Aristotele e l economia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aristotele e l economia"

Transcript

1 2006 Istituto di Filosofia Arturo Massolo Università di Urbino Isonomia Aristotele e l economia Italo Cubeddu Università degli studi di Urbino Carlo Bo Professore emerito Abstract A page of the Nicomachean Ethics explains in what manner an architect (A) can give a house (C) in exchange for a given number of shoes (nd) from a cobbler B (E.N a 7 ff.). The exchange takes place along the diagonals of a square which join the extreme points A-nD and B-C, and can be read as a geometrical proportion: (A+C):(B+D)=A:B and C:D. It is to this formula, which provides an instance of distributive justice, that the idea which Aristotle has of the political good leads back, a good identified with the justness that emerges from «a certain proportion» (Pol b 16-17, E.N a 29). The reciprocal exchange of goods «produces equality and preserves friendschip» between citizens of a state (E.N b 32-35), and yet remains possible if money is used only to facilitate its execution and if the fact is recognized that the ratio of giving and having exists within things. Exchange, Aristotle concludes, «is prior to money» (E.N b 27-28).

2 2 Italo Cubeddu [...] il bene della politica è il giusto e[sti de; politiko;n ajgaqo;n to; divkaion. Politica, G 12, 1282 b [...] il giusto è perciò una certa proporzione, e[stin a[ra to; divkaion ajnavlogovn ti. Etica a Nicomaco, E 3, 1131 a 29 Il giusto politico, spiega Aristotele nel settimo capitolo del quinto libro dell Etica nicomachea, può essere naturale oppure per convenzione o legge: il primo vale dappertutto e non perché lo accettiamo o non lo accettiamo, mentre il secondo, prima di esserci, può essere in un modo o anche in un altro, non però quando sia stato stabilito. C è chi ha pensato che le leggi della città siano tutte mutevoli dal momento che quelle naturali sono immutabili, il fuoco infatti brucia nello stesso modo in Grecia e in Persia; questo però non è vero in assoluto, ma solo in parte, per gli dèi non vale assolutamente e si può dire che anche da noi c è un giusto naturale, sebbene tutto, qui, possa cambiare. Si sa, per esempio, che la mano destra è per natura quella più forte, ma qualcuno riesce a diventare ambidestro (lo stesso esempio si trova in Platone, Leg. VII, 794 D-795 D); ora questa distinzione vale per tutte le cose, sebbene non sia facile vedere quali di quelle mutevoli siano per natura e quali per legge o convenzione 1.. In un libro precedente, il terzo, Aristotele aveva trattato della deliberazione, che si rende necessaria per le cose fatte dall uomo ma non per quelle eterne: non si delibera infatti sulla incommensurabilità della diagonale. Quando consideriamo i fatti umani, quello che cerchiamo sono i mezzi e non i fini: il medico non si domanda se deve occuparsi della salute, il commerciante non si chiede se debba procurarsi un guadagno. Si deve notare però che anche per questo genere di cose le ricerche si fanno servendosi del metodo dell analisi, come quando si vuole costruire una figura geometrica. Se non tutte le ricerche sono deliberazioni (non lo sono quelle del matematico), il medico o chi intende acquistare beni debbono cercare, tra i mezzi possibili, quelli che consentono di

3 Aristotele e l economia 3 raggiungere il fine ovvero l ultimo termine dell analisi, che è poi il primo della costruzione 2. I vocabolari ci dicono che l aggettivo divkaio~, giusto, oltre che per ovvi riferimenti a comportamenti umani, può essere usato per dire che un corpo è ben proporzionato (divkaion sw`ma), che è come deve essere, uguale nelle parti che lo costituiscono, simmetrico (Galeno), oppure che l acquisto di una cosa è conveniente perché ha il prezzo dovuto. Questo non succede soltanto nel greco antico, noi riprendiamo però la lettura del capitolo dell Etica nicomachea dal quale ho ricavato il secondo motto completandola per la parte che ci interessa. Scrive ancora Aristotele: Infatti la proporzione non è propria soltanto dell unità numerica, ma del numero in generale, ed è una uguaglianza di quattro termini. La proporzione discreta ne ha quattro, e ne ha quattro anche quella continua. Questa ne usa uno due volte e lo dice anche, per esempio che A sta a B come B sta a G. Così il giusto comprende almeno quattro termini e il loro rapporto è il medesimo, sono infatti divisi in modo simile quei segmenti [che rappresentano persone] e quelli che rappresentano la parte ricevuta da ciascuno [nel corso della lettura Aristotele rinviava evidentemente a una figura]. Dunque come il primo termine sta al secondo il terzo starà al quarto e, permutando, il primo al terzo e il secondo al quarto [...]. Il principio della giustizia distributiva è la congiunzione del primo termine con il terzo e del secondo con il quarto [...]. I matematici chiamano questa proporzione geometrica, infatti è quella in cui le somme [degli antecedenti con i conseguenti] stanno tra loro come un termine di ogni coppia sta all altro (1131 a 30; b 15). Da queste pagine ricaviamo due indicazioni che potranno accompagnare la nostra lettura dei capitoli della Politica (l ottavo, il nono e il decimo del primo libro) e dell Etica nicomachea (il quinto del quinto) che vengono citati per far dire a Aristotele quello che ha pensato dell economia. Prima indicazione: la distinzione di legge naturale e legge per convenzione non è assoluta, l esempio, che abbiamo visto, dell ambidestro ci dice che non è impossibile introdurre un ordine naturale nei rapporti tra i cittadini di una povli~, che si può almeno tentare di farlo: se è vero che le azioni umane non hanno una necessità assoluta, se non sono sempre come la incommensurabilità della diagonale, possono presentarsi come un per lo più (un wj~ ejpi; to; poluv) per cui riusciamo a ricondurle a un modello, a una causa formale che è anche una causa finale. Per Aristotele il compito del legislatore è quello di «abituare i cittadini al bene» (Etica nicomachea, B 1, 1103 b 3-4), a un sistema di rapporti che diciamo naturali quando ci

4 4 Italo Cubeddu sembrano giustamente proporzionati. L altra indicazione è quella che si ricava dalla definizione di ajnavlogon modellata sulla teoria delle proporzioni costruita da Eudosso, il matematico scienziato filosofo che reggeva l Accademia l anno in cui era arrivato nella scuola il giovane Aristotele che allora, nel 367, aveva diciassette anni (Platone era in Sicilia). La pagina che abbiamo letto dal quinto libro dell Etica a Nicomaco ripete quello che si deve sapere della proporzione, compresa la possibilità di permutare e di sommare i termini che la costituiscono 3. Nei Topici si può leggere un altra definizione, riguarda la divisione condotta sul piano di un parallelogramma da una retta parallela a uno dei suoi lati, con questa operazione il lato e l area della figura risultano simili per la sottrazione che hanno subíto di uno stesso numero di parti (Q 3, 158 b 29-35). Più interessante può diventare per noi un capitolo degli Analitici secondi, il quinto del primo libro, che richiama la conversione o alternanza dei termini di una proporzione (A:B = G:D, A:G = B:D) discutendo gli errori che si possono commettere nelle dimostrazioni di attributi universali. Aristotele dice a un certo punto che la proporzionalità ottenuta in questo modo vale non solo per i numeri in quanto tali, ma anche per le linee, per i solidi e «per le differenze di tempo», sempre in quanto tali (74 a 17-19). Da qui, per il riferimento alle determinazioni di tempo che entrano in una relazione incrociata, potremmo passare alla lettura del capitolo dell Etica nicomachea, sarà bene però vedere prima quelli ricavati dalla Politica, per ritrovare qualcuna delle cose dette fin qui 4. Politica, primo libro, capitolo ottavo *** Che cosa si identifichi o sia parte di che cosa, se l economia si identifichi con l acquisto di beni (con la crematistica; crhmatistikhv, da crh`ma, ciò di cui si ha bisogno, che viene usato; al plurale: gli averi, le ricchezze) oppure se questa sia una parte della prima o costituisca una specie a sé, per es. se abbia una propria natura diversa da quella dell amministrazione domestica, e se della crematistica, che si occupa delle proprietà e dell acquisto di beni, sia parte l agricoltura, sono queste le domande che Aristotele si pone all inizio del capitolo ottavo del primo libro della Politica. Il modo di interrogarsi è quello di chi fa uso del metodo delle divisioni cercando di raccogliere con l induzione i dati che gli consentono di arrivare a una risposta. Aristotele parla di uomini e di

5 Aristotele e l economia 5 animali che si procurano il cibo da sé, della natura che «non fa nulla di inutile e senza motivo» (1256 b 21) e che assegna a tutti i viventi il loro ruolo fissando una rete di rapporti che non richiedono lo scambio e il commercio al minuto (1256 a 40-b 20). C è allora una forma di acquisto che è naturale, che è parte della amministrazione familiare e che deve procurare i beni necessari, quanto basta per raggiungere l autosufficienza; a questa idea se ne lega un altra che incontreremo di nuovo, quella del ben vivere (to; eu\ zh`n). Solone aveva torto quando diceva che la ricchezza non ha limiti per l uomo, quella necessaria per la famiglia e per la città ne ha uno, e chi sta a capo della famiglia e dello stato deve apprendere come è fatta questa crematistica naturale (1256 b 35-39) a 4. Oijkonomiva, economia. Ha preso il nome dalla casa (oi\ko~) abitata dalla famiglia, dal primo tipo di aggregazione (nel secondo capitolo dello stesso libro Aristotele cita Esiodo: «nella casa vengono prima la donna e il bue che ara») che si moltiplica nei villaggi e che nella città acquista l ultima forma, quella di una comunità perfetta: «la natura di ogni cosa è il fine che porta a compimento la sua generazione, come avviene per l uomo, per il cavallo e per la casa» (A 2, 1252 b 32-34). In un altro capitolo dello stesso libro, il terzo, spiega poi che gli elementi dell amministrazione domestica sono quelli stessi della città e che della famiglia «è parte la proprietà» (1253 b 23). Nel dodicesimo dichiara ancora che tre sono le parti della amministrazione familiare, il padrone (e lo schiavo) che è poi il padre-re dei figli, e che come marito esercita un potere «politico» sulla moglie (1259 b 1). Questa divisione diventerà importante nella discussione delle varie forme di costituzione, l Etica nicomachea indica le analogie (o paradeivgmata) che la famiglia mostra di avere con diverse forme di costituzione: il rapporto del padre con i figli fa pensare al regno (per questo Zeus è stato chiamato padre da Omero), quello che ha, come padrone, con lo schiavo è tirannico, infine quello che gli viene riconosciuto nei confronti della moglie è aristocratico, la sua è infatti un autorità fondata sul merito (katæ ajxivan); se volesse comandare su tutto diventerebbe un oligarca, Q 10, 1160 b a 1. Uno dei tanti riferimenti alle opere di Platone che si trovano nella Politica riguarda la comunanza delle donne, dei figli e della proprietà (Repubblica V); per quest ultima Aristotele dichiara nel quarto capitolo del secondo libro che l idea che «le

6 6 Italo Cubeddu proprietà siano private e divengano comuni nell uso è evidentemente quella migliore», 1263 a a 16-b 30. La capacità che gli uomini hanno di procurarsi il cibo da sé e non con gli scambi o con il commercio al minuto (kaphlikhv, fin qui sinonimo di ajllaghv, scambio in generale, baratto: 1256 a b) è un possesso che la natura ha concesso a tutti gli animali; è chiaro poi, sostiene Aristotele, che ogni cosa che si collega con questo potere è stata fatta per l uomo. Più avanti (vedi il successivo capitolo nono, 1257 a 15-20) Aristotele dirà del commercio al minuto che all inizio era un altra cosa, diversa dalla crematistica, il fatto se lo spiega immaginando un tempo in cui gli scambi sarebbero avvenuti ««fino al punto che poteva bastare», ossia per soddisfare bisogni elementari; nel seguito Aristotele riavvicinerà i due modi di acquisto con una critica che li colpisce entrambi, quando avrà visto per quali motivi e in che modo possono diventare innaturali. Per i riferimenti all agricoltura, oltre all indicazione data nelle righe della pagina 1256 a («la maggior parte degli uomini vive della terra e delle piante coltivate»), vanno ricordate altre pagine dell opera, sempre dal primo libro nel capitolo undicesimo (1258 b 12-22), poi nel quarto capitolo del quarto (1290 b 40 sgg.). Nel primo brano si legge un rapido elenco delle cose che deve saper fare l agricoltore; è piuttosto sommario ma le attività indicate sono quelle che costituiscono la crematistica in senso proprio. Parla dei vantaggi che ottiene quando è esperto nell acquisto di cavalli o di buoi o di pecore, quando conosce il modo in cui si debbono coltivare i campi e curare i boschi e quello di allevare api o altri animali, pesci o uccelli, dai quali potrebbe ricavare risorse. Segue, nelle righe 20 sgg., la divisione dell attività mercantile in tre parti, la prima costituita dal commercio marittimo, la seconda dal prestito a interesse (tokismov~), l ultima dal lavoro salariato (una forma intermedia sarebbe costituita dall arte mineraria e dal taglio dei boschi). All inizio della pagina 1259 fa anche i nomi di due autori di scritti sull agricoltura, Caretide di Paro e Apollonio di Lemno, dei quali però non conosciamo nulla. Nel capitolo del quarto libro Aristotele introduce un elenco delle parti che costituiscono la città: per primi vengono gli agricoltori, che procurano il cibo, poi gli operai, il terzo posto è occupato dal mercato (ajgorai`on), dove si fanno gli acquisti e le vendite, all ingrosso (ejmporiva~) e al minuto (kaphleiva~). Ricorda inoltre (1291 a 11 sgg.) che nella Repubblica (II, 369

7 . Aristotele e l economia 7 B sgg.) Socrate ha proposto una classificazione simile ma insufficiente, qui dobbiamo registrare un osservazione che precede l elenco e che rinvia a questioni di metodo: la divisione delle parti della città deve essere fatta usando il procedimento induttivo (vedi sopra), che consente la divisione (diaivresi~) di un genere nelle sue specie e la distinzione di tipi animali in una tavola classificatoria costruita tenendo conto della diversa organizzazione, in ciascuno, degli organi che sono per tutti comuni b La proprietà, l abbiamo già visto, deve essere contenuta nei limiti di quanto basta per garantire l autosufficienza (aujtavrkeia; vedi anche sopra, 1256 b 4) della famiglia e della città e per consentire una ««vita buona». Nel terzo libro della Politica Aristotele ha scritto che «il vivere bene è il fine della città», di una «comunità di genti e di villaggi che conducono una vita perfetta e autosufficiente ossia, come diciamo, una vita bella e felice (to; zh`n eujdaimovnw~ kai; kalw`~)», 9, 1280 b a 2. Ancora sulla sua lettura del detto di Solone: c è, per Aristotele, un limite della ricchezza perché non c è nulla che sia illimitato, nel mondo che è nostro e per la scienza che ne abbiamo; quanto all etica, dopo aver ripetuto che la virtù sta nel seguire la via di mezzo (mesovth~) tra due estremi, Aristotele ha aggiunto, trovandosi d accordo con i pitagorici, che il male è dell infinito e il bene di ciò che è limitato (Eth. Nic. B 6, 1106 b 28-30). Politica, primo libro, capitolo nove *** È il capitolo delle difficoltà. Alla fine Aristotele dice di aver mostrato il perché di due specie di crematistica, una necessaria, legata alla economia domestica, e una non necessaria, della quale ha indicato le cause. Le difficoltà incontrate per arrivare a questa conclusione vengono affrontate usando la tecnica delle divisioni e cercando le differenze tra le cose e tra i loro significati per negarne (o affermarne) le somiglianze. Vedi anche nei Topici il tredicesimo capitolo del primo libro b a 20. La maggiore difficoltà: se non sono identiche, le due maniere di procurare beni «sono vicine o non troppo lontane». Ma una è naturale, l altra è un arte,

8 8 Italo Cubeddu e tutte le arti, dirà più avanti, tendono senza fine a raggiungere il loro scopo, in questo caso all accumulo incessante di beni (1257 b 25-30). Riconosciuta la vicinanza delle due forme di acquisto, Aristotele introduce (dalla pagina 1257 a 5) la distinzione tra valore d uso e valore di scambio, che riguarda tutto ciò che si possiede; sono due usi che ineriscono per sé (kaqæ aujtovv) alla cosa, ma non per sé nello stesso modo, uno dei due può dirsi proprio, l altro no. Il passo ci rimanda a un capitolo degli Analitici secondi dove vengono distinti gli attributi per sé che si dicono tali in quanto entrano nel discorso definitorio di una cosa (la pluralità, per esempio, che fa parte della nozione di numero) da quelli, anch essi per sé ma derivati, che si possono dire solo precisando qual è la cosa già definita della quale sono un attributo (come dispari, che si dice del numero ma non di tutti i numeri), A 22, 84 a Il fatto che si possa vendere o comprare non appartiene al che cos è, all ei\do~ di una cosa. Va aggiunto poi (è un altro elemento che confermerebbe la vicinanza) che degli uomini alcuni hanno più, altri meno di quanto può bastare. Sulle cause di questo più e di questo meno il testo non si sofferma, l accenno serve soltanto per poter dire che in origine lo scambio si limitava alla soddifazione di bisogni elementari (passo già citato nei riferimenti al capitolo precedente) a 19-31) Nelle righe precedenti Aristotele aveva detto che nella famiglia lo scambio non era necessario; ha pensato evidentemente che all interno di un gruppo ristretto ognuno poteva attingere dai beni raccolti per l uso comune. Ma la moltiplicazione di famiglie in luoghi diversi e sempre più distanti ha reso differenti la quantità e la qualità dei beni posseduti: da qui la necessità di scambiarli, dapprima con il baratto, che «non è innaturale» e che sembra mantenere ancora l iniziale vicinanza; il baratto non sembra essere una crematistica, questa però è derivata (kata; lovgon, logicamente, precisa Aristotele) da quello a b 31. Nel passo (ma non è il solo) si indovinano le riflessioni che l autore ha fatto su cose accadute 6 e che conosceva molto bene. Si riferisce alle importazioni e alle esportazioni, all introduzione della moneta, che avrebbe determinato la nascita del commercio mercantile e indotto gli uomini a pensare che la ricchezza si identifica con il denaro. A questo punto introduce un altro argomento osservando che la

9 Aristotele e l economia 9 moneta ha un valore solo legale; ripete poi un racconto fatto sul re Mida e conclude (righe 17-19) dicendo che dal momento che l economia domestica e la crematistica legata al denaro appaiono ormai decisamente separate come lo sono il limite e l illimitato «si è cercato giustamente un altro tipo di ricchezza». L ultima parte del capitolo (1257 b a 18) contiene alcune osservazioni sulle motivazioni psicologiche di chi cerca di aumentare a dismisura il possesso del denaro 7, rinunciando al «ben vivere» (vedi nelle pagine precedenti); segue la conclusione generale che è stata riportata all inizio. Politica, libro primo, decimo capitolo *** C è una crematistica della natura che nutre quanti ha generato; a questa debbono riferirsi il politico e chi dirige la casa servendosi di un arte subordinata (ujphretikhv, 1258 a 34) di cui Aristotele qui non dice altro (ma dobbiamo ancora vedere le pagine trascritte dall Etica nicomachea). Dice però di aver sciolto così il dubbio avanzato nelle prime righe del capitolo ottavo; a conclusione di questo, che è assai breve (1258 a 19-b 8) si legge la condanna dei traffici che gli uomini fanno tra loro scambiandosi denaro e non cose; l usura è la forma di acquisto che più di ogni altra può dirsi contro natura. Concludendo la lettura di questa parte della Politica si possono rivedere tre righe del nono capitolo: chi vende le scarpe a uno che ne ha bisogno e lo fa «per ricavarne denaro o cibo» non ne fa certo un uso proprio, perché la scarpa non è stata fatta per lo scambio (1257 a 10-13), continua tuttavia a usare la moneta come un medio perché se ne serve o se ne servirà per acquistare cose. Lo stesso si deve dire di un passo dell Etica nicomachea che dobbiamo ancora vedere (1133 b 10-12), parla della possibilità di usare il denaro per bisogni futuri, anche qui il ricorso alla moneta può rendere più facile o sicura la soddisfazione di bisogni differiti, uno scambio di cose o un baratto che si farà.

10 10 Italo Cubeddu *** Etica a Nicomaco, libro quinto, quinto capitolo 1132 b All opinione dei pitagorici e di Radamanto, sostenitori della legge del taglione, Aristotele oppone la distinzione di due tipi di giustizia discussi nei capitoli precedenti, quella distributiva di onori e ricchezze (capitolo 3), che si ottiene con una proporzione geometrica (A : B = G : D;) e quella correttiva dei danni che un privato può arrecare a un altro (capitolo 4); la correzione è affidata a un giudice dal quale ci si aspettano sentenze modellate secondo una proporzione o progressione aritmetica 8. Da queste righe iniziali si può risalire alle prime pagine del libro che contengono una lunga discussione su che cos è l ingiusto e che cosa il giusto, sulla relazione della giustizia con la virtù, e la citazione di un detto comune: «nella giustizia (dikaiosuvnh) è compresa ogni virtù», il detto riconosce che la virtù perfetta è quella che si pratica non solo verso se stessi ma anche verso gli altri. Il passaggio ai capitoli successivi lo assicurano, nel secondo, le righe 6-8 della pagina 1130 b («è evidente che ci sono molte specie di giustizia, e una che è diversa dalla giustizia totale») e il passo che va dalla riga 30 della stessa pagina alla fine (1131 a 11), dove viene annunciata la discussione della giustizia distributiva e di quella correttiva (o, si potrebbe anche dire, giudiziaria). In mezzo Aristotele fa una dichiarazione di cui dobbiamo tener conto se vogliamo capire in che modo va letto il rapporto che stabilisce tra l etica e la politica (e perché il discepolo non era del tutto d accordo con il maestro Platone): «non è [...] la stessa cosa essere in tutto un uomo buono e un buon cittadino» 9, 1130 a a 1-7. Lo scambio come dono (metavdosi~) tiene unita la città, per questo gli uomini hanno eretto un tempio alle Grazie (Cavrite~), perché si ricordi l obbligo di restituire i benefici ricevuti (si dice o si diceva una volta che un prestito senza interessi è un prestito grazioso ). Dalla riga 7 un diagramma doveva illustrare l esempio di uno scambio di cose in diagonale :

11 Aristotele e l economia 11 a b g nd Quello che segue immediatamente, fino alla riga 33, si può riassumere in breve: a indica un architetto e b un calzolaio, i due che devono scambiarsi quello che producono, la casa (g) e le scarpe (d). Lo scambio reciproco si fa anche se il prodotto dell uno vale più di quello dell altro, è necessario soltanto che vengano resi uguali. Per questo serve la moneta che misura ogni cosa, può dirci infatti quante paia di scarpe occorrono perché possano essere scambiate con una casa. La moneta è un unità di misura nata per convenzione, può non avere sempre lo stesso valore (anche se tende a rimanere stabile) e può essere messa fuori corso. Una misura naturale è invece il bisogno, senza del quale lo scambio non ci sarebbe; il bisogno fa incontrare tutte le cose e le persone con le cose. Le ultime righe ripetono che «ci sarà la proporzione reciproca [il contraccambio, to; ajntipeponqov~] quando i prodotti saranno stati pareggiati, e il calzolaio e il contadino [che ha preso il posto dell architetto] staranno nello stesso rapporto in cui stanno il prodotto dell uno con il prodotto dell altro». Più avanti, nel libro sull amicizia, si legge il commento migliore, forse, di questo passo: «Nelle amicizie tra disuguali la proporzione produce uguaglianza e salva l amicizia; così, in quella tra concittadini il calzolaio riceve per le sue scarpe e il tessitore e gli altri artigiani per i loro prodotti un pagamento pari al loro valore» (I 1, 1163 b 32-35). A ciascuno secondo quello che fa e secondo il merito (katæ ajxivan) che gli va riconosciuto per quello che fa. La proporzione garantisce che le gerarchie sociali non vengano alterate dai processi economici (Schefold, p. 42)? Posso dire, per ora, che lo scambio proporzionale è un esempio di giustizia distributiva 10. Il brano successivo che chiude nel capitolo la parte che abbiamo letto contiene diverse cose. Dice che la proporzione non deve essere cercata dopo che lo scambio è avvenuto,

12 12 Italo Cubeddu altrimenti «uno degli estremi [a o b, nel diagramma] potrebbe avere un doppio vantaggio», 1133 b 1-2. Salto alcune righe per arrivare a quelle (14 sg.) dove si dice che ogni cosa deve essere valutata in moneta (tetimh`sqai), deve avere un prezzo. Le righe precedenti parlavano di una contrattazione privata? Per quello che abbiamo ricavato dal capitolo penso piuttosto che i prezzi dovessero subire il controllo di un magistrato o della comunità. Torno sulle righe precedenti, dove si ritrova l affermazione che è l incontro dei bisogni che rende necessario lo scambio, poi quella che il denaro rende possibili gli scambi nel futuro. Alla fine troviamo una variante della proporzione in diagonale che abbiamo immaginato disegnata nella prima colonna della stessa pagina (rr. 7-11). Può essere trascritta per intero: «Sia a una casa, b dieci mine e g un letto; se la casa vale la metà di b, ossia cinque mine, e il letto vale la decima parte della stessa quantità di denaro, sarà chiaro quanti letti sono uguali a una casa: cinque. Ma così sarà anche chiaro che lo scambio era prima [è prima] della moneta [hj ajllagh; h\n pri;n to; novmisma]; perché non fa nessuna differenza dare per una casa cinque letti oppure il loro valore in denaro» (1133 b 23-28). Ho seguito alcuni editori che aggiungono nel diagramma davanti alla scarpa del calzolaio la lettera n in corsivo (nd). Lo suggerisce anche Heath (p. 274): le lettere a e b indicano un architetto e un calzolaio, che fabbricano case e fanno scarpe, il loro lavoro viene reso proporzionale assumendo un unità di tempo (un ora, oppure una settimana) che può misurare e rendere uguali le cose prodotte da entrambi.

13 Aristotele e l economia 13 Bibliografia Edizioni e traduzioni di riferimento - Aristotele, Politica: 1957, Aristotelis Politica, recognovit W. D. Ross, Oxford (Scriptorum Classicorum Bibliotheca Oxoniensis) 1973, Politica, Trattato sull economia, traduzioni di Renato Laurenti, in Aristotele, Opere, volume nono, Editori Laterza, Roma-Bari 2002, Politica, introduzione, traduzione (con testo greco a fronte) e note di Carlo Augusto Viano, BUR, Milano - Aristotele, Etica Nicomachea: 1973, Etica Nicomachea, traduzione di Armando Plebe, in Aristotele, Opere, volume settimo, Editori Laterza, Roma-Bari 1996, Etica Nicomachea, a cura di Claudio Mazzarelli, testo greco a fronte, Rusconi, Milano (terza edizione) 2003, The Nicomachean Ethics, with an English Translation by H. Rackham, Harvard University Press, Cambridge (Mass.)-London (The Loeb Classical Library) - Senofonte: 2000, Economico, con un saggio di Diego Lanza, introduzione, traduzione (con testo greco a fronte) e note di Fabio Roscalla, BUR, Milano (seconda edizione) Letteratura Polyani, K., 1944, The Great Transformation, Rinehart & Company, Inc, 1980, Economie primitive, arcaiche e moderne, a cura di George Dalton, traduzione di Nanni Negro, Einaudi, Torino

14 14 Italo Cubeddu Heath, Sir T., 1949, Mathematics in Aristotle, Thoemmes Press, Bristol Schefold, B., 2004, «Xenophons «Oikonomikos»: Der Anfang welcher Wirtschaftslehre?» in Scheffold, B., Beiträge zur ökonomischen Dogmengeschichte, hrsg. von V. Caspari, Wissenschaftliche Buchgesellschaft, Darmstadt (con licenza della casa editrice Wirtschaft und Finanzen, Hamburg), pp. 1-20, «Aristoteles : Der Klassiker des antiken Wirtschaftsdenkens», in Schefold, B., Beiträge zur ökonomischen Dogmengeschichte, hrsg. von V. Caspari, Wissenschaftliche Buchgesellschaft, Darmstadt (con licenza della casa editrice Wirtschaft und Finanzen, Hamburg), pp

15 Aristotele e l economia 15 Note 1 (1134 b 18-35). A diversi editori non è sembrato chiaro, in questa pagina, il modo in cui si seguono gli argomenti (vedi la successione che ne propone Rackham, p. 294 in nota). Non si possono comunque avere dubbi sul risultato che Aristotele voleva raggiungere se si tiene conto (lo dico più avanti) dell esempio dell ambidestro e di una riga che si legge nel primo capitolo del libro B dell Etica nicomachea. 2 (3, 112 b 11-24). Il passo si può confrontare con una pagina di Metafisica Q 9, 1051 a 21-28, dice che le dimostrazioni geometriche si fanno dividendo le figure. L accostamento viene proposto da Heath, p. 270 sg.; l autore ricorda il tovpo~ ajnaluovmeno~ del matematico Pappo di Alessandria. 3 La pagina di Aristotele si legge anche in Euclide: «Si dice che quattro grandezze sono nello stesso rapporto, una prima rispetto a una seconda e una terza rispetto a una quarta, quando risulti che equimultipli della prima e della terza [presi] secondo un multiplo qualsiasi e equimultipli della seconda e della quarta [presi pure] secondo un multiplo qualsiasi sono gli uni degli altri, cioè ciascuno dei due primi del suo corrispondente tra i secondi, o tutti e due maggiori o tutti e due uguali o tutti e due minori se considerati appunto nell ordine rispettivo» (Elementi, a cura di A. Frajese e L. Maccioni, libro V, def. 5; UTET, Torino 1970, rist. 1988). 4 Sul capitolo degli Analitici posso dire che conferma l attenzione di Aristotele per le possibilità offerte dal metodo delle divisioni da lui riformato in seguito a una critica radicale dell uso che ne facevano i platonici. Le divisioni dei generi con la organizzazione di quelli subordinati avevano come obiettivo il fatto che la loro estensione dovesse annullarsi nel discorso definitorio ferma restando però la possibilità di impiegarli, in quanto predicati comuni intermedi di una o più colonne divisorie, per riferirli a realtà anche diverse per la specie o per il genere. Una somiglianza di funzioni doveva permettere di dire che la spina sta al pesce come l osso sta all uomo, la figura triangolare che la somma degli angoli uguale a 180 appartiene a triangoli specificamente diversi, e la coagulazione della linfa (una stessa causa) doveva spiegare la caduta delle foglie nella vite e nel fico (Analitici secondi, secondo libro, capitolo 17). Tornando sulla proporzione incrociata citata nel testo: le limitazioni indicate con l «in quanto tale» potevano scomparire senza che scomparisse la possibilità di trovare analogie o proporzioni, per esempio, per grandezze commensurabili o incommensurabili. Su questo vedi di nuovo Heath, pp Considerando le cose che Aristotele ha scritto sulla famiglia e sulla agricoltura (e quello che ancora dirà, come vedremo, sul valore d uso e di scambio) diventa possibile un confronto con l Economico di Senofonte che tenga conto della lunga dissertazione di Iscomaco (è, con Critobulo, il personaggio che nel dialogo discute con Socrate), che spiega a Socrate come si debba praticare l arte dell agricoltore (XVI 1 sgg.) e come da questa si possano ricavare guadagni (crhmavtisin ajpo; gewrgiva~, XXII 22 sgg.), poi dell affermazione, fatta da Socrate e accolta da Critobulo, che c è uno stretto legame tra la proprietà e il suo uso («se uno acquista un cavallo e non sa cavalcare [...] il cavallo per lui non è un bene», I 8; l esempio è anche in Platone, Eryx., 403 A-C), infine di un lungo discorso sull educazione della donna: Iscomaco racconta come la moglie è diventata «capace di governare la casa da sé», VIII 3 sgg. 6 Sono i fatti che hanno determinato la crescita dell economia di Atene nel quinto secolo, dopo la conclusione delle guerre persiane e la costituzione della lega delio-attica nel 477, con i contributi ricevuti o con i tributi imposti agli alleati. Questi fatti li racconta la Storia dei greci di Gaetano De Sanctis (Firenze, ristampa del 1981, libro terzo, settimo capitolo, pp ), con molti dati sulla crescita della popolazione e sulla moltiplicazione dei centri urbani, sulle difficoltà dovute al numero eccessivo di piccoli proprietari terrieri, sullo sviluppo del commercio marittimo e dello scambio delle importazioni e delle importazioni, sull incremento della produzione delle merci e della circolazione monetaria, poi sulle variazioni subite dal livello dei prezzi, sulla nascita delle banche, di un mercato di prestiti e di cambi, infine sulla creazione di un ordinamento finanziario non più rudimentale e disordinato. 7 Tra le motivazioni che non sono proprio psicologiche Aristotele ha visto anche la creazione di monopoli, monopwlivan... kataskeuavzein, raccontando che Talete avrebbe versato caparre ai frantoi di Mileto in previsione di una abbondante raccolta di olive e che un siciliano avrebbe acquistato tutto il ferro uscito dalle officine del paese per imporre un suo prezzo ai commercianti che sarebbero venuti a chiederlo, Politica A 11, 1259 a 18 sgg. 8 Se AA, BB e GG sono uguali e GG sottrae a AA un segmento GD equivanente a AE aggiungendolo a GG, allora GD supererà EA di due segmenti, GD più GZ (equivalente a AE), e BB del segmento GD: A E A B B

16 16 Italo Cubeddu G Z G D 9 ouj [...] ga;r i{sw~ taujto;n ajndriv tæajgaqw`/ ei\nai kai; polivth/ pantiv. 10 Il principio della giustizia distributiva viene riproposto nel diagramma dello scambio proporzionale con una nuova figura della proporzione geometrica «in cui le somme [degli antecedenti con i conseguenti] stanno tra loro come un termine di ogni coppia sta all altro», (a + g) : (b + d) = a : b, g : d. Vedi di nuovo la conclusione del passo di Eth. Nic. E 3, 1131 a 30 - b 15, citato all inizio.

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una NUMERI INTERI E NUMERI DECIMALI Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una cassetta sono contenuti 45 penne e che una lamiera misura 1,35 m. dl lunghezza,

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI I numeri naturali I numeri interi I numeri razionali Teoria degli insiemi (cenni) ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 L insieme N dei numeri naturali 4 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Le origini delle coniche: da Euclide ad Apollonio

Le origini delle coniche: da Euclide ad Apollonio Corso di Storia ed epistemologia della matematica Prof. Lucio Benaglia Le origini delle coniche: da Euclide ad Apollonio Specializzando: Stefano Adriani Matricola 56152 Relatore: prof. Lucio Benaglia Anno

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Qualche cenno storico e una finestra sulle medie. 1,41421356 23730950 48801688 72420969 80785696 718753 76 2=1,414213562

Qualche cenno storico e una finestra sulle medie. 1,41421356 23730950 48801688 72420969 80785696 718753 76 2=1,414213562 mathematica [mentis] rubrica di cultura matematica a cura del CIRPU resp. scient. Prof. Italo Di Feo La radice 2 di Qualche cenno storico e una finestra sulle medie. 1,41421356 23730950 48801688 72420969

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

SULLE VARIETÀ ALGEBRICHE A TRE DIMENSIONI AVENTI TUTTI I GENERI NULLI

SULLE VARIETÀ ALGEBRICHE A TRE DIMENSIONI AVENTI TUTTI I GENERI NULLI G. FANO (Torino - Italia) SULLE VARIETÀ ALGEBRICHE A TRE DIMENSIONI AVENTI TUTTI I GENERI NULLI 1. - La distinzione, che pareva tradizionale, tra scienze di ragionamento e scienze sperimentali è ormai

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Esercizi di calcolo combinatorio

Esercizi di calcolo combinatorio CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA Esercizi di calcolo combinatorio Nota: Alcuni esercizi sono tradotti, più o meno fedelmente, dal libro A first course in probability di Sheldon Ross, quinta

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

Le Geometrie non euclidee

Le Geometrie non euclidee Le Geometrie non euclidee Un introduzione elementare Riccardo Dossena Liceo Scientifico G. Novello Codogno (LO) 12 marzo 2015 Euclide di Alessandria Euclide (circa 300 a.c.) Euclide di Alessandria 1 Epoca:

Dettagli

L infinito nell aritmetica. Edward Nelson Dipartimento di matematica Università di Princeton

L infinito nell aritmetica. Edward Nelson Dipartimento di matematica Università di Princeton L infinito nell aritmetica Edward Nelson Dipartimento di matematica Università di Princeton Poi lo condusse fuori e gli disse: . E soggiunse:

Dettagli

Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli. Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it

Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli. Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it 3 4 5 Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it Qualche osservazione preliminare sul Teorema di Pitagora e le terne

Dettagli

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks"

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: TIMSS 2007 Assessment Frameworks Capitolo Uno TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks" a cura di Anna Maria Caputo, Cristiano Zicchi Copyright 2005 IEA International Association for

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese Introduzione Nell articolo vengono mostrate vari possibili legami tra la costante di Archimede (pi greco) e la sezione aurea (phi).

Dettagli

Teoria degli insiemi

Teoria degli insiemi Teoria degli insiemi pag 1 Easy Matematica di dolfo Scimone Teoria degli insiemi Il concetto di insieme si assume come primitivo, cioè non riconducibile a concetti precedentemente definiti. Sinonimi di

Dettagli

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI IL GIOCO DEL. OVVERO: 000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI EMANUELE DELUCCHI, GIOVANNI GAIFFI, LUDOVICO PERNAZZA Molti fra i lettori si saranno divertiti a giocare al gioco del, uno dei più celebri fra i giochi

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni : criteri e indicazioni di Ilaria Moroni Ultimo aggiornamento: giugno 2010 A) Sistema classico (autore-titolo) nel corpo del testo: es. frase citata da un libro ¹ [N nota in apice] in nota a piè di pag.:

Dettagli

4. Operazioni elementari per righe e colonne

4. Operazioni elementari per righe e colonne 4. Operazioni elementari per righe e colonne Sia K un campo, e sia A una matrice m n a elementi in K. Una operazione elementare per righe sulla matrice A è una operazione di uno dei seguenti tre tipi:

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora:

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: G.C.D.( a d, b d ) = 1 Sono state introdotte a lezione due definizioni importanti che ricordiamo: Definizione

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme G Pareschi Principio di induzione Il Principio di Induzione (che dovreste anche avere incontrato nel Corso di Analisi I) consente di dimostrare Proposizioni il cui enunciato è in funzione di un numero

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto italiano.

Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto italiano. Il punto Il punto è un elemento geometrico fondamentale privo di dimensioni ed occupa solo una posizione. Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto

Dettagli

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Maurizio Palesi Maurizio Palesi 1 Introduzione Obiettivo della sintesi logica: ottimizzazione delle cifre di merito area e prestazioni Prestazioni:

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo Logica Numerica Approfondimento E. Barbuto Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore Il concetto di multiplo e di divisore Considerato un numero intero n, se esso viene moltiplicato per un numero

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano I NUMERI DECIMALI che cosa sono, come si rappresentano NUMERI NATURALI per contare bastano i numeri naturali N i numeri naturali cominciano con il numero uno e vanno avanti con la regola del +1 fino all

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Esempi di algoritmi. Lezione III

Esempi di algoritmi. Lezione III Esempi di algoritmi Lezione III Scopo della lezione Implementare da zero algoritmi di media complessità. Verificare la correttezza di un algoritmo eseguendolo a mano. Imparare a valutare le prestazioni

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

Cenni sul calcolo combinatorio

Cenni sul calcolo combinatorio Cenni sul calcolo combinatorio Disposizioni semplici Le disposizioni semplici di n elementi distinti di classe k con kn sono tutti i gruppi di k elementi scelti fra gli n, che differiscono per almeno un

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

a) Nel disegno contrassegnato con il numero uno. RSB0002 a) 20. b) 18. c) 16. d) 22. c

a) Nel disegno contrassegnato con il numero uno. RSB0002 a) 20. b) 18. c) 16. d) 22. c RSB0001 In quale/i dei disegni proposti l area tratteggiata é maggiore dell area lasciata invece bianca? a) Nel disegno contrassegnato con il numero uno. b) In nessuno dei due. c) Nel disegno contrassegnato

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

DAI NUMERI COMPLESSI ALLA REALTA FISICA. (in particolare gli ottonioni)

DAI NUMERI COMPLESSI ALLA REALTA FISICA. (in particolare gli ottonioni) DAI NUMERI COMPLESSI ALLA REALTA FISICA (in particolare gli ottonioni) Gruppo B. Riemann Michele Nardelli, Francesco Di Noto *Gruppo amatoriale per la ricerca matematica sui numeri primi, sulle loro congetture

Dettagli

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo 5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo X m a (mod n ) Oggetto di questo paragrafo è lo studio della risolubilità di congruenze del tipo: X m a (mod n) con m, n, a Z ed m, n > 0. Per l effettiva

Dettagli