica ed edilizia per il territorio comunale, attuando e precisando la strategia dello sviluppo sostenibile delineata nel Piano Strutturale (P.S.). 2. Il Regolamento urbanistico attua le disposizioni del vigente P.S. ed ha per oggetto il territorio comunale di Viareggio ad esclusione delle aree ricomprese all interno del Parco Regionale Migliarino S. Rossore Massaciuccoli. 3. Il Regolamento urbanistico disciplina ai sensi dell art. 55 della L.R. n.1/2005: a) la gestione degli insediamenti esistenti; b) le trasformazioni degli assetti insediativi, infrastrutturali ed edilizi del territorio. 4. Durante il processo di formazione del Regolamento urbanistico il Comune di Viareggio ha emanato apposito avviso pubblico per mezzo del quale i soggetti interessati sono stati invitati a presentare proposte o progetti per la redazione del R.U. nel rispetto degli obiettivi ed indirizzi derivanti dal Piano Strutturale. Art. 2 - Parco Regionale Migliarino S. Rossore Massaciuccoli 1. I territori rientranti nella perimetrazione del Parco Regionale sono sottoposti al regime del Piano del Parco e dei Piani di Gestione. 2. I piani attuativi relativi alle aree esterne sono redatti d intesa tra il Comune e l Ente Parco ai sensi della vigente legislazione. 3. Il Regolamento urbanistico precisa inoltre i criteri e gli indirizzi dei piani attuativi delle aree esterne al Parco regionale di Migliarino S. Rossore Massaciuccoli per quanto di competenza del Comune. 4. Ai fini della determinazione delle fasce di rispetto stradale le zone di recupero edilizio- urbanistico funzionale sono assimilate ai centri abitati. Art. 3 Efficacia e Validità del Regolamento Urbanistico Norme di Salvaguardia 1. Le prescrizioni ed i vincoli contenuti nel Regolamento urbanistico hanno efficacia nei confronti dei soggetti privati e delle Amministrazioni pubbliche, nei limiti previsti dalla Legislazione Comunitaria, nazionale e regionale in materia. 2. Le previsioni e i contenuti vincoli preordinati all esproprio sono dimensionati sulla base del Quadro previsionale strategico (tav. B5) per i cinque anni successivi alla loro approvazione; perdono efficacia nel caso in cui, alla scadenza del quinquennio dall approvazione del regolamento, non siano stati approvati i conseguenti piani attuativi o progetti esecutivi. 3. I piani attuativi di iniziativa privata perdono efficacia allorché entro cinque anni non sia stata stipulata la relativa convenzione ovvero i proponenti non abbiano formato un valido atto unilaterale d obbligo, regolarmente registrato e trascritto, a favore del comune. 5

6 4. Tutti gli interventi realizzati o in corso di realizzazione alla data di adozione del presente atto e che rientrano nel dimensionamento complessivo del R.U. (ovvero interventi previsti in piani adottati dopo la data del ) sono indicati con la sigla anteriore O. Il riferimento a tali interventi è indicato nella tavola denominata A1 Strumenti attuativi in corso. 5. Nelle tav. B1 Destinazione d uso del suolo e modalità d intervento le zone individuate con sigle contraddistinte dall apice P ricadenti all interno del perimetro del P.R.P. sono soggette alla normativa del Piano Regolatore Portuale la cui disciplina costituisce parte integrante del presente R.U.. Art. 4 - Elaborati del Regolamento urbanistico 1. Il Regolamento urbanistico è costituito dai seguenti elaborati: A) Quadro conoscitivo urbanistico 1. Strumenti attuativi in corso, planimetria 1/ n. tav.1 2. Uso e disegno del suolo - n. tav.1 3. Tipologie edilizie, planimetria 1/ n. tav Aree di compromissione, planimetria 1/ n. tav.1 5. Sistema dei servizi e sistema insediativo, planimetria (fuori scala) n. tav.1 6. Censimento fotografico delle aree urbane di impianto storico (Consultabile su DVD) 7. Schedatura del patrimonio edilizio extraurbano (Consultabile su DVD). B) Progetto 1. Destinazione d uso del suolo e modalità d intervento, planimetria 1/ n. tav Limite urbano e fasce di rispetto, planimetria 1/ n. tav.1 3. Schema della circolazione, planimetria 1/ n. tav.1 4. Schema dei percorsi ciclabili e pedonali, planimetria 1/ n. tav.1 5. Quadro previsionale strategico, planimetria 1/ n. tav.2 6. Relazione tecnica 7. Norme tecniche di attuazione: o Parte 1 o Parte 2 o Allegato - Piano Regolatore del Porto: Tav. B.2.a - Norme tecniche di attuazione. C) Studi geologici idraulici 1. Carta della Pericolosità geologica 1/ n. tav.1 2. Carta delle ZM PLS 1/ n. tav.1 3. Carta della Pericolosità sismica 1/ n. tav.1 4. Carta della Pericolosità idraulica 1/ n. tav.1 5. Carta di riferimento delle norme di Piano nel settore rischio idraulico Variante al Piano di Bacino Stralcio Assetto idrogeologico Primo Aggiornamento Dicembre n. tav.1 6. Relazione geologica di fattibilità. D) Programma di intervento per abbattimento barriere architettoniche e urbanistiche E) Valutazione integrata / Valutazione Ambientale Strategia VAS /Valutazione d incidenza Ambientale 1. Relazione di sintesi 2. Rapporto ambientale Relazione di sintesi non tecnica (Art. 24 L.R. 10/2010) 3. Relazione di incidenza ambientale. 6

7 2. Gli elaborati del quadro conoscitivo, gli studi geologici-idraulici, la relazione generale, la relazione di fattibilità e le tavole B.3, B.4 hanno valore di riferimento obbligatorio per gli strumenti attuativi e gli altri strumenti previsti dal Regolamento urbanistico. Ogni strumento urbanistico dovrà pertanto confrontarsi con detti elaborati e giustificare con approfondimenti adeguati eventuali discordanze. 3. Hanno valore prescrittivo i seguenti elaborati di progetto: - B1 - Destinazioni d uso del suolo e modalità di intervento, planimetria 1/ B2 - Limite urbano e fasce di rispetto, planimetria 1/ B5 Quadro Previsionale strategico - Norme tecniche di attuazione (Parte 1, Parte 2, Allegato Piano Regolatore del Porto Tav. B.2.a Norme tecniche di attuazione ). Art. 5 - Valutazione Integrata - Valutazione Ambientale Strategica Valutazione d incidenza 1. La Valutazione integrata rappresenta lo strumento necessario per effettuare una valutazione complessiva degli effetti territoriali, ambientali, sociali ed economici e della salute umana per i piani ed i programmi di competenza comunale. 2. La Valutazione integrata comprende la verifica tecnica di compatibilità all uso delle risorse essenziali del territorio. 3. La Valutazione integrata rappresenta il quadro di riferimento a cui ogni azione di pianificazione dovrà tendere e più precisamente: - lo sviluppo sostenibile delle attività pubbliche e private che incidono sul territorio medesimo; - lo svolgimento di tali attività e l'utilizzazione delle risorse territoriali ed ambientali deve avvenire garantendo la salvaguardia e il mantenimento dei beni comuni e l'uguaglianza di diritti all'uso e al godimento dei beni comuni, nel rispetto delle esigenze legate alla migliore qualità della vita delle generazioni presenti e future. 4. Gli obiettivi della Valutazione integrata prescrivono: - la conservazione, la valorizzazione e la gestione delle risorse territoriali ed ambientali, promovendo, al contempo, la valorizzazione delle potenzialità e delle tendenze locali allo sviluppo; - lo sviluppo di un sistema di città equilibrato e policentrico, promovendo altresì la massima integrazione tra i diversi territori della Regione; - lo sviluppo delle potenzialità della fascia costiera e delle aree agricole nel rispetto delle esigenze di tutela ambientale ad esse peculiari; - l'efficacia dei sistemi dei servizi pubblici e lo sviluppo delle prestazioni da essi derivanti; - la maggiore sicurezza possibile delle persone e dei beni rispetto ai fattori di rischio connessi all'utilizzazione del territorio. 5. La Valutazione integrata è effettuata in più momenti procedurali, a partire dalla prima fase utile delle elaborazioni. Essa deve intervenire, in ogni caso, preliminarmente alla definizione di qualunque determinazione impegnativa, anche al fine di consentire la scelta motivata tra possibili alternative, oltre che per individuare aspetti che richiedano ulteriori integrazioni o approfondimenti. 6. La Valutazione integrata si compone di: - Valutazione iniziale - Relazione di sintesi. 7

8 7. Il Regolamento Urbanistico contiene il Rapporto Ambientale Relazione di sintesi non tecnica elaborato ai sensi dell art. 24 della L.R. n. 10/2010, Norme in materia di valutazione ambientale strategica (VAS), di valutazione di impatto ambientale (VIA) e di valutazione di incidenza. 8. Il Regolamento Urbanistico contiene la Valutazione d incidenza ambientale elaborata ai sensi della L.R. n. 10/2010, Norme in materia di valutazione ambientale strategica (VAS), di valutazione di impatto ambientale (VIA) e di valutazione di incidenza. Art. 6 - Il Quadro Previsionale Strategico 1. Il Quadro Previsionale Strategico (Q.P.S.) è l insieme delle previsioni urbanistiche contenute nel R.U. che prevedono l attuazione da parte di Amministrazioni Pubbliche. 2. Il Q.P.S. contiene tutti gli interventi urbanistici pubblici con l apposizione dei vincoli preordinati all espropriazione ed ha una durata di cinque anni dall approvazione del R.U.. 3. Tali previsioni perdono efficacia nel caso in cui alla scadenza del quinquennio dall approvazione del regolamento o dalla modifica che li contempla, non siano stati approvati i conseguenti piani attuativi o progetti esecutivi. 4. Il vincolo può essere reiterano con delibera di consiglio motivata per ulteriori cinque anni. 5. Le previsioni del Quadro Previsionale Strategico potranno essere attuate attraverso la cessione di aree realizzata tramite i procedimenti espropriativi come disciplinati dal D.P.R. 8 giugno 2001, n 327 o attuata tramite il meccanismo perequativo di cui al Titolo III Capo 2 delle presenti norme. Art. 7 - Rapporto fra Regolamento Urbanistico (R.U.) e Regolamento Edilizio (R.E.) 1. Entro un anno dall adozione del presente R.U., l amministrazione provvederà a coordinare ed adeguare il Regolamento Edilizio, con particolare riguardo per le definizioni di parametri e indici urbanistici. 2. In caso di contrasto delle norme del Regolamento Edilizio prevalgono le indicazioni del Regolamento Urbanistico. 8

9 TITOLO II INVARIANTI STRUTTURALI E TUTELA SOVRAORDINATA Art. 8 - Invarianti strutturali e lo statuto dei luoghi 1. Le invarianti strutturali sono quel complesso di elementi fisici, puntuali, diffusi o categorie di beni insieme alle loro relazioni, la cui trasformazione rappresenta una perdita dei caratteri che determinano lo spirito e la specificità culturale e ambientale del territorio e della sua comunità che per il Comune di Viareggio sono rappresentati da: RETE D ACQUA IL LITORALE AREE VERDI, PINETATE E BOSCATE LA VIABILITA STORICA EDIFICATO DI PARTICOLARE VALORE ARCHITETTONICO, FUNZIONALE E TIPOLOGICO IL PORTO DI VIAREGGIO I BENI TERRITORIALI INTERESSATI DAL REGIME DEGLI USI CIVICI ZONE SOGGETTE ALLA CONVENZIONE DI RAMSAR E ALLE DIRETTIVE 92/43 CEE 79/409 CEE. 2. Lo Statuto dei Luoghi è uno specifico strumento che raccoglie, riconosce e definisce le risorse essenziali, culturali e naturali, al fine di garantire lo sviluppo sostenibile della comunità locale, assicurare uguali potenzialità di crescita del benessere dei cittadini e salvaguardare i diritti delle generazioni presenti e future. Lo statuto dei luoghi individua, definisce e descrive le invarianti strutturali del territorio da sottoporre a tutela. 3. Il P.S. introduce e codifica tre gradi di tutela: a. La Conservazione: ove sia necessario assicurare la permanenza dei caratteri che contraddistinguono l invariante strutturale, da conseguirsi esclusivamente con idonei interventi di manutenzione e di restauro funzionale. b. Il Recupero: ove sia necessario intervenire per ripristinare i livelli di prestazione e di funzione dell invariante strutturale, in coerenza con la specifica funzione individuata dal Piano Strutturale; criterio da conseguirsi anche con parziali interventi di modificazione e trasformazione, che comunque conservino i caratteri e la memoria dell invariante strutturale stessa. c. L Evoluzione: tipologica e funzionale ove risulti necessario prevedere interventi per realizzare, in tutto o in parte, le funzioni previste da un invariante strutturale e per aumentarne la funzionalità e il suo carattere strutturante, introducendo elementi di modificazione e di trasformazione che assicurino e comunque la conformità e la coerenza con i caratteri morfologici, tipologici e funzionali propri dell invariante strutturale. 4. La Rete dell acqua Obiettivi di tutela ed elenco dei beni soggetti a tutela. Gli obiettivi di tutela della Rete dell acqua sono: - Salvaguardia del territorio dal rischio idraulico. - Messa in sicurezza dei territorio e degli abitati dal rischio idraulico. - Efficienza e funzionalità del sistema idrico superficiale. - Valorizzazione e tutela delle caratteristiche paesaggistiche e storico-architettoniche dei corsi d acqua. - Interventi di recupero e valorizzazione favorendo, ove è possibile, interventi di ingegneria naturalistica. - Rinaturalizzazione dei tratti urbani dei canali finalizzata alla creazione di percorsi naturali lungo il corso e navigabili all interno di esso. 9

10 Elenco dei beni soggetti a tutela: - La struttura dei Canali Burlamacca, Farabola e Stiava. - La struttura idrica minore. - Efficienza e funzionalità del sistema superficiale. - Salvaguardie dell Autorità di Bacino Fiume Serchio. - Valorizzazione e tutela delle caratteristiche paesaggistiche e storico-architettoniche dei corsi d acqua. 5. Il Litorale - Obiettivi di tutela ed elenco dei beni soggetti a tutela. Gli obiettivi di tutela del Litorale sono: - Salvaguardia e tutela dell insieme dei beni della Passeggiata e dell arenile. - Conservazione della memoria storica, delle forme architettoniche di valore artistico e monumentale. - La manutenzione e il miglioramento del patrimonio arboreo. - Gli adeguamenti e il miglioramento dell offerta turistica. - Arenile: il R.U. conferma gli interventi previsti dalla strumentazione attuativa e da altri strumenti di settore comunque denominati che devono tendere alla Conservazione. - Passeggiata a mare: è costituita dall insieme degli edifici storici prospicenti, dagli spazi liberi ed a verde e dalla configurazione degli stabilimenti balneari. Il R.U. conferma che tramite specifico Piano attuativo d iniziativa pubblica o Progetto di opera pubblica viene garantita l evoluzione Tipologica e Funzionale. 6. Aree verdi e boscate - Obiettivi di tutela ed elenco dei beni soggetti a tutela. Gli obiettivi per la tutela delle Aree verdi e boscate sono: - Salvaguardia e tutela del patrimonio arboreo. - Implementazione delle aree a verde pubblico come elemento contraddistintivo dell insieme urbano. - Mantenimento e valorizzazione, nonché incremento teso alla realizzazione di percorsi privilegiati che consentano alle persone di fruire delle risorse ambientali e paesaggistiche; - Riequilibrio e riqualificazione degli usi agricoli e del quadro ambientale finalizzati alla sopravvivenza dell attività agricola, che rappresenta una realtà economica consistente e significativa. Elenco dei beni soggetti a tutela: - Pineta di levante e Pineta di ponente: tutela del patrimonio arboreo tramite interventi di recupero. - Filari di alberi: Conservazione. - Alberi Monumentali: Conservazione. - Assetto poderale d impianto storico: gli interventi di tutela vengono previsti nella normativa di settore dei sistemi agricoli tramite interventi di recupero. - Verde pubblico attrezzato e piazze e giardini pubblici: implementazione delle aree a verde pubblico come elemento contraddistintivo dell insieme urbano tramite specifici progetti di opere pubbliche teso anche all evoluzione. 7. Viabilità ed infrastrutture storiche - Obiettivi di tutela ed elenco dei beni soggetti a tutela. Gli obiettivi per la tutela della Viabilità e delle infrastrutture storiche sono: - Salvaguardia e tutela delle direttrici di costituzione degli assetti urbani ed in particolare il recupero della viabilità che dà origine all impianto urbanistico a scacchiera, attraverso la valorizzazione delle emergenze storico ambientali. - Salvaguardia delle direttrici delle mobilità e degli spostamenti. Elenco dei beni soggetti a tutela: - Griglia stradale storica. Tramite la specifica normativa di tutela delle zone A viene garantito il mantenimento e la Conservazione dell impianto storico del centro. 10

11 - S.S. Aurelia: interventi di Recupero. - Via di Montramito: interventi di Recupero. - Linea Ferroviaria Viareggio-Lucca. - Ex tracciato ferrovia torbiere. 8. Edificato di particolare valore - Obiettivi di tutela ed elenco dei beni soggetti a tutela. Gli obiettivi per la tutela dell Edificato di particolare valore sono: - Recupero degli edifici e del complesso storico che compone la città a scacchiera attraverso l estensione della tutela del restauro. Elenco dei beni soggetti a tutela: - Patrimonio edilizio d interesse storico. Il patrimonio edilizio rientra nella zonizzazione urbanistica A. Per ogni singola Utoe o Sistema Territoriale, il presente R.U. individua le modalità di tutela e d intervento. - Per le Chiese e gli Edifici con vincolo monumentale è prevista la Conservazione. Per Edifici privi del vincolo la tutela prevista è il Recupero. - Edifici rurali d interesse storico. I sistemi E1 ed E2 individuano e disciplinano le modalità di tutela di questa categoria di beni. - Ville e palazzi con relative pertinenze e giardini storici. La tutela è la Conservazione tramite specifiche individuazioni. - Per gli immobili contrassegnati dal simbolo Is Invarianti strutturali alberghi (Allegato 6 del P.S.) il grado di tutela è: a. la Conservazione per le strutture soggette al vincolo monumentale e la categoria di intervento è il Restauro; b. l Evoluzione per le restanti strutture con categoria di intervento risultante dalla classificazione del patrimonio edilizio esistente. - Stazioni ferroviarie. Per gli edifici soggetti al vincolo monumentale la tutela è assicurata tramite interventi di Conservazione. 9. Il Porto di Viareggio Riguarda il sistema delle darsene e degli specchi d acqua, le aree destinate alla cantieristica, alla pesca ed alle attività collegate all economia del mare. Il porto di Viareggio è classificato come porto di II categoria, II classe, II serie. Il P.R. del Porto è stato approvato con Delibera del C.R.T. n. 26 del 14 febbraio 2007 ai sensi della L. n. 84 del Le destinazioni, le prescrizioni e le raccomandazioni contenute nella disciplina speciale del P.R.P. sono parte integrante del presente documento e vengono allegate alle presenti norme (Allegato - Piano Regolatore del Porto: Tav. B.2.a - Norme tecniche di attuazione ). 10. Beni territoriali interessati dal regime degli usi civici Per 'uso civico' si intende il diritto che gruppi di persone come una collettività di abitanti di un comune o di una sua frazione, ma anche una collettività di altro tipo come associazioni o gruppi riconosciuti, esercitano su terreni appartenenti a privati, oppure, ad enti territoriali od associativi di vario genere. Tali beni sono soggetti al vincolo paesaggistico. Fanno parte della disciplina degli usi civici i beni rientranti nella disciplina di cui alla legge n.1766 del 1927 (Usi Civici) e successive integrazioni e modifiche non rientranti nella perimetrazione del P.T.C. del Parco. In attesa di una regolamentazione legislativa regionale si rimanda alla tavola (Tavola 2.1.c) degli usi civici allegata al Piano Strutturale e all art. 20 delle Norme allegate. Art. 9 - Aree protette 1. Le Aree Protette, costituiscono una rete di zone naturali protette dell UE istituite nel quadro della Direttiva Habitat 43/92/CEE, il cui scopo è quello di garantire il mantenimento o il ripristino dei tipi di 11

12 habitat naturali e degli habitat di specie in soddisfacente stato di conservazione, come definito dall art. 3 della direttiva stessa. La rete oltre a comprendere una serie di habitat importanti e in pericolo, include anche i siti già designati ai sensi della Direttiva sugli uccelli selvatici 79/409/CEE. 2. La rete ecologica europea è costituita da: - Proposte di Siti di Importanza Comunitaria (psic) - Zone di Protezione Speciale, (ZPS) - Siti i Interesse Regionale (SIR) - Siti di Interesse Nazionale (SIN). 3. Elenco delle Aree Protette presenti nel Comune di Viareggio: Nome CodNat Tipologia Comuni interessati Estensione (ha) Macchia lucchese IT SIR - psic - ZPS LU: Viareggio Lago e Padule di IT SIR - psic - ZPS LU:Viareggio Massarosa; Massaciuccoli Dune litoranee di Torre del Lago IT SIR - psic - ZPS PI: Vecchiano LU: Viareggio. PI: Vecchiano Art Beni Paesaggistici 1. Si tratta dei beni vincolati ai sensi dell art. 136 del D. Lgs 42/2004 per i quali si applicano i disposti normativi dell art. 2 - Immobili e aree dichiarate di notevole interesse pubblico del Capo 2B del PIT. 2. I progetti di tutti gli interventi ammessi dal R.U. dovranno prendere in esame gli elementi di valore riportati nelle Schede relative a tali ambiti contenute nella Sezione 4 dell area A 21 Versilia del PIT. Art Beni Culturali 1. Sono i beni vincolati in base all art. 10 del D.lgs 42/2004 e oggetto di notifica. Per questi beni valgono le prescrizioni del presente R.U. in relazione agli interventi di conservazione come disciplinati all articolo Gli interventi ammessi sui beni di cui al presente articolo sono sottoposti al parere preventivo della Sovrintendenza competente ai sensi del D.lgs 42/

13 TITOLO III STRUMENTI E PROCEDURE CAPO I MODALITA E STRUMENTI DI ATTUAZIONE Art Strumenti di attuazione 1. Il Regolamento Urbanistico si attua tramite: - interventi diretti; - interventi diretti convenzionati; - piani attuativi; - progetto unitario convenzionato, secondo le indicazioni di cui all art. 17; - progetti di opere pubbliche e con tutti gli altri strumenti previsti dalle presenti norme, da leggi e regolamenti vigenti che concorrono a determinare l uso e l assetto dei suoli e degli edifici. 2. Le aree soggette a Piani attuativi o ad interventi diretti convenzionati sono singolarmente disciplinate nell allegato alla Parte 2 delle presenti norme denominato Schede degli interventi. 3. I piani attuativi sono: - il Programma Aziendale Pluriennale di Miglioramento Agricolo-Ambientale di cui all art. 42 della L.R. 3/1/2005 n. 1 nei casi previsti dalle presenti norme; i piani attuativi di cui al Titolo V Capo IV della L.R. 3/1/2005 n. 1. Art Piani di settore di competenza Comunale 1. Il Regolamento urbanistico assume le indicazioni provenienti dai seguenti piani di settore vigenti: a) Piano della Sosta Controllata nel Centro Città; b) Piano di Classificazione Acustica (L.R. 89/98 e L.R. 67/2004); c) Piano e regolamento comunale per l esercizio del commercio su aree pubbliche; d) Piano forestale di gestione delle pinete comunali; e) Piano dei Cimiteri; f) Piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari; g) Piano dei distributori Carburanti; h) Piano di localizzazione impianti telefonia mobile; i) Piano Abbattimento Barriere Architettoniche. Art Piani e Politiche per l edilizia residenziale pubblica e sociale 1. Il Regolamento urbanistico prescrive la dotazione obbligatoria del Piano per l Edilizia Economica e Popolare nonché delle relative opere di urbanizzazione (ai sensi della L. 18 aprile 1962, n Disposizioni per favorire l'acquisizione di aree fabbricabili per l'edilizia economica e popolare). 2. Considerato il periodo di validità del R.U., il Piano per l Edilizia Economica e Popolare sarà suddiviso in due fasi, corrispondenti a due R.U.. 3. Le aree da includere nei piani sono scelte tra quelle destinate nel Regolamento urbanistico ad edilizia residenziale con le seguenti priorità e criteri: prevalenza delle aree pubbliche e/o di enti e società pubbliche; priorità degli interventi nelle aree soggette a trasformazione urbanistica e di riqualificazione urbanistica e ambientale. 13

14 4. Il Piano dovrà privilegiare l edilizia sostenibile prescrivendo, fra l altro, norme per il contenimento energetico. 5. Il Piano dovrà promuovere e incentivare tipologie edilizie e forme di abitare innovative capaci di conciliare adeguate prestazioni con bassi costi di costruzione. 6. Il Piano dovrà prevedere il soddisfacimento delle diverse forme di edilizia sociale previste dalle normative vigenti. Art Piani Attuativi 1. Il Regolamento urbanistico definisce con particolare simbologia grafica e codici numerici le aree sottoposte a specifici piani attuativi ad eccezione dei Piani di recupero, laddove ammessi dalla presente normativa e quelli derivanti da Programmi Aziendali Pluriennali di Miglioramento Agricolo Ambientale. 2. I piani attuativi costituiscono strumenti urbanistici di dettaglio di attuazione del Regolamento urbanistico. 3. Il piano regolatore portuale costituisce atto di governo del territorio di competenza del comune e attua le previsioni della pianificazione territoriale approvata. 4. Il contenuto dei piani attuativi è quello stabilito dalla normativa regionale ed in specifico sono disciplinati dal Capo IV, sezione I (Norme comuni per i piani attuativi) e sezione II (Piani attuativi particolari) della L.R. 1/2005, nonché, per quanto riguarda la validità dei vincoli preordinati all espropriazione, dall art. 55, punto 6 della stessa legge. 5. I Piani attuativi possono essere di iniziativa Pubblica o di iniziativa Privata. 5.1 I Piani attuativi di iniziativa Pubblica sono: - Piano Particolareggiato - Piano di Edilizia Economica e Popolare - Piano per Insediamenti Produttivi - Piano di Recupero del patrimonio edilizio esistente - Programmi complessi di riqualificazione insediativi a prevalente intervento pubblico. 5.2 I Piani attuativi di iniziativa Privata sono: - Piano di Lottizzazione - Piano di Recupero del patrimonio edilizio esistente - Programmi complessi di riqualificazione insediativi. 6. I Piani Attuativi conformi alle previsioni del Regolamento urbanistico sono approvati con le seguenti procedure: a. dopo l'adozione il piano attuativo è trasmesso in copia alla provincia ed è depositato senza ritardo nella casa comunale per quarantacinque giorni, durante i quali chiunque ha facoltà di prenderne visione e presentare osservazioni; b. del deposito è data notizia mediante pubblicazione di apposito avviso sul Bollettino ufficiale della Regione; c. mediante la trasmissione dei relativi atti, alla provincia è data notizia dell'adozione del piano attuativo e del relativo deposito così come dell'atto di approvazione; d. decorsi i termini di cui al punto a), la giunta comunale approva il piano attuativo motivando le determinazioni assunte in relazione alle osservazioni presentate; e. il piano attuativo è efficace dalla pubblicazione dell'avviso di approvazione sul Bollettino 14

15 ufficiale della Regione. 4. I piani non conformi alle previsioni del Regolamento urbanistico costituiscono varianti al medesimo seguendo pertanto l iter amministrativo delle varianti al Regolamento urbanistico. Art Contenuti dei piani attuativi 1. I piani attuativi contengono: - i progetti delle opere d urbanizzazione primaria e secondaria; - l indicazione delle masse e delle altezze delle costruzioni lungo le strade e piazze; - la determinazione degli spazi riservati ad opere od impianti di interesse pubblico; - l identificazione degli edifici destinati a demolizione o ricostruzione ovvero soggetti a restauro o a bonifica edilizia; - l individuazione delle suddivisioni degli isolati in lotti fabbricabili secondo la tipologia indicata nel piano; - il dettaglio, mediante l indicazione dei relativi dati catastali, delle eventuali proprietà da espropriare o da vincolare secondo le procedure e modalità delle leggi statali e dell articolo 66 della L.R. 1/2005; - la specificazione della profondità delle zone laterali a opere pubbliche, la cui occupazione sia necessaria per integrare le finalità delle medesime opere e per soddisfare prevedibili esigenze future; - ogni altro elemento utile a definire adeguatamente gli interventi previsti ed il loro inserimento nel contesto di riferimento. 2. Il piano attuativo è inoltre corredato: - dal quadro conoscitivo di riferimento; - dalla normativa tecnica di attuazione; - dalla relazione illustrativa; - da una relazione di fattibilità. 3. Per la realizzazione degli interventi dei piani attuativi per i quali è ammessa l iniziativa privata, i proprietari rappresentanti la maggioranza assoluta del valore dei beni calcolata in base all imponibile catastale, ricompresi nel piano attuativo, hanno titolo a costituire il consorzio per la presentazione al comune delle proposte di realizzazione dell intervento e del conseguente schema di convenzione. 4. Il comune invita i proprietari non aderenti al consorzio di cui al comma 1 ad attuare le indicazioni del piano mediante l adesione alla convenzione, assegnando un temine non inferiore a sessanta giorni. Decorso inutilmente il termine assegnato, il comune procede a diffidare gli stessi, assegnando un termine non inferiore a trenta giorni. La procedura descritta deve essere completata entro il termine massimo di centottanta giorni. 5. Decorso senza esito il termine di cui al comma 2, rientrano tra i beni soggetti ad espropriazione di cui all articolo 65, comma 3 della L.R. 1/2005, gli immobili dei proprietari non aderenti al consorzio. Art. 17 Progetto unitario convenzionato 1. E ammessa, in alternativa ai piani attuativi di cui agli artt. 15 e 16 delle presenti NTA, la presentazione di un Progetto unitario convenzionato, riferito all intera area individuata dal R.U., da sottoporre all approvazione da parte dell Amministrazione Comunale nei seguenti casi: - nelle aree individuate nelle schede degli interventi (Parte II NTA) laddove specificatamente 15

16 previsto; - nelle aree, non individuate nelle schede di cui sopra, per le quali è ammessa la ristrutturazione urbanistica. 2. Il progetto unitario convenzionato consente il rilascio dei relativi permessi di costruire o altri titoli abilitativi comunque denominati, previa approvazione in sede di Consiglio Comunale del progetto e successiva stipula della relativa convenzione che disciplina i rapporti tra i soggetti attuatori e l Amministrazione Comunale, convenzione che deve prevedere: - l impegno alla cessione gratuita delle aree necessarie alla viabilità pubblica ed agli spazi pubblici in misura prevista dal presente piano; - altri impegni contrattuali che il soggetto attuatore assume verso l amministrazione comunale; - alla realizzazione diretta delle opere di urbanizzazioni necessarie a rendere agibile l intervento edilizio. 3. Il procedimento di approvazione e realizzazione delle opere di urbanizzazione è disciplinato dall art. 80 delle presenti norme di attuazione. 4. Il contenuto del Progetto unitario convenzionato dovrà rispettare le indicazioni relative ai piani attuativi di cui all art. 16 delle presenti NTA. Art Permesso di Costruire Convenzionato 1. Il Permesso di Costruire Convenzionato è lo strumento d intervento diretto con il quale il soggetto attuatore sottoscrive una convenzione urbanistica con l amministrazione Comunale in cui si impegna: - alla cessione gratuita delle aree necessarie alla viabilità pubblica ed agli spazi pubblici in misura prevista dal presente piano; - altri impegni contrattuali che il soggetto attuatore assume verso l amministrazione comunale; - alla realizzazione diretta delle opere di urbanizzazioni necessarie a rendere agibile l intervento edilizio. 2. Il procedimento di approvazione e realizzazione delle opere di urbanizzazione è disciplinato dall art. 80 delle presenti norme di attuazione. Art Interventi diretti 1. Sono gli interventi previsti dalla vigente normativa in materia di edilizia che non necessitano di approvazione di piani e programmi. 2. Gli interventi diretti sono soggetti: - Permesso di Costuire - P.d.C. ai sensi dell art. 78 della L.R. 1/ Denuncia Inizio attività - D.I.A. ai sensi dell art. 79 comma 1 lettera a) della L.R. 1/2005 (c.d. superdia) - Segnalazione certificata di inizio attività - S.C.I.A. ai sensi art.79 L.R.1/2005 ad esclusione degli interventi di cui al punto precedente - Attività edilizia libera ai sensi dell art.6 del DLgs n. 380/2001 e successive integrazioni. Art. 20 Verifica dimensionale delle Schede degli interventi 1. La delimitazione delle aree da sottoporre a Piano attuativo, Progetto Unitario Convenzionato o 16

17 P.d.c. Convenzionato potrà subire una variazione, in termini di superficie, fino al 5% rispetto a quella individuata negli elaborati grafici e nelle normativa NTA Parte 2 - Schede degli interventi del Regolamento urbanistico per l adeguamento alla configurazione reale dei luoghi o ai confini catastali senza che ciò comporti variante al regolamento stesso. 2. La Sul derivante dalla superficie territoriale dell area in applicazione degli indici previsti per l area stessa non potrà subire variazioni in seguito alla diversa delimitazione dell area come sopra descritto. 3. In sede di presentazione di Piano attuativo dovrà essere verificata l eventuale Sul esistente assentita ai fini dell applicazione del cosiddetto credito edilizio di cui al successivo art. 24 delle presenti N.t.a.. 4. In caso di contrasto tra Sul esistente assentita e Sul esistente indicata nelle Schede degli interventi sono specificate le seguenti condizioni: 4.1 comparti di perequazione urbanistica: potrà subire variazione la ripartizione tra Sul di spettanza del soggetto privato e del soggetto pubblico; nel caso di aree di perequazione urbanistica extracomparto questa variazione potrà modificare l eventuale superficie di cessione di aree esterne al comparto; 4.2. comparti edificatori non perequativi: la Sul massima potrà subire variazioni esclusivamente in ragione della Sul derivante dal credito edilizio. 5. In sede di presentazione di Piano attuativo o Progetto Unitario Convenzionato l operatore dovrà, oltre a documentare la Sul esistente assentita, indicare, in relazione all area interessata, le nuove ripartizioni tra Sul di spettanza del soggetto privato e del soggetto pubblico, l eventuale modifica della cessione di aree esterne al comparto o, nel caso di piani non perequativi, la variazione della Sul massima prevista. Art Destinazione uso degli immobili 1. Le destinazioni d uso del Regolamento urbanistico in riferimento a quanto definito dalla normativa regionale per i beni immobili sono: a) residenziale; b) industriale e artigianale; c) commerciale; d) turistico-ricettiva; e) direzionale; f) di servizio; g) commerciale all ingrosso e depositi; h) agricola e funzioni connesse ai sensi di legge. 2. Sono stabilite, le corrispondenze tra le seguenti categorie di utilizzazioni e/o ad esse assimilabili e le destinazioni d uso di cui all art. 59 della L.R. 1/05. Residenziale Industriale e artigianale Abitazioni ordinarie. Abitazioni specialistiche. Abitazioni collettive. Artigianato di produzione di beni artistici o connessi con le persone e le abitazioni. Artigianato di servizio. Artigianato e industria di produzione di beni vari. Ricovero, manutenzione, riparazione e noleggio di veicoli 17

18 Commerciale Commercio all ingrosso e depositi Turistico-ricettive Direzionali Di Servizio terrestri su gomma. Cantieristica minore ricovero, manutenzione, riparazione rimessaggio e noleggio di piccole imbarcazioni. Cantieristica maggiore. Cantieristica con produzioni ad alto contenuto tecnologico. Zootecnia di carattere industriale. Acquacoltura di carattere industriale. Attività produttive agro-industriali. Attività estrattive: attività estrattive di combustibili solidi, liquidi e gassosi. Attività estrattive di altri minerali. Attrezzature tecnologiche a scopo produttivo-commerciale Raccolta, depurazione e distribuzione d acqua: captazione, adduzione e distribuzione d acqua potabile; captazione, adduzione e distribuzione d acqua non potabile. Esercizi di vicinato e servizi di pertinenza degli esercizi. Medie e grandi strutture di vendita, centri commerciali. Esercizi di somministrazione alimenti e bevande e servizi di pertinenza. Commercio al dettaglio carburanti. Strutture ricreative: teatri, cinematografi, locali di spettacolo, sale di ritrovo e da gioco, locali da ballo, grandi strutture di intrattenimento. Impianti scoperti e coperti per la pratica sportiva a scopo e commerciale. Mobilità meccanizzata: spazi di sosta, autorimesse, a scopo commerciale. Commercio al dettaglio ambulante in aree pubbliche. Commercio all ingrosso: esercizi commerciali all ingrosso; centri commerciali all ingrosso; mercati all ingrosso, Magazzini. Depositi a cielo aperto, esposizioni merceologiche. Alberghi, villaggi albergo, Residenze turistico-albergbiere. Campeggi e villaggi turistici. Aree di sosta attrezzate per roulotte e caravan. Parchi di vacanza. Case per ferie, ostelli. Esercizi di affittacamere, case e appartamenti per vacanze, Stabilimenti balneari e spiagge attrezzate. Attività direzionali. Uffici aperti al pubblico. Uffici privati e studi professionali. Poliambulatori. Ambulatori e centri di primo soccorso. Cliniche e ambulatori veterinari; ricoveri per animali. Centri di calcolo. Uffici giudiziari. Servizi educativi per la prima infanzia, scuole materne. Scuole primarie, scuole secondarie inferiori. Scuole secondarie superiori, scuole di formazione e di 18

19 perfezionamento professionale. Università. Centri di ricerca. Musei, sedi espositive. Biblioteche, archivi. Centri congressuali polivalenti. Strutture associative. Impianti scoperti e coperti per la pratica sportiva non a scopo commerciale, maneggi. Impianti per lo spettacolo sportivo. Impianti per attività ricreative ed espositive temporanee. Parchi urbani. Strutture religiose. Ospedali, cliniche, case di cura. Ospedali diurni ed altre strutture diurne. Attrezzature cimiteriali. Attrezzature militari. Caserme. Sedi carcerarie ed assimilabili. Mobilità pedonale: percorsi pedonali; percorsi ciclabili. Mobilità meccanizzata: parcheggi di scambio e di relazione, spazi di sostai autorimesse, non a scopo commerciale, percorsi carrabili. Mobilità meccanizzata: autostazioni. Mobilità ferroviaria: percorsi ferroviari. Stazioni e fermate ferroviarie, scali e attrezzature ferroviarie Mobilità tramviaria: percorsi tramviari; fermate. Mobilità acquea: percorsi acquei; spazi d ormeggio; spazi d ormeggio attrezzati, impianti portuali marittimi. Mobilità aerea: aeroporti; altre attrezzature aeroportuali. Attrezzature tecnologiche non a scopo produttivocommerciale. Agricola e attività ad essa connesse Ordinaria coltivazione del suolo. Attività selvicolturali. Attività di pascolo. Zootecnia: zootecnia di carattere familiare; zootecnia di carattere aziendale od interaziendale. Acquacoltura di carattere aziendale od interaziendale. Attività connesse con l agricoltura e/o l acquacoltura aziendali od interaziendali. Abitazioni rurali. Agriturismo. 19

20 CAPO II - PEREQUAZIONE URBANISTICA ED INDICI EDIFICATORI Art La perequazione urbanistica - definizioni 1. Il R.U. di Viareggio, in determinate aree, attua la perequazione urbanistica, ossia l equa distribuzione, fra i proprietari dei terreni e degli immobili interessati dalle trasformazioni urbane, dei vantaggi delle trasformazioni stesse in forma di diritti edificatori, e degli oneri correlati derivanti dalla realizzazione della parte pubblica della città e delle relative dotazioni territoriali. 2. L applicazione della perequazione urbanistica non riguarda tutto il territorio comunale, ma soltanto le aree così identificate: - TR (Aree di trasformazione urbanistica da recupero a prevalente destinazione residenziale art. 46 del R.U.). - TN (Aree di nuovo impianto a prevalente destinazione residenziale art. 49 del R.U.). La perequazione urbanistica non si applica nei seguenti casi: a. Dimensione del lotto, al momento dell adozione del R.U., inferiore a mq 5.000; b. Aree oggetto di avvio del procedimento, relativo a piani o a varianti al P.R.G. vigente. 3. Il R.U. riconosce, nelle aree di Perequazione urbanistica, il Credito Edilizio ovvero la quantificazione delle volumetrie assentite da demolire. 4. Il R.U. individua nella tav. B5 (Quadro previsionale strategico), come disciplinato dall art. 6, le zone da cedere al Comune di Viareggio esterne all area edificatoria. Art La perequazione urbanistica indici edificatori Definizione di SUL 1. Il R.U. stabilisce, per ogni UTOE ed in base agli indici di Piano Strutturale, le quantità massime di edificazione spettanti ai terreni sottoposti al regime di Perequazione urbanistica. 2. Gli indici edificatori sono stabiliti in Sul/St (Superficie utile lorda/superficie territoriale) in base ai seguenti indici prescritti nelle UTOE dal Piano strutturale: UTOE indice Territoriale (IT) > 1,8 mq/ mc corrisponde a Iut = 0,45 mq/ mq UTOE indice Territoriale (IT) = 1,5 mq/ mc corrisponde a Iut = 0,40 mq/ mq UTOE indice Territoriale (IT) < 1,5 mq/ mc corrisponde a Iut = 0,35 mq/ mq 3. L Indice di utilizzazione territoriale (Iut) indica la Sul (Superficie utile lorda) massima realizzabile per ogni mq di Superficie territoriale (St). 4. L indice territoriale privato (Ip) è misurato nella quota pari al 60% dell indice di utilizzazione territoriale (Iut). Art La perequazione urbanistica i meccanismi e le procedure 1. Le aree soggette a perequazione urbanistica sono suddivise in aree a perequazione intracomparto e aree a perequazione extracomparto (a distanza). 2. Il Credito edilizio (Ce) viene riconosciuto in entrambe le tipologie di perequazione ed è calcolato come quota pari al 20% della Sul assentita esistente sull area oggetto dell intervento di trasformazione. 2.1 Il Credito edilizio viene misurato in mq di Sul. 20

COMUNE DI MONTESCUDAIO REGOLAMENTO URBANISTICO

COMUNE DI MONTESCUDAIO REGOLAMENTO URBANISTICO COMUNE DI MONTESCUDAIO REGOLAMENTO URBANISTICO Variante di manutenzione con procedura semplificata ai sensi art. 30 L.R. 65/14 Responsabile del procedimento: Arch. Paola Pollina Responsabile Area Tecnica

Dettagli

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella DELIBERA 1. DI ADOTTARE la variante parziale al P.S.C. consistente nella modifica delle classificazioni delle aree Bertanella (tav. 2) e Golf (tav. 1B) e della normativa (artt. 6.10 6.10 bis 6.19-7.4.4);

Dettagli

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione del Piano dei Servizi Il Piano dei Servizi è lo strumento di pianificazione comunale che ha le finalità di assicurare una

Dettagli

COMUNE DI LIMENA. Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i.

COMUNE DI LIMENA. Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i. COMUNE DI LIMENA Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i. Approvate con la deliberazione di C.C. n. 33 del 28.09.2011

Dettagli

PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE 1 INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.6 ART.7 PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE RIFERIMENTI NORMATIVI MODALITÀ DI ESECUZIONE DELLE ATTREZZATURE PUBBLICHE E DI INTERESSE PUBBLICO

Dettagli

Il Vicepresidente GELLI

Il Vicepresidente GELLI 10 14.2.2007 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 Art. 25 Entrata in vigore 1. Il presente regolamento entra in vigore novanta giorni dopo la sua pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della

Dettagli

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI Comune di Cisano B.sco Piano dei Servizi Disciplina degli interventi COMUNE DI CISANO BERGAMASCO DISCIPLINA DEL PIANO DEI SERVIZI DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

( testo attuale e modificato)

( testo attuale e modificato) C O M U N E d i C R E S P I N A Servizi al Territorio Variante al Regolamento Urbanistico - Modifica alle Norme Tecniche di Attuazione relative agli impianti e aree cimiteriali ( articoli 61 e 66 ) ( testo

Dettagli

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE N. 96 del 15 ottobre 2009

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE N. 96 del 15 ottobre 2009 LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 08-10-2009 REGIONE MARCHE Interventi della Regione per il riavvio delle attività edilizie al fine di fronteggiare la crisi economica, difendere l occupazione, migliorare la sicurezza

Dettagli

DIREZIONE URBANISTICA

DIREZIONE URBANISTICA DIREZIONE URBANISTICA LE VERIFICHE DI CONFORMITA URBANISTICO - EDILIZIA IN REGIME DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO (Deliberazione Consiglio comunale nr. 13/2014) SCHEDA INFORMATIVA

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo 1. L area disciplinata dal presente Piano Particolareggiato è quella perimetrata nella cartografia del R.U. vigente nel Comune di Colle VE ed identificata

Dettagli

Art. 1 Ambito di applicazione ed Obbiettivi. Piano regolatore generale; 3. L UT è suddivisa in due parti: la 7.9a è la zona di

Art. 1 Ambito di applicazione ed Obbiettivi. Piano regolatore generale; 3. L UT è suddivisa in due parti: la 7.9a è la zona di Corsivo Blu = Aggiunte Barrato Rosso = Eliminazioni Art. 1 Ambito di applicazione ed Obbiettivi 1. La variante generale ha come ambito di intervento il Piano Attuativo Unitario approvato con deliberazione

Dettagli

Regolamento Urbanistico. NTA - Norme tecniche d attuazione. Comune di Montemurlo

Regolamento Urbanistico. NTA - Norme tecniche d attuazione. Comune di Montemurlo Regolamento Urbanistico Comune di Montemurlo Provincia di Prato PR Variante n.9 per la trasformazione di alcune aree del territorio Adozione 02 NTA - Norme tecniche d attuazione Adozione articoli modificati

Dettagli

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA Il Servizio Edilizia privata si occupa di atti abilitativi e di controllo sui lavori edili eseguiti da parte di privati ed imprese su tutto il territorio cittadino, suddiviso

Dettagli

PROGETTO DI LEGGE N. 0392. di iniziativa del Presidente della Giunta regionale

PROGETTO DI LEGGE N. 0392. di iniziativa del Presidente della Giunta regionale REGIONE LOMBARDIA VIII LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 15996 PROGETTO DI LEGGE N. 0392 di iniziativa del Presidente della Giunta regionale Azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Committente: Ferrari Vittorio e Rebellato Maria Bertilla Via

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE REGIONE LOMBARDIA COMUNE DI PALESTRO (PROVINCIA DI PAVIA) PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE N. rev. Data: Redatto Controllato Approvato Data 1 12.04.10 SG FL

Dettagli

COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO

COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO PRATICA EDILIZIA N. AL RESPONSABILE DELL UFFICIO TECNICO DEL COMUNE DI CERRO AL LAMBRO Piazza Roma, 11 20070 Cerro al Lambro (MI) DENUNCIA

Dettagli

Proposta di legge regionale NORME PER IL GOVERNO DEL TERRITORIO

Proposta di legge regionale NORME PER IL GOVERNO DEL TERRITORIO Proposta di legge regionale NORME PER IL GOVERNO DEL TERRITORIO Sommario Norme per il governo del territorio NORME PER IL GOVERNO DEL TERRITORIO Sommario Preambolo Titolo I - Disposizioni generali Capo

Dettagli

166 mq x 110,10 /mq = 18.277,00 (diciottomiladuecentosettantasette/00)

166 mq x 110,10 /mq = 18.277,00 (diciottomiladuecentosettantasette/00) III SETTORE - USO ED ASSETTO DEL TERRITORIO SERVIZIO URBANISTICA TERRITORIO E AMBIENTE Allegato OGGETTO: Inquadramento urbanistico e stima di un area a Fellegara in Via del Cristo identificata al Catasto

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI AMB/SDL/2005/000 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione della Riserva Naturale Orientata Regionale Palude del Conte e duna costiera 1 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione della Riserva Naturale Orientata

Dettagli

Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana

Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana Laboratorio di Urbanistica 1 Titolarità del Laboratorio: Simone Ombuen Anno accademico 2012-2013 secondo semestre Modulo Diritto (4 cfu) Docente:

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

POLO MOTORISTICO DI VALLELUNGA-CAMPAGNANO PSM 11 - Programma di Fattibilità

POLO MOTORISTICO DI VALLELUNGA-CAMPAGNANO PSM 11 - Programma di Fattibilità Dipartimento XII Innovazione e Impresa Servizio II POLO MOTORISTICO DI VALLELUNGA-CAMPAGNANO PSM 11 - Programma di Fattibilità M05 Documento Normativo PROVINCIATTIVA s.p.a. DICEMBRE 2011 Introduzione Il

Dettagli

REGIONE MARCHE. Legge regionale 8 ottobre 2009, n. 22 1

REGIONE MARCHE. Legge regionale 8 ottobre 2009, n. 22 1 REGIONE MARCHE Legge regionale 8 ottobre 2009, n. 22 1 INTERVENTI DELLA REGIONE PER IL RIAVVIO DELLE ATTIVITÀ EDILIZIE AL FINE DI FRONTEGGIARE LA CRISI ECONOMICA, DIFENDERE L'OCCUPAZIONE, MIGLIORARE LA

Dettagli

richiesta di valutazione preventiva ai sensi dell'art.16 della L.R. 31/02

richiesta di valutazione preventiva ai sensi dell'art.16 della L.R. 31/02 Comune di Monterenzio Provincia di Bologna Area Servizi Tecnici Piazza Guerrino De Giovanni, 1 40050 Monterenzio telefono 051 929002 fax 0516548992 e-mail ediliziaprivata@comune.monterenzio.bologna.it

Dettagli

COMUNE di MONTECARLO

COMUNE di MONTECARLO S.C.I.A. n : COMUNE di MONTECARLO Provincia di Lucca Spazio riservato all ufficio DICHIARAZIONE DI ASSEVERAMENTO PER S.C.I.A. RELATIVA A INTERVENTI STRAORDINARI SUGLI IMMOBILI ESISTENTI - L.R. 24/09 Art.79

Dettagli

VARIANTE 3/2012 AZIENDA A RISCHO D'INCIDENTE RILEVANTE NORME DI ATTUAZIONE PS 1 COMUNE DI CESENA VARIANTE GENERALE. Stralcio

VARIANTE 3/2012 AZIENDA A RISCHO D'INCIDENTE RILEVANTE NORME DI ATTUAZIONE PS 1 COMUNE DI CESENA VARIANTE GENERALE. Stralcio COMUNE DI CESENA PRG Settore Programmazione 2000 Urbanistica VARIANTE GENERALE VARIANTE 3/2012 AZIENDA A RISCHO D'INCIDENTE RILEVANTE NORME DI ATTUAZIONE Stralcio PS 1 Progettisti Anna Maria Biscaglia

Dettagli

LE NUOVE REGOLE LA LEGGE SUL GOVERNO DEL TERRITORIO

LE NUOVE REGOLE LA LEGGE SUL GOVERNO DEL TERRITORIO LE NUOVE REGOLE LA LEGGE SUL GOVERNO DEL TERRITORIO Il territorio agricolo Forte dei Marmi, 15 dicembre 2014 Arch. Antonino Gandolfo Responsabile del Settore Assetto del Territorio Comune di Montespertoli

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

Disposizioni di attuazione. Testo modificato in seguito all accoglimento totale e/o parziale delle osservazioni pervenute dopo l adozione

Disposizioni di attuazione. Testo modificato in seguito all accoglimento totale e/o parziale delle osservazioni pervenute dopo l adozione Disposizioni di attuazione Testo modificato in seguito all accoglimento totale e/o parziale delle osservazioni pervenute dopo l adozione settembre 2008 maggio 2009 aggiornato giugno 2009 Versione 19.05.2009

Dettagli

COMUNE DI CELLINO SAN MARCO

COMUNE DI CELLINO SAN MARCO COMUNE DI CELLINO SAN MARCO Provincia di Brindisi REGOLAMENTO COMUNALE DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO RELATIVO AI PERMESSI DI COSTRUIRE E ALLE DENUNCE DI INIZIO ATTIVITA, NONCHE ALLE SANATORIE EX LEGGE

Dettagli

CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE:

CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE: scheda N 1 loc. PIEDIMONTE / COMPARTO 46 R CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE: Realizzazione di manufatti con destinazione artigianale/industriale/direzionale per una S.U.L. complessiva di mq 4.000 e una volumetria

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ARTICOLO 2 DEFINIZIONI

ATTO DI INDIRIZZO ARTICOLO 2 DEFINIZIONI ATTO DI INDIRIZZO PER I PROCEDIMENTI DI COMPETENZA COMUNALE DEFINITI DAGLI ARTICOLI 4, 5, 6 bis, 7, 8, 9 E 11 bis DELLA LEGGE REGIONALE 28 DICEMBRE 2009 N. 19 Misure urgenti per il rilancio economico,

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, in questo articolo analizziamo le definizioni di CIL,

Dettagli

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:.

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:. 3. Che la tipologia dell intervento, delle suddette opere è riconducibile a: 4. Che lo stato attuale dell immobile/unità immobiliare risulta legittimato dai seguenti atti: Fabbricato antecedente al 1938

Dettagli

COMUNE DI VAIANO PROVINCIA DI PRATO Piazza del Comune, 4 59021 Vaiano (PO)

COMUNE DI VAIANO PROVINCIA DI PRATO Piazza del Comune, 4 59021 Vaiano (PO) Pratica Edilizia n.... Prot. n.. del.. DICHIARAZIONE DI ASSEVERAMENTO per SEGNALAZIONE CERTIFICATA di INIZIO ATTIVITA' Articolo 84, comma 2, L.R. n 1 del 3 gennaio 2005 e successive modificazioni e integrazioni

Dettagli

13. LO STATUTO DEI LUOGHI E LE INVARIANTI STRUTTURALI L art. 24 comma 2 lettera h della legge regionale n. 5/95 prevede che lo statuto dei luoghi debba raccogliere gli elementi individuati dalle invariati

Dettagli

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Novembre 2012 INDICE Nuove aree di trasformazione... 3 Ambito A - Residenziale e Commerciale... 4 Ambito B - Residenziale

Dettagli

REGIONE ABRUZZO LEGGE REGIONALE

REGIONE ABRUZZO LEGGE REGIONALE REGIONE ABRUZZO LEGGE REGIONALE 15 ottobre 2012, n. 49 Norme per l'attuazione dell'articolo 5 del D.L. 13 maggio 2011, n. 70 (Semestre europeo - Prime disposizioni urgenti per l'economia) convertito, con

Dettagli

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI Il Comune di Cadoneghe, valutate le caratteristiche e le peculiarità del proprio territorio, considerate le esigenze di sostegno al settore edilizio, attentamente soppesati

Dettagli

COMUNE DI ARCO PROVINCIA DI TRENTO. Regolamento per l applicazione del contributo di concessione

COMUNE DI ARCO PROVINCIA DI TRENTO. Regolamento per l applicazione del contributo di concessione COMUNE DI ARCO PROVINCIA DI TRENTO Regolamento per l applicazione del contributo di concessione Approvato con: Deliberazione del Consiglio comunale n. 64 di data 26 giugno 2002 ed entrato in vigore il

Dettagli

RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE

RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE COMUNE DI PREGNANA MILANESE (Provincia di Milano) SETTORE ASSETTO ED USO DEL TERRITORIO UFFICIO URBANISTICA RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE INTRODUZIONE L art. 43 della legge Regionale

Dettagli

VARIANTE adottata dal C.C. con delibera. n del VARIANTE approvata dal C.C. con delibera - PIANO DEI SERVIZI - NORME TECNICHE

VARIANTE adottata dal C.C. con delibera. n del VARIANTE approvata dal C.C. con delibera - PIANO DEI SERVIZI - NORME TECNICHE - VARIANTE - Progettista: Sindaco: Segretario: VARIANTE adottata dal C.C. con delibera n del VARIANTE approvata dal C.C. con delibera n del - PIANO DEI SERVIZI - NORME TECNICHE commessa: 545/CH allegato:

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO Allegato B Visto il Piano Regolatore Generale, approvato con

Dettagli

Comune di Pesaro. Regolamento Attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 concernente: «Determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione».

Comune di Pesaro. Regolamento Attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 concernente: «Determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione». Comune di Pesaro Regolamento Attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 concernente: «Determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione». Approvato con delibera di C.C. n. 27 del 5 marzo 2012

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE indice Art. 1 Premessa pag 5 Art. 2 Ambito di applicazione pag 5 Art. 3 Incidenza degli oneri di urbanizzazione: tabella parametrica

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Comune di Scandicci Variante al Piano di Recupero RQ 05a* - Area ex fonderia Le Cure, approvato con Deliberazione di C.C. n. 83 del 21.07.2009, già in variante rispetto all originario Piano di Recupero

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C (Aggiornamento 31.03.2004) Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.2003 ART. 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Norme

Dettagli

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 ALLEGATO A Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 Approvato con deliberazione di CC n.47 in data 29/10/2009

Dettagli

Direzione Centrale Sviluppo del Territorio Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree

Direzione Centrale Sviluppo del Territorio Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree Direzione Centrale Sviluppo del Territorio Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree SCHEDA SINTETICA DESCRITTIVA RELATIVA ALL IMMOBILE SITO IN VIALE MONZA 148 Allegata all avviso per l attivazione

Dettagli

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO 2010. Piano dei Servizi. SP03 Norme Tecniche d attuazione. 30 agosto 2010

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO 2010. Piano dei Servizi. SP03 Norme Tecniche d attuazione. 30 agosto 2010 Comune di Brivio Provincia di Lecco PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO 2010 Piano dei Servizi SP03 Norme Tecniche d attuazione 30 agosto 2010 Arch. Marco Engel, Arch. Valerio Testa con Dott.ssa Laura Bossi,

Dettagli

PSCP i a n o S t r u t t u r a l e C o m u n a l e

PSCP i a n o S t r u t t u r a l e C o m u n a l e P R O V I N C I A D I P A R M A Comune di SALA BAGANZA PSCP i a n o S t r u t t u r a l e C o m u n a l e Q U A D R O C O N O S C I T I V O Bilancio urbanistico del PRG vigente Sindaco Cristina Merusi

Dettagli

COMUNE DI MODENA PIANO DI RECUPERO

COMUNE DI MODENA PIANO DI RECUPERO COMUNE DI MODENA 2005 PIANO DI RECUPERO Piano di Recupero di iniziativa pubblica -VARIANTE -"EX CINEMA ODEON Tav. L Adottato con Del. Di C.C. N.48 del 04-07-2005 NORME URBANISTICHE ED EDILIZIE VARIANTE

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo e aree adiacenti) AREA 2 (parcheggio tra la S.S.16 e la Via Ravenna) AREA 3 (parcheggio di Via Properzio)

AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo e aree adiacenti) AREA 2 (parcheggio tra la S.S.16 e la Via Ravenna) AREA 3 (parcheggio di Via Properzio) 1 AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo e aree adiacenti) AREA 2 (parcheggio tra la S.S.16 e la Via Ravenna) AREA 3 (parcheggio di Via Properzio) - - - - - - - 2 3 AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo

Dettagli

URBANISTICA b) il diritto di farsi casa per abitarvi. a) delle cose di interesse artistico e storico. c) n 1150 del 17 agosto 1942.

URBANISTICA b) il diritto di farsi casa per abitarvi. a) delle cose di interesse artistico e storico. c) n 1150 del 17 agosto 1942. URBANISTICA La legge n 1766 del 16 giugno 1927 introduceva il concetto dello Ius caselimandi cioè: a) il diritto di costruire abitazioni rurali. b) il diritto di farsi casa per abitarvi. c) il diritto

Dettagli

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013 COMUNE DI SAN ROMANO IN GARFAGNANA Provincia di Lucca VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 03 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

1. INTRODUZIONE... 2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO...

1. INTRODUZIONE... 2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO... RELAZIONE SINTETICA 1. INTRODUZIONE...2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO...3 2.1 Il sistema della residenza e dei servizi...4 2.2 Il sistema della produzione...7 2.3 Il sistema della mobilità e delle infrastrutture...9

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI AMB/SDL/2005/000 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione del Parco Naturale Regionale Porto Selvaggio e Palude del Capitano 1 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione del Parco Naturale Regionale Porto Selvaggio

Dettagli

Piano Integrato d Area del Medio Lago

Piano Integrato d Area del Medio Lago Provincia di Brescia Comunità montana del Sebino Bresciano Piano Integrato d Area del Medio Lago (Comuni di Marone, Monte Isola, Sale Marasino, Sulzano) Terzo stato di avanzamento giugno 2005 Indice 1)

Dettagli

COMUNE DI MASSAROSA Provincia di Lucca

COMUNE DI MASSAROSA Provincia di Lucca Oggetto: Piano Attuativo denominato SALOV e Centro Leasing - Adozione- Proposta di deliberazione del Consiglio Comunale Premesso che: con deliberazione del Consiglio Comunale del 27.4.2004 n. 51 è stato

Dettagli

R.U.E. REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO VARIANTE N.1

R.U.E. REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO VARIANTE N.1 COMUNE DI FORLIMPOPOLI R.U.E. REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO ai sensi degli artt. 29 e 33 della L.R.20/2000 VARIANTE N.1 GLI STRUMENTI DELLA PIANIFICAZIONE COMUNALE PSC (art. 28 Lr 20/2000) contiene

Dettagli

COMUNE DI BELPASSO Provincia di Catania

COMUNE DI BELPASSO Provincia di Catania COMUNE DI BELPASSO Provincia di Catania VII SERVIZIO URBANISTICA SVILUPPO DEL TERRITORIO Dirigente Responsabile : Ing. Sebastiano Leonardi OGGETTO: Comune di Belpasso Art. 17, L.R. 16 aprile 2003, n. 4

Dettagli

COMUNE DI PERO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA TEMPORANEE NEL PERIODO DI EXPO 2015 INDICE

COMUNE DI PERO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA TEMPORANEE NEL PERIODO DI EXPO 2015 INDICE COMUNE DI PERO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA TEMPORANEE NEL PERIODO DI EXPO 2015 INDICE 1. Finalità del regolamento 2. Definizione di attività temporanee e tipologie consentite 3. Deroghe

Dettagli

Art. 1 - Finalità... 2. Art. 2 - Interventi edilizi... 2. Art. 3 - Interventi per favorire il rinnovamento del patrimonio edilizio esistente...

Art. 1 - Finalità... 2. Art. 2 - Interventi edilizi... 2. Art. 3 - Interventi per favorire il rinnovamento del patrimonio edilizio esistente... REGIONE VENETO Legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 1 INTERVENTO REGIONALE A SOSTEGNO DEL SETTORE EDILIZIO E PER FAVORIRE L UTILIZZO DELL EDILIZIA SOSTENIBILE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 12 LUGLIO

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Disegno di legge di iniziativa della Giunta regionale concernente Disposizioni straordinarie per il sostegno dell economia mediante il rilancio del settore edilizio e per la promozione di interventi e

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE - Norme Tecniche di Attuazione (estratto) Il Progettista Magrini Arch. Marco Con la collaborazione degli Uffici Comunali LUGLIO 2012 REGOLAMENTO URBANISTICO - Norme Tecniche

Dettagli

20. DEFINIZIONE DELLE ESIGENZE DI SVILUPPO Il PS individua alcune azioni di particolare rilevanza per le principali SEL e più precisamente: - La riqualificazione dell offerta turistica con particolare

Dettagli

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L.

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L. TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI ordinaria manutenzione D.P.R. 380/01 art. 6 e L.R. 12/05 art. 27 gli interventi edilizi che riguardano le opere

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N 3 VISTO il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 6 aprile 2009, pubblicato sulla G.U. n 87 del 7

Dettagli

2004) Pubblicata sul B.U.R.A. n. 92 Speciale del 21.12.2012

2004) Pubblicata sul B.U.R.A. n. 92 Speciale del 21.12.2012 ASSESSORATO PIANIFICAZIONE, TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO E PROTEZIONE CIVILE Dott. Gianfranco Giuliante DIREZIONE AFFARI DELLA PRESIDENZA,POLITICHE LEGISLATIVE E COMUNITARIE, PROGRAMMAZIONE,

Dettagli

Piano casa della Regione Marche Le modifiche L.R. n. 22 del 8 Ottobre 2009 modificata dalla L.R. 19 del 2010

Piano casa della Regione Marche Le modifiche L.R. n. 22 del 8 Ottobre 2009 modificata dalla L.R. 19 del 2010 ANCE MARCHE Piano casa della Regione Marche Le modifiche L.R. n. 22 del 8 Ottobre 2009 modificata dalla L.R. 19 del 2010 INTERVENTI DELLA REGIONE PER IL RIAVVIO DELLE ATTIVITA EDILIZIE AL FINE DI FRONTEGGIARE

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

COMUNE DI POVIGLIO Provincia di Reggio Emilia VIA VERDI,1 C.A.P. 42028 TEL. 0522/966822 FAX. 0522/966805

COMUNE DI POVIGLIO Provincia di Reggio Emilia VIA VERDI,1 C.A.P. 42028 TEL. 0522/966822 FAX. 0522/966805 COMUNE DI POVIGLIO Provincia di Reggio Emilia VIA VERDI,1 C.A.P. 42028 TEL. 0522/966822 FAX. 0522/966805 SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA (Art. 20 L.R. 31 del 25/11/02) DESCRIZIONE DELL INTERVENTO.. LOCALIZZAZIONE

Dettagli

OGGETTO: adeguamento del Regolamento per il pagamento dei diritti di segreteria di spettanza totale dell ente.

OGGETTO: adeguamento del Regolamento per il pagamento dei diritti di segreteria di spettanza totale dell ente. OGGETTO: adeguamento del Regolamento per il pagamento dei diritti di segreteria di spettanza totale dell ente. PREMESSO Che con D.C.C. n. 106 del 21.12.1993 modificata con DCC n.17 del 1997 si approvava

Dettagli

STUDIO URBANISTICO DEL TERRITORIO

STUDIO URBANISTICO DEL TERRITORIO 1 STUDIO URBANISTICO DEL TERRITORIO In attuazione del comma 2, lett. d) art. 6 della L.R. n. 14 del 30.07.2009 Misure straordinarie ed urgenti a sostegno dell attività edilizia e per il miglioramento della

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE In adeguamento al Regolamento n.1 di attuazione della legge regionale n. 50/2012, articolo 2 - comma 6, nel Comune di Tezze sul Brenta è stata individuata un area degradata

Dettagli

COMUNE DI AGUGLIANO PROVINCIA DI ANCONA

COMUNE DI AGUGLIANO PROVINCIA DI ANCONA COMUNE DI AGUGLIANO PROVINCIA DI ANCONA 3 SETTORE TECNICO NUOVO REGOLAMENTO Attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 concernente: «Determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione». Art.

Dettagli

PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01

PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01 PdC PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01 art. 3 comma 1 lett. e) DPR 380/01 [art.27 lett. e) LR 12/05] a) gli interventi

Dettagli

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3 INDICE Ambito di Trasformazione AT1 Residenziale via Petrarca, via Montello... 4 Ambito di Trasformazione AT2 Residenziale via Boccaccio - via Monte Cengio... 10 Ambito di Trasformazione AT3 Residenziale

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D Ai sensi art. 65 L.R. 1/2005 s.m.i. Corte Malgiacca COMUNE DI CAPANNORI Provincia di Lucca FRAZIONE DI GRAGNANO LOC. DETTA CORTE MALGIACCA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D INTERVENTO DI

Dettagli

Norme per il sostegno dell attività edilizia e la riqualificazione del patrimonio edilizio. *********************** Regione siciliana

Norme per il sostegno dell attività edilizia e la riqualificazione del patrimonio edilizio. *********************** Regione siciliana L.R. 23 marzo 2010, n. 6. Norme per il sostegno dell attività edilizia e la riqualificazione del patrimonio edilizio. Pubblicata sulla Gazz. Uff. Reg. sic. 26 marzo 2010, n. 14. ***********************

Dettagli

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa --------------

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa -------------- COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa -------------- AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE DI PIANI ATTUATIVI PER L ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO URBANISTICO. L AMMINISTRAZIONE COMUNALE Premesso

Dettagli

Le semplificazioni e i procedimenti introdotti. dal decreto del fare in edilizia

Le semplificazioni e i procedimenti introdotti. dal decreto del fare in edilizia SAMANTA RICCO LUCA GRASSI mercoledì, martedì, 23 18 settembre 2014 2013 Le semplificazioni e i procedimenti introdotti Giornata del Decreto del fare dal decreto del fare in edilizia DISPOSIZIONI IN MATERIA

Dettagli

COMUNE DI PONSACCO Provincia di Pisa

COMUNE DI PONSACCO Provincia di Pisa COMUNE DI PONSACCO Provincia di Pisa 3 SETTORE Ufficio Urbanistica RELAZIONE TECNICA-URBANISTICA ISTRUTTORIA PRATICA EDILIZIA: n 04/2010 Intestatario:Taliani Luigi ed altri Oggetto Intervento: Lottizzazione

Dettagli

COPIA DI ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE Seduta del 14/05/2012 n. 16

COPIA DI ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE Seduta del 14/05/2012 n. 16 COPIA DI ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE Seduta del 14/05/2012 n. 16 OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUT O DI COSTRUZIONE, QUOTA AFFERENTE IL CONTRIBUTO SUGLI ONERI

Dettagli

ALLEGATO A. Tabella Destinazione Tabella Destinazione. Tabella A2 Artigianali o industriali Tabella A4 Commerciale all ingrosso

ALLEGATO A. Tabella Destinazione Tabella Destinazione. Tabella A2 Artigianali o industriali Tabella A4 Commerciale all ingrosso ALLEGATO A OGGETTO: Adeguamento annuale degli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria e del costo di costruzione in ragione della variazione degli indici ISTAT, già previsto dalla disciplina della

Dettagli

Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA. Lessico di base

Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA. Lessico di base Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA Lessico di base Lezione n. 6/10 1 CARTOGRAFIA DI BASE: rappresentazione plano-altimetrica o

Dettagli

integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane)

integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane) integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane) Standard Urbanistici: si introduce il metodo della perequazione e della cessione compensativa per

Dettagli

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA TIMBRO PROTOCOLLO BOLLO COMUNE DI RIVIGNANO N. PRATICA Nominativo del dichiarante (1)...... SI n altri titolari oltre al presente dichiarante NO... (in caso di più dichiaranti, compilare una scheda anagrafica

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga REGIONE LIGURIA ----------- LEGGE REGIONALE 12 NOVEMBRE 2014 N. 30 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 6 AGOSTO 2001, N. 24 (RECUPERO AI FINI ABITATIVI DEI SOTTOTETTI ESISTENTI) E ALLA LEGGE REGIONALE 6 GIUGNO

Dettagli

Comune di Forlì PRESENTAZIONE E RICHIESTA APPROVAZIONE DI:

Comune di Forlì PRESENTAZIONE E RICHIESTA APPROVAZIONE DI: Tutela da D. Lgs 42/04 (art. 3 PSC) Sede : P.zza A. Saffi n. 8, 4700 Forlì Tel. : 0543/72353-72828-72858 Comune di Forlì AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO SERVIZIO SPORTELLI DELL EDILIZIA E

Dettagli

Comune di Cantagallo Provincia di Prato

Comune di Cantagallo Provincia di Prato Comune di Cantagallo Provincia di Prato REGOLAMENTO COMUNALE PER I CRITERI DI RIPARTIZIONE E PER LA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROCEDURA INERENTE I CONTRIBUTI INTROITATI DAL COMUNE A TITOLO DI ONERI DI URBANIZZAZIONE

Dettagli