COMUNE DI CIVATE PROVINCIA DI LECCO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI CIVATE PROVINCIA DI LECCO"

Transcript

1 COMUNE DI CIVATE PROVINCIA DI LECCO PROGETTO PER LA RIQUALIFICAZIONE ED ADEGUAMENTO PALESTRA COMUNALE DI VIA A. LONGONI. CAPITOLATO OFFERTA STRUTTURE IN ACCIAIO IL PROGETTISTA Dr. Ing. Daniele Colombo - Galbiate DOC. 1

2 1.1 PREMESSA La presente specifica tecnica riguarda e definisce i criteri relativi all offerta per la fornitura e posa in opera di strutture in acciaio, per la costruzione di uscita di sicurezza con scale, per la riqualificazione palestra comunale in via A.G. Longoni 2 a Civate ( LC) 1.2 DESCRIZIONE DELL OPERA La struttura metallica è realizzata totalmente in officina ed assemblata in cantiere per il montaggio, con impiego di giunti bullonati, ed è composta da : Scala esterna La scala e esterna realizzata con cosciali in profilato laminato CNP 180 con gradini. I gradini sono bullonati e realizzati in grigliato con maglia 25x76 antitacco e hanno larghezza 1200 mm. Sono previsti due pianerottoli, uno intermedio e uno allo sbarco. Il grigliato dei pianerottoli ha maglia 25x76, barra 30x2 antitacco. Sono previsti parapetti con montanti in tubolare, corrimano in tubolare e protezioni in tondo ø 12. La scala e ancorata mediante tasselli a plinti in c.a. isolati Corridoio con solaio in getto integrativo Il corridoio interno e realizzato con travi in profilato IPE 160 tassellate ai muri in c.a. esistenti. E prevista la posa di lamiera profilata per getti A55P600 Sp. 0.8 mm HI-BOND, con relativi profilati piegati di ferma-getto Scala interna da a m La scala e interna e realizzata con cosciali in profilato piatto con gradini. I gradini sono bullonati e realizzati in grigliato con maglia 25x76 antitacco e hanno larghezza 1500 mm. E previsto un pianerottolo allo sbarco con grigliato maglia 25x76, barra 30x3 antitacco. La scala e ancorata alla base al solaio in c.a. con tasselli, e allo sbarco con mensole in profilato HEA 140 ancorate alla parete in c.a.

3 1.2.4 Scala interna da a m La scala e interna e realizzata con cosciali in profilato piatto con gradini. I gradini sono bullonati e realizzati in grigliato con maglia 25x76 antitacco e hanno larghezza 1200 mm. La scala e ancorata alla base al solaio in c.a. con tasselli, e allo sbarco con giunto bullonato alla struttura metallica corridoio. E previsto un corridoio in struttura metallica con posa di lamiera profilata per getti A55P600 Sp. 0.8 mm HI-BOND, e relativi profilati piegati di ferma-getto Struttura controllo UTA La struttura e interna e realizzata scala con cosciali in profilato piatto con gradini e struttura metallica soppalco.. I gradini sono bullonati e realizzati in grigliato con maglia 25x76 antitacco e hanno larghezza 1200 mm. La scala e ancorata alla base al solaio in c.a. con tasselli, e allo sbarco con giunto bullonato alla struttura metallica soppalco. E previsto un soppalco in struttura metallica con piano di calpestio in grigliato maglia 34x38 barra 30x2. Sono previsti parapetti in tubolare sia per i montanti che corrimano intermedi. Tutte le strutture interne sono confinate con pareti in cartongesso REI 120 e hanno strutture predisposte per gli attacchi delle stesse. Le pareti e le strutture di sostegno non fanno parte del presente capitolato.

4 1.3 DOCUMENTO D OFFERTA Si allegano : - Fascicolo 2 con - Distinta profili - Distinta piatti - Distinta bulloni - Disegni esecutivi e di montaggio. 1.4 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Per l intera materia si fa riferimento al Decreto del Ministero dei Lavori Pubblici 14 gennaio 2008 NTC dal titolo NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI e successiva circolare integrativa N.617 del ed UNI ENV Eurocodice 1 parte 1 Basi di calcolo, UNI ENV Eurocodice 3 parte 1-1 Strutture in acciaio Regole generali- Per l esecuzione si fa riferimento alla normativa EN : Execution of steel structures Nel testo del citato Decreto e nella EN 1090 si trovano i riferimenti normativi per l accettazione dei materiali, l esecuzione delle saldature, le norme di calcolo, le regole pratiche di progettazione e di esecuzione, ed il collaudo. - Classificazione secondo EN 1090 Classe di rischio CC2 Categoria di servizio SC1 Categoria di produzione PC1 CLASSE DI ESECUZIONE EXC2 Qualità dei materiali utilizzati per la commessa: travi profilati in S275 JR e piatti in S275JR, profili arcarecci e correnti in lamiera profilata S235 JR. Trattamento superficiale da applicare: Zincatura a caldo UNI EN 1461 o verniciatura Classe bulloneria: bulloneria senza precarico in classe 8.8 Processo di saldatura da applicare: saldatura a filo continuo sotto protezione gassosa Deposito di saldatura: Vedi tabelle su tavole esecutive Accettabilità saldature secondo ISO 5817: livello C (strutture non soggette a fatica)

5 1.5 CERTIFICAZIONI La fornitura dovrà essere completa di certificati relativi alle prove di qualificazione ed alle prove periodiche di verifica della qualità ; da tali certificati dovrà risultare chiaramente : - il nome dell azienda produttrice, lo stabilimento ed il luogo di produzione - le dimensioni nominali ed effettive del prodotto - i risultati delle prove eseguite in stabilimento o presso un laboratorio ufficiale - l analisi chimica, per i prodotti saldabili, dovrà soddisfare i limiti di composizione raccomandati dalla UNI 5132 (ottobre 1974) - le elaborazioni statistiche previste dall allegato 11 punto delle norme NTC La Committente si riserva di fare eseguire dei prelievi di campioni di materiali da sottoporre a prove in base alla norma UNI EU 18 e UNI 552, in ragione di tre ogni 30 Ton di carpenteria, con minimo di uno per quantitativi inferiori. Le spese relative all esecuzione delle prove di cui sopra sono a carico dell Appaltatore. Per ulteriori chiarimenti si rimanda al Capitolato Speciale di Appalto allegato al progetto. 1.6 PRESCRIZIONI TECNICHE Disegni d officina Sono forniti disegni esecutivi della struttura con indicati : - la lunghezza di taglio delle travi, montanti ed elementi di collegamento verticali ed orizzontali - le caratteristiche delle giunzioni, siano esse da effettuare in officina o in cantiere - la disposizione, il diametro dei fori, le dimensioni ed i tipi di bulloni da impiegare - le dimensioni dei cordoni di saldatura - le coppie di serraggio dei bulloni ad alta resistenza - gli spessori delle flange, delle piastre di base, degli irrigidimenti, ed ogni altro elemento impiegato nelle connessioni - distinta materiali Identificazione degli elementi L Appaltatore dovrà attenersi allo schema di montaggio e le varie parti delle strutture da montare dovranno essere marcate con marchi in posti determinati e visibili.

6 1.6.3 Materiali Tutti i materiali di impiego dovranno essere conformi a quanto indicato sui disegni di progetto; la qualità e le caratteristiche degli stessi dovranno essere conformi alla legislazione vigente. In particolare : - Profilati laminati a caldo S 275 JR EN Profilati tubolari parapetti S 235 JR EN Piastrame S 235 JR EN Bulloneria Mat Saldature Le giunzioni saldate dovranno essere eseguire con le modalità di seguito indicate : - Le saldature in cantiere potranno essere eseguite solamente in via eccezionale e dietro autorizzazione scritta della Direzione Lavori. Sia le saldature che le parti immediatamente adiacenti dovranno essere protette da un opportuno zincante a freddo. - Le saldature da eseguire in officina saranno così realizzate : * giunti testa-testa, a croce, a T : saranno a completa penetrazione e dovranno risultare di seconda classe * cordoni d angolo : lo spessore della gola dovrà essere pari a 0,7 volte lo spessore minimo degli elementi da collegare. Dovranno essere di seconda classe, soddisfacenti all esame dei liquidi penetranti o magnetoscopico a spot. * il materiale fondente dovrà essere completamente asportato subito dopo la saldatura Zincatura La struttura dovrà essere protetta con adeguato ciclo di zincatura a caldo per immersione a bagno di zinco fuso, con spessore minimo di 75 μm di cui alle norme UNI EN ISO

7 1.6.6 Norme di montaggio Il montaggio delle strutture sarà effettuato con personale, mezzi d opera ed attrezzature dell Appaltatore e verrà condotto sotto la sua piena responsabilità. Il montaggio dovrà avvenire nel pieno rispetto della normativa D.l. 81/2008 e successive integrazioni in materia di sicurezza, e l onere relativo alla sicurezza è totalmente a carico dell Appaltatore e dovrà essere indicato a parte nell offerta. 1.7 CONSEGNA E MONTAGGIO - Termini di consegna Termine di consegna 30 giorni solari dalla data del verbale di consegna lavori. Dovrà essere consegnato, prima del montaggio, un dettagliato cronogramma delle attività da concordare con la direzione lavori. - Trasporto Il trasporto e a carico della ditta fornitrice della struttura, programmando l arrivo del materiale per ridurre al minimo il deposito dello stesso in cantiere. - Montaggio Il montaggio e a carico della ditta fornitrice della struttura Dovranno essere programmate e concordate le operazioni di montaggio con le altre imprese presenti in cantiere, sia edili che impiantistiche. Dovranno essere concordate con la D.L. le operazioni di montaggio, l area disponibile per il cantiere, e eventuali sovrapposizioni con altre lavorazioni presenti e altre imprese presenti in cantiere. Sono a carico della ditta fornitrice la supervisione del cantiere, mezzi di sollevamento, materiale di consumo, assicurazione del personale, dei mezzi, e di eventuali danni nei confronti di macchinari e terzi. Prima dell inizio del montaggio dovranno essere fornite al Coordinatore della Sicurezza il POS per le operazioni di montaggio, fotocopie dei libretti ISPESL dei mezzi di sollevamento, e tutti i documenti richiesti dal Decreto in materia di sicurezza cantieri, e successive integrazioni in materia di sicurezza, e l onere relativo alla sicurezza è totalmente a carico dell Appaltatore e dovrà essere indicato a parte nell offerta. Nel montaggio dovranno essere rispettate le tolleranze e deviazioni massime previste al punto 11.4 della norma UNI ENV :2001. Le tolleranze e deviazioni massima per queste strutture sono richiamate nei seguenti prospetti:

8 Montaggio colonne - Parte 1

9 Montaggio colonne - Parte 2

10 Montaggio colonne - Parte 3

11 1.7 COMPUTO METRICO PREVENTIVO DI SPESA \ L offerta dovrà essere sviluppata sulla base di : - Quantità di materiale previsto : vedi quantitativi indicati - Scala esterna - Prezzo : /Kg Peso complessivo Profilati kg 727 Piastrame kg 78 Parapetti kg 411 Totale kg 1216 Il peso complessivo può variare con tolleranza del ± 5% per zincatura e bulloneria. - Costo struttura = kg ( 1.05* 1216 ) * 4.80 = Gradini maglia 15x76 Antitacco Lg 305x1200 N Costo gradini N.18 x 45 Totale Grigliati maglia 15x76 Barra 30x2 Antitacco m 2 = Costo grigliato 4.40 x /m 2 80 Totale Costo totale scala esterna

12 - Corridoio con lamiera collaborante - Prezzo : /Kg Peso complessivo Profilati kg 664 Piastrame kg 3 Fermagetti kg 223 Totale kg 890 Il peso complessivo può variare con tolleranza del ± 5% per zincatura e bulloneria. - Costo struttura = kg ( 1.05* 890 ) * 4.00 = Lamiera collaborante A55 P600 Sp. 0.8 HI-BOND con sormonti m 2 = Costo lamiera 52.0 x /m 2 25 Totale Costo totale corridoio Scala interna da a Prezzo : /Kg Peso complessivo Profilati kg 333 Piastrame kg 9 Totale kg 342 Il peso complessivo può variare con tolleranza del ± 5% per zincatura e bulloneria. - Costo struttura = kg ( 1.05* 342 ) * 5.50 = Gradini maglia 15x76 Antitacco Lg 305x1500 N. 7 - Costo gradini N.7 x 70 Totale Grigliati maglia 15x76 Barra 30x3 Antitacco m 2 = Costo grigliato 2.20 x /m Totale Costo totale scala

13 - Scala interna da a Prezzo : /Kg Peso complessivo Profilati kg 302 Piastrame kg 35 Fermagetto kg 39 Totale kg 376 Il peso complessivo può variare con tolleranza del ± 5% per zincatura e bulloneria. - Costo struttura = kg ( 1.05* 376 ) * 5.50 = Gradini maglia 15x76 Antitacco Lg 305x1200 N. 5 - Costo gradini N.5 x 45 Totale Lamiera collaborante A55 P600 Sp. 0.8 HI-BOND con sormonti m 2 = Costo lamiera 5.45 x /m 2 25 Totale Costo totale struttura Struttura controllo UTA - Prezzo : /Kg Peso complessivo Profilati kg 217 Piastrame kg 22 Parapetto kg 18 Totale kg 257 Il peso complessivo può variare con tolleranza del ± 5% per zincatura e bulloneria. - Costo struttura = kg ( 1.05* 257 ) * 5.50 = Gradini maglia 15x76 Antitacco Lg 305x1200 N. 5 - Costo gradini N.5 x 45 Totale Grigliati maglia 34x38 Barra 30x2 m 2 = Costo grigliato 6.00 x /m 2 40 Totale Costo totale struttura

14 ELEMENTO COSTO SCALA ESTERNA CORRIDOIO SCALA / SCALA / STRUTTURA UTA TOTALE Le opere saranno eseguito con contratto a corpo ai sensi art. 53, comma 4 D.Lgs 163/2006 e s.m.i. L importo contrattuale, come determinato a seguito offerta appaltatore rimane fisso ed invariabile. Ai sensi art. 133 D.Lgs 163/2006 e s.m.i., non si puo procedere alla revisione dei prezzi e non si applica il comma 1 dell art del Codice Civile. Nella quotazione sono compresi gli oneri per i rilievi e sopralluoghi, gli oneri per i mezzi di sollevamento.

Capitolo 11 CARPENTERIA METALLICA PER OPERE EDILI

Capitolo 11 CARPENTERIA METALLICA PER OPERE EDILI Supplemento straordinario al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 34 del 1 o agosto 2002 287 Capitolo 11 CARPENTERIA METALLICA PER OPERE EDILI 11.1 Strutture in acciaio. 11.2 Trattamenti protettivi

Dettagli

- Accidentali: per edifici scolastici: 300 Kg/mq

- Accidentali: per edifici scolastici: 300 Kg/mq I PREMESSA La presente relazione riporta i calcoli e le verifiche relativi alle nuove strutture in progetto. Sono previste opere in acciaio (scale di sicurezza esterne, spazi calmi, passerelle) e in c.a.

Dettagli

PARAPETTI SISTEMI ANTICADUTA DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO LINEE VITA PARAPETTI DISTRIBUTORE AUTORIZZATO

PARAPETTI SISTEMI ANTICADUTA DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO LINEE VITA PARAPETTI DISTRIBUTORE AUTORIZZATO PARAPETTI SISTEMI ANTICADUTA DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO LINEE VITA PARAPETTI DISTRIBUTORE AUTORIZZATO 2 indice INTRODUZIONE PARAPETTI NORMATIVE DI RIFERIMENTO PARAPETTO P - STOP ORIZZONTALE configurazioni

Dettagli

INDICE I PARTE I... 3 II PARTE II... 7

INDICE I PARTE I... 3 II PARTE II... 7 2 di 19 INDICE I PARTE I... 3 I.1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 I.2 DOCUMENTAZIONE CORRELATA... 4 I.3 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI... 5 II PARTE II... 7 II.1 GENERALITÁ... 7 II.2 GESTIONE DELLA FORNITURA...

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO ENAV S.p.A. ROMA ACC CIAMPINO pag. 1 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO OGGETTO: Ristrutturazione Uffici, Piastra, Hall, Centro servizi, Foresteria e Sala Convegni - PROGETTO DEFINITIVO OPERE STRUTTURALI - STECCA

Dettagli

Requisiti di qualità della saldatura per fusione dei materiali metallici. Principali ambiti di intervento Attività di consulenza e formazione

Requisiti di qualità della saldatura per fusione dei materiali metallici. Principali ambiti di intervento Attività di consulenza e formazione Requisiti di qualità della saldatura per fusione dei materiali metallici Principali ambiti di intervento Attività di consulenza e formazione SICUREZZA SUL LAVORO Valutazione rischi - D.Lgs. 81/08 Formazione

Dettagli

PRISMA HOUSE 15 / mq 80 classe energetica A

PRISMA HOUSE 15 / mq 80 classe energetica A PRISMA HOUSE 15 / mq 80 classe energetica A Costruzioni ad alto risparmio energetico. L acciaio come struttura portante la rende in eguagliabile come durata, posizionato all interno di un pacchetto con

Dettagli

Operaio Specializzato

Operaio Specializzato AP.1 Operaio Specializzato OPQ Operaio Specializzato (Prezzo Borsuale) h 25,01 1,000 25,01 Sommano 25,01 Spese Generali 13% 3,25 Utile d'impresa 10 % 2,50 Prezzo 30,76 arrotondamento 0,26 PREZZO DI APPLICAZIONE

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Rinforzo reticolari copertura, tubolari di supporto copertura e rivestimenti

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Rinforzo reticolari copertura, tubolari di supporto copertura e rivestimenti Rinforzo reticolari copertura, tubolari di supporto copertura e rivestimenti A - Rinforzo reticolari copertura, tubolari di supporto copertura e rivestimenti 1 01.A18.A25 Carpenteria varia per piccoli

Dettagli

BARRIERA DI SICUREZZA SINGOLA SU TERRA H1-A-W6 (B21300)

BARRIERA DI SICUREZZA SINGOLA SU TERRA H1-A-W6 (B21300) BARRIERA DI SICUREZZA SINGOLA SU TERRA H-A-W6 (B00) Livello di contenimento Prestazioni H Indice di severità accelerazione ASI Larghezza di lavoro Intrusione del veicolo Deflessione dinamica A W6 (,08

Dettagli

Università degli studi di Parma. Lavori in copertura su edifici campus Universitario (accessi parapetti percorsi protetti lucernari) Relazione Tecnica

Università degli studi di Parma. Lavori in copertura su edifici campus Universitario (accessi parapetti percorsi protetti lucernari) Relazione Tecnica Università degli studi di Parma Lavori in copertura su edifici campus Universitario (accessi parapetti percorsi protetti lucernari) Relazione Tecnica 0. NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.Lgs 81/2008 Testo Unico

Dettagli

COMPUTO METRICO - SICURVIA TIPO TRIPLA ONDA

COMPUTO METRICO - SICURVIA TIPO TRIPLA ONDA COMPUTO METRICO - SICURVIA TIPO TRIPLA ONDA 1 Elementi disgiunti di barriera stradale di sicurezza in acciaio zincato, tipo tripla (3N) onda preesistente alle Circolari ANAS n. 296-401 - 402 e di barriera

Dettagli

7.0 TOLLERANZE DIMENSIONALI DELLE BARRE PORTANTI E DELLE BARRE TRASVERSALI 7.1 Grigliato elettrosaldato pag. 66 7.2 Grigliato pressato pag.

7.0 TOLLERANZE DIMENSIONALI DELLE BARRE PORTANTI E DELLE BARRE TRASVERSALI 7.1 Grigliato elettrosaldato pag. 66 7.2 Grigliato pressato pag. Indice 1.0 NORMATIVA UNI PER IL GRIGLIATO ELETTROSALDATO E/O PRESSATO 1.1 Norma UNI 11002-1 Pannelli e gradini di grigliato elettrosaldato e/o pressato Terminologia, tolleranze, requisiti e metodi di prova

Dettagli

NOVITA ITALIANA PER I PALI DI ILLUMINAZIONE

NOVITA ITALIANA PER I PALI DI ILLUMINAZIONE NOVITA ITALIANA PER I PALI DI ILLUMINAZIONE ? Perchè un nuovo profilo novità per il mercato italiano, ma già affermato nei mercati internazionali caratteristiche strutturali superiori più leggero, minor

Dettagli

LOTTERO GIOVANNI s.n.c.

LOTTERO GIOVANNI s.n.c. officina meccanica LOTTERO GIOVANNI s.n.c. di Lottero Giovanni & C. p.i. 01233130069 Uffici, stabilimento: Via Molare 62/D - 15076 OVADA / Alessandria / Italia Tel. 0143 81446 FAX 0143 832521 e-mail: info@lotterosnc.it

Dettagli

SICUREZZA CANTIERE ED. 2013. MATERIALI: acciaio FE430/S275 zincato UNI ISO 2081. NORME DI RIFERIMENTO: D.Lgs 81/08 art. 13; UNI EN 13374 Classe A

SICUREZZA CANTIERE ED. 2013. MATERIALI: acciaio FE430/S275 zincato UNI ISO 2081. NORME DI RIFERIMENTO: D.Lgs 81/08 art. 13; UNI EN 13374 Classe A ATLAS CATALOGO ILLUSTRATIVO PRODOTTI SICUREZZA CANTIERE ED. 2013 GC/02EN MONTANTE PER GUARDACORPO DA SOLETTA su tre mensole per ogni montante SUPPORTO E APPLICAZIONI: solai o solette in c.a. piani o con

Dettagli

SERRAMENTI ED OPERE IN METALLO

SERRAMENTI ED OPERE IN METALLO Cap. IV SERRAMENTI ED OPERE IN METALLO PAG. 1 4.2 OPERE COMPIUTE Prezzi medi praticati dalle ditte del ramo per ordinazioni dirette (di media entità) da parte del committente, in opera, escluse assistenze

Dettagli

LAVORI PER L INSTALLAZIONE DI UN NUOVO ASCENSORE SCUOLA PRIMARIA E DELL INFANZIA BAODO

LAVORI PER L INSTALLAZIONE DI UN NUOVO ASCENSORE SCUOLA PRIMARIA E DELL INFANZIA BAODO progetto committente LAVORI PER L INSTALLAZIONE DI UN NUOVO ASCENSORE SCUOLA PRIMARIA E DELL INFANZIA BAODO COMUNE DI CELLE LIGURE Via Boagno 11-17015 Celle Ligure (SV) SAVONA Piazza Rebagliati, 1 17100

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL CORSO COLLEGAMENTI STRUTTURALI BULLONATI E SALDATI CALCOLO DI BASE SECONDO LA RECENTE NORMATIVA EUROPEA E ITALIANA

PRESENTAZIONE DEL CORSO COLLEGAMENTI STRUTTURALI BULLONATI E SALDATI CALCOLO DI BASE SECONDO LA RECENTE NORMATIVA EUROPEA E ITALIANA PRESENTAZIONE DEL CORSO COLLEGAMENTI STRUTTURALI BULLONATI E SALDATI CALCOLO DI BASE SECONDO LA RECENTE NORMATIVA EUROPEA E ITALIANA Durata del corso: 12 ore Nell ambito della progettazione strutturale,

Dettagli

ALLEGATO II Dispositivi di attacco

ALLEGATO II Dispositivi di attacco ALLEGATO II Dispositivi di attacco. : il testo compreso fra i precedenti simboli si riferisce all aggiornamento di Maggio 2011 Nel presente allegato sono riportate le possibili conformazioni dei dispositivi

Dettagli

BARRIERA DI SICUREZZA DOPPIA SU TERRA H2-B-W4 (3n30401)

BARRIERA DI SICUREZZA DOPPIA SU TERRA H2-B-W4 (3n30401) BARRIERA DI SICUREZZA DOPPIA SU TERRA H2-B-W4 (3n30401) Livello di contenimento Risultati H2 Indice di severità accelerazione ASI Larghezza di lavoro Posizione laterale estrema del veicolo B W4 (1,3 m)

Dettagli

Riferimenti NORMATIVI

Riferimenti NORMATIVI REALIZZAZIONE DI SCALE FISSE CON PROTEZIONE NORMA UNI EN ISO 14122-4 : 2010 DISTANZA TRA LA SCALA E OSTRUZIONI PERMANENTI: La distanza tra la scala e le ostruzioni permanenti deve essere: - Di fronte alla

Dettagli

Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051

Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051 Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051 2 EDIZIONE GIUGNO 2012 Indice SOMMARIO ELEMENTO DI ANCORAGGIO STRUTTURALE Descrizione del prodotto Modalità d uso e limite

Dettagli

SCALE VERTICALI IN PRFV

SCALE VERTICALI IN PRFV IN PRFV COMPOSITE SOLUTION Pagina 1 SOMMARIO 1. APPLICAZIONI E CARATTERISTICHE... 3 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 4 3. SETTORI DI IMPIEGO... 5 4. MATERIALI... 6 4.1 COMPONENTI... 6 4.2 TABELLA PROFILI MONTANTI...

Dettagli

IL MATERIALE ACCIAIO DESIGNAZIONE E CARATTERISTICHE PER L IMPIEGO NELLE COSTRUZIONI. Domenico Leone

IL MATERIALE ACCIAIO DESIGNAZIONE E CARATTERISTICHE PER L IMPIEGO NELLE COSTRUZIONI. Domenico Leone IL MATERIALE ACCIAIO DESIGNAZIONE E CARATTERISTICHE PER L IMPIEGO NELLE COSTRUZIONI Domenico Leone IL MATERIALE ACCIAIO DESIGNAZIONE E CARATTERISTICHE PER L IMPIEGO NELLE COSTRUZIONI Domenico Leone Il

Dettagli

Indice. R.07.a Relazione tecnica e di calcolo Illustrazione sintetica degli elementi essenziali del progetto. NUOVO TECNOPOLO Progetto Esecutivo

Indice. R.07.a Relazione tecnica e di calcolo Illustrazione sintetica degli elementi essenziali del progetto. NUOVO TECNOPOLO Progetto Esecutivo 1 Indice ILLUSTRAZIONE SINTETICA DEGLI ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO STRUTTURALE... 2 a) Contesto edilizio e caratteristiche del sito... 2 b) Descrizione generale della struttura e della tipologia d

Dettagli

Eurocodici Strutturali

Eurocodici Strutturali Eurocodici Strutturali 5 Capitolo Strutture in acciaio Rappresentazione saldature Unificazione viti/bulloni Indicazioni pratiche collegamenti bullonati Rappresentazione bullonature Caratteristiche dimensionali

Dettagli

LINEA 795 ROBUST SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA

LINEA 795 ROBUST SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA LINE 795 ROUST SISTEMI DI PROTEZIONE NTICDUT PUNTO DI NCORGGIO WCGRE Componente di classe C secondo norma UNI EN 795:2002 Certificati: Certificazione secondo UNI EN 795:2002 Numero operatori: Modello di

Dettagli

ANCORAGGI PUNTIALI FISSI CLASSE A1 COD. DESCRIZIONE O3000 ANELLO IN ALLUMINIO AM 200

ANCORAGGI PUNTIALI FISSI CLASSE A1 COD. DESCRIZIONE O3000 ANELLO IN ALLUMINIO AM 200 CLASSE A O3000 ANELLO IN ALLUMINIO AM 200 5 Il punto di ancoraggio cod 03000 può essere utilizzato come ancoraggio strutturale per linee di ancoraggio temporanee. R=30 kn nella direzione sotto riportata.

Dettagli

P O R TA PA L L E T 8 5-1 1 0 R E T i A n T i c A d u TA E d i v i s O R i E

P O R TA PA L L E T 8 5-1 1 0 R E T i A n T i c A d u TA E d i v i s O R i E 85-110 reti anticaduta e divisorie 85-110 RAL 1021 Paracolpi lamiera GIALLO FLUORESCENTE Paracolpi polietilene ZINCATO Fiancate, correnti e accessori Scaffalatura interamente realizzata in lamiera di acciaio

Dettagli

PROGRAMMA LINEE VITA

PROGRAMMA LINEE VITA PROGRAMMA LINEE VITA Cosa sono le linee vita Pighi I DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO CHE SALVANO LA VITA Cosa sono i dispositivi di sicurezza Un dispositivo di ancoraggio permette a qualunque operatore di operare

Dettagli

AEROPORTO INTERNAZIONALE NAPOLI CAPODICHINO AMPLIAMENTO TERMINAL PASSEGGERI PROGETTO STRUTTURE METALLICHE SISMORESISTENTI

AEROPORTO INTERNAZIONALE NAPOLI CAPODICHINO AMPLIAMENTO TERMINAL PASSEGGERI PROGETTO STRUTTURE METALLICHE SISMORESISTENTI AEROPORTO INTERNAZIONALE NAPOLI CAPODICHINO AMPLIAMENTO TERMINAL PASSEGGERI PROGETTO STRUTTURE METALLICHE SISMORESISTENTI INTERNAZIONAL AIRPORT NAPOLI CAPODICHINO NEW TERMINAL PASSENGER DESIGN OF STEEL

Dettagli

15% sul prezzo finale! Acquista la scala con gabbia smontata e risparmierai fino al. Scale fisse con gabbia di sicurezza

15% sul prezzo finale! Acquista la scala con gabbia smontata e risparmierai fino al. Scale fisse con gabbia di sicurezza L'unica scala con gabbia di sicurezza completamente smontabile e adattabile in opera! Le scale con gabbia di sicurezza Frigerio, offrono combinazioni versatili adatte a molteplici impieghi e costituiscono

Dettagli

scale e sgabelli in alluminio una vasta gamma per ogni esigenza COSTRUITE IN ALLUMINIO LEGA UNI 6060 TA 16 RESISTENTE ALLA CORROSIONE

scale e sgabelli in alluminio una vasta gamma per ogni esigenza COSTRUITE IN ALLUMINIO LEGA UNI 6060 TA 16 RESISTENTE ALLA CORROSIONE 2006 scale e sgabelli in alluminio una vasta gamma per ogni esigenza COSTRUITE IN ALLUMINIO LEGA UNI 6060 TA 16 RESISTENTE ALLA CORROSIONE 2 ART. 211 A ART. 211 A - SCALA A CASTELLO IN ALLUMINIO Struttura

Dettagli

Lezione. Tecnica delle Costruzioni

Lezione. Tecnica delle Costruzioni Lezione Tecnica delle Costruzioni 1 Materiali Caratteristiche dell acciaio Acciaio = lega ferro-carbonio Caratteristiche importanti: resistenza duttilità = capacità di deformarsi plasticamente senza rompersi

Dettagli

TETTO SICURO. Scale con gabbia - Passerelle - Parapetti. Prodotti integrati per la messa a norma e protezione di tetti e coperture

TETTO SICURO. Scale con gabbia - Passerelle - Parapetti. Prodotti integrati per la messa a norma e protezione di tetti e coperture TETTO SICURO Scale con gabbia - Passerelle - Parapetti Prodotti integrati per la messa a norma e protezione di tetti e coperture Rivenditore autorizzato RICHIEDERE PREVENTIVO Un gradino alla volta ma...

Dettagli

Ancoraggi speciali. Esempio di posa

Ancoraggi speciali. Esempio di posa Cemento Legno S H PRODUCTION Esempio di posa La staffa CL studiata per risolvere tutti i problemi legati al fissaggio di travi con sistema a scomparsa alla base in cemento, la vasta disponibilità di La

Dettagli

GLV - GENIURA PRODUZIONE

GLV - GENIURA PRODUZIONE PRODUZIONE BER BERG L I N E A V I T A A N T I C A D U T A Bergamo Isolanti Spa è stata fondata nel 1974 a da allora è presente in Italia, a Bergamo con lo stabilimento produttivo, dal 1983 a Milano (Segrate),

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE RELATIVO ALLE STRUTTURE (DM 14 gennaio 2008)

PIANO DI MANUTENZIONE RELATIVO ALLE STRUTTURE (DM 14 gennaio 2008) PIANO DI MANUTENZIONE RELATIVO ALLE STRUTTURE (DM 14 gennaio 2008) Comune di Adrano Provincia di Catania dell'opera Progetto di una piattaforma elevatrice in acciaio indirizzo Scuola "G. Guzzardi", via

Dettagli

RELAZIONETECNICA. Oggetto Elaborato: RELAZIONE TECNICA. Elaborato: ARCH01. Livello Progettazione: Progetto Esecutivo

RELAZIONETECNICA. Oggetto Elaborato: RELAZIONE TECNICA. Elaborato: ARCH01. Livello Progettazione: Progetto Esecutivo RELAZIONETECNICA Viale Duca degli Abruzzi area Est 1 Committente: PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Dipartimento della Protezione Civile Oggetto: Fornitura comprensiva del trasporto e posa in opera

Dettagli

SISTEMA DI FISSAGGIO E SOSTEGNO EDILFIX

SISTEMA DI FISSAGGIO E SOSTEGNO EDILFIX SISTEMA DI FISSAGGIO E SOSTEGNO Il sistema di fissaggio e sostegno offre una soluzione rapida e versatile ad ogni problema di ancoraggio tra elementi prefabbricati in calcestruzzo e carpenteria metallica.

Dettagli

Indice. 2 L Azienda. 3 Profili in alluminio. 6 Profili in acciaio zincato a fuoco. 9 Staffe per tetti a falda

Indice. 2 L Azienda. 3 Profili in alluminio. 6 Profili in acciaio zincato a fuoco. 9 Staffe per tetti a falda Indice 2 Azienda 3 Profili in alluminio 6 Profili in acciaio zincato a 9 Staffe per tetti a falda Staffe per fissaggio moduli su profili 3 Cavallette e zavorre per tetti piani 5 Staffe per coperture grecate

Dettagli

Manuale d uso e manutenzione. Cotto San Michele: più che una copertura, una copertura completa.

Manuale d uso e manutenzione. Cotto San Michele: più che una copertura, una copertura completa. Manuale d uso e manutenzione. Cotto San Michele: più che una copertura, una copertura completa. Indice 1. Linea flessibile orizzontale Dispositivi di ancoraggio in classe C pag. 4 2. Punti di ancoraggio

Dettagli

PESI TEORICI LAMINATI TUBOLARI PROFILI STAMPATI LAMIERE

PESI TEORICI LAMINATI TUBOLARI PROFILI STAMPATI LAMIERE PESI TEORICI LAMINATI TUBOLARI PROFILI STAMPATI LAMIERE Note: i valori contenuti nelle tabelle sono da considerarsi puramente teorici. La nostra azienda non si assume nessuna responsabilità in merito all

Dettagli

7.70+5.80 CORPO D1: rifinitura sperone D1 0.55+7.40 ml 7,95

7.70+5.80 CORPO D1: rifinitura sperone D1 0.55+7.40 ml 7,95 Lavori:CONSOLIDAMENTO Computo metrico estimativo pag. 1 di 8 LAVORI C01 - OPERE STRUTTURALI DI CONSOLIDAMENTO - Lavori a Misura 1 N96_C01 FORMAZIONE DI COPERTINA DI CONSOLIDAMENTO IN BETONCINO REOPLASTICO

Dettagli

COMIMET S.R.L. CARPENTERIA MECCANICA, TAGLIO LASER, PLASMA, OSSITAGLIO

COMIMET S.R.L. CARPENTERIA MECCANICA, TAGLIO LASER, PLASMA, OSSITAGLIO COMIMET S.R.L. CARPENTERIA MECCANICA, TAGLIO LASER, PLASMA, OSSITAGLIO La presenza pluriennale nel settore della carpenteria pesante ha orientato il processo di sviluppo aziendale della Comimet s.r.l.

Dettagli

DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA...

DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA... Sommario 1 DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA... 5 2 NOTE DI CALCOLO E DI MODELLAZIONE... 7 3 NORMATIVE UTILIZZATE... 11 4 MATERIALI IMPIEGATI... 12 4.1 STRUTTURA METALLICA... 12 4.2 UNIONI BULLONATE... 12 4.3

Dettagli

SISTEMI DI FISSAGGIO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI REALIZZATI IN ALLUMINIO - ACCIAIO ZINCATO A CALDO - ACCIAIO INOX

SISTEMI DI FISSAGGIO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI REALIZZATI IN ALLUMINIO - ACCIAIO ZINCATO A CALDO - ACCIAIO INOX Serie ST SISTEMI DI FISSAGGIO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI SISTEMI DI FISSAGGIO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI REALIZZATI IN ALLUMINIO - ACCIAIO ZINCATO A CALDO - ACCIAIO I sistemi di fissaggio per impianti fotovoltaici

Dettagli

COMUNITA' MONTANA DELL'ALTO CHIASCIO VIA G. MATTEOTTI 17 06024 GUBBIO (PG) 12/04/2011 ELENCO PREZZI UNITARI. Codice DESCRIZIONE U.m.

COMUNITA' MONTANA DELL'ALTO CHIASCIO VIA G. MATTEOTTI 17 06024 GUBBIO (PG) 12/04/2011 ELENCO PREZZI UNITARI. Codice DESCRIZIONE U.m. 2.1.30.1 Scavi fino alla profondità di m 1,50. ( Euro novevirgolanovanta ) 2.3.40.1 Con l uso di mezzo meccanico. ( Euro settantaquattrovirgolazerozero ) mc 9,90 mc 74,00 2.6.70.1 ( Euro dodicivirgolasessanta

Dettagli

LINEA 795 ROBUST SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA

LINEA 795 ROBUST SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA LINE 795 ROUST SISTEMI DI PROTEZIONE NTICDUT PUNTO DI NCORGGIO WDIR Componente di classe 1 secondo norma UNI EN 795:2002 Certificati: Certificazione secondo UNI EN 795:2002 Numero operatori: descrizione

Dettagli

BARRIERA A MURETTO IN CAV PROFILO NEW JERSEY TESTATA CON LA NORMA EUROPEA EN1317 parte 1-2-3-4-5

BARRIERA A MURETTO IN CAV PROFILO NEW JERSEY TESTATA CON LA NORMA EUROPEA EN1317 parte 1-2-3-4-5 BARRIERA A MURETTO IN CAV PROFILO NEW JERSEY TESTATA CON LA NORMA EUROPEA EN1317 parte 1-2-3-4-5 BORDO PONTE CON CORRIMANO IN ACCIAIO MODELLO ABESCA NJBPH4 OMOLOGATA IN CLASSE DI CONTENIMENTO H4b Pagina

Dettagli

Ponteggi mobili a torre su ruote in acciaio zincato

Ponteggi mobili a torre su ruote in acciaio zincato Ponteggi mobili a torre su ruote in acciaio zincato Catalogo 2007 Vi diamo alcune informazioni importanti sugli unici riferimenti di legge attualmente in vigore e sulle loro principali differenze, al fine

Dettagli

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3)

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3) Domande su: taglio, flessione composta e collegamenti. Indica se ciascuna delle seguenti affermazioni è vera o falsa (per ciascuna domanda punti 2) (1) L adozione di un gioco foro-bullone elevato semplifica

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria COSTRUZIONE DI MACCHINE prof. Sergio Baragetti Allievi dei corsi di Laurea in Ingegneria Meccanica e Ingegneria Gestionale Testi delle esercitazioni

Dettagli

Pilosio è un importante realtà italiana ed internazionale del settore delle attrezzature per costruzioni e manutenzioni edili e industriali, altro

Pilosio è un importante realtà italiana ed internazionale del settore delle attrezzature per costruzioni e manutenzioni edili e industriali, altro Pilosio è un importante realtà italiana ed internazionale del settore delle attrezzature per costruzioni e manutenzioni edili e industriali, altro che delle strutture per lo spettacolo come palchi, tribune,

Dettagli

Vantaggi. - Il montaggio è rapido, facile e pulito.

Vantaggi. - Il montaggio è rapido, facile e pulito. Soppalchi I soppalchi permettono di sfruttare al massimo l altezza utile di un locale, duplicandone o triplicandone la superficie, e di creare aree dedicate a magazzini, guardaroba, uffici, ecc. L installazione

Dettagli

Reti di sicurezza. Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili

Reti di sicurezza. Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Reti di sicurezza Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Edizione 2014 Pubblicazione realizzata da INAIL Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, prodotti e insediamenti

Dettagli

CATALOGO SETTORE METALLI

CATALOGO SETTORE METALLI CATALOGO SETTORE METALLI Tel 02/94967299 Fax 02/94050387 VIA PADRE CARLO DA VIGEVANO N. 18 ABBIATEGRASSO MI TEL 02/9466156 FAX 02/94695056 SERVIZIO ALLA CLIENTELA el settore dei Nm e t a l l i ferrosi

Dettagli

REN Solution ENgineering Excellence for RENewable ENergy

REN Solution ENgineering Excellence for RENewable ENergy REN Solution ENgineering Excellence for RENewable ENergy Divisione per le energie rinnovabili di Mech srl Via Pasteur, 16 42100 Reggio Emilia - Italy Ph.+39 0522 332903 Ph.+39 0522 333957 Fax +39 0522

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

MODULO R.I.T.C. Modulo richiesta informazioni tecniche di copertura Ed. 24/01/2014

MODULO R.I.T.C. Modulo richiesta informazioni tecniche di copertura Ed. 24/01/2014 Informazioni tecniche per la realizzazione di un progetto di linea vita, o sistema anticaduta, su copertura Informazioni tecniche per la verifica strutturale MODULO R.I.T.C. Modulo richiesta informazioni

Dettagli

SERIE DOPPIA SERIE DP CANNA FUMARIA INOX DOPPIA PARETE

SERIE DOPPIA SERIE DP CANNA FUMARIA INOX DOPPIA PARETE SERIE DP CANNA FUMARIA INOX DOPPIA PARETE Le canne fumarie della serie DP rappresentano la soluzione piu avanzata per l evacuazione dei fumi di generatori di calore alimentati con qualsiasi tipo di combustibile.

Dettagli

Qualità, Sicurezza, Efficienza in tutto il mondo

Qualità, Sicurezza, Efficienza in tutto il mondo 1 Processo produttivo nello stabilimento di Piacenza, Italia. Qualità, Sicurezza, Efficienza in tutto il mondo Qualità eccellente Bolzoni Auramo offre una gaa completa di forche per carrelli elevatori,

Dettagli

NUOVA STAZIONE ALTA VELOCITA ROMA TIBURTINA COPERTURA GALLERIA PONTE E FABBRICATI DI STAZIONE

NUOVA STAZIONE ALTA VELOCITA ROMA TIBURTINA COPERTURA GALLERIA PONTE E FABBRICATI DI STAZIONE NUOVA STAZIONE ALTA VELOCITA ROMA TIBURTINA COPERTURA GALLERIA PONTE E FABBRICATI DI STAZIONE NEW RAILWAY STATION ROMA TIBURTINA STEEL ROOF AND STATION BUILDINGS Ing. Giovanni Costa Prof. Ing. Pierangelo

Dettagli

ATTREZZATURE DI SICUREZZA E PRODUZIONE PER L EDILIZIA

ATTREZZATURE DI SICUREZZA E PRODUZIONE PER L EDILIZIA ATTREZZATURE DI SICUREZZA E PRODUZIONE PER L EDILIZIA tel +33 (0)4 77 500 614 fax +33 (0)4 77 500 615 mail info@alsolu.com sito web www.alsolu.it CATALOGO 2012 2 LA NOSTRA ATTIVITÀ ALSOLU, ufficio di studi,

Dettagli

Manuale Operativo rev08 del 01/11

Manuale Operativo rev08 del 01/11 Manuale Operativo Sommario Manuale Operativo PARTE 1 - MANUALE DI MESSA IN OPERA 1.1. Pareti realizzate con pannello PSM 1.1.1 Ancoraggio alla fondazione 1.1.2 Stoccaggio in cantiere 1.1.3 Identificazione

Dettagli

PAL-ON SCHEDA TECNICA ROOF INDICE. 1. Anagrafica. 2. Caratteristiche Tecniche. 3. Certificazioni. 4. Utilizzo. 5. Posa in Opera. 6.

PAL-ON SCHEDA TECNICA ROOF INDICE. 1. Anagrafica. 2. Caratteristiche Tecniche. 3. Certificazioni. 4. Utilizzo. 5. Posa in Opera. 6. INDICE 1. Anagrafica 2. Caratteristiche Tecniche 3. Certificazioni 4. Utilizzo 5. Posa in Opera 6. Dati tecnici 7. Voce di capitolato 1/5 1. ANAGRAFICA CODICE PRODOTTO: GRUPPO: FAMIGLIA: NOME: LUC51-1075

Dettagli

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGETTO ESECUTIVO PER LAVORI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATI DI E.R.P. COMPOSTO DA N. 8 ALLOGGI SITO

Dettagli

SICUREZZA IN CANTIERE PER I LAVORATORI CHE OPERANO IN QUOTA

SICUREZZA IN CANTIERE PER I LAVORATORI CHE OPERANO IN QUOTA SICUREZZA IN CANTIERE PER I LAVORATORI CHE OPERANO IN QUOTA Sistemi di protezione collettivi ed individuali con riferimento alle normative europee UNI EN 13374 e UNI EN 795. I lavori in quota possono esporre

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10

ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10 ISTRUZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E

Dettagli

Acustiko. Pannello antirumore. Insonorizzazione per l edilizia - Acustiko

Acustiko. Pannello antirumore. Insonorizzazione per l edilizia - Acustiko Acustiko Pannello antirumore Pannello antirumore Acustiko Cos è? Acustiko è un pannello antirumore, modulare e versatile, nato per realizzare barriere acustiche nei cantieri. Le barriere realizzate con

Dettagli

Tekla Structures Guida di riferimento per i componenti in calcestruzzo. Versione del prodotto 21.0 marzo 2015. 2015 Tekla Corporation

Tekla Structures Guida di riferimento per i componenti in calcestruzzo. Versione del prodotto 21.0 marzo 2015. 2015 Tekla Corporation Tekla Structures Guida di riferimento per i componenti in calcestruzzo Versione del prodotto 21.0 marzo 2015 2015 Tekla Corporation Indice 1 Detailing cemento armato... 9 1.1 Connessioni seating... 9 Seating

Dettagli

NUOVE NORME PER GLI ELEMENTI DI COLLEGAMENTO STRUTTURALI

NUOVE NORME PER GLI ELEMENTI DI COLLEGAMENTO STRUTTURALI NUOVE NORME PER GLI ELEMENTI DI COLLEGAMENTO STRUTTURALI RELATORE: Sig. EMILIO BASSO Product Manager Gruppo Fontana Copyright Gruppo Fontana 1 TIPOLOGIA DI BULLONI Nelle costruzioni metalliche, la bulloneria

Dettagli

CAPITOLATO DI FORNITURA GETTI IN ALLUMINIO

CAPITOLATO DI FORNITURA GETTI IN ALLUMINIO CAPITOLATO DI FORNITURA GETTI IN ALLUMINIO 1. SCOPO E CAMPO D APPLICAZIONE Il presente capitolato ha lo scopo di: descrivere le modalità di classificazione dei getti recepire le indicazioni da citare a

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO DESCRITTIVO

CAPITOLATO TECNICO DESCRITTIVO CAPITOLATO TECNICO DESCRITTIVO DESCRIZIONE INFISSI : PERSIANA, GRATA E COMBINATO DECORAL Tutte le Persiane Decoral Sicurezza modelli ROMANA, SUPERBA, PADOVA sono costruite con progressione di quote pari

Dettagli

ELENCO DEI PREZZI UNITARI. Codice DESCRIZIONE U.m. PREZZO

ELENCO DEI PREZZI UNITARI. Codice DESCRIZIONE U.m. PREZZO 1.2.19.A 1.4.G.1.A 1.4.G.5 1.4.I.4.D1 Formazione di ponteggio tubolare di facciata per la realizzazione degli interventi interessanti la copertura dell'aula della scuola elementare (rif. intervento n.

Dettagli

Cesoiatura. Pressopiegatrici

Cesoiatura. Pressopiegatrici Versione 2010.1 1 Cesoiatura Eseguiamo cesoiatura lamiere da uno spessore minimo di 0.6 mm, con una cesoia meccanica, tramite una unità possiamo cesoiare e spianare contemporaneamente lamiere a misura

Dettagli

I N D I C E GENERALITÀ... 2

I N D I C E GENERALITÀ... 2 INDICE 1. GENERALITÀ... 2 1.1 PREMESSA... 2 1.2 OGGETTO DEI LAVORI... 2 1.3 NORME E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 3 1.4 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO... 5 1.5 PROVE E VERIFICHE SUGLI... 5 1.6 DOCUMENTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI PRATO. Relazione specialistica delle strutture

COMUNE DI PRATO. Relazione specialistica delle strutture Gli interventi strutturali previsti sul Bastione delle Forche sono i seguenti: realizzazione di una nuova scala di accesso al Bastione in prossimità della scala esistente; realizzazione del parapetto lungo

Dettagli

DESCRIZIONE TECNICA PORTA PALLET : SERIE PN

DESCRIZIONE TECNICA PORTA PALLET : SERIE PN INTRODUZIONE Dallo scaffale all automazione DESCRIZIONE TECNICA PORTA PALLET : SERIE PN La logistica ha oggi una rilevanza particolare nelle aziende produttive e di distribuzione, e la sua ottimizzazione

Dettagli

Materiali, analisi strutturale e stati limite delle costruzioni in acciaio

Materiali, analisi strutturale e stati limite delle costruzioni in acciaio La Progettazione delle Strutture tt di Acciaio i e composte in Acciaio-Calcestruzzo secondo il D.M. 14.01.08 Siena, 19-21 Maggio 2010 Materiali, analisi strutturale e stati limite delle costruzioni in

Dettagli

Vasche a tenuta stagna idonee per lo stoccaggio e la movimentazione di fusti contenenti sostanze pericolose per l ambiente. Sono costruite in lamiera

Vasche a tenuta stagna idonee per lo stoccaggio e la movimentazione di fusti contenenti sostanze pericolose per l ambiente. Sono costruite in lamiera Vasche a tenuta stagna idonee per lo stoccaggio e la movimentazione di fusti contenenti sostanze pericolose per l ambiente. Sono costruite in lamiera di acciaio spessore 30/10 e verniciate a polveri epossidiche

Dettagli

ESPLOSO ASSONOMETRICO - PARETE (leggere con attenzione le spiegazioni sottoriportate)

ESPLOSO ASSONOMETRICO - PARETE (leggere con attenzione le spiegazioni sottoriportate) ESPLOSO ASSONOMETRICO - PARETE (leggere con attenzione le spiegazioni sottoriportate) Profilo policarbonato Profilo fermavetro Carter di copertura Piede di regolazione Profilo fisso PARETE MONOLITICA:

Dettagli

.eu 316/316 L LDX 2101 1.4016 1.4301 1.4307 1.4401

.eu 316/316 L LDX 2101 1.4016 1.4301 1.4307 1.4401 .eu 316/316 L LDX 2101 1.4016 1.4301 1.4307 1.4401 Profili ad H MÍN 30 x.50 x 1.000 mm MÁX 400 x 1.000 x 15.000 mm Grosores de material Anima 3 30 mm Ala 3 60 mm Lavorazioni meccaniche 3D Acciaio al carbonio

Dettagli

Linee guida posizionamento di catene e tiranti

Linee guida posizionamento di catene e tiranti Opere Provvisionali Linee guida posizionamento di catene e tiranti Incatenamento di edificio in struttura muraria con tiranti e angolari in acciaio; tiranti con acciaio in barra trafilata, ovvero in acciaio

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI EDIFICI E DELLA SICUREZZA NEI LAVORI DI MANUTENZIONE SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE

LA PROGETTAZIONE DEGLI EDIFICI E DELLA SICUREZZA NEI LAVORI DI MANUTENZIONE SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE 1 ESIGENZE DA SODDISFARE L opera deve essere progettata ed eseguita in modo che la manutenzione, la verifica o la riparazione dell opera e delle sue pertinenze, comprese le

Dettagli

IL PROCESSO STANDARD

IL PROCESSO STANDARD IL PROCESSO STANDARD ZINCATURA A SECCO Controllo e Carico Sgrassaggio Decapaggio Lavaggio Flussaggio Essicazione Immersione nello zinco Raffreddamento Scarico Ispezione 1 IL PROCESSO STANDARD Controllo

Dettagli

REQUISITI PROCESSO DI SALDATURA di cui al par. 11.3.4.5 delle NTC2008

REQUISITI PROCESSO DI SALDATURA di cui al par. 11.3.4.5 delle NTC2008 Requisito Travi PREM 2015 di cui al par. 11.3.4.5 delle NTC2008 Procedimento all arco elettrico (ammessi procedimenti diversi previa adeguata doc. tecnica e sperimentale) Qualifica (certificati) saldatori

Dettagli

STABILIMENTO INDUSTRIALE NOVELLO 87 pilastri di legno lamellare: una sfida costruttiva

STABILIMENTO INDUSTRIALE NOVELLO 87 pilastri di legno lamellare: una sfida costruttiva STABILIMENTO INDUSTRIALE NOVELLO 87 pilastri di legno lamellare: una sfida costruttiva. Quello che viene qui presentato è un edificio industriale senza precedenti, un nuovo modello di sviluppo per i progetti

Dettagli

EDIFICIO STAZIONE DI TELERISCALDAMENTO IMPIANTO DI TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI TRM

EDIFICIO STAZIONE DI TELERISCALDAMENTO IMPIANTO DI TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI TRM 2 24/04/2015 Aggiornato a seguito RQP PE 01_00 1 20/03/2015 Emissione per Progetto Esecutivo 0 01/01/2015 Emissione per gara progettazione esecutiva ZANELLA ZANELLA GRUPPO LAVORO TRM DI CARLO DI CARLO

Dettagli

SOMMARIO. Connettore a piolo con testa applicato a freddo mediante chiodi e viti autofilettanti.

SOMMARIO. Connettore a piolo con testa applicato a freddo mediante chiodi e viti autofilettanti. 2 SOMMARIO Connettore a piolo con testa applicato a freddo mediante chiodi e viti autofilettanti. 1. INTRODUZIONE 2. DESCRIZIONE CONNETTORI 3. PROVE DEI CONNETTORI FISSATI TRAMITE CHIODI 3.1. Descrizione

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

Tipologie di profilati commerciali IPE

Tipologie di profilati commerciali IPE HE A-B-M Acciai da costruzione o da carpenteria Tipologie di profilati commerciali IPE UPN L lati uguali IPE Sagomario o profilario Passaggi di lavorazione per un profilo a doppio T lavorato a caldo Nascita

Dettagli

INDICAZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE DI PROTEZIONE DA ADOTTARE PER LA RIDUZIONE DEI RISCHI

INDICAZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE DI PROTEZIONE DA ADOTTARE PER LA RIDUZIONE DEI RISCHI 5 INDICAZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE DI PROTEZIONE DA ADOTTARE PER LA RIDUZIONE DEI RISCHI PREMESSA Il presente paragrafo è stato elaborato a partire dalle situazioni di pericolo individuate dall

Dettagli

L'AZIENDA Catalogo Generale 2

L'AZIENDA Catalogo Generale 2 INDICE 1 3 5 7 8 9 11 12 13 14 15 16 17 18 19 21 23 24 25 26 27 L'Azienda Grigliati Grigliati (grate per uso orizzontale) Grigliati (grate per uso verticale) Recinzioni in Grigliato Grigliati (portate)

Dettagli

PRODOTTI SIDERURGICI www.promozioneacciaio.it II-NORMATIVE. 1: Condizioni tecniche generali di fornitura

PRODOTTI SIDERURGICI www.promozioneacciaio.it II-NORMATIVE. 1: Condizioni tecniche generali di fornitura II-NORMATIVE 3-Normative (UNI EN) di prodotti in acciaio a)prodotti Piani e Lunghi Normativa UNI EN 125 : Prodotti laminati a caldo di acciai per impieghi strutturali Normativa divisa in sei (6) parti

Dettagli

NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI:

NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: UNI EN 3834 -Requisiti per la qualità della saldatura UNI EN ISO 9001 -Sistemi di gestione qualità UNI EN ISO 9001 -Sistemi di gestione qualità Centri di trasformazione:

Dettagli

ELENCO OMOLOGAZIONI CON TIPI FISSAGGIO E LIMITI DIMENSI0NALI DI PORTE E VETRI

ELENCO OMOLOGAZIONI CON TIPI FISSAGGIO E LIMITI DIMENSI0NALI DI PORTE E VETRI ELENCO OMOLOGAZIONI CON TIPI FISSAGGIO E LIMITI DIMENSI0NALI DI PORTE E VETRI Porta uniform REi 60 OMOLOGAZIONE UNICA PER POSA A MURARE, A TASSELLARE, SU FALSO TELAIO bordi Vetri omologazione Dimensioni

Dettagli

CORPO PERMANENTE VIGILI DEL FUOCO TRENTO Ufficio Operativo Interventistico

CORPO PERMANENTE VIGILI DEL FUOCO TRENTO Ufficio Operativo Interventistico Provincia Autonoma di Trento Servizio Antincendi e Protezione Civile CORPO PERMANENTE VIGILI DEL FUOCO TRENTO Ufficio Operativo Interventistico Norma EN 1147/0 (norme europee) SCALE PORTATILI PER USO NELLE

Dettagli

TUBO/GIUNTO FRACASSO. Caratteristiche. Punti di forza. Diametro esterno. 48,30 mm

TUBO/GIUNTO FRACASSO. Caratteristiche. Punti di forza. Diametro esterno. 48,30 mm Punti di forza Notevole facilità di montaggio e smontaggio per la semplicità dei collegamenti e il numero limitato degli elementi Numero pressoché infinito di soluzioni sviluppabili in funzione della struttura

Dettagli